REGOLAMENTO PER L ADESIONE E L AFFILIAZIONE A SLOW FOOD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L ADESIONE E L AFFILIAZIONE A SLOW FOOD"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER L ADESIONE E L AFFILIAZIONE A SLOW FOOD Soggetti aventi diritto all iscrizione all Associazione Art.1 Sono soggetti aventi diritto all iscrizione all Associazione tutte le persone fisiche che accettano le regole dello Statuto Internazionale e di tutti i suoi allegati, nonché ove esista una struttura nazionale o altra struttura riconosciuta anche lo Statuto che regola la vita dello stesso, e la cui domanda sia stata accettata (Art. 4 dello Statuto Internazionale). Soggetti aventi diritto all affiliazione all Associazione Art.2 Sono soggetti aventi diritto all affiliazione all Associazione persone giuridiche senza fine di lucro quali associazioni, fondazioni o enti che accettano le regole dello Statuto internazionale e di tutti i suoi allegati, nonché ove esista una struttura nazionale o altra struttura riconosciuta anche lo Statuto che regola la vita dello stesso, e la cui domanda sia stata accettata. Le persone giuridiche con fini di lucro possono diventare sostenitori di Slow Food. Le modalità di sponsorizzazione sono disciplinate dalla Carta di utilizzo dei marchi Slow Food e dalle Linee guida internazionali per la politica di fundraising di Slow Food. Tipi di tessera associativa Art.3 E previsto il seguente tipo di tessera internazionale standard: Individuale - prevede la tessera personale e il materiale di comunicazione associativo relativo al tipo di tessera A questo tipo si aggiungono i seguenti tipi di tessere internazionali standard, da impiegare in paesi o aree geografiche dove se ne riconosce l opportunità: Familiare - valida per 2 persone con residenza presso lo stesso indirizzo - prevede tutti i vantaggi della tessera individuale più la tessera per la 2. persona Giovane - prevede una quota associativa annuale più bassa adattata alle capacità economiche di persone giovani a seconda dei paesi o delle aree geografiche - prevede la tessera personale e il materiale di comunicazione associativo relativo al tipo di tessera 1

2 Basic - prevede una quota associativa annuale più bassa degli altri tipi di tesseramento ed è valida nei paesi in via di sviluppo - prevede la tessera personale e il materiale di comunicazione associativo relativo al tipo di tessera Art.4 I tipi di tesseramento internazionale standard e i relativi vantaggi per i soci vengono stabiliti dal Comitato esecutivo di Slow Food. Il Comitato esecutivo ha facoltà di introdurre nuovi tipi di tesseramento o apportare variazioni ai tipi esistenti rivolti a particolari soggetti e/o in particolari aree geografiche o paesi al fine di sviluppo associativo. Il Comitato esecutivo stabilisce anche le quote annuali di tesseramento. Art.5 Le Direzioni nazionali o altre strutture riconosciute adottano lo standard di tesseramento internazionale, avendo possibilità di stabilire in proprio le quote annuali delle singole tessere. La tessera Basic non può essere proposta da una Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta che non sia di un paese in via di sviluppo. Nel caso in cui una Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta volesse proporre altri tipi di tesseramento, deve sottoporlo al Comitato esecutivo di Slow Food per approvazione. I vantaggi minimi per i soci sono quelli stabiliti dal Comitato esecutivo. Tipi di affiliazione Art.6 E previsto il seguente tipo di affiliazione standard: Affiliato - prevede un attestato di affiliazione e il materiale di comunicazione associativo relativo al tipo di affiliazione. Art.7 I tipi di affiliazione standard e i relativi vantaggi per gli affiliati vengono stabiliti dal Comitato esecutivo di Slow Food. Il Comitato esecutivo ha facoltà di introdurre nuovi tipi di affiliazione o apportare variazioni al tipo esistente rivolti a particolari soggetti e/o in particolari aree geografiche o paesi al fine di interessi associativi. Il Comitato esecutivo stabilisce anche le quote annuali di affiliazione. Art.8 Le Direzioni nazionali o altre strutture riconosciute adottano lo standard di affiliazione, avendo possibilità di stabilire in proprio le quote annuali dei singoli tipi di affiliazione. Nel caso in cui una Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta volesse proporre altri tipi di affiliazione, deve sottoporlo al Comitato esecutivo di Slow Food per approvazione. I vantaggi minimi per gli affiliati sono quelli stabiliti dal Comitato esecutivo. Art.9 Il richiedente può scegliere se affiliarsi all Associazione internazionale, all Associazione nazionale o al 2

3 Convivium locale o altre strutture riconosciute. Nel caso in cui il richiedente sceglie espressamente di affiliarsi al Convivium locale sarà automaticamente anche affiliato dell Associazione internazionale o dell Associazione nazionale o altre strutture riconosciute e il Convivium si dovrà impegnare a curare i rapporti con l affiliato in prima persona. Iscrizione all Associazione e rinnovo della tessera associativa Art.10 Le modalità di iscrizione all Associazione sono le seguenti: a) L interessato all iscrizione, residente in una nazione senza Direzione nazionale e senza proprio ufficio tesseramento, si rivolge a Slow Food tramite gli strumenti stabiliti e messi a disposizione dall Associazione internazionale. La richiesta di iscrizione potrà essere accettata solamente se l interessato all iscrizione trasmette tutti i dati richiesti, compresi in particolare il tipo di tessera scelta, la modalità di pagamento della quota di iscrizione annuale e il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del decreto legge italiano 196/03. Il Centro Servizi (struttura di gestione di soci e fiduciari presso la sede internazionale di Slow Food) verifica e incassa la quota di iscrizione annuale per conto di Slow Food e provvede all iscrizione, registrando i dati personali del socio e assegnando al socio il Convivium più vicino, laddove non indicato dal socio. Se il socio esprime una preferenza di Convivium, il socio viene assegnato a questo. In seguito il Centro Servizi provvede alla stampa del modulo tessera e al suo invio al socio assieme al primo materiale di comunicazione associativo. Il Centro Servizi provvede anche all invio di tutto il materiale di comunicazione associativo, secondo quanto prevede il tipo di tessera del socio. b) L interessato all iscrizione, residente in una nazione senza Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta e senza proprio ufficio tesseramento, si rivolge a un Convivium gestito dall Associazione internazionale Slow Food. La richiesta di iscrizione potrà essere accettata solamente se l interessato all iscrizione trasmette al convivium tutti i dati richiesti, compresi in particolare il tipo di tessera scelta, la modalità di pagamento della quota di iscrizione annuale e il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del decreto legge italiano 196/03. Il Convivium verifica e incassa la quota annuale di iscrizione per conto dell Associazione internazionale e il fiduciario o persona responsabile nel convivium inoltra al Centro Servizi dell Associazione internazionale Slow Food un modulo di iscrizione apposito (fornito al Convivium all atto dell apertura dal Centro Servizi) per conto e con i dettagli del socio. Il Centro Servizi provvede all iscrizione, registrando i dati personali del socio, indicando la provenienza dal Convivium che ha inoltrato il modulo di iscrizione e assegnando il socio allo stesso Convivium. In seguito il Centro Servizi provvede alla stampa del modulo tessera e al suo invio al socio assieme al primo materiale di comunicazione associativo. Il Centro Servizi provvede anche all invio di tutto il materiale di comunicazione associativo, secondo quanto prevede il tipo di tessera del socio. c) L interessato all iscrizione, residente in una nazione con Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta e con proprio ufficio tesseramento, si rivolge all ufficio tesseramento di una Direzione nazionale tramite 3

4 un Convivium oppure con altri strumenti stabiliti e messi a disposizione dalla Direzione nazionale. La richiesta di iscrizione potrà essere accettata solamente se l interessato all iscrizione trasmette tutti i dati richiesti, compresi in particolare il tipo di tessera scelta e la modalità di pagamento della quota di iscrizione annuale. L ufficio tesseramento verifica e incassa la quota di iscrizione annuale per conto dell associazione nazionale o altra struttura riconosciuta e provvede all iscrizione, registrando i dati personali del socio e assegnando al socio il Convivium più vicino, laddove non indicato dal socio. Se il socio esprime una preferenza di Convivium, il socio viene assegnato a questo. In seguito l ufficio tesseramento provvede alla stampa del modulo tessera e al suo invio al socio assieme al primo materiale di comunicazione associativo. Il modulo tessera è fornito dall Associazione internazionale. L ufficio tesseramento provvede anche all invio di tutto il materiale di comunicazione associativo, compreso quello previsto dall Associazione internazionale, secondo quanto prevede il tipo di tessera del socio. La Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta garantisce che il numero tessera assegnato al socio corrisponda allo standard internazionale (la sigla della nazione più dieci cifre: es. US ). La Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta garantisce inoltre che un export regolare (a cadenza stabilita tra le parti) di tutti i soci nel database nazionale venga trasferito nel database dell Associazione internazionale presso il suo Centro Servizi. d) L interessato all iscrizione, residente in una nazione con Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta che delega al Centro Servizi dell Associazione internazionale Slow Food la gestione dei propri soci, si rivolge al Centro Servizi tramite gli strumenti stabiliti e messi a disposizione dalla Direzione nazionale o da altra struttura riconosciuta, nel rispetto delle leggi nazionali vigenti. La richiesta di iscrizione potrà essere accettata solamente se l interessato all iscrizione trasmette tutti i dati richiesti, compresi in particolare il tipo di tessera scelta, la modalità di pagamento della quota di iscrizione annuale e il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del decreto legge italiano 196/03. La Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta verifica e incassa la quota di iscrizione annuale. Il Centro Servizi provvede all iscrizione, registrando i dati personali del socio e assegnando al socio il Convivium più vicino, laddove non indicato dal socio. Se il socio esprime una preferenza di Convivium, il socio viene assegnato a questo. In seguito il Centro Servizi provvede alla stampa del modulo tessera e al suo invio al socio assieme al primo materiale di comunicazione associativo. Il Centro Servizi provvede anche all invio di tutto il materiale di comunicazione associativo, se e nei termini in cui il tipo di tessera del socio lo prevede. La Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta provvede eventualmente all invio di proprio materiale di comunicazione associativo, se e nei termini in cui il tipo di tessera del socio lo prevede, o direttamente o attraverso il Centro Servizi. e) L interessato all iscrizione, residente in una nazione con Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta che delega al Centro Servizi dell Associazione internazionale Slow Food la gestione dei propri soci, si rivolge a un Convivium gestito dalla Direzione nazionale o da altra struttura riconosciuta. La Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta stabilisce i termini in cui il Convivium gestisce la richiesta di iscrizione, compresi l acquisizione di tutti i dati dal socio necessari all iscrizione, il loro inoltro al Centro Servizi e la verifica e il pagamento della quota di iscrizione annuale. Il Centro Servizi provvede all iscrizione, registrando i dati personali del socio e assegnando il socio al Convivium che ha inoltrato la richiesta di iscrizione. In seguito il Centro Servizi provvede alla stampa del modulo tessera e all invio al socio assieme al primo materiale di comunicazione associativo. 4

5 Il Centro Servizi provvede anche all invio di tutto il materiale di comunicazione associativo, secondo quanto prevede di tessera del socio. La Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta provvede eventualmente all invio di proprio materiale di comunicazione associativo, o direttamente o attraverso il Centro Servizi. Art.11 Le modalità di rinnovo della tessera associativa sono le seguenti: a) Il socio, residente in una nazione senza Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta e senza proprio ufficio tesseramento, si rivolge al Centro Servizi dell Associazione internazionale Slow Food tramite gli strumenti stabiliti e messi a disposizione dall Associazione internazionale. In ogni caso il socio viene informato della scadenza della sua tessera tramite invio di una apposita comunicazione, a cura o del Centro Servizi o del Convivium di appartenenza, che include un modulo di rinnovo e indicazioni di altre modalità di rinnovo. Il rinnovo segue la procedura all art.10, a), escluso l invio del primo materiale di comunicazione associativo. b) Il socio, residente in una nazione senza Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta e senza proprio ufficio tesseramento, si rivolge a un Convivium gestito dall Associazione internazionale Slow Food. In ogni caso il socio viene informato della scadenza della sua tessera tramite invio di una apposita comunicazione, a cura o del Centro Servizi o del Convivium di appartenenza, che include un modulo di rinnovo e indicazioni di altre modalità di rinnovo. Il rinnovo segue la procedura all art.10, b), escluso l invio del primo materiale di comunicazione associativo. c) Il socio, residente in una nazione con Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta e con proprio ufficio tesseramento, si rivolge all ufficio tesseramento di una Direzione nazionale o di altra struttura riconosciuta tramite un Convivium oppure con altri strumenti stabiliti e messi a disposizione dalla Direzione nazionale o da altra struttura riconosciuta. In ogni caso il socio viene informato della scadenza della sua tessera nelle modalità stabilite dalla Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta. Il rinnovo segue la procedura all art.10, c), escluso l invio del primo materiale di comunicazione associativo. d) Il socio, residente in una nazione con Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta che delega al Centro Servizi dell Associazione internazionale Slow Food la gestione dei propri soci, si rivolge al Centro Servizi tramite gli strumenti stabiliti e messi a disposizione dalla Direzione nazionale o da altra struttura riconosciuta. In ogni caso il socio viene informato della scadenza della sua tessera nelle modalità stabilite dalla Direzione nazionale o da altra struttura riconosciuta. Il rinnovo segue la procedura all art.10, d), escluso l invio del primo materiale di comunicazione associativo. e) Il socio, residente in una nazione con Direzione nazionale o con altra struttura riconosciuta che delega al Centro Servizi dell Associazione internazionale Slow Food la gestione dei propri soci, si rivolge a un Convivium gestito dalla Direzione nazionale o da altra struttura riconosciuta. In ogni caso il socio viene informato della scadenza della sua tessera nelle modalità stabilite dalla 5

6 Direzione nazionale o da altra struttura riconosciuta. Il rinnovo segue la procedura all art.10, e), escluso l invio del primo materiale di comunicazione associativo. Affiliazione all Associazione e rinnovo dell affiliazione Art.12 Le modalità di affiliazione all Associazione e di rinnovo dell affiliazione seguono la procedura per l iscrizione all Associazione e rinnovo della tessera associativa, fatto salvo che: - la richiesta di affiliazione sarà sempre sottoposta all Associazione internazionale Slow Food o alla Direzione nazionale o ad altra struttura riconosciuta tramite apposito modulo di richiesta di affiliazione o di rinnovo debitamente compilato. L Associazione internazionale Slow Food, la Direzione Nazionale o altra struttura riconosciuta faranno una valutazione di ammissibilità della richiesta e nel caso di esito positivo la richiesta seguirà le procedure suddette. Durata dell iscrizione e dell affiliazione a Slow Food Art.13 La durata delle tessere associative e dell affiliazione è di un (1) anno legale (es. iscrizione al 15 luglio 2012, scadenza al 31 luglio 2013), fatta eccezione per quei paesi dove per la legislazione vigente si è soci per un (1) anno solare. Il Comitato esecutivo, le Direzioni nazionali e le altre strutture riconosciute hanno facoltà di introdurre altri tipi di tessere e di affiliazione di durata diversa. Art.14 Il socio o affiliato decade dal suo status di socio attivo o affiliato attivo nella data di scadenza della tessera o dell affiliazione. Da quel momento in poi sarà ritenuto socio passivo o affiliato passivo e non ha più diritto ai vantaggi offerti dal proprio tipo di tessera o affiliazione. Viene comunque mantenuto nel database dell Associazione con lo status di socio passivo o affiliato passivo. Art.15 Il socio o affiliato non ha obbligo di disdetta della sua adesione o affiliazione a Slow Food. E sufficiente che non rinnovi la propria adesione o affiliazione. Il socio o affiliato rinnova l adesione o affiliazione su propria iniziativa. Fanno eccezione Direzioni nazionali o paesi dove il socio o affiliato, per la legislazione vigente, è ritenuto tale e tenuto al pagamento della quota associativa o di affiliazione annuale fino alla disdetta di sua iniziativa da comunicarsi all ufficio tesseramento competente con un anticipo prestabilito. Diritti dei soci Art.16 Ogni socio ha diritto a tutti vantaggi offerti dal proprio tipo di tessera. Art.17 Ogni socio ha diritto di far parte di un Convivium. Il socio ha diritto di scegliere il Convivium di appartenenza. Nel caso il socio non indicasse preferenze, gli verrà assegnato il Convivium più vicino. Il 6

7 socio ha facoltà di cambiare Convivium in qualsiasi momento della durata della sua iscrizione. Art.18 Lo scioglimento di un Convivium o la soppressione di una Direzione Nazionale o di un altra struttura riconosciuta non determinano la perdita della qualifica di socio per coloro i quali fanno parte dei medesimi Convivium, o Direzione Nazionale o altra struttura riconosciuta (art. 5 dello Statuto internazionale). Art.19 Altri diritti sono espressi all art.4 dello Statuto internazionale. Diritti degli affiliati Art.20 Ogni affiliato ha diritto a tutti vantaggi offerti dal proprio tipo di affiliazione. Art.21 Lo scioglimento di un Convivium o la soppressione di una Direzione Nazionale o di altra struttura riconosciuta non determina la perdita della qualifica di affiliato per la associazione o ente affiliato. Art.22 L affiliato non ha diritto di voto ai sensi dell Art.4 dello Statuto internazionale. Accettazione e rifiuto della richiesta di tesseramento o affiliazione Art.23 La richiesta di tesseramento viene accettata dal Centro Servizi dell Associazione internazionale Slow Food o dall ufficio tesseramento di una Direzione nazionale o di altra struttura riconosciuta per conto delle associazioni, alle quali fanno riferimento, a condizione che siano soddisfatte le modalità espresse al punto Iscrizione all Associazione e rinnovo della tessera associativa del presente regolamento. Il rifiuto della richiesta di tesseramento può essere deliberato dal Comitato esecutivo o dalla Direzione Nazionale o da altra struttura riconosciuta ai sensi dell Art 5, comma c) dello Statuto Internazionale. Il rifiuto della richiesta viene comunicato all interessato in forma scritta. Art.24 La richiesta di affiliazione viene accettata dall Associazione internazionale Slow Food o dalla Direzione nazionale o da altra struttura riconosciuta, a condizione che ci siano le premesse al punto Affiliazione all Associazione e rinnovo dell affiliazione del presente regolamento. Il rifiuto della richiesta di affiliazione può essere deliberato dal Comitato esecutivo o dalla Direzione Nazionale o da altra struttura riconosciuta ai sensi dell Art 5, comma c) dello Statuto Internazionale. Il rifiuto della richiesta viene comunicato all interessato in forma scritta. 7

8 Perdita della qualifica di socio o affiliato Art.25 La qualifica di socio o di affiliato si perde ai sensi dell Art.5 dello Statuto internazionale. Quote parte delle tessere associative Art.26 Nel rapporto con i Convivia gestiti dall Associazione internazionale Slow Food o dalle Direzioni Nazionali o da altre strutture riconosciute la suddivisione delle quote parte delle tessere e i reciproci pagamenti dei debiti/crediti viene regolato dal Protocollo con i Convivia. Art.27 Nel caso esista una Direzione nazionale o altra struttura riconosciuta la suddivisione delle quote parte delle tessere e pagamenti dei debiti nei confronti dell Associazione internazionale Slow Food sono regolati dal Protocollo nazionale, accordo tra l Associazione internazionale e le singole Direzioni nazionali o altre strutture riconosciute. Quote parte delle affiliazioni Art.28 Nel rapporto con i Convivia gestiti dall Associazione internazionale Slow Food o dalle Direzioni Nazionali o da altre strutture riconosciute e nel solo caso in cui il richiedente si rivolge a un Convivium, scegliendo espressamente di affiliarsi ad esso, la eventuale suddivisione e la gestione delle quote parte delle affiliazioni viene regolato da un apposito allegato al Protocollo con i Convivia. 8

REGOLAMENTO PER L ADESIONE E L AFFILIAZIONE A SLOW FOOD

REGOLAMENTO PER L ADESIONE E L AFFILIAZIONE A SLOW FOOD REGOLAMENTO PER L ADESIONE E L AFFILIAZIONE A SLOW FOOD (Allegato della bozza di Statuto Internazionale di Slow Food per il 5. Congresso Internazionale in data xx novembre 2007 Puebla, Messico in particolare

Dettagli

Città di Desio REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA ALBO DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Desio REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA ALBO DELLE ASSOCIAZIONI Città di Desio REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA ALBO DELLE ASSOCIAZIONI INDICE Art. 1 - MATERIA DEL REGOLAMENTO Art. 2 - ARTICOLAZIONE Art. 3 - REQUISITI PER L ISCRIZIONE Art. 4 - MODALITA PER

Dettagli

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DI CAPACITA

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DI CAPACITA PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DI CAPACITA Il concetto di trasferimento di capacità di trasporto al punto di riconsegna è correlato a quello di subentro; in modo più specifico, si configura questa fattispecie

Dettagli

STATUTO. dell Association Romande de Médecins (Associazione Romanda di Medici) (AROMED)

STATUTO. dell Association Romande de Médecins (Associazione Romanda di Medici) (AROMED) STATUTO dell Association Romande de Médecins (Associazione Romanda di Medici) (AROMED) 2 Articolo 1 Denominazione e sede Con la denominazione "Association Romande de Médecins"(Associazione Romanda di Medici)

Dettagli

1. Premessa e definizioni

1. Premessa e definizioni Regolamento provinciale per l iscrizione, la cancellazione e la revisione delle associazioni di promozione sociale nel Registro provinciale istituito ai sensi dell art.4 della L.R. 34/2002. (Approvato

Dettagli

TITOLO I ISTITUZIONE ALBO COMUNALE E ISCRIZIONI

TITOLO I ISTITUZIONE ALBO COMUNALE E ISCRIZIONI REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI TITOLO I ISTITUZIONE ALBO COMUNALE E ISCRIZIONI Art. 1 Finalità 1. Il Comune di Badia Polesine riconosce e promuove il pluralismo associativo per la tutela

Dettagli

Lega nazionale sci Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE

Lega nazionale sci Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE Lega nazionale sci Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE approvato dal Consiglio nazionale di lega il 4 ottobre 2007 Premessa: Per i candidati Operatori Sportivi Volontari sono previsti i seguenti momenti corsuali:

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE.

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE. REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE. Approvato con delibera di C.C. n. 49 del 06/10/2005. PREMESSA E DEFINIZIONI

Dettagli

Regolamento Associazione. Premessa

Regolamento Associazione. Premessa Regolamento Associazione Premessa L associazione culturale senza scopo di lucro Arte in Voce, in base alle regole del proprio Statuto, stipula il presente Regolamento Interno che è parte integrante dello

Dettagli

Oggetto: Bando di Concorso 2 Corso d avviamento per la Formazione di Insegnanti Professionisti di Golf, Scuola Nazionale Professionisti 2016.

Oggetto: Bando di Concorso 2 Corso d avviamento per la Formazione di Insegnanti Professionisti di Golf, Scuola Nazionale Professionisti 2016. Circolare n. 19 Roma, 14 dicembre 2015 Ai Circoli di Golf affiliati e aggregati LORO SEDI e, p.c. Al Consiglio Federale Ai Comitati Regionali Ai Delegati Regionali Alla Commissione Professionisti Al Comitato

Dettagli

CARTA DI UTILIZZO DEI MARCHI SLOW FOOD

CARTA DI UTILIZZO DEI MARCHI SLOW FOOD CARTA DI UTILIZZO DEI MARCHI SLOW FOOD Testo approvato dal VI Congresso Internazionale 27-29 Ottobre 2012 Torino, Italia 1. DEFINIZIONE Il simbolo della chiocciola stilizzata e il nome Slow Food sono un

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA INTEGRAZIONE DEL SISTEMA ISPRA -ARPA/APPA NEI PROCESSI DI ADESIONE AD EMAS DELLE ORGANIZZAZIONI INDICE. 1.

PROCEDURA OPERATIVA INTEGRAZIONE DEL SISTEMA ISPRA -ARPA/APPA NEI PROCESSI DI ADESIONE AD EMAS DELLE ORGANIZZAZIONI INDICE. 1. PROCEDURA OPERATIVA INTEGRAZIONE DEL SISTEMA ISPRA -ARPA/APPA NEI PROCESSI DI ADESIONE AD EMAS DELLE ORGANIZZAZIONI INDICE 1. Premessa 2. Campo di applicazione 3. Documenti di riferimento 4. Definizioni

Dettagli

COMUNE DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO

COMUNE DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO COMUNE DI REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI NO-PROFIT APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 38 DEL 13/05/13 2 Indice Articolo 1 Fonti.......p.3 Articolo 2 - Finalità ed oggetto.........p.3

Dettagli

Regolamento AICP PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI COACHING

Regolamento AICP PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI COACHING Regolamento AICP PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI COACHING Testo consolidato approvato dal Direttivo Nazionale il 26/03/2015 in seguito alla mozione, allegata al presente testo, approvata dal V Congresso

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria GUIDA OPERATIVA PER UTENTI SSA NELLA GESTIONE DELLE DELEGHE Pag. 1 di 13 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Autenticazione... 5 3. Utente non rappresentato

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria GUIDA OPERATIVA PER UTENTI SSA NELLA GESTIONE DELLE DELEGHE PER LA RACCOLTA DELLE SPESE SANITARIE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Autenticazione...

Dettagli

COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO GRUPPO VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO GRUPPO VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO GRUPPO VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE INDICE: ARTICOLO 1: ARTICOLO 2: ARTICOLO 3: ARTICOLO 4: ARTICOLO 5: ARTICOLO 6: ARTICOLO 7 : ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI SAMUGHEO PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE, LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI SAMUGHEO PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE, LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI SAMUGHEO PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE, LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il Comune di Samugheo riconosce e promuove

Dettagli

Servizio Politiche giovanili, sociali e sportive, Politiche di genere Sociale - Ufficio Sport, giovani e servizi generali

Servizio Politiche giovanili, sociali e sportive, Politiche di genere Sociale - Ufficio Sport, giovani e servizi generali Servizio Politiche giovanili, sociali e sportive, Politiche di genere Sociale - Ufficio Sport, giovani e servizi generali DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE CON IMPEGNO DI SPESA Determinazione n 560 del 14/02/2014

Dettagli

ACLI Provinciali di Verona Funzione Sviluppo Associativo. NORME TESSERAMENTO ACLI Anno Associativo 2011

ACLI Provinciali di Verona Funzione Sviluppo Associativo. NORME TESSERAMENTO ACLI Anno Associativo 2011 Funzione Sviluppo Associativo ACLI ACLI 2011 TEMA Il tema della Campagna 2011 è: Chiamati al Lavoro. TEMPI Il tesseramento 2011 inizia il 1 gennaio 2011 e termina il 31 ottobre 2011; entro tale data le

Dettagli

Art. 3 L associazione ha sede in Roma, Via Scipio Sighele n. 15-00177

Art. 3 L associazione ha sede in Roma, Via Scipio Sighele n. 15-00177 STATUTO DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE Art. 1 È costituita una associazione denominata International Human Dana organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus). L associazione assume nella propria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ADESIONI A FORZA ITALIA ANNO 2014

REGOLAMENTO PER LE ADESIONI A FORZA ITALIA ANNO 2014 REGOLAMENTO PER LE ADESIONI A FORZA ITALIA ANNO 2014 Art. 1 E istituito nell ambito della struttura nazionale, di cui all articolo 11 dello Statuto di Forza Italia, il Settore Adesioni. Art. 2 Il Settore

Dettagli

COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA

COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI PRESSO IL CENTRO CULTURALE COMUNALE sito in Via PONTE CAPO (Palazzo Ex Scuola Media) Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE C O M U N E D I B A Z Z A N O REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n.104 del28/11/2011 INDICE Art. 1 - Finalità Art. 2- Registro comunale delle associazioni

Dettagli

AVVISO PER IL RINNOVO DELLA COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE DEL PAESAGGIO (art. 8 del Regolamento Edilizio Comunale)

AVVISO PER IL RINNOVO DELLA COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE DEL PAESAGGIO (art. 8 del Regolamento Edilizio Comunale) AREA 3 SERVIZI TERRITORIALI Servizi Integrati sul Territorio Ufficio Edilizia Privata Prot. n. 21071 AVVISO PER IL RINNOVO DELLA COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE DEL PAESAGGIO (art. 8 del Regolamento Edilizio

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del C.C. n. 25 del 29/05/2013 Foglio 2/6 L Amministrazione Comunale di Settimo Milanese, al fine di riconoscere e valorizzare

Dettagli

Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con D.C.C. n.24 del 30.06.2009 INDICE Articolo 1 - Definizioni Articolo 2 - Finalità del trattamento

Dettagli

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N. 35 del 29.04.2010 1 INDICE ART. 1: Oggetto del regolamento ART. 2: Valorizzazione della partecipazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SCUOLA DI MUSICA DI FIESOLE. Articolo 1 Natura giuridica

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SCUOLA DI MUSICA DI FIESOLE. Articolo 1 Natura giuridica STATUTO DELL ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SCUOLA DI MUSICA DI FIESOLE Articolo 1 Natura giuridica 1. L Associazione Amici della Scuola di musica di Fiesole, promossa dal Maestro Piero Farulli, è un istituzione

Dettagli

Se siete interessati a costituire un associazione per il vostro distretto, contattate il vostro rappresentante di supporto per club e distretti.

Se siete interessati a costituire un associazione per il vostro distretto, contattate il vostro rappresentante di supporto per club e distretti. omississ Costituzione del distretto in associazione Quando un gruppo o un organizzazione si costituiscono formano un associazione. Il bene cio primario della costituzione in associazione è la protezione

Dettagli

L anno., il giorno. del mese di.. presso

L anno., il giorno. del mese di.. presso BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CREMONA, E I CENTRI AUTORIZZATI DI ASSISTENZA FISCALE (CAAF), PER SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA PER ASSISTENZA AI CITTADINI NELLA COMPILAZIONE E L INOLTRO DELLA DOMANDA

Dettagli

STATUTO. Accademia Forense Europea

STATUTO. Accademia Forense Europea STATUTO Accademia Forense Europea ***** PARTE PRIMA COSTITUZIONE SCOPI SOCI Art. 1 COSTITUZIONE 1) E costituita in data 7 febbraio 2012 l associazione culturale Accademia Forense Europea (in acronimo A.F.E.)

Dettagli

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Art.1 RIFERIMENTI ALLO STATUTO COMUNALE 1 Il presente Regolamento si ispira al Titolo III

Dettagli

ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O. Denominazione. sede e durata

ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O. Denominazione. sede e durata ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O Denominazione. sede e durata Art. 1 E costituita un associazione senza fini di lucro denominata RETE ITALIANA DI MICROFINANZA denominata

Dettagli

Riferimenti normativi

Riferimenti normativi CRITERI E MODALITÀ PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DIRETTAMENTE SOSTENUTE DALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI REGOLAMENTATI DA CONVENZIONE I Progetti possono essere integrativi

Dettagli

Statuto Associazione Borsisti Marco Fanno

Statuto Associazione Borsisti Marco Fanno Statuto Associazione Borsisti Marco Fanno Statuto iscritto nel registro delle persone giuridiche, ai sensi dell articolo 2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n.361 su istanza del 23 agosto 2013 della Prefettura

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali

Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali COMUNE DI RIVELLO Provincia di Potenza Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali Approvato con deliberazione del Commissario Prefettizio n. 8 in data 19 agosto 2008. ART. 1 Oggetto

Dettagli

Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University

Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE E FUNZIONI Art. 1 Ambito di applicazione 1.

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI approvato con deliberazione G.P. n. 188 del 25.7.2001 modificato con deliberazione G.P. n. 83 del

Dettagli

STATUTO GENOA CLUB DIPENDENTI GRUPPO BANCA CARIGE. (Modificato dall Assemblea Straordinaria in seduta del 13.6.2007)

STATUTO GENOA CLUB DIPENDENTI GRUPPO BANCA CARIGE. (Modificato dall Assemblea Straordinaria in seduta del 13.6.2007) STATUTO GENOA CLUB DIPENDENTI GRUPPO BANCA CARIGE (Modificato dall Assemblea Straordinaria in seduta del 13.6.2007) Art. 1 Su iniziativa di alcuni dipendenti della Cassa Di Risparmio di Genova e Imperia

Dettagli

ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO

ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO ART. 1 ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA E costituita un associazione denominata: Associazione Commercianti - Pubblici Esercizi - Attività di Servizi - Ausiliari del Commercio

Dettagli

Fondazione Istituto Andrea Devoto

Fondazione Istituto Andrea Devoto Fondazione Istituto Andrea Devoto Istituto di ricerca sulle marginalità e polidipendenze ONLUS Allegato al verbale del Consiglio di Amministrazione del Preambolo. Ai sensi dell articolo 11, lettera m e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 36 del 30.6.2010

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 36 del 30.6.2010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 36 del 30.6.2010 Art. 1 Definizioni Ai fini del presente regolamento, con i termini che seguono si

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI PARTECIPATIVI DEL COMUNE DI VIMERCATE

REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI PARTECIPATIVI DEL COMUNE DI VIMERCATE REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI PARTECIPATIVI DEL COMUNE DI VIMERCATE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 40 del 30 ottobre 2012 1 REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI PARTECIPATIVI DEL COMUNE DI VIMERCATE

Dettagli

CAPITOLATO GENERALE adottato ai sensi dell art. 3 del Regolamento dei Contratti

CAPITOLATO GENERALE adottato ai sensi dell art. 3 del Regolamento dei Contratti CAPITOLATO GENERALE adottato ai sensi dell art. 3 del Regolamento dei Contratti 1/7 ART. 1 OBBLIGATORIETA (Articolo 2 e 3 del Regolamento dei Contratti) 1.1. In virtù della delega contenuta nell articolo

Dettagli

Gruppo Albergatori della provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO

Gruppo Albergatori della provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO Gruppo Albergatori della provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO ART.1 - Denominazione e ambiti di rappresentanza Nell ambito dell Associazione Provinciale Albergatori di Milano di seguito Apam - è costituito

Dettagli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ADM.MNUC Reg. Uff. n.104077 del 22/12/2014 IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli VISTO il Testo Unico di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, (T.U.L.P.S.), e successive modificazioni

Dettagli

ωεχϖβνµθωερτψυιοπ ασδφγηϕκτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθ ερτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψυι οπασδφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψυιοπασδ

ωεχϖβνµθωερτψυιοπ ασδφγηϕκτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθ ερτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψυι οπασδφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψυιοπασδ ωεχϖβνµθωερτψυιοπ ασδφγηϕκτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθ ωερτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψ υιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψυιοπασ δφγηϕκλζξχϖβνµθωερτψυιοπασδφγηϕκ λζξχϖβνµθωερτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖ βνµθωερτψυιοπασδφγηϕκλζξχϖβνµθω

Dettagli

COMUNE DI PORTOGRUARO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PORTOGRUARO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI PORTOGRUARO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Deliberazione del Commissario con i poteri della Giunta Comunale n. 68 del 21.12.2009

Dettagli

PROCEDURA DI TESSERAMENTO CON PAGAMENTO ONLINE FEDERAZIONI ITALIANA SPORT EQUESTRI

PROCEDURA DI TESSERAMENTO CON PAGAMENTO ONLINE FEDERAZIONI ITALIANA SPORT EQUESTRI PROCEDURA DI TESSERAMENTO CON PAGAMENTO ONLINE PREMESSA: 1. REGISTRAZIONE AL SITO DELLE POSTE Per poter effettuare le operazioni di pagamento, qualunque sia la modalità prescelta (carta di credito del

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Premessa:

CARTA DEI SERVIZI. Premessa: CARTA DEI SERVIZI Premessa: La Carta dei Servizi è uno strumento utile al cittadino per essere informato sulle caratteristiche del servizio offerto, sulla organizzazione degli uffici comunali, sugli standards

Dettagli

PROCEDURA GUIDATA AFFILIAZIONE

PROCEDURA GUIDATA AFFILIAZIONE PROCEDURA GUIDATA AFFILIAZIONE Il sistema Intranet FIGT è stato aggiornato per la gestione e il tesseramento delle Categorie di atleti Juniores e Seniores con questi criteri: All interno della Federazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

Settore Affari Generali e Istituzionali. Disciplinare per le Pubblicazioni on line

Settore Affari Generali e Istituzionali. Disciplinare per le Pubblicazioni on line Settore Affari Generali e Istituzionali Disciplinare per le Pubblicazioni on line ANNO 2014 INDICE Art. 1 Principi generali... 3 Art. 2 Modalità di accesso al servizio on line... 3 Art. 3 Atti destinati

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E DISCIPLINA DELL'ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E DISCIPLINA DELL'ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO PER LA TENUTA E DISCIPLINA DELL'ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 155 del 29/11/08) ART. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli ALBO DELLE ASSOCIAZIONI : REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli ALBO DELLE ASSOCIAZIONI : REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli ALBO DELLE ASSOCIAZIONI : REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA INDICE Art. 1 Materia del regolamento Art. 2 Articolazione Art. 3 Requisiti per l iscrizione

Dettagli

Accordo per l informazione e la consultazione a livello sovranazionale dei dipendenti

Accordo per l informazione e la consultazione a livello sovranazionale dei dipendenti Accordo per l informazione e la consultazione a livello sovranazionale dei dipendenti * del gruppo Deutsche Bank nell Unione Europea Commissione interna Euro Deutsche Bank Premessa In considerazione dello

Dettagli

CITTÀ DI PAVULLO NEL FRIGNANO. (Provincia di Modena)

CITTÀ DI PAVULLO NEL FRIGNANO. (Provincia di Modena) CITTÀ DI PAVULLO NEL FRIGNANO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER L IISCRIIZIIONE,, LA CANCELLAZIIONE E LA REVIISIIONE DEL REGIISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIIAZIIONII DII PROMOZIIONE SOCIIALE.. 1 PREMESSA

Dettagli

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità.

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Art. 1. Aventi diritto alle Credenziali-People 1. Per l accesso ai Servizi-People sviluppati

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA "FURIO DEL FURIA"

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA FURIO DEL FURIA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA "FURIO DEL FURIA" DENOMINAZIONE - SEDE - AFFILIAZIONE - AZIONE -SCOPI Art. 1 Il 01 Gennaio 1977 si costituisce l Associazione Fotografica "Furio Del Furia" con sede

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DIRITTO SOCIETARIO IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Diritto societario in Qatar La disciplina del diritto societario è contenuta nella nuova Legge n. 5/2002 definita New Commercial Companies Law

Dettagli

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È costituita dal 1908 l Unione delle Province d Italia (U.P.I.). Essa ha sede in Roma.

Dettagli

Regolamento per l iscrizione nel Registro dei CERTIFICATORI ENERGETICI Art. 2 del DD 21 settembre 2009 n. 127

Regolamento per l iscrizione nel Registro dei CERTIFICATORI ENERGETICI Art. 2 del DD 21 settembre 2009 n. 127 Regolamento per l iscrizione nel Registro dei CERTIFICATORI ENERGETICI Art. 2 del DD 21 settembre 2009 n. 127 Art. 1 Il Certificatore Energetico (CE) è il tecnico, esperto in materia di energetica edilizia,

Dettagli

Gestione ricorsi e reclami

Gestione ricorsi e reclami Procedura CERTIFICAZIONI PC086rev04 - Pagina 1 (6) Gestione ricorsi e reclami Elenco delle principali modifiche rispetto alla precedente revisione Rev. Data Descrizione 04 05/06/2014 Rivista tutta la procedura

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER IL COORDINAMENTO E LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE E RICREATIVE

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER IL COORDINAMENTO E LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE E RICREATIVE REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER IL COORDINAMENTO E LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE E RICREATIVE Approvato con atto del C.C. n. 73 del 5.11.2014. Pubblicato all albo comunale, ai sensi dell art.

Dettagli

ALBO DELLE ASSOCIAZIONI

ALBO DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione di CC n.15 del 10/03/2011 COMUNE DI CANTALUPA Provincia di Torino ALBO DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA INDICE Art. 1 Materia del Regolamento Art.

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con delibera di C.C. nr. 3 del 07.02.2015 Art.1 PRINCIPI DI CARATTERE GENERALE Il Comune di San Lorenzo Nuovo riconosce e promuove

Dettagli

Estratto Circolare RIAFFILIAZIONE DEGLI ORGANISMI DI BASE AL CNSL

Estratto Circolare RIAFFILIAZIONE DEGLI ORGANISMI DI BASE AL CNSL Roma, 13 agosto 2007 Prot.n. 1360 Estratto Circolare OGGETTO: Norme e procedure di affiliazione/riaffiliazione e tesseramento al Centro Nazionale Sportivo Libertas Stagione Sportiva 2007/2008 Anno solare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO SPESA FACILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO SPESA FACILE UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO Alonte, Asigliano Veneto, Orgiano, Pojana Maggiore REGOLAMENTO DEL SERVIZIO SPESA FACILE Approvato con deliberazione C. U. n. 13 del 30/09/2008 Art. 1 Oggetto del servizio

Dettagli

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni COMUNE DI OLIVETO CITRA Provincia di Salerno Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni Approvato con deliberazione C.C. n. 14 del 26.04.2013 In vigore dal 26.04.2013 1 TITOLO I TITOLO I - ISTITUZIONE

Dettagli

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE TITOLO I Norme Generali Articolo 1-Premessa Generale Il presente Regolamento è adottato dal CdA della FONDAZIONE Calabria Roma Europa, nei

Dettagli

PROCEDURA Nr. 09 (ED.02) GESTIONE DELLE ISCRIZIONI DEI SOCI SIF

PROCEDURA Nr. 09 (ED.02) GESTIONE DELLE ISCRIZIONI DEI SOCI SIF INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. DEFINIZIONI 3. FLUSSO DELLE ATTIVITÀ 4. RESPONSABILITÀ E DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 4.1 Aspiranti Soci 4.2 Soci effettivi 4.3 Soci sostenitori 4.4 Soci Onorari

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

ALLEGATO A. Dipartimento I Politiche delle Risorse Umane e Decentramento ALBO DOCENTI ESTERNI

ALLEGATO A. Dipartimento I Politiche delle Risorse Umane e Decentramento ALBO DOCENTI ESTERNI ALLEGATO A Dipartimento I Politiche delle Risorse Umane e Decentramento ALBO DOCENTI ESTERNI ALBO DOCENTI ESTERNI Art. 1. Istituzione e finalità Il Comune di Roma istituisce un Albo di tipo aperto per

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Regolamento della Consulta provinciale delle professioni

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Regolamento della Consulta provinciale delle professioni CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Regolamento della Consulta provinciale delle professioni Regolamento approvato dal Consiglio camerale con deliberazione n.47 del 20.12.2012 INDICE ARTICOLO 1 (Oggetto del

Dettagli

PROCEDURA PER L ATTIVAZIONE E GESTIONE DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO UNIVERSITARI

PROCEDURA PER L ATTIVAZIONE E GESTIONE DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO UNIVERSITARI PROCEDURA PER L ATTIVAZIONE E GESTIONE DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO UNIVERSITARI I Dipartimenti e i Centri possono attivare, anche in collaborazione con soggetti pubblici e privati: Corsi di perfezionamento

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI Allegato A NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI Articolo 1 (Funzioni) 1.1 La Cassa conguaglio per il settore

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Oggi, 7 dicembre 2009, a seguito delle vigenti disposizioni di legge viene rinnovato l atto costitutivo del GRUPPO

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Oggi, 7 dicembre 2009, a seguito delle vigenti disposizioni di legge viene rinnovato l atto costitutivo del GRUPPO ATTO COSTITUTIVO E STATUTO Oggi, 7 dicembre 2009, a seguito delle vigenti disposizioni di legge viene rinnovato l atto costitutivo del GRUPPO FOTOGRAFICO IDEAVISIVA con sede a Campi Bisenzio. Il Gruppo

Dettagli

APPENDICE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI CONTABILITA :

APPENDICE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI CONTABILITA : COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA APPENDICE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI CONTABILITA : REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI PER L EMISSIONE DI MANDATI INFORMATICI Approvato con deliberazione

Dettagli

PROGETTO Edizione 2015-2016

PROGETTO Edizione 2015-2016 in collaborazione con PROGETTO Edizione 2015-2016 Pag. 1 di 5 Introduzione La Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo (di seguito abbreviata in Fondazione), persona giuridica privata senza fini di lucro

Dettagli

REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO DIREZIONE TURISMO AVVISO PUBBLICO

REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO DIREZIONE TURISMO AVVISO PUBBLICO ALLEGATO A REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO DIREZIONE TURISMO AVVISO PUBBLICO Iscrizione delle agenzie di viaggi e turismo del Lazio nell elenco regionale delle agenzie sicure. Legge

Dettagli

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI 1. Domanda: Quanti progetti risultano ammessi al co finanziamento? Risposta: Al momento i progetti ammessi al co finanziamento

Dettagli

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP. C.A.S.P. - Centri Avviamento Sport Paralimpico ANNO SPORTIVO 2010/2011

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP. C.A.S.P. - Centri Avviamento Sport Paralimpico ANNO SPORTIVO 2010/2011 ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP Il Comitato Italiano Paralimpico continuerà, anche in futuro, ad avere una competenza diretta su tutta l attività di avviamento allo sport. La gestione delle attività

Dettagli

Associazioni dei Consumatori - Telecom Italia

Associazioni dei Consumatori - Telecom Italia REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE Associazioni dei Consumatori - Telecom Italia Art. 1 Natura e ambito di applicazione della procedura 1. Le Associazioni dei Consumatori firmatarie del Regolamento di Conciliazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI Approvato in data con deliberazione consiliare n. 1. E istituita la Consulta Anziani. Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE PER LA RICEZIONE IN VIA TELEMATICA TICA DEI DATI RELATIVI AI MOD. 730-4 RESI DISPONIBILI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMUNICAZIONE PER LA RICEZIONE IN VIA TELEMATICA TICA DEI DATI RELATIVI AI MOD. 730-4 RESI DISPONIBILI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE COMUNICAZIONE PER LA RICEZIONE IN VIA TELEMATICA TICA DEI DATI RELATIVI AI MOD. 730-4 RESI DISPONIBILI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE TE D.M. N. 164 DEL 31 MAGGIO 1999 Informativa ai sensi dell art. 13 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO Emanato con D.R. n. 12096 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo l 8 giugno 2012 In

Dettagli

Il nuovo sistema tirocini on line

Il nuovo sistema tirocini on line Il nuovo sistema tirocini on line Presentazione nuovo applicativo informatico Giovedì 21 novembre ore 15 Via C. Colombo 212, palazzina A, sala Tevere Procedura di registrazione 2 1 L utente compila il

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE

PROCEDURA DI SISTEMA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE Pagina 1 di 5 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITÀ 4. PROCEDURA 4.1 Inserimento di nuovo personale 4.2 Formazione e aggiornamento dei docenti 4.3 Formazione e aggiornamento del personale

Dettagli

Comune di Montemurlo

Comune di Montemurlo Comune di Montemurlo Provincia di Prato Regolamento comunale sul registro delle unioni civili (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 71 del 26/11/2014) INDICE ART. 1 (Definizioni) pag. 2 ART.

Dettagli

Avviso n. 3/ 2008 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle imprese aderenti di dimensioni minori

Avviso n. 3/ 2008 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle imprese aderenti di dimensioni minori Avviso n. 3/ 2008 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle imprese aderenti di dimensioni minori Avviso n. 3/2008 1 1 Finalità Il Fondo paritetico interprofessionale Fondimpresa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICA DI SOSTENITORE

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICA DI SOSTENITORE Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento determina: a) le modalità di adesione dei sostenitori alla Fondazione; b) i requisiti degli aspiranti sostenitori; c) la quota di adesione; d) la prestazione

Dettagli

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI REGOLAMENTO COMMISSIONE NAZIONALE FORMAZIONE SICUREZZA LAVORO VISTO lo Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI E SUSSIDI FINANZIARI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI E SUSSIDI FINANZIARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI E SUSSIDI FINANZIARI ART. 1 PREMESSA 1) Il Consiglio Direttivo può concedere contributi a favore di Enti ed Associazioni pubbliche e private ove

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

Auser Volontariato Territoriale Firenze. Regolamento Tesseramento e ripartizione risorse finanziarie Trasparenza e comportamenti

Auser Volontariato Territoriale Firenze. Regolamento Tesseramento e ripartizione risorse finanziarie Trasparenza e comportamenti Auser Volontariato Territoriale Firenze Regolamento Tesseramento e ripartizione risorse finanziarie Trasparenza e comportamenti Delibera del Comitato Direttivo dell Auser Volontariato Territoriale Firenze

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO E ASSEGNI DI RICERCA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO E ASSEGNI DI RICERCA É UP O L I S LOMBAR D I A I STI T UT O SUP E R I O R E P E R L A RIC E R C A, L A STAT I S T I C A E L A F O R M AZ I O N E REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO E ASSEGNI DI RICERCA Indice

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ABILMENTE CON TUTTI PREMESSA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ABILMENTE CON TUTTI PREMESSA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ABILMENTE CON TUTTI PREMESSA L Associazione ABILMENTE CON TUTTI vuole essere una risposta alla situazione di profondo disagio in cui vengono a trovarsi le persone

Dettagli