Piacenza, 04 Settembre 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piacenza, 04 Settembre 2015 Alle Cooperative in indirizzo"

Transcript

1 SERVIZIO FISCALE Piacenza, 04 Settembre 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 105 Oggetto: NUOVO MODELLO DI POLIZZA FIDEIUSSORIA O FIDEIUSSIONE BANCARIA PER IL RIMBORSO IVA Provv. Direttore Agenzia Entrate del 26 giugno 2015 Con il Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 26 giugno 2015, prot. n , pubblicato sul sito Internet dell Agenzia, è stato approvato il nuovo modello di polizza fideiussoria o di fideiussione bancaria per il rimborso dell IVA, annuale ed infrannuale, unitamente alle istruzioni, alle condizioni generali di assicurazione che regolano il rapporto tra la Società o la Banca che rilascia la garanzia e l Agenzia delle Entrate, ed al relativo glossario. Tale modello sostituisce il precedente schema, istituito con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 10 giugno Con il medesimo provvedimento del 26/06/2015, sono state apportate alcune modifiche al modello per intermediari/banche per la costituzione di deposito vincolato in titoli di Stato garantiti dallo Stato (approvato con Provv. Direttore Agenzia Entrate del 30 dicembre 2014), strumento di garanzia per l ottenimento del rimborso dell IVA annuale ed infrannuale, alternativo alla presentazione di polizza fideiussoria o fideiussione bancaria. Queste modifiche si sono rese necessarie a seguito dell emanazione del D.Lgs. 21/11/2014, n. 175, con il quale è stato completamente riformulato l art. 38-bis del D.P.R. n. 633/1972, allo scopo di ridurre i tempi ed i costi per l esecuzione dei rimborsi IVA. ADEMPIMENTI COLLEGATI ALLE TIPOLOGIE DI RIMBORSO Come noto, il D.Lgs. 175/2014 ha: - operato l innalzamento della soglia di esonero, da euro 5.164,57 a euro , per il rimborso dell IVA eseguibile senza prestazione di garanzia e senza altri adempimenti; - eliminato l obbligo generalizzato di prestazione della garanzia, prevedendolo solamente nei casi in cui i rimborsi IVA, superiori a euro nel periodo d imposta, siano richiesti dai contribuenti che presentano situazioni di rischio per il Fisco, indicate nel nuovo comma 4 dell art. 38-bis; - introdotto la possibilità, per i contribuenti che non presentano le predette situazioni di rischio, di ottenere i rimborsi IVA, superiori a euro nel periodo d imposta, senza prestazione della garanzia, bensì ponendo in essere altri adempimenti, consistenti nella presentazione di dichiarazione annuale/istanza infrannuale munita sia di visto di conformità o di sottoscrizione dell organo deputato alla revisione contabile, sia di una dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà, attestante la sussistenza dei requisiti di solidità patrimoniale, continuità aziendale e regolarità dei

2 versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali, come disposto dal nuovo comma 3 dell art. 38-bis (vedi campo Attestazione condizioni patrimoniali e versamento contributi nel quadro VX della dichiarazione annuale IVA e nel quadro RX dell UNICO). I suddetti contribuenti non a rischio, possono, tuttavia, scegliere di presentare la garanzia, in luogo dell apposizione del visto (o della sottoscrizione alternativa) e della suddetta dichiarazione sostitutiva, come ammesso dal legislatore e chiarito dall Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 32/E del 30 dicembre Tabella riepilogativa: IMPORTO CHIESTO A RIMBORSO IVA TIPOLOGIA DI SOGGETTO GARANZIE O ALTRI ADEMPIMENTI Rimborso inferiore a euro Qualsiasi soggetto Nessuna Rimborso superiore euro a Contribuenti non a rischio per gli interessi erariali Dichiarazione annuale/istanza trimestrale da cui emerge il credito IVA chiesto a rimborso munita di: - visto di conformità/sottoscrizione revisore legale; - dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà, attestante la sussistenza dei requisiti di solidità patrimoniale, continuità aziendale e regolarità dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali oppure Garanzia Rimborso superiore euro a Contribuenti a rischio per gli interessi erariali Garanzia

3 In merito alla soglia di esonero di euro , sotto la quale i rimborsi sono richiedibili senza garanzia né altri adempimenti, si ricorda che con la Circolare n. 32/2014, l Agenzia delle Entrate ha precisato che il limite di euro è unico per i rimborsi del credito IVA annuale e per i rimborsi dei crediti IVA trimestrali, e che tale limite è da intendersi riferito non alla singola richiesta, ma alla somma delle richieste di rimborso effettuate per l intero periodo di imposta. Pertanto, se ad esempio viene presentata un istanza di rimborso infrannuale per un importo di euro senza apposizione del visto e, successivamente, per il medesimo periodo d imposta, viene presentata una nuova istanza o dichiarazione con importo chiesto a rimborso pari a ulteriori euro, l obbligo del visto di conformità o della sottoscrizione alternativa, nonché della dichiarazione sostitutiva di atto notorio sorge in relazione a tale ultima richiesta. DURATA E FORME DI GARANZIA Ai sensi del novellato comma 5 dell art. 38-bis, le forme di garanzia, da adottare, obbligatoriamente ovvero facoltativamente, nelle fattispecie sopra descritte, sono le seguenti: - Fideiussione rilasciata da una banca o da impresa commerciale che, a giudizio dell Amministrazione Finanziaria, offra adeguate garanzie di solvibilità; - Polizza fideiussoria rilasciata da un impresa di assicurazione; - Cauzione in titoli di Stato o garantiti dallo Stato, al valore di Borsa. Oltre a ciò, il medesimo comma 5 prevede che: - per le piccole e medie imprese, definite secondo i criteri stabiliti dal decreto del Ministro delle attività produttive 18 aprile 2005, le garanzie possono essere prestate anche dai consorzi o cooperative di garanzia collettiva fidi di cui all'articolo 29 della legge 5 ottobre 1991, n. 317, iscritti nell'albo previsto dall'articolo 106 del D.Lgs. 385/1993 (TUB); - per i gruppi di società, con patrimonio risultante dal bilancio consolidato superiore a 250 milioni di euro, la garanzia può essere prestata mediante la diretta assunzione dell obbligazione di restituzione da parte della società capogruppo o controllante di cui all'articolo 2359 del codice civile, anche nel caso di cessione della partecipazione nella società controllata o collegata. Per quanto concerne la durata della garanzia, ai sensi dell art. 38-bis, comma 5, così come già previsto dalla previgente disposizione, la durata della garanzia deve essere pari a tre anni dalla data di erogazione del rimborso, o, se inferiore, al periodo intercorrente tra la data di effettiva erogazione e il termine di decadenza dell accertamento ex art. 57 del D.P.R. n. 633/1972. NUOVO MODELLO DI POLIZZA FIDEIUSSORIA O DI FIDEIUSSIONE BANCARIA Il nuovo modello per il rilascio di polizza fideiussoria o fideiussione bancaria, approvato con Provv. 26/06/2015: deve essere utilizzato dal contribuente, che intende prestare la garanzia mediante polizza fideiussoria o fideiussione bancaria, ai fini dell esecuzione dei rimborsi IVA, sia annuali che trimestrali, per la richiesta di rilascio della

4 polizza fideiussoria o fideiussione bancaria, ai sensi del novellato comma 5 dell art. 38-bis, D.P.R. n. 633/1972; deve essere compilato a cura della Società o della Banca che rilascia la garanzia e consegnato all Ufficio dell Agente della Riscossione o dell Agenzia delle Entrate, che ne ha richiesto la presentazione al fine dell erogazione del rimborso; il nuovo modello, disponibile gratuitamente sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate, è utilizzabile dal giorno successivo alla pubblicazione del Provvedimento sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate (ossia, dal 27 giugno 2015); il precedente modello, approvato con Provv. del 10 giugno 2004, può tuttavia essere utilizzato fino al 31 dicembre Composizione del modello Il nuovo modello è così composto: Quadri Descrizione Frontespizio (2 pagine) - Descrizione di Finalità, Utilizzo, Compilazione e Consegna, Tipo di garanzia; - Informativa sul trattamento dei dati personali Modello compilabile (2 pagine) - Dati del contribuente al quale è rilasciata la Fideiussione/polizza a favore dell Agenzia delle Entrate ed indicazione dell importo garantito da fideiussione bancaria/polizza fideiussoria; - Dati inerenti al rimborso dell IVA (dati di presentazione della dichiarazione/istanza contenente l eccedenza di imposta detraibile, importo chiesto a rimborso, tipo di rimborso annuale o infrannuale) - Indicazione del tipo e della procedura scelta per il rimborso: rimborso annuale in procedura semplificata, rimborso annuale in procedura ordinaria, rimborso infrannuale Condizioni generali (2 pagine) Elencazione delle Condizioni generali della garanzia tra la Società/Banca e l Agenzia delle Entrate, da compilare indicando i seguenti elementi: Luogo e data, Firma del richiedente e Firma della Società/Banca

5 Glossario Riepilogo delle nozioni di base (1 pagina) Modello compilabile La prima pagina del corpo del modello, che comprende l indicazione dell ammontare complessivo garantito e dell origine dell eccedenza IVA chiesta a rimborso dal contribuente, è la seguente:

6 La seconda pagina del corpo del modello contiene il dettaglio delle voci che compongono l ammontare oggetto della garanzia, e deve essere compilata in funzione alle tre distinte tipologie di rimborso/procedura scelte dal contribuente: 1) Rimborso annuale IVA in procedura semplificata (erogato direttamente dall Agente della riscossione);

7 2) Rimborso annuale IVA in procedura ordinaria (erogato dall Agenzia delle Entrate); 3) Rimborso infrannuale (sempre erogato dall Agenzia delle Entrate). 1) RIMBORSO ANNUALE IVA IN PROCEDURA SEMPLIFICATA Ai fini della determinazione dell importo da garantire, in base ai concetti espressi nel Glossario, sulla scorta delle disposizioni normative e della prassi amministrativa in merito, la compilazione dei singoli campi del modello deve avvenire come segue: campo A: occorre indicare la parte di eccedenza dell imposta richiesta a rimborso all Agente della riscossione (ex Concessionario della riscossione). Si ricorda che tale procedura può essere utilizzata per un importo massimo pari a euro, comprese le compensazioni orizzontali ex art. 17 D.Lgs. 241/1997. In caso di rimborso di importo superiore a euro, con pagamento richiesto in parte all Agente della riscossione ed in parte all Agenzia delle Entrate, l importo da indicare in questo campo è dato solo dalla parte di eccedenza IVA richiesta a rimborso all Agente della riscossione. E importante notare che tale importo deve essere decurtato della cd. franchigia, la quale, ai sensi dell art. 21 del D.M. 567/1993, è prevista solamente nel caso di rimborso con procedura semplificata, ed è pari al 10% dell ammontare complessivo dei versamenti effettuati sul conto fiscale nei due anni precedenti la data della richiesta, al netto dei versamenti conseguenti ad iscrizione a ruolo e dei rimborsi già erogati. Per versamenti eseguiti sul conto fiscale devono intendersi i versamenti effettuati mediante il modello F24, come chiarito dalla Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 10/E del 04/03/2011 e confermato dalla Circolare n. 32/E del 30/12/2014; campo B: occorre indicare gli interessi calcolati sull importo del campo A per la durata di validità della garanzia. Tali interessi sono quelli che i contribuenti sono tenuti a corrispondere nel caso in cui il rimborso effettuato risulti successivamente non spettante, a seguito di verifica da parte dell Amministrazione Finanziaria.

8 In base all art. 38-bis, co. 1, D.P.R. n. 633/1972, gli interessi si applicano in ragione del 2% annuo. Essi vengono calcolati in base alla durata di validità della garanzia. Come si evince dal Glossario, sulla scorta del disposto normativo, tale durata deve essere pari ad un triennio, decorrente dalla data di erogazione del rimborso, ovvero per il minor periodo intercorrente tra la data di erogazione e il termine di decadenza dell accertamento, previsto dall art. 57 del D.P.R. n. 633/1972; campo C: occorre indicare l importo totale (A + B). Si osserva che, al fine di ridurre i costi per l esecuzione dei rimborsi in capo ai contribuenti, nell ipotesi del rimborso IVA richiesto con procedura semplificata, il Provvedimento 26/06/2015 ha escluso, dall entità dell importo da garantire, gli interessi per la tardiva erogazione dei rimborsi, superando sul punto la Circolare dell Agenzia n. 32/2014, la quale, alla luce delle novità contenute nell art. 14 del D.Lgs. 175/2014, aveva precisato che in sede di determinazione dell importo da garantire, si doveva tener conto anche degli interessi per il ritardo nell esecuzione dei rimborsi, da calcolarsi con decorrenza dal 60 giorno successivo alla data di presentazione della richiesta (mediante dichiarazione annuale/istanza trimestrale) e fino alla presunta data di esecuzione del rimborso. Iter del rimborso IVA in procedura semplificata: riepilogo In base al Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 28 gennaio 2011, all art. 20 del D.M. 28/12/1993, n. 567 ed alle novità introdotte dall art. 14 del D.Lgs. 175/2014, nel caso di richiesta di rimborso IVA mediante procedura semplificata, l attività degli Uffici si svolge secondo il seguente iter: 1) entro 20 giorni dall invio della dichiarazione contenente la richiesta di rimborso in conto fiscale, l Agenzia delle Entrate trasmette per via elettronica all Agente della riscossione, presso cui il contribuente è intestatario del conto fiscale, i dati relativi alla richiesta di rimborso; 2) nei successivi 10 giorni, l Agente della riscossione chiede al contribuente, se dovuta, la prestazione della garanzia; 3) se la garanzia non è prestata dal contribuente entro i quaranta giorni successivi alla data di presentazione della dichiarazione, a norma dei commi 3 e 4 dell articolo 20 del D.M. 567/1993, la richiesta stessa non ha corso. Resta tuttavia possibile per il contribuente la presentazione, anche se tardiva, della garanzia, la quale, alla luce dell interpretazione semplificatoria fornita dall Amministrazione Finanziaria con la Circolare n. 32/2014, viene ora assimilata ad un istanza di sollecito di pagamento, in linea con quanto previsto nel caso del rimborso IVA

9 mediante procedura ordinaria. Si ritiene così superato il precedente orientamento espresso con la Circolare n. 17/2011, in base al quale la garanzia tardiva doveva comunque essere accompagnata con una espressa istanza di sollecito di pagamento. Inoltre, con la medesima Circolare n. 32/2014, la tardiva presentazione della garanzia (sempre se dovuta), consente ora di mantenere in capo al contribuente l originaria posizione cronologica, nell ambito della graduatoria stilata per l erogazione dei rimborsi, differentemente dal passato (vedi infra); 4) entro 60 giorni dall invio della dichiarazione contenente la richiesta di rimborso IVA in conto fiscale, l Agente della riscossione, rispettando l ordine cronologico, eroga il rimborso, tramite accreditamento sul conto corrente bancario o postale comunicato dall intestatario del conto fiscale. Qualora il rimborso non possa essere eseguito per mancanza di fondi, spettano a favore dei contribuenti gli interessi. Dunque, in caso di tardiva esecuzione del rimborso, sulle somme erogate dall Agente della riscossione gli interessi, nella misura del 2%, maturano a decorrere dal 60 giorno successivo a quello di invio della dichiarazione e, devono, pertanto, essere corrisposti al contribuente da parte del medesimo Agente della riscossione. Peraltro, a seguito delle novità introdotte dal D.Lgs. 175/2014, per i rimborsi erogati dal 1 gennaio 2015, gli interessi dovuti sono corrisposti automaticamente, senza necessità di ulteriori adempimenti da parte del contribuente. Come sopra esposto, in sede di determinazione della garanzia i suddetti interessi non devono, invece, essere conteggiati nell importo da garantire, stante l obiettivo del Provvedimento del 26/06/2015 di contrarre i costi in capo ai contribuenti.

10 2) RIMBORSO ANNUALE IVA IN PROCEDURA ORDINARIA Ai fini della determinazione dell importo da garantire, in base ai concetti espressi nel Glossario, sulla scorta delle disposizioni normative e della prassi amministrativa in merito, la compilazione dei singoli campi del modello deve avvenire come segue: campo A: occorre indicare la parte di eccedenza dell imposta richiesta a rimborso all Ufficio dell Agenzia delle Entrate. In caso di rimborso di importo superiore a euro, con pagamento richiesto in parte all Agente della riscossione ed in parte all Agenzia delle Entrate, l importo da indicare in questo campo deve essere al netto dell importo chiesto a rimborso all Agente della riscossione. campo B: occorre indicare gli interessi calcolati sull importo del campo A, che decorrono dal 90 giorno successivo alla data di presentazione della richiesta (mediante dichiarazione annuale/istanza trimestrale) fino alla data di presunta effettuazione del rimborso. Tali interessi sono quelli dovuti dall Amministrazione Finanziaria a favore del contribuente, per il ritardo nell esecuzione dei rimborsi e, nel caso di rimborso IVA in procedura ordinaria, continuano a dover essere computati nell importo da garantire. Invero, si ricorda che, a norma del novellato art. 38-bis, co. 1, i rimborsi previsti nell articolo 30 sono eseguiti, su richiesta fatta in sede di dichiarazione annuale, entro tre mesi dalla presentazione della dichiarazione. Come chiarito dalla Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 32/2014, i 3 mesi (o, meglio, i 90 giorni) entro i quali l Amministrazione Finanziaria dovrebbe effettuare il rimborso dell IVA, decorrono dalla data di effettiva presentazione della dichiarazione. Pertanto, se ad esempio la dichiarazione IVA è presentata il 1 febbraio, è a tale data che deve farsi riferimento per calcolare la decorrenza del termine di tre mesi. Di conseguenza, a partire dal 90 giorno successivo alla data di effettiva presentazione della dichiarazione, si applicano gli interessi per l eventuale

11 ritardo nell esecuzione dei rimborsi da parte dell Amministrazione Finanziaria, come statuito dal medesimo comma 1 dell art. 38-bis. In base a tale norma, anche i suddetti interessi si applicano in ragione del 2% annuo. Ai fini della quantificazione della garanzia, dovendo tali interessi essere computati fino alla data di presunta effettuazione del rimborso, per Data di presunta effettuazione del rimborso si deve intendere il 60 giorno dalla data di prestazione della garanzia, da quanto si desume dal Glossario, e non più il 120 giorno decorrente dalla data della stessa, come invece previsto nel precedente modello Anche questa modifica persegue il fine della riduzione dei costi sostenuti dai contribuenti per l ottenimento dei rimborsi IVA; campo C: occorre indicare gli interessi calcolati sull importo del campo A per la durata di validità della garanzia. Tali interessi sono quelli che i contribuenti sono tenuti a corrispondere nel caso in cui il rimborso effettuato risulti successivamente non spettante, a seguito di verifica da parte dell Amministrazione Finanziaria. In base all art. 38-bis, co. 1, D.P.R. n. 633/1972, gli interessi si applicano in ragione del 2% annuo. Essi vengono calcolati in base alla durata di validità della garanzia. Come si evince dal Glossario, tale durata deve essere pari ad un triennio, decorrente dalla data di erogazione del rimborso, ovvero per il minor periodo intercorrente tra la data di erogazione e il termine di decadenza dell accertamento, previsto dall art. 57 del D.P.R. n. 633/1972; campo D: occorre indicare l importo totale (A + B + C). Iter del rimborso IVA in procedura ordinaria: riepilogo In base al Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 28 gennaio 2011 ed all art. 20, co. 4-bis, del D.M. 567/1993, nel caso di richiesta di rimborso IVA mediante procedura ordinaria, l attività degli Uffici si svolge secondo il seguente iter: 1. il rimborso è disposto dall Ufficio dell Agenzia delle Entrate, ma è materialmente erogato dall Agente della riscossione, entro 20 giorni dalla ricezione della disposizione di pagamento emessa dall Ufficio; 2. esso viene erogato entro 90 giorni dalla data di effettiva presentazione della dichiarazione, contenente la richiesta di rimborso

12 IVA con procedura ordinaria. Dunque, in caso di tardiva esecuzione del rimborso, sulle somme erogate gli interessi, nella misura del 2%, maturano a decorrere dal 90 giorno successivo a quello di invio della dichiarazione. 3) RIMBORSO INFRANNUALE IVA Ai fini della determinazione dell importo da garantire, in base ai concetti espressi nel Glossario, sulla scorta delle disposizioni normative e della prassi amministrativa in merito, la compilazione dei singoli campi del modello deve avvenire come segue: campo A: occorre indicare l eccedenza d imposta chiesta a rimborso per il 1, 2 e 3 trimestre dell anno di riferimento. campo B: occorre indicare gli interessi calcolati sull importo del campo A, che decorrono dal giorno di scadenza del termine di pagamento del rimborso infrannuale fino alla data presunta di effettuazione dello stesso. Tali interessi sono quelli dovuti dall Amministrazione Finanziaria a favore del contribuente, per il ritardo nell esecuzione dei rimborsi e, nel caso di rimborso IVA trimestrale, continuano a dover essere computati nell importo da garantire. In base all art. 38-bis, co. 1, D.P.R. n. 633/1972, anche tali interessi si applicano in ragione del 2% annuo. Come si desume dal Glossario, per data presunta di effettuazione del rimborso si deve intendere il 60 giorno dalla data di prestazione della garanzia, e non più il 120 giorno decorrente dalla data della stessa, come previsto nel precedente modello. Inoltre, per giorno di scadenza del termine di pagamento del rimborso trimestrale si intende il giorno 20 del secondo mese successivo

13 al trimestre solare di riferimento, ai sensi dell art. 1 del D.M. 23 luglio 1975, come sostituito dal D.M. 15 febbraio campo C: occorre indicare gli interessi calcolati sull importo del campo A per la durata di validità della garanzia. Tali interessi sono quelli che i contribuenti sono tenuti a corrispondere nel caso in cui il rimborso effettuato risulti successivamente non spettante, a seguito di verifica da parte dell Amministrazione Finanziaria. Ai sensi dell art. 1, co. 16, D.L. 417/ che richiama l art. 38-bis, co. 1, del D.P.R. n. 633/ gli interessi si applicano in ragione del 2% annuo. Essi vengono calcolati in base alla durata di validità della garanzia. Come si evince dal Glossario, tale durata deve essere pari ad un triennio, decorrente dalla data di erogazione del rimborso, ovvero per il minor periodo intercorrente tra la data di erogazione e il termine di decadenza dell accertamento, previsto dall art. 57 del D.P.R. n. 633/1972; campo D: occorre indicare l importo totale (A + B + C). Iter del rimborso IVA trimestrale: riepilogo In base dell art. 1 del D.M. 23 luglio 1975 (come sostituito dal D.M. 15 febbraio 1979) e all art. 1, co. 16, D.L. 417/1991, nel caso di richiesta di rimborso IVA infrannuale, l attività degli Uffici si svolge secondo il seguente iter: 1) il rimborso è eseguito direttamente dall Ufficio dell Agenzia delle Entrate, entro il giorno 20 del secondo mese successivo al trimestre solare di riferimento, per il quale il contribuente ha presentato istanza di rimborso mediante il modello IVA TR. In proposito, si ricorda che il termine per la presentazione del modello IVA TR è rappresentato dall ultimo giorno del mese successivo al trimestre di riferimento (30 aprile 31 luglio 31 ottobre). Ciò significa che, se ad esempio il modello IVA TR viene presentato il 31 luglio 2015, il giorno di scadenza del termine di pagamento del rimborso trimestrale dovrà essere il 20 agosto 2015; 2) dalla suddetta data, in caso di tardiva esecuzione del rimborso trimestrale, sulle somme erogate decorrono gli interessi nella misura del 2%, a norma dell art. 1, co. 16, D.L. 417/1991.

14 MANCATA O TARDIVA PRESENTAZIONE DELLA GARANZIA La Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 32/2014 ha specificato che la garanzia, nei casi in cui deve essere presentata, costituisce un documento propedeutico alla fase di liquidazione del rimborso. Pertanto, la sua eventuale mancata presentazione comporta la non erogazione del rimborso, ma non influisce ai fini della proroga del termine di decadenza dell accertamento di cui all articolo 57 del DPR n. 633 del 1972, ossia, non è idonea a prolungare illimitatamente il termine di decadenza del potere di accertamento da parte dell Amministrazione Finanziaria. In tal modo, l Agenzia ha confermato quanto già dalla stessa sottolineato con la precedente Circolare n. 17/E del 06/05/2011, nella quale era stato evidenziato che l atto di garanzia non è richiesto al contribuente ai fini del controllo della regolarità formale dell istanza presentata ma è propedeutico alla sola fase di liquidazione del rimborso stesso.. Tale atto è, infatti, volto a salvaguardare immediatamente gli interessi dell Erario qualora sia accertata, in altra sede, la non spettanza della somma originariamente rimborsata. Con la medesima Circolare n. 32/2014, è stato inoltre precisato che, nel caso di rimborso richiesto in procedura semplificata, il contribuente che tardivamente si trovi nelle condizioni di prestare le garanzie potrà sollecitare, con un ulteriore istanza, diretta all Agente della riscossione competente, la liquidazione del rimborso. Tale ulteriore istanza non può essere considerata quale nuova istanza di rimborso, ma solo come richiesta in forma libera di sollecito di pagamento. Al riguardo, superando il precedente orientamento espresso con la Circolare n. 17/2011, l Agenzia ha peraltro fornito un interpretazione più favorevole al contribuente, affermando che anche la presentazione tardiva della garanzia è equiparabile all istanza di sollecito di pagamento. Ciò comporta che la tardiva presentazione della garanzia, in assenza di altri elementi ostativi, rende erogabile il rimborso secondo l originario ordine cronologico. Confcooperative Piacenza Servizio Fiscale

Novità in materia di Rimborsi IVA

Novità in materia di Rimborsi IVA Circolare 4 del 2 febbraio 2015 Novità in materia di Rimborsi IVA INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 3 Rimborsi di importo fino a 15.000,00 euro...3 4 Rimborsi di importo superiore a 15.000,00

Dettagli

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 Sandra Migliaccio (Agenzia delle Entrate - DR Piemonte Ufficio Fiscalità Generale) Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del

Dettagli

I RIMBORSI IVA : CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE FISCO E TRIBUTI

I RIMBORSI IVA : CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE FISCO E TRIBUTI Ambrosia Corporate Solutions Newsletter I RIMBORSI IVA : CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE FISCO E TRIBUTI Gennaio 2015 L Amministrazione Finanziaria ha fornito, con la Circolare n. 32/E del 30 dicembre

Dettagli

MODELLO PER INTERMEDIARI/BANCHE PER LA COSTITUZIONE DI DEPOSITO VINCOLATO IN TITOLI DI STATO O GARANTITI DALLO STATO PER IL RIMBORSO DELL IVA

MODELLO PER INTERMEDIARI/BANCHE PER LA COSTITUZIONE DI DEPOSITO VINCOLATO IN TITOLI DI STATO O GARANTITI DALLO STATO PER IL RIMBORSO DELL IVA MODELLO PER INTERMEDIARI/BANCHE PER LA COSTITUZIONE DI DEPOSITO VINCOLATO IN TITOLI DI STATO O GARANTITI DALLO STATO PER IL RIMBORSO DELL IVA Finalità Utilizzo Compilazione e consegna Tipo di garanzia

Dettagli

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso Con un apposito provvedimento il Direttore dell Agenzia delle Entrate ha approvato un nuovo modello di garanzia per la richiesta di rimborso dell

Dettagli

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Artt. 13, 14 e 15, d.lgs. 21 novembre 2014, n. 175 Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata di Leda Rita Corrado

Dettagli

Studio Dott.ssa Concetta Pettrone

Studio Dott.ssa Concetta Pettrone Informativa per la clientela di studio N. 06 del 07.01.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: IVA nuove regole sui rimborsi Gentile Cliente, Con l art. 13 del Decreto Semplificazioni Fiscali (D.Lgs.

Dettagli

MODELLO PER INTERMEDIARI/BANCHE PER LA COSTITUZIONE DI DEPOSITO VINCOLATO IN TITOLI DI STATO O GARANTITI DALLO STATO PER IL RIMBORSO DELL IVA

MODELLO PER INTERMEDIARI/BANCHE PER LA COSTITUZIONE DI DEPOSITO VINCOLATO IN TITOLI DI STATO O GARANTITI DALLO STATO PER IL RIMBORSO DELL IVA MODELLO PER INTERMEDIARI/BANCHE PER LA COSTITUZIONE DI DEPOSITO VINCOLATO IN TITOLI DI STATO O GARANTITI DALLO STATO PER IL RIMBORSO DELL IVA Finalità Utilizzo Compilazione e consegna Tipo di garanzia

Dettagli

MODELLO PER SOCIETÀ/BANCHE PER IL RILASCIO DI POLIZZA FIDEIUSSORIA O FIDEIUSSIONE BANCARIA PER IL RIMBORSO DELL IVA

MODELLO PER SOCIETÀ/BANCHE PER IL RILASCIO DI POLIZZA FIDEIUSSORIA O FIDEIUSSIONE BANCARIA PER IL RIMBORSO DELL IVA MODELLO PER SOCIETÀ/BANCHE PER IL RILASCIO DI POLIZZA FIDEIUSSORIA O FIDEIUSSIONE BANCARIA PER IL RIMBORSO DELL IVA Finalità Utilizzo Compilazione e consegna Tipo di garanzia Il presente modello deve essere

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente Provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente Provvedimento. N. 87349/2015 Approvazione del modello di polizza fideiussoria o fideiussione bancaria per il rimborso dell imposta sul valore aggiunto, a seguito delle modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 Le altre novità dell articolo 10 del D.L.78/2009 Numerose le modifiche tributarie introdotte dall articolo 10 del D.L.78/2009 che interessano

Dettagli

RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011

RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011 RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011 Con la presente informativa, si ricordano ai clienti le regole generali per chiedere il rimborso del credito IVA 2011. Dallo scorso anno a seguito

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

CIRCOLARE N. 3/2016. Approfondimento. Oggetto: utilizzo in compensazione del credito IVA annuale 2015 e visto di conformità

CIRCOLARE N. 3/2016. Approfondimento. Oggetto: utilizzo in compensazione del credito IVA annuale 2015 e visto di conformità Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Clementina Mercati Dott. Fausto Braglia Dott. Paolo Caprari Reggio Emilia, lì 12 gennaio 2016 CIRCOLARE

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 06 maggio 2011 OGGETTO: IVA Rimborsi Procedura ordinaria e semplificata Omessa prestazione delle garanzie Sospensione dei termini di decadenza dell

Dettagli

Ballarè Sponghini e Associati

Ballarè Sponghini e Associati Ballarè Sponghini e Associati STUDIO COMMERCIALISTI E CONSULENTI TRIBUTARI Dott. Andrea Ballarè Dott. Fabio Sponghini Dott.ssa Emanuela Tarulli Rag. Enzo Manfredi Dott.ssa Claudia Balestra Dott. Andrea

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. - su proposta dell Assessore al Territorio, Ambiente e Opere Pubbliche, Sig. Alberto Cerise; D E L I B E R A

LA GIUNTA REGIONALE. - su proposta dell Assessore al Territorio, Ambiente e Opere Pubbliche, Sig. Alberto Cerise; D E L I B E R A LA GIUNTA REGIONALE - Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale che, all art. 242, comma 7, stabilisce che il provvedimento di approvazione del progetto operativo di

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 19 del 10 marzo 2012 DL sulle semplificazioni fiscali (DL 2.3.2012 n. 16) - Nuovi limiti alla compensazione dei crediti IVA INDICE 1 Premessa... 2 2 Ambito di

Dettagli

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI 1. Domanda: Quanti progetti risultano ammessi al co finanziamento? Risposta: Al momento i progetti ammessi al co finanziamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 32/E. Roma, 30 dicembre 2014

CIRCOLARE N. 32/E. Roma, 30 dicembre 2014 CIRCOLARE N. 32/E Roma, 30 dicembre 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Esecuzione dei rimborsi IVA alla luce delle modifiche apportate all articolo 38-bis del decreto del Presidente

Dettagli

OGGETTO: Check list visto di conformità

OGGETTO: Check list visto di conformità Informativa per la clientela di studio N. 29 del 18.02.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check list visto di conformità Per poter effettuare compensazioni orizzontali del credito IVA annuale,

Dettagli

Gestione Credito IVA Annuale

Gestione Credito IVA Annuale HELP DESK Nota Salvatempo 0004 MODULO Gestione Credito IVA Annuale Quando serve La normativa Novità 2012 La funzione consente di gestire in modo automatico i vincoli sull utilizzo del credito introdotti

Dettagli

Circolare n. 14. del 15 marzo 2012. Nuovi limiti alla compensazione dei crediti IVA (DL 2.3.2012 n. 16) - Decorrenza dall 1.4.

Circolare n. 14. del 15 marzo 2012. Nuovi limiti alla compensazione dei crediti IVA (DL 2.3.2012 n. 16) - Decorrenza dall 1.4. Circolare n. 14 Nuovi limiti alla compensazione dei crediti IVA (DL 2.3.2012 n. 16) - Decorrenza dall 1.4.2012 del 15 marzo 2012 INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza delle nuove disposizioni... 2 3 Determinazione

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015

RISOLUZIONE N. 98/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015 RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015 OGGETTO: Consulenza giuridica Fatturazione delle prestazioni rese dai medici di medicina generale operanti in regime di convenzione con

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente Provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente Provvedimento. N. 87349/2015 Approvazione del modello di polizza fideiussoria o fideiussione bancaria per il rimborso dell imposta sul valore aggiunto a seguito delle modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 17 20.01.2014 Credito Iva 2013 Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione L utilizzo in compensazione orizzontale del credito IVA

Dettagli

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA CIRCOLARE n. 03/2010 Pesaro, 25 gennaio 2010 Spett.li Clienti Loro SEDI COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA 1 Chiarimenti compensazioni iva: 1.1 Compensazione verticale

Dettagli

Dilazione straordinaria delle somme iscritte a ruolo - Provvedimento attuativo - Riepilogo generale della disciplina

Dilazione straordinaria delle somme iscritte a ruolo - Provvedimento attuativo - Riepilogo generale della disciplina Circolare n. 40 del 19 dicembre 2013 Dilazione straordinaria delle somme iscritte a ruolo - Provvedimento attuativo - Riepilogo generale della disciplina INDICE 1 Premessa... 2 2 Dilazione ordinaria...

Dettagli

BONUS 80 EURO: ECCO GLI ULTERIORI CHIARIMENTI OPERATIVI.

BONUS 80 EURO: ECCO GLI ULTERIORI CHIARIMENTI OPERATIVI. . Prot. n 1215/22 Circolare N 13/LUGLIO 2014 LUGLIO 2014 A tutti i colleghi (*) BONUS 80 EURO: ECCO GLI ULTERIORI CHIARIMENTI OPERATIVI. Già con la circolare del mese di Aprile Vi avevamo dato le primissime

Dettagli

CIRCOLARE N. 1. Roma, 15 gennaio 2010

CIRCOLARE N. 1. Roma, 15 gennaio 2010 CIRCOLARE N. 1 Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 15 gennaio 2010 OGGETTO: Controllo preventivo delle compensazioni dei crediti relativi all imposta sul valore

Dettagli

carta intestata assicurazione/banca SCHEMA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Fideiussione bancaria/polizza fideiussoria)

carta intestata assicurazione/banca SCHEMA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Fideiussione bancaria/polizza fideiussoria) carta intestata assicurazione/banca SCHEMA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Fideiussione bancaria/polizza fideiussoria) (indicare denominazione e indirizzo completo della filiale/agenzia emittente la garanzia) Riferimento

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Compensazioni crediti Irpef, Ires, Irap e addizionali: visto di conformità obbligatorio sopra 15.000 euro

Compensazioni crediti Irpef, Ires, Irap e addizionali: visto di conformità obbligatorio sopra 15.000 euro CIRCOLARE A.F. N. 18 del 5 Febbraio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Compensazioni crediti Irpef, Ires, Irap e addizionali: visto di conformità obbligatorio sopra 15.000 euro Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Circolare N.47 del 29 Marzo 2012. Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori

Circolare N.47 del 29 Marzo 2012. Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Circolare N.47 del 29 Marzo 2012 Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

OGGETTO: UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2013

OGGETTO: UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Circolare n. 4 del 14/1/2014 OGGETTO: UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2013 Con la presente vogliamo rammentare ai contribuenti le modalità di utilizzo del credito onde evitare errate,

Dettagli

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO RISOLUZIONE N.100/E Roma, 19 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Articolo 1, commi 280-283, della legge 27 dicembre 2006,

Dettagli

Roma, 10 febbraio 2005 CIRCOLARE N. 27 / 2005 Prot. 88

Roma, 10 febbraio 2005 CIRCOLARE N. 27 / 2005 Prot. 88 Pb-(mod_09_I_Ed_02_Rev_01 / g:segreteria 2005\CIRCOLARI\AM SERVIZI\gest rimb iva.doc / 14/02/05) Roma, 10 febbraio 2005 CIRCOLARE N. 27 / 2005 Prot. 88 AGLI ENTI ASSOCIATI FR/ FISCO ENTI PUBBLICI ECONOMICI

Dettagli

Circolare N.29 del 14 Febbraio 2013. Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti?

Circolare N.29 del 14 Febbraio 2013. Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti? Circolare N.29 del 14 Febbraio 2013 Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti? Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che le

Dettagli

* al Comitato introdotto con delibera del Comitato Agevolazioni dell 11.10.2011.

* al Comitato introdotto con delibera del Comitato Agevolazioni dell 11.10.2011. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST in base alla Convenzione stipulata il 16.10.1998 tra il Ministero del Commercio con l Estero (ora Ministero dello Sviluppo Economico) e la SIMEST CIRCOLARE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE N. 2010/ 151122 Ripresa degli adempimenti tributari non eseguiti per effetto della sospensione disposta in seguito agli eventi sismici del 6 aprile 2009 che hanno colpito il territorio della regione Abruzzo

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE D.A. n. 17/Gab REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE VISTO lo statuto della Regione Sicilia; VISTA la L.R. n. 2 del 10.04.78 di istituzione dell Assessorato

Dettagli

CIRCOLARE N.22/E. Roma, 11 luglio 2014

CIRCOLARE N.22/E. Roma, 11 luglio 2014 CIRCOLARE N.22/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 11 luglio 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 1, comma 91, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quale dispone, tra l altro, che, a decorrere dal periodo di imposta 2015, agli enti di previdenza

Dettagli

INDICE. Prefazione all edizione 2009... pag. 13 CAPITOLO PRIMO L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE

INDICE. Prefazione all edizione 2009... pag. 13 CAPITOLO PRIMO L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE INDICE Prefazione all edizione 2009... pag. 13 CAPITOLO PRIMO L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE 1.1 Detrazione su Iva a debito... pag. 21 1.2 Compensazione con altre imposte... pag. 21 1.3 Cessione nell

Dettagli

LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile

LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile Piazza Cavour n.29, 60100 Ancona (AN) Tel.: 071-202538 071-204315 Fax: 071-57360 Posta elettronica: laura.biagioni@consulenti-associati.com LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile Ancona,

Dettagli

Schema di decreto legislativo

Schema di decreto legislativo Schema di decreto legislativo Norme di attuazione dell art. 8 della legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 87 della Costituzione; Vista la legge costituzionale

Dettagli

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI ROMA NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA Roma, 11 febbraio 2010 Le nuove regole

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO MODALITÀ DI UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 10, D.L. 1 LUGLIO 2009 N. 78 CONV. IN L. 3 AGOSTO 2009 N. 102 - ARTT. 30, 3 COMMA, 38-BIS, D.P.R. 26.10.1972 N. 633;

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO DAI SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE POSTALE ALL AUTORITÀ

Dettagli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 58/2015 Aprile/15/2015 (*) Napoli 28 Aprile 2015 Entro il prossimo 30 aprile 2015, i contribuenti, che risultano in possesso dei requisiti

Dettagli

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE 1. Domanda: Con quale modalità sarà possibile ottenere chiarimenti in merito alle procedure di attuazione e rendicontazione dei progetti cofinanziati?

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. N. 165769/2014 Approvazione del modello per intermediari/banche per la costituzione di deposito vincolato in titoli di Stato o garantiti dallo Stato per il rimborso dell IVA ai sensi dell articolo 38-bis

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato. Prot.2015/4793 Approvazione del modello 770/2015 Semplificato, relativo all anno 2014, con le istruzioni per la compilazione, concernente le comunicazioni da parte dei sostituti d imposta dei dati delle

Dettagli

ESECUZIONE DEI RIMBORSI IVA

ESECUZIONE DEI RIMBORSI IVA SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 9 19 gennaio 2015 4/FS/om IVA Rimborsi Modifiche - Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 32/E del 30 dicembre 2014 Sintesi L Agenzia delle Entrate fornisce importanti

Dettagli

Circolare n. 13/2012 Nuovi limiti alla compensazione dei crediti IVA

Circolare n. 13/2012 Nuovi limiti alla compensazione dei crediti IVA PERNI & DORENTI PARTNERS OLIVIERO PERNI LUCA DORENTI OF COUNSEL GIOVANNI INTRIGLIOLO BARBARA BONSIGNORI INTERNATIONAL PARTNERS LUCA SOLDATI LINDA MULLER MAURO BRAMBILLA MARCO GUBLER MASSIMO SOMMARUGA Milano,

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 4 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione;

Oggetto: Informativa n. 4 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione; Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 21 febbraio 2014 Oggetto: Informativa n. 4 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione; Contrasto indebiti rimborsi modello 730 Deducibilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 110/E

RISOLUZIONE N. 110/E RISOLUZIONE N. 110/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 maggio 2003 Oggetto: Istanza di interpello. IVA. Lavori di costruzione, rifacimento o completamento di campi di calcio. Comune di.

Dettagli

Novità : divieto di compensazione dei crediti in presenza di ruoli non pagati

Novità : divieto di compensazione dei crediti in presenza di ruoli non pagati Circolare 2/2011 Compensazione crediti in presenza di ruoli Rovereto, 28 marzo 2011 Spett. Clienti Loro Sedi Novità : divieto di compensazione dei crediti in presenza di ruoli non pagati La manovra correttiva

Dettagli

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale CIRCOLARE N. 34 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 22/10/2015 OGGETTO: Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale 2 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SANZIONE

Dettagli

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 69 06.03.2014 Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Con la novità introdotta

Dettagli

Circolari per la Clientela

Circolari per la Clientela Circolari per la Clientela Nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall 1.10.2014 1 PREMESSA Con l art. 11 co. 2 del DL 24.4.2014 n. 66, conv. L. 23.6.2014 n. 89, sono stati previsti

Dettagli

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA-

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Fiscalità Edilizia SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Febbraio 2015 INDICE Premessa... 3 Compensazione credito IVA... 3 Rimborsi IVA Le nuove regole dal 2015...

Dettagli

Nuovi obblighi di presentazione telematica. dall 1.10.2014. Circolare n. 18. del 19 settembre 2014 INDICE

Nuovi obblighi di presentazione telematica. dall 1.10.2014. Circolare n. 18. del 19 settembre 2014 INDICE Circolare n. 18 del 19 settembre 2014 Nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall 1.10.2014 INDICE 1 Premessa...2 2 Decorrenza...3 3 Finalità...3 4 Ambito soggettivo...3 5 Ambito oggettivo...4

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 agosto 2011 OGGETTO: Imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi di titoli Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito con modificazioni

Dettagli

Gli studi di settore secondo la Legge Finanziaria 2005: le schede di sintesi

Gli studi di settore secondo la Legge Finanziaria 2005: le schede di sintesi Pag. 488 n. 6/2005 12/02/2005 Gli studi di settore secondo la Legge Finanziaria 2005: le schede di sintesi di Rosita Donzì La Legge 30/11/2004 n. 311, art. 1, commi da 408 a 411 (in n. 2/2005, pag. 166),

Dettagli

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio TITOLO II Gestione, costo, tariffe TITOLO II Gestione, costo, tariffe ART. 3 Gestione e costo del servizio 3. Il soggetto gestore è tenuto a comunicare alla Giunta Comunale, entro il mese di settembre

Dettagli

ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF. CONFERMA ALIQUOTE ANNO 2014 30/04/2014 IL CONSIGLIO COMUNALE

ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF. CONFERMA ALIQUOTE ANNO 2014 30/04/2014 IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 17 SEDUTA DEL OGGETTO ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF. CONFERMA ALIQUOTE ANNO 2014 30/04/2014 IL CONSIGLIO COMUNALE Richiamato l articolo 52, comma 1, del decreto legislativo 15 dicembre 1997,

Dettagli

IL CREDITO IMPOSTA PER ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO*

IL CREDITO IMPOSTA PER ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO* IL CREDITO IMPOSTA PER ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO* PRECISAZIONI SU UN OPPORTUNITA DEL MERCATO ATTUALE DELLE AGEVOLAZIONI Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n.174 del 29 luglio u.s. del D.M.

Dettagli

RISOLUZIONE N.55/E QUESITO

RISOLUZIONE N.55/E QUESITO RISOLUZIONE N.55/E Roma, 7 giugno 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Agevolazione del 36% - Incompletezza dei dati del bonifico

Dettagli

COMPENSAZIONE DI CARTELLE ESATTORIALI EQUITALIA CON CREDITI ERARIALI

COMPENSAZIONE DI CARTELLE ESATTORIALI EQUITALIA CON CREDITI ERARIALI COMPENSAZIONE DI CARTELLE ESATTORIALI EQUITALIA CON CREDITI ERARIALI a cura del Dott. Vito SARACINO e Revisore Contabile in Bitonto (BA) Nella evoluzione delle procedure in materia di riscossione, a seguito

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione del Tribunale di Locri Relazione del Tesoriere CONSUNTIVO ANNO 2009 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato CIRCOLARE N. 16/E Roma, 19 aprile 2011 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato 2 INDICE

Dettagli

Studio Corbella dottori commercialisti associati

Studio Corbella dottori commercialisti associati dottori commercialisti - revisori dei conti: Piero Luigi Corbella Luigi Corbella Laura Corbella Torella Giacomo Corbella Benedetta Sirtori Daniela Bruniera esperto contabile - revisore dei conti: Franco

Dettagli

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt.

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. 12 e 13 CIRCOLARE n. 7/2013 approvata con delibera del 2 dicembre

Dettagli

CIRCOLARE n. 18 del 17/09/2014 MODELLI F24: DAL 1 OTTOBRE NUOVI OBBLIGHI DI PRESENTAZIONE TELEMATICA

CIRCOLARE n. 18 del 17/09/2014 MODELLI F24: DAL 1 OTTOBRE NUOVI OBBLIGHI DI PRESENTAZIONE TELEMATICA CIRCOLARE n. 18 del 17/09/2014 MODELLI F24: DAL 1 OTTOBRE NUOVI OBBLIGHI DI PRESENTAZIONE TELEMATICA INDICE 1. PREMESSA 2. DECORRENZA 3. AMBITO OGGETTIVO 4. AMBITO SOGGETTIVO 5. FINALITÀ 6. NOVITÀ IN MATERIA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 43436/2014 Approvazione del modello IVA TR per la richiesta di rimborso o per l utilizzo in compensazione del credito IVA trimestrale, delle relative istruzioni e delle specifiche tecniche per la

Dettagli

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 Le regole di compensazione del credito IVA relativo all anno 2013 Il visto

Dettagli

FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N.

FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N. Modello 2 FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N. Oggetto: Fidejussione a prima richiesta a favore di Finpiemonte S.p.A a garanzia della quota di contributo a fondo perduto a titolo di

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno ALLEGATO ALLA CIRCOLARE - FL 7/2012 LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI nell elenco, di cui al Decreto del Ministro dell Interno 15 febbraio 2012, n. 23, recante il Regolamento

Dettagli

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro 12 Gennaio 2011, ore 09:03 Agevolazione 36% - Il caso La ritenuta del 10% si applica sui bonifici a favore di fondi immobiliari? E applicabile la ritenuta d acconto del 10% ai bonifici disposti a favore

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015. Parma, 22 gennaio 2015

CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015. Parma, 22 gennaio 2015 OGGETTO: Legge di stabilità Parte III CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015 Parma, 22 gennaio 2015 Si fornisce di seguito una breve scheda di sintesi delle principali novità introdotte per il 2015 dalla L n. 190

Dettagli

Utilizzo del credito infrannuale

Utilizzo del credito infrannuale Rimborsi Utilizzo del credito infrannuale di Ciro D Ardìa L adempimento Oggetto Presentazione del modello per la richiesta di rimborso/compensazione del credito IVA infrannuale. Soggetti interessati Contribuenti

Dettagli

Tracciabilità dei pagamenti anche per associazioni no profit e pro-loco

Tracciabilità dei pagamenti anche per associazioni no profit e pro-loco Ipsoa Quotidiano LA RISOLUZIONE N. 102/E/2014 20 novembre 2014 ore 06:00 Tracciabilità dei pagamenti anche per associazioni no profit e pro-loco L obbligo di tracciabilità dei pagamenti e dei versamenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 102/E

RISOLUZIONE N. 102/E RISOLUZIONE N. 102/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA BANCA Regime fiscale

Dettagli

Deducibilità forfetaria IRAP ai fini reddituali art. 6 D.L. n. 185 del 29/11/2008 convertito con Legge n. 2 del 28/01/2009 (Decreto anti crisi) Circ.

Deducibilità forfetaria IRAP ai fini reddituali art. 6 D.L. n. 185 del 29/11/2008 convertito con Legge n. 2 del 28/01/2009 (Decreto anti crisi) Circ. Deducibilità forfetaria IRAP ai fini reddituali art. 6 D.L. n. 185 del 29/11/2008 convertito con Legge n. 2 del 28/01/2009 (Decreto anti crisi) Circ. Min. n. 16/E del 14/04/2009 Deduzione a regime (periodo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

Roma, 19 novembre 2014

Roma, 19 novembre 2014 RISOLUZIONE N. 102/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica L obbligo di tracciabilità previsto dall articolo 25, comma 5, della legge 13 maggio 1999, n. 133,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITA SPORTIVE Visto il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito con modificazioni dalla legge 17 luglio 2006,

Dettagli

OGGETTO: Fondo per le risorse decentrate del personale di categoria anno 2014 - Costituzione.

OGGETTO: Fondo per le risorse decentrate del personale di categoria anno 2014 - Costituzione. DETERMINAZIONE N. 3861 DEL 18/12/2014 Proponente: Servizio risorse umane U.O. proponente: Organizzazione Proposta di determinazione: N. 2014/352 del 17/12/2014 OGGETTO: Fondo per le risorse decentrate

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

Anno 2015 N.RF039. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2015 N.RF039. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2015 N.RF039 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 5 OGGETTO ECCEDENZE DI RITENUTE E CREDITO DA ASSISTENZA FISCALE SOLO IN F24 RIFERIMENTI ART. 15 D.LGS. 175/2014;

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: ICI E TARSU

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: ICI E TARSU COMUNE DI CHIOMONTE Provincia di Torino SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI: ICI E TARSU Approvato dal C.C. nella seduta del 20 Dicembre 20008 con atto n 40/08

Dettagli

COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI CAPO DI PONTE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) E DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI (T.A.R.S.U.). Approvato

Dettagli

Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009 n. 1, art. a

Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009 n. 1, art. a Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009 n. 1, art. a 2. 2 Direttive e linee guida in materia di riscossioni. L Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio informa la Giunta

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 381 22.12.2014 Pagamento dell avviso bonario Categoria: Versamenti Sottocategoria: D imposta L'art. 3-bis del D.Lgs. 462/1997 dispone che le somme

Dettagli

N. 42519 /2016 protocollo

N. 42519 /2016 protocollo N. 42519 /2016 protocollo Modificazioni alle istruzioni del modello Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai mod. 730-4 resi disponibili dall Agenzia delle entrate, approvate

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012 INFORMATIVA N. 082 26 MARZO 2013 IMPOSTE DIRETTE LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL Art. 6, DL n. 185/2008 Art. 2, comma 1, DL n. 201/2011 Istruzioni mod. UNICO 2013 Nel mod. UNICO 2013 le imprese / lavoratori

Dettagli

DIVIETO DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IN PRESENZA DI RUOLI SCADUTI

DIVIETO DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IN PRESENZA DI RUOLI SCADUTI CIRCOLARE INFORMATIVA N. 2 FEBBRAIO 2011 DIVIETO DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IN PRESENZA DI RUOLI SCADUTI A decorrere dal 1 Gennaio 2011 sono entrate in vig ore nuove limitazioni per le compensazioni

Dettagli

Locazione e affitto di beni immobili INDICE

Locazione e affitto di beni immobili INDICE Circolare per la Clientela - 29.1.2014, n. 4 Locazione e affitto di beni immobili -Nuovo modello di registrazione- Pagamento dei tributi con il modello "F24 ELIDE" INDICE 1 Premessa 2 Nuovo modello di

Dettagli