Un confronto tra le prestazioni di alcune Regioni nel settore DSU: le borse di studio a.a. 2006/07

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un confronto tra le prestazioni di alcune Regioni nel settore DSU: le borse di studio a.a. 2006/07"

Transcript

1 Osservatorio Regionale per il Diritto allo Studio Universitario Un confronto tra le prestazioni di alcune Regioni nel settore DSU: le borse di studio a.a. 2006/07 Nota di lavoro n. 2/2007 Bozza per la discussione - aprile 2007

2 Indice 1. Introduzione 2. Le condizioni economiche per l accesso ai benefici 3. Gli importi delle borse 4. I criteri di reddito 5. Conclusioni 2

3 1. Introduzione Nella presente nota di lavoro viene condotto un confronto interregionale relativo alle borse di studio universitarie. Vengono confrontati i requisiti previsti dai bandi delle singole regioni in termini di merito e reddito e gli importi minimi delle borse. Il riferimento normativo è rappresentato dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 aprile 2001, recante norme relative all Uniformità di trattamento sul diritto agli studi universitari. Le regioni di cui vengono analizzati i bandi sono nove: Emilia Romagna; Friuli Venezia Giulia; Lazio; Lombardia; Marche; Piemonte; Sicilia; Toscana; Veneto. Prima di analizzare una ad una le normative regionali, si osserva quanto previsto dal suddetto DPCM rispetto alle borse di studio. L articolo 4, comma 1, riguardante le procedure di selezione dei beneficiari, prevede che per gli iscritti per la prima volta al primo anno dei corsi di laurea, i benefici siano attribuiti agli studenti che presentino determinati requisiti relativi alla condizione economica. I requisiti di merito per l accesso ai benefici sono invece valutati ex-post, secondo modalità previste dal medesimo DPCM. Il comma 4 prevede che per gli studenti iscritti agli anni successivi al primo di tutti i corsi idonei ai benefici nell anno accademico precedente, il diritto viene mantenuto esclusivamente sulla base dei criteri di merito senza ulteriore autocertificazione delle condizioni economiche. Gli articoli 5 e 6 definiscono i criteri per la determinazione delle condizioni economiche e del merito. L articolo 5, comma 1, prevede che le condizioni economiche dello studente siano individuate sulla base dell Indicatore della situazione economica equivalente e che siano previste come modalità integrative di selezione anche 3

4 l Indicatore della situazione economica all estero e l Indicatore della situazione patrimoniale equivalente. Per l accesso ai benefici l ISEE del nucleo familiare, sommato con l ISE all estero, non può superare il limite stabilito dalle regioni e dalle università, per gli interventi di rispettiva competenza, tra i ed i euro. I limiti massimi dell ISEE e dell ISPE sono aggiornati annualmente con decreto del Ministero emanato entro il 28 febbraio (tabella 1). Tabella 1: i valori massimi di ISEE ed ISPE (aggiornamenti annuali) ISEE ( ) ISPE ( ) DPCM aprile , , , , / , , , , / , , , ,94 Fonte: DM 7 febbraio 2007 L articolo 6, comma 1, stabilisce che per gli studenti del primo anno dei corsi di laurea e laurea specialistica la seconda rata della borsa sia corrisposta al conseguimento di un livello minimo di merito. Il comma 4 del medesimo articolo impone che lo studente debba possedere, per il mantenimento dei benefici per gli anni successivi al primo, per i corsi di laurea i seguenti requisiti: a. per il secondo anno, 25 crediti entro il 10 agosto dell anno di presentazione della domanda, nonché il soddisfacimento di eventuali obblighi formativi ove previsti all atto dell ammissione ai corsi; b. per il terzo anno, 80 crediti entro il 10 agosto dell anno di presentazione della domanda; c. per l ultimo semestre, 135 crediti entro il 10 agosto dell anno di presentazione della domanda. Al fine di determinare il diritto al mantenimento dei benefici per gli anni successivi al primo dei corsi di laurea specialistica a ciclo unico, lo studente deve possedere i seguenti requisiti (art. 6, comma 5): 4

5 a. per il secondo anno, 25 crediti entro il 10 agosto dell anno di presentazione della domanda, nonché il soddisfacimento di eventuali obblighi formativi ove previsti all atto dell ammissione ai corsi; b. per il terzo anno, 80 crediti entro il 10 agosto dell anno di presentazione della domanda; c. per il quarto anno, 135 crediti entro il 10 agosto dell anno di presentazione della domanda; d. per il quinto anno, 190 crediti entro il 10 agosto dell anno di presentazione della domanda; e. per il sesto anno, ove previsto, 245 crediti entro il 10 agosto dell anno di presentazione della domanda; f. per l ulteriore semestre, 55 crediti in più rispetto al numero previsto per l ultimo anno di corso secondo le modalità previste dai rispettivi ordinamenti didattici. L articolo 6, comma 7 disciplina invece il diritto al mantenimento dei benefici pr gli anni successivi al primo delgi altri corsi di laurea specialistica: a. per il secondo anno, 30 crediti entro il 10 agosto dell anno di presentazione della domanda; b. per l ultimo semestre, 80 crediti entro il 10 agosto dell anno di presentazione della domanda; La tabella 2 riporta il numero di Crediti Formativi Universitari stabiliti per l acceso alla borsa di studio nei diversi anni dei diversi corsi di studio, Laurea Triennale, Laurea Specialistica e Laura Specialistica a Ciclo Unico, così come fissati dal DPCM 9 aprile 2001, articolo 6 comma 4, 5 e 6. Tabella 2: il numero minimo di CFU da acquisire entro il 10 agosto 2006 Anno di corso Corso di studio 2 o 3 o 4 o 5 o 6 o ultimo semestre Laurea Triennale Laurea Specialistica Laurea SCU

6 L articolo 9 stabilisce le tipologie minime ed i livelli degli interventi regionali. Il comma 2 del medesimo articolo prevede che la definizione dell importo delle borse di studio persegua l obiettivo della copertura delle spese di mantenimento sostenute dagli studenti nelle diverse sedi. Le regioni possono diversificare gli importi sia in ragione delle condizioni degli studenti, che dei livelli di spesa necessari nelle diverse sedi. Per questo è previsto dal DPCM un importo minimo delle borse: a) studenti fuori sede: nell anno accademico 2001/02, nell anno accademico 2002/03, nell anno accademico 2003/04; b) studenti pendolari: ; c) studenti in sede: più un pasto giornaliero gratuito. Qualora le regioni possano assicurare il servizio abitativo e di ristorazione gratuitamente l importo minimo per i fuori sede è ridotto di su base annua, in relazione ai mesi di effettiva erogazione del servizio dall anno 2002/03 e di 600 per un pasto giornaliero su base annua (comma 5). La borsa viene corrisposta integralmente agli studenti il cui ISEE sia minore o uguale ai due terzi del limite massimo di riferimento. Per valori superiori, fino al raggiungimento del predetto limite, la borsa viene gradualmente ridotta sino alla metà dell importo minimo. A partire dall a.a. 2002/03 gli importi vengono annualmente aggiornati con DM entro il 28 febbraio (tabella 2). Gli importi delle borse ad importo ridotto sono pari all 80% dell importo intero delle borse. Anche l ammontare delle riduzioni è aggiornato annualmente, e per il 2006/07 è riportato in tabella 4. Tabella 3: gli importi delle borse di studio divisi per tipologia Fuori sede Pendolari In sede a.a , , ,69 a.a , , ,92 a.a , , ,57 a.a , , ,57 a.a , , ,74 Fonte: DM 25 febbraio 2002; DM 27 febbraio 2003; DM 27 febbraio 2003; DM 23 febbraio 2006; DM 7 febbraio

7 2. Le condizioni economiche stabilite dalle regioni per l accesso ai benefici Nel seguente paragrafo il confronto è incentrato sulla soglia ISEE che è stata determinata dalle diverse regioni per l accesso all idoneità per la borsa di studio. Figura 1: La soglia minima dell ISEE per l accesso alle borse, a.a. 2006/ , , , , , , , , , , , ,00 E. Romagna Friuli V. Giulia Lazio Lombardia Marche Piemonte Sicilia Toscana Veneto Note: la linea tratteggiata indica il Limite previsto dal DM 7 febbraio 2007, ,03 3. Gli importi delle borse stabiliti dalle regioni Come previsto dal DPCM a seconda della tipologia di studente corrisponde un diverso ammontare della borsa di studio, maggiore per i fuori sede, passando poi ai pendolari ed infine algi studenti in sede. In questo paragrafo si analizzano e confrontano i livelli delle borse di studio ad importo pieno stabiliti nelle diverse regioni. 7

8 Tabella 4: Gli importi delle borse e delle riduzione di pasti e alloggi, a.a. 2006/07 Riduzione Riduzione Fuori sede Pendolare In sede pasto alloggio ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) E. Romagna 4.360, , ,74 600, ,00 Friuli V. Giulia 4.361, , ,00 600, ,00 Lazio 4.360, , ,74 600, ,00 Lombardia 4.400, , ,00 600, ,00 Marche 4.203, , ,58 646, ,00 Piemonte 4.361, , ,00 600, ,00 Sicilia 4.365, , ,00 600, ,00 Toscana 4.020, , ,00 600, ,00 Veneto 4.362, , ,00 600, ,00 Figura 2: Gli importi delle borse divisi per tipologia nelle diverse regioni, studenti Fuori Sede , , , , , , , , , Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Lombardia Marche Piemonte Sicilia Toscana Veneto Note: la linea tratteggiata indica il Limite previsto dal DM 7 febbraio 2007, 4.360,94 8

9 Figura 3: Gli importi delle borse divisi per tipologia nelle diverse regioni, studenti Pendolari , , , , , , , , , Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Lombardia Marche Piemonte Sicilia Toscana Veneto Note: la linea tratteggiata indica il Limite previsto dal DM 7 febbraio 2007, 2.404,11 Figura 4: Gli importi delle borse divisi per tipologia nelle diverse regioni, studenti in Sede , , , , , , , , , Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Lombardia Marche Piemonte Sicilia Toscana Veneto Note: la linea tratteggiata indica il Limite previsto dal DM 7 febbraio 2007, 1.643,74 9

10 Tabella 5: Le riduzioni relative ai pasti ed ai posti alloggio, a.a. 2006/ E. Romagna Lazio Lombardia Marche Piemonte Sicilia Toscana Veneto Riduzione pasto ( ) Riduzione alloggio ( ) 4. Conclusioni Analizzato il confronto rispetto alle principali caratterstiche del sistema di borse di studio previsto dal DPCM 9 aprile 2001, risulta di seguito interessante commentare il posizionamento della regione Lombardia rispetto alle altre regioni. Nel documento sono stati mostrati prospetti dei quali è possibile confrontare a colpo d occhio le regioni tra di loro, dal punto di vista dei limiti relativi alla condizione economica stabilti per l accesso alla borsa e rispetto agli importi delle diverse tipologie di borse. Inoltre è stato riportato per ogni prospetto quanto è previsto a livello di normativa nazionale DPCM o Decreto Ministeriale -. Le linee tratteggiate danno così un idea sintetica del confronto tra ogni singola regione e la normativa nazionale. Rispetto alle condizioni economiche per l accesso ai benefici, la Regione Lombardia è praticamente allineata alla normativa nazionale; infatti si limita solamente ad approssimare la soglia minima per eccesso all importo intero successivo a quello previstro dal DM 7 febbraio 2007 (17.891,03 ). In generale si è di fronte ad un allineamento da parte di tutte le regioni, fatta eccezione per il Lazio e la Toscana che riportano valori di soglia più bassi rispetto a quelli previsti, stessa situazione anche se meno distante è riportata dalla Sicilia. Per quanto riguarda gli importi delle borse divisi per tipologia - Fuori Sede, Pendolari e in Sede - la Regione Lombardia presenta, in tutti e tre i casi, un ammontare 10

11 delle borse non solo maggiore a quello previsto dalla normativa nazionale, ma anche rispetto a tutte le altre regioni analizzate. Se si assiste ad un minor gap nell importo della borsa per gli studenti fuori sede, la differenza maggiore si ha rispetto agli importi di studenti pendolari o in sede. Tra le altre regioni, le Marche e la Toscana presentano gli importi più distanti da quelli della Lombardia, minori anche di quelli previsti dalla normativa nazionale. In media la differenza di importi tra Lombardia e Toscana, per ciascuna tipologia di borsa, è di circa 500. In conclusione si può affermare che la Regione Lombardia si posiziona al vertice del ranking rispetto alle variabili analizzate, considerando anche il fatto ulteriormente meritevole che oramai da anni presenta una copertura delle borse tra idonei e beneficiari del 100%. 11

Analisi della Bozza Decreto D.S.U.

Analisi della Bozza Decreto D.S.U. Analisi della Bozza Decreto D.S.U. Analizziamo in questo documento la bozza dello Schema di Decreto Ministeriale Determinazione dei livelli essenziali e requisiti di eleggibilità delle prestazioni per

Dettagli

VISTO gli artt. 3, secondo comma, e 34, terzo comma, della costituzione;

VISTO gli artt. 3, secondo comma, e 34, terzo comma, della costituzione; Area Servizi agli Studenti e ai Dottorandi Il Dirigente Milano, 17/07/2013 Prot. N 22510 N. Repertorio 2027/2013 Titolo V Classe 5 Fascicolo VISTO gli artt. 3, secondo comma, e 34, terzo comma, della costituzione;

Dettagli

Sezione 5 - FASCE DI CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA

Sezione 5 - FASCE DI CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA Sezione 5 - FASCE DI CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA L'importo dei contributi universitari è graduato in 5 fasce di contribuzione, determinate sulla base di scaglioni ISEE (Indicatore della situazione economica

Dettagli

La rilevazione dei crediti acquisiti al 10 agosto 2006 dagli studenti universitari degli atenei lombardi

La rilevazione dei crediti acquisiti al 10 agosto 2006 dagli studenti universitari degli atenei lombardi Osservatorio Regionale per il Diritto allo Studio Universitario La rilevazione dei crediti acquisiti al 10 agosto 2006 dagli studenti universitari degli atenei lombardi Nota di lavoro 4/2007 - maggio 2007

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A STUDENTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 52 del 30/10/2009 CAPO

Dettagli

Bando di concorso per l assegnazione di assegni formativi (voucher) per l accesso e la frequenza a master, corsi di alta formazione e

Bando di concorso per l assegnazione di assegni formativi (voucher) per l accesso e la frequenza a master, corsi di alta formazione e Bando di concorso per l assegnazione di assegni formativi (voucher) per l accesso e la frequenza a master, corsi di alta formazione e specializzazione all estero approvato con delibera n. 29 del 16/06/2015

Dettagli

La borsa di studio in Piemonte:

La borsa di studio in Piemonte: La borsa di studio in Piemonte: l impatto sulle performance accademiche dei beneficiari Federica Laudisa, Laura Maneo Giugno 2012 Le domande dell indagine Quanti studenti mantengono la borsa nel corso

Dettagli

A. Di. S. U. Azienda Pubblica di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli

A. Di. S. U. Azienda Pubblica di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli A. Di. S. U. Azienda Pubblica di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli BANDO PER LA FREQUENZA AI CORSI DI INGLESE FINALIZZATI AL CONSEGUIMENTO DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

A relazione dell'assessore Molinari:

A relazione dell'assessore Molinari: REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013, n. 23-5963 L.R. 18 marzo 1992 n. 16, art. 6. Criteri per l'elaborazione e la pubblicazione da parte dell'edisu Piemonte

Dettagli

Acquisito il parere favorevole e conforme espresso dalla VI Commissione Consiliare nella seduta del 21 aprile 2015.

Acquisito il parere favorevole e conforme espresso dalla VI Commissione Consiliare nella seduta del 21 aprile 2015. REGIONE PIEMONTE BU17S1 30/04/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 27 aprile 2015, n. 20-1348 L.R. 16/92 s.m.i., art. 6 bis. Criteri per la pubblicazione, da parte dell'edisu, dei bandi di concorso

Dettagli

Contributi per la partecipazione a percorsi formativi connessi a obiettivi di sviluppo regionale

Contributi per la partecipazione a percorsi formativi connessi a obiettivi di sviluppo regionale BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA PARTECIPAZIONE A PERCORSI ACCADEMICO-FORMATIVI/PROFESSIONALI IN ITALIA E ALL ESTERO CONNESSI A SPECIFICI OBIETTIVI DI SVILUPPO REGIONALE approvato

Dettagli

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale.

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale. Allegato 2 Art. 4. Crediti formativi universitari Testo approvato Rilievi CUN Testo adeguato ai rilievi 1. Il credito formativo universitario (cfu) - di seguito denominato credito - è l unità di misura

Dettagli

AZIENDA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO. sede legale Viale A. Gramsci, 36 50132 Firenze www.dsu.toscana.it info@dsu.toscana.

AZIENDA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO. sede legale Viale A. Gramsci, 36 50132 Firenze www.dsu.toscana.it info@dsu.toscana. DISCIPLINARE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE DAL REGOLAMENTO AZIENDALE PER L EFFETTUAZIONE DEGLI ACCERTAMENTI DI VERIDICITÀ SULLE AUTOCERTIFICAZIONI PRESENTATE DAGLI STUDENTI

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DI PROVVIDENZE ECONOMICHE IN MATERIA DI DIRITTO ALLO STUDIO. (Approvato dal Consiglio Comunale con Deliberazione C.C. n. 36 in data

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015 BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015 1. ASSEGNI A CONCORSO E bandito concorso per il conferimento delle sotto elencate borse di studio a favore degli studenti delle scuole secondarie

Dettagli

Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario

Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario BANDO DI CONCORSO PER L Attribuzione di borse di studio e di posti alloggio a studenti con disabilità anno Accademico 2011/2012 SOMMARIO CAPO I DESTINATARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO RISOLUZIONE N. 57/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 giugno 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica IRES Art. 90, comma 8, legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Deducibilità dal reddito d impresa dei corrispettivi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 Art. 1 - Riconoscimento dei crediti universitari. Art. 2 - Competenza. 1 ART. 23 Regolamento

Dettagli

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AI CORSI DI INGLESE FINALIZZATI AL CONSEGUIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE Anno accademico 2015/2016

REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE Anno accademico 2015/2016 REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE Anno accademico 2015/2016 (Approvato dal Consiglio di amministrazione con atto n. 22 del 29 maggio 2015 ed emanato con decreto del Presidente n. 6 del 5 giugno 2015) 1

Dettagli

PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE

PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE Giovanni Rossoni PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE Olivia Postorino Roberto Albonetti 2 VISTO il regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE A TEMPO PARZIALE RESE DAGLI STUDENTI NELLE ATTIVITA E NEI SERVIZI DEL DIRITTO ALLO STUDIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE A TEMPO PARZIALE RESE DAGLI STUDENTI NELLE ATTIVITA E NEI SERVIZI DEL DIRITTO ALLO STUDIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE A TEMPO PARZIALE RESE DAGLI STUDENTI NELLE ATTIVITA E NEI SERVIZI DEL DIRITTO ALLO STUDIO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - sanzoni. modalità di applicazione

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - sanzoni. modalità di applicazione Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario isee - sanzoni modalità di applicazione Sanzione Art.38 L.122/2010 A tutti coloro che in ragione del maggior reddito accertato,

Dettagli

ART. 3 MODALITÀ PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

ART. 3 MODALITÀ PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE ART. 1 DESTINATARI Sono esonerati dal pagamento della tassa regionale per il diritto allo studio universitario 1, per l anno accademico 2011/2012, gli studenti iscritti ai corsi di dottorato di ricerca

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 7 BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO EROGATE DALL DI - ANNO ACCADEMICO 2014/2015-1. OGGETTO DEL CONCORSO 1.1 L E.r.s.u. di Macerata, in attuazione dell art. 23 della Legge Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL CONCORSO SPESE SCOLASTICHE, PREMI SCOLASTICI E BORSE DI STUDIO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL CONCORSO SPESE SCOLASTICHE, PREMI SCOLASTICI E BORSE DI STUDIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL CONCORSO SPESE SCOLASTICHE, PREMI SCOLASTICI E BORSE DI STUDIO ART. 1 SCOPO DELL ATTIVITÀ L ARCA, fra le sue attività istituzionali, persegue l obiettivo di favorire

Dettagli

BANDO DI CONCORSO STRAORDINARIO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO PER CONTRIBUTO ALLOGGIO TRASPORTO E RISTORAZIONE

BANDO DI CONCORSO STRAORDINARIO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO PER CONTRIBUTO ALLOGGIO TRASPORTO E RISTORAZIONE BANDO DI CONCORSO STRAORDINARIO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO PER CONTRIBUTO ALLOGGIO TRASPORTO E RISTORAZIONE PER L'ANNO ACCADEMICO 2006/2007 1. ENTITA NUMERICA DELLE BORSE In conformità alle

Dettagli

Borse di Studio A.D.I.S.U. Anno Accademico 2014/2015

Borse di Studio A.D.I.S.U. Anno Accademico 2014/2015 Borse di Studio A.D.I.S.U. Entro la fine del mese di luglio sarà pubblicato sul sito www.adisuparthenope.org il Bando per l assegnazione delle Borse di Studio per l anno accademico 2014/2015. La domanda

Dettagli

D.P.C.M. 9 aprile 2001

D.P.C.M. 9 aprile 2001 D.P.C.M. 9 aprile 2001 Uniformità di trattamento sul diritto agli studi universitari, ai sensi dell'articolo 4 della legge 2 dicembre 1991, n. 390" registrato alla Corte dei Conti il 6.6.2001 reg. 7, fg.

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia BANDO DI CONCORSO PER ESONERO TOTALE E/O PARZIALE TASSE E CONTRIBUTI UNIVERSITARI SOMMARIO

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia BANDO DI CONCORSO PER ESONERO TOTALE E/O PARZIALE TASSE E CONTRIBUTI UNIVERSITARI SOMMARIO Art. 1 Esonero Totale - definizione Art. 2 Esonero Parziale - definizione Art. 3 Esonero totale durata Art. 4 Requisiti Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia BANDO DI CONCORSO PER ESONERO TOTALE

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E AD INTERIM MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E AD INTERIM MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA !"# IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E AD INTERIM MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA VISTI gli articoli 3 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana; VISTA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI DIRITTI ALL ESENZIONE DAL PAGAMENTO DELLA RETTA UNIVERSITARIA E PRESTITI D ONORE Art. 1 - Premessa Il seguente regolamento

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/23 DEL 30.6.2015

DELIBERAZIONE N. 33/23 DEL 30.6.2015 Oggetto: PO FSE 2014/2020. Borse di studio e azioni di sostegno a favore di studenti capaci e meritevoli privi di mezzi, inclusi gli studenti con disabilità. Criteri generali per i bandi relativi all'anno

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario Criteri per l accreditamento delle Università telematiche e dei corsi di studio

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia BANDO DI CONCORSO PER ESONERO TOTALE E/O PARZIALE TASSE E CONTRIBUTI UNIVERSITARI SOMMARIO

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia BANDO DI CONCORSO PER ESONERO TOTALE E/O PARZIALE TASSE E CONTRIBUTI UNIVERSITARI SOMMARIO Art. 1 Esonero Totale - definizione Art. 2 Esonero Parziale - definizione Art. 3 Esonero totale durata Art. 4 Requisiti Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia BANDO DI CONCORSO PER ESONERO TOTALE

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE VISTA LA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 555 DEL 17 DICEMBRE 2013 RELATIVA ALL APPROVAZIONE DEL BUDGET 2014-2016;

IL DIRETTORE GENERALE VISTA LA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 555 DEL 17 DICEMBRE 2013 RELATIVA ALL APPROVAZIONE DEL BUDGET 2014-2016; BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 100 BORSE DI ECCELLENZA PER L A.A. 2014/2015 RISERVATO AGLI IMMATRICOLATI AL PRIMO ANNO DI UNO DEI CORSI DI STUDIO ATTIVATI DALL UNIVERSITA DI CAMERINO IL DIRETTORE GENERALE

Dettagli

TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (AB. ALLA PROF. SANITARIA DI TECNICO DELLA PREV. NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO)

TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (AB. ALLA PROF. SANITARIA DI TECNICO DELLA PREV. NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO) Page 1 of 5 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8487 - TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DELLA PREVENZIONE

Dettagli

Facoltà: SCIENZE STATISTICHE Corso: 8053 - FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA (L) Ordinamento: DM270 Titolo: FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA Testo: SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia BANDO DI CONCORSO PER ESONERO TOTALE E/O PARZIALE TASSE E CONTRIBUTI UNIVERSITARI SOMMARIO

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia BANDO DI CONCORSO PER ESONERO TOTALE E/O PARZIALE TASSE E CONTRIBUTI UNIVERSITARI SOMMARIO Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia BANDO DI CONCORSO PER ESONERO TOTALE E/O PARZIALE TASSE E CONTRIBUTI UNIVERSITARI SOMMARIO Esonero Totale - definizione art. 1 Esonero Parziale - definizione

Dettagli

Ferrara 2014/2015 TABELLE MERITO SEDE TERRITORIALE DI. Bando per la concessione di:

Ferrara 2014/2015 TABELLE MERITO SEDE TERRITORIALE DI. Bando per la concessione di: SEDE TERRITORIALE DI Ferrara 2014/2015 TABELLE MERITO Bando per la concessione di: Borse di studio Servizi residenziali Servizi ristorativi Contributi di mobilità internazionale Interventi straordinari

Dettagli

MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI DA PARTE DELL UTENTE PER I SERVIZI DOMICILIARI, SEMIRESIDENZIALI E RESIDENZIALI

MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI DA PARTE DELL UTENTE PER I SERVIZI DOMICILIARI, SEMIRESIDENZIALI E RESIDENZIALI MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI DA PARTE DELL UTENTE PER I SERVIZI DOMICILIARI, SEMIRESIDENZIALI E RESIDENZIALI La L.R. 41/2005 all art. 2 sancisce il carattere di universalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Studenti - Area Post Lauream Responsabile Dott.ssa Maria Letizia De Battisti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Studenti - Area Post Lauream Responsabile Dott.ssa Maria Letizia De Battisti PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO AUTONOMIA DIDATTICA Legge 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari (G.U. 23 novembre 1990, n.274) Decreto Ministeriale 3 novembre 1999,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO ALLO STUDIO

REGOLAMENTO SUL DIRITTO ALLO STUDIO REGOLAMENTO SUL DIRITTO ALLO STUDIO GLOSSARIO ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 SEZIONE 1

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA BANDO PER CONTRIBUTI DI MOBILITA PER TESI ALL ESTERO. Il Preside della Facoltà di Giurisprudenza

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA BANDO PER CONTRIBUTI DI MOBILITA PER TESI ALL ESTERO. Il Preside della Facoltà di Giurisprudenza Il Preside SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA BANDO PER CONTRIBUTI DI MOBILITA PER TESI ALL ESTERO Il Preside della Facoltà di Giurisprudenza VISTO l art. 15 della Legge 2.12.1991 n.

Dettagli

Decreto Determinazione dei livelli essenziali e requisiti di eleggibilità delle prestazioni per il diritto allo studio universitario

Decreto Determinazione dei livelli essenziali e requisiti di eleggibilità delle prestazioni per il diritto allo studio universitario Decreto Determinazione dei livelli essenziali e requisiti di eleggibilità delle prestazioni per il diritto allo studio universitario Commento a cura della RUN. Ha collaborato alla stesura del commento

Dettagli

2013/2014. Bando per la concessione di: Modena e Reggio Emilia SEDE TERRITORIALE DI

2013/2014. Bando per la concessione di: Modena e Reggio Emilia SEDE TERRITORIALE DI SEDE TERRITORIALE DI Modena e Reggio Emilia 2013/2014 Bando per la concessione di: Bando di concorso per esonero totale e/o parziale tasse e contributi universitari Università degli Studi di Modena e reggio

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015 BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015 1. ASSEGNI A CONCORSO E bandito concorso per il conferimento delle sotto elencate borse di studio a favore degli studenti delle scuole secondarie

Dettagli

Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15

Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15 Prot. 2008/A20C 12/05/2015 Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15 BANDO di CONCORSO Assegnazione n. 12 Borse di Studio Il presente concorso, per soli titoli,

Dettagli

A G E V O L A Z I O N I E C O N O M I C H E D I R I T T O A L L O S T U D I O

A G E V O L A Z I O N I E C O N O M I C H E D I R I T T O A L L O S T U D I O A G E V O L A Z I O N I E C O N O M I C H E D I R I T T O A L L O S T U D I O Al centro immatricolazioni è presente lo sportello dell EDISU (ente per il diritto allo studio universitario) per ottenere

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO EROGATE DALL E.R.S.U. DI MACERATA - ANNO ACCADEMICO 2015/2016 -

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO EROGATE DALL E.R.S.U. DI MACERATA - ANNO ACCADEMICO 2015/2016 - 9.06.015 7 BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO EROGATE DALL DI - ANNO ACCADEMICO 015/016-1. OGGETTO DEL CONCORSO 1.1 L E.r.s.u. di Macerata, in attuazione dell art. 3 della Legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NELLE FASCE CONTRIBUTIVE A.A. 2012-2013 ART.1- DESTINATARI

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NELLE FASCE CONTRIBUTIVE A.A. 2012-2013 ART.1- DESTINATARI REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NELLE FASCE CONTRIBUTIVE A.A. 2012-2013 ART.1- DESTINATARI Gli studenti iscritti ad un corso di laurea di primo livello o ad un corso di laurea specialistica/magistrale o

Dettagli

2014/2015. a.a. Bando per la concessione di:

2014/2015. a.a. Bando per la concessione di: a.a. 2014/2015 Bando per la concessione di: Borse di studio Servizi residenziali Servizi ristorativi Contributi di mobilità internazionale Interventi straordinari Interventi a favore di studenti disabili

Dettagli

ESU Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario

ESU Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario ALLEGATO A al Decreto del Direttore n. 128 del 08.07.2013 ESU Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO REGIONALI DELL ESU DI VERONA,

Dettagli

8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L)

8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L) Page 1 of 5 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L) Titolo: IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE

Dettagli

AVVISO FRUIZIONE SERVIZIO RISTORAZIONE A FASCE DIFFERENZIATE A. A. 2015/16

AVVISO FRUIZIONE SERVIZIO RISTORAZIONE A FASCE DIFFERENZIATE A. A. 2015/16 AVVISO FRUIZIONE SERVIZIO RISTORAZIONE A FASCE DIFFERENZIATE A. A. 2015/16 Il servizio ristorazione viene effettuato a Teramo: - presso la mensa centrale nel campus universitario, all interno del plesso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA TASSE E CONTRIBUTI UNIVERSITARI A CARICO DEGLI STUDENTI PER L A.A. 2014/2015 (Delibera Consiglio di Amministrazione n. 266/15743 del 26/05/2014) Modalità di determinazione della situazione economica dello

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA 1. Domanda: I c.d. requisiti Sapienza sono di applicazione obbligatoria o sono solo raccomandazioni? Risposta: Il possesso dei requisiti Sapienza è obbligatorio per tutti i corsi che vengono istituiti

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione Componenti : Buono Scuola, Disabilità, Integrazione al reddito Destinatari Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2014/2015

ANNO ACCADEMICO 2014/2015 ANNO ACCADEMICO 2014/2015 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI ALLOGGIO E PASTI GRATUITI A FAVORE DI STUDENTI STRANIERI PROVENIENTI DALL AFRICA, DALL ASIA E DALL AMERICA LATINA ISCRITTI A CORSI

Dettagli

COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo

COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo ***** CAP 90024 Via Salita Municipio, 2 tel. 0921644076 fax 0921644447 P. Iva 00475910824 - www.comune.gangi.pa.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DEL PREMIO

Dettagli

AVVISO SERVIZIO RISTORAZIONE A FASCE DIFFERENZIATE A. A. 2014/15

AVVISO SERVIZIO RISTORAZIONE A FASCE DIFFERENZIATE A. A. 2014/15 AVVISO SERVIZIO RISTORAZIONE A FASCE DIFFERENZIATE A. A. 2014/15 Il servizio ristorazione viene attualmente effettuato in gestione diretta (appalto alla PAP srl): a Teramo nella mensa universitaria centrale

Dettagli

Parma 2014/2015 SEDE TERRITORIALE DI. Bando per la concessione di:

Parma 2014/2015 SEDE TERRITORIALE DI. Bando per la concessione di: SEDE TERRITORIALE DI Parma 2014/2015 Bando per la concessione di: Borse di studio Servizi residenziali Servizi ristorativi Contributi di mobilità internazionale Interventi straordinari Interventi a favore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI STUDIO A FAVORE DEGLI ORFANI E DEI FIGLI DEI DIPENDENTI DEL CONSIGLIO REGIONALE D ABRUZZO IN SERVIZIO ATTIVO

BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI STUDIO A FAVORE DEGLI ORFANI E DEI FIGLI DEI DIPENDENTI DEL CONSIGLIO REGIONALE D ABRUZZO IN SERVIZIO ATTIVO ALL.B REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI STUDIO A FAVORE DEGLI ORFANI E DEI FIGLI DEI DIPENDENTI DEL CONSIGLIO REGIONALE D ABRUZZO IN SERVIZIO ATTIVO (Anno scolastico/accademico

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 7 BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO EROGATE DALL DI - ANNO ACCADEMICO 2013/2014-1. OGGETTO DEL CONCORSO 1.1 L E.r.s.u. di Macerata, in attuazione dell art. 23 della Legge Regionale

Dettagli

Nota metodologica sull applicazione del modello per la ripartizione del FFO 2009

Nota metodologica sull applicazione del modello per la ripartizione del FFO 2009 Nota metodologica sull applicazione del modello per la ripartizione del FFO 2009 Di seguito vengono indicati i criteri di calcolo adottati nel 2009 dal MIUR per la ripartizione di fondi destinati agli

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA VISTO il decreto del Ministro dell Istruzione dell Università e della Ricerca 11 aprile 2006, n. 217; VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, istitutivo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE. DISPOSIZIONI PER IL PAGAMENTO DELLA RETTA UNIVERSITARIA Anno Accademico 2011/2012

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE. DISPOSIZIONI PER IL PAGAMENTO DELLA RETTA UNIVERSITARIA Anno Accademico 2011/2012 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE DISPOSIZIONI PER IL PAGAMENTO DELLA RETTA UNIVERSITARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE L immatricolazione è subordinata al versamento della quota annuale della

Dettagli

BORSE DI STUDIO. Lo studente beneficiario di borsa di studio ha diritto a particolari benefici:

BORSE DI STUDIO. Lo studente beneficiario di borsa di studio ha diritto a particolari benefici: BORSE DI STUDIO La borsa di studio è un beneficio erogato parte in denaro e parte in servizi agli studenti iscritti ai corsi di laurea, laurea magistrale e dottorato di ricerca. La borsa di studio che

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Articolo 1 Definizione 1. In attuazione di quanto previsto dalla normativa

Dettagli

deliberazione n. 123

deliberazione n. 123 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA deliberazione n. 123 PIANO DEGLI INTERVENTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO NELLA REGIONE MARCHE PER L ANNO ACCADEMICO 2015/2016 LEGGE REGIONALE

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Regolamento per il conferimento di Borse e Premi di studio nel campo della formazione con esclusione dei progetti comunitari o di internazionalizzazione Senato Accademico

Dettagli

INDIRIZZI ALL AZIENDA REGIONALE DSU PER LA REDAZIONE DEI BANDI FINALIZZATI ALL EROGAZIONE DI BENEFICI DSU

INDIRIZZI ALL AZIENDA REGIONALE DSU PER LA REDAZIONE DEI BANDI FINALIZZATI ALL EROGAZIONE DI BENEFICI DSU INDIRIZZI ALL AZIENDA REGIONALE DSU PER LA REDAZIONE DEI BANDI FINALIZZATI ALL EROGAZIONE DI BENEFICI DSU ALLEGATO A 1. BORSA DI STUDIO Per l attribuzione delle borse di studio regionali istituite ai sensi

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI PER L ANNO ACCADEMICO 2015/2016

BANDO PER L EROGAZIONE DI PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI PER L ANNO ACCADEMICO 2015/2016 BANDO PER L EROGAZIONE DI PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI PER L ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE Visto il D.P.C.M. 9 aprile 2001; Vista la convenzione stipulata dall con Intesa S.

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento crediti del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis)

Regolamento per il riconoscimento crediti del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Regolamento per il riconoscimento crediti del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Modalità per il riconoscimento crediti Dopo le fasi dell immatricolazione

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L'ASSEGNAZIONE DELLA BORSA DI STUDIO ANTONIO BUONO

BANDO DI CONCORSO PER L'ASSEGNAZIONE DELLA BORSA DI STUDIO ANTONIO BUONO BANDO DI CONCORSO PER L'ASSEGNAZIONE DELLA BORSA DI STUDIO ANTONIO BUONO L Associazione socio-ambientale-culturale Amo Montemarano O.N.L.U.S., grazie al generoso e prezioso contributo della dott.ssa Rosa

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Criteri generali

Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Criteri generali Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) MODALITA PER IL RICONOSCIMENTO CREDITI Dopo le fasi dell immatricolazione riportate nel Bando (http://www.univaq.it/section.php?id=1670&idcorso=574)

Dettagli

PASSAGGI DI CORSO E RICONOSCIMENTO CREDITI

PASSAGGI DI CORSO E RICONOSCIMENTO CREDITI PASSAGGI DI CORSO E RICONOSCIMENTO CREDITI (Riconoscimento di crediti conseguiti nel Corso di laurea in Scienze giuridiche (classe 31) dell Università di Messina) 1. Gli studenti che hanno conseguito la

Dettagli

CAPITOLO 6 LE ATTIVITÀ DI DIRITTO ALLO STUDIO

CAPITOLO 6 LE ATTIVITÀ DI DIRITTO ALLO STUDIO CAPITOLO 6 LE ATTIVITÀ DI DIRITTO ALLO STUDIO 6.1. Rilevazione degli interventi per il diritto allo studio Il Politecnico di Torino, a partire dall anno accademico 2000/2001, consente ai propri studenti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Legge Regionale 26 luglio 2002, n. 32 e ss.mm. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 33/16 del 25/01/2016 Oggetto: APPROVAZIONE CAMPIONE

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

proposta di atto amministrativo n. 22/06

proposta di atto amministrativo n. 22/06 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VIII LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI proposta di atto amministrativo n. 22/06 a iniziativa della Giunta regionale presentata

Dettagli

Concorso per l assegnazione delle borse di studio regionali riservato agli studenti iscritti per l A.A. 2015/16

Concorso per l assegnazione delle borse di studio regionali riservato agli studenti iscritti per l A.A. 2015/16 Concorso per l assegnazione delle borse di studio regionali riservato agli studenti iscritti per l A.A. 2015/16 Chi può concorrere Gli studenti iscritti per l A.A. 2015/16 all Università degli Studi di

Dettagli

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 \ PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 Vista la L.R. 32 del 26.7.02 Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia

Dettagli

D. R. n. 3280 IL RETTORE DECRETA

D. R. n. 3280 IL RETTORE DECRETA D. R. n. 3280 Facoltà di Medicina e Odontoiatria ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Bando relativo alle modalità di ammissione al percorso d eccellenza per il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Odontoiatria

Dettagli

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI VIAGGIO AGLI STUDENTI

Dettagli

CONVENZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DI CREDITI FORMATIVI UNIVERSITARI TRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI KORE DI ENNA E AUTOMOBILE CLUB D ITALIA

CONVENZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DI CREDITI FORMATIVI UNIVERSITARI TRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI KORE DI ENNA E AUTOMOBILE CLUB D ITALIA CONVENZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DI CREDITI FORMATIVI UNIVERSITARI TRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI KORE DI ENNA E AUTOMOBILE CLUB D ITALIA L anno 2006, il giorno 16 del mese di febbraio, alle ore 17:00, nella

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 6 NORME REGOLAMENTARI PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI STRAORDINARI A. A. 2014/2015 1. OGGETTO DEL CONCORSO L'ERSU di Macerata istituisce, per l'anno accademico 2014/2015 sussidi straordinari destinati a studenti

Dettagli

SCEGLIERE UNIPA. Breve guida ai servizi universitari

SCEGLIERE UNIPA. Breve guida ai servizi universitari SCEGLIERE UNIPA Breve guida ai servizi universitari 2012 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO CENTRO DI ORIENTAMENTO E TUTORATO U.O.A. MARKETING A cura di Donata Agnello Testi di Donata Agnello e Ilaria Ventura

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE TASSE PER L ISCRIZIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA

REGOLAMENTO SULLE TASSE PER L ISCRIZIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA Area Affari Generali REGOLAMENTO SULLE TASSE PER L ISCRIZIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA PREMESSA Il presente regolamento si applica a partire dal XXXI ciclo dei corsi di dottorato di ricerca, che

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI Quali sono le scadenze di I e II rata? Posso rateizzare la I rata? Posso rateizzare la II rata?

DOMANDE FREQUENTI Quali sono le scadenze di I e II rata? Posso rateizzare la I rata? Posso rateizzare la II rata? DOMANDE FREQUENTI - Quali sono le scadenze di I e II rata? I rata: 31 ottobre 2013 per gli studenti in corso e 31 dicembre 2013 per quelli fuori corso; II rata: 30 aprile 2014. - Posso rateizzare la I

Dettagli

Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso. Art.1 Premesse

Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso. Art.1 Premesse Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso Art.1 Premesse L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3, comma 3, dello

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI BORSE DI STUDIO A STUDENTI DELLE SCUOLE MEDIE INFERIORI E SUPERIORI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI BORSE DI STUDIO A STUDENTI DELLE SCUOLE MEDIE INFERIORI E SUPERIORI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI BORSE DI STUDIO A STUDENTI DELLE SCUOLE MEDIE INFERIORI E SUPERIORI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr.27 del 25.7.2005 Pubblicato all Albo pretorio dal

Dettagli

BANDO per l ASSEGNAZIONE di BORSE di STUDIO

BANDO per l ASSEGNAZIONE di BORSE di STUDIO BANDO per l ASSEGNAZIONE di BORSE di STUDIO ANNO ACCADEMICO 2008 / 2009 Il presente bando considera: Normativa di riferimento la riforma degli ordinamenti didattici degli Atenei, di cui al Decreto M.U.R.S.T.

Dettagli

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Diamogli Credito Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Il Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive (POGAS) e l

Dettagli

Oggetto: Risposte ai quesiti di cui al Bando per l attribuzione degli Assegni di merito Anno Accademico 2007/2008

Oggetto: Risposte ai quesiti di cui al Bando per l attribuzione degli Assegni di merito Anno Accademico 2007/2008 RISPOSTE AI Q UESITI Oggetto: Risposte ai quesiti di cui al Bando per l attribuzione degli Assegni di merito Anno Accademico 2007/2008 Quesito n. 1 inoltrato il 04.07.2008 ore 18.01 Vorrei sapere a quale

Dettagli