Regione Lombardia Assessorato Economia, Crescita e Semplificazione REFERENDUM LOMBARDIA AUTONOMA. Massimo Garavaglia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regione Lombardia Assessorato Economia, Crescita e Semplificazione REFERENDUM LOMBARDIA AUTONOMA. Massimo Garavaglia"

Transcript

1 Regione Lombardia Assessorato Economia, Crescita e Semplificazione REFERENDUM LOMBARDIA AUTONOMA

2 FUNZIONI RICENTRALIZZATE 1. promozione della concorrenza (oggi solo la tutela è di competenza esclusiva statale); 2. mercati assicurativi (oggi solo i finanziari); 3. armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario (oggi concorrente); 4. norme sul procedimento amministrativo e sulla disciplina del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche; 5. disposizioni generali e comuni per la tutela della salute, per le politiche sociali e per la sicurezza alimentare; 6. ordinamento scolastico, istruzione universitaria e programmazione strategica della ricerca scientifica e tecnologica; 7. previdenza complementare ed integrativa, tutela e sicurezza del lavoro, politiche attive del lavoro (oggi concorrenti), disposizioni generali e comuni sull'istruzione e la formazione professionale; 8. commercio con l'estero (oggi concorrente); 9. valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici (oggi concorrente); 10. ordinamento sportivo(oggi concorrente) 2

3 FUNZIONI RICENTRALIZZATE 11. disposizioni generali e comuni sulle attività culturali e del turismo (quest'ultimo attualmente rientra nella competenza residuale e quindi esclusiva della Regione), 12. ordinamento delle professioni e della comunicazione (oggi concorrenti); 13. disposizioni generali e comuni sul governo del territorio, sistema nazionale e coordinamento della protezione civile (oggi concorrenti); 14. produzione, trasporto e distribuzione nazionali dell'energia (oggi concorrenti); 15. infrastrutture strategiche e grandi reti di trasporto e di navigazione di interesse nazionale e relative norme di sicurezza, porti e aeroporti civili di interesse nazionale e internazionale (oggi concorrenti); Si aggiunge infine la clausola di supremazia statale formulata nei termini seguenti e tale, per la sua ampiezza, da poter di fatto completamente vanificare la potestà legislativa regionale: Su proposta del Governo, la legge dello Stato può intervenire in materie non riservate alla legislazione esclusiva quando lo richieda la tutela dell'unità giuridica o economica della Repubblica, ovvero la tutela dell'interesse nazionale. 3

4 TAGLI AI TRASFERIMENTI DEI COMUNI (dati in Milioni di Euro) Taglio ex DL 78/2010 (Berlusconi) Taglio ex Salva Italia (Monti) Taglio ex Spending Review (Letta) Taglio ex decreto Irpef (80 euro) (Renzi) Taglio ex Legge stabilità 2015 (Renzi) TOTALE Fonte CGIA Mestre e Rapporto «La Finanza Territoriale» 4

5 TAGLI AI TRASFERIMENTI DEI COMUNI 5

6 TASSE SUGLI IMMOBILI Quota di gettito previsto sugli immobili destinati alle attività commerciali che resta allo Stato * Dati in mld di, fonti: ANCE e Confedilizia,

7 MANOVRA INCREMENTALE SUL PATTO DI STABILITA DEI COMUNI (dati in Milioni di Euro) Manovra sul Patto di Stabilità Cumulato per anno Totale cumulato Dal 2013 anche gli enti locali dai ai abitanti sono assoggettati alla disciplina del Patto di Stabilità (art. 31, c. 1, legge n. 183/2011) (Governo Monti) Fonte: elaborazioni IFEL su dati Ministero dell Interno e Ministero dell Economia e delle Finanze» 7

8 Il decreto Irpef (80 euro) ed i tagli ai Comuni lombardi Nel 2015 ai Comuni della Regione Lombardia sono stati tagliati complessivamente ,23 euro per far fronte al bonus degli 80 euro del Governo Renzi 8

9 Tagli alle Province/1 Manovre Dl 78/ Dl 201/ Dl 95/ Dl 66/ L. 190/14 (legge di stabilità) Totale riduzione (in mil. di )

10 Tagli alle Province/2 *dati in Mil. di 10

11 LEGGE DI STABILITA 2015 I risparmi dei Ministeri I tagli previsti ai Ministeri nella legge di Stabilità ammontano a SOLI 1,978 mld. La spesa primaria dello Stato è di circa 157 mld. Un risparmio del 3% su tale importo comporta una riduzione di spesa che si attesta a 4,71 miliardi. Il rispetto del target del 3% (dichiarato, ma non rispettato da Renzi) come per le altre amministrazioni pubbliche determina, quindi, ancora possibili 2,732 mld di tagli alle spese delle amministrazioni centrali. 11

12 EFFETTI LEGGE DI STABILITA Le Regioni aumentano le tasse (tranne Regione Lombardia) 2. I Comuni saranno costretti ad aumentare le tasse 3. Le Province vanno in dissesto (quindi non saranno in grado di erogare servizi quali ad es. manutenzione delle strade, delle scuole) 12

13 RESIDUO FISCALE /1 Il residuo fiscale di Regione Lombardia ammonta a 53,8 miliardi di Euro* pari al 70% del residuo fiscale delle Regioni del Nord Regioni Residuo fiscale Piemonte Valle d'aosta -427 Liguria 55 Lombardia Prov. Autonoma Trento -997 Prov. Autonoma Bolzano 88 Veneto Friuli Venezia Giulia -359 Emilia Romagna Toscana Umbria 779 Marche 282 Lazio Abruzzo Molise -964 Puglia Basilicata Campania Calabria Sicilia Sardegna *(fonte CGIA Mestre ed Eupolis) 13

14 RESIDUO FISCALE/pro capite Residuo fiscale nelle regioni italiane valore pro-capite Fonte: Eupolis Lombardia 14

15 RESIDUO FISCALE/2 Ciò significa che il residuo fiscale di una famiglia lombarda, composta da 4 persone, ammonta a 21,996 Euro (fonte CGIA Mestre ed Eupolis) La Lombardia si conferma dunque la Regione col residuo fiscale più alto Nota: il residuo fiscale è la differenza tra quanto viene versato dai Lombardi e quanto viene speso per i Lombardi 15

16 TASSE IN LOMBARDIA Ogni lombardo paga in media * di tasse all anno: sono i più tartassati d Italia I calabresi 5918, i siciliani 5598 Lo stato però ne incassa più dell 80%: solo la parte restante va a Regioni, Comuni e Province *Dati forniti da CGIA Mestre 16

17 SPESA REGIONALIZZATA/1 per abitante REGIONI in ordine decrescente - anno 2013 SPESA PER ABITANTE (al netto interessi) 2010 Class Class Class Class. Bolzano Valle d'aosta Trento Sardegna Lazio Friuli Venezia Giulia Abruzzo Molise Sicilia Calabria Campania Liguria Basilicata Piemonte Puglia Toscana Umbria Marche Emilia Romagna Veneto Lombardia Italia (spesa reg.ta)

18 SPESA REGIONALIZZATA/2 Se tutte le Regioni italiane avessero i costi di Regione Lombardia Si produrrebbe un RISPARMIO DI 60 MILIARDI DI EURO cioè 2 volte l intera IRPEF pagata dai Lombardi 18