COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Elena Amalia Raimondi. Patrizia Barbaccia Lucilla Castoldi. Maria Orioli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE

1. Competenze trasversali

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

SITUAZIONE DI PARTENZA

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S /16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n /12/1997)

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

TORINO PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

a. s PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II E

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

La valutazione degli apprendimenti

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S

N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE

Profilo di indirizzo. Integrare competenze scientifiche e tecnologiche di ambito meccanico, dell automazione e dell energia;

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S Docente: Ianaro Federica

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S.

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Sezione associata XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX a. s classe PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Sezione / indirizzo. Livelli di partenza

SUGGERIMENTI METODOLOGICI, STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI

INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PIANO DI LAVORO ANNUALE

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

PIANO DI LAVORO. a.s / 2015

Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore E. M a j o r a n a. Programmazione disciplinare

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti GIOVEDI 1/ VENERDI 2/

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA?

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

LICEO STATALE G. GUACCI

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Advertisement
Transcript:

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI SILVIA 2 LINGUA STRANIERA AMADIO CLAUDIA ECONOMIA AZIENDALE CARONNI GIUSEPPINA DIRITTO GRAZIOLI CRISTINA ECONOMIA POLITICA GRAZIOLI CRISTINA INFORMATICA ---------------------- SCIENZE MOTORIE RISO FORTUNATO IRC GATTUSO LUCIA ALTERNATIVA ----------------------- OBIETTIVI COGNITIVI-TRASVERSALI saper cogliere e ricostruire l articolazione tematica e discorsiva di un testo istituire confronti e collegamenti applicare un modello noto in una situazione problematica nuova usare in modo corretto ed appropriato i linguaggi specifici di ogni disciplina sia nell esposizione orale che nell esposizione scritta cogliere, anche con l aiuto dell insegnante, le connessioni tra le diverse materie leggere autonomamente manuali e testi consigliati OBIETTIVI COGNITIVI PER ASSI CULTURALI L area linguistica e comunicativa è finalizzata alla comunicazione e alla promozione di un atteggiamento critico e problematico capace di favorire la comprensione della realtà nel suo aspetto linguistico, letterario, storico e sociale; L area storico-sociale è finalizzata allo studio dell uomo in quanto essere sociale nella relazionalità e interdipendenza con l ambiente; L area scientifica matematica e tecnologica è finalizzata alla promozione di un atteggiamento critico e problematico capace di favorire la comprensione della realtà nei suoi aspetti osservabili e misurabili. L'area espressivo-motoria è finalizzata a far conoscere e realizzare movimenti complessi, applicando alcune metodiche di allenamento facendo acquisire principi fondamentali in tema di benessere fisico, di salute e di prevenzione degli infortuni. In relazione ai precedenti obiettivi gli insegnanti si impegnano a: rendere espliciti il percorso didattico, gli obiettivi cognitivi e formativi delle discipline, i programmi, le metodologie didattiche, gli strumenti di verifica, i criteri di valutazione; offrire suggerimenti e indicazioni concrete per l organizzazione autonoma del lavoro individuale;

orientare la propria attività didattica al conseguimento effettivo degli obiettivi trasversali; sottolineare i collegamenti con le problematiche dell attualità e le altre discipline, utilizzandone, ove è possibile, contenuti e strumenti. MODALITA DEL LAVORO DIDATTICO modi di impiego del tempo scolastico lezioni frontali; lezioni partecipate lavori di gruppo; lavoro individuale; ricerche guidate in internet strumenti didattici e loro impiego libri, giornali, audiovisivi didattica digitale laboratori visite guidate, uscite sul territorio esperti MODALITA DI VERIFICA La tipologia delle prove di verifica sarà varia per favorire il controllo dell acquisizione di abilità differenziate anche in vista dell esame di stato. In particolare si utilizzeranno interrogazioni orali individuali dialogate; esercitazioni scritte con domande aperte, con eventuale quantificazione delle righe per la risposta; test a scelta multipla, corrispondenze, completamento; comprensione, analisi e commento testi; esercizi con elaborazione di dati, grafici, ecc.; presentazioni alla classe di un tema assegnato; produzione di testi espositivo argomentativi stesura di relazioni di laboratorio con analisi dati; esercitazioni pratiche; interrogazioni brevi. Verranno effettuate nel corso dell anno almeno due simulazioni di terza prova d esame, di tipologia B, ciascuna delle quali formulata utilizzando quattro discipline, per un totale di 10 domande, con durata di tre ore. Il consiglio di classe pianifica le scadenze delle verifiche e le comunica per tempo, per evitare il più possibile che in una stessa giornata cadano più verifiche scritte; fornisce valutazioni chiare e motivate, accompagnate dall indicazione verbale dei criteri usati; indica in che modo lo studente potrà migliorare le sue prestazioni. CRITERI DI VALUTAZIONE criteri di valutazione trasversali raggiungimento degli obiettivi comportamentali (espressi nel POF) e cognitivi atteggiamento positivo nei riguardi delle attività scolastiche

qualità della partecipazione alle lezioni (attenzione, interventi) progressi conseguiti rispetto al livello di partenza griglia di valutazione in relazione al raggiungimento degli obiettivi cognitivi vedi prospetto allegato Si raccomanda di verificare frequenza e rendimento accedendo al Registro Elettronico. Il coordinatore di classe provvederà a convocare le famiglie in caso di irregolarità di comportamento e di frequenza, brusche o persistenti cadute del rendimento. Perché il dialogo educativo dia risultati migliori si invitano i genitori a segnalare tempestivamente ai docenti problemi e difficoltà particolari, a partecipare ai colloqui e alle forme di confronto con i docenti nei Consigli di classe aperti, a seguire il percorso formativo dei figli collaborando attivamente con gli insegnanti. MODALITA DI RECUPERO nell ambito dell orario curricolare esercizi di riflessione e di revisione dei contenuti curricolari a scadenze regolari o secondo le situazioni emerse nella classe recupero individuale/per gruppi al di fuori dell orario curricolare il Consiglio di Classe si riserva di organizzare attività di recupero qualora necessario Proposte di attività integrative della programmazione didattica da svolgersi durante l a.s. 201/1 Nel mese di settembre è già stato svolto il progetto Giovani e Impresa Sabato 10 ottobre la classe parteciperà al progetto RianimamiExpo Lunedì 12 ottobre è stata programmata una visita all' Expo Giovedì 1 ottobre è previta a scuola la Visione di un Filmato sulla Costituzione Uscita nel corso dell'anno, con tempi da definire, per assistere a udienze al tribunale di Milano CLIL, un'ora alla settimana per tutto l'anno scolastico, con percorso didattico della professoressa Grazioli, che avrà il supporto dell'assistente di madrelingua inglese. Il tema trattato sarà Diritto dell'unione Europea I docenti esprimono parere favorevole circa la possibilità dellla classe di effettuare un viaggio di istruzione, purché vi siano docenti accompagnatori e un numero di adesioni da parte degli studenti non inferiore al 7% dei frequentanti. Il cdc si riserva in itinere di proporre eventuali altre attività, tenendo conto di interessanti proposte del territorio che potranno pervenire in corso d'anno. Milano /10/1 Il Segretario Nancy Vairo Il Coordinatore di classe Silvia facchi

Tabella di valutazione Elementi valutati Descrittori Vot o Giudizio Conoscenza contenuti (individuazione elementi fondamentali di un testo, un problema, un immagine) gravemente lacunosa/nulla limitata/parziale corretta/sufficiente globale/articolata approfondita Discreto/ buono Competenza linguistica: a. correttezza formale e lessico specifico (uso strumenti) b. coerenza e struttura argomentative gravemente scorretta imprecisa chiara/sufficiente adeguata appropriata/ organica/rigorosa Discreto/buono Capacità complesse: a. logiche (analisi e sintesi: comprensione di relazioni interne ad un tema e collegamenti / identificazione di procedimenti risolutivi / trattazione di dati sperimentali) b. ideative (elementi di analisi critica e rielaborazione personale) confuse parziali limitate sufficienti (individua i problemi o imposta la risoluzione di quesiti standard) pertinenti/adeguate (con elementi di approfondimento/ padronanza degli strumenti risolutivi) sicure (evidenzia relazioni complesse, propone osservazioni personali/ propone procedimenti non standard) Discreto/buono (*) Le diverse tipologie di verifica proposte durante l anno potranno essere finalizzate al controllo di tutti o alcuni degli elementi indicati nella prima colonna. La valutazione finale, espressa in voto o giudizio, risulta dalla combinazione delle valutazioni assegnate a ciascun elemento preso in esame.