Il genere femminile nell'italiano di oggi: norme e uso

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
MiComunico. Comunicazione di genere nella provincia di Milano

Differenziare per non discriminare: la visibilità di genere nella comunicazione istituzionale dell'università di Bologna

DICHIARAZIONE D INTENTI

Lezione 4. Coordinatrice didattica: Paola Baccin

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

PROGETTO MEDICINA PER STARE

L insegnamento dell italiano L2 a studenti di lingua cinese. Cecilia Paquola

PUBBLICAZIONI PUBBLICAZIONI DELLA COMMISSIONE PARITÀ

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

comunicare la differenza progetto a favore del rispetto delle differenze di genere nel linguaggio

VADEMECUM UFFICIO PACE

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

Educazione di genere: impossibile non farla

Sessualità coniugale e metodi naturali

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LE DONNE KIT DI ANIMAZIONE

LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione

*Perché parliamo di. genere e salute.

Comune di Tradate Verbale del Consiglio Comunale

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

Comune di Cimolais. Provincia di Pordenone VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO

PIANO POSITIVE in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

MASCHI CONTRO FEMMINE

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Regolamento d'ammissione dell'astti

Esercizi di morfologia e lessico (SOLUZIONI IN FONDO)

OFFERTA FORMATIVA Per l A.A. 2015/2016 è attivato il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in: -

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

Inclusione dei disabili

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Perugia

Piano triennale di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate

RICHIESTA DI FINANZIAMENTO DI PROGETTI SPERIMENTALI DI OFFERTA FORMATIVA PER BAMBINI DAI 2 AI 3 ANNI A.S (SEZIONI PRIMAVERA SPERIMENTALI)

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola.

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA PROF.

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

SCHEDA IMPRENDITORIALE

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini.

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione.

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

Ambito di applicazione

METTI IN MOTO IL TALENTO

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1

Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DEI CONTRIBUTI UTILI ALLA VISITA ALLA INTERNATIONAL SCHOOL OF AMSTERDAM (ISA) A.A

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

PAOLA TOSATO LA LEGGE DI ATTRAZIONE DEL DENARO

PROTOCOLLO D'INTESA. Tra

2, di cui 1 - Autoaggiorna mento 1-6 ore per 10 docenti 3 0

Il pari trattamento linguistico: problematiche e sviluppi recenti nella lingua italiana

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità

Le organizzazioni di volontariato

Decreto Legislativo stabilisce come valido. con la responsabilità di. catalogazione con un cartello

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016

1 modulo. CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO)

Social Media Policy. Regole di gestione e comportamento sui canali social media ufficiali del Comune di San Giuliano Milanese (Mi)

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 novembre 2004, n. 0372/Pres.

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI

NAZIONI UNITE PER LA PACE

Linee guida per l uso del genere nel linguaggio amministrativo

Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio pag.

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

Relazione di accompagnamento al Codice di comportamento di Ateneo approvato con. D.R. n. 416 del

categorie flessionali (genere, numero, caso, tempo, persona...)

Violenza donne: assistenti sociali, la legge non basta

Centro per la Salute del Bambino / ONLUS

! Approvato AD Data 01/06/2013

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LIVIA TURCO

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

CORTE DI APPELLO DI SALERNO


Anno scolastico PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

STATUTO ASSOCIAZIONE GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

Linguaggio giuridico e lingua di genere: una simbiosi possibile. Stefania Cavagnoli Università di Roma, Tor Vergata

Advertisement
Transcript:

Il genere femminile nell'italiano di oggi: norme e uso Direzione Generale per la Traduzione della Commissione Europea Bruxelles 5.06.2007 Cecilia Robustelli Università di Modena e Reggio Emilia

1.0 Il genere 2.0 Lingua/linguaggio e identità di genere 3.0 A vent anni dalle Raccomandazioni per un uso non sessista della lingua italiana 4.0 Proposte per un uso della lingua italiana rispettoso dell identità di genere

1.0 Il genere 1.1 Il genere grammaticale Regola generale Nomi in -o = maschili Nomi in a femminili Eccezioni (Il/lo) apostata, boia, eremita, colera, delta, gerarca, gorilla, mitra, monarca, nirvana, panda, papa, patriarca, poeta, pianeta, pilota, papa, pirata, vaglia, yoga + i nomi in ma di origine greca (La) mano, moto, auto, dinamo, virago, eco, radio

1.0 Il genere 1.1 Il genere grammaticale Regola generale Nomi in -ò = maschili Eccezioni Kapò, popò Nomi in à = femminili Eccezioni aldilà, aldiqua, altolà, babà, baccalà, baccarà, cincillà, dadà, falpalà, gagà, lillà, maragià, paisà, papà, parà, pascià, podestà, ratafià, scià, sciacchetrà, sciscià, sofà, taffettà, ultrà, varietà, vucumprà, ecc.

1.0 Il genere 1.1 Il genere grammaticale Nomi in e, -è, é maschili o femminili Il cantante la cantante Il caffè la corvè Il separé la pansé

1.0 Il genere 1.1 Il genere grammaticale Nomi in i maschili o femminili Il bisturi la cisti Nomi in ì maschili (es. abbiccì, cambrì, chepì, colibrì, doposcì, ellepì, genepì, giovedì, giurì, mezzodì, monoscì, portascì, pupurrì, salmì, supplì, tassì ma la pipì)

1.0 Il genere 1.1 Il genere grammaticale Nomi in u maschili o femminili lo gnu la gru Nomi in ù maschili o femminili il ragù la gioventù

1.2 Genere grammaticale e genere biologico: clasificazione maschile/femminile nei nomi che designano 'esseri animati Genere grammaticale < > genere biologico del referente Maschile Femminile -o (ragazzo) -a (ragazza)

1.2 Genere grammaticale e genere biologico: clasificazione maschile/femminile nei nomi che designano 'esseri animati Genere grammaticale < > genere biologico del referente Maschile Femminile -e (il vigile) -e (la vigile)

1.2.1 I suffissi derivazionali con valore agentivo Morfema lessicale + desinenza Ragazz- + -o/-a Morfema lessicale + suffisso derivazionale + desinenza bibliotec- + ari + -o/-a

1.2.1 I suffissi derivazionali con valore agentivo Maschile - o (ragazzo) -aio (lavandaio) - aro (notaro) Femminile - a (ragazza) - aia (lavandaia) - ara (notara) -ario (bibliotecario) -aiòlo (boscaiòlo) -ano (guardiano) -ino (imbianchino) -aria (bibliotecaria) -aiòla (boscaiòla) -ana (guardiana) -ina (imbianchina)

1.2.1 I suffissi derivazionali con valore agentivo Maschile - e (il vigile) -one (accattone) -ante, -ente (il cantante, il degente) -iere,-iero (panettiere, guerrigliero) Femminile -e/-essa (la vigile/vigilessa) -ona (accattona) -ante, -ente (la cantante, la degente) -iera (panettiera) - tore (lavoratore) -sore (difensore, incisore, professore) -trice (lavoratrice) -tora (lavoratora) -itrice (difenditrice) -sora (incisora) -essa (professoressa) - ista (il pianista) - ista (la pianista)

Strategie per marcare morfologicamente il genere femminile Adozione di un suffisso femminile etimologico corrispondente a quello maschile, es. -trice Mutamento del morfema desinenziale: e > -a (-tora, -sora) sul modello di ona, - iera

1.2.1 I suffissi derivazionali con valore agentivo Maschile - o (ragazzo) -aio (lavandaio) - aro (notaro) Femminile - a (ragazza) - aia (lavandaia) - ara (notara) -ario (bibliotecario) -aiòlo (boscaiòlo) -ano (guardiano) -ino (imbianchino) - e (il vigile) -one (accattone) -ante, -ente (il cantante, il degente) -iere,-iero (panettiere, guerrigliero) - tore (lavoratore) -aria (bibliotecaria) -aiòla (boscaiòla) -ana (guardiana) -ina (imbianchina) -e/-essa (la vigile/vigilessa) -ona (accattona) -ante, -ente (la cantante, la degente) -iera (panettiera) -trice (lavoratrice) -tora (lavoratora) - sore (difensore, incisore, professore) - ista (il pianista) -itrice (difenditrice) -sora (incisora) -essa (professoressa) - ista (la pianista)

Previsione ragionevole Progressiva stabilizzazione delle forme in a per i suffissi maschili one, -iere, -sore Mantenimento del suffisso -trice Motivazioni di ordine generale - Tendenza al conguaglio analogico - Riduzione dell allomorfia - Rafforzamento della dicotomia masch. o / femmin. -a

1.4 Il controllore del genere grammaticale nei nomi con referente animato Controllore di genere grammaticale m/f < referente di genere biologico m/f Il mio più caro amico è alto, simpatico e fa il traduttore La mia più cara amica è alta, simpatica e fa la traduttrice

1.4 Il controllore del genere grammaticale nei nomi con referente animato Accordo grammaticale (l accordo riflette il genere grammaticale del controllore) Es. Il soprano è andato via con suo marito Accordo referenziale (l accordo riflette il genere biologico del referente) Es. Il soprano è andata via con suo marito

? La soprano è andata via con suo marito

Inadeguatezza della lingua in rapporto all espressione del genere Convinzione sviluppata negli anni 70 La lingua non veicola adeguatamente la nozione di genere ma ne dà una versione deformata Abitudini linguistiche di stampo androcentrico

Il sessismo linguistico L uso sessista della lingua comporta una Funzione di enfasi (piano semantico) Asimmetrie semantiche Vuoti terminologici Funzione di oscuramento (piano morfologico) Concordanza al maschile Maschile onnivalente

Raccomandazioni per un uso non sessista della lingua italiana (Alma Sabatini, 1987) Evitare l'uso del maschile come genere non marcato Evitare l articolo con i cognomi femminili Accordare aggettivi e participi con i nomi che sono in maggioranza. Se sono in parità l'accordo va con l'ultimo nome Usare i titoli professionali al femminile se il referente è femminile

Evitare l'uso del maschile come genere non marcato I diritti dell uomo > della persona Evitare l articolo con i cognomi femminili Biagi e la Gruber > Biagi e Gruber

Accordare aggettivi e participi con i nomi che sono in maggioranza Laura, Giacomo e Martina sono simpatiche Se sono in parità l'accordo va con l'ultimo nome Laura, Giacomo, Paolo e Martina sono simpatiche Laura, Giacomo, Martina e Paolo sono simpatici

Usare i titoli professionali al femminile se il referente è femminile - i termini -o, - aio/-ario mutano in -a, - aia/-aria es. architetta, avvocata, chirurga, critica, ministra, prefetta, notaia, primaria, segretaria - i termini -iere mutano in -iera es. infermiera, pioniera, portiera - i termini in -sore mutano in -sora es. assessora, difensora, evasora, oppressora, etc. i femminili in -essa corrispondenti a maschili in (s)ore devono essere sostituiti da nuove forme in (s)ora es. dottora, professora, etc. i termini in -tore mutano in -trice: es. ambasciatrice, amministratrice, direttrice, ispettrice, redattrice, senatrice, accompagnatrice

Anteposizione dell articolo femminile senza adeguamento morfofonetico al femminile termini in -e o in -a: es. parlamentare, preside, vigile, custode, interprete, presidente; poeta, profeta, etc. forme italianizzate di participi presenti latini es. agente, inserviente, cantante composti con capoes. capofamiglia, caposervizio.

Azioni governative per lo sviluppo dell identità di genere Conferenza Intergovernativa di Pechino (1995) per quanto riguardava la promozione della presenza femminile nei luoghi decisionali, e la necessità di un azione educativa in questo senso a partire già dalle giovani generazioni Direttiva del Consiglio dei Ministri 27.3.1997 Azioni volte a promuovere l attribuzione di poteri e responsabilità alle donne, a riconoscere e garantire libertà di scelte e qualità sociale a donne e a uomini

Progetto PoLiTe Pari Opportunità e Libri di Testo progetto triennale (1998-2001) - rivisitazione dei saperi alla luce dell identità di genere - contributi, raccolti nei due vademecum Saperi e libertà (Serravalle 2000)

L identità di genere oggi in Italia V Programma di Azione Comunitaria (2001-2005) Azioni a sostegno dell applicazione del mainstreaming e della diffusione di una cultura delle pari opportunità tra uomini e donne Italiane,Dipartimento per le Pari Opportunità del Consiglio dei Ministri, Roma, 2005.

Commission Générale de Terminologie e l Institut National de la Langue Française 1999 Femme, j ecris ton nome Guide d aide à la feminisation des noms de métiers, titres, grades et fonctions, Documentation Française.

Art. 3, comma 12 dello Statuto del Comune di Pisa, alla voce Principi Programmatici, (delibera del Consiglio Comunale del 18.1.2001) «In tutti gli atti del Comune si deve utilizzare un linguaggio non discriminante. In particolare sono espresse al femminile le denominazioni degli incarichi e delle funzioni amministrative del Comune ricoperte da donne».

Indagine conoscitiva sulla condizione del personale femminile arruolato nelle forse armate 4a Commissione permanente Difesa Senato della Repubblica 8 marzo 2007 21 marzo 2007 3 aprile 2007

52a seduta - giovedì 8 marzo 2007 Le donne parlano al maschile: sono ufficiale psicologo' 'siamo 21 capitani' 'sono un finanziere', ecc.

54a seduta - mercoledì 21 marzo 2007 La senatrice Brisca Menapace interviene chiedendo di parlare 'al femminile' 57a seduta - martedì 3 aprile 2007 Brisca Menapace ha una discussione con Antonella Casazza, capitana della Guardia di Finanza

C. «E' soltanto una questione di scarsa abitudine linguistica alla nostra presenza» B.M. «Se l'abitudine non segnala la vostra presenza, questa non sarà mai percepita, perché il linguaggio è un fatto simbolico»

La capitana Giannandré (Esercito) interviene: «Dire 'la' o 'il' non è importante: io sono 'il capitano', e in quanto tale rivesto un ruolo, svolgo determinati compiti e ho diritti e doveri. Se mi chiamo 'la capitana' la cosa non cambia (...)»

Giannini (Rifondazione Comunista- Sinistra Europea) chiede «se l'utilizzo del maschile in forma ancora egemonica rappresenti un tipo di quadro generale che, al di là delle conquiste, segna ancora il vero rapporto di forza e l'intera concezione del mondo all'interno dell'esercito»

Presidente Zanone: «Se la senatrice BM insistesse sulla questione sollevata, credo potremmo esaminare l'utilità di adottare un codice di linguaggio all'interno delle pubbliche amministrazioni per tenere conto delle differenze di genere. Non credo però si tratti di un punto cruciale per l'ordinamento delle Forze Armate»

Tutte le operazioni descritte esplicitano solo una fase transitoria all interno del processo che mira alla costruzione dell identità di genere, che non deve concretizzarsi nella creazione di neologismi o nella modificazione della morfologia, ma nell acquisizione di una nuova coscienza linguistica e culturale.

Lo sviluppo dell identità di genere, infatti, ha come fine il riconoscimento della piena dignità, parità e importanza del genere femminile e di quello maschile: per questo oggi si pone anche come requisito indispensabile per la formazione personale, culturale e sociale delle nuove generazioni.

Il tema dell identità di genere si coniuga infatti con quello dello sviluppo equilibrato dei popoli e delle nazioni e favorisce una convivenza rispettosa delle diversità. Finché crederemo che l educazione rappresenta un contributo fondamentale alla costruzione della persona, la riflessione su lingua e genere dovrà avere un posto anche all interno dei percorsi di educazione linguistica: altrimenti verrà meno quella funzione di aiuto alla costruzione della soggettività sessuata, e quindi di utilità pubblica e perciò di civiltà che ne aveva, in ultima analisi, determinato la nascita.