PER UN GOVERNO DELLA CITTA DEMOCRATICO, EFFICACE E PARTECIPATO

Advertisement
Documenti analoghi
della popolazione, del prodotto interno lordo, del gettito fiscale e degli investimenti

1) RIFORMA DELLA LEGGE ELETTORALE

COMUNE DI MARCELLINA Provincia di Roma

CODICE DELLE AUTONOMIE

ISTITUZIONE DELLA CONSULTA COMUNALE PER L'INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E DELLE LORO FAMIGLIE. IL CONSIGLIO

COMUNE DI COLLI AL METAURO

CONFERENZA ZONALE PER L ISTRUZIONE Comuni di Livorno, Collesalvetti e Capraia Isola REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONFERENZA ZONALE

ORDINE DEL GIORNO NO ALL ITALIA SENZA LE PROVINCE

REGOLAMENTO FINANZIARIO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI TAVOLI ALLARGATI DI PARTECIPAZIONE ALLA VITA AMMINISTRATIVA

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI EXTRA-UE ED APOLIDI RESIDENTI A TRIESTE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO CONSILIARE ULIVO PARTITO DEMOCRATICO. Art. 1 Oggetto e finalità

CITTA di SAN DANIELE DEL FRIULI Provincia di Udine. Regolamento per l istituzione ed il funzionamento della Commissione per le Pari Opportunità

COMUNE DI NERVIANO (Città Metropolitana di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONSULTA GIOVANI

Segreteria di Stato per il Lavoro, la Cooperazione e le Politiche Giovanili

Parere. Sullo schema di

BOZZA Regolamento di Comitato Studentesco

Il processo di decentramento amministrativo della Città di Napoli. Milano, 29 giugno 2012

COMUNE DI SALA BOLOGNESE PROVINCIA DI BOLOGNA O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 41

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA'

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA METROPOLITANA DELLE DEMOCRATICHE

La Casa delle Idee. Regolamento Forum Permanente della Partecipazione. Articolo 1 Oggetto (Cos è?) 2. Articolo 2 Finalità (Cosa fa?

CITTÀ DI CHIARI. Provincia di Brescia REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

COMUNE DI LUCERA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLA CULTURA

Breve Storia delle Circoscrizioni a Bari

!!" # $% &!!" ' $( )# * + ", &!!- #,.!!"/!$$ /, / # 0 $1!!- $%2 /,3 4 5 ( $% ()!!789 &!!"489#!!- / % )!!-$29 & $" /:,,

Oggetto: Petizione popolare per l istituzione della Consulta territoriale delle donne

REGOLAMENTO DEL TAVOLO DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI SAN PANCRAZIO SALENTINO

ASSEMBLEA LEGISLATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA GRUPPO CONSILIARE PDL. PROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei consiglieri regionali

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER I SERVIZI ALLA PERSONA E VOLONTARIATO ASSESSORATO SERVIZI ALLA PERSONA

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI MEDE

Regolamento del Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 13 MARZO 2015)

Oggetto: richiesta di convocazione di Consiglio comunale ai sensi dell'art. 6 del Regolamento

Regolamento del Partito Democratico della Federazione di Cremona

Comune di Pozzuolo del Friuli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL MUNICIPIO 5 BILANCIO PARTECIPATO

Statuto dei Giovani Democratici della Provincia di Varese

LE PROVINCE SI TRASFORMANO E LE CITTÀ METROPOLITANE PRENDONO IL VIA

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1994 II COMMISSIONE CONSILIARE AFFARI ISTITUZIONALI COMMISSIONE SPECIALE RIORDINO DELLE AUTONOMIE PROGETTO DI LEGGE N.

Documento UPI. Incontro sulle riforme costituzionali con il Ministro per le riforme istituzionali e la devoluzione, Sen.

Comune di IMPERIA. Oggetto: PROPOSTA DI DELIBERA RECANTE ANAGRAFE PUBBLICA DEGLI ELETTI

STATUTO DELLA REGIONE PIEMONTE.

CASE HISTORY: I PROCESSI PARTECIPATIVI NEGLI STATUTI COMUNALI COMUNE DI VIGNOLA (MO)

Statuto di Sinistra Per!

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Regolamento del Forum Giovani

COMUNE DI TERRANOVA DI POLLINO

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DELLE CONSULTE COMUNALI

REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO

Statuto dei Giovani Democratici Federazione di Novara

Bilanci di genere: una nuova sfida per gli Enti Locali

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PER L AGRICOLTURA, ALLEVAMENTO E SALVAGUARDIA DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GESICO

COMUNE DI FILADELFIA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI. Art. 1 Costituzione e finalità

REGOLAMENTO CONSULTAZIONE ASSEMBLEARI E RAPPRESENTANTE DI ZONA TERRITORIALE COMUNE ALTOPIANO DELLA VIGOLANA

Le proposte per la riforma delle autonomie locali in Lombardia

Statuto della Consulta del Commercio e del Turismo

Città di Desenzano del Garda. Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n.

DISCIPLINA DEL CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI. Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato.

COMUNE DI SACCOLONGO Provincia di Padova

Consiglio Regionale della Puglia Gruppo Consiliare di Alleanza Nazionale. Proposta di legge

Le linee d azione per un nuovo assetto della PA della Lombardia. Patto per lo Sviluppo 6 maggio 2016

Comune di Cava Manara. Regolamento del Bilancio partecipativo

CITTA DI SCAFATI REGOLAMENTO PER LA CONSULTA PER IL COMMERCIO E L ARTIGIANATO

Coordinamento Provinciale di Venezia

DIREZIONE POLITICHE SOCIALI Proposta di Deliberazione N DL-197 del 25/06/2014

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO

CORSO PER ATTIVISTI DEL M5S E CITTADINI

COMUNE DI SERMIDE. Regolamento CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE PER IL TURISMO

C I T T À D I R E C A N A T I

Formazione flessibile. Riconoscimenti internazionali. Obiettivi formativi. La sede ufficiale del Parlamento Europeo a Roma. Quale migliore location?

Protocollo d intesa. tra

A C C O R D O Per la realizzazione delle attività del Laboratorio di Quartiere

COMUNE DI CESENA. Disciplinare di istituzione e funzionamento. del Comitato degli utenti della Città di Cesena

COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA

BILANCIO PARTECIPATO NEL COMUNE DI ISNELLO. C a p o I Disposizioni generali. Art. 1 - Definizione e finalità

COMUNE DI VIESTE Provincia di Foggia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE

LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta dell Assessore Istruzione e Politiche per i Giovani

Comitati Consultivi Misti. Riferimenti normativi

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO

REGOLAMENTO DELLE CONSULTE COMUNALI

COMUNE DI VERGHERETO Provincia di Forlì - Cesena

COMUNE DI VALENZANO Provincia di Bari

PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. (di seguito Regione)

COMUNE DI GORLA MAGGIORE REGOLAMENTO COMMISSIONE GOVERNO DEL TERRITORIO E AMBIENTE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI E DEGLI APOLIDI

CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO. Articolo 1 (Principi generali)

Provincia della Spezia

SE CI CREDIAMO DIPENDE DA NOI

( Provincia di Napoli )

PROVINCIA DI PESCARA 29 GIUGNO Intervento di Ioletta Pannocchia, Direttore Generale Promo PA Fondazione

COMUNICAZIONE DEL SINDACO METROPOLITANO IN ORDINE A MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO METROPOLITANO DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO

Comune di Pontremoli

Protocollo di intesa. tra. Regione Toscana. Provincia di Pisa. Provincia di Livorno. Comune di Cascina. Comune di Pontedera

REGOLAMENTO CONSIGLI DI FRAZIONE

Advertisement
Transcript:

PER UN GOVERNO DELLA CITTA DEMOCRATICO, EFFICACE E PARTECIPATO Non è facile affrontare la questione dei costi della politica e della riorganizzazione della rappresentanza in una fase turbolenta come questa: da un lato assistiamo al manifestarsi di uno spirito di aperta ostilità nei confronti del sistema politico da parte di un opinione pubblica impaurita e confusa dal drammatico disvelarsi della crisi economica che colpisce duramente il nostro paese e che ha radici profonde, un ostilità alimentata da demagogia e populismo alla quale il ceto politico nella sua sostanziale interezza non è riuscito a dare risposte convincenti. Allo stesso tempo ci troviamo ad ascoltare esercizi di addizioni e sottrazioni sul numero delle Circoscrizioni cittadine che non fanno altro che delegittimare nella loro interezza quelli che sono strumenti di partecipazione dal basso alla vita civile e politica che dovrebbero essere il vanto di ogni sistema democratico. Il Partito democratico di Trento non si presta alle semplificazioni né tantomeno rincorre quella parte di opinione pubblica che dietro alla critica feroce di un sistema politico spesso inadeguato nasconde rabbia sociale, disperazione o cieco individualismo. Grazie alle sollecitazioni giunte a suo tempo dai circoli e dai gruppi circoscrizionali del PD dell Argentario e di Gardolo e trovando terreno fertile in molte sensibilità del partito cittadino, ci siamo posti il problema prima che ce lo dicessero gli altri e lo affrontiamo senza affanni dell ultima ora, forti delle nostre proposte e dell ampio dibattito sviluppatosi. Per noi valgono dunque la parole approvate dal Coordinamento cittadino il 10 febbraio scorso delle quali questo documento è la prosecuzione naturale: Il costo della politica rappresenta uno dei temi più difficili da affrontare, perché a fronte della grande valenza che una fetta importante dell opinione pubblica attribuisce alla questione, le riduzioni di spesa che si potrebbero effettivamente realizzare, pur adottando misure drastiche, non comporterebbero risparmi di valore assoluto, soprattutto se teniamo conto del volume complessivo del bilancio pubblico rispetto al quale, è bene ricordarlo, la politica nella sua espressione amministrativa dovrebbe garantire una gestione efficace e trasparente, Ciò nonostante, per quanto si parli di una questione tanto sentita quanto esposta a facili demagogie e populismi, assai di rado la classe dirigente è stata capace di mandare segnali chiari ed inequivocabili che andassero nella direzione che ora più che mai abbiamo la responsabilità di imboccare, con la consapevolezza che i tempi ci impongono: quella del risparmio, niente di più e niente di meno che il risparmio, come in qualunque situazione nella quale le risorse diminuiscano. Non si tratta di inseguire gli umori di un opinione pubblica incattivita dalla crisi economica e dai germi del populismo leghista, e neppure di ergerci a fustigatori dei costumi altrui, nell illusione che per evitare la becera 1

semplificazione del grillismo ( i partiti sono tutti uguali e sono morti ) sia sufficiente qualche provvedimento di facciata. Abbiamo troppo rispetto per la storia e per le nostre intelligenze per non distinguere i costi della politica dai costi della democrazia, che costi non sono, bensì investimenti finalizzati al bene comune; per non ricordare che i tempi nei quali l impegno politico e rappresentativo si basava sul volontariato gratuito erano i tempi nei quali la politica la facevano solo i ceti privilegiati, e che le indennità parlamentari rappresentano storicamente una grande conquista della democrazia europea. Il Partito democratico è nato anche per promuovere un idea della politica che allontani da sé la dimensione dell interesse personale, nella convinzione che la politica debba essere passione, impegno civile, partecipazione. Tra gli amministratori eletti nelle liste del Partito democratico di Trento questa consapevolezza è emersa a più riprese, ed è quindi tempo che il partito cittadino indichi una strada chiara e condivisa da percorrere tutti insieme. Di recente la Giunta comunale guidata dal Sindaco Andreatta si è ridotta l indennità, seguita dai presidenti delle Circoscrizioni della città, mentre il gruppo consiliare del Comune ha avviato a sua volta una riflessione su questo argomento, condividendo il prolungamento dell orario delle sedute; nella primavera scorsa alcuni circoli cittadini, Gardolo e Argentario su tutti, avevano posto con forza il tema della riduzione dei costi della politica, suscitando un dibattito che non eravamo stati capaci di gestire in modo unitario. Per questo dobbiamo essere tutti consapevoli che l obiettivo è comune, così come siamo altresì tutti concordi nel ritenere che il problema vada affrontato con il senso delle proporzioni ed in una logica organica e coordinata. A questo riguardo dobbiamo assolutamente evitare di cadere in semplificazioni che non appartengono alla nostra cultura e alla nostra storia: pensare che le Circoscrizioni rappresentino un costo evitabile e che la riforma del decentramento vada condotta nella direzione di un taglio delle stesse finalizzato esclusivamente ad una riduzione delle spese sarebbe un errore gravissimo. Pensare ad un operazione chirurgica condotta a tavolino, mappa della città alla mano, significherebbe tradire i territori, disconoscere la storia della nostra città, privarci di uno straordinario strumento di partecipazione civica e, in ultima analisi, accettare una logica di efficientismo centralistico che non può bastarci per rappresentare la nostra idea di politica. Certo, la riforma del decentramento è urgente e necessaria, e può essere percorsa anche realizzando importanti risparmi: se è vero che le indennità potrebbero essere abbassate, è altrettanto vero che si potrebbero fornire almeno ai presidenti di commissione gli strumenti per esercitare al meglio la propria funzione, così come si potrebbe favorire la partecipazione dei giovani attraverso incentivi legati al trasporto pubblico o alle spese di carattere culturale e formativo; se possiamo essere d accordo su una riduzione generalizzata del numero dei componenti i consigli circoscrizionali, possiamo altresì pensare a tutelare la rappresentanza dei quartieri, liberando il Consiglio comunale 2

dalla dimensione di rappresentanza degli interessi di territorio che troppo spesso ne rende asfittica la capacità di visione d insieme della realtà cittadina. A questo riguardo si aprono una serie di riflessioni che, a partire dal ruolo del Consiglio comunale e sulla scorta del dibattito avviato da tempo sulla riforma del regolamento, potrebbe condurci sulla strada di una riduzione del numero dei consiglieri e della ridefinizione delle funzioni delle commissioni consiliari. Come possiamo ben vedere non si tratta solo di indennità, per quanto queste rappresentino la punta di un iceberg al quale i cittadini sono legittimamente assai sensibili. Non è facile affrontare la questione dei costi della politica e della ricontestualizzazione del sistema politico degli enti locali in una fase così complessa e incerta come questa, fortemente condizionata dalle preoccupazioni generate dalla attuale crisi, non solo dell economia ma anche delle istituzioni e della politica in generale. Tuttavia riteniamo che l attuale momento di crisi costituisca per ciascun cittadino un opportunità per riflettere sul proprio agire, sulle proprie scelte e priorità di spese e investimenti e che in particolare per ogni amministratore e per ogni partito sia oggi più che mai un dovere interrogarsi responsabilmente e seriamente su quanto la propria attività politica costi alla comunità. Ci riferiamo all argomento costi della politica non considerandolo semplicemente dal punto di vista di quanto costa la politica, in termini di spesa, ma anche nel suo contesto complessivo e di metodo di gestione della politica, intesa come giusto e qualificato servizio alla comunità, capace di prendersi cura del bene comune e di amministrarlo nel miglior modo possibile. Richiamiamo la necessità di approcciare il problema in maniera più estesa: i primi costi della politica sono gli sprechi che si creano quando essa non riesce a dare risposte efficaci e concrete ai problemi reali dei cittadini, quando prolunga numero e durata delle riunioni rinviando le decisioni e i provvedimenti operativi che guardino all interesse di tutti, quando non sviluppa una progettualità efficace, quando non misura e non verifica gli esiti dei propri interventi, quando si pone come primo obiettivo la ricerca del consenso elettorale e degli interessi di parte, quando si preoccupa dell apparenza e non della sostanza, Tutto questo non solo rallenta le decisioni e l efficacia dei provvedimenti, ma anche peggiora l interesse del cittadino verso la politica, percepita come troppo debole e lontana dalle modalità e dai tempi con cui si affrontano i problemi della vita reale, nel mondo del lavoro e non solo. Oggi più di prima è il momento di intensificare in modo concreto, trasparente e partecipato lo sforzo comune di giungere a delle azioni sostanziali e strutturali che tendano a migliorare l efficacia e l efficienza dei vari livelli delle istituzioni. Riteniamo che il primo doveroso contributo che gli amministratori del Partito Democratico possano apportare alla riduzione dei costi della politica sia quello di essere preparati e di adottare un metodo 3

di lavoro e una progettualità il più possibile competente, efficace e lungimirante, che sia misurabile e verificabile rispetto a degli obiettivi condivisi, contribuendo così all amministrazione del bene comune con interventi e proposte di qualità. Per quanto riguarda il Consiglio comunale, le nostre proposte sono le seguenti:: - Riduzione del numero dei consiglieri comunali a 35 - Riduzione del numero di componenti della giunta a 6, con auspicio a svolgere l incarico a tempo pieno - Prolungamento della durata delle sedute di un ora (fino alle 22.30) - Taglio del 20% dei fondi destinati ai gruppi consiliari - Abolizione dei rimborsi per le spese di viaggio dei consiglieri residenti nel Comune di Trento, limitandoli a chi risiede al di fuori dei confini del Comune di Trento - Riduzione del 50% del gettone di presenza nelle commissioni e vincolare l attribuzione del gettone di presenza alla partecipazione ad almeno ¾ della riunione stessa - Riduzione delle commissioni consiliari sia statutarie che permanenti. Passare dalle attuali 9 commissioni a 6 commissioni - Riduzione del 50% dell indennità del Presidente del Consiglio comunale e del 20% dei gettoni di presenza dei consiglieri comunali per la partecipazione al Consiglio - Istituzione del question time, da tenersi prima dell inizio del Consiglio, o in sessioni apposite, al di fuori dell orario espressamente destinato al Consiglio, e quindi non soggetto al erogazione di alcun gettone di presenza, al fine di smaltire interrogazioni e domande d attualità. L ultimo punto ci dice quanto sia importante spingere per una rapida riforma del Regolamento del Consiglio comunale, al fine di rendere i tempi di lavoro più efficaci: a questo riguardo il gruppo del PD, a cominciare dai membri della commissione Statuto, ha elaborato una serie di proposte che il partito sostiene con convinzione. - valorizzazione maggiore del ruolo del Consiglio comunale sia con maggiori competenze (es. sui progetti preliminari opere pubbliche,...) che nella valorizzazione delle proposte di iniziativa consiliare (mozioni e ordini del giorno); - migliorare la programmazione dei lavori d'aula con equa distribuzione dei tempi fra proposte della Giunta e proposte del Consiglio e fissando ad esempio, come per le interrogazioni, un tempo definito ogni tornata consigliare per la discussione delle mozioni e ordini del giorno; 4

- revisione dei tempi d'aula per incrementare l'efficacia del lavoro d'aula, l'uso oculato del tempo e sfavorire l'uso dell'ostruzionismo gratuito e improduttivo; nuova disciplina sui tempi di presentazione degli emendamenti e ordini del giorno collegati; - incrementare l'efficacia del lavoro delle commissioni consiliari anche prevedendo una diversificazione delle funzioni (consultiva, referente, redigente); - aumentare i limiti alla formazione di nuovi gruppi nel corso della consiliatura; - garantire la rappresentanza di genere nella giunta comunale; - snellimento degli organi istituzionali, con l'eliminazione dell'ufficio di Presidenza, assegnazione alla conferenza dei capigruppo delle competenze della commissione Statuto Per quanto riguarda le Circoscrizioni, il gruppo coordinato da Andrea Robol e composto da Mariachiara Franzoia, Emanuele Lombardo, Paolo Serra e Roberto Stanchina ha prodotto una proposta di riforma integrale del regolamento del decentramento che verrà presentata alla commissione appositamente costituita dall Assessore al decentramento Tomasi. I punti qualificanti di questa proposta e di quella del PD sono: - Abolizione dei gettoni di presenza nelle commissioni circoscrizionali - Riduzione del 30% dell indennità del Presidente del Consiglio Circoscrizionale - Riduzione del 20% dei gettoni di presenza dei consiglieri circoscrizionali per la partecipazione al Consiglio - Riduzione del numero dei consiglieri da 15 a 11 nelle Circoscrizioni con più di tremila e meno di diecimila abitanti e da 19 a 15 nelle Circoscrizioni con più di diecimila abitanti. - Divieto di candidarsi in più di una Circoscrizione - Prevedere meccanismi partecipativi che ci avvicinino sempre più a modelli amministrativi di bilancio partecipato - In ogni Circoscrizione è costituito un Centro Civico. Il Centro Civico è la sede della Circoscrizione e punto di riferimento e di incontro dei cittadini. All interno del centro civico la Circoscrizione è tenuta ad individuare uno spazio idoneo per i consiglieri circoscrizionali dove gratuitamente possono utilizzare attrezzature di uso collettivo (personal computer, stampante, fotocopiatrice,ecc.) per svolgere il loro mandato amministrativo. L accesso a tale locale deve essere svincolato dagli orari amministrativi del comune e situato in modo tale che i consiglieri possono accedere in qualsiasi orario della giornata. - Almeno una volta all anno il Presidente del Consiglio circoscrizionale convoca l assemblea dei cittadini per discutere delle attività del Consiglio Circoscrizionale, della convocazione 5

viene data comunicazione ai cittadini tramite affissione nelle bacheche della propria Circoscrizione e ove possibile con il giornalino della circoscrizione. - Auspicare che una quota fissa dei componenti del Consiglio circoscrizionale sia destinata alla rappresentanza di genere e ai giovani - Riordino delle funzioni, con l abolizione di una serie di pareri obbligatori ritenuti non pertinenti Per quanto riguarda l annosa questione del numero delle Circoscrizioni, il PD di Trento rifiuta semplificazioni e demagogie che poco hanno a che fare con la nostra idea di politica. Non c è dubbio che 12 Circoscrizioni appaiano come un numero sproporzionato per una città delle dimensioni di Trento; ma non possiamo nemmeno negare ai sobborghi il diritto di vedere tutelate e riconosciute le loro peculiarità, quel patrimonio di storia, tradizioni, coltura, identità che rappresentano il cemento di una comunità. Chiediamo quindi ai nostri rappresentanti nei Consigli circoscrizionali ed ai nostri circoli territoriali di avviare percorsi condivisi con gli alleati (innanzitutto UpT e PATT) per verificare possibili percorsi di accorpamento amministrativo che non intacchino la rete di servizi al cittadino rappresentata dal decentramento e tutelino la rappresentanza e l identità di comunità tanto più preziose quanto più sono piccole e, talvolta, fisicamente isolate. Il PD ritiene infatti che ci sia la possibilità di accorpare alcune Circoscrizioni per quanto riguarda l ambito politico-amministrativo, senza intaccare la rete di servizi al cittadino, se non per migliorarla (ad es. ambulatori e sportelli circoscrizionali aperti presso diverse sedi ad orario alternato). Il Comune può puntare ad incentivare il lavoro di team di associazioni simili presenti su territori adiacenti, evitando così sovrapposizioni di attività analoghe e ottimizzando le risorse Il Partito democratico di Trento 6