Differenziare per non discriminare: la visibilità di genere nella comunicazione istituzionale dell'università di Bologna

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
DICHIARAZIONE D INTENTI

MiComunico. Comunicazione di genere nella provincia di Milano

comunicare la differenza progetto a favore del rispetto delle differenze di genere nel linguaggio

Le studentesse dell Università di Pisa

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

Guida per una redazione rispettosa della parità di genere

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

UFFICIO CONSIGLIERA di PARITA della PROVINCIA di FOGGIA AVVISO PUBBLICO BORSE di STUDIO Anno Accademico 2012/2013

Pari rappresentazione negli organi di Ateneo: teoria e prassi a confronto L esperienza dell Ateneo di Torino

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Educazione di genere: impossibile non farla

REGOLAMENTO DI FACOLTA PER LA PROVA FINALE DEGLI ESAMI DI LAUREA

Donna Ì : un milione di no

CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA PROF.

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Titolo Relazione finale. Donna e ruolo dirigenziale nell Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi

Le ragazze e le carriere scientifiche

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

BANDO PREMIO DI LAUREA TSRM SVILUPPO E PROGRESSO SANITA E I IONE-

Sede legale e segreteria: Via Altavilla Irpinia n Roma

PRIN OGGETTO: PRIN 2009 Inserimento/estromissione personale unità di ricerca Nota procedurale

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Il sistema delle discriminazioni di genere

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

Ciro Attaianese. Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Cassino

Diploma Supplement: proposta di un modello di certificazione per la Laurea in Infermieristica

Forbice nel percorso della carriera scientifica, Italia e EU

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BARI COMITATO PARI OPPORTUNITÁ

SCADENZA BANDO: 14/11/2014

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA IUSS Ferrara 1391

Cosa succede all uomo?

Università per Stranieri di Siena LA RETTRICE

Lezione 4. Coordinatrice didattica: Paola Baccin

Tema: E giusto che il corso magistrale in comunicazione presso la nostra facoltà sia in inglese?

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

Le Donne: il motore della vita

Il fumetto tra i banchi di scuola

PROGETTO MEDICINA PER STARE

Conservare l'infanzia dentro di se vuol dire conservare la curiosità di conoscere, il piacere di capire, la voglia di comunicare.

Art Partecipazione ad attività didattiche e scientifiche

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LE DONNE KIT DI ANIMAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

Dispense di Filosofia del Linguaggio

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

AFFISSO IL: 13/11/2015 SCADE IL: 27/11/2015 ore 12:00

BANDO N SCADENZA: 25 febbraio 2015

Discorso di benvenuto del Presidente Alessandro Criscuolo ai Giudici costituzionali Silvana Sciarra, Daria de Pretis e Nicolò Zanon

FONDAZIONE "FILIPPO BURZIO"

MASCHI CONTRO FEMMINE

BANDO N SCADENZA: 30 NOVEMBRE 2015

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

Alcuni esempi di lettere

Rispecchia il rispetto (Di)Segni di non violenza

(Prof. Giorgio Maria Zamperetti)

Apprendere nelle biblioteche toscane

Attività didattica Universitaria

Università di Pisa. Corso di Perfezionamento in Strategie didattiche per promuovere un atteggiamento positivo verso la matematica e la fisica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Formazione Post Lauream

IL NOSTRO TEAM EMOZIONI IN CAMPO!

IL DIRETTORE. Pertanto di poter adottare lo schema di bando trasmesso dalla dott.ssa Perito; DECRETA

Prefazione. Saluto del Commissario Straordinario C.R.I. Saluto del Commissario Regionale C.R.I. Abruzzo

Come scrivere una lettera di presentazione?

Mario Basile. I Veri valori della vita

BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA

Premio Tesi di Laurea Praesidium

ASSISTENZA SOCIALE PER LE DONNE MALTRATTATE

Anno Accademico 2014/2015 SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA - Sede di Forlì - MODALITA PER ESSERE AMMESSI A SOSTENERE LA PROVA FINALE -

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta alla componente studentesca di Roma Tre

Statuto Pari opportunità

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Settore master

Piano di Orientamento e Tutorato

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

PROFILO DEGLI/DELLE STUDENTI CHE HANNO FRUITO

DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI

CONVENZIONE QUADRO TRA

PARTECIPA ANCHE TU IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno

DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON

1 modulo. CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini

Come si diventa insegnanti: ecco le nuove regole Nuovo regolamento per la formazione degli insegnanti

AVVOCATO IN VARESE, MILANO, ROMA E RIMINI

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

PROVINCIA DI COMO SETTORE ISTRUZIONE FORMAZIONE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Advertisement
Transcript:

D Differenziare per non discriminare: la visibilità di genere nella comunicazione istituzionale dell'università di Bologna

D Il gruppo di lavoro: Giuliana Benvenuti, Federico Condello, Cristina Demaria, Rita Monticelli, Bruna Pieri, Matteo Viale

Parte I La visibilità linguistica dei generi nella relazione Università-mondo esterno

Dare visibilità linguistica a entrambi i generi Significa arrivare a una rappresentazione della realtà insieme: 1. più complessa (perché più completa) 2. più oggettiva (che tutti i ruoli professionali siano ricoperti, ancorché in percentuali diverse, da entrambi i generi è un FATTO)

Dare visibilità linguistica a entrambi i generi Non significa interessarsi alla forma e disinteressarsi alla sostanza: «non mi importa essere chiamata ministra, voglio poter diventare ministro» obiezione tanto più pericolosa, quanto più spesso mossa proprio da chi si dichiara sensibile agli argomenti connessi alla parità concordare al femminile non comporta una perdita di tempo maggiore che concordare al maschile; né una perdita di focus rispetto ai problemi di parità

Dare visibilità linguistica a entrambi i generi Non significa dare minore importanza al ruolo istituzionale «Rettore, Professore, Segretario sono più adeguati a indicare la carica/il ruolo» Un idea che nasce da un implicito e spesso involontario, quanto sostanziale, complesso di inferiorità rispetto al mondo maschile: l androcentrismo è introiettato come un limite invalicabile

Dare visibilità linguistica a entrambi i generi Non significa oltraggiare la lingua italiana «dovremmo forse dire rettora o rettoressa? o architetta?» Anche grazie alla sua storia (in particolare al latino, da cui deriva) la lingua italiana è pronta a rappresentare la diversità di genere. Suffissi e desinenze possono pienamente esprimere il genere femminile: largo a «avvocate, rettrici, mediche» etc. dietro pretesti di gusto si celano stereotipi duri a morire e non solo di genere

Chi (o come) può essere una donna MAESTRA ma non MINISTRA? ATTRICE ma non RETTRICE? COMICA ma non MEDICA? DISOCCUPATA ma non AVVOCATA? BADANTE ma non PRESIDENTE? PROTETTA ma non ARCHITETTA? INFERMIERA ma non CANCELLIERA? DISSOCIATA ma non ASSOCIATA? AMMIRATRICE ma non COORDINATRICE? PERFETTA ma non PREFETTA?

Classismo e/o sessismo? SEGRETARIA ma non SEGRETARIA?? ORDINARIA ma non ORDINARIA?? PROFESSORESSA ma non PROFESSORESSA??

Reazioni varie all iniziativa di (Laura) Boldrini in favore di un uso non discriminatorio della lingua alla Camera

Forma o sostanza? tanta resistenza nei confronti di un dato di forma rafforza il sospetto che si tratti di un aspetto di sostanza il linguaggio non è mera descrizione della realtà: veicola strutture profonde dell ordine sociale crea immagini mentali e proprio per questo è un decisivo fattore di costruzione della realtà

Parlare al mondo: il sito WEB d Ateneo una carta di presentazione comunica attraverso parole e immagini i generi divengono letteralmente visibili e rappresentati le parole e le immagini del sito diranno al mondo come l ateneo vede (e dice) il genere e il rapporto fra i generi

Paris Sorbonne

LMU Muenchen

Bologna

Trieste

Pisa

Bologna

LMU Muenchen

Harvard

Siena

Rettori e rettrici

Dove il Rettore è una Rettrice Dal portale Unibas Nella descrizione degli organi di governo si parla di Rettore

Links interessanti Ma Ma il il link link Rettore porta A a Rettrice

Sito CRUI: incongruenze

Il sito web docente Per quanto possa fare carriera, Maria Rossi resta immancabilmente Dottorando, Ricercatore, Professore Associato, Professore Ordinario.

Il sito web docente

Collaboratrici/tori a LMU Muenchen

Direttrici a Paris-Sorbonne Testo

Prova Finale È forse il momento in cui l Università si presenta nella maniera più tangibile e diretta al mondo esterno

«Nessun laureando» (e qualche laureanda?)

Frontespizi Nel frontespizio delle Tesi di laurea si trova una certa varietà: Relatore: Prof. Maria Rossi Relatrice: Prof. Maria Rossi Relatore: Prof.ssa Maria Rossi Relatrice: Prof.ssa Maria Rossi

Come indico la (Cor)Relatrice? sarà Prof.ssa o Dott.ssa? Prof. o Dott.? Chiar.mo Prof.? Chiar.ma Prof. o Chiar.ma Prof.ssa? Semplice! È sufficiente seguire il fac-simile di frontespizio

Ad esempio

e poi

e infine

Tutta colpa del latino? Te DOCTOREM in superioribus disciplinis viva voce pronuntiamus «Maria Rossi, io la proclamo Dottore in» È tempo di proclamare Maria Rossi «Dottoressa»: tutte le persone che la festeggeranno la chiameranno così (e anche dopo)

Una formula contraddittoria

e un altra ancor di più

Congratulazioni ai laureati!

Le Riviste rappresentano l Ateneo (e la sua attenzione alla rappresentazione dei generi) presso le varie comunità scientifiche (nazionali e internazionali)

Controfrontespizio sarebbe bene che Maria Rossi diventasse Direttrice responsabile, Redattrice, piuttosto che Direttore e Redattore etc. Se Maria Rossi è Direttrice (o Redattrice) insieme a Mario Rossi, allora si possono indicare i loro nomi sotto l indicazione Direzione, Redazione, Comitato Scientifico etc

Articoli riferirsi alla collega Maria Rossi con nome e cognome, proprio come si fa con Mario Rossi evitare formule come «la Rossi», che suonano un po come «Rossi femmina» in bibliografia nome e cognome per esteso danno una più completa rappresentazione della persona in questione: Mario Rossi/Maria Rossi è meglio di M. Rossi

Studiose e prenomi «le citazioni dovranno comprendere nell'ordine: autore (eventualmente col prenome per esteso se trattasi di studiosa); titolo dell'opera»

Quando differenziare è discriminare Nell ultimo caso citato, un esempio di come il diverso trattamento risponda non alla volontà di differenziare ma piuttosto di discriminare. (sottinteso: ci sono poche studiose, dunque segnaliamole con un diverso trattamento citazionale)

Parte II Verso le «Indicazioni per la visibilità di genere nella comunicazione istituzionale dell Università di Bologna»

I precedenti: 29 anni di linee guida contro il sessismo linguistico

Alma Sabatini (1986/1987) Raccomandazioni per un uso non sessista della lingua italiana

Raccomandazioni per un uso non sessista della lingua italiana «Lo scopo di queste raccomandazioni è di suggerire alternative compatibili con il sistema della lingua per evitare alcune forme sessiste della lingua italiana [...]. Il fine minimo che ci si propone è di dare visibilità linguistica alle donne e pari valore linguistico a termini riferiti al sesso femminile»

Raccomandazioni per un uso non sessista della lingua italiana

Comune di Firenze e Accademia della Crusca (2010) Cecilia Robustelli, Linee guida per l uso del genere nel linguaggio amministrativo

Confederazione Elvetica (2012) Guida al pari trattamento linguistico di donna e uomo nei testi ufficiali della Confederazione

Confederazione Elvetica (2012)

Regione Emilia-Romagna (2015)

Università di Trieste (2012) Dichiarazione d intenti per la condivisione di buone pratiche per un uso non discriminatorio della lingua italiana

Università di Trieste (2012)

I nodi della riflessione per la redazione di «Indicazioni per la visibilità di genere»

Suggerimenti condivisi Dare spazio a entrambe le forme (Gentili studentesse, gentili studenti) rischio ridondanza

Dare spazio a entrambe le forme Gentilissimi, ho il piacere di invitarvi alle prossime presentazioni che si terranno presso la biblioteca [ ]

Dare spazio a entrambe le forme Care colleghe e cari colleghi, ringrazio innanzitutto i colleghi che mi hanno sollecitato a candidarmi [ ] Care colleghe e cari colleghi, ringrazio innanzitutto le colleghe e i colleghi che mi hanno sollecitato a candidarmi [ ]

Dare spazio a entrambe le forme

Dare spazio a entrambe le forme

Dare spazio a entrambe le forme Statuto UniBo, art. 1

Comunicato stampa d Ateneo, 9 dicembre 2014

Altri comunicati Alma Mater (2 e 25 dicembre 2014)

Suggerimenti condivisi Ricorrere nella comunicazione istituzionale alla forma femminile di nomi di professioni, quando comunemente accettata (professoressa, direttrice). Valutare caso per caso nomi di professione non ancora entrati pienamente nell uso (architetta, avvocata).

Forme femminili dei nomi di professione

Suggerimenti condivisi Evitare di citare le donne come categorie a parte Usare il termine signora (simmetrico di signore) e non signorina Evitare di dare la precedenze al maschile nelle coppie oppositive uomo/donna Evitare l articolo con i cognomi femminili

Possibili critiche Il rischio della ridondanza. L ironia di Massimo Arcangeli «la facoltà di scelta, come è ovvio, non è esclusivamente dei/delle parlanti ma anche degli/delle scriventi; di tutti/e gli/le utenti di quella lingua, insomma di tutti/e quelli/e che la usano quotidianamente. I grandi - uomini e donne - e i piccini/le piccine»

Nodi problematici Accordo di aggettivi e participi passati (Maria, Carla e Marco sono andate ) non accettato da tutte e tutti Femminile di alcuni nomi di professione (avvocata? architetta? dottoressa? dottora?) forme non condivise, spesso dalle stesse interessate

Nodi problematici Evitare l uso del maschile generico per denotare sia uomini che donne e preferire termini collettivi ambigenere porta all uso di termini astratti, contrari alla chiarezza Ricorso al passivo e all impersonale per evitare di esplicitare il genere si rischia la deriva nel burocratese e si violano norme sulla semplificazione

Per concludere A parte questo, trovo stucchevoli le considerazioni estetiche del tipo ma ti suona bene soldata, avvocata, ecc., così come chi insiste sulla compatibilità grammaticale perché la questione è banalmente politica. [ ] I risultati raggiunti trent anni fa in altri paesi, in termini di diritti e di lingua insieme, non venivano dalle istituzioni, ma dal basso, perciò oggi in quei luoghi e in quelle lingue la parità linguistica è scontata. [ ] In tutto il dibattito manca la politica, come sollecitazione e come scopo, perciò siamo fermi a trent anni fa. (Elena Pistolesi)