Memoria di un sublime. Ground Zero di Libeskind

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Memoria di un sublime. Ground Zero di Libeskind"

Transcript

1 Memoria di un sublime. Ground Zero di Libeskind Simona Chiodo 1. Un museo offre agli oggetti che ospita una condizione paradossale: garantisce protezione e conservazione nel tempo e costringe, perlopiù, a una collocazione innaturale, distante dal destino per il quale l oggetto è stato, in origine, creato. Il filosofo americano Nelson Goodman 1 suggerisce 1 Di Nelson Goodman sull arte cfr.: I linguaggi dell arte, tr. it. di F. Brioschi, Il Saggiatore, Milano 1976 (Languages of Art. An Approach to a Theory of Symbols, Bobbs-Merrill, Indianapolis 1968), nonché Vedere e costruire il mondo, tr. it. di C. Marletti, Laterza, Roma-Bari 1988 (Ways of Worldmaking, Hackett, Indianapolis 1978) e Of Mind and Other Matters, Harvard University Press, Cambridge Mass La meditazione estetica di Goodman è anticipata da alcuni studi, tra i quali: Merit as Means, Art and Philosophy, New York University Press, New York 1966, pp ; Art and Inquiry, Proceedings and Addresses of The American Philosophical Association, Eastern Division, Antioch, Yellow Springs, XLI, 1968, pp Questi e altri interventi, successivi a Languages of Art, sono in gran parte raccolti in Problems and Projects, Bobbs-Merrill, Indianapolis Inoltre, è essenziale per la tematizzazione estetica Reconceptions in Philosophy and Other Arts and Sciences, con C.Z. Elgin (Hackett, Indianapolis 1988). Un accenno va al contributo di Goodman destinato al Convegno italiano Livelli di realtà, organizzato da M. Piattelli Palmarini: Storie su storie, piani su piani, o la realtà in livelli, in M. Piattelli Palmarini, a cura di, Livelli di realtà, Feltrinelli, Milano L interesse al mondo dell arte è sostenuto, tra l altro, da una personale frequentazione dei suoi esiti, per così dire, che è persino più antica degli sviluppi teorici: Goodman diresse la galleria d arte Walzer- Goodman a Boston dal 1929 al 1941, fondò Project Zero presso la Harvard University un programma di ricerca interdisciplinare che 1

2 che il museo, dopo tutto, altro non sia che un anomala e sgraziata istituzione resa necessaria soltanto dalla rarità e dalla vulnerabilità di oggetti che appartengono ad altri luoghi 2. È necessario per conservare, è inadeguato alla restituzione di senso: offre alla visibilità e consegna al futuro un oggetto altrimenti sottratto al pubblico e al tempo che verrà; lo forza, d altro canto, a sopravvivere all interno di confini arbitrariamente tracciati da coloro che si preoccupano di conservare, e che così estraggono l oggetto dalla propria collocazione originaria e lo trattengono in uno spazio artificiale e fittizio, perlopiù predisposto a posteriori, senza che abbia scortato, viceversa, la genesi degli oggetti che raccoglie. Così, nel museo, tutt al più si guarda: non si gode della percezione della relazione dell oggetto con il contesto per il quale è stato pensato. L innaturalità della condizione museale complica l abilità di comprensione dell oggetto alla quale è chiapredilige la formazione estetica, e che continua sotto la direzione di Howard Gardner e David Perkins. E coltivò costantemente un vivo interesse per le arti figurative. Oltre a dirigere la galleria Walzer- Goodman, curò numerose collezioni d arte antica (precolombiana e asiatica) e moderna (dal Seicento al Novecento). Elgin, oltre a collaborare ad alcuni tra gli ultimi studi di Goodman dedicati all estetica (il citato Reconceptions in Philosophy and Other Arts and Sciences), cura la raccolta di interventi critici sul pensiero di Goodman, che comprende, tra l altro, estesi contributi sui temi estetici (The Philosophy of Nelson Goodman. Selected Essays, Vol. I: Nominalism, Constructivism, and Relativism in the Work of Nelson Goodman, Vol. II: Nelson Goodman s New Riddle of Induction, Vol. III: Nelson Goodman s Philosophy of Art, Vol. IV: Nelson Goodman s Theory of Symbols and Its Application, Garland Publishing, New York 1997). Di Elgin su Goodman, oltre agli interventi in The Philosophy of Nelson Goodman. Selected Essays, si veda Reference to Reference, Heckett, Indianapolis N. Goodman, The End of the Museum?, in Id., Of Mind and Other Matters, cit., p. 185 (tr. it. mia, qui e di seguito). 2

3 mato chi lo osserva. Goodman accenna alla differenza tra il compito che deve soddisfare chi entra in una biblioteca e il compito al quale è costretto chi entra in un museo: mentre la maggior parte di fruitori di una biblioteca sanno come leggere i libri là dentro, molti tra i visitatori di un museo non sanno come guardare [ ] le opere che là ci sono 3. La biblioteca offre oggetti indifferenti al contesto fisico che li circonda: non devono interagire con il proprio intorno per avere senso, poiché il senso si risolve con sufficiente soddisfazione tra sé e il proprio lettore. Il resto può non contare, ovvero può non sottrarre senso con necessità. Un oggetto conservato in un museo, viceversa, ha perlopiù subito un trasferimento nel tempo e nello spazio. È stato tolto dall intorno fisico d origine ed è stato collocato altrove, spesso accanto ad altri analoghi esemplari, che con esso condividono anzitutto (o soltanto) il nuovo destino di facilitazione alla pubblica visione. Che alla pubblica visione si affianchi una pubblica comprensione, tuttavia, è cosa che si rende più difficile. Il contesto perduto, lasciato là dov era e non portato con sé, complica, perlopiù, la decodificazione del senso dell oggetto: l osservatore entra in un museo, osserva un esteso numero di oggetti che condividono solo artificialmente uno medesimo spazio e un medesimo tempo e si domanda quali oggetti siano, con pochi indizi di contorno sui quali poter contare. Un libro si risolve con una minor complicazione tra sé e il proprio lettore. Un oggetto ospitato in un museo più difficilmente può prescindere dall intorno originario. Dunque, una domanda: presupposta l innaturalità necessaria necessaria, cioè, alla buona conservazione dell oggetto al di fuori dal tempo dal quale proviene qual è la migliore soluzione da adottare per agevolarne la com- 3 Ibid., p

4 prensione? È possibile ricorrere, ad esempio, a due rimedi polari: ora la creazione di una relazione quanto più immediata tra l osservatore e l oggetto; ora, differentemente, l accentuata mediazione. Nel primo caso gli oggetti esposti si accompagnano tutt al più a un informazione minimale, che non ricorre ad altro che a una scarna nomenclatura (qualche indicazione essenziale e nient altro); nel secondo caso si enfatizzano le strategie che agevolano le procedure di decodificazione dell oggetto (una ricca documentazione di supporto per via di scrittura, immagini, suoni e altro ancora). In un caso e nell altro, pur nella radicale differenza, l intenzione si conserva: facilitare la comprensione dell oggetto. Ovvero, suggerirebbe Goodman, farlo agire pur nelle peggiori condizioni possibili, ossia all interno di un museo 4. L oggetto conservato in un museo agisce, ad avviso di Goodman, quando, stimolando uno sguardo indagativo, acuendo la percezione, enfatizzando l intelligenza visiva, aprendo prospettive, portando all emersione nuove connessioni e nuovi contrasti e delimitando significativi aspetti trascurati, partecipa all organizzazione e alla riorganizzazione dell esperienza, e quindi alla costruzione e alla ricostruzione dei nostri mondi 5. Un oggetto agisce, dunque, quando non soltanto si rende comprensibile, bensì esercita un ruolo costruttivo che interessa le modalità conoscitive dell osservatore e non semplicemente, per così dire, i suoi contenuti conoscitivi. Non è sufficiente che l oggetto informi. Occorre, piuttosto, che trasformi meccanismi più radicali, agendo con abilità incisiva sulla qualità osservativa del visitatore che incontra, modificandola ogni volta. Ciò che occorre fare, quindi, è trovare altre 4 Ibid., p Ibid., pp

5 vie di estensione dell influenza del museo all interno di un contesto più naturale un contesto di abitazioni e di luoghi di lavoro 6. Goodman pensa a un museo senza pareti a un museo, dunque, che si estenda, agendo, apprezzabilmente oltre i propri confini. Per quale via è possibile far agire un oggetto raccolto in un museo? O, ancora, in quale modo un museo può estendersi al di là delle proprie pareti? Ad esempio, nel caso in cui, infine, si raggiungano esiti di questo genere: la gente acquista opere originali, le gallerie commerciali sopravvivono, artisti di valore cominciano a essere riconosciuti dal pubblico 7. Così possono incoraggiarsi l azione e l estensione, oltre le proprie pareti, degli oggetti che un museo raccoglie. Con una precisazione che funzioni da necessaria premessa, ad avviso di Goodman: uno dei peggiori effetti di un museo, e che occorre aggirare, è generare l impressione che le opere di valore siano esclusivamente quelle così rare e così costose da dover essere confinate all interno di musei o di grandi collezioni, e che non siano oggetti di valore quelli che la gente può possedere o quelli accanto ai quali la gente può vivere 8. Un museo agisce, dovremmo concludere, se e quando stabilisce una connessione con la vita con la quotidianità dell esistenza, modificandola. Non soltanto a posteriori, bensì a priori, per così dire, includendo la quotidianità con i suoi eventi nella memoria da conservare agevolandone la decodificazione e, specialmente, agendo più estesamente sui meccanismi di comprensione, a qualunque oggetto specifico la comprensione, infine, si orienti. 6 Ibid., p Ibid., p Ibid., p

6 2. È possibile che un museo agisca, ad esempio, se raccoglie il passato per offrirlo a un presente che lo impieghi costruttivamente per la progettazione, ideale e materiale, del futuro se, quindi, non raccoglie il passato semplicemente per conservarlo, preoccupandosi di farlo sopravvivere al tempo, bensì se lo dirige all edificazione del futuro, identificando nel passato oggetti o eventi che vanno compresi prima o per di affidarsi il compito di progettare il futuro. Evidentemente, e come suggerisce Goodman, quest idea non presuppone di necessità l esistenza di oggetti che acquisiscano il diritto di abitare un museo essendo irripetibili e auratici, ovvero sopravvissuti faticosamente al corso dei secoli per via dell eccezionalità che ciascun secolo, credibilmente, ha continuato ad attribuire loro. Non si tratta necessariamente, cioè, di riconoscere nel passato tutelato da un museo la rarità del pezzo unico o l essenzialità del documento storico: il museo il museo che agisce può essere altro ancora 9. Può offrire un occasione di meditazione attorno a oggetti difficili da decodificare e assimilare nella propria storia, e che tuttavia vanno compresi per proseguire, per oltrepassare l arresto che altrimenti segnerebbero sulla parabola che volge al futuro. 9 Cfr. le osservazioni di L. Hourston in Museum Builders, Wiley- Academy, Chichester Hourston ripercorre l evoluzione dell idea di museo, che da luogo di conservazione del repertorio storico e artistico diventa anzitutto generatore di conoscenza (ibid., p. 6), declinandosi a un intreccio più denso con la contemporaneità, facendosi strumento di elaborazione e di comunicazione dell identità del tempo nel quale vive (non semplicemente del tempo del quale racconta). A questo proposito, cfr. anche E. Hooper-Greenhill, Museums and the Shaping of Knowledge, Routledge, London and New York

7 Ground Zero è destinato a diventare qualcosa di questo genere: un museo senza pareti nell intenzione di Daniel Libeskind 10, e ricorrendo, di nuovo, alle parole di Goodman. 10 Daniel Libeskind, di origine ebrea, è nato in Polonia nel 1946 e dal 1965 è cittadino americano. Ha tenuto lezioni in numerose Università statunitensi (Harvard, Yale, Ucla, Chicago) ed europee (Londra, Berlino, Copenaghen, Hannover) e ha fondato nel 1986 e diretto fino al 1989 a Milano l Architecture Intermundium, un istituto privato per l architettura. Tra i numerosissimi eventi a cui ha partecipato, la celebre mostra dedicata nel 1988 all architettura decostruttivistica (Museum of Modern Art, New York). Tra gli altrettanto numerosi riconoscimenti, il Leone di Pietra alla Biennale di Venezia del 1985 e il primo premio all International Bauaustellung di Berlino nel Tra i progetti: il Jewish Museum berlinese ( ), il Felix Nussbaum Haus di Osnabrück ( ), il Danish Jewish Museum a Copenhagen ( ), l Extention to the Victoria & Albert Museum londinese ( ), l Imperial War Museum North di Manchester ( ), lo Studio Weil a Port d Andratx ( ), il Jewish Museum di San Francisco ( ), il Maurice Wohl Convention Centre a Tel Aviv ( ), l Extension to the Denver Art Museum ( ), la London Metropolitan University ( ). Tra le pubblicazioni: Between Zero and Infinity, Rizzoli, New York 1981; Chamberworks, Architectural Association, London 1983; Theatrum Mundi, Architectural Association, London 1985; Line of Fire, Electa, Milano 1988; Marking the City Boundaries, Groningen, The Netherlands 1990; Countersign, Academy Editions, London 1992; Kein Ort an seiner Stelle, Verlag der Künste, Dresden 1995; Unfolding, Nai Uitgevers Publishers, Rotterdam 1997; Fishing from the Pavement, Nai Uitgevers Publishers, Rotterdam 1997; The Jewish Museum Berlin, Verlag der Kunst, Berlin 1999; The Space of Encounter, Universe Press, New York Tra le pubblicazioni su Daniel Libeskind: K. Freireiss, Jewish Museum, Ernst & Sohn, Berlin 1992; A.M. Müller, Radix: Matrix. Works and Writings of Daniel Libeskind, Prestel Verlag, Munich 1994; R.C. Levene, F. Cecilia, El Croquis: Daniel Libeskind, El Croquis, Madrid 1996; L. Sacchi, Universale di architettura. Daniel Libeskind, Museo ebraico, Berlino, Testo & Immagine, Torino 1998; T. Rodiek, Museum ohne Ausgang: Das Felix-Nussbaum-Haus des 7

8 L idea di un museo che agisca con invadenza nella contemporaneità dalla quale si genera, costringendo il passato del quale racconta a interagire con il presente e con il futuro, ha, in Libeskind, celebri tentativi che precedono il progetto dedicato alla ricostruzione di Ground Zero 11. Alcuni tra questi ripropongono il delicatissimo quesito che anche al destino di Ground Zero resta da sciogliere: come testimoniare, con una forza non semplicemente documentativa, la storia di una tragedia? Si tratta, cioè, di un problema di questo genere: come far agire nella contemporaneità un oggetto che la contemporaneità vuole perlopiù rimuovere o vuole tutt al più maneggiare all interno di un archivio, per così dire, che lo sigilli qualificandolo passato, scongiurandone l azione? Nel 1988 Libeskind 12 partecipa al bando di concorso per la costruzione del museo ebraico di Berlino, vincendolo. Dell opportunità di dedicare, proprio a Berlino, un museo alla storia tedesca degli ebrei e alla loro tragedia si discusse a lungo (per oltre vent anni), concludendo con la decisione di procedere all edificazione di un luogo di memoria che, nell intenzione di Libeskind, esplicitasse persino con invadenza il rifiuto della rimozione: Libeskind Kulturgeschichtlichen Museums Osnabrück. Daniel Libeskind, Wasmuth Verlag, Tübingen 1998; E. Dorner, Das Jüdische Museum Berlin, Gebrüder Mann Verlag, Berlin 1999; B. Schneider, The Jewish Museum Berlin. Daniel Libeskind, Prestel Verlag, Munich Si tratta del progetto vincitore, nel 2003, del concorso bandito per la ricostruzione dell area distrutta dall attacco terroristico dell 11 settembre I lavori cominceranno nel corso del Il nucleo del nuovo centro, il Performing Arts Center previsto e ugualmente i grattacieli e la torre saranno costruiti entro il 2007, mentre occorrerà più tempo per gli altri edifici del nuovo complesso. 12 Che alla propria origine ebrea aggiunge, in effetti, una tragedia familiare, avendo perso nel dramma dell Olocausto la maggior parte dei membri della propria famiglia (tutti, a eccezione del padre). 8

9 pensa a un Jewish Museum centralissimo, sulla Lindenstrasse, accanto alla linea che separava la Berlino Est dalla Berlino Ovest, e attiguo al Kollegienhaus, l antico tribunale prussiano. Il museo raccoglie la storia sociale, culturale e politica degli ebrei berlinesi dal quarto secolo alla contemporaneità, dedicando un attenzione viva e costante all Olocausto. Accanto al nome ufficiale ( Jewish Museum ), Libeskind aggiunge un Between the lines, alludendo a due linee che, strutturalmente e allegoricamente, si intersecano con complessità, eppure con necessità: l una ebraica, l altra tedesca, ugualmente berlinesi, come a suggerire che la secolare storia degli ebrei a Berlino sia inscindibile dalle radici di una città che pur è stata, per gli ebrei tedeschi, così dolorosamente incisiva. La connessione è intricata ma indissolubile, se non altro essendo storicamente radicata. Ed è questa l idea che il museo vuole tradurre in visibilità immediatamente accessibile allo sguardo: la dolorosa contorsione è esplicitata da una struttura architettonica che si compone di moduli che disegnano una linea violentemente spezzata, ricordando, con manifesta evidenza (il materiale è un luminosissimo zinco rivestito di titanio, che riflette con particolare vigore la luce), una stella di David dissolta. E che letteralmente ricorda, quasi per via di una citazione, il contorno delle fabbriche di periferia, uno dei simboli che alludono alle abitazioni ebraiche. La scelta di costruire il Jewish Museum accanto alla linea di confine tra la Berlino Est e la Berlino Ovest enfatizza l idea di incontro di un incontro, infine, doloroso tra due alterità, differenti e che pur si invadono con reciprocità. Così, materialmente, ha vita un edificio che somiglia a una matrice irrazionalmente risolta, come fosse il risultato di due linee che, incontrandosi, generassero distorsione, pur richiedendo l una la presenza dell altra. Con una nota quasi ottimistica, l edificio è anticipato da 9

10 un giardino articolato lungo quarantotto colonne che racchiudono piante verdi, a simboleggiare, per via del loro numero, l anno di fondazione dello Stato di Israele (il 1948, appunto). L ingresso si dipana attraverso la Kollegienhaus e si articola, infine, lungo un entrata vuota intensamente drammatica, attraverso una scala che scende al di sotto delle fondamenta dell edificio, materializzandosi in una struttura indipendente soltanto al di fuori, successivamente riemergendo. Così, l edificio preesistente si unisce al nuovo solo sottoterra, rilevando la contraddittoria autonomia delle due strutture sulla superficie e concedendo una connessione strutturale solo al di sotto dell apparenza. Ci sono tre vie sotterranee, dedicate a tematizzazioni indipendenti l una dall altra: la prima, più lunga, conduce agli spazi espositivi del museo; la seconda porta all esterno, rappresentando l esilio e l emigrazione degli ebrei dalla Germania; la terza si inoltra in un percorso senza uscita, di drammatica intensità allusiva. Passando da un settore all altro del museo, il visitatore è invitato ad attraversare sessanta ponti, sotto ai quali si apre uno spazio vuoto, che, simbolicamente, orienta la vertigine strutturale alla constatazione dell assenza degli ebrei vittime dell Olocausto. Ricorrono con assidua frequenza i nomi degli ebrei deportati da Berlino durante gli anni dell Olocausto, tratti dai Gedenkbuch. Oltre ai settori espositivi, il museo contiene un archivio, un centro di documentazione, un foro per manifestazioni pubbliche e un centro pensato per istruire, specialmente, i visitatori più giovani. 10

11 Fig. 1. Il Jewish Museum di Berlino da un angolazione esterna, che evidenzia le quarantotto colonne all interno delle quali crescono piante verdi, simboleggiando la data della costituzione dello Stato di Israele (1948). Fig. 2. Il Jewish Museum da una prospettiva aerea, che ne restituisce l articolata struttura, generata dall incontro violento tra linee destinate a scomporsi. 11

12 Fig. 3. Una focalizzazione interna del Jewish Museum, che dà conto della vertigine strutturale ottenuta attraverso uno stridente accostamento di pieni e di vuoti. 12

13 Libeskind si orienta sulla scia di tre idee essenziali: l impossibilità di comprendere la storia della città di Berlino senza comprendere il vigoroso contributo intellettuale, culturale ed economico offerto alla città dai cittadini ebrei; la necessità di introdurre il significato dell Olocausto nella memoria conscia collettiva della città; la convinzione che soltanto attraverso il recupero del passato sia possibile, a Berlino e all Europa, costruire un futuro più promettente. Commentando il proprio lavoro, Libeskind parla di un museo che si rivolge a tutti i cittadini di Berlino: non soltanto a quelli della Berlino presente, ma specialmente a quelli della Berlino che verrà, ai quali affida la cura di un eredità da custodire consapevolmente affinché agisca, nel tentativo di assimilare il senso di una contraddizione complicata da comprendere, generata dal dissidio tra presenza ed estraneità, amore per Berlino e odio per Berlino, che strutturalmente si traduce in un contrasto irrisolto tra ordine e disordine, linearità e spezzatura, spazio pieno e spazio vuoto, fino alla soglia della vertigine. Nell intenzione di Libeskind, il Jewish Museum non costituisce la risposta a un progetto specifico, ovvero circoscritto, bensì rappresenta un emblema, sensibilmente più esteso, di speranza, affidando all architettura e all apparenza visibile il compito di un suggerimento che sia, infine, etico. 3. Qualche anno più tardi, dal 1997 al 2002, Libeskind lavora a un nuovo museo della memoria: l Imperial War Museum North di Manchester. Ancora un tema di intensa drammaticità: le guerre del ventesimo secolo. E, ancora, il tentativo di esplicitare con forza la permanenza di un dissidio irrisolvibile per via dell oblio. Così, la struttura è di 13

14 nuovo generata attraverso l assemblamento di corpi contrastanti: evocando la singolare estensione dei conflitti novecenteschi, che hanno coinvolto spazi terrestri, marini e aerei, Libeskind propone una struttura che unisca tre differenti moduli, a rappresentare terra, acqua e aria, dunque la totalità dello spazio del tragico combattimento. La ricostruzione di elementi dissonanti che s incastrano in un armonia che testimonia, ugualmente, qualche irrisolto contrasto (per via di una faticosa giustapposizione strutturale, ad esempio) è il risultato di un percorso ideale di questo genere: a cominciare da un mondo ordinato (da un mondo che è cosmos, dunque), il conflitto genera caos, rompendo un unità in frammenti scomposti, riavvicinabili soltanto attraverso l esplicitazione delle saldature che occorrono per tenere insieme una struttura unitaria irrimediabilmente perduta. L unità finale corrisponde al museo, così come appare allo sguardo di un visitatore che lo osserva dall esterno: un unità artificiale, ottenuta per via di una ricostruzione che non può che testimoniare la scissione avvenuta, irricucibile senza manifestarne le origini e le successive dolorose articolazioni. Si tratta, ancora una volta, di un ricorso a una strategia simbolica che sceglie una via decostruttivistica: l unità deve ricomporsi, potendolo fare solo evidenziando la rottura, che va assimilata alla propria struttura genetica, per così dire, rendendola riconoscibile. Il ricorso al simbolo è paradossalmente la via ideale, ad avviso di Libeskind, per restituire il senso di qualcosa che sia tanto violentemente concreto quanto una tragedia universalmente estesa, e che universalmente ha inciso sulla materialità dell esistenza quotidiana: è attraverso il ricorso all astrazione che si mostrano i contorni più distintamente riconoscibili del concreto, rilevandone l essenzialità invariabile e approfittando 14

15 dell efficacia espressiva, talvolta più violenta delle cose stesse, che il simbolo può restituire. Analogamente a quanto accade nel Jewish Museum, Libeskind tenta di rendere conscia una dolorosa memoria collettiva. Così, arricchisce di documentazione ogni scenario interno, progettando estese pareti che ospitano memorabilia personali: cassetti che raccolgono, ciascuno, gli oggetti che degli individui morti in guerra sono restati, enfatizzando, laddove possibile, l evidenziazione della connotazione personale del ricordo, che non è ricordo generico, bensì ricordo di singoli uomini, ciascuno con un nome e, nel caso, con qualche foto personale, con qualche oggetto sopravvissuto al massacro che ne qualifichi l individualità specifica e irriducibile. La cura del dettaglio si estende alla documentazione storica che rende conto dei conflitti: al visitatore sono offerte numerose occasioni di accesso alla memoria sia attraverso le immagini (frequenti sono gli spazi dedicati alle proiezioni) sia attraverso la scrittura (con didascalie accurate, ad esempio), volte, in ciascun caso, a qualificare il conflitto come evento di deprivazione, di assottigliamento della soglia della dignità dell individuo, di caotico depotenziamento di lucidità e di cosmos. In nessun caso, da qualunque parte si collochi la vittoria di una battaglia o persino di una guerra, l intenzione va alla celebrazione, all esaltazione di un atto di eroismo. Della tragicità dei conflitti si ripropone specialmente, e pressoché esclusivamente, la memoria di un individuo che agisce contro un altro individuo, rilevandone, senza cura per un rassicurante ammorbidimento, la violenza distruttrice, infine in arginabile tant è che, come è la struttura dell Imperial War Museum North a ricordare, coinvolge l intero cosmo nella totalità degli elementi naturali che lo compongono, in ultimo faticosamente riaccostati per via, tutt al più, del ricorso a una giustapposizione. 15

16 Figg. 4 e 5. L Imperial War Museum North, strutturato sull innesto di tre blocchi differenti, a rappresentare la totalità degli scenari naturali che hanno ospitato i violentissimi scontri del ventesimo secolo. 16

17 L intenzione di Libeskind si concentra, dunque, sull emersione di quel che, generandosi da una parabola acutamente drammatica, frequentemente incontra tentativi di addolcimento retorico ad esempio ricorrendo alla celebrazione della vita per via del ricordo delle vite perdute o, ancora, enfatizzando quel che di virtuoso all individuo resta, alludendo al coraggio del sacrificio o all atto di eroismo. Libeskind sceglie una via differente da un ammorbidimento che rassicura: del conflitto e degli individui mostra l apice dell energia distruttiva, costringendo il visitatore a un confronto tra sé e quel che di sé o dei propri simili osserva, malgrado il proprio desiderio di rimozione, con sfacciata evidenza. Se l Imperial War Museum North agisce, lo fa attraverso il proposito di scongiurare un oblio che, certificando che il passato è passato e che, pur nella tragedia, l individuo possiede una virtuosa energia vitale, chiude la memoria tra le pareti di un museo, assicurando che non contamini la quotidianità. E tuttavia garantendo che esistano spazi dedicati a quel genere di ricordi che, se totalmente censurati, genererebbero una pericolosa inquietudine, infine poco controllabile. 4. Sarà Libeskind a ricostruire Ground Zero 13. E lo farà con un progetto che conserva l idea, sviluppata attraverso il Jewish Museum e l Imperial War Museum North, d intendere un opera architettonica, qualora sia testimone di un doloroso snodo del passato, come struttura che agi- 13 Tra i concorrenti più prestigiosi: Rafael Vinoly, Shigeru Ban e Frederic Schwartz; Foster & Partners; Meier-Eisenman-Gwathmey-Holl; Peterson e Littenberg; Skidmore-Ownings & Merril. 17

18 sca senza alcun cedimento all oblio: non soltanto non deve operare come fosse un archivio; deve mostrare con intensa chiarezza, ripresentando il passato al presente e agendo, tra l altro, con un emotività quasi invadente. Del resto, l agenzia governativa che ha gestito il concorso per la ricostruzione di Ground Zero ha applicato una procedura insolita per la scelta del progetto vincitore, badando non soltanto a criteri di merito connessi alla procedura concorsuale, bensì alle valutazioni della gente comune, quasi a voler sigillare per via plebiscitaria e, per così dire, democratica, l idea vincitrice 14. L invadenza del passato nel presente si avvia da qui, agevolando una parabola di continuità con una storia così drammatica e così recente da indurre o a un violento oblio o a un difficile tentativo di elaborazione. La gente comune risponde all invito dichiarandosi favorevole a una sorta di compromesso: non dimenticare, me nemmeno reiterare occorre ricordare, ma riprodurre il preesistente è un doloroso affronto alla tragedia, nonché il segno di una ferita che resta, senza potersi rimarginare. Le Twin Towers non vanno duplicate: costituiscono un oggetto irriproducibile, che va oltrepassato sia per celebrarne l irripetibilità, sia per consentire di riprogettare il futuro. Così, la traduzione concreta del desiderio espresso dall opinione pubblica si articola equilibrandosi tra due criteri strutturali polari: edificare un nuovo complesso, che renda conto dell esigenza di futuro, e conservare, ugualmente, uno 14 Tra l altro, ricorda Libeskind al congresso bolognese sull architettura della memoria il 15 ottobre del 2003: Nelle riunioni per l elaborazione del progetto gli incontri hanno visto la presenza di centinaia di persone, perché la visione architettonica deve conciliare le diverse esigenze di un economia di mercato complessa: un progetto amato dai newyorchesi e da loro scelto attraverso cinquanta milioni di voti elettronici via web. 18

19 spazio per il ricordo, con una cura alla conservazione delle tracce fisiche della tragedia. Libeskind pensa a una struttura dotata di elementi di questo genere: un museo della memoria centralissimo, che costituisca l ingresso alla nuova area e al quale venga affidata la conservazione del ricordo; il giardino della memoria ( The Park of Heroes ), dotato di un estensione di 1,8 ettari, edificato sotto il livello stradale, a inglobare l unico frammento di muro sopravvissuto all attacco, e collocato a circa venti metri al di sotto di Ground Zero, fondandone le strutture (così Libeskind: Per realizzare il memoriale ho conservato uno dei muri fondanti della costruzione originale, la cui presenza è venuta alla luce proprio con l attentato: un muro che è anche una diga che protegge l area metropolitana dalle inondazioni dell Hudson. Il muro è anche un icona potente, che dimostra come New York sia stata costruita da una comunità di credenti nella democrazia: questo muro rimarrà a dimostrazione della creatività delle strade di New York 15 ); il cuneo di luce ( The Wedge of Light ), ovvero un fascio di luce naturale che illumini la piazza al centro della struttura ogni 11 settembre dalle 8.46 (l ora del crollo della prima torre) alle (l ora del crollo della seconda torre); un grattacielo destinato a essere il più alto del mondo ( The Antenna Tower 16 ), che rag- 15 Così Libeskind nel suo intervento al congresso bolognese. 16 Di nuovo a Bologna, Libeskind commenta: La torre sarà l unica di New York di cui si potrà vedere sia il piano terra sia la sommità dalla stessa prospettiva. Il primo disegno che ho fatto per il progetto è stato quello visto dalla prospettiva della Statua della Libertà. Sono arrivato in America quando avevo tredici anni, su una nave, da emigrante: mi sembrava incredibile l esistenza di un luogo del genere e per il cuore di un immigrante quella statua e quella vista della città incarnano la possibilità di realizzare un sogno, quello di una società libera in cui sia possibile seguire le proprie inclinazioni e la propria religione. New York non appartiene alla retorica dei discorsi politici, appartiene a 19

20 giunga i 541 metri, ovvero i 1776 piedi, citando la data della dichiarazione d indipendenza americana. Il progetto prevede numerose altre strutture collaterali e funzionali: una stazione ferroviaria, un Performing Arts Center, aree dedicate a uffici, alberghi, ristoranti, negozi 17. Fig. 6. La struttura progettata da Libeskind dalla Statua della Libertà. La torre che svetta sarà la più alta del mondo, con i suoi 541 metri. tutto il mondo ed è proprio per i cittadini di un mondo libero che io voglio ricreare in questo progetto qualcosa di significativo, che parta dalla memoria per rivolgersi alle generazioni future. 17 Ancora al congresso bolognese: Il punto dove ha colpito il primo aereo terrorista sarà il centro della nuova area che presenta una nuova accessibilità al fiume Hudson proprio nel punto di confluenza tra la New York olandese e quella britannica. Abbiamo raccolto la sfida di realizzare un quartiere pieno non solo di spazi per il commercio ma anche di attività culturali, con l obiettivo che tutta l area non chiuda alle ore e dove gli edifici commerciali siano coniugati con la dignità del memoriale. 20

21 Fig. 7. La sezione Est-Ovest, che mostra sia il nuovo skyline sia l esteso utilizzo del sottosuolo, recuperando le mura fondative. Fig. 8. L area dedicata al cono di luce, la struttura che verrà illuminata dalla luce solare ogni 11 settembre dalle 8.46 alle

22 Il ricorso ai simboli costella, di nuovo, il progetto di Libeskind 18. Il museo che funziona da ingresso ne è uno, evidentemente essenziale. E ancora sono simboli la vasta area dedicata ai giardini (la vegetazione come idea di rinnovamento e di rinascita), il cuneo di luce (che affida proprio alla luce del sole, che restituisce un idea di rigenerazione, il compito di segnare gli istanti di ricordo più dolorosi), l allusione alla data dell indipendenza americana, che si aggiunge ai simboli di vita, celebrando la libertà. Non potendo ricondurre il passato allo sguardo degli osservatori del presente, e pur volendo riproporre, del passato, la dolorosa violenza, nella convinzione che vada affrontata per essere ragionevolmente risolta, Libeskind si orienta al simbolo, caricandolo di una radicale energia emotiva che costringa a ricordare, ricordando quel che di più tragico c è, ovvero la responsabilità dell uomo nella distruzione di altri uomini (dichiarava, del resto: Naturalmente abbiamo bisogno di un museo nell epicentro di Ground Zero, un museo dell evento, della memoria e della speranza ). Il museo, che diverrà ingresso, introdurrà a una promenade di meditazione e consentirà l accesso allo spazio sotterraneo che conserva le fondazioni originarie della struttura distrutta. Risalendo da sottoterra, ugualmente con un ricorso al simbolo, si raggiungeranno il cuneo di luce e il giardino della memoria. La riconciliazione con un passato che si orienta alla ricostruzione, qualora sia possibile, avverrà soltanto attraverso un puntuale confronto con il dolore, ancora evitando l oblio: occorre passare attraverso il sottosuolo per ritornare ai simboli di vita. Libeskind sacrifica le ragioni funzio- 18 Non soltanto, del resto: l impiego di simboli, ad esempio nelle misurazioni delle altezze e delle larghezze degli edifici, ricorreva anche nei progetti concorrenti a quello di Libeskind. 22

23 nali all esigenza di un invadente sollecitazione emotiva, che riproponga con costanza il dolore così come accade nel Jewish Museum e nell Imperial War Museum North. Il simbolo, un simbolo a suo modo violento, è necessario per accertare, per così dire, che il passato si unisca effettivamente al futuro: se la storia non può ritornare, per proseguire nel presente e nel futuro, facendolo con responsabilità, occorre progettare un ritorno simbolico del passato che, tuttavia, non si affidi alla retorica dell eufemismo, bensì abbia il coraggio di riportare alla memoria la tragedia, persino ricostruendone i dettagli. Ancora, così si agisce: adoperando soluzioni così cariche di violenza da non risolversi tra le mura che il nuovo Ground Zero, riprogettato e riedificato, possiederà insinuandosi, piuttosto, nella normalità quotidiana. 5. Karlheinz Stockhausen, il celebre musicista d avanguardia tedesco, in occasione della conferenza stampa a introduzione dell Hamburg Music Festival, disse, a soli sei giorni dall attentato terroristico dell 11 settembre: Quello che è accaduto [ ] è la più grande opera d arte possibile nell intero cosmo 19. Il critico d arte Francesco Poli, che ne ricorda le parole, aggiunge: E in effetti, nel caso della catastrofe di Manhattan, non si può negare che quasi tutti (anche molti che si rifiutano di ammetterlo) siano stati affascinati dalla grandiosa spettacolarità dell avvenimento, dalla allucinante perfezione dell azione distruttiva, dalla densità simbolica (quasi assoluta) dei bersagli e dalla de- 19 Cfr. F. Poli, che ne ricorda le parole in Tra Stockhausen e Lucifero, Il Manifesto, 5 ottobre 2001, p

24 vastante efficacia del risultato 20. E conclude che l evento possiede tutte le caratteristiche per rientrare a pieno titolo nella categoria estetica del sublime 21. Ricorrendo a una definizione novecentesca di quel che è sublime, è possibile ricordare, con Lyotard, che il sublime si genera da un contrasto stridente, provenendo da una madre che è forma artistica, che è facoltà d immaginazione, e da un padre che è legge morale. Il sublime, cioè, è un sentimento contraddittorio, che in sé ha dolore e ha, ugualmente, piacere (evocando Kant, con il suo piacere sublime che non è possibile se non mediante un dispiacere 22 ). Accadrebbe qualcosa di questo genere: di fronte a un oggetto naturale che sorprende per la propria smisuratezza, proveremmo il dolore di avvertirci infinitamente inadeguati a un estensione così vasta e il piacere di comprenderci capaci di avvertire, nondimeno, un infinità così lontana dalla nostra distinta limitatezza, concludendo, infine, e quasi paradossalmente, che esista una vicinanza tra l infinito osservato al di fuori di noi e quell infinito che di necessità possediamo, altrimenti incapaci di avvertirlo altrove. Kant esemplifica: Ripide rocce strapiombanti e come gravide di minaccia, nuvole temporalesche ammassanti e avanzanti in cielo con lampi e tuoni, vulcani al colmo della loro furia distruttrice, uragani che lasciano la devastazione dietro di sé, l immenso oceano infuriato, la cascata d un grande fiume, e simili, riducono ad una piccolezza insignificante il nostro potere di resistenza, paragonato con la loro potenza. Ma questi spettacoli, quanto più sono spaventosi, tanto più ci attraggono, se ci troviamo 20 Ibidem. 21 Ibidem. Corsivo mio. 22 I. Kant, Critica del giudizio, tr. it. di A. Gargiulo, riveduta da V. Verra, Laterza, Roma-Bari 1987, p

25 al sicuro; e queste cose le chiamiamo volentieri sublimi, perché innalzano le forze dell anima al di sopra della mediocrità ordinaria, e ci fanno scoprire in noi stessi un potere di resistenza di tutt altro genere, che ci dà l animo di misurarci con l apparente onnipotenza della natura 23. Lyotard traduce, pressappoco a due secoli di distanza, ricorrendo a una genesi che prevede, per il sublime, una madre infelice, la forma, e un padre felice 24, l idea, che è un idea morale. Analogamente a Kant c è contrasto un contrasto che si articola tra l avvertimento di una forma che dapprima sconcerta e un idea che allude al potere della propria attitudine morale, infine distinta: L immaginazione dev essere violentata perché è attraverso il suo dolore, attraverso la mediazione del suo stupro che si ottiene la gioia di vedere, o intravedere, la legge 25. Ancora, similmente a Kant, il sublime, qualificando infine un attitudine propria di un individuo che osserva l incommensurabile, nulla dice dell oggetto incommensurabile osservato: non sono sublimi le ripide rocce strapiombanti e come gravide di minaccia o le nuvole temporalesche ammassanti e avanzanti in cielo con lampi e tuoni. È sublime il sentimento che è l individuo a provare osservandole. È sublime l attitudine dell individuo ad avvertire l infinitamente esteso. Non l evento naturale, che nulla è più di un occasione formale di individuazione di 23 Ibid., p Cfr. J.-F. Lyotard, Anima minima. Sul bello e il sublime, tr. it. di F. Sossi, Pratiche Editrice, Parma 1995, p. 70. Gli studi raccolti in Anima minima nascono da un attenta interrogazione della Critica del giudizio, articolata nelle lezioni tenute da Lyotard presso l Université de Paris VIII e presso la University of California at Irvine. Cfr. inoltre Id., La condizione postmoderna. Rapporto sul sapere, tr. it. di C. Formenti, Feltrinelli, Milano Ibid., p

26 una destinazione spirituale che si eleva persino al di sopra dell incontenibile smisuratezza della natura. Il sublime di Kant rende conto di una qualità che è propria del soggetto rispetto agli oggetti considerati nella loro forma, o persino nell assenza di forma, in virtù del concetto della libertà 26. Così Lyotard: il sublime è un giudizio non cognitivo addotto dal soggetto, non su un oggetto, ma in occasione di un oggetto, e secondo il solo stato soggettivo dello spirito 27. Ma una differenza c è, essenziale. Quell assenza di forma alla quale Kant allude si articola, nella riflessione di Lyotard, in un aformalità che diventa sfacelo delle forme 28, con un accento così caricato sulla dissoluzione della forma da generare un contrasto che più difficilmente che in Kant possa pacificarsi, infine, in quella stima per le idee morali 29 che proviene da un immaginazione capace di raffigurarsi un animo che avverte la propria sublimità, così da poter giungere alla coscienza della nostra superiorità rispetto alla natura che è in noi, e quindi anche alla natura a noi esterna 30. Lyotard rafforza l idea di assenza di forma, di una radura che si spiana attraverso una recisione 31 violenta, di un anti-paesaggio che eccede ogni messa in forma 32. Enfatizza, più precisamente, il dissidio che resta tra estetica ed etica tra forma e idea. È un altra differenza tra il sublime di Kant e il sublime di Lyotard a suggerire quale possa essere la ragione, 26 I. Kant, op. cit., p J.-F. Lyotard, Anima minima. Sul bello e il sublime, cit., p Ibidem. 29 I. Kant, op. cit., p Ibid., p J.-F. Lyotard, Anima minima. Sul bello e il sublime, cit., p Ibidem. 26

27 o una tra le ragioni, della più invasiva permanenza dell idea di conflitto tra le righe di Lyotard. Lyotard affida all arte (non solo alla natura), il compito di diventare un occasione di esercizio del sentimento del sublime nonché il compito di descriverne, in qualche caso, l articolata dinamica di generazione e di evoluzione. Specialmente, è l arte contemporanea, l arte del Novecento, a documentare l incommensurabile e dolorosa eccedenza della forma che, oltre a restituire qualche indizio sulla specialità della qualificazione morale dell individuo, rende conto di un dissidio profondamente radicato: l arte novecentesca ricorre con frequenza a una dissoluzione della forma e dei contorni che definiscono, a un minimalismo che astrae e che si declina all attitudine evocativa del simbolo. Predilige, quindi, soluzioni espressive capaci di testimoniare che osservando un incommensurabile che disobbedisce a linee di contorno, non resta che descriverlo quasi ammutolendosi, ovvero dimettendo una forma costrittiva. Lyotard, ricorrendo all arte contemporanea, viola il divieto che Kant assegna al sublime, vincolandolo agli oggetti di natura ed escludendone una contaminazione, per così dire, artificiale, che cioè lo diriga agli oggetti creati dagli individui. Così, le differenze tra Kant e Lyotard sono almeno due: un enfatizzazione del dissidio per via di un rilievo dello sfacelo delle forme e un accostamento del sublime all arte, ovvero all artificiale. Oltre alla natura, è un individuo, con i propri artefatti, a poter fornire al sentimento del sublime occasioni di generazione. Così, si torna all osservazione di Stockhausen, che descrive l attentato terroristico dell 11 settembre, ad avviso di Poli, come fosse un oggetto sublime un oggetto, cioè, capace di suscitare un sentimento sublime: Quello che è accaduto [ ] è la più grande opera d arte possibile 27

28 nell intero cosmo 33. Il sublime si è trasferito, qui con un evidenza persino imbarazzante, da un oggetto di natura a un oggetto che è un artificio di individui, e che compete, persino, con gli artefatti artistici, malgrado e, ugualmente, in virtù della tragedia che porta con sé, che qui agisce da occasione di avvertimento di un incommensurabilità non circoscrivibile: la tragedia è necessaria affinché ci sia sublimità, viceversa il senso di infinita estensione o di infinita forza si dissolverebbe depotenziandosi. Che il sublime si vincoli al tragico certamente non corrisponde a una qualificazione novecentesca: sia Burke 34 sia Kant associano il sentimento del sublime alla dismisura che, tra l altro, possiede un attitudine distruttiva (appunto, e con Kant: vulcani al colmo della loro furia distruttrice, uragani che lasciano la devastazione dietro di sé, l immenso oceano infuriato ). Che il tragico si unisca all artificio, al contrario, è una qualità che il sublime dà conto di possedere nel Novecento 35 : un individuo è in grado di produrre occasioni di sublimità generando, ad esempio, tragedie. Probabilmente, è il traghettamento del sublime dalla natura alla cultura a doversi intendere come una tra le ragioni della più rilevante cura dedicata da Lyotard alla permanenza del dissidio. Il conflitto tra il dolore e il piacere si risolve con minor pacificazione che in Kant poiché 33 Cfr. F. Poli, op. cit., p Cfr. E. Burke, Inchiesta sul bello e il sublime, a cura di G. Sertoli e G. Maglietta, Aesthetica, Palermo Lo studio di Burke risale al Oltre a Lyotard, cfr. ad esempio F. Jameson (Il postmoderno o la logica culturale del tardo capitalismo, Garzanti, Milano 1984) e B. Brecht ( Breviario di estetica teatrale, in Id., Scritti teatrali, Einaudi, Torino 1962). Cfr., inoltre, le riflessioni di H. Bloom sulla poesia di Emerson e di Whitman; Emerson e Whitman: il sublime americano, tr. it. di L. Vallana, in M. Brown, V. Fortunati, G. Franci (a cura di), La Via al sublime, Alinea Editrice, Firenze

29 nell occasione di smisurata forza, ovvero di violenza, che si osserva, ci si ritrova sia nell avvertimento, consueto, della propria alta qualificazione morale, sia nell accertamento, drammatico, che alla propria legalità morale, pur viva, si accosta un energia prepotentemente distruttiva. Quel che esteticamente inquieta o sorprende con stupore si declina, in Kant, a un esaltazione etica (così, il celebre cielo stellato attorno al quale si riflette nella Critica della ragion pratica diventa un occasione per alludere alla legge morale che distingue ciascun individuo). Quel che di artificiale esteticamente terrorizza ed esteticamente, ugualmente, affascina, si declina, in alcune tra le meditazioni novecentesche, a un profondo turbamento etico, che poco pacifica e poco risolve tanto da incontrare, frequentemente, tentativi di censura (o da produrre scandalo, nel caso delle parole pronunciate da Stockhausen). Dalla tragedia siamo terrorizzati e attratti. Dunque, stavolta essendone responsabili, avvertiamo un doloroso senso di colpa che si genera dalla più o meno cosciente attrazione per la distruzione. 6. Così, accade che ricostruire laddove una tragedia artificialmente prodotta ha distrutto equivalga ad affrontare un quesito di questo genere: come riconciliare estetica ed etica? Ovvero, come agire superando quel dissidio che nella contemplazione della tragedia resta drammaticamente e quasi inaccettabilmente irrisolto, accostando alla tragicità dell evento un vivo fascino estetico? La soluzione può tradursi nell intenzione di aggirare l oblio, ad esempio: con evidenza si esplicita la memoria della tragedia, fondando precisamente sulla memoria il cuore strutturale di quel che di nuovo si edifica. Dunque, 29

30 si invita chi osserva, ogni volta, a riproporsi, per via di un simbolo, di fronte a quell occasione di terrore e di fascino che, allora, ha generato un profondo conflitto. Si itera, per così dire, l evento, attraverso un generoso ricorso ai simboli, che ne custodiscono la memoria, enfatizzandola. Non si agevola una fuga, tutt al più indifferente al corso del dissidio da pacificare. Si incoraggia, al contrario, una dolorosa immersione nel passato, così accurata da riportarne alla memoria ogni nodo: prima il terrore, poi il fascino, infine un senso di colpa frequentemente archiviato o rimosso, insieme all avvertimento del fascino. Riproponendo il passato e riproponendone, specialmente, l articolazione attraverso la quale è stato osservato e accolto, chi ora osserva è costretto a misurarsi con la divaricazione tra estetica ed etica, affrontandone la dolorosa complessità. Il Jewish Museum ripropone una condizione di profondo disorientamento, ricorrendo a una struttura che induce alla vertigine. Si alternano, quasi senza mediazioni, possenti pieni a estesi vuoti, dei quali a fatica si intravede la fine. Si costringe a un percorso labirintico, introdotto dallo sviluppo strutturale dell edificio lungo una linea violentemente spezzata, a formare perlopiù angoli acuti, che chiudono e invitano alla distanza. D altro canto, e continuamente, si sollecita il vigoroso affioramento del ricordo, per via di allusioni alla Berlino del passato e alla Berlino del presente e, anzitutto, per via di una reiterata restituzione degli oggetti che hanno costellato la tragedia dell Olocausto. L Imperial War Museum North ricorre, ancora, alle vertigini di un violento accostamento di masse piene e di estensioni vuote. E si annuncia al visitatore attraverso una struttura che è il simbolo di un violentissimo scompiglio ricomposto, tutt al più, per via di ricuciture drammaticamente riconoscibili, universalmente diffuse tra terra, acqua e aria. All interno, agli spazi aperti verso il basso del 30

31 Jewish Museum si sostituiscono, perlopiù, vuote estensioni verso l alto, analogamente inducendo alla vertigine. Ground Zero riproporrà un tributo alla memoria, da dover inevitabilmente da attraversare, impiegando un museo dedicato alle sue tragiche nuove origini a segnarne l ingresso e ricorrendo a una generosa frequenza di simboli che riporteranno il dramma a una distinta evidenza. Così, Libeskind sembra suggerire una soluzione di questo genere al dissidio tra estetica ed etica: se quel che esteticamente affascina eticamente terrorizza, il conflitto va riprodotto, non obliato e va riprodotto esteticamente, cercando una ricomposizione costruttiva che pur renda conto del dissidio. Il progetto per la ricostruzione di Ground Zero ripropone, attraverso una risoluzione estetica indiscutibilmente affascinante (a cominciare dall edificio destinato a essere il più alto del mondo), il dissidio tra la seduzione estetica (o paradossalmente artistica) e il turbamento etico, proprio di un individuo che, nelle radici della fascinazione estetica che pur prova, riconosce la propria attitudine alla distruzione. Se il dissidio è sublime essendo ogni sublime il prodotto di un dissidio occorre che la soluzione espressiva dedicata alla ricomposizione sia, sui generis, sublime a propria volta cioè manifesti, con coraggiosa evidenza, ciascuno dei segni della profonda contraddizione non totalmente risolta che testimonia. Come a suggerire che non si possa autenticamente riparare: si può, tutt al più, puntare a una consapevolezza lucida che non ceda all oblio. Che può bastare, del resto, a risolvere accettabilmente, ricucendo con sufficiente efficacia per proseguire a progettare (o riprogettare) il futuro. Così può agire un museo o una struttura che documenta una memoria: costringendo a un invadenza che da estetica diviene etica, alludendo a un doloroso evento con il quale riconciliarsi, se non altro misurandosi con la frattura della quale è testimone. 31

SOCIETA EDUCAZIONE FORMAZIONE. A cura di Tortorici Dorotea

SOCIETA EDUCAZIONE FORMAZIONE. A cura di Tortorici Dorotea SOCIETA EDUCAZIONE A cura di Tortorici Dorotea FORMAZIONE Che vi sia un rapporto diretto tra società ed educazione è fatto incontrovertibile e riconosciuto. Declinare i termini di tale rapporto, i livelli

Dettagli

Le scelte didattiche. Educazioni,

Le scelte didattiche. Educazioni, Educazioni, discipline di studio, competenze Le scelte didattiche. Educazioni, Imparare ad apprendere e apprendere a vivere Rovato,, 20 novembre 2008 Quarto incontro Luisa Bartoli e Carlo Baroncelli Primi

Dettagli

LABIRINTO DELLA MEMORIA

LABIRINTO DELLA MEMORIA LABIRINTO DELLA MEMORIA Monumento Interattivo sulla Shoah Cittadella Semi di Pace onlus Ingresso campo di sterminio Auschwitz-Birkenau- Polonia TITOLO del PROGETTO Labirinto della Memoria. Monumento interattivo

Dettagli

QUANDO TORNÒ L ARCA DI NOÈ

QUANDO TORNÒ L ARCA DI NOÈ dagli 8 anni QUANDO TORNÒ L ARCA DI NOÈ LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini One shot Pagine: 160 Codice: 978-88-566-5100-3 Anno di pubblicazione: 2016 L AUTRICE Piemontese di nascita e romana

Dettagli

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 Arcabas - Chiesa della Risurrezione - Comunità Nazareth - Torre de Roveri (Bg) Buio e luce Di buon mattino.... Sul fondo della valle la notte lotta contro il giorno.

Dettagli

LA TRAMA l inizio di un amicizia speciale

LA TRAMA l inizio di un amicizia speciale L AMICO RITROVATO L amico ritrovato L amico ritrovato è stato scritto dall autore tedesco Fred Uhlman ed è un romanzo con riferimenti storici e autobiografici. Il libro è stato pubblicato per la prima

Dettagli

testo di Lorenzo Canova

testo di Lorenzo Canova O R I A N A U B A L D I F I O R I D I S T R A D A testo di Lorenzo Canova 27 giugno - 14 luglio 2012 I L S O L E A R T E C O N T E M P O R A N E A VOLUME XXVIII La fioritura segreta del mondo Lorenzo Canova

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE: ARTE E IMMAGINE Classe 3 Scuola Secondaria di 1 grado

PROGETTAZIONE ANNUALE: ARTE E IMMAGINE Classe 3 Scuola Secondaria di 1 grado PROGETTAZIONE ANNUALE: ARTE E IMMAGINE Classe 3 Scuola Secondaria di 1 grado COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA: 1- Esprimersi e comunicare o Ideare e progettare elaborati ricercando soluzioni creative

Dettagli

LA COGNIZIONE DEL DOLORE

LA COGNIZIONE DEL DOLORE LA COGNIZIONE DEL DOLORE La lunga fedeltà di Gadda a Manzoni è dimostrata dalla presenza, in tutta l opera gaddiana, della suggestione manzoniana, declinata in diverse forme e con diverse modalità: «il

Dettagli

ETICA E POLITICA E IMPOSSIBILE DISTINGUERE IN PLATONE MA NEL PENSIERO GRECO IN GENERALE LA POLITICA DALL ETICA VITA SOCIALE VITA PRIVATA

ETICA E POLITICA E IMPOSSIBILE DISTINGUERE IN PLATONE MA NEL PENSIERO GRECO IN GENERALE LA POLITICA DALL ETICA VITA SOCIALE VITA PRIVATA PLATONE LA POLITICA ETICA E POLITICA E IMPOSSIBILE DISTINGUERE IN PLATONE MA NEL PENSIERO GRECO IN GENERALE LA POLITICA VITA SOCIALE DALL ETICA VITA PRIVATA LA REPUBBLICA O POLITÉIA (insieme dei cittadini)

Dettagli

CONCEPT PROGETTUALE: HAHA

CONCEPT PROGETTUALE: HAHA triangolo di prato esistente tagliato ad un altezza di 2 cm lettere di ferro arrugginite larghezza circa 4 mt, altezza 2 mt * Ha-ha Ha-ha è un elemento artificiale nel disegno del paesaggio costituito

Dettagli

HEGEL LA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO D I S P E N S A A D U S O D E G L I S T U D E N T I D E L L I C E O S O C I A L E B E S T A

HEGEL LA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO D I S P E N S A A D U S O D E G L I S T U D E N T I D E L L I C E O S O C I A L E B E S T A HEGEL LA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO D A R I A A N T O N I A D I S P E N S A A D U S O D E G L I S T U D E N T I D E L L I C E O S O C I A L E B E S T A Fenomenologia??? DERIVA DAL GRECO, SIGNIFICA FENOMENO,

Dettagli

L ENERGIA PRENDE FORMA

L ENERGIA PRENDE FORMA L ENERGIA PRENDE FORMA S o t t o t i t o l o p e r l e c l a s s i IV A e B a.s. 2014-2015 D A L B U I O A L L A L U C E 1915 una luce nuova nella nostra città. O G G I I E R I P R E M E S S A Il progetto

Dettagli

MUST SCIENZA è CULTURA

MUST SCIENZA è CULTURA MUST SCIENZA è CULTURA WWW.MUSEOSCIENZA.ORG 0 CHI SIAMO Il MUST, Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, fondato nel 953, è il più grande museo tecnicoscientifico in Italia,

Dettagli

La città abitata Città abitata

La città abitata Città abitata 2.2.3 Città abitata La quarta immagine del territorio di San Donato, città abitata, è legata alle molteplici dimensioni dell abitare e alle pratiche, alle aspettative e ai valori dei residenti. Si tratta

Dettagli

Heidegger Il programma di Essere e Tempo

Heidegger Il programma di Essere e Tempo Heidegger Il programma di Essere e Tempo Primato ontico (dall essere dipende l esistenza di ciascuno)- ontologico (ne va di tutto il problema del mondo) del problema dell essere Cercare prima l essere

Dettagli

Sviluppo locale e generatività, nella prospettiva del bene comune: la ricchezza delle economie di reciprocità

Sviluppo locale e generatività, nella prospettiva del bene comune: la ricchezza delle economie di reciprocità Sviluppo locale e generatività, nella prospettiva del bene comune: la ricchezza delle economie di reciprocità Un icona biblica: la storia di Rut 1 ) Ritorno a Betlemme=Credere e Sperare Il ritorno di Rut

Dettagli

Conservare le nostre radici culturali

Conservare le nostre radici culturali UniversItalia Conservare le nostre radici culturali La conservazione di pezzi storici della cultura video ludica è una ricerca per pionieri, esperimenti, innovazioni e spunti di natura commerciale. È qui

Dettagli

Il musil di Brescia. Giugno 2017

Il musil di Brescia. Giugno 2017 Il musil di Brescia Giugno 2017 IL CONTESTO Un museo per la nuova comunità Il musil attore per la rinascita del Comparto Milano Un museo a scala territoriale Sistema museale musil, museo del ferro di San

Dettagli

Lezione n 5 L educatore (1)

Lezione n 5 L educatore (1) Lezione n 5 L educatore (1) IL complessificarsi della società, la crisi del sistema scolastico, il ritiro della famiglia da molti luoghi del sociale ha contribuito a moltiplicare i luoghi dell educazione,

Dettagli

Raffaele Cammarota Il tuo viaggio è ORA

Raffaele Cammarota Il tuo viaggio è ORA Raffaele Cammarota Il tuo viaggio è ORA 2016 Raffaele Cammarota 2016 Phasar Edizioni, Firenze www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte di questo libro può essere

Dettagli

IL PREROMANTICISMO IN EUROPA E IN ITALIA

IL PREROMANTICISMO IN EUROPA E IN ITALIA IL PREROMANTICISMO IN EUROPA E IN ITALIA Il contesto STORICO CULTURALE ETÀ NAPOLEONICA E RESTAURAZIONE CRISI E SUPERAMENTO DELL ILLUMINISMO RIVALUTAZIONE DEL SENTIMENTO E DELLE PASSIONI SOGGETTIVISMO INDAGINE

Dettagli

3.11. Religione Scuola Primaria

3.11. Religione Scuola Primaria 3.11. Religione. 3.11.1 Scuola Primaria NUCLEO FONDANTE: Dio e l uomo al termine della classe terza al termine della classe quinta L alunno: riconosce Dio come Padre, riflette su Dio Creatore e si approccia

Dettagli

IL SUBLIME e WILLIAM TURNER. ricerca a cura di Bianchetti Sara

IL SUBLIME e WILLIAM TURNER. ricerca a cura di Bianchetti Sara IL SUBLIME e WILLIAM TURNER ricerca a cura di Bianchetti Sara Il Sublime è una categoria estetica che risale all antichità classica e successivamente al Romanticismo. L estetica del Sublime fu elaborata

Dettagli

Marco Barbiani. Larlun. Tracce di una via filosofica tra Oriente e Occidente

Marco Barbiani. Larlun. Tracce di una via filosofica tra Oriente e Occidente Marco Barbiani Larlun Tracce di una via filosofica tra Oriente e Occidente ... proprio in questa perfezione della sapienza ci si deve addestrare ed esercitare Astasāhasrikā Prajñāpāramitā [1]... una vita

Dettagli

ELEMENTI FONDANTI L IDENTITA DEI SERVIZI o-6 - PRINCIPI QUALITATIVI DEL PROGETTO EDUCATIVO -

ELEMENTI FONDANTI L IDENTITA DEI SERVIZI o-6 - PRINCIPI QUALITATIVI DEL PROGETTO EDUCATIVO - AMBIENTAMENTO PROGETTO EDUCATIVO COLLEGIALITA FORMAZIONE DOCUMENTAZIONE SPAZI- AMBIENTE PARTECIPAZIONE DELLE FAMIGLIE ELEMENTI FONDANTI L IDENTITA DEI SERVIZI o-6 - PRINCIPI QUALITATIVI DEL PROGETTO EDUCATIVO

Dettagli

L amore per l arte e la voglia di trasmetterlo ai nostri bambini ci ha portato a immaginare, sviluppare e realizzare progetti e prodotti editoriali

L amore per l arte e la voglia di trasmetterlo ai nostri bambini ci ha portato a immaginare, sviluppare e realizzare progetti e prodotti editoriali L amore per l arte e la voglia di trasmetterlo ai nostri bambini ci ha portato a immaginare, sviluppare e realizzare progetti e prodotti editoriali che aiutino i piccoli a incontrare questo splendido universo.

Dettagli

I.C. AMEDEO DI SAVOIA AOSTA Martina Franca (Ta) Disciplina: arte e immagine a.s

I.C. AMEDEO DI SAVOIA AOSTA Martina Franca (Ta) Disciplina: arte e immagine a.s I.C. AMEDEO DI SAVOIA AOSTA Martina Franca (Ta) LINEE DI PROGETTAZIONE ANNUALE DELLA CLASSE Disciplina: arte e immagine a.s. 2012 2013 Docenti : prof.ri Palmisano Vita, Oliva Pietro, Iacovelli Assunta.

Dettagli

Pubblicato su Talassa il 24 aprile 2016

Pubblicato su Talassa il 24 aprile 2016 L abbiccì dell architettura Minoru Yamasaki Pubblicato su Talassa il 24 aprile 2016 di Claudia Casali MINORU YAMASAKI, World Trade Center (New York,1976) Ognuno di noi ricorda esattamente quel primo pomeriggio

Dettagli

Scientifico Tecnologico

Scientifico Tecnologico Scientifico Tecnologico Compiti vacanze estive giugno 2016 La Terra nel sistema solare S.L.Murialdo Pinerolo Materiale didattico co-finanziato dal POR FSE 2014-2020 PERIODO DI RIFERIMENTO OBIETTIVO VALUTATO

Dettagli

MUST SCIENZA è CULTURA

MUST SCIENZA è CULTURA MUST SCIENZA è CULTURA WWW.MUSEOSCIENZA.ORG 0 CHI SIAMO Il MUST, Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, fondato nel 953, è il più grande museo tecnicoscientifico in Italia,

Dettagli

Sacra Scrittura e Simbolo

Sacra Scrittura e Simbolo Sacra Scrittura e Simbolo La pagina biblica è un «grande codice» La Bibbia è costituita da tre lingue: 1. ebraico; 2. Aramaico; 3. Greco. Due mondi: 1. Semitico; 2. Greco. La Bibbia è CONTEMPORANEAMENTE

Dettagli

FACOLTÀ DI FILOSOFIA IN FILOSOFIA

FACOLTÀ DI FILOSOFIA IN FILOSOFIA FACOLTÀ DI FILOSOFIA Corso di Laurea IN FILOSOFIA PRESENTAZIONE La Facoltà di Filosofia dell Università Vita-Salute San Raffaele si trova in uno dei maggiori centri di ricerca europei, che pone la persona,

Dettagli

Introduzione alla storia lezione 3. Prof. Marco Bartoli

Introduzione alla storia lezione 3. Prof. Marco Bartoli Introduzione alla storia lezione 3 Prof. Marco Bartoli Le metafore Dicevamo, la scorsa lezione, che le domande storiche sono quelle che trasformano gli interrogativi sul presente in interrogativi sul passato.

Dettagli

TRAGUARDI - CITTADINANZA E COSTITUZIONE

TRAGUARDI - CITTADINANZA E COSTITUZIONE TRAGUARDI - CITTADINANZA E COSTITUZIONE FINALITA Essere consapevoli che la partecipazione attiva e responsabile è condizione per realizzare una società libera, fondata sul diritto L alunno conquista in

Dettagli

Potenzialità dei Musei Scientifici per la Didattica dell Astronomia

Potenzialità dei Musei Scientifici per la Didattica dell Astronomia Raccontare e Insegnare il Cielo e le Stelle Bologna Fiere, 25-26 marzo 2014 Potenzialità dei Musei Scientifici per la Didattica dell Astronomia L esperienza del corso di Fondamenti e Didattica della Fisica

Dettagli

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI CULTURALI PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI CULTURALI PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Settore: SP Proponente: 91.A Proposta: 2016/586 del 28/04/2016 COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA R.U.A.D. 639 del 29/04/2016 SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI CULTURALI Dirigente: GASPARINI Arch. Giordano PROVVEDIMENTO

Dettagli

Lettura di un opera d arte. Lettura formale di un opera d arte

Lettura di un opera d arte. Lettura formale di un opera d arte Lettura di un opera d arte Per leggere un opera d arte, 1) si analizzano i materiali e la tecnica con cui è stata creata; 2) si effettua la LETTURA FORMALE, analizzando gli elementi fondamentali di quella

Dettagli

Unità didattica di. Educazione all Immagine

Unità didattica di. Educazione all Immagine Unità didattica di Educazione all Immagine L unità didattica ha come finalità l acquisizione da parte degli alunni di competenze di lettura e comprensione delle opere d arte, allo scopo di capire l evoluzione

Dettagli

Miti e fantasmi 4/11/2017

Miti e fantasmi 4/11/2017 Miti e fantasmi I fantasmi del lavoro educativo Fantasma significa letteralmente un immagine creata dalla fantasia che non ha alcuna corrispondenza con la realtà dei fatti. E un prodotto illusorio che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A. Scuola Primaria Classe 4^ - sez.

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Città e comunicazioni

Città e comunicazioni Città e comunicazioni L ambiente urbano I villaggi sono centri abitati che hanno dai 1.000 ai 2.000 abitanti, o addirittura solo qualche centinaio. Nei paesi, invece, il numero degli abitanti è superiore.

Dettagli

Corso di Analisi del Territorio e degli Insediamenti - AA 2015/2016 Professoressa: Elena Tarsi. Il Genius Loci

Corso di Analisi del Territorio e degli Insediamenti - AA 2015/2016 Professoressa: Elena Tarsi. Il Genius Loci Corso di Analisi del Territorio e degli Insediamenti - AA 2015/2016 Professoressa: Elena Tarsi Il Genius Loci nullus locus sine Genio Servio nel Commento all'eneide, 5, 95 Nella civiltà romana il Genius

Dettagli

Riprodurre visi e corpi con varie tecniche. Usare creativamente e/o in modo pertinente il colore.

Riprodurre visi e corpi con varie tecniche. Usare creativamente e/o in modo pertinente il colore. ARTE E IMMAGINE Esprimersi e comunicare; osservare e leggere le immagini; comprendere e apprezzare le opere d arte CLASSE PRIMA _Scuola Primaria L alunno si esprime attraverso il linguaggio visivo per

Dettagli

Esame scritto dell Opzione specifica. Filosofia + Pedagogia/Psicologia

Esame scritto dell Opzione specifica. Filosofia + Pedagogia/Psicologia Nome e Cognome:. Gruppo:..Numero:.. Esame scritto dell Opzione specifica Filosofia + Pedagogia/Psicologia Parte interdisciplinare (Tempo a disposizione: 1 ora) Legga attentamente il seguente brano di David

Dettagli

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali.

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali. CLASSI PRIME Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Scoprire nell ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre -Conoscere e farsi conoscere per

Dettagli

UN USCITA DIDATTICA AL MUSEO. Veronica Cadei Gloria Pozzi

UN USCITA DIDATTICA AL MUSEO. Veronica Cadei Gloria Pozzi UN USCITA DIDATTICA AL MUSEO Veronica Cadei Gloria Pozzi "... E' necessario allargare il nostro concetto di scuola fino a sentire che scuola è il mondo. E' necessario convincersi che ogni cosa, ogni fatto,

Dettagli

PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI DISEGNO E STORIA DELL'ARTE CLASSE QUINTA LS LSSA CURRICOLAZIONE DEI SAPERI STORIA DELL ARTE

PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI DISEGNO E STORIA DELL'ARTE CLASSE QUINTA LS LSSA CURRICOLAZIONE DEI SAPERI STORIA DELL ARTE PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI DISEGNO E STORIA DELL'ARTE CLASSE QUINTA LS LSSA CURRICOLAZIONE DEI SAPERI STORIA DELL ARTE CONTENUTI modulo disciplinare o interdisciplinare LA SECONDA METÀ DELL OTTOCENTO

Dettagli

CON IL NASO ALL INSÙ

CON IL NASO ALL INSÙ Direzione Didattica 2 circolo Sassuolo (Mo) Scuola dell infanzia Walt Disney Sez.5 anni CON IL NASO ALL INSÙ A.s. 2010/11 Ins. Giacobbe Francesca Cassandra Marilena Premessa Il cielo fa parte dell immaginario

Dettagli

Spagna VALENCIA LA CREATIVITÀ FATTA A CITTÀ CITY

Spagna VALENCIA LA CREATIVITÀ FATTA A CITTÀ CITY Spagna CITY VALENCIA LA CREATIVITÀ FATTA A CITTÀ Valencia è una delle città più creative che io abbia mai visto durante i miei viaggi. Con il termine creativa intendo specificare il fatto che, oltre ad

Dettagli

GOTTFRIED WILHEM LEIBNIZ

GOTTFRIED WILHEM LEIBNIZ GOTTFRIED WILHEM LEIBNIZ Breve dimostrazione di un errore notevole di Cartesio ed altri a proposito di una legge di natura, secondo la quale essi vogliono che da Dio sia sempre conservata la stessa quantità

Dettagli

LOCKE. Empirismo = teoria della ragione come un insieme di poteri limitati dall esperienza:

LOCKE. Empirismo = teoria della ragione come un insieme di poteri limitati dall esperienza: LOCKE L empirismo inglese e il suo fondatore Empirismo = teoria della ragione come un insieme di poteri limitati dall esperienza: - Fonte del processo conoscitivo - Strumento di certificazione delle tesi

Dettagli

istituto italiano per gli Studi Filosofici

istituto italiano per gli Studi Filosofici Saggi e RiceRche 2 istituto italiano per gli Studi Filosofici Vittorio hösle il SiSTeMa Di hegel A cura di giovanni Stelli La ScUOLa Di PiTagORa editrice NaPOLi MMXii copyright 2012 istituto italiano

Dettagli

DISCIPLINA: Religione Cattolica

DISCIPLINA: Religione Cattolica CLASSE PRIMA DISCIPLINA: Religione Cattolica SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE INDICAZIONI SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. Individuare ed esplicitare le domande di senso comuni agli uomini.

Dettagli

L'uomo rimane nel suo stato incompiuto se non afferra in se stesso la materia della trasformazione e non si trasforma per forza propria.

L'uomo rimane nel suo stato incompiuto se non afferra in se stesso la materia della trasformazione e non si trasforma per forza propria. Mostra del gruppo antroposofico di Umbra Perchiazzi dal titolo Un percorso nell anima attraverso il colore verso la Libertà, fra luce e tenebra che si terrà presso il Centro Kairòs ad Ostia il 21 e 22

Dettagli

Per una volta prendo il treno nel verso opposto parto per un viaggio! Partire per un viaggio Partire per un viaggio Ritornare da un viaggio

Per una volta prendo il treno nel verso opposto parto per un viaggio! Partire per un viaggio Partire per un viaggio Ritornare da un viaggio * Paolo Cottino, La città imprevista. Il dissenso nell uso dello spazio urbano. Partire per un viaggio Partire per un viaggio, lasciarsi alle spalle la città, è spesso anche una delle poche occasioni che

Dettagli

Coordinamento di Disegno e Storia dell arte. DISEGNO e STORIA DELL ARTE. Obiettivi Didattici. Descrizione dell obiettivo DISEGNO

Coordinamento di Disegno e Storia dell arte. DISEGNO e STORIA DELL ARTE. Obiettivi Didattici. Descrizione dell obiettivo DISEGNO Coordinamento di Disegno e Storia dell arte Materia: Classe 5 1 ora + 1 ora DISEGNO e STORIA DELL ARTE Descrizione dell obiettivo DISEGNO Obiettivi Didattici Ordine Pulizia e organizzazione dell elaborato

Dettagli

FILOSOFIA DEL DIRITTO M - Q

FILOSOFIA DEL DIRITTO M - Q DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Anno accademico 2016/2017-1 anno FILOSOFIA DEL DIRITTO M - Q 10 CFU - 2 semestre Docente titolare dell'insegnamento ALBERTO ANDRONICO

Dettagli

presenta Mimmo Jodice Mare

presenta Mimmo Jodice Mare 2005 presenta Mimmo Jodice MIMMO JODICE Ogni giorno vengono scattate centinaia di migliaia di foto di mare. Il mare di Mimmo Jodice è l archetipo di tutte le foto di mare. Ciascuno dei suoi scatti ci scava

Dettagli

TERAPIA DELLA GESTALT INTEGRATA Profili di teoria e pratica

TERAPIA DELLA GESTALT INTEGRATA Profili di teoria e pratica TERAPIA DELLA GESTALT INTEGRATA Profili di teoria e pratica Autore: Erving Polster Miriam Polster QUARTA DI COPERTINA Questo libro di Erving e Miriam Polster, pubblicato negli Stati Uniti nel 1973, rimane

Dettagli

Scintille d amore... Come può il mondo continuare a vivere senza Cristina?

Scintille d amore... Come può il mondo continuare a vivere senza Cristina? Scintille d amore... Come può il mondo continuare a vivere senza Cristina? Enzo Casagni SCINTILLE D AMORE... Come può il mondo continuare a vivere senza Cristina? Diario autobiografico www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Umanesimo e Rinascimento

Umanesimo e Rinascimento Umanesimo e Rinascimento Caratteri generali di Pietro Gavagnin Scuola di Atene, Raffaello Humanitas = educazione e formazione dell uomo a) Non c è più un Dio ordinatore e perciò ci sarà una cosmologia

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO MATERIA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE ANNO SCOLASTICO 2011/12 PROF:

Dettagli

COME SUSCITARE CAMBIAMENTI SOCIALI? Con quali strumenti ATTIVARLI?

COME SUSCITARE CAMBIAMENTI SOCIALI? Con quali strumenti ATTIVARLI? COME SUSCITARE CAMBIAMENTI SOCIALI? Con quali strumenti ATTIVARLI? a. La regola e la coercizione b. Gli incentivi, premi, convenienze c. Il lavoro sulle motivazioni intrinseche d. La suggestione dell esempio

Dettagli

OMELIA SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI

OMELIA SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI OMELIA SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI Nel Vangelo di Matteo Gesù agli inizi della sua attività pubblica vuole far conoscere a coloro che lo ascoltano che cosa vuole donare all umanità. Quello che abbiamo

Dettagli

Gio G v io anni P ascoli anni P l assassi- nio del padre

Gio G v io anni P ascoli anni P l assassi- nio del padre Giovanni Pascoli Giovanni Pascoli nacque nel 1855 a S. Mauro in Romagna. Era il quarto di otto fratelli e il padre era l amministratore delle terre di una nobile famiglia del posto. Nel 1867 accadde l

Dettagli

Flavio Caroli. Il volto dell amore

Flavio Caroli. Il volto dell amore Flavio Caroli Il volto dell amore Nel millenario percorso compiuto dall arte per raffigurare il corpo, il volto e l anima dell uomo, l immagine dell amore occupa un ruolo centrale: la rappresentazione

Dettagli

CREDENZE SULLA LETTURA E COMPRENSIONE - INTERPRETAZIONE DEL TESTO NARRATIVO

CREDENZE SULLA LETTURA E COMPRENSIONE - INTERPRETAZIONE DEL TESTO NARRATIVO CREDENZE SULLA LETTURA E COMPRENSIONE - INTERPRETAZIONE DEL TESTO NARRATIVO punto di vista transmission: il significato risiede nel testo. L obiettivo primario del lettore è capire l intenzionalità comunicativa

Dettagli

Quale memoria della Shoah?

Quale memoria della Shoah? Educazione alla cittadinanza attiva Quale memoria della Shoah? La proposta si inserisce nel quadro del Progetto del Centro di Documentazione Europea dell'università degli Studi di Perugia: Il volto d'europa.

Dettagli

avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di Voi

avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di Voi avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di Voi e mi sarete testimoni fino agli estremi confini della terra (At 1,8) Furono queste le ultime parole che Gesù pronunciò prima della Sua Ascensione

Dettagli

TRA FANGO E POESIA: LA GUERRA DEI 99

TRA FANGO E POESIA: LA GUERRA DEI 99 TRA FANGO E POESIA: LA GUERRA DEI 99 Con la attuale classe seconda del liceo Scientifico Romano Bruni abbiamo preparato l allestimento di una mostra in occasione del Centenario della Grande Guerra. Tale

Dettagli

La fraternità si comincia ad imparare solitamente in seno alla famiglia.

La fraternità si comincia ad imparare solitamente in seno alla famiglia. In questo mio primo Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace, desidero rivolgere a tutti, singoli e popoli, l augurio di un esistenza colma di gioia e di speranza. Nel cuore di ogni uomo e di ogni

Dettagli

32 EYESOPEN! TEMPO 33. fotografie di Ljubodrag Andric - testi di Barbara Silbe e Ljubodrag Andric. sospensione. la del. tempo

32 EYESOPEN! TEMPO 33. fotografie di Ljubodrag Andric - testi di Barbara Silbe e Ljubodrag Andric. sospensione. la del. tempo 32 EYESOPEN! TEMPO 33 fotografie di Ljubodrag Andric - testi di Barbara Silbe e Ljubodrag Andric sospensione la del tempo 34 EYESOPEN! TEMPO 35 China 09 China 10 China 03 Nato a Belgrado nel 1965 e figlio

Dettagli

Metodologie Lezione frontale Lavori a coppie, in gruppo Giochi motori Drammatizzazione. Strumenti Cartelloni Immagini Documentari Oggetti

Metodologie Lezione frontale Lavori a coppie, in gruppo Giochi motori Drammatizzazione. Strumenti Cartelloni Immagini Documentari Oggetti DISCIPLINA: Storia NUCLEO TEMATICO: Uso delle fonti CLASSE: Prima Obiettivo -Riconoscere e ordinare i fatti in successione Ricostruire una situazione, leggendo tracce / Contenuti Successione temporale

Dettagli

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE Accademia di Belle Arti di Brera - Milano La Scuola di Didattica dell arte dell Accademia di Brera risponde ad un vuoto formativo sulle culture del contemporaneo e dei

Dettagli

La semiotica del progetto

La semiotica del progetto Salvatore Zingale La semiotica del progetto: il senso delle cose e il senso del progettare D&H Milano 19 maggio 2010 1 / 34 Salvatore Zingale La semiotica del progetto Il senso delle cose e il senso del

Dettagli

Il coraggio e l audacia

Il coraggio e l audacia Giovanni Sale Antonio Spadaro Il coraggio e l audacia Da Pio IX a Francesco «La Civiltà Cattolica» raccontata da dodici Papi 1850-2016 Proprietà letteraria riservata 2017 Rizzoli Libri S.p.A. / Rizzoli,

Dettagli

ARTE E IMMAGINE NUCLEI FONDANTI DELLA DISCIPLINA. riconoscere ed usare i linguaggi visivi. Produzione e rielaborazione dei messaggi visivi.

ARTE E IMMAGINE NUCLEI FONDANTI DELLA DISCIPLINA. riconoscere ed usare i linguaggi visivi. Produzione e rielaborazione dei messaggi visivi. ARTE E IMMAGINE NUCLEI FONDANTI DELLA DISCIPLINA Capacità di vedere osservare e comprendere riconoscere ed usare i linguaggi visivi. Conoscenza ed uso delle tecniche espressive. Produzione e rielaborazione

Dettagli

Led on Line. Tiziana Battaglia IL CINEMA DI PETER WEIR L D E

Led on Line. Tiziana Battaglia IL CINEMA DI PETER WEIR L D E Led on Line Tiziana Battaglia IL CINEMA DI PETER WEIR L D E ISBN 88-7916-190-3 Published in Led on Line - Electronic Archive by LED - Edizioni Universitarie di Lettere Economia Diritto Milano Agosto 2002

Dettagli

Dove sono le ragioni del sì?

Dove sono le ragioni del sì? Antonio G. Calafati Dove sono le ragioni del sì? La Tav in Val di Susa nella società della conoscenza 1 PREMESSA ANTONIO G. CALAFATI Dove sono le ragioni del sì? La Tav in Val di Susa nella società della

Dettagli

FUKINAGASHI. Mosso dal vento

FUKINAGASHI. Mosso dal vento FUKINAGASHI. Mosso dal vento L idea Lo sviluppo L opera L autore L idea Fukinagaschi. Mosso dal vento nasce nell ambito degli innovativi piani di comunicazione di ABenergie società di fornitura di energia

Dettagli

Omelia S. Messa nel 24 anniversario della morte di Salvatore Aversa e della moglie Lucia Precenzano Cattedrale di Lamezia Terme, 4 gennaio 2016

Omelia S. Messa nel 24 anniversario della morte di Salvatore Aversa e della moglie Lucia Precenzano Cattedrale di Lamezia Terme, 4 gennaio 2016 Omelia S. Messa nel 24 anniversario della morte di Salvatore Aversa e della moglie Lucia Precenzano Cattedrale di Lamezia Terme, 4 gennaio 2016 1. «Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande

Dettagli

FACOLTÀ DI FILOSOFIA IN FILOSOFIA

FACOLTÀ DI FILOSOFIA IN FILOSOFIA FACOLTÀ DI FILOSOFIA Corso di Laurea IN FILOSOFIA PRESENTAZIONE La Facoltà di Filosofia dell Università Vita-Salute San Raffaele si trova in uno dei maggiori centri di ricerca europei, che pone la persona,

Dettagli

Stefania Stracuzzi Salmeri LETTERE D AMORE DAL FUTURO. Experiences

Stefania Stracuzzi Salmeri LETTERE D AMORE DAL FUTURO. Experiences Experiences Stefania Stracuzzi Salmeri LETTERE D AMORE DAL FUTURO Experiences Tutti i diritti riservati Copyright 2016 Experiences S.r.l. Messina Via Cianciolo Complesso Airon Park F5/B www.experiences.it

Dettagli

Poltrona Frau per la Elbphilarmonie di Amburgo

Poltrona Frau per la Elbphilarmonie di Amburgo Poltrona Frau per la Elbphilarmonie di Amburgo La Divisione Contract di Poltrona Frau arreda l avveniristica sala concerti Grand Hall da 2.100 posti con una seduta progettata dagli architetti Herzog &

Dettagli

Leggere per studiare

Leggere per studiare Leggere per studiare A cura di Silvana Loiero Che cosa vuol dire leggere per studiare? Quando si legge un testo per studiare si devono fare diverse operazioni per capire il testo letto: rielaborare le

Dettagli

otto osservazioni Urbanistica e dittatura Harald Bodenschatz Center for Metropolitan Studies, TU Berlin

otto osservazioni Urbanistica e dittatura Harald Bodenschatz Center for Metropolitan Studies, TU Berlin Urbanistica e dittatura Il ruolo dell urbanistica nella legittimazione del potere e produzione di consenso delle dittature viene spesso sottovalutato. otto osservazioni Monaco di Baviera, Centro di documentazione

Dettagli

SANTA DOROTEA 2016 UNA PORTA APERTA AL CIELO!

SANTA DOROTEA 2016 UNA PORTA APERTA AL CIELO! SANTA DOROTEA 2016 UNA PORTA APERTA AL CIELO! DALLA STORIA DI S. DOROTEA: FIORI E FRUTTI DAL CIELO! Durante il percorso al luogo del martirio, Dorotea incontra il giovane avvocato Teofilo che prendendola

Dettagli

IO PER TE... TU PER NOI. Daniela Maria Tortorici

IO PER TE... TU PER NOI. Daniela Maria Tortorici 2 IO PER TE... TU PER NOI Daniela Maria Tortorici 3 A mio marito che ha creduto in me e mi ha convinta a scrivere questo libro. A mia figlia che è la ragione della mia vita. Ai miei genitori che sono dei

Dettagli

95

95 94 95 96 97 98 SEZIONE A CURA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO L Istituto è costituito da due indirizzi: il Tecnico per Geometri ed il Liceo Artistico. Pur avendo connotazioni fortemente differenziate, i due indirizzi

Dettagli

Teoria. Rivista di filosofia fondata da Vittorio Sainati XXVIII/2008/2 (Terza serie III/2) Eurosofia. La filosofia di fronte all Europa.

Teoria. Rivista di filosofia fondata da Vittorio Sainati XXVIII/2008/2 (Terza serie III/2) Eurosofia. La filosofia di fronte all Europa. Teoria Rivista di filosofia fondata da Vittorio Sainati XXVIII/2008/2 (Terza serie III/2) Eurosofia La filosofia di fronte all Europa Edizioni ETS Indice Antonia Pellegrino, Adriano Fabris Premessa p.

Dettagli

SCIENZA E FEDE un dialogo possibile

SCIENZA E FEDE un dialogo possibile Le difficoltà del passato: La fede vedeva nella scienza la volontà dell uomo e della sua ragione di fare a meno Di Dio... SCIENZA E FEDE un dialogo possibile La scienza vedeva nella fede qualcosa di primitivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA MONGINEVRO ARCORE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA MONGINEVRO ARCORE CURRICOLO ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Leggere una semplice immagine Distinguere e nominare i colori primari sa leggere una semplice rappresentazione iconica. sa riconoscere e nominare

Dettagli

Villa LOBOS. a brand new kind of lifestyle. * luxury real estate * urbanhouse. Villa Lobos. padova - quartiere terranegra

Villa LOBOS.  a brand new kind of lifestyle. * luxury real estate * urbanhouse. Villa Lobos. padova - quartiere terranegra www.archinetspa.it a brand new kind of lifestyle * luxury real estate * urbanhouse Villa Lobos padova - quartiere terranegra INQUADRAMENTO TERRITORIALE area oggetto di intervento Quartiere Forcellini Quartiere

Dettagli

LEONARDO ( )

LEONARDO ( ) LEONARDO ( 1452-1519) FORMAZIONE A 17 anni entra nella Bottega del Verrocchio per circa 8 anni. Assimila dapprima le caratteristiche del rinascimento fiorentino opponendosi infine ai suoi schematismi intellettuali,alla

Dettagli

Il biglietto di sola andata

Il biglietto di sola andata Il biglietto di sola andata Daniela Demontis IL BIGLIETTO DI SOLA ANDATA racconto www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Daniela Demontis Tutti i diritti riservati A mia madre, perché il modo migliore

Dettagli

Heidegger e Hölderlin Filosofia e letteratura

Heidegger e Hölderlin Filosofia e letteratura Riflessi: la filosofia si specchia nel mondo videoanimazioni interdisciplinari Heidegger e Hölderlin Filosofia e letteratura Comprensione del testo 1. Da quale poesia sono tratti i versi che aprono l animazione?

Dettagli

L Enciclopedia delle scienze filosofiche

L Enciclopedia delle scienze filosofiche L Enciclopedia delle scienze filosofiche La logica È la scienza dell Idea pura, cioè dell Idea nell elemento astratto del pensiero. Tesi di fondo: essere = pensiero (identità a partire dall Io puro) Hegel

Dettagli

15/06/2015 Tramonti di Sopra 1

15/06/2015 Tramonti di Sopra 1 Il volontariato ANTEAS: progettare tra i cambiamenti del Terzo settore e le azioni sul territorio 10 Incontro annuale di confronto fra i gruppi ANTEAS della Regione 15/06/2015 Tramonti di Sopra 1 Programma

Dettagli

L'universo Partecipativo

L'universo Partecipativo L'universo Partecipativo Una delle tre teorie prevalenti (Interpretazione di Copenhagen, degli universi paralleli, di Penrose) riesce forse a spiegare sia gli eventi anomali del regno subatomico, sia il

Dettagli