Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC"

Transcript

1 . Guida alle FM 35x. 1

2 ... 1 Guida alle FM 35x Tipologie d Encoder... 4 Acquisizione degli encoder con S7-300 e S Conteggio e misura Modalità di conteggio... 6 Posizionamento con marcia veloce/lenta Principio di funzionamento... 7 FM modulo di conteggio Configurazione... 9 Funzionalità Programmazione Cablaggio e impostazioni Hardware FM modulo di conteggio Configurazione Funzionalità SM 338 per encoder SSI Configurazione Funzionalità Cablaggio e impostazioni Hardware FM 351 modulo di posizionamento Configurazione Funzionalità Cablaggio e impostazioni hardware FM 352 modulo a camme Configurazione Funzionalità Programmazione Cablaggio e impostazioni Hardware FM 353 unità di posizionamento per motori passo-passo Configurazione Funzionalità Cablaggio e impostazioni Hardware FM 354 Modulo di posizionamento Configurazione Funzionalità Cablaggio e impostazioni Hardware FM 355 Unità di regolazione Configurazione Cablaggio e impostazioni Hardware FM unità di controllo di temperatura Configurazione Cablaggio e impostazioni Hardware FM unità di controllo multiasse Configurazione Funzionalità Programmazione Cablaggio e impostazione Hardware FM processore booleano

3 IM 174 unità profibus di comando d assi decentrata Configurazione Funzionalità Cablaggio e impostazioni HW

4 Tipologie d Encoder. Acquisizione degli encoder con S7-300 e S Devo leggere la posizione o contare il numero di impulsi dei seguenti encoder: HTL (24V) TTL (5V) SSI Altre tipologie d encoder come Endat, Revolver, non si possono leggere direttamente tramite il PLC o periferia decentrata ma sono utilizzabili solo sugli azionamenti a cui di solito sono associati. Encoder HTL (24V). Gli encoder incrementali HTL (High Transistor Logic) presentano normalmente solo 2 tracce A e B in quadratura tra di loro (sfasate di 90 ). Presentano un segnale più robusto rispetto ai TTL, ma possono raggiungere frequenze massime di segnale generalmente inferiori. Possono avere il segnale di zero e il suo negato. Encoder TTL (5V) Gli encoder incrementali TTL (Transistor-Transistor Logic) presentano normalmente 4 tracce A, A negato, B e B negato. Le tracce A e B e i rispettivi negati sono tra di loro in quadratura. Sono dotati anche di segnale di zero e del corrispondente segnale negato. Valorizzazione del Segnale Incrementale. I sensori incrementali sono classificati in funzione del numero di impulsi per ogni giro di rotazione. Se consideriamo che in realtà per ogni impulso della traccia A abbiamo: 1 fronte di salita della traccia A 1 fronte di discesa della traccia A 1 fronte di salita della traccia B 1 fronte di discesa della traccia B Si può vedere che la precisione di lettura può essere 4 volte superiore al dato di targa. Con la valorizzazione 4x vengono considerati tutte le transizioni di segnale considerate nella lista qui sopra. 4

5 Encoder SSI. Negli encoder assoluti SSI il trasduttore comunica alla scheda la posizione tramite un telegramma e non una serie d impulsi proporzionali agli spostamenti. La caratteristica importante degli encoder è che mantengono il valore della posizione anche quando vengono spenti e sono in grado di rilevare gli spostamenti eventualmente effettuati quando non sono alimentati. Qui di seguito sono riportate tutte le schede supportano una determinata tipologia di encoder: HTL: 1 Count 24V (ET200S),CPU 31xC e C7-635, FM350-2; TTL: 1Count (modulo ET200S), FM350-1, FM450; SSI: SM338, SSI (Modulo ET 200S). Tutte e tre le tipologie d encoder sono anche supportate dalla FM352-5 che è consigliabile solo quando vi è la necessità di gestire camme digitali o eseguire logiche combinatorie molto veloci. I SIMATIC Control System (T400,FM458-1 DP, TDC) supportano anch essi tutte le tipologie di encoder elencate precedentemente. La scheda IM174 consente di leggere sia TTL (1MHz) che SSI (1Mbit/s) ma solo con le T-CPU o il Simotion. Schede di conteggio per encoder HTL. Un altra suddivisione delle schede di conteggio può essere fatta in funzione della frequenza massima che sono in grado di supportare: CPU312C: 10 khz; CPU313C: 30 khz; CPU314C: 60 KHz C7-635: 60 KHz. 1Count 24 V: 100 khz; FM 350-1: 200 khz (HTL) FM 350-2: 10 khz (Encoder) FM450: 200 khz Le frequenze massime dipendono dal tipo di encoder utilizzato e bisogna sempre verificare la frequenza massima supportata dalla scheda per il trasduttore in questione. Schede di conteggio per TTL. Le schede che sono in grado di acquisire i TTL sono: FM khz (TTL); 1Count 5 V 500 khz; FM khz (TTL). Schede di lettura degli Encoder SSI. 5

6 Gli encoder SSI comunicano la posizione con un telegramma alla scheda che pertanto non può essere definita una scheda di conteggio. In questo caso non si parla più di frequenza massima di conteggio ma di velocità di trasmissione del telegramma. L unica scheda che permette di acquisire la posizione di questi encoder su un PLC è la SM338 (3 Canali) che supporta una velocità di trasferimento del telegramma fino a 1Mbit/s. Conteggio e misura. Modalità di conteggio. La modalità identifica il comportamento del conteggio una volta che viene raggiunto il limite massimo o minimo. Conteggio Continuo. Se il contatore ha raggiunto il limite di conteggio superiore e riceve un ulteriore impulso di conteggio, esso salta al limite di conteggio inferiore e continua a contare da qui. Se il contatore ha raggiunto il limite di conteggio inferiore e riceve un nuovo impulso di conteggio, esso salta al limite di conteggio superiore e continua a contare da qui. L'impostazione dei limiti di conteggio è fissata al campo di conteggio massimo. Conteggio Unico. Se il contatore raggiunge il limite superiore di conteggio in avanti e arriva un altro impulso di conteggio, esso salta al limite di conteggio inferiore e si ferma, anche se seguono altri impulsi di conteggio. Se il contatore raggiunge il limite inferiore di conteggio all'indietro e arriva un altro impulso di conteggio, esso salta al limite di conteggio superiore e si ferma, anche se seguono altri impulsi di conteggio. Quando il gate viene aperto, gli impulsi di conteggio possono raggiungere il contatore e avviare il conteggio. Quando il gate viene chiuso, gli impulsi di conteggio non possono più raggiungere il contatore e il conteggio viene interrotto. Conteggio Periodico. Nel modo operativo periodico il contatore si avvia a partire dal valore di caricamento. Se il contatore raggiunge il limite superiore di conteggio in avanti e arriva un altro impulso di conteggio, esso salta al valore di caricamento e riprende a sommare gli impulsi di conteggio. Se il contatore raggiunge il limite inferiore di conteggio all'indietro e arriva un altro impulso di conteggio, esso salta al valore di caricamento e da questo punto riprende a contare all'indietro. Quando il gate viene aperto, gli impulsi di conteggio possono raggiungere il contatore e avviare il conteggio. Quando il gate viene chiuso, gli impulsi di conteggio non possono più raggiungere il contatore e il conteggio viene interrotto. Modalità di misura. Le schede di conteggio possono essere utilizzate anche per funzioni che esulano il concetto vero e proprio di conteggio. Misura di frequenza. In questa modalità la scheda misura la frequenza di un segnale periodico. 6

7 Misura del Periodo. Nel modo di funzionamento Misura periodo la scheda indica il tempo di misura dinamico come durata del periodo. Se la durata del periodo è minore del tempo d aggiornamento, verrà calcolato un valore medio. Conteggio del numero di giri. Nel modo operativo "Conteggio numero di giri" la scheda conta gli impulsi inviati durante un tempo di misura impostabile da un trasduttore di velocità, calcolando il numero di giri in base agli impulsi per giro. Generazione di interrupt di processo. In alcune schede di conteggio è possibile abilitare l esecuzione di un programma quando si verifica un evento. Gli eventi che possono generare un interrupt variano in funzione della scheda e possono essere: apertura del gate HW chiusura del gate HW overflow/ Underflow raggiungimento di un valore di confronto (indipendentemente della direzione) superamento limiti all'indietro/in avanti misura terminata. Posizionamento con marcia veloce/lenta. Principio di funzionamento. Il traguardo viene raggiunto partendo con una velocità elevata (V veloce). 7

8 Ad una prefissata distanza dal traguardo (punto di commutazione) si commuta su una velocità ridotta (V lenta). Prima che l asse raggiunga il traguardo ad una distanza stabilita dalla Posizione di Traguardo l azionamento viene disinserito. L asse prosegue la sua corsa fino all arresto per inerzia. La scheda verifica che la tolleranza tra la Posizione di Traguardo e quella effettivamente raggiunta sia inferiore a un valore parametrizzabile dall utente. Il posizionamento con Marcia veloce/lenta si differenzia dal posizionamento regolato per l assenza del PID di regolazione. Una volta concluso il processo di posizionamento l azionamento viene disattivato e pertanto non è adatto all impiego con carichi sospesi (il motore deve mantenere il carico fermo opponendosi alla forza peso). La precisione della posizione di destinazione e la precisione dinamica di posizionamento è decisamente inferiore a quella del posizionamento regolato. I sistemi che utilizzano il metodo marcia Veloce/Lenta sono i seguenti: FM351; Le CPU compatte CPU 314C-2 PtP, 314C-2 DP; FM451; 1 PosU. 8

9 FM modulo di conteggio. Configurazione. È la scheda di conteggio più performante per S La scheda ha un solo canale e può leggere: Encoder HTL (24V) a 200kHz; Encoder TTL (5V) a 500kHz; Sensori impulso/direzione; Sensori a impulsi ma non direzione (ad esempio un Bero). Misura del periodo tra due fronti di segnale sull ingresso Start DI (Modalità a 1MHz). La scheda può essere usata sul Rack centrale o in modalità decentrata: ET 200M con semplice bus backplane; ET 200M con bus backplane attivo; ET 200M come slave modulare con sincronosmo di clock; ET 200M nel funzionamento singolo nel sistema H; ET 200M nel funzionamento condiviso nel sistema H. In modalità decentrata è possibile configurarla con o senza sincronismo di clock. Funzionalità. Il campo di rappresentazione del conteggio della scheda è: 32 da 0 a 2-1 ovvero (0 a ) oppure da 2 a 2. Funzioni di Gate. L operazione può essere avviata o arrestata sia mediante il programma applicativo (gate software), sia mediante segnale esterno (gate hardware) sempre abbinato a quello sofware. Valore di confronto L unità consente la memorizzazione di due valori di confronto che sono attribuiti alle due uscite dell unità. Quando il conteggio raggiunge uno dei valori di confronto, l uscita corrispondente viene abilitata per attivare direttamente il comando del processo. Valore di caricamento. 9

10 Valore di caricamento È possibile assegnare alla FM un valore dal quale iniziare il conteggio. Questo valore viene definito valore di caricamento. È possibile scegliere come valore di caricamento un qualsiasi valore nell ambito dei campi di conteggio. Latch e Latch/Retrigger. Sul fronte (positivo, negativo o entrambi) del segnale di Start la scheda memorizza il valore del conteggio. L istruzione operativa Latch/retrigger consente di memorizzare gli stati del contatore (latch) ogni volta che si presenta un fronte nell ingresso digitale Start DI. In seguito a ogni memorizzazione, il contatore viene impostato sul valore di caricamento e continua a contare dal valore di caricamento (retrigger). Modalità di funzionamento La FM può essere utilizzato per i seguenti compiti: conteggio continuo (senza fine) conteggio unico conteggio periodico misuazione della frequenza misurazione del numero di giri misurazione del periodo di durata. Interrupt di processo La scheda supporta l interrupt di processo per i seguenti eventi: -Apertura del gate (per modo di funzionamento con gate HW e SW) Chiusura del gate (per modo di funzionamento con gate HW e SW) Overflow Underflow Valore di misura Al di fuori dei limiti (modalità di funzionamento di misura) Fine della misura (modalità di funzionamento di misura) Passaggio per lo zero Raggiungimento del valore di confronto 1 o 2 con direzione in avanti Raggiungimento del valore di confronto 1 o 2 con direzione all indietro Impostazione del contatore con un segnale esterno Latch L interrupt di processo deve essere configurato nella configurazione HW. Allarme di diagnostica La FM può attivare un allarme di diagnostica per i seguenti eventi: tensione ausiliaria esterna non corretta alimentazione DC 5,2 V non corretta parametrizzazione dell unità mancante o non corretta watchdog RAM difettosa interrupt di processo perduto segnale A, B o N non corretto 10

11 Programmazione. Lo scambio dati tra la FM e la CPU può avvenire: con le FC appositamente create per la FM350-1; tramite la lettura diretta della periferia (16 Byte, PEW, PAW). Cablaggio e impostazioni Hardware Connettore frontale. È necessario un connettore da 20 poli. Impostazione del tipo di segnale (spina di codifica) Prima di procedere al montaggio della FM sulla guida profilata, portare la spina di codifica nella giusta posizione: A ---- Segnali diff. 5 V D ---- Segnali 24 V La lettera della spina di codifica deve trovarsi in corrispondenza della freccia. Cablaggio Nella pagina successiva è presente una tabella che illustra il cablaggio sulla morsettiera a seconda del tipo di encoder utilizzato. 11

12 12

13 FM modulo di conteggio. Configurazione L'unità funzionale FM è un'unità di conteggio a 8 canali con funzioni di dosaggio. L unità è in grado di leggere contemporaneamente solo quattro canali per ciclo PLC. La scheda ha 8 Canali e può leggere: Solo encoder HTL (24V a 10 khz); Sensori impulso/direzione (20 khz); Sensori a impulsi ma non direzione (ad esempio un Bero) (20 khz). Datori NAMUR (20 khz). La frequenza massima di conteggio degli HTL è limitata a soli 10kHz perché: Gli ingressi delle traccie A supportano il conteggio fino a 20 khz Gli ingressi delle traccie B supportano il conteggio fino a 10 khz Da qui deriva la limitazione a 10 khz. La scheda può essere usata sul Rack centrale o in modalità decentrata ET200M con le seguenti IM: IM ES7153-1AA02-0XB0 IM ES7153-2AA00-0XB0 IM ES7153-3AA00-0XB0 La scheda non può essere usata in modalità decentrata con l isocronismo. Funzionalità. Il campo di rappresentazione del conteggio della scheda è: da a (da 31 2 a È possibile utilizzare la FM per i seguenti compiti: conteggio continuo in avanti/all indietro conteggio unico in avanti/all indietro conteggio periodico in avanti/all indietro misura di frequenza conteggio del numero di giri misura della durata del periodo dosatura ). 13

14 Funzioni di gate L operazione può essere avviata o arrestata sia mediante il programma applicativo (gate software), sia mediante segnale esterno (gate hardware) sempre abbinato a quello sofware. I segnali di conteggio, gate e direzione possono essere collegati direttamente all'unità. Funzione di dosatura Con il modo di funzionamento "Dosatura" ogni quattro canali di conteggio dell unità vengono raggruppati in un canale di dosatura. È possibile prestabilire quattro valori di confronto i quali possono essere modificati singolarmente o a gruppi di 4. Il valore attuale di conteggio viene confrontato costantemente con i valori di confronto; se il valore attuale di conteggio = valore di confronto, può essere comandata la relativa uscita digitale e/o attivato un interrupt di processo. In questo modo è possibile comandare con un solo contatore di dosatura fino a quattro unità di dosatura. Programmazione Lo scambio dati tra la FM e la CPU può avvenire con le FC appositamente create per la FM tramite la lettura diretta della periferia (previo utilizzo della FC 2 ). Interrupt di Processo La scheda supporta l interrupt di processo per i seguenti eventi: apertura del gate HW chiusura del gate HW overflow/ Underflow raggiungimento di un valore di confronto (indipendentemente della direzione) superamento limiti all'indietro/in avanti misura terminata. 14

15 L interrupt di processo deve essere abilitato nella configurazione HW. Cablaggio Nella pagina successiva è presente una tabella che illustra il cablaggio sulla morsettiera a seconda del tipo di encoder utilizzato. 15

16 SM 338 per encoder SSI Configurazione. È l unica scheda standard per la lettura di Encoder SSI con S La scheda supporta un massimo di 3 canali. Gli encoder supportati sono: sensore assoluto (SSI) con lunghezza del telegramma di 13 bit sensore assoluto (SSI) con lunghezza del telegramma di 21 bit sensore assoluto (SSI) con lunghezza del telegramma di 25 bit La SM 338 POS-INPUT supporta i formati Gray e binario. Nell impostazione Gray, il valore in codice Gray fornito dal sensore assoluto viene convertito in codice binario. Nell impostazione Binaria il valore del sensore fornito rimane invariato. La velocità di trasferimento del telegramma o baudrate è in funzione della lunghezza del cavo di collegamento dell encoder: 125 khz max. 320 m; 250 khz max. 160 m; 500 khz max. 60 m; 1 MHz max. 20 m. La scheda può essere usata sul Rack centrale o in modalità decentrata ET200M con e senza il sincronismo di clock. Gli unici vincoli da rispettare perché la scheda possa funzionare in isocronismo di clock sono: CPU, che supporti il sincronismo di clock master DP che supporti un ciclo di bus equidistante interfaccia slave (IM 153-x) che supporti il funzionamento sincrono al clock Funzionalità. Programmazione. Il valore dell encoder viene letto direttamente accedendo alla periferia. Interrupt. La scheda è in grado di generare un interrupt di diagnostica ma non interrupt di processo. 16

17 Cablaggio e impostazioni Hardware. Connettore frontale. È necessario un connettore da 20 poli. 17

18 FM 351 modulo di posizionamento. Configurazione L unità di posizionamento FM 351 è una scheda a 2 canali che viene impiegata per il posizionamento a corsa veloce/lenta. Encoder. È possibile utilizzare i seguenti encoder: encoder incrementale TTL (400kHz); encoder incrementale HTL (50 khz); encoder assoluto SSI. È possibile installare più FM 351 nello stesso controllore. È inoltre possibile utilizzare la FM351 anche nelle seguenti configurazioni: ET 200M con semplice bus backplane; Funzionalità. La scheda permette di eseguire il posizionamento di due assi con marcia veloce/lenta. È possibile comandare assi lineari o rotanti. Programmazione. La scheda è comandabile tramite un opportuna libreria di FC presenti in una libreria dedicata. Cablaggio e impostazioni hardware. Collegamento degli Encoder 18

19 Qui sotto è riportata la piedinatura dei due connettori SUB-D 15 poli per il collegamento degli encoder. I/O integrati nella scheda. Il comando degli azionamenti avviene tramite le uscite digitali integrate nella scheda. Sullo stesso connettore delle uscite sono presenti 8 ingressi per l acquisizione degli eventuali finecorsa, ingresso d abilitazione, 19

20 20

21 FM 352 modulo a camme. Configurazione. L unità funzionale FM 352 è l unità di programmazione a camme elettroniche ad 1 canale e viene impiegata in un sistema di automazione S La scheda è a un solo canale e può leggere: Encoder HTL (50kHz); Encoder TTL (1 MHz); Encoder SSI (13 bit monogiro o 25 bit multigiro tutti solo in codice Gray). La scheda può essere utilizzata su Rack centrale o su in modalità decentrata su ET200M. È possibile utilizzare la scheda in esercizio passivo con gli encoder SSI: l encoder viene collegato fisicamente alla FM accanto alla FM352 si configura la FM352 in modalità passiva in modo che legga il telegramma dell encoder SSI della scheda accanto. Questo consente di evitare l impiego di costosi replica tori di segnale quando è necessario impiegare un solo encoder SSI. Funzionalità. Con la FM 352 si possono parametrizzare max. 128 camme a percorso o a tempo assegnabili a 32 tracce qualsiasi. Ad ogni traccia possono essere assegnate più camme. Il risultato della traccia è la combinazione logica OR di tutti i valori di camma di questa traccia. Le prime 13 tracce delle camme vengono emesse dalle uscite digitali dell unità. Qui sotto è riportato un esempio di Traccia composta da 2 camme in combinazione logica OR. 21

22 Le camme utilizzabili sono di due tipi: camma su percorso; camma a tempo. Nella camma su percorso viene specificata la posizione di ON e di OFF Nella camma a tempo viene specificata la poszione di ON e il tempo per cui deve rimanere in quello stato. Tracce speciali. Sono disponibili tracce per speciali funzioni: Traccia 0 o 1: Traccia della camma di conteggio Traccia 2: Traccia della camma di frenatura Traccia della camma di conteggio Una traccia della camma di conteggio conta i passaggi di stato dei risultati su questa traccia. È necessario specificare un valore di conteggio e avviare la funzione di conteggio. Ogni fronte di salita del risultato di traccia decrementa di 1 il valore della relativa traccia. Finché il valore di conteggio della traccia non è 0, il bit di identificazione della traccia rimane 0. Se il contatore raggiunge il valore 0, vengono impostati il bit di identificazione della traccia e, con la parametrizzazione opportuna, il segnale della traccia. Nella traccia della camma di conteggio vengono analizzate le transizioni delle camme associate alla traccia stessa. Un volta che le transizioni hanno raggiunto il numero voluto l uscita viene abilitata. Ad esempio se associo una sola camma alla traccia di conteggio e imposto come valore di conteggio 4, l uscita si comporterà come rappresentato in figura. Traccia di frenatura Per l'impiego della traccia 2 come traccia per camme di frenatura è necessario attivare l'ingresso digitale I0. Con il fronte di salita del segnale su I0 si attiva il bit di identificazione della traccia. Il bit di identificazione della traccia viene di nuovo disattivato se sull'ingresso I0 non è più presente il segnale "1" e successivamente viene riconosciuto il fronte di discesa del risultato della traccia 2. Nell'esempio il bit di identificazione della traccia viene disattivato dai fronti di discesa della camma 3 o 4. Programmazione. Il PLC si interfaccia con la FM tramite la FB1 di controllo. 22

23 Ad ogni richiamo la FB1 esegue i seguenti passi: Lettura dei segnali di ritorno Scrittura dei segnali di comando Esecuzione del job I job permettono di eseguire tramite PLC alcune azioni di configurazione della FM, come scrittura dei parametri delle singole camme. Cablaggio e impostazioni Hardware. Connettore frontale. È necessario un connettore frontale da 20 poli. Cablaggio. Qui di seguito è riportato lo schema del connettore SUB-D 15 poli per il cablaggio dell encoder. 23

24 Qui di seguito è riportato lo schema di collegamento degli I/O della scheda. 4 ingressi digitali (da I 0 a I 3) Sui 4 ingressi digitali è possibile collegare interruttori a contatto o sensori di prossimità (interruttori di prossimità a 2 o 3 fili). Per gli ingressi digitali non esiste un controllo contro i cortocircuiti o la rottura conduttore. Essi sono collegati al potenziale di massa dell unità. 13 uscite digitali (da Q 0 a Q 12) Da 13 uscite digitali viene emesso lo stato (on/off) delle tracce da 0 a 12. Ad ogni traccia possono essere assegnate più camme. Il risultato della traccia è la combinazione logica OR di tutti i valori di camma di questa traccia. Le uscite digitali sono collegate al potenziale di massa dell unità. Sono possibili i seguenti carichi: Tensione di lavoro 24 V Carico in corrente 0,5 A/protetto da cortocircuito Lo stato di ogni singola uscita può essere letto sul relativo LED. 24

25 FM 353 unità di posizionamento per motori passo-passo Configurazione. La FM 353 è l unità di posizionamento gestita da un microprocessore per il comando di motori passo-passo per S L unità opera autonomamente rispetto alla CPU ed è pilotabile dal programma utente nel sistema SIMATIC S È una scheda in anello aperto e pertanto non è possibile collegare nessun tipo di encoder. La scheda è utilizzabile in periferia decentrata esclusivamente con i seguenti moduli d interfaccia: IM ES BA02-0XB0 IM FO 6ES BB00-0XB0 Funzionalità. La scheda supporta le funzionalità principali del posizionamento ma non consente di eseguire sincronismi tra più assi. È possibile gestire assi lineari e rotanti in modalità: Automatica Jog Ricerca punto di riferimento MDI Avanzamento a quote incrementali Avanzamento a singolo blocco La FM 353 può gestire: Finecorsa HW e Sw; Sensore per Homing; Tastatori di misura; Interruttori di start/stop; Selettore marcia avanti/indietro. Cablaggio e impostazioni Hardware. Tutti gli ingressi hanno uguale priorità. L assegnazione della funzione al numero dell ingresso avviene tramite i dati macchina, così come la scelta della polarità dell ingresso (fronte di salita o di discesa). 25

26 Si possono collegare interruttori o sensori statici (a 2 o 3 fili). L abbinamento delle funzioni al numero dell ingresso/uscita avviene tramite i dati macchina. Interfaccia verso l azionamento Al connettore Sub-D a 15 poli maschio X2 dell FM 353 è possibile collegare la parte di potenza dei motori passo-passo, che deve disporre almeno di un ingresso di clock e di direzione per segnali a 5 V. Qui sotto è riportato lo schema di collegamento del connettore SUB-D. Uscite Digitali. Tutte le uscite hanno uguale priorità. L assegnazione della funzione al numero dell uscita avviene tramite i dati macchina (vedi DM34, 35, par ). Le quattro uscite servono per il collegamento a segnali specifici delle utenze. Queste possono essere ad es.: posizione raggiunta, arresto; funzione M ausiliaria; direzione avanti/indietro. Ingressi digitali. Gli ingressi digitali sulla scheda sono quattro è possono essere configurati per gestire: come finecorsa per il punto di riferimento; come pulsante esterno di Start/Stop, cambio blocco esterno; come tastatore di misura. 26

27 FM 354 Modulo di posizionamento. Configurazione. La FM354 è la scheda del S7-300 per eseguire il posizionamento in anello chiuso di un asse. L unità opera autonomamente rispetto alla CPU ed è pilotabile dal programma utente nel sistema SIMATIC S La FM supporta i seguenti trasduttori: Encoder incrementali TTL; Encoder assoluti SSI. La scheda è utilizzabile in periferia decentrata esclusivamente con i seguenti moduli d interfaccia: IM ES BA02-0XB0 IM FO 6ES BB00-0XB0 Le funzionalità della scheda sono simili a quelle della FM353. Funzionalità. La scheda supporta le funzionalità principali del posizionamento ma non consente di eseguire sincronismi tra più assi. È possibile gestire assi lineari e rotanti in modalità: Automatica Jog Ricerca punto di riferimento MDI Avanzamento a quote incrementali Avanzamento a singolo blocco La FM 353 può gestire: Finecorsa HW e Sw; Sensore per Homing; Tastatori di misura; Interruttori di start/stop; Selettore marcia avanti/indietro. Cablaggio e impostazioni Hardware. La scheda richiede un connettore a 20 poli. 27

28 Interfaccia verso l azionamento. Lo schema di collegamento verso l azionamento con connettore SUB-D a 9 poli è riportato qui sotto: Qui sotto è riportato il significato dei segnali riportati in tabella: SW Valore di riferimento ±10 V BS Potenziale di riferimento per il valore di riferimento RF Contatto di abilitazione regolatore Interfaccia encoder. L encoder è collegabile alla scheda tramite un connettore SUB-D a 15 poli. Uscite Digitali. Tutte le uscite hanno uguale priorità. L assegnazione della funzione al numero dell uscita avviene tramite i dati macchina (vedi DM34, 35, par ). Le quattro uscite servono per il collegamento a segnali specifici delle utenze. Queste possono essere ad es.: posizione raggiunta, arresto; funzione M ausiliaria; direzione avanti/indietro. Ingressi digitali. Gli ingressi digitali sulla scheda sono quattro è possono essere configurati per gestire: come finecorsa per il punto di riferimento; come pulsante esterno di Start/Stop, cambio blocco esterno; come tastatore di misura. 28

29 FM 355 Unità di regolazione. Configurazione. La FM355 C e la FM355 S sono le schede S7-300 per la regolazione a 4 canali e si differenzia dalla FM355-2 che è specifica per la regolazione di temperatura. La FM 355 è disponibile in due varianti: Regolatore C (regolatore continuo con uscite analogiche); Regolatore S (regolatore a passi e a impulsi con uscite digitali). La FM 355 consente due procedure di regolazione: Regolatore di temperatura (regolatore fuzzy) ottimizzato dall'unità (regolatore selfadjusting); Regolatore PID ottimizzato dalla superficie di parametrizzazione o dal PID Self Tuner La FM 355 opera nei seguenti modi di funzionamento: automatico; manuale; di sicurezza; a inseguimento (commutazione sul valore di sicurezza preimpostato 0); preset del valore regolante DDC (Direct Digital Control); regolatore SPC asservito (SPC = Set Point Control); di backup (con la CPU in STOP o in caso di guasto della CPU) La tabella sottostante indica il numero di ingressi e uscite dell'fm 355. La FM 355 è in grado di generare un allarme di diagnostica in presenza dei seguenti eventi: parametrizzazione errata dell unità; unità guasta; overflow e underflow negli ingressi analogici; interruzione del carico e corto circuito nelle uscite analogiche. Giunto freddo 29

30 Per il funzionamento con termocoppie, la FM 355 dispone di un ulteriore ingresso analogico che consente di collegare una Pt100 a 4 fili. L'ingresso consente la misurazione della temperatura del giunto freddo e quindi la compensazione delle termocoppie. Processi in cui si può impiegare la FM355. L'FM 355 è un'unità di regolazione universale utilizzabile per i seguenti task: regolazione della temperatura regolazione del livello regolazione del livello di riempimento regolazione della pressione regolazione della portata regolazione della concentrazione Cablaggio e impostazioni Hardware. Sensori collegabili. Impostando gli appositi parametri è possibile adeguare gli ingressi analogici a diversi sensori. Sono possibili le seguenti impostazioni: sensore in corrente da 0 a 20 ma sensore in corrente da 4 a 20 ma sensore in tensione da 0 a 10 V Pt 100, C Pt 100, C (risoluzione doppia) Pt 100, C (risoluzione quadrupla) termocoppie di tipo B, J, K, R e S (ingresso analogico impostato a ±80 mv) termocoppia libera (ingresso analogico impostato a ±80 mv) I parametri degli ingressi analogici possono essere impostati nella scheda "Ingresso analogico". Proprietà degli ingressi e delle uscite digitali (regolatore S) Gli ingressi e le uscite digitali dell'fm 355 S sono caratterizzati dalle seguenti proprietà: 8 ingressi 8 uscite (FM355 S) Corrente di uscita 0,1 A Tensione di carico nominale: DC 24 V Adatti per interruttori, interruttori di prossimità (BERO) a 2, 3 e 4 fili, elettrovalvole, contattori in corrente continua e lampade di segnalazione. La figura nella pagina seguente illustra lo schema di principio e di collegamento degli ingressi e delle uscite digitali dell'fm 355 S. 30

31 Proprietà delle uscite analogiche (regolatore C) Le uscite analogiche dell'fm 355 C sono caratterizzate dalle seguenti proprietà: 4 uscite le uscite sono selezionabili canale per canale come: uscita di tensione uscita di corrente risoluzione a 12 bit diagnostica parametrizzabile 31

32 Proprietà degli ingressi analogici Gli ingressi analogici dell'fm 355 sono caratterizzati dalle seguenti proprietà: 4 ingressi risoluzione del valore di misura 12 bit 14 bit tipo di misura selezionabile per ogni ingresso analogico: tensione corrente resistenza temperatura selezione del campo di misura per ogni ingresso analogico diagnostica parametrizzabile allarme di diagnostica parametrizzabile monitoraggio del valore limite allarme limite parametrizzabile 32

33 FM unità di controllo di temperatura. Configurazione. La FM355-2 C e la FM355-2 S sono le schede S7-300 per la regolazione di temperatura a 4 canali e si differenzia dalla FM355 che è per qualsiasi processo di regolazione (livello, concentrazione di una sostanza, ). La FM è disponibile in due varianti: Regolatore C (regolatore continuo con uscite analogiche); Regolatore S (regolatore a passi e a impulsi con uscite digitali). La FM comprende un regolatore PID i cui parametri possono essere impostati con la funzione di auto ottimizzazione: Modalità di regolazione della scheda. La FM può essere impiegato per i seguenti tipi di regolazione: regolazione a valore fisso regolazione a valore asservito regolazione in cascata regolazione proporzionale regolazione di miscelazione regolazione splitrange (p. es. riscaldamento/raffreddamento) Modalità di funzionamento. La FM dispone dei seguenti modi di funzionamento: Automatico Manuale (valore regolante esterno) Esercizio di sicurezza (setpoint di sicurezza, valore regolante di sicurezza) Esercizio a inseguimento Funzionamento di backup (con CPU in STOP o fuori servizio) La FM comprende 4 regolatori indipendenti tra loro in 4 canali. 33

34 La tabella seguente fornisce una panoramica del numero di ingressi e uscite della FM Cablaggio e impostazioni Hardware. Ingressi e uscite (solo S) digitali. Gli ingressi e le uscite digitali dell FM S si distinguono per le seguenti caratteristiche: 8 ingressi 8 uscite Corrente di uscita 0,1 A Tensione nominale di carico: DC 24 V Adatti per interruttori, interruttori di prossimità a 2, 3 e 4 fili (BERO), valvole elettromagnetiche, teleruttori in continua e lampade di segnalazione. Sensori di Temperatura. I sensori di temperatura utilizzabili sono: Sensore di corrente ma; Sensore di corrente ma; Sensore di tensione V; Pt 100, ºC; Pt 100, ºC (risoluzione doppia); Pt 100, ºC (risoluzione quadrupla); Termocoppie tipo B, E, J, K, R e S (ingresso analogico impostato a ±80 mv); Termocoppia libera (ingresso analogico impostato a ±80 mv). 34

35 Uscite analogiche (solo FM355-2 C). Le uscite analogiche dell FM S si distinguono per le seguenti caratteristiche: 4 uscite Le uscite sono selezionabili per canale come ingresso in tensione ingresso in corrente risoluzione 12 bit Allarmi di diagnostica parametrizzabili (cortocircuito, interruzione di carico) 35

36 FM unità di controllo multiasse. Configurazione. La FM357-2 è l unita S7-300 per il posizionamento e il sincronismo di 4 assi. Gli assi che possono essere comandati devono avere: Un interfaccia analogica Un interfaccia a treno d impulsi. Un interfaccia Profibus DP Motion Control Sulla scheda è possibile collegare direttamente gli encoder per chiudere l anello di posizione. I trasduttori supportati sono: Encoder incrementali TTL; Encoder assoluti SSI. I motori passo-passo comandabili a treno d impulsi possono essere con encoder (quindi in anello chiuso) o senza encoder (anello aperto). È possibile comandare in contemporanea sulla stessa scheda sia assi analogici che motori passopasso. Le funzioni della scheda dipendono dalla tipologia di Firmware installato: Firmware L; Firmware LX (funzioni ampliate); Firmware H (con funzioni di Handling). Il Firmware è installato su una scheda di memoria e non è compreso nella FM. 36

37 Funzionalità. La FM dispone dei seguenti modi e sottomodi di funzionamento: Funzionamento JOG Avanzamento relativo in quote incrementali Ricerca del punto di riferimento MDI (Manual Data Input) Automatico Automatico Blocco singolo Posizionamento multiasse Possono essere posizionati indipendentemente tra loro fino a 4 assi. La definizione del movimento avviene dal programma CN o dalla CPU. Funzionalità d interpolazione o di sincronismo Mediante interpolazione si possono gestire max. 4 assi per eseguire movimenti lineari/ circolari e di contornitura. Le funzioni di sincronismo accoppiano uno o più assi slave a un asse master. Ingressi/uscite digitali (on-board) Gli ingressi/uscite digitali sono utilizzabili per funzioni utente specifiche. È possibile collegare ad es.: Finecorsa per la ricerca del punto di riferimento Tastatori di misura Ingressi/uscite utilizzabili liberamente nel programma CN Comando in sequenza di blocchi Elaborazione autonoma di programmi CN, sottoprogrammi inclusi, memorizzati in modo ritentivo nell unità. Gestione dati nella FM Nella FM i dati di parametrizzazione (dati macchina, parametri R, dati di correzione utensile, spostamenti origine e programmi CN) sono memorizzati in modo ritentivo. Gestione dati sulla memory card Per il funzionamento della FM è necessario che sia innestata la memory card uno dei 3 Firmware disponibili. È possibile utilizzare la memory card per: il backup dei dati del software di sistema e dei dati di parametrizzazione la messa in servizio in serie di FM la sostituzione di unità senza PG Bus P locale (solo per impiego centralizzato). È possibile espander il bus P locale della FM357 in modo da poter consentire la lettura veloce degli I/O alla scheda FM. Questo ampliamento è possibile per poter inserire schede analogiche o digitali. Programmazione. Programmazione PLC. 37

38 La scheda si interfaccia con il PLC tramite una libreria funzione appositamente creata e richiamabile in Step 7. Programmazione CN (codice ISO). È possibile utilizzare programmi in codice ISO. Il programma può essere caricato tramite: Tool di sviluppo e messa in servizio della FM; Programma FM edit installato su un PC collegato alla FM tramite MPI. Cablaggio e impostazione Hardware. Per il funzionamento della scheda è necessario un connettore da 40 poli. Interfaccia di comando verso gli azionamenti. Il connettore a SUB-D 50 poli consente di comandare gli azionamenti. 38

39 Prese per gli encoder Per ogni asse è disponibile una presa Sub-D a 15 poli per il collegamento di encoder incrementali o assoluti (SSI). 39

40 Ingressi e uscite integrati 40

41 FM processore booleano. La FM è un processore booleano ad alta velocità che consente un controllo rapido e indipendente del processo nei sistemi di automazione di grandi dimensioni. La FM può essere utilizzato nei tipi di configurazione di seguito descritti. - La FM può essere configurata come coprocessore di un sistema di automazione S7. In questa configurazione l FM scambia con la CPU master i dati di ingresso e di uscita e le informazioni di stato e controllo come indicato nella figura In una configurazione distribuita l FM funge da unità di uno slave PROFIBUS DP ET200M normale verso un master S7 o non S7. - La FM può inoltre funzionare come controllore stand-alone indipendentemente da un sistema di automazione. La FM utilizza un processore integrato, il Field Programmable Gate Array (FPGA), per eseguire il codice in parallelo invece che in modo sequenziale come nel caso dei controllori programmabili standard. Questo tipo di esecuzione ha il vantaggio di garantire tempi di scansione estremamente rapidi e stabili. L unità controlla una serie di ingressi e uscite integrati (fino a 15 ingressi e 8 uscite). Oltre ai normali punti di I/O, l unità supporta uno dei seguenti tipi di encoder: differenziale incrementale, asimmetrico a 24V e assoluto SSI. Se si seleziona l encoder SSI o l encoder differenziale, è possibile utilizzare gli ingressi dell encoder a 24 V come ingressi digitali (dall 8 all 11). Se non si utilizza nessuna delle interfacce per encoder, i poli differenziali restano a disposizione e forniscono tre ingressi differenziali digitali (12, 13 e 14). Caratteristiche operative La FM esegue il programma indipendentemente dalla CPU master. Gli ingressi e le uscite del processo controllate dall unità sono locali e non è possibile accedervi direttamente dalla CPU master. Tuttavia, il programma utente della CPU trasferisce i comandi di controllo e i parametri di configurazione nella FM tramite il bus di I/O e valuta le informazioni di stato inviate dall unità. La FM presenta le seguenti caratteristiche operative: - registrazione e controllo di processi rapidi (ad es, sistemi rapidi di collaudo e scarto, controllo di macchine ad alta velocità nel settore dell imballaggio e nell industria alimentare, del tabacco e cosmetica). 41

42 - Scambio dei dati con il programma utente della CPU (nella configurazione come coprocessore). La CPU S7 può accedere a 16 byte di dati in ingresso e 16 byte di dati in uscita per consentire il trasferimento delle informazioni di controllo, dei valori di conteggio, dei valori preimpostati del contatore e delle informazioni sullo stato mediante uno speciale FB di interfaccia (Function Block) al fine di coordinare lo scambio dei dati (vedere la figura 1-1). Tempo di risposta durante l esecuzione del programma Nel modo Normale il tempo di risposta corrisponde al tempo trascorso dalla variazione di un ingresso all impostazione di un uscita. Il tempo di risposta calcolato è dato dai seguenti elementi: ritardo degli ingressi (ritardo del circuito + ritardo del filtro) tempo di esecuzione del programma (1 µs) ritardo del circuito di uscita. 42

43 43

44 44

45 IM 174 unità profibus di comando d assi decentrata. Configurazione. L IM 174 è l interfaccia che permette di comandare 4 assi con il profibus DP isocrono con i seguenti controllori: T-CPU; SIMOTION; CPU SIMATIC con porta Profibus isocrono (in questo caso deve essere previsto un Software che permetta di implementare nella CPU SIMATIC la funzione di posizionamento che non è compresa nell IM174). Gli assi che possono essere comandati devono avere un interfaccia analogica o a treno d impulsi. I motori passo-passo comandabili a treno d impulsi possono essere con encoder (quindi in anello chiuso) o senza encoder (anello aperto). È possibile comandare in contemporanea sulla stessa scheda sia assi analogici che motori passopasso. La connessione tra il PLC e l IM 174 è possibile solo via PROFIBUS, utilizzando il telegramma che Step7 propone durante la configurazione HW. La scheda supporta i seguenti trasduttori: Encoder incrementali TTL; Encoder assoluti SSI. L IM 174 può essere utilizzata per le seguenti applicazioni: Comando di vecchi azionamenti Siemens che non supportano il Profibus ma solo l interfaccia analogica; Comando di motori passo-passo; Comando di servo valvole per assi idraulici; Controllo di assi non Siemens con interfaccia analogica. Funzionalità. La scheda mette a disposizione 4 uscite analogiche o a treno d impulsi e 4 ingressi encoder per il comando degli azionamenti in anello aperto o chiuso. Cablaggio e impostazioni HW. Per il funzionamento della scheda è necessario un connettore da 40 poli. 45

46 46

47 Interfaccia encoder. Di seguito è riportato lo schema di collegamento dei connettori SUB-D 15 poli per gli encoder. I/O integrati. Qui sono riportato lo schema del conettore a 40 poli. Interfaccia con gli azionamenti. Nella pagina seguente è riportato lo schema del connettore SUB-D 50 poli per il comando degli azionamenti. 47

48 48

M1600 Ingresso/Uscita parallelo

M1600 Ingresso/Uscita parallelo M1600 Ingresso / uscita parallelo M1600 Ingresso/Uscita parallelo Descrizione tecnica Eiserstraße 5 Telefon 05246/963-0 33415 Verl Telefax 05246/963-149 Data : 12.7.95 Versione : 2.0 Pagina 1 di 14 M1600

Dettagli

DIAGNOSTICA: SEGNALAZIONE ERRORI DI SISTEMA. (Reporting of System Errors)

DIAGNOSTICA: SEGNALAZIONE ERRORI DI SISTEMA. (Reporting of System Errors) DIAGNOSTICA: SEGNALAZIONE ERRORI DI SISTEMA (Reporting of System Errors) Indice 1 Introduzione...2 1.1 Componenti supportati e insieme delle funzioni...2 2 STEP7: Configurazione HW...3 2.1 Scheda Generale...4

Dettagli

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 KEYSTONE Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 2 Installazione 1 3 Dettagli sulla comunicazione 1 5 Descrizione del modulo interfaccia AS-i OM8 2 5 Protocollo interfaccia AS-i 3 6 Interfaccia

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

IL CONTROLLO AUTOMATICO: TRASDUTTORI, ATTUATORI CONTROLLO DIGITALE, ON-OFF, DI POTENZA

IL CONTROLLO AUTOMATICO: TRASDUTTORI, ATTUATORI CONTROLLO DIGITALE, ON-OFF, DI POTENZA IL CONTROLLO AUTOMATICO: TRASDUTTORI, ATTUATORI CONTROLLO DIGITALE, ON-OFF, DI POTENZA TRASDUTTORI In un sistema di controllo automatico i trasduttori hanno il compito di misurare la grandezza in uscita

Dettagli

MOTORIZZAZIONI PASSO-PASSO Motori, motori con driver integrati e software di configurazione

MOTORIZZAZIONI PASSO-PASSO Motori, motori con driver integrati e software di configurazione MOTORIZZAZIONI PASSO-PASSO Motori, motori con driver integrati e software di configurazione Le proposte di motorizzazione sotto riportate sono state pensate e sviluppate per integrazione e completamento

Dettagli

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione & Programmazione Profibus DP in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione Optional: Aggiungere File GSD Inserire Masters e Slaves Inserire Sottorete Profibus DP e collegare tutte le interfacce

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 4 MACCHINA DI VON NEUMANN Anni 40 i dati e i programmi che descrivono come elaborare i dati possono essere codificati nello

Dettagli

DMA Accesso Diretto alla Memoria

DMA Accesso Diretto alla Memoria Testo di rif.to: [Congiu] - 8.1-8.3 (pg. 241 250) 08.a DMA Accesso Diretto alla Memoria Motivazioni Organizzazione dei trasferimenti DMA Arbitraggio del bus di memoria Trasferimento di un blocco di dati

Dettagli

Corso PLC - Manuale Pratico 1

Corso PLC - Manuale Pratico 1 Corso PLC - Manuale Pratico 1 "!#$ % L'unità centrale di un PLC, chiamata più semplicemente CPU, normalmente occupa il primo modulo del rack. Si individua subito in quanto tipicamente è dotata di un selettore,

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 4 La CPU e l esecuzione dei programmi 1 Nelle lezioni precedenti abbiamo detto che Un computer è costituito da 3 principali componenti:

Dettagli

Robotronix Controller for Laser and Scanner

Robotronix Controller for Laser and Scanner Robotronix Controller for Laser and Scanner ATTENZIONE Si consiglia l utilizzo del RoboCLASS esclusivamente all interno di un appropriato contenitore. ATTENZIONE Maneggiare con cura il RoboCLASS dentro

Dettagli

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche Input/Output n Grande varietà di periferiche gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi n Tutti più lenti della CPU e della RAM n Necessità di avere moduli di I/O Moduli

Dettagli

Micromoduli. Tipologia di Micromoduli. Tipologia di Espansioni SCHEDA 3.0.0

Micromoduli. Tipologia di Micromoduli. Tipologia di Espansioni SCHEDA 3.0.0 Micromoduli Un notevole punto di forza delle centrali ESSER è dettato dall estrema modularità di queste centrali. L architettura prevede l utilizzo di micromoduli, schede elettroniche inseribili all interno

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

CLASSE III A I.T.I. (ABACUS) SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DEI DATI VERIFICA DI RECUPERO

CLASSE III A I.T.I. (ABACUS) SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DEI DATI VERIFICA DI RECUPERO CLASSE III A I.T.I. (ABACUS) SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DEI DATI VERIFICA DI RECUPERO 1 Domanda [1 punto] Dato il formato in virgola mobile su 32 bit così definito (precisione singola): o 1

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore 2009-2010 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 7 Architettura di un calcolatore Lez. 7 1 Modello di Von Neumann Il termine modello di Von Neumann (o macchina di Von

Dettagli

!!!"! ARTECO MOTION TECH SpA - Via Mengolina, 22 48018 Faenza (RA) Italy Tel. +39 0546 645777 Fax +39 0546 645750 info@arteco.it - www.arteco-cnc.

!!!! ARTECO MOTION TECH SpA - Via Mengolina, 22 48018 Faenza (RA) Italy Tel. +39 0546 645777 Fax +39 0546 645750 info@arteco.it - www.arteco-cnc. !!!"! #$% &'() (*+,$---'() *))) # Copyright Arteco Motion Tech S.p.A. 2003 Le informazioni contenute in questo manuale sono di proprietà della Arteco Motion Tech SpA e non possono essere riprodotte né

Dettagli

automazione impianti produzione calcestruzzo per alimentazione vibropresse e tubiere

automazione impianti produzione calcestruzzo per alimentazione vibropresse e tubiere Contatto: DUECI PROGETTI srl Emanuele Colombo +39 335 8339312 automazione impianti produzione calcestruzzo per alimentazione vibropresse e tubiere Realizzato con Unigest-DP PRESENTAZIONE Si tratta di un

Dettagli

PR242012 23. aprile 2012 Motion Control Pagina 1 di 5. XTS extended Transport System: un nuovo modo di concepire il Motion Control

PR242012 23. aprile 2012 Motion Control Pagina 1 di 5. XTS extended Transport System: un nuovo modo di concepire il Motion Control Motion Control Pagina 1 di 5 XTS extended Transport System: un nuovo modo di concepire il Motion Control Il nuovo principio: motore lineare con moto circolare Il nuovo sistema di azionamento XTS (extended

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Architettura dell elaboratore Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Sistema composto da un numero elevato di componenti, in cui ogni componente svolge una sua funzione elaborazione

Dettagli

Vending BLUE Lavazza. Sistemi per la programmazione delle schede elettroniche e aggiornamento SW distributori

Vending BLUE Lavazza. Sistemi per la programmazione delle schede elettroniche e aggiornamento SW distributori 1/9 Con la seguente Vi segnaliamo gli strumenti informatici indispensabili per la programmazione e l aggiornamento del software dei Distributori Automatici di seguito riportati: COLIBRI Il distributore

Dettagli

Accessori per i controllori programmabili Saia PCD Integrazione dei moduli di I/O nel quadro elettrico omazione Stazioni di aut aggio ollo e

Accessori per i controllori programmabili Saia PCD Integrazione dei moduli di I/O nel quadro elettrico omazione Stazioni di aut aggio ollo e 77 1.7 Accessori per i controllori programmabili Saia PCD 1.7.1 Integrazione dei moduli di I/O nel quadro elettrico I cavi di sistema preconfezionati e i moduli per le morsettiere di conversione rendono

Dettagli

ZIMO. Decoder per accessori MX81. Manuale istruzioni del. nella variante MX81/N per il formato dei dati NMRA-DCC

ZIMO. Decoder per accessori MX81. Manuale istruzioni del. nella variante MX81/N per il formato dei dati NMRA-DCC ZIMO Manuale istruzioni del Decoder per accessori MX81 nella variante MX81/N per il formato dei dati NMRA-DCC etichetta verde Sommario 1. GENERALITÀ... 3 2. CARATTERISTICHE E DATI TECNICI... 3 3. COLLEGAMENTO

Dettagli

Architettura del calcolatore

Architettura del calcolatore Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macro-componenti: Hardware Software Architettura del calcolatore L architettura dell hardware di un calcolatore reale

Dettagli

Corso di Automazione industriale

Corso di Automazione industriale Corso di Automazione industriale Lezione 11 Macchine utensili e controllo numerico Programmazione CNC Università degli Studi di Bergamo, Automazione Industriale, A.A. 2015/2016, A. L. Cologni 1 Introduzione

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET ValveConnectionSystem Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET P20.IT.R0a IL SISTEMA V.C.S Il VCS è un sistema che assicura

Dettagli

Dispensa di Informatica I.1

Dispensa di Informatica I.1 IL COMPUTER: CONCETTI GENERALI Il Computer (o elaboratore) è un insieme di dispositivi di diversa natura in grado di acquisire dall'esterno dati e algoritmi e produrre in uscita i risultati dell'elaborazione.

Dettagli

Laboratorio di Ingegneria del software Sistema di controllo di un ascensore Requisisti preliminari

Laboratorio di Ingegneria del software Sistema di controllo di un ascensore Requisisti preliminari Laboratorio di Ingegneria del software Sistema di controllo di un ascensore Requisisti preliminari A.A. 2012 2013 1 Introduzione Questo documento raccoglie i requisiti preliminari per il software di controllo

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella Complessità del Software Software applicativo Software di sistema Sistema Operativo Hardware 2 La struttura del

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Automazione Direzione Progetto Progettazione HSRIO

Automazione Direzione Progetto Progettazione HSRIO HSRIO_BROCHURE.DOC HSRIO HIGH SPEED REMOTE INPUT OUTPUT Nome documento: Hsrio_Brochure.doc Responsabile: Bassignana Luigi Data: 01/04/2008 1 DESCRIZIONE Sistema modulare di IO remoto ad alta velocità,

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE DELLO STUDIO

CONTROLLO DI GESTIONE DELLO STUDIO CONTROLLO DI GESTIONE DELLO STUDIO Con il controllo di gestione dello studio il commercialista può meglio controllare le attività svolte dai propri collaboratori dello studio nei confronti dei clienti

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo (S.O.) è un insieme di programmi interagenti che consente agli utenti e ai programmi applicativi di utilizzare al meglio le risorse del Sistema

Dettagli

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC.

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Nelle automazioni e nell industria di processo si presenta spesso il problema di gestire segnali analogici come temperature,

Dettagli

Esempio: aggiungere j

Esempio: aggiungere j Esempio: aggiungere j Eccezioni e interruzioni Il progetto del controllo del processore si complica a causa della necessità di considerare, durante l esecuzione delle istruzioni, il verificarsi di eventi

Dettagli

CPU. Maurizio Palesi

CPU. Maurizio Palesi CPU Central Processing Unit 1 Organizzazione Tipica CPU Dispositivi di I/O Unità di controllo Unità aritmetico logica (ALU) Terminale Stampante Registri CPU Memoria centrale Unità disco Bus 2 L'Esecutore

Dettagli

Circuiti sequenziali e elementi di memoria

Circuiti sequenziali e elementi di memoria Il Livello Logicoigitale I circuiti sequenziali Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Sommario Circuiti sequenziali e elementi di memoria Bistabile SR asincrono Temporizzazione e clock

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

Catalogo Corsi di Formazione 2008

Catalogo Corsi di Formazione 2008 Catalogo Corsi di Formazione 2008 Linea di offerta Corsi di formazione sulle tecniche di programmazione e manutenzione. I corsi di formazione sono strutturati in modo da fornire, in funzione del grado

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO NEWSLETTER N2 - I dispositivi elettronici posti a protezione degli operatori E stato indicato nella precedente newsletter che la sicurezza degli operatori in un contesto industriale è affidata a una catena

Dettagli

Informatica - A.A. 2010/11

Informatica - A.A. 2010/11 Ripasso lezione precedente Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Matematica, Statistica e Informatica Modulo: Informatica Esercizio: Convertire

Dettagli

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Funzioni di Esportazione Importazione 1 Indice AIRONE GESTIONE RIFIUTI... 1 FUNZIONI DI ESPORTAZIONE E IMPORTAZIONE... 1 INDICE...

Dettagli

Istruzioni di messa in servizio rapida per. Flying shear Taglio al volo lineare

Istruzioni di messa in servizio rapida per. Flying shear Taglio al volo lineare Istruzioni di messa in servizio rapida per Flying shear Taglio al volo lineare FLYING SHEAR Programmare la scheda UD7x con l applicazione Per poter caricare l applicatione Flying Shear nella scheda ud70

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

TASTIERA DI COMANDO E CONTROLLO PER INVERTERS EL.-5000

TASTIERA DI COMANDO E CONTROLLO PER INVERTERS EL.-5000 ELCOM S.R.L. TASTIERA DI COMANDO E CONTROLLO PER INVERTERS EL.-5000 ( Rev. 0.3s ) MANUALE USO TASTIERA EL.-5000 I pulsanti hanno le seguenti funzioni: Comando di START abilitazione alla marcia con accensione

Dettagli

Sistema Operativo. Fondamenti di Informatica 1. Il Sistema Operativo

Sistema Operativo. Fondamenti di Informatica 1. Il Sistema Operativo Sistema Operativo Fondamenti di Informatica 1 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo (S.O.) è un insieme di programmi interagenti che consente agli utenti e ai programmi applicativi di utilizzare al

Dettagli

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari INFORMATICA Il Sistema Operativo di Roberta Molinari Il Sistema Operativo un po di definizioni Elaborazione: trattamento di di informazioni acquisite dall esterno per per restituire un un risultato Processore:

Dettagli

LABORATORIO DI SISTEMI

LABORATORIO DI SISTEMI ALUNNO: Fratto Claudio CLASSE: IV B Informatico ESERCITAZIONE N : 1 LABORATORIO DI SISTEMI OGGETTO: Progettare e collaudare un circuito digitale capace di copiare le informazioni di una memoria PROM in

Dettagli

ARCHIVIAZIONE DOCUMENTALE NEiTdoc

ARCHIVIAZIONE DOCUMENTALE NEiTdoc ARCHIVIAZIONE DOCUMENTALE NEiTdoc PROCESS & DOCUMENT MANAGEMENT La documentazione può essere definita un complesso di scritture prodotte da entità pubbliche o private nell espletamento della loro attività,

Dettagli

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC 3456 IRSplit Istruzioni d uso 07/10-01 PC 2 IRSplit Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

Test per determinare la capacità di regolazione secondaria

Test per determinare la capacità di regolazione secondaria Pagina 1 di 5 Test per determinare la capacità di regolazione secondaria Autori: Dominik Schlipf, Marc Scherer, Matthias Haller Rielaborazioni: Versione Data Sezione 1.0 20.10.2008 Documento finalizzato

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi.

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. Negli ultimi anni, il concetto di risparmio energetico sta diventando di fondamentale

Dettagli

Interfaccia. 1. Sede configuratori 2. Morsetto IN 3. Led di segnalazione 4. Pulsante per configurazione virtuale 5. Morsetto OUT

Interfaccia. 1. Sede configuratori 2. Morsetto IN 3. Led di segnalazione 4. Pulsante per configurazione virtuale 5. Morsetto OUT Interfaccia SCS/SCS scheda tecnica ARt. F422 Descrizione L interfaccia permette la comunicazione fra impianti bus con tecnologia SCS, anche se dedicati a funzioni diverse fra loro. L interfaccia è dotata

Dettagli

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto:

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto: PLC - Linguaggi Il software è l elemento determinante per dare all hardware del PLC quella flessibilità che i sistemi di controllo a logica cablata non possiedono. Il software che le aziende producono

Dettagli

RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000

RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000 RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000 Leggere questo manuale prima dell uso e conservarlo per consultazioni future 1 DESCRIZIONE GENERALE L espansore senza fili è un modulo

Dettagli

Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale

Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale TITOLO UNITÀ :Utilizzare le tecniche fondamentali della meccanica applicata alle macchine Definire le tecniche per la trasmissione del

Dettagli

Servomotore Brushless con Elettronica Integrata - Motornet DC

Servomotore Brushless con Elettronica Integrata - Motornet DC Sistema www.parker-eme.com/motornet Servomotore Brushless con Elettronica Integrata - Breve Panoramica Descrizione è un servomotore brushless con elettronica integrata, alimentato in tensione continua.

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

La gestione di un calcolatore. Sistemi Operativi primo modulo Introduzione. Sistema operativo (2) Sistema operativo (1)

La gestione di un calcolatore. Sistemi Operativi primo modulo Introduzione. Sistema operativo (2) Sistema operativo (1) La gestione di un calcolatore Sistemi Operativi primo modulo Introduzione Augusto Celentano Università Ca Foscari Venezia Corso di Laurea in Informatica Un calcolatore (sistema di elaborazione) è un sistema

Dettagli

Tema di ELETTROTECNICA, ELETTRONICA ED APPLICAZIONI

Tema di ELETTROTECNICA, ELETTRONICA ED APPLICAZIONI ESAME DI STATO Istituto Professionale Industriale Anno 2004 Indirizzo TECNICO INDUSTRIE ELETTRICHE Tema di ELETTROTECNICA, ELETTRONICA ED APPLICAZIONI Un impianto funicolare è alimentato, oltre che dalla

Dettagli

classe 4 MECCANICI SERALE

classe 4 MECCANICI SERALE TORNIO CNC classe 4 MECCANICI SERALE 1 PARTE COSTRUZIONE DI UN PROGRAMMA TORNIO CNC Il programma di lavorazione deve essere immesso con un formato accettabile dal CNC. Tale formato deve comprendere tutti

Dettagli

COLLI. Gestione dei Colli di Spedizione. Release 5.20 Manuale Operativo

COLLI. Gestione dei Colli di Spedizione. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo COLLI Gestione dei Colli di Spedizione La funzione Gestione Colli consente di generare i colli di spedizione in cui imballare gli articoli presenti negli Ordini Clienti;

Dettagli

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori - A.A. 2012/13

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori - A.A. 2012/13 Università di Udine - Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Architettura degli Elaboratori - A.A. 2012/13 Circuiti logici, lezione 1 Sintetizzare

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE N10 G0 X5 Y5

LA PROGRAMMAZIONE N10 G0 X5 Y5 LA PROGRAMMAZIONE Un programma per una Macchina Utensile CNC è costituito da una sequenza logica di informazioni geometriche, tecnologiche ed ausiliarie (fasi di lavoro). Le informazioni geometriche riguardano

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi Software relazione Hardware Software di base Software applicativo Bios Sistema operativo Programmi applicativi Software di base Sistema operativo Bios Utility di sistema software Software applicativo Programmi

Dettagli

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti Il dispositivo è utilizzato per collegare al sistema antintrusione i contatti magnetici di allarme normalmente chiusi, contatti elettromeccanici a fune per la protezione di avvolgibili e tapparelle e sensori

Dettagli

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 38 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCARICO DEL SOFTWARE 4 2.1 AMBIENTE WINDOWS 5 2.2 AMBIENTE MACINTOSH 6 2.3 AMBIENTE

Dettagli

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Rotatoria ingresso cittadella universitaria Premessa: La presente relazione tecnica è finalizzata ad indicare la caratteristiche dei principali componenti

Dettagli

Coordinazione Distribuita

Coordinazione Distribuita Coordinazione Distribuita Ordinamento degli eventi Mutua esclusione Atomicità Controllo della Concorrenza 21.1 Introduzione Tutte le questioni relative alla concorrenza che si incontrano in sistemi centralizzati,

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 4 - parte II La memoria 1 La memoriaparametri di caratterizzazione Un dato dispositivo di memoria è caratterizzato da : velocità di accesso,

Dettagli

Rilevatore di presenza Tipo: 6132-2x-102

Rilevatore di presenza Tipo: 6132-2x-102 396704 Il sensore di movimento si collega al bus mediante un dispositivo di accoppiamento da incasso. È in grado di trasmettere telegrammi per la commutazione di attuatori EIB. Tramite un commutatore a

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software

Dettagli

hhb - Stop Time Meter Misurazione della velocità e del tempo d arresto su macchine

hhb - Stop Time Meter Misurazione della velocità e del tempo d arresto su macchine 1 Misurazione della velocità e del tempo d arresto su macchine 2 Misurazione del tempo d arresto mobile pratico Ottimo per il servizio mobile. Lo strumento e tutti componenti si trovano in una valigetta

Dettagli

01.2001 Dati di processo. Cambio di fianco positivo da L verso H (L H) nello stato PRONTO ALL INSERZIONE (009).

01.2001 Dati di processo. Cambio di fianco positivo da L verso H (L H) nello stato PRONTO ALL INSERZIONE (009). 01.2001 Dati di processo 10 Dati di processo 10.1 Descrizione dei bit word comando Gli stati di servizio sono leggibili nel parametro di visualizzazione r001: p.e. PRONTO ALL INSERZIONE: r001 = 009 Gli

Dettagli

GW 90 796: OROLOGIO 2 CANALI

GW 90 796: OROLOGIO 2 CANALI 1.0 PREFAZIONE Leggere attentamente queste istruzioni d uso per utilizzare in modo ottimale tutte le funzioni dell interruttore orario. Il progetto di questo interruttore orario digitale, comandato da

Dettagli

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 :

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 : Un Sistema Operativo è un insieme complesso di programmi che, interagendo tra loro, devono svolgere una serie di funzioni per gestire il comportamento del computer e per agire come intermediario consentendo

Dettagli

Moduli di misura per resistenze o termosonde in platino (DIN IEC 751) o nichel (DIN 43 760)

Moduli di misura per resistenze o termosonde in platino (DIN IEC 751) o nichel (DIN 43 760) s Agosto 1996 8 123 UNIGYR Moduli di misura per resistenze o termosonde in platino (DIN IEC 751) o nichel (DIN 43 760) Scala 1 : 2 Moduli di misura per due ingressi indipendenti di: - resistenze variabili

Dettagli

SISTEMA DI TELETTURA CONTATORI

SISTEMA DI TELETTURA CONTATORI SISTEMA DI TELETTURA CONTATORI PALMARE CONTATORE SERVER CONCENTRATORE SISTEMA I sistemi di telelettura sono di 2 tipi : - Centralizzato Consiste nella raccolta dei dati in un database centrale grazie alla

Dettagli

TORNIO ANTARES controllo OSAI 8600 T

TORNIO ANTARES controllo OSAI 8600 T ITIS Varese Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni Reparto Macchine Utensili TORNIO ANTARES controllo OSAI 8600 T Appunti per l utilizzo del modulo di comando (dal manuale OSAI riservato ai propri clienti)

Dettagli

SISHOME 1.0 MANUALE SOFTWARE

SISHOME 1.0 MANUALE SOFTWARE SISHOME 1.0 MANUALE SOFTWARE 1 INDICE INSTALLAZIONE DEL SOFTWARE SISHOME 1.0... 3 CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI SISHOME 1.0... 7 PANNELLO LUCI... 8 PANNELLO SCENARI... 8 PANNELLO TAPPARELLE... 9 PANNELLO

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

Ricevitore Supervisionato RX-24 Dati tecnici

Ricevitore Supervisionato RX-24 Dati tecnici Ricevitore Supervisionato RX-24 Dati tecnici Gestione a microprocessore 24 sensori memorizzabili 8 uscite allarme uno per canale 8 canali con 3 sensori per ogni canale 10 telecomandi programmabili 1 uscita

Dettagli

SISTEMA SEQUENZIALE FASATO SEQUENTIAL FUEL SYSTEM

SISTEMA SEQUENZIALE FASATO SEQUENTIAL FUEL SYSTEM SISTEMA SEQUENZIALE FASATO SEQUENTIAL FUEL SYSTEM INTEGRAZIONE AL MANUALE DEL S.W 2.9 Tartarini Auto S.p.a Via Bonazzi 43 40013 Castel Maggiore (Bo) Italy Tel.:+39 051 632 24 11 Fax: 051 632 24 00 E-mail:

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Logistica magazzino: Inventari

Logistica magazzino: Inventari Logistica magazzino: Inventari Indice Premessa 2 Scheda rilevazioni 2 Registrazione rilevazioni 3 Filtro 3 Ricerca 3 Cancella 3 Stampa 4 Creazione rettifiche 4 Creazione rettifiche inventario 4 Azzeramento

Dettagli

Testi di Esercizi e Quesiti 1

Testi di Esercizi e Quesiti 1 Architettura degli Elaboratori, 2009-2010 Testi di Esercizi e Quesiti 1 1. Una rete logica ha quattro variabili booleane di ingresso a 0, a 1, b 0, b 1 e due variabili booleane di uscita z 0, z 1. La specifica

Dettagli

Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) SIMATIC. ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Prefazione. Guida alla documentazione dell'et 200SP

Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) SIMATIC. ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Prefazione. Guida alla documentazione dell'et 200SP Prefazione Guida alla documentazione dell'et 200SP 1 SIMATIC ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Manuale del prodotto Panoramica del prodotto 2 Parametri/area di indirizzi 3 Dati tecnici 4 Set

Dettagli

Sistemi di Automazione Industriale

Sistemi di Automazione Industriale Introduzione ai PLC Sistemi di Automazione Industriale Ridurre e/o eliminare il ruolo dell operatore umano Ogni sistema di automazione prevede: Sistema Controllato; è un generatore di eventi non prevedibili

Dettagli

SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE DEI TEMPI PER CENTRI DI COSTO

SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE DEI TEMPI PER CENTRI DI COSTO SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE DEI TEMPI PER CENTRI DI COSTO Descrizione Nell ambito della rilevazione dei costi, Solari con l ambiente Start propone Time&Cost, una applicazione che contribuisce a fornire

Dettagli

APPLICATION SHEET Luglio

APPLICATION SHEET Luglio Indice 1. Descrizione dell applicazione 2. Applicazione - Dati 3. Selezione del prodotto e dimensionamento 4. Soluzione Motovario 1. Descrizione dell applicazione Gli schermi per campi da cricket fanno

Dettagli

Servoazionamento Digitale - TWIN-N & SPD-N

Servoazionamento Digitale - TWIN-N & SPD-N Servoazionamento Digitale TWIN-N, SPD-N www.parker.com/eme/it/twinn Servoazionamento Digitale - TWIN-N & SPD-N Breve panoramica Descrizione TWIN-N è una serie di servoamplificatori completamente digitali,

Dettagli

Programmatore scenari

Programmatore scenari Programmatore scenari scheda tecnica ART. MH00 Descrizione Questo dispositivo permette la gestione di scenari semplici e evoluti fino ad un numero massimo di 300. Grazie al programmatore scenari il sistema

Dettagli

Introduzione all acquisizione Dati

Introduzione all acquisizione Dati Introduzione all acquisizione Dati Laboratorio di Robotica Industriale Evoluzione della strumentazione Introduzione all acquisizione dati - 2 Trend nella strumentazione Introduzione all acquisizione dati

Dettagli

2 Gli elementi del sistema di Gestione dei Flussi di Utenza

2 Gli elementi del sistema di Gestione dei Flussi di Utenza SISTEMA INFORMATIVO page 4 2 Gli elementi del sistema di Gestione dei Flussi di Utenza Il sistema è composto da vari elementi, software e hardware, quali la Gestione delle Code di attesa, la Gestione di

Dettagli

Elettromobilità WITTENSTEIN La pole position degli azionamenti elettrici. efficiente compatto sicuro

Elettromobilità WITTENSTEIN La pole position degli azionamenti elettrici. efficiente compatto sicuro WITTENSTEIN La pole position degli azionamenti elettrici efficiente compatto sicuro 101 Azionamenti perfettamente integrati da un unico partner L elettromobilità va ben oltre il semplice funzionamento

Dettagli