COMUNE DI POMARANCE (Provincia di Pisa)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI POMARANCE (Provincia di Pisa)"

Transcript

1 Moretti ing. Luca Tel. e fax Via Goldoni n Grosseto Cel PEC: COMUNE DI POMARANCE (Provincia di Pisa) STUDIO IDRAULICO A SUPPORTO DELLA VARIANTE PER CESSAZIONE ATTIVITA E RIPRISTINO AMBIENTALE DEL BACINO ESTRATTIVO VALLE SECOLO 2 (Cod. PAERP 727 I 19) UBICATA IN LOCALITA VALLE SECOLO RELAZIONE IDROLOGICO IDRAULICA Elaborato B Grosseto, li 1 dicembre 2015 Il tecnico (Ing. Luca Moretti) C.F. MRT LCU 64T21 E202E P.IVA Ordine degli ingegneri della Provincia di Grosseto n. 414 Sezione A Laurea specialistica Civile e Ambientale Industriale dell Informazione

2 INDICE 0. PREMESSA MODELLO IDROLOGICO MODELLO IDRAULICO Ipotesi di calcolo CONCLUSIONI

3 0. PREMESSA Questo studio viene effettuato a supporto della variante in riduzione per cessazione attività e rispristino ambientale del bacino estrattivo Valle Secolo 2 (Cod. PAERP 727 I 19) in località Valle Secolo nel in Provincia di Pisa. Le valutazione idrauliche riguardano le sistemazioni idrauliche che saranno realizzate al termine del progetto di ripristino. Per ridurre, drasticamente, gli effetti di erosione diffusa provocata dalle acque di ruscellamento superficiale è stato prevista, al piede di ogni gradone, la realizzazione di una canaletta di raccolta e di smaltimento delle acque di ruscellamento. Si prevede la realizzazione di canalette in terra, di forma trapezia, eseguite interamente in scavo, per una superficie bagnata non inferiore a 0.10 m 2. A conclusione dello scavo, si procederà alla costipazione del suolo con la stessa benna utilizzata per la realizzazione della fossetta. La suddetta tipologia di canaletta si presta molto bene alle necessità di progetto in quanto le pendenze che verranno conferite non faranno temere l instaurarsi di fenomeni erosivi particolarmente intensi. Le canalizzazioni sopra descritte presentano un andamento quasi trasversale alle curve di livello, con direzione principale est-ovest o viceversa, fino a recapitare in pozzetti finali dai quali pozzetti di raccolta e deviazione, da ottenere mediante semplici operazioni di scavo nella stessa roccia di base. Infatti, un apposita canalizzazione alloggiata lungo il versante meno acclive, consentirà il conferimento delle acque così captate nel pozzetto posizionato nel ripiano di quota inferiore. Detta operazione, se del caso, verrà ripetuta anche nel ripiano successivo fino a che la pendenza di quest ultimo non consentirà il deflusso in direzione da est verso ovest e consentirà il raggiungimento del canale di scarico. Inoltre, allo scopo di dimensionare, dal punto di vista idraulico, le canalette di raccolta e scarico, si è provveduto alla definizione dei singoli bacini sottesi. In occasione della delimitazione di tali bacini, e nell ottica di procedere ad una sistemazione idraulica funzionale non solo delle aree coltivate ma anche di quelle contermini, è stato possibile constatare l opportunità di far defluire alcuni bacini di competenza del fronte di cava verso canalizzazioni esterne. Per quanto riguarda la sistemazione idraulica delle aree limitrofe a quelle coltivate, è stata prevista una suddivisione dei bacini sottesi alla strada di arroccamento e/o alle aree coltivate in modo da captare i deflussi superficiali in fossette stradali opportunamente dimensionate e convogliare i deflussi attraverso gli impluvi naturali, esterni all area di cava o mediante la messa in opera di modeste tubazioni interrate. 3

4 1. MODELLO IDROLOGICO La valutazione delle possibili portate che interessano i canali della sistemazione idraulica in fase di coltivazione ed al termine, vista anche la ridotta dimensione del bacino, vengono effettuate applicando i coefficienti udometrici previsti nella D.C.R. n. 18/1998. Questa indicazione prevedeva per i bacini più piccoli il valore di 30 m 3 /s/km 2. I bacini individuati relativamente ai singoli tratti di competenza dei diversi tratti dei canali di drenaggio superficiale che vengono rappresentati nella seguente figura: Estratto dalla tavola 6 dalla quale si deducono i bacini idrografici 4

5 Le sezioni di verifica risultano quindi le seguenti: - Sezione 1, chiusura del bacino E; - Sezione 2, chiusura del bacino F; - Sezione 3, chiusura dei bacini F e G; - Sezione 4, chiusura dei bacini H, I, L, M, N, O e P; le precedenti indicazioni sui bacini e la loro suddivisione vengono riassunte nella figura seguente: Secondo le precedenti ripartizioni si ottengono le superfici dei bacini: 5

6 Sezione Bacini di competenza Superficie Portata (m 2 ) (m 3 /s) 1 E F F e G H, I, L, M, N, O e P Tabella delle portate nelle diverse sezioni. 1.1 Pluviometria Per quanto riguarda invece la determinazione delle canalette dei gradoni la pluviometria è stata individuata attraverso i dati rilevati dal pluviometro di Larderello per eventi inferiori ad un ora, infatti il tempo critico dell area è molto limitato come sarà dimostrato nel seguito. Per il pluviometro di Larderello si hanno un totale di almeno 22, 12, 32, 35 e 67 osservazioni per i diversi tempi di durata dell evento (pari rispettivamente a 10, 15, 20, 30 e 1 ora) che si ritengono sufficienti per l estrapolazione dei valori statistici delle curve di possibilità pluviometriche. Queste curve vengono determinate nelle seguenti ipotesi: - fattori di ragguaglio mensili unitari per tutti i mesi dell anno; - trattamento statistico dei valori delle piogge massime con i metodi di Gumbel, normale e lognormale, per la determinazione delle piogge massime a 10, 15, 20, 30 e 1 ora, con i diversi tempi di ritorno; - individuazione dei coefficienti a e n delle curve di possibilità pluviometrica con il metodo degli inviluppi per ciascun pluviometro; - nessuna riduzione dei valori delle piogge per la dimensione del bacino; - media ponderata sulla superficie delle piogge alle varie ore, per i diversi tempi di ritorno, in maniera da determinare con il metodo dell inviluppo i coefficienti a e n delle curve di possibilità pluviometrica. Negli allegati vengono riportati le tabelle relative ai dati sopra indicati e la loro elaborazione con i criteri ricordati. Dalle tabelle allegate e ora ricordate si estraggono i seguenti valori dei coefficienti a e n delle curve di possibilità pluviometriche del bacino per i vari tempi di ritorno: Tr (anni) DISTRIBUZIONE DI GUMBEL Pluviometro di Larderello Minimi quadrati Minimi quadrati a n a n Tabella 1.a Coefficienti delle curve di possibilità pluviometrica per Larderello Distribuzione di Gumbel 6

7 Pluviometria di progetto Per quanto riguarda la definizione della pioggia di progetto, nella pratica ingegneristica vengono adottati ietogrammi cosiddetti "sintetici", tali cioè da non rappresentare il reale andamento dell'evento pluviometrico, ma in grado di introdurre nelle procedure di trasformazione afflussi-deflussi una variabilità temporale della pioggia che dia luogo a risultati che si possano ritenere cautelativi. La legge di distribuzione che si introduce rappresenta, in tal modo, quello che si definisce "ietogramma di progetto". Nella letteratura tecnica esistono diverse metodologie per la definizione del suddetto "ietogramma di progetto", mentre in molti paesi la scelta del tipo di ietogramma è fissata da apposite normative, cosa del tutto assente nel nostro paese. Nel caso in esame, tra le varie procedure disponibili si è utilizzata quella basata su uno ietogramma costante per l intera durata dell evento. Questo pluviogramma, qualunque sia la sua durata, schematizza un evento di uguale intensità per la sua durata, con intensità pari a quella risultante dalle curve di possibilità pluviometrica sopra determinate Valutazioni delle portate delle sistemazioni a gradoni La tipologia di sistemazione a gradoni, con canalette alla base del gradone che corrono parallelamente alle curve di livello, fino a raggiungere il canale che porta alla vasca di decantazione posta nel piazzale a livello inferiore della sistemazione finale, suggerisce come la valutazione numerica delle portate in uscita vengano effettuate con il metodo dell invaso. La relazione generale del metodo dell invaso risulta la seguente: V Q i Q u dove: V Q i Q u variazione di volume nell unità di tempo; portata in ingresso; portata in uscita. Le canalette in uscita dai gradoni, a sezione trapezie, risultano avere le seguenti dimensioni base inferiori 30 cm, altezza 30 cm e base superiore 50 cm. La portata in ingresso risultano quindi quelle delle piogge valutate con le curve di possibilità pluviometriche sopra descritte. Le portate in uscita vengono determinate nell ipotesi dello stramazzo Cipolletti, considerando che i canali lungo i gradoni sfociano nel ricettore liberamente e senza rigurgito. La formula dello stramazzo Cipolletti risulta: 2 2 Q 3 u Cc b0 2 g h 3 dove i simboli hanno i seguenti valori: 7

8 C c = 0.57 b 0 = 0.30 m g = 9.81 m/s 2 h coefficiente di efflusso per uno stramazzo tipo Cipolletti; larghezza alla base dello stramazzo (che corrisponde alla larghezza del canale); accelerazione di gravità; battente d acqua sul canale (da stabilire). Applicando questo semplice formula per eventi con diversa durata si ottengono le portate massime in uscita dai canali delle sistemazioni dei gradoni per i diversi tempi di durata delle piogge si ottengono le portate in uscita dalle canalette. Nel seguito si riportano le tabelle relative alle massime portate in uscita dai canaletti delle sistemazioni dei gradoni e le relative altezza massime. Tipo di Tempo PORTATE MASSIME - CANALI DI USCITA funzione di dell'evento (m 3 /s) distribuzione (minuti) di probabilità 5 anni 10 anni 20 anni Tempo di ritorno 30 anni 100 anni 200 anni 500 anni 3 0,0553 0,0679 0,0797 0,0865 0,1064 0,1179 0, ,0561 0,0679 0,0789 0,0852 0,1037 0,1143 0, ,0510 0,0612 0,0708 0,0763 0,0925 0,1018 0, ,0458 0,0547 0,0631 0,0680 0,0823 0,0904 0,1012 Gumbel 15 0,0414 0,0494 0,0570 0,0613 0,0741 0,0815 0, ,0379 0,0452 0,0521 0,0561 0,0678 0,0744 0, ,0351 0,0418 0,0482 0,0519 0,0627 0,0689 0, ,0351 0,0418 0,0482 0,0519 0,0627 0,0689 0, ,0309 0,0367 0,0424 0,0456 0,0551 0,0606 0, ,0293 0,0348 0,0401 0,0432 0,0522 0,0574 0,0642 Valore max 0,0561 0,0679 0,0797 0,0865 0,1064 0,1179 0,1330 Tipo di Tempo ALTEZZE MASSIME SUI CANALI DI USCITA funzione di dell'evento (m) distribuzione (minuti) di probabilità 5 anni 10 anni 20 anni Tempo di ritorno 30 anni 100 anni 200 anni 500 anni 3 0,2289 0,2626 0,2920 0,3084 0,3542 0,3791 0, ,2312 0,2624 0,2900 0,3053 0,3482 0,3715 0, ,2168 0,2448 0,2698 0,2837 0,3226 0,3438 0, ,2017 0,2272 0,2500 0,2627 0,2983 0,3177 0,3425 Gumbel 15 0,1888 0,2122 0,2335 0,2452 0,2783 0,2964 0, ,1780 0,2000 0,2199 0,2310 0,2621 0,2791 0, ,1691 0,1899 0,2088 0,2193 0,2488 0,2649 0, ,1691 0,1899 0,2088 0,2193 0,2488 0,2649 0, ,1553 0,1743 0,1917 0,2013 0,2284 0,2432 0, ,1498 0,1681 0,1849 0,1942 0,2203 0,2346 0,2528 Valore max 0,2312 0,2626 0,2920 0,3084 0,3542 0,3791 0,4108 Dalla precedente tabella si ricava che l altezza dei canali risulta pari a 40 cm, con base inferiore pari a 30 cm e base superiore pari a 50 cm. 8

9 2. MODELLO IDRAULICO 2.1 Ipotesi di calcolo Le valutazioni idrauliche delle opere previste vengono fatte nell ipotesi di moto uniforme vista anche la regolarità dei canali che verranno realizzati. a. Verifica dei canali di regimazione delle acque Questi manufatti, il cui sviluppo ed andamento viene chiaramente indicato nelle tavole del progetto, hanno sezione trapezia di base inferiore uguale all altezza e scarpate laterali 1:1. Le dimensioni dei diversi canali variano in funzione dell effettivo bacino di competenza. La pendenza minima risulta pari a 1.00 %, da cui si può individuare come segue la portata che questa sezione può smaltire. Le grandezze geometriche risultano quindi le seguenti: A sezione di deflusso; C contorno bagnato; R raggio idraulico; per cui applicando la formula di Chezy Q A R i dove, oltre ai simboli già noti, si ha; i = con: R 1 6 m pendenza del fondo del canale m = s/m 1/3 coefficiente di scabrezza quindi si ottiene una portata smaltita dai canali viene individuata nelle seguenti tabelle per ogni tratto dei canali della sistemazione idraulica. 9

10 A1 Sezione 1 (Q max = m 3 /s) Questa sezione, oltre a quella della canaletta, prevede la formazione di un tombino di sezione circolare. Verifica della sezione della canaletta a cielo aperto SEZIONE 1 - CANALETTA A CIELO APERTO Caratteristiche generali del corso d'acqua e della sezione n= m 1/3 /s fosso scavato b= 0.50 m larghezza di base B= 1.50 m larghezza in sommità h= 0.50 m altezza complessiva i= 0.01 pendenza del fondo Caratteristiche idrauliche della sezione Percentuale Area della Contorno Raggio Velocità Portata di sezione bagnato idraulico media riempimento trasversale (% di h) (m 2 ) (m) (m) (m/s) (m 3 /s) Portata massima: Verifica della sezione del tombino SEZIONE 1 - TOMBINO Caratteristiche generali del corso d'acqua e della sezione n= m1/3/s fondo in roccia scavata D= 0.80 m larghezza di base i= 0.01 pendenza del fondo Caratteristiche idrauliche della sezione Percentuale Angolo Area della Contorno Raggio Velocità Portata di interno sezione bagnato idraulico media riempimento trasversale (% di h) (rad) (m2) (m) (m) (m/s) (m3/s) Portata massima:

11 La sezione 1 risulta verificata con le seguenti caratteristiche: canaletta a cielo aperto: base inferiore: 0.50 m; base superiore: 1.50 m; altezza: 0.50 m. tombino: tubo di diametro: 0.80 m. Le verifiche condotte precedentemente evidenziano come le suddette sezioni smaltiscono le portate con un riempimento non superiore ai 2/3, quindi con un sufficiente franco di sicurezza. 11 1

12 A2 Sezione 2 (Q max = m 3 /s) Questa sezione, oltre a quella della canaletta, prevede la formazione di un tombino di sezione circolare. Verifica della sezione della canaletta a cielo aperto SEZIONE 2 - CANALETTA A CIELO APERTO Caratteristiche generali del corso d'acqua e della sezione n= m 1/3 /s fosso scavato b= 0.55 m larghezza di base B= 1.65 m larghezza in sommità h= 0.55 m altezza complessiva i= 0.01 pendenza del fondo Caratteristiche idrauliche della sezione Percentuale Area della Contorno Raggio Velocità Portata di sezione bagnato idraulico media riempimento trasversale (% di h) (m 2 ) (m) (m) (m/s) (m 3 /s) Portata massima: Verifica della sezione del tombino SEZIONE 2 - TOMBINO Caratteristiche generali del corso d'acqua e della sezione n= m1/3/s fondo in roccia scavata D= 0.80 m larghezza di base i= 0.01 pendenza del fondo Caratteristiche idrauliche della sezione Percentuale Angolo Area della Contorno Raggio Velocità Portata di interno sezione bagnato idraulico media riempimento trasversale (% di h) (rad) (m2) (m) (m) (m/s) (m3/s) Portata massima:

13 La sezione 2 risulta verificata con le seguenti caratteristiche: canaletta a cielo aperto: base inferiore: 0.55 m; base superiore: 1.65 m; altezza: 0.55 m. tombino: tubo di diametro: 0.80 m. Le verifiche condotte precedentemente evidenziano come le suddette sezioni smaltiscono le portate con un riempimento non superiore ai 2/3, quindi con un sufficiente franco di sicurezza. 13 1

14 A3 Sezione 3 (Q max = m 3 /s) Questa sezione, oltre a quella della canaletta, prevede la formazione di un tombino di sezione circolare. Verifica della sezione della canaletta a cielo aperto SEZIONE 3 - CANALETTA A CIELO APERTO Caratteristiche generali del corso d'acqua e della sezione n= m 1/3 /s fosso scavato b= 0.60 m larghezza di base B= 1.80 m larghezza in sommità h= 0.60 m altezza complessiva i= 0.01 pendenza del fondo Caratteristiche idrauliche della sezione Percentuale Area della Contorno Raggio Velocità Portata di sezione bagnato idraulico media riempimento trasversale (% di h) (m 2 ) (m) (m) (m/s) (m 3 /s) Portata massima: Verifica della sezione del tombino SEZIONE 3 - TOMBINO Caratteristiche generali del corso d'acqua e della sezione n= m1/3/s fondo in roccia scavata D= 1.00 m larghezza di base i= 0.01 pendenza del fondo Caratteristiche idrauliche della sezione Percentuale Angolo Area della Contorno Raggio Velocità Portata di interno sezione bagnato idraulico media riempimento trasversale (% di h) (rad) (m2) (m) (m) (m/s) (m3/s) Portata massima:

15 La sezione 3 risulta verificata con le seguenti caratteristiche: canaletta a cielo aperto: base inferiore: 0.60 m; base superiore: 1.80 m; altezza: 0.60 m. tombino: tubo di diametro: 1.00 m. Le verifiche condotte precedentemente evidenziano come le suddette sezioni smaltiscono le portate con un riempimento non superiore ai 2/3, quindi con un sufficiente franco di sicurezza. 15 1

16 A4 Sezione 4 (Q max = m 3 /s) Questa sezione, che raccoglie tutte le acque provenienti dai gradoni, porta le acque alla vasca di calma posto alla base dei gradoni stessi, risulta composta, alternativamente, di due tratti a diversa pendenza, uno sui gradoni con pendenza pari a 1.00% e l altro con pendenza che segue i gradoni quindi superiore al 100%. La verifica riguarda principalmente il tratto sub-orizzontale, mentre le parti che seguono i gradoni vengono dotati di elementi per la perdita di energia e conseguente rallentamento dell acqua. Verifica della sezione della canaletta a cielo aperto SEZIONE 4 - CANALETTA A CIELO APERTO Caratteristiche generali del corso d'acqua e della sezione n= m 1/3 /s fosso scavato b= 0.90 m larghezza di base B= 1.60 m larghezza in sommità h= 0.90 m altezza complessiva i= 0.01 pendenza del fondo Caratteristiche idrauliche della sezione Percentuale Area della Contorno Raggio Velocità Portata di sezione bagnato idraulico media riempimento trasversale (% di h) (m 2 ) (m) (m) (m/s) (m 3 /s) Portata massima: Le verifiche condotte precedentemente evidenziano come la suddetta sezione smaltisce le portate con un riempimento non superiore ai 2/3, quindi con un sufficiente franco di sicurezza. 4. CONCLUSIONI Le valutazioni e verifiche sopra riportate dimostrano come le opere di sistemazione idraulica garantiscono, da un lato la sicurezza dell area di cava e dall altro il raggiungimento del reticolo superficiale esistente ed esterno a tale area. Le canalette individuate nel progetto di sistemazione definitiva avranno le dimensioni sopra indicate con sufficiente sicurezza idraulica dell area. 16 1

17 ALLEGATI ALLA ALLEGATO N. 1: DETERMINAZIONE DELLA CURVA DI POSSIBILITA PLUVIOMETRICA 1.a Pluviometro di Larderello 17 1

18 ALLEGATI ALLA DATI DI PIOGGIA - PLUVIOMETRO DI LARDERELLO Dati ragguagliati e valori per la determinazione delle curve di possibilità pluviometriche Larderello Anno 10 minuti Mese 15 minuti Mese 20 minuti Mese 30 minuti Mese 1 ore Mese n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d n.d Media Numero Numero Numero Numero Numero Scarto

19 Altezza della pioggia (mm) Altezza della pioggia (mm) Valutazione del rischio idraulico per il ALLEGATI ALLA Larderello Curve di possibilità pluviometriche (DISTRIBUZIONE DI GUMBEL) Tempo di Altezza h Altezza h Altezza h Altezza h Altezza h Coefficienti curva possibilità pluviometrica ritorno T 10 minuti 15 minuti 20 minuti 30 minuti 1 ore Minimi quadrati Inviluppo (anni) (mm) (mm) (mm) (mm) (mm) a n a n Diagrammi delle curve di possibilità pluviometriche (senza interpolazione) Pluviometro di Larderello Tr=5 anni Tr=10 anni Tr=20 anni Tr=30 anni Tr=100 anni Tr=200 anni Tr=500 anni 1.00 Durata della pioggia (h) Diagrammi delle curve di possibilità pluviometriche (interpolate) Pluviometro di Larderello Durata della pioggia (h) Tr=5 anni Tr=10 anni Tr=20 anni Tr=30 anni Tr=100 anni Tr=200 anni Tr=500 anni 19 1

20 Altezza della pioggia (mm) Altezza della pioggia (mm) Valutazione del rischio idraulico per il ALLEGATI ALLA Larderello Curve di possibilità pluviometriche (DISTRIBUZIONE NORMALE) Tempo di Altezza h Altezza h Altezza h Altezza h Altezza h Coefficienti curva possibilità pluviometrica ritorno T 10 minuti 15 minuti 20 minuti 30 minuti 1 ore Minimi quadrati Inviluppo (anni) (mm) (mm) (mm) (mm) (mm) a n a n Diagrammi delle curve di possibilità pluviometriche (senza interpolazione) Pluviometro di Larderello Tr=5 anni Tr=10 anni Tr=20 anni Tr=30 anni Tr=100 anni Tr=200 anni Tr=500 anni 1.00 Durata della pioggia (h) Diagrammi delle curve di possibilità pluviometriche (interpolate) Pluviometro di Larderello Durata della pioggia (h) Tr=5 anni Tr=10 anni Tr=20 anni Tr=30 anni Tr=100 anni Tr=200 anni Tr=500 anni 20 2

21 Altezza della pioggia (mm) Altezza della pioggia (mm) Valutazione del rischio idraulico per il ALLEGATI ALLA Larderello Curve di possibilità pluviometriche (DISTRIBUZIONE LOGNORMALE) Tempo di Altezza h Altezza h Altezza h Altezza h Altezza h Coefficienti curva possibilità pluviometrica ritorno T 10 minuti 15 minuti 20 minuti 30 minuti 1 ore Minimi quadrati Inviluppo (anni) (mm) (mm) (mm) (mm) (mm) a n a n Diagrammi delle curve di possibilità pluviometriche (senza interpolazione) Pluviometro di Larderello Tr=5 anni Tr=10 anni Tr=20 anni Tr=30 anni Tr=100 anni Tr=200 anni Tr=500 anni 1.00 Durata della pioggia (h) Diagrammi delle curve di possibilità pluviometriche (interpolate) Pluviometro di Larderello Durata della pioggia (h) Tr=5 anni Tr=10 anni Tr=20 anni Tr=30 anni Tr=100 anni Tr=200 anni Tr=500 anni 21 2

22 ALLEGATI ALLA ALLEGATO N. 2: TABELLE E GRAFICI PER LA VALUTAZIONE IDRAULICA DELLE SISTEMAZIONI DEI GRADONI 22 2

23 Valutazione del rischio idraulico per il ALLEGATI ALLA Dati geometrici e di uso dei bacini alla chiusura delle varie sezioni Sezione L/B S (m) (km 2 ) Lunghezza 3855,00 0, DETERMINAZIONE DELLE PORTATE CON I DATI IDROLOGICI IETOGRAMMA COSTANTE E DISTRIBUZIONE DI GUMBEL Portata in uscita: Stramazzo tipo CIPOLLETTI Sezione Valore Unità di misura numero 24 numero b 0 0,30 m B 0,50 m H 0,30 m C c 0,57 Durata di pioggia: 0,05 ore Intensità di Pioggia oraria [i(t)] - Ietogramma costante Tempo Altezza di pioggia totale per i vari tempi di ritorno [mm/(h*m 2 )] (primi) 5 anni 10 anni 20 anni anni 200 anni 500 anni 0 166,76 199,38 229,46 246,76 297,56 326,62 364, ,76 199,38 229,46 246,76 297,56 326,62 364, ,76 199,38 229,46 246,76 297,56 326,62 364, ,76 199,38 229,46 246,76 297,56 326,62 364,97 4 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 5 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 6 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 7 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 8 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 9 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Volume 8,34 9,97 11,47 12,34 14,88 16,33 18, Ietogramma totale Tr = 5 anni Tr = 10 anni Tr = 20 anni Tr = 30 anni Tr = 100 anni Tr = 200 anni Tr = 500 anni 23 2

24 ALLEGATI ALLA Volume Tempo (primi) 5 anni 10 anni 20 anni Volume cumulato [m 3 ] 30 anni 100 anni 200 anni 500 anni 0 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, ,60 164,51 189,33 203,60 245,52 269,50 301, ,96 296,92 339,96 364,63 436,73 477,81 531, ,98 392,23 447,29 478,80 570,77 623,11 691, ,37 294,40 332,55 354,29 417,51 453,38 500, ,11 225,94 252,77 267,98 311,95 336,76 369, ,58 177,17 196,39 207,22 238,30 255,72 278, ,79 141,73 155,78 163,65 186,04 198,49 214, ,46 115,46 125,94 131,77 148,24 157,31 169, ,39 95,60 103,57 107,98 120,33 127,08 135, ,11 80,30 86,48 89,87 99,31 104,43 110, ,60 68,32 73,18 75,83 83,18 87,14 92, ,18 58,77 62,66 64,77 70,58 73,70 77, ,32 51,07 54,22 55,93 60,59 63,07 66, ,67 44,77 47,36 48,75 52,55 54,56 57, ,97 39,56 41,71 42,86 45,98 47,63 49, ,02 35,20 37,00 37,97 40,57 41,93 43, ,67 31,52 33,04 33,86 36,05 37,19 38, ,80 28,39 29,69 30,38 32,24 33,21 34, ,33 25,70 26,82 27,41 29,00 29,83 30, ,19 23,38 24,34 24,86 26,23 26,94 27,81 Totale 331,98 392,23 447,29 478,80 570,77 623,11 691, Volume Tr = 5 anni Tr = 10 anni Tr = 20 anni Tr = 30 anni Tr = 100 anni Tr = 200 anni Tr = 500 anni Altezza sui canali [h(t)] Tempo (primi) 5 anni 10 anni 20 anni Altezza sui canali [m] 30 anni 100 anni 200 anni 500 anni 0 0,000 0,000 0,000 0,000 0,000 0,000 0, ,106 0,125 0,141 0,151 0,177 0,192 0, ,180 0,208 0,233 0,247 0,286 0,308 0, ,229 0,263 0,292 0,308 0,354 0,379 0, ,182 0,207 0,229 0,242 0,276 0,295 0, ,146 0,165 0,182 0,191 0,217 0,232 0, ,119 0,133 0,146 0,153 0,173 0,184 0, ,098 0,109 0,119 0,124 0,139 0,147 0, ,082 0,091 0,098 0,102 0,114 0,120 0, ,069 0,076 0,082 0,085 0,094 0,099 0, ,059 0,065 0,069 0,072 0,079 0,083 0, ,051 0,056 0,059 0,061 0,067 0,070 0, ,045 0,048 0,051 0,053 0,057 0,060 0, ,039 0,042 0,045 0,046 0,050 0,052 0, ,035 0,037 0,039 0,040 0,043 0,045 0, ,031 0,033 0,035 0,036 0,038 0,039 0, ,028 0,029 0,031 0,032 0,034 0,035 0, ,025 0,026 0,028 0,028 0,030 0,031 0, ,023 0,024 0,025 0,026 0,027 0,028 0, ,021 0,022 0,023 0,023 0,024 0,025 0, ,019 0,020 0,021 0,021 0,022 0,023 0,023 Totale 0,229 0,263 0,292 0,308 0,354 0,379 0,411 0,45 0,40 0,35 0,30 0,25 0,20 0,15 0,10 0,05 0,00 Altezze sui canali Tr = 5 anni Tr = 10 anni Tr = 20 anni Tr = 30 anni Tr = 100 anni Tr = 200 anni Tr = 500 anni 24 2

25 ALLEGATI ALLA Portata in uscita [m 3 /s(t)] Tempo Portate in uscita dai canali [m 3 /s] (primi) 5 anni 10 anni 20 anni 30 anni 100 anni 200 anni 500 anni 0 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000 0, ,0175 0,0223 0,0269 0,0296 0,0377 0,0425 0, ,0386 0,0481 0,0569 0,0621 0,0774 0,0863 0, ,0553 0,0679 0,0797 0,0865 0,1064 0,1179 0, ,0391 0,0475 0,0554 0,0599 0,0733 0,0810 0, ,0281 0,0339 0,0392 0,0422 0,0511 0,0563 0, ,0207 0,0246 0,0282 0,0303 0,0363 0,0397 0, ,0155 0,0182 0,0207 0,0221 0,0263 0,0286 0, ,0119 0,0138 0,0155 0,0165 0,0194 0,0210 0, ,0092 0,0106 0,0119 0,0126 0,0146 0,0157 0, ,0073 0,0083 0,0092 0,0097 0,0112 0,0120 0, ,0059 0,0066 0,0073 0,0077 0,0087 0,0093 0, ,0048 0,0053 0,0059 0,0061 0,0069 0,0074 0, ,0039 0,0044 0,0048 0,0050 0,0056 0,0059 0, ,0033 0,0036 0,0039 0,0041 0,0046 0,0048 0, ,0027 0,0030 0,0033 0,0034 0,0038 0,0040 0, ,0023 0,0026 0,0027 0,0029 0,0031 0,0033 0, ,0020 0,0022 0,0023 0,0024 0,0026 0,0028 0, ,0017 0,0019 0,0020 0,0021 0,0022 0,0023 0, ,0015 0,0016 0,0017 0,0018 0,0019 0,0020 0, ,0013 0,0014 0,0015 0,0015 0,0017 0,0017 0,0018 Totale 0,0553 0,0679 0,0797 0,0865 0,1064 0,1179 0,1330 0,14 0,12 0,10 0,08 0,06 0,04 0,02 0,00 Portate in uscita dai canali Tr = 5 anni Tr = 10 anni Tr = 20 anni Tr = 30 anni Tr = 100 anni Tr = 200 anni Tr = 500 anni Volumi di acqua che interessano l'area Volumi (m 3 ) Tempi di ritorno degli eventi Piovuti 412,79 493,54 567,98 610,81 736,56 808,51 903,44 Invasati 331,98 392,23 447,29 478,80 570,77 623,11 691,93 Usciti 411,74 492,48 566,91 609,74 735,48 807,42 902,34 Rimasti 1,05 1,06 1,07 1,07 1,08 1,09 1,10 Altezze d'acqua sui canali Altezza Altezze (m) Massima 0,229 0,263 0,292 0,308 0,354 0,379 0,411 Portate d'acqua dai canali Portate Altezze (m 3 /s) Massima 0,0553 0,0679 0,0797 0,0865 0,1064 0,1179 0,

1 PREMESSA DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PROGETTO VERIFICHE IDRAULICHE CONCLUSIONI...

1 PREMESSA DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PROGETTO VERIFICHE IDRAULICHE CONCLUSIONI... SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PROGETTO... 5 4 VERIFICHE IDRAULICHE... 10 5 - CONCLUSIONI... 12 2 RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA 1 PREMESSA Per evitare fenomeni di dilavamento

Dettagli

DIMENSIONAMENTO IDROLOGICO IDRAULICO DEI PRINCIPALI CANALI ED ATTRAVERSAMENTI IN CONDOTTA DI PROGETTO

DIMENSIONAMENTO IDROLOGICO IDRAULICO DEI PRINCIPALI CANALI ED ATTRAVERSAMENTI IN CONDOTTA DI PROGETTO DIMENSIONAMENTO IDROLOGICO IDRAULICO DEI PRINCIPALI CANALI ED ATTRAVERSAMENTI IN CONDOTTA DI PROGETTO Il rapporto tra l intervento di realizzazione del ciclodromo progettato e l assetto idrografico di

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA 1. Generalità

RELAZIONE IDRAULICA 1. Generalità RELAZIONE IDRAULICA 1. Generalità Oggetto della presente relazione è il dimensionamento delle rete di fognatura delle acque bianche proveniente dalla realizzazione di un nuovo piazzale all interno del

Dettagli

Dr. Ing. Davide Zubbi Via Deretti n Tel./Fax 030/ CARPENEDOLO (BS) C.F. ZBB DVD 61D12 D999T P.I.

Dr. Ing. Davide Zubbi Via Deretti n Tel./Fax 030/ CARPENEDOLO (BS) C.F. ZBB DVD 61D12 D999T P.I. Dr. Ing. Davide Zubbi Via Deretti n. 71 - Tel./Fax 030/9966439 25013 CARPENEDOLO (BS) ---------------------- C.F. ZBB DVD 61D12 D999T P.I. 01744670983 RELAZIONE RIGIARDANTE LA COMPATIBILITÀ IDRAULICA DELLA

Dettagli

Oggetto: Riqualificazione strade comunali anno Luogo: VIA PAPINI-VIA TRIESTE-VIA HACK-VIA PELLICO Camaiore (LU) Titolo:

Oggetto: Riqualificazione strade comunali anno Luogo: VIA PAPINI-VIA TRIESTE-VIA HACK-VIA PELLICO Camaiore (LU) Titolo: 1 2017-02-03 Revisione 0 Rev.: 2017-01-23 Data: Emissione Descrizione: Committente: COMUNE DI CAMAIORE Provincia di Lucca Oggetto: Riqualificazione strade comunali anno 2016 Luogo: VIA PAPINI-VIA TRIESTE-VIA

Dettagli

INTERVENTI URGENTI PER LA SICUREZZA E PER IL RIPRISTINO DI INFRASTRUTTURE PER OPERE PUBBLICHE DANNEGGIATE DALL'ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2013

INTERVENTI URGENTI PER LA SICUREZZA E PER IL RIPRISTINO DI INFRASTRUTTURE PER OPERE PUBBLICHE DANNEGGIATE DALL'ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SOLARUSSA INTERVENTI URGENTI PER LA SICUREZZA E PER IL RIPRISTINO DI INFRASTRUTTURE PER OPERE PUBBLICHE DANNEGGIATE DALL'ALLUVIONE DEL 18-19 NOVEMBRE 2013 PROGETTO DEFINITIVO ALL. C RELAZIONE

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO D APPALTO

PROGETTO DEFINITIVO D APPALTO VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA ABITATIVA PUBBLICA NUOVE OPERE MANUTENZIONE STRAORDINARIA STABILI DI EDILIZIA ABITATIVA PUBBLICA SITI IN SETTIMO T.SE VIA FOGLIZZO 2-20 E C.SO PIEMONTE

Dettagli

1 PREMESSA. Quadrilatero Marche-Umbria Maxilotto 1 1 Sublotto 2.1

1 PREMESSA. Quadrilatero Marche-Umbria Maxilotto 1 1 Sublotto 2.1 1 PREMESSA La presente relazione riporta la verifica idraulica dei tombini idraulici posti lungo il Ramo H (strada di collegamento tra la S.S. 7 e la S.P. 441 in prossimità dell abitato di Colfiorito).

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA IDRAULICA

RELAZIONE IDROLOGICA IDRAULICA RELAZIONE IDROLOGICA IDRAULICA 1. PREMESSA In relazione ai lavori di realizzazione della nuova rotatoria sulla S.S. 16 Adriatica al km 326+040 in corrispondenza dell intersezione con la S.P. 24 Bellaluce

Dettagli

POLIGONALE ESTERNA DI BARI S.P. 92 "BITRITTO - MODUGNO" ADEGUAMENTO FUNZIONALE ED AMPLIAMENTO DEL TRATTO DAL KM AL KM 1+250

POLIGONALE ESTERNA DI BARI S.P. 92 BITRITTO - MODUGNO ADEGUAMENTO FUNZIONALE ED AMPLIAMENTO DEL TRATTO DAL KM AL KM 1+250 S.P. 92 "BITRITTO - MODUGNO" ADEGUAMENTO FUNZIONALE ED AMPLIAMENTO DEL TRATTO DAL KM 0+000 AL KM 1+250 RELAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA 1. PREMESSA Nella presente relazione viene riportato lo studio

Dettagli

RELAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA

RELAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA RELAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA 1. PREMESSA Nella presente relazione viene riportato lo studio idrologico ed idraulico relativo al reticolo idrografico interferente con la strada di collegamento tra

Dettagli

PROGETTO DI PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO AREA N 5b.12 del P.R.G.C. VIA ROSTA

PROGETTO DI PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO AREA N 5b.12 del P.R.G.C. VIA ROSTA Regione Piemonte Citta metropolitana di Torino Città di Giaveno LA PROPONENTE MARITANO LUCIANA PROGETTO DI PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO AREA N 5b.12 del P.R.G.C. - SUB-AREA COMPARTO A VIA ROSTA RESPONSABILE

Dettagli

INFRASTRUTTURE FERROVIARIE STRATEGICHE DEFINITE DALLA LEGGE OBIETTIVO N. 443/01

INFRASTRUTTURE FERROVIARIE STRATEGICHE DEFINITE DALLA LEGGE OBIETTIVO N. 443/01 COMMITTENTE: : : INFRASTRUTTURE FERROVIARIE STRATEGICHE DEFINITE DALLA LEGGE OBIETTIVO N. 443/01 TRATTA A.V. /A.C. TERZO VALICO DEI GIOVI PROGETTO DEFINITIVO VAR0018 - Variante per la modifica del Piano

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA PROGETTO DEFINITIVO VERIFICHE IDROGEOLOGICHE. I e II TRATTO ING. MARIO ADDARIO ARCH. ORAZIA TRIBASTONE SCALA DATA

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA PROGETTO DEFINITIVO VERIFICHE IDROGEOLOGICHE. I e II TRATTO ING. MARIO ADDARIO ARCH. ORAZIA TRIBASTONE SCALA DATA PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA PROGETTO: SISTEMAZIONE DELLA S.P. 45 "BUGILFEZZA - POZZALLO. TRATTI COMPRESI DAL KM 5+250 AL KM 5+550 E DAL KM 6+800 AL KM 7+000". PROGETTO DEFINITIVO TITOLO: VERIFICHE IDROGEOLOGICHE.

Dettagli

COMUNE DI ARCIDOSSO (PROVINCIA DI GROSSETO) VARIANTE GENERALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO. Legge Regionale Toscana 3 gennaio 2005 n.

COMUNE DI ARCIDOSSO (PROVINCIA DI GROSSETO) VARIANTE GENERALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO. Legge Regionale Toscana 3 gennaio 2005 n. COMUNE DI ARCIDOSSO (PROVINCIA DI GROSSETO) VARIANTE GENERALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO Legge Regionale Toscana 3 gennaio 2005 n.1 INTEGRAZIONE STUDI IDROLOGICI E IDRAULICI U.T.O.E. Salaiola Fosso di

Dettagli

INDICE RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PIENA DI PROGETTO 2 VERIFICHE IDRAULICHE DELLE SEZIONI 6

INDICE RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PIENA DI PROGETTO 2 VERIFICHE IDRAULICHE DELLE SEZIONI 6 INDICE RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PIENA DI PROGETTO 2 CONSIDERAZIONI IDROGEOLOGICHE E IDROMETOGRAFICHE 2 DETERMINAZIONE DELLA PORTATA DI PIENA DI PROGETTO MEDIANTE

Dettagli

CORSI D ACQUA MINORI DEI VERSANTI MONTUOSI INTERFERENTI CON IL NUOVO TRONCO STRADALE

CORSI D ACQUA MINORI DEI VERSANTI MONTUOSI INTERFERENTI CON IL NUOVO TRONCO STRADALE CORSI D ACQUA MINORI DEI VERSANTI MONTUOSI INTERFERENTI CON IL NUOVO TRONCO STRADALE PROGETTO IDRAULICO DEL SISTEMA DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DELLE ACQUE SUPERFICIALI Premessa Il nuovo tronco stradale

Dettagli

Appunti di IDROLOGIA TECNICA

Appunti di IDROLOGIA TECNICA UNIVERSITÀ degli STUDI di TRIESTE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Ambientale e del Territorio Corso di IDROLOGIA TECNICA (prof. ing. E. Caroni) Appunti di IDROLOGIA TECNICA

Dettagli

COMUNE DI TROFARELLO PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA REGIONE PIEMONTE. Novembre 2016 Rev. 0

COMUNE DI TROFARELLO PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA REGIONE PIEMONTE. Novembre 2016 Rev. 0 REGIONE PIEMONTE SISTEMAZIONE IDRAULICA DI VIA DUCA DEGLI ABRUZZI, VIA VITTORIO VENETO, VIE INTERNE VIA TORINO E LARGO DONATORI DI SANGUE E PRESCRIZIONI SULLE RELATIVE SISTEMAZIONI STRADALI LOTTO D RELAZIONE

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA INQUADRAMENTO GENERALE DEL CORSO D ACQUA DESCRIZIONE DELL INTERVENTO CALCOLI IDRAULICI...

INDICE 1. PREMESSA INQUADRAMENTO GENERALE DEL CORSO D ACQUA DESCRIZIONE DELL INTERVENTO CALCOLI IDRAULICI... INDICE 1. PREMESSA... 2 1.1. INQUADRAMENTO GENERALE DEL CORSO D ACQUA... 2 1.2. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 2 2. CALCOLI IDRAULICI... 4 : 2.6E-rE.3.15.01-00 1/ 7 1. PREMESSA Il progetto del lotto 2.6

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA E TECNICA

RELAZIONE IDRAULICA E TECNICA PREMESSA Il presente studio idrologico idraulico è stato redatto dal sottoscritto per il dimensionamento della fognatura di raccolta acque meteoriche dell'area oggetto di richiesta di Piano Urbanistico

Dettagli

RELAZIONE PREDIMENSIONAMENTO IDROLOGICO-IDRAULICO

RELAZIONE PREDIMENSIONAMENTO IDROLOGICO-IDRAULICO RELAZIONE PREDIMENSIONAMENTO IDROLOGICO-IDRAULICO IDRAULICO INDICE PREMESSE... 1 1- GENERALITA SUI CONTENUTI DELLA RELAZIONE... 1 3- CENNI PRELIMINARI ALLE ANALISI IDROLOGICHE-IDRAULICHE IDRAULICHE...

Dettagli

LAVORI DI REALIZZAZIONE DELLA VASCA N.6 DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI ASCOLI PICENO IN LOCALITA RELLUCE

LAVORI DI REALIZZAZIONE DELLA VASCA N.6 DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI ASCOLI PICENO IN LOCALITA RELLUCE 1 PROVINCIA DI ASCOLI PICENO COMUNE DI ASCOLI PICENO LAVORI DI REALIZZAZIONE DELLA VASCA N.6 DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI ASCOLI PICENO IN LOCALITA RELLUCE INDICE 1. INTRODUZIONE E PREMESSA...

Dettagli

RELATIVO ALLA SCHEDA NORMA 7.9 PER AREE DI TRASFORMAZIONE POSTA IN PISA VIA VENEZIA GIULIA

RELATIVO ALLA SCHEDA NORMA 7.9 PER AREE DI TRASFORMAZIONE POSTA IN PISA VIA VENEZIA GIULIA P A S Q U A L E C O V I E L L O I N G E G N E R E P I A N O A T T U A T I V O RELATIVO ALLA SCHEDA NORMA 7.9 PER AREE DI TRASFORMAZIONE POSTA IN PISA VIA VENEZIA GIULIA di proprietà Ferrari Bruno ed altri

Dettagli

C-RELAZIONE IDROLOGICA IDRAULICA

C-RELAZIONE IDROLOGICA IDRAULICA OGGETTO: C-RELAZIONE IDROLOGICA IDRAULICA Collegamento tra la S.P.n.3 della Val Musone e la zona industriale Squartabue -Tratto sino al confine con la Provincia di Macerata- Importo totale progetto 1.550.000,00

Dettagli

MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA RIQUALIFICAZIONE FUNZIONALE DELL IMPIANTO SPORTIVO SAN FRANCESCO

MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA RIQUALIFICAZIONE FUNZIONALE DELL IMPIANTO SPORTIVO SAN FRANCESCO COMUNE DI SPEZZANO DELLA SILA (Cosenza) Località Cona - Via San Francesco di Paola MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA RIQUALIFICAZIONE FUNZIONALE DELL IMPIANTO SPORTIVO SAN FRANCESCO ELAB. R.03 Data: Luglio

Dettagli

INDICE RELAZIONE DI CALCOLO PREMESSE DESCRIZIONE OPERE E CARATTERISTICHE DIMENSIONALI CALCOLO VASCA DI LAMINAZIONE...

INDICE RELAZIONE DI CALCOLO PREMESSE DESCRIZIONE OPERE E CARATTERISTICHE DIMENSIONALI CALCOLO VASCA DI LAMINAZIONE... INDICE RELAZIONE DI CALCOLO... 3 1. PREMESSE... 3 2. DESCRIZIONE OPERE E CARATTERISTICHE DIMENSIONALI... 3 3. CALCOLO VASCA DI LAMINAZIONE... 4 3.1.1 TRATTO 01... 4 3.1.2 TRATTO 02... 5 3.1.3 TRATTO 03...

Dettagli

MODIFICHE AL TRACCIATO DELLA S.S.

MODIFICHE AL TRACCIATO DELLA S.S. INDICE PREMESSA 1 1. MODIFICHE AL TRACCIATO DELLA S.S. 125 2 1.1 Dimensionamento e verifica dei tubolari... 2 2. PROLUNGAMENTO DELLA PISTA AEROPORTUALE 4 2.1 Schemi di calcolo, dimensionamenti e verifiche...

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA

RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA STUDIO DELLA PORTATA DI PIENA La portata di piena, utilizzata come base per i calcoli idraulici, si ottiene mediante la Formula Razionale come prodotto tra l intensità

Dettagli

AMBITO CENTRO STORICO

AMBITO CENTRO STORICO COMUNE DI CERVIA Provincia di Ravenna AMBITO CENTRO STORICO COORDINAMENTO GENERALE DIREZIONE DELLE SALINE RETI DI SCARICO ACQUE METEORICHE E NERE C O M U N E D I C E R V I A INTERVENTO EX DIREZIONE DELLE

Dettagli

Comune di RIVOLI (TO)

Comune di RIVOLI (TO) GEO B.R. Dott. Geol. Paolo BARILLÀ Geotecnica, Geofisica, Idrogeologia, Geologia ambientale e territoriale tel. / fax 3393922490 0113196026 email: studio.geobr@alice.it via Arnaldo da Brescia, 47 10134

Dettagli

u = 0,211(m 3 /s.ha)

u = 0,211(m 3 /s.ha) PROGETTO IDRAULICO DEL SISTEMA DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA E SECONDA PIOGGIA DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premessa Il progetto del sistema di raccolta e smaltimento delle acque piovane

Dettagli

B - RELAZIONE TECNICA

B - RELAZIONE TECNICA B - RELAZIONE TECNICA L intervento in oggetto prevede il consolidamento del fronte franoso che ha causato il cedimento di porzione di carreggiata della S.P. 63 e la realizzazione del nuovo attraversamento

Dettagli

Esercitazione 3 - Testo

Esercitazione 3 - Testo Esercitazione 3 - Testo Progetto sistema drenaggio urbano a servizio dell area riportata a destra - Dati: impermeabilità IMP = 80% φ imp = 0.8; φ perm = 0.1 = IMP+ 1-IMP D.I. = 350 l/ab.die Densità abitativa:

Dettagli

STUDIO TECNICO NUZZI ing. & arch. Nuzzi via Cassano n Santeramo in Colle (BA) tel.: / fax:

STUDIO TECNICO NUZZI ing. & arch. Nuzzi via Cassano n Santeramo in Colle (BA) tel.: / fax: RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI SMALTIMENTO ACQUE METEORICHE (FOGNA BIANCA) Descrizione dei luoghi Il lavoro che prevede la riqualificazione della pavimentazione esistente su via Roma (rimozione della pavimentazione

Dettagli

REGIONE BASILICATA COMUNITA MONTANA CAMASTRA - ALTO SAURO (POTENZA)

REGIONE BASILICATA COMUNITA MONTANA CAMASTRA - ALTO SAURO (POTENZA) Dott. Giuseppe Sassone INGEGNERE EDILE C.da Mercato,1-85038 Senise (PZ) - Tel. 0973/585758 REGIONE BASILICATA COMUNITA MONTANA CAMASTRA - ALTO SAURO (POTENZA) INTERVENTI DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PRESIDI

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Direzione Lavori Pubblici e Qualità Urbana Settore Infrastrutture e Grande Viabilità U.O. Qualità Ambientale

COMUNE DI RIMINI Direzione Lavori Pubblici e Qualità Urbana Settore Infrastrutture e Grande Viabilità U.O. Qualità Ambientale COMUNE DI RIMINI Direzione Lavori Pubblici e Qualità Urbana Settore Infrastrutture e Grande Viabilità U.O. Qualità Ambientale REALIZZAZIONE DI CANALE SCOLMATORE DA VIA SANTA MARIA IN CERRETO FINO ALLO

Dettagli

PROGETTO ARCHITETTONICO PROGETTO IMPIANTI:

PROGETTO ARCHITETTONICO PROGETTO IMPIANTI: PROGETTO ARCHITETTONICO : PROGETTO IMPIANTI: INDICE 1 INQUADRAMENTO GENERALE DELL AREA... 2 2 PREMESSA... 2 3 INDAGINE IDROLOGICA SULLE PIOGGE INTENSE... 3 4 METODOLOGIA DI CALCOLO... 4 5 CALCOLO PORTATA

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE VERIFICHE IDRAULICHE DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI PROGETTO ELENCO TAVOLE... 6

INDICE 1 INTRODUZIONE VERIFICHE IDRAULICHE DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI PROGETTO ELENCO TAVOLE... 6 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 VERIFICHE IDRAULICHE... 3 2.1 DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI PROGETTO... 5 3 ELENCO TAVOLE... 6 Opere idrauliche Poseidon - Relazione di calcolo 1 INTRODUZIONE Nella presente

Dettagli

PIANO ATTUATIVO COMUNALE di Iniziativa Privata ai sensi art. 65 NTA del P.R.G.C. vigente FOGLIO 40 MAPPALI 44, 526, 529, 922

PIANO ATTUATIVO COMUNALE di Iniziativa Privata ai sensi art. 65 NTA del P.R.G.C. vigente FOGLIO 40 MAPPALI 44, 526, 529, 922 AMBROSIO & ASSOCIATI Studio di Ingegneria e Architettura Via Vendramin, 120 33053 Latisana (UD) STR ENGINEERING CONSULTING Casarsa della Delizia, Via Pasolini, 5 (PN) e-mail: str@str-srl.it REGIONE AUTONOMA

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA RELAZIONE IDRAULICA... 1 PREMESSA... 2 PROGETTO DELLA RETE DI DRENAGGIO DELLE ACQUE BIANCHE...

RELAZIONE IDRAULICA RELAZIONE IDRAULICA... 1 PREMESSA... 2 PROGETTO DELLA RETE DI DRENAGGIO DELLE ACQUE BIANCHE... RELAZIONE IDRAULICA RELAZIONE IDRAULICA... 1 PREMESSA... 2 PROGETTO DELLA RETE DI DRENAGGIO DELLE ACQUE BIANCHE... 2 Conclusioni Dimensionamento del volume di invaso... 7 AREA PRIVATA: RETE DI DRENAGGIO

Dettagli

COMUNE DI FIUMINATA PROVINCIA DI MACERATA VERIFICA IDRAULICA SEZIONE DEL FOSSO LAVERINELLO INDICE

COMUNE DI FIUMINATA PROVINCIA DI MACERATA VERIFICA IDRAULICA SEZIONE DEL FOSSO LAVERINELLO INDICE COMUNE DI FIUMINATA PROVINCIA DI MACERATA VERIFICA IDRAULICA SEZIONE DEL FOSSO LAVERINELLO INDICE 1) PREMESSA...Pag. 1 2) PORTATE DI MASSIMA PIENA...Pag. 1 3) VERIFICA IDRAULICA DELLA SEZIONE DEL FOSSO...Pag.

Dettagli

CITTÀ DI ARONA Provincia di Novara

CITTÀ DI ARONA Provincia di Novara CITTÀ DI ARONA Provincia di Novara SETTORE 2 - GESTIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio I Manutenzioni e Lavori Pubblici AREA PARCHEGGIO EX SCALO FERROVIARIO Realizzazione lavori PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

ESECUTIVO OPERE DI URBANIZZAZIONE PIANO DI LOTTIZZAZIONE SOSTITUZIONE EDILIZIA DEL COMPLESSO PRODUTTIVO ORTOFRUTTA 85. Arch.

ESECUTIVO OPERE DI URBANIZZAZIONE PIANO DI LOTTIZZAZIONE SOSTITUZIONE EDILIZIA DEL COMPLESSO PRODUTTIVO ORTOFRUTTA 85. Arch. PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO OPERE DI URBANIZZAZIONE PIANO DI LOTTIZZAZIONE SOSTITUZIONE EDILIZIA DEL COMPLESSO PRODUTTIVO ORTOFRUTTA 85 TAV. N. ELABORATO: RELAZIONE

Dettagli

DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE COMUNE DI RIMINI UO GESTIONE TERRITORIALE

DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE COMUNE DI RIMINI UO GESTIONE TERRITORIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE COMUNE DI RIMINI UO GESTIONE TERRITORIALE DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITÀ URBANA Ottobre 2015 Rev. 00 INDICE RELAZIONE IDRAULICA 1 1. PREMESSA 4 2.

Dettagli

01. OGGETTO PREMESSA RIFERIMENTI NORMATIVI RETE DI DRENAGGIO E SMALTIMENTO ACQUE... 3

01. OGGETTO PREMESSA RIFERIMENTI NORMATIVI RETE DI DRENAGGIO E SMALTIMENTO ACQUE... 3 S O M M A R I O 01. OGGETTO... 3 02. PREMESSA... 3 03. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 04. RETE DI DRENAGGIO E SMALTIMENTO ACQUE... 3 05. DETERMINAZIONE DEI DATI DI PIOGGIA... 5 06. DIMENSIONAMENTO DELLE RETI

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI SMALTIMENTO DIMENSIONAMENTO FOGNATURE...

INDICE 1. PREMESSA DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI SMALTIMENTO DIMENSIONAMENTO FOGNATURE... INDICE 1. PREMESSA...2 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO...3 3. CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI SMALTIMENTO...5 4. DIMENSIONAMENTO FOGNATURE...7 4.1 DEFINIZIONE DELLA CURVA DI POSSIBILITÀ PLUVIOMETRICA...7

Dettagli

1. Pluviometria sulla città di Napoli

1. Pluviometria sulla città di Napoli Il nubifragio del 17 e 18 settembre 2005 a Napoli 1. Pluviometria sulla città di Napoli Le precipitazioni registrate dai pluviometri in telemisura di Napoli Camaldoli e Napoli Capodimonte hanno avuto inizio

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA PER NULLA OSTA IDRAULICO

RELAZIONE IDRAULICA PER NULLA OSTA IDRAULICO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI FLERO RELAZIONE IDRAULICA PER SCARICHI ACQUE METEORICHE DA IMMOBILE PRODUTTIVO sito in Comune di Flero via Ghandi RELAZIONE IDRAULICA PER NULLA OSTA IDRAULICO richiedente:

Dettagli

4 DIMENSIONAMENTO NUOVE CONDOTTE ACQUE PIOVANE Pag. 5

4 DIMENSIONAMENTO NUOVE CONDOTTE ACQUE PIOVANE Pag. 5 INDICE 1 PREMESSA Pag. 2 2 CONSIDERAZIONI METEOROLOGICHE Pag. 2 3 CONSIDERAZIONI IDRAULICHE Pag. 3 4 DIMENSIONAMENTO NUOVE CONDOTTE ACQUE PIOVANE Pag. 5 5 CONCLUSIONI Pag. 7 1 1 PREMESSA La presente relazione

Dettagli

1 PREMESSA LO STATO ATTUALE DELLA RETE DI DRENAGGIO LO STATO DI PROGETTO DELLA RETE DI DRENAGGIO... 5

1 PREMESSA LO STATO ATTUALE DELLA RETE DI DRENAGGIO LO STATO DI PROGETTO DELLA RETE DI DRENAGGIO... 5 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 LO STATO ATTUALE DELLA RETE DI DRENAGGIO... 3 3 LO STATO DI PROGETTO DELLA RETE DI DRENAGGIO... 5 4 DIMENSIONAMENTO IDROLOGICO E IDRAULICO... 6 4.1 Calcolo delle curve di possibilità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA IN PROGETTAZIONE DELLE OPERE IDRAULICHE Modellazione numerica

Dettagli

PREMESSA. 2 AREA D'INDAGINE. 2 IMPLEMENTAZIONE DEL MODELLO IDROLOGICO. 3 VERIFICA IDRAULICA DEL TRATTO FLUVIALE POSTO A MONTE DI VIA DEL MADONNINO.

PREMESSA. 2 AREA D'INDAGINE. 2 IMPLEMENTAZIONE DEL MODELLO IDROLOGICO. 3 VERIFICA IDRAULICA DEL TRATTO FLUVIALE POSTO A MONTE DI VIA DEL MADONNINO. STUDIO IDROLOGICO-IDRAULICO AI SENSI DEL DPGR 53/R DI SUPPORTO ALLA RICHIESTA DI VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER AUMENTO DI SUL INERENTE L AREA EDIFICABILE POSTA IN COMUNE DI PELAGO (FI), VIA VALLOMBROSANA

Dettagli

In condizioni stazionarie, la portata di acque meteoriche da far defluire da una copertura deve essere calcolata mediante la formula:

In condizioni stazionarie, la portata di acque meteoriche da far defluire da una copertura deve essere calcolata mediante la formula: DIMENSIONAMENTO RETE DI SCARICO ACQUE METEORICHE NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 12056-3 (sistemi di scarico funzionanti a gravità all interno degli edifici, sistemi per l evacuazione delle acque meteoriche,

Dettagli

PROGETTAZIONE GEOTECNICA E STRUTTURALE CONSULENZE IDROGEOLOGICHE - DIREZIONE LAVORI - COORDINAMENTO SICUREZZA

PROGETTAZIONE GEOTECNICA E STRUTTURALE CONSULENZE IDROGEOLOGICHE - DIREZIONE LAVORI - COORDINAMENTO SICUREZZA Indice dei capitoli 1. PREMESSE...2 2. DETERMINAZIONE AREE SCOLANTI...3 3. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE IDRAULICO...4 3.1. Analisi pluviometrica...4 3.2. Valutazione dei parametri di verifica...5 3.3. Procedura

Dettagli

\\Server\archivio principale\lavori\lavori 2015\1503\Testi\Relazioni\ _Consorzio Bonifica ggg.rti.doc

\\Server\archivio principale\lavori\lavori 2015\1503\Testi\Relazioni\ _Consorzio Bonifica ggg.rti.doc PIANO DI LOTTIZZAZIONE LION SUD-STRALCIO 1 ZONA C2/49 IN LION DI ALBIGNASEGO - PADOVA RELAZIONE SULLA SITUAZIONE IDRAULICA DEL SITO E SUL VOLUME DI INVASO DI PROGETTO 1 PIANO DI LOTTIZZAZIONE "Lion Sud

Dettagli

Doc. ES RSC-IF. Relazione Specialistica e Calcoli Esecutivi. Dirigente Settore LL.PP. Ing. Silvano TEMPO

Doc. ES RSC-IF. Relazione Specialistica e Calcoli Esecutivi. Dirigente Settore LL.PP. Ing. Silvano TEMPO UFFICIO PROGETTAZIONE SETTORE LL.PP. CIMITERO COMUNALE AMPLIAMENTO EST REALIZZAZIONE BLOCCO LOCULI L2 - CAMPO 9 Doc. ES RSC-IF Relazione Specialistica e Calcoli Esecutivi DATA 01 Ottobre 2015 SCALA - REV.

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA VERIFICA FUNZIONALITA SFIORATORE... 2

INDICE 1. PREMESSA VERIFICA FUNZIONALITA SFIORATORE... 2 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. VERIFICA FUNZIONALITA SFIORATORE... 2 2.1. Calcolo portata media nera giornaliera... 2 2.2. Calcolo portata limite... 3 2.3. Calcolo coefficiente di diluizione e verifica funzionalità

Dettagli

TARICCO COSTRUZIONI S.r.l. Via Livio Taricco n Narzole

TARICCO COSTRUZIONI S.r.l. Via Livio Taricco n Narzole regione provincia comune Piemonte Cuneo Alba PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO DI LIBERA INIZIATIVA PER LA REALIZZAZIONE DI FABBRICATI DI CIVILE ABITAZIONE SUI TERRENI SITI NEL, VIA N. BIXIO ANGOLO VIA S.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI STOCCAGGIO TEMPORANEO E RIUTILIZZO ACQUE DI SCOLO CAMPO DA GIUOCO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI STOCCAGGIO TEMPORANEO E RIUTILIZZO ACQUE DI SCOLO CAMPO DA GIUOCO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI STOCCAGGIO TEMPORANEO E RIUTILIZZO ACQUE DI SCOLO CAMPO DA GIUOCO RISTRUTTURAZIONE, ADEGUAMENTO FUNZIONALE E MESSA A NORMA DELL IMPIANTO SPORTIVO CAMPO COMUNALE DI VIA MARCHE,

Dettagli

Progetto fognatura di Trigoria

Progetto fognatura di Trigoria UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in INGEGNERIA CIVILE Progetto fognatura di Trigoria Tesi di Laurea di Gaetano Passaro Relatori: Prof. G. Calenda Prof. C. P. Mancini

Dettagli

Sommario 1. PREMESSA DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO ANALISI IDROLOGICA CALCOLI IDRAULICI... 9

Sommario 1. PREMESSA DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO ANALISI IDROLOGICA CALCOLI IDRAULICI... 9 Sommario 1. PREMESSA... 2 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO... 2 3. ANALISI IDROLOGICA... 2 4. CALCOLI IDRAULICI... 9 1 1. PREMESSA La presente relazione allegata al Progetto esecutivo per la regimazione

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI VERIFICA DI COMPATIBILITA' IDRAULICA DEL RECETTORE FINALE

CALCOLI IDRAULICI VERIFICA DI COMPATIBILITA' IDRAULICA DEL RECETTORE FINALE CALCOLI IDRAULICI VERIFICA DI COMPATIBILITA' IDRAULICA DEL RECETTORE FINALE TRONCHI FOGNANTI Metodologia delle verifiche idrauliche Le verifiche idrauliche delle condotte, di cui al presente progetto,

Dettagli

COMUNE DI LUCCA. Collegamento della frazione di Nozzano e di altre frazioni al depuratore di Pontetetto SCALA:

COMUNE DI LUCCA. Collegamento della frazione di Nozzano e di altre frazioni al depuratore di Pontetetto SCALA: G.E.A.L. S.p.A. - GESTIONE ESERCIZIO ACQUEDOTTI LUCCHESI - Viale Luporini, 1348 Lucca COMUNE DI LUCCA OGGETTO: PROGETTO DEFINITIVO Collegamento della frazione di Nozzano e di altre frazioni al depuratore

Dettagli

Stima della portata di piena: un esempio

Stima della portata di piena: un esempio Stima della portata di piena: un esempio Giuseppe Pino APAT Dipartimento Nucleare, Rischio Tecnologico e Industriale 1 aprile 2008 Stima della portata di massima piena Obiettivo: determinare la portata

Dettagli

D ORLANDO ENGINEERING S.r.l. pag. 1. Il Rio Volpe, che attraversa in direzione Nord-Sud tutto il territorio comunale, nasce ai piedi

D ORLANDO ENGINEERING S.r.l. pag. 1. Il Rio Volpe, che attraversa in direzione Nord-Sud tutto il territorio comunale, nasce ai piedi D ORLANDO ENGINEERING S.r.l. pag. 1 1 PREMESSE Il Rio Volpe, che attraversa in direzione Nord-Sud tutto il territorio comunale, nasce ai piedi dell'abitato di Moruzzo e dopo un percorso di circa 2,7 Km

Dettagli

Dettaglio smaltimento acque interrato e dimensionamento della vasca di raccolta delle acque meteoriche

Dettaglio smaltimento acque interrato e dimensionamento della vasca di raccolta delle acque meteoriche Piano Esecutivo Convenzionato area 4PE Lotto 2 Proprietà La Costruttiva s.r.l. Comune di Buttigliera d asti Via Moriondo Dettaglio smaltimento acque interrato e dimensionamento della vasca di raccolta

Dettagli

LAVORI DI SOMMA URGENZA A SEGUITO DEGLI EVENTI ALLUVIONALI DEL 22 OTTOBRE 2013

LAVORI DI SOMMA URGENZA A SEGUITO DEGLI EVENTI ALLUVIONALI DEL 22 OTTOBRE 2013 Comune di MEZZANEGO (Provincia di Genova) LAVORI DI SOMMA URGENZA A SEGUITO DEGLI EVENTI ALLUVIONALI DEL 22 OTTOBRE 2013 S.U. N.24 - VERBALE PROT. N.4935 MANUTENZIONE STRAORDINARIA ED ADEGUAMENTO TOMBINATURE,

Dettagli

COMUNE DI JESOLO. OPERE ESECUTIVE DI URBANIZZAZIONE Piano Urbanistico Attuativo redatto ai sensi dell art.19 della L.R. 23 Aprile 2004 nr.

COMUNE DI JESOLO. OPERE ESECUTIVE DI URBANIZZAZIONE Piano Urbanistico Attuativo redatto ai sensi dell art.19 della L.R. 23 Aprile 2004 nr. COMUNE DI JESOLO OPERE ESECUTIVE DI URBANIZZAZIONE Piano Urbanistico Attuativo redatto ai sensi dell art.19 della L.R. 23 Aprile 2004 nr.11, Ambito 44 DIMENSIONAMENTO RETE ACQUE BIANCHE Il Tecnico Studio

Dettagli

PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO Area DM 2006 del P.R.G.C. del Comune di Bra Viale della Costituzione PROGETTO DI RETE FOGNARIA ACQUE BIANCHE

PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO Area DM 2006 del P.R.G.C. del Comune di Bra Viale della Costituzione PROGETTO DI RETE FOGNARIA ACQUE BIANCHE Regione Provincia Comune Piemonte Cuneo Bra PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO Area DM 2006 del P.R.G.C. del Comune di Bra Viale della Costituzione PROGETTO DI RETE FOGNARIA ACQUE BIANCHE VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

Fondamenti di idraulica stramazzi e idrometria

Fondamenti di idraulica stramazzi e idrometria Corso di Laurea in Tecnologie Forestali e Ambientali Idrologia e Sistemazioni Idraulico-Forestali Fondamenti di idraulica stramazzi e idrometria Giancarlo Dalla Fontana Università di Padova A.A. 2013/2014

Dettagli

PREMESSA TOMBINATURA DEL RIO GRAZZANO... 2

PREMESSA TOMBINATURA DEL RIO GRAZZANO... 2 Indice PREMESSA... 2 1. TOMBINATURA DEL RIO GRAZZANO... 2 2. SISTEMA DI CAPTAZIONE DELLE ACQUE METEORICHE CHE INSISTONO SULLA PIATTAFORMA STRADALE... 3 2.1. RELAZIONE IDROLOGICA... 5 2.1.1. curve di possibilità

Dettagli

a 17,438 n 0,506 k 100 2,37

a 17,438 n 0,506 k 100 2,37 Si riportano i dati del Bacino del Chisone: Dove: - Ψ= coefficiente di afflusso del bacino - v= velocità - L= lunghezza dell asta principale Esercitazione di Idrologia z medio 1739 m z max 3234 m z min

Dettagli

Dott. Ing. Tomaso Invernizzi SOMMARIO

Dott. Ing. Tomaso Invernizzi SOMMARIO SOMMARIO PREMESSA: pag. 02 STUDIO IDROLOGICO: pag. 03 Calcolo del tempo di corrivazione: pag. 07 Calcolo dell altezza di pioggia critica: pag. 07 Calcolo della portata di massima piena liquida: pag. 08

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO SP 583 Lariana Interventi di messa in sicurezza 1 stralcio - III lotto RELAZIONE IDRAULICA SOMMARIO

PROVINCIA DI LECCO SP 583 Lariana Interventi di messa in sicurezza 1 stralcio - III lotto RELAZIONE IDRAULICA SOMMARIO RELAZIONE IDRAULICA SOMMARIO 1 RELAZIONE IDROLOGICA 2 1.1 PREMESSE E CONSIDERAZIONI GENERALI... 2 1.2 Le caratteristiche pluviometriche... 2 1.3 il bacino imbrifero... 3 1.4 valutazione dei tempi di corrivazione...

Dettagli

RELAZIONE DI COMPATIBILITA' IDRAUILICA

RELAZIONE DI COMPATIBILITA' IDRAUILICA COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DITTA: PILLA LEOPOLDO (c.f: PLLLLD49L30B648X) OGGETTO: PIANO DI LOTTIZZAZIONE PILLA LEOPOLDO foglio 20, mappali 1406,1898,1900 e 2005 PROGETTISTA: ING. DURANTE

Dettagli

COMUNE DI VICENZA Provincia di Vicenza. LOTTIZZAZIONE PAC. 2 e PAC.3 VICENZA VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA

COMUNE DI VICENZA Provincia di Vicenza. LOTTIZZAZIONE PAC. 2 e PAC.3 VICENZA VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA COMUNE DI VICENZA Provincia di Vicenza LOTTIZZAZIONE PAC. 2 e PAC.3 VICENZA VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA 1 INDICE Premessa - Configurazione generale del progetto pag. 3 VCI in riferimento alle

Dettagli

Impianto di scarico meteorico - Calcoli esecutivi

Impianto di scarico meteorico - Calcoli esecutivi 1. PREMESSA...2 2. RETI DI SCARICO ACQUE METEORICHE...3 2.1 Norme di riferimento...3 2.2 Portata di scorrimento di acque meteoriche...3 2.3 Intensità di precipitazione, r...3 2.4 Valutazione del coefficiente

Dettagli

Comune di Zeri. Provincia di Massa - Carrara PIANO DI RECUPERO DELLA FRAZIONE VALLE DI ROSSANO. (Legge Regionale n.1 del

Comune di Zeri. Provincia di Massa - Carrara PIANO DI RECUPERO DELLA FRAZIONE VALLE DI ROSSANO. (Legge Regionale n.1 del RICCARDO CANIPAROLI geologia & ambiente Via S. Martino 3 (Pal Caniparoli) 54033 CARRARA (MS) Sede Tel. +39.058570444 Via Belvedere 12 80127 NAPOLI +39.0815563354 fax +39.0812141582 Mob. +39.3483803244

Dettagli

Analisi e Mitigazione del Rischio Idrogeologico

Analisi e Mitigazione del Rischio Idrogeologico Relazione finale dell attività di tirocinio "Analisi della pericolosità idraulica mediante modellazione bidimensionale in località Focene nel comune di Fiumicino" Antonella Viceconti Matr. 1727905 Tutor:

Dettagli

La presente relazione è stata redatta in risposta alle integrazioni richieste dalla conferenza dei servizi del 14 novembre 2014.

La presente relazione è stata redatta in risposta alle integrazioni richieste dalla conferenza dei servizi del 14 novembre 2014. La presente relazione è stata redatta in risposta alle integrazioni richieste dalla conferenza dei servizi del 14 novembre 2014. Allegati alla presente relazione: Planimetria ubicazione delle sezioni adottate

Dettagli

DOC. B. Comune di ODERZO PIANO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE "BRANDOLINI"

DOC. B. Comune di ODERZO PIANO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE BRANDOLINI Comune di ODERZO Provincia di TREVISO PIANO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE "BRANDOLINI" PIANO URBANISTICO ATTUATIVO APP.n.8 1 STRALCIO RELAZIONE DI INVARIANZA IDRAULICA DOC. B scala data revisione disegno

Dettagli

B - RELAZIONE TECNICA

B - RELAZIONE TECNICA B - RELAZIONE TECNICA L intervento in oggetto prevede il consolidamento del fronte franoso che ha causato il cedimento di porzione di carreggiata della S.P. 63 ed il ripristino dell attraversamento drenante

Dettagli

LAVORI DI SOMMA URGENZA A SEGUITO DEGLI EVENTI ALLUVIONALI DEL 22 OTTOBRE 2013

LAVORI DI SOMMA URGENZA A SEGUITO DEGLI EVENTI ALLUVIONALI DEL 22 OTTOBRE 2013 Comune di MEZZANEGO (Provincia di Genova) LAVORI DI SOMMA URGENZA A SEGUITO DEGLI EVENTI ALLUVIONALI DEL 22 OTTOBRE 2013 S.U. N.22 - VERBALE PROT. N.4933 ADEGUAMENTO DELLA TOMBINATURA DEL FOSSO GAVA IN

Dettagli

Idraulica e idrologia: Lezione 9

Idraulica e idrologia: Lezione 9 Idraulica e idrologia: Lezione 9 Agenda del giorno - Relazioni per la stima della portata al colmo; - Tempo di corrivazione di un bacino; - Metodo razionale. 1 LINEA SEGNALATRICE DI PROBABILITA PLUVIOMETRICA

Dettagli

1 GLI IMPIANTI 2 2 IMPIANTO DISTRIBUZIONE ACQUA POTABILE E ANTINCENDIO 3 3 IMPIANTO DI DEFLUSSO E TRATTAMENTO DELLE ACQUE METEORICHE 5

1 GLI IMPIANTI 2 2 IMPIANTO DISTRIBUZIONE ACQUA POTABILE E ANTINCENDIO 3 3 IMPIANTO DI DEFLUSSO E TRATTAMENTO DELLE ACQUE METEORICHE 5 PORTO DI ANCONA 1 GLI IMPIANTI 2 2 IMPIANTO DISTRIBUZIONE ACQUA POTABILE E ANTINCENDIO 3 3 IMPIANTO DI DEFLUSSO E TRATTAMENTO DELLE ACQUE METEORICHE 5 3.1 Premessa 5 3.2 Opere idrauliche in progetto 5

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Direzione Lavori Pubblici e Qualità Urbana Settore Infrastrutture e Grande Viabilità U.O. Qualità Ambientale

COMUNE DI RIMINI Direzione Lavori Pubblici e Qualità Urbana Settore Infrastrutture e Grande Viabilità U.O. Qualità Ambientale COMUNE DI RIMINI Direzione Lavori Pubblici e Qualità Urbana Settore Infrastrutture e Grande Viabilità U.O. Qualità Ambientale INTERVENTI URGENTI PER DISSESTO IDROGEOLOGICO DEL TERRITORIO (LOCALITA VERGIANO)

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO 2 STRALCIO. Comune di Bosco Chiesanuova. Provincia di Verona

PROGETTO ESECUTIVO 2 STRALCIO. Comune di Bosco Chiesanuova. Provincia di Verona Comune di Bosco Chiesanuova Provincia di Verona PROGETTO ESECUTIVO 2 STRALCIO Realizzazione svincolo stradale località Corbiolo, parcheggio e marciapiede frazione Lughezzano, muro sostegno Piazzale Chiesa

Dettagli

1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA RETE FOGNARIA RETE FOGNARIA ACQUE BIANCHE CALCOLO RETE FOGNARIA ACQUE NERE... 9

1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA RETE FOGNARIA RETE FOGNARIA ACQUE BIANCHE CALCOLO RETE FOGNARIA ACQUE NERE... 9 1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA RETE FOGNARIA... 3 1.1 PREMESSA... 3 1.2 MATERIALI UTILIZZATI... 4 2 RETE FOGNARIA ACQUE BIANCHE... 5 2.1 CARATTERISITICHE DELLE OPERE E DEL BACINO IMBRIFERO... 5 2.2 CALCOLO

Dettagli

PROGETTAZIONE GEOTECNICA E STRUTTURALE CONSULENZE IDROGEOLOGICHE - DIREZIONE LAVORI - COORDINAMENTO SICUREZZA

PROGETTAZIONE GEOTECNICA E STRUTTURALE CONSULENZE IDROGEOLOGICHE - DIREZIONE LAVORI - COORDINAMENTO SICUREZZA Indice dei capitoli 1. PREMESSE...2 2. DETERMINAZIONE AREA SCOLANTE...3 3. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE IDRAULICO...4 3.1. Analisi pluviometrica...4 3.2. Valutazione dei parametri di verifica...5 3.3. Procedura

Dettagli

Le vasche di modulazione

Le vasche di modulazione VI Giornata di studi sul Drenaggio urbano sostenibile Controllo degli scarichi nei sistemi di drenaggio urbano Caratterizzazione dei sedimenti e strutture di controllo Prof. Ing.. Giacomo Rasulo Le vasche

Dettagli

PREMESSA COMMITTENTE: COMUNE DI FARRA D ALPAGO (BL)

PREMESSA COMMITTENTE: COMUNE DI FARRA D ALPAGO (BL) PREMESSA Il presente progetto prevede la realizzazione dei lavori di difesa idrogeologica e di regimazione delle acque superficiali in località Vigne, nel comune di Farra d Alpago. In particolare le zone

Dettagli

CONSORZIO PEC CASCINA ROSSA RICHIESTA AUTORIZZAZIONE IDRAULICA E CONCESSIONE DEMANIALE 1.1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

CONSORZIO PEC CASCINA ROSSA RICHIESTA AUTORIZZAZIONE IDRAULICA E CONCESSIONE DEMANIALE 1.1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - COMUNE DI LIMONE PIEMONTE CONSORZIO PEC CASCINA ROSSA RICHIESTA AUTORIZZAZIONE IDRAULICA E CONCESSIONE DEMANIALE 1.1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Demonte, lì IL TECNICO (dott. ing. Marco Spada) 1.

Dettagli

Adozione C.C. n. 51 del

Adozione C.C. n. 51 del Adozione C.C. n. 51 del 05.08.2008 Approvazione C.C. n. 5 del 05.03.2009 RELAZIONE GENERALITA I partecipanti al P.O.C. della frazione Scipione Ponte hanno affidato l incarico allo scrivente per la redazione

Dettagli

Corso di Idrologia A.A Piogge intense. Antonino Cancelliere. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Catania

Corso di Idrologia A.A Piogge intense. Antonino Cancelliere. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Catania Corso di Idrologia A.A. 2011-2012 Piogge intense Antonino Cancelliere Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Catania Elaborazione delle piogge intense Obiettivi: 1. Determinazione

Dettagli

BILANCIO IDROLOGICO DI PIENA STIMA PIOGGIA NETTA. Dati bacino Chisone a S. Martino. Ilaria Brignone Aimonetto. Stima pioggia netta

BILANCIO IDROLOGICO DI PIENA STIMA PIOGGIA NETTA. Dati bacino Chisone a S. Martino. Ilaria Brignone Aimonetto. Stima pioggia netta BILANCIO IDROLOGICO DI PIENA STIMA PIOGGIA NETTA Dati bacino Chisone a S. Martino 1 Introduzione L elaborato che segue intende sviluppare considerazioni in merito al riesame dei risultati ottenuti con

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDO PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA SU AREA DI PROGETTO S1.B4.02 E S1.B4 PROGETTO PRELIMINARE

COMUNE DI MONTESCUDO PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA SU AREA DI PROGETTO S1.B4.02 E S1.B4 PROGETTO PRELIMINARE Studio di ingegneria Ing. Paradisi Mario Ing. Rossi Andrea Ing. Talacci Andrea COMUNE DI MONTESCUDO PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA SU AREA DI PROGETTO S1.B4.02 E S1.B4 PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

definizione della curva di probabilità pluviometrica;

definizione della curva di probabilità pluviometrica; Indice 1 Premessa... 1 2 Calcolo della portata massima delle acque meteoriche... 1 3 Modello di trasformazione afflussi/deflussi... 3 4 Rete per l allontanamento delle acque bianche... 5 1 Premessa Per

Dettagli

Consulente Geologo dr. Cristiano Nericcio Via Roma 92/ Mercallo VA. Mercallo 29/9/2018

Consulente Geologo dr. Cristiano Nericcio Via Roma 92/ Mercallo VA. Mercallo 29/9/2018 Consulente Geologo dr. Cristiano Nericcio Via Roma 92/6 21020 Mercallo VA Cellulare 338-3763998 Email cnericc@tin.it Mercallo 29/9/2018 DICHIARAZIONE DI COMPATIBILITA GEOLOGICA / PRESENZA ASSENZA DI VINCOLI

Dettagli