Galliate Il Varallino

Advertisement
Documenti analoghi
Rilevi della cappella della Trinità di Campertogno

S. Maria delle Grazie una del- essa sono presenti nell apprezzo di le chiesette campestri che costellano l agro di Cerignola sorge lungo la

L'ANTICO ALTARE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI CAMPERTOGNO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI TORINO CLASSE 1C A.S PROGETTO ADOTTA UN MONUMENTO MADONNA DELLA DIVINA PROVVIDENZA

BASILICA DI SAN LORENZO MAGGIORE

25 chilometri di percorso, dalla nebbia di Perugia al sole della Rocca di

La Chiesa parrocchiale

PARROCCHIA DI TRAMONTI DI SOPRA LE CHIESE DI: DIOCESI DI CONCORDIA - PORDENONE SAN FLORIANO MARTIRE MADONNA DELLA SALUTE CHIESETTA DEGLI ALPINI

Il gotico a Firenze. 1. Architettura gotica a Firenze

Chiesa della Madonna della Neve

Oggi si riconosce in molte case della piccola frazione del comune di Cerreto lo stile tradizionale di costruzione di quell'epoca.

Il Foglio Parrocchiale La Via Crucis per i ragazzi Jesus - Il Film

Rotulo di San Teobaldo, rotolo membranaceo del XIV secolo

Restauro stucchi e superfici in marmorino

Santuario di Maria SS. ma del Sabato

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

Cassano allo Ionio Cattedrale della Natività della Vergine

Tre finestre rettangolari, decorate con vetri multicolore raffiguranti S. Pietro, S. Paolo e Gesù Cristo, illuminano la cantoria e la navata centrale

In ordine da sinistra in basso le scene rappresentano: la Presentazione al tempio ove risalta il robusto Bambino sostenuto da Simeone che predice a

LA CHIESA DI SAN MARTINO, GIOIELLO DEL BAROCCO ASTIGIANO. Giornate FAI di primavera marzo 2016

Edicole sacre e Capitelli

IL RINASCIMENTO. Il 400

BASILICA DI SANTA MARIA E SAN SIGISMONDO

Tesori Sacri Esito del bando

L aula di Santa Maria dei Bisognosi (Pereto Rocca di Botte)

Curriculum Vitae. Balostro Silvia Loc.Fornacetta,3 Vignole Borbera(AL) Cell Studi e formazione

CHIESA DI SANTA CATERINA

AETHRA CONSERVAZIONE BENI CULTURALI

Palma Nascosta 3 IL MONASTERO DEL SS. ROSARIO. Alla scoperta del passato dimenticato Nel cuore del misticismo dei Tomasi

Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria

I SEGNI DEL SACRO AD ARCORE

Chiesa Parrocchiale di S. Bartolomeo- Chiesa della SS Trinità o Chiesa Vecchia Chiesa di Santa Croce Chiesa di S. Gregorio

IL RESTAURO DEL CHIOSTRO DEL CARMINE 18 marzo 2005 Mario Colella 1

Cutrofiano. scheda n. 4. Chiesa dela Madonna della Neve. Cripta di San Giovanni. Chiesa rupestre di San Giovanni

SCUOLA ELEMENTARE DI BERZO INFERIORE. Classe 5^

CHIESA DI SAN LEONE. All'interno della chiesa si possono ammirare:

Chiesa Addolorata di Serra San Bruno

CHIESA DELL'IMMACOLATA CONCEZIONE. Esterno

Leon Battista Alberti

Alessandro Calegari (post 1699-ante 1769)

CURRICULUM. Dueangeli Arte e Restauro S.r.l.

COMUNE DI OSSIMO - PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Elenco delle emergenze puntuali del territorio comunale EMERGENZE STORICO ARCHITETTONICHE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Posto nella valle del torrente

A lato: il crocifisso ligneo dell altare maggiore (particolare).

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara

Il Santuario della Madonna del Carmine. delle Serre di Acquafondata

Il complesso parrocchiale di Mollia comprende la Chiesa vera e propria, la Via Crucis e l Ossario.

ABACO VALORI DELL ABITATO ED ELEMENTI DELLA MEMORIA

Covelli Silvia FORMAZIONE Qualifica: Collaboratore Dei Beni Culturali come da D.L. n 420 del 24 Ottobre 2001 e successive modifiche

«Il restauro dell'apparato decorativo: il cotto»

Il palazzo, cui si accede attraverso un ampio portale, è costituito da due piani inferiori oltre al piano nobile.

MAJANO: PROPOSTE DI PERCORSI CULTURALI. Per chi arriva a Majano ci sono diverse possibilità di effettuare delle escursioni.

Elenco schedatura Beni mobili

LA CAPPELLA MARIA ASSUNTA AD ALTFINSTERMÜNZ Wolfgang Rudigier

Andrea Mantegna il pittore di corte del Rinascimento

Il rivestimento pittorico della Basilica in San Francesco 35

La Chiesa Del Gesù Nuovo

Onzo, un affresco perduto ritrovato nella cappella di San Giuseppe a Varavo

Robinson All interno vi è il Parco Robinson. L Associazione dei Robinson.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio e ora e sempre, nei secoli dei secoli. Amen.

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il

Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il

Cancellara

VIII-2, Mattia Preti (Taverna 1613-Malta 1699) Apoteosi di San Pietro Celestino Matita nera su carta mm.247x190 ca Museo Civico, Sala Mattia

Nel prospetto orientale o di Piazza dei Sette Angeli, che dà su via Simone Beccadelli di Bologna, si trova la parte absidale, di particolare

CHIESA DI SAN GIACOMO

INDICE DELLE MATERIE

ITINERARIO GAGINIANO DAL CHIOSTRO DEI FRATI MINORI OSSERVANTI AL MUSEO DI ARTE SACRA

La contemplazione di Cristo ha in Maria il suo modello insuperabile. Il volto del Figlio le appartiene a titolo speciale.

FUORI E DENTRO LA MOSTRA Un itinerario ala scoperta del territorio al tempo dei Vivarini

COMITATO PRO SAN NICOLA

MARIA PRESENTA GESÙ AL TEMPIO

Viggianello. Comunità montana Alto Sinni

Vendrogno e le sue 13 chiese

AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI CUSAGO SETTORE EDILIZIA

SCOPRIRE. Sant'Agata sul Santerno

COMUNE DI FORESTO SPARSO

Le Parrocchie di Biancavilla

GIOVANNI DA MODENA Un pittore all ombra di San Petronio. 12 dicembre aprile 2015

Chiesa di San Lorenzo Alessandria

CHIESA DI PANAYÌA DI ASINOU (ASÌNU) O DI PANAYIA FORVIÒTISSA

Pubblicato sul Portale di Torre Vado

Salendo un'armoniosa scalinata in tufo si giunge alla chiesa di Avausa composta

SCHEDA ANALITICO-DESCRITTIVA per le Architetture a cura di Maria Rosaria Iacono

«Va' nella tua casa, dai tuoi, annuncia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la misericordia che ha avuto per te».

40. Chiesa di San Fedele e oratorio del Crocifisso

Festa di Inaugurazione della restaurata Chiesa del Fopponino

CHIESE E ORATORI DI RASSA. Chiesa parrocchiale

CHIESA DI SANTA CHIARA. Analisi storica della città di Trani e pianta della Chiesa e Convento di S. Chiara.

PARROCCHIA SANT' ANTONIO ABATE VALLECROSIA

ORATORIO VISCONTEO. Albizzate (VA)

Basilica San Paolo Maggiore di Napoli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

INDICAZIONI LITURGICHE PER LA PRIMA VISITA NELLE COMUNITÀ DEL VESCOVO PIETRO MARIA

IL DUOMO di SIENA. foto: Alessandro Gambetti

IL RINASCIMENTO. Il Quattrocento seconda parte

CAMPANILI ABRUZZESI. Campanili gemelli

Dopo aver percorso in pullman la riva sinistra d Adige si prosegue a piedi per la visita nel cuore più antico del centro storico. VERONA IN GENERALE

Advertisement
Transcript:

Galliate Il Varallino La chiesa di San Pietro in Vulpiate (o, nella dizione più antica, Lupiate), più conosciuta come Santuario del Varallino, è situata poco fuori dall'abitato di Galliate, nella vallata del Ticino, a una decina di chilometri ad est di Novara. Al suo interno le cappelle laterali e il presbiterio, ricchi di statue ed affreschi, ripercorrono il ciclo dei misteri del Rosario. Nell'ottocento cominciò ad essere chiamato "Varallino" perché ricordava in scala minore il Sacro Monte di Varallo Sesia. La facciata, progettata dal galliatese Ercole Marietti, con un pronao a sei colonne del 1886 e con un ampio frontone ornato da statue sia alla sommità che ai lati, è di stile vagamente neoclassico. Sul lato destro si eleva il campanile, progettato nel 1859 dall'architetto milanese Giacomo Moraglia, in sostituzione di quello minuscolo posto sulla facciata della chiesa. Sopra la porta d'ingresso al Santuario un affresco del pittore Pinoli raffigura la fuga di San Pietro (1625). L'INTERNO Superato l'elegante portale, si accede all'interno dominato da un'ampia volta. Le decorazioni delle lesene e delle pareti e l'indoratura dei capitelli, compiute verso il 1850, sono opera dello stuccatore Jachetti da Riva Valsesia; i ferri battuti della scala a chiocciola e della ringhiera sotto la volta sono del galliatese Francesco Ugazio (primi anni del 1900). Sul lato destro si aprono le cinque cappelle dei Misteri Gaudiosi. Sul sinistro quelle dei Misteri Dolorosi. In fondo, nel presbiterio, sono raccolti i Misteri Gloriosi; le attigue sacrestie sono affrescate con scene evangeliche..

LE ORIGINI Nel 1500 un "chiesuolino" nella regione di Lupiate in aperta campagna, dedicato a San Pietro, diventa centro di viva devozione a Maria: su una parete di questa chiesa campestre, forse per sciogliere un voto della comunità, alla era stata fatta dipingere l'immagine della Madonna. La tradizione popolare ricorda che la cappelletta venne ampliata per le molte grazie concesse: nel 1593 alla nuova chiesetta, di forma ottagonale, si aggiunge l'attuale vasto edificio di forma ellittica con i vani delle dieci cappelle ai lati. Quasi sicuramente il progetto è opera del valente architetto milanese Pellegrino Pellegrini, detto il Tibaldi. Nei primi anni del 1600 il sacerdote galliatese Francesco Quagliotti si adoperò instancabilmente per completare la nuova grande chiesa GLI ARTISTI L'artista che maggiormente lasciò la sua impronta in questo santuario fu Lorenzo Peracino, nativo di Cellio in Valsesia. Lavorò presso il Varallino dal 1748 al 1752; quindi, con il figlio Giovanni Battista, vi ritornò dal 1765 al 1767 e dal 1779 al 1781. Importanti anche i contributi di Dionigi Bussola, allievo del Bernini, impegnato dal 1669 al 1671, e del neoclassico Giosué Argenti (1838 1842). Tra gli altri, ricordiamo inoltre il milanese Giovanni Battista Dominioni (1693), Grazioso Rusca e Francesco Antonio Biondi (1795), Magno Cogliati da Canegrate (1798).. CRONOLOGIA DEL SANTUARIO Fine del XV secolo (?): Sulle pareti di una chiesetta campestre dedicata a San Pietro in regione Lupiate, a poca distanza dall'abitato di Galliate, uno sconosciuto artista affresca un'immagine della Beata Vergine con il Bambino, opera che ben presto acquista fama di dipinto miracoloso. 1590: Si dà inizio ai lavori per edificare «de novo» l'antica costruzione, ampliandola e dotandola di dieci cappelle laterali. 1593: Il vescovo Bascapè approva il progetto: in breve si esegue «l'alzata sino al colmo delle cappellette», poi i lavori si interrompono.

Inizio del XVII secolo: Nelle prime tre cappelle di destra vengono collocate statue raffiguranti l'annunciazione, il Corteo dei Magi, la Natività. 1669 1671: Il milanese Dionigi Bussola realizza le statue per quattro delle cinque cappelle di sinistra (rappresentanti l'orazione nell'orto, la Flagellazione, l'incoronazione di spine, la Salita al Calvario). 1675: All'incompiuto edificio cinquecentesco si aggiunge la grande volta ellittica centrale. La facciata resta però ancora da completare. 1693: Lo scultore Giovanni Battista Dominioni realizza il gruppo statuario dell'assunta, collocato sull'arco del presbiterio. 1748 1752: L'artista valsesiano Lorenzo Peracino affresca le cinque cappelle di sinistra, prepara le statue per l'ultima (dedicata alla Crocifissione), dipinge quelle realizzate dal Bussola e dal Dominioni. 1757 1758: Su progetto del Peracino si amplia il presbiterio, sormontandolo con una doppia cupola, e si costruiscono il coro e le due sacrestie. 1762: Il Peracino fa collocate l'antico affresco della Madonna (che ridipinge nel 1766) nella posizione attuale in fondo al coro, all'interno di una cornice di marmo. 1765 1767: Il Peracino decora la cupola sopra l'altare con l'incoronazione di Maria nella gloria del Paradiso da parte della Santissima Trinità (vedi foto sottostante). 1769: Lorenzo Peracino termina di affrescare il presbiterio, trasformandolo in una grande cappella illustrante i Misteri Gloriosi del rosario. 1777: Sempre su disegno del Peracino, viene realizzato, in sostituzione del precedente, l'attuale altare di marmi policromi. 1780 1781: Coadiuvato dal figlio Giovanni Battista, il Peracino, ormai anziano, affresca con scene evangeliche anche le due sacrestie. 1795 1796: Lo scultore ticinese Grazioso Rusca e il pittore lombardo Francesco Antonio Biondi, con l'aiuto di Antonio Pelosi, rinnovano interamente la seicentesca cappella della Natività. 1798: Magno Cogliati da Canegrate completa la quarta cappella di destra con la Presentazione di Gesù al Tempio. 1828: Sopra la porta d'ingresso il pittore Pinoli realizza l'affresco raffigurante la Fuga di San Pietro.

1838: Lo scultore lombardo Giuseppe Argenti e il pittore Giovanni Zanola da Varallo completano anche l'ultima cappella rimasta vuota, rappresentando la Disputa con i Dottori. 1841: Sempre all'argenti è affidato il compito di sostituire le statue delle prime due cappelle di destra, ultimando il ciclo dei Misteri del rosario (la seconda viene destinata alla scena della Visitazione). 1842: Lorenzo Peretti da Buttogno affresca le pareti della cappella dell'annunciazione; Giuseppe Raineri quelle della Visitazione; l'argenti sostituisce statue nella Salita al Calvario e nella Crocifissione. 1849: Per sciogliere un voto fatto dalla Comunità durante il colera del 1836, viene aperta la strada alberata che dall'abitato conduce alla chiesa di San Pietro, ormai più nota come santuario del Varallino. 1850 circa: All'interno dell'edificio lo stuccatore Jachetti da Riva Valsesia esegue i finti marmi delle lesene e delle pareti, le dorature dei capitelli, le decorazioni dei cornicioni. 1870: Su progetto dell'architetto Giacomo Moraglia (1859), i fratelli Groppetti di Romentino innalzano un modesto campanile lungo la fiancata meridionale, in sostituzione di quello a vela davanti alla chiesa. 1886 1888: Si dà il via al completamento della facciata, ancora rustica, con la realizzazione dell'ampio pronao progettato dal sacerdote galliatese Ercole Marietti. 1893 1894: Sempre su progetto del Marietti, la facciata è completata anche nella parte alta, che viene ornata con le statue dei santi Pietro e Paolo, del Sacro Cuore, della Beata Vergine, e (negli anni Venti del Novecento) dei Santi Giovanni Battista e Antonio Abate. 1899: Nella cappella della Salita al Calvario, le statue del Cristo e della Veronica (eseguite dall'argenti) vengono sostituite con due nuove opere realizzate dal sig. Crivelli.

In senso antiorario, accedendo dal portone principale. le cappelle laterali: Annunciazione Visitazione Natività Presentazione al Tempio Disputa con i dottori Preghiera nell'orto degli Ulivi Flagellazione Incoronazione Salita al Calvario Crocifissione Il Presbiterio, il coro e le sacrestie: Nel coro Affresco della Vergine Maria A sormontare l'altare Cupola del Paradiso Sacrestia di destra Battesimo di Gesù Sacrestia di sinistra L'ultima cena Tutte le notizie sopra riportate sono state prese dal sito: http://www.fmboschetto.it/lonate_pozzolo/il_varallino.htm Il copyrght di quanto spora è del sito sopra citato, che è cura dell'ingegner Franco Maria Boschetto.