La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni"

Transcript

1 Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale 05_16.doc 1 La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. R.I. 16/05 Settembre 2005

2 Amministrazione Provinciale di Piacenza - Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale OPS - Osservatorio Provinciale sulla Sostenibilità dello Sviluppo via Garibaldi 50, Piacenza. tel. 0523/795369, In copertina: Val d Arda Vernasca. Copyryght Amministrazione Provinciale, Servizio Turismo 05_16.doc 2

3 La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. P. Lega R. I. n 16/05 Settembre Introduzione. Lo studio delle cause di morte che caratterizzano una popolazione è stato sempre ritenuto utile per capire quali sono le sue malattie più rilevanti, e di conseguenza per identificare i bisogni di prevenzione, diagnosi e cura e per valutare la capacità complessiva di preservare lo stato di salute da parte della collettività. Lo studio delle cause di morte può consentire di rilevare la presenza di fenomeni patologici legati a particolari fattori ambientali, sociali o professionali che possono seriamente compromettere la qualità della vita della comunità e delle generazioni future, ma che molto spesso si confondono nella molteplicità e complessità della organizzazione sociale, economica ed ambientale. Lo studio delle cause di morte e della dinamica nel tempo della mortalità dunque può consentire di stimare indirettamente il grado di sostenibilità dello sviluppo del sistema sociale locale. L indicatore che viene più spesso impiegato a questo scopo è il tasso standardizzato di mortalità (TSM), suddiviso per causa di morte e per genere (o sesso); il TSM è il tasso risultante dalla media ponderata dei tassi specifici di mortalità delle varie età con pesi proporzionali all entità delle classi di età di una popolazione-tipo. Poiché per ogni causa di morte la distribuzione della mortalità è fortemente legata alla distribuzione dell età, l uso del TSM permette di paragonare la mortalità di popolazioni differenti con differenti distribuzioni di età, nonché di epoche differenti in cui può essere significativamente mutata la distribuzione di età. 2 Materiali e metodi. Il Sistema Informativo ReM (Registro della Mortalità) della Regione Emilia Romagna accessibile in linea dalle pagine web del Sistema Informativo Sanità e Politiche Sociali del Servizio Sanitario Regionale dell Emilia Romagna (1), fornisce direttamente i TSM per abitanti calcolati sui deceduti con metodo diretto ed assumendo come popolazione di riferimento quella regionale del 1998 in Emilia Romagna. I valori annuali dei tassi sono forniti par AUSL di residenza, che nel nostro caso coincide con la provincia di Piacenza; attualmente i dati disponibili sono compresi nell intervallo di tempo dal 1999 al 2003; i TSM sono forniti assieme ai propri errori standard. I tassi vengono calcolati dal Sistema Informativo ReM per causa di morte e per genere (o sesso); le cause di morte sono state definite in 18 classi impiegando le macro classi del sistema internazionale ICD9 (Classificazioni delle malattie, traumatismi e cause di morte) del 1975 (2); le classi sono le seguenti: Malattie infettive e parassitarie (cod ); Tumori (cod ); Malattie delle ghiandole endocrine, nutrizione, metabolismo e disturbi immunitari (cod ); Malattie del sangue e degli organi ematopoietici (cod ); Disturbi psichici (cod ); Malattie del sistema nervoso e degli organi dei sensi (cod ); Malattie del sistema circolatorio (cod ); Malattie dell apparato respiratorio ( ); 05_16.doc 3

4 Malattie dell apparato digerente (cod ); Malattie dell apparato genitourinario (cod ); Complicazioni della gravidanza, del parto e del puerperio (cod ); Malattie della pelle e del tessuto sottocutaneo (cod ); Malattie del sistema osteomuscolare e del tessuto connettivo (cod ); Malformazioni congenite (cod ); Alcune condizioni morbose di origine perinatale (cod ); Sintomi, segni e stati morbosi maldefiniti (cod ); Traumatismi ed avvelenamenti (cod ); Altre aggregazioni (cod. V01-V83). In quasi tutte le classi i tassi vengono calcolati anche per alcune sottoclassi (cioè codici) previste dalla codifica ICD9. Il Sistema Informativo ReM consente anche di accedere ai dati assoluti (N di morti/anno) suddivisi per Ausl, causa e fascia di età, nonché di ottenere altri indicatori statistici, tra cui i tassi grezzi, gli anni di vita potenzialmente persi, la mortalità infantile e il rapporto standardizzato di mortalità. 2.1 La tendenza generale nel tempo. Nel quinquennio in esame il TSM generale (tutte le cause di morte) mostra un andamento contradditorio. Come è noto, negli ultimi decenni i TSM generali in Italia, come del resto nella maggior parte dei paesi industrializzati, hanno visto una marcata tendenza alla diminuzione dovuta ad un doppio fenomeno: un generale miglioramento dei servizi sanitari di prevenzione, assistenza e cura, che ha implicato un andamento favorevole della speranza di vita, ed una sensibile riduzione della natalità accompagnata ad un radicale ridimensionamento della mortalità infantile; entrambe le cause hanno portato al conseguente invecchiamento della popolazione. Gli ultrasessantacinquenni, che nel 1951 rappresentavano l 8,2% della popolazione italiana, erano il 15,3% nel 1991, il 17,1% nel 1997 e saranno più del 20% nel Al contrario, i minori di 15 anni passano dal 26,1% nel 1951 al 14,7% nel 1997 e saranno il 14,3% nel 2010; la speranza di vita alla nascita è passata da 53,8 anni nei maschi e 56 anni nelle femmine nel 1931 a 73,6 anni nei maschi e 80,2 anni nelle femmine nel 1991, a 74,9 e 81,4 anni rispettivamente nei maschi e nelle femmine nel 1995; per il futuro, si prevede un ulteriore aumento in ambo i sessi. Come risultato, mentre rimangono quasi stabili (se non in leggero aumento) i tassi assoluti di mortalità per entrambi i sessi, i TSM sono significativamente diminuiti, per effetto della variazione della struttura d età della popolazione: in Italia nell ultimo ventennio il TSM generale è diminuito del 28% nei maschi e del 37% nelle femmine, diminuzione che riguarda tutti i principali gruppi di patologie dei due sessi, ad eccezione dei tumori Tasso standardizzato di mortalità per tutte le cause Femmine Maschi Totale Tasso standardizzato di mortalità per tutte le cause Fig. 1 Tasso standardizzato di mortalità per tutte le cause., Fonte ReM) Piacenza Regione E.R. A Piacenza il TSM generale mostra una tendenza coerente con la tendenza nazionale degli anni 80 e 90 nei primi anni del quinquennio in esame, mentre il fenomeno si inverte alla fine del periodo, manifestando una evidente tendenza all aumento: si passa infatti dai 1211 morti/ ab. del 05_16.doc 4

5 1999, ai 1139 del 2001, ai 1248 del La tendenza risulta più marcata per la popolazione femminile rispetto ai maschi (ma con una progressiva riduzione delle differenze), e ricalca nell intero periodo l andamento generale rilevabile anche nella Regione Emilia Romagna. Rispetto alla Regione, la provincia di Piacenza inoltre mostra TSM generali leggermente superiori. 2.2 Le principali cause. Considerando il totale della popolazione, le prime cause di decesso in Italia sono senza dubbio le malattie del sistema circolatorio, in particolare le malattie cerebrovascolari, più diffuse al Sud, seguite dalle malattie ischemiche del cuore che presentano tassi di mortalità più elevati al Nord. Una posizione di rilievo nella graduatoria occupano anche i tumori del polmone e delle vie respiratorie e i tumori dello stomaco, il diabete e la cirrosi epatica. Il panorama generale della mortalità per causa negli anni 90 è stato però caratterizzato in Italia dalla consistente diminuzione dei decessi per le malattie del sistema circolatorio e dalla riduzione della mortalità per tumori maligni, soprattutto nelle fasce di età critiche, al di sotto dei 55 anni. Ciò nondimeno, nel 2002 nel settentrione italiano la principale causa di morte era ancora costituita dalle malattie del sistema circolatorio (422 morti/ ab.), seguita dai tumori (325 morti/ ab., di cui 115 per tumore all apparato digerente, 65 per tumore al polmone, 35 per tumore all intestino, ecc.), e dalle malattie ischemiche del cuore (139 morti/ ab.: infarto, angina, ecc.). Traumatismi ed avvelenamenti; Malattie 4% dell apparato digerente; 5% Malattie dell apparato respiratorio; 6% altre aggregazioni. 4% 2003 Tumori; 28% Malattie delle ghiandole endocrine, nutrizione, metabolismo e disturbi immunitari; 2% Disturbi psichici; 3% Malattie del Malattie del sistema nervoso e sistema degli organi dei circolatorio; sensi; 41% 2% Fig. 2. Ripartizione % delle cause di morte calcolata sui TSM. Anno 2003 (Fonte ReM) Questa ripartizione delle cause si ripropone anche nella Regione Emilia Romagna e in provincia di Piacenza (fig. 2): a Piacenza nel 2003 infatti la principale causa di morte era costituita dalle malattie del sistema circolatorio (41% del totale), seguita dai tumori (28% del totale) e a notevole distanza dalle malattie dell apparato respiratorio (6%), da quelle dell apparato digerente (5%) e così via. la ripartizione nella Regione Emilia Romagna non si discosta di molto, anche se è leggermente inferiore la quota di decessi per malattie del sistema circolatorio (39%) e per malattie dell apparato digerente (4%) e più alta quella dei decessi per malattie dell apparato respiratorio (7%). Anche a Piacenza negli ultimi 5 anni è diminuita la quota di decessi per tumore (dal 31.1% al 28.2% del 05_16.doc 5

6 totale dei decessi, ma come si vedrà oltre alcune tipologie di tumore sono in aumento), mentre è rimasta praticamente costante la quota di decessi per malattie del sistema circolatorio (41% del totale); al contrario, è leggermente aumentata la quota dei decessi per malattie dell apparato respiratorio (dal 5.3 al 6.2%) e quella per disturbi psichici (dal 2.3 al 3.2%). 2.3 Andamenti locali per causa e raffronti regionali. Una analisi più dettagliata dell andamento nel tempo a livello locale delle principali cause di morte, anche in rapporto agli andamenti nelle altre province della regione, può permettere di individuare punti critici della situazione sanitaria anche in rapporto a possibili correlazioni tra patologie, ambiente, stili di vita Malattie del sistema cardio-circolatorio. Consideriamo innanzitutto i decessi per malattie del sistema cardio-circolatorio, in assoluto la prima causa di morte, comprendendo in queste le malattie del sistema circolatorio (reumatismo articolare acuto, cardiopatie reumatiche croniche, ecc.), le malattie ipertensive, l infarto miocardico acuto, le altre malattie ischemiche del cuore (angina, arteriosclerosi, aneurisma, ecc.), le malattie del circolo polmonare, cerebrovascolari, delle arterie e delle vene, ecc. Ausl di residenza PIACENZA PARMA REGGIO EMILIA MODENA BOLOGNA SUD IMOLA BOLOGNA NORD BOLOGNA CITTA' FERRARA RAVENNA FORLI' CESENA RIMINI REGIONE Fig. 3 Regione Emilia Romagna. TSM suddivisi per AUSL per le malattie del sistema circolatorio, maschi e femmine (Fonte ReM) TSM per malattie del sistema cardiocircolatorio Femmine Maschi Totale TSM per malattie del sistema cardiocircolatorio PIACENZA REGIONE Fig. 4. TSM per le malattie del sistema cardiocircolatorio (Fonte ReM) Dai dati ReM, i TSM per le malattie del sistema circolatorio a Piacenza risultano in diminuzione tra il 1999 e il 2000, dopo di ché subiscono un deciso e progressivo incremento fino al 2003; l incremento sembra in anticipo (di 1 anno) e più accentuato di quello medio regionale (fig. 4). 05_16.doc 6

7 L andamento rispecchia comunque quello più generale dei TSM per tutte le cause in questo periodo PIACENZA TSM per malattie del sistema circolatorio Ausl Regione Emilia Romagna PARMA REGGIO EMILIA MODENA BOLOGNA SUD IMOLA BOLOGNA NORD BOLOGNA CITTA' FERRARA RAVENNA FORLI' CESENA RIMINI Fig. 5 Ausl della Regione Emilia Romagna. TSM per le malattie del sistema circolatorio, maschi e femmine, nel 2003 (Fonte ReM) Il confronto con le altre Ausl/province della Regione risulta preoccupante: il tasso di Piacenza è costantemente più elevato del tasso medio regionale, con una differenza statisticamente significativa almeno al 95% di probabilità, e in virtù dei forti incrementi dell ultimo anno, nel 2003 il TSM di Piacenza è risultato il più alto di tutte le altre Ausl della Regione (fig. 5). Nell analisi per genere poi, la popolazione femminile presenta tassi costantemente più elevati rispetto ai maschi (nel morti/ ab rispetto a 484 tra i maschi), ed anche incrementi nel tempo più marcati (tra il 2002 e il 2003, +11% per le femmine, +6% per i maschi) (fig. 4) Tumori. La seconda causa di morte è rappresentata dai tumori, considerati nel loro insieme, maligni e benigni, riferiti a qualunque localizzazione. Nei 5 anni esaminati si nota che Piacenza ha tassi costantemente più elevati della media regionale, differenze in ogni caso statisticamente significative al 95% di probabilità; La situazione rispetto alle altre province emiliane sembra essere migliorata nel corso dei 5 anni: nel 1999 Piacenza presentava il TSM più alto rispetto a tutte le altre Ausl della Regione distanziandosi inoltre sensibilmente dalla seconda (Ferrara), mentre nel 2003 il suo TSM è significativamente diminuito e risulta seconda a Bologna Città, nonché appena superiore a Ferrara: resta comunque tra le province con i tassi più alti di tutta la Regione. Negli ultimi due anni del periodo inoltre sembra essersi arrestata la tendenza alla diminuzione dei tassi che ha caratterizzato tutti gli anni 90: a Piacenza infatti nel 2002 si osserva un relativo incremento che anticipa di un anno quello generale regionale. L incremento del 2002 è imputabile totalmente all incremento del tasso per i maschi, mentre la stazionarietà del tasso nel 2003 nasconde un analogo incremento per la popolazione femminile; nel corso del quinquennio comunque le differenze dei TSM per maschi e femmine si sono andate riducendo. Se i TSM degli ultimi due anni risultano nel complesso stazionari, la situazione cambia per i diversi tipi di tumore. 05_16.doc 7

8 Ausl di residenza PIACENZA PARMA REGGIO EMILIA MODENA BOLOGNA SUD IMOLA BOLOGNA NORD BOLOGNA CITTA' FERRARA RAVENNA FORLI' CESENA RIMINI REGIONE Fig. 6 Regione Emilia Romagna. TSM suddivisi per Ausl per i tumori, maschi e femmine (Fonte ReM) 500 Tasso standardizzato di mortalità per tutti i tumori 500 Tasso standardizzato di mortalità per tutti i tumori Femmine Maschi Totale 350 Piacenza Regione Fig. 7 Regione Emilia Romagna. TSM suddivisi per Ausl per i tumori, maschi e femmine (Fonte ReM) TSM per tutti i tumori Ausl Regione Emilia Romagna PIACENZA PARMA REGGIO EMILIA MODENA BOLOGNA SUD IMOLA BOLOGNA NORD BOLOGNA CITTA' FERRARA RAVENNA FORLI' CESENA RIMINI Fig. 8 Regione Emilia Romagna. TSM suddivisi per Ausl per i tumori, maschi e femmine (Fonte ReM) Considerando solo le tipologie più significative e frequenti di tumore, si può notare che a Piacenza i TSM più elevati si registrano per i tumori all apparato respiratorio (trachea, bronchi e polmoni), con un tasso che peraltro è sceso da 74.9 nel 1999 a 68.2 nel 2003 con alterne oscillazioni, coprendo comunque nel 2003 ancora il 17.4% dei casi di morte per tumore. La relativa diminuzione del tasso totale nel corso del periodo è dovuta essenzialmente alla riduzione del tasso per i maschi, passato da 05_16.doc 8

9 127.4 nel 1999 a nel 2003, mentre al contrario il tasso per la popolazione femminile ha subito un significativo incremento, passando da 25.9 nel 1999 a 31.8 nel 2003, con una punta massima di 40.7 nel stomaco intestino TSM per tipologia di tumore colon retto fegato pancreas laringe polmoni melanoma seno (F) utero (F) ovaie (F) prostata (M) vescica linfatico leucemia Fig.. TSM per tipologia di tumore, maschi e femmine (Fonte ReM) Rispetto alle altre Ausl regionali Piacenza non ha una posizione elevata in questa categoria di mortalità e presenta TSM leggermente inferiori a quelli medi regionali, tuttavia la sua posizione relativa è peggiorata dall inizio del quinquennio (dall 11 al 9 posto: tassi più alti), ma è migliorata negli ultimi 3 anni (dal 5 al 9 posto: tassi più bassi). Al secondo posto per tipologia di tumore sono nel 2003 i tumori femminili al seno e i tumori al fegato (fegato, vescica biliare, dotti biliari), che presentano nel 2003 un TSM quasi uguale ( ); tuttavia, mentre il TSM per i tumori al seno è mediamente diminuito nei 5 anni in esame (dopo un aumento nel corso del 2000), il TSM per i tumori al fegato al contrario è aumentato TSM per i tumori al fegato Ausl Regione Emilia Romagna PIACENZA PARMA REGGIO EMILIA MODENA BOLOGNA SUD IMOLA BOLOGNA NORD BOLOGNA CITTA' FERRARA RAVENNA FORLI' CESENA RIMINI Fig. Regione Emilia Romagna. TSM per i tumori al fegato, maschi e femmine (Fonte ReM) Una evidenza dello stesso segno ed altrettanto preoccupante emerge a questo proposito anche dal confronto tra la situazione di Piacenza e quella delle altre province emiliane: mentre per i tumori al seno il TSM di Piacenza nel 2003 si era allineato con la media regionale (45.4 rispetto ad un TSM 05_16.doc 9

10 medio regionale di 44: Piacenza rimane comunque al 5 posto tra le Ausl della regione) dopo essersene discostato significativamente negli anni precedenti, per i tumori al fegato Piacenza presenta i TSM più elevati in assoluto tra tutte le province emiliane lungo quasi tutto il periodo considerato, aggravando infine la propria posizione nel 2003 (e sotto questo aspetto Piacenza rimane sempre al 1 posto tra le Ausl della regione agli estremi del quinquennio). Il peggioramento dei TSM per i tumori al fegato a Piacenza è dovuto in particolare al progressivo peggioramento del TSM per la popolazione femminile, passato gradualmente da 22.3 nel 2000 a 39.8 nel 2003, mentre il rispettivo per i maschi è lentamente ma progressivamente diminuito dal 1999 al 2002, per poi subire un incremento, non così rilevante, nel La situazione della mortalità per tumore al fegato in provincia di Piacenza risulta dunque alquanto allarmante e richiederà idonei approfondimenti da parte delle istituzioni competenti. Tra le successive tipologie di tumore che incidono sulla mortalità per tumore nella nostra provincia seguono poi in ordine di importanza i tumori all intestino (colon, retto, giunzione rettosigmoidea, ano: 10.2% del totale dei tumori nel 1999, 9.7% nel 2003) e i tumori allo stomaco (8.7% del totale nel 1999, 9% nel 2003); per entrambe queste tipologie i TSM totali sono diminuiti nel corso dei cinque anni considerati, ma per i tumori all intestino si osserva un aumento nel 2003 dopo 4 anni di diminuzione media (tuttavia nell arco dei 5 anni Piacenza è scesa dal 4 al 6 posto rispetto alle Ausl della Regione), mentre per i tumori allo stomaco la riduzione dei TSM è continua negli ultimi 3-4 anni; peraltro per i tumori allo stomaco la provincia di Piacenza presenta dei tassi totali alquanto superiori ai tassi totali regionali, e nell arco dei 5 anni è salita dal 4 al 3 posto rispetto alle Ausl della Regione. Scendendo in ordine di rilevanza si registrano i tumori maschili alla prostata (nel 2003 riguardano il 7.6% della mortalità per tumore, in aumento nel quinquennio) e i tumori del sistema linfatico (nel 2003 il 7% della mortalità per tumore, in diminuzione); rispetto alle altre Ausl della Regione, per i tumori alla prostata Piacenza segue l andamento generale rimanendo all 11 posto (quindi fra i più bassi della Regione) agli estremi del quinquennio, mentre per i tumori del sistema linfatico, pur diminuendo nei TSM, rispetto alle altre Ausl regionali subisce una tendenza leggermente peggiorativa, salendo dal 7 al 5 posto. Infine tra le localizzazioni minori vanno accennati i tumori alla laringe (TSM superiore alla media regionale e passato da 3.9 nel 1999 a 4.3 nel 2003, posizione rispetto alle Ausl regionali salita dal 3 posto al 2 ), che tuttavia a causa dei bassi valori e del rilevante margine di errore richiederebbe serie più lunghe di osservazioni Altre cause di morte. Come si è già accennato, le prime due cause di morte (sistema circolatorio e tumori) coprono complessivamente circa il 70% della mortalità totale e si distanziano sensibilmente dalle altre cause; tra le cause minori va comunque ricordato l insieme delle malattie dell apparato respiratorio (infezioni acute, polmonite, influenza, ecc.), in aumento sia in Regione che a Piacenza: nella nostra provincia il TSM è passato da 65.9 nel 1999 (dove questa causa interessava il 5.3% della mortalità totale), a 80.7 nel 2003 (dove interessa il 6.2% della mortalità totale); gli incrementi riguardano essenzialmente l ultimo anno e sono equipartiti tra maschi e femmine. Rispetto alle altre Ausl della Regione, pur rimanendo inferiore alla media regionale, Piacenza è peggiorata nel quinquennio, passando dall 11 posto nel 1999 all 8 nel Tra le cause di morte successive in ordine di importanza occorre ricordare le malattie dell apparato digerente (4.5% della mortalità totale nel 2003, stazionarie) che presenta un TSM di 58.3 nel 2003, superiore al valore medio regionale che è di 42.6 e superiore ai TSM di tutte le altre Ausl regionali: nel 2003 Piacenza è risalita al 1 posto rispetto alle altre Ausl regionali dopo essere stata al 2 posto nel 2001 e All interno di questa categoria di malattie tuttavia va posta l attenzione sulle cirrosi, i cui TSM a Piacenza sono tendenzialmente in aumento negli ultimi 3 anni, al contrario dell andamento medio regionale che vede i TSM per cirrosi in continua lenta diminuzione; nella mortalità totale per cirrosi rispetto alle altre Ausl regionali Piacenza mantiene sempre il 1 posto durante tutto il quinquennio, per di più distaccandosi significativamente dai valori delle altre Ausl: 05_16.doc 10

11 in particolare va notato che negli ultimi 2 anni l incremento della mortalità per cirrosi riguarda esclusivamente la popolazione femminile, mentre al contrario la mortalità dei maschi diminuisce. Questi dati preoccupanti sulle cirrosi vanno ad aggiungersi a quelli già riportati a proposito dei tumori al fegato e confermano l esigenza di approfondire in futuro questa particolare problematica sanitaria. Di pari rilevanza risulta la mortalità per i traumatismi e gli avvelenamenti (4.4% della mortalità totale nel 2003, in diminuzione). Meno rilevante ma in aumento nel quinquennio è invece la mortalità per disturbi psichici, il cui peso a Piacenza è passato dal 2.3% nel 1999 al 3.2% nel 2003, con un TSM passato da 28.4 a 41.7: in questa categoria Piacenza ha nel 2003 un valore leggermente più alto della media regionale, ma rispetto alle altre Ausl si colloca solo all 8 posto e non manifesta dunque una situazione allarmante. 3 Conclusioni. Le malattie del sistema cardio-circolatorio costituiscono a Piacenza (come del resto anche nella Regione Emilia Romagna e in tutto il settentrione italiano) la principale causa di morte, ricoprendo il 41% della mortalità totale; seguono per importanza i tumori (28%) e, ad una certa distanza, le malattie dell apparato respiratorio (6%) e quelle dell apparato digerente (5%); frazioni minori di mortalità sono poi causate da traumatismi ed avvelenamenti (4%), disturbi psichici (3%), e così via. La mortalità per le malattie del sistema cardio-circolatorio a Piacenza risulta in aumento negli ultimi 3 anni ad una velocità più elevata di quella media regionale, al punto che nel 2003 Piacenza presenta il TSM più elevato di tutte le Ausl regionali; in questa classe di patologie i TSM più elevati e gli incrementi più marcati sono a carico della popolazione femminile. I tumori rappresentano nel 2003 a Piacenza la seconda causa di morte (28%); nel corso dell ultimo quinquennio i tassi sono mediamente diminuiti, ma Piacenza resta comunque attualmente collocata tra le Ausl regionali con i TSM più elevati. Tra le diverse localizzazioni dei tumori, la più frequente resta quella relativa all apparato respiratorio (17.4% della mortalità generale per tumore), e per questa localizzazione i tassi risultano in diminuzione per i maschi, ma in sensibile aumento per le femmine. Al secondo posto per incidenza risultano i tumori femminili al seno (in diminuzione) e i tumori al fegato (in aumento): per questi ultimi Piacenza possiede un preoccupante primato regionale, essenzialmente a carico della popolazione femminile. Tra le altre cause di morte vanno evidenziate le malattie dell apparato respiratorio (6.2% della mortalità totale nel 2003, in aumento), e le malattie dell apparato digerente (4.3% della mortalità totale nel 2003, stazionarie), tra le quali tuttavia risultano in aumento le cirrosi, che attribuiscono a Piacenza un altro preoccupante primato regionale, anche questo soprattutto a carico della popolazione femminile. 4 Bibliografia. (1) Sistema Informativo ReM (Registro della Mortalità) della Regione Emilia Romagna, alla pagina (2) Elenco dei Codici ICD9-CM per le Diagnosi, Ministero della Salute, 05_16.doc 11

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27, 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75]

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Malattie infettivo e parassitarie, eta' : Tutte le età (0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Tubercolosi, eta' : Tutte le età ( 0 ) ( 0.15 ) Donne, Tubercolosi polmonare,

Dettagli

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa L analisi dei dati di mortalità costituisce ancora uno strumento importante per la comprensione dello stato di salute di una popolazione, in quanto

Dettagli

(0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9]

(0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9] Uomini, Malattie infettivo e parassitarie, eta' : Tutte le età (0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9] Uomini, Tubercolosi, eta' : Tutte le età ( 0 ) ( 1.37 ) Uomini, Tubercolosi polmonare,

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Febbraio, 2012 Dipartimento di Epidemiologia del

Dettagli

Roma, dicembre 2010. Introduzione

Roma, dicembre 2010. Introduzione Roma, dicembre 2010 VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Introduzione L obiettivo di questo

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

La mortalità per causa in Italia. Anno 2012. Uno sguardo d insieme. A cura di Monica Vichi, Giuseppe Loreto e Susanna Conti

La mortalità per causa in Italia. Anno 2012. Uno sguardo d insieme. A cura di Monica Vichi, Giuseppe Loreto e Susanna Conti La mortalità per causa in Italia. Anno 2012 Uno sguardo d insieme A cura di Monica Vichi, Giuseppe Loreto e Susanna Conti Nel 2012 in Italia si sono verificati in totale 613.520 decessi, dei quali 609.896

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1.

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1. STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Paragrafo 1.2 ASPETTI SANITARI Novembre 2003 1.2.1 DEMOGRAFIA Il contesto demografico Il

Dettagli

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*)

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*) 2.2. MORTALITÀ 2.2.1. Mortalità generale Risultano 203 i decessi di persone residenti nella Repubblica di San Marino avvenuti nel 2002 (114 maschi e 89 femmine) con un tasso grezzo di mortalità del 7,1.

Dettagli

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAP 5 LA MORTALITA EVITABILE 5.1 LA MORTALITA EVITABILE PER TIPOLOGIA D INTERVENTO In accordo con quanto indicato dalla letteratura internazionale più recente e accreditata,

Dettagli

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione ubicato nei comuni di Castenaso e Granarolo dell Emilia Il contributo dell Azienda USL di Bologna Dr. Paolo Pandolfi Dipartimento

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

CAPITOLO 3 LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO

CAPITOLO 3 LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO CAPITOLO LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO CAP. LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO. LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTALITA Per mezzo delle analisi finora compiute si sono potute evidenziare

Dettagli

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali.

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. Tuttavia, a livello mondiale, le principali cause di morte sono rappresentate da: -diarrea -malaria -tubercolosi

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 2000-2001

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 2000-2001 Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 2000-2001 U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione - Direttore Dott.

Dettagli

Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica

Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. 05_08.doc 1 R.I. 08/05 Aprile 2005 Foto di copertina: Cantiere

Dettagli

ANALISI CRITICA DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI QUILIANO E VADO LIGURE

ANALISI CRITICA DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI QUILIANO E VADO LIGURE 6.1 Salute umana Dall analisi della documentazione di progetto sottoposta ad autorizzazione emerge come la tematica della Salute Umana sia stata affrontata in modo inadeguato, ovvero con estrema superficialità

Dettagli

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino LA PROMOZIONE DELLA SALUTE IN TRENTINO numeri, attività, prospettive Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino Laura Battisti

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 Introduzione A seguito dei risultati ottenuti con lo studio di mortalità nel quartiere S. Polo del comune

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

Comportamenti e rischi per la salute. Aldo De Togni

Comportamenti e rischi per la salute. Aldo De Togni Comportamenti e rischi per la salute Aldo De Togni Le malattie croniche costituiscono la principale causa di disabilità e di morte comprendono le cardiopatie, l ictus, il cancro, il diabete e le malattie

Dettagli

Bambini e ragazzi affetti da tumore

Bambini e ragazzi affetti da tumore Bambini e ragazzi affetti da tumore Firenze, 29 maggio 2014 Gianfranco Manneschi U.O. Epidemiologia clinica e descrittiva ISPO Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica introduzione La patologia

Dettagli

LINEA PROGETTUALE 4. Valutazione degli effetti sulla salute nella popolazione oggetto di indagine. Studio di coorte sulla popolazione residente

LINEA PROGETTUALE 4. Valutazione degli effetti sulla salute nella popolazione oggetto di indagine. Studio di coorte sulla popolazione residente LINEA PROGETTUALE 4 Valutazione degli effetti sulla salute nella popolazione oggetto di indagine AZIONE 1 Studi epidemiologici sulla popolazione residente Studio di coorte sulla popolazione residente Allegato

Dettagli

QUADRO EPIDEMIOLOGICO DELLA MALATTIA DI CREUTZFELDT- JAKOB E SINDROMI CORRELATE

QUADRO EPIDEMIOLOGICO DELLA MALATTIA DI CREUTZFELDT- JAKOB E SINDROMI CORRELATE QUADRO EPIDEMIOLOGICO DELLA MALATTIA DI CREUTZFELDT- JAKOB E SIDROMI CORRELATE EMILIA-ROMAGA, 1 GEAIO 2010-31 DICEMBRE 2012 Segnalazioni di MCJ el periodo 2010-2012 sono pervenute al Sevizio Sanità pubblica

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

Azienda di residenza Note Codifiche ICD9-CM: 140-239. Il tasso è standardizzato per età (standard: popolazione europea) Indicatore Mes Sant Anna

Azienda di residenza Note Codifiche ICD9-CM: 140-239. Il tasso è standardizzato per età (standard: popolazione europea) Indicatore Mes Sant Anna 9. Mortalità Gli indicatori descritti in questo capitolo sono stati estrapolati dal Ligure 1. Per i confronti nazionali è stata utilizzata la media del network di regioni partecipanti al sistema di valutazione

Dettagli

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto Luglio 2011 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Analisi dell'incidenza dei tumori nell' di Treviso: periodo 2003-2005. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S,

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI I Principali problemi di salute e il ricorso alle strutture sanitarie degli immigrati nella provincia di Reggio Emilia Silvia Candela, S.Epidemiologia Dipartimento

Dettagli

NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT

NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT SANITÀ NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.4/2015 La rilevazione sui decessi e le cause

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

L'associazionismo in provincia di Piacenza. Anno 2009. Rapporti Interni

L'associazionismo in provincia di Piacenza. Anno 2009. Rapporti Interni Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale L'associazionismo in provincia di Piacenza. Anno 2009. R.I. 03/09 Febbraio 2009 09_03.odt 1 Amministrazione

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI I Principali problemi di salute e il ricorso alle strutture sanitarie degli immigrati nella provincia di Reggio Emilia Servizio di Epidemiologia, Azienda USL

Dettagli

L esperienza dell ASL di Brescia nella tutela della salute dei migranti

L esperienza dell ASL di Brescia nella tutela della salute dei migranti Convegno Salute e Migrazione Milano, 18 maggio 2012 L esperienza dell ASL di Brescia nella tutela della salute dei migranti Dr. El-Hamad Issa Consulente scientifico - Servizio di Medicina del Disagio -

Dettagli

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte Le malattie fumo correlate Dott. Paolo Monte Fumo come fattore di rischio di malattia Il fumo costituisce il principale fattore di rischio evitabile per le principali malattie causa di mortalità ed invalidità

Dettagli

Le patologie ambientali - Aspetti epidemiologici

Le patologie ambientali - Aspetti epidemiologici Le patologie ambientali - Aspetti epidemiologici Ennio Cadum ISDE Piemonte Epidemiologia Ambientale ARPA Piemonte Quali e Quante malattie possono essere attribuite ai Fattori Ambientali? Quali malattie?

Dettagli

Diagnosi precoce delle neoplasie della cervice uterina in provincia di Ravenna

Diagnosi precoce delle neoplasie della cervice uterina in provincia di Ravenna Dipartimento di Sanità Pubblica Direttore: Dr. Paolo Ghinassi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Diagnosi precoce delle neoplasie della cervice uterina in provincia di Ravenna I

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

sintesi dei risultati

sintesi dei risultati sintesi dei risultati In questo primo rapporto collaborativo tra i registri tumori delle province emiliane di Parma, Reggio Emilia e Modena vengono presentati i dati di incidenza, mortalità e sopravvivenza

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto luglio 2014, SER Sistema Epidemiologico Regionale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Area Sanità e Sociale - Sezione Controlli Governo e Personale SSR Regione Veneto La sopravvivenza dei malati di tumore in

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti

Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti Negli ultimi anni i cittadini residenti nel territorio vicino all area della discarica di Ginestreto del comune di Sogliano,

Dettagli

Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole:

Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole: Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole: integrazione alle considerazioni conclusive riportate nella versione Ottobre 2013 AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLE MARCHE

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

2 Stato di salute. Tabella 2.1 - Mortalità per settore - Comune di Arezzo 1999-2001

2 Stato di salute. Tabella 2.1 - Mortalità per settore - Comune di Arezzo 1999-2001 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa Lo studio della mortalità di una popolazione costituisce una buona base per la comprensione della diffusione delle patologia ad alta letalità quali

Dettagli

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Introduzione In questo capitolo viene presentata la mortalità per malattie epatiche. Si è scelto di aggregare patologie classificate in diverse parti della

Dettagli

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 1995-1999

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 1995-1999 Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 1995-1999 U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione - Direttore Dott.

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE Anno 2014 Parma, giugno 2015 A cura di OSSERVATORIO ECONOMICO UFFICIO STUDI Introduzione La prima edizione dell indagine sull occupazione condotta dell Unione Parmense degli

Dettagli

I5 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONALE TRA CONFERME E DISCONTINUITA

I5 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONALE TRA CONFERME E DISCONTINUITA I5 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONALE TRA CONFERME E DISCONTINUITA Sempre più rapidi e articolati sono i mutamenti che in questi anni coinvolgono il sistema della formazione professionale regionale.

Dettagli

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia 11. SANITÀ E SOCIALE 11.1. Mortalità e cause di morte L alto indice di vecchiaia che caratterizza la popolazione della provincia di Rovigo si riflette sul tasso di mortalità, i cui valori, nel periodo

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

TREND DI EVENTI SANITARI NELLA REGIONE MARCHE

TREND DI EVENTI SANITARI NELLA REGIONE MARCHE Dipartimento di Ancona Servizio Epidemiologia Ambientale Via C. Colombo, 106-60127 Ancona Tel. 07128732760 - Fax 07128732761 e-mail: Epidemiologia.AmbientaleAN@ambiente.marche.it TREND DI EVENTI SANITARI

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico

Osservatorio Epidemiologico Osservatorio Epidemiologico Registro Mortalità Registro Tumori Registro Malformazioni Congenite Banca Dati Assistito Rischi Ambientali per la Salute Catena di montaggio Recupero delle informazioni Medici

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione L'Istat calcola che al 31 dicembre 2012 risiedono in Italia 59.685.227 persone.

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

TRACCIA DI STUDIO. Tassi o quozienti

TRACCIA DI STUDIO. Tassi o quozienti TRACCIA DI STUDIO Per descrivere e quantificare aspetti epidemiologici, è necessario fare uso di rapporti tra dati legati da un nesso logico. Il risultato viene sovente moltiplicato per un multiplo di

Dettagli

REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE

REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE Assessorato alla Sanità Osservatorio Epidemiologico Regionale Centro di Coordinamento Regionale per le Malattie Rare REGIONE CAMPANIA REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE 2 RAPPORTO 31 AGOSTO 2012 A

Dettagli

Diagnosi precoce delle neoplasie della mammella in provincia di Ravenna I dati del sistema di sorveglianza PASSI Anni 2007-2010

Diagnosi precoce delle neoplasie della mammella in provincia di Ravenna I dati del sistema di sorveglianza PASSI Anni 2007-2010 Dipartimento di Sanità Pubblica Direttore: Dr. Paolo Ghinassi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Diagnosi precoce delle neoplasie della mammella in provincia di Ravenna I dati del

Dettagli

ELEMENTI DI DEMOGRAFIA

ELEMENTI DI DEMOGRAFIA ELEMENTI DI DEMOGRAFIA 2. Caratteristiche strutturali della popolazione Posa Donato k posa@economia.unisalento.it Maggio Sabrina k s.maggio@economia.unisalento.it UNIVERSITÀ DEL SALENTO DIP.TO DI SCIENZE

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Milano Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1

Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1 Università degli Studi di Padova Scuola di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia - A.A. 2014-15 Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1 Docenti: prof.ssa Anna Chiara Frigo

Dettagli

Igiene nelle Scienze motorie

Igiene nelle Scienze motorie Igiene nelle Scienze motorie Epidemiologia generale Epidemiologia Da un punto di vista etimologico, epidemiologia è una parola di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990.

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. agosto 2015 EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. Registro Tumori del Veneto Baracco M, Baracco S, Bovo E, Cesco G, Dal

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL PANCREAS IN VENETO

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL PANCREAS IN VENETO EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL PANCREAS IN VENETO Registro Tumori del Veneto agosto 213 Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi M e

Dettagli

Infezione da HIV e AIDS in Piemonte

Infezione da HIV e AIDS in Piemonte Infezione da HIV e AIDS in Piemonte anno 212 a cura di Chiara Pasqualini, Vittorio Demicheli si ringraziano i medici referenti del Sistema di Sorveglianza HIV/AIDS del Piemonte: O. Bargiacchi, S. Bonora,

Dettagli

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Diffusione e modalità di utilizzo dello Sportello Unico per le Attività Produttive online (SUAP) Settembre 2015 Il presente documento è stato

Dettagli

Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero

Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero La neoplasia del collo dell utero a livello mondiale rappresenta ancora il secondo tumore maligno della donna, con circa 500.000 nuovi casi stimati

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE

REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE Assessorato alla Sanità Osservatorio Epidemiologico Regionale Centro di Coordinamento Regionale per le Malattie Rare - AOU Federico II REGIONE CAMPANIA REGISTRO REGIONALE DELLE MALATTIE RARE 1 RAPPORTO

Dettagli

Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL

Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL L'INAIL ha presentato i dati degli infortuni e delle malattie professionali relativi all'anno 2012. Nel 2012 si è avuto

Dettagli

RAPPORTO Stato di salute del Comune di Albairate

RAPPORTO Stato di salute del Comune di Albairate RAPPORTO Stato di salute del Comune di Albairate Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Milano Dipartimento Governance Osservatorio Epidemiologico e Registri Specializzati Data ultima revisione 8//

Dettagli

6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori

6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori 6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori L'analisi per il totale dei ricoveri oncologici, condotta separatamente per i residenti nell ASL 13 (NO)

Dettagli

Il diritto di cittadinanza in Europa

Il diritto di cittadinanza in Europa Il diritto di cittadinanza in Europa Il diritto e le politiche della cittadinanza sono uno strumento essenziale per regolare i processi di integrazione a lungo termine. Perciò è importante fare il punto

Dettagli

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE Rapporto sui dati delle Zone sociosanitarie/società della salute della Regione Toscana Anni 2007-2009 GENNAIO 2011 INDICE Nota metodologica

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia 1 luglio 2015 #lavoro Rassegna Stampa Messaggero Veneto2lug2015 Il Piccolo 2lug2015 TG3 RAI FVG 1lug2015 I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia Anche in Friuli Venezia Giulia il mercato del lavoro

Dettagli

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna Le donne e il mondo del lavoro Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a 15 marzo 2013 Le forze di lavoro La popolazione attiva In provincia di su 100 individui

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli