Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE)"

Transcript

1 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE) (Seduta del 28 aprile 2009) Relatore di maggioranza: FRANCO SORDONI Relatore di minoranza: GUIDO CASTELLI sulle proposte di legge N. 289 a iniziativa del Consigliere Sordoni (Testo base) presentata in data 2 febbraio 2009 RIORDINO DELLA NORMATIVA SUGLI ORARI DI APERTURA E SUI TURNI DI SERVIZIO DELLE FARMACIE DELLA REGIONE MARCHE N. 192 a iniziativa dei Consiglieri Brini, Capponi, Giannotti, Bugaro, Cesaroni, Ciriaci, Santori, Tiberi presentata in data 11 ottobre 2007 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 28 MARZO 1977, N. 9 DISCIPLINA DEL- L ORARIO DEI TURNI E DELLE FERIE DELLE FARMACIE NELLE MARCHE N. 313 a iniziativa dei Consiglieri Massi, Comi presentata in data 27 marzo 2009 ORARI DI APERTURA E TURNI DI SERVIZIO DELLE FARMACIE DELLA REGIONE MARCHE (Abbinate ai sensi dell'articolo 66 del Regolamento interno dell Assemblea legislativa) Testo base: proposta di legge n. 289 RELAZIONE ORALE (709)

2 REGIONE MARCHE 2 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Proposta di legge n. 289 Art. 1 (Oggetto) 1. L esercizio delle farmacie aperte al pubblico nel territorio della regione Marche per quanto attiene agli orari di apertura, ai turni di servizio, nonché alla chiusura per riposo infrasettimanale, festività e ferie, è disciplinato dalle norme della presente legge. Art. 2 (Turni) 1. Entro il mese di novembre di ciascun anno il direttore generale dell ASUR adotta per ciascuna zona territoriale della regione il calendario annuale dei turni di chiusura infrasettimanale, dei turni di servizio diurno, notturno e festivo, ed entro il 31 marzo dell anno in corso, delle ferie annuali in base a quanto disposto dalla presente legge. Il provvedimento è adottato su proposta pervenuta rispettivamente entro il primo novembre e il primo marzo dalle rispettive associazioni provinciali titolari di farmacia aderenti a Federfarma e dall Assofarm dove esistono farmacie comunali, e su parere degli Ordini provinciali dei farmacisti competenti per territorio e dei comuni interessati. 2. Il provvedimento di cui al comma 1 viene adottato non considerando i pareri pervenuti dopo i trenta giorni dalla richiesta. 3. In caso di ritardata o mancata adozione del calendario per il nuovo anno resta in vigore la rotazione dell anno precedente. Art. 3 (Orario settimanale di apertura) 1. L orario settimanale minimo di apertura è stabilito in trentasei ore per le farmacie rurali e in trentotto ore per le farmacie urbane, equamente distribuite su cinque giorni e mezzo. Per orario diurno si intende quello compreso dalle ore 8.00 alle ore e per orario notturno quello compreso dalle ore alle ore del giorno successivo. Testo modificato dalla Commissione Art. 1 (Oggetto) 1. La presente legge disciplina gli orari di apertura, i turni di servizio, la chiusura per riposo infrasettimanale, per festività e per ferie delle farmacie aperte al pubblico nel territorio della regione. Soppresso Art. 2 (Turni) Art. 3 (Orario settimanale di apertura) 1. Soppresso 1 bis. Le farmacie urbane restano aperte per un minimo di trentotto ore settimanali. 1 ter. Le farmacie rurali restano aperte per un minimo di trentasei ore settimanali. 1 quater. Per orario diurno si intende quello compreso dalle ore 8.00 alle ore e per orario notturno quello compreso dalle ore alle ore 8.00 del giorno successivo.

3 REGIONE MARCHE 3 ASSEMBLEA LEGISLATIVA 2. Le farmacie sono tenute ad osservare un periodo di chiusura pomeridiana di non meno di due ore. Il direttore generale dell ASUR, sentiti l Ordine provinciale dei farmacisti, il Sindaco del comune interessato, l Associazione provinciale di farmacia aderente a Federfarma e l Assofarm dove sono presenti farmacie comunali, può autorizzare le farmacie operanti nelle Comunità montane a non osservare la chiusura pomeridiana. 3. Ferma restando la durata giornaliera complessiva di apertura determinata a norma del comma 1, gli orari relativi all apertura e alla chiusura antimeridiana e pomeridiana delle farmacie sono stabiliti dal Sindaco del comune interessato, su proposta dell Associazione provinciale titolari di farmacia aderente a Federfarma e dell Assofarm, dove esistono farmacie comunali, sentito l Ordine provinciale dei farmacisti competente. Art. 4 (Flessibilità e deroghe) 1. Il direttore generale dell ASUR può autorizzare su proposta del Sindaco e acquisito il consenso dell Associazione provinciale titolari di farmacia aderente a Federfarma e dell Assofarm dove sono presenti farmacie comunali: a) di estendere l orario di apertura fino a quarantotto ore settimanali ripartito nel contesto di sei giorni; b) aperture diverse nell arco dell anno fino ad un massimo di cinquantaquattro ore settimanali suddivise in sei giorni, in funzione di necessità stagionali in località climatiche o di maggiori presenze di persone a scopo turistico nelle zone di villeggiatura, come definite ed individuate dalla legge regionale; c) maggiori aperture fino ad un massimo di tre giornate nell arco dell anno, in occasione di festività od eventi locali. Art. 5 (Farmacie di turno) 1. Nei giorni e nelle ore di chiusura delle farmacie il servizio farmaceutico è assicurato dalle farmacie di turno. Le farmacie rurali svolgono il servizio in un bacino di utenza minimo tra e , a turno con farmacie dislocate in zone territoriali limitrofe, anche di comuni diversi. 2. Soppresso 3. Soppresso Soppresso Art. 4 (Flessibilità e deroghe) Art. 5 (Farmacie di turno) 1. Nei giorni e nelle ore di chiusura delle farmacie il servizio farmaceutico è assicurato dalle farmacie di turno. Le farmacie rurali svolgono il servizio in un bacino di utenza minimo tra e , a turno con farmacie dislocate in zone territoriali limitrofe, anche di comuni diversi. 1 bis. Le farmacie rurali svolgono il turno in un bacino di utenza funzionale alla migliore erogazione del servizio e comunque non

4 REGIONE MARCHE 4 ASSEMBLEA LEGISLATIVA superiore a abitanti. Il turno è assicurato con farmacie dislocate in zone territoriali limitrofe. Art. 6 (Turno notturno) 1. Durante il periodo che va dalla chiusura serale alla riapertura del mattino successivo il servizio farmaceutico sarà assicurato: a) nei capoluoghi di provincia e città con popolazione superiore a abitanti, a turno a battenti aperti sino alle ore 23.00, oppure con modalità che escludano il normale accesso ai locali e, successivamente, a chiamata fino all apertura del mattino, salvo diverso accordo tra l Associazione provinciale titolari di farmacia aderente a Federfarma, l Assofarm, dove esistono farmacie comunali, e il comune competente per territorio; b) negli altri comuni con più di abitanti, a turno e a battenti chiusi, salvo diverso accordo tra il titolare della farmacia interessata e il comune competente per territorio; c) nei comuni con meno di abitanti e nei comuni con farmacie rurali, a turno con le farmacie anche di altri comuni e a chiamata. Art. 7 (Turno pomeridiano) 1. Durante la chiusura pomeridiana di cui all articolo 3, nei giorni feriali, il servizio farmaceutico è assicurato: a) nei capoluoghi di provincia e nelle città con popolazione superiore a abitanti a turno e a battenti aperti; b) nei comuni con popolazione inferiore a abitanti a turno e a chiamata; c) nei comuni con meno di abitanti e nei comuni con farmacie rurali a turno con le farmacie più vicine anche di altri comuni e a chiamata. Art. 8 (Turno festivo) 1. Nei giorni festivi il servizio sarà svolto: a) nei capoluoghi di provincia e nelle città con popolazione superiore a abitanti, a battenti aperti senza intervallo pomeridiano; b) nei comuni con popolazione inferiore a abitanti a battenti aperti con intervallo pomeridiano a battenti chiusi; c) nei comuni con meno di abitanti e nei comuni con farmacie rurali, a turno con le Art. 6 (Turno notturno) 1. Durante il periodo che va dalla chiusura serale alla riapertura del mattino successivo il servizio farmaceutico sarà è assicurato: a) nei capoluoghi di provincia e città con popolazione superiore a abitanti, a turno a battenti aperti sino alle ore , oppure con modalità che escludano il normale accesso ai locali per motivi di sicurezza e, successivamente, a chiamata fino all apertura del mattino, salvo diverso accordo tra l Associazione provinciale titolari di farmacia aderente a Federfarma, l Assofarm, dove esistono farmacie comunali, farmacisti e il comune competente per territorio; b) identica c) identica Soppresso Art. 7 (Turno pomeridiano) Art. 8 (Turno festivo) 1. Nei giorni festivi il servizio sarà è svolto: a) identica b) identica c) identica

5 REGIONE MARCHE 5 ASSEMBLEA LEGISLATIVA farmacie più vicine anche di altri comuni, a battenti aperti fino alle ore 13 e a battenti chiusi dopo le ore 13; d) è facoltativa la chiusura infrasettimanale della farmacia nel giorno precedente o successivo a quello del turno domenicale. Art. 9 (Servizio a chiamata) 1. In caso di svolgimento del servizio a chiamata, il farmacista di turno deve essere reperibile e disponibile entro trenta minuti e a tale scopo è obbligatorio esporre all esterno della farmacia le idonee indicazioni. 2. Il servizio a chiamata è effettuato dietro presentazione di regolare ricetta medica dichiarata urgente dal medico. Art. 10 (Ferie annuali) 1. Le farmacie possono osservare un periodo annuale complessivo di ferie non superiore a trenta giorni, fruibili in parte in un periodo di durata non inferiore a sette giorni consecutivi e, per il resto, anche in singole giornate. d) soppressa 1 bis. E facoltativa la chiusura infrasettimanale della farmacia nel giorno precedente o successivo a quello del turno domenicale. 1. Identico Art. 9 (Servizio a chiamata) 2. Il servizio a chiamata è effettuato dietro presentazione di regolare ricetta medica dichiarata urgente dal medico. Se la ricetta è emessa dal medico di continuità assistenziale o dal pronto soccorso, la dizione urgente può essere omessa. Art. 10 (Ferie annuali) 1. Le farmacie possono osservare un periodo annuale complessivo di chiusura per ferie non superiore a trenta giorni ventiquattro giorni lavorativi. fruibili in parte in un periodo di durata non inferiore a sette giorni consecutivi e, per il resto, anche in singole giornate. 1 bis. Le farmacie possono godere delle ferie indicate al comma 1 secondo i turni determinati dal direttore della Zona territoriale dell ASUR nel rispetto di entrambi i seguenti requisiti: a) assicurare a ciascuna farmacia un periodo di chiusura per ferie di almeno sette giorni consecutivi; b) prevedere la possibilità di chiusura per ferie anche in giornate singole. Art. 11 (Segnaletica obbligatoria) 1. Allo scopo di rendere agevolmente reperibili le farmacie di turno, è fatto obbligo a tutte le farmacie ubicate nel territorio della regione di esporre, in posizione ben leggibile e illuminata dal tramonto all alba, un cartello indicante le farmacie di turno, in ordine di vicinanza, l eventuale numero verde al quale rivolgersi per qualsiasi informazione relativa al servizio e l orario di apertura e chiusura giornaliera dell esercizio. 1. Identico Art. 11 (Segnaletica obbligatoria)

6 REGIONE MARCHE 6 ASSEMBLEA LEGISLATIVA 2. Solo le farmacie di turno nelle ore serali e notturne, terranno accesa un insegna luminosa, della misura fino ad un metro quadrato per facciata, preferibilmente a forma di croce di colore verde che ne faciliti l individuazione, in conformità alle normative di cui al codice della strada ed ai regolamenti comunali. Nulla è dovuto per tasse comunali, provinciali e regionali. 2. Solo le farmacie di turno nelle ore serali e notturne, terranno tengono accesa un insegna luminosa, della misura fino ad un metro quadrato per facciata, preferibilmente a forma di croce di colore verde che ne faciliti l individuazione, in conformità alle normative di cui al codice della strada ed ai regolamenti comunali. Nulla è dovuto per tasse comunali, provinciali e regionali. Art 11 bis (Funzioni amministrative) 1. Ciascuna Zona territoriale dell ASUR determina per il proprio ambito territoriale: a) entro il mese di marzo di ciascun anno il calendario delle ferie; b) entro il mese di novembre di ciascun anno il calendario per l anno successivo dei turni di chiusura infrasettimanale, dei turni di servizio diurno, notturno e festivo. 2. I provvedimenti di cui al comma 1 sono adottati sentite le organizzazioni più rappresentative a livello provinciale dei titolari di farmacie pubbliche e private, l ordine provinciale dei farmacisti competenti per territorio e la Conferenza dei Sindaci di cui all articolo 21 della legge 20 giugno 2003, n.13 (Riorganizzazione del servizio sanitario regionale). 3. Sino all adozione dei calendari indicati al comma 1 resta in vigore la rotazione dell anno precedente. 4. Gli orari relativi all apertura e alla chiusura antimeridiana e pomeridiana delle farmacie sono stabiliti dal Sindaco del comune interessato, sentite le organizzazioni più rappresentative a livello provinciale dei titolari di farmacie pubbliche e private e l ordine provinciale dei farmacisti competenti per territorio. 5. II direttore della Zona territoriale dell ASUR può autorizzare su proposta del Sindaco e sentite le organizzazioni più rappresentative a livello provinciale dei titolari di farmacie pubbliche e private e l ordine provinciale dei farmacisti competenti per territorio: a) di estendere l orario di apertura delle farmacie rispetto a quanto previsto all articolo 3; b) aperture diverse nell arco dell anno in funzione di necessità stagionali in località climatiche o di maggiori presenze di persone a scopo turistico nelle zone di villeggiatura, come definite ed individuate dalla legge regionale; c) maggiori aperture fino ad un massimo di tre giornate nell arco dell anno, in occasione di festività od eventi locali;

7 REGIONE MARCHE 7 ASSEMBLEA LEGISLATIVA d) maggiori aperture presso i terminali di porti, di aeroporti, di stazioni ferroviarie a traffico internazionale. 6. I pareri indicati ai commi 2, 4 e 5 sono espressi entro trenta giorni dalla richiesta. Decorso inutilmente tale termine il Direttore della Zona territoriale dell ASUR o il Sindaco possono prescindere dagli stessi. Art. 12 (Sanzioni) 1. Per le violazioni delle norme sotto elencate si applicano le seguenti sanzioni: a) articolo 3 (orario settimanale di apertura) da 100,00 a 500,00 euro; b) articolo 5 (farmacie di turno) da 100,00 a 500,00 euro; c) articoli 6, 7, 8 (turno notturno, turno pomeridiano, turno festivo) da 100,00 a 500,00 euro; d) articolo 9 (servizio a chiamata) da 100,00 a 500,00 euro; e) articolo 10 (ferie annuali) da 100,00 a 500,00 euro; f) articolo 11 (segnaletica obbligatoria) da 100,00 a 500,00 euro. 2. La funzione di controllo per il rispetto degli orari dei turni e ferie spetta al Sindaco della località in cui è ubicata la farmacia. 3. La funzione sanzionatoria per le violazioni di cui al comma 1 spetta all ASUR. 4. L ASUR comunica le violazioni accertate all ordine di appartenenza, che può assumere i provvedimenti conseguenti. 5. In caso di reiterata violazione delle norme di cui al comma 1, l ASUR può ordinare la chiusura della farmacia per un periodo di tempo fino a quindici giorni. Art. 12 (Sanzioni) 1. Per le violazioni delle norme sotto elencate si applicano le seguenti sanzioni: a) identica b) identica c) articoli 6, 7 e 8 da 100,00 a 500,00 euro; d) identica e) soppressa f) identica f bis) articolo 11 bis, comma 4, sul rispetto degli orari di apertura e di chiusura antimeridiana e pomeridiana delle farmacie, da 100,00 a 500,00 euro. 2. Identico 3. Identico 4. Identico 5. Identico Art. 13 (Tavolo di concertazione) 1. Il tavolo di concertazione è costituito da Assessorato regionale alla sanità, ASUR, Zona territoriale, Federfarma regionale e provinciale, Ordine dei farmacisti, ed ha il compito di agevolare l attuazione di tutte le forme collaborative tra il servizio sanitario e le farmacie pubbliche e private, di attivare ogni iniziativa volta a garantire il rispetto da parte delle farmacie delle disposizioni legislative relative al corretto rapporto tra Art. 13 (Tavolo di concertazione) 1. E istituito un tavolo permanente di concertazione in materia di organizzazione del servizio farmaceutico. Il tavolo è composto da: a) assessore regionale competente in materia o suo delegato; b) dirigente della struttura regionale competente in materia di tutela della salute o suo delegato;

8 REGIONE MARCHE 8 ASSEMBLEA LEGISLATIVA le farmacie e le altre categorie sanitarie, anche al fine di agevolare l accessibilità ai servizi da parte del cittadino. 2. Il tavolo si riunisce almeno una volta all anno, ovvero a richiesta delle parti, su convocazione del dirigente del servizio salute o suo delegato. c) direttore dell ASUR o suo delegato; d) direttore di ciascuna Zona territoriale dell ASUR o suo delegato; e) un rappresentante delle organizzazioni più rappresentative a livello regionale dei titolari di farmacie privati; f) un rappresentante di ciascuna organizzazione provinciale più rappresentativa dei titolari di farmacie privati; g) un rappresentante di ciascun ordine provinciale dei farmacisti; h) un rappresentante delle associazioni di tutela dei diritti del malato più rappresentative a livello regionale. 2. Il tavolo è costituito secondo le modalità stabilite dalla Giunta regionale. 3. Il tavolo ha il compito di agevolare l attuazione di tutte le forme collaborative tra il servizio sanitario e le farmacie pubbliche e private, di attivare ogni iniziativa volta a garantire il rispetto da parte delle farmacie delle disposizioni legislative relative al corretto rapporto tra le farmacie e le altre categorie sanitarie, anche al fine di facilitare l accessibilità ai servizi da parte del cittadino. 4. Il tavolo si riunisce almeno una volta all anno o a richiesta delle parti, secondo modalità stabilite dalla Giunta regionale. Art. 13 bis (Abrogazioni) 1. Sono abrogate: a) la l.r. 28 marzo 1977, n. 9; b) la l.r. 29 marzo 1991, n. 9; c) la l.r. 23 luglio 1996, n. 29. Art. 13 ter (Disposizioni transitorie) 1. Per l anno 2009 restano fermi i calendari delle ferie già determinati ai sensi della l.r. 9/1977, prima dell entrata in vigore della presente legge, qualora il direttore della Zona territoriale dell ASUR interessata non determini un nuovo calendario. 2. Il nuovo calendario è determinato su proposta dei Sindaci interessati, sentite le organizzazioni più rappresentative a livello provinciale dei titolari di farmacie pubbliche e private e l ordine provinciale dei farmacisti competenti per territorio.

9 REGIONE MARCHE 9 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Proposta di legge n. 192 Art. 1 (Modifica dell articolo 2 della l.r. 9/1977) 1. L articolo 2 della legge regionale 28 marzo 1977, n. 9 (Disciplina dell orario dei turni e delle ferie delle farmacie nelle Marche), è sostituito dal seguente: Art. 2 Le farmacie urbane e rurali che non sono di turno debbono restare aperte al pubblico in tutti i giorni della settimana per una durata complessiva non inferiore a 42 ore settimanali. Nel rispetto di tali limiti l esercente può liberamente determinare l orario di apertura e di chiusura della farmacia tra le ore sette e le ore ventidue, non superando comunque il limite delle dodici ore giornaliere.. Art. 2 (Modifica dell articolo 3 della l.r. 9/1977) 1. Il primo comma dell articolo 3 della l.r. 9/ 1977 è abrogato. Art. 3 (Modifica dell articolo 4 della l.r. 9/1977) 1. L articolo 4 della l.r. 9/1977 è abrogato. Art. 4 (Modifica dell articolo 5 della l.r. 9/1977) 1. L articolo 5 della l.r. 9/1977 è sostituito dal seguente: Art. 5 Nei giorni festivi le farmacie di turno, individuate ai sensi dell articolo 8, effettueranno un apertura almeno di 10 ore a battenti aperti.. Art. 5 (Modifica dell articolo 8 della l.r. 9/1977) 1. L articolo 8 della l.r. 9/1977 è sostituito dal seguente: Art. 8 Gli orari di apertura e di chiusura al pubblico delle farmacie urbane e rurali che sono di turno, le turnazioni settimanali e festive sono stabilite dal Sindaco, sentito l ordine provinciale dei farmacisti e la competente zona territoriale dell ASUR, in esecuzione di quanto disposto dall articolo 36, comma 3, della legge 8 giugno 1990, n. 142 (Ordinamento delle Autonomie locali)..

10 REGIONE MARCHE 10 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Art. 6 (Modifica dell articolo 9 della l.r. 9/1977) 1. Il primo comma dell articolo 9 della l.r. 9/ 1977 è sostituito dal seguente: Le farmacie aperte al pubblico, urbane e rurali, anche se appartenenti a enti pubblici osservano una chiusura annuale per ferie non superiore a trenta giorni di norma consecutivi secondo modalità e turni stabiliti ai sensi dell articolo 2..

11 REGIONE MARCHE 11 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Proposta di legge n. 313 Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina l esercizio delle farmacie aperte al pubblico nel territorio della regione Marche al fine di garantire la migliore assistenza farmaceutica alla popolazione per quanto attiene agli orari di apertura, ai turni di servizio, nonché alla chiusura per riposo infrasettimanale, festività e ferie. Art. 2 (Competenze amministrative) 1. Tutti i provvedimenti amministrativi riguardanti la disciplina in materia di apertura e chiusura delle farmacie di cui alla presente legge, sono adottati dal direttore generale dell ASUR, sentiti i direttori delle zone territoriali che coordinano, ognuno per il territorio di competenza, le richieste dei sindaci dei Comuni interessati con le necessità espresse dall ordine provinciale dei farmacisti, e considerato il parere della Consulta regionale dei farmacisti. 2. Entro il mese di novembre di ciascun anno il direttore dell ASUR adotta per ciascuna zona territoriale della regione, in base a quanto disposto dalla presente legge, il calendario annuale dei turni di chiusura infrasettimanale, dei turni di servizio diurno, notturno e festivo, e delle ferie annuali. 3. Il provvedimento per le ferie è adottato sentito il parere della Consulta regionale dei farmacisti che deve pervenire entro il mese di marzo. 4. Il provvedimento di cui al comma 1 viene adottato non considerando i pareri pervenuti dopo i trenta giorni dalla richiesta. 5. In caso di ritardata o mancata adozione del calendario per il nuovo anno resta in vigore la rotazione dell anno precedente. Art. 3 (Orario settimanale di apertura) 1. L orario settimanale di apertura feriale è stabilito in un periodo complessivo non inferiore a 36 ore e non superiore a 42 ore per le farmacie rurali e un periodo non inferiore a 38 ore e non superiore a 44 ore per le farmacie urbane, intervallate da una chiusura pomeridiana. Tali ore sono equamente distribuite su cinque giorni e mezzo. 2. Per orario diurno si intende quello compreso dalle ore 8.00 alle ore e per orario

12 REGIONE MARCHE 12 ASSEMBLEA LEGISLATIVA notturno quello compreso dalle alle ore 8.00 del giorno successivo. 3. Ferma restando la durata giornaliera complessiva di apertura, a norma del comma 1, gli orari relativi all apertura e alla chiusura antimeridiana e pomeridiana delle farmacie sono uguali su tutto il territorio comunale e sono stabiliti dal Sindaco del comune interessato, su proposta dell ordine provinciale dei farmacisti competente per territorio. 4. Il direttore generale dell ASUR può autorizzare, su proposta del Sindaco del comune interessato e acquisito il parere dell Ordine dei farmacisti, di estendere l orario di apertura fino a 48 ore settimanali ripartito nel contesto di sei giorni in funzioni di necessità stagionali in località climatiche o di maggiore presenze di persone a scopo turistico nella zona di villeggiatura come definite ed individuate dalla legge regionale. 5. Il direttore generale dell ASUR, su richiesta della farmacia interessata e sentiti i soggetti di cui al comma 4, può altresì autorizzare maggiori aperture fino ad un massimo di cinque giornate nell arco dell anno, in occasione di festività o eventi locali. 6. Presso i terminal di porti, di aeroporti, di stazioni ferroviarie di traffico internazionale è consentito un maggior numero di ore di apertura. Art. 4 (Farmacie di turno) 1. Nei giorni e nelle ore di chiusura delle farmacie il servizio farmaceutico è assicurato dalle farmacie di turno. 2. Le farmacie rurali svolgono il servizio in un bacino di utenza omogeneo a turno con farmacie dislocate in zone territoriali limitrofe, anche di comuni diversi. Art. 5 (Turni di servizio) 1. Durante le ore notturne di qualsiasi giorno feriale o festivo, il servizio farmaceutico è così assicurato: a) nei capoluoghi di provincia e città con popolazione superiore a abitanti a turno da tutte le farmacie a battenti aperti fino alle ore 22 o 23 a seconda delle esigenze locali e, successivamente a chiamata con il farmacista presente in farmacia fino all apertura del mattino salvo apposite convenzioni stipulate tra i titolari di farmacie ed il comune competente per territorio;

13 REGIONE MARCHE 13 ASSEMBLEA LEGISLATIVA b) negli altri comuni con più di abitanti, a turno, a reperibilità tra tutte le farmacie del comune; c) nei comuni con meno di abitanti e nei comuni con farmacie rurali, a turno con le farmacie anche di altri comuni e a reperibilità. 2. Durante la chiusura pomeridiana di cui all articolo 3, nei giorni feriali, il servizio farmaceutico è assicurato: a) nei capoluoghi di provincia e nelle città con popolazione superiore a abitanti a turno e a battenti aperti, oppure con modalità che escludono il normale accesso ai locali per motivi di sicurezza; b) nei comuni con popolazione inferiore a abitanti a turno e a reperibilità; c) nei comuni con meno di abitanti e nei comuni con farmacie rurali a turno con le farmacie più vicine anche di altri comuni e a reperibilità. 3. Nei giorni festivi il servizio sarà svolto: a) nei capoluoghi di provincia e nelle città con popolazione superiore a abitanti, a battenti aperti senza intervallo pomeridiano, oppure con modalità che escludono il normale accesso ai locali per motivi di sicurezza; b) nei comuni con popolazione inferiore a abitanti a battenti aperti con intervallo pomeridiano a chiamata; c) nei comuni con meno di abitanti e nei comuni con farmacie rurali, a turno con le farmacie più vicine anche di altri comuni, a battenti aperti fino alle ore 13 e a chiamata dopo le E facoltativa la chiusura infrasettimanale delle farmacie per il recupero del turno domenicale, fermo restando il riposo di una giornata intera previsto dal CNL. Tale comportamento è uniforme e regolamentato dal direttore generale dell ASUR. Art. 6 (Servizio a reperibilità) 1. In caso di svolgimento del servizio a reperibilità il farmacista di turno deve essere disponibile in farmacia entro trenta minuti. 2. Il servizio a reperibilità è effettuato dietro presentazione di regolare ricetta medica dichiarata urgente dal medico. Se la ricetta è emessa dalla guardia medica o pronto soccorso, la dizione urgente può essere omessa.

14 REGIONE MARCHE 14 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Art. 7 (Ferie annuali) 1. La chiusura delle farmacie per ferie annuali, salvo deroghe motivate per le farmacie uniche rurali, è stabilita in un periodo annuale complessivo non inferiore a dodici giorni lavorativi e non superiore a ventiquattro giorni lavorativi, fruibili in parte in un periodo di durata non inferiore a sei giorni lavorativi consecutivi e, per il resto, anche in singole giornate. Art. 8 (Informazioni al cittadino) 1. Allo scopo di rendere agevolmente reperibili le farmacie di turno, è fatto obbligo a tutte le farmacie ubicate nel territorio della regione di esporre, in posizione ben leggibile ed illuminata dal tramonto all alba, un cartello indicante le farmacie di turno, in ordine di vicinanza, l eventuale numero verde al quale rivolgersi per qualsiasi informazione relativa al servizio e l orario di apertura e chiusura giornaliera dell esercizio. 2. Le farmacie di turno hanno l obbligo, nelle ore serali e notturne, di tenere accesa una insegna luminosa a forma di croce, della misura di almeno un metro quadrato per facciata, di colore verde. Art. 9 (Sanzioni) 1. Ove il fatto non sia previsto dalla legge penale come reato, per le violazioni delle disposizioni sotto elencate si applicano le seguenti sanzioni: a) articolo 3 (orario settimanale di apertura) da 2.000,00 a 5000,00 euro; b) articolo 5 (farmacie di turno) da 100,00 a 500,00 euro; c) articoli 6, 7, 8 (turno notturno, turno pomeridiano, turno festivo) da 100,00 a 500,00 euro; d) articolo 9 (servizio a chiamata) da 100,00 a 500,00 euro; e) articolo 10 (ferie annuali) da 5.000,00 a ,00 euro; f) articolo 11 (segnaletica obbligatoria) da 100,00 a 500,00 euro. 2. La funzione sanzionatoria per le violazioni di cui al comma 1 spetta all ASUR. L ASUR comunica le violazioni accertate all ordine di appartenenza, che può assumere i provvedimenti conseguenti. In caso di reiterata violazione delle norme di cui al comma 1, ovvero lo stesso articolo venga violato due o più volte, l ASUR può

15 REGIONE MARCHE 15 ASSEMBLEA LEGISLATIVA ordinare la chiusura della farmacia per un periodo di tempo compreso tra due e quindici giorni. Art. 10 (Tavolo di concertazione) 1. Su richiesta della Consulta regionale dei farmacisti all Assessorato regionale alla salute, l assessore competente invita ad un tavolo di concertazione la stessa Consulta regionale dei farmacisti, l ASUR, Zona territoriale, e cinque rappresentanti dell UNCI rappresentativi anche dei comuni montani, al fine di facilitare l attuazione di tutte le forme di collaborazione tra il servizio sanitario e le farmacie pubbliche e private per agevolare l accessibilità ai servizi da parte del cittadino e di dirimere ogni controversia fra i vari soggetti interessati al servizio farmaceutico.

Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n.

Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. 20del 23 marzo 1984 sulla disciplina dell orario dei turni e

Dettagli

PARTE PRIMA. c. a chiamata: quando all esterno della farmacia il farmacista indica il recapito telefonico dove può essere prontamente reperito.

PARTE PRIMA. c. a chiamata: quando all esterno della farmacia il farmacista indica il recapito telefonico dove può essere prontamente reperito. 7208 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 5 Disciplina dei turni e degli orari del Servizio pubblico farmaceutico territoriale IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

COMUNE DI Provincia di Treviso

COMUNE DI Provincia di Treviso Cod. modello 2.8.3 ordinanza fissazione orari.doc COMUNE DI Provincia di Treviso ORDINANZA Nr. DEL OGGETTO: Fissazione degli orari e dei turni di apertura e chiusura degli impianti stradali di distribuzione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 6 NOVEMBRE 2012 N. 35

LEGGE REGIONALE 6 NOVEMBRE 2012 N. 35 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte I 07.11.2012 - pag. 11 LEGGE REGIONALE 6 NOVEMBRE 2012 N. 35 Disciplina degli orari, dei turni e delle ferie delle farmacie. Il Consiglio regionale Assemblea

Dettagli

Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008

Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008 COMUNE DI NOVARA Via F.lli Rosselli n. 1 Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008 Oggetto: Disciplina degli orari di apertura e chiusura degli impianti stradali di distribuzione dei carburanti

Dettagli

COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA

COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA Ordinanza num. 7 emessa in data 27/01/2014 COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA Oggetto: Sistema distributivo dei carburanti - Determinazione dei criteri per l'articolazione degli orari

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 16 del 18.02.2004 Art. 1 NASTRO ORARIO Il nastro orario giornaliero, nell ambito

Dettagli

Ordinanza Nr. 4 Serravalle Pistoiese, lì 04/02/2005

Ordinanza Nr. 4 Serravalle Pistoiese, lì 04/02/2005 COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) C.F. - P.I. 00185430477 Via Garibaldi 50 Serravalle Pistoiese Tel. 0573 9170 Fax. 0573 51064 e-mail: amministrazione@comune.serravalle-pistoiese.pt.it

Dettagli

"Disciplina delle vendite straordinarie e disposizioni in materia di orari degli esercizi commerciali"(1).

Disciplina delle vendite straordinarie e disposizioni in materia di orari degli esercizi commerciali(1). LEGGE REGIONALE 3 aprile 2000, N. 22 "Disciplina delle vendite straordinarie e disposizioni in materia di orari degli esercizi commerciali"(1). (BURL n. 14, 1º suppl. ord. del 07 Aprile 2000 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2000-04-03;22

Dettagli

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO Approvato

Dettagli

COMUNE DI MERGO Provincia di Ancona

COMUNE DI MERGO Provincia di Ancona COMUNE DI MERGO Provincia di Ancona ORIGINALE Registro Generale n. 12 ORDINANZA DEL SETTORE ORDINANZE SINDACALI N. 12 DEL 24-11-2011 Ufficio: UFFICIO GIURIDICO-GESTIONALE SUAP Oggetto: DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

Comune di Rescaldina Provincia di Milano. Regolamentazione degli orari e dei turni dei distributori di carburanti sul territorio di Rescaldina.

Comune di Rescaldina Provincia di Milano. Regolamentazione degli orari e dei turni dei distributori di carburanti sul territorio di Rescaldina. Comune di Rescaldina Provincia di Milano Regolamentazione degli orari e dei turni dei distributori di carburanti sul territorio di Rescaldina. Delibera Consiglio Comunale n. 43 del 29/06/2007; Entrato

Dettagli

SOMMARIO. Preambolo. PREAMBOLO Visto l articolo 117, comma quarto della Costituzione;

SOMMARIO. Preambolo. PREAMBOLO Visto l articolo 117, comma quarto della Costituzione; Modifiche alla legge regionale 7 febbraio 2005 n. 28 (Codice del commercio.testo unico in materia di commercio in sede fissa, su aree pubbliche, somministrazione alimenti e bevande, vendita di stampa quotidiana

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell art. 89, comma 6,

Dettagli

proposta di legge n. 300

proposta di legge n. 300 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 300 a iniziativa dei Consiglieri CASTELLI, MASSI, ROMAGNOLI, CAPPONI, D ANNA, BUGARO, SORDONI, MINARDI, PISTARELLI, CIRIACI, TIBERI, D ISIDORO,

Dettagli

24.7.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26

24.7.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 24.7.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 5 della Regione. E fatto obbligo a chiunque spetti di Art. 13 - Sostituzione dell articolo 56 della l.r. 28/2005 osservarla e farla osservare

Dettagli

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005.

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005. LEGGE REGIONALE 20 novembre 2007, n. 17 Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista (B.U. 29 novembre 2007, n. 104) INDICE DELLA LEGGE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Competenze della Regione, delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3. REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI

Dettagli

Orario di lavoro le novità introdotte dall articolo 41 del decreto legge 112/2008.

Orario di lavoro le novità introdotte dall articolo 41 del decreto legge 112/2008. Orario di lavoro le novità introdotte dall articolo 41 del decreto legge 112/2008. Il decreto legge 25.6.2008 n.112 convertito in legge n.33 del 2008 introduce una serie di modifiche alla normativa in

Dettagli

"Norme per il trasporto di persone mediante servizio di taxi e servizio di noleggio con conducente".

Norme per il trasporto di persone mediante servizio di taxi e servizio di noleggio con conducente. LEGGE REGIONALE 15 aprile 1995, N. 20 "Norme per il trasporto di persone mediante servizio di taxi e servizio di noleggio con conducente". (BURL n. 16, 1º suppl. ord. del 20 Aprile 1995 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1995-04-15;20

Dettagli

26.2.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 LEGGE REGIONALE 23 febbraio 2016, n. 13

26.2.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 LEGGE REGIONALE 23 febbraio 2016, n. 13 26.2.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 LEGGE REGIONALE 23 febbraio 2016, n. 13 Nuove disposizioni in materia di energia. Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 39, in

Dettagli

Disciplina degli orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande IL SINDACO

Disciplina degli orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande IL SINDACO COMUNE DI TRESCORE CREMASCO Provincia di Cremona Ufficio Segreteria Via Carioni 13-26017 Trescore Cremasco Tel. 0373 272246 Fax 0373 272232 e.mail segreteria@trescorecremasco.net Prot. n. 4399 Trescore

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

La recente normativa in tema di data retention

La recente normativa in tema di data retention Security Summit Roma 11 giugno 2009 La recente normativa in tema di data retention Stefano Aterno Docente informatica giuridica La Sapienza di Roma www.studioaterno.it La normativa in vigore: in Italia

Dettagli

CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce

CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce ORDINANZA N. 41 Reg. n. 84 del 3 dicembre 2014 Oggetto : Orari, turni festivi e ferie impianti distribuzione carburanti per l anno 2015. IL SINDACO VISTA la legge regionale

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA ART.1 OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive e Programmazione Sportello Unico per le Attività Produttive

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive e Programmazione Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive e Programmazione Sportello Unico per le Attività Produttive PROTOCOLLO S.G. n 35314 del 29 giugno 2009 Ordinanza n. 112/09 DISCIPLINA DEI TURNI DI CHIUSURA SETTIMANALE

Dettagli

Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale

Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale DEFINIZIONE DI COMMERCIANTE E commerciante quel soggetto (persona fisica o società) che esercita un attività economica consistente nell acquisto

Dettagli

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con Deliberazione di G.C. n. 258 del 20.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 58 DEL 17-11-2010 REGIONE TOSCANA

LEGGE REGIONALE N. 58 DEL 17-11-2010 REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE N. 58 DEL 17-11-2010 REGIONE TOSCANA Modifiche alla legge regionale 22 marzo 1999, n. 16 (Raccolta e commercio dei funghi epigei spontanei). Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA

Dettagli

Legge Regionale 14 luglio 2009, n. 11 Testo unico delle leggi regionali in materia di trasporti

Legge Regionale 14 luglio 2009, n. 11 Testo unico delle leggi regionali in materia di trasporti Legge Regionale 14 luglio 2009, n. 11 Testo unico delle leggi regionali in materia di trasporti (pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia 1º Suppl. Ordinario al n. 28 del 15 luglio 2009)

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 21 DEL 27-08-1992 REGIONE LIGURIA Interventi a tutela delle popolazioni zingare e nomadi.

LEGGE REGIONALE N. 21 DEL 27-08-1992 REGIONE LIGURIA Interventi a tutela delle popolazioni zingare e nomadi. LEGGE REGIONALE N. 21 DEL 27-08-1992 REGIONE LIGURIA Interventi a tutela delle popolazioni zingare e nomadi. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 16 del 9 settembre 1992 Il Consiglio Regionale

Dettagli

Cna Padova Via Croce Rossa, 56 Tel. 049-8062235 www.pd.cna.it/fita fita@pd.cna.it

Cna Padova Via Croce Rossa, 56 Tel. 049-8062235 www.pd.cna.it/fita fita@pd.cna.it DECRETO LEGISLATIVO 19 novembre 2007, n. 234 Attuazione della direttiva 2002/15/CE concernente l'organizzazione dell'orario di lavoro delle persone che effettuano operazioni mobili di autotrasporti. Vigente

Dettagli

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013 Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013 Roma, 31 luglio 2013 1. Un nuovo contratto L accordo in oggetto (pur garantendo una continuità economica con il precedente CCNL a mezzo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMI 1 e 2, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2010, N. 183, IN TEMA DI ACCESSO ANTICIPATO AL PENSIONAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE LAVORAZIONI PARTICOLARMENTE

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 26 novembre 1999, n. 532 Disposizioni in materia di lavoro notturno, a norma dell'articolo 17, comma 2, della legge 5 febbraio 1999, n. 25. (G.U. 21 gennaio 2000, n. 16). IL PRESIDENTE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

POCA Legislazione (RD 1265/34, L. 475/68, MOLTA Giurisprudenza NORMATIVA FARMACEUTICA DPR 1275/71, L. 362/91, L 326/03, L.

POCA Legislazione (RD 1265/34, L. 475/68, MOLTA Giurisprudenza NORMATIVA FARMACEUTICA DPR 1275/71, L. 362/91, L 326/03, L. NORMATIVA FARMACEUTICA POCA Legislazione (RD 1265/34, L. 475/68, DPR 1275/71, L. 362/91, L 326/03, L. 248/06 ) MOLTA Giurisprudenza (sentenze TAR, Consiglio di stato) Terza legge di Newton Ad ogni azione

Dettagli

FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO

FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO MAGGIORAZIONI Maggiorazione notturna comunicazione a ore - + 20 % tariffa oraria EVENTO spetta al dipendente che

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it Regione Sicilia Legge Regionale n. 40 del 21 aprile 1995 Provvedimenti per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti speciali inerti. Disposizioni varie in materia urbanistica. L'Assemblea

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI E SERVIZI DELL ENTE Approvato con delibera di Giunta Municipale

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA.

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario Il Consiglio regionale ha approvato La seguente legge Art. 1 (Oggetto) IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA Promulga

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 13-12-2001 REGIONE LAZIO. Norme in materia di attività di estetista.

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 13-12-2001 REGIONE LAZIO. Norme in materia di attività di estetista. Pagina 1 di 6 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 13-12-2001 REGIONE LAZIO Norme in materia di attività di estetista. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 36 del 29 dicembre 2001 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Dettagli

Legge Regionale 3 Aprile 2000, N. 21 (1). Testo coordinato con la L.R. 85/08

Legge Regionale 3 Aprile 2000, N. 21 (1). Testo coordinato con la L.R. 85/08 Legge Regionale 3 Aprile 2000, N. 21 (1). Testo coordinato con la L.R. 85/08 Riordino della normativa sugli orari di apertura e sui turni di servizio delle farmacie della Regione Lombardia e trasferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO Approvato con delibera di Giunta Comunale n.69 del 29.04.16 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO ART. 1 DEFINIZIONI Il presente

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni.

Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni. Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni. Bollettino Ufficiale n. 27, parte prima, del 27.08.2001 Art.

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Agenzie di viaggio e turismo

Agenzie di viaggio e turismo LEGGE REGIONALE 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. 3.4.2000 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 15 (Testo coordinato con la L.R. 17 gennaio 2005 n.

Dettagli

L.R. 14 luglio 2009, n. 11 (1). Testo unico delle leggi regionali in materia di trasporti (2).

L.R. 14 luglio 2009, n. 11 (1). Testo unico delle leggi regionali in materia di trasporti (2). L.R. 14 luglio 2009, n. 11 (1). Testo unico delle leggi regionali in materia di trasporti (2). Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della regione Promulga la seguente legge regionale: TITOLO

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

ACCORDO RELATIVO ALL'APPLICAZIONE DEI TURNI E 35 ORE

ACCORDO RELATIVO ALL'APPLICAZIONE DEI TURNI E 35 ORE ACCORDO RELATIVO ALL'APPLICAZIONE DEI TURNI E 35 ORE La delegazione di parte pubblica composta da: Direttore Generale Cesare VACIAGO Direttore Servizio Centrale Risorse Umane Fausto SORBA Dirigente Servizio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne QUANDO L ORARIO DI LAVORO E ARTICOLATO IN TUR- NI SECONDO LA DISCIPLINA CONTRATTUALE Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato,

Dettagli

Regione Lazio. Leggi Regionali 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98

Regione Lazio. Leggi Regionali 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98 Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 27 novembre 2013, n. 8 Disposizioni di semplificazione relative alle strutture ricettive. Modifiche alle leggi regionali 6 agosto 2007, n. 13, concernente

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 47 SEMPLIFICAZIONI NORMATIVE A VANTAGGIO DEL TERZO SETTORE

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 47 SEMPLIFICAZIONI NORMATIVE A VANTAGGIO DEL TERZO SETTORE REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 47 SEMPLIFICAZIONI NORMATIVE A VANTAGGIO DEL TERZO SETTORE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

N.B. Testo coordinati con le modifiche apportate, successivamente dalla L.R. 16 febbraio 2010, n. 15; e dalla L.R. 25 novembre 2010, n. 23.

N.B. Testo coordinati con le modifiche apportate, successivamente dalla L.R. 16 febbraio 2010, n. 15; e dalla L.R. 25 novembre 2010, n. 23. REGIONE UMBRIA L.R. 4 aprile 1990, n. 10: Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1: «Disciplina delle attività di estetista». (B.U.R.U. n. 15 dell'11 aprile 1990). N.B. Testo coordinati con

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 27 maggio 2005, n.108 Attuazione della direttiva 1999/63/CE relativa all'accordo sull'organizzazione dell'orario di lavoro della

DECRETO LEGISLATIVO 27 maggio 2005, n.108 Attuazione della direttiva 1999/63/CE relativa all'accordo sull'organizzazione dell'orario di lavoro della DECRETO LEGISLATIVO 27 maggio 2005, n.108 Attuazione della direttiva 1999/63/CE relativa all'accordo sull'organizzazione dell'orario di lavoro della gente di mare, concluso dall'associazione armatori della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 18 dicembre 2006. Entrerà in vigore dal prossimo anno scolastico 2007/2008

Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 18 dicembre 2006. Entrerà in vigore dal prossimo anno scolastico 2007/2008 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCUOLABUS DEGLI ALUNNI DELLE SCUOLE PER L INFANZIA, PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 7213 LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 Modifiche e integrazioni alle leggi regionali 15 novembre 2007, n. 34, 7 agosto 2013, n. 27 e 11 febbraio 1999, n. 11. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO Art.

Dettagli

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1908-A/R Relazione orale Relatori Mazzatorta e Bettamio NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE (2ª GIUSTIZIA) (3ª AFFARI ESTERI, EMIGRAZIONE)

Dettagli

Delibera G.C. N.175 Prot. 864. Seduta del 11.3.2004. Oggetto: ZTL BUS variazioni tariffarie. LA GIUNTA COMUNALE

Delibera G.C. N.175 Prot. 864. Seduta del 11.3.2004. Oggetto: ZTL BUS variazioni tariffarie. LA GIUNTA COMUNALE Delibera G.C. N.175 Prot. 864 Seduta del 11.3.2004 Oggetto: ZTL BUS variazioni tariffarie. LA GIUNTA COMUNALE Su proposta dell Assessore al Turismo, Cultura e Comunicazione di concerto con il Vice Sindaco

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

CONVENZIONE PER IL COORDINAMENTO DEI SERVIZI DI POLIZIA MUNICIPALE NELL AMBITO DELL UNIONE DEI COMUNI "VALLE DEGLI IBLEI"

CONVENZIONE PER IL COORDINAMENTO DEI SERVIZI DI POLIZIA MUNICIPALE NELL AMBITO DELL UNIONE DEI COMUNI VALLE DEGLI IBLEI CONVENZIONE PER IL COORDINAMENTO DEI SERVIZI DI POLIZIA MUNICIPALE NELL AMBITO DELL UNIONE DEI COMUNI "VALLE DEGLI IBLEI" L anno 2006, addì ventitrè del mese di novembre presso la sede dell Unione dei

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1,

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183, RECANTE DELEGHE AL GOVERNO IN MATERIA DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, DEI SERVIZI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64 del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Il lavoro straordinario

Il lavoro straordinario Il lavoro straordinario Il titolo XVI (artt. 77-78) del Ccnl degli studi professionali regolamenta il lavoro straordinario. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. c del d.lgs. n. 66/2003, il lavoro straordinario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI ARTICOLO N.1 DEFINIZIONE La reperibilità è l obbligo del lavoratore di porsi in

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA **********

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 162 del 19.11.2014

Dettagli

La modifica è conseguenza delle mutate condizioni dei mercati finanziari rispetto all epoca della formazione del bilancio 2009.

La modifica è conseguenza delle mutate condizioni dei mercati finanziari rispetto all epoca della formazione del bilancio 2009. D.L. N.457 Modifiche e integrazioni alla L.R. 24.12.2008 n. 43 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge finanziaria 2009). Articolo 1 L articolo stabilisce

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché

Dettagli

Regolamento sull Imposta di Soggiorno

Regolamento sull Imposta di Soggiorno Comune di COSTABISSARA Provincia di VICENZA Regolamento sull Imposta di Soggiorno (Approvato con deliberazione Consiliare n. 62 del 22 dicembre 2014) Articolo 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro

Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro C O M U N E D II P A D U L II P rr o v ii n c ii a d ii B e n e v e n tt o Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro allegato alla deliberazione di

Dettagli

Orario di lavoro. A cura di Luca Tamassia. Lanciano, 30 giugno 2005

Orario di lavoro. A cura di Luca Tamassia. Lanciano, 30 giugno 2005 Orario di lavoro TEMPI DI LAI NON LAVORO La nuova disciplina del d. lgs. 8 aprile 2003, n. 66, e successive modifiche ed integrazioni (D. Lgs. n. 213/2004) A cura di Luca Tamassia Lanciano, 30 giugno 2005

Dettagli

*** NORMATTIVA - Stampa ***

*** NORMATTIVA - Stampa *** *** NORMATTIVA - Stampa *** Pagina 1 di 8 DECRETO LEGISLATIVO 3 ottobre 2009, n. 153 Individuazione di nuovi servizi erogati dalle farmacie nell'ambito del Servizio sanitario nazionale, nonche' disposizioni

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO del personale dirigente adottato con deliberazione n. 78 del 09.05.2011 Art. 1. ORARIO DI LAVORO 1. Per Orario di Lavoro è da intendersi qualsiasi periodo in cui il Dirigente

Dettagli

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio ENTE-PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI Tenuta di San Rossore - Località Cascine Vecchie - 56122 PISA Regolamento dell orario di lavoro e di servizio Approvato con deliberazione Consiglio

Dettagli

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.»

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» LEGGE REGIONALE 18 OTTOBRE 2006, N. 13 «Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 50 DEL 31 OTTOBRE

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE CAPO I ORGANIZZAZIONE DEL CORPO ART. 1 ORGANO DI GOVERNO Il presidente della Provincia, nell esercizio della funzione di indirizzo politico

Dettagli

Dalle Notizie in evidenza

Dalle Notizie in evidenza Dalle Notizie in evidenza Decreto legislativo 13 febbraio 2014 n. 12 Attuazione della direttiva 2011/51/UE che modifica la direttiva 2003/109/CE del Consiglio per estendere l ambito di applicazione ai

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 2 marzo 2012, n. 24. Attuazione della direttiva 2008/104/CE, relativa al lavoro tramite agenzia interinale.

DECRETO LEGISLATIVO 2 marzo 2012, n. 24. Attuazione della direttiva 2008/104/CE, relativa al lavoro tramite agenzia interinale. DECRETO LEGISLATIVO 2 marzo 2012, n. 24 Attuazione della direttiva 2008/104/CE, relativa al lavoro tramite agenzia interinale. (12G0046) Vigente al: 3-4-2015 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 IN DATA 18/06/2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI TITOLO II TRASPORTO SCOLASTICO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL REGIONE PUGLIA Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 69 del 27 luglio 1998

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL REGIONE PUGLIA Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 69 del 27 luglio 1998 LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 22-07-1998 REGIONE PUGLIA Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 69 del 27 luglio 1998 ARTICOLO 1 "Disciplina dei turni di servizio delle farmacie" IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64, comma 4, del decreto

Dettagli

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana.

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. notificazione della cartella di pagamento a pena di decadenza, allegando copia della documentazione attestante il reddito di cui al comma 2. 4. Sulle somme il cui pagamento è stato rateizzato si applicano

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 LEGGE REGIONALE 27 aprile 2012, n. 17 Disposizioni in materia di risorse idriche. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli