Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Infanzia Obiettivi di apprendimento

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria

Curricolo verticale di Ed. Fisica scuola primaria

FINALITÀ METODOLOGIA STRUMENTI VERIFICHE. ludica, introducendo di volta in volta

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Curricolo verticale di EDUCAZIONE FISICA. TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ED.FISICA

CURRICOLO VERTICALE EDUCAZIONE FISICA Scuola primaria

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

IL CORPO E IL MOVIMENTO

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE

Programmazione educativo-didattica anno scolastico

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE AL MOVIMENTO

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO-

CURRICOLO DI COMPETENZE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

ISTITUTO COMPRENSIVO F.

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica

SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA (Classe 1ª)

CURRICOLO DI CORPO MOVIMENTO E SPORT

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S.

1.4 Interpretare gli stimoli esterni che consentono al corpo di adattarsi all ambiente.

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

EDUCAZIONE FISICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria

Curricolo Scuola dell'infanzia

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI

CURRICOLO VERTICALE EDUCAZIONE FISICA

-IL CORPO E IL MOVIMENTO-

IC SIGNA-Secondaria-PROGRAMMAZIONE ANNUALE di Ed. Fisica (In raccordo con Curricolo verticale e Indicazioni nazionali)

OSA: OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DELL EDUCAZIONE MOTORIA, FISICA E SPORTIVA

Curricolo Scuola Infanzia

CURRICOLO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE I Prof.ssa Irene Melai. Traguardi disciplinari di competenza attesi al termine del percorso

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale EDUCAZIONE FISICA

Profilo delle competenze al termine del primo ciclo di istruzione

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014

Responsabile del Progetto

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

CURRICOLI SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE ALL IMMAGINE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO - PRIMO ANNO

Curricolo per campi di esperienza a.s Istituto Comprensivo Assisi 2

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

ETA Capacità di apprendimento motorio Capacità di differenziazione e

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012

Ampliare le capacità coordinative e condizionali, realizzando schemi motori complessi utili ad affrontare attività motorie e sportive.

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:


SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA a.s. 2014/2015

Palestra, cortile Palloni, cerchi, coni, bastoni, ceppi di equilibrio

Premessa. Ente organizzatore

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LE COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DELL OBBLIGO SCOLASTICO

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento

IL MOVIMENTO Sperimentare gli schemi motori statici e dinamici di base:correre, saltare,gattonare, rotolare, strisciare e lanciare.

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea)

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA EDUCAZIONE MOTORIA Classe prima

Arte e Immagine COMPETENZE CHIAVE EUROPEE

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

PIANO DI LAVORO ANNUALE Educazione Fisica

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

Programma di promozione della Pallacanestro nella Scuola Primaria (e Secondaria).

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

ClubLaSfida POLISPORTIVA A.S.D. BOXING CLUB DIEGO BARTOLINI DISCIPLINA ADD/PARKOUR (ARTE DELLO SPOSTAMENTO)

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Advertisement
Transcript:

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Consapevolezza ed espressione culturale riguarda l importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi la musica, le arti dello spettacolo, la letteratura e le arti visive. La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dell informazione per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Essa implica abilità di base nelle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC): l uso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni nonché per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet. Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell apprendimento, di organizzare il proprio apprendimento anche mediante una gestione efficace del tempo e delle informazioni, sia a livello individuale che in gruppo. Questa competenza comprende la consapevolezza del proprio processo di apprendimento e dei propri bisogni, l identificazione delle opportunità disponibili e la capacità di sormontare gli ostacoli per apprendere in modo efficace. Questa competenza comporta l acquisizione, l elaborazione e l assimilazione di nuove conoscenze e abilità come anche la ricerca e l uso delle opportunità di orientamento. Il fatto di imparare a imparare fa sì che i discenti prendano le mosse da quanto hanno appreso in precedenza e dalle loro esperienze di vita per usare e applicare conoscenze e abilità in tutta una serie di contesti: a casa, sul lavoro, nell istruzione e nella formazione. La motivazione e la fiducia sono elementi essenziali perché una persona possa acquisire tale competenza. Le competenze sociali e civiche includono competenze personali, interpersonali e interculturali e riguardano tutte le forme di comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa, in particolare alla vita in società sempre più diversificate, come anche a risolvere i conflitti ove ciò sia necessario. La competenza civica dota le persone degli strumenti per partecipare appieno alla vita civile grazie alla conoscenza dei concetti e delle strutture sociopolitici e all impegno a una partecipazione attiva e democratica. Il senso di iniziativa e l imprenditorialità concernono la capacità di una persona di tradurre le idee in azione. In ciò rientrano la creatività, l innovazione e l assunzione di rischi, come anche la capacità di pianificare e di gestire progetti per raggiungere obiettivi. È una competenza che aiuta gli individui, non solo nella loro vita quotidiana, nella sfera domestica e nella società, ma anche nel posto di lavoro, ad avere consapevolezza del contesto in cui operano e a poter cogliere le opportunità che si offrono ed è un punto di partenza per le abilità e le conoscenze più specifiche di cui hanno bisogno coloro che avviano o contribuiscono ad un attività sociale o commerciale. Essa dovrebbe includere la consapevolezza dei valori etici e promuovere il buon governo. (FONTI: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012) 1

Educazione fisica TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino: vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo, matura condotte che gli consentono una buona autonomia nella gestione della giornata a scuola. Riconosce i segnali e i ritmi del proprio corpo, le differenze sessuali e di sviluppo e adotta pratiche corrette di cura di sé, di igiene e di sana alimentazione. Prova piacere nel movimento e sperimenta schemi posturali e motori, li applica nei giochi individuali e di gruppo, anche con l uso di piccoli attrezzi ed è in grado di adattarli alle situazioni ambientali all interno della scuola e all aperto. Controlla l esecuzione del gesto, valuta il rischio, interagisce con gli altri nei giochi di movimento, nella musica, nella danza, nella comunicazione OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO D ESPERIENZA: IL CORPO E IL MOVIMENTO ABILITÀ CONOSCENZE ESPERIENZE CONTINUITÀ Scoprire, conoscere ed usare il proprio corpo per star bene con se stessi e con gli altri. Acquisire consapevolezza della propria identità di genere per la costruzione di una corretta immagine di sé. Gestire in autonomia la propria persona ed avere cura degli oggetti personali. Rispettare l ambiente ed i materiali comuni. Progettare ed attuare strategie motorie in situazioni diverse. Comprendere e seguire nei contesti ludici e motori le indicazioni date attraverso la voce, il suono, i simboli, i gesti Padroneggiare gli schemi motori di base: arrampicarsi, stare in equilibrio, saltare, scivolare, rotolare. Affinare la coordinazione oculomanuale. Discriminare le dinamiche di causaeffetto nella gestione del corpo e del movimento. Giochi motori di esplorazione dello spazio ambiente. Giochi cooperativi e di fiducia per incoraggiare la conoscenza reciproca. Giochi di esplorazione per orientarsi all interno dello spazio dominabile. Attivazione di routine per consolidare l autonomia. Assegnazione di incarichi e di consegne per saper organizzare azioni adeguate ai diversi momenti della giornata scolastica. Giochi per la coordinazione dei movimenti: percorsi, giochi di squadra Attività per lo sviluppo della motricità fine: ritagliare, strappare, incollare, infilare, manipolare, punteggiare Esperienze percettivosensoriali. Giochi di psicomotricità, acquaticità. Unità Maggio sportivo. Pedalata ecologica. Attività programmate Metodologie didattiche adottate 2

espressiva. Riconosce il proprio corpo, le sue diverse parti e rappresenta il corpo fermo e in movimento. Rappresentare in modo completo la figura umana in situazione statica e dinamica. Osservazione e verbalizzazione della propria immagine in situazione statica e dinamica allo specchio, in foto, in video.. Osservare e verbalizzare gesti ed azioni dei compagni. Rappresentazione grafica della figura umana con i principali segmenti dello schema corporeo. 3

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la padronanza degli schemi motori e posturali nel continuo adattamento alle variabili spaziali e temporali contingenti. Utilizza il linguaggio corporeo e motorio per comunicare ed esprimere i propri stati d animo, anche attraverso la drammatizzazione e le esperienze ritmico-musicali e coreutiche. Sperimenta una pluralità di esperienze che permettono di maturare competenze di giocosport anche come orientamento alla futura pratica sportiva. Sperimenta, in forma semplificata e progressivamente sempre più complessa, diverse gestualità tecniche. Agisce rispettando i criteri base di sicurezza per sé e per gli altri, sia nel movimento che nell uso degli attrezzi e trasferisce tale competenza nell ambiente scolastico ed extrascolastico. Riconosce alcuni essenziali principi relativi al proprio benessere psico-fisico legati alla cura del proprio corpo, a un corretto regime alimentare e alla prevenzione dell uso di sostanze che inducono dipendenza. Comprende, all interno delle varie occasioni di gioco e di sport, il valore delle regole e l importanza di OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA ESPERIENZE CONTINUITÀ ABILITÀ CONOSCENZE riconoscere e denominare le varie parti del corpo su di sé e sugli altri educare, sviluppare e verbalizzare le capacità senso percettive (tattili cinestetiche, visive ) sviluppare gli schemi posturali (flettere,piegare, inclinare..) variare e utilizzare gli schemi motoriin funzione ai parametri di spazio e tempo sviluppare la capacità di combinare schemi posturali diversi muoversi nello spazio coordinando il proprio spostamento con gli altri e con gli attrezzi presenti sviluppare la capacità di utilizzarencon disinvoltura i piccoli attrezzi coordinare e collegare in modo fluido il maggior numero possibile di movimenti naturali ( correre, rotolare, strisciare..) utilizzare posture e movimenti che rappresentano situazioni comunicative elaborare modalità espressive e corporee anche attraverso forme di drammatizzazione e danza per esplorare lo spazio e conoscere lo le varie parti del corpo. Le percezioni sensoriali. Le posizioni che il corpo può assumere in rapporto allo spazio ed al tempo. Linguaggio del corpo. Regole e fair play. Comportamenti corretti. Salute e benessere. Unità Attività programmate Metodologie didattiche adottate 4

rispettarle. proprie emozioni utilizzare il corpo e il movimento per rappresentare situazioni comunicative reali e fantastiche eseguire correttamente modalità esecutive di diverse proposte gioco sport rispettare le regole del gioco sia codificato che occasionale rispettare e aiutare i compagni accettare i diversi ruoli nel gioco collaborando con gli altri eseguire esercizi o movimenti tecnici comprendendo i limiti dello spazio palestra in relazione alle proprie e altrui sicurezze acquisire la corretta alimentazione per migliorare i propri sili di vita percepire e riconoscere sensazioni di benessere legati all attività ludica 5

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE QUINTA DELLA SCUOLA PRIMARIA) Utilizzare consapevolmente la propria capacità motoria. Coordinare ed utilizzare diversi schemi motori in forme sempre più complesse. Riconoscere e valutare azioni motorie nella dimensione spazio-temporale. Utilizzare in modo creativo modalità espressive e corporee, attraverso i diversi linguaggi del corpo e del movimento (drammatizzazioni, canti e danze). Conoscere ed applicare modalità esecutive diverse nelle diverse pratiche sportive. Partecipare attivamente nelle varie forme di attività sportiva, collaborando con gli altri. Rispettare le regole dello sport e della competizione sportiva, sapendo gestire vittoria/sconfitta. Assumere comportamenti adeguati per la sicurezza. Gestire correttamente il rapporto tra alimentazione ed esercizio fisico e comprendere l importanza di stili di vita sana. Il corpo in relazione allo spazio e al tempo. Il linguaggio del corpo come modalità espressivo-creativa. Il gioco e lo sport. Le regole ed il fair play. La salute e il benessere. La sicurezza e la prevenzione. Unità Attività programmate Metodologie didattiche adottate 6

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno: è consapevole delle proprie competenze motorie sia nei punti di forza che nei limiti. Utilizza le abilità motorie e sportive acquisite adattando il movimento in situazione. Utilizza gli aspetti comunicativo-relazionali del linguaggio motorio per entrare in relazione con gli altri, praticando, inoltre, attivamente i valori sportivi (fair play) come modalità di relazione quotidiana e di rispetto delle regole. Riconosce, ricerca e applica a se stesso comportamenti di promozione dello star bene in ordine a un sano stile di vita e alla prevenzione. Rispetta criteri base di sicurezza per sé e per gli altri. È capace di integrarsi nel gruppo, di assumersi responsabilità e di impegnarsi per il bene comune. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO) ESPERIENZE CONTINUITÀ ABILITA CONOSCENZE Utilizzare efficacemente le proprie capacità in condizioni facili e normali di esecuzione(accoppiamento e combinazione dei movimenti, differenziazione,equilibrio,orientamento, ritmo, reazione, di anticipazione e scelta,.) Utilizzare consapevolmente piani di lavoro razionali per l incremento delle capacità condizionali (rapidità, resistenza,forza, mobilità articolare), secondo i propri livelli di maturazione, sviluppo e apprendimento Gestire in modo consapevole abilità specifiche riferite a situazioni tecniche e tattiche negli sport individuali e di squadra Utilizzare le conoscenze tecniche per svolgere funzioni di giuria e arbitraggio Applicare i principi metodologici funzionali al mantenimento di uno stato di salute ottimale Relazionarsi positivamente con il gruppo rispettando le diverse capacità le esperienze pregresse, le caratteristiche personali Rispettare il codice deontologico dello sportivo e le regole delle discipline sportive praticate(fair play) Consolidamento delle capacità coordinative Livello di sviluppo e tecniche di miglioramento delle capacità condizionali Elementi tecnici e regolamentari di alcuni sport Effetti delle attività motorie e sportive per il benessere della persona e la prevenzione delle malattie L attività sportiva come valore etico Valore e confronto della competizione Presa di coscienza del proprio stato di efficienza fisica attraverso l autovalutazione delle personali capacità e performance Rapporto tra la prontezza di riflessi ed una situazione di benessere fisico Unità: il corpo e le sue funzioni senso percettive il movimento del corpo e i suoi aspetti coordinativi il gioco, le regole, lo sport, il fair play sicurezza e prevenzione, salute e benessere 7

Saper gestire in modo consapevole le situazioni competitive, in gara e non, con autocontrollo e rispetto dell altro, sia in caso di vittoria sia in caso di sconfitta Sperimentare piani di lavoro personalizzati Riconoscere il corretto rapporto fra esercizio fisico alimentazione e benessere Ai fini della sicurezza, utilizzare in modo responsabile spazi, attrezzature, veicoli sia individualmente, sia in gruppo Essere consapevoli degli effetti nocivi legati alla assunzione di sostanze che producono dipendenza Norme fondamentali di prevenzione degli infortuni legati alla attività fisica Gli effetti nocivi legati all assunzione di integratori,di sostanze illecite o che inducono dipendenza(doping, fumo alcool) Attività programmate Metodologie didattiche adottate: Induttivo: risoluzione dei problemi, scoperta guidata. Deduttivo: assegnazione dei compiti, metodo misto e globaleanalitico. 8