12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, gennaio 2005

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti.

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE.

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

Viale Trastevere, 251 Roma

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, aprile

Programmazione di religione cattolica

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

via Regina Elena, Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/ Fax 0733/ IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Progettazione annuale

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

E TU, CHE DRAGO SEI? Formazione & Coach-Counselling PER BAMBINI, RAGAZZI, GIOVANI E GENITORI PRESENTA IL PROGETTO

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

PROGETTO DIDATTICO : A SCUOLA DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

Via della Guardia Trieste Tel / Fax IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, Trieste. Tel - Fax

IL BENESSERE EMOTIVO IN CLASSE IL SUO LEGAME CON L APPRENDIMENTO E IL CURRICOLO DI SCUOLA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

IO, CITTADINO DEL MONDO

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

DALLA TESTA AI PIEDI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

Aurora 2000 staff formativo

Strumenti di relazione

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

Parlare della Diagnosi. Dr.ssa Chiara Pezzana Neuropsichiatra Infantile

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Sessualità coniugale e metodi naturali

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: Tel: Fax:

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Relazione finale del progetto

Prima parte: LA COSTRUZIONE DEGLI SCENARI. La visione comune: SCUOLA SOSTENIBILE NEL 2014

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA.

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

azioni di rigenerazione sociale

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio Dott.ssa Francesca Alfonsi

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Relatore: Paula Eleta

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA

Advertisement
Transcript:

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche pedagogiche del gruppo classe La rete delle relazioni personali nel gruppo classe Che cosa osserviamo nel gruppo classe? Nel gruppo classe possiamo vedere degli individui isolati oppure, se «vogliamo», possiamo vedere la rete delle loro relazioni (figura 2). È necessario però un atto di coraggio conoscitivo, perché la rete delle relazioni interpersonali tra gli studenti non è visibile ed evidente, come lo sono gli individui. Si può dire con Antoine de Saint Exupéry che in classe «l essenziale è invisibile all occhio» e «non si vede che con il cuore». La capacità di vedere gli studenti come persone e di considerarli come risorse sia cognitive che affettive dipende dallo sviluppo di un abilità di leggere non solo con gli occhi, ma anche con il cuore. L insegnante diventa un educatore quando desidera e ama la formazione cognitiva e l autorealizzazione umana di ogni studente. Senza tale entusiasmo non può vedere l essenziale, che è depositato nel profondo di ogni persona. Di conseguenza non può insegnare autenticamente, né può far apprendere utilizzando le risorse dell altro. Quando si entra in classe, l occhio vede delle persone isolate, separate. Questa visione immediata è poco accurata, perché non ci offre una descrizione delle relazioni che esistono tra i membri del gruppo: si vedono soltanto persone singole. L organo della vista non riesce a percepire le loro reciproche relazioni di simpatia, di solidarietà, di aspettative, di timori, di accoglienza e di rifiuto.

14 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 2 COSA VEDIAMO IN CLASSE: INDIVIDUI SEPARATI O LA RETE DELLE LORO RELAZIONI? La rete delle relazioni non è visibile all occhio, ma possiamo «vederla» attraverso la nostra rappresentazione concettuale e decidere di «guardare» il gruppo classe in modo più ricco e significativo: «Queste persone che io vedo come separate le une dalle altre sono invece intrecciate da relazioni affettive e cognitive che io, come insegnante, posso far emergere e addirittura contribuire a sviluppare, coltivare e tessere». È necessario diventare consapevoli del fatto che «essere in gruppo» non vuol dire «essere un gruppo». Il senso di essere un gruppo nasce quando i membri che lo costituiscono scelgono di stabilire interazioni personali e dirette e, soprattutto, si impegnano a mirare al benessere e all autorealizzazione di ciascun componente. Per tale ragione è opportuno proporre agli studenti, con i quali si vuol cominciare il percorso sull apprendimento cooperativo, di riflettere sulla loro esperienza comunitaria. Si può chiedere: «Quand è che un gruppo diventa gruppo? Quand è che noi, qui in classe, ci sentiamo un gruppo vero e autentico? Quali sono gli ingredienti essenziali di un buon gruppo?». Quando gli studenti arrivano in classe il primo giorno di scuola, non costituiscono un gruppo. Lo diventano attraverso un processo di conoscenza, di accoglienza e di valorizzazione reciproca. Il nostro compito, come educatori e insegnanti, è di coltivare fin dal primo giorno la rete di relazioni personali e di continuare a ricostruirla, a ravvivarla e a ripararla se si rompe. Si tratta di tessere quotidianamente la tela delle relazioni reciproche. Ad esempio, l insegnante può intervenire dicendo: «Ringraziamo la vostra compagna che ci ha regalato questa idea molto importante, sulla quale è opportuno fare un approfondimento e una

LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 15 riflessione». In tal modo dimostra di valorizzare la proposta della studentessa e la ripropone alla classe, chiedendo a ciascuno di intrecciarla con la propria esperienza e di arricchirla con i propri pensieri e le proprie emozioni. Quando un insegnante diventa consapevole di essere un educatore, è più disponibile a tessere e a coltivare le relazioni cognitive e affettive in classe. Ad esempio, se uno studente fa un intervento, riesce immediatamente a farlo rimbalzare all interno del gruppo per rafforzare il senso di «comunità di apprendimento». Gli insegnanti che considerano se stessi solo come «trasmettitori» di nozioni e che pensano agli studenti come a dei vasi da riempire, perdono importanti occasioni per far emergere le risorse della classe come gruppo di apprendimento. Questa rete di relazioni non si crea da sé. Non è garantito nemmeno che sia positiva. Ad esempio, se l insegnante trascura l evoluzione e la maturazione del gruppo, è facile che si diffonda il serpeggiare insidioso delle antipatie, delle esclusioni e delle emarginazioni. Gli può capitare di non essere più in grado di gestire la classe, soprattutto perché non sa individuare e leggere le relazioni interpersonali radicate nel gruppo. Ad esempio, di fronte a uno studente che è stato emarginato e deriso può finire con il concentrarsi solo su di lui invece di focalizzarsi sul gruppo che lo ha maltrattato. La mancanza di consapevolezza della rete di relazioni impedisce di intervenire in situazioni del genere. Di fronte a tale prospettiva un insegnante interviene dicendo: «Io mi sento scoraggiato. Come faccio a tenere presente tutto questo, se devo anche insegnare? Ma più in generale mi chiedo: cosa si vuole da un insegnante? A me sembra che si voglia l impossibile. Io ho bisogno di essere aiutato e sostenuto in questa difficilissima arte di leggere le relazioni affettive e cognitive tra gli studenti. Infine mi chiedo: la gente fuori dalla scuola e gli altri professionisti sono a conoscenza di quanto sia difficile e pesante la responsabilità di un insegnante consapevole di essere un educatore?». Cosa si vuole da un insegnante? Cosa gli si chiede oggi? Oggi si chiede all insegnante non soltanto una professionalità disciplinare, cioè la conoscenza della materia che insegna, ma anche una competenza didattica, cioè l abilità di saper istruire utilizzando numerose strategie e metodologie. E soprattutto gli si chiede una professionalità pedagogica e relazionale: cioè la competenza di saper entrare in contatto con le nuove generazioni, di saper comunicare in modo diretto e autentico per contribuire alla loro crescita, formazione e autorealizzazione (figura 3). Quest ultima dimensione può scoraggiare chiunque, non solo a causa della evidente difficoltà, ma anche perché delinea una estesa e faticosa responsabilità morale nei confronti delle nuove generazioni. Si tratta, infatti, di dedicarsi alla

16 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 3 LE COMPETENZE DELLA PROFESSIONE DOCENTE: DISCIPLINARE (a), DIDATTICA (b), PEDAGOGICA (c) loro formazione e autorealizzazione come persone. Il compito della scuola è di offrire a ciascuno il massimo di opportunità formative, affinché si possano esplorare i propri talenti, 1 coltivarli e contribuire così alla crescita degli altri e della comunità. Quando un insegnante entra in classe, cosa vede? Cosa percepisce? Cosa «vuole» vedere e percepire? Solo «vasi da riempire» con il suo sapere? Oppure delle persone che possono aiutarsi a imparare insieme, utilizzando la ricchezza metodologica e i contenuti della sua materia disciplinare? Vede degli individui separati o una comunità? Sa scorgere le risorse educative e didattiche del gruppo classe? Sa far scaturire la rete delle relazioni presenti per canalizzarla verso l esperienza dell apprendere insieme? La consapevolezza di questa complessità, da un lato ci scoraggia o ci intimorisce, dall altro però ci fa sentire più forti, perché ci permette di scorgere una realtà più ricca di risorse e più promettente di iniziative. La comprensione della rete delle relazioni, delle sue norme interne e della sua capacità di autoregolazione apre nuovi orizzonti, nuove possibilità di interventi pedagogici e didattici. Ampliando la nostra percezione del gruppo classe siamo portati ad assumere una visione sistemica, che ci offre l opportunità di vedere non solo gli individui, ma anche le loro connessioni reciproche. 1 Si veda la parabola dei talenti citata nel Vangelo di Marco, cap. 25, vv. 14-30. Secondo G. Flores D Arcais (Nuovo Dizionario di Pedagogia, Roma, Edizioni Paoline, 1982, p. 909), essa ci suggerisce di valutare l educazione non sulla base della quantità dei talenti di cui ciascuno dispone, ma sulla base di quanto ha saputo realizzare con il talento disponibile.