MOLITORIA TECNICA. Soluzioni tecniche per la massima affidabilità e sicurezza... da sempre. impianti per pastifici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MOLITORIA TECNICA. Soluzioni tecniche per la massima affidabilità e sicurezza... da sempre. impianti per pastifici"

Transcript

1 Anno 58 - N. 2 TECNICA ISSN febbraio 2007 MOLITORIA MANGIMIFICI - PASTIFICI - MOLINI - SILI Soluzioni tecniche per la massima affidabilità e sicurezza... da sempre impianti per pastifici SQ n CHIRIOTTI EDITORI PINEROLO (ITALIA) - Tel Fax Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1 comma 1 DCB TO - n. 2 anno IP

2 Note pratiche di condotta e manutenzione delle macine Practical aspects of stone milling Gustavo Maier Parole chiave: macina a pietra, rabbigliatura, macinazione Key words: millstone, stone dressing, milling Palmenti PREMESSA N egli ultimi anni si è registrata una crescente domanda, da parte dei consumatori, di prodotti biologici e tradizionali, il che ha dato nuovo impulso a tutta la filiera dei prodotti cerealicoli che ha così trovato un ulteriore sbocco alternativo: a partire dal recupero e coltivazione di varietà di cereali con produttività magari non competitive, ma con caratteristiche organolettiche o anche solo caratteristiche di tradizionalità che il consumatore percepisce come uniche e alle quali attribuisce un valore superiore rispetto ai prodotti cerealicoli di massa... passando dalle tecniche di macinazione che prediligono i vecchi sistemi... fino ai prodotti finiti commercializzati come alimenti cerealicoli premium, tradizionali, sani, biologici, equi e solidali o quant altro. Grazie a questo ampio movimento cultural-gastronomico che coinvolge tutto il comparto alimentare in genere, anche il settore molitorio trova il suo spazio. Ne sono la prova i numerosi molini artigianali che offrono farine prodotte sia con vecchi laminatoi che, sopprattutto, con le macine in pietra. E ne è la prova anche l aumentato interesse verso le tecniche di macinazione con i palmenti. Proprio per rispondere a queste domande che ci vengono poste dai mugnai, riproponiamo un articolo sulle macine a pietra pubblicato su Tecnica Molitoria del giugno 1955, che prende in esame i vari aspetti pratici e tecnologici per la conduzione dei molini a palmenti. INTRODUZIONE O ggi, poco a poco, le macine a pietra hanno riacquistato dignità e ci sono ancora ampie possibilità d impiego. Esse hanno ancora dei meriti, Tecnica Molitoria - Febbraio

3 per le farine biologiche, speciali e di nicchia giacché la manutenzione delle macine sarà la sola cosa a cui si dovrà badare. Fin dai tempi primordiali il mugnaio sapeva che nell attività di macinazione si deve cercare di ottenere il massimo rendimento possibile con il minor spreco di energia. La questione era dunque circoscritta al palmento dove si doveva ottenere un prodotto destinato alla panificazione, fine e soffice, sin dal primo passaggio. Il prodotto che si otteneva dalla setacciatura fatta a mano era sufficiente per ottenere una bassa porzione di crusca, cioè una notevole resa in farina. Per ottenere questo risultato, la rabbigliatura delle macine deve essere senza difetti; la direzione e posizione dei canali possono passare in second ordine, purché si ottenga una farina che soddisfi il cliente. La rigatura, cioè rabbigliatura finissima, era ed è tuttora un lavoro importante del mugnaio che presupponeva una lunga pratica ed una grande abilità. Particolare cura deve essere inoltre posta nella scelta delle macine. Un antico proverbio ci viene in aiuto e deve essere tenuto ben presente: due pietre dure macinano male. Nella coppia quella che gira deve sempre essere la più dura, mentre quella fissa la più tenera, per cui non è consigliabile lasciare che due pietre uguali lavorino assieme. I palmenti per secoli hanno dato garanzia di efficienza specie con l impiego nella macinazione delle macine francesi di quarzo di La Ferté (fig. 1 e 2). Questa pietra di acqua dolce è di colore bianco-grigio blu; le sue superfici hanno delle asperità aguzze, fini e piccole, che esaltano al massimo la porosità e il potere di attrito indispensabile per le pietre. Queste macine sono composte di pezzi, messi assieme e cementati in Macine La Fertè. fig Febbraio Tecnica Molitoria

4 Dimensioni normali di una macina. fig. 2 un blocco unico per mezzo di un legante colato nelle fessure, e poi ancora assicurato con diverse cerchiature di ferro, per cui le parti non si possono disgiungere. Questo palmento offre una buona macinazione per ottenere farina di grano, di segale, di mais, ecc. tanto per rottura che per rimacina. È particolarmente importante per rimacina purché la rigatura sia fine e di tracciato netto. La particolare porosità del materiale viene aumentata con la rabbigliatura fine: si vengono così a formare tante sporgenze e asperità di cui non è possibile contare il numero per cm 2. Tutta la superficie della macina dovrebbe avere la stessa durezza, ma ciò capita assai di rado. Si deve quindi avere tatto ed intelligenza e trattare i punti teneri e porosi con una rabbigliatura leggera e distanziata e, per contro, i punti duri vanno trattati con righe strette e profonde. Occorre far attenzione a che in nessun modo si possa consumare completamente la rigatura precedente, perché in questo caso resterebbe troppo gravosa e difficile la nuova rabbigliatura. La rabbigliatura Da questi accenni risulta evidente che per dare la necessaria ed omogenea rugosità ad un palmento non è sufficiente una certa abilità, bensì occorre la buona volontà e l interesse perché il lavoro riesca come si deve. In pratica si è constatato che se il mugnaio fa lavorare le macine oltre i limiti consentiti, la rigatura si consuma sempre più, lavorando sempre meno bene, sino a che sia la portante, sia la girante diventano a poco a poco lisce. Nessuna meraviglia quindi se la capacità di produzione si riduca fortemente e diventi assai maggiore il consumo di energia. Si deve quindi principalmente badare che le macine presentino ancora ben visibili le vecchie rigature, e la nuova rigatura resterà un lavoro facile a compiersi. Se le macine presentano un forte impastamento è necessario inumidire e lavare con acqua calda la superficie, prima di rigarle, ed eliminare così la crosta liscia che si è formata. La superficie del palmento riacquista in tal modo la sua naturale porosità e si può pure vedere meglio lo stato della rigatura. Dopo il lavaggio e l asciugatura, la superficie della macina dovrà essere passata con un grosso righello di legno il cui piano sia ricoperto di una vernice fresca di color rosso; lo si pone sopra la macina esattamente nel punto centrale e lo si fa scorrere in senso circolare. I punti più alti verranno tinti di rosso, i punti più bassi per contro non possono venir toccati dal colore: questa è la segnalazione che le superfici del palmento non sono uniformi. Se questo squilibrio è notevole, è necessario lavorare con pazienza, con il martello apposito (fig. 3), a superficie rugosa, per spianare i punti più sporgenti segnati in rosso, fino a che il righello non arrivi a tingere in rosso tutta intera la superficie della macina. Per raggiungere questo risultato si deve continuare la spianatura e quindi di Tecnica Molitoria - Febbraio

5 spianamento perfettamente uniforme. La superficie del righello di livellamento dovrà avere almeno un ampiezza di 8 cm ed essere di legno duro, possibilmente compensato con diversi pezzi longitudinali uniti insieme. Vari tipi di martelline per rabbigliare le macine. fig. 3 nuovo il passaggio del colore fin tanto che la superficie risulti uniforme. Questo lavoro è di importanza capitale, e purtroppo la maggior parte delle volte viene condotto in modo troppo superficiale. Non fa quindi meraviglia se la capacità di macinazione non è soddisfacente, perché si può ottenere un buon lavoro del palmento solamente se la macina ha la superficie uniformemente piana. In caso contrario, solamente i punti in rilievo, più alti, potranno macinare e solamente su questi poggerà la capacità di macinazione di cui si è parlato. Talvolta si utilizzano dei righelli per il livellamento che hanno pochi cm di larghezza, ma con questi non si può ottenere uno LA MACINAZIONE V ediamo ora come lavorano le due macine. Il percorso dei cereali sulla girante descrive una curva a spirale fra le pietre che li porta verso la periferia. La macina in rotazione grava con il suo peso sul prodotto da macinare e questo viene condotto in senso rotatorio verso l esterno fino a che non sarà scaricato fuori della macina. Le superfici delle macine, sia quella rotante che quella sottostante fissa, sono porose; a questo viene ancora ad aggiungersi la rabbigliatura le cui righe, nel movimento di rotazione, vengono ad incrociarsi continuamente producendo così lo sfregamento atto a lavorare il chicco (fig. 4). La macina girante compie all incirca otto giri prima che il prodotto lavorato fuoriesca. Questo percorso di macinazione si può abbreviare od allungare per mezzo della sistemazione dei canali o solchi di areazione. Si può quindi aumentare o diminuire il tempo di macinazione e si potrà ottenere qualsiasi risultato desiderato. Azione delle macine sul chicco. fig Febbraio Tecnica Molitoria

6 Nella fig. 5 si vede segnato il tracciato del percorso dei cereali tra le macine rispetto alla macina girante, tra l entrata nel centro e l uscita periferica; nella fig. 6 si vede invece il percorso sulla macina fissa, sempre con canali areatori normali: i cereali vengono spinti fuori anche per merito della forza centrifuga. Il percorso dei cereali macinati, visto sulla macina girante. Il percorso dei cereali macinati, visto sulla macina fissa. fig. 5 fig. 6 Sezione delle due macine. fig. 7 Nella fig. 7 si vedono sezionate le due macine; con sezione dei canali areatori a bordi aguzzi il cereale scorre più facilmente verso l uscita; nel centro si vede il foro d entrata dei cereali e la svasatura per l inizio della rottura. Questo incavo, la cosiddetta entrata, ha la funzione di permettere al prodotto una distribuzione più regolare ed uniforme, e deve avere la profondità variante da 3 a 5 m/m. Questa luce all entrata deve ridursi a poco a poco, passando verso la superficie di macinazione e deve essere perfettamente spianata. Se la macina superiore non è abbastanza incavata, il palmento non può assorbire abbastanza cereale, e quindi non può fare sufficiente produzione. All apertura centrale d entrata della macina superiore la forza centrifuga è minima ed il potere di alimentazione è assai ridotto. La velocità periferica aumenta in modo considerevole verso la sezione periferica della pietra, ed accelera il cereale verso la parte esterna. Quando non siano sufficienti la rifinitura e la profondità dell apertura di alimentazione alla macina superiore, si ha un alimentazione insufficiente in confronto al potere macinante delle superfici e non si potrà mai ottenere un buon lavoro di macinazione o di rottura. Per quanto concerne l operazione di rottura è necessario fare bene attenzione poiché l apertura di alimentazione ha lo scopo di impedire un eccessiva e troppo rapida Tecnica Molitoria - Febbraio

7 rottura del grano, e permettere una macinazione graduale ed uniforme. Perciò nella macinazione con un solo passaggio non si faccia uso di aperture superiori ai 5 m/m; invece per la macinazione in serie (diversi passaggi) si può avere, senza alcun timore, una profondità assai maggiore nell apertura di alimentazione. Quando l apertura di alimentazione è scarsa il mordente al cuore della macina si consuma troppo in fretta, l alimentazione delle macine non è completa ed il consumo di energia è troppo alto in rapporto alla resa di macinazione. La fig. 8 permette una visione di assieme del lavoro svolto dalle macine, lavoro che il più delle volte non risulta evidente. Le linee piene indicano le scanalature della macina inferiore fissa e le punteggiate quelle della macina superiore mobile, girante secondo le lancette di un orologio. L intervallo piano fra le scanalature limitrofe si tiene liscio nella zona centrale, e nella zona esterna, ossia verso la periferia, lo si munisce di striature poco profonde, ottenute con la martellina, distanti fra loro di circa 2 mm, ossia in numero di circa 5 per ogni cm; nella figura sono indicate con dei tratteggi. L inclinazione dei canali è una particolarità della macinazione che deriva dalla rifles- Le linee piene indicano le scanalature della macina inferiore fissa e le tratteggiate quelle della superiore. fig. 8 Rigatura comune per macine. fig. 9 sione e dall esperienza pratica offrendo una giusta direzione, corrispondente alla necessità dell aria ed a quella del prodotto (fig. 9). I canali sono tracciati lungo il diametro della pietra. Il diametro del cerchio di trazione (che dà l inclinazione dei canali) è ancora in relazione con la potenza del palmento. Per grandi cerchi di trazione il prodotto della macinazione scorre veloce nel suo percorso e la potenza è maggiore. Per piccoli cerchi di trazione il prodotto da macinare indugia più a lungo fra le superfici delle macine e verrà lavorato più finemente. Il cerchio di trazione crea inoltre la base dell angolo d incrocio dei canali e delle rigature (macinazione finissima della farina) e si ha quindi maggior sicurezza, se il palmento ruota più adagio. A seconda dei casi, si dovrà fare attenzione affinché la macina abbia una potenza di lavoro efficiente. I più grandi cerchi di trazione (per tracciare l inclinazione dei canali) vanno calcolati sul diametro della macina diviso 6 oppure Febbraio Tecnica Molitoria

8 Profilo dei solchi per diversi prodotti: bassa e alta macinazione. fig. 10 Per esempio, una macina del diametro di 1,30 m deve avere il cerchio di trazione di circa 22 cm oppure 16 cm circa, a seconda della necessità di macinazione. C è una grande quantità di sistemi di rigature e di canali per palmenti (fig. 10). Per ottenere una buona distribuzione del prodotto da macinare sulla superficie del palmento, gli angoli di incrocio di entrambi i canali devono andare diminuendo a partire dal foro centrale andando verso la circonferenza esterna dove diventano più piccoli. Così il prodotto viene accelerato anche dal foro centrale della pietra. Verso l esterno della macina, dove si ha maggiore superficie, anche il prodotto da macinare verrà a trovarsi in uno strato più sottile e perciò il macinato verrà espulso più lentamente. In questo modo si raggiunge la condizione desiderata, cioè una giusta ripartizione del prodotto. La fig. 11 mostra una scanalatura rettilinea della superficie, per la quale l incrocio degli Macine con scanalatura rettilinea. fig. 11 Tecnica Molitoria - Febbraio

9 angoli diminuiscono andando dal foro centrale della pietra verso il perimetro esterno e i canali, tanto i principali quanto i corti, hanno uguale larghezza. Questa solcatura è sicura e si può applicare per qualsiasi macinazione; l ampiezza del piano di macinazione è in questo caso al massimo una sesta parte del diametro della pietra. Le solcature principali e quelle di accompagnamento si vengono a trovare sull uguale cerchio di trazione, cioè inclinazione su diametro diviso 6. LE MACINE SINTETICHE L industria delle macine da molino si è servita anche dell aiuto della chimica per ottenere delle pietre sintetiche che, sotto qualsiasi aspetto, non sono da meno delle pietre naturali; anzi, per quanto concerne la durezza, sono ancora migliori. La loro costruzione può variare al fine di ottenere il rapporto desiderato per la giusta granulazione e per la porosità necessaria. Quando la pietra artificiale è stata fabbricata con buon materiale non perde la sua rigatura: le superfici che macinano conservano immutate le loro porosità, consistenza e compattezza e per esse non è necessario tutto il lavoro per renderle perfettamente livellate e piane. Queste macine si dovranno solamente sistemare con la massima esattezza e si dovrà aver cura affinché siano ben a posto le solcature dell alimentazione e dell aria. Questo è il lavoro normale, per la messa a punto della pietra artificiale. In alcuni molini che lavorano con pietre sintetiche, i mugnai si servono di canali di rinforzo per ottenere effettivamente una grande quantità di macinato. La porosità e compattezza delle superfici macinanti delle pietre artificiali non necessitano della rigatura, e questo è uno dei vantaggi maggiori. LE SOLCATURE A ffinché un palmento abbia una buona produzione e lavori senza riscaldarsi occorre che le macine siano fornite di solcature principali: queste partono dal foro centrale della pietra e vanno fino al bordo esterno. Le solcature secondarie invece, quelle che non partono dal foro centrale della pietra, hanno principalmente la funzione di distribuire il prodotto da macinare accentuare il mordente ed aiutare l evacuazione del materiale (figg. 9 e 11). Questi canali si possono fare di 25 e 35 mm e di circa 5 mm di profondità. Senza difficoltà i canali principali si potrebbero fare alquanto più ampi e profondi, e si può considerare un vantaggio in quanto si accentua la potenza di rottura. Onde ottenere delle buone rabbigliature della pietra è necessario disporre sempre di utensili adatti, e questo è proprio il particolare il più delle volte trascurato. Non si possono assolutamente fare delle buone rigature alle macine con utensili inadatti e mal forgiati. Quando ci si accinge a praticare le rigature non si può perdere tempo a causa degli utensili. Innanzitutto è necessario avere a disposizione un buon numero di buoni utensili per praticare le scanalature, così pure per effettuare un efficace rigatura delle macine (fig. 3). 148 Febbraio Tecnica Molitoria

10 Non si deve dare una durezza eccessiva ai martelli quando sono fucinati perché assai spesso vengono trattati in un modo che non è proprio da specializzati, e quindi diventano troppo fragili. Per prima cosa occorre trovare un fabbro che sappia dare la giusta ed esatta tempera agli utensili, e questa è proprio la cosa difficile. L affilatura dei martelli da taglio e da punta si esegue nel molino stesso e di regola quest operazione deve essere eseguita anche e sui nuovi prima di impiegarli per fare le rabbigliature. Con questi utensili si deve dapprima eseguire una leggera percussione su tutta la superficie e poi si procede con facilità alla rigatura. VELOCITÀ DELLE MACINE E CONSUMO ENERGETICO P er concludere, si deve porre gran cura anche nel bilanciare la macina superiore, la girante. Difatti la migliore esecuzione della rigatura sarà un lavoro inutile se il bilanciamento non è perfetto: non si potrà mai ottenere una farina esente da inconvenienti, e l intera macinazione procederà in modo irregolare. Sono fattori importanti il numero dei giri, la potenza, il consumo di energia, e di questi il mugnaio deve avere piena conoscenza. La velocità periferica del palmento ha un significato del tutto particolare: quella più idonea del palmento rotante si estende fra i 7 e i 9 m e la media è quindi sugli 8 m/sec. A tale velocità la potenza della macina viene a trovarsi in giusto rapporto con il fabbisogno di energia; per quanto riguarda il limite della sicurezza occorre che la velocità periferica della macina girante non oltrepassi i 90 m/sec. Si indica come velocità periferica quel percorso fatto dalla parte esterna del palmento in un secondo. Per la determinazione della velocità periferica ci si serve del diametro (d) della macina girante e del numero di giri (n), è ciò indica quanto sovente un determinato punto del palmento girevole passa nell unità di tempo. Come unità di tempo per il numero di giri si prenderà il minuto. Quindi per la velocità periferica intesa come sopra si avrà: - lo spazio percorso da un giro di rotazione = dx3,14; - lo spazio percorso in n. giri di rotazione in 1 min = dx3,14xn; - lo spazio percorso in n. giri di rotazione in 1 sec = = dx3,14xn 60 Prendiamo come esempio il diametro di un palmento di 1,30 m, la cui velocità periferica non deve superare gli 8 m/sec. In questo caso deve ora essere determinato il numero dei giri. n = 8x60 1,3x3,14 = 117,5 giri al minuto. Vi è una formula più pratica e semplice che si tiene facilmente a memoria: il numero di giri si ottiene con il numero fisso 250 meno il diametro della pietra in cm, si ha Tecnica Molitoria - Febbraio

11 Tabella 1 - Prontuario per l impianto di mulini a macine per cereali. Diametro delle macine, m 1,000 1,100 1,200 1,300 1,400 Spessore della macina girante, m 0,300 0,310 0,325 0,350 0,350 Spessore della macina fissa, m 0,250 0,250 0,275 0,300 0,300 Diametro dell occhio della macina girante, m 0,300 0,315 0,330 0,345 0,350 Diametro dell occhio della macina fissa, m 0,250 0,265 0,280 0,295 0,310 Superficie della macina girante (escluso l occhio), d 2 71,45 87,25 105,50 123,40 144,30 Numero dei giri della macina al minuto (1), n Velocità periferica della macina al minuto, m 7,25 7,48 7,53 7,48 7,33 Spessore della pietra utile quarzosa (il resto cemento o gesso), mm Forza effettiva occorrente per macina, HP 6, Massima produzione per ora, kg (1) La velocità periferica della macina non deve superare gli 8 m/sec. così il valore medio abbastanza esatto per un diametro usuale. Esempio: n = cm = 120 giri al min. n. fisso diametro 120 cm = 130 giri. Vediamo che il numero dei giri ricavati dalla formula pratica, differenzia di poco dal calcolo fatto prima (117,5 giri). Anche per il consumo di energia di una macina vi è una formula pratica. Il valore utile per un rapido calcolo si ottiene così: si deve moltiplicare il diametro della macina (espresso in metri), 3 volte per se stesso e poi questo risultato lo si moltiplica ancora per 3; alla fine si ottiene il consumo di energia di una pietra in HP (cavalli vapore). Se il palmento rotante ha il diametro di 1,3 m da qui si ricava il consumo di energia: principali elementi da tenere in considerazione per la condotta di un molino a palmenti, sotto forma di tabella per una più rapida consultazione (tab. 1). da Tecnica Molitoria n. 6, giugno ,3 x 1,3 x 1,3 x 3 = 6,60 CV. Riportiamo, per concludere, i valori dei Macina La Ferté nel mulino di Bobbio Pellice (TO). fig Febbraio Tecnica Molitoria

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

Tubi di Drenaggio. con flangiatura elicoidale continua sull intera lunghezza.

Tubi di Drenaggio. con flangiatura elicoidale continua sull intera lunghezza. Tubi di Drenaggio DRENAGGIO dei TERRENI L adozione dei tubi Spirodrain è la miglior soluzione per risolvere qualsiasi problema di drenaggio dei terreni e di raccolta delle acque sotterranee. I tubi Spirodrain

Dettagli

Riscaldatori a cartuccia

Riscaldatori a cartuccia Riscaldatori a cartuccia Cartuccia Pg01 di 14 2011-01 E.M.P. Srl - Italy - www.emp.it Riscaldatori a cartuccia HD Alta densità di potenza Descrizione La tecnologia costruttiva dei riscaldatori a cartuccia

Dettagli

FISICA DELLA BICICLETTA

FISICA DELLA BICICLETTA FISICA DELLA BICICLETTA Con immagini scelte dalla 3 SB PREMESSA: LEGGI FISICHE Velocità periferica (tangenziale) del moto circolare uniforme : v = 2πr / T = 2πrf Velocità angolare: ω = θ / t ; per un giro

Dettagli

SOLUZIONI VINCENTI. per il segmento LEGNO. In questa raccolta. Scheda n. Segmento Materiali lavorati Destinazioni d uso 1 LEGNO MDF ANTE PER CUCINA

SOLUZIONI VINCENTI. per il segmento LEGNO. In questa raccolta. Scheda n. Segmento Materiali lavorati Destinazioni d uso 1 LEGNO MDF ANTE PER CUCINA SOLUZIONI VINCENTI per il segmento LEGNO In questa raccolta Scheda n. Segmento Materiali lavorati Destinazioni d uso 1 LEGNO MDF ANTE PER CUCINA 2 LEGNO MDF ANTE PER CUCINA 3 LEGNO MASSELLO ANTE PER CUCINA

Dettagli

CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI.

CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI. CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI. Karl-Michael Winter, Jens Baumann, Process Electronic GmbH, Heiningen (Germania) Sommario

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Guida alla fresatura Spianatura 1/24

Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SPIANATURA Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SCELTA INSERTO/FRESA Una fresa con un angolo di registrazione inferiore a 90 agevola il deflusso dei trucioli aumentando la resistenza del tagliente. Gli

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

PREPARAZIONE DEI FONDI DI POSA PER PAVIMENTI IN LEGNO

PREPARAZIONE DEI FONDI DI POSA PER PAVIMENTI IN LEGNO COSTRUZIONI IN BIOEDILIZIA COPERTURE E SOLAI VIA MULINO, 21 I - 23871 LOMAGNA (LC) Tel. 039 5 300 100 Fax 039 5 301 186 E-mail: info@galimberti.eu www.galimberti.eu SISTEMI PER ESTERNI PAVIMENTI Galimberti

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

VETROMATTONE ONDULATO CHIARO TERMINALE CURVO

VETROMATTONE ONDULATO CHIARO TERMINALE CURVO INDICE 1. Anagrafica 2. Caratteristiche Tecniche 3. Certificazioni 4. Utilizzo 5. Posa in Opera 5.A. Fase preliminare 5.B. Fase di installazione 5.C. Fase di finitura 6. Disegni 7. Voce di capitolato 1/5

Dettagli

Nastri GenCon per il trasporto generico

Nastri GenCon per il trasporto generico VOLTA Belting Technology Ltd. Italian Nastri GenCon per il trasporto generico The Next Step in Belting VOLTA Belting Technology Ltd. Nastri per diverse tipologie di trasporto L industria dei nastri per

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

Unità 4. I materiali edili. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena B1 CHIAVI. In questa unità imparerai:

Unità 4. I materiali edili. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena B1 CHIAVI. In questa unità imparerai: Unità 4 I materiali edili CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che descrive alcuni materiali usati in edilizia. a comprendere una scheda tecnica. a comprendere un testo che dà istruzioni

Dettagli

C1. Correnti di Energia e di Portatori di Energia

C1. Correnti di Energia e di Portatori di Energia C1. Correnti di Energia e di Portatori di Energia C1.1. L intensità di corrente A volte capita di voler confrontare due correnti, ad esempio due fiumi. Ci si può chiedere: Quale dei due fiumi è più largo?

Dettagli

Trasportatori a nastro

Trasportatori a nastro Trasportatori a nastro Realizzano un trasporto di tipo continuo, in orizzontale o in pendenza, di materiali alla rinfusa e di carichi concentrati leggeri. incastellatura di sostegno Trasporti interni 1

Dettagli

WWW.PAULINDAITALIA.IT. Importato e distribuito in Italia da. www.orsomago.it

WWW.PAULINDAITALIA.IT. Importato e distribuito in Italia da. www.orsomago.it WWW.PAULINDAITALIA.IT Importato e distribuito in Italia da www.orsomago.it Vantaggi rispetto alla plastilina Plastilina 1. Estremamente morbida e flessibile 2. Non sporca ed è sicura 3. I colori si mixano

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO:

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO: RSISTZA D MZZO R m 1 C X ρ A v Adimensionale Massa volumica kg/m 3 Velocità m/s Sezione maestra m Valori medi dei coefficienti: Superfici piane normali al moto: acqua: K9,81 60, aria: K9,81 0,08 1 K C

Dettagli

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure 1) Generalità I pannelli del sistema UNICLIC si possono fissare in due diversi modi: A Per incastrare i pannelli, si possono ruotare inserendo la

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

ESTERNO ANTISCIVOLO. I listoni vanno immagazzinati al coperto ed in un luogo ben ventilato, evitando l esposizione diretta al sole

ESTERNO ANTISCIVOLO. I listoni vanno immagazzinati al coperto ed in un luogo ben ventilato, evitando l esposizione diretta al sole REGOLE PER LO STOCCAGGIO E LA POSA IN OPERA DEI PAVIMENTI PER ESTERNO ANTISCIVOLO COLLOCAMENTO DEI LISTONI STOCCAGGIO I listoni vanno immagazzinati al coperto ed in un luogo ben ventilato, evitando l esposizione

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GLI STAMPI Indice Indice... 1 1. -STAMPI IN GESSO... 2 Amici del Presepe Monte Porzio Catone pag. 1 STAMPI 1.

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

SCELTA DEL TIPO DI FRESA

SCELTA DEL TIPO DI FRESA LAVORAZIONE CON FRESE A CANDELA SCELTA DEL TIPO DI FRESA La scelta del tipo di fresa a candela dipende dal grado di tolleranza e finitura superficiale richiesti. Utilizzare una fresa riaffilabile per applicazioni

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

Le pale Bobcat possono trasformarsi in fresatrici economiche ed efficienti grazie al a fresa Bobcat disponibile come accessorio. 14 (36 cm) portata

Le pale Bobcat possono trasformarsi in fresatrici economiche ed efficienti grazie al a fresa Bobcat disponibile come accessorio. 14 (36 cm) portata Frese Accessori Le pale Bobcat possono trasformarsi in fresatrici economiche ed Fresa Bobcat 14 (36 cm) con portata idraulica standard Modello economico, progettato specificamente per l utilizzo su alcuni

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE Istituto Comprensivo Europa di Faenza - Scuola Media Europa - Classe 1ª C Docente coordinatore: Pia Molinari ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE 205 ISOLAMENTO DEL GLUTINE RELAZIONE DELL ESPERIMENTO

Dettagli

Istruzioni per la posa di mflorcontact

Istruzioni per la posa di mflorcontact Istruzioni per la posa di mflorcontact Ispezione e pre-trattamento del sottofondo Verifiche Il sottofondo deve essere mantenuto asciutto, in piano e pulito, come stabilito dalla norma DIN 18365. Deve essere

Dettagli

TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO

TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO Il brico dalle mille idee... TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO Il legno all interno Colori e vernici 2 Se il legno grezzo da trattare non ha il colore desiderato dobbiamo

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto IN LABORATORIO 6 Maggio 2010 Istruzioni per l allestimento della prova Materiale riservato per i docenti UNA BILANCIA MOLTO SENSIBILE Presentazione

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEI CEREALI

LA CONSERVAZIONE DEI CEREALI LA CONSERVAZIONE DEI CEREALI La conservazione dei cereali assume importanza primaria nel determinare la qualità igienico sanitaria delle materie prime e del prodotto finito. Cause di alterazione: umidità

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling)

Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling) Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling) Osservazione: con il segno + si vuole indicare che la regolazione impostata è stata aumentata. Mentre, con il segno la regolazione impostata

Dettagli

AMBIENTE. Istruzioni di posa per professionisti

AMBIENTE. Istruzioni di posa per professionisti AMBIENTE Istruzioni di posa per professionisti Indice Travetti 4 Scelta del materiale Posa dei travetti Posa di travetti per terrazzoa senza profilo di finitura (Sit. A) Preparazione dei travetti Preparazione

Dettagli

Movind S.r.l. Macchine speciali e sistemi vibranti per l'industria

Movind S.r.l. Macchine speciali e sistemi vibranti per l'industria Impieghi Test di resistenza Collaudo componenti elettronici Simulazione trasporto merci Emulsionamento Agitazione e miscelazione prodotto Compattazione entro stampi Caratteristiche tecniche principali

Dettagli

level 1 n Scheda tecnica Applicazioni consigliate Materiali Supporti Caratteristiche

level 1 n Scheda tecnica Applicazioni consigliate Materiali Supporti Caratteristiche Scheda tecnica level 1 n level 1 n è una malta autolivellante a indurimento rapido per il livellamento e la regolarizzazione di fondi di posa di ogni genere di pavimenti interni. Da 1 a 10 mm di spessore.

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DEL MOTOVIBRATORE

GUIDA ALLA SCELTA DEL MOTOVIBRATORE GUIDA ALLA SCELTA DEL MOTOVIBRATORE Sistemi e metodi di vibrazione I sistemi, che utilizzano la tecnica della vibrazione, si possono suddividere in: sistemi ad oscillazione libera, di cui ci si occupa

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

Via Castegnato, 6/C 25050 Rodengo Saiano, Brescia T +39 030 6815011 www.compes.com FORNI

Via Castegnato, 6/C 25050 Rodengo Saiano, Brescia T +39 030 6815011 www.compes.com FORNI Via Castegnato, 6/C 2 Rodengo Saiano, Brescia T +39 3 68111 www.compes.com compesfrance@compesfrance.fr info@compes.ca FORNI 1 PRERISCALDO MATRICI Il FORNO PRERISCALDO MATRICI COMPES a cassetti indipendenti

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica.

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica. 1 2 3 L energia incide sul costo di tutti i beni ed i servizi che utilizziamo ma, in questo caso, prendiamo come riferimento il costo che una famiglia di Aprilia con consumo medio sostiene ogni anno per

Dettagli

Fresatura. Moto di taglio utensile rotatorio. Moto di avanzamento pezzo lineare rettilineo o meno. Moto di registrazione pezzo lineare discontinuo

Fresatura. Moto di taglio utensile rotatorio. Moto di avanzamento pezzo lineare rettilineo o meno. Moto di registrazione pezzo lineare discontinuo Fresatura Moto di taglio utensile rotatorio Moto di avanzamento pezzo lineare rettilineo o meno Moto di registrazione pezzo lineare discontinuo Moto di lavoro cicloidale Periferica asse fresa // superficie

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

COME FARE UNA CORDA PER ARCO

COME FARE UNA CORDA PER ARCO COME FARE UNA CORDA PER ARCO Dedicato a tutti gli arcieri che preferiscono costruirsi le proprie corde dell arco, anziché acquistarle pronte in fabbrica. Tenere presente che specie per la prima volta,

Dettagli

Strumenti necessari per il disegno

Strumenti necessari per il disegno Capitolo 9 Strumenti necessari per il disegno Sarebbe sbagliato ridurre il campo del disegno in genere, e quindi anche del disegno in rilievo, alla sola riproduzione degli oggetti che abbiamo intorno.

Dettagli

Controllo della qualità di lavoro di vangatrici e zappatrici

Controllo della qualità di lavoro di vangatrici e zappatrici Controllo della qualità di lavoro di vangatrici e zappatrici Ing. Stefania Donati; Dott. Marco Fedrizzi La crescente esigenza di lavorazioni conservative del terreno, rispettose delle sue condizioni strutturali,

Dettagli

IL DECATISSAGGIO DISCONTINUO A PRESSIONE ATMOSFERICA. Scopo della lavorazione. Tecnologia della lavorazione

IL DECATISSAGGIO DISCONTINUO A PRESSIONE ATMOSFERICA. Scopo della lavorazione. Tecnologia della lavorazione 39 IL DECATISSAGGIO Il decatissaggio: generalità Questa lavorazione è realizzabile con tre modalità di processo che differiscono per durata della lavorazione e per il tipo di effetti prodotti: decatissaggio

Dettagli

www.adplast.it info@adplast.it 1

www.adplast.it info@adplast.it 1 1 PREFAZIONE Con il termine, nei materiali termoplastici, intendiamo una cementazione indissolubile ottenuta tramite temperature e pressioni specifiche, con o senza l'impiego di materiali di riporto. Questo

Dettagli

h) Elementi di aerodinamica delle vele

h) Elementi di aerodinamica delle vele h) Elementi di aerodinamica delle vele L effetto del vento su un piano Poniamo un piano all azione del vento come indicato nella figura 1. Esso si sposterà sottovento muovendosi parallelamente a se stesso.

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Impianti di termoventilazione per alberghi

Impianti di termoventilazione per alberghi Impianti di termoventilazione per alberghi Riteniamo che quello dell impianto di riscaldamento e condizionamento, sia uno dei punti più importanti da prendere in considerazione al momento della costruzione

Dettagli

STRUMENTI DI MISURA: GENERALITÁ

STRUMENTI DI MISURA: GENERALITÁ STRUMENTI DI MISURA: GENERALITÁ Sono dispositivi che ci forniscono il valore delle grandezze Sono di 2 tipi ANALOGICO: se il valore delle misure si legge su una scala graduata (c è continuità nell indicazione)

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

CARRELLO ITALIANO Il carrello sterzante detto Italiano è nato a seguito di una esigenza prettamente italiana dovuta alla situazione in cui versavano le linee ferroviarie agli inizi del 1900. I tracciati

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Le macchine Dal punto di vista statico, una macchina è un dispositivo che consente di equilibrare una forza (resistente)

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO www.slidetube.it INTRODUZIONE Le prestazioni della TC precedentemente illustrate non sono ben rispondenti

Dettagli

Sommario. Pagina 3 : La ditta Mechetti. Pagina 4 : Presentazione prodotti. Pagina 5 : Schede tecniche. Pagina 6 : Istruzioni per l uso

Sommario. Pagina 3 : La ditta Mechetti. Pagina 4 : Presentazione prodotti. Pagina 5 : Schede tecniche. Pagina 6 : Istruzioni per l uso MANUALE D USO Mek 1 Sommario Pagina 3 : La ditta Mechetti Pagina 4 : Presentazione prodotti Pagina 5 : Schede tecniche Pagina 6 : Istruzioni per l uso Pagina 7 : Soluzione e problemi noti Pagina 8 : Parti

Dettagli

ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN

ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN Scheda tecnica e manuale di montaggio RETE DI SICUREZZA ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN 1263-2 1 CARATTERISTICHE TECNICHE MATERIALE: POLIPROPILENE, stabilizzato ai raggi UV. COLORE:

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 2013-2014, 19 Novembre 2013

Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 2013-2014, 19 Novembre 2013 Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 203-204, 9 Novembre 203 Esercizio I. m m 2 α α Due corpi, di massa m = kg ed m 2 =.5 kg, sono poggiati su un cuneo di massa M m 2 e sono connessi mediante una carrucola

Dettagli

AERTES TESSUTI PER FLUIDIFICAZIONE FILTRAZIONE LIQUIDI E GAS

AERTES TESSUTI PER FLUIDIFICAZIONE FILTRAZIONE LIQUIDI E GAS AERTES TESSUTI PER FLUIDIFICAZIONE FILTRAZIONE LIQUIDI E GAS Introduzione Il trasporto e lo scarico di molti materiali in polvere alla rinfusa viene frequentemente realizzato con sistemi di fluidificazione.

Dettagli

Anno 2014. Rapporto ambientale

Anno 2014. Rapporto ambientale Anno 2014 Rapporto ambientale 1 ANNO 2014 Nell anno 2005 la SITI TARGHE S.r.l. ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008, nel 2011 e nel

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Ridolfi Vasco & Figlio Posa in opera Parquet & Scale LA LEVIGATURA

Ridolfi Vasco & Figlio Posa in opera Parquet & Scale LA LEVIGATURA LA LEVIGATURA La levigatura del pavimento di legno consiste nelle operazioni di spianamento e di lisciatura della superficie in modo da renderla adatta ai successivi trattamenti di finitura. Si effettua

Dettagli

OPUS. OPUS color LUSERNA - sigillatura del giunto con sabbia e cemento I RICOSTRUITI. www.pavesmac.com

OPUS. OPUS color LUSERNA - sigillatura del giunto con sabbia e cemento I RICOSTRUITI. www.pavesmac.com OPUS color LUSERNA - sigillatura del giunto con sabbia e cemento 10 MODELLO DEPOSITATO FINITURE: - doppio strato quarzo OPUS rappresenta una concezione di pavimentazione esterna unica nel suo genere, in

Dettagli

Valutazione di prodotti chimici impiegati nel ciclo conciario: le resine acriliche.

Valutazione di prodotti chimici impiegati nel ciclo conciario: le resine acriliche. Valutazione di prodotti chimici impiegati nel ciclo conciario: le resine acriliche. M. Bientinesi (1) D. Castiello (2) G. D Elia (1) M. Salvadori (2) M. Seggiani (1) S. Vitolo (1) (1) Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi GIARDINO 00 Come potare tecniche ed attrezzi 1 Le tecniche di potatura 1. I tagli devono essere praticati con utensili ben affilati altrimenti si formano bordi schiacciati e sfrangiati che cicatrizzano

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti

TECNOLOGIA MECCANICA LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1 La trasmissione del moto pag. 2 1.1 I motori 2 1.2 Trasmissione del moto mediante i

Dettagli

Creativ 7c04. Tecniche con intonachino di calce ad effetto calcestruzzo a vista Marmor-Feinputztechnik Sichtbetonoptik

Creativ 7c04. Tecniche con intonachino di calce ad effetto calcestruzzo a vista Marmor-Feinputztechnik Sichtbetonoptik Tecniche con intonachino di calce ad effetto calcestruzzo a vista Marmor-Feinputztechnik Sichtbetonoptik con Creativ Sentimento 78 per superfici lisce personalizzate con leggera lucentezza L'illustrazione

Dettagli

RUGOSITÀ. Introduzione

RUGOSITÀ. Introduzione RUGOSITÀ 299 Introduzione Le superfici degli oggetti reali sono di solito affette da irregolarità microgeometriche. Tali irregolarità possono essere casuali (tipico nei pezzi prodotti per fusione), ovvero

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC

LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC 2 la posa in opera - 1. operazioni preliminari 1 Operazioni preliminari 1.1 deposito in cantiere Il materiale deve essere stoccato in un area predisposta, in modo da evitare

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO CARATTERISTICHE TECNICHE: Solidone è un legante idraulico formulato con cementi speciali ad alta resistenza

Dettagli

FUGAMAGICA WOOD. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione

FUGAMAGICA WOOD. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione FUGAMAGICA WOOD Stucco cementizio idrorepellente, ad alte prestazioni e granulometria finissima per la fugatura di piastrelle in legno ceramico. 1504-2 IP-MC-IR Caratteristiche tecniche Prodotto in polvere

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

Intonaco a spruzzo antincendio per la protezione contro il fuoco di costruzioni in acciaio

Intonaco a spruzzo antincendio per la protezione contro il fuoco di costruzioni in acciaio Birocoat Stand: 23.10.2007 Construction Birocoat Intonaco a spruzzo antincendio per la protezione contro il fuoco di costruzioni in acciaio Birocoat Biromix Con impiego di rete di supporto Esecuzione di

Dettagli

Come costruire una vera casa sull'albero

Come costruire una vera casa sull'albero Come costruire una vera casa sull'albero COSA OCCORRE 30 viti tirafondi da 15 cm con relative rondelle quadrate 8 viti tirafondi da 20 cm con rondelle 32 viti tirafondi da 10 cm con rondelle travi da 7,5x10

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

Realizzazione di un sistema di aria canalizzata perimetrale, per la mansarda

Realizzazione di un sistema di aria canalizzata perimetrale, per la mansarda Realizzazione di un sistema di aria canalizzata perimetrale, per la mansarda Il sistema, realizzato su un Mobilvetta Bussola, può essere utilizzato anche su altri mezzi che hanno la mansarda configurata

Dettagli

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro Quote prefabbricato Premessa Con il presente manuale si intende dare delle indicazioni soprattutto a chi non ha mai montato un forno per pizza prima d'ora. Ciò nonostante, specie le indicazioni sulla prima

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI TRATTAMENTO LE RIMONTE CAPILLARI INTRODUZIONE: Grazie alle sue ottime caratteristiche tecniche e alla facilità di messa in opera il di POTASSIO viene largamente utilizzato per rendere idrorepellenti i

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 COMPITO A Un blocco di massa m 1 = 1, 5 kg si muove lungo una superficie orizzontale priva di attrito alla velocità v 1 = 8,2 m/s.

Dettagli

SCHEDE TECNICHE E SISTEMI APPLICATIVI ULTRA PRIMER RAPIDO

SCHEDE TECNICHE E SISTEMI APPLICATIVI ULTRA PRIMER RAPIDO SCHEDE TECNICHE E SISTEMI APPLICATIVI ULTRA PRIMER RAPIDO REV. 1-2015 ULTRA PRIMER RAPIDO Descrizione del Prodotto L uso di Ultra Pimer Rapido è fortemente consigliato nella preparazione di tutti i tipi

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli