M G I U S T I Z I A N O R I L E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "M G I U S T I Z I A N O R I L E"

Transcript

1 M G I U S T I Z I A N O R I L E Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina Soggetti in carico agli Uffici di Servizio Sociale per i minorenni Ingressi nei Centri di prima accoglienza Collocamenti in comunità Ingressi e presenza negli Istituti penali per i minorenni Roma, luglio 2015 Dipartimento Giustizia Minorile Ufficio I del Capo Dipartimento Servizio Statistica Via Damiano Chiesa, Roma Tel. 06/

2 NOTE INTRODUTTIVE I dati di seguito presentati si riferiscono ai minori autori di reato provenienti dalla Bosnia Erzegovina in carico ai Servizi della Giustizia Minorile. Si tratta di un utenza con caratteristiche peculiari che la differenziano dalle altre nazionalità; è contraddistinta da una forte incidenza della componente femminile, che nei Servizi residenziali risulta anche superiore a quella maschile, mentre negli Uffici di servizio sociale si osserva una sostanziale parità di genere. Altro elemento caratteristico è l età, mediamente più bassa rispetto al resto dell utenza minorile, per la maggior presenza di minori di età compresa tra i anni. Il principale reato per cui questi minori entrano nel circuito penale è il furto, fortemente praticato; sono invece nettamente a distanza le altre tipologie di reato. Con riferimento ai minori in carico agli Uffici di servizio sociale per i minorenni (USSM), nell anno 2014 ci sono stati 143 minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina, che hanno rappresentato la settima provenienza straniera; in termini relativi hanno costituito il 3,4% dell utenza straniera e quasi l 1% dell utenza complessiva. Con riferimento ai dati dei Centri di prima accoglienza (CPA), nel 2014 ci sono stati 134 ingressi di minori bosniaci, che hanno costituito l 8,7% del totale dell utenza dei CPA dell anno 2014 ed il 16,3% della componente straniera, risultando al secondo posto dopo la Romania per il numero di ingressi. Per quanto riguarda il provvedimento di uscita emesso a seguito dell udienza di convalida, si osserva che la maggior parte dei minori bosniaci è stata dimessa dal CPA con l applicazione di una misura cautelare (l 84% nel 2014). La misura più applicata nell anno 2014 è stata quella del collocamento in comunità. Per quanto concerne i dati relativi ai collocamenti in comunità, nell anno 2014 sono stati collocati 81 minori bosniaci, pari all 11% del totale dei collocati stranieri ed al 4,7% del totale dei collocati. Con riferimento, invece, ai detenuti negli Istituti penali per i minorenni (IPM), nell anno 2014 ci sono stati 43 ingressi di minori della Bosnia Erzegovina ed è stata registrata una presenza media giornaliera di circa 8 minori. Roma, luglio 2015 Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 2

3 UFFICI DI SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI Tabella 1 - Minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina in carico agli Uffici di Servizio Sociale per i minorenni negli anni dal 2010 al Anni N. minori in carico della Bosnia sul totale stranieri sul totale complessivo ,9% 0,4% ,7% 0,4% ,2% 0,6% ,0% 0,6% ,4% 0,7% Tabella 2 Minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina in carico agli Uffici di Servizio Sociale per i minorenni. Anno Periodo di presa in carico maschi Sesso femmine Totale Presi in carico per la prima volta nell'anno Già precedentemente in carico Totale Tabella 3 Minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina in carico agli Uffici di Servizio Sociale per i minorenni, secondo il sesso e l età alla data di presa in carico. Anno Età Sesso Totale maschi femmine 14 anni anni anni anni giovani adulti Totale Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 3

4 Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 4

5 CENTRI DI PRIMA ACCOGLIENZA Tabella 4 - Ingressi nei Centri di prima accoglienza di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina negli anni dal 2010 al Anni N. ingressi di minori della Bosnia sul totale stranieri sul totale complessivo ,5% 6,9% ,7% 6,0% ,0% 8,2% ,5% 6,7% ,6% 0,4% ,4% 5,6% ,2% 4,3% ,3% 3,2% ,9% 3,6% ,9% 4,7% ,9% 5,9% ,6% 8,2% ,3% 8,7% Tabella 5 Ingressi nei Centri di prima accoglienza di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina, secondo il tipo di provvedimento. Anno Tipo provvedimento Sesso Totale maschi femmine Arresto Fermo Accompagnamento Totale Tabella 6 Ingressi nei Centri di prima accoglienza di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina, secondo l età e il sesso. Anno Età maschi Sesso femmine Totale meno di 14 anni anni anni anni anni giovani adulti Totale Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 5

6 Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 6

7 Tabella 7 Uscite dai Centri di prima accoglienza di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina negli anni dal 2010 al 2014 secondo il motivo di uscita. Motivi di uscita Anni Con applicazione di misura cautelare Prescrizioni Permanenza in casa Collocamento in comunità Custodia cautelare Altre uscite Minore di 14 anni Minore in stato di gravidanza Estraneità al fatto Mancanza di altri presupposti Remissione in libertà Decorrenza termini Maggiorenne Altro Totale Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 7

8 Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 8

9 COLLOCAMENTI IN COMUNITA Tabella 8 Collocamenti in comunità di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina negli anni dal 2010 al Anni N. collocamenti di minori della Bosnia sul totale stranieri sul totale complessivo ,4% 1,7% ,7% 1,9% ,6% 2,8% ,7% 2,5% ,0% 4,7% Tabella 9 Collocamenti in comunità di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina secondo il motivo e il sesso. Anno Collocamenti maschi Sesso femmine Totale per art. 22 DPR 448/88 (collocamento in comunità) da IPM per trasformazione misura cautelare da IPM per fine aggravamento della misura cautelare per applicazione messa alla prova per affidamento al servizio sociale per applicazione misura di sicurezza per detenzione domiciliare in comunità Totale Tabella 10 Collocamenti in comunità di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina secondo l età e il sesso. Anno Età maschi Sesso femmine Totale 14 anni anni anni anni giovani adulti Totale Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 9

10 Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 10

11 Tabella 11 - Uscite dalla comunità di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina nell anno 2014 secondo il motivo e il sesso. Sesso Uscite Maschi Femmine Totale per revoca misura cautelare per decorrenza termini misura cautelare per trasformazione della misura cautelare -per appl. art. 20 DPR 448/88 (prescrizioni) per appl. art. 21 DPR 448/88 (permanenza in casa) per appl. art.23 DPR 448/88 (custodia cautelare) 0 per aggravamento della misura cautelare per continuazione messa alla prova sul territorio per fine messa alla prova per fine pena per esecuzione pena per provvedimento del giudice a seguito di udienza per arresto/fermo Totale Tabella 12 - Presenza media giornaliera nelle Comunità di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina negli anni dal 2010 al Anni Presenza media minori Bosnia sul totale stranieri sul totale complessivo ,1 2,8% 0,7% ,4 4,1% 1,2% ,8 4,2% 1,2% ,1 4,5% 1,4% ,2 5,3% 1,8% Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 11

12 Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 12

13 ISTITUTI PENALI PER I MINORENNI Tabella 13 - Ingressi negli Istituti penali per i minorenni di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina negli anni dal 2010 al Anni N. ingressi di minori della Bosnia sul totale stranieri sul totale complessivo ,4% 3,7% ,8% 2,8% ,9% 4,6% ,9% 4,5% ,2% 4,3% Tabella 14 Ingressi negli Istituti penali per i minorenni di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina nell anno 2014 secondo il motivo. Ingressi stabili maschi femmine totale Per custodia cautelare dalla libertà da Centro di prima accoglienza da comunità per trasformazione di misura da comunità per aggravamento misura cautelare (art.22 c.3) Per esecuzione pena dalla libertà da comunità per revoca detenzione domiciliare per sospensione affidamento in prova al servizio sociale per sospensione detenzione domiciliare da arresti domiciliari (adulti) Tabella 15 Ingressi negli Istituti penali per i minorenni di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina secondo l età e il sesso. Anno Età Sesso Totale maschi femmine 14 anni anni anni anni giovani adulti Totale Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 13

14 Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 14

15 Tabella 16 Uscite dagli Istituti penali per i minorenni di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina nell anno 2014 secondo il motivo. Uscite definitive maschi Sesso femmine Totale Da custodia cautelare Decorrenza termini custodia cautelare Revoca della custodia cautelare Remissione in libertà Permanenza in casa Collocamento in comunità (compresi fine aggravamento) Sospensione condizionale della pena Da espiazione pena 0 Espiazione della pena Differimento esecuzione pena Concessione liberazione anticipata Affidamento in prova al servizio sociale Detenzione domiciliare Concessione Legge 199/ Totale Tabella 17 Presenza media giornaliera negli Istituti penali per i minorenni di minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina negli anni dal 2010 al Anni N. minori della Bosnia sul totale stranieri sul totale complessivo ,1 6,7% 2,3% ,5 4,0% 1,3% ,7 6,8% 2,7% ,6 9,1% 2,8% ,6 3,6% 2,1% Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 15

16 Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina 16

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia Minorile e di comunità

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia Minorile e di comunità Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile e di comunità Servizio Statistica I Servizi della Giustizia Minorile 31 dicembre 2015 Dati statistici Elaborazione del 20 gennaio 2016 su

Dettagli

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Servizio Statistica Minori dell area penale provenienti dalla Bosnia Erzegovina in carico ai Servizi della Giustizia Minorile

Dettagli

2. GLI ISTITUTI PENALI PER I MINORENNI. Premessa.

2. GLI ISTITUTI PENALI PER I MINORENNI. Premessa. 2. GLI ISTITUTI PENALI PER I MINORENNI. Premessa. L analisi statistica sviluppata in questa seconda parte del lavoro riguarda sia la presenza di minori sia i movimenti in entrata e in uscita registrati

Dettagli

STORIE TRA PARENTESI

STORIE TRA PARENTESI ---- Ministero della Giustizia Dipartimento Giustizia Minorile Centro per la Giustizia Minorile per la Lombardia Milano ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Anno 2013 I GIOVANI NELLE STRUTTURE MINORILI DELLA GIUSTIZIA

Anno 2013 I GIOVANI NELLE STRUTTURE MINORILI DELLA GIUSTIZIA 29 dicembre 2014 Anno 2013 I GIOVANI NELLE STRUTTURE MINORILI L Istat e il Dipartimento per la Giustizia Minorile del Ministero della Giustizia pubblicano un quadro aggiornato della condizione dei minori

Dettagli

Servizio Statistica. Ministero della Giustizia. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità

Servizio Statistica. Ministero della Giustizia. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Servizio Statistica Minorenni e giovani adulti della Bosnia Erzegovina in carico ai Servizi della Giustizia Minorile Dati

Dettagli

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Servizio Statistica Minori dell area penale provenienti dall Ecuador in carico ai Servizi della Giustizia Minorile Dati statistici

Dettagli

A cura dell Ufficio I del Capo Dipartimento Servizio Statistica (diretto da Concetto Zanghi):

A cura dell Ufficio I del Capo Dipartimento Servizio Statistica (diretto da Concetto Zanghi): M G I U S T I Z I A N O R I L E Analisi statistica dei dati relativi ai Servizi residenziali della Giustizia Minorile Anno 2011 Roma, 19 luglio 2012 Dipartimento Giustizia Minorile Ufficio I del Capo Dipartimento

Dettagli

Servizio Statistica. Ministero della Giustizia. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità

Servizio Statistica. Ministero della Giustizia. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Servizio Statistica Minori dell area penale provenienti dalla Tunisia in carico ai Servizi della Giustizia Minorile Dati statistici

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Sezione Statistica Minorenni e giovani adulti della Croazia in carico ai Servizi della Giustizia Minorile Dati statistici

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Sezione Statistica Minorenni e giovani adulti in carico ai Servizi della Giustizia Minorile nel periodo dal 2001 al 2018 Analisi

Dettagli

Servizio Statistica. Ministero della Giustizia. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità

Servizio Statistica. Ministero della Giustizia. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Servizio Statistica Minorenni e giovani adulti della Repubblica Serbia in carico ai Servizi della Giustizia Minorile Dati

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Sezione Statistica Minorenni e giovani adulti dell Egitto in carico ai Servizi della Giustizia Minorile Dati statistici Roma,

Dettagli

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Servizio Statistica Minorenni e giovani adulti della Romania in carico ai Servizi della Giustizia Minorile Dati statistici

Dettagli

TOSCANA Toscana da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

TOSCANA Toscana da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 Toscana TOSCANA 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 190 4. SCENARI REGIONALI TOSCANA 191 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 192 4. SCENARI REGIONALI TOSCANA 193 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA

Dettagli

Le misure alternative alla detenzione Concas Alessandra. Diritto.it

Le misure alternative alla detenzione Concas Alessandra. Diritto.it Le misure alternative alla detenzione Concas Alessandra Diritto.it Le misure alternative alla detenzione sono l'affidamento in prova ai servizi sociali, la detenzione domiciliare, le misure alternative

Dettagli

L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le

L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le Tossicodipendenze nel corso dell anno 2009. Si è dunque

Dettagli

Minorenni e giovani adulti in carico ai Servizi della giustizia minorile. Analisi statistica secondo la nazionalità. Introduzione.

Minorenni e giovani adulti in carico ai Servizi della giustizia minorile. Analisi statistica secondo la nazionalità. Introduzione. Minorenni e giovani adulti in carico ai Servizi della giustizia minorile Analisi statistica secondo la nazionalità Roma, 13 maggio 2016 Dipartimento Giustizia minorile e di comunità Ufficio I del Capo

Dettagli

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8.1 Reati droga-correlati produzione, traffico e vendita di sostanze illegali e di associazione finalizzata alla produzione e al traffico (art. 73 e art. 74) 8.2 Reati

Dettagli

I MINORENNI fuori DALLA FAMIGLIA D ORIGINE: I NUMERI Liviana Marelli CNCA

I MINORENNI fuori DALLA FAMIGLIA D ORIGINE: I NUMERI Liviana Marelli CNCA I MINORENNI fuori DALLA FAMIGLIA D ORIGINE: I NUMERI Liviana Marelli CNCA LE FONTI I Quaderni della ricerca sociale 31 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali direzione generale per l inclusione

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

Legge 5 dicembre 2005, n. 251

Legge 5 dicembre 2005, n. 251 Legge 5 dicembre 2005, n. 251 " Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per

Dettagli

M G I U S T I Z I A N O R I L E

M G I U S T I Z I A N O R I L E M G I U S T I Z I A N O R I L E Dati statistici sui minori provenienti dal Marocco Minorenni denunciati alle Procure Ingressi nei Centri di prima accoglienza Presenza negli Istituti penali per i minorenni

Dettagli

SOMMARIO LIBRO PRIMO ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI GIURISDIZIONALI PENALI

SOMMARIO LIBRO PRIMO ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI GIURISDIZIONALI PENALI SOMMARIO LIBRO PRIMO ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI GIURISDIZIONALI PENALI ORDINE DI ESECUZIONE PER LA CARCERAZIONE 1. Ordine di esecuzione per la carcerazione con contestuale decreto di sospensione 5 SEZIONE

Dettagli

ABRUZZO Abruzzo da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

ABRUZZO Abruzzo da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 ABRUZZO Abruzzo 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 226 4. SCENARI REGIONALI ABRUZZO 227 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 228 4. SCENARI REGIONALI ABRUZZO 229 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA

Dettagli

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Servizio Statistica Minorenni e giovani adulti dell Ecuador in carico ai Servizi della Giustizia Minorile Dati statistici

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

BAMBINI E RAGAZZI IN AFFIDAMENTO ETEFOFAMILIARE E PARENTALE SEGUITI DAI SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ANNO 2011

BAMBINI E RAGAZZI IN AFFIDAMENTO ETEFOFAMILIARE E PARENTALE SEGUITI DAI SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ANNO 2011 Osservatorio per l'infanzia e l'adolescenza Regione Emilia-Romagna BAMBINI E RAGAZZI IN AFFIDAMENTO ETEFOFAMILIARE E PARENTALE SEGUITI DAI SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ANNO

Dettagli

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE Legge 354/ 75 (Ordinamento Penitenziario) collegato con DPR 431/ 76 modificato dal DPR 230/ 00

Dettagli

MARCHE Marche da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

MARCHE Marche da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 MARCHE Marche 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 216 4. SCENARI REGIONALI MARCHE 217 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 218 4. SCENARI REGIONALI MARCHE 219 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA

Dettagli

Centro di Giustizia Minorile del Piemonte, Valle d Aosta e Liguria e Massa Carrara Servizi Minorili e Servizio Tecnico del C.G.M.

Centro di Giustizia Minorile del Piemonte, Valle d Aosta e Liguria e Massa Carrara Servizi Minorili e Servizio Tecnico del C.G.M. Centro di Giustizia Minorile del Piemonte, Valle d Aosta e Liguria e Massa Carrara Servizi Minorili e Servizio Tecnico del C.G.M. di Torino Adolescenti stranieri nei percorsi penali e giudiziari del territorio

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile

Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile Servizio Statistica I Servizi della Giustizia Minorile 31 maggio 2014 Dati statistici Dipartimento Giustizia Minorile Ufficio I del Capo

Dettagli

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata L obiettivo della presente analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

Dettagli

5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità.

5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità. 5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità. Il presente capitolo si propone di completare l approfondimento sugli esiti scolastici andando a considerare in dettaglio i giudizi

Dettagli

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5.1 Considerazioni generali Il livello di informatizzazione delle famiglie toscane è stato esaminato, oltre che sulla base del territorio, anche tenendo

Dettagli

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna Le donne e il mondo del lavoro Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a 15 marzo 2013 Le forze di lavoro La popolazione attiva In provincia di su 100 individui

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

M G I U S T I Z I A N O R I L E

M G I U S T I Z I A N O R I L E M G I U S T I Z I A N O R I L E Assuntori di sostanze stupefacenti nei Servizi della Giustizia Minorile Analisi statistica Primo semestre 2008 Dipartimento Giustizia Minorile Ufficio I del Capo Dipartimento

Dettagli

Minorenni e giovani adulti in carico ai Servizi della Giustizia Minorile. Analisi statistica secondo la nazionalità. Roma, 1 giugno 2018

Minorenni e giovani adulti in carico ai Servizi della Giustizia Minorile. Analisi statistica secondo la nazionalità. Roma, 1 giugno 2018 Minorenni e giovani adulti in carico ai Servizi della Giustizia Minorile Analisi statistica secondo la nazionalità Roma, 1 giugno 2018 Dipartimento Giustizia minorile e di comunità Ufficio I del Capo Dipartimento

Dettagli

SETTORE AFFARI GENERALI E CANTIERI DI LAVORO

SETTORE AFFARI GENERALI E CANTIERI DI LAVORO DIVISIONE LAVORO, ORIENTAMENTO, FORMAZIONE SETTORE AFFARI GENERALI E CANTIERI DI LAVORO I Cantieri di Lavoro, istituiti con L.R. 55/84, fin dall inizio indirizzati alle fasce più deboli del mercato del

Dettagli

MISURE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE E PROCEDLMENTO DI SORVEGLIANZA

MISURE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE E PROCEDLMENTO DI SORVEGLIANZA TEORIA E PRATICA DEL DIRITTO SEZIONE III: DIRITTO E PROCEDURA PENALE 139 LEONARDO DEGL'INNOCENTI FRANCESCO FALDI MISURE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE E PROCEDLMENTO DI SORVEGLIANZA SECOND A EDIZIONE GIUFFRE

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile Servizio Statistica I Servizi della Giustizia Minorile 31 maggio 2015 Dati statistici Dipartimento Giustizia Minorile Ufficio I del Capo

Dettagli

Questionario di gradimento del Museo di Palazzo Grimani Estratto dalla relazione sui dati raccolti giugno 2011 luglio 2012

Questionario di gradimento del Museo di Palazzo Grimani Estratto dalla relazione sui dati raccolti giugno 2011 luglio 2012 Questionario di gradimento del Museo di Palazzo Grimani Estratto dalla relazione sui dati raccolti giugno 2011 luglio 2012 Premessa La seguente analisi dei questionari distribuiti dal Museo di Palazzo

Dettagli

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia Minorile. I Servizi della Giustizia Minorile 15 agosto 2015

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia Minorile. I Servizi della Giustizia Minorile 15 agosto 2015 Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile Servizio Statistica I Servizi della Giustizia Minorile 15 agosto 2015 Dati statistici Dipartimento Giustizia Minorile Ufficio I del Capo

Dettagli

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia Minorile. 28 febbraio I Servizi della Giustizia Minorile

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia Minorile. 28 febbraio I Servizi della Giustizia Minorile Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile Servizio Statistica I Servizi della Giustizia Minorile 28 febbraio 2015 Dati statistici Dipartimento Giustizia Minorile Ufficio I del Capo

Dettagli

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO III.3.1. Interventi delle Forze dell Ordine III.3.1.1 Detenzione per uso personale di sostanze illecite III.3.1.2 Deferiti alle Autorità Giudiziarie

Dettagli

9. Il contesto di riferimento: i dati dell Ambito Territoriale di Monza

9. Il contesto di riferimento: i dati dell Ambito Territoriale di Monza 9. Il contesto di riferimento: i dati dell Ambito Territoriale di Monza A. DATI DEMOGRAFICI Tab. 1 Composizione popolazione residente 0 3 952 3.304 335 4.591 4 10 2778 9.096 1.023 12.897 11 13 960 3.364

Dettagli

F E D E R C O N S U M A T O R I

F E D E R C O N S U M A T O R I * INDAGINE SULLA CONOSCENZA DEI FARMACI EQUIVALENTI/GENERICI Sintesi ricerca F E D E R C O N S U M A T O R I FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI Roma, 21 giugno 2012 Presentazione a cura di Roberto

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE III.3.1. Progetti di reinserimento sociale III.3.1.1 Strategie e programmazione di interventi di reinserimento sociale III.3.2. Misure alternative

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO

LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO Anno accademico 2013-2014 Indice Gli iscritti alle università romane... 3 L offerta formativa... 7 Gli immatricolati per corso di laurea...

Dettagli

Con la collaborazione

Con la collaborazione Con la collaborazione Sono salito sulla cattedra per ricordare a me stesso che dobbiamo sempre guardare le cose da angolazioni diverse. E il mondo appare diverso da quassù. Non vi ho convinti? Venite a

Dettagli

SARDEGNA Sardegna da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

SARDEGNA Sardegna da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 SARDEGNA Sardegna 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 302 4. SCENARI REGIONALI SARDEGNA 303 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 304 4. SCENARI REGIONALI SARDEGNA 305 1 RAPPORTO SULLA

Dettagli

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE Rapporto sui dati delle Zone sociosanitarie/società della salute della Regione Toscana Anni 2007-2009 GENNAIO 2011 INDICE Nota metodologica

Dettagli

I bolognesi e il mutuo sulla prima casa

I bolognesi e il mutuo sulla prima casa I bolognesi e il mutuo sulla prima casa Il profilo dei cittadini che hanno dichiarato oneri deducibili per un mutuo contratto per l acquisto dell abitazione principale nell anno d imposta 2011 Settembre

Dettagli

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità. I Servizi della Giustizia Minorile Anno 2015

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità. I Servizi della Giustizia Minorile Anno 2015 Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità Servizio Statistica I Servizi della Giustizia Minorile Anno 2015 Dati statistici Roma, 11 aprile 2016 Dipartimento Giustizia

Dettagli

5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità.

5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità. 5.3 Giudizio sintetico di licenza media e punteggio di diploma di maturità. Il presente capitolo si propone di completare l approfondimento sugli esiti scolastici andando a considerare in dettaglio i giudizi

Dettagli

SCHEDA DI RILEVAZIONE

SCHEDA DI RILEVAZIONE Allegato 3 RICERCA: SCUOLA ED IMMIGRAZIONE SCHEDA DI RILEVAZIONE PROGETTO OSSERVATORIO PERMANENTE SULLA CONDIZIONE DEGLI IMMIGRATI E SULLO STATO DEI PROCESSI DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE NELLE REGIONI

Dettagli

5. Risultati scolastici nelle scuole statali

5. Risultati scolastici nelle scuole statali 5. Risultati scolastici nelle scuole statali 5.1 Ritardo-parità-anticipo nella scuola secondaria di primo e secondo grado In questo terzo rapporto sulla scuola si è deciso di proseguire l analisi relativa

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

I5 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONALE TRA CONFERME E DISCONTINUITA

I5 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONALE TRA CONFERME E DISCONTINUITA I5 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONALE TRA CONFERME E DISCONTINUITA Sempre più rapidi e articolati sono i mutamenti che in questi anni coinvolgono il sistema della formazione professionale regionale.

Dettagli

INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 APRILE 2014

INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 APRILE 2014 INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 APRILE 2014 L IVASS esegue un monitoraggio trimestrale dell andamento dei prezzi dell assicurazione r.c.a. praticati in 21 provincie italiane, di cui, 18 capoluoghi di regione,

Dettagli

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 -

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 - OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 213-1 - Dipendenza da sostanze illegali: monitoraggio epidemiologico 23-213 pag. 3 Dipendenza

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

ACCORDI OPERATIVI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE. Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s.

ACCORDI OPERATIVI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE. Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s. MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE ISTITUTO PENALE PER MINORENNI Cesare Beccaria Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s. Minori ACCORDI OPERATIVI IN MERITO AGLI INTERVENTI

Dettagli

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI PARTE 9 RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9.1 Reinserimento sociale 9.1.1 Casa 9.1.2 Istruzione e formazione 9.1.3 Occupazione 9.1.4 Assistenza sociale di base 9.2 Modalità di esecuzione

Dettagli

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano L ESPERIENZA ITALIANA 1 Angela Della Bella Università degli Studi di Milano ANDAMENTO POPOLAZIONE CARCERARIA 1991-2014 80.000 70.000 60.000 50.000 40.000 30.000 20.000 10.000 0.000 2 Fonte: Dipartimento

Dettagli

L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO

L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO L ESPERIENZA DEL PROGRAMMA MINISTERO LIBERO DAL FUMO Lorenzo Spizzichino Roma, 5 Novembre 2009 OBIETTIVI: 1.FOTOGRAFARE LA SITUAZIONE NEL LUOGO DI LAVORO Quanti sono i dipendenti fumatori? quanti i non

Dettagli

Statistiche Flash. La celebrazione dei MATRIMONI a Schio. Aggiornamento ANNO 2008

Statistiche Flash. La celebrazione dei MATRIMONI a Schio. Aggiornamento ANNO 2008 Statistiche Flash COMUNE DI SCHIO Direzione Generale Risorse e Innovazione Ufficio Metodologie Statistiche La celebrazione dei MATRIMONI a Schio Aggiornamento ANNO 2008 Elaborazioni e Stampa GIUGNO 2009

Dettagli

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia Minorile. 31 dicembre I Servizi della Giustizia Minorile

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia Minorile. 31 dicembre I Servizi della Giustizia Minorile Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile Servizio Statistica I Servizi della Giustizia Minorile 31 dicembre 2014 Dati statistici Dipartimento Giustizia Minorile Ufficio I del Capo

Dettagli

Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156

Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156 Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156 Art. 1 Esecuzione delle pene detentive 1. L'articolo 656 del codice di procedura penale è sostituito dal seguente: "Art. 656 (Esecuzione delle pene detentive).

Dettagli

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007 U.O. Ser.T. - Servizio Tossicodipendenze U.O.S. Osservatorio Socio- Epidemiologico Dipendenze Sistema Informativo Vico Gramsci n.1-75100 MATERA Tel. 0835 / 253704 253718 Fax 0835 / 253704 e-mail: asl4.sert@rete.basilicata.it

Dettagli

CALABRIA Calabria da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

CALABRIA Calabria da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 CALABRIA Calabria 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 266 4. SCENARI REGIONALI CALABRIA 267 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 268 4. SCENARI REGIONALI CALABRIA 269 1 RAPPORTO SULLA

Dettagli

La detenzione nel sistema degli Istituti Penali per Minorenni

La detenzione nel sistema degli Istituti Penali per Minorenni La detenzione nel sistema degli Istituti Penali per Minorenni Sono 25 anni che le presenze in IPM superano di rado le 500 unità. I minorenni oggi sono poco meno della metà. Anche gli stranieri sono poco

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Maggio 2014 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Roma, 24 Luglio 2007. Circolare n. 107

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Roma, 24 Luglio 2007. Circolare n. 107 Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Roma, 24 Luglio 2007 Circolare n. 107 OGGETTO: Regolamentazione comunitaria: periodi figurativi, periodi di residenza e pensione di SOMMARIO: Premessa - parte

Dettagli

GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali

GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali Quadro di confronto tra le attività di tempo libero praticate negli anni Attività del tempo libero praticante almeno una volta nei tre mesi precedenti all'intervista

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 23 APRILE 2013

COMUNICATO STAMPA DEL 23 APRILE 2013 COMUNICATO STAMPA DEL 23 APRILE 2013 Sul sito internet dell IVASS (www.ivass.it) è stata pubblicata la nuova indagine sulle tariffe r.c. auto praticate in Italia al 1 gennaio 2013. L indagine, che ha riguardato

Dettagli

LE PROFESSIONISTE IN VENETO

LE PROFESSIONISTE IN VENETO LE PROFESSIONISTE IN VENETO Progetto della Regione del Veneto Venezia, 15 maggio 214 Arch. Nicoletta Tosco - Dott.ssa Patrizia Gobat - Dott.ssa Emanuela Benedetti - Avv. Alessandra Vianello LA COMMISIONE

Dettagli

d iniziativa dei senatori GALPERTI, CASSON, LATORRE, CAROFIGLIO, CHIURAZZI, D AMBROSIO, DELLA MONICA, MARITATI e D ALIA

d iniziativa dei senatori GALPERTI, CASSON, LATORRE, CAROFIGLIO, CHIURAZZI, D AMBROSIO, DELLA MONICA, MARITATI e D ALIA Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1219 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GALPERTI, CASSON, LATORRE, CAROFIGLIO, CHIURAZZI, D AMBROSIO, DELLA MONICA, MARITATI e D ALIA COMUNICATO ALLA

Dettagli

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 Le rilevazioni degli apprendimenti A.S. 2010 11 Gli esiti del Servizio nazionale di valutazione 2011 e della Prova nazionale 2011 ABSTRACT Le rilevazioni degli

Dettagli

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Analisi di alcuni indicatori statistici relativi alla mobilità Marzo 2008 Direttore Gianluigi

Dettagli

Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici

Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici Bagheria 16 settembre 2008 Monitoraggio Nazionale EdA a.s. 2006/07 GestioneProgetti

Dettagli

Indice sommario. Norme sull ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà

Indice sommario. Norme sull ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà Indice sommario - Costituzione della Repubblica italiana... pag. XLVII - Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali...» LXIX Titolo I - Trattamento penitenziario

Dettagli

L ITALIA NON ATTRAE I PROFESSIONISTI STRANIERI

L ITALIA NON ATTRAE I PROFESSIONISTI STRANIERI L ITALIA NON ATTRAE I PROFESSIONISTI STRANIERI IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI PROFESSIONALI CONSEGUITI ALL ESTERO PROFESSIONI AFFERENTI AL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CENTRO STUDI CNI VIA XX SETTEMBRE 5-00187

Dettagli

INFEZIONE DA HIV e AIDS

INFEZIONE DA HIV e AIDS Dipartimento di Prevenzione Medica Notifica, sorveglianza e controllo delle malattie infettive INFEZIONE DA HIV e AIDS (elaborazione dati dal programma informatizzato Regione Lombardia Mainf e portale

Dettagli

LEGGE 21 febbraio 2014, n. 10. Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 23

LEGGE 21 febbraio 2014, n. 10. Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 23 LEGGE 21 febbraio 2014, n. 10 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 146, recante misure urgenti in tema di tutela dei diritti fondamentali dei detenuti e di riduzione

Dettagli

ASP Città di Bologna- ALLEGATO B Procedura negoziata per il servizio di manutenzione del verde e rimozione neve

ASP Città di Bologna- ALLEGATO B Procedura negoziata per il servizio di manutenzione del verde e rimozione neve ALLEGATO B: dichiarazione sostitutiva DICHIARAZIONE UNICA EX ART. 38 lett. b), c) e m-ter) D.LGS. 163/06 ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000 (da allegare alla manifestazione di interesse

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS TU SEI MIO FIGLIO

ASSOCIAZIONE ONLUS TU SEI MIO FIGLIO PROFILO DELL UTENZA E opportuno premettere che sono stati raccolti i dati relativi a 63 persone/famiglie, che si sono rivolte all associazione da fine 2009 ad oggi. Per alcune di queste, ai fini di fornire

Dettagli

CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE TRA I GIOVANI DAGLI 11 AI 15 ANNI

CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE TRA I GIOVANI DAGLI 11 AI 15 ANNI Repubblica e Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del Medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 3.7 CONSUMO DI ALCOL DEFINIZIONE Consumo di bevande alcoliche tra

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

La borsa di studio in Piemonte:

La borsa di studio in Piemonte: La borsa di studio in Piemonte: l impatto sulle performance accademiche dei beneficiari Federica Laudisa, Laura Maneo Giugno 2012 Le domande dell indagine Quanti studenti mantengono la borsa nel corso

Dettagli

Progetti di attività assistita con gli animali

Progetti di attività assistita con gli animali Progetti di attività assistita con gli animali PROGETTO CSM Comune di Roma hanno collaborato con il CSM (Centro di Salute Mentale)RMC e la Comunità Terapeutica Reverie del CSM di Vetralla (VT). Di questo

Dettagli

Milano, 17 novembre 2015. Associazione Giuslavoristi Italiani, sezione Lombardia. Avvocate negli Studi legali associati e Giuriste di impresa

Milano, 17 novembre 2015. Associazione Giuslavoristi Italiani, sezione Lombardia. Avvocate negli Studi legali associati e Giuriste di impresa Milano, 17 novembre 2015 Associazione Giuslavoristi Italiani, sezione Lombardia Avvocate negli Studi legali associati e Giuriste di impresa Ilaria Li Vigni, avvocata in Milano Ilaria Li Vigni avvocata

Dettagli

SCHEDA DI MONITORAGGIO

SCHEDA DI MONITORAGGIO SCHEDA DI L.r. 8/2005 - Dgr 1004 del 29 novembre 2013 BIENNIO 2014-2015 Dati identificativi del progetto Ente titolare del progetto: Associazione Carcere Territorio Bergamo Data convenzione con ASL: 10/06/2014

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli