Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo"

Transcript

1 Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo ADEMPIMENTO " NOVITÀ " LAVORO I sostituti d imposta, a seguito delle modifiche normative introdotte dal Decreto semplificazioni fiscali, non sono più chiamati alla predisposizione e consegna del modello CUD, bensì a predisporre e consegnare ai sostituititi la nuova Certificazione Unica in relazione ai redditi di lavoro dipendente. L Agenzia delle Entrate ha approvato il modello e le relative istruzioni della nuova Certificazione Unica. I sostituti d imposta sono, quindi, tenuti a utilizzare il nuovo modello in relazione ai redditi di lavoro dipendente, autonomo, provvigioni, redditi diversi, e ritenute effettuate dai condomìni. RIFERIMENTI " D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 D.Lgs. 21 novembre 2014, n. 175 Agenzia delle entrate, provv. 15 gennaio 2015, n SOGGETTI OBBLIGATI " SCADE " Datori di lavoro e enti pensionistici che hanno erogato nel corso dell anno precedente compensi di lavoro dipendente o assimilato al lavoro dipendente per i quali è prevista l applicazione e il successivo riversamento di ritenute fiscali e/o previdenziali. 28 febbraio 2015: la nuova certificazione deve essere consegnata ai soggetti percettori dei redditi 7 marzo 2015: consegna all Agenzia delle Entrate, tramite modalità telematiche PROCEDURE " I sostituti d imposta sono obbligati a: consegnare in duplice copia la certificazione unica trasmettere all Agenzia delle Entrate le certificazioni uniche predisposte, affinché la stessa possa acquisire i dati necessari per l elaborazione della dichiarazione mod. 730 precompilata SANZIONI " CASI PARTICOLARI " In capo al sostituto d imposta è prevista una sanzione amministrativa pari a 100E per ciascuna certificazione omessa, tardiva o errata. Alla sanzione in oggetto non trova applicazione, per espressa previsione normativa, l istituto del cumulo giuridico. 1) Rilascio di una nuova certificazione unica 2) Consegna al sostituito della certificazione antecedentemente all approvazione della certificazione unica. Pratica Fiscale e Professionale n. 7 del 16 febbraio

2 Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. ADEMPIMENTO " NOVITÀ " I datori di lavoro e gli enti pensionistici sono obbligati ad operare, al momento di erogazione dei compensi di lavoro dipendente o assimilato (tra i quali vengono ricondotti anche i redditi di pensione) specifiche ritenute fiscali e previdenziali. Tramite le ritenute fiscali, in particolare, il datore di lavoro o l ente pensionistico procede, in sede di conguaglio annuale, a determinare l imposizione complessivamente dovuta in relazione ai compensi erogati nell anno al singolo percettore. L entità dell imponibile fiscale e delle relative imposte viene determinata dal sostituto d imposta avendo cura di considerare gli eventuali oneri deducibili da questi sostenuti in nome del singolo percettore o di cui ha avuto conoscenza dal percettore medesimo, ed applicando all imposta così determinata le detrazioni per cui hanno diretto riscontro a seguito del rapporto intrattenuto con il percettore (detrazione carichi di famiglia, famiglie numerose, bonus 80E) o da questi documentate. Ne discende che, in assenza di ulteriori redditi, il percettore non è obbligato alla presentazione della dichiarazione dei redditi, salvo che per far valere ulteriori deduzioni o detrazioni non conosciute/riconosciute dal datore di lavoro, in quanto risulta aver già assolto al relativo carico fiscale e la comunicazione di corresponsione del reddito viene successivamente dichiarata dal sostituto d imposta tramite la dichiarazione modello 770 semplificato. A seguito delle modifiche normative introdotte dal Decreto semplificazioni fiscali (D.Lgs 21 novembre 2014, n. 175), i sostituti d imposta non sono più chiamati alla predisposizione e consegna del modello CUD, bensì a predisporre e consegnare ai sostituititi la nuova Certificazione Unica. In tale Certificazione Unica, oltre agli usuali campi previsti dai precedenti modelli CUD, è prevista la possibilità di meglio specificare gli oneri detraibili o deducibili ai fini delle imposte sui redditi riconosciuti, nonché di segnalare tramite un apposito prospetto, la presenza del coniuge o di familiari fiscalmente a carico del soggetto sostituito, informazione che, precedentemente, era relegata alla sola indicazione nello spazio delle annotazioni. Consegna della certificazione al sostituito I sostituti d imposta sono obbligati a consegnare in duplice copia la certificazione unica al sostituito entro il 28 febbraio dell anno successivo a quello cui si riferiscono i dati contenuti nella certificazione. Nel caso di cessazione del rapporto di lavoro la certificazione unica deve, invece, essere consegnata entro 12 giorni dalla richiesta del sostituito. Al sostituto d imposta è concessa la facoltà di trasmettere la certificazione unica in formato elettronico, purché venga garantita al sostituito la possibilità di entrare nella disponibilità della stessa e di poterla materializzare. Tale modalità di consegna non può, tuttavia, essere utilizzata nell ipotesi di rilascio della certificazione unica agli eredi del sostituito deceduto o quando il dipendente cessa il rapporto di lavoro. Per i soli enti previdenziali, invece, la certificazione unica viene predisposta unicamente in formato telematico, salva la possibilità per il singolo destinatario di richiedere l invio cartaceo della stessa. Invio della certificazione all Agenzia delle Entrate In aggiunta alla consegna della certificazione unica al soggetto sostituito, il sostituto d imposta è tenuto a trasmettere all Agenzia delle entrate entro il 7 marzo, salvo il differimento al primo giorno festivo ove il termine cada di sabato o domenica (9 marzo 2015), le certificazioni uniche predisposte, affinché la stessa possa acquisire i dati necessari per l elaborazione della dichiarazione modello 730 precompilata. Il flusso dati che deve essere presentato all Agenzia delle entrate è costituito da: frontespizio quadro CT Certificazione Unica In analogia con quanto previsto per la dichiarazione modello 770/semplificato al sostituto è consentita la facoltà di trasmettere separatamente il flusso relativo alle certificazioni di lavoro dipendenti e quello relativo al lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi. 26 Pratica Fiscale e Professionale n. 7 del 16 febbraio 2015

3 @ Trasmissione La trasmissione può avvenire unicamente tramite modalità telematiche e può essere effettuata direttamente dal sostituto d imposta, ove in possesso delle relative autorizzazioni d accesso, o per il tramite degli intermediari abilitati. La presentazione di tale flusso dati è considerata effettuata nel giorno in cui è conclusa la ricezione dei dati da parte dell Agenzia delle entrate. Attenzione In relazione alla tempestiva trasmissione del flusso dati si evidenzia che vengono considerate comunque tempestive le comunicazioni trasmesse entro i termini, ma scartate dal servizio telematico, purché vengano ritrasmesse entro 5 giorni lavorativi dalla data riportata nella comunicazione che ne attesta i motivi di scarto. SOGGETTI OBBLIGATI " PROCEDURE " Sono interessati alla compilazione, consegna al soggetto sostituito e all invio all Agenzia delle Entrate tutti i datori di lavoro e/o enti pensionistici che nell anno precedente hanno corrisposto redditi di lavoro dipendente o assimilato o hanno corrisposto contributi previdenziali e assistenziali dovuti all INPS e/o premi assicurativi all Inail. Al fine di adempiere correttamente all obbligo di trasmissione all Agenzia delle entrate a ciascun sostituto d imposta è richiesta la compilazione del: Frontespizio quadro CT certificazione unica in relazione a ciascun percettore dei compensi da questi erogati nell anno precedente. Frontespizio Il frontespizio si compone di cinque sezioni volte all indicazione del tipo di comunicazione presentata, dei dati identificativi del sostituto d imposta, del soggetto firmatario della comunicazione, alla firma della comunicazione e all impegno alla presentazione telematica nel caso in cui si ricorra ad un intermediario abilitato. L unica ulteriore particolarità del frontespizio, rispetto all usuale indicazione dei dati identificativi del sostituto, del soggetto firmatario e dell eventuale intermediario è costituita della sezione firma nella quale, in analogia con la dichiarazione modello 770/semplificato è richiesta l indicazione del numero di certificazioni di lavoro dipendete e/o autonomo presentate e di segnalare l eventuale compilazione del quadro CT. Pratica Fiscale e Professionale n. 7 del 16 febbraio

4 Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Quadro CT La compilazione del quadro CT serve per adempiere all obbligo posto in capo ai sostituti d imposta di ricevere in via telematica dall Agenzia delle Entrate i dati contenuti nei modelli dei propri dipendenti e/o sostituiti. I sostituti d imposta che non risultano abilitati ai servizi telematici Entratel o Fisconline che non intendono abilitarsi sono tenuti a delegare un intermediario abilitato alla ricezione dei richiamati modelli Il modello deve essere compilato unicamente dai sostituti che non hanno presentato, a partire dal 2011, l apposito modello per la comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai mod e che trasmettono almeno una certificazione di lavoro dipendente. Non sono, invece, tenuti a compilare il quadro CT i sostituti che: intendono variare i dati comunicati tramite il citato modello, in quanto per tale operazione è richiesto l utilizzo e presentazione del modello stesso trasmettono una fornitura di annullamento o sostituzione. Certificazione unica dati del singolo percipiente La certificazione relativa al singolo percipiente risulta costituita da due sezioni, la prima per l indicazione dei dati anagrafici del sostituto d imposta e del soggetto percipiente e la seconda per l indicazione dei relativi dati reddituali. Attenzione In relazione alla prima sezione si evidenzia che il sostituto d imposta oltre a dover indicare i propri dati è chiamato a riportare il proprio codice attività prevalente e individuare l eventuale codice sede nell ipotesi in cui intenda gestire separatamente, per ragioni organizzative/territoriali, diversi gruppi di dipendenti. In aggiunta ai dati identificativi del soggetto percipiente e all evidenziazione se questi sia un soggetto residente all estero è richiesto di indicare, tramite l indicazione di un apposita sigla, se lo stesso appartiene a una categoria particolare (pensionati, ufficiali, magistrati,) appositamente individuate dalla tabella D allegata alle istruzioni, l eventuale sussistenza di eventi eccezionali tramite l indicazione in apposita casella del: codice 1 per le vittime di richieste estorsive codice 3 per i contribuenti residenti alla data del 12 febbraio 2011 nel comune di Lampedusa e Linosa interessati dall emergenza umanitaria legata all afflusso di migranti codice 8 per i contribuenti colpiti da altri eventi eccezionali. Viene, inoltre, richiesta l indicazione della sussistenza di casi di esclusione dalla compilazione precompilata, avendo cura di indicare il codice 1 nel caso siano certificati unicamente redditi relativi a (art. 50 del T.U.I.R. lettere b), e), f), g) h) e h-bis): indennità e compensi percepiti a carico di terzi dai prestatori di lavoro dipendente, a esclusione di quelli che per clausola contrattuale devono essere riversati al datore di lavoro e di quelli che per legge devono essere riversati allo Stato compensi per l attività libero professionale intramuraria (art. 1, comma 7, Legge 23 dicembre 1996, n. 662) indennità e gettoni di presenza e altri compensi corrisposti dallo Stato, dalle regioni, dalle provincie e dai comuni per l esercizio di pubbliche funzioni indennità percepite dai membri del Parlamento europeo (art. 1, Legge 31 ottobre 1965, n e art. 1, Legge 13 agosto 1979, n. 384) rendite vitalizie e le rendite a tempo determinato, costituite a titolo oneroso, diverse da quelle aventi funzione previdenziale prestazioni pensionistiche (D.Lgs. 21 aprile 1993, n. 124) o vengano certificati solamente dati previdenziali ed assistenziali. 28 Pratica Fiscale e Professionale n. 7 del 16 febbraio 2015

5 Certificazione unica dati fiscali del singolo percipiente Tale sezione della certificazione risulta costituita da 3 pagine in cui vanno indicate le usuali informazioni del modello CUD, quali l entità del reddito erogato al soggetto percipiente, la sua qualifica, l eventuale assoggettamento a ritenute a titolo di imposta o a tassazione separata, unitamente ad ulteriori informazioni quali il sostenimento di oneri detraibili o deducibili. ESEMPIO In considerazione del novero delle ipotesi configurabili e dei dati riportabili in tale certificazione unica, che risulta costituita da più di 200 campi si propone, non essendo percorribile una trattazione puntuale, un esempio di compilazione in presenza della seguente situazione: percezione nel 2014 di un reddito di lavoro dipendente per ,87 dal datore di lavoro A percezione reddito da lavoratore a progetto pari a ,20E dal datore di lavoro B (al netto del versamento alla previdenza complementare e ulteriori oneri deducibili comunicati dal dipendente) richiesta al datore di lavoro B di procedere al versamento del primo e secondo acconto della cedolare secca a seguito locazione immobile abitativo pari, rispettivamente a 200E e 300E reddito assoggettato a cedolare secca maturato nel 2014 è pari a 2.505E richiesta di procedere al conguaglio dei due redditi in capo al datore di lavoro B presenza di coniuge fiscalmente a carico presenza di un figlio fiscalmente a carico di anni 15 produzione al datore di lavoro B della documentazione attestante il versamento nel 2014 di 4.000E a una forma di previdenza complementare produzione al datore di lavoro B della documentazione attestante il versamento nel 2014 di 1.000E a favore di una cassa avente esclusivamente fine assistenziale produzione al datore di lavoro B della documentazione attestante il versamento nel 2014 di 1.000E a favore di un istituzione religiosa rientrante tra quelle fiscalmente agevolabili produzione al datore di lavoro B della documentazione attestante il versamento nel 2014 di 4.000E per spese funebri del genitore del dipendente, di 400E per spese veterinarie, di 300E per spese sportive per il figlio. Pratica Fiscale e Professionale n. 7 del 16 febbraio

6 Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Si procede quindi a riportare la compilazione della certificazione unica presentata dal datore di lavoro B. Si tiene, tuttavia, ad evidenziare che anche il datore di lavoro A dovrà procedere a presentare la propria certificazione unica avendo cura di riportare i dati reddituali e previdenziali erogati nel 2014 al lavoratore dipendente. zione campi da 1 a 68 Nei campi citati della certificazione unica il sostituto d imposta è chiamato a indicare, ai fini dell esempio in oggetto, i compensi complessivamente erogati al dipendente per cui ha effettuato il conguaglio, se questi sono corrisposti a tempo determinato o indeterminato, il numero di giorni nel corso del 2014 per cui il dipendente può usufruire della detrazione per redditi di lavoro dipendente, ladata di inizio del rapporto di lavoro dipendente, le ritenute IRPEF effettuate nel corso del 2014 e l evidenziazione dell avvenuto versamento degli acconti per cedolare secca effettuati direttamente da parte del sostituto d imposta per conto del lavoratore dipendente. Si evidenzia che l importo delle ritenute IRPEF di cui al punto n. 11 deve essere indicato al netto della detrazione riconosciuta per gli oneri detraibili sostenuti dal dipendente e di cui lo stesso ha richiesto il riconoscimento al datore di lavoro. zione campi da 71 a 166 In tali campi il sostituto d imposta è chiamato a indicare gli oneri deducibili e detraibili che ha considerato ai fini della determinazione dell imposizione in capo al lavoratore dipendente, l imposta lorda da questi dovuta antecedentemente all applicazione delle detrazioni d imposta riconosciute, nonché l indicazione della spettanza o meno del bonus IRPEF (c.d. 80E) ed il relativo importo riconosciuto nell ipotesi in cui tale agevolazione risulti spettante La compilazione della sezione (campi da 71 a 82) degli oneri detraibili (art. 15 del T.U.I.R.) costituisce una delle novità introdotte dalla certificazione unica rispetto al Cud. In tale sezione il sostituto d imposta è chiamato a individuare la spesa detraibile tramite l apposito codice rinvenibile dalle tabelle A e B allegate alle istruzioni, e indicare la relativa spesa agevolabile. L importo della stessa, quindi, non può essere superiore all eventuale specifico importo massimo fiscalmente agevolabile e va indicata al lordo dell eventuale franchigia. Riprendendo gli oneri detraibili dell esempio, pertanto, le spese funebri e per le attività sportive devono essere ricondotte al valore massimo fiscalmente agevolabile di 1.549E e 210E, mentre le spese veterinarie vanno ricondotte al valore massimo agevolabile di 387E, ma la relativa detrazione deve essere calcolata al netto della relativa franchigia di 129,11E. L importo indicato nel punto 108 pari a 383,21E deriva, pertanto, dal seguente calcolo: ( ,11)*19%. 30 Pratica Fiscale e Professionale n. 7 del 16 febbraio 2015

7 Il valore riportato nel punto 101 costituisce l imposta lorda Irpef che sarebbe stata dovuta dal lavoratore dipendente a seguito dell applicazione delle aliquote progressive al reddito indicato nel punto 1 della certificazione unica, antecedentemente al riconoscimento delle relative detrazioni. La valorizzazione del punto 102 deriva, invece, dal riconoscimento ai sensi dell articolo 12, comma 1 del T.U.I.R della detrazione per coniuge fiscalmente a carico di 249,09E [( , )/40.000*690] e per il figlio fiscalmente a carico di 293,55E [( , )/95.000*950]. Il successivo punto 113 accoglie, invece, l indicazione del totale delle detrazioni riconosciute al lavoratore dipendente. Nel punto 119 si procede, invece, ad indicare il codice 2 in quanto il lavoratore dipendente non risulta rispettare i requisiti per usufruire del bonus IRPEF (c.d. 80E). L indicazione nel capo 141 del codice 1 identifica la spesa quale versamento alla previdenza complementare con applicazione dell imposto massimo fiscalmente agevolabile pari a 5.164,57E, nel successivo campo 142 viene, quindi, riportato l importo di 4.000E, non considerato ai fini reddituali dal datore di lavoro. Costituisce un ulteriore novità la sezione degli oneri deducibili (campi da 161 a 166) (art. 10 del T.U.I.R.). Nel campo 161 vanno riportati gli oneri deducibili sostenuti nel 2014, ad eccezione di quelli già riportati nel precedente punto 142 o oggetto di uno degli specifici campi 163 e 164. Nell esempio in oggetto va, quindi, riportato l importo di 1.000E relativo all erogazione a favore di un istituzione religiosa rientrante tra quelle fiscalmente agevolabili. Il campo 162 costituisce, invece, una particolarità in quanto risulta volto all indicazione delle somme restituite al soggetto erogatore assoggettate a tassazione in anni precedenti che il datore di lavoro non ha considerato nel processo di conguaglio. Tali importi potranno, alternativamente, essere dedotti dal reddito complessivo degli anni successivi, essere oggetto di una richiesta di rimborso o, rinunciando alla dichiarazione 730 precompilata, essere indicati nella dichiarazione presentata dal lavoratore dipendente. Nel campo 163 dedicato ai versamenti alle casse aventi fini assistenziali va, invece, indicato il relativo l importo di 1.000E. Il campo 164 non va, invece, compilato in quanto l importo versato alla cassa avente fini assistenziali è inferiore all importo massimo agevolabile di 3.615,20E. zione campi da 171 a 264 Tali campi non risultano interessati dall esempio in oggetto ne da particolari novità rispetto al precedente modello Cud. Per consentire una visione completa della certificazione unica si riporta comunque la relativa sezione del modello Pratica Fiscale e Professionale n. 7 del 16 febbraio

8 Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. zione campi da 301 a 413 In considerazione del fatto che l esempio in oggetto prevede la richiesta di effettuare il conguaglio dei redditi erogati da un altro datore di lavoro, si deve procedere a compilare i campi da 301 a 311 al fine di evidenziare, in riferimento a ciascun ulteriore soggetto erogatore di redditi di lavoro dipendente e/o assimilati, l entità del reddito corrisposto, le ritenute da questi già effettuate, e le eventuali somme erogate a titolo di incremento della produttività o per lavori socialmente utili. Il campo prevede l indicazione dell importo complessivo di tali somme nei campi da 301 a 304 e il dettaglio riferibile a ciascun ulteriore soggetto erogante nei campi da 308 a 317. A tal fine il campo 305 è preposto all indicazione del codice fiscale del singolo soggetto erogante. In considerazione del fatto che il lavoratore dipendente ha fruito delle detrazione per coniuge e figlio fiscalmente a carico si dovrà, inoltre, avere cura di compilare l apposito prospetto dei dati identificativi del coniuge e familiari fiscalmente a carico. 32 Pratica Fiscale e Professionale n. 7 del 16 febbraio 2015

9 Dati previdenziali e assistenziali Il datore di lavoro B procederà, infine, a compilare la sezione dei dati previdenziali ed assistenziali Inps compilando la sezione relativa alle collaborazioni coordinate e continuative, corrispondente alla tipologia di lavoro dallo stesso retribuita nel corso dell anno I dati previdenziali attinenti al rapporto di lavoro dipendente risultano, invece, comunicati dal datore di lavoro A, nella certificazione unica relativa al dipendente oggetto dell esempio. Annotazioni e scelta destinazione 2,5 e 8 per mille In considerazione del fatto che il contribuente che accetta la dichiarazione precompilata non risulta tenuto a presentare alcuna dichiarazione dei redditi, nella certificazione unica sono stati introdotti anche i modelli per l esercizio e la comunicazione della destinazione del 2 per mille ai partiti politici ( introdotto con decorrenza dal periodo d imposta 2014), e quelle usuali relative al 5 ed 8 per mille. SANZIONI " CASI PARTICOLARI " In capo al sostituto d imposta è prevista, ai sensi, la comminazione di una sanzione amministrativa pari a 100E per ciascuna certificazione omessa, tardiva o errata (art. 2 del D.Lgs n. 175/2014). Alla sanzione in oggetto non trova applicazione, per espressa previsione normativa, l istituto del cumulo giuridico (art. 12 del D.lgs. 18 dicembre 1997, n. 472). 1) Rilascio di una nuova Certificazione unica Nell ipotesi in cui il sostituto d imposta procede a modificare, dopo il 7 marzo, la certificazione unica precedentemente rilasciata, tramite l emissione e consegna di una nuova Certificazione unica, lo stesso deve avere cura di indicare nella sezione delle annotazioni che il sostituito non può avvalersi della dichiarazione precompilata fornita dall Agenzia delle Entrate, ma che dovrà variarla sulla base dei dati forniti nella nuova certificazione unica rilasciata. 2) Consegna al sostituito della certificazione antecedentemente all approvazione della Certificazione unica Si evidenzia che nell ipotesi in cui il sostituto d imposta abbia consegnato al sostituito la certificazione sui compensi corrisposti antecedentemente all approvazione della certificazione unica, risulta comunque tenuto a predisporre, rilasciare ed inviare la certificazione unica. Pratica Fiscale e Professionale n. 7 del 16 febbraio

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 L Agenzia delle entrate, con provvedimento del 15 gennaio 2016, ha reso disponibile la versione definitiva della Certificazione Unica 2016, meglio nota come CU, da utilizzare

Dettagli

Al fine di dare attuazione alle disposizioni del D.L.vo 175/2014 in tema di semplificazioni fiscali, è stato predisposto un nuovo schema di

Al fine di dare attuazione alle disposizioni del D.L.vo 175/2014 in tema di semplificazioni fiscali, è stato predisposto un nuovo schema di Il modello di Certificazione Unica dei redditi 2015 AUDITORIUM GAM - Torino, 16 dicembre 2014 LUISELLA FASSINO CONSIGLIERE ORDINE CDL DI TORINO Al fine di dare attuazione alle disposizioni del D.L.vo 175/2014

Dettagli

La certificazione unica CUD

La certificazione unica CUD La certificazione unica CUD Il datore di lavoro sostituto d'imposta dei propri dipendenti: il CUD Entro il 28 febbraio di ogni anno (fino al 2007 il termine era il 15 marzo) il sostituto deve rilasciare

Dettagli

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate 1 PREMESSA Il DLgs. 21.11.2014 n. 175 ha previsto la precompilazione dei modelli 730 da parte

Dettagli

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE Circolare 7 del 13 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 3 2 Ambito applicativo della certificazione unica... 3 2.1 Redditi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. N. 7786/2016 Approvazione della Certificazione Unica CU 2016, relativa all anno 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

CIRCOLARE N.31/E. Roma, 2 luglio 2009. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti

CIRCOLARE N.31/E. Roma, 2 luglio 2009. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N.31/E Roma, 2 luglio 2009 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3780 del 6 giugno 2009 Ripresa degli adempimenti e dei versamenti-

Dettagli

N. 42519 /2016 protocollo

N. 42519 /2016 protocollo N. 42519 /2016 protocollo Modificazioni alle istruzioni del modello Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai mod. 730-4 resi disponibili dall Agenzia delle entrate, approvate

Dettagli

Dottore Commercialista

Dottore Commercialista DECRETO SEMPLIFICAZIONI: DAL 2015 NUOVO MODELLO 730 PRECOMPILATO a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) Il D.Lgs. 21.11.2014, n. 175 pubblicato sulla G.U. del 28 novembre 2014 ed entrato in vigore

Dettagli

LE INFORMAZIONI GENERALI SULLA CERTIFICAZIONE UNICA (CU)

LE INFORMAZIONI GENERALI SULLA CERTIFICAZIONE UNICA (CU) LE INFORMAZIONI GENERALI SULLA CERTIFICAZIONE UNICA (CU) GLI ASPETTI NORMATIVI Dal 2015 (in riferimento ai redditi erogati nel 2014) i sostituti d imposta devono utilizzare un nuovo modello per attestare

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 19/01/2015. Circolare n. 02/2015

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 19/01/2015. Circolare n. 02/2015 20121 Milano via San Primo 4, Italia t. +39 02 76.07.671 f. +39 02 76.00.64.74 Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi Milano, lì 19/01/2015 Circolare n. 02/2015 Giuseppe Chiaravalli RAGIONIERE COMMERCIALISTA

Dettagli

ESPOSIZIONE DEL QUESITO

ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 378/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 ottobre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Qualificazione fiscale dei compensi erogati

Dettagli

SERVIZIO CAF 730 PUNTO 1 - REDDITI PER I QUALI È POSSIBILE FRUIRE DELL INTERA NO TAX AREA

SERVIZIO CAF 730 PUNTO 1 - REDDITI PER I QUALI È POSSIBILE FRUIRE DELL INTERA NO TAX AREA Servizio Caf 730 Centro Assistenza Fiscale SERVIZIO CAF 730 INFORMATIVA N. 18 Prot. 2292 DATA 14.03.2006 Settore: Oggetto: Riferimenti: IMPOSTE SUI REDDITI Modello CUD e quadro C Modello CUD, Modello 730/2006

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato. Prot.2015/4793 Approvazione del modello 770/2015 Semplificato, relativo all anno 2014, con le istruzioni per la compilazione, concernente le comunicazioni da parte dei sostituti d imposta dei dati delle

Dettagli

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE INTRODUZIONE...pag. 14 Lo schema del CUD 2009 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro A cura della Redazione Directio Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro Quesito n. 1 - CU e Ravvedimento operoso Rispetto all

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA 2015

CERTIFICAZIONE UNICA 2015 CERTIFICAZIONE UNICA 201 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART., COMMI -ter e -quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 199, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 201 DATI ANAGRAFICI AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO

Dettagli

Oneri deducibili. Contributi

Oneri deducibili. Contributi Oneri deducibili Le spese che costituiscono oneri sono deducibili dal reddito complessivo del contribuente se non già dedotti nella determinazione dei singoli redditi che concorrono a formare il reddito

Dettagli

Denominazione 80078750587 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Indirizzo di posta elettronica. Cognome 2 PRNCGS59A54E379V PERINI CADIGIA ESTER

Denominazione 80078750587 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Indirizzo di posta elettronica. Cognome 2 PRNCGS59A54E379V PERINI CADIGIA ESTER CUD 2014 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL ART. 4, COMMI -ter e -quater, DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, n. 322, RELATIVA ALL ANNO 2013 AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA Codice fiscale

Dettagli

Nuova Certificazione unica CU 2015: redditidilavoroautonomo Edoardo Sesini e Valerio Artina - Dottori commercialisti in Bergamo

Nuova Certificazione unica CU 2015: redditidilavoroautonomo Edoardo Sesini e Valerio Artina - Dottori commercialisti in Bergamo Nuova Certificazione unica CU 2015: redditidilavoroautonomo Edoardo Sesini e Valerio Artina - Dottori commercialisti in Bergamo ADEMPIMENTO " NOVITÀ " LAVORO I sostituti d imposta sono tenuti ad utilizzare

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

trasmesse anche successivamente alla scadenza del 9 marzo 2015, senza che la circostanza comporti l applicazione di sanzion

trasmesse anche successivamente alla scadenza del 9 marzo 2015, senza che la circostanza comporti l applicazione di sanzion Certificazione Unica - Chiarimenti da parte dell Agenzia delle Entrate, possibilità di esenzione per i redditi da prestazione sportiva dilettantistica inferiori 7.500 Come già comunicato in precedenza

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 14 MARZO 2008 Informativa n. 25 QUADRO C: MODALITÀ

Dettagli

PASSAGGIO DALLA DICHIARAZIONE CARTACEA ALLA DICHIARAZIONE TELEMATICA

PASSAGGIO DALLA DICHIARAZIONE CARTACEA ALLA DICHIARAZIONE TELEMATICA Centro Telematico PASSAGGIO DALLA DICHIARAZIONE CARTACEA ALLA DICHIARAZIONE TELEMATICA La legge 662/1996, collegata alla finanziaria 1997, ha conferito al Governo una delega per emanare decreti legislativi

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*)

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) 18 Luglio 2012 SCADE IL 31 LUGLIO 2012 IL

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 67 10.04.2015 CU2015: le modalità di rilascio Fornite le modalità alternative di rilascio della Certificazione Unica 2015 Categoria:

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

COMUNICAZIONE PER LA RICEZIONE IN VIA TELEMATICA TICA DEI DATI RELATIVI AI MOD. 730-4 RESI DISPONIBILI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMUNICAZIONE PER LA RICEZIONE IN VIA TELEMATICA TICA DEI DATI RELATIVI AI MOD. 730-4 RESI DISPONIBILI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE COMUNICAZIONE PER LA RICEZIONE IN VIA TELEMATICA TICA DEI DATI RELATIVI AI MOD. 730-4 RESI DISPONIBILI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE TE D.M. N. 164 DEL 31 MAGGIO 1999 Informativa ai sensi dell art. 13 del

Dettagli

Informativa n. 13 INDICE. del 12 marzo 2013

Informativa n. 13 INDICE. del 12 marzo 2013 Informativa n. 13 del 12 marzo 2013 Modelli 730/2013 - Ricezione in via telematica dall Agenzia delle Entrate del risultato contabile per l effettuazione dei conguagli (modelli 730-4) - Comunicazione all

Dettagli

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti Roma lì 04/05/2014 Prot. 202/2014 A tutti i Centri e Sportelli Circolare n. 52 Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti L art. 51 bis del DL 69/2013 (Decreto del fare) ha previsto

Dettagli

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU MODELLO 770/2001 (DICHIARAZIONE PER LE RITENUTE, I CONTRIBUTI E I PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001 Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU DEVONO PRESENTARE IL

Dettagli

QUESITI FORUM LAVORO 2015 L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE

QUESITI FORUM LAVORO 2015 L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE QUESITI FORUM LAVORO 2015 * * * L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE 1. Stampa progressivo certificazione Ai fini della compilazione della dichiarazione precompilata, il numero di progressivo della certificazione

Dettagli

INDICE. Sezione Prima - INTRODUZIONE. Sezione Seconda - NOVITÀ DEL MODELLO CUD 2014

INDICE. Sezione Prima - INTRODUZIONE. Sezione Seconda - NOVITÀ DEL MODELLO CUD 2014 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE Introduzione... pag. 14 Lo schema del CUD 2014 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

A tutti i Fondi Pensioni. Loro sedi. Milano, 11 gennaio 2015

A tutti i Fondi Pensioni. Loro sedi. Milano, 11 gennaio 2015 A tutti i Fondi Pensioni Loro sedi Milano, 11 gennaio 2015 Oggetto: nuova comunicazione all Anagrafe Tributaria dei dati relativi ai contributi previdenziali. Prime osservazioni Come noto, con provvedimento

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEL PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE DATI IDENTIFICATIVI Sono riportati il codice fiscale, il cognome e il nome o la denominazione del sostituto d'imposta o del CAF o del professionista abilitato

Dettagli

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 Bonus famiglia (art. 1 del DL 29.11.2008 n. 185 convertito nella L. 28.1.2009 n. 2) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali a cura di Matteo Pulga

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEL PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE DATI IDENTIFICATIVI Sono riportati il codice fiscale, il cognome e il nome o la denominazione del sostituto d'imposta o del CAF o del professionista abilitato

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 22 22.04.2015 Redditi di lavoro dipendente e assimilati La novità del Bonus Irpef Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Nel quadro

Dettagli

VideoLavoro 19 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica 2015

VideoLavoro 19 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica 2015 VideoLavoro 19 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica 2015 rubrica: novità e piccoli focus di periodo A cura di Alberto Bortoletto e Laurenzia Binda 1 Certificazione Unica 2015 2 DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA P Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro CT con le relative

Dettagli

Quadro AC COMUNICAZIONE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO

Quadro AC COMUNICAZIONE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Quadro AC COMUNICAZIONE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI COME SI COMPILA CASI PARTICOLARI Il Quadro AC deve essere utilizzato per comunicare i dati identificativi

Dettagli

Modelli 730/2013 - Presentazione in assenza di un sostituto d imposta - Termini e modalità applicative

Modelli 730/2013 - Presentazione in assenza di un sostituto d imposta - Termini e modalità applicative Informativa - ONB Modelli 730/2013 - Presentazione in assenza di un sostituto d imposta - Termini e modalità applicative INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza della nuova disciplina... 2 3 Soggetti che possono

Dettagli

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 CUD 2014. Scade il 28 febbraio il termine per la consegna ai contribuenti Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che il prossimo 28.02.2014 scade il termine

Dettagli

Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015

Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015 Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015 Il nuovo modello CU (Provvedimento n. 4790/E del 15.01.2015, circolare ASSONIME n. 4 del 19.02.2015) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ASSONIME,

Dettagli

Certificazione Unica (c.d. CU2015)

Certificazione Unica (c.d. CU2015) (c.d. CU2015) Indice degli argomenti Introduzione 1. Disposizioni normative 2. Prerequisiti tecnici 3. Impostazioni necessarie per operare in Gestionale 1 4. Stampa Certificazioni Unica Assis tenza tecni

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 12.12.2014 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2016 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2016 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2016 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

MOD CU 2015 Contabilità Finanziaria

MOD CU 2015 Contabilità Finanziaria Pagina 1 di 8 Nuoro, 27 Febbraio 2015 MOD CU 2015 Contabilità Finanziaria Aggiornato il programma per l elaborazione del modello CUD 2015 relativo ai redditi 2014. Con il Provvedimento dell Agenzia delle

Dettagli

ACCONTO PER L ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF

ACCONTO PER L ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF ACCONTO PER L ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF La Finanziaria 2007, con il comma 142 dell articolo 1, ha introdotto il versamento in acconto dell addizionale comunale all imposta sul reddito delle persone fisiche.

Dettagli

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore:

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore: GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015 Relatore: Alessandro Dott. TODESCHELLI Dott. Comm.sta materia «Lavoro» OPEN Dot Com Servizio: Nome servizio Pag. 1 Torino,

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013

1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013 Principali scadenze 1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 ottobre 2013, con il commento dei termini di prossima

Dettagli

NASpI LA NUOVA INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE

NASpI LA NUOVA INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE NASpI LA NUOVA INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO LUNEDI 15 GIUGNO 2015 MESTRE - HOTEL AI PINI Mestre, lì 15 giugno 2015 Approfondimento NASpI e fiscalità a cura di Graziano De Munari

Dettagli

Ufficio Tributario Paolo Stoppa. N. 8 del 23.03.2015 LE NOVITA DEL NUOVO MODELLO 730/2015

Ufficio Tributario Paolo Stoppa. N. 8 del 23.03.2015 LE NOVITA DEL NUOVO MODELLO 730/2015 Informativa per la clientela di studio N. 8 del 23.03.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi LE NOVITA DEL NUOVO MODELLO 730/2015 Anche quest anno siamo pronti per le prossime scadenza fiscale. Sarà un anno

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015. Parma, 22 gennaio 2015

CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015. Parma, 22 gennaio 2015 OGGETTO: Legge di stabilità Parte III CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015 Parma, 22 gennaio 2015 Si fornisce di seguito una breve scheda di sintesi delle principali novità introdotte per il 2015 dalla L n. 190

Dettagli

CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO INDICE 1. PREMESSA 2. OBBLIGO DI PRESENTAZIONE IN VIA TELEMATICA Trasmissione

Dettagli

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Gennaio 2011. Approfondimento su: Rendicontazione del 5 per mille dell irpef

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Gennaio 2011. Approfondimento su: Rendicontazione del 5 per mille dell irpef SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI Gennaio 2011 Approfondimento su: Rendicontazione del 5 per mille dell irpef Sab. 15 (termine prorogato a lunedì 17) Fattura differita Scade oggi il termine per l emissione

Dettagli

Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA

Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA Legnano, 10 Febbraio 2015 Alle imprese assistite Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA Il Decreto Semplificazioni a seguito dell introduzione del mod. 730 precompilato è stato previsto l obbligo in capo ai

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E 1. DICHIARAZIONE ANNUALE DI SPETTANZA DELLE DETRAZIONI 2

CIRCOLARE N. 15/E 1. DICHIARAZIONE ANNUALE DI SPETTANZA DELLE DETRAZIONI 2 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 marzo 2008 OGGETTO: Questioni interpretative connesse con gli adempimenti a carico dei sostituti d imposta. Incontro con la stampa specializzata

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 La Gestione Separata Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 1 2 L iscrizione E a carico del lavoratore o del professionista Deve essere presentata entro 30 giorni dall inizio dell attività.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

Studio Tarcisio Bologna

Studio Tarcisio Bologna NUOVI TERMINI PER L ASSISTENZA FISCALE In attesa della pubblicazione definitiva del modello 730/2015 con le relative istruzioni, la presente Informativa ripercorre le principali scadenze, nonché i vari

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

Circolare N.27 del 23 febbraio 2012. Certificati di malattia: nuovi servizi per il datore di lavoro

Circolare N.27 del 23 febbraio 2012. Certificati di malattia: nuovi servizi per il datore di lavoro Circolare N.27 del 23 febbraio 2012 Certificati di malattia: nuovi servizi per il datore di lavoro Certificazioni di malattia: nuovi servizi per il datore di lavoro Gentile cliente con la presente intendiamo

Dettagli

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Modello 730/2012. Il 30 Aprile è la scadenza per chi ha scelto di presentare la dichiarazione al proprio sostituto di imposta Modello 730/2012: il 30 aprile 2012 è la

Dettagli

Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014

Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014 n 07 del 14 febbraio 2014 circolare n 143 del 13 febbraio 2014 referente BERENZI/mr Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014 Con il Provvedimento

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela Circolare n. 19 del 31 luglio 2014 Modelli 770/2014 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso Pag. 1 di 5 INDICE 1 Premessa... 3 2 Obbligo

Dettagli

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco, Previdenza e Riforme Istituzionali Decreto legge 24 aprile 2014, n 66 - Misure urgenti per la competitività

Dettagli

Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.

Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna. Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato

Dettagli

DICHIARAZIONI FISCALI

DICHIARAZIONI FISCALI QUADRO SG SOMME DERIVANTI DA RISCATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E CAPITALI CORRISPOSTI IN DIPENDENZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE SULLA VITA, O DI CAPITALIZZAZIONE NONCHÉ RENDIMENTI DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità Premessa Il bonus Irpef, contenuto nell art. 1 del D.L. n. 66/2014 (entrato in vigore il 24 aprile 2014), vale esclusivamente per il 2014, anche se il Governo ha fatto sapere

Dettagli

Certificazione Unica 2016 - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate

Certificazione Unica 2016 - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate Circolare 3 del 12 febbraio 2016 Certificazione Unica 2016 - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 3 2 Ambito applicativo della certificazione unica 2016... 3

Dettagli

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA APPLICABILE ANCHE AL 2010 L articolo 2, co.156 e 157 della Finanziaria 2010 rende operative anche per il 2010 alcune misure finalizzate al sostegno della famiglia,

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI LA (Comunicazione CU) Il Decreto Legislativo Semplificazioni fiscali (art. 2, comma 1 del D.Lgs. n. 175/2014), introduce una novità assoluta in ambito fiscale: il Modello 730 pre-compilato a valere già

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 1, comma 91, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quale dispone, tra l altro, che, a decorrere dal periodo di imposta 2015, agli enti di previdenza

Dettagli

MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO. Assimpredil ANCE 18 settembre 2007

MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO. Assimpredil ANCE 18 settembre 2007 MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO Assimpredil ANCE 18 settembre 2007 U.O. Contrattualistica e Fiscalità - Dr.ssa Raffaella Scurati DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA modello 770 semplificato modello 770

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA2016

CERTIFICAZIONE UNICA2016 CERTIFICAZIONE UNICA2016 TIPO I COMUNICAZIONE ATI RELATIVI AL SOSTITUTO Annullamento Sostituzione Cognome o enominazione Nome Telefono o fax prefisso numero Indirizzo di posta elettronica ATI RELATIVI

Dettagli

Certificazione Unica

Certificazione Unica Nota Salvatempo Contabilità 13.0 15 GENNAIO 2014 Certificazione Unica Premessa normativa Il decreto legislativo n. 175/2014 pubblicato in G.U. il 29 novembre 2014, recante disposizioni in materia di semplificazioni

Dettagli

Anno 2014 N.RF091. La Nuova Redazione Fiscale ISCRIZIONI AL 5 PER MILLE 2014 - INDICAZIONI DELLE ENTRATE

Anno 2014 N.RF091. La Nuova Redazione Fiscale ISCRIZIONI AL 5 PER MILLE 2014 - INDICAZIONI DELLE ENTRATE Anno 2014 N.RF091 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 7 OGGETTO ISCRIZIONI AL 5 PER MILLE 2014 - INDICAZIONI DELLE ENTRATE RIFERIMENTI CIRCOLARE AG. ENTRATE N. 7 DEL

Dettagli

1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 SETTEMBRE 2014 AL 15 OTTOBRE 2014

1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 SETTEMBRE 2014 AL 15 OTTOBRE 2014 Principali scadenze 1. PRINCIPALI SCADENZE DAL SETTEMBRE 2014 AL 15 OTTOBRE 2014 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal al 15 ottobre 2014, con il commento dei termini di prossima scadenza.

Dettagli

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. MODELLO 730/2015 730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " FISCO Da quest anno

Dettagli

SCADENZIARIO DAL 16 SETTEMBRE 2014 AL 15 OTTOBRE 2014

SCADENZIARIO DAL 16 SETTEMBRE 2014 AL 15 OTTOBRE 2014 SCADENZIARIO DAL 16 SETTEMBRE 2014 AL 15 OTTOBRE 2014 Modena, 08 2014 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 al 15 ottobre 2014, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013 CIRCOLARE N.28/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 22 agosto 2013 OGGETTO: Assistenza fiscale prestata dai Centri di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti e dai professionisti abilitati

Dettagli

Gecom Paghe. Comunicazione per ricezione telematica dati 730-4. ( Rif. News Tecnica del 14/03/2014 )

Gecom Paghe. Comunicazione per ricezione telematica dati 730-4. ( Rif. News Tecnica del 14/03/2014 ) Gecom Paghe Comunicazione per ricezione telematica dati 730-4 ( Rif. News Tecnica del 14/03/2014 ) TE7304 2 / 16 INDICE Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai modelli 730-4...

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO 2 A PARTE

LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO 2 A PARTE INFORMATIVA N. 198 22 MAGGIO 2015 Fiscale LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO 2 A PARTE Agenzia delle Entrate, Provvedimento n. 4793 del 15 gennaio 2015 Agenzia delle Entrate, Provvedimento prot.

Dettagli

31 Gennaio 2015. Indice. 1- La nuova CU 2015 1. Notiziario del Lavoro N.1 31 Gennaio 2015. Tutti i diritti sono riservati alla Zucchetti S.p.a.

31 Gennaio 2015. Indice. 1- La nuova CU 2015 1. Notiziario del Lavoro N.1 31 Gennaio 2015. Tutti i diritti sono riservati alla Zucchetti S.p.a. Tutti i diritti sono riservati alla Zucchetti S.p.a. Indice 1- La nuova CU 2015 1 Redazione: Pedrazzini Raffaella, Calzari Alessandra, Fedele Barbara, Balestrieri Gloria, Preda Elisa 1 La nuova CU 2015

Dettagli