Corso di aggiornamento per CSP, CSE EDILFORM ESTENSE Ferrara, Febbraio Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di aggiornamento per CSP, CSE EDILFORM ESTENSE Ferrara, Febbraio 2016. Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro"

Transcript

1 Corso di aggiornamento per CSP, CSE EDILFORM ESTENSE Ferrara, Febbraio 2016 Sistemi anti-caduta: modulo Coperture Lauro Rossi Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro

2 Valutazione dei Rischi (punto 4 UNI 11560:2014) Alla base di ogni progettazione di sistemi anticaduta vi deve essere una approfondita ed accurata Valutazione dei Rischi, che in base alle caratteristiche strutturali del fabbricato, che deve essere oggetto del sistema anticaduta, metta in luce i pericoli, valuti i rischi legati alle attività da svolgersi in quota e quindi preveda le attrezzature più idonee al fine di ridurre al massimo i rischi di infortunio.

3

4

5

6

7

8

9

10

11 ATTO INDIRIZZO E COORDINAMENTO ALLEGATO I MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ACCESSO ACCESSO COPERTURA COPERTURApunto punto7.4.b) 7.4.b) Presenza di un accesso interno o esterno utile al passaggio di operatore, materiali e utensili - Accesso interno con apertura verticale: larghezza minima 0,7 m e altezza minima 1,2 m - Accesso interno con apertura orizzontale/inclinata: lato minore minimo 0,7 e superficie min 0,5 m2 - La dimensione degli accessi deve tenere conto del prevedibile ingombro di attrezzature e materiali da trasportare

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21 Tipologie di sistemi anti-caduta

22 Tipologie di sistemi anti-caduta Nel progettare un sistema anti-caduta su di una copertura bisogna tener presente in generale 2 problemi: Tirante d'aria Effetto pendolo

23 TIRANTE D'ARIA Distanza libera di caduta E' la distanza dal punto di caduta, al punto dove un operatore può cadere. Tale distanza è variabile in funzione del punto di caduta dalla copertura. Distanza libera di caduta

24 TIRANTE D'ARIA Tirante d'aria E' il minimo spazio libero di caduta in sicurezza. Secondo le norme UNI è la distanza minima, misurata in verticale, necessaria ad arrestare in sicurezza un lavoratore in un sistema di arresto caduta. E pertanto la misura dello spazio libero da ostacoli al di sotto del lavoratore necessario ad arrestare la caduta in sicurezza. Distanza di arresto del sistema anticaduta Rappresenta la minima distanza con cui il sistema di trattenuta riesce ad arrestare la caduta di un lavoratore. E' chiaramente variabile in funzione del sistema di arresto che si usa. Per ogni punto della copertura,da cui vi può essere caduta, si deve verificare che: distanza libera di caduta Tirante d aria distanza di arresto

25

26 TIRANTE D'ARIA

27 TIRANTE D'ARIA IN LINEA-VITA FLESSIBILE CON CORDINO RETRATTILE FRECCIA LINEA-VITA ESCURSIONE MAX CORDINO RETRATTILE ALTEZZA ATTACCO IMBRAC. SPAZIO LIBERO RESIDUO Ta= X >= 450

28 TIRANTE D'ARIA Se il tirante d'aria è maggiore della distanza libera di caduta è chiaro che il sistema anticaduta NON funziona. Il lavoratore in caduta, incontra l'ostacolo prima che il sistema anti caduta ne possa arrestare la corsa. In tale situazione si può lavorare in: caduta totalmente prevenuta, (CONSIGLIATA)(per es. con cordini fissi ad ancoraggi puntuali predisposti) affinché il lavoratore non possa mai raggiungere con i piedi il ciglio della copertura. caduta trattenuta, il lavoratore può scivolare, ma senza cadere. Caduta libera limitata, il lavoratore può cadere, ma senza andare a sbattere sull'ostacolo sottostante

29 TIRANTE D'ARIA

30 TIRANTE D'ARIA

31 Tipologie di sistemi anti-caduta Effetto pendolo L'effetto pendolo si manifesta quando un lavoratore, in seguito ad una caduta, và a sbattere in un ostacolo pre-esistente con un effetto tipico di un pendolo.

32 Tipologie di sistemi anti-caduta Effetto pendolo L'effetto pendolo risulta particolarmente pericoloso in corrispondenza degli spigoli esterni di una copertura e bisogna tenerne in debito conto durante la progettazione del sistema anti caduta Mancanza di prevenzione effetto pendolo Tirante d'aria insufficiente

33 Tipologie di sistemi anti-caduta Effetto pendolo Per prevenire l'effetto pendolo si interviene posizionando opportunamente degli ancoraggi puntuali (es. UNI EN 517 A2) e prevedendo una determinata procedura di lavoro.

34 Tipologie di sistemi anti-caduta PREVENZIONE EFFETTO PENDOLO CORDINO RETRATTILE CORDINO FISSO Utilizzo di doppio cordino: uno retrattile collegato alla linea-vita ed un secondo, di lunghezza fissa a 2 m., collegato ad un ancoraggio puntuale (es. UNI EN 517)

35 Tipologie di sistemi anti-caduta Effetto pendolo In questo esempio si rileva come la disposizione dei dispositivi anti caduta sia errata per diverse ragioni.

36 Tipologie di sistemi anti-caduta Effetto pendolo Vediamo lo stesso esempio corretto avendo eliminato (alcuni) degli errori di progettazione sulla copertura. Ancoraggi puntuali Ancoraggi puntuali

37 Tipologie di sistemi anti-caduta Effetto pendolo Si interviene in sicurezza utilizzando 2 cordini, uno fisso di lunghezza fissa (da 2 m.) collegato all'ancoraggio puntuale, e l'altro retrattile, di solito collegato alla linea vita posizionata sul colmo del tetto. Ancoraggi puntuali UNI EN 517 A2 o oppure UNI EN 11578:2015 A (se permanenti)

38 Tipologie di sistemi anti-caduta PREVENZIONE EFFETTO PENDOLO Caso di angolo di tetto con due falde inclinate. Utilizzo di triplo cordino: uno retrattile collegato alla linea-vita ed altri due, di lunghezza fissa a 2 m., collegati a due ancoraggi puntuali (es. UNI EN 517)

39 Tipologie di sistemi anti-caduta Caso di angolo di tetto con due falde in pendenza sfalsate. Le due falde si considerano come due tetti indipendenti e separati, quindi vi sono due accessi con trabattello e due linee vita (UNI EN 11578:2015 tipo C)

40 Tipologie di sistemi anti-caduta PREVENZIONE EFFETTO PENDOLO R=2,60 R=2,00 Se con l'ancoraggio puntuale in angolo si previene l'effetto pendolo nella posizione più critica, ciò non toglie che questo si manifesti ancora quando si lavora sul ciglio della copertura, prima del punto di ancoraggio puntuale. Per prevenire l'effetto pendolo anche in queste zone si possono installare altri ancoraggi puntuali per collegare il secondo cordino fisso di 2 m.

41 Tipologie di sistemi anti-caduta PREVENZIONE EFFETTO PENDOLO Riassumendo per prevenire l'effetto pendolo sul bordo di una copertura, un ancoraggio puntuale può essere utilizzato in tre modi diversi: 1) Come punto di deviazione caduta ad un cordino retrattile dotato di assorbitore di energia

42 Tipologie di sistemi anti-caduta PREVENZIONE EFFETTO PENDOLO 2) Come punto di trattenuta in seguito a caduta a due cordini b a b a a cordino di lunghezza fissa ma che permette la caduta b cordino retrattile

43 Tipologie di sistemi anti-caduta PREVENZIONE EFFETTO PENDOLO 3) Come punto di trattenuta a caduta impedita a due cordini b a a cordino di lunghezza fissa che non permette la caduta b cordino retrattile

44 Tipologie di sistemi anti-caduta PREVENZIONE EFFETTO PENDOLO Dispositivo di arresto della caduta di tipo guidato, specificatamente previsto per l'uso dal fabbricante.(uni punto 5.3 fig.13) a b a Dispositivo di arresto di tipo guidato. b blocco variabile

45 Tipologie di sistemi anti-caduta PREVENZIONE EFFETTO PENDOLO In determinati casi si può verificare che in seguito alla caduta del lavoratore si abbia lo slittamento verso un ostacolo pericoloso. Lo slittamento è dovuto alla deformazione (freccia) della linea-vita per il peso del corpo del lavoratore. Si può limitare il rischio prevedendo un ancoraggio intermedio in corrispondenza della posizione dell'ostacolo.

46 Tipologie di sistemi anti-caduta PREVENZIONE EFFETTO PENDOLO Nel posizionamento degli ancoraggi, in particolare di quelli puntuali, si deve considerare che il campo di azione consigliato, per prevenire l'effetto pendolo è di 15, sia a destra che a sinistra della verticale, identificando quindi il range di lavoro in un arco di 30 in totale.

47 Tipologie di sistemi anti-caduta 7.2 In riferimento al punto 7.1 si precisa che: - i percorsi e gli accessi devono essere di tipo permanente; - il transito e l esecuzione dei lavori devono essere garantiti attraverso dispositivi permanenti contro le cadute dall'alto. 7.3 Nei casi in cui non sia possibile tecnicamente adottare le suddette misure di tipo permanente, nell Elaborato tecnico devono essere specificate le motivazioni in base alle quali tali misure risultano non realizzabili. Devono altresì essere specificate e documentate le misure preventive e/o protettive non permanenti previste per tutelare i lavoratori dal rischio di cadute dall'alto.

48 Tipologie di sistemi anti-caduta Caso di angolo di tetto con due falde in pendenza sfalsate. Le due falde si considerano come due tetti indipendenti e separati, quindi vi sono due accessi con trabattello e due linee vita (UNI EN 11578:2015 tipo C)

49 Tipologie di sistemi anti-caduta

50 Tipologie di sistemi anti-caduta

51 Tipologie di sistemi anti-caduta 7.5 L impiego di punti di ancoraggio è consentito solo per brevi spostamenti, o laddove i sistemi per la protezione contro le cadute dall'alto risultino non installabili per le caratteristiche strutturali delle coperture.

52 Tipologie di sistemi anti-caduta

53 Tipologie di sistemi anti-caduta Per il punto 7.5 della DGR 699 del , questo sistema anti caduta non è consentito, senza adeguata motivazione, nella Regione Emilia-Romagna.

54 Tipologie di sistemi anti-caduta

55 Per chiarimenti e delucidazioni GRAZIE PER L ATTENZIONE 61

CRITERI PROGETTUALI Scheda: CR005 Rev: 17/06/ Pagina 1/1 DISTANZE ANTICADUTA

CRITERI PROGETTUALI Scheda: CR005 Rev: 17/06/ Pagina 1/1 DISTANZE ANTICADUTA CRITERI PROGETTUALI Scheda: CR005 Rev: 17/06/2009 23.49.00 Pagina 1/1 DISTANZE ANTICADUTA 1. Distanza libera di caduta 2. Tirante d aria 3. Distanza di Arresto Descrizione: Nella corretta progettazione

Dettagli

Via Muredei TRENTO (ITALY) TEL FAX

Via Muredei TRENTO (ITALY) TEL FAX Via Muredei 78-38122 TRENTO (ITALY) TEL. +39 0461 933694 FAX +39 0461 396352 E-MAIL info@saitre.it Viale Verona 190/14-38123 TRENTO (ITALY) TEL. +39 0461 933546 FAX +39 0461 398141 E-MAIL info@stain.tn.it

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (spazio per il protocollo) Spett.le COMUNE DI EMPOLI Via G. del Papa, 41 50053 Empoli (Fi) ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 5, comma 1 del Regolamento di Attuazione) ELABORATI FASE 1 (art. 4, comma

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA COMMITTENTE: Comune di Codigoro Per i lavori di: tipologia intervento Manutenzione straordinaria copertura rimessa caserma VV.F. Nel Fabbricato

Dettagli

COPERTURA RAGGIUNGIBILE

COPERTURA RAGGIUNGIBILE CRITERI PROGETTUALI Scheda: CR004 Rev: 24/05/2011 12.59.00 Pagina 1/5 COPERTURA RAGGIUNGIBILE AREA RAGGIUNGIBILE IN SICUREZZA DISTANZA E POSIZIONAMENTO ANCORAGGI USO DEL CORDINO UNI EN 354 DI LUNGHEZZA

Dettagli

Allegato 1 Parte A. RELAZIONE TECNICA articolo 6 comma 2 lettera a) Comune Cap Prov

Allegato 1 Parte A. RELAZIONE TECNICA articolo 6 comma 2 lettera a) Comune Cap Prov Allegato 1 Parte A RELAZIONE TECNICA articolo 6 comma 2 lettera a) INTESTATARIO/COINTESTATARIO/LEGALE RAPPRESENTANTE: (Nome) (Cognome) Residente/con sede via/piazza n Comune Cap Prov Per i lavori di: Tipologia

Dettagli

Comune Forte dei Marmi. Residente/con sede via/piazza Piazza dante n 1. Comune Forte dei Marmi Cap Prov Lucca.

Comune Forte dei Marmi. Residente/con sede via/piazza Piazza dante n 1. Comune Forte dei Marmi Cap Prov Lucca. ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Soluzioni Progettuali di Prevenzione Anticaduta in Copertura DPGR 18 dicembre 2013, n. 75/R RICHIEDENTE / COMMITTENTE: Comune Forte dei

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Pagina 1 di 5 Protocollo Pratica Edilizia n... /... ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 10.11.2014 n.65, art. 141 c. 13, 14 e 15 D.P.G.R. del 18.12.2013 n 75/R RICHIEDENTE / COMMITTENTE: nome Cognome

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA COMUNE DI VAIANO PROVINCIA DI PRATO Piazza del Comune, 4 59021 Vaiano (PO) Protocollo Pratica Edilizia... /... ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 03.01.2005 1, Art. 82 c. 14 e 16 D.P.G.R. 62/R del

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP25 Rev: 14/07/ Pagina 1/6 STATO DI FATTO

Soluzioni Progettuali Scheda: SP25 Rev: 14/07/ Pagina 1/6 STATO DI FATTO Soluzioni Progettuali Scheda: SP25 Rev: 14/07/2010 19.39.00 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA TRE FALDE A CAPANNA Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta di un edificio

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 65/2014 art. 141 c. 13 ) e 15) - DPGR n. 75/R

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 65/2014 art. 141 c. 13 ) e 15) - DPGR n. 75/R Allo sportello Unico di Edilizia COMUNE di PONSACCO Provincia di PISA FAC SIMILE ALLEGATO 2) ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 65/2014 art. 141 c. 13 ) e 15) - DPGR 18.12.2013 n. 75/R RICHIEDENTE

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI C CASTAGNETO CARDUCCI. con sede via MARCONI n 1. Comune CASTAGNETO CARDUCCI Cap Prov LIVORNO.

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI C CASTAGNETO CARDUCCI. con sede via MARCONI n 1. Comune CASTAGNETO CARDUCCI Cap Prov LIVORNO. ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Soluzioni Progettuali di Prevenzione Anticaduta in Copertura DPGR 18 dicembre 2013, n. 75/R COMMITTENTE: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI C CASTAGNETO

Dettagli

Residente sede piazza Il Campo n 1. Per i lavori di: Ristrutturazione. Nel Fabbricato posto in via Duccio di Boninsegna n 76

Residente sede piazza Il Campo n 1. Per i lavori di: Ristrutturazione. Nel Fabbricato posto in via Duccio di Boninsegna n 76 ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Soluzioni Progettuali di Prevenzione Anticaduta in Copertura DPGR 18 dicembre 2013, n. 75/R RICHIEDENTE / COMMITTENTE: Comune di Siena Paolo

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA AlComunedi CANTAGALLO Ufficio Tecnico - Area n 5 Assetto Pianificazione e Gestione del Territorio Via G.Verdi n. 24 59025 LUICCIANA (PO) ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. n. 65 del 10/11/2014 - art.

Dettagli

Protocollo Pratica Edilizia n... /... ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R n.1, art.82 c. 14 e 16- DPGR del n.

Protocollo Pratica Edilizia n... /... ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R n.1, art.82 c. 14 e 16- DPGR del n. Protocollo Pratica Edilizia... /... ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 03.01.2005 n.1, art.82 c. 14 e 16- DPGR del 23.11.2005 n.62/r RICHIEDENTE / COMMITTENTE: Residente/con sede via/piazza nome Cognome

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Protocollo COMUNE DI RIESI ALLEGATO, per intervento edilizio interessante la copertura, A PRATICA EDILIZIA: Denuncia inizio attività XX Richiesta Permesso di costruire Variante con sospensione lavori Variante

Dettagli

SICUREZZA IN COPERTURA

SICUREZZA IN COPERTURA Comune di Montecatini Val di Cecina PROVINCIA DI PISA OGGETTO: LAVORI DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE CON LA REALIZZAZIONE DI N 48 SEPOLTURE A COLOMBARI E N 12 OSSARI NEL CAPOLUOGO. MONTECATINI VAL

Dettagli

Settembre Soluzioni Progettuali di Prevenzione Anticaduta in Copertura DPGR 18 dicembre 2013, n. 75/R. Residente/con sede via/piazza n

Settembre Soluzioni Progettuali di Prevenzione Anticaduta in Copertura DPGR 18 dicembre 2013, n. 75/R. Residente/con sede via/piazza n COMUNE DI PISTOIA SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA U.O. EDILIZIA PRIVATA E ABITABILITA Settembre 2014 ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Soluzioni Progettuali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO

RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO Art. 6 lett. a) - b) e Allegato A - Legge Regione Fvg n. 24 del 16/10/2015 "Norme per la sicurezza dei lavori in quota e per la prevenzione di infortuni conseguenti al rischio

Dettagli

SEMINARIO Ancoraggi e sistemi di protezione individuale nei lavori su copertura

SEMINARIO Ancoraggi e sistemi di protezione individuale nei lavori su copertura SEMINARIO Ancoraggi e sistemi di protezione individuale nei lavori su copertura Requisiti dei sistemi di protezione individuale contro le cadute dall alto Ing. Francesca Maria Fabiani INAIL Dipartimento

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RICHIEDENTE/COMMITTENTE: Soc. VIPIESSE sas Soc. AGRICOND sas Residente/con sede in via repubblica via roma n. 4-32 Comune: Monselice Cap. 35043 Prov. PD per lavori di:

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA COMUNE DI BUGGIANO PROVINCIA DI PISTOIA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 12.11.2014 n.65, art.141 c. 13 DPGR del 18.12.2013 n.75/r L.R. 12.11.2014 n.65, art.215 c. 1 lett.b) ALLEGATO ALLA PRATICA

Dettagli

I dispositivi di ancoraggio sulle coperture

I dispositivi di ancoraggio sulle coperture PREVENZIONE DEL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LAVORI SULLA COPERTURA DEGLI EDIFICI I dispositivi di ancoraggio sulle coperture Modifica del RLI della Provincia di Bergamo Regolamento Locale di Igiene -

Dettagli

COMUNE DI FARA VICENTINO

COMUNE DI FARA VICENTINO COMUNE DI FARA VICENTINO Provincia di Vicenza C.F. 93004390246 P.I. 00452380249 UFFICIO TECNICO Piazza Arnaldi, n.1 Telefono 0445 / 375056 Telefax 0445 / 375030 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Protocollo Pratica Edilizia n... /... ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 03.01.2005 n.1, art.82 c. 14 e 16- DPGR del 23.11.2005 n.62/r RICHIEDENTE / COMMITTENTE: COMUNE DI PRATO SETTORE EDILIZIA PUBBLICA

Dettagli

RELAZI ONE TECNI CA I LLUSTRATI VA

RELAZI ONE TECNI CA I LLUSTRATI VA ELABORATO TECN I CO D ELLA COPERTURA RELAZI ONE TECNI CA I LLUSTRATI VA Decreto Assessorato della Salute Sicilia 5 settembre 2012 (Gazzetta ufficiale n. 42 del 05/10/2012) - Art. 4 comma 2 lett. b COMMI

Dettagli

con sede via Francesco Donati n 100/116 Comune Seravezza Cap Prov LU

con sede via Francesco Donati n 100/116 Comune Seravezza Cap Prov LU ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Soluzioni Progettuali di Prevenzione Anticaduta in Copertura DPGR 18 dicembre 2013, n. 75/R RICHIEDENTE / COMMITTENTE: Renzo Venturini Legale

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP10 Rev: 12/02/ Pagina 1/8

Soluzioni Progettuali Scheda: SP10 Rev: 12/02/ Pagina 1/8 Soluzioni Progettuali Scheda: SP10 Rev: 12/02/2010 17.17.00 Pagina 1/8 STATO DI FATTO Descrizione Copertura: COPERTURA A VOLTA a pendenza variabile (da 0 a 50%) Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 65/2014 art. 141 c. 13 ) e 15) - DPGR n. 75/R

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 65/2014 art. 141 c. 13 ) e 15) - DPGR n. 75/R Allo sportello Unico di Edilizia COMUNE DI S.MARIA A MONTE Provincia di PISA ALLEGATO 2) ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 65/2014 art. 141 c. 13 ) e 15) - DPGR 18.12.2013 n. 75/R RICHIEDENTE / COMMITTENTE:

Dettagli

Per i lavori di: Comune prato Cap Prov PO

Per i lavori di: Comune prato Cap Prov PO ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Soluzioni Progettuali di Prevenzione Anticaduta in Copertura DPGR 18 dicembre 2013, n. 75/R RICHIEDENTE / COMMITTENTE: COMUNE DI PRATO Servizio

Dettagli

studiovenzo stradella Araceli 3 Vicenza

studiovenzo stradella Araceli 3 Vicenza Vicenza 25.11.2013 PDR DI INIZIATIVA PRIVATA PER LA RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO IN APPLICAZIONE DELL ART. 2 DELLA LR 13/2009 e smi DEL COMPLESSO POLIFUNZIONALE LE VESCOVANE : Maria Rita Savoia / Luigi

Dettagli

TETTOIA A DUE FALDE STRUTTURA PREFABBRICATA IN LEGNO

TETTOIA A DUE FALDE STRUTTURA PREFABBRICATA IN LEGNO Soluzioni Progettuali Scheda: SP31 Rev: 09/11/2010 STATO DI FATTO Descrizione Copertura: Nuova Praticabile Esistente Non Praticabile Tettoia in legno con elementi prefabbricati e copertura a due falde

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP35 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO COPERTURA A DUE FALDE SFALSATE STRUTTURA PREFABBRICATA IN LEGNO

Soluzioni Progettuali Scheda: SP35 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO COPERTURA A DUE FALDE SFALSATE STRUTTURA PREFABBRICATA IN LEGNO Soluzioni Progettuali Scheda: SP35 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A DUE FALDE SFALSATE STRUTTURA PREFABBRICATA IN LEGNO Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - Città metropolitana di Torino COMUNE DI VALPERGA (TO) OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA COPERTURA SETTIMO LOTTO LOCULI COMUNALI

REGIONE PIEMONTE - Città metropolitana di Torino COMUNE DI VALPERGA (TO) OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA COPERTURA SETTIMO LOTTO LOCULI COMUNALI REGIONE PIEMONTE - Città metropolitana di Torino COMUNE DI VALPERGA (TO) OGGETTO: OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA COPERTURA SETTIMO LOTTO LOCULI COMUNALI PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO TAVOLA: ELABORATO

Dettagli

Soluzioni Progettuali di Prevenzione Anticaduta in Copertura DPGR 18 dicembre 2013, n. 75/R

Soluzioni Progettuali di Prevenzione Anticaduta in Copertura DPGR 18 dicembre 2013, n. 75/R COMUNE DI PISTOIA SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA U.O. EDILIZIA PRIVATA E ABITABILITA Settembre 2014 ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Soluzioni Progettuali

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RICHIEDENTE / COMMITTENTE: COMUNE DI MORSANO AL TG.TO Residente in Piazza Daniele Moro n 3 Comune Morsano al Tagliamento Cap 33075 Prov

Dettagli

ELABORATO TECNICO DI COPERTURA

ELABORATO TECNICO DI COPERTURA localizzazione REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA tavola PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI PORDENONE committente POLO TECNOLOGICO DI PORDENONE lavoro oggetto scala ELABORATO TECNICO DI COPERTURA responsabile

Dettagli

Via Cesare Battisti n Castelfiorentino (FI) Ing. Giuliano Ceccarelli

Via Cesare Battisti n Castelfiorentino (FI) Ing. Giuliano Ceccarelli Via Cesare Battisti n.13 50051 Castelfiorentino (FI) Ing. Giuliano Ceccarelli AZNALUBMA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Soluzioni Progettuali di Prevenzione Anticaduta

Dettagli

COMUNE DI SAN GERMANO CHISONE

COMUNE DI SAN GERMANO CHISONE COMUNE DI SAN GERMANO CHISONE CITTA METROPOLITANA DI TORINO PROGETTO PER LAVORI DI MIGLIORAMENTO SISMICO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA DLGS

Dettagli

STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA RELAZIONE TECNICA ELABORATO B PAG.1

STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA RELAZIONE TECNICA ELABORATO B PAG.1 STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA RELAZIONE TECNICA ELABORATO B PAG.1 RELAZIONE TECNICA DESCRIZIONE GENERALE In attuazione dell articolo 82, comma 13 della L.R 1/2005 (e successive modifiche), si definisce

Dettagli

Il Nuovo Regolamento della Regione Piemonte sulla installazione dei dispositivi di ancoraggio in copertura

Il Nuovo Regolamento della Regione Piemonte sulla installazione dei dispositivi di ancoraggio in copertura Torino 14 Settembre 2016 Il Nuovo Regolamento della Regione Piemonte sulla installazione dei dispositivi di ancoraggio in copertura ALLEGATO 1: Elaborato Tecnico della Copertura Walter Lazzarotto 1 ELABORATO

Dettagli

COMUNE DI SIENA. E14 ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ai sensi DPGR Toscana 18 dicembre 2013, n. 75/R - Art. 5

COMUNE DI SIENA. E14 ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ai sensi DPGR Toscana 18 dicembre 2013, n. 75/R - Art. 5 COMUNE DI SIENA PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA ED ANTISISMICA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CASTAGNO" CUP C64H14000740005 Progetto Esecutivo E14 ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ai sensi DPGR

Dettagli

LAVORI IN QUOTA D.P.I. 3A CATEGORIA. Corso di formazione

LAVORI IN QUOTA D.P.I. 3A CATEGORIA. Corso di formazione LAVORI IN QUOTA D.P.I. 3A CATEGORIA Corso di formazione La valutazione del rischio IL FENOMENO DELLA CADUTA Tempo (s) Caduta (m) Velocità (km/h) 0,5 1,3 17,7 0,55 1,5 19,6 0,64 2,0 22,6 1,0 4,9 35,3 1,1

Dettagli

COMUNE DI PODENZANO (PROVINCIA DI PIACENZA) R.U.E. ALLEGATO 1

COMUNE DI PODENZANO (PROVINCIA DI PIACENZA) R.U.E. ALLEGATO 1 COMUNE DI PODENZANO (PROVINCIA DI PIACENZA) R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO ED EDILIZIO (L.R. 24 marzo 2000, nr. 20 art. 29) Adozione. Approvazione.. Il Sindaco. Il Segretario. ALLEGATO 1 ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

Serraggio dei bulloni con chiave dinamometrica

Serraggio dei bulloni con chiave dinamometrica Egregio Professionista/Impresa, a distanza di qualche mese torniamo sull argomento linee vita per comunicarti che dal primo servizio di sola progettazione, siamo passati alla realizzazione dei sistemi

Dettagli

PROTEZIONE DALLE CADUTE HOME

PROTEZIONE DALLE CADUTE HOME PROTEZIONE DALLE CADUTE DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PRINCIPI GENERALI NEI LAVORI IN QUOTA QUALORA NON SIANO STATE ATTUATE MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA È NECESSARIO CHE I LAVORATORI

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA COPERTURA

DESCRIZIONE DELLA COPERTURA PREMESSE L intervento riguarda l efficientamento energetico della palestra della scuola secondaria di primo grado "Dante Alighieri"di Cologna Veneta. Ai sensi dell art. 79 bis L.R. 61/85 si è provveduto,

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R n.1, art.82 c DPGR del n.75/r

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R n.1, art.82 c DPGR del n.75/r Protocollo Pratica Edilizia n... /... ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 03.01.2005 n.1, art.82 c. 15 - DPGR del 18.12.2013 n.75/r RICHIEDENTE / COMMITTENTE: Dott.Ing. Renato Pallesi legale rappr.

Dettagli

COMUNE DI PIETRASANTA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

COMUNE DI PIETRASANTA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA studio tecnico associato dott. ing. andrea biagiotti dott. Ing. tiziano suffredini via bixio, 24 55049 viareggio tel 0584 54707 fax 0584 409333 studio.tecnico@biagiottiesuffredini.it COMUNE DI PIETRASANTA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4" lett. b RICHIEDENTE / COMMITTENTE: -COMUNE DI PIETRASANTA- UFFICIO LAVORI PUBBLICI Residente via S VIA MARTIRI S.ANNA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DPGR Toscana 23 Novembre 2005, n.62/r Art. 5, comma 4, lett.b ALLEGATO AL FASCICOLO DELLE INFORMAZIONI FASE I

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DPGR Toscana 23 Novembre 2005, n.62/r Art. 5, comma 4, lett.b ALLEGATO AL FASCICOLO DELLE INFORMAZIONI FASE I FASE I- DPGR 62/R Art. 5, comma 4, lett b Pag. 1 di 7 COMUNE DI POMARANCE Intervento di ristrutturazione edilizia di un lotto del cimitero di Pomarance (PI), comprendente il rifacimento dei loculi RELAZIONE

Dettagli

Capo I Disposizioni generali. Art. 1 Oggetto

Capo I Disposizioni generali. Art. 1 Oggetto Regolamento Edilizio Sezione Omogenea Unitaria: Misure preventive e protettive per l accesso, il transito e l esecuzione dei lavori in quota in condizioni di sicurezza. Capo I Disposizioni generali Art.

Dettagli

D.lgs Art. 107

D.lgs Art. 107 D.lgs. 81 - Art. 107 Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intende per lavoro in quota: attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza

Dettagli

Gamma Quality DPI anticaduta La sicurezza sul lavoro è alla base noi dobbiamo essere all altezza!!!

Gamma Quality DPI anticaduta La sicurezza sul lavoro è alla base noi dobbiamo essere all altezza!!! Requisiti itiessenziali ilidi salute e sicurezza: DPI anticaduta La sicurezza sul lavoro è alla base noi dobbiamo essere all altezza!!! VDR caduta dall alto Nei lavori in quota, dove i lavoratori sono

Dettagli

Allegato 1 Parte A. RELAZIONE TECNICA articolo 6 comma 2 lettera a) Comune Cap Prov

Allegato 1 Parte A. RELAZIONE TECNICA articolo 6 comma 2 lettera a) Comune Cap Prov Allegato 1 Parte A RELAZIONE TECNICA articolo 6 comma 2 lettera a) INTESTATARIO/COINTESTATARIO/LEGALE RAPPRESENTANTE: (Nome) (Cognome) Residente/con sede via/piazza n Comune Cap Prov Per i lavori di: Tipologia

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP37 Rev: 26/03/2012 Pagina 1/7 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COMPLESSO RURALE COPERTURE A CAPANNA manto in coppi e tegole Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall'alto nei lavori in quota

Prevenzione delle cadute dall'alto nei lavori in quota Prevenzione delle cadute dall'alto nei lavori in quota Forlì 13/05/2014 Marino Casadio Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili

Dettagli

PONTEGGI E SISTEMI ANTICADUTA

PONTEGGI E SISTEMI ANTICADUTA PONTEGGI E SISTEMI ANTICADUTA PREMESSA Il presente volume ha lo scopo di fornire i criteri teorici e pratici di esecuzione e le misure di sicurezza per lo svolgimento dei lavori temporanei in quota per

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Soluzioni Progettuali di Prevenzione Anticaduta in Copertura

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Soluzioni Progettuali di Prevenzione Anticaduta in Copertura ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Soluzioni Progettuali di Prevenzione Anticaduta in Copertura RICHIEDENTE / COMMITTENTE: Regione autonoma FVG Residente/con sede via/piazza

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP12 Rev: 28/09/2009 16.15.00 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A CAPANNA SU PIANTA RETTANGOLARE CON DUE FALDE INCLINATE Nuova Esistente Praticabile

Dettagli

CADUTE DALL ALTO. Protezioni Collettive ed Individuali

CADUTE DALL ALTO. Protezioni Collettive ed Individuali CADUTE DALL ALTO Protezioni Collettive ed Individuali D.LGS. 81/08 capo II Ex D.LGS. 626/94 Art. 107 LAVORO IN QUOTA Attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta

Dettagli

Linee Vita e cadute dall alto Simona FRIGERIO

Linee Vita e cadute dall alto Simona FRIGERIO Linee Vita e cadute dall alto Simona FRIGERIO Bologna, 19 ottobre 2016 LINEE VITA E CADUTE DALL ALTO Rischi specifici, responsabilità penali e soluzioni Caduta dall alto 2 Definizioni legali Art. 107 d.lgs.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA REGIONE VENETO Delibera della Giunta Regionale n. 2774 del 22 settembre 2009 Istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive da predisporre negli edifici per l accesso,

Dettagli

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: Opera Edile MANUTENZIONE STRAORDINARIA RIQUALIFICAZIONE ED EFFICIENTAMENTO ENE

LAVORO CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA: Natura dell'opera: OGGETTO: Opera Edile MANUTENZIONE STRAORDINARIA RIQUALIFICAZIONE ED EFFICIENTAMENTO ENE Comune di Montemaggiore al Metauro Provincia di PU ELABORATO TECNICO DELLE COPERTURE relazione tecnica illustrativa OGGETTO: MANUTENZIONE STRAORDINARIA RIQUALIFICAZIONE ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DELLE

Dettagli

Descrizione Copertura: COPERTURA A CAPANNA

Descrizione Copertura: COPERTURA A CAPANNA Soluzioni Progettuali Scheda: SP05 Rev: 29/10/2010 11.22.00 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: COPERTURA A CAPANNA STATO DI FATTO Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Copertura a padiglione a pianta

Dettagli

SEMINARIO L INSTALLAZIONE DELLE LINEEVITA

SEMINARIO L INSTALLAZIONE DELLE LINEEVITA SEMINARIO L INSTALLAZIONE DELLE LINEEVITA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO- UNI EN 795 CPT PAVOVA 26 Giugno 2012 Relatore: Dott. Ing. Simona Spinaci OBIETTIVI: 1. UNI EN 795:2002 2. DPI ANTICADUTA 3. INSTALLAZIONE

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP17 Rev: 29/10/2010 12.01.00 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA PIANA con annesso Nuova Esistente CORPO B CORPO A Praticabile Non Praticabile Copertura

Dettagli

EcoSafe SCHEDA TECNICA

EcoSafe SCHEDA TECNICA D A T I G E N E R A L I : Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C UNI CEN/TS 16415:2013 UNI 11578 Marcatura CE Garanzia prodotto Numero massimo utilizzatori Materiale Dispositivo Lunghezza linea Altezza

Dettagli

PREVENZIONE RISCHI CADUTA DALL ALTO

PREVENZIONE RISCHI CADUTA DALL ALTO Comitato Paritetico Territoriale per la prevenzione infortuni Cassa edile lucchese Scuola edile lucchese in collaborazione con Dipartimenti di prevenzione Aziende USL 2 e 12 Ordini Architetti e Ingegneri

Dettagli

ELABORATO DELLA COPERTURA

ELABORATO DELLA COPERTURA Oggetto: Lavori di manutenzione ed adeguamento alle normative vigenti del campo sportivo comunale Artemio Franchi Realizzazione nuovo edificio in c.a. ad uso servizi Committente: Comune di Monefalco ELABORATO

Dettagli

Ancoraggi e sistemi di protezione individuale Nei lavori su copertura

Ancoraggi e sistemi di protezione individuale Nei lavori su copertura Ancoraggi e sistemi di protezione individuale Nei lavori su copertura (Sistemi di ancoraggio permanenti in copertura - Guida per l individuazione, la configurazione, l istallazione, l uso e la manutenzione)

Dettagli

I lavori su coperture e l attività dell Inail Stato dell arte, esigenze e possibili soluzioni

I lavori su coperture e l attività dell Inail Stato dell arte, esigenze e possibili soluzioni Workshop I lavori su coperture e l attività dell Inail Stato dell arte, esigenze e possibili soluzioni Sistemi di ancoraggio in copertura Luca Rossi 10 marzo 2017 Made Expo Programma Introduzione Definizioni

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP29 Rev: 15/07/2010 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A MANSARDA SU PIANTA QUADRANGOLARE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile L edificio si

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO PROVINCIA DI COMUNE DI CUNEO SOMMARIVA DEL BOSCO COMMITTENTE COMUNE DI SOMMARIVA DEL BOSCO PROGETTO MANUTENZIONE STRAORDINARIA COPERTURA NAVATA CENTRALE DELLA CHIESA DI SANT ANNA OGGETTO PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP13 Rev: 28/09/2009 16.16.00 Pagina 1/7 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A PADIGLIONE SU PIANTA RETTANGOLARE E DUE FALDE INCLINATE Nuova Esistente Praticabile

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ all art. 79 bis della L.R 61/85 (ai sensi dell art. 47 del Testo Unico approvato con D.P.R. 28 dicembre 2000, nr.

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ all art. 79 bis della L.R 61/85 (ai sensi dell art. 47 del Testo Unico approvato con D.P.R. 28 dicembre 2000, nr. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ all art. 79 bis della L.R 61/85 (ai sensi dell art. 47 del Testo Unico approvato con D.P.R. 28 dicembre 2000, nr. 445) IL SOTTOSCRITTO nato a il residente/ con sede in Via nr

Dettagli

LA SICUREZZA NEI CANTIERI: LAVORI IN QUOTA CORSO DPI III CATEGORIA CADUTE DALL'ALTO. Tipologie di di caduta LAVORI IN QUOTA

LA SICUREZZA NEI CANTIERI: LAVORI IN QUOTA CORSO DPI III CATEGORIA CADUTE DALL'ALTO. Tipologie di di caduta LAVORI IN QUOTA LA SICUREZZA NEI CANTIERI: LAVORI IN QUOTA CORSO DPI III CATEGORIA CADUTE DALL'ALTO LAVORI IN QUOTA Per l esecuzione di lavori temporanei in quota devono essere scelte soluzioni dando priorità alle misure

Dettagli

Relazione Tecnica 2013-XX-RAC-R0

Relazione Tecnica 2013-XX-RAC-R0 Progetto del Sistema Anticaduta misure preventive e protettive da predisporre negli edifici per l'accesso, il transito e l'esecuzione dei lavori di manutenzione in quota in condizioni di sicurezza Relazione

Dettagli

Elaborato tecnico della copertura

Elaborato tecnico della copertura Professor Gennaro Tampone, Ingegnere civile, Architetto Via Cavour, 104 50129 Firenze tel +39 055 470061, cell. +39 3382772244 g.tampone@tin.it gennaro.tampone@pec.architettifirenze.it CONSOLIDAMENTO di

Dettagli

Geometra Luciano Leone Piazza della Libertà n Arezzo (AR) Tel.: 0575/ Fax: 0575/

Geometra Luciano Leone Piazza della Libertà n Arezzo (AR) Tel.: 0575/ Fax: 0575/ ALLEGATO "A" Comune di Arezzo Provincia di AR ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Relazione Tecnica Illustrativa (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP24 Rev: 19/04/2010 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURE A CAPANNA in complesso edilizio COPERTURE IN ESAME Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP14 Rev: 28/09/2009 16.16.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A CAPANNA CON PIANTA A T E DUE FALDE INCLINATE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile

Dettagli

2 MARZO 2006 PISA Auditorium CNR

2 MARZO 2006 PISA Auditorium CNR 2 MARZO 2006 PISA Auditorium CNR Arch. CECILIA PIERACCIONI Rappresentante GdL "Soluzioni progettuali inerenti le problematiche della progettazione dei percorsi di accesso alle coperture e/o gli accessi

Dettagli

LAVORO SULLE COPERTURE

LAVORO SULLE COPERTURE CIPRIANOBORTOLATOARCHITETTO 1 Lavori di manutenzione sulle coperture LAVORO SULLE COPERTURE 2 Lavori di manutenzione di rilevante entità. Criteri di progettazione ai fini antinfortunistici [UNI 8088] SUVA

Dettagli

Sistemi individuali per la protezione contro le cadute

Sistemi individuali per la protezione contro le cadute Un corpo è in caduta libera quando, non essendo trattenuto, è soggetto alla accelerazione di gravità e percorre una traiettoria verticale Sistemi individuali per la protezione contro le cadute i sistemi

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP7 Rev: 12/02/2010 17:21:00 Pagina 1/9 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A CAPANNA A QUOTE DIVERSE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta della

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP19 Rev: 02/11/ Pagina 1/1

Soluzioni Progettuali Scheda: SP19 Rev: 02/11/ Pagina 1/1 Soluzioni Progettuali Scheda: SP19 Rev: 02/11/2009 18.27.00 Pagina 1/1 STATO DI FATTO Descrizione Copertura: COPERTURA A SHED a doppia pendenza (20-45 ) Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Copertura

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 5, comma 1 del Regolamento di Attuazione)

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 5, comma 1 del Regolamento di Attuazione) file: RELAZIONE TECNICA(ELABORATO TECNICO DELA COPERTURA).doc Pagina 1 di 8 (logo del comune) (spazio per il protocollo) (indirizzo del comune) ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 5, comma 1 del Regolamento

Dettagli

Capo I Disposizioni generali

Capo I Disposizioni generali REGIONE TOSCANA Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 novembre 2005, 62/R Regolamento di attuazione dell art. 82, c. 16, della l.r. 3 gennaio 2005, n. 1 Norme per il governo del territorio relativo

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 4, comma 1 del Regolamento di Attuazione)

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 4, comma 1 del Regolamento di Attuazione) Comune di Montale Provincia di Pistoia Via A. Gramsci, 19-51037 - Montale Tel. 05739521 - Fax. 057355001 CF. 80003370477 p. IVA 00378090476 www.comune.montale.pt.it e.mail: comune@comune.montale.pt.it

Dettagli

Brochure Linea SIKURA. Catalogo Linea SIKURA. Sito Web Linea SIKURA

Brochure Linea SIKURA. Catalogo Linea SIKURA. Sito Web Linea SIKURA Applicazioni dispositivi di ancoraggio a norma UNI EN 795 L esperienza tecnica e applicativa maturata ha permesso di creare una gamma prodotti (linee vita a norma UNI EN 795/UNI 11578) che risolve ogni

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP20 Rev: 28/09/ Pagina 1/1

Soluzioni Progettuali Scheda: SP20 Rev: 28/09/ Pagina 1/1 Soluzioni Progettuali Scheda: SP20 Rev: 28/09/2009 16.25.00 Pagina 1/1 STATO DI FATTO Descrizione Copertura: COPERTURA A VOLTINE con pendenza (inferiore a 15 ) Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP01 Rev: 28/09/2009 16.12.00 Pagina 1/1 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A CAPANNA Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Il fabbricato presenta una copertura

Dettagli

MONTAGGIO SMONTAGGIO PONTEGGI

MONTAGGIO SMONTAGGIO PONTEGGI MONTAGGIO SMONTAGGIO PONTEGGI Lo studio ha lo scopo di rappresentare degli esempi per individuare i metodi più idonei e convenienti per effettuare il montaggio e smontaggio in sicurezza dei ponteggi. art.

Dettagli