DICHIARAZIONE D INTENTI

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Differenziare per non discriminare: la visibilità di genere nella comunicazione istituzionale dell'università di Bologna

MiComunico. Comunicazione di genere nella provincia di Milano

comunicare la differenza progetto a favore del rispetto delle differenze di genere nel linguaggio

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO

Presentazione. Cecilia CORSI

Tema: E giusto che il corso magistrale in comunicazione presso la nostra facoltà sia in inglese?

Lezione 4. Coordinatrice didattica: Paola Baccin

Lo studente sarà capace di: Generali:

Come è cambiata la comunicazione pubblica di genere: alcuni passaggi fondamentali. Anna Catasta. Centro di Iniziativa Europea 20 aprile 2010

Conoscere e usare più lingue è un fattore di ricchezza

Convegno sul tema. Terminologia grammaticale e metalinguistica nell insegnamento delle lingue straniere

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

Università degli Studi di Bari Lingua e Traduzione inglese : 6 CFU Classe A (Cultura lett. Dell Antichità-Cultura Teatrale)

RICHIESTE PIÙ FREQUENTI

Allegato al D.R. n del 3 agosto 2006

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

Guida per una redazione rispettosa della parità di genere

Sociologia dell'educazione A-L a.a

CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA PROF.

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori )

PIANO DI AZIONI POSITIVE

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U) All Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di BOLZANO

via Giovanni da Verrazzano, Montevarchi (AR)

Linee guida per l uso del genere nel linguaggio amministrativo

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

corso di laurea in consulente del lavoro e delle relazioni industriali laurea per sindacalisti

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Bibliografia (minimamente) ragionata

Corso di PErFEZioNAMENTo ARTE E TECNICA NELLA SCRITTURA DELLE NORME

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

LINEE GUIDA PER IL PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO LINEE GUIDA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone

Corso di Aggiornamento Professionale Parlare in pubblico. Comunicare, insegnare, apprendere con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM)


Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Con il contributo di

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Quattrociocche Silvia Data di nascita 22/01/1961

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

Corso di Laurea in Fisica

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

GUIDA DOCENTE Fase sperimentale ECTS FACULTAD DE LETRAS UCLM Anno Accademico

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI MACRO AREA SCIENZE DELLA VITA E DELLA SALUTE AREA DI MEDICINA E CHIRURGIA

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori )

CURRICULUM VITAE BISCEGLIA MAURO GIANFRANCO

PATRIZIA BELLUCCI Indirizzo web: o

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche

LA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO: NUOVI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ABILITA : UTILIZZARE CONOSCENZE DI DEAF STUDIES NELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati

Piano di Azioni Positive per il biennio

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass

Università di Bologna Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea DAMS, Indirizzo Cinema

Scuola Sicura formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani. Livorno, 23 aprile 2013

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE a.s. 2015/2016 ARESTI VALERIA SPAGNOLO. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ORSINI ROBERTO Data di nascita 04/02/1964

L INNOVAZIONE ENTRA IN CLASSE: LIM - LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE

(IRCCRO_00836 Competenze linguistiche di livello avanzato in un IRCCS Oncologico: inglese scientifico livello pre-intermediate

DIPARTIMENTO LICEO ECONOMICO SOCIALE VERBALE N.1

PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN «SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE» DM 270/04 RIFORMATO

Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi. Claudia de Medici Bolzano

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE

Direttore e Responsabile Scientifico Prof. Luigi Guerra

Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno

Piccolo Atlante della corruzione

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN

Via Leopardi, 40 - Ferrara

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto

Europass curriculum vitae

Progetto SCUOLE COMPETENTI: RICERCAZIONE PER L INNOVAZIONE DIDATTICA

UFFICIO CONSIGLIERA di PARITA della PROVINCIA di FOGGIA AVVISO PUBBLICO BORSE di STUDIO Anno Accademico 2012/2013

FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270

ACCADEMIA DEI LINCEI E NORMALE PER LA SCUOLA

Silvia Salerno. INFORMAZIONI PERSONALI Nome. Data di nascita 18 dicembre 1969 Qualifica. Amministrazione. Incarico attuale.

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

Facoltà di SCIENZE MOTORIE Corso di Laurea Scienze e Tecniche delle Attività Sportive. Rapporto di Riesame Anno 2014

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

Facoltà di Giurisprudenza

CATALOGO CORSI FONDIMPRESA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

Con il contributo di

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza?

Le parole della violenza, le parole degli affetti

Policy di Ateneo per l accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

Advertisement
Transcript:

DICHIARAZIONE D INTENTI dell Università di Trieste, attraverso il suo Comitato per le Pari Opportunità, insieme con l Università di Udine e la Scuola Superiore di Studi Avanzati di Trieste per la condivisione di buone pratiche per un uso non discriminatorio della lingua italiana Premesso che - la lingua è uno strumento che, attraverso l uso quotidiano, può rafforzare ma anche mettere in discussione pregiudizi, stereotipi e discriminazioni; - attraverso l uso linguistico si può mettere in atto un esercizio quotidiano di critica a violenze che passano spesso inosservate e rispetto alle quali è sempre più necessario costruire consapevolezza e sensibilità; - in molti paesi, anche nell ambito dell Unione europea, sono ormai consolidate pratiche di uso non discriminatorio della lingua, sancite a livello istituzionale, ma anche nella condivisione dei principi che ne stanno alla base; - anche per quanto riguarda la lingua italiana esiste ormai una nutrita bibliografia di studi che dimostrano, da diversi punti di vista, come sia possibile usare in maniera non discriminatoria l italiano senza stravolgerne la grammatica, ma anzi incrementando le possibilità espressive della lingua stessa; - esistono direttive di carattere generale (in particolare: Direttiva 23 maggio 2007, Misure per attuare parità. e pari opportunità. tra uomini e donne nelle amministrazioni pubbliche, GU n. 173, 27.07.2007) che esplicitamente pongono la necessità di considerare tali problemi, l Università di Trieste, attraverso il suo Comitato per le Pari Opportunità, propone di condividere i seguenti intenti: - adottare misure di sensibilizzazione rispetto alla cultura di genere e alle discriminazioni di genere attraverso un attenzione particolare al linguaggio; - scoraggiare l'utilizzo di tutte le forme legate a una visione discriminatoria del mondo per quanto riguarda il genere; - promuovere l'uso di un linguaggio in grado di registrare anche la presenza del femminile e di tutte le possibilità di genere nei vari aspetti della vita quotidiana; - adottare sistematicamente nei propri documenti ufficiali le linee guida contenute nel dossier allegato al presente documento (allegato 1);

- impostare percorsi d informazione, formazione e aggiornamento per il proprio personale per consolidare un uso non discriminatorio della lingua italiana. * Aderiscono: * Documentazione, riferimenti bibliografici e sitografia sono disponibili negli Allegati.

Allegato 1 Linee guida per un uso non discriminatorio della lingua italiana, proposte dal Comitato per le Pari Opportunità dell Università degli Studi di Trieste Adottare un uso non discriminatorio della lingua italiana dal punto di vista del genere è possibile. Basta in primo luogo prestare attenzione ad alcuni aspetti che qui di seguito sottolineiamo. Non si tratta soltanto di intervenire nella pratiche linguistiche: si tratta di adottare un tipo di attenzione costante alle discriminazioni, che spesso passano inosservate e che si possono eradicare proprio a partire dalle pratiche dell uso linguistico. Vanno tenute in conto in primo luogo quelle che possono essere definite come dissimetrie grammaticali, da una parte, e dissimetrie semantiche dall altra. Per dissimmetrie grammaticali si intende: l uso del maschile non marcato come genere inclusivo per il maschile e il femminile (es.: gli studenti; i docenti e i ricercatori le studentesse e gli studenti; coloro che insegnano e fanno ricerca); la concordanza al maschile (es. uno studente e cento studentesse sono stati premiati per le loro tesi di laurea uno studente e cento studentesse sono state premiate per le loro tesi di laurea); l uso del maschile per i titoli professionali e ruoli istituzionali, soprattutto se prestigiosi; (il segretario di Dipartimento dr Maria Rossi oppure la Segretario di Dipartimento dr Maria Rossi la Segretaria di Dipartimento dr Maria Rossi); l uso di suffissi con connotazioni tradizionalmente spregiative o con intenti ironici, in presenza di altre soluzioni che marchino comunque il genere (avvocatessa Lucia Bianchi avvocata Lucia Bianchi, la giudicessa la giudice); l uso dell articolo davanti ai nomi e cognomi di donne (la Boldrini ha detto Boldrini ha detto). Le dissimmetrie semantiche guardano invece: all uso del termine uomo con valore generico; (l animo degli uomini l animo umano); al modo in cui certi aggettivi o certi sostantivi sono usati in modo stereotipato solo per il maschile o solo per il femminile (per es.: collaboratrice domestica

usato stereotipicamente al femminile); all uso del diminutivo associato spesso al femminile; alla polarizzazione concettuale che attribuisce ruoli positivi e/o autorevoli al maschile e ruoli secondari e negativi al femminile (un cortigiano: un uomo che vive a corte vs una cortigiana: una prostituta; un uomo di strada: un uomo duro vs una donna di strada: una prostituta); all identificazione dei soggetti al femminile solo attraverso la loro relazione con un soggetto maschile (Simone de Beauvoir, sempre definita come: compagna di Jean Paul Sartre perché non si parla di Jean Paul Sartre apponendo al suo nome compagno di Simone de Beauvoir?). Rispetto a tutto questo, le prime misure che si possono adottare sono quelle di: sostituire i nomi di professioni e di ruoli ricoperti da donne declinati al maschile con i corrispondenti femminili, che esistono e sono ampiamente ammessi; abolire il maschile inclusivo e sostituirlo con varie forme, quali, per es.: doppia indicazione al maschile e al femminile, anche variamente abbreviata, modificazione della sintassi per evitare l uso inclusivo del maschile, uso esclusivo del femminile (ampiamente ammesso anche a livello istituzionale e considerato ormai standard in diverse lingue europee, come inglese e tedesco); evitare l uso dell articolo davanti a nomi e cognomi di donne. Più in generale, gli interventi dovrebbero dunque riguardare: attenzione costante agli aspetti del genere grammaticale da non declinare esclusivamente al maschile; formazione delle parole secondo quanto proposto da Sabatini 1987; visibilità del femminile attraverso l inserimento di termini e declinazioni al femminile accanto a quelli al maschile; ma anche: - la possibilità dell oscuramento del genere attraverso uso di pronomi indefiniti, termini collettivi non marcati, uso della sintassi (passivo, impersonale) ecc.. Fonti: Sabatini, 1987 Robustelli, 2000, 2011, 2012, 2012bis.

Allegato 2 Bibliografia essenziale Butler, Judith, 2012, Questione di genere, trad. S. Adamo, Roma-Bari, Laterza. Butler, Judith, 2010, Parole che provocano, trad. di S. Adamo, Milano, Raffaello Cortina. Codice di stile delle comunicazioni scritte ad uso delle amministrazioni pubbliche, 1993, Roma, Dipartimento per la Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Cortelazzo, Michele, e Pellegrino, Federica, 2003, Guida alla scrittura istituzionale, Roma-Bari, Laterza. Cortelazzo, Michele, 2011, Burocratese, Portale Treccani.it, http://www.treccani.it/magazine/lingua_italiana/speciali/burocratese/cortelazzo.html. Fioritto, Alfredo (a cura di), 1997, Manuale di Stile. Strumenti per semplificare il linguaggio delle amministrazioni pubbliche, Bologna, il Mulino. Fusco, Fabiana, 2012, La lingua e il femminile nella lessicografia italiana tra stereotipi e (in)visibilità, Alessandria, Edizioni dell Orso. Guida alla redazione degli atti amministrativi, 2011, Firenze, Ittig e Accademia della Crusca. Lepschy, Giulio C., 1987, Sexism and the Italian Language, «The Italianist» VII, pp. 158-169. Luraghi, Silvia e Olita, Anna (a cura di), 2006, Linguaggio e genere, Roma, Carocci. Pari trattamento linguistico. Guida al trattamento linguistico di donna e uomo nei testi ufficiali della Confederazione, 2012, Berna, Cancelleria federale, Servizi linguistici centrali, Divisione italiana. Robustelli, Cecilia, 2000, Lingua e identità di genere, in «Studi Italiani di Linguistica Teorica e Applicata», XXIX, pp. 507-527.

Robustelli, Cecilia, 2011, Lingua, genere e politica linguistica nell Italia dopo l Unità, in Storia della lingua e storia dell Italia unita. L italiano e lo stato nazionale, a cura di Nicoletta Maraschio, Silvia Morgana, Annalisa Nesi, Atti del IX Convegno dell Associazione per la Storia della lingua italiana (Firenze, 2-4 dicembre 2010), Firenze, Cesati, pp. 587-600. Robustelli, Cecilia, 2012, Pari trattamento linguistico di uomo e donna, coerenza terminologica e linguaggio giuridico, in La buona scrittura delle leggi, a cura di Roberto Zaccaria, Atti del convegno (Roma, 15.9,2011), Roma, Camera dei deputati, pp. 181-198. Robustelli, Cecilia, 2012bis, Uso della lingua e valorizzazione delle differenze di genere nella gestione delle risorse umane, in La rivoluzione organizzativa. Le differenze di genere nella gestione delle risorse umane, a cura di Rita Biancheri, Collana Studi di genere e pari opportunità, Pisa, Plus Pisa University Press, pp. 115-123. Sabatini, Alma, 1987, Il sessismo nella lingua italiana, Commissione Nazionale per la realizzazione della parità tra uomo e donna, Roma, Presidenza del Consiglio dei Ministri. Sabatini, Francesco, 2008, La tempesta delle lingue, Firenze, Cesati. Sapegno, Maria Serena (a cura di), 2010, Che genere di lingua? Roma, Carocci. Sitografia essenziale La neutralità di genere nel linguaggio usato nel Parlamento europeo: http://ec.europa.eu/dgs/translation/rei/documenti/rete/neutralitagenere.pdf Brevi cenni di dibattito su genere e linguaggio presso il Parlamento inglese: http://www.publications.parliament.uk/pa/ld201314/ldhansrd/text/131212-0003.htm#13121276000394 Manuale di stile dell Università degli Studi di Palermo http://portale.unipa.it/manuale-di-stile-delluniversit-degli-studi-di-palermo.-scrivibene-e-parla-chiaro/ Brevi cenni sul linguaggio non sessista, Commissione Pari Opportunità Comune Sassari http://www.comune.sassari.it/comune/assessorati/pari_opportunita/linguaggio_non_s essista.pdf

Allegato 3: Esempio di corso di formazione e aggiornamento del personale Programma del seminario di formazione su L uso del genere nel linguaggio amministrativo tenuto dalla professoressa Fabiana Fusco nell a.a. 2012-2013 presso l Università di Udine (per gentile concessione della docente) Con questa iniziativa l'amministrazione, tenuto conto delle normative che promuovono azioni per la diffusione della cultura delle pari opportunità e la costruzione dell'identità di genere, intende sensibilizzare i/le dipendenti sui riflessi che i cambiamenti sociali possono avere sul linguaggio e sulle abitudini linguistiche, anche in ambito istituzionale. Sono previste due edizioni del seminario, come di seguito specificate: Prima edizione martedì 19 febbraio 2013, orario 09.15-12.30 presso la Sala convegni prof. Roberto Gusmani, Palazzo Antonini via Tarcisio Petracco 8 Seconda edizione mercoledì 27 febbraio 2013, orario 09.15-12.30 presso l'aula multimediale del Dipartimento di Matematica ed Informatica via delle Scienze 206 Il numero di edizioni potrebbe variare in relazione all'andamento delle iscrizioni. L'attività didattica (lezioni frontali integrate da esempi pratici e discussioni) riguarderà i seguenti argomenti: - Aspetti teorici-metodologici: a) linguaggio e parità tra donna e uomo; b) linguaggio di genere e linguaggio giuridico; c) strategie linguistiche per la rappresentazione "paritaria" di donna e uomo nel linguaggio, anche amministrativo. - Analisi di testi, conclusioni e discussione al fine di determinare soluzioni operative. Non sono previste esercitazioni pratiche per i/le discenti né valutazione finale dell'apprendimento.