CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Inclusione dei disabili

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna (CEDAW)

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

PARLAMENTO EUROPEO. Documento di seduta

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

TESTO APPROVATO Indicazione del paese di origine nell'etichettatura per gli ingredienti carnei contenuti nei prodotti alimentari trasformati

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio pag.

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CODICE DI COMPORTAMENTO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

LEGGE REGIONALE 4/2014

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PIAZZONI, NICCHI, AIELLO, MIGLIORE, GIULIANI. Riconoscimento della lingua dei segni italiana

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per i problemi economici e monetari PROGETTO DI PARERE. della commissione per i problemi economici e monetari

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

C.F. e P. I.V.A.: Sede legale: Via G. Cusmano, PALERMO

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale

Newsletter: Maggio Luglio 2014

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. Provincia di Potenza. Ufficio Scolastico Provinciale

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA


PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'industria, il commercio estero, la ricerca e l'energia ***I PROGETTO DI RELAZIONE

Italian text of the Global agreement between ICEM and Eni

CONVENZIONE SULLE AGENZIE PER L IMPIEGO PRIVATE,

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN. Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Principali atti normativi in tema di disabilità

Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

$UWLFROR$OWULSRVVLELOLGLULWWLD]LRQDELOL

Partecipazione dei bambini e degli adolescenti di età inferiore ai 18 anni

RISOLUZIONE SULLE PARITÀ DI DIRITTI PER GLI OMOSESSUALI NELLA COMUNITÀ APPROVATA DAL PARLAMENTO EUROPEO L'

CODICE ETICO E DI LEGALITA

Proposta di Legge regionale: Interventi per la parità di accesso dei cittadini non udenti alla pubblica amministrazione regionale.

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

Elezioni Europee 2014 MANIFESTO EDF: LE PRIORITÀ ASSOLUTE DEL MOVIMENTO DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

Deliberazione n. 371/2012/PAR

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 11 luglio 1980, n. 753, contenente nuove

Rete Provinciale contro la violenza di genere

Legge 12 luglio 2011, n. 112

(Atti legislativi) REGOLAMENTI

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ

Sabato 21 Febbraio :08 - Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Marzo :29

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

Risoluzione n. 1/2015

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.»

2ª COMMISSIONE PERMANENTE

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

DELIBERA N. 628/07/CONS

Ministero della Salute

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO

COMUNE DI GIOVINAZZO

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

Iniziativa parlamentare Diritto del lavoro. Aumento del valore litigioso per le procedure gratuite (Thanei)

La Convenzione Onu sui diritti dell infanzia La Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità Recepimento e pratica in Lombardia

PROPOSTA DI RISOLUZIONE

Articolo 1 Finalità. Articolo 2 Azioni e funzioni del Garante

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

Comunicazioni e informazioni

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

Advertisement
Transcript:

Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone disabili Annunziata il 22 gennaio 1997 IL PARLAMENTO EUROPEO, viste le petizioni nn. 63/93, 648/94, 31/ 95, 143/95, 174/95, 488/95, 929/95, 1252/ 95, 35/96, 1036/95, 96/91, 661/90, 957/93, 246/94, 295/94, 488/94, 602/94, 916/94, 1107/94, 24/95, 128/95, 331/95, 431/95, 535/95, 608/95 e 984/95, visti la comunicazione della Commissione del 30 luglio 1996 sulla parità di opportunità per i disabili e il relativo progetto di risoluzione del Consiglio, realizzazione della parità di opportunità per le persone disabili, vista la sua risoluzione del 26 maggio 1989 sulla condizione sociale delle portatrici di handicap e delle donne che assistono handicappati (1), vista la sua risoluzione del 17 giugno 1988 sui linguaggi gestuali per sordi (2), viste le norme generali adottate dalle Nazioni Unite il 20 dicembre 1993 sulla (1) G.U. C 158 del 26 giugno 1989, pag. 383. (2) G.U. C 187 del 18 luglio 1988, pag. 236.

Camera dei Deputati 2 Senato della Repubblica vista la sua dichiarazione del 9 maggio 1996 sui diritti delle persone affette da autismo (3), vista la sua risoluzione del 16 settembre 1992 sui diritti dei minorati mentali (4), vista la decisione del Consiglio 93/136/ CEE, del 25 febbraio 1993, che stabilisce il terzo programma di azione comunitaria a favore dei portatori di handicap (Helios Il 1993-96), visto l articolo 157, paragrafo 1, del suo regolamento, visti la relazione della commissione per le petizioni e i pareri della commissione giuridica e per i diritti dei cittadini e della commissione per gli affari sociali e l occupazione (A4-0391/96), A. considerando che, in base a stime ufficiali, sono 37 milioni i cittadini disabili dell Unione europea che non godono pienamente dei diritti civili e umani, B. considerando che le persone disabili, le loro famiglie e i loro partner subiscono discriminazioni dirette e indirette che impediscono loro la partecipazione alla vita generale della società e la piena realizzazione della parità di opportunità, nonché delle loro potenzialità economiche e sociali, C. considerando che le persone disabili hanno il diritto di condurre una vita autonoma all interno della società, il diritto di non essere ricoverati in istituti, nonché il diritto di partecipare pienamente all interno della società, in quanto cittadini, a tutte le discussioni che le riguardano, D. considerando che le persone disabili hanno il diritto di non subire violenze o maltrattamenti, (3) G.U. C 152 del 27 maggio 1996, pag. 87. (4) G.U. C 284 del 2 novembre 1992, pag. 49. E. considerando che l Unione europea e gli Stati membri registrano un ritardo rispetto ad altre economie sviluppate, in quanto mancano di disposizioni legislative in materia di non discriminazione, 1. invita gli Stati membri a inserire una clausola di non discriminazione per motivi legati all esistenza di handicap nel quadro della revisione del trattato sull Unione europea, a porre in essere. una nuova base giuridica per i programmi sociali, a introdurre misure di non discriminazione a livello nazionale e a considerare i diritti dei disabili parte integrante dei diritti civili; 2. invita gli Stati membri ad adoperarsi per garantire il rigoroso rispetto della normativa nazionale vigente in materia di non discriminazione delle persone disabili; 3. invita la Commissione a presentare un nuovo programma d azione, sulla scorta della valutazione del programma HELIOS II, per conseguire la parità di opportunità per i disabili nel contesto delle norme generali delle Nazioni Unite sulla realizzazione della parità di opportunità per le persone disabili del 20 dicembre 1993, nonché a finanziare nel frattempo iniziative in questo settore, fra cui un Foro europeo delle persone disabili e il riconoscimento a livello europeo della Giornata internazionale dei disabili; 4. reputa necessario, onde migliorare le statistiche disponibili sulle persone disabili e sulle cause e la gravità del loro handicap, procedere a studi e censimenti in tutti gli Stati membri, con la partecipazione delle ONG rappresentative delle persone disabili, e ritiene che la Commissione dovrebbe proporre misure adeguate a tale fine; 5. insiste presso la Commissione perché dia maggiore pubblicità ai risultati conseguiti nell ambito di progetti facenti capo ai programmi europei per le persone disabili, in particolare per quanto riguarda le piccole organizzazioni di disabili, che potrebbero trarre preziosi insegnamenti da dette informazioni;

Camera dei Deputati 3 Senato della Repubblica 6. chiede alle istituzioni della Comunità e degli Stati membri di rivedere le loro politiche in materia di accesso e occupazione, adottando misure specifiche per assicurare tale accesso, e invita la Commissione a pubblicare un codice di buona pratica sull occupazione delle persone disabili, nonché a garantire che la revisione della direttiva sugli appalti pubblici assicuri un adeguato riconoscimento dei criteri sociali nei contratti pubblici; 7. si compiace della comunicazione della Commissione e del progetto di risoluzione del Consiglio sulla parità di opportunità per le persone disabili e, in particolare, dell evoluzione verso la definizione di una base di diritti per una politica a livello comunitario e nazionale; 8. invita la Commissione a procedere, in stretta collaborazione con gli Stati membri, a una valutazione della portata e dei risultati concreti delle varie politiche in materia di accesso delle persone disabili all occupazione; 9. invita la Commissione ad adottare misure positive per consentire alle persone disabili di partecipare a tutti i programmi comunitari pertinenti nonché a informarlo in merito a dette misure; 10. riconosce che la responsabilità principale per le questioni inerenti all invalidità incombe comunque agli Stati membri e che l attuale quadro normativo comunitario prevede l obbligo di intervento solo in un ambito circoscritto di questioni, ma ritiene che ciò rappresenti a maggior ragione un motivo per utilizzare i mezzi disponibili al fine di conseguire migliori opportunità per le persone disabili; 11. si compiace di essere riuscito, nel quadro della direttiva sul ravvicinamento delle legislazioni sugli ascensori, a far adottare un emendamento che garantisce l accessibilità delle cabine degli ascensori ai disabili, cosa che merita di essere sottolineata dato che fino a quel momento una norma di questo genere per i disabili non era mai stata inserita nella legislazione su un prodotto industriale; 12. invita la Commissione a esaminare la conformità di tutti i progetti di atti legislativi, programmi, iniziative e politiche con le norme generali delle Nazioni Unite sulla realizzazione della parità di opportunità per le persone disabili; 13. sollecita la Commissione e gli Stati membri a prendere atto del fatto che le persone disabili hanno il diritto di influenzare le politiche e i programmi che li riguardano, a garantire risorse adeguate a ONG europee e nazionali che rappresentano persone disabili e genitori di disabili che non sono in grado di rappresentare se stessi, nonché a introdurre opportuni meccanismi di consultazione con tali ONG; 14. invita la Commissione e gli Stati membri a creare un quadro legislativo in merito alla progettazione di prodotti e di servizi fruibili, incluso il riferimento, all articolo 100 A del trattato sull Unione europea, alla non discriminazione per motivi legati alla presenza di handicap; 15. invita la Commissione a esaminare la fattibilità dell introduzione di disposizioni quadro vincolanti per garantire un accesso universale e una tecnologia accessibile nell ambito della costituzione del quadro regolamentare concernente la società dell informazione; 16. sollecita la Commissione a garantire che il processo di liberalizzazione a livello europeo non comprometta l esistenza dei prodotti e dei servizi attualmente offerti alle persone disabili e che il processo di normalizzazione comprenda parametri adeguati alle esigenze delle persone disabili; 17. invita la Commissione e gli Stati membri ad assicurare la partecipazione delle persone disabili al processo di normalizzazione onde garantire l accesso a tutti i servizi e prodotti rilevanti;

Camera dei Deputati 4 Senato della Repubblica 18. invita la Commissione a chiarire e rimuovere con urgenza tutti gli ostacoli alla libera circolazione delle persone disabili in quanto lavoratori migranti e cittadini e a proporre, se del caso, misure di rettifica; 19. invita la Commissione e gli Stati membri ad adottare misure affinché i ciechi e coloro la cui vista è compromessa non siano limitati nella loro possibilità di movimento dal fatto che è vietato l accesso ai cani per ciechi (in particolare dalle norme sulla quarantena al momento dell ingresso); 20. esorta la Commissione ad adoperarsi infine seriamente per la realizzazione della libera circolazione dei disabili e a tale riguardo ritiene necessari i provvedimenti seguenti: analisi da parte della Commissione delle prestazioni che una persona disabile può continuare a richiedere sulla base del diritto vigente in caso di trasferimento in un altro Stato membro (articoli 48-51 del trattato CE, regolamento 1408/71); imposizione dei risultati di tale analisi nei confronti degli Stati membri, eventualmente tramite parere motivato e ricorso per violazione dei trattati (articolo 169 del trattato CE); qualora le suddette misure siano insufficienti, proposta di ampliamento del campo di applicazione personale e materiale delle direttive di coordinamento della legislazione sociale 1408/71 e 574/72; approvazione della proposta nell ambito della procedura dell articolo 51 del trattato CE o dell articolo 2, paragrafo 3, dell Accordo sulla politica sociale (Protocollo n. 14 al trattato CE); 21. invita gli Stati membri e le istituzioni comunitarie a garantire la disponibilità di tutte le informazioni pertinenti in formati accessibili alle persone disabili, inclusi i portatori di handicap visivi, mentali e uditivi; 22. intende adottare misure positive per garantire che le persone disabili possano votare per le elezioni europee nonché accedere agli atti e ai locali dell istituzione e sollecita gli Stati membri a varare provvedimenti analoghi; 23. invita la Commissione a finanziare progetti pilota e lo scambio di prassi efficaci per quanto riguarda la prevenzione di violenze e abusi a danno delle persone disabili; 24. invita la Commissione ad analizzare i vantaggi economici di misure non discriminatorie a livello di Unione europea e a pubblicare studi sulle condizioni di vita e di lavoro delle persone disabili, tenendo conto di nuovi modelli di lavoro e dell interazione con le prestazioni di sicurezza sociale; 25. invita gli Stati membri ad adottare misure volte a garantire un sostegno adeguato alle famiglie delle persone disabili nonché la tutela economica delle persone disabili allo scopo di evitarne l emarginazione, non da ultimo per prevenire il ricovero in istituti, che non possono in ogni caso sostituire un ambiente in cui le persone disabili possono condurre un esistenza autonoma; 26. invita la Commissione e gli Stati membri a prendere provvedimenti specifici per rispondere alle esigenze delle categorie emarginate di persone disabili; 27. invita la Commissione e gli Stati membri a contrastare, con progetti e politiche, la duplice discriminazione delle donne disabili e a pubblicare statistiche separate per gli uomini e le donne disabili; 28. sollecita gli Stati membri a vietare che le persone disabili subiscano un trattamento inumano e degradante e a garantire che il loro handicap non consenta in alcun caso il loro ricovero in istituto contro la loro volontà; invita altresì gli Stati membri ad accertare che le persone disabili che

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica scelgono di vivere in un istituto godano pienamente dei diritti umani; 29. invita la Commissione e gli Stati membri ad adottare misure per promuovere l occupazione delle persone disabili, ivi comprese misure non discriminatorie, la promozione di modelli di lavoro alternativi, nonché il coinvolgimento delle ONG del settore nella gestione dell Iniziativa HORIZON, e a riservare maggiore attenzione al tema occupazione e invalidità nel quadro della sua strategia in materia di occupazione; 30. invita la Commissione a esaminare le misure da adottare nei settori dell istruzione e della formazione professionale al fine di promuovere la parità di opportunità per le persone disabili e ad attivarsi di conseguenza; 31. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione e la relazione a essa attinente alle Istituzioni e agli organi comunitari nonché ai governi e ai parlamenti degli Stati membri e degli Stati che hanno chiesto di aderire all Unione europea. NICOLE PERY Vicepresidente