Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma"

Transcript

1 Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Attività e primi dati 2011 Torino, 19 settembre 2012 E. Mancini G. Ronco A. Caprioglio P. Giubilato N. Segnan Centro per l Epidemiologia e la Prevenzione dei Tumori in Piemonte

2 Popolazione Invitata annualmente su Popolazione Obiettivo Piemonte Trend % 100.0% 90.0% 80.0% 70.0% 85.7% 60.0% 50.0%

3 Inviti / Popolazione 82.0% 73.3% 61.5% 95.2% 87.3% 88.2% 99.3% 88.2% 85.7% 100.6% Regione Alessandria 140.0% 120.0% 100.0% 80.0% 60.0% 40.0% 20.0% 0.0% Asti Torino Moncalieri Rivoli Ivrea vercelli Novara Cuneo Compresi inviti fuori fascia Comprese inesitate Le adesioni spontanee sono considerate inviti 2011

4 Inviti per dipartimento % La proporzione rappresentata è data dalla differenza di inviti in rapporto alla popolazione target. Le aree verdi sono posizionate attorno allo standard di copertura annuale (100%) da raggiungere % % % % % % % % 0 Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria invitate invitate 2011

5 Inviti ed esami effettuati - per anno di attività inviti esami

6 Partecipazione all invito tra le donne anni invitate nel 2011* e nel 40,1% (33.8%) 51.5% (45.4%) 56.1% (50.4%) 43,3% (33.3%) 53,7%* (47.6%) 60,7% (52.6%) 45,6% (58.0%) 63,2% (44.0%) 52,8% (47.3%) 46.6% (45.7%) * Pilota pooled

7 Variazioni temporali della proporzione di partecipazione ( ) Dipartimenti Piemontesi 70.0% 60.0% 50.0% 40.0% 63.2% 60.7% 56.1% 53.7% 52.8% 51.5% 45.6% 46.6% 43.3% 40.1% 30.0% 20.0% 10.0% 0.0% Dipartimento 1 Torino Dipartimento 2 Moncalieri Dipartimento 3 Rivoli Dipartimento 4 Ivrea Dipartimento 5 Vercelli Dipartimento 6 Novara Dipartimento 7 Cuneo Dipartimento 8 Asti Dipartimento 9 Alessandria Regione Piemonte Torino comprende sia HPV che PAP Test 2011: dati non definitivi (Casale M.fto è considerata per il nel Dip.8 e dal nel Dip9))

8 Potenzialità di invito e Adesione (25-64) % Copertura Adesione 120.0% 100.0% 80.0% 60.0% 40.0% 20.0% 0.0% Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria regione copertura anno copertura anno 2011 adesione adesione adesione adesione

9 Esiti delle citologie di primo livello Piemonte Anno DIAGNOSI CITOLOGICA ETÀ < Totale % Cellule tumorali maligne % HSIL % LSIL % ASC-H % ASC-US % Cellule ghiandolari atipiche (AGC) % Negativo per lesioni intraepiteliali % Insoddisfacente % Totale % Piemonte Anno 2011* 0< Totale % 1. CTM % 2. HSIL % 3. LSIL % 4. ASC-H % 5. ASC-US % 6. AGC % 8. Negativo % 9. Insoddisfacente % Totale Alterazioni citologiche: 1.8% 67 invii a triage con HPV per ASCUS 68 invii a triage con HPV per LSIL Alterazioni citologiche: 1.9% 112 invii a triage con HPV per ASCUS 84 invii a triage con HPV per LSIL *Dati non definitivi 3.5% 3.0% 2.5% 2.0% 1.5% 1.0% 0.5% 0.0% % 2.2% 2.0% 1.9% 1.7% 1.7% 1.7% 1.7% 1.6% 1.4% 1.3% 1.2% 1.1% 1.1% 0.9% 0.9% 0.9% 0.7% 0.5% 0.5% Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria Totale ASCUS+ LSIL+

10 Prelievi Insoddisfacenti. Anno Standard Regionali Accettabile < 5% Ottimale < 3% Tecnico Citolisi Flogosi Altro Totale rif. n % n % n % n % n % n Dip 1 Torino % % % % % % Dip2 Moncalieri % % % % % % Dip3 Rivoli % % % % % % Dip4 Ivrea % % % % % % Dip5 Vercelli % 0 0.0% % % % % Dip6 Novara % % % 3 0.0% % % Dip7 Cuneo % % 0 0.0% % % % Dip8 Asti % 0 0.0% % 0 0.0% % % Dip 9 Alessandria % 8 0.0% % % % % Regione Piemonte % % % % % %

11 Standard Regionali Prelievi Insoddisfacenti -2011* Accettabile < 5% motivi tecnici e non tecnici Ottimale < 3% Dip 1 Torino Dip2 Moncalieri Dip3 Rivoli Dip4 Ivrea Dip5 Vercelli Dip6 Novara Dip7 Cuneo Dip8 Asti Dip 9 Alessandria Regione Piemonte Dip 1 Torino Dip2 Moncalieri Dip3 Rivoli Dip4 Ivrea Dip5 Vercelli Dip6 Novara Dip7 Cuneo Dip8 Asti Dip 9 Alessandria Regione Piemonte 0.8% 1.6% 1.4% 2.9% 2.2% 1.9% 2.1% 1.5% 1.0% 0.6% 1.3% 1.3% 1.0% 2.4% 2.0% 1.9% 1.1% 0.7% 0.7% 1.9% 0.8% 1.7% 1.5% 1.6% 1.9% 2.1% 1.4% 0.6% 0.9% 0.6% 1.4% 2.6% 2.5% 1.9% 1.6% 2.4% 1.7% 1.0% 1.1% 1.8% 1.2% 1.3% 1.1% 0.8% 0.9% 0.2% 0.2% 0.1% 0.4% 0.5% 0.3% 1.4% 1.4% 1.9% 3.8% 3.8% 4.0% 4.6% 5.3% 7.0% 8.0% 7.0% 6.0% 5.0% 4.0% 3.0% 2.0% 1.0% 0.0% "Tecnico" "Non tecnico" (citolisi, flogosi etc) 2011 Tecnico Citolisi Flogosi Altro Totale 2011 n % n % n % n % n % n Dip 1 Torino % % % % % 1.4% Dip2 Moncalieri % % % % % 5.2% Dip3 Rivoli % % % % % 6.2% Dip4 Ivrea % % % % % 3.4% Dip5 Vercelli % 3 0.0% % 5 0.0% % 2.9% Dip6 Novara % % % 0.0% % 4.2% Dip7 Cuneo % % 0.0% % % 2.1% Dip8 Asti % 0.0% % 0.0% % 5.5% Dip 9 Alessandria % % % % % 2.1% Regione Piemonte % % % % % %

12 Qualità del prelievo Trend Prelievi Insoddisfacenti (motivi tecnici) Anni % 6.0% 5.0% 4.0% 3.0% 2.0% 1.0% 0.0% TO MO RI IV VC NO CN AT AL D01 D02 D03 D04 D05 D06 D07 D08 D09 Piem

13 Distribuzione del numero di prelievi insoddisfacenti per prelevatore Anno 20.00% Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria 18.00% 16.00% 14.00% 12.00% 10.00% 8.00% 6.00% 4.00% 2.00% 0.00% Esclusi 67 (su 235) codici con meno di 100 prelievi

14 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 13% 16% Trend modificazioni reattive Anni % 24% 18% 15% 3% 10% 24% 16% Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria Regione Piemonte

15 Provvedimenti operativi sulle modificazioni reattive rip terap; 6224; 23% % rip imm; 0; 0% colpo; 238; 1% breve ter; 1048; 4% L esito MR è rappresentato In regione complessivamente al 16% % 15% Lett. ad hoc; 25; 0% 3 aa; 19556; 72% 24% % 24% 18% % 10% 0 TO MO RI IV VC NO CN AT AL 3 aa Lett. ad hoc breve ter colpo rip imm rip terap

16 20.0% 18.0% 16.0% 14.0% 12.0% 10.0% 8.0% 6.0% 4.0% 2.0% 0.0% Indicazioni a ripetere (anno e precedenti) 3.9% 10.6% 14.0% 7.7% 14.5% 5.3% 4.6% 3.1% 3.8% 7.4% Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria Piemonte Ripetizione immediata Ripete dopo terapia Ripete a breve termine

17 Intervalli di refertazione citologia primo livello Torino* Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria Regione 1. Entro 21 gg gg gg Oltre 45 gg Totale Torino* Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria Regione 1. Entro 21 gg 97.2% 94.7% 83.4% 41.1% 62.8% 99.4% 77.4% 62.9% 50.2% 75.7% gg 2.6% 3.0% 14.1% 49.6% 21.8% 0.6% 8.7% 28.0% 21.9% 16.2% gg 0.1% 0.9% 2.2% 9.3% 10.9% 0.0% 13.4% 8.9% 14.6% 6.1% 4. Oltre 45 gg 0.0% 1.5% 0.3% 0.0% 4.5% 0.0% 0.5% 0.3% 13.3% 2.0% Totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% entro 30 gg % 99.9% 97.6% 97.5% 90.7% 84.6% 100.0% 86.1% 90.9% 72.2% 91.9% Standard Regionali Accettabile: 80% entro 30 gg Ottimale: 80% entro 21 gg

18 Intervalli di refertazione. Pap Test Primo livello Standard Regionali Accettabile: 80% entro 30 gg Ottimale: 80% entro 21 gg Percentuale di vetrini refertati per categoria di intervallo temporale e dipartimento 91.9% Il 76.1% è refertato entro 30 gg % 30.2% 11.7% 19.2% 14.7% 43.0% 31.4% 52.1% 28.7% 97.9% 83.6% 79.0% 41.6% 18.7% 57.5% 18.6% 28.6% 11.0% 19.1% 1.1% 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria Regione Entro 21 gg gg

19 Intervalli di refertazione Citologia di primo livello per laboratorio Invitate anno Entro 21 gg gg gg Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria L7 L1 L7 L1 L1 L1 L2 L1 L2 L1 L2 L3 L1 L1 L2 70.9% 13.8% 71.9% 19.2% 43.0% 24.9% 72.4% 99.4% 95.2% 100.0% 80.9% 66.8% 79.0% 79.5% 25.0% 28.6% 6.0% 26.3% 14.7% 31.4% 44.9% 16.7% 0.5% 2.1% 0.0% 18.6% 15.9% 19.1% 16.5% 19.6% 0.5% 15.2% 1.5% 39.5% 25.5% 28.5% 9.7% 0.0% 2.7% 0.0% 0.6% 17.0% 1.7% 2.4% 34.0% Oltre 45 gg 0.0% 65.0% 0.2% 26.7% 0.1% 1.7% 1.2% 0.0% 0.0% 0.0% 0.0% 0.3% 0.3% 1.6% 21.4% Totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% L7 L1 L7 L1 L1 L1 L2 L1 L2 L1 L2 L3 L1 L1 L2 Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria 1. Entro 21 gg gg gg 4. Oltre 45 gg

20 Anno Anno 2011 Inviti in colposcopia (per diagnosi citologiche) Anni 2011* CTM HSIL LSIL ASC-H Asc-US (dopo triage) Lsil (dopo Triage) ASCUS AGC Altro Totale Aderenti RR inv RR inv Torino % 1.78% Moncalieri % 2.81% Rivoli % 2.99% Ivrea % 3.79% Vercelli % 2.68% Novara** % 2.38% Cuneo % 1.20% Asti % 2.59% Alessandria % 2.30% Piemonte % 2.41% 0.2% 7.3% 33.3% 2.4% 0.8% 1.2% 24.6% 4.5% 25.7% 100.0% CTM HSIL LSIL ASC-H ASCUS** AGC Altro Totale Aderenti RR inv 2011 RR inv Torino % 2.26% Moncalieri % 2.97% Rivoli % 2.85% Ivrea % 4.15% Vercelli % 1.99% Novara** % 1.63% Cuneo % 1.00% Asti % 2.17% Alessandria % 2.25% Piemonte % 2.45% 0.2% 6.8% 35.7% 2.2% 25.9% 2.7% 26.6% 100.0% *Dati 2011 non definitivi. Errata Corrige per Torino 2011: Aderenti = (solo Pap Test) e RR = 2.3% ** Novara comprende i casi di invio in colposcopia (ASCUS e LSIL) dopo triage con HPV Standard Regionali RR: Accettabile: <= 5%-- Ottimale: <= 3.5%

21 Inviti in colposcopia per altro Per dipartimento e dettaglio di invio anni Torino 02 Moncalieri 03 Rivoli 04 Ivrea 05 Vercelli 06 Novara 07 Cuneo 08 Asti 09 Alessandria Non eseguito: invio in colpo Non eseguito -> in u.p. C29 - Bethesda endometrio - in colpo C28 - Bethesda terapia attinica - in colpo C20 - INVIO IN COLPOSCOPIA PER DUE PRELIEVI INADEGUATI C19 - MODIFICAZIONI REATTIVE - COLPOSCOPIA DOPO TERAPIA C18 - MODIFICAZIONI REATTIVE - COLPOSCOPIA DOPO TERAPIA C09 - NEGATIVO IN FOLLOW UP CLINICO - INVIO IN COLPOSCOPIA C07 - MODIFICAZIONI REATTIVE - COLPOSCOPIA DOPO TERAPIA C06 - MODIFICAZIONI REATTIVE - COLPOSCOPIA IMMEDIATA

22 Trend inviti in colposcopia 5.0% 2.26% 1.51% 2.97% 3.64% 2.85% 3.34% 4.15% 4.13% 1.99% 2.20% 1.63% 1.98% 1.00% 0.98% 2.17% 3.00% 2.25% 2.74% 2.45% 2.45% 4.5% 4.0% 3.5% 3.0% 2.5% 2.0% 1.5% 1.0% 0.5% 0.0% Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria Piemonte Standard Regionali: Accettabile: <= 5%-- Ottimale: <= 3.5% Dati 2011 non definitivi RR 2007 RR 2008 RR RR RR 2011

23 Inviti in colposcopia anno Primi Screening e Successivi 3.57% 1.85% 2.02% 3.72% 2.56% 3.74% 2.72% 1.65% 2.46% 1.18% 1.66% 0.84% 3.82% 1.87% 3.21% 0.40% 3.60% 1.89% 5.05% 5.76% 7.00% 6.00% 5.00% 4.00% 3.00% 2.00% 1.00% 0.00% to mo ri iv vc no cn at al reg Primo scr succ

24 Adesione alla colposcopia (Anni *. Ogni motivo di invio) 93.3% 93.5% 91.6% 90.7% 91.8% 97.0% 92.2% 98.1% 96.6% 89.9% 91.5% 90.8% 89.6% 90.1% 97.2% 96.7% 97.2% 89.8% 93.0% 93.9% % 90.00% 80.00% 70.00% 60.00% Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria Piemonte *Dati 2011 non definitivi e comprensivi di inviti pendenti Sono compresi i casi di triage HPV

25 100.0% 95.0% 90.0% 85.0% 80.0% 75.0% 70.0% Adesione alla colposcopia (Anno - per motivo di invio) Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria Regione Totale ASCUS+ Lsil+ HSIL+

26 Intervallo Pap Test Colposcopie -2011* Proporzione di colposcopie eseguite entro 60 gg dal pap test (ogni motivo di invio) 100.0% 90.0% 80.0% 70.0% 60.0% 50.0% 40.0% 30.0% 20.0% 10.0% 0.0% Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria Regione entro 60 gg entro 60 gg entro 60 gg : dati non definitivi

27 700 Intervallo Pap Test Colposcopia regione < > 120 Hsil+ LSIL ASCUS, ASC-H AGC Altro

28 Intervallo Pap Test Colposcopia - HSIL % 90.00% 80.00% 70.00% 60.00% 50.00% entro 30 gg entro 60 gg 40.00% 30.00% 20.00% 10.00% 0.00% Torino Moncalieri Rivoli Ivrea Vercelli Novara Cuneo Asti Alessandria Regione

29 Le lesioni confermate istologicamente 800 CIN : 408 : 448 : : Primi Succ Primi Succ Primi Succ Primi Succ Ca Inv Cin3 Cin2 Cin1 Invitate 2008 Invitate Invitate Invitate 2011 Ca Inv Cin Cin Cin E presente il cut-off per l adesione al primo livello all aprile successivo ed alla colposcopia al settembre successivo. I valori riportati per il 2011 non sono definitivi

30 Distribuzione delle lesioni confermate istologicamente per età < Ca squamoso Invasivo non stadiato Adeno Ca Invasivo CIN3 CIN2

31 Valore Predittivo CIN2+ - Trend (per Dipartimento su invii per diagnosi di ASCUS o superiore) 17.7% 12.2% 24.7% 18.5% 23.1% 9.6% 14.8% 12.2% 8.2% 8.2% 11.8% 18.8% 27.2% 18.9% 24.7% 21.3% 11.0% 12.2% 22.0% 4.4% Ott. Acc. 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% Torino* Moncalieri Rivoli* Ivrea* Vercelli Novara*^ Cuneo Asti Alessandria Piemonte VPP 2006 VPP 2007 VPP2008 VPP VPP VPP2011* *= uso del Bethesda 2001 per tutto il *^ = uso del triage con HPV

32 Detection Rate CIN 2+ per Dipartimento. Trend Anno 2002 Anno 2003 Anno 2004 Anno 2005 Anno 2006 anno 2007 anno 2008 anno anno std torino monc rivoli ivrea verc novara cuneo asti aless piemonte

33 La Capacità di Invito segna una Sintesi La segna una flessione nel ancor più marcata nel Il programma di screening regionale aveva già quasi completamente raggiunto completamente la popolazione bersaglio. E E importante recuperare la capacità di invito già raggiunta in passato anche in presenza di incrementi di partecipazione. pazione. La Partecipazione al programma 45.4% nel si incrementa notevolmente nel 2011 (51.5%). Tuttavia sono proprio i dipartimenti che incrementano maggiormente la partecipazione a ridurre la capacità di invito. A parità di risorse esiste evidentemente una proporzionalità inversa tra i due indicatori. (A Torino la diffusione del progetto pilota contribuisce all incremento). La proporzione di Test Insoddisfacenti è contenuta La proporzione di contenuta.. Rivoli, nel 2011 supera notevolmente lo standard del 5%. Si fa ancora ricorso, in qualche dipartimento che non ha adottato il Sist. Bethesda Si incrementano le modificazioni reattive, ma in buona parte (ca.3/4) esitano in esiti operativi che inviano a scadenza standard triennale (1% in colposcopia). Le Indicazioni a ripetere il test sono Le quelle per terapia. il test sono tradizionalmente elevate a Moncalieri, Rivoli e Vercelli, in particolare Complessivamente gli intervalli di refertazione di primo livello, dopo la buona performance del Complessivamente gli dopo la buona performance del, nel 2011 sono nuovamente al di sotto degli standard, con ampia variabilità tra dipartimenti. La Proporzione di invii in colposcopia (2.45%) è stabile ed accettabile in tutti i La dipartimenti che, salvo Ivrea, raggiungono gli standard ottimali (<3.5%). I Tempi per la Colposcopia sono sempre eccessivi. I Tempi per la Colposcopia La Partecipazione agli approfondimenti raggiunge e supera complessivamente il 90% (soglia accettabile) ma Novara e Cuneo non raggiungono questo livello. Il Valore Predittivo della citologia è generalmente ottimale (17.7%) ma ad Ivrea Il sotto dell accettabilit accettabilità (10%). (17.7%) ma ad Ivrea è al di La Detection Rate ha un trend complessivo in crescita, evidente soprattutto nei primi La, evidente soprattutto nei primi passaggi. Le differenze tra dipartimenti tendono ad diventare meno evidenti se si standardizza per età delle aderenti.

Attività dei programmi di Screening Cervicale piemontesi nel 2004

Attività dei programmi di Screening Cervicale piemontesi nel 2004 Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma. Attività, risultati,prospettive Torino 27 Marzo 2006 Attività dei programmi di Screening Cervicale piemontesi nel 2004 Guglielmo Ronco - Pamela

Dettagli

I programmi di screening dell'azienda Sanitaria Regione Valle d'aosta VALUTAZIONE DELLO SCREENING CITOLOGICO PER IL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO

I programmi di screening dell'azienda Sanitaria Regione Valle d'aosta VALUTAZIONE DELLO SCREENING CITOLOGICO PER IL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO CPO-Piemonte Centro di Riferimento per l'epidemiologia e la Prevenzione Oncologica I programmi di screening dell'azienda Sanitaria Regione Valle d'aosta VALUTAZIONE DELLO SCREENING CITOLOGICO PER IL TUMORE

Dettagli

I programmi di screening dell'azienda Sanitaria Regione Valle d'aosta VALUTAZIONE DELLO SCREENING CITOLOGICO PER IL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO

I programmi di screening dell'azienda Sanitaria Regione Valle d'aosta VALUTAZIONE DELLO SCREENING CITOLOGICO PER IL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO CPO-Piemonte Centro di Riferimento per l'epidemiologia e la Prevenzione Oncologica I programmi di screening dell'azienda Sanitaria Regione Valle d'aosta VALUTAZIONE DELLO SCREENING CITOLOGICO PER IL TUMORE

Dettagli

Progetto pilota HPV: risultati preliminari. Guglielmo Ronco Raffaella Rizzolo

Progetto pilota HPV: risultati preliminari. Guglielmo Ronco Raffaella Rizzolo Progetto pilota : risultati preliminari Guglielmo Ronco Raffaella Rizzolo OBIETTIVI GENERALI Preparare la transizione verso l adozione routinaria Mettere a punto metodi e strumenti Valutare Costi Impatto

Dettagli

Workshop: Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Attività, risultati e prospettive Torino, 24 Gennaio 2005

Workshop: Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Attività, risultati e prospettive Torino, 24 Gennaio 2005 Workshop: Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Attività, risultati e prospettive Torino, 24 Gennaio 2005 Tavola Rotonda con la partecipazione dei Coordinatori dei programmi di screening

Dettagli

La survey al 31/12/2011 del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia-Romagna e in Italia

La survey al 31/12/2011 del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia-Romagna e in Italia La survey al 31/12/2011 del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia-Romagna e in Italia Fabio Falcini, Alessandra Ravaioli, Silvia Mancini, Rosa Vattiato 1 Introduzione Modalità

Dettagli

La survey al 31/12/2012 del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia-Romagna e in Italia

La survey al 31/12/2012 del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia-Romagna e in Italia La survey al 31/12/2012 del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia-Romagna e in Italia Fabio Falcini, Alessandra Ravaioli, Silvia Mancini, Rosa Vattiato 1 Introduzione Modalità

Dettagli

Lo Screening dei tumori del collo dell utero. Raffaella Andresini

Lo Screening dei tumori del collo dell utero. Raffaella Andresini Lo Screening dei tumori del collo dell utero Raffaella Andresini Modena, 11 Novembre 2014 Aggiornamento sui risultati nell AUSL di Modena Aggiornamento sui risultati del I livello Aggiornamento sui risultati

Dettagli

Il coordinamento GISCI: gruppo organizzazione, valutazione e comunicazione. Cosa è stato fatto Come proseguire

Il coordinamento GISCI: gruppo organizzazione, valutazione e comunicazione. Cosa è stato fatto Come proseguire Il coordinamento GISCI: gruppo organizzazione, valutazione e comunicazione Cosa è stato fatto Come proseguire Survey migranti Proposta di indicatori per i programmi che utilizzano il test HPV come primo

Dettagli

I risultati dello screening con test HPV in Veneto nel 2017

I risultati dello screening con test HPV in Veneto nel 2017 Riunione Annuale Screening Cervicale Padova, novembre ECM I risultati dello screening con test HPV in Veneto nel Manuel Zorzi Registro Tumori del Veneto Azienda Zero Chiara Fedato Direzione Prevenzione,

Dettagli

Test HPV come test primario e citologia di triage

Test HPV come test primario e citologia di triage Test HPV come test primario e citologia di triage Manuel Zorzi Registro Tumori del Veneto Hanno fornito i dati Guglielmo Ronco, Pamela Giubilato, Adele Caprioglio Programmi attivi con HPV test primario

Dettagli

Introduzione del test HPV come test primario di screening in Prevenzione Serena

Introduzione del test HPV come test primario di screening in Prevenzione Serena Introduzione del test HPV come test primario di screening in Prevenzione Serena N. Segnan MD CPO Piemonte, AOU Città della Salute e della Scienza Torino IARC Senior Visiting Scientist Torino, 3 novembre

Dettagli

Risultati Riunione annuale dello Screening Citologico Padova, 05 novembre 2012

Risultati Riunione annuale dello Screening Citologico Padova, 05 novembre 2012 Riunione annuale dello Screening Citologico Padova, novembre Risultati Chiara Fedato Registro Tumori del Veneto Istituto Oncologico Veneto - IRCCS Programmi di screening citologico attivi in Veneto al..

Dettagli

La survey classica. Lo screening del carcinoma cervico vaginale in Italia. Cinzia Campari Pamela Giubilato Tutti i programmi che inviano i dati

La survey classica. Lo screening del carcinoma cervico vaginale in Italia. Cinzia Campari Pamela Giubilato Tutti i programmi che inviano i dati Lo screening del carcinoma cervico vaginale in Italia La survey classica Cinzia Campari Pamela Giubilato Tutti i programmi che inviano i dati Perugia 27-28 Gennaio 2015 Ministero della Salute Centro Nazionale

Dettagli

Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2016

Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2016 Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 216 IL SECONDO LIVELLO: LA COLPOSCOPIA RISULTATI ATTIVITÀ 214 RAFFAELLA RIBALDONE Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia

Dettagli

Il passaggio allo screening con HPV come test primario: programmi e stato di attivazione. Guglielmo Ronco

Il passaggio allo screening con HPV come test primario: programmi e stato di attivazione. Guglielmo Ronco Il passaggio allo screening con HPV come test primario: programmi e stato di attivazione Guglielmo Ronco DGR 21 Apr 2013 n. 21-1705 Introduzione del test per la ricerca di DNA di HPV come test primario

Dettagli

PIEMONTE: ESPERIENZA CON HC2 E TP

PIEMONTE: ESPERIENZA CON HC2 E TP PIEMONTE: ESPERIENZA CON HC2 E TP Laura De Marco Centro Unificato Screening Cervico Vaginale AOU Città della Salute e della Scienza S. Giovanni Antica Sede - Torino WORKSHOP PRECONGRESSUALE IL TEST HPV

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Napoli 9-10 giugno

CONVEGNO NAZIONALE Napoli 9-10 giugno CONVEGNO NAZIONALE 2016 Napoli 9-10 giugno Multidisciplinarietà e qualità nel percorso di screening: le problematiche emergenti con HPV primario. Il ginecologo GP Fantin CASO CLINICO D. Tamara età 40 Fumatrice

Dettagli

TEST HPV come test primario

TEST HPV come test primario TEST HPV come test primario Dallo studio di fattibilità allo screening regionale in Piemonte Anna Gillio Tos Centro Unificato per lo Screening Cervico Vaginale S. Giovanni Antica Sede AOU Città della Salute

Dettagli

Screening Citologico. Azienda ULSS n 21. Legnago. anno 2010

Screening Citologico. Azienda ULSS n 21. Legnago. anno 2010 Screening Citologico Azienda ULSS n 21 Legnago anno 2010 Note. 1. Come anticipato nelle riunioni annuali del 2006, si introduce la suddivisione tra coorte invitate e coorte screenate. La coorte invitate

Dettagli

Comunicazione. collo dell utero. Test HPV. Linee Guida. Invito. sopravvivenza valutazione. Colonscopia. Appuntamento. intervallo.

Comunicazione. collo dell utero. Test HPV. Linee Guida. Invito. sopravvivenza valutazione. Colonscopia. Appuntamento. intervallo. terapia programma Sanità Diagnosi precoce formazione Tumori Biopsia Comunicazione Colonscopia Invito Programma Test HPV Appuntamento intervallo Ecografia collo dell utero Linee Guida Screening Informazione

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale

Servizio Sanitario Nazionale Servizio Sanitario Nazionale Analisi e riflessione sul rilevamento dei dati e risultati dell attività del II livello screening (diagnosi e terapia) Risultati attività Dipartimento 4 M. Pia Alibrandi Audit

Dettagli

Survey su attività Ezio Venturino. Dati Elaborati CPO Piemonte Adele Caprioglio, Pamela Giubilato

Survey su attività Ezio Venturino. Dati Elaborati CPO Piemonte Adele Caprioglio, Pamela Giubilato Screening del carcinoma cervico vaginale Italia: dati delle Regioni che invitano con Pap Test come test primario E Italia: programmi che invitano le donne con Test HPV primario Dati sull attività dei programmi

Dettagli

Test HPV, vaccinazione e screening: ipotesi per il futuro

Test HPV, vaccinazione e screening: ipotesi per il futuro Bologna, 8/6/2007 HPV e tumori dell apparato genitale femminile: l era dei vaccini Test HPV, vaccinazione e screening: ipotesi per il futuro Carlo Naldoni Servizio Sanità Pubblica Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2018

Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2018 Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 28 IL SECONDO LIVELLO: LA COLPOSCOPIA RISULTATI ATTIVITÀ 26 RAFFAELLA RIBALDONE con la collaborazione di P. Giubilato,

Dettagli

ProgrammaRegionalediScreening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2017

ProgrammaRegionalediScreening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2017 ProgrammaRegionalediScreening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2017 IL SECONDO LIVELLO: LA COLPOSCOPIA RISULTATI ATTIVITÀ 2015 RAFFAELLA RIBALDONE Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia

Dettagli

I risultati della Survey 2007 E. Mancini, P. Giubilato, G. Ronco C.P.O. Piemonte. Convegno Nazionale Gisci Ferrara 10 Giugno 2009

I risultati della Survey 2007 E. Mancini, P. Giubilato, G. Ronco C.P.O. Piemonte. Convegno Nazionale Gisci Ferrara 10 Giugno 2009 I risultati della Survey 2007 E. Mancini, P. Giubilato, G. Ronco C.P.O. Piemonte Convegno Nazionale Gisci Ferrara 10 Giugno 2009 Estensione dei programmi 11.872.810 2004: 63,6% 2005: 66,7% 2006: 69,0%

Dettagli

Convegno annuale GISCi Il futuro dello screening, lo screening del futuro

Convegno annuale GISCi Il futuro dello screening, lo screening del futuro Convegno annuale GISCi Il futuro dello screening, lo screening del futuro Ferrara, 10-12 Giugno 2009 Lo screening del cervico-carcinoma nella Regione Emilia-Romagna: oggi e domani Carlo Naldoni, Flavia

Dettagli

Osservazioni su aspetti della Survey. Paola Capparucci Ettore Mancini

Osservazioni su aspetti della Survey. Paola Capparucci Ettore Mancini Osservazioni su aspetti della Survey Paola Capparucci Ettore Mancini La Survey Raccoglie annualmente i dati per programmi di screening su base di coorte di invitate: Prima parte: descrizione del programma

Dettagli

Approfondimento: la survey sulle migranti

Approfondimento: la survey sulle migranti Approfondimento: la survey sulle migranti Il gruppo di lavoro sulle Migranti I programmi partecipanti alla rilevazione Il coordinamento GISCI: gruppo organizzazione, valutazione e comunicazione Perché

Dettagli

Rimini 11 marzo Priscilla Sassoli de Bianchi Assessorato politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna

Rimini 11 marzo Priscilla Sassoli de Bianchi Assessorato politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna Rimini 11 marzo 2015 Priscilla Sassoli de Bianchi Assessorato politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna 1 Programma di screening per la prevenzione dei tumori della cervice uterina 1. Che cos è un

Dettagli

carcinoma cervicale. Padova, 05 Novembre 2012 Gian Piero Fantin

carcinoma cervicale. Padova, 05 Novembre 2012 Gian Piero Fantin Il documento GISCi: indicazioni i i test t HPV-hr all'interno odel poga programma adi screening scee gper il carcinoma cervicale. Padova, 05 Novembre 2012 Gian Piero Fantin Aggiornamento* del documento:

Dettagli

Le basi scientifiche del passaggio al test HPV come test primario di screening e dei protocolli di applicazione. Guglielmo Ronco

Le basi scientifiche del passaggio al test HPV come test primario di screening e dei protocolli di applicazione. Guglielmo Ronco Le basi scientifiche del passaggio al test HPV come test primario di screening e dei protocolli di applicazione Guglielmo Ronco DGR 21 Apr 2013 n. 21-1705 Introduzione del test per la ricerca di DNA di

Dettagli

La riorganizzazione del 2 livello: I nuovi protocolli e l applicazione di quelli già approvati Mario Preti

La riorganizzazione del 2 livello: I nuovi protocolli e l applicazione di quelli già approvati Mario Preti La riorganizzazione del 2 livello: I nuovi protocolli e l applicazione di quelli già approvati Mario Preti Dipartimento di Ginecologia ed Ostetricia SCDU1 (Dir. Prof.ssa C. Benedetto) Az. Ospedaliera Città

Dettagli

L implementazione informatica del protocollo regionale di colposcopia

L implementazione informatica del protocollo regionale di colposcopia Programma regionale di screening per il cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 23 novembre 2015 L implementazione informatica del protocollo regionale di colposcopia Cristina Larato Raffaella Rizzolo,

Dettagli

FOCUS DALLA SURVEY: PAP TEST. Elaborazione dati a cura di Pamela Giubilato e Guglielmo Ronco. Massimo Confortini

FOCUS DALLA SURVEY: PAP TEST. Elaborazione dati a cura di Pamela Giubilato e Guglielmo Ronco. Massimo Confortini FOCUS DALLA SURVEY: PAP TEST Elaborazione dati a cura di Pamela Giubilato e Guglielmo Ronco Massimo Confortini Survey 2016 Solo pap test: 54 programmi Coesistenza pap e HPV test: 64 programmi HPV test

Dettagli

La survey al 31/12/2014 del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia-Romagna e in Italia

La survey al 31/12/2014 del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia-Romagna e in Italia La survey al 31/12/2014 del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia-Romagna e in Italia Fabio Falcini, Alessandra Ravaioli, Silvia Mancini, Rosa Vattiato Bologna, 14 marzo 2016

Dettagli

Friuli Venezia Giulia: perché restare al pap test

Friuli Venezia Giulia: perché restare al pap test GISCi - Convegno Nazionale 2014 Firenze, 12-13 giugno 2014 Friuli Venezia Giulia: perché restare al pap test Antonella Franzo Regione FVG Il contesto regionale Regione FVG: 1.200.000 abitanti Popolazione

Dettagli

Spunti per la discussione

Spunti per la discussione Spunti per la discussione Le criticità del Pap test e dell HPV La transizione da Pap test ad HPV L impatto dello screening La questione delle priorità Le criticità di Pap e HPV Proporzione di invii in

Dettagli

Focus 1 : IL TEST HPV COME TEST PRIMARIO

Focus 1 : IL TEST HPV COME TEST PRIMARIO Focus 1 : IL TEST HPV COME TEST PRIMARIO Laura De Marco Centro Unificato Screening Cervico Vaginale AOU Città della Salute e della Scienza S. Giovanni Antica Sede - Torino Elaborazione dati: Pamela Giubilato,

Dettagli

Lo screening per il. cervicocarcinoma; in Italia, nel Veneto, nell Ulss 21. Dr Paolo Bulgarelli

Lo screening per il. cervicocarcinoma; in Italia, nel Veneto, nell Ulss 21. Dr Paolo Bulgarelli Lo screening per il 31 cervicocarcinoma; in Italia, nel Veneto, nell Ulss 21 Dr Paolo Bulgarelli UOC ostetricia e ginecologia Direttore: Dr. Pietro Catapano Ospedale Mater Salutis, Legnago 31 Marzo 2012

Dettagli

Programmi di screening

Programmi di screening Programmi di screening Identità e differenze Alberto Bellomi Centro di diagnostica istocitologica Azienda Ospedaliera Carlo Poma Mantova Identità Prevenzione del cervicocarcinoma (squamoso? ghiandolare?)

Dettagli

INDICATORI DI PROCESSO DEI PROGRAMMI ORGANIZZATI DI SCREENING CERVICALE IN ITALIA NEL 2005 E LORO DETERMINANTI

INDICATORI DI PROCESSO DEI PROGRAMMI ORGANIZZATI DI SCREENING CERVICALE IN ITALIA NEL 2005 E LORO DETERMINANTI INDICATORI DI PROCESSO DEI PROGRAMMI ORGANIZZATI DI SCREENING CERVICALE IN ITALIA NEL 2005 E LORO DETERMINANTI Pamela Giubilato CPO Piemonte - Torino Convegno Nazionale GISCi - Catania, 3-4 Maggio 2007

Dettagli

Confrontiamoci con il PNP: HPV obiettivo anno 2018 da Nord a Sud I RISULTATI DELLA SURVEY I DATI DELLA SURVEY DEL SECONDO LIVELLO G.

Confrontiamoci con il PNP: HPV obiettivo anno 2018 da Nord a Sud I RISULTATI DELLA SURVEY I DATI DELLA SURVEY DEL SECONDO LIVELLO G. CONVEGNO NAZIONALE 2016 Giovedì 09 Giugno 2016 ore 08.30 17.15 Venerdì 10 Giugno 2016 ore 08.45 17.00 Centro Direzionale di Napoli, Università Parthenope Confrontiamoci con il PNP: HPV obiettivo anno 2018

Dettagli

Gli approfondimenti diagnostici

Gli approfondimenti diagnostici REGIONE PIEMONTE Workshop 212 Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Torino 19/9/212 Gli approfondimenti diagnostici Laura Pasero SSD di Diagnosi e Terapia Oncologica Precoce DIP. FUNZIONALE

Dettagli

In Italia il tumore della cervice uterina da molto tempo è oggetto di screening spontaneo e organizzato.

In Italia il tumore della cervice uterina da molto tempo è oggetto di screening spontaneo e organizzato. Allegato A PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Background Epidemiologico Esclusi i carcinomi della cute, In Italia i cinque tumori più frequentemente diagnosticati

Dettagli

Introduzione del test HPV come test primario di screening secondo la DGR 23 aprile 2013 n Guglielmo Ronco

Introduzione del test HPV come test primario di screening secondo la DGR 23 aprile 2013 n Guglielmo Ronco Introduzione del test HPV come test primario di screening secondo la DGR 23 aprile 2013 n. 21-5705 Guglielmo Ronco Processo valutazione/implementazione screening cervicale con HPV Trial randomizzati Studi

Dettagli

Il punto sugli esami ambulatoriali e la riconversione P.Vicari CPO Piemonte M.C.Antoniotti SSEPI ASL NO

Il punto sugli esami ambulatoriali e la riconversione P.Vicari CPO Piemonte M.C.Antoniotti SSEPI ASL NO Il punto sugli esami ambulatoriali e la riconversione P.Vicari CPO Piemonte M.C.Antoniotti SSEPI ASL NO Programma Regionale di Screening Mammografico Workshop 212 14 novembre 212 Fonti informative Dati

Dettagli

Il primo livello con test HPV primario (Approfondimento Survey HPV)

Il primo livello con test HPV primario (Approfondimento Survey HPV) Convegno Nazionale GISCi 2015 Finalborgo (SV), 21-22 maggio 2015 Il primo livello con test HPV primario (Approfondimento Survey HPV) Annarosa Del Mistro Istituto Oncologico Veneto IOV - IRCCS, Padova Elaborazione

Dettagli

LA DISPLASIA CERVICALE: FOLLOW UP FOLLOW IN RICORDO DI GIOIA MONTANARI TORINO, 17 GIUGNO 2013 IL FOLLOW UP COLPOSCOPICO: COME?

LA DISPLASIA CERVICALE: FOLLOW UP FOLLOW IN RICORDO DI GIOIA MONTANARI TORINO, 17 GIUGNO 2013 IL FOLLOW UP COLPOSCOPICO: COME? LA DISPLASIA CERVICALE: FOLLOW UP FOLLOW UP FOLLOW UP IN RICORDO DI GIOIA MONTANARI TORINO, 17 GIUGNO 2013 IL FOLLOW UP COLPOSCOPICO: COME? GIOVANNI MAINA Colposcopia Ospedale S.Anna/Centro Laser SC Ginecologia

Dettagli

Congresso Nazionale GISCi Napoli 9-10 giugno Programmi con HPV primario: Regione Umbria

Congresso Nazionale GISCi Napoli 9-10 giugno Programmi con HPV primario: Regione Umbria Congresso Nazionale GISCi Napoli 9-10 giugno 2016 Programmi con HPV primario: Regione Umbria Basilio Ubaldo Passamonti Az. USL Umbria 1 - Via XIV settembre, 75; 06124 Perugia Direttore Laboratorio Unico

Dettagli

Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2013

Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2013 Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2013 IL SECONDO LIVELLO: LA COLPOSCOPIA RISULTATI ATTIVITÀ 2011 LAURA PASERO RESPONSABILE SSCVD COLPOSCOPIA E LASERCHIRURGIA

Dettagli

Convegno annuale GISCi. Matera, Marzo 2004 Survey Lo Screening in Italia. Discussant: GR Montanari, CPO Piemonte.

Convegno annuale GISCi. Matera, Marzo 2004 Survey Lo Screening in Italia. Discussant: GR Montanari, CPO Piemonte. Convegno annuale GISCi Matera, Marzo 2004 Survey 2002. Lo Screening in Italia. Discussant: GR Montanari, CPO Piemonte. Commenti su dati dalla cortesia di Dr. G. Ronco, Dr.ssa P. Giubilato Dr.ssa S. Brezzi

Dettagli

CORSO lunedì 30 marzo 2015 Dal progetto pilota alle nuove linee guida regionali (Laura Pasero)

CORSO lunedì 30 marzo 2015 Dal progetto pilota alle nuove linee guida regionali (Laura Pasero) Aggiornamento e formazione per colposcopisti del 2 live llo screening per il cervicorcinoma con l avvio del nuovo programma regionale e l utilizzo del test HPV come test primario. Estensione a tutta la

Dettagli

HPV-DNAhr come test primario nello screening della cervice: contributo dei biomarkers. Esperienza della Regione Umbria.

HPV-DNAhr come test primario nello screening della cervice: contributo dei biomarkers. Esperienza della Regione Umbria. HPV-DNAhr come test primario nello screening della cervice: contributo dei biomarkers. Esperienza della Regione Umbria. Convegno Nazionale GISCi 12-13 giugno 2014 Basilio Ubaldo Passamonti Az. USL Umbria

Dettagli

Convegno Nazionale Gisci 2012

Convegno Nazionale Gisci 2012 Convegno Nazionale Gisci 2012 Lo screening in tempo di crisi L Aquila 20-22 Giugno 2012 Risultati gruppo di lavoro interdisciplinare molecolare (votazione documento di triage di follow-up aggiornato) Francesca

Dettagli

Progetti pilota con test HPV nello screening cervicale

Progetti pilota con test HPV nello screening cervicale Firenze 15-16 Dicembre 2011 X CONVEGNO OSSERVATORIO NAZIONALE SCREENING Progetti pilota con test HPV nello screening cervicale REGIONE VENETO ANTONIO FERRO Azienda Ulss 17 Este - Monselice Progetto triennale

Dettagli

Comunicazione. collo dell utero. Test HPV. Linee Guida. Invito. sopravvivenza valutazione. Colonscopia. Appuntamento. intervallo.

Comunicazione. collo dell utero. Test HPV. Linee Guida. Invito. sopravvivenza valutazione. Colonscopia. Appuntamento. intervallo. terapia programma Sanità Diagnosi precoce formazione Tumori Biopsia Comunicazione Colonscopia Invito Programma Test HPV Appuntamento intervallo Ecografia collo dell utero Linee Guida Screening Informazione

Dettagli

Comunicazione. collo dell utero. Test HPV. Linee Guida. Invito. sopravvivenza valutazione. Colonscopia. Appuntamento. intervallo.

Comunicazione. collo dell utero. Test HPV. Linee Guida. Invito. sopravvivenza valutazione. Colonscopia. Appuntamento. intervallo. terapia programma Sanità Diagnosi precoce formazione Tumori Biopsia Comunicazione Colonscopia Invito Programma Test HPV Appuntamento intervallo Ecografia collo dell utero Linee Guida Screening Informazione

Dettagli

Esperienza della ASL RM 1 nello screening del cervicocarcinoma

Esperienza della ASL RM 1 nello screening del cervicocarcinoma Esperienza della ASL RM 1 nello screening del cervicocarcinoma Luigi Coppola COME FACEVAMO PRIMA Pap test positivo negativo colposcopia negativa Richiamo secondo le indicazioni del medico positiva Istologia

Dettagli

HPV test I livello: i risultati del Progetto di fattibilità della regione Abruzzo

HPV test I livello: i risultati del Progetto di fattibilità della regione Abruzzo HPV test I livello: i risultati del Progetto di fattibilità della regione Abruzzo dott. Amedeo Lattanzi Viterbo 16 giugno 2011 A marzo 2010 in Regione Abruzzo è partito uno studio di fattibilità sull uso

Dettagli

SCREENING MAMMOGRAFICO

SCREENING MAMMOGRAFICO CPO-Piemonte Centro di riferimento per l'epidemiologia e la prevenzione oncologica I programmi di screening dell'azienda Sanitaria Regione Valle d'aosta RELAZIONE 2017 RELAZIONE PRELIMINARE 2018 SCREENING

Dettagli

IL PROGRAMMA FOBT 2010

IL PROGRAMMA FOBT 2010 I RISULTATI DEL PROGRAMMA di SCREENING COLORETTALE WORKSHOP 2011 IL PROGRAMMA FOBT 2010 Riccardo VANNI S.S Gastroenterologia Osp S. Spirito BRA ASLCN2 ALBA-BRA 2010 2009 ESAMINATI 58.210 30.129 FOBT +

Dettagli

CONVEGNO CONGIUNTO OSSERVATORIO NAZIONALE

CONVEGNO CONGIUNTO OSSERVATORIO NAZIONALE CONVEGNO CONGIUNTO OSSERVATORIO NAZIONALE per la PREVENZIONE dei TUMORI FEMMINILI GISCi GISMa Screening: dai Programmi alla Ricerca Bologna 13-14-15 Dicembre 2004 - Regione Emilia-Romagna GIORNATA dell

Dettagli

Attività di Quality Assurance per la diagnosi in colposcopia ed il trattamento

Attività di Quality Assurance per la diagnosi in colposcopia ed il trattamento Regione Piemonte Workshop Risultati del programma regionale di screening citologico Torino 28 Marzo 26 Attività di Quality Assurance per la diagnosi in colposcopia ed il trattamento Renza Volante Analisi

Dettagli

Gli Studi Pilota sull utilizzo dell HPV come test primario

Gli Studi Pilota sull utilizzo dell HPV come test primario CONVEGNO NAZIONALE GISCi ORVIETO 3-4 APRILE 2008 Gli Studi Pilota sull utilizzo dell HPV come test primario Massimo Confortini Dati di letteratura, gruppi e società scientifiche concordano nell utilizzo

Dettagli

Screening del cervicocarcinoma: un nuovo patto per le pazienti con test primario hpv dna

Screening del cervicocarcinoma: un nuovo patto per le pazienti con test primario hpv dna Congresso Regionale Agite Screening del cervicocarcinoma: un nuovo patto per le pazienti con test primario hpv dna Natalino Ferrara Palermo 01 marzo 2018 Pap test Sensibilità ( proporzione di donne malate

Dettagli

III Sessione Formazione degli Operatori. La Formazione in Citologia: Il triage. Massimo Confortini ISPO Laboratorio Prevenzione Oncologica

III Sessione Formazione degli Operatori. La Formazione in Citologia: Il triage. Massimo Confortini ISPO Laboratorio Prevenzione Oncologica III Sessione Formazione degli Operatori La Formazione in Citologia: Il triage Massimo Confortini ISPO Laboratorio Prevenzione Oncologica LA FORMAZIONE IN CITOLOGIA DI TRIAGE Non deve essere dedicata alla

Dettagli

Idee e proposte di riconversione accentramento e riorganizzazione dei Servizi nelle realtà della RER

Idee e proposte di riconversione accentramento e riorganizzazione dei Servizi nelle realtà della RER Idee e proposte di riconversione accentramento e riorganizzazione dei Servizi nelle realtà della RER Sonia Prandi Centro di citologia cervicovaginale di screening Az Ospedaliera di Reggio Emilia I.R.C.C.S.

Dettagli

Premesse. Recepimento del documento Gisci 2012

Premesse. Recepimento del documento Gisci 2012 Gestione dei follow up di 2 livello nello screening cervicale Documento di indirizzo del Gruppo regionale ginecologi dello screening cervicale Versione del 22 gennaio 2014 Premesse Nei programmi di screening

Dettagli

IL PIANO DI FORMAZIONE DEL PERSONALE: ESPERIENZE E PROGETTI

IL PIANO DI FORMAZIONE DEL PERSONALE: ESPERIENZE E PROGETTI IL PIANO DI FORMAZIONE DEL PERSONALE: ESPERIENZE E PROGETTI Cristina Larato 3 novembre 2014 QUANTI SIAMO-COSA FACCIAMO Amministrativi UVOS 80 Operatori dei call center Ostetriche Prelevatori 190 Citologi

Dettagli

Mantova e i suoi 30 anni di screening: Passato, Presente, Futuro

Mantova e i suoi 30 anni di screening: Passato, Presente, Futuro Workshop GISCOR Dallo screening alla prevenzione primaria: andata e ritorno Gli screening e la promozione della salute Mantova, 9 maggio 5 Mantova e i suoi 3 anni di screening: Passato, Presente, Futuro

Dettagli

Workshop Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Attività, risultati e prospettive Dipartimento Prevenzione 2 - A.S.L. n.

Workshop Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Attività, risultati e prospettive Dipartimento Prevenzione 2 - A.S.L. n. Workshop Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Attività, risultati e prospettive Dipartimento Prevenzione 2 - A.S.L. n. 8 Numero assoluto di PAP test rispetto alla copertura media attesa

Dettagli

Convegno Nazionale GISCi 2006 Roma, 20-21 Aprile 2006. Memoria di Gaetano Nardo. Il Pap test anormale. GR Montanari; CPO Piemonte

Convegno Nazionale GISCi 2006 Roma, 20-21 Aprile 2006. Memoria di Gaetano Nardo. Il Pap test anormale. GR Montanari; CPO Piemonte Convegno Nazionale GISCi 2006 Roma, 20-21 Aprile 2006 Memoria di Gaetano Nardo. Il Pap test anormale. GR Montanari; CPO Piemonte Si può dare qualcosa agli altri. Non sempre è necessario ricevere prima

Dettagli

Scuola permanente di Citologia

Scuola permanente di Citologia Sessione I del 13-14-15 settembre 2017 Docenti: Massimo Confortini (coordinatore), Prassede Foxi 13:00 - La storia della citologia e cenni di anatomia 14:00 - Prelievo, allestimento e colorazione del Pap

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SCREENING

OSSERVATORIO NAZIONALE SCREENING Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza del Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome OSSERVATORIO NAZIONALE SCREENING La survey 2013:

Dettagli

I programmi di screening oncologico

I programmi di screening oncologico La valutazione nei Piani di prevenzione I programmi di screening oncologico Elementi positivi e negativi della reportistica corrente LO SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI IN PIEMONTE PREVENZIONE SERENA

Dettagli

Studio Assenza di cellule endocervicali : risultati definitivi. Studio promosso e condotto dal

Studio Assenza di cellule endocervicali : risultati definitivi. Studio promosso e condotto dal Studio Assenza di cellule endocervicali : risultati definitivi Studio promosso e condotto dal Razionale Un buon prelievo cervicale deve contenere anche una piccola ma identificabile quantità di cellule

Dettagli

ProgrammaRegionalediScreening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2014

ProgrammaRegionalediScreening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2014 ProgrammaRegionalediScreening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2014 PROTOCOLLO DIAGNOSTICO COLPOSCOPICO E POST-COLPOSCOPICO NELLE DONNE CHE FANNO SCREENING CERVICALE BASATO SUL TEST

Dettagli

CONSENSO SULLA CLASSIFICAZIONE CITOLOGICA SISTEMA BETHESDA Sonia Prandi REGGIO EMILIA

CONSENSO SULLA CLASSIFICAZIONE CITOLOGICA SISTEMA BETHESDA Sonia Prandi REGGIO EMILIA CONSENSO SULLA CLASSIFICAZIONE CITOLOGICA SISTEMA BETHESDA 2001 Sonia Prandi REGGIO EMILIA FIN DALL INIZIO DELLA SUA PUBBLICAZIONE, LA CLASSIFICAZIONE S. BETHESDA 2001 HA SUSCITATO NEL GISCi MOLTO INTERESSE

Dettagli

Progetto pilota HPV di Torino. Lo stato dell arte. G Ronco CPO Piemonte

Progetto pilota HPV di Torino. Lo stato dell arte. G Ronco CPO Piemonte Progetto pilota HPV di Torino. Lo stato dell arte G Ronco CPO Piemonte Progetto pilota HPV Donne invitate Numero di donne invitate (ultimo invito 31/08/2012) BRACCIO HPV 62606 PAP 52616 Totale 115222 Progetto

Dettagli

L esperienza del primo triennio di uno screening con HPV

L esperienza del primo triennio di uno screening con HPV L esperienza del primo triennio di uno screening con HPV Regione Abruzzo Dr. Vincenzo Maccallini vmaccallini@asl1abruzzo.it Unità Organizzativa Aziendale di Screening - Pescina (AQ) Screening Oncologico

Dettagli

Gestione delle donne con ASC-H, HSIL, Test HPV positivo e colposcopia negativa. Anna Iossa ISPO-Firenze

Gestione delle donne con ASC-H, HSIL, Test HPV positivo e colposcopia negativa. Anna Iossa ISPO-Firenze Gestione delle donne con ASC-H, HSIL, Test HPV positivo e colposcopia negativa Anna Iossa ISPO-Firenze Gestione delle donne con ASC-H, HSIL, Test HPV positivo e colposcopia negativa Le premesse Le ASC-H

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA E ASPETTI ORGANIZZATIVI

GESTIONE INFORMATICA E ASPETTI ORGANIZZATIVI GESTIONE INFORMATICA E ASPETTI ORGANIZZATIVI Dal Progetto Pilota al test HPV come test primario di screening 13 febbraio 2014 Cristina Larato PROTOCOLLO INVITO PAP TEST < 30 anni e rand cito Test HPV.

Dettagli

RELAZIONE SULL ANNO 2009

RELAZIONE SULL ANNO 2009 CPO-Piemonte Centro di riferimento per l'epidemiologia e la prevenzione oncologica I programmi di screening dell'azienda Sanitaria Regione Valle d'aosta RELAZIONE SULL ANNO 29 E RELAZIONE PRELIMINARE SEMESTRE

Dettagli

Convegno Nazionale GISCi WORKSHOP ROCHE L Aquila 21 giugno 2012

Convegno Nazionale GISCi WORKSHOP ROCHE L Aquila 21 giugno 2012 Convegno Nazionale GISCi WORKSHOP ROCHE L Aquila 21 giugno 2012 Lo screening che cambia: il Pap-test si veste di Molecolare Basilio Ubaldo Passamonti Az. USL2 dell Umbria Dipartimento dei Servizi A.O.

Dettagli

La situazione degli screening cervicali. Guglielmo Ronco Osservatorio Nazionale Screening CPO Piemonte

La situazione degli screening cervicali. Guglielmo Ronco Osservatorio Nazionale Screening CPO Piemonte La situazione degli screening cervicali Guglielmo Ronco Osservatorio Nazionale Screening CPO Piemonte Regione % popolazione residente 25-64 inclusa in popolazione obiettivo 2004 % popolazione residente

Dettagli

Momenti critici della colposcopia di II livello di screening

Momenti critici della colposcopia di II livello di screening Momenti critici della colposcopia di II livello di screening Convegno nazionale GISCi 2006 Roma 20-21 aprile Unità Operativa Ostetricia- Ginecologia U.L.S.S. 7 Veneto- Pieve di Soligo Ospedale Civile di

Dettagli

Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze

Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze LA CITOLOGIA NEGLI SCREENING ONCOLOGICI Roma 19 Novembre 2014 IL PAP TEST NEI DIVERSI SCENARI: SIMILITUDINI E DIFFERENZE Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze Bertozzi

Dettagli

Screening opportunistico ed organizzato: l esempio della Regione Piemonte

Screening opportunistico ed organizzato: l esempio della Regione Piemonte Screening opportunistico ed organizzato: l esempio della Regione Piemonte Piera Vicari Adele Caprioglio Convegno Nazionale GISMA 2013 Torino 26-27 settembre 6 Novara Prevenzione Serena Organizzazione 3

Dettagli

CENTRI UNIFICATI: UNA RIFLESSIONE. Luigia Macrì, Silvia Cristina

CENTRI UNIFICATI: UNA RIFLESSIONE. Luigia Macrì, Silvia Cristina CENTRI UNIFICATI: UNA RIFLESSIONE Luigia Macrì, Silvia Cristina Raccomandazioni sul test HR-HPV come test di screening primario e rivisitazione del ruolo del Pap test GISCi 2010 Il triage citologico rappresenta

Dettagli

Analisi degli indicatori e dei trend temporali

Analisi degli indicatori e dei trend temporali Analisi degli indicatori e dei trend temporali Fabio Falcini, Silvia Mancini, Paolo Collarile, Orietta Giuliani, Rosa Vattiato Registro Tumori della Romagna IRCCS Istituto Scientifico Romagnolo per lo

Dettagli

Algoritmi delle opinioni degli esperti n.50 Gennaio 2018

Algoritmi delle opinioni degli esperti n.50 Gennaio 2018 Algoritmi delle opinioni degli esperti n.50 Gennaio 2018 1 Sommario Elenco delle abbreviazioni Zone di trasformazione: di cosa si tratta? Annotazioni importanti Citologia non sospetta: negativa per lesioni

Dettagli

Screening del CCR: dati regionali

Screening del CCR: dati regionali Nereo Segnan IARC senior visiting scientist Screening del CCR: dati regionali VALUTAZIONE DI IMPATTO DEL PROGRAMMA ANALISI PRELIMINARI Record linkage dell archivio screening del programma di Torino con

Dettagli

Scuola permanente in Citologia

Scuola permanente in Citologia Sessione I del 3-4-5 giugno 2015 Cellule squamose: quadri morfologici normali e modificazioni Sessione cellulari I del benigne 3-4-5 giugno 2015 Coordinatore: Cellule squamose: Massimo quadri Confortini

Dettagli

Lo screening del carcinoma cervico vaginale in Italia

Lo screening del carcinoma cervico vaginale in Italia Lo screening del carcinoma cervico vaginale in Italia Bologna 30 Gennaio 2014 Guglielmo Ronco CPO Piemonte Elaborazione dati: Pamela Giubilato. Adesione all invito Survey su attività 2010-2012 ITALIA NORD

Dettagli

2006 introduzione del test hpv come triage audit clinico aziendale sull adeguatezza del pap-test e appropriatezza del test HPV

2006 introduzione del test hpv come triage audit clinico aziendale sull adeguatezza del pap-test e appropriatezza del test HPV 2006 introduzione del test hpv come triage 2007 stesura di un protocollo d intesa con le unita consultoriali e ginecologiche ospedaliere per l utilizzo appropriato del test HPV di triage 2009 audit clinico

Dettagli

Il nuovo documento post-colposcopia. commento dai professionisti

Il nuovo documento post-colposcopia. commento dai professionisti Il nuovo documento post-colposcopia. commento dai professionisti Ginecologi Mario Sideri Preventive Gynecology Unit Istituto Europeo di Oncologia Milano INTRODUZIONE Le indicazioni si differenziano a seconda

Dettagli

Introduzione del test HPV come test di screening primario: un analisi di Budget Impact. Maria Calvia Guglielmo Ronco, CPO Piemonte

Introduzione del test HPV come test di screening primario: un analisi di Budget Impact. Maria Calvia Guglielmo Ronco, CPO Piemonte Introduzione del test HPV come test di screening primario: un analisi di Budget Impact. Maria Calvia Guglielmo Ronco, CPO Piemonte Introduzione del test HPV: un analisi di Budget Impact. Caratteristiche

Dettagli