SDA Bocconi School of Management. Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Benessere Organizzativo

Welfare ATM Un sistema di servizi alla persona

Indagini sul personale dipendente

Simona Cuomo, di Adele SDA Mapelli, Bocconi Chiara Paolino.

Divisione Ricerche Claudio Dematté

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

Quanto si trova in accordo con le seguenti affermazioni? (scala di valutazione compresa tra 1, per nulla in accordo, e 6, del tutto in accordo)

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

MATERNITA E COSTI AZIENDALI. - Workshop 19 novembre

Seminario Gli obiettivi della nuova programmazione dei Fondi Strutturali Europei I risultati INVALSI, strumenti per la scuola

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO

OLTRE LA RETORICA DELLA CONCILIAZIONE

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

Relazione sul benessere organizzativo (2013)

Diversity Management Lab

Progetto DiversaMente

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

RELAZIONE IL BENESSERE ORGANIZZATIVO, IL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE?

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013

ON AIR. Sei in onda, raccontaci di te! Il Modello di Sviluppo Professionale di Gruppo Presentazione alle OO.SS.

WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE. Mario Molteni 22 maggio 2012

I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI

QUESTIONARIO BENESSERE ORGANIZZATIVO

MAI Più VIOLENZA Ricerca azione sulla violenza di genere

Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano. A cura del Servizio del Personale. Anno 2013

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Diversity management & Best practices aziendali. Gini Dupasquier donnalab

La voce dei donatori

Linee guida per la selezione Da leggere attentamente prima di inviare la candidatura!

Pari Opportunità e performance nella PA

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese.

BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE

Costruzione ed uso di un questionario

La Newsletter dell Osservatorio sul Diversity Management

Livello di. Indice. 1. Premessa Pag. 1 a 8

Dalla retorica manageriale all azione concreta

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale

GIOVANI E LAVORO Studio, inserimento e vita lavorativa La fotografia in movimento

Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

Relazione 2014 sui risultati del Sistema di misurazione e valutazione e delle indagini rivolte al personale dipendente

Comparazione dei Risultati dell Indagine

Ricerca rivolta alle famiglie di bambini di età 0-36 mesi non iscritti ai servizi comunali, anno 2015 L INDAGINE IN SINTESI

DONNA E IMPRESA TRA LUOGHI COMUNI E NECESSITA DI CAMBIAMENTO ADELE MAPELLI

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO

Presentazione dei risultati Gli indici statistici

Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013

Questionario immatricolazioni Corsi di Laurea di primo livello Università di Macerata

La cultura della qualita come risorsa dell organizzazione. I bilanci di competenze. Donne e lavoro: professionalita, competenza e leadership

World Social Work Day «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

IL DIVERSITY MANAGEMENT COME GESTIONE INTEGRATA DELLE DIFFERENZE

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

COMUNE DI MONTESPERTOLI

Indagine sul Benessere Organizzativo Anno 2014

I.P. PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 19 - Lavoro AUTONOME PROVINZ. BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 19 - Arbeit

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI

Seguono: Documento Benessere Organizzativo formato PDF (82 Kb) Allegato A Indagini su personale dipendente formato PDF (177 Kb)

Il Sistema di Valutazione nel Gruppo UniCredit

Azioni positive e buone pratiche per l inclusione lavorativa e il diversity management nelle aziende.

Innovare. i vostri bisogni. la soluzione. i vantaggi

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI (sommatoria delle risposte)

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE

Il Questionario Insegnante e il Questionario Scuola: La comunicazione con le scuole, privacy e riservatezza dei dati

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

condizione di benessere lavorativo e organizzativo del personale docente di Sapienza Comitato per il personale docente con funzioni analoghe al CUG

Elezioni Politiche 2008 Valutazioni e previsioni nell utenza Internet

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

I giovani del Medio Campidano

Diversity Management Un diverso utilizzo degli strumenti Human Resources Software

Diagnosi e Valorizzazione del Potenziale delle Risorse Umane

Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione

Development & Assessment Tools

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center

Talent Management Survey. Risultati

Sintesi dei risultati del Questionario per gli Assegnisti di Ricerca

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE

LA SPERIMENTAZIONE DI AGENDA 22

BCC Tony Clay SYFRS Slide 1

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna

RAV rapporto di autovalutazione Luglio 2015

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT

LA CAR POLICY UNO STRUMENTO IN CONTINUA EVOLUZIONE

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO

Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI

Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!!

Advertisement
Transcript:

SDA Bocconi School of Management Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1

Agenda Il disegno di ricerca Il campione di analisi Alcuni risultati della ricerca Le riflessioni 2

3

DISEGNO DI RICERCA: analisi delle politiche di diversity management e degli impatti Politiche di flessibilità ed integrazione Clima per la comunicazione e per la diversity Orientamento alla diversity HRM per la diversity Attitude al lavoro (propensione al cambiamento, engagement) Identificazione organizzativa Discriminazione Genere Etnia/cultura Disabilità Età/generazioni Orientamento sessuale Logica longitudinale Logica inter-settoriale 4

5

CAMPIONE La survey è stata compilata da 632 dipendenti appartenenti a 20 aziende di dimensioni medio - grandi (pubbliche e private) di settori diversi. I dipendenti hanno risposto tramite un link inviato direttamente dal server Bocconi per garantire la libertà di espressione e la privacy del rispondente. La compilazione è avvenuta tra maggio 2011 e novembre 2011. 6

CAMPIONE: gender ed età 7

CAMPIONE: posizione e istruzione 8

NOTA: COME LEGGERE I DATI Il questionario è stato costruito con scale di misura delle percezioni consolidate nella letteratura manageriale. Nel rispondere alle domande (fatta eccezione per quella sulla discriminazione per la quale bisognava optare per sì o no) i dipendenti dovevano scegliere una risposta in una scala da 1 a 5, nella quale 1 corrisponde a completamente in disaccordo e 5 a completamente d accordo. Esempio. In questa azienda, le politiche di assunzione garantiscono equità di ingresso in azienda, in modo da valorizzare le seguenti diversità: genere, etnia/cultura, età (meno di 30 anni), età (over 45), orientamento sessuale. 1.00~completamente in disaccordo, 2.00~in disaccordo, 3.00~né d'accordo né in disaccordo, 4.00~d'accordo, 5.00~completamente d'accordo

10

Se guardiamo agli strumenti pratici di gestione li stiamo implementando supportando la diffusione di un sentire comune che la parità sia importante e tutelata? 11

Prassi HR per il genere viste da uomini e donne Le donne sono più critiche rispetto agli uomini, esse ritengono sistematicamente più degli uomini che le prassi HR orientate al genere siano meno sviluppate nel garantire pari opportunità. 12

Le politiche di gestione della carriera: confronto tra le percezioni degli uomini e delle donne 5.00 4.00 3.00 3.73 3.69 3.59 3.45 3.48 3.14 3.55 3.35 3.12 3.71 3.61 3.50 3.14 2.96 3.06 3.53 3.33 3.44 Uomini 2.00 Donne Generale 1.00 0.00 Genere Etnia Abilità Età (giovani) Età (meno giovani) Orientamento sessuale 4 5 2 6 1 3 6 4 3 5 1 2 3 5 2 6 1 4 N.B. Per la spiegazione si veda slide successiva 13

Le politiche di gestione della carriera: confronto tra le percezioni degli uomini e delle donne Il grafico precedente mostra le diverse percezioni di uomini e donne (e del campione generale) sulle politiche di gestione della carriera. Sia gli uomini che le donne ritengono che la categoria alla quale non sono garantite pari opportunità nelle promozioni di carriera è quella degli over 45, per i quali le aziende non sembrano investire all interno dell organizzazione, preferendo puntare sui giovani (infatti la categoria giovani si trova negli ultimi posti della classifica, sia per gli uomini che per le donne). Per le donne la seconda categoria più discriminata è quella dei disabili, segue il genere, l orientamento sessuale, l etnia e i giovani. Per gli uomini la seconda categoria è l orientamento sessuale, l abilità, l etnia, i giovani e, per ultimo, il genere. Si nota che gli uomini vedono la discriminazione di genere nella carriera come una questione pressoché superata, mentre le donne percepiscono tuttora che nelle politiche di carriera non ci sia equità di trattamento tra uomini e donne.

Prassi per la genitorialità 5.00 Rischio di controllo organizzativo l organizzazione entra nella vita privata 4.00 3.00 3.50 3.18 3.04 2.79 2.80 2.57 3.27 2.91 3.43 3.12 3.78 3.55 Uomini 2.00 Donne 1.00 0.00 Supporto ai figli Colloqui postmaternità Colloqui postpaternità Utilizzo tecnologia Informazioni Flessibilità Gli uomini pensano più sistematicamente delle donne che le prassi di gestione della genitorialità sono istituzionalizzate all interno dell organizzazione. In generale raggiungono valori bassi quelle prassi la cui implementazione richiede all organizzazione una fatica organizzativa maggiore (colloqui). Le prassi utilizzo della tecnologia e diffusione delle informazioni se da una parte hanno l obiettivo di includere i dipendenti nella vita d azienda durante il periodo di assenza, d altra parte generano il rischio di controllo organizzativo e di una intrusione dell azienda nella vita privata dei dipendenti, erodendo il confine tra sfera lavorativa e sfera personale. 15

Politiche di flessibilità Si consolida il part time insieme alla flessibilità di entrata e uscita. L uso della tecnologia, la flessibilità personalizzata e la banca delle ore superano con fatica la soglia della sufficienza, cioè non sono prassi istituzionalizzate all interno dell organizzazione. Il job sharing risulta pressoché assente. 16

Orientamento alla diversity Le criticità riguardano soprattutto i momenti operativi di condivisione della diversity (momenti ufficiali, corsi di formazione, network), mentre raggiungono un buon punteggio le prassi riguardanti gli aspetti simbolici del lavoro sulla diversity (carta dei valori, etc.). 17

18

Come vivono i nostri dipendenti l ambiente organizzativo? Chi sembra essere più sensibile a processi di discriminazione/identificazione? Ce lo immaginavamo? 19

Discriminazione Domanda (1): Ci può essere discriminazione se una persona è trattata ingiustamente, in maniera diretta o indiretta, in virtù della sua appartenenza ad una particolare categoria, legata a caratteristiche visibili (per esempio genere, origine etnica, disabilità, ecc.) e/o non visibili della persona (orientamento sessuale). Da quando lavori presso questa azienda hai avuto la sensazione di trovarti in un ambiente ostile che non consente alle persone di esprimersi come sono realmente? 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 18% 70% 73% 67% 20% 15% 12% 11% 13% Generale Uomini Donne Sì No Missing Il 18% dei rispondenti dichiara di vivere in un ambiente ostile che non consente di esprimere come realmente si è 20

Discriminazione: di che tipo? Quale pensi sia stata la causa della discriminazione e/o del trattamento ingiusto e/o dell'ambiente ostile? (solo per chi ha risposto sì alle domande precedenti) La categoria individuata dal campione come causa più frequente di discriminazione è l età, seguita dal genere, dall educazione e dall aspetto fisico. 21

22

Identificazione Quando qualcuno critica la mia azienda, mi sembra un insulto personale. Il 58% dei rispondenti dichiara che quando viene criticata la sua azienda, si sente insultato personalmente (hanno risposto con 4 o 5 su 5). Come hanno risposto uomini e donne? N.B. Fatto 100 il totale per uomini e donne Gli uomini si identificano maggiormente rispetto alle donne nell organizzazione (gli uomini occupano generalmente le posizioni dirigenziali e di potere, per tale ragione potrebbero mostrare un grado di identificazione maggiore) 23

Identificazione Quando qualcuno critica la mia azienda, mi sembra un insulto personale. Il 58% dei rispondenti dichiara che quando viene criticata la sua azienda, si sente insultato personalmente (hanno risposto con 4 o 5 su 5). Come hanno risposto gli intervistati in termini di posizione? Fatto 100 il totale dei diversi livelli Le tre posizioni mostrano identificarsi nell azienda allo stesso livello, con una leggera prevalenza dei soggetti in posizione di quadro e dirigente. 24

I nostri dipendenti sono una risorsa: performano nel task nonostante vissuti organizzativi pericolosi Può durare? Come possiamo mettere in atto politiche di retention? 25

26

Calma piatta OD = Orientamento alla diversity. Il valore rappresenta la sommatoria dei punteggi ottenuti sugli item relativi alla domanda sull orientamento alla diversity. Non si registra una variazione rilevante tra l anno 2009 e 2011: ciò sta ad indicare che, sulle base delle percezioni dei dipendenti, il lavoro che le organizzazioni hanno svolto sul fronte della diversity risulta debole e sporadico. 27

Il flusso logico Politiche e pratiche per la diversity Diversity climate Work attitudes, Identificazione organizzativa, Discriminazione Clima organizzativo (soddisfazione lavorativa) 28