Progetto - Esecutivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto - Esecutivo"

Transcript

1 PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO III GOVERNO DEL TERRITORIO Settore I Tutela e Valorizzazione dell Ambiente Area Acque Pubbliche e Sistemazioni Idrauliche Progetto - Esecutivo Programma Operativo Regionale (POR) Obiettivo Competitività Regionale ed Occupazione Regione Marche 2007/2013 cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Asse 5 Valorizzazione dei Territori. PIT n. 1 Provincia di Ancona Riduzione del rischio e riqualificazione territoriale in area vasta Manutenzione straordinaria biennale sui reticoli idrografici provinciali in aree P.A.I. a rischio R3 e R4. Bacino Idrografico Fiume Musone. RELAZIONE SPECIALISTICA Idraulica PROGETTAZIONE Geom. Corrado Pace IL RESPONSABILE DELL AREA Geom. Sergio Garofoli Geom. Luigi Vignoni IL DIRIGENTE DEL SETTORE E DEL PROCEDIMENTO Dott. Ing. Massimo Sbriscia Elaborato B

2 INDICE Cenni di geomorfologia, idrografia e idrologia pag. 2 Calcoli idraulici pag. 3 Valutazione portate di piena pag. 10 Metologia idraulica pag. 11 Conclusioni pag. 11 Allegato 1 Planimetria bacino Allegato 2 Calcolo delle portate metodo Gumbel - Giandotti Allegato 3 Sezioni attuali e verifiche con il moto uniforme (Manning) Allegato 4 Nota n. 147 del 31 Marzo 1983 del Ministero dei Lavori Pubblici Sezione Autonoma del Genio Civile per il Servizio Idrografico di Bologna. 1

3 B RELAZIONE IDROLOGICA-IDRAULICA (D.P.R. 21/12/99 n 554 art. 37) Programma Operativo Regionale (POR) Obiettivo Competitività Regionale ed Occupazione Regione Marche 2007/2013 cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Asse 5 Valorizzazione dei Territori. PIT n. 1 Provincia di Ancona Riduzione del rischio e riqualificazione territoriale in area vasta Manutenzione straordinaria biennale sui reticoli idrografici provinciali in aree P.A.I. a rischio R3 e R4. Bacino Idrografico Fiume Musone. 1 Cenni di geomorfologia idrografia e idrologia II bacino del Fiume Musone ricade nel territorio della Regione Marche e rispetta l'andamento tipico dell'idrografia Marchigiana, sviluppandosi secondo un orientamento SO-NE, con valle disposta normalmente alla costa. Il fiume Musone drena una area di circa 649,00 km 2 la lunghezza dell'asta fluviale è di 76 km; l'altitudine massima del bacino è di 1.483,5 m.s.m. la media è di 278 m e la lunghezza della rete idrografica è di circa km. Nella parte montana il bacino e formato dai termini della successione umbro- marchigiana che si estende dal Trias superiore sino al Messiniano, nella parte medio bassa del bacino ad eccezione del rilievo costiero del monte Conero, i cui compaiono i termini della serie carbonatica marchigiana, affiorano i litotipi della sequenza plio-pleistocenica, costituite da argille marnose con itercalati a varia altezza nella serie corpi arenacei. L assetto strutturale del bacino è quello tipico dell Appennino marchigiano caratterizzato dalle dorsali mesocenozoiche umbro marchigiana, marchigiana e di Cingoli. Altro aspetto importante è che il bacino è caratterizzato dalla sequenza plio-pleistocenica su cui insiste la pianura alluvionale con un assetto strutturale interessato da pieghe e da faglie orientate N.O.-S.E. interrotte da faglie trasversali N.E. S.O. Il fiume Musone prende origine a circa 775 m di quota dalla confluenza 2

4 di due valloni, uno con origine tra il monte Lavacelli e il monte Marzolare, l altro tra i Prati di Gagliole e Campo della Bisaccia. sulle pendici orientali del M. Canfaito (m. 1111) e di altri rilievi orientati in direzione appenninica (NNO- SSE) che appartengono alla dorsale marchigiana, la propaggine più orientale dell Appennino Umbro-Marchigiano e drena un bacino. Inizialmente prende il nome di Fosso di Valdiola, riceve poi le acque del piccolo Fosso di Ugliano e da questo punto assume il nome di Musone. Le acque del fiume Musone vengono trattenute dalla diga di Castreccioni, il suo sbarramento è sito al ponte della Petrella in Comune di Cingoli (MC), il bacino di dominio 89,9 Km 2, il corso del fiume si ristabilisce dirigendosi verso N.E. alimentato da acque provenienti dalla diga circa 200 l/s che dalla sorgente di Crevalcore, poco a valle di Mulino Nuovo riceve da destra il breve Fosso di Pozzo e quindi il suo affluente di sinistra Fosso di Acqualta. Gli affluenti principali sono il torrente Fiumicello ed il fiume Aspio; II sub-bacino del Fiume Aspio ricade nel bacino idrografico principale del Fiume Musone e interamente nel territorio della Provincia di Ancona e il suo bacino è circa 160 km 2 e confluisce a circa 1 Km dalla Foce del Musone. Ai fini idraulici si rammenta che a 16 Km dalla foce l ampiezza media dell alveo è di circa m, allargandosi notevolmente verso la foce; la pendenza media di detto tratto è dello 0,2%, tale dato viene preso in esame per le verifiche delle sezioni di valle. Un breve cenno storico: la foce del Musone è stata fatta confluire in quella dell Aspio probabilmente nella seconda metà del XVI secolo (nella carta della Marca di Ancona del 1564 la confluenza è già indicata) sopratutto per la presenza degli stagni e delle paludi che rendevano l aria insalubre. 2 Calcoli delle portate del fiume Musone Scopo del presente capitolo è la stima delle portate al colmo di piena di un assegnato tempo di ritorno del fiume Musone alla foce con il Mare Adriatico e nella sezione del ponte situato nella frazione di Villa Musone del Comune di 3

5 Loreto (zona definita dal P.A.I. come R4 alto rischio idraulico). Metodo Giandotti Il metodo Giandotti (perfezionato da Visentini) è una formulazione del metodo cinematico o razionale che deriva da elaborazioni di piene registrate sugli affluenti del Po. Il metodo richiede la conoscenza della legge delle piogge, (metodo Gumbel elaborazione statistico probabilistica) valida per il bacino sotteso alla sezione d interesse, ed il calcolo del tempo di crescenza della piena che viene assimilata al tempo di corrivazione del bacino. L applicazione delle formule viene rimandata e sviluppata negli allegati della presente relazione. Per l esecuzione dei calcoli idrologici, sono state prese in considerazione le tabelle relative alle precipitazioni di massima intensità registrate con intervalli di 1, 3, 6, 12 e 24 ore alle seguenti stazioni: BACINO Musone STAZIONI di: Cingoli misurazioni dal 1990 al 2008 continuative ad eccezione degli anni 1998, 1999; Filottrano misurazioni dal 1991 al 2008 continuative; Osimo misurazioni dal 1991 al 2008 continuative; Loreto misurazioni dal 1991 al 2008 continuative; Baraccola misurazioni dal 1991 al 2007 continuative; Recanati misurazioni dal 1949 al 1997 con qualche anno di discontinuità. La scelta è di procedere con il Metodo della media, dove l altezza di pioggia media annua, caduta sul bacino, si calcola effettuando il rapporto tra la somma delle altezze medie di precipitazione, misurate in ogni stazione pluviometrica ricadente all interno del bacino, ed il numero delle stazioni: h m n n h im i 1 mm 4

6 Si procede con la media degli anni per le stazioni di Filottrano, Osimo, Loreto, Baraccola. Per un ulteriore comparazione dei dati con un campione più esteso si può aggiungere per un ulteriore simulazione le rilevazioni della stazione Recanati alle medie precedentemente ricavate gli anni che vanno dal 1949 al L elaborazioni statistiche sono state effettuate con il metodo di Gumbel calcolando le hmax in millimetri per gli intervalli orari di cui sopra, con tempi di ritorno di 10, 30, 50, 100 e 200 anni e si sono poi ricavate le curve di probabilità pluviometrica. Per le verifiche idrauliche si sono prese in considerazione le portate con tempi di ritorno di 200 anni (come stabilito dall ultimo P.A.I.) e per coefficiente di deflusso è stato assunto il valore cautelativo di K0,7 (terreni poco permeabili, antropizzazione del tratto vallivo). 3a Valutazione portate al colmo I valori della massima portata di piena, duecentennale, calcolati in base alle considerazioni sopra esposte sono così riassunti, nella seguente tabella (vedi foglio di calcolo allegato 2): BACINO STAZIONI media PORTATA PORTATA PORTATA (chiusura alla foce) (chiusura al ponte di Villa Musone) (chiusura al ponte di Padiglione - Osimo) A Musone Cingoli-Filottrano- Loreto-Osimo- Baraccola B Musone Cingoli-Filottrano- Loreto-Osimo- Baraccola Osimo- Porto Recanati 1.333,11 m 3 /sec 1.045,48 m 3 /sec 929,73 m 3 /sec 1.447,33 m 3 /sec 1.135,80 m 3 /sec 1.010,67 m 3 /sec 5

7 Si propongono alcune valutazioni con il metodo delle formule empiriche e semimpiriche per avere ulteriori termini di confronto. Metodi Empirici e Semimpirici Formula Forti Chiusura alla foce Q max 1.309,74m 3 /sec Q max ( 2, ,5)*A A+125 Chiusura a Villa Musone Q max 1.165,89m 3 /sec Chiusura a Padiglione Q max 1.077,38m 3 /sec Formula Scimeni (1928) Q max 600 ( ) A *A Chiusura alla foce Q max 1.239,90m 3 /sec Chiusura a Villa Musone Q max 1.060,58m 3 /sec Chiusura a Padiglione Q max 967,73m 3 /sec A ulteriore supporto per la valutazione del calcolo della portata, si riporta in allegato copia della nota dell allora Ministero dei Lavori Pubblici Sezione Autonoma del Genio Civile per il Servizio Idrografico di Bologna che con nota n.147 del 31 Marzo

8 3b Metodo della regionalizzazione (metodo TCEV) Si vuole introdurre questo metodo nella presente relazione al fine di confronto e valutazione con i vari metodi già utilizzati. Alcuni cenni sul metodo: nella comunità scientifica si è ritenuto opportuno fare ricorso a tecniche di analisi regionale per conseguire una stima accurata di una portata caratterizzata da un elevato tempo di ritorno. L analisi regionale basata sul metodo della portata indice consiste nel definire, in riferimento ad una regione idrogeologicamente omogenea, la funzione di probabilità di non superamento F(x ) della variabile casuale x x/q, ovvero dei valori massimi annui di portata al colmo x adimensionati rispetto alla portata indice Qi. La funzione F(x ) e l equivalente legge x (T) vengono spesso indicate, nel campo idrologico, con il termine di curva di crescita. Il modello TCEV ipotizza che i valori estremi sia delle piogge sia delle portate di piena non provengono tutti dalla stessa popolazione ma da due diverse popolazioni legate a differenti fenomeni meteorologici. La funzione di probabilità cumulata di una casuale x è espressa con il modello TCEV nelle forma: F ( x) e x Λ x Θ1 1 e Λ x Θ2 2 e La stima regionale dei parametri del modello TCEV si basa in sintesi sui seguenti livelli: 7

9 Livello 1 di regionalizzazione A questo livello è possibile ritenere costante il coefficiente di asimmetria campionario, ciò implica, per il legame che intercorre tra il coefficiente di a- simmetria teorico ed i parametri Λ*R e Θ*R, che nelle zone omogenee questi due parametri risultino essere costanti. La loro stima è stata effettuata utilizzando tutte le serie storiche disponibili nella zona in esame, riducendo in tal modo l incertezza della stima; mentre la stima dei parametri Λ1 e Θ1 è effettuata utilizzando la singola serie di dati tramite il metodo della massima verosimiglianza. Livello 2 di regionalizzazione Nel secondo livello si individuano delle sottozone omogenee aventi minore estensione rispetto a quelle individuate con il livello 1. In queste sottozone risulta costante oltre al coefficiente di asimmetria anche il coefficiente di variazione campionario. Essendo questo legato a quello teorico, funzione di Λ*R, Θ*R Λ1S, all interno di queste sottozone risulta costante anche il parametro Λ1. La stima di Θ1 si effettua, invece, utilizzando la singola serie di dati tramite il metodo della massima verosimiglianza. I parametri Λ*R e Θ*R hanno il valore visto nel livello precedente, mentre Λ1S è funzione della sottozona. Nelle pratiche applicazioni, per il calcolo di fattori di crescita si può fare riferimento alla seguente espressione: Kt0, ,61107 ln T dove ln logaritmo in base e; T tempo di ritorno; Pertanto dalla procedura di regionalizzazione delle portate utilizzando la curva di crescita valida per la zona in esame per tempi di ritorno compresi tra 8

10 5 e 1000 si ottengono per i rispettivi tempi di ritorno i seguenti valori di crescita: Tabella a) T Kt 10 1, , , , , ,1273 Piena media annua (portata indice) Piena al colmo Considerando la regione Romagna-Marche come Area unica, gli autori del suddetto metodo, tramite regressione multipla non lineare, hanno ottenuto la seguente relazione che lega la piena indice ad alcune grandezze geomorfologiche. L espressione è la seguente quando non si dispone di informazioni idrogeologiche tali da identificare l impermeabilità del bacino: m(q)0,21*10-3 *S 1,0816 *m(hg) 2,4157 *DH -0,4694 La stima della portata al picco di piena di assegnato tempo di ritorno T si ottiene moltiplicando la portata indice, di cui sopra, per il fattore di crescita Kt, espresso nella Tabella a). 9

11 Prendiamo solamente le portate con T200 Chiusura alla foce Q max 930,43 m 3 /sec Chiusura a Villa Musone Q max 659,16 m 3 /sec Chiusura a Padiglione Q max 519,27 m 3 /sec Se compariamo gli altri metodi con il metodo TCEV quest ultimo tende a sottostimare notevolmente le portate a parità di tempo di ritorno. Per quanto sopra esposto si preferisce, vista l esperienza acquisita già in passato, prendere come riferimento per la progettazione i dati ottenuti con il metodo Gumbel - Giandotti ritenuti più attendibili per un tempo di ritorno T200. In particolare si prenderanno le portate medie ricavate con la formula di Giandotti di cui a pag. 5 paragrafo 3a della presente relazione e suoi allegati e che qui di seguito si riporta BACINO STAZIONI media PORTATA PORTATA PORTATA (chiusura alla foce) (chiusura al ponte di Villa Musone) (chiusura al ponte di Padiglione - Osimo) A Musone Vedi parg. 3a 1.390,22 m 3 /sec 1.090,64 m 3 /sec 970,20 m 3 /sec 10

12 4 Metodologia idraulica per la verifica delle sezioni fluviali Sono stati prese in considerazione le sezioni e il profilo longitudinale eseguiti mediante rilievo topografico commissionata dalla Regione Marche. Le verifiche idrauliche delle portate di deflusso sono state effettuate con le formule del moto uniforme secondo Manning, con portata al colmo delle sezioni prese in esame e con un coefficiente di scabrezza 0,030 (terra in cattive condizioni, corsi naturali regolari) la pendenza media del tratto vallivo preso in esame risulta dal profilo longitudinale dello 0,2% (vedi allegato 3). 5 Conclusioni Dalle verifiche si è constatato che le sezioni di deflusso, con differenze anche notevoli, non risultano sufficienti a smaltire le portate di piena con Tr200 anni; pertanto le risorse del presente progetto sono largamente insufficienti ad adeguare il tratto vallivo del fiume Musone. Le problematiche principali sono: Alveo fortemente antropizzato anche dalle attività agricole e cattiva regimazione dei suoli; alcuni attraversamenti (ponti) non sono sufficienti a smaltire le portate suddette; Pertanto necessitano ingenti risorse finanziarie e scelte politiche di fondo per interventi radicali e strutturali (es. espropri, delocalizzazione ecc...). Possibile soluzione con le risorse del presente progetto: migliorare per quanto possibile le attuali sezioni fluviali per ridurre il rischio idraulico in occasione di eventi non eccezionali, manutenzione della vegetazione ripariale e rimozione di quella caduta a terra o in procinto di cadere o che crea ostacolo in alveo al libero deflusso delle acque come stabilito anche dal D.P.R. del 14 Aprile 1993; 11

13 PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO III GOVERNO DEL TERRITORIO Settore I Tutela e Valorizzazione dell Ambiente Area Acque Pubbliche e Sistemazioni Idrauliche Programma Operativo Regionale (POR) Obiettivo Competitività Regionale ed Occupazione Regione Marche 2007/2013 cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Asse 5 Valorizzazione dei Territori. PIT n. 1 Provincia di Ancona Riduzione del rischio e riqualificazione territoriale in area vasta Manutenzione straordinaria biennale sui reticoli idrografici provinciali in aree P.A.I. a rischio R3 e R4. Bacino Idrografico Fiume Musone. ALLEGATO 1

14

15 PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO III GOVERNO DEL TERRITORIO Settore I Tutela e Valorizzazione dell Ambiente Area Acque Pubbliche e Sistemazioni Idrauliche Programma Operativo Regionale (POR) Obiettivo Competitività Regionale ed Occupazione Regione Marche 2007/2013 cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Asse 5 Valorizzazione dei Territori. PIT n. 1 Provincia di Ancona Riduzione del rischio e riqualificazione territoriale in area vasta Manutenzione straordinaria biennale sui reticoli idrografici provinciali in aree P.A.I. a rischio R3 e R4. Bacino Idrografico Fiume Musone. ALLEGATO 2

16 TABELLA 1 - OSSERVAZIONI AL PLUVIOMETRO STAZIONE PLUVIOMETRICA DI: Media Stazioni sul Musone N.B. Valori di input in rosso su sfondo grigio BACINO : MUSONE Valori calcolati in nero su fondo bianco QUOTA: varie Anni di osservazione 19 INTERVALLO DI ORE N. Anno h(mm) X ( hi M) 2 2 h(mm) X ( h i h(mm) X 2 ( h i M) 2 2 h(mm) X ( h i h(mm) X M)2 2 ( h i M) ,2 10,41 40,0 13,50 41,3 11,88 42,6 154,38 54,4 137, ,9 9,25 45,8 90,40 67,3 508,66 78,8 566,84 80,5 207, ,9 49,57 23,9 153,56 27,7 291,72 35,6 376,03 47,2 360, ,8 38,53 26,4 97,85 35,1 93,70 41,7 177,55 47,8 335, ,8 17,15 35,0 1,85 43,6 1,24 61,1 37,31 73,0 46, ,9 35,11 46,6 105,57 60,9 260,94 70,1 226,25 79,8 185, ,1 83,28 46,9 111,12 60,0 231,65 76,4 455,47 87,0 433, ,8 83,56 23,1 175,79 31,3 180,81 47,8 52,20 62,0 16, ,3 2,80 28,3 64,40 35,4 87,36 53,5 2,33 73,8 57, ,8 0,68 31,6 22,80 36,5 68,83 61,3 39,38 89,7 552, ,0 36,31 38,9 6,73 40,8 15,26 42,5 156,37 48,3 319, ,5 6,22 34,8 2,21 42,3 5,89 49,1 35,34 55,2 119, ,4 5,88 40,6 17,93 45,8 1,11 52,6 5,69 67,4 1, ,9 25,95 28,4 62,18 34,3 109,55 45,1 98,11 45,6 423, ,9 3,79 34,2 4,35 36,0 76,50 39,8 231,80 48,3 317, ,5 29,75 28,0 68,65 45,9 1,38 61,1 36,66 73,9 60, ,4 206,95 71,5 1238,67 80,7 1291,22 91,6 1340,66 99,4 1103, ,0 3,90 28,9 54,84 34,0 116,35 36,6 340,95 45,7 418, ,4 5,64 37,2 0,68 51,4 44,27 58,1 9,46 77,9 138,22 TABELLA 2 - ELABORAZIONI STATISTICHE - METODO DI GUMBEL N h i N 2 X 2 X M σ N 1 α 1,283 / σ β M 0,5772 / α 24,97 36,33 44,75 55,02 66,14 654, , , , ,10 6,03 11,29 13,74 15,53 17,06 0,21 0,11 0,09 0,08 0,08 22,26 31,25 38,56 48,04 58,47 Tempo di ritorno 1 ora 3 ore 6 ore 12 ore 24 ore 10 anni hmax 32,84 mm 51,04 mm 62,67 mm 75,28 mm 88,39 mm 20 anni hmax 36,22 mm 57,38 mm 70,37 mm 84,00 mm 97,95 mm 30 anni hmax 38,17 mm 61,02 mm 74,81 mm 89,01 mm 103,46 mm 50 anni hmax 40,60 mm 65,57 mm 80,35 mm 95,28 mm 110,34 mm 100 anni hmax 43,89 mm 71,72 mm 87,83 mm 103,73 mm 119,62 mm 200 anni hmax 47,16 mm 77,84 mm 95,28 mm 112,15 mm 128,87 mm

17 Curve di probabilita' pluviometrica 1000,00 h (mm) Tr1 Tr2 Tr3 Tr4 Tr5 Tr6 Potenza (Tr1) Potenza (Tr2) Potenza (Tr3) Potenza (Tr4) Potenza (Tr5) Potenza (Tr6) 100,00 y 51,081x 0,3129 y 47,313x 0,3124 y 43,53x 0,3118 y 40,723x 0,3112 y 38,478x 0, ,00 t (ore) y 34,571x 0,3098 Media Stazioni sul Musone

18 DETERMINAZIONE PORTATA MASSIMA Media Stazioni sul Musone BACINO: SEZIONE: Musone chiusura alla foce DATI SUIL BACINO IMBRIFERO Superficie scolante A 649,00 Kmq Lunghezza percorso idraulico più lungo L 76,00 Km Quota massima zmax 1483,50 m Quota minima zmin 0,55 m Quota media Zmed 742,03 m Dislivello medio H 741,48 m Tempo di corrivazione: Giandotti Giandotti tc 9,91 ore Viparelli: Velocità 1,50 m/sec tc 14,07 ore Coefficienti delle curve di probabilità pluviometrica e portate: N.B.: Inserire i coefficienti delle rette interpolanti ottenuti nel grafico ed il coefficiente di deflusso Deflusso C 0,30 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 9,91 70,36 7,10 383,93 14,07 78,43 5,57 301, ,4780 0,3108 9,91 78,49 7,92 428,30 14,07 87,53 6,22 336, ,7230 0,3112 9,91 83,14 8,39 453,71 14,07 92,73 6,59 356, ,5300 0,3118 9,91 89,00 8,98 485,65 14,07 99,28 7,05 381, ,3130 0,3124 9,91 96,87 9,77 528,58 14,07 108,08 7,68 415, ,0810 0,3129 9,91 104,70 10,56 571,33 14,07 116,84 8,30 449,00 Deflusso C 0,40 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 9,91 70,36 7,10 511,91 14,07 78,43 5,57 401, ,4780 0,3108 9,91 78,49 7,92 571,07 14,07 87,53 6,22 448, ,7230 0,3112 9,91 83,14 8,39 604,94 14,07 92,73 6,59 475, ,5300 0,3118 9,91 89,00 8,98 647,53 14,07 99,28 7,05 508, ,3130 0,3124 9,91 96,87 9,77 704,78 14,07 108,08 7,68 553, ,0810 0,3129 9,91 104,70 10,56 761,78 14,07 116,84 8,30 598,66 Deflusso C 0,50 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 9,91 70,36 7,10 639,89 14,07 78,43 5,57 502, ,4780 0,3108 9,91 78,49 7,92 713,84 14,07 87,53 6,22 560, ,7230 0,3112 9,91 83,14 8,39 756,18 14,07 92,73 6,59 593, ,5300 0,3118 9,91 89,00 8,98 809,42 14,07 99,28 7,05 635, ,3130 0,3124 9,91 96,87 9,77 880,97 14,07 108,08 7,68 692, ,0810 0,3129 9,91 104,70 10,56 952,22 14,07 116,84 8,30 748,33 Deflusso C 0,60 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 9,91 70,36 7,10 767,86 14,07 78,43 5,57 602, ,4780 0,3108 9,91 78,49 7,92 856,61 14,07 87,53 6,22 672, ,7230 0,3112 9,91 83,14 8,39 907,42 14,07 92,73 6,59 712, ,5300 0,3118 9,91 89,00 8,98 971,30 14,07 99,28 7,05 763, ,3130 0,3124 9,91 96,87 9, ,17 14,07 108,08 7,68 830, ,0810 0,3129 9,91 104,70 10, ,67 14,07 116,84 8,30 897,99 Deflusso C 0,70 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 9,91 70,36 7,10 895,84 14,07 78,43 5,57 703, ,4780 0,3108 9,91 78,49 7,92 999,37 14,07 87,53 6,22 784, ,7230 0,3112 9,91 83,14 8, ,65 14,07 92,73 6,59 831, ,5300 0,3118 9,91 89,00 8, ,18 14,07 99,28 7,05 890, ,3130 0,3124 9,91 96,87 9, ,36 14,07 108,08 7,68 969, ,0810 0,3129 9,91 104,70 10, ,11 14,07 116,84 8, ,66

19 DATI PLUVIOGRAFICI (Precipitazioni di massima intensità registrate al pluviografo su 1, 3, 6, 12, 24 ore consecutive) Stazione di : Media Stazioni Bacino MUSONE Quota (m s.l.m.) : Varie Numero di osservazioni : N 52 Anno t 1 ora t 3 ore t 6 ore t 12 ore t 24 ore h (mm) h (mm) h (mm) h (mm) h (mm)

20 ANALISI STATISTICA DEI DATI PLUVIOGRAFICI ( Metodo di Gumbel ) Tabella 1 - Valori per ciascuna durata t, della media µ(h t ), dello scarto quadratico medio σ(h t ) e dei due parametri α t e u t della legge di Gumbel (prima legge del valore estremo "EV1") N 52 t 1 ora t 3 ore t 6 ore t 12 ore t 24 ore µ(h t ) σ(h t ) α t 1,283/σ(h t ) u t µ(h t ) - 0,45σ(h t ) Tabella 2 - Altezze massime di pioggia regolarizzate (mm) Tr t 1 ora t 3 ore t 6 ore t 12 ore t 24 ore 10 anni hmax anni hmax anni hmax anni hmax anni hmax Tabella 3 - Tr LEGGE DI PIOGGIA h a x t n 10 anni h36.844xt^ anni h44.046xt^ anni h47.334xt^ anni h51.768xt^ anni h56.185xt^0.3072

21 DATI MORFOMETRICI DEL BACINO IDROGRAFICO SOTTESO ALLA SEZIONE DI CHIUSURA CONSIDERATA TEMPO DI CORRIVAZIONE tc (ore) Superficie del Bacino Lunghezza percorso idraulico principale Altitudine max percorso idraulico Hmax m (s.l.m.) Altitudine min percorso idraulico S Km 2 Giandotti 4 S + 1.5L tc Hm -H0 L Km H m (s.l.m.) Kirpich, Watt- Pendenza media percorso idraulico P 0.01 (m/m) Chow, Pezzoli Altitudine max bacino Hmax m (s.l.m.) Altitudine sezione considerata H m (s.l.m.) Altitudine media bacino Hm m (s.l.m.) Dislivello medio bacino Hm - H m { tc L P CALCOLO DELLE PORTATE DI MASSIMA PIENA PER ASSEGNATI TEMPI DI RITORNO ( FORMULA del METODO RAZIONALE ) Q max ch(t, Τ) S 3.6t c con : c h (t,t) S tc coefficiente di deflusso altezza critica di pioggia con tempi di ritorno (mm) superficie del bacino (km 2 ) tempo di corrivazione (ore) 3,6 fattore di conversione che permette di ottenere la Qmax in m 3 /sec RISULTATI Deflusso c 0.70 S (km 2 ) tc (ore) 9.91 Tr (anni) a n tc (ore) h(t,t) (mm) Qmax (m 3 /sec)

22 1000 Tr 10; y x Tr 30; y x Tr 50; y x Tr 100; y x Tr 200; y x Curve di probabilità pluviometrica h (mm) t (ore)

23 TABELLA 1 - OSSERVAZIONI AL PLUVIOMETRO STAZIONE PLUVIOMETRICA DI: Media Stazioni sul Musone N.B. Valori di input in rosso su sfondo grigio BACINO : MUSONE Valori calcolati in nero su fondo bianco QUOTA: varie Anni di osservazione 19 INTERVALLO DI ORE N. Anno h(mm) X ( hi M) 2 2 h(mm) X ( h i h(mm) X 2 ( h i M) 2 2 h(mm) X ( h i h(mm) X M)2 2 ( h i M) ,2 10,41 40,0 13,50 41,3 11,88 42,6 154,38 54,4 137, ,9 9,25 45,8 90,40 67,3 508,66 78,8 566,84 80,5 207, ,9 49,57 23,9 153,56 27,7 291,72 35,6 376,03 47,2 360, ,8 38,53 26,4 97,85 35,1 93,70 41,7 177,55 47,8 335, ,8 17,15 35,0 1,85 43,6 1,24 61,1 37,31 73,0 46, ,9 35,11 46,6 105,57 60,9 260,94 70,1 226,25 79,8 185, ,1 83,28 46,9 111,12 60,0 231,65 76,4 455,47 87,0 433, ,8 83,56 23,1 175,79 31,3 180,81 47,8 52,20 62,0 16, ,3 2,80 28,3 64,40 35,4 87,36 53,5 2,33 73,8 57, ,8 0,68 31,6 22,80 36,5 68,83 61,3 39,38 89,7 552, ,0 36,31 38,9 6,73 40,8 15,26 42,5 156,37 48,3 319, ,5 6,22 34,8 2,21 42,3 5,89 49,1 35,34 55,2 119, ,4 5,88 40,6 17,93 45,8 1,11 52,6 5,69 67,4 1, ,9 25,95 28,4 62,18 34,3 109,55 45,1 98,11 45,6 423, ,9 3,79 34,2 4,35 36,0 76,50 39,8 231,80 48,3 317, ,5 29,75 28,0 68,65 45,9 1,38 61,1 36,66 73,9 60, ,4 206,95 71,5 1238,67 80,7 1291,22 91,6 1340,66 99,4 1103, ,0 3,90 28,9 54,84 34,0 116,35 36,6 340,95 45,7 418, ,4 5,64 37,2 0,68 51,4 44,27 58,1 9,46 77,9 138,22 TABELLA 2 - ELABORAZIONI STATISTICHE - METODO DI GUMBEL N h i N 2 X 2 X M σ N 1 α 1,283 / σ β M 0,5772 / α 24,97 36,33 44,75 55,02 66,14 654, , , , ,10 6,03 11,29 13,74 15,53 17,06 0,21 0,11 0,09 0,08 0,08 22,26 31,25 38,56 48,04 58,47 Tempo di ritorno 1 ora 3 ore 6 ore 12 ore 24 ore 10 anni hmax 32,84 mm 51,04 mm 62,67 mm 75,28 mm 88,39 mm 20 anni hmax 36,22 mm 57,38 mm 70,37 mm 84,00 mm 97,95 mm 30 anni hmax 38,17 mm 61,02 mm 74,81 mm 89,01 mm 103,46 mm 50 anni hmax 40,60 mm 65,57 mm 80,35 mm 95,28 mm 110,34 mm 100 anni hmax 43,89 mm 71,72 mm 87,83 mm 103,73 mm 119,62 mm 200 anni hmax 47,16 mm 77,84 mm 95,28 mm 112,15 mm 128,87 mm

24 Curve di probabilita' pluviometrica 1000,00 h Tr1 Tr2 Tr3 Tr4 Tr5 Tr6 Potenza (Tr1) Potenza (Tr2) Potenza (Tr3) Potenza (Tr4) Potenza (Tr5) Potenza (Tr6) 100,00 y 51,081x 0,3129 y 47,313x 0,3124 y 43,53x 0,3118 y 40,723x 0,3112 y 38,478x 0, ,00 t (ore) y 34,571x 0,3098 Media Stazioni sul Musone

25 DETERMINAZIONE PORTATA MASSIMA Media Stazioni sul Musone BACINO: SEZIONE: Musone chiusura a Villa Musone DATI SUIL BACINO IMBRIFERO Superficie scolante A 473,00 Kmq Lunghezza percorso idraulico più lungo L 71,00 Km Quota massima zmax 1483,50 m Quota minima zmin 9,11 m Quota media Zmed 746,31 m Dislivello medio H 737,20 m Tempo di corrivazione: Giandotti Giandotti tc 8,91 ore Viparelli: Velocità 1,50 m/sec tc 13,15 ore Coefficienti delle curve di probabilità pluviometrica e portate: N.B.: Inserire i coefficienti delle rette interpolanti ottenuti nel grafico ed il coefficiente di deflusso Deflusso C 0,30 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 8,91 68,07 7,64 301,20 13,15 76,80 5,84 230, ,4780 0,3108 8,91 75,93 8,52 335,97 13,15 85,70 6,52 256, ,7230 0,3112 8,91 80,43 9,03 355,88 13,15 90,79 6,91 272, ,5300 0,3118 8,91 86,09 9,66 380,91 13,15 97,20 7,39 291, ,3130 0,3124 8,91 93,69 10,52 414,56 13,15 105,81 8,05 317, ,0810 0,3129 8,91 101,26 11,37 448,06 13,15 114,38 8,70 342,90 Deflusso C 0,40 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 8,91 68,07 7,64 401,59 13,15 76,80 5,84 306, ,4780 0,3108 8,91 75,93 8,52 447,96 13,15 85,70 6,52 342, ,7230 0,3112 8,91 80,43 9,03 474,51 13,15 90,79 6,91 362, ,5300 0,3118 8,91 86,09 9,66 507,88 13,15 97,20 7,39 388, ,3130 0,3124 8,91 93,69 10,52 552,75 13,15 105,81 8,05 422, ,0810 0,3129 8,91 101,26 11,37 597,42 13,15 114,38 8,70 457,20 Deflusso C 0,50 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 8,91 68,07 7,64 501,99 13,15 76,80 5,84 383, ,4780 0,3108 8,91 75,93 8,52 559,95 13,15 85,70 6,52 428, ,7230 0,3112 8,91 80,43 9,03 593,14 13,15 90,79 6,91 453, ,5300 0,3118 8,91 86,09 9,66 634,85 13,15 97,20 7,39 485, ,3130 0,3124 8,91 93,69 10,52 690,93 13,15 105,81 8,05 528, ,0810 0,3129 8,91 101,26 11,37 746,77 13,15 114,38 8,70 571,50 Deflusso C 0,60 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 8,91 68,07 7,64 602,39 13,15 76,80 5,84 460, ,4780 0,3108 8,91 75,93 8,52 671,94 13,15 85,70 6,52 513, ,7230 0,3112 8,91 80,43 9,03 711,76 13,15 90,79 6,91 544, ,5300 0,3118 8,91 86,09 9,66 761,82 13,15 97,20 7,39 582, ,3130 0,3124 8,91 93,69 10,52 829,12 13,15 105,81 8,05 634, ,0810 0,3129 8,91 101,26 11,37 896,13 13,15 114,38 8,70 685,80 Deflusso C 0,70 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 8,91 68,07 7,64 702,79 13,15 76,80 5,84 537, ,4780 0,3108 8,91 75,93 8,52 783,93 13,15 85,70 6,52 599, ,7230 0,3112 8,91 80,43 9,03 830,39 13,15 90,79 6,91 635, ,5300 0,3118 8,91 86,09 9,66 888,80 13,15 97,20 7,39 679, ,3130 0,3124 8,91 93,69 10,52 967,31 13,15 105,81 8,05 740, ,0810 0,3129 8,91 101,26 11, ,48 13,15 114,38 8,70 800,10

26 DATI PLUVIOGRAFICI (Precipitazioni di massima intensità registrate al pluviografo su 1, 3, 6, 12, 24 ore consecutive) Stazione di : Media Stazioni Bacino MUSONE Quota (m s.l.m.) : varie Numero di osservazioni : N 52 Anno t 1 ora t 3 ore t 6 ore t 12 ore t 24 ore h (mm) h (mm) h (mm) h (mm) h (mm)

27 ANALISI STATISTICA DEI DATI PLUVIOGRAFICI ( Metodo di Gumbel ) Tabella 1 - Valori per ciascuna durata t, della media µ(h t ), dello scarto quadratico medio σ(h t ) e dei due parametri α t e u t della legge di Gumbel (prima legge del valore estremo "EV1") N 52 t 1 ora t 3 ore t 6 ore t 12 ore t 24 ore µ(h t ) σ(h t ) α t 1,283/σ(h t ) u t µ(h t ) - 0,45σ(h t ) Tabella 2 - Altezze massime di pioggia regolarizzate (mm) Tr t 1 ora t 3 ore t 6 ore t 12 ore t 24 ore 10 anni hmax anni hmax anni hmax anni hmax anni hmax Tabella 3 - Tr LEGGE DI PIOGGIA h a x t n 10 anni h36.844xt^ anni h44.046xt^ anni h47.334xt^ anni h51.768xt^ anni h56.185xt^0.3072

28 DATI MORFOMETRICI DEL BACINO IDROGRAFICO SOTTESO ALLA SEZIONE DI CHIUSURA CONSIDERATA TEMPO DI CORRIVAZIONE tc (ore) Superficie del Bacino Lunghezza percorso idraulico principale Altitudine max percorso idraulico Hmax m (s.l.m.) Altitudine min percorso idraulico S Km 2 Giandotti 4 S + 1.5L tc Hm -H0 L Km H m (s.l.m.) Kirpich, Watt- Pendenza media percorso idraulico P 0.01 (m/m) Chow, Pezzoli Altitudine max bacino Hmax m (s.l.m.) Altitudine sezione considerata H m (s.l.m.) Altitudine media bacino Hm m (s.l.m.) Dislivello medio bacino Hm - H m { tc L P CALCOLO DELLE PORTATE DI MASSIMA PIENA PER ASSEGNATI TEMPI DI RITORNO ( FORMULA del METODO RAZIONALE ) Q max ch(t, Τ) S 3.6t c con : c h (t,t) S tc coefficiente di deflusso altezza critica di pioggia con tempi di ritorno (mm) superficie del bacino (km 2 ) tempo di corrivazione (ore) 3,6 fattore di conversione che permette di ottenere la Qmax in m 3 /sec RISULTATI Deflusso c 0.70 S (km 2 ) tc (ore) 8.91 Tr (anni) a n tc (ore) h(t,t) (mm) Qmax (m 3 /sec)

29 Tr 10; y x y x y x y x y x Tr 30; Tr 50; Tr 100; Tr 200; Curve di probabilità pluviometrica 1000 h (mm) t (ore) Software freeware distribuito da geologi.it realizzato da G. Pilla

30 TABELLA 1 - OSSERVAZIONI AL PLUVIOMETRO STAZIONE PLUVIOMETRICA DI: Media Stazioni sul Musone N.B. Valori di input in rosso su sfondo grigio BACINO : MUSONE Valori calcolati in nero su fondo bianco QUOTA: varie Anni di osservazione 19 INTERVALLO DI ORE N. Anno h(mm) X ( hi M) 2 2 h(mm) X ( h i h(mm) X 2 ( h i M) 2 2 h(mm) X ( h i h(mm) X M)2 2 ( h i M) ,2 10,41 40,0 13,50 41,3 11,88 42,6 154,38 54,4 137, ,9 9,25 45,8 90,40 67,3 508,66 78,8 566,84 80,5 207, ,9 49,57 23,9 153,56 27,7 291,72 35,6 376,03 47,2 360, ,8 38,53 26,4 97,85 35,1 93,70 41,7 177,55 47,8 335, ,8 17,15 35,0 1,85 43,6 1,24 61,1 37,31 73,0 46, ,9 35,11 46,6 105,57 60,9 260,94 70,1 226,25 79,8 185, ,1 83,28 46,9 111,12 60,0 231,65 76,4 455,47 87,0 433, ,8 83,56 23,1 175,79 31,3 180,81 47,8 52,20 62,0 16, ,3 2,80 28,3 64,40 35,4 87,36 53,5 2,33 73,8 57, ,8 0,68 31,6 22,80 36,5 68,83 61,3 39,38 89,7 552, ,0 36,31 38,9 6,73 40,8 15,26 42,5 156,37 48,3 319, ,5 6,22 34,8 2,21 42,3 5,89 49,1 35,34 55,2 119, ,4 5,88 40,6 17,93 45,8 1,11 52,6 5,69 67,4 1, ,9 25,95 28,4 62,18 34,3 109,55 45,1 98,11 45,6 423, ,9 3,79 34,2 4,35 36,0 76,50 39,8 231,80 48,3 317, ,5 29,75 28,0 68,65 45,9 1,38 61,1 36,66 73,9 60, ,4 206,95 71,5 1238,67 80,7 1291,22 91,6 1340,66 99,4 1103, ,0 3,90 28,9 54,84 34,0 116,35 36,6 340,95 45,7 418, ,4 5,64 37,2 0,68 51,4 44,27 58,1 9,46 77,9 138,22 TABELLA 2 - ELABORAZIONI STATISTICHE - METODO DI GUMBEL N h i N 2 X 2 X M σ N 1 α 1,283 / σ β M 0,5772 / α 24,97 36,33 44,75 55,02 66,14 654, , , , ,10 6,03 11,29 13,74 15,53 17,06 0,21 0,11 0,09 0,08 0,08 22,26 31,25 38,56 48,04 58,47 Tempo di ritorno 1 ora 3 ore 6 ore 12 ore 24 ore 10 anni hmax 32,84 mm 51,04 mm 62,67 mm 75,28 mm 88,39 mm 20 anni hmax 36,22 mm 57,38 mm 70,37 mm 84,00 mm 97,95 mm 30 anni hmax 38,17 mm 61,02 mm 74,81 mm 89,01 mm 103,46 mm 50 anni hmax 40,60 mm 65,57 mm 80,35 mm 95,28 mm 110,34 mm 100 anni hmax 43,89 mm 71,72 mm 87,83 mm 103,73 mm 119,62 mm 200 anni hmax 47,16 mm 77,84 mm 95,28 mm 112,15 mm 128,87 mm

31 Curve di probabilita' pluviometrica 1000,00 h Tr1 Tr2 Tr3 Tr4 Tr5 Tr6 Potenza (Tr1) Potenza (Tr2) Potenza (Tr3) Potenza (Tr4) Potenza (Tr5) Potenza (Tr6) 100,00 y 51,081x 0,3129 y 47,313x 0,3124 y 43,53x 0,3118 y 40,723x 0,3112 y 38,478x 0, ,00 t (ore) y 34,571x 0,3098 Media Stazioni sul Musone

32 DETERMINAZIONE PORTATA MASSIMA Media Stazioni sul Musone BACINO: SEZIONE: Musone chiusura a Padiglione di Osimo DATI SUIL BACINO IMBRIFERO Superficie scolante A 383,00 Kmq Lunghezza percorso idraulico più lungo L 59,00 Km Quota massima zmax 1483,50 m Quota minima zmin 44,53 m Quota media Zmed 764,02 m Dislivello medio H 719,49 m Tempo di corrivazione: Giandotti Giandotti tc 7,77 ore Viparelli: Velocità 1,50 m/sec tc 10,93 ore Coefficienti delle curve di probabilità pluviometrica e portate: N.B.: Inserire i coefficienti delle rette interpolanti ottenuti nel grafico ed il coefficiente di deflusso Deflusso C 0,30 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 7,77 65,25 8,40 267,96 10,93 72,51 6,64 211, ,4780 0,3108 7,77 72,78 9,36 298,86 10,93 80,90 7,40 236, ,7230 0,3112 7,77 77,09 9,92 316,55 10,93 85,71 7,84 250, ,5300 0,3118 7,77 82,50 10,61 338,79 10,93 91,74 8,40 268, ,3130 0,3124 7,77 89,78 11,55 368,69 10,93 99,86 9,14 291, ,0810 0,3129 7,77 97,03 12,48 398,46 10,93 107,94 9,88 315,32 Deflusso C 0,40 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 7,77 65,25 8,40 357,28 10,93 72,51 6,64 282, ,4780 0,3108 7,77 72,78 9,36 398,48 10,93 80,90 7,40 315, ,7230 0,3112 7,77 77,09 9,92 422,07 10,93 85,71 7,84 333, ,5300 0,3118 7,77 82,50 10,61 451,72 10,93 91,74 8,40 357, ,3130 0,3124 7,77 89,78 11,55 491,58 10,93 99,86 9,14 388, ,0810 0,3129 7,77 97,03 12,48 531,28 10,93 107,94 9,88 420,43 Deflusso C 0,50 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 7,77 65,25 8,40 446,60 10,93 72,51 6,64 353, ,4780 0,3108 7,77 72,78 9,36 498,10 10,93 80,90 7,40 393, ,7230 0,3112 7,77 77,09 9,92 527,59 10,93 85,71 7,84 417, ,5300 0,3118 7,77 82,50 10,61 564,65 10,93 91,74 8,40 446, ,3130 0,3124 7,77 89,78 11,55 614,48 10,93 99,86 9,14 486, ,0810 0,3129 7,77 97,03 12,48 664,10 10,93 107,94 9,88 525,53 Deflusso C 0,60 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 7,77 65,25 8,40 535,92 10,93 72,51 6,64 423, ,4780 0,3108 7,77 72,78 9,36 597,72 10,93 80,90 7,40 472, ,7230 0,3112 7,77 77,09 9,92 633,11 10,93 85,71 7,84 500, ,5300 0,3118 7,77 82,50 10,61 677,58 10,93 91,74 8,40 536, ,3130 0,3124 7,77 89,78 11,55 737,37 10,93 99,86 9,14 583, ,0810 0,3129 7,77 97,03 12,48 796,91 10,93 107,94 9,88 630,64 Deflusso C 0,70 Giandotti Viparelli Tr a n tc h ic Q tc h ic Q 10 34,5710 0,3098 7,77 65,25 8,40 625,25 10,93 72,51 6,64 494, ,4780 0,3108 7,77 72,78 9,36 697,34 10,93 80,90 7,40 551, ,7230 0,3112 7,77 77,09 9,92 738,63 10,93 85,71 7,84 584, ,5300 0,3118 7,77 82,50 10,61 790,51 10,93 91,74 8,40 625, ,3130 0,3124 7,77 89,78 11,55 860,27 10,93 99,86 9,14 680, ,0810 0,3129 7,77 97,03 12,48 929,73 10,93 107,94 9,88 735,75

33 DATI PLUVIOGRAFICI (Precipitazioni di massima intensità registrate al pluviografo su 1, 3, 6, 12, 24 ore consecutive) Stazione di : Media Stazioni Bacino MUSONE Quota (m s.l.m.) : Varie Numero di osservazioni : N 52 Anno t 1 ora t 3 ore t 6 ore t 12 ore t 24 ore h (mm) h (mm) h (mm) h (mm) h (mm) ,0 34,6 40,6 47,2 56, ,2 34,8 44,6 46,6 59, ,0 47,2 51,8 78,8 91, ,6 36,4 43,0 70,6 89, ,2 33,2 33,2 42,8 48, ,0 44,0 49,2 56,6 68, ,6 21,4 35,6 47,8 50, ,4 43,2 44,4 45,5 48, ,2 20,2 29,8 30,6 39, ,0 38,0 38,2 58,2 65, ,6 30,2 40,2 57,4 78, ,2 39,2 42,2 71,8 92, ,0 22,0 39,8 66,2 84, ,0 28,4 28,8 32,6 55, ,2 52,6 59,4 77,4 93, ,0 22,6 24,2 24,4 34, ,8 22,2 32,4 39,0 43, ,4 55,0 71,2 82,4 84, ,0 36,2 36,2 36,4 56, ,20 31,40 31,40 32,00 43, ,60 25,00 29,80 46,40 66, ,20 51,20 54,20 63,40 64,20 30,00 37,60 37,60 42,80 44,00 22,80 33,80 41,00 55,60 78, ,40 21,20 34,00 48,60 54, ,00 62,00 87,00 89,00 96, ,00 45,00 77,00 100,80 114, ,00 16,60 16,60 19,60 19, ,00 27,00 31,60 32,20 55, ,00 38,00 49,40 63,40 75, ,00 56,00 85,60 95,00 126, ,60 44,20 44,20 51,80 60, ,00 31,60 32,60 36,40 51, ,20 40,00 41,30 42,60 54, ,93 45,83 67,30 78,83 80, ,93 23,93 27,67 35,63 47, ,77 26,43 35,07 41,70 47, ,83 34,97 43,63 61,13 72, ,90 46,60 60,90 70,07 79, ,10 46,87 59,97 76,37 86, ,83 23,07 31,30 47,80 62, ,30 28,30 35,40 53,50 73, ,80 31,55 36,45 61,30 89, ,00 38,92 40,84 42,52 48, ,48 34,84 42,32 49,08 55, ,40 40,56 45,80 52,64 67, ,88 28,44 34,28 45,12 45, ,92 34,24 36,00 39,80 48, ,52 28,04 45,92 61,08 73, ,36 71,52 80,68 91,64 99, ,00 28,92 33,96 36,56 45, ,35 37,15 51,40 58,10 77,90

34 ANALISI STATISTICA DEI DATI PLUVIOGRAFICI ( Metodo di Gumbel ) Tabella 1 - Valori per ciascuna durata t, della media µ µ(h t ), dello scarto quadratico medio σ σ(h t ) e dei due parametri α t e u t della legge di Gumbel (prima legge del valore estremo "EV1")) N 52 t 1 ora t 3 ore t 6 ore t 12 ore t 24 ore µ µ(h t ) 26,30 36,00 43,98 54,51 66,27 σ(h t ) 7,94 11,40 15,41 18,68 21,26 α t 1,283/σ(h t ) 0,16 0,11 0,08 0,07 0,06 u t µ µ(h t ) - 0,45σ(h t ) 22,73 30,88 37,05 46,11 56,71 Tabella 2 - Altezze massime di pioggia regolarizzate (mm) Tr t 1 ora t 3 ore t 6 ore t 12 ore t 24 ore 10 anni h hmax 36,66 50,86 64,07 78,87 93,99 30 anni h hmax 43,67 60,94 77,69 95,38 112,77 50 anni hmax 46,88 65,53 83,91 102,92 121, anni hmax 51,20 71,74 92,30 113,08 132, anni hmax 55,51 77,91 100,65 123,21 144,44 Tabella 3 - Tr LEGGE DI PIOGGIA h a x t n 10 anni h36,844xt^0, anni h44,046xt^0, anni h47,334xt^0, anni h51,768xt^0, anni h56,185xt^0,3072

35 DATI MORFOMETRICI DEL BACINO IDROGRAFICO SOTTESO ALLA SEZIONE DI CHIUSURA CONSIDERATA TEMPO DI CORRIVAZIONE tc (ore) Superficie del Bacino Lunghezza percorso idraulico principale 2 4 S + 1.5L S 383,00 Km Giandotti tc 7, Hm H - H 0 L 59,00 Km Altitudine max percorso idraulico H Hmax 775,00 m (s.l.m.) { Altitudine min percorso idraulico H0 0,55 m (s.l.m.) Kirpich, Watt- Pendenza media percorso idraulico P 0,01 (m/m) Chow, Pezzoli Altitudine max bacino Hmax 1483,50 m (s.l.m.) Altitudine sezione considerata H0 44,53 m (s.l.m.) Altitudine media bacino H Hm 764,02 m (s.l.m.) Dislivello medio bacino Hm - H0 719,49 m 0.8 L tc P CALCOLO DELLE PORTATE DI MASSIMA PIENA PER ASSEGNATI TEMPI DI RITORNO ( FORMULA del METODO RAZIONALE ) ch (t, Τ) S Q max 3.6t c con : c coefficiente di deflusso h (t,t) S tc tempo di corrivazione 3,6 altezza critica di pioggia con tempi di ritorno (mm) superficie del bacino (km 2 ) (ore) 3,6 fattore di conversione che permette di ottenere la Qmax in m 3 /sec RISULTATI Deflusso c 0,70 S (km 2 ) 383,00 tc (ore) 7,77 Tr (anni) a n tc (ore) h(t,t) (mm) Qmax Q (m 3 /sec) 10 36,8442 0,3003 7,77 68,20 653, ,0464 0,3036 7,77 82,08 786, ,3339 0,3047 7,77 88,42 847, ,7677 0,3060 7,77 96,96 929, ,1851 0,3072 7,77 105, ,67

36 Tr 10; y 36,844x0,3003 Tr 30; y 44,046x0,3036 Tr 50; y 47,334x0,3047 0,306 Tr 100; y 51,768x Tr 200; y 56,185x0,3072 Curve di probabilità pluviometrica h (mm) ,1 1 t (ore)

37 PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO III GOVERNO DEL TERRITORIO Settore I Tutela e Valorizzazione dell Ambiente Area Acque Pubbliche e Sistemazioni Idrauliche Programma Operativo Regionale (POR) Obiettivo Competitività Regionale ed Occupazione Regione Marche 2007/2013 cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Asse 5 Valorizzazione dei Territori. PIT n. 1 Provincia di Ancona Riduzione del rischio e riqualificazione territoriale in area vasta Manutenzione straordinaria biennale sui reticoli idrografici provinciali in aree P.A.I. a rischio R3 e R4. Bacino Idrografico Fiume Musone. ALLEGATO 3

38 Formula con Manning Sezione 7 (1390,22 mc/sec) Legenda: A 213,47 input C 65,05 input R 3,282 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 702,73 m3/s

39 Formula con Manning Sezione 8 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 155,87 input C 51,20 input R 3,044 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 488,07 m3/s

40 Formula con Manning Sezione 9 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 204,24 input C 51,00 input R 4,005 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 767,80 m3/s

41 Formula con Manning Sezione 10 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 260,42 input C 69,05 input R 3,771 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 940,61 m3/s

42 Formula con Manning Sezione 11 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 95,25 input C 41,63 input R 2,288 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 246,55 m3/s

43 Formula con Manning Sezione 12 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 345,42 input C 97,78 input R 3,533 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 1.194,37 m3/s

44 Formula con Manning Sezione 13 ponte Rfi An-Ba (1090,64 mc/sec) Legenda: A 389,67 input C 146,17 input R 2,666 n 0,022 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 1.522,94 m3/s

45 Formula con Manning Sezione 14 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 223,71 input C 113,83 input R 1,965 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 523,24 m3/s

46 Formula con Manning Sezione 15 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 296,07 input C 100,34 input R 2,951 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 907,96 m3/s

47 Formula con Manning Sezione 16 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 196,74 input C 67,65 input R 2,908 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 597,54 m3/s

48 Formula con Manning Sezione 17 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 90,40 input C 38,26 input R 2,363 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 239,06 m3/s

49 Formula con Manning Sezione 18 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 215,81 input C 86,49 input R 2,495 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 591,84 m3/s

50 Formula con Manning Sezione 19 ponte (1090,64 mc/sec) Legenda: A 239,49 input C 65,50 input R 3,656 n 0,022 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 1.155,43 m3/s

51 Formula con Manning Sezione 20 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 91,33 input C 49,34 input R 1,851 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 205,25 m3/s

52 Formula con Manning Sezione 21 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 86,02 input C 38,00 input R 2,264 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 221,07 m3/s

53 Formula con Manning Sezione 22 ponte di Villa Musone (1090,64 mc/sec) Legenda: A 148,01 input C 55,83 input R 2,651 n 0,022 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 2 Q 1/ n A R i 1/ 576,32 m3/s

54 Formula con Manning Sezione 23 da verificare Legenda: A 85,91 input C 56,29 input R 1,526 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 169,76 m3/s

55 Formula con Manning Sezione 24 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 92,53 input C 59,27 input R 1,561 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 185,63 m3/s

56 Formula con Manning Sezione 25 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 265,91 input C 76,05 input R 3,497 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 913,17 m3/s

57 Formula con Manning Sezione 26 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 102,99 input C 49,52 input R 2,080 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 250,15 m3/s

58 Formula con Manning Sezione 27 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 150,68 input C 70,30 input R 2,143 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 373,41 m3/s

59 Formula con Manning Sezione 28 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 79,09 input C 36,54 input R 2,164 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 197,28 m3/s

60 Formula con Manning Sezione 29 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 103,21 input C 50,08 input R 2,061 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 249,17 m3/s

61 Formula con Manning Sezione 30 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 157,21 input C 67,74 input R 2,321 n 0,030 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 410,80 m3/s

62 Formula con Manning Sezione 30 ponte per Recanati (1090,64 mc/sec) Legenda: A 222,30 input C 71,18 input R 3,123 n 0,022 input i 0,002 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 965,50 m3/s

63 Formula con Manning Sezione 70 (970,20 mc/sec) Legenda: A 174,76 input C 66,59 input R 2,624 n 0,030 input i 0,0039 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 692,16 m3/s

64 Formula con Manning Sezione 71 (970,20 mc/sec) Legenda: A 97,45 input C 43,83 input R 2,223 n 0,030 input i 0,0039 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 345,57 m3/s

65 Formula con Manning Sezione 72 (970,20 mc/sec) Legenda: A 123,06 input C 48,57 input R 2,534 n 0,030 input i 0,0039 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 476,10 m3/s

66 Formula con Manning Sezione 73 (970,22 mc/sec) Legenda: A 103,76 input C 47,85 input R 2,168 n 0,030 input i 0,0039 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 361,86 m3/s

67 Formula con Manning Sezione 74 ponte (970,20 mc/sec) Legenda: A 226,65 input C 88,25 input R 2,568 n 0,022 input i 0,0039 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 1.206,59 m3/s

68 Formula con Manning Sezione 75 (970,20 mc/sec) Legenda: A 114,54 input C 41,78 input R 2,742 n 0,030 input i 0,0039 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 467,05 m3/s

69 Formula con Manning Sezione 76 (970,20 mc/sec) Legenda: A 76,44 input C 36,84 input R 2,075 n 0,030 input i 0,0039 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 258,86 m3/s

70 Formula con Manning Sezione 77 (970,20 mc/sec) Legenda: A 96,74 input C 47,93 input R 2,018 n 0,030 input i 0,0039 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 321,62 m3/s

71 Formula con Manning Sezione 78 (970,20 mc/sec) Legenda: A 103,20 input C 55,80 input R 1,849 n 0,030 input i 0,0039 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 323,68 m3/s

72 Formula con Manning Sezione 79 (1090,64 mc/sec) Legenda: A 205,08 input C 106,19 input R 1,931 n 0,030 input i 0,0039 input A Sezione libera C Contorno bagnato R A/C Raggio Idraulico n Coefficiente di scabrezza ì pendenza alveo (non in %) 2/3 1/ 2 Q 1/ n A R i 662,06 m3/s

73 PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO III GOVERNO DEL TERRITORIO Settore I Tutela e Valorizzazione dell Ambiente Area Acque Pubbliche e Sistemazioni Idrauliche Programma Operativo Regionale (POR) Obiettivo Competitività Regionale ed Occupazione Regione Marche 2007/2013 cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Asse 5 Valorizzazione dei Territori. PIT n. 1 Provincia di Ancona Riduzione del rischio e riqualificazione territoriale in area vasta Manutenzione straordinaria biennale sui reticoli idrografici provinciali in aree P.A.I. a rischio R3 e R4. Bacino Idrografico Fiume Musone. ALLEGATO 4

74

Definitivo - Esecutivo

Definitivo - Esecutivo PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO III GOVERNO DEL TERRITORIO Settore I Tutela e Valorizzazione dell Ambiente Area Acque Pubbliche e Sistemazioni Idrauliche Progetto Definitivo - Esecutivo Oggetto: Bacino

Dettagli

C-RELAZIONE IDROLOGICA IDRAULICA

C-RELAZIONE IDROLOGICA IDRAULICA OGGETTO: C-RELAZIONE IDROLOGICA IDRAULICA Collegamento tra la S.P.n.3 della Val Musone e la zona industriale Squartabue -Tratto sino al confine con la Provincia di Macerata- Importo totale progetto 1.550.000,00

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA IDRAULICA

RELAZIONE IDROLOGICA IDRAULICA RELAZIONE IDROLOGICA IDRAULICA 1. PREMESSA In relazione ai lavori di realizzazione della nuova rotatoria sulla S.S. 16 Adriatica al km 326+040 in corrispondenza dell intersezione con la S.P. 24 Bellaluce

Dettagli

COMUNE DI FIUMINATA PROVINCIA DI MACERATA VERIFICA IDRAULICA SEZIONE DEL FOSSO LAVERINELLO INDICE

COMUNE DI FIUMINATA PROVINCIA DI MACERATA VERIFICA IDRAULICA SEZIONE DEL FOSSO LAVERINELLO INDICE COMUNE DI FIUMINATA PROVINCIA DI MACERATA VERIFICA IDRAULICA SEZIONE DEL FOSSO LAVERINELLO INDICE 1) PREMESSA...Pag. 1 2) PORTATE DI MASSIMA PIENA...Pag. 1 3) VERIFICA IDRAULICA DELLA SEZIONE DEL FOSSO...Pag.

Dettagli

COMUNE DI ARCIDOSSO (PROVINCIA DI GROSSETO) VARIANTE GENERALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO. Legge Regionale Toscana 3 gennaio 2005 n.

COMUNE DI ARCIDOSSO (PROVINCIA DI GROSSETO) VARIANTE GENERALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO. Legge Regionale Toscana 3 gennaio 2005 n. COMUNE DI ARCIDOSSO (PROVINCIA DI GROSSETO) VARIANTE GENERALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO Legge Regionale Toscana 3 gennaio 2005 n.1 INTEGRAZIONE STUDI IDROLOGICI E IDRAULICI U.T.O.E. Arcidosso Fosso del

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA PROGETTO DEFINITIVO VERIFICHE IDROGEOLOGICHE. I e II TRATTO ING. MARIO ADDARIO ARCH. ORAZIA TRIBASTONE SCALA DATA

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA PROGETTO DEFINITIVO VERIFICHE IDROGEOLOGICHE. I e II TRATTO ING. MARIO ADDARIO ARCH. ORAZIA TRIBASTONE SCALA DATA PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA PROGETTO: SISTEMAZIONE DELLA S.P. 45 "BUGILFEZZA - POZZALLO. TRATTI COMPRESI DAL KM 5+250 AL KM 5+550 E DAL KM 6+800 AL KM 7+000". PROGETTO DEFINITIVO TITOLO: VERIFICHE IDROGEOLOGICHE.

Dettagli

COMUNE DI ARCIDOSSO (PROVINCIA DI GROSSETO) VARIANTE GENERALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO. Legge Regionale Toscana 3 gennaio 2005 n.

COMUNE DI ARCIDOSSO (PROVINCIA DI GROSSETO) VARIANTE GENERALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO. Legge Regionale Toscana 3 gennaio 2005 n. COMUNE DI ARCIDOSSO (PROVINCIA DI GROSSETO) VARIANTE GENERALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO Legge Regionale Toscana 3 gennaio 2005 n.1 INTEGRAZIONE STUDI IDROLOGICI E IDRAULICI U.T.O.E. Salaiola Fosso di

Dettagli

Stima della portata di piena: un esempio

Stima della portata di piena: un esempio Stima della portata di piena: un esempio Giuseppe Pino APAT Dipartimento Nucleare, Rischio Tecnologico e Industriale 1 aprile 2008 Stima della portata di massima piena Obiettivo: determinare la portata

Dettagli

STIMA DELLA PORTATA DI PIENA

STIMA DELLA PORTATA DI PIENA A.A 2013/2014 PROTEZIONE E SISTEMAZIONE DEI BACINI IDROGRAFICI I Esercitazione n 1 del 10/10/2013 STIMA DELLA PORTATA DI PIENA INDICAZIONI PER LO SVOLGIMENTO Nella prima parte dell esercitazione tracciare

Dettagli

INDICE RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PIENA DI PROGETTO 2 VERIFICHE IDRAULICHE DELLE SEZIONI 6

INDICE RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PIENA DI PROGETTO 2 VERIFICHE IDRAULICHE DELLE SEZIONI 6 INDICE RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PIENA DI PROGETTO 2 CONSIDERAZIONI IDROGEOLOGICHE E IDROMETOGRAFICHE 2 DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PIENA DI PROGETTO MEDIANTE

Dettagli

Università della Calabria

Università della Calabria Università della Calabria FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Civile CORSO DI IDROLOGIA N.O. Prof. Pasquale Versace SCHEDA DIDATTICA N 3 CURVE DI PROBABILITÀ PLUVIOMETRICA A.A. 00- CURVE

Dettagli

1 PREMESSA. Quadrilatero Marche-Umbria Maxilotto 1 1 Sublotto 2.1

1 PREMESSA. Quadrilatero Marche-Umbria Maxilotto 1 1 Sublotto 2.1 1 PREMESSA La presente relazione riporta la verifica idraulica dei tombini idraulici posti lungo il Ramo H (strada di collegamento tra la S.S. 7 e la S.P. 441 in prossimità dell abitato di Colfiorito).

Dettagli

1 PREMESSA DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PROGETTO VERIFICHE IDRAULICHE CONCLUSIONI...

1 PREMESSA DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PROGETTO VERIFICHE IDRAULICHE CONCLUSIONI... SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PROGETTO... 5 4 VERIFICHE IDRAULICHE... 10 5 - CONCLUSIONI... 12 2 RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA 1 PREMESSA Per evitare fenomeni di dilavamento

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO SP 583 Lariana Interventi di messa in sicurezza 1 stralcio - III lotto RELAZIONE IDRAULICA SOMMARIO

PROVINCIA DI LECCO SP 583 Lariana Interventi di messa in sicurezza 1 stralcio - III lotto RELAZIONE IDRAULICA SOMMARIO RELAZIONE IDRAULICA SOMMARIO 1 RELAZIONE IDROLOGICA 2 1.1 PREMESSE E CONSIDERAZIONI GENERALI... 2 1.2 Le caratteristiche pluviometriche... 2 1.3 il bacino imbrifero... 3 1.4 valutazione dei tempi di corrivazione...

Dettagli

INDICE GENERALE 1. PREMESSA INQUADRAMENTO TERRITORIALE ED IDROGRAFIA TOMBINI IDRAULICI... 9

INDICE GENERALE 1. PREMESSA INQUADRAMENTO TERRITORIALE ED IDROGRAFIA TOMBINI IDRAULICI... 9 INDICE GENERALE 1. PREMESSA... 2 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE ED IDROGRAFIA... 2 2.1. Bacino idrografico fiume Ofanto... 3 2.2. Pluviometria... 4 3. TOMBINI IDRAULICI... 9 1 1. PREMESSA Nella presente

Dettagli

PREMESSA 2 1 Caratteristiche generali 2 2. Indagine pluviometrica Dati pluviometrici Analisi 7. APPENDICE: risultati simulazione idraulica

PREMESSA 2 1 Caratteristiche generali 2 2. Indagine pluviometrica Dati pluviometrici Analisi 7. APPENDICE: risultati simulazione idraulica PREMESSA 2 1 Caratteristiche generali 2 2. Indagine pluviometrica 3 2.1 Dati pluviometrici 3 2.1 Analisi 7 APPENDICE: risultati simulazione idraulica RELAZIONE IDRAULICA -Pagina 1 di 8 PREMESSA La presente

Dettagli

Progetto - Esecutivo

Progetto - Esecutivo PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO III GOVERNO DEL TERRITORIO Settore I Tutela e Valorizzazione dell Ambiente Area Acque Pubbliche e Sistemazioni Idrauliche Progetto - Esecutivo Programma Operativo Regionale

Dettagli

POLIGONALE ESTERNA DI BARI S.P. 92 "BITRITTO - MODUGNO" ADEGUAMENTO FUNZIONALE ED AMPLIAMENTO DEL TRATTO DAL KM AL KM 1+250

POLIGONALE ESTERNA DI BARI S.P. 92 BITRITTO - MODUGNO ADEGUAMENTO FUNZIONALE ED AMPLIAMENTO DEL TRATTO DAL KM AL KM 1+250 S.P. 92 "BITRITTO - MODUGNO" ADEGUAMENTO FUNZIONALE ED AMPLIAMENTO DEL TRATTO DAL KM 0+000 AL KM 1+250 RELAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA 1. PREMESSA Nella presente relazione viene riportato lo studio

Dettagli

RELAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA

RELAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA 1. PREMESSA Nella presente relazione viene riportato lo studio idrologico ed idraulico relativo al reticolo idrografico interferente con la strada di collegamento tra

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA

RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA STUDIO DELLA PORTATA DI PIENA La portata di piena, utilizzata come base per i calcoli idraulici, si ottiene mediante la Formula Razionale come prodotto tra l intensità

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA 1. Generalità

RELAZIONE IDRAULICA 1. Generalità RELAZIONE IDRAULICA 1. Generalità Oggetto della presente relazione è il dimensionamento delle rete di fognatura delle acque bianche proveniente dalla realizzazione di un nuovo piazzale all interno del

Dettagli

RELATIVO ALLA SCHEDA NORMA 7.9 PER AREE DI TRASFORMAZIONE POSTA IN PISA VIA VENEZIA GIULIA

RELATIVO ALLA SCHEDA NORMA 7.9 PER AREE DI TRASFORMAZIONE POSTA IN PISA VIA VENEZIA GIULIA P A S Q U A L E C O V I E L L O I N G E G N E R E P I A N O A T T U A T I V O RELATIVO ALLA SCHEDA NORMA 7.9 PER AREE DI TRASFORMAZIONE POSTA IN PISA VIA VENEZIA GIULIA di proprietà Ferrari Bruno ed altri

Dettagli

DIMENSIONAMENTO IDROLOGICO IDRAULICO DEI PRINCIPALI CANALI ED ATTRAVERSAMENTI IN CONDOTTA DI PROGETTO

DIMENSIONAMENTO IDROLOGICO IDRAULICO DEI PRINCIPALI CANALI ED ATTRAVERSAMENTI IN CONDOTTA DI PROGETTO DIMENSIONAMENTO IDROLOGICO IDRAULICO DEI PRINCIPALI CANALI ED ATTRAVERSAMENTI IN CONDOTTA DI PROGETTO Il rapporto tra l intervento di realizzazione del ciclodromo progettato e l assetto idrografico di

Dettagli

GNDCI Linea 1. Rapporto di sintesi sulla valutazione delle piene in Italia

GNDCI Linea 1. Rapporto di sintesi sulla valutazione delle piene in Italia 5. SINTESI DEL RAPPORTO REGIONALE PER I COMPARTIMENTI DI BOLOGNA, PISA, ROMA E ZONA EMILIANA DEL BACINO DEL PO 5. Premessa Per il territorio di competenza dei Compartimenti del Servizio Idrografico e Mareografico

Dettagli

Lottizzazione Immacolata

Lottizzazione Immacolata Lottizzazione Immacolata COMUNE DI VIGGIANO (POTENZA) RELAZIONE IDROGEOLOGICA E IDRAULICA Premesse Il presente studio risponde all esigenza di analizzare le caratteristiche idrauliche connesse al rispettivo

Dettagli

Macroattività B - Modellazione idrologica Attività B1: Regionalizzazione precipitazioni

Macroattività B - Modellazione idrologica Attività B1: Regionalizzazione precipitazioni ACCORDO DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA TRA REGIONE TOSCANA E DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE PER ATTIVITA DI RICERCA PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

Corso di Idrologia A.A Piogge intense. Antonino Cancelliere. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Catania

Corso di Idrologia A.A Piogge intense. Antonino Cancelliere. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Catania Corso di Idrologia A.A. 2011-2012 Piogge intense Antonino Cancelliere Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Catania Elaborazione delle piogge intense Obiettivi: 1. Determinazione

Dettagli

Compito a casa n 2. Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta

Compito a casa n 2. Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta Coppa Matteo, matricola192485 10/12/2012 Compito a casa n 2 Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta Lo scopo dell esercitazione è di valutare il valore di

Dettagli

Studio della pericolosità idraulica

Studio della pericolosità idraulica Studio della pericolosità idraulica 2.2 Relazione idrologica DATA Agosto 2017 FILE 2.2-PAI REV 01 Indice generale 1 Introduzione...3 2 Descrizione dei bacini imbriferi...3 3 Metodologia adottata per la

Dettagli

Dott. Ing. Tomaso Invernizzi SOMMARIO

Dott. Ing. Tomaso Invernizzi SOMMARIO SOMMARIO PREMESSA: pag. 02 STUDIO IDROLOGICO: pag. 03 Calcolo del tempo di corrivazione: pag. 07 Calcolo dell altezza di pioggia critica: pag. 07 Calcolo della portata di massima piena liquida: pag. 08

Dettagli

INDICE RELAZIONE DI CALCOLO PREMESSE DESCRIZIONE OPERE E CARATTERISTICHE DIMENSIONALI CALCOLO VASCA DI LAMINAZIONE...

INDICE RELAZIONE DI CALCOLO PREMESSE DESCRIZIONE OPERE E CARATTERISTICHE DIMENSIONALI CALCOLO VASCA DI LAMINAZIONE... INDICE RELAZIONE DI CALCOLO... 3 1. PREMESSE... 3 2. DESCRIZIONE OPERE E CARATTERISTICHE DIMENSIONALI... 3 3. CALCOLO VASCA DI LAMINAZIONE... 4 3.1.1 TRATTO 01... 4 3.1.2 TRATTO 02... 5 3.1.3 TRATTO 03...

Dettagli

LAVORI DI REALIZZAZIONE DELLA VASCA N.6 DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI ASCOLI PICENO IN LOCALITA RELLUCE

LAVORI DI REALIZZAZIONE DELLA VASCA N.6 DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI ASCOLI PICENO IN LOCALITA RELLUCE 1 PROVINCIA DI ASCOLI PICENO COMUNE DI ASCOLI PICENO LAVORI DI REALIZZAZIONE DELLA VASCA N.6 DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI ASCOLI PICENO IN LOCALITA RELLUCE INDICE 1. INTRODUZIONE E PREMESSA...

Dettagli

Comune di Zeri. Provincia di Massa - Carrara PIANO DI RECUPERO DELLA FRAZIONE VALLE DI ROSSANO. (Legge Regionale n.1 del

Comune di Zeri. Provincia di Massa - Carrara PIANO DI RECUPERO DELLA FRAZIONE VALLE DI ROSSANO. (Legge Regionale n.1 del RICCARDO CANIPAROLI geologia & ambiente Via S. Martino 3 (Pal Caniparoli) 54033 CARRARA (MS) Sede Tel. +39.058570444 Via Belvedere 12 80127 NAPOLI +39.0815563354 fax +39.0812141582 Mob. +39.3483803244

Dettagli

Sommario 1. PREMESSA DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO ANALISI IDROLOGICA CALCOLI IDRAULICI... 9

Sommario 1. PREMESSA DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO ANALISI IDROLOGICA CALCOLI IDRAULICI... 9 Sommario 1. PREMESSA... 2 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO... 2 3. ANALISI IDROLOGICA... 2 4. CALCOLI IDRAULICI... 9 1 1. PREMESSA La presente relazione allegata al Progetto esecutivo per la regimazione

Dettagli

a 17,438 n 0,506 k 100 2,37

a 17,438 n 0,506 k 100 2,37 Si riportano i dati del Bacino del Chisone: Dove: - Ψ= coefficiente di afflusso del bacino - v= velocità - L= lunghezza dell asta principale Esercitazione di Idrologia z medio 1739 m z max 3234 m z min

Dettagli

Oggetto: Riqualificazione strade comunali anno Luogo: VIA PAPINI-VIA TRIESTE-VIA HACK-VIA PELLICO Camaiore (LU) Titolo:

Oggetto: Riqualificazione strade comunali anno Luogo: VIA PAPINI-VIA TRIESTE-VIA HACK-VIA PELLICO Camaiore (LU) Titolo: 1 2017-02-03 Revisione 0 Rev.: 2017-01-23 Data: Emissione Descrizione: Committente: COMUNE DI CAMAIORE Provincia di Lucca Oggetto: Riqualificazione strade comunali anno 2016 Luogo: VIA PAPINI-VIA TRIESTE-VIA

Dettagli

IMMOBILIARE SENNI S.r.l.

IMMOBILIARE SENNI S.r.l. IMMOBILIARE SENNI S.r.l. via Girolamo Rossi, 5 48123 Ravenna CF e P.IVA 02281470399 PROGETTO URBANISTICO P.U.A. Area sita a S.P. in Vincoli (RA) Via Senni Via San Rocco Città di nuovo impianto residenziale

Dettagli

STUDIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO DELLA REGIONE MARCHE

STUDIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO DELLA REGIONE MARCHE In collaborazione con: Consorzio di Bonifica delle Marche STUDIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO DELLA REGIONE MARCHE Area Bonifica INDAGINE CONDOTTA SUI BACINI IDROGRAFICI DEI FIUMI CONCA,

Dettagli

Idraulica e idrologia: Lezione 9

Idraulica e idrologia: Lezione 9 Idraulica e idrologia: Lezione 9 Agenda del giorno - Relazioni per la stima della portata al colmo; - Tempo di corrivazione di un bacino; - Metodo razionale. 1 LINEA SEGNALATRICE DI PROBABILITA PLUVIOMETRICA

Dettagli

3.2 AMBIENTE IDRICO (14, 20)

3.2 AMBIENTE IDRICO (14, 20) 3.2 AMBIENTE IDRICO (14, 20) 3.2.1 Prelievi e fabbisogni idrici dell impianto Le esigenze idriche connesse con la realizzazione dell impianto sono stimabili durante la fase di costruzione in circa 70 m

Dettagli

MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA RIQUALIFICAZIONE FUNZIONALE DELL IMPIANTO SPORTIVO SAN FRANCESCO

MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA RIQUALIFICAZIONE FUNZIONALE DELL IMPIANTO SPORTIVO SAN FRANCESCO COMUNE DI SPEZZANO DELLA SILA (Cosenza) Località Cona - Via San Francesco di Paola MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA RIQUALIFICAZIONE FUNZIONALE DELL IMPIANTO SPORTIVO SAN FRANCESCO ELAB. R.03 Data: Luglio

Dettagli

Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta

Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta Angela Cianchi Matr. 188270 16 Dicembre 2012 Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta Svolgimento Il metodo della corrivazione si basa sulle seguenti ipotesi:

Dettagli

PARTE PRIMA: MODIFICHE AL TRACCIATO DELLA S.S.

PARTE PRIMA: MODIFICHE AL TRACCIATO DELLA S.S. INDICE PREMESSA 1 PARTE PRIMA: MODIFICHE AL TRACCIATO DELLA S.S. 125 2 1. IL BACINO IDROGRAFICO 3 1.1 Inquadramento geografico... 3 1.2 Litologia... 4 1.3 Uso del suolo... 5 1.4 Caratteristiche geomorfologiche

Dettagli

Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta

Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta Nome : Pasquale Cognome: Durante Matricola: 178073 Traccia: Scopo dell'esercizio è riesaminare la formulazione tradizionale

Dettagli

P r o v i n c i a d i F i r e n z e COMUNE DI FIRENZE REALIZZAZIONE DEL NUOVO CAMPEGGIO DI FIRENZE A ROVEZZANO IN VIA GENERALE DALLA CHIESA N.

P r o v i n c i a d i F i r e n z e COMUNE DI FIRENZE REALIZZAZIONE DEL NUOVO CAMPEGGIO DI FIRENZE A ROVEZZANO IN VIA GENERALE DALLA CHIESA N. P r o v i n c i a d i F i r e n z e COMUNE DI FIRENZE REALIZZAZIONE DEL NUOVO CAMPEGGIO DI FIRENZE A ROVEZZANO IN VIA GENERALE DALLA CHIESA N. 1-3 Calcolo deflusso acque meteoriche Calcolo deflusso acque

Dettagli

GNDCI Linea 1. Rapporto di sintesi sulla valutazione delle piene in Italia 11. SINTESI DEL RAPPORTO REGIONALE SICILIA

GNDCI Linea 1. Rapporto di sintesi sulla valutazione delle piene in Italia 11. SINTESI DEL RAPPORTO REGIONALE SICILIA 11. SINTESI DEL RAPPORTO REGIONALE SICILIA 11.1 Premessa In questa breve nota vengono sintetizzati i risultati salienti del Progetto VAPI per la stima delle portate di assegnato tempo di ritorno, per qualsiasi

Dettagli

Progetto - Esecutivo

Progetto - Esecutivo PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO III GOVERNO DEL TERRITORIO Settore I Tutela e Valorizzazione dell Ambiente Area Acque Pubbliche e Sistemazioni Idrauliche Progetto - Esecutivo Programma Operativo Regionale

Dettagli

Progetto di Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico del bacino del fiume Saccione INDICE

Progetto di Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico del bacino del fiume Saccione INDICE REGIONE ABRUZZO REGIONE CAMPANIA AUTORITA' DI BACINO DEI FIUMI Trigno, Biferno e Minori, Saccione e Fortore PROGETTO DI PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO DEL BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME SACCIONE

Dettagli

TRONCO TRENTO VALDASTICO PIOVENE ROCCHETTE

TRONCO TRENTO VALDASTICO PIOVENE ROCCHETTE Committente: Progettazione: CONSORZIO RAETIA PROGETTO PRELIMINARE STUDI PER LA CONOSCENZA DEL CONTESTO IDROLOGIA Relazione idrologica I N D I C E 1 PREMESSA 2 2 PLUVIOMETRIA 3 2.1.1 Analisi statistica

Dettagli

Studi sugli eventi estremi per stima delle portate di piena

Studi sugli eventi estremi per stima delle portate di piena Studi sugli eventi estremi per stima delle portate di piena Un obiettivo degli studi sugli eventi estremi idrometeorologici è la determinazione dell idrogramma delle portate di piena (o almeno della portata

Dettagli

Acea Ato 5 SpA. Acea Elabori SpA. acqua. Ingegneria e Servizi

Acea Ato 5 SpA. Acea Elabori SpA. acqua. Ingegneria e Servizi acqua Acea Ato 5 SpA Ingegneria e Servizi Acea Elabori SpA ACEA ATO5 S.P.A. ACEA ELABORI S.P.A. INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL VERSANTE IN FRANA SITO IN LOCALITA' CASINO FRANCHI (COMUNE DI VEROLI)

Dettagli

PREMESSA... 3 INQUADRAMENTO IDRAULICO DELL AREA... 5 CALCOLO DELLA PORTATA TOTALE (METEORICA + NERA)... 8 DIMENSIONAMENTO TUBAZIONI...

PREMESSA... 3 INQUADRAMENTO IDRAULICO DELL AREA... 5 CALCOLO DELLA PORTATA TOTALE (METEORICA + NERA)... 8 DIMENSIONAMENTO TUBAZIONI... RELAZIONE IDRAULICA per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque miste (meteoriche e reflue) derivanti da nuova lottizzazione in Loc. Viustino, San Giorgio piacentino (PC) INDICE PREMESSA...

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA PONTI N

RELAZIONE IDROLOGICA PONTI N RELAZIONE IDROLOGICA PONTI N. 3 4 5 7 I INDICE 1. STUDIO IDROLOGICO 1 1.1. Impostazione dello studio...1 1.2. Metodologie di calcolo delle portate di piena...1 1.3. Confronto tra i risultati ottenuti con

Dettagli

DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE COMUNE DI RIMINI UO GESTIONE TERRITORIALE

DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE COMUNE DI RIMINI UO GESTIONE TERRITORIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE COMUNE DI RIMINI UO GESTIONE TERRITORIALE DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITÀ URBANA Ottobre 2015 Rev. 00 INDICE RELAZIONE IDRAULICA 1 1. PREMESSA 4 2.

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO IDROLOGIA ED IDRAULICA

PROGETTO ESECUTIVO IDROLOGIA ED IDRAULICA Commissario Governativo Delegato OPCM n. 3869 del 23 aprile 2010 OPCM n. 3895 del 20/8/2010 REGIONE SARDEGNA O.P.C.M. n. 3869 del 23/04/2010. Disposizioni urgenti di protezione civile per nelle province

Dettagli

GNDCI Linea 1. Rapporto di sintesi sulla valutazione delle piene in Italia

GNDCI Linea 1. Rapporto di sintesi sulla valutazione delle piene in Italia 3. SINTESI DEL RAPPORTO REGIONALE SUL TRIVENETO 3.1 Premessa In questa breve nota vengono sintetizzati i risultati salienti del progetto VAPI per la stima delle portate di assegnato tempo di ritorno per

Dettagli

Studi sugli eventi estremi per stima delle portate di piena

Studi sugli eventi estremi per stima delle portate di piena Studi sugli eventi estremi per stima delle portate di piena Un obiettivo degli studi sugli eventi estremi idrometeorologici è la determinazione dell idrogramma delle portate di piena (o almeno della portata

Dettagli

2.1. Bacino idrografico del Fiume Cavone Bacino idrografico sotteso dalla sezione verificata... 6

2.1. Bacino idrografico del Fiume Cavone Bacino idrografico sotteso dalla sezione verificata... 6 SFR11-92-2-RGL1 Comune di Garaguso (Mt) L. Ferrero INDICE 1. PREMESSA... 2 2. LOCALIZZAZIONE DEL SITO... 4 2.1. Bacino idrografico del Fiume Cavone... 4 2.2. Bacino idrografico sotteso dalla sezione verificata...

Dettagli

Gemellaggi per l Internalizzazionel Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) 06 novembre 2007

Gemellaggi per l Internalizzazionel Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) 06 novembre 2007 Gemellaggi per l Internalizzazionel Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) AGIRE POR - GEMELLAGGIO MARCHE/PUGLIA - FASE 1.1.3 1 EVENTO ALLUVIONALE DEL 16 SET 20 Ordinanza del Presidente del

Dettagli

RELAZIONE PREDIMENSIONAMENTO IDROLOGICO-IDRAULICO

RELAZIONE PREDIMENSIONAMENTO IDROLOGICO-IDRAULICO RELAZIONE PREDIMENSIONAMENTO IDROLOGICO-IDRAULICO IDRAULICO INDICE PREMESSE... 1 1- GENERALITA SUI CONTENUTI DELLA RELAZIONE... 1 3- CENNI PRELIMINARI ALLE ANALISI IDROLOGICHE-IDRAULICHE IDRAULICHE...

Dettagli

Compito a casa 2. Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta: metodo PSI e SCS-CN

Compito a casa 2. Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta: metodo PSI e SCS-CN Compito a casa 2 Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta: metodo PSI e SCS-CN Scopo dell'esercizio è riesaminare la formulazione tradizionale del metodo razionale

Dettagli

REGIONE MARCHE PROVINCIA DI MACERATA Comune di Penna San Giovanni

REGIONE MARCHE PROVINCIA DI MACERATA Comune di Penna San Giovanni REGIONE MARCHE PROVINCIA DI MACERATA Comune di Penna San Giovanni PROGETTO: RIPRISTINO DI UNA VECCHIA OPERA DI PRESA SUL TORRENTE TENNACOLA CON REALIZZAZIONE E MESSA IN ESERCIZIO DI UNA PICCOLA CENTRALE

Dettagli

Relazione idrologica

Relazione idrologica 03.01.01.00 ULSS N 17 - NUOVO POLO OSPEDALIERO UNICO - MONSELICE - ESTE S.P. dei Bersaglieri IDROLOGIA Generale Relazione idrologica RT I - 001 1 1-0 28/03/10 0 Emissione 28/03/2010 S. Cibin S. Flora G.

Dettagli

COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO

COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (Provincia di Fermo) RELAZIONE IDROLOGICA E IDRAULICA Studio idrologico ed idraulico relativo al reticolo idrografico del Rio Petronilla ai fini della Valutazione di Compatibilità

Dettagli

Esercizio a casa 2. Per questo esercizio sono stati utilizzati i dati relativi al bacino del Chisone a S.Martino ; in particolare:

Esercizio a casa 2. Per questo esercizio sono stati utilizzati i dati relativi al bacino del Chisone a S.Martino ; in particolare: Esercizio a casa 2 Antonucci Francesco Per questo esercizio sono stati utilizzati i dati relativi al bacino del Chisone a S.Martino ; in particolare: Quota media: z medio =1739 m Quota minima: z min =415m

Dettagli

All. 3. Relazione idrologica

All. 3. Relazione idrologica All. 3 Relazione idrologica Indice pag.. Introduzione...3 2. Metodologia adottata per la valutazione della portata di piena...4 2.. Formula di Sirchia-Fassò...5 2.2. Metodo della curva inviluppo modificato...6

Dettagli

Appunti di IDROLOGIA TECNICA

Appunti di IDROLOGIA TECNICA UNIVERSITÀ degli STUDI di TRIESTE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Ambientale e del Territorio Corso di IDROLOGIA TECNICA (prof. ing. E. Caroni) Appunti di IDROLOGIA TECNICA

Dettagli

INDICE 1. Premessa Descrizione dell intervento Analisi idrologica Analisi idraulica... 7

INDICE 1. Premessa Descrizione dell intervento Analisi idrologica Analisi idraulica... 7 INDICE 1. Premessa... 2 2. Descrizione dell intervento... 3 3. Analisi idrologica... 5 4. Analisi idraulica... 7 1 1. Premessa Nella presente relazione viene riportato lo studio idrologico ed idraulico

Dettagli

Evento alluvionale del 12/13 Novembre 2014

Evento alluvionale del 12/13 Novembre 2014 via Nino Dall Oro 4-269 LODI tel. 37-4289 r.a. fax 37-5393 email: cmuzza@muzza.it Evento alluvionale del 2/3 Novembre 24 Analisi idrologica relativa al Bacino del colatore Venere Studio Interno preliminare

Dettagli

1. Generalità Descrizione dello stato di fatto Descrizione opere in progetto Verifiche di compatibilità idraulica...

1. Generalità Descrizione dello stato di fatto Descrizione opere in progetto Verifiche di compatibilità idraulica... 1. Generalità... 2 2. Descrizione dello stato di fatto... 2 3. Descrizione opere in progetto... 3 4. Verifiche di compatibilità idraulica... 9 4.1. Generalità... 9 4.2. Calcolo sezione idraulica minima

Dettagli

Geologo Specialista ORDINE DEI GEOLOGI DELLE MARCHE. APIRO - aprile 2013

Geologo Specialista ORDINE DEI GEOLOGI DELLE MARCHE. APIRO - aprile 2013 Comune di APIRO Provincia di Macerata PROGETTO DI REALIZZAZIONE IMPIANTO MINI- IDROELETTRICO SUL TORRENTE ESINANTE IN STRADA PROVINCIALE N. 117 DI SANT URBANO 1. RELAZIONE DI VERIFICA IDROLOGICO-IDRAULICA

Dettagli

Dr. Giancarlo LARI Dr. Marcello CINCI - Geologi (OGT n. 183) 19 Febbraio 2009

Dr. Giancarlo LARI Dr. Marcello CINCI - Geologi (OGT n. 183) 19 Febbraio 2009 R E G O L A M E N T O U R B A N I S T I C O COMUNE DI CHIANNI Verifica idraulica del T. Càscina nel tratto compreso fra Croce del Magno e la foce del Botro di S. Donato Interventi necessari per la messa

Dettagli

2. Caratteristiche morfologiche del bacino idrografico

2. Caratteristiche morfologiche del bacino idrografico Relazione Idrologica Torrente Salice Torrente Salice 1. Premessa Il Bacino idrografico del Torrente Salice ricade nel territorio del comune di Ardore (RC). Il corso d acqua ha origine ad Ovest, dalla cresta

Dettagli

ESERCITAZIONI DI IDROLOGIA. Esercizio Bonus 2. Fulchero Lorenzo [ ]

ESERCITAZIONI DI IDROLOGIA. Esercizio Bonus 2. Fulchero Lorenzo [ ] ESERCITAZIONI DI IDROLOGIA Esercizio Bonus 2 [212-213] OBIETTIVO: RIESAME DEI RISULTATI DEL METODO RAZIONALE CON DUE METODI DI STIMA DELLA PIOGGIA NETTA. Scopo dell'esercizio è riesaminare la formulazione

Dettagli

16/03/2017. Maurizio Giugni CENNI DI IDROLOGIA IL CICLO IDROLOGICO. Idrologia. Lezione n. Parole chiave: Reti di drenaggio urbano

16/03/2017. Maurizio Giugni CENNI DI IDROLOGIA IL CICLO IDROLOGICO. Idrologia. Lezione n. Parole chiave: Reti di drenaggio urbano Maurizio Giugni CENNI DI IDROLOGIA 11 Lezione n. Parole chiave: Reti di drenaggio urbano Corso di Laurea: IAeT Insegnamento: Infrastrutture idrauliche Email Docente: giugni@unina.it A.A. 2009-2010 IL CICLO

Dettagli

COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO

COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (Provincia di Fermo) RELAZIONE IDROLOGICA E IDRAULICA Studio idrologico ed idraulico relativo al reticolo idrografico del Rio Petronilla ai fini della valutazione della pericolosità

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA TORRENTE SCARICALASINO

RELAZIONE IDROLOGICA TORRENTE SCARICALASINO DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE INTEGRATE DI SICUREZZA E PER LA PROTEZIONE CIVILE PROGETTO PRELIMINARE PER LA SISTEMAZIONE DEI BACINI INTERESSATI DAGLI EVENTI ALLUVIONALI DEL 2006 RELAZIONE IDROLOGICA TORRENTE

Dettagli

GNDCI Linea 1. Rapporto di sintesi sulla valutazione delle piene in Italia

GNDCI Linea 1. Rapporto di sintesi sulla valutazione delle piene in Italia 6. SINTESI DEL RAPPORTO REGIONALE NEI BACINI DELLE SEZIONI IDROGRAFICHE DI ROMA E PESCARA 6.1 Premessa Il presente capitolo si basa sulle analisi pluviometriche effettuate dall U.O. 1.34, mentre per le

Dettagli

Esercitazione 2. Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta. Aurora Gerardi

Esercitazione 2. Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta. Aurora Gerardi Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta. DOCENTE: Prof. Claps Esercitatore: Ing. A. Botto A.A. 2012/2013 2 Scopo dell'esercizio è riesaminare la formulazione

Dettagli

1. Pluviometria sulla città di Napoli

1. Pluviometria sulla città di Napoli Il nubifragio del 17 e 18 settembre 2005 a Napoli 1. Pluviometria sulla città di Napoli Le precipitazioni registrate dai pluviometri in telemisura di Napoli Camaldoli e Napoli Capodimonte hanno avuto inizio

Dettagli

STUDIO IDROLOGICO ED IDRAULICO PER L INDIVIDUAZIONE DELLE AREE ESONDABILI DEL FIUME CHIESE A VALLE DEL LAGO D IDRO

STUDIO IDROLOGICO ED IDRAULICO PER L INDIVIDUAZIONE DELLE AREE ESONDABILI DEL FIUME CHIESE A VALLE DEL LAGO D IDRO STUDIO IDROLOGICO ED IDRAULICO PER L INDIVIDUAZIONE DELLE AREE ESONDABILI DEL FIUME CHIESE A VALLE DEL LAGO D IDRO PRESENTAZIONE DEL 29/10/2014 27-09-2011 OGGETTO DELLO STUDIO: Ottemperanza alla prescrizione

Dettagli

Università della Calabria

Università della Calabria Università della Calabria FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio CORSO DI IDROLOGIA N.O. Ing. Daniela Biondi SCHEDA DIDATTICA N 6 ANALISI DELLE PIOGGE ANNUE

Dettagli

LINEE GUIDA E INDIRIZZI OPERATIVI PER L ATTUAZIONE DEL PRINCIPIO DELLA INVARIANZA IDRAULICA

LINEE GUIDA E INDIRIZZI OPERATIVI PER L ATTUAZIONE DEL PRINCIPIO DELLA INVARIANZA IDRAULICA PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLA SARDEGNA LINEE GUIDA E INDIRIZZI OPERATIVI PER L ATTUAZIONE DEL PRINCIPIO DELLA INVARIANZA IDRAULICA (articolo 47 delle NTA del PAI) Allegato

Dettagli

Regione Umbria Direzione Ambiente, Territorio e Infrastrutture Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico

Regione Umbria Direzione Ambiente, Territorio e Infrastrutture Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico Regione Umbria Direzione Ambiente, Territorio e Infrastrutture Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico CENTRO FUNZIONALE DECENTRATO EVENTO IDRO-PLUVIOMETRICO DEL 18 SETTEMBRE 27 SUL BACINO DEL TORRENTE

Dettagli

Premessa. Area in esame

Premessa. Area in esame Premessa La presente relazione idraulica è finalizzata alla sistemazione di alcuni tratti dei canali della Piana di Rosia (Fosso Luchetto e Fosso Cannaio) per il miglioramento generale del deflusso idrico

Dettagli

SAO Srl. ambiente. Loc. Pian del Vantaggio 35/B - Orvieto. Ingegneria e Servizi. LaboratoRI SpA

SAO Srl. ambiente. Loc. Pian del Vantaggio 35/B - Orvieto. Ingegneria e Servizi. LaboratoRI SpA ambiente SAO Srl Loc. Pian del Vantaggio 35/B - Orvieto Ingegneria e Servizi LaboratoRI SpA INDICE 1 PREMESSA 2 2. STUDIO IDROLOGICO 2 2.1 Superficie dei bacini e coefficienti di deflusso 3 2.2 Tempo di

Dettagli

INDICE. 1.1 Premessa ambiti inedificabili esistenti - art Metodologia generale...2

INDICE. 1.1 Premessa ambiti inedificabili esistenti - art Metodologia generale...2 INDICE 1.1 Premessa...2 1.2 ambiti inedificabili esistenti - art.36...2 1.3 Metodologia generale...2 1.3.1 Definizione della portata di progetto...3 1.3.2 Verifiche idrauliche...3 1.4 Portata di progetto

Dettagli

CALCOLO DELLE PORTATE

CALCOLO DELLE PORTATE 1) PREMESSA Il presente studio idrologico si è reso necessario per autorizzare lo scarico delle acque bianche meteoriche provenienti dall intervento edificatorio in atto sull area dismessa denominata ex

Dettagli

L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo

L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo 4 Esempi di applicazione dei software HEC-HMS e HEC-RAS Fiume Lato (prov. di Taranto)

Dettagli

COMUNE DI CONSIGLIO DI RUMO

COMUNE DI CONSIGLIO DI RUMO COMUNE DI CONSIGLIO DI RUMO Provincia di Como Aggiornamento della componente geologica, idrogeologica e sismica di supporto al Piano di Governo del Territorio - L.R. 1/05 e successive modifiche. ANALISI

Dettagli

CURVA IPSOGRAFICA. Superficie (ha) Curva ipsografica del bacino sotteso dalla sezione di intervento

CURVA IPSOGRAFICA. Superficie (ha) Curva ipsografica del bacino sotteso dalla sezione di intervento 1. STUDIO IDROLOGICO DEL BACINO Lo studio idrologico del bacino afferente all impianto di progetto consente di determinare la portata duecentennale, assunta come elemento di calcolo. Si tratta della portata

Dettagli

INTERVENTI URGENTI PER LA SICUREZZA E PER IL RIPRISTINO DI INFRASTRUTTURE PER OPERE PUBBLICHE DANNEGGIATE DALL'ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2013

INTERVENTI URGENTI PER LA SICUREZZA E PER IL RIPRISTINO DI INFRASTRUTTURE PER OPERE PUBBLICHE DANNEGGIATE DALL'ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SOLARUSSA INTERVENTI URGENTI PER LA SICUREZZA E PER IL RIPRISTINO DI INFRASTRUTTURE PER OPERE PUBBLICHE DANNEGGIATE DALL'ALLUVIONE DEL 18-19 NOVEMBRE 2013 PROGETTO DEFINITIVO ALL. C RELAZIONE

Dettagli

STUDIO IDROLOGICO-IDRAULICO

STUDIO IDROLOGICO-IDRAULICO COMUNE DI FANO PROVINCIA DI PESARO E URBINO STUDIO IDROLOGICO-IDRAULICO SULLA VARIANTE AL P.R.G. PER LA REALIZZAZIONE DEL COMPARTO ST3_P12 A DESTINAZIONE RESIDENZIALE DI COMPLETAMENTO B3.1 CON UN PARCHEGGIO

Dettagli

PREMESSA. Il presente studio ha consentito di definire la caratterizzazione idrologica dell area di cava e del bacino scolante.

PREMESSA. Il presente studio ha consentito di definire la caratterizzazione idrologica dell area di cava e del bacino scolante. ALLEGATO 9 PREMESSA Lo scrivente ha condotto la Verifica Idraulica a corredo del Progetto di coltivazione di una cava di calcare alla località Ciarli del comune di Pontelandolfo (BN). La cava in questione

Dettagli

Esercitazione 3 - Testo

Esercitazione 3 - Testo Esercitazione 3 - Testo Progetto sistema drenaggio urbano a servizio dell area riportata a destra - Dati: impermeabilità IMP = 80% φ imp = 0.8; φ perm = 0.1 = IMP+ 1-IMP D.I. = 350 l/ab.die Densità abitativa:

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA MODELLO DI CALCOLO UTILIZZATO PER LE VERIFICHE IDRAULICHE... 2

INDICE 1 PREMESSA MODELLO DI CALCOLO UTILIZZATO PER LE VERIFICHE IDRAULICHE... 2 INDICE 1 PREMESSA... MODELLO DI CALCOLO UTILIZZATO PER LE VERIFICHE IDRAULICHE....1 DESCRIZIONE DEL MODELLO MATEMATICO.... DATI DI INPUT... 4.3 DATI DI OUTPUT... 5 3 VERIFICA IDRAULICA DELLO STATO ATTUALE...

Dettagli