CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE N Norme sull informazione e sull educazione sessuale nelle scuole. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PECORARO SCANIO. Istituzione delle scuole di sessuologia clinica presso le università

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Adolescenza e trasgressione

Viale Trastevere, 251 Roma

Incontriamoci a scuola

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

ANNO SCOLASTICO Via DeGasperi Pavia

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO

DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E.

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BURTONE

PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

Istituto Don Baldo Roma Classi VA - VB Primaria Scuola Santissima Trinità - Roma Classi I-II-III Secondaria di primo grado

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

ISTITUTO COMPRENSIVO LUIGI CAPUANA MINEO PROGETTO SALUTE ED. ALL AFFETTIVITÀ ALLA SESSUALITÀ E ALLA RELAZIONE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

Verso EXPO 2015: percorsi di educazione alimentare

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto

PRESENTAZIONE GRAFICA DEI RISULTATI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO

L I C E O S C I E N T I F I C O S T A T A L E D A L E S S A N D R O BA G H E R I A

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MARCO DI STEFANO

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

CITTADINANZA e COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

2, di cui 1 - Autoaggiorna mento 1-6 ore per 10 docenti 3 0

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale

Indicazioni nazionali per il curricolo

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ: un esperienza sammarinese

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari Dal LUN. al VEN.

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARUSO. Delega al Governo per l istituzione dell Albo dei mediatori interculturali

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

Differenze e diversità - Si può essere diversi e uguali? La Giornata dell Intercultura nella scuola

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

CARTA della promozione della

Centro di Ascolto Giovanile ed Adolescenziale

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Consulenza e sostegno psicologico e scolastico

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI UNIVERSALMENTE CONOSCIUTI TRA COSTITUZIONE ITALIANA E LEGISLAZIONE INTERNAZIONALE

L OSS NEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA. L integrazione dell alunno con disabilità: l operatore socio sanitario

Doveri della famiglia

Action Anti-bullying

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Aurora 2000 staff formativo

CORSO - Educazione all affettività e alla sessualità -

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

Rapporto sintetico sui bisogni educativi, verso un modello pedagogico comune

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Media e stereotipi di genere. di Massimo Benvenuto

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

ISTITUTO COMPRENSIVO MATTEO RIPA - EBOLI

A) Pensi alla Sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e indirizzi di studio. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

RICERCA, VALUTAZIONE E SOSTEGNO PER LA SCUOLA

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

TITOLO DEL PROGETTO: EDUCARE ALL AFFETTIVITA. COORDINATORE DI PROGETTO: Prof.ssa A. De Maria

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

ITES A. Fraccacreta San Severo A. S. 2014/2015 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

Piano triennale di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico

Presentazione Progetti a.s Scuola Media

IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

PROGETTO INTERCULTURA

PROGETTO ACCOGLIENZA

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Advertisement
Transcript:

Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2783 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VEZZALI, RABINO, GALGANO, LIBRANDI, PORTA, SOTTANELLI, MARAZZITI, FALCONE, FITZGERALD NISSOLI, MATARRESE, VARGIU, MONCHIERO, OLIARO Istituzione dell insegnamento dell educazione socio-affettiva nelle scuole secondarie di primo e di secondo grado nonché nei corsi di studio universitari Presentata il 18 dicembre 2014 ONOREVOLI COLLEGHI! Il dibattito sul tema dell introduzione dell educazione socio-affettiva nelle scuole è iniziato in Italia già nei primi anni del secolo scorso, quando fu presentata una proposta di legge per l introduzione di un corso di educazione sessuale nelle scuole, ma non si è mai arrivati a un risultato concreto. A differenza della situazione europea, che ci mostra come l educazione sessuale a scuola sia presente in quasi tutti i Paesi e sia svolta dai docenti stessi, in Italia esiste un vuoto legislativo in tale ambito. La materia socio-affettiva trova pari dignità di studio di altre discipline ed è quindi auspicabile la sua introduzione nel piano dell offerta formativa. In Olanda, ad esempio, il Parlamento ha messo a punto programmi di educazione sessuale in cui gli insegnanti sono incoraggiati a parlare di sessualità senza impedimenti. Non a caso, l Olanda è il Paese in Europa con minore tasso di gravidanze delle giovani donne, e sebbene gli studenti olandesi comincino le lezioni sulla sessualità in giovanissima età, il loro primo rapporto sessuale avviene intorno ai diciassette anni, più tardi che in Italia o in Inghilterra. La ragione che sta alla base della proposta di legge parte dalla considerazione che a distanza di quaranta anni dall entrata in vigore di leggi specifiche sulle pari opportunità, è necessario fare il

Atti Parlamentari 2 Camera dei Deputati 2783 punto sull attuazione delle normative di riferimento, soprattutto nel campo dell educazione e della formazione. Nelle scuole non esistono percorsi formativi per gli alunni e per gli insegnanti in materia di educazione sentimentale e sessuale, mentre assistiamo inermi, dopo un ventennio di utilizzo del corpo femminile nella comunicazione, a fenomeni di sessismo, bullismo e violenza sessuale tra i giovani. La proposta di legge ha anche l obiettivo di contribuire al cambiamento di mentalità dei giovani favorendo la creazione di un giusto modello culturale tra i generi, nonché di colmare il divario tra la qualità dei saperi prodotti dalle donne e la diffusione delle conoscenze nel mondo scolastico e formativo. Sebbene vi siano stati anche in passato sporadici tentativi di insegnare gli argomenti della sessualità nelle scuole, ben pochi possono affermare di aver trovato nell istituzione scolastica il luogo e il mezzo più idoneo per la divulgazione di informazioni e la principale fonte dell apprendimento su tali argomenti. Gli aspetti della sessualità si imparano, di fatto, dagli amici, in famiglia e sempre più spesso dai media, purtroppo in modo fuorviante. Le linee guida dell Organizzazione mondiale della sanità per l educazione alla salute invitano a trattare l argomento in maniera curricolare e multidisciplinare fin dalla scuola primaria. Infatti, il compito di condurre i bambini e i ragazzi alla scoperta dei rapporti affettivi e di rispetto dell altro genere ricade prima di tutto sulla scuola, sugli psicologi, sugli psicoterapeuti e sui sessuologi e non sui genitori che, spesso, non sono in grado di svolgere correttamente questo compito. I temi da trattare in ambito scolastico sono molteplici: dalla prevenzione e dalla tutela della salute sessuale, intesa come benessere psico-fisico e prevenzione delle malattie trasmissibili, alla competenza del mondo degli adulti a costruire un confronto positivo tra i sessi rispettoso della parità e delle differenze, al superamento delle difficoltà tra i sessi e al rispetto degli atteggiamenti e dei comportamenti. L emergenza sul piano sanitario legate alla diffusione delle malattie a trasmissione sessuale, molte delle quali in aumento soprattutto tra i giovanissimi, è un fenomeno preoccupante che richiede un informazione puntuale congiunta all insegnamento di atteggiamenti positivi e responsabili che inducano la consapevolezza degli eventuali rischi e quindi dei necessari comportamenti protettivi. Occorre agire anche sul fenomeno del disagio giovanile espresso attraverso i comportamenti a rischio, che molto spesso sfocia in comportamenti violenti, e sul fenomeno sempre più diffuso del bullismo o del ricorso ad alcool e a droghe. Aiutare i giovani e insegnare loro comportamenti corretti e di dialogo nel rispetto delle differenze di genere è senza dubbio lo strumento fondamentale per favorire lo sviluppo dell autostima, della tolleranza e della consapevolezza dei propri sentimenti.

Atti Parlamentari 3 Camera dei Deputati 2783 PROPOSTA DI LEGGE ART. 1. 1. È istituito presso le scuole secondarie di primo e di secondo grado l insegnamento dell educazione socio-affettiva finalizzato al rispetto di sé e dell altro, alla responsabilità sociale e alla valorizzazione della diversità di genere. 2. La scuola, nell adempimento delle proprie funzioni, attraverso l educazione socio-affettiva provvede a favorire i modelli positivi di comportamento socio-culturali al fine di rimuovere i pregiudizi, gli stereotipi di genere, la discriminazione e la violenza. ART. 2. 1. Lo studio dei temi concernenti l educazione socio-affettiva costituisce parte integrante degli orientamenti educativi, dei programmi didattici e delle materie di insegnamento. Esso riguarda gli aspetti scientifici, storici e culturali della sessualità ed è adeguato alle diverse età degli studenti cui è destinato. ART. 3. 1. All inizio di ogni anno scolastico, il collegio dei docenti, d intesa con il consiglio di istituto, predispone e approva un progetto per l inserimento dell educazione socio-affettiva nella programmazione didattica complessiva. ART. 4. 1. Le linee guida relative all insegnamento dell educazione socio-affettiva sono stabilite dal Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, d intesa con il

Atti Parlamentari 4 Camera dei Deputati 2783 Ministro della salute e con il Dipartimento per le pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri, sentiti esperti della sessualità umana, psicoterapeuti infantili e dell età evolutiva e psicologi. 2. Nel rispetto dell autonomia scolastica, i docenti di scienze sono preposti all insegnamento dell educazione socio-affettiva inserito nel piano dell offerta formativa di ciascun ciclo scolastico secondario di primo e di secondo grado. ART. 5. 1. A partire dall anno scolastico 2015/ 2016, l orario di insegnamento dell educazione socio-affettiva è di almeno due ore al mese. ART. 6. 1. Le università, nell ambito della propria offerta formativa, introducono corsi di studi in materia di educazione socioaffettiva al fine di formare le competenze per l insegnamento dell educazione socioaffettiva. ART. 7. 1. Il Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca demanda alle istituzioni scolastiche l organizzazione dei corsi di formazione obbligatoria per i docenti della scuola primaria e secondaria, al fine di garantire l acquisizione delle conoscenze e delle competenze per la realizzazione delle finalità di cui all articolo 1. ART. 8. 1. Con decreto del Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, d intesa con la Conferenza delle regioni e delle province autonome, sono definiti i programmi e le linee guida dell insegnamento dell educazione socio-affettiva.

Atti Parlamentari 5 Camera dei Deputati 2783 ART. 9. 1. A decorrere dall anno scolastico 2015/2016, possono essere utilizzati libri di testo e materiali didattici che attestino il rispetto delle indicazioni contenute nel codice di autoregolamentazione POLITE (pari opportunità nei libri di testo) redatto di concerto con il contributo del Governo italiano e della Commissione europea.

PAGINA BIANCA

PAGINA BIANCA

1,00 *17PDL0028880* *17PDL0028880*