Approfondimenti sul ciclo termodinamico adottato dagli assorbitori alimentati ad acqua calda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approfondimenti sul ciclo termodinamico adottato dagli assorbitori alimentati ad acqua calda"

Transcript

1 Approfondimenti sul ciclo termodinamico adottato dagli assorbitori alimentati ad acqua calda Michele Colaiemma L utilizzazione di acqua calda, a temperature relativamente basse, comprese fra i 70 e i 95 C, permette di ottenere mediante un opportuno processo termodinamico, denominato assorbimento, acqua refrigerata idonea all azionamento di impianti di climatizzazione ambientale (confort cooling). Acqua refrigerata agli stessi livelli termici può essere convenientemente impiegata anche in applicazioni industriali (process cooling). La tecnologia dell assorbimento adottata risulta particolarmente conveniente in tutti quei casi in cui sia disponibile calore a costo nullo o assai ridotto, atto all ottenimento di acqua calda alle temperature sopra indicate. Tale circostanza si verifica ad esempio: in impianti di cogenerazione o di teleriscaldamento, in processi industriali con cascami di calore, nelle sorgenti termali, in installazioni a collettori solari o a biomassa ed ovunque si disponga di un combustibile a basso costo. Nella presente monografia verranno presi in esame alcuni aspetti del processo termodinamico utilizzato. Verrà in un primo tempo richiamato il ciclo termodinamico adottato, indi forniti i valori di prestazione, ricavati sperimentalmente, per temperature di erogazione dell acqua refrigerata diverse da quella nominale pari a 7 C. Saranno quindi illustrate le motivazioni che hanno determinato i valori di prestazione sopra indicati.

2 Ciclo ad assorbimento a singolo effetto La figura 1) illustra il principio di funzionamento degli assorbitori considerati, in un ciclo a semplice effetto. Con riferimento alla stessa si avrà: Generatore L acqua calda di alimentazione riscalda, portandola all ebollizione, la soluzione diluita di acqua e bromuro di litio (di seguito LiBr) contenuta nel generatore. L ebollizione libera vapore acqueo (refrigerante) ed arricchisce la soluzione di LiBr. La soluzione concentrata viene raccolta e preraffreddata, passando attraverso uno scambiatore di calore, prima di venire immessa nell assorbitore. Condensatore Il vapore refrigerante perviene al condensatore dove condensa sulla superficie delle serpentine del circuito di raffreddamento. Il calore di condensazione è rimosso dall acqua di raffreddamento e smaltito attraverso la torre di evaporazione. Il liquido refrigerante, raccolto nel condensatore, passa quindi nell evaporatore attraverso un apposita apertura. Evaporatore La pressione esistente nell evaporatore è assai più bassa di quella del generatore e del condensatore per l influenza esercitata dall assorbitore. Per questo motivo il liquido refrigerante, una volta entrato nell evaporatore, bolle ed assorbe calore evaporando sulla superficie della serpentina del circuito dell acqua da refrigerare. Il vapore refrigerante ottenuto fluisce quindi nell assorbitore. Figura 1 - Ciclo ad assorbimento a singolo effetto

3 Assorbitore La bassa pressione nell assorbitore è dovuta all affinità chimica fra la soluzione concentrata di LiBr proveniente dal generatore ed il vapore di refrigerazione che si forma nell evaporatore. Il vapore refrigerante viene assorbito dalla soluzione concentrata di LiBr mentre quest ultima lambisce la superficie della serpentina dell assorbitore. Il calore di diluizione è rimosso dall acqua di raffreddamento. La soluzione diluita di LiBr è poi preriscaldata nello scambiatore di calore, prima di ritornare nel generatore. Campi di lavoro Cooling Capacity % Lower limit setting Standard setting Upper limit setting Chilled water temperature outlet C Figura 2 - Campi di lavoro degli assorbitori considerati 18 La figura 2) riporta i campi di lavoro degli assorbitori considerati, in termini di temperature di mandata e di ritorno dell acqua refrigerata. Come si può rilevare dalla stessa, la temperatura limite inferiore di mandata è di 5,5 C e quella massima di ritorno è di 19,5 C. Il campo di lavoro nominale è quello con mandata a 6,5 C e ritorno a 10,5 C (standard setting). Va notato che il differenziale di temperatura fra mandata e ritorno, pari a 4 C, rimane costante per qualsiasi campo di lavoro adottato. Curve caratteristiche di refrigerazione Di seguito vengono riportate nelle figure 3), 4) e 5) le curve di refrigerazione dell assorbitore WFC SC 30, di potenza frigorifera nominale pari a 105 kw, per diverse temperature di mandata dell acqua refrigerata, in funzione di differenti temperature dell acqua di alimentazione e di quella di condensazione. Come si può rilevare dalle stesse, la potenza frigorifera erogata corrispondente cresce all aumentare dei valori di temperatura di erogazione fino a stabilizzarsi asintoticamente per i valori più elevati. Va precisato che le curve attinenti gli altri modelli della serie di assorbitori considerati risultano del tutto simili a quelle sopra illustrate. I corrispondenti valori dei coefficienti di prestazione, riportati nelle figure, mostrano similmente un andamento crescente con l incremento delle temperature di erogazione dell acqua refrigerata.

4 160 WFC SC 30 (temperatura di condensazione 24 C) Chilled Water Outlet Temperature Characteristic Cooling Capacity(kW) Potenza frigorifera kw Temperatura di mandata acqua refrigerata C Chilled Temperatura water di mandata Outlet acqua Temperature(deg refrigerata C C) Temperatura acqua calda di alimentazione: 95 C 88 C 85 C 80 C 75 C Figura 3 - Curve caratteristiche di prestazione per temperature di condensazione (inlet) a 24 C

5 WFC SC 30 (temperatura di condensazione 29,5 C) Chilled Water Outlet Temperature Characteristic Potenza frigorifera kw Cooling Capacity(kW) Temperatura di mandata acqua refrigerata C Chilled Temperatura water di mandata Outlet acqua Temparature(deg refrigerata C C) Temperatura acqua calda di alimentazione: 95 C 88 C 85 C 80 C 75 C Figura 4 - Curve caratteristiche di prestazione per temperature di condensazione (inlet) a 29,5 C

6 WFC Chilled SC Water 30 (temperatura Outlet Tempere di condensazione Characteristic 31 C) Cooling Capacity(kW) Potenza frigorifera kw Temperatura di mandata acqua refrigerata C Chilled Water Outlet Temperature (deg C) Temperatura di mandata acqua refrigerata C Temperatura acqua calda di alimentazione: 95 C 88 C 80 C 75 C 85 C Figura 5 - Curve caratteristiche di prestazione per temperature di condensazione (inlet) a 31 C

7 Coefficiente di prestazione/ L operatività delle apparecchiature considerate è determinata dall apporto di calore, dalle temperature di raffreddamento e di condensazione nell assorbitore e nel condensatore e dal carico frigorifero. Le prestazioni termodinamiche nominali di un assorbitore sono sintetizzate dal coefficiente di prestazione/, che è il rapporto tra la potenza frigorifera ricavata e quella termica utilizzata: = kw f kw t I parametri di progetto degli assorbitori analizzati sono i seguenti: - temperatura dell acqua di alimentazione (inlet) 88 C - temperatura dell acqua di condensazione (inlet) 31 C - temperatura dell acqua refrigerata (outlet) 7 C - portata circuiti idronici (riportata nelle schede tecniche dei singoli modelli). In condizioni di funzionamento a regime (steady state), ne risulta un pari a 0,7. I potenziali termodinamici considerati risultano i seguenti: Qg = entalpia al generatore Qc = entalpia al condensatore Qe = entalpia all evaporatore Qa = entalpia all assorbitore Accurati esami di laboratorio dimostrano che il subisce incrementi o decrementi marginali rispetto al valore nominale, sopra riportato, dovuti ad un interazione delle temperature variabili dell acqua di alimentazione (e quindi di Qg), dell acqua di raffreddamento e di condensazione ( e quindi di Qa e Qc) e dell acqua refrigerata (e quindi di Qe). Variazione della temperatura dell acqua di raffreddamento In breve, si ottiene un incremento marginale del allorchè Qg produce una quantità di vapore refrigerante Qc che condensa perfettamente nel condensatore ed il liquido refrigerante così prodotto, evapora interamente nell evaporatore. Questa circostanza, ideale (teorica), per la quale: entalpia Qc = entalpia Qe si verifica di norma alle più basse temperature di condensazione. A temperature di condensazione più elevate, Qg produce una maggiore quantità di vapore refrigerante e quindi di liquido refrigerante. In questo caso essendo; entalpia Qg > entalpia Qc si verifica, in una qual misura, un evaporazione rapida (flash evaporation) del liquido refrigerante nell evaporatore, con una conseguente flessione marginale del. La tabella seguente riporta alcuni valori di prestazione ottenuti sperimentalmente per l assorbitore WFC SC 30. In funzione di temperature diverse dell acqua di alimentazione e di condensazione vengono precisati i valori di potenza termica fornita alla macchina, quelle di potenza frigorifera erogata dalle stessa ed i valori di conseguenti.

8 Temp. acqua alimentazione (inlet) C * Temp. acqua condensazione (inlet) C Potenza termica di alimentazione kw Potenza frigorifera di erogazione kw ,6 84,3 0, ,3 100,6 0, ,5 155,9 108,8 0, ,4 120,7 0, ,9 47,7 0, ,2 59,3 0, ,5 93,6 69,3 0, ,7 0,75 Note: * portata acqua di alimentazione adottata, 5,61 l/s, pari al 77% del valore nominale adottata portata nominale acqua di condensazione Variazione della temperatura dell acqua di alimentazione Un incremento della temperatura dell acqua calda di alimentazione, a parità di portata, tende a liberare una maggiore quantità di liquido refrigerante dalla soluzione di LiBr. Considerando invariata la temperatura dell acqua di raffreddamento, ne risulta una maggiore produzione di liquido refrigerante, dovuta al maggior valore di Qg. Ciò comporta, in alcune circostanze, l accentuazione di una evaporazione rapida (flash evaporation) del liquido refrigerante nell evaporatore. Sulle serpentine di scambio termico dell evaporatore si verifica, in aggiunta, un irrorazione eccedente quella di progetto, studiata per una completa efficiente evaporazione. Ne risulta una flessione marginale del totale. Per contro la riduzione della temperatura dell acqua di alimentazione, a parità degli altri parametri, può produrre un leggero incremento del ; ciò in quanto il vapore refrigerante prodotto genera una quantità di liquido refrigerante, che eguaglia più da vicino quella che può essere più propriamente evaporata. È importante sottolineare come il valore di Qg sia funzione sia della temperatura, sia della portata dell acqua di alimentazione. Una riduzione della portata, con contemporaneo incremento della temperatura, equivale in termini di somministrazione di calore ad un incremento di portata e ad una riduzione della temperatura. Variazione del carico frigorifero Allorchè si verifica un eccesso di liquido refrigerante od un accentuazione di evaporazione rapida (flash evaporation) nell evaporatore, un incremento del carico frigorifero (o una riduzione della temperatura dell acqua refrigerata) si tramuterà in una più elevata capacità frigorifera ed in un più alto valore di, giacché l effetto di entrambi i fattori sopra citati viene in una qual misura mitigato. Dalla più consistente disponibilità di liquido refrigerante ne deriva, pertanto, una maggiore efficienza. %

9 Concentrazione della soluzione di LiBr Un fattore di primaria importanza, non considerato finora, è costituito dalla concentrazione della soluzione di LiBr, connessa alla temperatura dell acqua di alimentazione ed alla sua portata ed alla temperatura dell acqua di raffreddamento. L interattività di questi valori influenza la tensione di vapore e la temperatura alle quali il liquido refrigerante deve evaporare nell evaporatore. La valvola di controllo proporzionale LTPV, in dotazione alla macchina, è deputata a trattenere parte del liquido refrigerante in circolazione in accumulo, allo scopo di elevare il livello di concentrazione della soluzione residua (una più elevata concentrazione si traduce in una minore pressione di vapore e quindi in una più elevata prestazione dell evaporatore). La valvola LTPV permette, per contro, anche di rilasciare il liquido refrigerante dall accumulo, reimmentendolo in circolazione, allo scopo di diluire la soluzione di LiBr (una minore concentrazione si traduce in una più alta tensione di vapore e ridotte prestazioni dell evaporatore). L attività della valvola LTPV è dettata dal carico di refrigerazione richiesto alla macchina, in condizioni di esercizio diverse da quelle di funzionamento a regime (steady state). Essa opera in modo da soddisfare il cambiamento di carico con una variazione continua dell operatività dell evaporatore, variando la concentrazione di LiBr in funzione della quantità di liquido refrigerante immagazzinato o rilasciato. Peraltro, la quantità di calore fornita al generatore muta in funzione della necessità di portare all ebollizione la soluzione di LiBr. È importante notare come una più alta concentrazione di LiBr si traduca in una più elevata temperatura di ebollizione. Al contrario una più bassa concentrazione ne comporta una più ridotta. Poiché il carico di refrigerazione può variare, in costanza dei parametri di temperatura dell acqua di raffreddamento e di quella di alimentazione, si verificano conseguenti variazioni di prestazione della macchina. Si possono cioè rilevare incrementi o decrementi di potenza frigorifera o di in un contesto di continua risposta dinamica. Conclusioni Gli assorbitori alimentati ad acqua calda, oggetto della presente disamina, sono dotati di un microprocessore deputato alla regolazione continua dei diversi parametri operativi; ciò allo scopo di conseguire le migliori prestazioni (best fit approach). In altri termini, in ogni istante vengono regolate le variabili di funzionamento di ciascun componente di interscambio di calore, in modo tale che tutti i parametri operativi della macchina siano regolati con il minimo compromesso per quanto concerne le prestazioni e l efficienza di esercizio. Può inoltre essere aggiunto che i piccoli mutamenti di prestazione rilevati sono da considerarsi positivamente per la flessibilità di funzionamento possibile, in relazione alle variazioni imposte dalle temperature e dalle portate del fluido di alimentazione, in un contesto in particolare di piccole e medie potenze di recupero termico per le quali le macchine sono state progettate. Descrizione componenti Per una migliore comprensione di quanto precedentemente esposto, si riporta appresso la figura 6) e la relativa tabella esplicativa. Vengono in esse elencati i differenti componenti delle apparecchiature considerate, la loro collocazione all interno delle stesse e le funzioni loro assegnate.

10 acqua calda (outlet) acqua di raffreddamento (outlet) acqua calda (inlet) acqua refrigerata (outlet) acqua di raffreddamento (inlet) acqua refrigerata (inlet) Soluzione diluita Acqua refrigerata Soluzione concentrata Acqua calda Fluido refrigerante Acqua di raffreddamento Figura 6 - Schema funzionale degli assorbitori considerati

11 N. Componente Funzioni svolte 1 Generatore (GE) Porta all ebollizione la soluzione diluita di LiBr producendo vapore refrigerante. 2 Condensatore (CO) Condensa il vapore refrigerante producendo liquido refrigerante. 3 Recipiente di raccolta del Raccoglie il liquido refrigerante mediante azionamento della valvola LTPV. liquido refrigerante (RSV) 4 Valvola proporzionale del refrigerante (LTPV) Valvola elettromagnetica proporzionale che controlla l accumulo di liquido refrigerante nel RSV. 5 Evaporatore (E) Il calore di evaporazione del refrigerate è estratto dall acqua da refrigerare che fluisce nella serpentina del E. 6 Assorbitore (A) Il vapore refrigerante sviluppatosi nel E è assorbito dalla soluzione concentrata di LiBr. Il calore prodotto nel processo di assorbimento è trasferito all acqua di raffreddamento che circola all interno della serpentina del A. 7 Valvola di by-pass della soluzione (SV9) Qualora le temperature del E o dell acqua di raffreddamento scendano sotto determinati valori, la valvola SV9 si apre per ridurre la portata di soluzione all A. 8 Valvola solenoide (SV1) Se l azione della valvola SV9 non dovesse arrestare l abbassamento della temperatura nell E, la valvola SV1 si apre a 1 C per permettere che della soluzione diluita entri nel E. 9 Valvola di conversione Non presente nei modelli della serie WFC SC. (CVR) 10 Valvola del liquido Controlla la quantità di liquido refrigerante in uscita da RSV. refrigerante (SV11) 11 Scambiatore (H) Permette la scambio termico dalla soluzione concentrata calda alla soluzione diluita fredda. 12 Pompa di soluzione (SP) Spinge la soluzione diluita dall assorbitore (A) al generatore (GE). 13 Assorbitore ausiliario Raccoglie i gas non condensabili formatisi nell assorbitore (A). 14 Separatore gas incondensabili I gas raccolti nell assorbitore ausiliario vengono separati dalla soluzione diluita e trasferiti nel recipiente di raccolta gas (GST). 15 Recipiente gas Trattiene i gas incondensabili. incondensabili (GST) 16 Valvola di servizio gas Valvola per la rimozione dei gas incondensabili dal recipiente GST. incondensabili 17 Valvola di servizio gas Valvola per la rimozione dei gas incondensabili nell area A/E. incondensabili 18 Valvola di prelievo Valvola di accesso al circuito della soluzione diluita. soluzione diluita 19 Valvola di prelievo Valvola di accesso al circuito della soluzione concentrata. soluzione concentrata 20 Filtro La soluzione proveniente dall assorbitore viene filtrata prima di entrare nella pompa di soluzione. 21 Pannello di comando (CB) Gestisce tutte le operazioni di comando ed interfaccia con i controlli esterni (non riportato in figura). 22 Flussometro acqua refrigerata (FS) Arresta l operatività dell unità se la portata dell acqua refrigerata scende al di sotto dell 80% di quella nominale. 23 Termostato (WTO) Controlla la temperatura di uscita dell acqua refrigerata. 24 Termostato (CTI) Monitorizza la temperatura dell acqua di raffreddamento. 25 Termostato (LT) Agisce sull operatività dell unità controllando la temperatura dell evaporatore. 26 Termostato (HWT) Monitorizza la temperatura di ingresso dell acqua calda di alimentazione.

12 Per ulteriori informazioni contattare: Maya S.p.A. Viale Monte Santo Milano MI Tel: Fax: Milano 2/2012

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi.

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. Negli ultimi anni, il concetto di risparmio energetico sta diventando di fondamentale

Dettagli

Convegno SOLAR COOLING

Convegno SOLAR COOLING Convegno SOLAR COOLING Polo Universitario Bicocca venerdì 19 giugno 2009 ore 15:00 Convegno organizzato da Università Bicocca, Paradigma, CMT, Broad, Fotir e ICRI Impianti ELEMENTI DEL PROGETTO: PANNELLI

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

GRUPPO REFRIGERANTE ALIMENTATO AD ACQUA CALDA

GRUPPO REFRIGERANTE ALIMENTATO AD ACQUA CALDA www.maya-airconditioning.com GRUPPO REFRIGERANTE ALIMENTATO AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 5 Ver. 01.17 1 Indice Ver. 01.17 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione del modello...

Dettagli

Impianti motori termici

Impianti motori termici Impianti motori termici Classificazione: impianto motore termico con turbina a vapore il fluido evolvente nell impianto è acqua in diversi stati di aggregazione impianto motore termico con turbina a gas

Dettagli

La generazione di freddo in impianti a recupero di calore

La generazione di freddo in impianti a recupero di calore La generazione di freddo in impianti a recupero di calore Paolo Colaiemma maya@maya-airconditioning.com Come è noto la generazione di freddo per climatizzazione ambientale, per applicazioni industriali

Dettagli

ixquadra HP Accessori a richiesta Kit antivibranti - Cod. 20Z03440 1/6

ixquadra HP Accessori a richiesta Kit antivibranti - Cod. 20Z03440 1/6 ixquadra HP Pompa di calore per installazione splittata di tipo aria/acqua Inverter per il riscaldamento ed il raffrescamento di ambienti di piccole e medie dimensioni. Ideali per impianti con ventilconvettori

Dettagli

VISITA MASTER GEM Green Economy Management (Roma)

VISITA MASTER GEM Green Economy Management (Roma) Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile VISITA MASTER GEM Green Economy Management (Roma) GLI IMPIANTI DI SOLAR HEATING AND COOLING INCONTRO del 15 marzo

Dettagli

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014 Termodinamica TD1 In un sistema pistone-cilindro, 1 kg di gas ( = 1,29 ed R * = 190 J/(kg K)) si espande da 5 bar e 90 C ad 1 bar. Nell'ipotesi che la trasformazione

Dettagli

La climatizzazione a gas D estate e d inverno

La climatizzazione a gas D estate e d inverno La climatizzazione a gas D estate e d inverno Paolo Colaiemma paolo.colaiemma@maya-airconditioning.com E' possibile, con processi termodinamici efficienti, trasformare l'energia potenziale del gas naturale

Dettagli

Studio di fattibilità per la climatizzazione di edificio residenziale di nuova costruzione mediante sistema di trigenerazione

Studio di fattibilità per la climatizzazione di edificio residenziale di nuova costruzione mediante sistema di trigenerazione Studio di fattibilità per la climatizzazione di edificio residenziale di nuova costruzione mediante sistema di trigenerazione Il presente studio si propone di analizzare i vantaggi derivanti dall'utilizzo

Dettagli

GRUPPO REFRIGERANTE ALIMENTATO AD ACQUA CALDA

GRUPPO REFRIGERANTE ALIMENTATO AD ACQUA CALDA GRUPPO REFRIGERANTE ALIMENTATO AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 5 www.maya-airconditioning.com SERIE WFC-SC 5 SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.10 1. Informazioni generali Pagina

Dettagli

Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi

Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi si presenta in una veste rinnovata, mantenendo inalterate tutte le caratteristiche che l hanno sempre contraddistinta. Mynute Sinthesi è l innovativa caldaia a condensazione

Dettagli

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO REGIONE CALDA Liquido saturo o sottoraffreddato Q out 3 2 Vapore surriscaldato valvola di espansione condensatore compressore P c evaporatore 4 1 Miscela bifase liquidovapore

Dettagli

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA Termodinamica TERMODINAMICA Cosa è la termodinamica? La termodinamica studia la conversione del calore in lavoro meccanico Prof Crosetto Silvio 2 Prof Crosetto Silvio Il motore dell automobile trasforma

Dettagli

COSA E COSA E UNA POMP UNA

COSA E COSA E UNA POMP UNA COSA E UNA POMPA DI CALORE Una pompa di calore è un dispositivo che sposta calore da un luogo in bassa temperatura (chiamato sorgente) ad uno in alta temperatura (chiamato utenza), utilizzando dell energia.

Dettagli

La climatizzazione ad energia solare

La climatizzazione ad energia solare La climatizzazione ad energia solare Paolo Colaiemma maya@maya-airconditioning.com Recentemente è stata messa sul mercato una nuova serie di macchine frigorifere ad assorbimento di piccola potenza, alimentate

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

CORSO DI SISTEMI ENERGETICI II - A.A. 2014-2015 Prof. Ing. Giorgio Cau

CORSO DI SISTEMI ENERGETICI II - A.A. 2014-2015 Prof. Ing. Giorgio Cau CORSO DI SISTEMI ENERGETICI II A.A. 20142015 Prof. Ing. Giorgio Cau VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI UN IMPIANTO DI COGENERAZIONE E VERIFICA DEGLI INDICI ENERGETICI AI SENSI DELLA DELIBERA AEEG 42/02 Caratteristiche

Dettagli

La produzione periferica di acqua refrigerata in impianti di teleriscaldamento

La produzione periferica di acqua refrigerata in impianti di teleriscaldamento La produzione periferica di acqua refrigerata in impianti di teleriscaldamento Paolo Colaiemma Recentemente è stata messa sul mercato una nuova serie di macchine frigorifere ad assorbimento di piccola

Dettagli

Raffrescamento solare di Schüco Raffrescamento innovativo ed ecologico con l energia solare

Raffrescamento solare di Schüco Raffrescamento innovativo ed ecologico con l energia solare Raffrescamento solare di Schüco Raffrescamento innovativo ed ecologico con l energia solare 2 Schüco Il raffrescamento solare Il raffrescamento solare riduce i costi dell energia e aumenta il comfort Raffrescamento

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Complementi di Termologia. I parte

Complementi di Termologia. I parte Prof. Michele Giugliano (Dicembre 2) Complementi di Termologia. I parte N.. - Calorimetria. Il calore è una forma di energia, quindi la sua unità di misura, nel sistema SI, è il joule (J), tuttavia si

Dettagli

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Principi di Funzionamento pag. 3. 3. Modalità di installazione pag. 3. 4. Edificio B3 pag. 3

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Principi di Funzionamento pag. 3. 3. Modalità di installazione pag. 3. 4. Edificio B3 pag. 3 INDICE 1. Premessa pag. 2 2. Principi di Funzionamento pag. 3 3. Modalità di installazione pag. 3 4. Edificio B3 pag. 3 4.1 Dimensionamento Impianto pag. 4 4.2 Componenti dell Impianto pag. 4 5. Edificio

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20, 30 & 50 www.maya-airconditioning.com Ver. 02.2012 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 02.2012 1.

Dettagli

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 301 6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo fanno riferimento alle concentrazione

Dettagli

Gli impianti per la climatizzazione

Gli impianti per la climatizzazione Università IUAV di Venezia Gli impianti per la climatizzazione 1 Tipologie secondo il fluido termovettore Componenti elementi costruttivi Produzione del calore/ frigorifera Dimensioni dei canali d aria

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

Pompe di calore per la produzione di acqua calda sanitaria Il principio di funzionamento

Pompe di calore per la produzione di acqua calda sanitaria Il principio di funzionamento Il principio di funzionamento La pompa di calore è una macchina che trasferisce calore da una sorgente a temperatura più bassa ad un ambiente (o volume) a temperatura più alta La pompa di calore è costituita

Dettagli

CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO

CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO PREMESSA Con la presente relazione si intende fare una analisi comparativa fra alcuni dei sistemi di Riscaldamento utilizzati per la costruzione

Dettagli

Rivoluzionario modulo solare ibrido. inside ideas

Rivoluzionario modulo solare ibrido. inside ideas Rivoluzionario modulo solare ibrido inside ideas R voluzionario. Oltre un modulo fotovoltaico. Oltre un solare termico. Revo è un sistema solare, progettato e sviluppato già ibrido per la simultanea produzione

Dettagli

BERICA IMPIANTI SPA- COGENERAZIONE

BERICA IMPIANTI SPA- COGENERAZIONE BERICA IMPIANTI SPA COGENERAZIONE COME ÉÈ COMPOSTO, COME FUNZIONA, COSA PRODUCE COME É COMPOSTO MOTORE: Viene scelto fra le migliori marche ricercando le caratteristiche e modelli adeguati alle esigenze

Dettagli

Gruppi energetici nella realizzazione sistemi Tiemme

Gruppi energetici nella realizzazione sistemi Tiemme COMPONENTI ENERGETICI NELLA STRUTTURAZIONE DEGLI IMPIANTI: 1.LE CALDAIE AD ALTA TEMPERATURA 2.LE CALDAIE A CONDENSAZIONE 3.LE POMPE DI CALORE 4.IL GEOTERMICO 5.I PANNELLI SOLARI 6.I SISTEMI A BIOMASSA

Dettagli

Applicazione di un sistema di scambio termico a bassa entalpia integrato con pannelli solari

Applicazione di un sistema di scambio termico a bassa entalpia integrato con pannelli solari Workshop CISA s.c.a.r.l. Progetto ex dormitorio FF.SS. Porretta Terme (BO), 1 marzo 2006 Applicazione di un sistema di scambio termico a bassa entalpia integrato con pannelli solari Fisica Tecnica Ambientale

Dettagli

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel Termodinamica Applicazioni del secondo principio ovvero Macchine a vapore a combustione esterna: macchina di Newcomen e macchina di Watt Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Dettagli

Estratto Norma UNI-CTI 8065 del 06/1989

Estratto Norma UNI-CTI 8065 del 06/1989 Estratto Norma UNI-CTI 8065 del 06/1989 Di seguito vengono riportate le caratteristiche limite dell acqua di alimento (primo riempimento e rabbocchi successivi) e di esercizio (contenuta nelll impianto).

Dettagli

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850 LEZIONE 2 Aspetti impiantistici di un sistema geotermico integrato a pompa di calore. Principio di funzionamento delle pompe di calore geotermiche. Esempi di schemi funzionali di centrale. a cura di Simone

Dettagli

AREA PATRIMONIO E NUOVE OPERE

AREA PATRIMONIO E NUOVE OPERE Alla NEWTEC SYSTEM - Recanati Fax 0733/7505888 - Risposta quesiti posti in data 17/03/2010 - Quesito 1: se la data di scadenza della gara in oggetto è rimasta invariata o ha subito modifiche dato che la

Dettagli

e per esterni il più efficiente ed economico Solar DB. Pannelli caratterizzati da appositamente per l utilizzo in impianti con sistema l installazione

e per esterni il più efficiente ed economico Solar DB. Pannelli caratterizzati da appositamente per l utilizzo in impianti con sistema l installazione Gruppo termico a condensazione con integrazione solare, da incasso e da esterno. Inka Solar La soluzione ideale INKA SOLAR, la prima stazione solare ad incasso. Questo nuovo sistema, brevettato da Gruppo

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE dott. ing. Luca Micheletti

APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE dott. ing. Luca Micheletti APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE dott. ing. Luca Micheletti PERCHE LE POMPE DI CALORE A SERVIZIO DEGLI IMPIANTI SONO RITENUTE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI? In una centrale termoelettrica bruciando circa 2,5

Dettagli

> HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA. Gamma disponibile. Descrizione dell unità.

> HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA. Gamma disponibile. Descrizione dell unità. > HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA ECO-FRIENDLY Gamma disponibile REFRIGERANT GAS Tipologia di unità IH Pompa di calore IP Pompa di calore reversibile

Dettagli

Confronto attuale-futuro (con termovalorizzatore a Case Passerini) sistema rifiuti e riscaldamento

Confronto attuale-futuro (con termovalorizzatore a Case Passerini) sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 447 Confronto attuale-futuro (con termovalorizzatore a Case Passerini) sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo

Dettagli

CONVEGNO GEOFLUID. CARLO PIEMONTE Università degli Studi di Brescia APPLICAZIONI E POTENZIALITA DI SVILUPPO DELLE POMPE DI CALORE GEOTERMICHE

CONVEGNO GEOFLUID. CARLO PIEMONTE Università degli Studi di Brescia APPLICAZIONI E POTENZIALITA DI SVILUPPO DELLE POMPE DI CALORE GEOTERMICHE CONVEGNO GEOFLUID CARLO PIEMONTE Università degli Studi di Brescia APPLICAZIONI E POTENZIALITA DI SVILUPPO DELLE POMPE DI CALORE GEOTERMICHE PIACENZA 4 ottobre 2008 POSSIBILI SORGENTI FREDDE PER POMPE

Dettagli

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Progettazioni e Consulenze Termotecniche Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Presentazione in Milano - 19 novembre 2010 Per garantire il confort indoor negli Edifici Evoluti Bertelli gli impianti

Dettagli

Mynute Low NOx Mynute Low NOx basse emissioni inquinanti di NOx Mynute Low NOx

Mynute Low NOx Mynute Low NOx basse emissioni inquinanti di NOx Mynute Low NOx Mynute Low NOx La gamma di caldaie murali Mynute di Beretta si completa con un nuovo modello in grado di coniugare prestazioni e rispetto dell ambiente. Mynute Low NOx è la caldaia standard ecologica di

Dettagli

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Serata informativa L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Puoi rivolgerti allo Sportello Energia per ottenere informazioni su aspetti tecnici, economici e normativi in materia

Dettagli

Le pompe di calore 1

Le pompe di calore 1 Le pompe di calore 1 Le macchine termiche Una macchina termica utilizza un fluido in un circuito chiuso per scambiare energia meccanica e termica con l ambiente esterno Il secondo principio della termodinamica

Dettagli

Gruppi frigoriferi HF/TH/ZH

Gruppi frigoriferi HF/TH/ZH Gruppi frigoriferi HF/TH/ZH HF Generatore d'acqua refrigerata monoblocco E' un dispositivo refrigeratore d'acqua con condensatore ad acqua. La macchina è monoblocco e pronta a funzionare, una volta eseguiti

Dettagli

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase Schema Sezione 1 La seconda fase, quella più "calda", dove i rifiuti vengono bruciati e, col calore ottenuto,

Dettagli

IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Trasferimento di calore dall ambiente interno a quello esterno L aria del locale da raffrescare cede calore all unità interna del climatizzatore ed in tal modo si raffredda

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA www.maya-airconditioning.com GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20, 30 & 50 Ver. 01.17 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 01.17 1. Informazioni

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

Tecnologie chimiche industriali

Tecnologie chimiche industriali Tecnologie chimiche industriali INDICAZIONI PER LA PROVA GRAFICA DI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI Leggiamo attentamente la traccia e domandiamoci: 1. Quali sono i materiali di processo; 2. In quale stato

Dettagli

ALLEGATO II. Calcolo della produzione da cogenerazione

ALLEGATO II. Calcolo della produzione da cogenerazione ALLEGATO II Calcolo della produzione da cogenerazione I - Calcolo dell energia elettrica da cogenerazione 1. Per calcolare il risparmio di energia primaria di una unità di cogenerazione, occorre anzitutto

Dettagli

HUB RADIATOR HYBRID. 4 Sistema solare termico (vedi pag.27 e 35) Sistema ibrido multienergia per produrre riscaldamento, condizionamento e ACS

HUB RADIATOR HYBRID. 4 Sistema solare termico (vedi pag.27 e 35) Sistema ibrido multienergia per produrre riscaldamento, condizionamento e ACS è un sistema ibrido multienergia che offre al consumatore la possibilità di riscaldare la casa, produrre ACS e se necessario anche condizionare gli ambienti. La progettazione termotecnica ibrida multienergia

Dettagli

Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione

Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione Il presente studio si propone di analizzare i vantaggi derivanti dall'utilizzo di un sistema

Dettagli

Capitolo 18 - Sistemi ad assorbimento

Capitolo 18 - Sistemi ad assorbimento Appunti di Fisica Tecnica Capitolo 18 - Sistemi ad assorbimento Introduzione...1 Funzionamento di una macchina frigorifera ad assorbimento...2 Macchina ad acqua-bromuro di litio...4 Macchina ad acqua-ammoniaca...5

Dettagli

Le Regole Tecniche per. e la nuova edizione della Guida CEI 82-25

Le Regole Tecniche per. e la nuova edizione della Guida CEI 82-25 Le Regole Tecniche per la Connessione alle reti e la nuova edizione della Guida CEI 82-25 Ing. Francesco Iannello Responsabile Tecnico ANIE/Energia Vicenza, 16 Dicembre 2010 Indice Connessione alle reti

Dettagli

I collettori solari termici

I collettori solari termici I collettori solari termici a cura di Flavio CONTI, ing. LUVINATE (Varese) Tel. 0332 821398 Collettori solari a BASSA temperatura I collettori solari a bassa temperatura utilizzati normalmente negli impianti

Dettagli

International DEUMIDIFICATORI PER PISCINE

International DEUMIDIFICATORI PER PISCINE International DEUMIDIFICATORI PER PISCINE DEUMIDIFICAZIONE PER PISCINE SERIE ET I deumidificatori fissi serie ET sono apparecchi di elevate prestazioni, utilizzabili in molteplici applicazioni sono parti

Dettagli

CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE

CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE Cabtrasf_parte_prima 1 di 8 CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE parte prima Una cabina elettrica è il complesso di conduttori, apparecchiature e macchine atto a eseguire almeno una delle seguenti funzioni:

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE: TERMODINAMICA DEI CICLI FRIGORIFERI AD ARIA ED ACQUA. Ing. Attilio Pianese (commissione Energia e Impianti)

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE: TERMODINAMICA DEI CICLI FRIGORIFERI AD ARIA ED ACQUA. Ing. Attilio Pianese (commissione Energia e Impianti) IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE: TERMODINAMICA DEI CICLI FRIGORIFERI AD ARIA ED ACQUA Ing. Attilio Pianese (commissione Energia e Impianti) SCOPO DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Gli impianti di condizionamento

Dettagli

3 INCONTRO FORMATIVO. Gli impianti di produzione e distribuzione del calore. 09 dicembre 2010. Relatore arch. Giorgio Gallo

3 INCONTRO FORMATIVO. Gli impianti di produzione e distribuzione del calore. 09 dicembre 2010. Relatore arch. Giorgio Gallo 3 INCONTRO FORMATIVO Gli impianti di produzione e distribuzione del calore 09 dicembre 2010 Relatore arch. Giorgio Gallo Impianti termici centralizzati Impianti tradizionali Distribuzione a colonne montanti:

Dettagli

PANNELLI SOLARI TERMICI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

PANNELLI SOLARI TERMICI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI PANNELLI SOLARI I pannelli solari utilizzano l'energia solare per trasformarla in energia utile e calore per le attività dell'uomo. PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI PANNELLI SOLARI TERMICI PANNELLI SOLARI

Dettagli

Lo scambiatore coassiale Questo è lo scambiatore coassiale che ho acquistato del costo di circa 100 euro + IVA:

Lo scambiatore coassiale Questo è lo scambiatore coassiale che ho acquistato del costo di circa 100 euro + IVA: Riscaldatore d acqua in pompa di calore Da diversi anni utilizzo pompe di calore aria/acqua per riscaldare acqua destinata ad impianti di riscaldamento a bassa temperatura o alla produzione di Acqua Calda

Dettagli

DISTILLAZIONE: PREMESSE

DISTILLAZIONE: PREMESSE DISTILLAZIONE: PREMESSE PROCESSO DI ELEZIONE NELLA PREPARAZIONE DI ACQUA PER PREPARAZIONI INIETTABILI PROCESSO GENERALMENTE APPLICATO COME STADIO FINALE DI PURIFICAZIONE AD UN ACQUA GIA TRATTATA IL TIPO

Dettagli

Rivoluzionario modulo solare ibrido. inside ideas

Rivoluzionario modulo solare ibrido. inside ideas Rivoluzionario modulo solare ibrido inside ideas R voluzionario. Oltre un modulo fotovoltaico. Oltre un solare termico. Revo è un sistema solare, progettato e sviluppato già ibrido per la simultanea produzione

Dettagli

SOLAR COOLING (Raffrescare con il sole) Le nostre migliori realizzazioni

SOLAR COOLING (Raffrescare con il sole) Le nostre migliori realizzazioni SOLAR COOLING (Raffrescare con il sole) Le nostre migliori realizzazioni Il discorso nasce dal SOLARE TERMICO Piano o sottovuoto, bisogna scegliere, in funzione delle esigenze e della latitudine dell impianto,

Dettagli

Come si monta uno scambiatore di calore a piastre?

Come si monta uno scambiatore di calore a piastre? Pagina 1 di 5 Come si monta uno scambiatore di calore a piastre? Gli scambiatori a piastre saldobrasati devono essere installati in maniera da lasciare abbastanza spazio intorno agli stessi da permettere

Dettagli

D.B.S. PROGETTI I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE

D.B.S. PROGETTI I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE Integrare pompa di calore ad aria e caldaia in un unico sistema di riscaldamento può portare a drastiche riduzioni dei consumi di energia primaria. Un sistema di controllo

Dettagli

Libretto di impianto: la scheda 12. Libretto di impianto: la scheda 13 Libretto di impianto: la scheda 14.1. Compilazione a cura del MANUTENTORE

Libretto di impianto: la scheda 12. Libretto di impianto: la scheda 13 Libretto di impianto: la scheda 14.1. Compilazione a cura del MANUTENTORE Libretto di impianto: la scheda 11.2 Libretto di impianto: la scheda 12 NOTA BENE Se la prima verifica effettuata a cura dell'installatore è avvenuta con funzionamento in modalità "RISCALDAMENTO", tutte

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INNOVATIVI: IL SOLAR HEATING AND COOLING. Federico Cristofoli Turco Group srl

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INNOVATIVI: IL SOLAR HEATING AND COOLING. Federico Cristofoli Turco Group srl IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INNOVATIVI: IL SOLAR HEATING AND COOLING Federico Cristofoli Turco Group srl GRUPPO KLOBEN GRUPPO KLOBEN SOLAR COOLING: ASPETTI TECNICI hot water SOLAR HEATING & COOLING Carico

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Con la denominazione Circuito aria comburente si intendono tre distinti sistemi: Sistema di ventilazione della sala macchine; Sistema di fornitura dell aria comburente; Circuito aria di sovralimentazione

Dettagli

FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica. http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI

FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica. http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI Ing. e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti

Dettagli

pompe di calore\polivalenti MONOBLOCCO

pompe di calore\polivalenti MONOBLOCCO pompe di calore\polivalenti MONOBLOCCO POMPE DI CALORE ARIA/ACQUA REVERSIBILI A RECUPERO TOTALE. > RISCALDAMENTO > CLIMATIZZAZIONE > RAFFRESCAMENTO > RAFFREDDAMENTO > DEUMIDIFICAZIONE > ACQUA CALDA SANITARIA

Dettagli

Fresco con il sol e 60% de risparmio energetico. SOLARCOOL TECNOLOGIA Spiegazione termodinamica

Fresco con il sol e 60% de risparmio energetico. SOLARCOOL TECNOLOGIA Spiegazione termodinamica Fresco con il sol e 60% de risparmio energetico SOLARCOOL TECNOLOGIA Spiegazione termodinamica L efficienza del sistema Solar Cool è possibile grazie ad un effetto fisico del flusso di massa, che è un

Dettagli

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81 Miglioramenti Energetici Solare Termico Scolastico 2014-2015 81 Sostituzione Generatore di Calore Sostituzione adeguamento sistema di Distribuzione Sostituzione del sistema di emissione Installazione Solare

Dettagli

Sistemi per l'energia in edilizia. LM Ingegneria Edile. A. Perdichizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Bergamo

Sistemi per l'energia in edilizia. LM Ingegneria Edile. A. Perdichizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Bergamo Sistemi per l'energia in edilizia Pompe di calore A. Perdichizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Bergamo Pompe di Calore Frigorifero- Pompa di Calore Q C Ẇ Q F Pompe di

Dettagli

Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria:

Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria: 41 Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria: 1- Unità esterna 8- Impianto per riscaldamento o raffrescamento 2- Unità interna

Dettagli

Lavori intelligenti per il risparmio energetico

Lavori intelligenti per il risparmio energetico Città di San Donà di Piave Assessorato all Ambiente SPORTELLO ENERGIA Lavori intelligenti per il risparmio energetico SOLARE TERMICO Un impianto a collettori solari (anche detto a pannelli solari termici

Dettagli

eihp Sistemi integrati con pompa di calore

eihp Sistemi integrati con pompa di calore eihp Sistemi integrati con pompa di calore CHI SIAMO Eneray è una innovativa iniziativa di impresa con solide basi industriali alle spalle. Eneray è stata fondata da un team di ingegneri e imprenditori

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE 1 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Sono le perdite di carico (o di pressione) che un fluido, in moto attraverso un condotto, subisce a causa delle resistenze

Dettagli

Solare Termodinamico: COME FUNZIONA. Comportamento di un sistema solare termodinamico con le diverse condizioni climatiche.

Solare Termodinamico: COME FUNZIONA. Comportamento di un sistema solare termodinamico con le diverse condizioni climatiche. S O LA R E TE R M O D IN A M IC O ENERGIE è un'azienda che può vantare più di 30 anni di esperienza nel settore. Il marchio è sinonimo di affidabilità, qualità, innovazione ed efficienza per la massima

Dettagli

Cold Plate BREVETTATO

Cold Plate BREVETTATO L uso di dissipatori ad acqua si sta sempre più diffondendo per rispondere all esigenza di dissipare elevate potenze in spazi contenuti e senza l adozione di ventole con elevate portate d aria. Infatti,

Dettagli

COMAIR. Sistemi aria compressa

COMAIR. Sistemi aria compressa COMAIR Sistemi aria compressa Compressori oil-free da 11 a 750 m 3 /min Il CENTAC: tecnologia d avanguardia Quando è richiesto un compressore oil-free affidabile e flessibile, raffreddato ad acqua, per

Dettagli

Kit ibrido a pompa di calore

Kit ibrido a pompa di calore Kit ibrido a pompa di calore Il rivoluzionario sistema di riscaldamento integrato a pompa di calore. Il rivoluzionario sistema a pompa di calore che orchestra gli elementi. Korus è un sistema elettronico

Dettagli

ARCHITETTURA DEL SISTEMA

ARCHITETTURA DEL SISTEMA SISTEMI HEATING ARCHITETTURA DEL SISTEMA SISTEMA SPLIT ARIA-ACQUA CARRIER PRESENTA XP ENERGY,, L INNOVATIVA SOLUZIONE DI RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO PER APPLICAZIONI RESIDENZIALI CON SISTEMA SPLIT

Dettagli

Generazione diesel-elettrica ad alta efficienza con sistemi di accumulo

Generazione diesel-elettrica ad alta efficienza con sistemi di accumulo Generazione diesel-elettrica ad alta efficienza con sistemi di accumulo Giordano Torri Fondazione Megalia 8 Giornata sull efficienza energetica nelle industrie Milano, 18 Maggio 2016 18 Maggio 2016 Pg.

Dettagli

Impianti di COGENERAZIONE

Impianti di COGENERAZIONE Impianti di COGENERAZIONE Definizione: produrre energia insieme Produzione combinata di : 1. energia elettrica/meccanica 2. energia termica (calore) ottenute in appositi impianti utilizzanti la stessa

Dettagli

LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO

LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO Prof. Ing. Ciro Aprea Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Salerno DEFINIZIONE SI POSSONO DEFINIRE

Dettagli

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE POMPA DI CALORE CONDENSATORE = + L T = + L C ORGANO DI ESPANSIONE LIQUIDO COMPRESSORE T COND. E D T 1 VAPORE T EVAP. A B T 2 Schema a blocchi di una macchina frigorifera EVAPORATORE Dal punto di vista

Dettagli

Interruttore automatico

Interruttore automatico Interruttore automatico Dimensionamento degli interruttori automatici adeguati per inverter soggetti ai fattori di influenza specifici degli impianti FV Contenuto La scelta dell interruttore automatico

Dettagli

IMPIANTI TECNOLOGICI E DGR 1366 DEL 26/09/11: SOLUZIONI PRATICHE

IMPIANTI TECNOLOGICI E DGR 1366 DEL 26/09/11: SOLUZIONI PRATICHE IMPIANTI TECNOLOGICI E DGR 1366 DEL 26/09/11: SOLUZIONI PRATICHE 1 IMPIANTI SOSTENIBILI Sostenibilità: equilibrio fra il soddisfacimento delle esigenze presenti, senza compromettere la possibilità delle

Dettagli

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI CAPITOLO NONO COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI Esempi applicativi Vengono di seguito esaminati alcuni componenti di macchine termiche che possono essere considerati come sistemi aperti A) Macchina termica

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

1) CAP. R.3.H Impianti a pannelli solari. Punto 2.6 Potenza nominale del generatore solare.

1) CAP. R.3.H Impianti a pannelli solari. Punto 2.6 Potenza nominale del generatore solare. Milano, 6 Ottobre 2011 Spett. le INAIL Dipartimento Centrale Certificazione e Conformità dei Prodotti Impianti Ex ISPESL Alla C.A. Dott. Paolo Giacobbo Scavo Via Alessandria, 220/E 00198 ROMA Fax. 06/97892590

Dettagli

RAPPORTI DI CONTROLLO

RAPPORTI DI CONTROLLO RAPPORTI DI CONTROLLO Allegato II (Art.2) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 ( gruppitermici ) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici)... Cognome... me...

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli