L informazione in normalità è fondamentale che il cittadino delle zone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L informazione in normalità è fondamentale che il cittadino delle zone"

Transcript

1

2 Comune di FURCI SICULO (ME) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE L informazione in normalità è fondamentale che il cittadino delle zone direttamente o indirettamente interessate all evento conosca preventivamente: - Le caratteristiche scientifiche essenziali di base del rischio che insiste sul proprio territorio; - Le disposizioni del Piano Comunale di Protezione Civile nell area in cui risiede; - Come comportarsi prima, durante e dopo l evento; - Con quale mezzo ed in quale modo verranno diffuse informaz ioni ed allarmi. Questa attività potrà essere articolata in funzione della disponibilità di risorse economiche e quindi si dovrà considerare l opportunità di sviluppare e diffondere la conoscenza attraverso: - Programmi formativi scolastici; - Pubblicazioni specifiche per il territorio di appartenenza; - Articoli e spot informativi organizzati con i media locali. E' stata già sviluppato un volantino sul rischio sismico del nostro territorio d i seguito allegato assieme al vademecum della protezione civile per le famiglie. Sarà predisposta nei mesi avvenire una brochure informativa specifica sui rischi del territorio con indicazione delle aree di emergenza e delle vie sicure. Saranno organizzati incontri nelle scuole e delle conferenze pubbliche per informare la cittadinanza.

3 Aree di Attesa Area di Attesa CALCARE Area di Attesa Piazza Madonna Delle Grazie Largo Via Spinelli COMUNE DI FURCI SICULO Area di Attesa ARTALE Area di Attesa Piazzale Antistante Istituto Tecnico Gruppo Comunale di Protezione Civile Settore Studi e Prevenzione Numeri Utili EMERGENZA SANITARIA 118 VIGILI DEL FUOCO 115 POLIZIA 113 CARABINIERI 112 PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Gruppo Comunale di Furci Siculo COMUNE DI FURCI SICULO VIGILI URBANI Comune Di Furci Siculo Per i portatori di handicap impossibilitati a muoversi rivolgersi a: Area di Attesa Via Popolare Area di Attesa ZONA ARTIGIANALE Via C. Battisti Area di Attesa Piazza S. Antonio Via C. Battisti Il TERREMOTO è un fenomeno naturale che ancora non è possibile prevedere, ma dal quale ci si può difendere assumendo comportamenti adeguati. Quello che ci spaventa di più di un terremoto è non sapere esattamente cosa accadrà. Per questo è difficile capire cosa fare. A volte, il panico può causare più danni alle persone dello stesso terremoto. Quando si ha paura non c è il tempo per prendere le decisioni più corrette da adottare. Ecco perché è preferibile conoscere in anticipo come comportarsi,quando si ha tutta la calma per farlo. PROTEZIONE CIVILE Gruppo Comunale di Furci Siculo COMUNE DI FURCI SICULO Area di Attesa GROTTE VIGILI URBANI Comune Di Furci Siculo

4 La Classificazione sismica di questo comune è Zona 1. E' la zona più pericolosa, dove possono verificarsi forti terremoti. Informati su dove si trovano e su come si chiudono i rubinetti di gas, acqua e gli interruttori della luce della tua abitazione. Tali impianti potrebbero subire danni durante il terremoto. Evita di tenere gli oggetti pesanti su mensole e scaffali particolarmente alti. Fissa al muro gli arredi più pesanti perché potrebbero caderti addosso. Tieni in casa una cassetta di pronto soccorso, una torcia elettrica, una radio a pile, un estintore ed assicurati che ogni componente della famiglia sappia dove sono riposti. A scuola o sul luogo di lavoro informati se è stato predisposto un piano di emergenza. Perché seguendo le istruzioni puoi collaborare alla gestione dell emergenza. Se sei in luogo chiuso cerca riparo nel vano di una porta inserita in un muro portante (quelli più spessi) o sotto una trave. Ti può proteggere da eventuali crolli Riparati sotto un tavolo. E pericoloso stare vicino ai mobili, oggetti pesanti e vetri che potrebbero caderti addosso. Non precipitarti verso le scale e non usare l ascensore. Talvolta le scale sono la parte più debole dell edificio e l ascensore può bloccarsi e impedirti di uscire Se sei in auto, non sostare in prossimità di ponti, di terreni franosi o di spiagge. Potrebbero lesionarsi o crollare o essere investiti da onde di tsunami. Se sei all aperto, allontanati da costruzioni e linee elettriche. Potrebbero crollare Gruppo Comunale di Protezione Civile Comune di Furci Siculo Settore Studi e Prevenzione Assicurati dello stato di salute delle persone attorno a te. Così aiuti chi si trova in difficoltà ed agevoli l opera di soccorso Non cercare di muovere persone ferite gravemente. Potresti aggravare le loro condizioni. Esci con prudenza indossando le scarpe. In strada potresti ferirti con vetri rotti e calcinacci. Raggiungi uno spazio aperto, lontano da edifici e da strutture pericolanti. Potrebbero caderti addosso. Stai lontano da impianti industriali e linee elettriche. E possibile che si verifichino incidenti. Stai lontano dalle spiagge marine. Si possono verificare onde di tsunami. Evita di andare in giro a curiosare e raggiungi le aree di attesa individuate dal piano di emergenza comunale. Bisogna evitare di avvicinarsi ai pericoli. Evita di usare il telefono e l automobile. E necessario lasciare le linee telefoniche e le strade libere per non intralciare i soccorsi.

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

Si possono prevedere i terremoti? Fin dall 800 sono stati studiati diversi modi per poter prevenire un terremoto. Ancora oggi però non è possibile,

Si possono prevedere i terremoti? Fin dall 800 sono stati studiati diversi modi per poter prevenire un terremoto. Ancora oggi però non è possibile, Si possono prevedere i terremoti? Fin dall 800 sono stati studiati diversi modi per poter prevenire un terremoto. Ancora oggi però non è possibile, seppur le tecnologie disponibili e gli studi siano molto

Dettagli

Cosa fare in caso di TERREMOTO

Cosa fare in caso di TERREMOTO Se sei in luogo chiuso cerca riparo nel vano di una porta inserita in un muro portante (quelli più spessi) o sotto una trave; Ti può proteggere da eventuali crolli Riparati sotto un tavolo; E pericoloso

Dettagli

P R O T E Z I O N E C I V I L E I N F A M I G L I A

P R O T E Z I O N E C I V I L E I N F A M I G L I A PROTEZIONE CIVILE IN FAMIGLIA terremoti Il rischio sismico, in una determinata area, può essere misurato dal danno che ci si può aspettare, in un intervallo di tempo stabilito, a seguito dei terremoti.

Dettagli

pericolosità X vulnerabilità X esposizione

pericolosità X vulnerabilità X esposizione RISCHIO SISMICO Il rischio sismico, in una determinata area, può essere misurato dal danno che ci si può aspettare, in un intervallo di tempo stabilito, a seguito dei terremoti. Può essere espresso in

Dettagli

CONOSCERE IL RISCHIO SISMICO. I TERREMOTI NON SI POSSONO EVITARE, MA ABBIAMO UN ARMA PER RIDURNE LE CONSEGUENZE: LA PREVENZIONE.

CONOSCERE IL RISCHIO SISMICO. I TERREMOTI NON SI POSSONO EVITARE, MA ABBIAMO UN ARMA PER RIDURNE LE CONSEGUENZE: LA PREVENZIONE. CONOSCERE IL RISCHIO SISMICO. I TERREMOTI NON SI POSSONO EVITARE, MA ABBIAMO UN ARMA PER RIDURNE LE CONSEGUENZE: LA PREVENZIONE. La Fondazione ANIA costituita dalle Compagnie di Assicurazione nel 2004,

Dettagli

COMUNE DI CHITIGNANO CENTRO OPERATIVO COMUNALE

COMUNE DI CHITIGNANO CENTRO OPERATIVO COMUNALE COMUNE DI CHITIGNANO CENTRO OPERATIVO COMUNALE Estratto del Piano di Emergenza Aree di attesa per la popolazione per il rischio sismico ed idrogeologico Il Sindaco di Chitignano, in qualità di Autorità

Dettagli

3. IL RISCHIO SISMICO

3. IL RISCHIO SISMICO COMUNE DELLA SPEZIA CdR Protezione Civile PIANO COMUNALE DI EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE 3. IL RISCHIO SISMICO agg. 2015 Parte 3. Pag. 1 3. IL RISCHIO SISMICO 3.1 MODELLO DI INTERVENTO RISCHIO SISMICO

Dettagli

ALLEGATO. Comune. di sanluri. Novembre Piano Comunale di Protezione Civile INFORMAZIONE AI CITTADINI. Elaborazione Piano Ing.

ALLEGATO. Comune. di sanluri. Novembre Piano Comunale di Protezione Civile INFORMAZIONE AI CITTADINI. Elaborazione Piano Ing. ALLEGATO C Novembre 2015 Comune di sanluri Piano Comunale di Protezione Civile INFORMAZIONE AI CITTADINI Elaborazione Piano Ing. Alessio Ortu COME COMPORTARSI... QUANDO L INCENDIO È IN CORSO Telefona subito

Dettagli

COMUNE DI POPPI CENTRO OPERATIVO COMUNALE

COMUNE DI POPPI CENTRO OPERATIVO COMUNALE COMUNE DI POPPI CENTRO OPERATIVO COMUNALE Estratto del Piano di Emergenza Aree di attesa per la popolazione per il rischio sismico ed idrogeologico Il Sindaco di Poppi, in qualità di Autorità Locale di

Dettagli

SCHEDE DOCUMENTALI RISCHIO SISMICO

SCHEDE DOCUMENTALI RISCHIO SISMICO SD 3.b.4 COMPORTAMENTI INDICATI ALLA POPOLAZIONE IN CASO D EMERGENZA Indicazioni tratte dal volume Protezione civile in famiglia del Dipartimento della Protezione Civile (2005), parzialmente integrate

Dettagli

EVACUAZIONE: n 5 suoni brevi di circa un secondo

EVACUAZIONE: n 5 suoni brevi di circa un secondo Il coordinatore di classe avrà cura di nominare: n 2 alunni apri-fila che avranno il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso la zona di raccolta; n 2 ragazzi serra-fila con il compito di

Dettagli

Accordo Quadro n: Aut.DCO/DM/SP/0091/2003 valida dal 01/03/2004. La Protezione. Civile toscana. Comunità Montana Mugello. Provincia di Firenze

Accordo Quadro n: Aut.DCO/DM/SP/0091/2003 valida dal 01/03/2004. La Protezione. Civile toscana. Comunità Montana Mugello. Provincia di Firenze Accordo Quadro n: Aut.DCO/DM/SP/0091/2003 valida dal 01/03/2004 Protezione Civile toscana Comunità Montana Mugello Provincia di Firenze La Protezione Civile associata nel Mugello 2 Comunità Montana Mugello

Dettagli

Informazioni alla cittadinanza sul rischio sismico nell area dell Unione Terre di Castelli

Informazioni alla cittadinanza sul rischio sismico nell area dell Unione Terre di Castelli Informazioni alla cittadinanza sul rischio sismico nell area dell Unione Terre di Castelli Marano sul Panaro Centro Culturale 11 giugno 2012 I terremoti in Italia: L Italia è situata al margine di convergenza

Dettagli

SVEP. Prov.Piacenza. In collaborazione Ist.Com. G.Parini -Podenzano-S.giorgio. Ist.Com: Bobbio -scuole-travo,coli,bobbio,corte Brugnatella Ottone.

SVEP. Prov.Piacenza. In collaborazione Ist.Com. G.Parini -Podenzano-S.giorgio. Ist.Com: Bobbio -scuole-travo,coli,bobbio,corte Brugnatella Ottone. SVEP Prov.Piacenza In collaborazione Ist.Com. G.Parini -Podenzano-S.giorgio Ist.Com: Bobbio -scuole-travo,coli,bobbio,corte Brugnatella Ottone. Come era la terra tanti anni fa In caso di pericolo, l essenziale

Dettagli

Istituto Comprensivo Carinola - Falciano del Massico Carinola CE - tel.: 0823/ / fax: 0823/ /939542

Istituto Comprensivo Carinola - Falciano del Massico Carinola CE - tel.: 0823/ / fax: 0823/ /939542 Istituto Comprensivo Carinola - Falciano del Massico Carinola CE - tel.: 0823/939042 0823/939063 fax: 0823/939042 0823/939542 cod. mecc.: CEIC88700P e-mail: ceic88700p@istruzione.it Agli interessati LL.SS.

Dettagli

DI PROTEZIONE CIVILE

DI PROTEZIONE CIVILE DI NORME COMPORTAMENTALI DEL CITTADINO 1 Sommario NORME COMPORTAMENTALI DEL CITTADINO... 3 1 Norme comportamentali in caso di alluvione... 3 2 Norme comportamentali in caso di sisma... 4 3 Norme comportamentali

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 04 - NORME COMPORTAMENTALI DEL CITTADINO GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

Comune di CASTEGNATO. Provincia di Brescia. Presentazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile

Comune di CASTEGNATO. Provincia di Brescia. Presentazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile Comune di CASTEGNATO Provincia di Brescia Presentazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile PRESENTAZIONE Questo opuscolo nasce dalla volontà di far conoscere ai castegnatesi i contenuti

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI PARMA Comando Polizia Municipale S.O. Protezione Civile (Legge n. 225/92 Legge n.100/12 D.Lgs n.

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI PARMA Comando Polizia Municipale S.O. Protezione Civile (Legge n. 225/92 Legge n.100/12 D.Lgs n. Progetto Comune di Parma Aggiornamento al Piano Comunale di Protezione Civile 2015 Prodotto Elaborato Autoprot. Terremoto All. 7.2 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI PARMA Comando Polizia Municipale

Dettagli

Da cosa dipende il rischio sismico? Come ci si difende dai terremoti?

Da cosa dipende il rischio sismico? Come ci si difende dai terremoti? terremoti Il rischio sismico, in una determinata area, può essere misurato dal danno che ci si può aspettare, in un intervallo di tempo stabilito, a seguito dei terremoti. Può essere espresso in termini

Dettagli

TERREMOTO. appunti. Muni CYTRON Formatore Nazionale Croce Rossa Italiana Istruttore Nazionale di Protezione Civile della Croce Rossa Italiana

TERREMOTO. appunti. Muni CYTRON Formatore Nazionale Croce Rossa Italiana Istruttore Nazionale di Protezione Civile della Croce Rossa Italiana TERREMOTO appunti Muni CYTRON Formatore Nazionale Croce Rossa Italiana Istruttore Nazionale di Protezione Civile della Croce Rossa Italiana TERREMOTO: cosa devi sapere L Italia è un paese sismico Negli

Dettagli

TERREMOTO COME COMPORTARSI IN CASO DI... SE SEI IN LUOGO CHIUSO CERCA RIPARO NEL VANO DI UNA PORTA > inserita

TERREMOTO COME COMPORTARSI IN CASO DI... SE SEI IN LUOGO CHIUSO CERCA RIPARO NEL VANO DI UNA PORTA > inserita BORGOSATOLLO RIENTRA NELL ELENCO DEI COMUNI CLASSIFICATI IN ZONA SISMICA 2* emergenza TERREMOTO SE SEI IN LUOGO CHIUSO CERCA RIPARO NEL VANO DI UNA PORTA > inserita crolli INFORMATI SU DOVE SI TROVANO

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 I.I.S. MATTEI-EINAUDI Via Don Torello, 38-04100 Latina CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Piazza Manuzio, Manuzio, 10-04100 Latina Ing. Antonio

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MANUALE PER LA POPOLAZIONE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MANUALE PER LA POPOLAZIONE COMUNE DI CODOGNÈ (Provincia di Treviso) Settore Tecnico PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MANUALE PER LA POPOLAZIONE RECAPITI UFFICI COMUNALI Scheda 1 Presentazione Comune di Codognè via Roma 2 31013

Dettagli

Il terremoto e l uomo

Il terremoto e l uomo Comune di Civitacampomarano Il terremoto e l uomo ASPETTI CONOSCITIVI E ASPETTI COMPORTAMENTALI Paolo Manuele Disaster Manager Introduzione La Terra non è immobile ed immutabile, ma in continua evoluzione;

Dettagli

OBIETTIVO DEL PIANO DEFINIZIONI

OBIETTIVO DEL PIANO DEFINIZIONI PIANO DI EMERGENZA OBIETTIVO DEL PIANO Il piano di emergenza ha lo scopo di dare alla direzione dell Unità Commerciali le linee guida per la gestione delle emergenze fin dal primo insorgere nel caso si

Dettagli

COMUNE DI FOGLIANISE (BN)

COMUNE DI FOGLIANISE (BN) COMUNE DI FOGLIANISE (BN) GUIDA PROTEZIONE CIVILE INDICE Conoscere i rischi 3 Rischio sismico 4 Rischio incendio boschivo 5 Rischio meteo-idro-frane 5 Rischio meteo-idro-alluvioni 6 7 Numeri Utili CONOSCERE

Dettagli

PIANO SOVRACOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO SOVRACOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO SOVRACOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO SISMICO Versione 2.0 del 2016 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera Evento Terremoto. Scenari ipotizzabili Danni

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA Assessorato alla Pubblica Istruzione Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE DI RAGUSA Assessorato alla Pubblica Istruzione Assessorato alla Protezione Civile COMUNE DI RAGUSA Assessorato alla Pubblica Istruzione Assessorato alla Protezione Civile SICURAMENTE INFORMATI Progetto per la divulgazione del Piano Comunale di Protezione Civile. Anno. Compilato da di

Dettagli

NORME IN CASO DI TERREMOTO

NORME IN CASO DI TERREMOTO NORME IN CASO DI TERREMOTO INDICE: Premessa 3 Comportamenti in caso di Terremoto 4 Pericolosità sismica del territorio nazionale 5 Gravità dei terremoti: scala Richter e scala Mercalli 6 Principali aree

Dettagli

PRESENTAZIONE. Sindaco di Cartoceto Olga Valeri

PRESENTAZIONE. Sindaco di Cartoceto Olga Valeri PRESENTAZIONE Sindaco di Cartoceto Olga Valeri Questo opuscolo vuole essere un modo per porre il tema della Protezione Civile, e più in generale della Sicurezza, tra gli obiettivi che questa amministrazione

Dettagli

Comune di STAGNO LOMBARDO

Comune di STAGNO LOMBARDO Comune di STAGNO LOMBARDO Presentazione del Piano di mergenza Comunale di Protezione Civile PRSNTAZION Cari concittadini, nel nostro Paese, sempre di più come istituzioni pubbliche ci troviamo a gestire

Dettagli

COMUNE DI SAN GIMIGNANO Città del patrimon i o mon d iale, cultura le e natura le d ell U NESCO

COMUNE DI SAN GIMIGNANO Città del patrimon i o mon d iale, cultura le e natura le d ell U NESCO GESTIONE DELL EMERGENZA SISMA NELLE SCUOLE I recenti fenomeni tellurici registrati nella Val d Elsa, anche se di scarsissimo impatto dannoso, hanno tuttavia generato un diffuso senso di ansia nella collettività,

Dettagli

La gestione delle emergenze nei luoghi di lavoro

La gestione delle emergenze nei luoghi di lavoro La gestione delle emergenze nei luoghi di lavoro Ing. Silvia Goldoni Dipartimento di Sanità Pubblica dell'azienda Usl di Modena Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Area Nord Unità

Dettagli

Dipartimento della Protezione Civile

Dipartimento della Protezione Civile Dipartimento della Protezione Civile www.protezionecivile.it IN CASO DI TERREMOTO Se sei in casa Non precipitarti fuori per le scale e non usare l ascensore: aspetta la fine della scossa prima di uscire:

Dettagli

Comune di Recoaro Terme

Comune di Recoaro Terme Comune di Recoaro Terme Provincia di Vicenza Ufficio di Protezione civile Rischio sismico Il territorio italiano è esposto al rischio sismico, quindi prepararsi ad affrontare il terremoto è fondamentale.

Dettagli

Aiuto, la terra trema!

Aiuto, la terra trema! Aiuto, la terra trema! Cosa fare in caso di un evento sismico? I terremoti non possono essere previsti. Tuttavia attuando delle semplici misure preventive è possibile ridurne le conseguenze e i danni,

Dettagli

A volte possono verificarsi delle calamità che richiedono alcune regole di comportamento per diminuire il rischio di farci male.

A volte possono verificarsi delle calamità che richiedono alcune regole di comportamento per diminuire il rischio di farci male. A volte possono verificarsi delle calamità che richiedono alcune regole di comportamento per diminuire il rischio di farci male. Sono da considerare calamità Terremoti Incendi che si sviluppano all interno

Dettagli

PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE. Quello che il cittadino deve sapere per poter fronteggiare una calamità. A cura del Mo.d.a.v.i.

PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE. Quello che il cittadino deve sapere per poter fronteggiare una calamità. A cura del Mo.d.a.v.i. PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE Quello che il cittadino deve sapere per poter fronteggiare una calamità CONOSCERE I RISCHI DEL TERRITORIO IN CUI VIVIAMO TERREMOTI FRANE ALLUVIONI NEVE INCENDI BOSCHIVI INDUSTRIALE

Dettagli

ALLEGATI: - Elenco Addetti e numeri telefonici di emergenza. - Planimetrie Edificio. - Comportamento in caso di terremoto

ALLEGATI: - Elenco Addetti e numeri telefonici di emergenza. - Planimetrie Edificio. - Comportamento in caso di terremoto ALLEGATI: - Elenco Addetti e numeri telefonici di emergenza - Planimetrie Edificio - Pianta schematica edificio - TAV. 1 planimetria Piano Terra - TAV. 2 planimetria Piano Primo - TAV. 3 planimetria Piano

Dettagli

Chi chiama? Cosa è successo? Dove è successo?

Chi chiama? Cosa è successo? Dove è successo? Nell'effettuare una chiamata di emergenza bisogna sempre indicare: Chi chiama? Cosa è successo? Dove è successo? Aree di attesa In caso di terremoto è destinata alla prima accoglienza della popolazione,

Dettagli

Nella nostra scuola...senza paura si salva chi "sa"!

Nella nostra scuola...senza paura si salva chi sa! 22 e 23 novembre 2017 Nella nostra scuola...senza paura Sicur@mente... si salva chi "sa"! www.civilino.it ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE RITA LEVI MONTALCINI 82018 SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN) Via G. Bocchini,

Dettagli

Come comportarsi in caso di emergenza

Come comportarsi in caso di emergenza Pochi sanno come bisogna comportarsi in caso di emergenza Molte volte ci facciamo prendere dal panico e facciamo cose che possono mettere a repentaglio la nostra e la sicurezza altrui. In questa pagina

Dettagli

La gestione delle emergenze

La gestione delle emergenze La gestione delle emergenze Alcune semplici nozioni Che cos è un emergenza? Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Che cos è il piano

Dettagli

COSA FARE SE... MANUALE INFORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE

COSA FARE SE... MANUALE INFORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Perosa Argentina COSA FARE SE... MANUALE INFORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE L Amministrazione Comunale di Perosa Argentina ha predisposto questo breve opuscolo per migliorare la conoscenza delle

Dettagli

Piano di Protezione Civile Città di Fiesole

Piano di Protezione Civile Città di Fiesole Piano di Protezione Città di Fiesole Imparare a difendersi in caso di calamità Relatore: Alessandro Belardi Educazione alla Protezione Presentazione Struttura comunale di Protezione : Polizia Municipale

Dettagli

Allegato 4. Libretto sicurezza ridotto aggiornato sisma

Allegato 4. Libretto sicurezza ridotto aggiornato sisma Allegato 4 Libretto sicurezza ridotto aggiornato sisma 1 SICURAMENTESCUOLA Quarto Circolo Didattico di Piacenza Libretto sicurezza Decreto 81/08 L Educazione alla Sicurezza nelle Scuole non è soltanto

Dettagli

4. Le emergenze negli ambienti interni delle scuole dovute a eventi naturali

4. Le emergenze negli ambienti interni delle scuole dovute a eventi naturali 4. Le emergenze negli ambienti interni delle scuole dovute a eventi naturali È buona norma che gli argomenti che saranno trattati di seguito, siano esposti agli alunni e con essi commentati durante la

Dettagli

COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI EMERGENZA

COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI EMERGENZA COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI EMERGENZA MA TU SAI COSA FARE SE... Guida illustrata all autoprotezione Associazione Volontari Protezione Civile Preganziol Il rischio: Conoscerlo ed affrontarlo Con

Dettagli

PROCEDURE PER L EVACUAZIONE (D.Lgs. 81/08, art. 36, comma 1, lettera b)

PROCEDURE PER L EVACUAZIONE (D.Lgs. 81/08, art. 36, comma 1, lettera b) SONO PREVISTE TRE TIPOLOGIE DI SEGNALI: 1. SEGNALE DI ALLARME: SUONO INTERMITTENTE DELLA DURATA DI 30 SECONDI; 2. SEGNALE DI EVACUAZIONE: SUONO CONTINUO DELLA DURATA DI 30 SECONDI; 3. SEGNALE DI FINE EMERGENZA:

Dettagli

Piano di emergenza dell istituto scolastico

Piano di emergenza dell istituto scolastico Piano di emergenza dell istituto scolastico Istruzioni per il coordinatore dell emergenza 1. Alla segnalazione dell emergenza attivare gli addetti del caso e recarsi sul posto dell evento; 2. Valutare

Dettagli

ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA

ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA I.I.S. "BORGHESE - FARANDA" P A T T I a.s. 2018/2019 PLESSO ITCG F. BORGHESE via M. A. Ficarra ALBO DELLA SICUREZZA Datore di Lavoro ( Art. 2 comma 1, lett. b): DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

REGOLE DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "E. FERMI" ASCOLI PICENO Capofila - Polo Tecnico Professionale di Domotica Assistenziale A. A. L. Punto ordinante Piano Nazionale Scuola Digitale Scuola eccellenza MIMIO

Dettagli

COMUNE DI VILLASALTO PROVINCIA DI CAGLIARI PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER IL RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA, IDROGEOLOGICO E IDRAULICO

COMUNE DI VILLASALTO PROVINCIA DI CAGLIARI PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER IL RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA, IDROGEOLOGICO E IDRAULICO COMUNE DI VILLASALTO PROVINCIA DI CAGLIARI PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER IL RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA, IDROGEOLOGICO E IDRAULICO ALLEGATO D: INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE RISCHIO IDRAULICO

Dettagli

GUIDA al CITTADINO per l utilizzo del Piano Comunale di Protezione Civile

GUIDA al CITTADINO per l utilizzo del Piano Comunale di Protezione Civile Comune di BISACCIA (AV) La tua Campania cresce in Europa GUIDA al CITTADINO per l utilizzo del Piano Comunale di Protezione Civile a cura del Gruppo Comunale Volontari Protezione Civile Bisaccia GUIDA

Dettagli

COMUNE DI FROSOLONE PROTEZIONE CIVILE IMPEGNO COMUNE

COMUNE DI FROSOLONE PROTEZIONE CIVILE IMPEGNO COMUNE PROTEZIONE CIVILE IMPEGNO COMUNE Cari cittadini, il Volontariato della Protezione Civile si è affermato in Italia sotto la spinta delle grandi emergenze che hanno interessato ripetutamente il nostro Paese.

Dettagli

INFORMATIVA AL CITTADINO PER LA CONOSCENZA ED UTILIZZO DEL PIANO DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

INFORMATIVA AL CITTADINO PER LA CONOSCENZA ED UTILIZZO DEL PIANO DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI NUVOLERA In collaborazione con GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INFORMATIVA AL CITTADINO PER LA CONOSCENZA ED UTILIZZO DEL PIANO DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE RISCHIO SISMICO RISCHIO

Dettagli

EMERGENZA CHE FARE? MANUALE OPERATIVO

EMERGENZA CHE FARE? MANUALE OPERATIVO EMERGENZA CHE FARE? MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE Il presente manuale ha lo scopo di definire le procedure e comportamenti da seguire in presenza di calamità o eventi pericolosi all interno delle Residenze

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO Brescia

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO Brescia LICEO SCIENTIFICO LEONARDO Brescia ISTRUZIONI, in sintesi, PER LA SICUREZZA IN EMERGENZA (estratto dal Piano di Emergenza ai sensi D.Lgs. 81/08) Istruzioni complete : www.liceoleonardobs.it - Aree tematiche

Dettagli

COMUNE DI FRANCOLISE MANUALE PRATICO. Sei consapevole dei possibili rischi presenti sul territorio dove vivi?

COMUNE DI FRANCOLISE MANUALE PRATICO. Sei consapevole dei possibili rischi presenti sul territorio dove vivi? COMUNE DI FRANCOLISE MANUALE PRATICO DI PROTEZIONE CIVILE Sei consapevole dei possibili rischi presenti sul territorio dove vivi? Sai dove e come informarti? Sai come organizzarti per affrontare eventuali

Dettagli

PROCEDURE. di emergenza ed evacuazione. A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione Università LUMSA

PROCEDURE. di emergenza ed evacuazione. A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione Università LUMSA PROCEDURE di emergenza ed evacuazione A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione Procedure di evacuazione QUANDO SCATTA L ALLARME SONORO BISOGNA: Mantenere la calma ed aiutare gli altri a fare lo

Dettagli

ALLEGATO 4. Norme comportamentali in caso di terremoti

ALLEGATO 4. Norme comportamentali in caso di terremoti ALLEGATO 4 Norme comportamentali in caso di terremoti Come comportarsi in caso di TERREMOTI ll terremoto: un fenomeno naturale non prevedibile, che dura molto poco, quasi sempre meno di un minuto. La tua

Dettagli

REGOLAMENTO EVACUAZIONE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA

REGOLAMENTO EVACUAZIONE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA REGOLAMENTO EVACUAZIONE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Istituto Comprensivo Don Lorenzo Milani Colonna Monte Porzio Catone Delibera n. 54 del Consiglio d Istituto del 20/11/2018 Scuole di Colonna e di Monte

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA

PIANO PER LA SICUREZZA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA DANIELE CRESPI Liceo Internazionale Classico e Linguistico VAPC02701R Liceo delle Scienze Umane VAPM027011 Via G. Carducci 4 21052 BUSTO ARSIZIO (VA) www.liceocrespi.gov.it

Dettagli

Ministero dell Interno Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero dell Interno Ministero della Pubblica Istruzione Ministero dell Interno Ministero della Pubblica Istruzione Seminario Nazionale per la diffusione della cultura della protezione civile nella scuola dell obbligo Indice Il rischio sismico Il rischio sismico

Dettagli

COSA FA LA PROTEZIONE CIVILE?

COSA FA LA PROTEZIONE CIVILE? IL PIANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL TERRITORIO Gli eventi del settembre 2007, sebbene eccezionali, hanno reso evidente la necessità di complessi interventi per la messa in sicurezza idraulica di un

Dettagli

PROCEDURA D EMERGENZA. Palazzo Pirelli Via Fabio Filzi n. 22 Milano

PROCEDURA D EMERGENZA. Palazzo Pirelli Via Fabio Filzi n. 22 Milano PROCEDURA D EMERGENZA Palazzo Pirelli Via Fabio Filzi n. 22 Milano PROCEDURA D EVACUAZIONE L ORDINE D EVACUAZIONE è diramato con un messaggio vocale. I Docenti che accompagnano gli studenti sono tenuti

Dettagli

Chi chiama? Cosa è successo? Dove è successo?

Chi chiama? Cosa è successo? Dove è successo? Nell'effettuare una chiamata di emergenza bisogna sempre indicare: Chi chiama? Cosa è successo? Dove è successo? Aree di attesa In caso di terremoto è destinata alla prima accoglienza della popolazione,

Dettagli

RISCHIO ALLUVIONE. dell Aeroporto e canali Maciante e Goricina. Dall alluvione ci si può difendere sapendo cosa fare.

RISCHIO ALLUVIONE. dell Aeroporto e canali Maciante e Goricina. Dall alluvione ci si può difendere sapendo cosa fare. RISCHIO ALLUVIONE Il rischio di inondazione è legato alla pericolosità, intesa come probabilità di accadimento dell evento e al danno atteso, ossia la perdita di vite umane o di beni economici pubblici

Dettagli

ISTITUZIONE SCOLASTICA AUTONOMA

ISTITUZIONE SCOLASTICA AUTONOMA ALLEGATO 10.2 ISTITUZIONE SCOLASTICA AUTONOMA ISTITUTO COMPRENSIVO - FRANCOLISE - (CE) Cod. Mecc.: CEIC819004 - Tel. 0823/884410 E Mail Dirigente Scolastico: giuseppina.palmiero@istruzione.it E Mail della

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI PERICOLO

NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI PERICOLO ALLEGATO 9 Capo dell Istituto All insorgere di un pericolo: 1) dirigetevi con uno o più aiutanti verso il luogo del pericolo e cercate di eliminarlo; 2) se non ci riuscite chiamate i soccorsi Polizia 113

Dettagli

Comune di Napoli Protezione civile Rischio sismico

Comune di Napoli Protezione civile Rischio sismico Comune di Napoli Protezione civile Rischio sismico Comune di Napoli Protezione civile http://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/serveblob.php/l/it/idpagina/11073 Il Servizio Protezione Civile del Comune

Dettagli

Procedure di esodo per rischio sismico. Ing. Alessandro Borghese Comando Provinciale Vigili del Fuoco Padova

Procedure di esodo per rischio sismico. Ing. Alessandro Borghese Comando Provinciale Vigili del Fuoco Padova Procedure di esodo per rischio sismico Ing. Alessandro Borghese Comando Provinciale Vigili del Fuoco Padova Effetti del terremoto L Aquila 6 aprile 2009 Evidenze Elementi di danno indotti con l aumentare

Dettagli

Si salvi chi può! incendi

Si salvi chi può! incendi incendi Il fuoco esiste da sempre e l uomo nel corso degli anni ha imparato ad utilizzarlo e a dominarlo. Conoscere il pericolo aiuta ad affrontarlo e quindi a prevenire le cause che possono verificarsi

Dettagli

Comune di Longi Provincia di Messina

Comune di Longi Provincia di Messina Comune di Longi Provincia di Messina PIANO DI PROTEZIONE CIVILE TUTTI SIAMO LA PROTEZIONE CIVILE! COS È IL PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE? Il Piano di Protezione Civile del Comune di Longi è uno strumento

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE E RISCHI INDUSTRIALI

COMUNE DI VENEZIA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE E RISCHI INDUSTRIALI COMUNE DI VENEZIA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE E RISCHI INDUSTRIALI Il Sistema è costituito da 11 sirene: quelle cerchiate in rosso sono comandate da segnale radio, quelle col cerchio in verde sono di nuova

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA NOTA INFORMATIVA PER TUTTO IL PERSONALE NORME DI SICUREZZA Tutti i lavoratori devono rispettare quanto indicato, affinché non vengano alterate le condizioni

Dettagli

vulcano Campi Flegrei

vulcano Campi Flegrei vulcano Campi Flegrei Cosa fare in ATTENZIONE in PREALLARME in ALLARME DURANTE l eruzione www.iononrischio.it vulcano Campi Flegrei Cosa fare in ATTENZIONE In questa fase operativa si intensifica il monitoraggio

Dettagli

IL RISCHIO SISMICO NEI LUOGHI DI LAVORO Il Piano di Emergenza e di Evacuazione

IL RISCHIO SISMICO NEI LUOGHI DI LAVORO Il Piano di Emergenza e di Evacuazione DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA REGGIO EMILIA SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO IL RISCHIO SISMICO NEI LUOGHI DI LAVORO Il Piano di Emergenza e di Evacuazione Ing. Daniela Malvolti Reggio

Dettagli

Oggetto: NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO D EVACUAZIONE E IN CASO DI TERREMOTO

Oggetto: NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO D EVACUAZIONE E IN CASO DI TERREMOTO Prot. n.1909/c2 Mesenzana, 13/09/2017 Ai Docenti Al personale ATA ATTI Oggetto: NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO D EVACUAZIONE E IN CASO DI TERREMOTO Si invita tutto il personale docente e ATA a

Dettagli

Agli Alunni della Scuola Primaria, dell Infanzia e Secondaria di Primo Grado A tutti i docenti

Agli Alunni della Scuola Primaria, dell Infanzia e Secondaria di Primo Grado A tutti i docenti Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca 1. Istituto Comprensivo Statale dirivanazzano Terme Via XX Settembre n. 45-27055 - Rivanazzano Terme - Pavia Tel/fax. 0383-92381 Email pvic81100g@istruzione.it

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE AMBITO RIVIERA DEL CONCA Ufficio Associato di Protezione Civile Cattolica Coriano Misano Adriatico Riccione San Giovanni in Marignano PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO

Dettagli

STUD'S. Risultati dell'indagine "Valutazione della conoscenza pregressa in materia di salute e sicurezza

STUD'S. Risultati dell'indagine Valutazione della conoscenza pregressa in materia di salute e sicurezza STUD'S Risultati dell'indagine "Valutazione della conoscenza pregressa in materia di salute e sicurezza Campione: studenti della scuola secondaria di I grado Villa Reatina Rischio sismico Che cosa è un

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI TERREMOTO:

NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI TERREMOTO: PROVA D EVACUAZIONE NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI TERREMOTO: Il suono acustico che avvisa la presenza di un terremoto è un suono lungo creato con un avvisatore acustico. Le norme di comportamento da

Dettagli

Nucleo di Protezione Civile Osservatorio sismico " L. Palmieri" Pesco Sannita BN. presenta

Nucleo di Protezione Civile Osservatorio sismico  L. Palmieri Pesco Sannita BN. presenta Nucleo di Protezione Civile Osservatorio sismico " L. Palmieri" Pesco Sannita BN presenta Progetto Educare alla sicurezza Settore Protezione Civile Regione Campania Ideazione e realizzazione F.S. Per ogni

Dettagli

PROVA DI EVACUAZIONE DEL 19/12/2016

PROVA DI EVACUAZIONE DEL 19/12/2016 PROVA DI EVACUAZIONE DEL 19/12/2016 Vademecum sulla Sicurezza per Docenti e Alunni (da leggere a cura del docente della 1 ora che avrà cura di compilare il prospetto aprifila e chiudifila) - Ad ogni locale,

Dettagli

Incidente chimico COSA FARE IN CASO DI INCIDENTE CHIMICO... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO (CASA, UFFICIO, SCUOLA ECC.)

Incidente chimico COSA FARE IN CASO DI INCIDENTE CHIMICO... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO (CASA, UFFICIO, SCUOLA ECC.) Incidente chimico 86 COSA FARE IN CASO DI INCIDENTE CHIMICO... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO (CASA, UFFICIO, SCUOLA ECC.) - SE IL LOCALE IN CUI TI TROVI E NELLE VICINANZE DELLO STABILIMENTO IN CUI SI

Dettagli

Protezione Civile. Cose da sapere. Comune di Lamporecchio Assessorato alla Protezione Civile. Foto Nucci Lamporecchio

Protezione Civile. Cose da sapere. Comune di Lamporecchio Assessorato alla Protezione Civile. Foto Nucci Lamporecchio Comune di Lamporecchio Assessorato alla Protezione Civile Protezione Civile Cose da sapere Foto Nucci Lamporecchio Presentazione Con questo opuscolo l Amministrazione comunale ti informa che ha elaborato

Dettagli

INFORMAZIONI AI LAVORATORI ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81. artt e ss.mm.ii. TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Gestione

INFORMAZIONI AI LAVORATORI ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81. artt e ss.mm.ii. TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Gestione INFORMAZIONI AI LAVORATORI ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81. artt. 36 37 e ss.mm.ii. TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Gestione delle Emergenze Edizione: Settembre 2018 PROCEDURE DI

Dettagli

che, in caso di evacuazione, sia utilizzata la seguente segnaletica sonora:

che, in caso di evacuazione, sia utilizzata la seguente segnaletica sonora: DIREZIONE DIDATTICA FORMICOLA-LIBERI-PONTELA TONE VIA CANTIELLO - 81040-FORMICOLA (CASERTA) TeI. 0823/876016 - Fax. 0823/876963 C.F. 93103710617- C.M. CEEE1l500Q Comprende i Plessi di FORMICOLA- LlBERI-

Dettagli

a227_protezione-civile.html

a227_protezione-civile.html TIENITI INFORMATO sulle ALLERTE METEO REGISTRATI AL SISTEMA di informazione telefonica in emergenza. Collegati al sito del Comune di Campiglia M.ma alla pagina della protezione civile; http://www.comune.campigliamarittima.li.it/pagin

Dettagli

Informativa e prescrizioni per il personale, ex art. 36 del D. Lgs. 81/2008

Informativa e prescrizioni per il personale, ex art. 36 del D. Lgs. 81/2008 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MADONNA ASSUNTA" Via di Pozzuoli, 62-68 - 80124 Napoli tel. 0815705312 - tel. 0812303382 Posta certificata: naic8gs00v@pec.istruzione.it e-mail: naic8gs00v@istruzione.it Codice

Dettagli

I Comuni italiani sono stati classificati in 4 categorie principali, in base al loro rischio sismico, calcolato in base al PGA (Peak GroundAcceleration, ovvero picco di accelerazione al suolo) e per frequenza

Dettagli

INCENDIO BOSCHIVO NORME DI COMPORTAMENTO E AUTOPROTEZIONE PER RESIDENTI E TURISTI REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

INCENDIO BOSCHIVO NORME DI COMPORTAMENTO E AUTOPROTEZIONE PER RESIDENTI E TURISTI REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INCENDIO BOSCHIVO NORME DI COMPORTAMENTO E AUTOPROTEZIONE PER RESIDENTI E TURISTI REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA PROTEZIONE

Dettagli

La prevenzione del rischio sismico

La prevenzione del rischio sismico La prevenzione del rischio sismico Sergio Castenetto DPC - Ufficio Rischio sismico e vulcanico Angelo Masi Univ. della Basilicata e Reluis PREVENZIONE Lo Stato come ha affrontato il problema della riduzione

Dettagli

Sicurezza Formazione Specifica PROCEDURE DI EMERGENZA

Sicurezza Formazione Specifica PROCEDURE DI EMERGENZA PROCEDURE DI EMERGENZA PIANO di EMERGENZA e CALAMITA NATURALI RSPP (o persona nominata) SQUADRA DI EMERGENZA ANTINCENDIO PRIMO SOCCORSO ADDETTO ALLE COMUNICAZIONI RSPP (o persona nominata) Capo delle squadre

Dettagli

a scuola di Protezione Civile

a scuola di Protezione Civile Servizio Protezione Civile e Rischi Industriali Città di Venezia a scuola di Protezione Civile La Protezione Civile in Italia Circolo Didattico C. Baseggio - Marghera Classi III IV V 16 17 Maggio 2006

Dettagli