Autocarri con allestimento intercambiabile. Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile PGRT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Autocarri con allestimento intercambiabile. Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile PGRT"

Transcript

1 Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile I veicoli con allestimento intercambiabile sono considerati flessibili alla torsione. I veicoli con allestimento intercambiabile permettono di usare diversi dispositivi di trasporto carichi in base ai requisiti di trasporto. Esempio: Cassoni fissi Cassoni ribaltabili Allestimenti ribaltabili Betoniere Autocisterne Scania è in grado di preparare il veicolo per l'allestimento in fabbrica Maggiori informazioni sulle predisposizioni di fabbrica sono riportate nei pacchetti delle opzioni delle dotazioni di fabbrica. Per ulteriori informazioni sui requisiti e sulle raccomandazioni inerenti alla stabilità degli autocarri con allestimento intercambiabile per i dispositivi di trasporto carichi, fare riferimento al documento Stabilità. 06:20-02 Edizione 11 it-it 1 (11)

2 Schema Schema Gli autocarri con allestimento intercambiabile sono dotati di un componente mobile che permette di sollevare e posizionare un dispositivo di trasporto carichi sul telaio. L'allestimento può essere scarrato con i seguenti sistemi: Braccio a uncino Sistema a catena Verricello Allestimento intercambiabile con braccio elevatore a gancio Autocarri con allestimento scarrabile con catena o fune metallica :20-02 Edizione 11 it-it 2 (11)

3 Sicurezza Sicurezza Informazioni importanti sulla movimentazione del carico sui veicoli con sospensioni pneumatiche Per maggiori informazioni sul collegamento dello svuotamento automatico dei soffietti consultare il documento Abbassamento del telaio. IMPORTANTE I soffietti del carrello devono essere svuotati prima di eseguire la movimentazione del carico. Per evitare il sovraccarico dell'ultimo assale, l'assale deve essere contro il finecorsa assale. Controllare la distanza tra l'assale e il finecorsa su tutti gli assali posteriori. Il controllo deve essere eseguito su una superficie piana e durante la movimentazione del carico. Accertarsi che i soffietti siano completamente vuoti e verificare che gli assali si trovino a contatto con i finecorsa su tutti gli assali posteriori. Il carico deve essere distribuito uniformemente su tutti gli assali posteriori durante la movimentazione del carico. Se il carico non è distribuito uniformemente, l'ultimo assale deve essere protetto dal sovraccarico (v. pagina seguente). PERICOLO Se l'intero carico viene sorretto soltanto dall'ultimo assale durante la movimentazione del carico, sussiste il rischio di danneggiamento Esempio di una buona distribuzione del peso durante la movimentazione del carico, dove tutti gli assali delle ruote sono contro i finecorsa assale. 06:20-02 Edizione 11 it-it 3 (11)

4 Sicurezza Piastra separatrice in caso di distribuzione del carico non omogenea durante la movimentazione del carico Durante la movimentazione del carico la distanza tra l'assale e il finecorsa assale può essere diversa per l'ultimo assale e gli altri assali posteriori. Se la distanza è notevole, deve essere collocata una piastra separatrice tra ogni elemento del telaio e il finecorsa assale (vedere la figura). Le piastre separatrici riducono il carico sull'ultimo assale per carichi pesanti. Fissare la piastra separatrice al finecorsa assale utilizzando le viti e i dadi di bloccaggio. Le dimensioni delle viti devono essere le stesse di quelle dell'attacco originale. Fissare la piastra separatrice sul telaio nei fori dell'attacco originale della nervatura posteriore. PERICOLO Nell'elemento del telaio non è consentito praticare fori di fissaggio per le piastre separatrici e i finecorsa assale. Piastre separatrici Durante la movimentazione del carico, il selettore modalità di marcia è in posizione neutrale. IMPORTANTE In fase di movimentazione del carico, potrebbe essere necessario aumentare il regime motore. Pertanto, accertarsi che il selettore modalità di marcia sia in posizione folle. Su veicoli provvisti di Opticruise completamente automatico, è possibile predisporre uno speciale collegamento del comando regime motore per evitare un aumento del regime motore quando il selettore modalità di marcia non si trova in posizione neutrale. Per maggiori informazioni sull'aumento della velocità del motore durante il ribaltamento, consultare il documento Comando regime motore durante il ribaltamento. 06:20-02 Edizione 11 it-it 4 (11)

5 Sicurezza Finecorsa assiale di Scania L'altezza H del finecorsa assale è la misurazione dal bordo inferiore del telaio fino al bordo inferiore del finecorsa assale. Codice componente H (mm) ,8 H Altezza finecorsa assale :20-02 Edizione 11 it-it 5 (11)

6 Le raccomandazioni della Scania offrono la soluzione migliore in relazione ai seguenti fattori: Sensibilità alle oscillazioni del telaio Ripartizione del carico Comfort per il conducente Attacco del telaio ausiliario Il bordo esterno del telaio ausiliario deve trovarsi sullo stesso piano verticale del bordo esterno dei longheroni del telaio. Tuttavia, il design dell'allestimento per scambiatore di gancio con braccio a uncino e cilindro idraulico richiede spesso che il telaio ausiliario sia più largo del telaio. In questi casi, i fissaggi e le staffe del telaio ausiliario devono essere progettati per ottenere il miglior contatto possibile con il telaio e in modo che l'allestimento non esponga i longheroni a forze di torsione elevate. Normalmente vengono utilizzate delle staffe flessibili per la parte anteriore del telaio ausiliario e delle staffe rigide per la parte posteriore, iniziando immediatamente davanti alla staffa anteriore della sospensione posteriore. Il telaio e l'allestimento devono potersi muovere l'uno in relazione all'altro in caso di flessione e di elevata irregolarità del fondo stradale. Il telaio ausiliario deve poggiare sull'intera superficie del telaio poiché l'attrito tra le superfici attutisce le oscillazioni del telaio. Accertarsi che le staffe anteriori guidino l'allestimento lateralmente. Le staffe devono essere disposte in modo da consentire il movimento longitudinale tra l'allestimento e il telaio generato dalla flessione del telaio. Per maggiori informazioni sulla configurazione dei telai ausiliari consultare il documento Configurazione del telaio ausiliario. Per maggiori informazioni sul tipo di fissaggio da adottare per un determinato veicolo, consultare il documento Selezione del telaio ausiliario e del fissaggio Per maggiori informazioni sulle staffe di montaggio su telaio, consultare il documento Fissaggio dell'allestimento. 06:20-02 Edizione 11 it-it 6 (11)

7 Distanza tra il centro dell'assale anteriore e il bordo anteriore del telaio ausiliario Al fine di smorzare qualsiasi oscillazione del telaio, il telaio ausiliario deve essere tirato in avanti e bloccato alla struttura del telaio il più vicino possibile all assale anteriore. Tale accorgimento è particolarmente importante per i veicoli dotati di sospensioni pneumatiche sull assale anteriore. Distanza massima consentita tra il centro dell'assale anteriore e il bordo anteriore del telaio ausiliario: Assale anteriore con sospensioni pneumatiche: 600 mm Assale anteriore con sospensioni a balestra: 800 mm Distanza tra assale anteriore e staffa anteriore Assale anteriore con sospensioni pneumatiche: il più possibile in avanti, tra 550 e 700 mm Assale anteriore con sospensioni a balestra: il più possibile in avanti, tra 550 e 875 mm 600 Parte anteriore del veicolo con sospensioni pneumatiche o a balestra :20-02 Edizione 11 it-it 7 (11)

8 Esempi di fissaggio La figura mostra un esempio di fissaggio del telaio ausiliario su un autocarro con allestimento intercambiabile e braccio a uncino. La dimensione A non deve superare 900 mm A A Esempio di fissaggio del telaio ausiliario 06:20-02 Edizione 11 it-it 8 (11)

9 Posizione del rullo La posizione del rullo è definita come la distanza tra il primo assale di trazione posteriore e il centro del rullo (B). Per ridurre le sollecitazioni sul telaio, il rullo deve essere posizionato il più lontano possibile dall'estremità posteriore del telaio. La dimensione massima raccomandata per la posizione del rullo è valida per gli autocarri con telaio di tipo F950, F957 o F958. Vedere la tabella alla pagina seguente. Nota Per motivi di resistenza, non utilizzare veicoli con telaio F700 o F800 per gli autocarri con allestimento intercambiabile. Posizione del rullo in relazione al primo assale di trazione posteriore B :20-02 Edizione 11 it-it 9 (11)

10 La posizione del rullo è definita come la distanza tra il primo assale di trazione posteriore e il centro dell'albero del rullo (B). I valori valgono unicamente per telai F950, F957 e F958. Telaio Sospensioni Dimensioni consigliate per la posizione del rullo (B) 4x2 A/B Max mm 6x2/4 8x2/4 4x2 Z Max mm (1.730 mm con buona stabilità) 4x4 6x2 A/B Max mm 6x4 6x2*4 8x2*6 8x2 8x4 6x2 Z Max mm 8x2 6x4 Z Max mm con distanza carrello 1.350/1.355 (2.350 mm se la stabilità è buona) 6x6 8x4 Max mm con distanza carrello 1.445/ x6 8x8 8x4*4 A/B Max mm 10x4*6 Le raccomandazioni per la stabilità degli autocarri con allestimento intercambiabile che possono eseguire movimenti di ribaltamento sono riportate nel documento Stabilità. 06:20-02 Edizione 11 it-it 10 (11)

11 Blocco del carrello per migliore stabilità Per migliorare la stabilità durante la movimentazione del carico, gli autocarri con allestimento intercambiabile e carrello con doppio assale di trazione con sospensioni a balestra possono essere equipaggiati con un blocco idraulico del carrello: Montare i cilindri idraulici sui lati destro e sinistro in modo che l'asta del pistone blocchi la balestra posteriore il più vicino possibile al centro dell'assale delle ruote. Montare una spia di avvertenza sul cruscotto. La spia deve indicare l'attivazione del blocco del carrello Posizione del cilindro idraulico in relazione alla balestra su un autocarro con allestimento intercambiabile senza carico (1) e alla massima compressione della balestra (2). 06:20-02 Edizione 11 it-it 11 (11)

Indice DEFINIZIONE... 2 Allestimento flessibile alla torsione... 2 CARATTERISTICHE GENERALI DEL TELAIO... 3 Uso... 3 Resistenza... 3 Stabilità durante il ribaltamento... 3 Comfort, caratteristiche di guida...

Dettagli

Autocarri ribaltabili. Schema PGRT

Autocarri ribaltabili. Schema PGRT Informazioni generali sugli autocarri ribaltabili Informazioni generali sugli autocarri ribaltabili Gli autocarri ribaltabili sono considerati come un allestimento flessibile alla torsione. Gli autocarri

Dettagli

Modifica del sistema di scarico. Limiti alla modifica del sistema di scarico. Limitazioni generali per tutti i tipi di motore e per i sistemi

Modifica del sistema di scarico. Limiti alla modifica del sistema di scarico. Limitazioni generali per tutti i tipi di motore e per i sistemi Limiti alla modifica del sistema di scarico Limiti alla modifica del sistema di scarico Limitazioni generali per tutti i tipi di motore e per i sistemi di scarico IMPORTANTE In generale non è consentito

Dettagli

modulog Combinazioni di moduli per la tecnica della manipolazione

modulog Combinazioni di moduli per la tecnica della manipolazione modulog Combinazioni di moduli per la tecnica della manipolazione Facile gestione di carichi pesanti - un valore aggiunto per la produttività La manipolazione ed il montaggio manuale di carichi pesanti

Dettagli

M A C C H I N E P E R L A P U L I Z I A I N D U S T R I A L E E S T R A D A L E

M A C C H I N E P E R L A P U L I Z I A I N D U S T R I A L E E S T R A D A L E 7500 SKY Dulevo 7500 SKY Dulevo 7500 SKY è la spazzatrice ideale per la pulizia di strade parcheggi e ampie aree pubbliche e industriali. Il cassone rifiuti della capacità di 6 metri cubi e un serbatoio

Dettagli

Attivazione presa di forza ED. Funzione

Attivazione presa di forza ED. Funzione Funzione Attivazione presa di forza ED La funzione consente di attivare la presa di forza dal posto guida e dall esterno dalla cabina. La presa di forza è controllata dalla centralina BCI. Una presa di

Dettagli

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO FS 08 1S E un sollevatore manuale uso gancio per operatori professionali del settore ferroviario. Consente il sollevamento di attrezzature ferroviarie dopo essere stato assemblato nei 3 moduli che lo compongono

Dettagli

ALLEGATO II Dispositivi di attacco

ALLEGATO II Dispositivi di attacco ALLEGATO II Dispositivi di attacco. : il testo compreso fra i precedenti simboli si riferisce all aggiornamento di Maggio 2011 Nel presente allegato sono riportate le possibili conformazioni dei dispositivi

Dettagli

FRENI-ARGANI IDRAULICI PER TESATURA DI CONDUTTORI AEREI

FRENI-ARGANI IDRAULICI PER TESATURA DI CONDUTTORI AEREI 5 FRENI-ARGANI IDRAULICI PER TESATURA DI CONDUTTORI AEREI Mod. F 104.AF.35 A x B x C = 2,95 x 1,80 x 1,80 m Peso = 1900 kg Macchina a funzionamento idraulico in grado di operare sia come freno sia come

Dettagli

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08)

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08) 146 LAVORI SPECIALI (Articolo 148 D.Lgs 81/08) Prima di procedere alla esecuzione di lavori su lucernari, tetti, coperture e simili, fermo restando l obbligo di predisporre misure di protezione collettiva,

Dettagli

Il nuovo Arocs Loader. Il nuovo Arocs Grounder.

Il nuovo Arocs Loader. Il nuovo Arocs Grounder. Il nuovo Arocs Loader. Il nuovo Arocs Grounder. Massima forza per massime sollecitazioni: Arocs Loader e Arocs Grounder. Per carichi particolarmente elevati e sollecitazioni estreme. Con Arocs Loader

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DELLE ATTREZZATURE E DURATA minima dei corsi

INDIVIDUAZIONE DELLE ATTREZZATURE E DURATA minima dei corsi Pagina1 Verbania 10/12/2012 Prot. 0068 Spett.le Imprese Consulenti Associazioni datoriali di categoria Associazioni sindacali di categoria OGGETTO: La formazione per l abilitazione specifica degli operatori

Dettagli

IDENTIFICAZIONE E SCOPO PRODOTTO

IDENTIFICAZIONE E SCOPO PRODOTTO CFTF 250 E un cala feretri manuale per tombe di famiglia pensato per operatori professionali ed addetti alla tumulazione. Consente la tumulazione di feretri fino a 250 Kg di peso nelle tombe di famiglia

Dettagli

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego.

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. ErgoRack viene sempre azionato da terra. Questo riduce di 2/3 l impatto sulla schiena e sulle spalle ed elimina la necessità

Dettagli

Gancio di traino, fisso

Gancio di traino, fisso Installation instructions, accessories Istruzioni No 31338961 Versione 1.0 Part. No. 31359732 Gancio di traino, fisso IMG-337976 Volvo Car Corporation Gancio di traino, fisso- 31338961 - V1.0 Pagina 1

Dettagli

Uscita liquido di raffreddamento per riscaldamento esterno

Uscita liquido di raffreddamento per riscaldamento esterno Il liquido di raffreddamento del motore può essere usato per riscaldare gli elementi esterni. Questi possono essere ad esempio cassoni, cabine gru e cassette portaoggetti. Il calore viene prelevato dal

Dettagli

PC GRU COMPATTE LA FORZA COMPATTA DI PALFINGER

PC GRU COMPATTE LA FORZA COMPATTA DI PALFINGER PC GRU COMPATTE LA FORZA COMPATTA DI PALFINGER IDEALE PER L INSTALLAZIONE SU VEICOLI COMMERCIALI LEGGERI Azionamento della rotazione Ingranaggio a vite senza fine leggero e di facile manutenzione che consente

Dettagli

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 Indice Pagina: Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 1. Parti componenti della fornitura.................... 3 2. Montaggio................................. 4 2.1 Trasporto..................................

Dettagli

Scheda. Descrizione della macchina

Scheda. Descrizione della macchina Scheda 1 Lavorazione: Macchina: TORNITURA TORNIO PARALLELO Descrizione della macchina I torni sono macchine che eseguono l asportazione di truciolo: lo scopo è ottenere superfici esterne e interne variamente

Dettagli

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse LE RETI ANTICADUTA DALLE NORME UNI EN 1263-1 1 e 2 ALLE NUOVE LINEE GUIDA AIPAA VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Carlo Calisse INTRODUZIONE ALLE NORME UNI EN 1263-1:

Dettagli

Sistemi di ancoraggio in poliestere

Sistemi di ancoraggio in poliestere Sistemi di ancoraggio in poliestere ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DELLE IMBRACATURE Le norme generali per la prevenzione degli infortuni prevedono che i carichi siano assicurati alle carrozzerie dei veicoli

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

Avviamento a distanza del motore. Funzione. Comportamento

Avviamento a distanza del motore. Funzione. Comportamento Funzione Funzione La funzione di avviamento a distanza del motore consente di avviare il motore dall'esterno della cabina. Comportamento Gli indicatori di direzione si utilizzano per confermare visivamente

Dettagli

P Se si conoscono 2 delle 3 grandezze (P, U o I), è possibile calcolare la terza utilizzando la formula seguente (vedere la figura):

P Se si conoscono 2 delle 3 grandezze (P, U o I), è possibile calcolare la terza utilizzando la formula seguente (vedere la figura): Informazioni generali sull'assorbimento di corrente Informazioni generali sull'assorbimento di corrente IMPORTANTE Per evitare danni alle batterie, la capacità di carica dell'alternatore deve essere adattata

Dettagli

Collari ed accessori. H 2.i 10/00

Collari ed accessori. H 2.i 10/00 Sommario prodotti H 2.0 Sommario prodotti H 2.1 Attacchi per collari con tronchetto filettato 3G (M16, F10, F8) H 2.2 Attacchi per collari con tronchetto filettato 3G (3/8, F12, F10) H 2.3 Attacchi per

Dettagli

Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500

Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500 Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500 Dati tecnici Riscaldamento Larghezza max. di riscaldamento Potenza calorifica max. Radiatori Lunghezza del gruppo radiante anteriore Lunghezza del gruppo radiante posteriore

Dettagli

Posizione dei componenti Vedi figura 1 e fare riferimento alla tabella 1.

Posizione dei componenti Vedi figura 1 e fare riferimento alla tabella 1. Cambio del contenitore Rhino XD2H per sistemi a uretano con controllo a due mani Posizione dei componenti Vedi figura 1 e fare riferimento alla tabella 1. 1 6 5 2 4 3 Figura 1 Posizione dei componenti

Dettagli

Specifiche tecniche. 90 kw (122 PS) a 3500 giri/min. incluso station wagon

Specifiche tecniche. 90 kw (122 PS) a 3500 giri/min. incluso station wagon Specifiche tecniche SPECIFICHE DEL MOTORE Specifica PESI Peso per asse e peso lordo del veicolo Dati Carburante Diesel (biodiesel: contenuto massimo RME 5%) Numero di cilindri 4 Capacità 2402 cm 3 Ordine

Dettagli

PRODUZIONE GRANDE SERIE

PRODUZIONE GRANDE SERIE TAVOLE ELEVATRICI IDRAULICHE SU RUOTE Sollevare, abbassare, trasportare. Sicure e di facile manovrabilità Struttura robusta in profilati acciaio Impugnatura di spinta cromata Sollevamento a pedale con

Dettagli

Nella fattispecie, le figure richieste dal D.Lgs 81, che richiedono una nomina e una formazione specifica, sono le seguenti:

Nella fattispecie, le figure richieste dal D.Lgs 81, che richiedono una nomina e una formazione specifica, sono le seguenti: Obblighi formativi e aggiornamenti periodici ai sensi del D.Lgs 81/08 s.m.i. Molto spesso ci sentiamo dire: i corsi sulla sicurezza sono obbligatori? Hanno una scadenza? Dopo quanto tempo devono essere

Dettagli

Forni Elettrici. per Vetrofusione

Forni Elettrici. per Vetrofusione Forni Elettrici per Vetrofusione Indice Forni elettrici 4-5 Forni elettrici a pozzetto con copercio riscaldato 6 Controller 8 Accessori 8 2 Noi di Helmut ROHDE GmbH possiamo essere fieri di 25 anni di

Dettagli

Prese di forza, panoramica. Sommario. Spiegazione dei concetti

Prese di forza, panoramica. Sommario. Spiegazione dei concetti Sommario Sommario Questo documento contiene un riepilogo della gamma di prese di forza Scania e i dettagli tecnici più importanti. Spiegazione dei concetti 10 11 12 1 2 massima Una denominazione che termina

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

Dimensioni Altezza del telaio di protezione dai supporti: Larghezza del telaio di protezione:

Dimensioni Altezza del telaio di protezione dai supporti: Larghezza del telaio di protezione: Scheda 23: TELAIO ANTERIORE ABBATTIBILE SALDATO PER MOTOAGRICOLE CON STRUTTURA PORTANTE DI TIPO ARTICOLATO O RIGIDO CON POSTO DI GUIDA ARRETRATO CON MASSA MAGGIORE DI 2000 kg E FINO A 3500 kg SPECIFICHE

Dettagli

Finecorsa. H/12 www.traconelectric.com, www.traconelectric.it E-mail: info@traconelectric.it. Finecorsa. Finecorsa LS15 EN 60947-1

Finecorsa. H/12 www.traconelectric.com, www.traconelectric.it E-mail: info@traconelectric.it. Finecorsa. Finecorsa LS15 EN 60947-1 Finecorsa Gli interruttori di fine corsa sono azionati da un dispositivo mobile o da una parte mobile di una qualsiasi apparecchiatura se questa parte raggiunge una posizione definita (es. fine del binario).

Dettagli

Autocarri per trasporto di legname. Informazioni generali sugli autocarri per il trasporto di legname

Autocarri per trasporto di legname. Informazioni generali sugli autocarri per il trasporto di legname Informazioni generali sugli autocarri per il trasporto di legname Gli autocarri per il trasporto di legname vengono impiegati per trasportare tondame. Informazioni generali sugli autocarri per il trasporto

Dettagli

Macchine per lo spandimento di concimi granulati

Macchine per lo spandimento di concimi granulati Macchine per lo spandimento di concimi granulati Gli organi di distribuzione sono adeguatamente protetti contro il contatto non intenzionale? In relazione al pericolo in questione i riferimenti tecnici

Dettagli

PRESE DI FORZA TOTALI IDROSTATICHE

PRESE DI FORZA TOTALI IDROSTATICHE PRESE DI FORZA TOTALI IDROSTATICHE La Interpump Hydraulics ha di recente introdotto un intera gamma di prese di forza totali a trazione idrostatica come evoluzione tecnica dei modelli tradizionali già

Dettagli

Caricamento dei supporti 1. Caricamento di carta, cartoncino o etichette Caricamento dei lucidi Caricamento di buste. Stampa.

Caricamento dei supporti 1. Caricamento di carta, cartoncino o etichette Caricamento dei lucidi Caricamento di buste. Stampa. Caricamento dei supporti 1 Fare clic su un argomento per visualizzare direttamente le relative istruzioni Caricamento di carta, cartoncino o etichette Caricamento dei lucidi Caricamento di buste Le procedure

Dettagli

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 La macchina utensile di tipo universale con un montante anteriore mobile

Dettagli

Convegno : Caricare, trasportare e scaricare in sicurezza i mezzi di sollevamento aereo

Convegno : Caricare, trasportare e scaricare in sicurezza i mezzi di sollevamento aereo Giornate Italiane del Sollevamento e dei Trasporti Eccezionali Piacenza, 26-28 settembre 2013 Convegno : Caricare, trasportare e scaricare in sicurezza i mezzi di sollevamento aereo Giornate Italiane del

Dettagli

Autocisterne. Informazioni generali sulle autocisterne. Design PGRT. Le cisterne sono considerate allestimenti extra resistenti alla torsione.

Autocisterne. Informazioni generali sulle autocisterne. Design PGRT. Le cisterne sono considerate allestimenti extra resistenti alla torsione. Informazioni generali sulle autocisterne Informazioni generali sulle autocisterne Le cisterne sono considerate allestimenti extra resistenti alla torsione. Design Per ridurre il rischio di oscillazioni

Dettagli

SCHEDA TECNICA TRABATTELLO MILLENIUM E MILLENIUM S

SCHEDA TECNICA TRABATTELLO MILLENIUM E MILLENIUM S TRABATTELLI E SCALE DI QUALITA' BAGNATICA (BG) - via delle Groane, 13 - tel. 035/681104 - fax 035/681034 SCHEDA TECNICA TRABATTELLO MILLENIUM E MILLENIUM S Trabattello professionale MILLENIUM è costituito

Dettagli

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego.

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. 2 1 2 3 Chiedete ai vostri specialisti Prime Design Europe in tutta Europa ulteriori informazioni sui nostri prodotti vincenti!

Dettagli

Ricevimento, movimentazione e stoccaggio

Ricevimento, movimentazione e stoccaggio Istruzioni Centro controllo motori CENTERLINE 2500 - Ricevimento, movimentazione e stoccaggio Ricevimento IMPORTANTE Quando Rockwell Automation consegna al corriere l'apparecchiatura, questa viene considerata

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Istruzioni di montaggio per i Modelli:

Istruzioni di montaggio per i Modelli: Istruzioni di montaggio per i Modelli: 968999306/iZC Equipaggiati con: 96899934 TRD48 Gruppo di taglio a tunnel Tunnel Ram oppure 968999347 CD48 Gruppo di taglio Combi Montaggio Disimballare la macchina.

Dettagli

LOTTO 6 RIF. 82 SUB LOTTO 6.1.A DESCRIZIONE: N. 1725 SEDUTA FISSA SENZA BRACCIOLI PER VISITATORE IMBOTTITA

LOTTO 6 RIF. 82 SUB LOTTO 6.1.A DESCRIZIONE: N. 1725 SEDUTA FISSA SENZA BRACCIOLI PER VISITATORE IMBOTTITA LOTTO 6 RIF. 82 SUB LOTTO 6.1.A DESCRIZIONE: N. 1725 SEDUTA FISSA SENZA BRACCIOLI PER VISITATORE IMBOTTITA - la sedia non puo ospitare piu di una persona - la sedia e impilabile fino a un massimo di 10

Dettagli

DOCUMENTAZIONE TECNICA Pagina 1 di 7

DOCUMENTAZIONE TECNICA Pagina 1 di 7 DOCUMENTAZIONE TECNICA Pagina 1 di 7 TITOLO DEL DOCUMENTO IMPIANTO DI PERFORAZIONE IDRAULICO G-25 DESCRIZIONE NUMERO DEL DOCUMENTO IDENTIFICAZIONE DEL FILE montata su camion 8 x 6, completa di pompa fango

Dettagli

Attivazione a distanza dell'avvisatore acustico. Descrizione

Attivazione a distanza dell'avvisatore acustico. Descrizione Descrizione Descrizione La funzione di attivazione a distanza dell avvisatore acustico consente di attivare l'avvisatore acustico dall'esterno della cabina. Per attivare la funzione è necessario che i

Dettagli

Cilindri Idraulici. Cilindri idraulici avvitabili a doppio effetto. 23.1 Possibilità di variazioni di ordine tecnico DE-STA-CO

Cilindri Idraulici. Cilindri idraulici avvitabili a doppio effetto. 23.1 Possibilità di variazioni di ordine tecnico DE-STA-CO Cilindri Idraulici Cilindri idraulici avvitabili a doppio effetto Pressione di esercizio max. 350 bar I cilindri idraulici avvitabili sono fondamentali nell industria automobilistica e nelle attrezzature.

Dettagli

APPLICATORE DI FILM AUTOMATICO TQC

APPLICATORE DI FILM AUTOMATICO TQC APPLICATORE DI FILM AUTOMATICO TQC L applicatore di film automatico TQC fornisce una base affidabile per applicare pellicole di rivestimento per test su pannelli o fogli, in modo uniforme e riproducibile

Dettagli

10. Procedure operative di sicurezza per intagli Charpy/Izod

10. Procedure operative di sicurezza per intagli Charpy/Izod 10. Procedure operative di sicurezza per intagli Charpy/Izod campione da 10 mm con intaglio a V di 2 mm Avvertenze a) NON CAUSARE L INCEPPAMENTO DELLA MACCHINA! IL TENTATIVO DI TAGLIARE MATERIALI TROPPO

Dettagli

Mezzi della nettezza urbana Mezzi dei vigili del fuoco Veicoli trasporto merci pericolose

Mezzi della nettezza urbana Mezzi dei vigili del fuoco Veicoli trasporto merci pericolose rotogrip_ital_08_2.qxd 19.06.2008 12:14 Uhr Seite 1 ROTOGRIP IL PULSANTE PER LA SICUREZZA AUTOMATICA ROTOGRIP di RUD. La catena da neve automatica che si manovra comodamente e velocemente dal posto di

Dettagli

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello) PERCORSI VERTICALI Scheda: P005 Rev: 06/06/2009 10.48.00 Pagina 1/5 PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

Dettagli

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio KDIX 8810 Istruzioni di montaggio Sicurezza della lavastoviglie 4 Requisiti di installazione 5 Istruzioni di installazione 7 Sicurezza della lavastoviglie La vostra sicurezza e quella degli altri sono

Dettagli

Istruzioni di montaggio SD Sistemi per prove su molle

Istruzioni di montaggio SD Sistemi per prove su molle SD 50 SD 500) a) Principali elementi della struttura a. Telaio trazione b. Tre viti con impugnatura 1. 2. 3. b) Montaggio : passo dopo passo a. Liberare la piastra di base svitando la vite nera Complimenti

Dettagli

Istruzioni per l uso ed il montaggio. Montaggio ADS

Istruzioni per l uso ed il montaggio. Montaggio ADS ADS La serie ADS è stata progettata sulla base della comprovata serie di ammortizzatori per carichi pesanti LDS da utilizzare su ascensori per persone e carichi. La prova di omologazione garantisce che

Dettagli

AVVOLGICAVO serie 1700

AVVOLGICAVO serie 1700 AVVOLGICAVO serie 1700 Costruiti in conformità alle Norme EN 61242 EN 60335-1 110 Prodotti conformi ai requisiti delle Direttive 2006/95/CE 2006/42/CE 2002/95/CE Legge 626: OK! INFORMAZIONI GENERALI SUGLI

Dettagli

Modelli. Defender Freelander 2 Discovery 3/4 Range Rover Sport Range Rover Range Rover Evoque

Modelli. Defender Freelander 2 Discovery 3/4 Range Rover Sport Range Rover Range Rover Evoque Modelli Defender Freelander 2 Discovery 3/4 Range Rover Sport Range Rover Range Rover Evoque Range Rover Sport Range Rover Sport - dimensioni Range Rover Sport - pesi Range Rover Sport occhioni di traino

Dettagli

Tramev S.r.l. dal 1977 produce dispositivi di supporto, rotazione e movimentazioni per matasse e aspi per vergella, trafilato e pelato.

Tramev S.r.l. dal 1977 produce dispositivi di supporto, rotazione e movimentazioni per matasse e aspi per vergella, trafilato e pelato. Tramev S.r.l. dal 1977 produce dispositivi di supporto, rotazione e movimentazioni per matasse e aspi per vergella, trafilato e pelato. Con anni di esperienza nel campo delle trafilerie, bullonerie, corderie

Dettagli

11-12. Serie DKri. 25. Note

11-12. Serie DKri. 25. Note Catalogo 2008 Pag. Serie 1-2. Serie DKrm Semplice effetto - Ritorno a molla 3-4. Serie DKrma In alluminio - Semplice effetto - Ritorno a molla 5-6. Serie DKrm-c Semplice effetto - Ritorno a molla - Compatti

Dettagli

SOLO I CARRELLI TOYOTA CON SAS SANNO COME

SOLO I CARRELLI TOYOTA CON SAS SANNO COME SOLO I CARRELLI TOYOTA CON SAS SANNO COME www.toyota-forklifts.it ABBATTERE I COSTI I carrelli elevatori Toyota equipaggiati con il sistema SAS utilizzano una tecnologia intelligente per ridurre sia i

Dettagli

Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO

Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO Rev. 1.02 22/07/2014 Numerosi sono i metodi ed i mezzi con cui si possono trasportare pazienti ed infortunati. Quelli maggiormente usati sono: 1. La sedia portantina

Dettagli

GIUNTI STRUTTURALI 91

GIUNTI STRUTTURALI 91 90 GIUNTI STRUTTURALI 91 INTRODUZIONE Gli edifici di grandi dimensioni aventi cubature superiori ai 3000 m 3 sono generalmente costituiti da più corpi di fabbrica l uno accostato all altro, ma appaiono

Dettagli

Iveco S.p.A. Via Puglia, 35 10156 Torino Italia www.offroad.iveco.com. Publication L080708 Febbraio 2008

Iveco S.p.A. Via Puglia, 35 10156 Torino Italia www.offroad.iveco.com. Publication L080708 Febbraio 2008 Iveco S.p.A. Via Puglia, 35 10156 Torino Italia www.offroad.iveco.com Publication L080708 Febbraio 2008 I dati riportati sono indicativi e non vincolanti. Iveco si riserva la facoltà di effettuare modifiche

Dettagli

ETRUCK Veicolo Elettrico Litio ABS

ETRUCK Veicolo Elettrico Litio ABS ETRUCK Veicolo Elettrico Litio ABS 1 AZIENDA CON PRODUZIONE DI SERIE 11000 veicoli prodotti per anno 250 dipendenti 2 fabbriche 100M turnover Produzione di serie Attività iniziata nel 1975 DATI TECNICI

Dettagli

Università degli Studi di Trieste a.a. 2009-2010. Convogliatori. continuo sono anche definiti convogliatori. Sono qui compresi:

Università degli Studi di Trieste a.a. 2009-2010. Convogliatori. continuo sono anche definiti convogliatori. Sono qui compresi: Convogliatori I trasportatori di tipo fisso con moto spesso continuo sono anche definiti convogliatori. Sono qui compresi: trasportatori a rulli (motorizzati o non motorizzati); trasportatori a nastro;

Dettagli

SALDATRICI A CONTATTO. Quickchange D1Q, D2Q, D3Q Saldatrice a contatto in argentografite

SALDATRICI A CONTATTO. Quickchange D1Q, D2Q, D3Q Saldatrice a contatto in argentografite SALDATRICI A CONTATTO Quickchange D1Q, D2Q, D3Q Saldatrice a contatto in argentografite SALDATRICI A CONTATTO per la tecnica di comando industriale Moduli di processo ad elevata capacità produttiva Le

Dettagli

INDICE. Assessorato turismo, sport, commercio e trasporti Infrastrutture funiviarie

INDICE. Assessorato turismo, sport, commercio e trasporti Infrastrutture funiviarie INDICE 1 CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI IMPIANTI A FUNE... 2 1.1 Definizione di impianto a fune... 2 1.2 Tipologie di impianto... 3 1.3 Funzionamento degli impianti a fune... 6 1.4 Normativa per la costruzione

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUTENZIONE ED USO. INDICE: AVVERTENZE GENERALI PER LA SICUREZZA...PAG. 2 INSTALLAZIONE GUIDE VERTICALI...PAG. 2 INSTALLAZIONE GRUPPO MOLLE...PAG. 2 INSTALLAZIONE CON VELETTA

Dettagli

Compattatore a Rullo Standard

Compattatore a Rullo Standard Compattatore a Rullo Standard Compattatore a Rullo Standard PAVELAB SYSTEM elettromeccanico e multi-formato con controllo closed loop CARATTERISTICHE PRINCIPALI o Funzionamento completamente elettromeccanico;

Dettagli

Multipurpose All Terrain Vehicle

Multipurpose All Terrain Vehicle FRESIA F18 4X4 Multipurpose All Terrain Vehicle Mezzo Speciale per Trasporto Materiale Logistico in condizioni estreme su ogni tipo di terreno 4 Ruote Motrici 4 Ruote Sterzanti L F18 4x4 è un veicolo leggero

Dettagli

Manuale d'installazione L.D02.C.M

Manuale d'installazione L.D02.C.M Manuale d'installazione Ottobre 2008 1. Introduzione Questo set di sospensioni pneumatiche ausiliari è stato concepito in maniera specifica per i modelli, Peugeot Boxer (2002 2006) e Citroen Jumper (2002

Dettagli

Appendice B Guida all'installazione del rack

Appendice B Guida all'installazione del rack Appendice B Guida all'installazione del rack Questa appendice descrive come installare il sistema nel kit opzionale per il montaggio su rack. 103 Installazione del sistema su rack Oltre alla configurazione

Dettagli

Modelli rimorchiati «vario», «roto» e «duo»

Modelli rimorchiati «vario», «roto» e «duo» Modelli rimorchiati «vario», «roto» e «duo» Modello di spargitura perfetto Il marchio Gafner è sinonimo di spargitura perfetta e lunga durata, combinate con semplicità di comando e design eccellente.

Dettagli

AMBIENTE. Istruzioni di posa per professionisti

AMBIENTE. Istruzioni di posa per professionisti AMBIENTE Istruzioni di posa per professionisti Indice Travetti 4 Scelta del materiale Posa dei travetti Posa di travetti per terrazzoa senza profilo di finitura (Sit. A) Preparazione dei travetti Preparazione

Dettagli

EH700. Massimo carico utile 37 600 kg. Massimo carico utile con rivestimento di tipo generico 35 400 kg. Peso complessivo a pieno carico 69 900 kg

EH700. Massimo carico utile 37 600 kg. Massimo carico utile con rivestimento di tipo generico 35 400 kg. Peso complessivo a pieno carico 69 900 kg EH700 Massimo carico utile 37 600 kg Massimo carico utile con rivestimento di tipo generico 35 400 kg Peso complessivo a pieno carico 69 900 kg Potenza lorda motore 391 kw / 525 HP Progettati per le prestazioni,

Dettagli

5.1 DATI TECNICI 5.1.1 INGOMBRI STANDARD IMPORTANTE. MISURE DI INGOMBRO CON BENNA STANDARD L 1260 E PNEUMATICI (27x8.50-15) DATI TECNICI

5.1 DATI TECNICI 5.1.1 INGOMBRI STANDARD IMPORTANTE. MISURE DI INGOMBRO CON BENNA STANDARD L 1260 E PNEUMATICI (27x8.50-15) DATI TECNICI DATI TECNICI 5.1 DATI TECNICI 5.1.1 INGOMBRI STANDARD IMPORTANTE q Il peso della macchina aumenta di 200 kg quando è allestita con ruote non pneumatiche. q Se la benna è munita di denti la lunghezza della

Dettagli

Istruzioni di montaggio accensione a rotore interno Stage6 Piaggio & Minarelli

Istruzioni di montaggio accensione a rotore interno Stage6 Piaggio & Minarelli Istruzioni di montaggio accensione a rotore interno Stage6 Piaggio & Minarelli Le figure 1 e 1.1. mostrano i componenti contenuti nella confezione. Il piattello di appesantimento non è fornito in dotazione,

Dettagli

Manuale d'installazione L.D94.C.M

Manuale d'installazione L.D94.C.M Manuale d'installazione Ottobre 2008 1. Introduzione Questo set di sospensioni pneumatiche ausiliari è stato concepito in maniera specifica per i modelli, Peugeot Boxer (1994 2002) e Citroen Jumper (1994

Dettagli

Parliamo di cilindri a staffa rotante, pneumatici

Parliamo di cilindri a staffa rotante, pneumatici Parliamo di cilindri a staffa rotante, pneumatici Campi di impiego: I cilindri pneumatici a staffa rotante sono impiegati nei casi dove sono sufficienti forze minime di bloccaggio (per esempio per il lavoro

Dettagli

Descrizione. Caratteristiche tecniche

Descrizione. Caratteristiche tecniche brevettato Descrizione La CMO è un dispositivo atto a garantire la protezione di persone/cose da urti provocati da organi meccanici in movimento quali cancelli o porte a chiusura automatica. L ostacolo

Dettagli

Gruppo Tecnico Movimentazione Manuale Carichi nei Caseifici del Parmigiano-Reggiano / giugno 2004

Gruppo Tecnico Movimentazione Manuale Carichi nei Caseifici del Parmigiano-Reggiano / giugno 2004 Scheda 4 - D) MATURAZIONE SALATOIO CAMERA CALDA PROBLEMA 1) TRAINO/SPINTA DEGLI SPERSOLI SU RUOTE O DEL CARRELLO DELLE FORME COMMENTO: la modalità, ormai, maggiormente in uso è quella degli spersoli su

Dettagli

STIGA PARK 121 M 8211-3011-10

STIGA PARK 121 M 8211-3011-10 STIGA PARK 121 M 8211-3011-10 D 5b. 1. Park -1993 5a. 2. Park -1993 6a. Park -1999 F G H 3. Park -1993 7. I I 4. Park -1993 8. 6b. Park 2000- J 9. 13. 10. 14. X Z Y W 11. V 15. Denna produkt, eller delar

Dettagli

Scegliete il giusto dispositivo

Scegliete il giusto dispositivo Sistemi per la movimentazione del vetro piano e delle lastre di vetro Dispositivi di movimentazione razionali per tutti i settori della lavorazione del vetro piano e delle lastre di vetro handling systems

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI DISPOSITIVI TEMPORANEI PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI NORMA DI RIFERIMENTO UNI EN 795:2012 DEFINIZIONE TIPO B Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità

Dettagli

Figura 1 Accesso alle porte di accesso (cfr. allegato 3, punto 7.7.1.) Sagoma di prova 1 Sagoma di prova 2

Figura 1 Accesso alle porte di accesso (cfr. allegato 3, punto 7.7.1.) Sagoma di prova 1 Sagoma di prova 2 18.6.2015 L 153/67 ALLEGATO 4 SCHEMI ESPLICATIVI Figura 1 Accesso alle porte di accesso (cfr. allegato 3, punto 7.7.1.) Sagoma di prova 1 Sagoma di prova 2 Classe di veicolo Altezza del pannello superiore

Dettagli

Guida all uso delle piastre per convergenza per kart.

Guida all uso delle piastre per convergenza per kart. Guida all uso delle piastre per convergenza per kart. L uso delle piastre per la regolazione e misurazione della convergenza e del camber del kart è molto semplice ed intuitivo, tuttavia è necessario essere

Dettagli

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima AREA RAGGIUNGIBILE IN SICUREZZA DISTANZA E POSIZIONAMENTO ANCORAGGI RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza

Dettagli

MOVIMENTAZIONE PAZIENTE

MOVIMENTAZIONE PAZIENTE MOVIMENTAZIONE PAZIENTE TELO PORTAFERITI SEDIA PORTANTINA Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI Strumento fondamentale per il TRASPORTO DEI PAZIENTI. Le OPERAZIONI normalmente eseguite con la barella

Dettagli

VETRATA PIEGHEVOLE S.62 Alluminio + legno (Brevetto europeo N 401.180)

VETRATA PIEGHEVOLE S.62 Alluminio + legno (Brevetto europeo N 401.180) I VETRATA PIEGHEVOLE S.62 Alluminio + legno (Brevetto europeo N 401.180) DESCRIZIONE TECNICA Le vetrate pieghevoli SUNROOM Mod. S.62-TONDA alluminio-legno sono una novità nel campo delle vetrate mobili.

Dettagli

TKA 61 KS LA NUOVA DIMENSIONE

TKA 61 KS LA NUOVA DIMENSIONE TKA 61 KS LA NUOVA DIMENSIONE MASSIMA ALTEZZA DI LAVORO Con un altezza di lavoro di 61 metri, uno sbraccio laterale di 39 metri e una portata del cestello di 120 kg la TKA 61 KS apre all utilizzatore dimensioni

Dettagli

Il carrello saliscale per i professionisti. I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente. www.aat-online.de

Il carrello saliscale per i professionisti. I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente. www.aat-online.de Il carrello saliscale per i professionisti A I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente www.aat-online.de La movimentazione di carichi pesanti sulle scale richiede particolare attenzione.

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio 0 07/00 IT Per i tecnici specializzati Istruzioni di montaggio Gruppo sfiato aria SKS per collettori piani a partire dalla versione. Prego, leggere attentamente prima del montaggio Volume di fornitura

Dettagli

Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno

Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno Indicazioni di bonifica per le Aziende del settore del Legno A seguito della verifica dei registri infortuni delle aziende del settore legno, si ritiene necessario fornire ulteriori indicazioni di bonifica

Dettagli

Caricamento dei vassoi 1, 2 e 3

Caricamento dei vassoi 1, 2 e 3 1, 2 e 3 Per i suggerimenti su come evitare gli inceppamenti, vedere Come evitare gli inceppamenti. Per informazioni sulle capacità dei vassoi, vedere Specifiche dell'origine, dei formati e della capacità

Dettagli

Attrezzature carrelli Elevatori

Attrezzature carrelli Elevatori Attrezzature carrelli Elevatori Forklift Attachments La colorazione delle attrezzature è puramente dimostrativa INDICE 2016-2017 Model Pag. Model Pag. Informazioni generali 2 02 Braccio a gru fi sso a

Dettagli

Bagno. Sollevatore per vasca da bagno. Il più leggero della sua categoria per un bagno senza problemi. Facile da utilizzare. Facile da maneggiare

Bagno. Sollevatore per vasca da bagno. Il più leggero della sua categoria per un bagno senza problemi. Facile da utilizzare. Facile da maneggiare Bagno Sollevatore per vasca da bagno Il più leggero della sua categoria per un bagno senza problemi trasportare maneggiare utilizzare pulire Vantaggi Vi facilita la vita Bellavita L unico sollevatore per

Dettagli

THE WINNING CHOICE... AI-620 SEMINATRICE MECCANICA AI-620 PER SEMINA ORTAGGI CON MICROGRANULATORE

THE WINNING CHOICE... AI-620 SEMINATRICE MECCANICA AI-620 PER SEMINA ORTAGGI CON MICROGRANULATORE THE WINNING CHOICE... AI-620 SEMINATRICE MECCANICA AI-620 PER SEMINA ORTAGGI CON MICROGRANULATORE Seminatrice meccanica AI-620 per semina ortaggi con microgranulatore Funzionalità: Possibilità di seminare

Dettagli