nel caso di vendita di bevande alcoliche a minori di 18 anni si applica la sanzione pecuniaria fino a un massimo di 1000;

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nel caso di vendita di bevande alcoliche a minori di 18 anni si applica la sanzione pecuniaria fino a un massimo di 1000;"

Transcript

1 Promemoria delle principali norme sulla vendita e/o somministrazione di alcol (Decreto Legge n 158/2012 e Regolamento di Polizia Urbana del Comune di Modena) a к k k e к p a s к(comune di Modena e a n ш к к a к) ALCOL/ a к A)La legge vieta la vendita e la somministrazione di bevande alcoliche ai minori di 18 anni. к 18 ap p sк к k e d. Sanzioni/ a ш ss : nel caso di vendita di bevande alcoliche a minori di 18 anni si applica la sanzione pecuniaria fino a un massimo di 1000; 18 ap p sк к a к k k k t 1000 n c å к к nel caso di somministrazione di bevande alcoliche a minori tra i 16 i 18 anni sanzione fino a ap p sк к a к k k t 1000 n к la somministrazione di alcol a minori di 16 anni, comporta anche l arresto fino ad un anno (art. 689 C.P.); 16 ap p sк к a к k k k t eк n к p к (art.689 C.P) B) Nei negozi è necessario esporre un cartello che indica il divieto di vendita di alcol ai minori. Se il cartello non c'è si rischia una sanzione fino a euro 300 (art. 42 bis RPU) к ap p sк к a к k k e d х aш p ш к a 300 n eкa kß к ( art.42 bis R.P.U)

2 C) vietata la vendita di alcolici dopo le 24,00 e fino alle 6.00 (per gli esercizi di vicinato e le attività artigianali), salvo i casi autorizzati. Chi non rispetta tale divieto rischia una sanzione fino a 6667; (per i pubblici esercizi e circoli gli orari del divieto sono dalle alle 06.00, per le attività di vendita su area pubblica dalle alle 07.00). a -p ß a -p ß к n a к k k e d к.( e к åш ш o -p ß к к o) a j d к n m х. к к e k ea d e к e к k к k к n d. D)E vietata la vendita di alcolici tra le e le anche attraverso i distributori automatici in locali appositamente dedicati. In questo caso la sanzione corrisponde ad se collocati sull area pubblica il divieto è esteso dalle alle e la sanzione prevista corrisponde ad e к к i к n (a a aк) ш o ea n a к k k d.ei k t ш ss 6,667 p к. ea к e к k t 10,000 p к. E)Il Questore può sospendere la licenza di un esercizio nel quale siano avvenuti tumulti o gravi disordini o che sia un ritrovo abituale di persone socialmente pericolose. (Sanzione: chiusura temporanea dell'esercizio) к -p ß a к к j к k å х k t к ш к k i n s к. ш ss :as n n к. F)Il Regolamento Comunale vieta la vendita con consumo immediato di alimenti (anche alcol) negli esercizi di vicinato, mediante somministrazione. (art. 36: Negli esercizi di vicinato abilitati alla vendita di prodotti alimentari è consentito il consumo immediato degli stessi a condizione che non si effettui il servizio di somministrazione e che non vi siano attrezzature ad esso direttamente finalizzate. pш a к к х e a к k k к a m g e к e к к o d.(art 36:a к ш t х k a å k х х k g к k t k к к ) Pertanto, è vietato/a e d: a) fornire contenitori, piatti, bicchieri e posate non monouso, t, pa, к, - ß t (o a i ) к b) mettere a disposizione del pubblico un'area attrezzata con elementi di arredo quali

3 tavoli, banchi, sedie, sgabelli e panche. Il divieto non sussiste per vassoi e attrezzature per la raccolta dei contenitori di alimenti e bevande dopo l'uso. к e å ш ш к a,,,a å t s х e к tt e х х х e t, pa, к, - g к s к p c)non costituisce attività di somministrazione di alimenti e bevande l'assaggio gratuito organizzato dal venditore o da un suo fornitore a fini promozionali o pubblicitari.) х e к p к j k e к pш к к e. La violazione a tali disposizioni configura l'ipotesi di attività di somministrazione non autorizzata, SANZIONE: euro a a к e к х g o s х pш j к ш ss к PULIZIA DELL'AREA/ к å ш ш к H) Il Regolamento Comunale prescrive che i titolari e gestori di esercizi commerciali o pubblici esercizi o attività artigianali, devono provvedere alla rimozione giornaliera di immondizie, rifiuti o materiali in genere derivanti dalla loro attività, abbandonati nelle immediate vicinanze dell'attività stesso, in modo che all'orario di chiusura dell'esercizio l'area in dotazione o comunque antistante risulti perfettamente pulita. pш a к pк к, шl к к к p ß к к к k х к к k к e ш o к k к ud u к,, к, k å, к a,e n p ß å ш ш o ßк к. I titolari di esercizi commerciali o pubblici esercizi o attività artigianali sono tenuti a provvedere alla rimozione giornaliera di bottiglie, lattine ed altri contenitori di bevande alcoliche anche non derivanti dalla loro attività, in modo che all'orario di chiusura dell'esercizio l'area in dotazione o comunque antistante risulti perfettamente pulita.sanzione fino ad un massimo di 500 к pк к, шl к к к p ß к к k ш o p ß i e åш ш к к k к ud o к pк u к,, к, k å, i ßк к к p ß åш ш ßк к. a ш ss c 500 к. ULTERIORE INFORMAZIONE/a Art. 37 Attività miste/ k к a : 1) Qualora nei locali in cui si esercita un attività di produzione di beni o di servizi si svolga anche un attività di commercio, occorre che la superficie destinata alla vendita

4 sia delimitata con attrezzature od arredi atti ad individuarne permanentemente la superficie. p ß u к k к к к к o к, p ß p х k к к å d s ß h к. 2) I locali in cui si svolge la vendita devono rispondere ai requisiti previsti dalle norme in materia urbanistica ed edilizia, fatte salve le deroghe previste dalla medesima normativa sulle destinazioni d'uso degli immobili. p ß k к к m к a ш i кl o åi d k ш кl o p к. 3) Chi viola le disposizioni di cui al comma 1 è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 77,00 a 462,00 ed è tenuto alla regolarizzazione dell attività. k a c 1 e к к pш к ш ss å к 77,00 462,00 p к к к к к. COMMERCIO SU AREA PRIVATA esercizi di vicinato D.Lgs 114/98 (modificato da art 65 D.Lgs 59/2010) k e åш ш e к к к к к a 114/98 ( a 59/ d ш ) ART 4 C.1 - DEFINIZIONI E AMBITO DI APPLICAZIONE 4 C.1 - j e Si considerano esercizi di vicinato" quelli: con superficie di vendita NON superiore a 150 mq, nei comuni con meno di abitanti con superficie di vendita Non superiore a 250 mq, nei comuni con più di abitanti. åш ш " p ß " к : х e х k p ß å 150 mq ( a ) e a к х e a к х k p ß å 250 mq ( a ) e a к

5 Per l'apertura occorre presentare la SCIA al Comune k p ß х кa SCIA ( к p ß ш p t) ш к Sanzioni /a ш ss : - L'apertura, il trasferimento, l'ampliamento della sup. di vendita, la vendita di prodotti non del settore dichiarato, comportano la sanzione amm.va pecuniaria pari a i к p ß ш, s n, mp, a k pш к к к e ш ss å к к. - La presentazione di SCIA irregolare/incompleta è sanzionata con E SCIA e u s a к a m к. Nel caso si tratti di esercizi che vendano ALIMENTARI, sono soggette a NOTIFICA SANITARIA alla ASL di competenza к p ß х k к k t s s j p ASL e к k mr к к. ART 11 - ORARI DI APERTURA/ 11 - : 1)Gli orari dei negozi e degli esercizi di somministrazione sono rimessi alla libera determinazione degli esercenti,con possibilità di apertura h24 per la somministrazione e il commercio. к e к к к к k u s х k H 24 х х. 2)Va reso noto al pubblico l'orario di effettiva apertura e chiusura dell'esercizio di vendita mediante cartelli o altri mezzi idonei di informazione. кn к х e n pк a a ш sa к к u a. Nel caso non venga fatto,sanzione: 1.032,00. p ш к ш ss 1.032,00 к. ART 14 PREZZI / 14 k : I prodotti esposti per la vendita al dettaglio devono riportare in modo chiaro e ben leggibile il prezzo di vendita al pubblico, mediante l'uso di un cartello o altra modalità. k k к h a a ш sa ßк e sßa p ш к. Per alcuni generi il prezzo è indicato per unità di misura (es: Kg di pane, di carne, di prodotti di gastronomia, di ortofrutta, ) Il cambio della merce già acquistata, è facoltà del commerciante, mentre permane l'obbligo di sostituzione del bene nel caso che la

6 merce sia difettosa к k o a к ( к a,,х, e,...). к e к i к ta k a ш i к к. Sanzione: omessa indicazione del prezzo o non chiara e ben leggibile 1.032,00. a ш ss : k к к к ßк e 1.032,00 к. IMPORTANTE-Per i Clienti /k 1bis) E' fatto divieto su aree pubbliche o soggette a uso pubblico, di consumare o detenere a scopo di consumo ogni genere di bevanda alcolica in contenitori di ogni genere. Il divieto non si applica per le consumazioni effettuate all'interno di pubblici esercizi e nelle aree concesse per il plateatico ai pubblici esercizi nonché nelle aree immediatamente adiacenti, durante l'orario di apertura., к e к к mк e к к, pк к a к k g к g k к t х a к к e k k t d.ei j p ß a к k t k, o к к к к a s p ß к a m n e к k a к k g к. La violazione comporta una sanzione amministrativa fino a 300,00 e la cessazione dell attività da effettuarsi mediante lo smaltimento secondo le indicazioni fornite dall organo accertatore. a pш к к k к ш ss å к 300,00 к e p ß k к k i n s к n к o.

7

Promemoria delle principali norme sulla vendita e/o somministrazione di alcol

Promemoria delle principali norme sulla vendita e/o somministrazione di alcol Promemoria delle principali norme sulla vendita e/o somministrazione di alcol Promemoria delle principali norme sulla vendita e/o somministrazione di alcol (Decreto Legge n 158/2012 e Regolamento di Polizia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI CENTRI DI TELEFONIA O PHONE CENTER

REGOLAMENTO COMUNALE DEI CENTRI DI TELEFONIA O PHONE CENTER COMUNE DI RIMINI SETTORE SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE E ATTIVITA' ECONOMICHE REGOLAMENTO COMUNALE DEI CENTRI DI TELEFONIA O PHONE CENTER approvato con delibera del Consiglio Comunale n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA ALLEGATO A) Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n. 95 del 24/07/2007 REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Finalità Art. 3 - Recepimento, funzione attuativa e integrativa

Dettagli

Motivazione Riferimento Limiti Edittali PMR Note Competenza normativo

Motivazione Riferimento Limiti Edittali PMR Note Competenza normativo Area Controllo del Territorio Nucleo Polizia Amministrativa e Commerciale PRONTUARIO DELLE VIOLAZIONI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Motivazione Riferimento Limiti Edittali PMR Note Competenza

Dettagli

(Misure per la prevenzione dei danni e degli incidenti stradali legati al consumo di alcool)

(Misure per la prevenzione dei danni e degli incidenti stradali legati al consumo di alcool) Art. 53. (Misure per la prevenzione dei danni e degli incidenti stradali legati al consumo di alcool) 1. L'articolo 14 della legge 30 marzo 2001, n. 125, e' sostituito dal seguente: «Art. 14. - (Vendita

Dettagli

LEGGE 29 luglio 2010, n. 120 Disposizioni in materia di sicurezza stradale. (10G0145)

LEGGE 29 luglio 2010, n. 120 Disposizioni in materia di sicurezza stradale. (10G0145) LEGGE 29 luglio 2010, n. 120 Disposizioni in materia di sicurezza stradale. (10G0145) CAPO I MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA, DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1992, N. 285 La Camera dei deputati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3. REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI

Dettagli

L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI

L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI Legge regionale n. 8/2013 esercizio abusivo dell attività di somministrazione di alimenti e bevande o aut.ne revocata/sopesa o senza requisiti morali: sanzione

Dettagli

DISPOSIZIONI PARTICOLARI IN MATERIA DI COMMERCIO E PUBBLICI ESERCIZI

DISPOSIZIONI PARTICOLARI IN MATERIA DI COMMERCIO E PUBBLICI ESERCIZI CAPO VI (POLIZIA ANNONARIA) DISPOSIZIONI PARTICOLARI IN MATERIA DI COMMERCIO E PUBBLICI ESERCIZI ART. 45 - COMMERCIO ITINERANTE 1. L'esercizio di attività di commercio su area pubblica in forma ambulante

Dettagli

05.05.2014 QUESITO. Somministrazione in circolo privato - Autorizzazioni

05.05.2014 QUESITO. Somministrazione in circolo privato - Autorizzazioni 05.05.2014 QUESITO Somministrazione in circolo privato - Autorizzazioni Premesso che l associazione che vorrei costituire sarà associata a una riconosciuta dal ministero dell interno, con sede una villetta

Dettagli

COMUNE DI TORGIANO. Provincia di Perugia REGOLAMENTO SAGRE E FESTE POPOLARI

COMUNE DI TORGIANO. Provincia di Perugia REGOLAMENTO SAGRE E FESTE POPOLARI COMUNE DI TORGIANO Provincia di Perugia REGOLAMENTO SAGRE E FESTE POPOLARI Articolo 7 della legge regionale 21 gennaio 2015, n. 2 Disciplina delle sagre, delle feste popolari e dell esercizio dell attività

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APERTURA E L ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI O CONGEGNI DA TRATTENIMENTO Approvato con delibera consiliare n. 4 del

Dettagli

CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI

CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Regolamento sullo sviluppo sostenibile ai fini della convivenza tra le funzioni residenziali e le attività di esercizio pubblico e svago nelle aree private, pubbliche e demaniali CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Approvato con delibera CC n. 30 del 31/05/2012.

Approvato con delibera CC n. 30 del 31/05/2012. DISCIPLINA SULL OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO E/O PRIVATO ALL ESTERNO DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI, PUBBLICI ESERCIZI ED ESERCIZI SIMILARI E DETERMINAZIONE DEI LIMITI E DELLE MODALITA DI ESPOSIZIONE DELLA

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA ASSESSORATO AL COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI

COMUNE DI RAVENNA ASSESSORATO AL COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI COMUNE DI RAVENNA ASSESSORATO AL COMMERCIO SERVIZIO COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI Ai sensi della legge regionale 21 maggio 2007, n. 6 Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale P.G. n. 188/2010

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO

COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO - Approvato con deliberazione di C.C. n. 9 del 10.03.2015 SOMMARIO Art. 1

Dettagli

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 28/11/2012 I N D I C

Dettagli

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI TRESANA Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del C.C. n. 3 del 14.01.2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

COMUNE DI GANGI REGOLAMENTO

COMUNE DI GANGI REGOLAMENTO COMUNE DI GANGI (Provincia di Palermo) Part. I.V.A. 004759084 SETTORE TECNICO URBANISTICA - COMMERCIO ED ARTIGIANATO (Politiche di Gestione - Sviluppo del Territorio, dell Ambiente e dello Sviluppo Economico)

Dettagli

S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO

S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.2011) 1 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito

Dettagli

Disciplina temporanea della vendita e della somministrazione di bevande alcoliche all interno del centro storico. IL SINDACO

Disciplina temporanea della vendita e della somministrazione di bevande alcoliche all interno del centro storico. IL SINDACO Oggetto: Disciplina temporanea della vendita e della somministrazione di bevande alcoliche all interno del centro storico. IL SINDACO Rilevato che nel centro storico si registra l'eccessivo consumo di

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE

Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE Art. 1 Disposizioni generali e definizione di sala giochi Art. 2 Sale giochi e pubblici esercizi

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO A DELIBERAZIONE C.C N 60 DEL 14.04.2011 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL MERCATO KM 0 RISERVATO ALLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI ai sensi del Decreto Ministero

Dettagli

Comune di Bologna Attività Produttive e Commercio

Comune di Bologna Attività Produttive e Commercio PG.N. 248423/2015 2015 Comune di Bologna Attività Produttive e Commercio OGGETTO: DISPOSIZIONI SULLA VENDITA DI BEVANDE, ALCOLICHE E NON, PER LE GIORNATE IN CUI SI DISPUTANO LE PARTITE DEL CAMPIONATO DI

Dettagli

COMUNE DI FOLGARIA - UFFICIO TECNICO - Tel. 0464 / 729310 - Fax 0464 / 729366

COMUNE DI FOLGARIA - UFFICIO TECNICO - Tel. 0464 / 729310 - Fax 0464 / 729366 COMUNE DI FOLGARIA - UFFICIO TECNICO - Tel. 0464 / 729310 - Fax 0464 / 729366 C.A.P. 38064 - Via Roma, 60 codice fiscale e partita IVA 00323920223 e-mail: info@comune.folgaria.tn.it pec: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 79 REG./38 PROP. DEL. NELLA SEDUTA DEL 15.06.2015

APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 79 REG./38 PROP. DEL. NELLA SEDUTA DEL 15.06.2015 11 REGOLAMENTO PER LA CONVIVENZA TRA LE FUNZIONI RESIDENZIALI E LE ATTIVITA DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI E ARTIGIANALI ALIMENTARI, DEI PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E DI SVAGO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12. REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.2008 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI pag. 1 Art. 1 DEFINIZIONI pag. 1

Dettagli

Regione Lazio. Leggi Regionali 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98

Regione Lazio. Leggi Regionali 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98 Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 27 novembre 2013, n. 8 Disposizioni di semplificazione relative alle strutture ricettive. Modifiche alle leggi regionali 6 agosto 2007, n. 13, concernente

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE CONDIZIONI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT

REGOLAMENTO SULLE CONDIZIONI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO SULLE CONDIZIONI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT (Approvato con deliberazione C.C. n.52 adottata nella seduta del 29.10.2011)

Dettagli

REGOLAMENTO SALA GIOCHI

REGOLAMENTO SALA GIOCHI REGOLAMENTO SALA GIOCHI APPROVATO CON D.C. N. 1 DEL 31.1.2011 Art. 1 DEFINIZIONE Art. 2 CARATTERISTICHE DEI LOCALI Art. 3 CARATTERISTICHE E NUMERO DEI GIOCHI Art. 4 ESERCIZI AUTORIZZABILI Art. 5 REQUISITI

Dettagli

LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO

LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO di Claudio Venturi Sommario: 1. Premessa. 2. Le sanzioni per il commercio all ingrosso e al dettaglio

Dettagli

SANZIONE 25,00 50,00 105,00

SANZIONE 25,00 50,00 105,00 Abbandono, scarico e deposito incontrollato di rifiuti sul suolo e nel suolo da parte di privati ART. 192 Comma 1, in relazione all art.255 Comma 1 D.Lgs.152/2006 ART 18,p ART 44 ART 45, b, d ART 51 Rifiuti

Dettagli

COMUNE DI PALERMO. Ordinanza Sindacale n. del

COMUNE DI PALERMO. Ordinanza Sindacale n. del COMUNE DI PALERMO Ordinanza Sindacale n. del OGGETTO: Ordinanza concernente la disciplina dell'attività di intrattenimento musicale e la vendita di prodotti alcolici e bibite nel territorio del Comune

Dettagli

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE 1. Finalità del regolamento 2. Definizione di attività temporanee e tipologie consentite 3. Deroghe

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI Art. 1 Svolgimento 1. Il Mercatino dei libri è un mercatino specializzato, riservato alla vendita esclusiva di libri, che si svolge nel centro storico da ottobre a giugno

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L'ATTIVITA' DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI E IN CIRCOLI PRIVATI

COMUNE DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L'ATTIVITA' DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI E IN CIRCOLI PRIVATI COMUNE DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L'ATTIVITA' DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI E IN CIRCOLI PRIVATI (Approvato con deliberazione dal C.C. n 4 del 19.01.1998) ART. 1 Per "Automatico

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (compilare in stampatello) MOD. SCIA-COM 1.

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (compilare in stampatello) MOD. SCIA-COM 1. ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (compilare in stampatello) MOD. SCIA-COM 1 Al Comune di * Ai sensi del D. L.gs. 114/98 (art. 7 e 26 comma 5),

Dettagli

Interventi per la prevenzione e la cura della dipendenza da gioco INDICE

Interventi per la prevenzione e la cura della dipendenza da gioco INDICE Testo unificato dei disegni di legge n. 6 "Interventi per favorire l'accesso consapevole e responsabile al gioco lecito e contrastare le dipendenze patologiche da gioco. Abrogazione dell'articolo 13 bis

Dettagli

Regolamento per l'accesso, l'uso e la gestione delle aree di sgambatura per cani.

Regolamento per l'accesso, l'uso e la gestione delle aree di sgambatura per cani. Città di Lecce Regolamento per l'accesso, l'uso e la gestione delle aree di sgambatura per cani. Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 88 del 29 ottobre 2012 COMUNE DI LECCE Regolamento

Dettagli

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO INDICE TITOLO I - PRESCRIZIONI GENERALI Art 1 Definizione e ambito di applicazione Art 2 Licenza amministrativa Art 3 Requisiti

Dettagli

CONTRATTO DI ASSEGNAZIONE POSTO DI RISTORO presso la sede centrale di Via Cesare Lombroso 120-00168 Roma

CONTRATTO DI ASSEGNAZIONE POSTO DI RISTORO presso la sede centrale di Via Cesare Lombroso 120-00168 Roma yt MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA, ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE " CARTESIO-LUXEMBURG " )! ", ' Reg. Contro n. 470 Prot. n. 2904 CONTRATTO DI ASSEGNAZIONE POSTO DI RISTORO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI OCCASIONALI DI PUBBLICO SPETTACOLO O TRATTENIMENTO ALL APERTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI OCCASIONALI DI PUBBLICO SPETTACOLO O TRATTENIMENTO ALL APERTO COMUNE DI MONTE SAN SAVINO Corso Sangallo 38 52048 Monte San Savino Telefono: 0575 8177220 Fax: 0575 843076 Web: www.citymonte.it E-mail: commercio@citymonte.it C.F. e P.I. 00272160516 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE

LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE commercio su aree pubbliche su posteggio Titolo abilitante (all esercizio di commercio su aree pubbliche al dettaglio su posteggio) art.

Dettagli

A L- 3 5 0 0 - I TA r e v 3 0. L- 0 - I T r 3. Etilometro digitale a moneta. E t i l o m e t r i p e r u s o p u b b l i c o. Novità Revisione 3.

A L- 3 5 0 0 - I TA r e v 3 0. L- 0 - I T r 3. Etilometro digitale a moneta. E t i l o m e t r i p e r u s o p u b b l i c o. Novità Revisione 3. E t i l o m e t r i p e r u s o p u b b l i c o A L- 3 5 0 0 - I TA r e v 3 0 L- 0 - I T r 3 Etilometro digitale a moneta. E è attualmente l etilometro a moneta più diffuso nei locali pubblici. E' di semplice

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA CENTRO DI TELEFONIA E COMUNICAZIONE (c.d. phone center e/o internet point) 1

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA CENTRO DI TELEFONIA E COMUNICAZIONE (c.d. phone center e/o internet point) 1 Al Responsabile SUAP Via della Pineta 117 00040 Rocca Priora RM SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA CENTRO DI TELEFONIA E COMUNICAZIONE (c.d. phone center e/o internet point) 1 D. Lgs n. 259/2003

Dettagli

CITTÀ DI CASSANO MAGNAGO (Provincia di Varese) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELL AREA DI MOVIMENTO DEI CANI

CITTÀ DI CASSANO MAGNAGO (Provincia di Varese) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELL AREA DI MOVIMENTO DEI CANI CITTÀ DI CASSANO MAGNAGO (Provincia di Varese) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELL AREA DI MOVIMENTO DEI CANI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 27 DEL 23.04.2013 1 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...3

Dettagli

COMUNE DI PINASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO

COMUNE DI PINASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNE DI PINASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AREE PER L'INSTALLAZIONE DEI CIRCHI, DELLE ATTIVITÀ DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO (Legge 17/03/1968 n.

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (compilare in stampatello) MOD.

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (compilare in stampatello) MOD. ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (compilare in stampatello) MOD. SCIA-COM 1 Al Comune di * Ai sensi del D. L.gs. 114/98 (art. 7 e 26 comma 5),

Dettagli

COMUNE DI PARMA SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO

COMUNE DI PARMA SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO Allegato A) COMUNE DI PARMA SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN POSTEGGI ISOLATI approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI TEMPORANEE CON EVENTUALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI TEMPORANEE CON EVENTUALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Comune di Borgosatollo Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI TEMPORANEE CON EVENTUALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

Comune di Cesano Boscone. provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA provincia di milano REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA TITOLO V MANTENIMENTO, PROTEZIONE E TUTELA DEGLI ANIMALI Regolamento di Polizia Urbana 1 Art. 54 Tutela degli animali domestici 1. In ogni luogo e circostanza

Dettagli

Modena, 12 Maggio 2015

Modena, 12 Maggio 2015 CORSO FORMATIVO/INFORMATIVO PER GESTORI DI ATTIVITA ECONOMICHE CON VENDITA O SOMMINISTRAZIONE DI ALCOL, ADDETTI ALLA VENDITA O SOMMINISTRAZIONE, OPERATORI SANITARI, ADDETTI ALLA SICUREZZA Modena, 12 Maggio

Dettagli

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO. Regolamento della manifestazione Mercatino dell usato non professionale

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO. Regolamento della manifestazione Mercatino dell usato non professionale COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO Regolamento della manifestazione Mercatino dell usato non professionale Approvato con Deliberazione di C.C. n. 22 del 15/03/2012 Art. 1 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO DEL DECORO URBANO

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO DEL DECORO URBANO COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO DEL DECORO URBANO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 119/26 in data 07/12/2010 TITOLO I PRINCIPI E DEFINIZIONI Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CENTRI DI CUSTODIA TEMPORANEA PER L'INFANZIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CENTRI DI CUSTODIA TEMPORANEA PER L'INFANZIA Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme Lari, Chianni, Lajatico, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, Santa Maria a Monte, Terricciola Zona Valdera Provincia di Pisa REGOLAMENTO

Dettagli

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

SCIA EX ART. 86 TULPS per l installazione di apparecchi per il gioco lecito (presentare in duplice copia)

SCIA EX ART. 86 TULPS per l installazione di apparecchi per il gioco lecito (presentare in duplice copia) ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI erseguito S.C.I.A. per l installazione di apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici di cui all articolo 110, commi 6 e 7 in

Dettagli

numero e data presentazione approvato PROGETTO DI LEGGE N. 422 TITOLO CAPO ARTICOLO COMMA LETTERA NUMERO 2 X

numero e data presentazione approvato PROGETTO DI LEGGE N. 422 TITOLO CAPO ARTICOLO COMMA LETTERA NUMERO 2 X trattato nella seduta. Padrin (relatore) 2 X 6 ter. Le strutture e le recinzioni realizzate secondo le modalità di cui al comma 6 bis, sono sempre consentite, anche in deroga alla normativa e agli strumenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI Art. 1 LICENZA D'ESERCIZIO La licenza per l esercizio di sale pubbliche o per altre giochi

Dettagli

Art. 1 - Definizioni Art. 2 Ambito di applicazione Art. 3 Principi generali

Art. 1 - Definizioni Art. 2 Ambito di applicazione Art. 3 Principi generali Regolamento Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 17 dell 11/06/2007) (Modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 25

Dettagli

Autorizzazioni temporanee

Autorizzazioni temporanee Autorizzazioni temporanee PIEMONTE Legge Regionale n. 38/2006, art. 10 1. In occasione di fiere, feste o altre riunioni straordinarie di persone, il comune può rilasciare autorizzazioni temporanee alla

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA/COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA/COMUNICAZIONE MOD.COM 1 S.C.I.A. Al Comune di Sanremo ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA/COMUNICAZIONE Ai sensi dell art. 65 del D.Lgs. 59/2010 e dell art. 19 della L. 241/09 o dell

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia

SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia Tipologia atto Dichiarazione di inizio attività produttiva, ai sensi della legge regionale n. 1/2007 e n. 8/2007

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI ASSO Prov. di Como REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 29.09.2010 IL PRESENTE REGOLAMENTO: è stato deliberato dal

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A C O M U N E DI O P E R A PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO RELATIVO ALLE MODALITA DI RILASCIO ED UTILIZZO DEL CONTRASSEGNO PER LA CIRCOLAZIONE E LA SOSTA DELLE PERSONE CON DIVERSE ABILITA PREMESSE - RIFERIMENTI

Dettagli

L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1).

L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1). L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1). Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista. (1) Pubblicata nel B.U. Marche 29 novembre 2007, n. 104. Il Consiglio regionale ha approvato; Il Presidente della

Dettagli

Scheda informativa del modulo B3

Scheda informativa del modulo B3 IN QUALI CASI PUOI UTILIZZARE QUESTO MODULO? - Spacci interni di vendita: esercizio dell attività - Vendita al domicilio del consumatore: esercizio dell attività - Vendita per mezzo di apparecchi automatici:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE - Il presente regolamento disciplina l uso dei seguenti immobili di proprietà comunale:

Dettagli

Al Dipartimento SUAP Sportello Unico Attività Produttive Comune Di Messina

Al Dipartimento SUAP Sportello Unico Attività Produttive Comune Di Messina Scheda 4 vic SCIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO Al Dipartimento SUAP Sportello Unico Attività Produttive Comune Di Messina l sottoscritt :

Dettagli

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO PER IL DECORO ESTETICO AMBIENTALE, L ARREDO URBANO, LA SICUREZZA. Approvato con delibera consiliare n. 4 del 11/05/2012 ARTICOLO 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

Comune di Avellino Regolamento dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande

Comune di Avellino Regolamento dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande Comune di Avellino Regolamento dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande Articolo 1 Principi Generali 1. Il presente regolamento è ispirato all'applicazione dei principi in linea

Dettagli

Altre Attività e Attività Produttive Agenzie d'affari

Altre Attività e Attività Produttive Agenzie d'affari Altre Attività e Attività Produttive Agenzie d'affari Descrizione Per agenzia d'affari si intende un'impresa organizzata che si offre come intermediaria nella gestione o trattazione di affari altrui, prestando

Dettagli

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4401 Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 8. DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE Approvato con delibera consiliare n. 26 del 4 maggio 2015 1 INDICE Art. 1 - Oggetto... Pag.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING. 1 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING. INDICE SOMMARIO Titolo I PRINCIPI GENERALI 3 ARTICOLO 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE DEL EGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

Di seguito rassiumiamo le principale regolamentazioni:

Di seguito rassiumiamo le principale regolamentazioni: La normati di riferimento in materia del COMMERCIO ITINERANTE (commercio dei prodotti alimentari sulle aree pubbliche) è l' ORDINANZA 3 aprile 2002 "Requisiti igienico-sanitari per il commercio dei prodotti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE

REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE Articolo 1 Dichiarazione inizio attività 1-L esercizio del noleggio di cicli, ciclomotori

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA /COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA /COMUNICAZIONE ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA /COMUNICAZIONE Al Comune di JESI 0 4 2 0 2 1 Ai sensi della L.R. 27/09 (artt. 13 e 58 e s.m.i.) e ai sensi dell

Dettagli

Bollettino Ufficiale Regionale 16 luglio 2002, n. 16. [Preambolo] Finalità. Definizione e caratteristiche. Esercizio dell'attività

Bollettino Ufficiale Regionale 16 luglio 2002, n. 16. [Preambolo] Finalità. Definizione e caratteristiche. Esercizio dell'attività www.sistema24edilizia.ilsole24ore.com Regione Molise Legge regionale 12 luglio 2002, n. 13 Bollettino Ufficiale Regionale 16 luglio 2002, n. 16 Norme in materia di attività ricettiva alla produzione di

Dettagli

Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale

Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale DEFINIZIONE DI COMMERCIANTE E commerciante quel soggetto (persona fisica o società) che esercita un attività economica consistente nell acquisto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE N. 82 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE N. 82 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI CASTEL DEL PIANO Provincia di Grosseto Via G. Marconi, 9 Tel. 0564 973511 Fax 0564 957155 SERVIZIO 1 - AMMINISTRATIVO http: www.comune.casteldelpiano.gr.it REGOLAMENTO COMUNALE N. 82 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO

REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO Art. 1 Svolgimento 1. Il mercatino Natalizio è una fiera specializzata del settore alimentare e non alimentare per la vendita di prodotti tipici dell artigianato; si svolge

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

COMUNE DI TREVISO PROGRAMMAZIONE PUBBLICI ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

COMUNE DI TREVISO PROGRAMMAZIONE PUBBLICI ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE COMUNE DI TREVISO Settore Sportello Unico - Servizio Attività produttive ALLEGATO 2 PROGRAMMAZIONE PUBBLICI ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE CRITERI DI PROGRAMMAZIONE PER L'ESERCIZIO

Dettagli

COMUNE DI Provincia di Treviso

COMUNE DI Provincia di Treviso Cod. modello 2.8.3 ordinanza fissazione orari.doc COMUNE DI Provincia di Treviso ORDINANZA Nr. DEL OGGETTO: Fissazione degli orari e dei turni di apertura e chiusura degli impianti stradali di distribuzione

Dettagli

ESERCIZIO PER IL COMMERCIO DI QUOTIDIANI E PERIODICI

ESERCIZIO PER IL COMMERCIO DI QUOTIDIANI E PERIODICI 1 ESERCIZIO PER IL COMMERCIO DI QUOTIDIANI E PERIODICI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ AL COMUNE DI *MEOLO (VE) 027022 ISTAT (RISERVATO AL COMUNE) Ai sensi del D.Lgs. 170/2001 (art. 9, 1) e

Dettagli

Commercio Esercizi di vicinato e forme speciali di vendita al dettaglio

Commercio Esercizi di vicinato e forme speciali di vendita al dettaglio Commercio Esercizi di vicinato e forme speciali di vendita al dettaglio Descrizione Gli Esercizi di Vicinato sono esercizi per il commercio al dettaglio, posti su area privata, aventi superficie di vendita

Dettagli

INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA

INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA REGOLAMENTO DEI MERCATI Approvato con delibera CC n. 204 del 19/11/2003 INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA Art. 1 Finalità... 3 Art. 2 Definizioni... 3 Art. 3 Ambito di applicazione... 4 Art. 4 Recepimento,

Dettagli

GRANDI STRUTTURE DI VENDITA

GRANDI STRUTTURE DI VENDITA spazio per la protocollazione GRANDI STRUTTURE DI VENDITA denuncia di inizio attività per subentro AL COMUNE DI: codice ISTAT luogo di nascita provincia o stato estero di nascita di nascita in qualità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 76 del 16.9.2010 INDICE Articolo 1: Oggetto ed ambito di applicazione Articolo 2: Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO STRUTTURA COMUNALE PARCO DEL GAGGIO

REGOLAMENTO UTILIZZO STRUTTURA COMUNALE PARCO DEL GAGGIO COMUNE DI PODENZANA REGOLAMENTO UTILIZZO STRUTTURA COMUNALE PARCO DEL GAGGIO APPROVAZIONE DELIBERA C.C. N. 3 DEL 09/04/2014 Il Parco del Gaggio è dotato di una struttura polivalente composta da n. 6 immobili,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L'INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L'INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO Comune di Rogliano REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L'INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO Approvato ed allegato alla Deliberazione Consiliare n del 1 Comune di Rogliano INDICE TITOLO I Norme

Dettagli

Polizia Municipale Cervia P.zza Garibaldi n 21 - e mail:pm@comunecervia.it Tel. 0544/979251 - Fax. 0544 970476

Polizia Municipale Cervia P.zza Garibaldi n 21 - e mail:pm@comunecervia.it Tel. 0544/979251 - Fax. 0544 970476 DISCIPLINA PER L ACCESSO E LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI NELLE ZONE A TRAFFICO LIMITATO E NELLE AREE PEDONALI URBANE PERMANENTI e RILASCIO CONTRASSEGNI (approvato con D.G. nr.95 del 19/06/2012) ART. 1 OGGETTO

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZI DI VICINATO S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano Regolamento comunale per la disciplina del mercato per la vendita diretta dei prodotti agricoli. Approvato con delibera C.C. n 06 del 28.01.2011 (allegato

Dettagli

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita codice fiscale cittadinanza sesso

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita codice fiscale cittadinanza sesso spazio per la protocollazione MEDIE STRUTTURE DI VENDITA con superficie di vendita superiore a 1.500 metri quadrati Domanda di commerciale articolo 18, comma 2 della legge regionale 28/12/2012, n. 50 ALLO

Dettagli