LINEE GUIDA TRAIL RUNNING ITALIANO

Advertisement
Documenti analoghi
Regolamento UISP per organizzatori gare Trail Running. Il Trail Running per la UISP è : Correre a stretto contatto con la natura e la missione che la

R E G O L A M E N T A Z I O N E

Regolamento UISP per organizzatori gare Trail Running.

Reg. 252 Corse nella natura (TRAIL RUNNING) (NUOVA REGOLA)

CLUB ALPINO ITALIANO

REGOLAMENTO CIAPA LA PITA

REGOLAMENTO TRAIL DEL FALTERONA 2016

LE PORTE DI PIETRA X EDIZIONE

Regolamento Laives Trail

2. ATLETI AMMESSI: AMMESSI

REGOLAMENTO TRAIL DEI MONTI LEPINI

REGOLAMENTO GARE NUOTO E STAFFETTA 9/10 LUGLIO 2016 LAGO DI CACCAMO (MC) Aggiornato al 6 Giugno 2016

REGOLAMENTO TRAIL DELLE APUANE

A.S.D. Triathlon Savona

PROTOCOLLO D INTESA CAI-FEDERPARCHI

3^ PROVA DI CIRCUITO NO DRAFT CAMPIONATI ITALIANI TRIATHLON MEDIO INDIVIDUALE ASSOLUTO, DI CATEGORIA E A SQUADRE

DOMENICA 24 APRILE 2016 IL SENTIERO DI SCIALANDRO

Classic Trail Torcole 2014

PROVA DI CIRCUITO NO DRAFT CAMPIONATI ITALIANI TRIATHLON MEDIO INDIVIDUALE ASSOLUTO, DI CATEGORIA E A SQUADRE

Aurelio Michelangeli A. Michelangeli 06/10/2010 1

Comitato San Fermo della Battaglia

REGOLAMENTO CUET. COMANO URSUS EXTREMe TRAIL

PRESENTAZIONE GARA. FRACISCIO, 11 LUGLIO 2015 REGOLAMENTO NOTE TECNICHE: ALTIMETRIE POSTI DI CONTROLLO SOCCORRITORI PUNTI DI RISTORO E CANCELLI

N.300/A/1/33730/116/1/1 Roma, 2 maggio 2008

INFORMAZIONE FIGURE SENSIBILI

SISTEMI TURISTICI LOCALI INTERREGIONALI

Regolamento 1ª edizione VALLE SANTA ULTRA TRAIL

MANIFESTAZIONI FEDERALI 2016

Lombardia. Run The Top. VIA DEI MONTI LARIANI Guida e GPS.

Le persone che intendono partecipare alla posa o manutenzione della segnaletica, dovranno rispettare quanto indicato di seguito.

Regolamento Foro Italico Facility Trail

Regata Sociale Y.C.C.S. Porto Cervo, 19 Agosto 2010 ISTRUZIONI DI REGATA

REGOLAMENTO LUNIGIANA TRAIL 2016

REGOLAMENTO FRASASSI SKY RACE 2016 Aggiornato al 15 Giugno 2016

LUNGA STAFFETTA MEZZA

LA SEGNALETICA Art. 28 DPR 207/ Elaborati Grafici

LE RICADUTE ECONOMICHE DEGLI EVENTI SPORTIVI DI TORINO 2015

REGOLAMENTO. L'area espositiva, la segreteria le partenze e gli arrivi si terranno a Cormons (Go) in Piazza XXIV Maggio.

Gara di Corsa su Strada Km 10 REGOLAMENTO

REGOLAMENTO. Lido di Gavirate (VA) 1 ottobre 2016 Corse competitive ECFT e FoLaGa Trail (V. 3 31/08/2016)

REGOLAMENTO. Lido di Gavirate (VA) 1 ottobre 2016 Corse competitive ECFT e FoLaGa Trail

Programma Triathlon Sprint Rank. Città di Savona. 15 ottobre 2017

DISPOSITIVO TUTTA DRITTA 10 aprile 2016

C I N CINOCROSS O W O R k 1

SENSIBILMENTE TITOLO DEL PROGETTO: Ambiente - Prevenzione e monitoraggio inquinamento delle acque - Prevenzione e monitoraggio inquinamento dell aria

2 Triathlon Città di Pisa

MANIFESTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI GIURIA COMMISSIONE VETERINARIA E SERVIZI

A.S.D. TRIATHLON SAVONA

CLUB ALPINO ITALIANO ORGANIZZAZIONE. di una ESCURSIONE

REGOLAMENTO ESCURSIONI SOCIALI

GUIDA TECNICA TRIATHLON SPRINT DI FUMANE I TROFEO DEGLI ARUSNATI

Powered by TCPDF (

2. E inserita nella R.E.T. la viabilita che abbia una o piu delle seguenti caratteristiche:

1-2 OTTOBRE PEDEROBBA (TV) 35 CAMPIONATO NAZIONALE DI CORSA IN MONTAGNA A STAFFETTA

Regolamento Trail Monte Beigua

La gestione delle emergenze

Endurance race gennaio 2013 San Vito di Cadore.

LUNGA STAFFETTA MEZZA

10.1 Evento meteo, idrogeologico e idraulico: procedure operative standard

Regolamento. Organizzazione. Quote di iscrizioni

GUIDA TECNICA TRIATHLON SPRINT DI FUMANE I TROFEO DEGLI ARUSNATI

Agenzia PR Internazionale. Comitato Roma 2024

CAI - ALPINISMO GIOVANILE. Primo Corso Di Avvicinamento Alla Montagna Segnaletica

Eco Trail Le Vie di S. Francesco 130 km 5000 mt D+

Regolamento. Organizzazione. Quote di iscrizioni

Prepariamo le Comunità e diamo risposta a emergenze e disastri

relazione tecnica A- SVILUPPO DEGLI STUDI TECNICI DI PRIMA APPROSSIMAZIONE CONNESSI ALLA TIPOLOGIA E CATEGORIA DELL INTERVENTO

8ª edizione L Aeronautica fa volare lo sport

COMITATO PROV.LE FIDAL FOGGIA LA LIBERTAS ATLETICA SAN GIOVANNI ROTONDO ORGANIZZA : DELEGAZIONE PROVINCIALE 6 TROFEO DI CAPITANATA 30/03/2014

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

Questionario anonimo di indagine (per insegnanti)

CAMPIONATO ITALIANO DUATHLON CLASSICO NO DRAFT 1^ PROVA DI CIRCUITO NO DRAFT

DELICIOUS TRAIL DOLOMITI - SHORT DELICIOUS TRAIL DOLOMITI - DELICIOUS MINI TRAIl DOLOMITI

9 OTTOBRE 2016 ASPROMARATHON COPPA DEL MONDO


Gradi di difficoltà nel traffico lento (TL) MANUALE

1 TRIATHLON SPRINT // SAN SECONDO

COMUNE DI PONTE DELL OLIO Provincia di Piacenza Concessione contributi ad Associazioni

linee guida per le attività di informazione e mass media

MONTEGRAPPA TOUR TRANSALP A NEW BIKE DESTINATION! 26 GIUGNO 2 LUGLIO 2016

PROVA UNICA NAZIONALE CONSULTA CSAIN CICLISMO GRAN FONDO DI RAMACCA 28 GIUGNO 2015

II SEA TRAIL PORTO CORALLO

REGOLAMENTO TRAIL DEL BUCAMANTE RELOADED 2017

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE OCCHI VERDI AREA MOBILITA' SOSTENIBILE BANDO DI SELEZIONE

CORSO DI SCIALPINISMO

BENESSERE ORGANIZZATIVO

R E G O L A M E N T O

30 MAGGIO 2014 Sede del corso: Aeroporto Villa San Martino AERO CLUB FRANCESCO BARACCA Via Ripe di Bagnara, Lugo di Ravenna

RIF. CORSO: 2015-GG-06. Scheda progetto

World Master Mountain Running Championship Susa 27/28 agosto 2016

REGOLAMENTO XXI GARA NAZIONALE DI PRIMO SOCCORSO

Regolamento ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA LA CHIANINA Settore RUNNING. Via Roma, Montepulciano Stazione (Siena).

6-7 MAGGIO 2017 IN BICI DALLA GERMANIA ALL ITALIA TUTTO QUELLO CHE VI SERVE SAPERE PRIMA DI PARTIRE

Schede per il rilievo

UNALE DI PROTEZIONE CIVILE

Progetto della Federazione Italiana Pallavolo per la Scuola Primaria

Redazione di un progetto europeo: Compilazione della domanda di candidatura e criteri di selezione

Oggetto: Comunicazioni della Commissione Provinciale Prove Alpine per la stagione 2012/2013 parte tecnica -.

CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI SEZIONE ABRUZZI - GRUPPO DI CASTEL DEL MONTE

BIKE EVENT. In collaborazione con. Organizzano BIKE EVENT 2015 REGOLAMENTO

Advertisement
Transcript:

LINEE GUIDA TRAIL RUNNING ITALIANO Albisola, 27-28 novembre 2010

DOCUMENTO APPROVATO DAGLI ORGANIZZATORI DELLE SEGUENTI GARE DI TRAIL RUNNING Grand Raid du Cromagnon Lavaredo Ultra Trail Gran Trail Valdigne Porte di Pietra Troi dei Cimbri Tor des Géants The Abbots way Trail Monte Casto Arrancabirra

Trail 3C Trail del Malandrino Maddalena Urban Trail Elba Trail Ecomaratona Valdarda Circuito Parks Trail TRAIL DELLA VALLE GHENZA Trail del Lago d Orta TerraAcquaCielo Wild Trail

Morenic Trail Trail del Monte Soglio Pionieri del Gran Sasso Trail del Mottarone Trail Aschero Trail 3V Trail di Santa Croce Collon Trek Via Lattea Trail

Trail del Gorrei Maremontana Corri coi Cinghiali Trail di Marmorassi Trail del Marenchetto La Via dei Lupi Winter Eco Trail Rigantoca Tartufo Trail

Circuito Trail dei Monti Liguri Trail degli Eroi Ecomaratona del Maniva Volcano Trail LIGURIA ULTRA TRAIL

DEFINIZIONE DI TRAIL Gli organizzatori firmatari di questo documento ribadiscono la definizione di Trail Running contenuta nel Manifesto Italiano del Trail approvato a Morfasso il 23 novembre 2008. Gli elementi cardine sono la percentuale massima di asfalto (10%), un dislivello minimo per i trail di montagna, un autosufficienza effettiva o una difficoltà tecnica significativa, l assenza di tratti con difficoltà alpinistiche, nonché il divieto di premi in denaro per i vincitori. Gli organizzatori si obbligano a: 1) Comunicare ai concorrenti le percentuali di sentiero, strade bianche, asfalto. 2) Indicare con chiarezza le difficoltà tecniche del percorso. Al riguardo si decide di adottare il seguente tipo di classificazione: CLASSIFICAZIONE TIPOLOGIA SENTIERO (DEF. CAI) T Itinerario turistico. Itinerario su stradine, mulattiere e comodi sentieri, con percorsi ben evidenti e che non pongono incertezze o problemi di orientamento. E Itinerario escursionistico. Itinerario che si svolge quasi sempre su sentieri oppure su terreno vario (pascoli, detriti, pietraie) con segnalazioni. Si sviluppa, a volte, su terreni aperti ma non difficoltosi. Può svolgersi su pendii ripidi. EE itinerario per escursionisti esperti. Itinerario che richiede la capacità di muoversi su terreni particolari, tracce o sentieri impervi o infidi (pendii con affioramenti rocciosi o detritici), talora esposti. EE+ itinerario per escursionisti esperti. Itinerario che richiede la capacità di muoversi su terreni particolari, tracce o sentieri impervi o infidi (pendii con affioramenti rocciosi o detritici), talora esposti o con brevi tratti attrezzati per sicurezza dell'escursionista. Sono comunque escluse vie ferrate o sentieri con difficoltà alpinistiche. Presenza di tratti rocciosi. Si decide infine all unanimità di non imporre una percentuale minima di singletrack ma di impegnarsi a scegliere il percorso in modo da massimizzare la componente di sentiero.

SICUREZZA Tutti gli organizzatori presenti concordano sulla necessità di adottare standard comportamentali minimi omogenei sia per i regolamenti di gara sia per quel che riguarda le tecniche e le procedure impiegate. I tre elementi fondamentali della sicurezza sono Informazione, Prevenzione e Soccorso. INFORMAZIONE: il Road Book è l elemento informativo più importante e deve avere le seguenti caratteristiche: - Essere dettagliato e illustrato con cartina e profilo altimetrico - Contenere note descrittive del percorso - Evidenziare tratti di potenziale pericolo Gli organizzatori presenti si obbligano altresì a misurare il percorso tramite strumenti GPS (indicando chiaramente lo strumento di misura adottato) e a mettere a disposizione degli atleti la traccia GPS da utilizzare in caso di smarrimento. In caso di modifiche al percorso queste dovranno essere ripetutamente comunicate durante i briefing pre-gara. Si suggerisce di mettere a ciascun check point un pannello con le seguenti informazioni: - Percorso già compiuto - Percorso mancante - Altimetria e descrizione percorso fino al prossimo check point Si sottolinea infine che in caso di incidenti un road book chiaro e dettagliato è fondamentale per dimostrare di aver informato il concorrente dei rischi relativi alla sua partecipazione alla gara. PREVENZIONE: fondamentale è individuare le potenziali situazioni di pericolo e predisporre gli interventi necessari per ridurre il livello di rischio. Ciò si sostanzia nel: A) ATTREZZARE E PRESIDIARE TRATTI PERICOLOSI - Attività da svolgere coinvolgendo tutto le persone e le organizzazioni che saranno incaricate di presidiare il percorso (membri dell organizzazione, volontari, Soccorso Alpino, Croce Rossa Italiana, Guardie Forestali, membri del CAI, ecc.)

B) RAFFORZAMENTO PUNTI SENSIBILI - Identificare i tratti del percorso in cui è più facile perdersi - Utilizzare degli apripista che precedano di poco i concorrenti per accertarsi che la segnaletica non sia stata rimossa o addirittura spostata con l intenzione di indurre all errore e che, nel caso, rifacciano il balisaggio, avvertendo il direttore di gara per allertare, se possibile, i concorrenti - Adottare una tecnica di segnaletica omogenea lungo tutto il percorso, utilizzando obbligatoriamente nei tratti notturni strumenti adeguati (balise catarifrangenti o strumenti analoghi) - Individuare con precisione i punti di riferimento - Definire le distanze minime di presidio - Dislocare gli uomini sul percorso in base alle criticità identificate C) CHECK POINT AD INTERVALLI REGOLARI E LOGICI - Il controllo del passaggio del concorrente dovrebbe avvenire con due metodologie differenti (spunta manuale e con chip) in modo da ridurre le possibilità di errore. - L obiettivo del controllo è il contenimento delle aree di ricerca di eventuali dispersi D) SERVIZIO SCOPA - Deve essere svolto da almeno due persone. - Le persone incaricate del servizio devono: E) PROCEDURE a) Essere veloci b) Essere capaci c) Conoscere il percorso d) Conoscere le procedure prestabilite e) Avere obbligatoriamente con sé riserve di cibo e acqua f) Essere necessariamente dotate di mezzi di comunicazione L organizzazione stabilisce preventivamente le procedure che impongono:

- Messa a disposizione dell elenco partenti a ogni check point. - Chiusura degli intermedi ai check point - Verifica incrociata con responsabile sicurezza - Tempestivo allarme - Sostegno all infortunato F) PETTORALE Deve contenere anche i numeri di soccorso dell organizzazione G) METEO - È necessario identificare in anticipo le fonti di informazione meteo più affidabili per la zona attraversata. - Identificare in anticipo l organo decisionale cui spetta il compito insindacabile di interrompere o modificare la corsa H) PERCORSO ALTERNATIVO - Deve essere studiato e definito anticipatamente - Deve permettere l aggiramento di tratti a rischio, aumentando o diminuendo lo sviluppo complessivo della gara - Deve essere comunicato ai concorrenti La prevenzione passa anche attraverso la richiesta di un certificato medico di idoneità all attività sportiva agonistica. È opportuno che tale certificato vada richiesto anche agli atleti stranieri. SOCCORSO: l intervento deve essere rapido ed efficace. Tale risultato può essere raggiunto solo attraverso: - Coordinamento delle forze effettivo tra Responsabile Sicurezza, Responsabile Medico, mezzi di intervento, personale di intervento, servizio scopa e personale ai check point - Comunicazione assicurata tramite verifica copertura di rete totale e ponti radio. - Informazioni precise su motivo dell intervento di soccorso, circostanze e luogo in cui effettuare il soccorso. - Identificazione preliminare della dislocazione delle unità di soccorso, degli accessi stradali, degli uomini e dei mezzi incaricati nonché dei mezzi eccezionali e di elisoccorso. È opportuno identificare in via preliminare le soluzioni da adottare in caso di evacuazione di massa dei concorrenti.

MATERIALE OBBLIGATORIO La prevenzione degli incidenti e la rapidità di intervento possono essere migliorate imponendo all atleta una dotazione minima di attrezzature e di riserve idriche e alimentari. Possono essere altresì indicate ulteriori attrezzature consigliate. Il regolamento della gara deve prevedere la squalifica in caso di mancanza del materiale obbligatorio di sicurezza e la penalizzazione in caso di mancanza di altro materiale obbligatorio. Gli organizzatori si obbligano a svolgere, almeno a campione, dei controlli alla partenza o in gara sul materiale obbligatorio. ECO COMPATIBILITÀ Gli organizzatori firmatari si vincolano a inserire nel proprio regolamento la squalifica per il concorrente che abbandonerà rifiuti sul percorso. La denuncia del fatto potrà essere fatta dal personale dell organizzazione o dai concorrenti: in questo secondo caso però, per evitare contestazioni, sarà richiesta una prova fotografica o video. Ci si impegna inoltre a eliminare l utilizzo di bicchieri di plastica ai ristori, ad eccezione del primo, dove rimarranno per evitare la formazione di code difficilmente gestibili. Ci si impegna altresì a delimitare l area del ristoro e a effettuare controlli all uscita dell area stessa per impedire che un concorrente esca con bicchieri, piatti di plastica ecc. È auspicabile che ciascun organizzatore sostituisca bicchieri di plastica con bicchieri in materiale riciclabile. Altro impegno congiunto è quello di aumentare il grado di utilizzo di materiale bio in occasione dei pasta party e di avvalersi ai ristori di acqua contenuta in taniche anziché in bottiglie di plastica. Si rinnova inoltre il suggerimento di rimuovere la segnaletica (non permanente) utilizzata entro poco tempo dal termine della manifestazione e di utilizzare la vernice biodegradabile solo quando non è possibile segnare altrimenti. È infine reso obbligatorio l inserimento nei regolamenti di gara di penalità per i concorrenti scoperti a tagliare i tornanti o a uscire dal percorso di gara. La decisione circa la penalità da comminare sarà a discrezione di ciascun organizzatore.

CARTELLO ORGANIZZATORI Si concorda sulla possibilità di sviluppare accordi informali tra gli organizzatori interessati per l acquisto di beni o servizi in forma condivisa, così da ottenere riduzioni di prezzo. Spirito Trail si impegna a mettere a disposizione di tutti gli organizzatori uno spazio apposito sul forum, così da agevolare lo scambio di informazioni. DOPING Gli organizzatori presenti concordano sull inserimento nel proprio regolamento del divieto di iscrizione per gli atleti, anche di altre discipline sportive, che stanno scontando una squalifica per doping. Si auspica altresì la creazione di un marchio comune per veicolare il messaggio dell importanza della lotta al doping anche nelle gare di trail running. ASSOCIAZIONE NAZIONALE Pur avendo ricevuto il voto favorevole di una netta maggioranza degli organizzatori presenti, si ritiene, nell intento di raggiungere un unanimità pressoché assoluta, di rimandare la creazione di un Associazione Nazionale al prossimo incontro che sarà coordinato dai Courmayeur Trailers. Nel frattempo ci si impegna ad approfondire le possibili alternative di Statuto e Atto Costitutivo della futura Associazione.