Dinamica delle aperture nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo DATAGIOVANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dinamica delle aperture nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo DATAGIOVANI"

Transcript

1 LE PARTITE IVA UNDER 35 Dinamica delle nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo settembre P.tta Gasparotto, Padova Tel Fax

2 LE PARTITE IVA UNDER 35 Dinamica delle nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo Con questo report tenta di tracciare un quadro recente delle dinamiche e delle caratteristiche del lavoro autonomo dei giovani nel nostro Paese, ma anche in un confronto in chiave europea, attraverso l esame delle nuove di partita iva nei primi sette mesi dell anno secondo i dati del Dipartimento delle Finanze del Ministero dell Economia, un identikit qualitativo delle principali caratteristiche dei lavoratori autonomi senza dipendenti attraverso l indagine del 1 trimestre sulle forze lavoro dell Istat e un confronto sugli own-account workers nel 2 trimestre dell anno con i dati Eurostat. La dinamica delle di partita iva nei primi da gennaio a luglio Le difficoltà che il mercato del lavoro giovanile, e non solo, sta incontrando negli anni della crisi sembrano non investire unicamente l occupazione dipendente ma anche il lavoro autonomo. Una prima prova viene dalla dinamica delle di partita iva da gennaio a luglio del, che vede una frenata dell 11,2% per i giovani fino a 35 anni rispetto allo stesso periodo del Meno voglia, e possibilità, dunque di intraprendere una attività in proprio per i giovani, che nasconde anche le minori opportunità di lavoro offerte dalle aziende che spesso invitano i giovani ad aprire la partita iva per poi collaborare con l azienda stessa. Il dato è particolarmente significativo se si confronta la dinamica giovanile con quella delle di partita iva delle persone fisiche complessivamente considerate, senza dunque la distinzione d età, per cui la diminuzione è stata del 7,6%: questo vuol dire che la flessione è stata quasi tutta determinata dalle minori partite iva aperte dai giovani (infatti, il dato per gli Over 35 segna appena un -3,7%). Del resto, delle oltre 273 mila partite iva aperte dall inizio dell anno (da persone fisiche), più di 136 mila, vale a dire la metà, sono state attribuite a persone con al massimo 35 anni. Di queste, circa 50 mila sono state aperte al Sud, dove l incidenza sul totale raggiunge il massimo (53%), sebbene la flessione sul 2012 sia stata notevole (-11,7%), in particolare in Campania (-13,6%, nuove partite iva in meno) e in Sicilia (-13,3%). I giovani del Nord si mostrano meno propensi all apertura di partita iva rispetto al Sud, soprattutto nel Nordest, dove la quota di nuove attività autonome giovanili scende al 46,3% del totale, con i minimi di Veneto e Friuli Venezia Giulia. Questi elementi sembrano continuare ad evidenziare una minore propensione dei giovani nordestini ad intraprendere attività autonome, aspetto confermato da un nostro recente report che vedeva proprio il Nordest come il territorio nazionale in cui l imprenditoria giovanile si sta maggiormente rarefacendo. La flessione nelle nuove attività autonome dei giovani appare abbastanza trasversale a tutti i settori di attività, sebbene con intensità diverse. Solamente tre comparti mostrano una tendenza di crescita: l alimentare (860 nuove partite iva giovani, +7,2% sul 2012), le attività di alloggio e ristorazione (+7,1% per partite iva) e le attività finanziarie ed assicurative, che segnano un +38,5% per l assegnazione di nuove partite iva. Le attività in maggiore contrazione rispetto all anno precedente sono quelle legate al trasporto ed alla logistica (-34,8%) ed alle costruzioni (-26,5%), ma una minore propensione all apertura di partite iva si verifica anche in uno dei settori in cui è più naturale l attività autonoma, vale a dire le attività professionali, scientifiche e tecniche, che nonostante le oltre 30 mila nuove partite iva aperte segnano un -17,6% sul periodo gennaio-luglio 2012, in particolare per le minori nelle attività legali e di contabilità e negli studi di architettura ed ingegneria. Il commercio, l area che raccoglie quasi una nuova partita iva di giovani su quattro (oltre 32 mila), nella panoramica di ridimensionamento sembra vere tutto sommato tenuto (-7%). Un modo per rappresentare in maniera immediata le differenti dinamiche di apertura di nuove partite iva è dato dall indice di propensione all attività autonoma, che rapporta il numero di nuove partite iva aperte dai giovani al numero di occupati della stessa età. Si vede immediatamente come la propensione sia superiore nel Mezzogiorno, con oltre 30 nuove partite iva ogni mille occupati 2

3 (Campania 36, Sicilia 34), mentre al Nord si fatica a stare vicino alle 20 nuove attività autonome per mille occupati (con il Trentino Alto Adige al 15 ed il Veneto al 17). Questi risultati sono, naturalmente, frutto di una distribuzione delle nuove partite iva aperte dai giovani concentrata soprattutto nelle province del Sud: Benevento, Crotone e Vibo Valentia hanno i dati più elevati dell indice di propensione all attività autonoma, sebbene con numeri assoluti di nuove partite iva piuttosto contenuti, ma tra le prime 10 troviamo al 4 posto Foggia (quasi nuove attività autonome) al 6 Napoli (7.840), al 7 Caserta (circa 2.400) ed al 10 Palermo (3.024). Tra le province maggiori, gli ultimi posti della classifica per indice di propensione spiccano soprattutto le lombarde Varese, Bergamo e Brescia, intorno alle 15 nuove partite iva ogni mille occupati, ma l ultimo posto è per la provincia di Bolzano (indice pari a 12,2 per 887 nuove attività). In termini assoluti, la provincia in cui i giovani hanno aperto più partite iva nei primi sette mesi dell anno è Roma (11.800), che stacca di parecchie lunghezze Napoli (7.840) e Milano (7.505). Aperture di partita iva di persone fisiche fino a 35 anni da gennaio a luglio per regione confronto con le complessive (senza distinzione d età) e con lo stesso periodo del 2012 Regione / Area Aperture di P.Iva fino a 35 anni nel periodo genlug Inc. % di P.Iva fino a 35 anni sul totale (senza distinzione d età) Variazioni nelle di partita iva su 2012 Assolute fino a 35 anni % fino a 35 anni % totali (senza distinzione d età) Piemonte , ,6-8,1 Valle d'aosta , ,6-5,0 Lombardia , ,7-7,2 Liguria , ,9-12,3 Trentino Alto Adige , ,7-3,0 Veneto , ,8-5,6 Friuli Venezia Giulia , ,9-2,4 Emilia Romagna , ,4-7,1 Toscana , ,0-8,4 Umbria , ,7-6,6 Marche , ,8-3,0 Lazio , ,4-6,9 Abruzzo , ,7-3,2 Molise , ,3 0,1 Campania , ,6-11,9 Puglia , ,7-7,4 Basilicata , ,4-2,0 Calabria , ,0-11,0 Sicilia , ,3-11,5 Sardegna , ,4-4,4 Nordovest , ,3-8,0 Nordest , ,9-5,7 Centro , ,6-6,9 Sud-isole , ,7-9,3 Italia , ,2-7,6 Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze 3

4 Aperture di partita iva di persone fisiche fino a 35 anni da gennaio a luglio per i principali settori di attività economica confronto con le complessive (senza distinzione d età) e con lo stesso periodo del 2012 Settori di attività Aperture di P.Iva fino a 35 anni nel periodo Valori assoluti Inc % su di P.Iva fino a 35 anni Inc. % sul totale (senza distinzione d età) Variazioni nelle di partita iva su 2012 % fino a 35 anni % totali (senza distinzione d età) Agricoltura, silvicoltura, pesca ,9 23,0-10,4-5,9 Attività manifatturiere ,5 40,6-14,7-12,3 Industrie alimentari 860 0,6 49,4 7,2 4,3 Confezione di articoli di abbigliamento, in pelle e pelliccia ,8 39,6-0,3-4,5 Fabbricazione di articoli in pelle e simili 352 0,3 39,3-5,4-4,9 Fabbr.ne di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) 594 0,4 39,9-30,2-22,9 Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine 591 0,4 39,6-25,8-20,2 Costruzioni ,3 46,8-26,5-21,3 Costruzione di edifici ,2 43,9-21,6-16,8 Lavori di costruzione specializzati ,1 47,3-27,4-22,2 Commercio ,6 49,5-7,0-3,8 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di auto e moto ,5 48,0-10,3-7,5 Commercio all'ingrosso (escluso quello di auto e moto) ,6 45,5-15,1-8,0 Commercio al dettaglio (escluso quello di auto e moto) ,6 52,0-1,8-0,8 Trasporto e magazzinaggio ,0 38,6-34,8-28,0 Attività di alloggio e ristorazione ,7 50,6 7,1 9,2 Servizi di informazione e comunicazione ,8 55,5-15,7-9,2 Produzione di software, consulenza informatica ,5 54,0-17,9-10,5 Attività dei servizi d'informazione e altri servizi informatici 999 0,7 54,1-15,6-9,8 Attività finanziare e assicurative ,4 57,9 38,5 44,9 Attività immobiliari ,8 39,2-13,6-3,7 Attività professionali, scientifiche e tecniche ,4 60,6-17,6-13,3 Attività legali e contabilità ,1 71,0-20,3-17,4 Attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale ,9 39,3-12,5-4,4 Attività degli studi di architettura e d'ingegneria-collaudi ed analisi ,2 71,6-20,1-18,1 Pubblicità e ricerche di mercato ,8 57,3-15,7-12,6 Noleggio, agenzie di viaggio e supporto alle imprese ,4 50,1-17,4-13,8 Attività di servizi per edifici e paesaggio ,4 48,3-14,5-11,2 Attività di supporto per le funzioni d'ufficio e altri servizi di supporto alle imprese ,4 51,7-20,5-16,0 Istruzione ,1 50,3-15,2-5,0 Sanità e assistenza sociale ,9 64,9-3,7-0,9 Assistenza sanitaria ,4 66,4-4,0-1,3 Assistenza sociale non residenziale 610 0,4 45,5-1,3 2,0 Attività artistiche, sportive e di intrattenimento ,7 59,0-14,3-15,5 Attività creative, artistiche e di intrattenimento 1,5 57,7-15,8-17,0 Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento ,0 61,2-17,8-18,5 Altre attività di servizi ,3 52,0-9,7-9,1 Nota: la somma delle di partite iva dei singoli settori ( in grassetto) non coincide con il totale delle in quanto in tabella sono stati riportati solo i settori principali, con un numero consistente di. Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze 4

5 Indice di propensione all attività autonoma* fino a 35 anni da gennaio a luglio, per regione Regione / Area Indice Piemonte 21,0 Valle d'aosta 21,3 Lombardia 18,2 Liguria 24,3 Trentino Alto Adige 14,8 Veneto 17,0 Friuli Venezia Giulia 18,1 Emilia Romagna 18,5 Toscana 24,5 Umbria 20,7 Marche 21,3 Lazio 28,6 Abruzzo 24,6 Molise 29,2 Campania 36,5 Puglia 28,0 Basilicata 28,1 Calabria 33,5 Sicilia 33,8 Sardegna 23,7 Nordovest 19,5 Nordest 17,4 Centro 25,7 Sud-isole 31,3 Italia 23,6 Indice di propensione all'attività autonoma 28,6 a 36,6 (5) 24,5 a 28,6 (3) 23,7 a 24,5 (3) 18,5 a 23,7 (5) 14,8 a 18,5 (4) ) * L indice di propensione all attività autonoma è calcolato come rapporto tra le nuove di partita iva fino a 35 anni da gennaio a luglio ed il numero di occupati Under 35 in ogni regione, per Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze e Istat 5

6 Prime e ed ultime 10 province per numero assoluto di di partita iva di persone fisiche fino a 35 anni da gennaio a luglio Provincia PRIME 10 PROVINCE Aperture Var. % 2012 / Indice di propensione all attività autonoma Provincia ULTIME 10 PROVINCE Aperture Var. % 2012 / Indice di propensione all attività autonoma Roma ,9 29,6 Biella ,5 20,1 Napoli ,7 38,9 Sondrio ,6 15,5 Milano ,7 23,3 Aosta 302-7,6 21,3 Torino ,7 22,4 Oristano 294 3,9 20,9 Palermo ,1 34,4 Verbano-Cusio- Ossola ,4 18,0 Bari ,9 25,1 Gorizia ,1 22,3 Salerno ,2 32,4 Isernia 227-8,8 28,7 Catania ,5 32,3 Carbonia-Iglesias 200-2,0 18,3 Firenze ,7 24,9 Medio Campidano ,4 20,9 Caserta ,6 37,1 Ogliastra 126-0,8 27,7 Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze e Istat Prime e ed ultime 10 province per variazione percentuale nelle di partita iva di persone fisiche fino a 35 anni da gennaio a luglio rispetto allo stesso periodo del 2012 Provincia PRIME 10 PROVINCE Aperture Var. % 2012 / Indice di propensione all attività autonoma Provincia ULTIME 10 PROVINCE Aperture Var. % 2012 / Indice di propensione all attività autonoma Gorizia ,1 22,3 Lecce ,2 30,8 Nuoro 381 6,7 25,2 Agrigento ,2 34,9 Oristano 294 3,9 20,9 Varese ,2 14,9 Asti 496 1,8 22,4 Savona ,4 26,0 Ascoli Piceno 489 0,4 28,8 Massa Carrara ,4 26,9 Rovigo 537 0,4 21,5 Genova ,6 24,0 Modena ,7 17,1 Lucca ,0 21,8 Ogliastra 126-0,8 27,7 Como ,2 15,0 Ancona ,2 21,4 Ferrara ,7 20,0 Novara 841-1,3 20,4 Pistoia ,6 22,1 Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze e Istat 6

7 Indice di propensione all attività autonoma* fino a 35 anni da gennaio a luglio, per provincia Indice di propensione all'attività autonoma 30,3 a 40 (20) 24,9 a 30,3 (21) 22 a 24,9 (19) 17,9 a 22 (22) 12,1 a 17,9 (21) * L indice di propensione all attività autonoma è calcolato come rapporto tra le nuove di partita iva fino a 35 anni da gennaio a luglio ed il numero di occupati Under 35 in ogni provincia, per Il numero degli occupati è stato stimato sulla base dei tassi di occupazione provinciali, della popolazione Under 35 residente al 2012 e degli occupati Under 35 regionali. Per ragioni tecniche in cartina non sono riportate le province di nuova costituzione. Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze e Istat Prime e ed ultime 10 province per Indice di propensione all attività autonoma fino a 35 anni da gennaio a luglio Provincia PRIME 10 PROVINCE Aperture Var. % 2012 / Indice di propensione all attività autonoma Provincia ULTIME 10 PROVINCE Aperture Var. % 2012 / Indice di propensione all attività autonoma Benevento ,6 40,0 Brescia ,1 15,5 Crotone ,2 39,5 Lodi 452-8,5 15,4 Vibo Valentia ,9 39,2 Lecco ,9 15,3 Foggia ,7 39,1 Vicenza ,0 15,2 Caltanissetta 695-6,6 38,9 Cremona ,6 15,1 Napoli ,7 38,9 Como ,2 15,0 Caserta ,6 37,1 Bergamo ,9 14,9 Siracusa ,1 36,1 Varese ,2 14,9 Agrigento ,2 34,9 Pordenone 508-5,0 14,0 Palermo ,1 34,4 Bolzano ,7 12,2 Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze e Istat 7

8 Tratti caratteristici del lavoro autonomo Under 35 In linea generale, non è disponibile un dato di stock sulle partite iva detenute da persone fisiche fino ai 35 anni, ma si può ipotizzare che il loro numero si aggiri tra le 600 mila e le 800 mila unità. A questi valori si è pervenuti utilizzando i dati di tre fonti differenti ed operando una stima basata sull ipotesi di distribuzione uniforme all interno delle classi d età fornite. La prima fonte è il Dipartimento delle Finanze del Ministero dell Economia, che nella pubblicazione dei dati relativi alle dichiarazioni IRPEF del 2012 (anno di imposta 2011) ha censito poco meno di 48 mila persone fisiche titolari di partita iva dai 15 ai 24 anni e quasi 1 milione e 600 mila dai 25 ai 44 anni. Utilizzando l ipotesi lineare prima accennata, si giunge ad un valore di circa 880 mila partite iva, valore che naturalmente si riferisce al 2011 ed è facile prevedere che con il permanere della crisi economica sia andato riducendosi piuttosto che aumentare. Questi dati sono abbastanza in linea con quelli di Infocamere, che censisce (nel 2 trimestre ) titolari di imprese individuali under 30 e tra 30 e 49 anni. Bisogna però tenere presente che i professionisti titolari partita iva (circa 300 mila Under 45 secondo il Dipartimento delle Finanze nel 2011) non hanno l'obbligo di iscrizione alle camere di commercio e dunque non sono conteggiati da Infocamere. Sempre applicando una distribuzione uniforme, si giungerebbe a circa 700 mila titolari Under 35 di imprese individuali. I microdati recentemente rilasciati dall Istat relativi alla rilevazione sulle forze lavoro del 1 trimestre permettono infine di calcolare una stima (ricordando che l indagine, seppure estremamente ampia ed accurata, è pur sempre campionaria) del numero di lavoratori autonomi Under 35 senza dipendenti, molto vicina alle 600 mila unità. Attraverso ulteriori elaborazioni sui microdati Istat si è potuto tracciare un identikit qualitativo del profilo anagrafico e lavorativo dei lavoratori autonomi Under 35 nel nostro Paese. Si tratta in oltre due casi su tre di persone di sesso maschile, prevalentemente con un titolo di studio medio-alto (il 47% ha un diploma ed il 30% una laurea). Quasi uno su tre risiede al Sud, mentre la quota minore si conferma operante nel Nordest (18%). Una ulteriore conferma del possibile rallentamento dell attività autonoma tra i giovani viene dal periodo di inizio del lavoro attuale: il 40% dei giovani autonomi ha intrapreso l attività indipendente da 2 a 5 anni fa, e più di uno su tre da oltre 5 anni. Solamente il 15% ha avviato l attività autonoma da meno di un anno. Perfettamente in linea con il livello di istruzione è anche la professione svolta: un autonomo su quattro svolge una professione intellettuale o scientifica di elevata specializzazione, ed il 28% una professione tecnica, che insieme fanno oltre la metà dei lavoratori autonomi. Seguono le professioni qualificate nel commercio e nei servizi (22%), artigiani ed agricoltori (20%). I due settori di attività economica prevalenti risultano le attività immobiliari e professionali, di cui si occupano il 27% dei giovani autonomi, ed il commercio (17%). Con le costruzioni (12%) si supera abbondantemente il 50% delle attività, ma non sono marginali le quote nell istruzione e sanità e nei servizi alle persone (in entrambi i casi si supera il 10%). In ultima battuta, si è voluto verificare secondo le dichiarazioni dei lavoratori autonomi quanto sia diffuso il rischio che le partite iva nascondano in realtà dei veri e propri rapporti di subordinazione. Nel caso del lavoro autonomo i risultati sono stati decisamente confortanti, soprattutto nel confronto con recenti indagini di che avevano verificato una incidenza di circa 4 collaboratori si 10 che presentavano contemporaneamente tre vincoli ad alto tasso di dipendenza: monocommittenza, rispetto di orari di lavoro prefissati, effettuazione delle prestazioni lavorative prevalentemente o esclusivamente nel sito del committente. Circa tre autonomi su quattro presentano infatti una committenza diversificata, il 70% decide autonomamente dove lavorare o ha un proprio ufficio e quasi la totalità (87%) decide autonomamente l orario di lavoro. L incrocio delle tre variabili porta in definitiva ad un risultato estremamente positivo, con circa la metà dei giovani autonomi totalmente libera da vincoli e solo il 15% che presenta due o tre vincoli che ne limitano l attività. 8

9 Possibili stime delle partite iva delle persone fisiche Under 35 Fonte Periodo Dati disponibili Dipartimento delle Finanze Statistiche fiscali Infocamere - Stockview 2012 (anno di imposta 2011) 2 trimestre Istat RCfl 1 trimestre Dichiarazioni IRPEF di persone fisiche titolari di partita iva: Dai 15 ai 24 anni = Dai 25 ai 44 anni = Titolari di imprese individuali: Under 30 = Dai 30 ai 49 anni = Occupati dai 15 ai 34 anni, autonomi, senza dipendenti Stima partite iva Under 35* * Nelle stime si è considerata una distribuzione uniforme delle unità per ogni anno di età anagrafica. Dati arrotondati alle decine di migliaia. Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze, Infocamere - Stockview e Istat Principali caratteristiche dei lavoratori autonomi Under 35 (senza dipendenti) nel 1 trimestre Caratteristica Valore assoluto Incidenza percentuale Lavoratori autonomi Under 35 (senza dipendenti) totali ,0 Genere Maschile ,3 Femminile ,7 Titolo di studio Licenza elementare / media ,3 Diploma superiore / qual. professionale ,7 Laurea ,0 Ripartizione geografica Nordovest ,3 Nordest ,3 Centro ,7 Sud - isole ,7 Inizio del lavoro attuale Meno di un anno ,0 Da 1 a 2 anni ,0 Da 2 a 5 anni ,0 Da oltre 5 anni ,0 Professione Imprenditori e professioni intellettuali e scientifiche di elevata specializzazione ,3 Professioni tecniche ,3 Professioni qualificate nel commercio e servizi ,7 Artigiani, operai specializzati e agricoltori ,0 Altre professioni ,7 * Dati arrotondati alle decine di migliaia. (continua) Elaborazioni su dati Istat - Rcfl 9

10 (continua) Principali caratteristiche dei lavoratori autonomi Under 35 (senza dipendenti) nel 1 trimestre Caratteristica Valore assoluto Incidenza percentuale Settore di attività Agricoltura ,0% Industria ,0% Costruzioni ,7% Commercio ,7% Alberghi e ristoranti ,0% Trasporto, magazzinaggio, servizi di informazione e comunicazione ,0% Attività finanziarie e assicurative ,3% Attività immobiliari, servizi alle imprese e attività professionali ,7% Istruzione, sanità e servizi sociali ,7% Altri servizi alle persone ,0% Svolgimento dell attività Clientela Lavora per una sola azienda / cliente ,7% Lavora per più aziende / clienti ,3% Luogo abituale di lavoro Decide dove lavorare / presso proprio ufficio ,0% Presso l azienda / cliente / committente ,0% Orario di lavoro Decide autonomamente ,7% Non decide l orario ,3% Autonomi senza vincoli ,3% Autonomi con 1 solo vincolo ,7% Autonomi con 2 o 3 vincoli simultanei ,0% * Dati arrotondati alle decine di migliaia. Elaborazioni su dati Istat - Rcfl 10

11 Uno sguardo internazionale: gli own-account workers Grazie alla omogeneità delle rilevazioni trimestrali sulle forze lavoro a livello europeo è possibile operare un confronto sul lavoro non dipendente tra l Italia e gli altri Paesi europei. Si badi bene che è stata usata volutamente l espressione non dipendente invece che autonomo. Il motivo è che, a differenza dell Istat che suddivide i lavoratori in dipendenti ed indipendenti e questi ultimi ulteriormente in collaboratori ed autonomi, ciò non avviene a livello di Eurostat, per cui non è possibile distinguere la componente singola di lavoro autonomo spesso identificata con partita iva. Nel confronto europeo è stata utilizzata la definizione di own-account workers, ovvero i lavoratori indipendenti senza dipendenti, in altre parole coloro che lavorano per sé stessi. Una ulteriore limitazione che non rende perfettamente omogenea l analisi rispetto a quanto visto in precedenza è che la classe d età minima selezionabile per questa tipologia di lavoratori non si ferma ai 34 anni ma sale ai 39 anni. Fatte queste debite premesse, il confronto europeo sui dati del 2 trimestre evidenzia che il nostro Paese detiene il record assoluto di lavoratori in proprio senza dipendenti, sia tra gli Under 40 che nella classe d età superiore: si tratta di oltre 1 milione e 300 mila lavoratori sotto i 40 anni e di 2 milioni e 150 mila dai 40 ai 64 anni. Solo il Regno Unito, con circa 150 mila own-account workers in meno in entrambe le classi, si avvicina ai nostri dati. Sebbene non siamo il Paese che ha in assoluto la quota maggiore di indipendenti senza dipendenti in rapporto agli occupati Under 40 (ci batte di poco la Grecia con il 18,2%) l incidenza resta doppia rispetto alla media europea: 15% contro 7,4% nel caso dell UE a 15 e poco di più (7,9%) nell Unione a 27 Paesi. Un altro aspetto da tenere presente è che tra le nazioni europee principali siamo quella in cui c è il minor divario Under / Over 40 nella proporzione di own-account workers sui lavoratori: 15% per gli Under 40, 16,1% per gli Over. In molti Paesi l incidenza tra gli Over è quasi doppia rispetto agli Under (Germania, Francia, Spagna, Olanda, Regno Unito, e medie europee per citarne alcuni), questo perché è abbastanza naturale che un lavoratore approdi all attività autonoma dopo aver lavorato in gioventù da dipendente. La domanda che resta sospesa è dunque: è così forte e vivo lo spirito imprenditoriale nel nostro Paese, soprattutto tra i giovani, che spinge da subito ad avviare una attività autonoma? O è la mancanza di altre opportunità, o addirittura una precisa condizione per lavorare da quasi dipendente, che motiva la scelta finale del lavoro autonomo? Rimane il fatto che la crisi occupazionale sta colpendo i lavoratori indipendenti, soprattutto i giovani, molto di più nel nostro Paese che negli altri: rispetto allo stesso periodo del 2012, gli own-account workers sono diminuiti nel 2 trimestre del 10,8%, contro un dato medio europeo del -4,8% e del - 1,3% restringendo il campo all UE a 15. Variazioni più negative di quelle italiane si sono registrate solo in Croazia, Svizzeria, Romani e Repubblica Ceca. 11

12 Lavoratori in proprio senza dipendenti (own-account workers) nei Paesi europei per classe d età nel secondo trimestre, incidenza sugli occupati e variazione rispetto allo stesso periodo del 2012 Paese / Area Valori assoluti 2 trim. (migliaia) anni anni Inc. % su occupati della stessa età Var. % ownaccount workers su 2 trim Valori assoluti 2 trim. (migliaia) Inc. % su occupati della stessa età Var. % ownaccount workers su 2 trim Italia ,0-10, ,1-4,6 Austria 88 4,6 7, ,7 3,3 Belgio 150 7,4-9, ,1 10,6 Bulgaria 64 5,1-5, ,0 7,5 Cipro 14 7,8 26, ,1 3,2 Croazia (1) 29 6,2-35, ,6 0,5 Danimarca 41 3,3 16,0 96 6,8 6,6 Estonia 12 4,3 12,0 18 5,4 11,7 Finland (1) 57 5,6 4, ,8 1,0 Francia (2) 549 4,9 3, ,7-3,2 Germania 622 3,9-7, ,8-3,4 Grecia (1) ,2-1, ,7 0,2 Irlanda 53 5,8-0, ,4 7,9 Islanda (1) 4 5,3-7,0 9 10,7 5,9 Lettonia 24 6,0 32,0 30 6,3-9,5 Lituania 35 6,3 12, ,1 11,8 Lussemburgo 7 6,4 122,6 6 4,8 0,0 Macedonia (1) 31 10,1-0, ,4-8,0 Malta (1) 7 7,0 4,6 9 11,5 8,7 Norvegia 41 3,5 12,5 75 5,7-4,4 Olanda (1) 300 7,9 8, ,5 6,3 Polonia ,3-5, ,8-2,9 Portogallo 132 6,9-0, ,6-2,6 Regno Unito (1) ,5 5, ,4-1,0 Repubblica Ceca ,8-10, ,2-7,5 Romania (1) ,7-11, ,8-2,4 Slovacchia ,8-4, ,8 3,5 Slovenia (1) 23 5,6-8,3 43 9,4-13,1 Spagna 662 9,0 5, ,6 4,7 Svezia 75 3,6 7, ,2 6,0 Svizzera (1) 59 3,0-12, ,8-1,5 Ungheria (1) 72 4,0-2, ,4 0,1 UE 27 (3) ,9-4, ,1-2,9 UE 15 (3) ,4-1, ,4-0,6 (1) Ultimo dato disponibile relativo al 1 trimestre (2) Ultimo dato disponibile relativo al 4 trimestre 2012 (3) Stima derivante dall utilizzo per alcuni Paesi di dati precedenti al 2 trimestre Nota: nella definizione Eurostat, gli own-account workers sono tutti i lavoratori indipendenti senza dipendenti. Si tratta dunque di un concetto diverso da quello italiano di partita iva, in quanto comprendono anche i soci di cooperativa (marginali nel caso degli Under 40), i collaboratori con o senza progetto ed i prestatori d opera occasionali. Elaborazioni su dati Eurostat 12

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche.

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. L Italia è il primo Paese europeo per presenza di cittadini e negli ultimi anni ha visto un aumento del 62%.

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia Decreto Direttoriale 16 novembre 2000 Approvazione del piano di distribuzione territoriale delle sale destinate al gioco del Bingo. (G.U. 29 novembre 2000, n. 279, S.O.) Art. 1-1. È approvato l'allegato

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI COMUNICATO STAMPA BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI Secondo uno studio dell'associazione Bibionese Albergatori, nella stagione 2012 Bibione ha ospitato più di 770.000 turisti. Prenotazioni

Dettagli

Elettori e sezioni elettorali

Elettori e sezioni elettorali Cod. ISTAT INT 00003 AREA: Popolazione e società Settore di interesse: Struttura e dinamica della popolazione Elettori e sezioni elettorali Titolare: Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE E quanto rilevato dall Osservatorio Mutui Casa alle Famiglie di Banca per la Casa Milano, febbraio 2007 - Il novimestre 2006 conferma la

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 AZIENDA SPECIALE CONCENTRO DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PORDENONE ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 Al 3 ottobre 2015 si sono registrati in Italia 2.405 contratti di rete

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

UFFICI DIREZIONE GENERALE

UFFICI DIREZIONE GENERALE OPERAZIONE TRASPARENZA (LEGGE 18 GIUGNO 2009, N. 69) DATI RELATIVI AI TASSI DI ASSENZA E PRESENZA DEL PERSONALE Maggio 2011 Assenze (Ore) 37.475,60 Area Assenze (Ore) ABRUZZO CASA SOGGIORNO PESCARA 252,10

Dettagli

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI ESTIMATIVI AREA OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE UFFICIO GESTIONE BANCA DATI QUOTAZIONI OMI 80,00% 20,00% D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura c o m u n i c a t o s t a m p a Cooperative: 70mila quelle, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20%

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

Tassi di attività femminili nei paesi OCSE, 2006 Oecd, Employment Outlook, 2005

Tassi di attività femminili nei paesi OCSE, 2006 Oecd, Employment Outlook, 2005 Tassi di attività femminili nei paesi OCSE, 2006 Oecd, Employment Outlook, 2005 1.Islanda 83,5 2.Svezia 76,6 3.Norvegia 75,4 4.Danimarca 75,1 5.Svizzera 74,3 6.Canada 73,1 7.Finlandia 72,9 8.Nuova Zel.

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 Indici territoriali di ricorso per Cassazione anno - 2013 SOMMARIO Introduzione 1. Indici di ricorso per

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 22 dicembre #economia Rassegna stampa TG3 RAI FVG 20dic2015 Messaggero Veneto 20dic2015 Il Piccolo 20dic2015 Gazzettino 20dic2015 La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 Nell ultimo decennio

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE Negli ultimi 10 anni l incremento è stato del 165,5 per cento. Purtroppo, nel 77 per cento dei casi i responsabili non vengono assicurati alla giustizia

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati Produzione rifiuti: valori nazionali Nel 2009 cala la produzione dei rifiuti urbani in tutte le macroaree geografiche italiane: -1,6% al Centro, -1,4% al Nord e -0,4%

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 2.536 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

NOTA STUDIO CONFESERCENTI

NOTA STUDIO CONFESERCENTI Ufficio Stampa NOTA STUDIO CONFESERCENTI IMPRESE, STUDIO CONFESERCENTI: GLI IMMIGRATI RESISTONO MEGLIO ALLA CRISI: NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 LE IMPRESE INDIVIDUALI CON TITOLARI EXTRA UE CRESCONO DI

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE Piemonte Parchi in totale 87 Provincia di Torino 30 Provincia di Alessandria 5 Provincia di Asti 6 Provincia di Biella 6 Provincia di Cuneo Provincia di Novara Provincia

Dettagli

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.)

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) dott.ssa Cinzia Bricca Direttore Centrale Accertamenti e Controlli Agenzia delle Dogane Milano 25 marzo

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009 8. Turismo Nel 2009 nella categoria esercizi alberghieri gli alberghi a 4 stelle costituiscono il 40,0% degli esercizi con una dotazione di posti letto pari al 59,4% del totale. La permanenza media del

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

DATI ISTAT Noi Italia

DATI ISTAT Noi Italia Nel 2013 le famiglie in condizioni di povertà relativa sono il 12,6 per cento, poco più di 10 milioni di individui (16,6 per cento della popolazione). La povertà assoluta coinvolge il 7,9 per cento delle

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop Note e commenti n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop 1 L analisi sullo stock fa riferimento al totale delle imprese (coopera ve e non) a ve al 31 Dicembre

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali Il capitale territoriale: una leva per lo sviluppo? Bologna, 17 aprile 2012 Il ruolo delle infrastrutture nei processi di

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009 Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 009 Gli indicatori strutturali Nel I semestre 009 la crisi colpisce soprattutto l occupazione maschile Tasso

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

I percorsi di viaggio

I percorsi di viaggio I percorsi di viaggio L Italia ed il turismo internazionale nel 2005 Venezia 11 Aprile 2006 Paolo Sergardi Pragma Carla Natali TNS Infratest CONTESTO DI RIFERIMENTO Il contesto di analisi è costituito

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli