Promozione della salute

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi

HEALTHY STUDENTS. La strategia di intervento della Regione Toscana per la promozione del benessere a scuola

L esperienza della Survey HBSC Italia 2014

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA

Progetto CCM Guadagnare Salute in Adolescenza- L educazione tra pari per la prevenzione delle Infezioni Sessualmente Trasmesse (I.S.T.).

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma Guadagnare salute in adolescenza.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

EDUCAZIONE TRA PARI :

SCUOLA E SALUTE Il project work in Toscana

Promozione della salute in alcologia

La Promozione della Salute e lo sport

PROGETTO REGIONALE Percorsi di salute e di benessere per gli adolescenti LA PREVENZIONE DEL TABAGISMO

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

Guadagnare Salute Piemonte Scuole che Promuovono Salute

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

Promozione del benessere e dei corretti stili di vita a scuola

Alpi Latine Cooperazione TRAnsfrontaliera. PROGETTO Peer Education

A più voci contro la dispersione scolastica

LA CARTA D ISEO INDIRIZZI METODOLOGICI DELLA RETE DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE. Febbraio 2013

cooperazione e sviluppo locale via Borgosesia, Torino tel fax

Dai segnali di fumo al web Forme e Strumenti della comunicazione per promuovere un dialogo consapevole.

Comune di Castelfiorentino

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

BANDO PIANO GIOVANI DI ZONA 2014

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

PROGETTO: TEATRO FORUM

Ministero della Salute

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

Evoluzione del diritto all'educazione: prevenzione consapevole PROF.SSA M.A.ZANETTI

BANDO PIANO GIOVANI DI ZONA 2015

La Salute secondo l OMS

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

LE RETI LA COOPERAZIONE CON IL TERRITORIO

4.4- L OFFERTA FORMATIVA DIPARTIMENTO DIPENDENZE AREA PREVENZIONE

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo;

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BEATO CONTARDO FERRINI. B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16

Piemonte. Giuseppe Salamina. Riunione referenti regionali "Guadagnare Salute" Roma 8 luglio 2011

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Adolescenza e trasgressione

Percorsi di Crescita Percorsi di Ricerca

CONCORSO PERCHÉ NO. promosso da: CENTRO DI SOLIDARIETÁ DI GENOVA DESTINATO ALLE SCUOLE SECONDARIE DI I E II GRADO DELLA PROVINCIA DI GENOVA

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

Ravenna, con l infanzia, capitale della cultura Mirella Borghi. U.O. Progetti e Qualificazione Pedagogica - Istituzione Istruzione e Infanzia

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

Giovani: incontro, ascolto, comunicazione, protagonismo

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE

Lucia Corrieri Puliti Direttore S.C. Educazione e Promozione della Salute Azienda USL 2 Lucca

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno

La Scuola che promuove salute Buone pratiche in Piemonte: un percorso di ricerca-azione

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Piano Regionale della Prevenzione e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

Progetto Navigando nel web

DIREZIONE SERVIZI SOCIALI SERVIZI E PROGETTI DEL WELFARE COMUNITARIO

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PRESENTAZIONE. IL PRESIDENTE Alessandra Fucillo. Carissimi Amici,

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!!

ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro CENTRO PREVENZIONE DISAGIO GIOVANILE

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

AVIS NELLE SCUOLE: STRUMENTI EDUCATIVI DI PROMOZIONE AL DONO ED ALLA CITTADINANZA ATTIVA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

ASLTO1 DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE

Dipartimento Dipendenze. Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s.

La scuola italiana è inclusiva?

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Programmi regionali per la prevenzione dipendenze: LifeSkills Training Program e Unplugged

Aderente all Associazione Europea Dislessia.

Il menù l ho fatto io

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO

CASF e SET nel territorio con poche riserve

CARTA della promozione della

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA

COMUNITÀ CHIAMA: PROGETTI APPROVATI- giugno 2015

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Presentazione Progetti a.s Scuola Media

Milano 16 Dicembre A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita

AFTER X B(eat)

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Advertisement
Transcript:

Promozione della salute Azioni di promozione della salute nella scuola Serena Consigli Seminario Divertirsi Guadagnando Salute-Giovani e mondo adulto per scelte salutari:cosa si può fare Lido di Camaiore, 5 luglio 2012 1

Indice 1. La promozione della Salute 2. Obiettivi e Metodologia 3. La strategia di sistema 4. Alleanza con la scuola 5. Di testa mia

1. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE - definizione Il processo che consente alle persone di esercitare un maggior controllo sulla propria salute e di migliorarla. Per raggiungere uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, un individuo o un gruppo deve essere capace di identificare e realizzare le proprie aspirazioni, di soddisfare i propri bisogni, di cambiare l ambiente circostante o di farvi fronte. La salute è un concetto positivo che valorizza le risorse personali e sociali, come pure le capacità fisiche. Quindi la promozione della salute non è una responsabilità esclusiva del settore sanitario, ma va al di la degli stili di vita e punta al benessere. (Carta di Ottawa 1986)

2. OBIETTIVI E METODOLOGIA Promuovere il benessere dei giovani ed il loro percorso educativo nella scuola e nella comunità. Lavorare per l empowerment giovanile. Promuovere il protagonismo dei giovani. Offrire agli adolescenti una comunità adulta responsabile e coerente che li affianca, sostiene ed accompagna nella vita. LIFE SKILLS: abilità-competenze necessarie per un comportamento positivo e adattivo che permette agli individui di far fronte efficacemente alle richieste e alle sfide della vita quotidiana. PEER EDUCATION: scambio di messaggi educativi e di modelli di vita tra coetanei partecipi delle medesime esperienze di vita.

3. LA STRATEGIA DI SISTEMA E necessario attivare percorsi di lunga durata ed evitare i finanziamenti di singoli progetti a breve termine; E necessaria una rete sul territorio di soggetti che concorrono ad agire sui determinanti di salute; E necessario un approccio globale; E necessario un sapere condiviso attraverso alleanze e rispetto reciproco.

4. ALLEANZA TRA SCUOLA E SALUTE La scuola rappresenta un setting importante. E assolutamente necessario un nuovo approccio. L intervento informativo dell esperto che tende ad esaurirsi in una o più sessioni non risulta efficace per la scuola ed in particolare per i ragazzi che assumono un ruolo passivo e non da protagonisti.

4.1 ALLEANZA TRA SCUOLA E SALUTE Una Scuola che promuove Salute Le componenti essenziali Adottare politiche che promuovono salute e benessere; Curare l ambiente fisico e sociale della scuola; Accrescere le competenze individuali e la capacità di agire; I legami con la comunità.

4.2 LE AZIONI NELLA SCUOLA 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. Sensibilizzazione del collegio docenti su LSE e PE; Formazione di base dei docenti su LSE e PE; Informazione-formazione dei genitori; Formazione di studenti futuri peer educator; Attività dei peer educator con i coetanei; Formazione specifica di II livello di insegnanti e studenti; Allargamento della rete operativa.

Enti che collaborano con la scuola ASL SOCIETA' DELLA SALUTE QUARTIERE COMUNE 12% PROVINCIA 25% 11% REGIONE UNIVERSITA' 6% 2% 14% 3% 4% 9% 14% ASSOCIAZIONI PROFESSIONISTI ALTRO

4.3 INDIRIZZI ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA QUOTA ORARIA DEL 20% DEI PIANI DI STUDIO Offerta regionale coordinata rivolta alle scuole; Tavolo di coordinamento - Regione Toscana, ANCI Toscana, UPI Toscana e UNCEM Toscana; Tavolo Scuola e Salute DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale.

5. Di Testa Mia Un percorso di sistema Format progettuale: Di Testa Mia, trasferibile sul territorio Il progetto chiede ai giovani di dettare le politiche per la salute e il benessere di loro stessi: ragazzi che parlano ai ragazzi; Il concorso di idee sui temi di: amore e sessualità, rischio e divertimento, reti e relazioni, corpo e immagine, individualità e conformismo ; Il campus: le idee diventano progetti; L impegno dell SST: promuovere e realizzare i progetti migliori.

5.1 Di Testa Mia 3 linee di indirizzo Avviso alle aziende sanitarie - Progetto Creatività è Salute realizzare programmi di comunicazione sul web, creare un luogo virtuale dove i ragazzi nel completo anonimato possano esprimersi e parlare liberamente senza nessun pregiudizio o discriminazione dall altra parte, dove c è un gruppo di esperti e ragazzi coetanei adeguatamente formati; www.ditestamia.it promuovere progetti che prevedono: l inserimento dei contenuti e delle attività svolte dai servizi sanitari (Centri consulenza giovani ) nei luoghi che sono già frequentati dai ragazzi, sfruttando la rete dei centri già presenti ( centri giovani comunali, associazioni); sperimentare aperture in fasce orarie notturne e nei fine settimana;

www.ditestamia.it

5.2 Di Testa Mia Associazione D.H.P.G. E nata un associazione di ragazzi che dopo l esperienza dei campus residenziali di Volterra hanno deciso di continuare a stare insieme e di avviare azioni di promozione alla salute sul territorio: Sito web www.ditestamia.it; Realizzazione di corti sul rischio e divertimento; Creazione di una rete internazionale di Youth in collaborazione con l OMS; Partecipazione ad eventi regionali (Festival Arezzowave, Festival della Salute); Concorso fotografico sul benessere dei giovani.

Grazie per l attenzione!