PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

Advertisement
Documenti analoghi
COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

Analisi dati del Personale

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs n 198)

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE

Piano triennale di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

Comune di Cimolais. Provincia di Pordenone VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

PIANO POSITIVE in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL PIANO DELLE AZIONI POSITIVE. triennio 2015/2017

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza

Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP)

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari


COMUNE DI CANCELLARA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI

COMUNE DI MONTALCINO

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Città di Fabriano GIUNTA COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO

Comune di Gonnosno' PROVINCIA DI ORISTANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 18/10/2013

COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA. Deliberazione della Giunta Comunale

Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale

C.F. e P. I.V.A.: Sede legale: Via G. Cusmano, PALERMO

Determina Personale Organizzazione/ del 12/12/2014

DIVISIONE STIPENDI E CARRIERE DEL PERSONALE

COMUNE DI GIOVINAZZO

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

FB SERVIZI S.r.l. Corso Italia 126 San Giovanni Teatino (CH) C.F./P.I

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

REGOLAMENTO. Città di Follonica

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE ED ASSUNZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI

COMUNE DI MONTEPULCIANO

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro

Piano triennale di Azioni Positive 2016/2018 PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2016/2018

Regolamento per il reclutamento del personale

CITTA DI POGGIARDO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE

REGOLAMENTO per la disciplina delle procedure di ricerca, selezione e inserimento di personale e per il conferimento di incarichi professionali

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA

ACCORDO DI COOPERAZIONE

COMUNE DI CARONNO VARESINO PROVINCIA DI VARESE

Pari Opportunità e performance nella PA

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

Stato dell arte a livello nazionale

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia

REGOLAMENTO RECLUTAMENTO PERSONALE

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio

COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino R E G O L A M E N T O. Stralcio al Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi

Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali

COMUNE DI GORLA MINORE

COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo

REGOLAMENTO COMITATO UNICO DI GARANZIA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA

NUOVA SALENTO ENERGIA S.r.l.

MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

PROVINCIA DI MANTOVA

PROGETTARE IL PAP. Redazione ed attuazione del Piano di Azioni Positive nella provincia di Torino

PIANO ANNUALE DI AZIONI POSITIVE dell ISPRA ANNO 2010

Advertisement
Transcript:

CO M U N E D I S A N V I T O Provincia di Cagliari Allegato A) alla delibera di Giunta Comunale N. 67 del 30/06/2014 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma della Legge 28/11/2005 n. 246 e ss.mm.ii. Il Responsabile del Servizio F.to Dott.ssa Veronica Anedda

INDICE Premesse Art. 1 - Analisi della struttura del personale Art. 2 - Obiettivi generali Art. 3 - Azioni positive Art. 4 - Durata del Piano Art. 5 - Pubblicazione e diffusione

Premesse L art. 48, comma 1, del decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198 (Codice delle pari opportunità tra uomo e donna) prevede che le pubbliche amministrazioni predispongano Piani di Azioni Positive tendenti ad assicurare la rimozione degli ostacoli che, di fatto, impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne e che favoriscano il riequilibrio della presenza femminile nelle attività e nelle posizioni gerarchiche. Detti piani hanno durata triennale e la loro predisposizione ha carattere obbligatorio e vincolante in quanto, in caso di mancato adempimento, la precitata norma sancisce l applicazione dell art. 6, comma 6, del d.lgs. 165/2001 che dispone il divieto di assunzione di nuovo personale, compreso quello appartenente alle categorie protette. Le azioni positive sono misure temporanee speciali, che derogando al principio di uguaglianza formale a favore di quello dell eguaglianza sostanziale, mirano a rimuovere gli ostacoli alla piena e effettiva parità di opportunità tra uomini e donne. Sono misure speciali in quanto non generali, ma specifiche e ben definite, che intervengono in un determinato contesto per eliminare ogni forma di discriminazione, sia diretta che indiretta. Secondo quanto disposto dalla succitata normativa, le azioni positive rappresentano misure preferenziali per porre rimedi o agli effetti sfavorevoli indotti dalle discriminazioni, per guardare alla parità attraverso interventi di valorizzazione del lavoro delle donne e per riequilibrare la presenza femminile nei luoghi di vertice. Art. 1 - Analisi della struttura del personale La dotazione organica del Comune di San Vito vede coperte, a tempo indeterminato, n. 28 posizioni; l analisi attuale presenta il seguente quadro di raffronto tra uomini e donne: Distribuzione personale per sesso uomini donne 46% 54% Su un totale di n. 28 dipendenti, 15 sono uomini e 13 sono donne; pertanto sussiste una leggerissima prevalenza maschile. Ad essi va aggiunta, inoltre, la presenza del Segretario Comunale, in convenzione con il Comune di Maracalagonis (donna). La situazione organica per quanto riguarda i lavoratori che ricoprono ruoli apicali o ai quali sono state conferite le funzioni e le competenze di cui all art. 107 del D.Lgs 267/2000, denominati Responsabili dei servizi, è così rappresentata:

SERVIZIO AFFARI GENERALI ECONOMICO FINANZIARIO LAVORI PUBBLICI URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA RESPONSA BILE DONNA DONNA UOMO UOMO Pertanto, allo stato dei fatti, non occorre favorire il riequilibrio della presenza femminile nelle attività e nelle posizioni gerarchiche, ai sensi dell art. 48,comma 1, del D. Lgs. 11.04.2006 n. 198, in quanto non sussiste un divario fra generi non inferiore a due terzi. Distribuzione personale per fascia d'età e sesso 10 8 6 4 2 Uomini Donne 0 Tra 20 e 34 anni Tra 35 e 44 anni Tra 45 e 54 anni Tra 55 e 65 anni

Distribuzione personale per profilo professionale e sesso Operaio Esecutore Terminalisti collaboratori Istruttore tecnico Vigile urbano Istruttore amministrativo/contabile Assistente sociale Istruttore finanziario direttivo Istruttore direttivo ingegnere Istruttore direttivo amministrativo Donne Uomini Istruttore tecnico direttivo 0 0,5 1 1,5 2 2,5 3 3,5 4

Nella scomposizione del personale in servizio per categorie si evidenzia una lieve prevalenza femminile nella categoria C (n. 6 Istruttori donna rispetto a n 4 uomini), una lieve prevalenza femminile nella categoria B (n. 5 Terminalisti/Collaboratori donna rispetto a n 4 uomini), una esclusiva presenza degli uomini nella categoria operativa A (Esecutore). Dall analisi della situazione del personale dipendente, in un ottica di pari opportunità di genere, non emergono particolari criticità ai sensi dell art. 48 D.Lgs 198/2006, poiché, tenuto conto della collocazione del personale femminile nei diversi livelli d inquadramento e nelle posizioni gerarchiche. Al momento, quindi, non sussistendo significative condizioni di divario, pertanto le azioni del piano saranno soprattutto volte a garantire il permanere di uguali opportunità alle lavoratrici donne ed ai lavoratori uomini, a valorizzare le competenze di entrambi i generi mediante l introduzione di iniziative di miglioramento organizzativo e percorsi di formazione professionale distinti in base alle competenze di ognuno. La forte presenza femminile conferma infine la necessità di porre particolare attenzione nella gestione del personale agli aspetti relativi alla conciliazione tra la vita familiare e la vita professionale. Art. 2 - Obiettivi generali 1. Rimozione degli ostacoli che impediscono la piena realizzazione delle pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne; 2. Facilitare l utilizzo di forme di flessibilità oraria finalizzate alla conciliazione tra il lavoro professionale e il lavoro familiare; 3. Promuovere le pari opportunità in materia di formazione di aggiornamento e di qualificazione del personale; 4. Rispetto della normativa in materia di composizione delle commissioni di concorso, con l osservanza della riserva a favore delle donne.

Art. 3 - Azioni positive Dall analisi della situazione lavorativa presso l Ente è emerso un generale equilibrio nell assegnazione dei diversi incarichi e tra le diverse professionalità. Si riportano di seguito le n. 4 azioni positive riconducibili al perseguimento degli obiettivi precedentemente dettagliati: AZIONE N. 1 Assicurare, nel contesto lavorativo, parità e pari opportunità di genere, rafforzando la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici e garantendo l'assenza di qualunque forma di violenza morale o psicologica e di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all'età, all'orientamento sessuale, alla razza, all'origine etnica, alla disabilità, alla religione e alla lingua. AZIONE N. 2 Garantire la possibilità di usufruire di un orario di lavoro flessibile in entrata. In presenza di particolari esigenze dovute a documentata necessità di assistenza e cura nei confronti di disabili, anziani, minori e su richiesta del personale interessato, potranno essere definite forme di flessibilità orarie per periodi di tempo limitati e compatibilmente con le esigenze dell Amministrazione. AZIONE N.3 Garantire la partecipazione delle dipendenti ai corsi di formazione e di aggiornamento professionale in rapporto proporzionale alla loro presenza, adottando le modalità organizzative idonee a favorirne la partecipazione e la conciliazione tra vita professionale e vita familiare. Favorire inoltre il reinserimento lavorativo e l aggiornamento del personale che rientra dal congedo di maternità o dal congedo di paternità o da congedo parentale o da assenza prolungata dovuta ad esigenze familiari sia attraverso l affiancamento da parte del Responsabile di servizio o di chi ha sostituito la persona assente, sia attraverso la predisposizione di apposite iniziative formative per colmare le eventuali lacune. AZIONE N.4 Assicurare la presenza di almeno un terzo dei componenti di sesso femminile nelle commissioni di concorso e selezione, salvo motivata impossibilità. Inoltre, garantire pari opportunità nelle procedure di reclutamento del personale evitando qualsiasi forma di discriminazione. Nei casi in cui siano previsti specifici requisiti per l accesso a particolari professioni, il Comune si impegna a stabilire requisiti di accesso a concorsi o selezioni che siano rispettosi e non discriminatori delle naturali differenze di genere. Art. 4 - Durata del Piano Il presente piano ha durata triennale, a decorrere dall esecutività del provvedimento deliberativo di approvazione. Nel periodo di vigenza del medesimo l amministrazione si impegna a raccogliere osservazioni, suggerimenti e possibili soluzioni ai problemi incontrati da parte del personale dipendente, al fine di poter procedere ad un adeguato aggiornamento. Art. 5 - Pubblicazione e diffusione Il piano triennale delle azioni positive sarà pubblicato all albo pretorio e sul sito istituzionale dell Ente e al fine di una adeguata diffusione e conoscenza da parte di tutto il personale dipendente, è reso disponibile in formato digitale mediante inserimento nel Server dell Ente.

\\server\servizio_amministrativo\000amm.sindaco mgm 2011\dipendenti e concorsi\piano triennale delle azioni\piano trienn azioni positive all. gc n. 67 del 30.62014.docx