AIUTI ALLA DIFFUSIONE DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE NELLE PMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AIUTI ALLA DIFFUSIONE DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE NELLE PMI"

Transcript

1 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n 9 del ALLEGATO N 3 UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE Minitero Sviluppo Economico REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione REGIONE PUGLIA Programma Operativo FESR Obiettivo Convergenza ASSE I Linea di Intervento 4 Azione 4 Invetiamo nel votro futuro AIUTI ALLA DIFFUSIONE DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE NELLE PMI BANDO 0 MODULISTICA SCHEDA PROGETTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE Modulo

2 064 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n 9 del La Scheda Progetto Modulo - i cui dati ono di eguito riportati, va redatta attravero l inerimento telematico dei dati riportati nella preente ezione collegandoi al portale Internet: Denominazione del oggetto candidato Denominazione del Progetto Sintei dell iniziativa (max pag) Decrivere in modo intetico l'iniziativa, le finalità, i riultati e gli obiettivi che i intendono coneguire indicando la ituazione aziendale anteriore all intervento e decrivendo in modo eautivo gli viluppi migliorativi che i prevede di ottenere con l intervento, evidenziando il valore aggiunto della rete ripetto alla preeitente attività aziendale Indicazione dei oggetti aderenti al raggruppamento partecipante al progetto (max pagg) Elencare tutti i oggetti aderenti al raggruppamento partecipante al progetto, il ruolo e le attività volte da ognuno nella realizzazione dello teo Si raccomanda di pretare particolare attenzione ai requiiti/condizioni/precrizioni previte dal bando regionale per l ammiibilità dei raggruppamenti di impree partecipanti al progetto 3 Piano/programma trategico di rete (max 4 pagg) Si richiede una decrizione dettagliata del piano di avvio, viluppo e/o conolidamento dell o della rete di impree attravero l utilizzo delle TIC Il progetto deve evidenziare, oltre a coerenza e completezza, elementi di valore e di otenibilità (deve eere evidenziato che l aggregazione che preenta il progetto ha un idea trategicamente fondata attravero la quale è poibile raggiungere un riultato comune uperiore a quanto ogni ingola è in grado di fare e che la tea ia realizzabile da un punto di vita organizzativo) Si richiede di eguire il eguente indice degli argomenti: a degli obiettivi fiati attravero il progetto candidato

3 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n 9 del b delle metodologie e oluzioni propettate per lo viluppo di nuovi prodotti/ervizi e/o procei produttivi, eplicitando e ono previte o meno le eguenti applicazioni: a Sviluppo di pratiche di co-makerhip e/o di co-deign e/o di progettazione imultanea b Sviluppo di pratiche di co-marketing e cutomer relationhip management c Sviluppo di pratiche di ottimizzazione e razionalizzazione delle attività di programmazione della produzione e logitica d Riduzione del lead-time di approvvigionamento (tempo medio tra l emiione di un ordine e la diponibilità di quanto ordinato) e del leadtime di produzione (tempo medio richieto dal lancio dell ordine al completamento del prodotto) e Sviluppo di applicazioni per la fatturazione elettronica f Sviluppo di pratiche di getione del peronale attravero metodiche e di e-learning e/o content management e/o knowledge management e/o talent management c di oluzioni baate u modelli di ditribuzione attravero internet del tipo Saa d delle eventuali oluzioni tecnico-logitiche previte al fine di favorire il lavoro delle perone diabili o la conciliazione lavoro/famiglia per le lavoratrici o per lavoratori in particolari condizioni dicriminanti (ad e malattie invalidanti, croniche, aenza per congedi parentali, ecc) e Utilità indutriale del progetto e capacità dello teo di accrecere la competitività e lo viluppo delle impree del raggruppamento (effetti indotti ulla catena produttiva/ditributiva e di vendita nonché nell organizzazione interna dell ) f delle eventuali ricadute del progetto in termini di impatto poitivo ull ambiente, e/o ulla alute umana e/o la icurezza g Ricadute Occupazionali: Indicare il Numero di nuovi occupati previti ucceivamente alla data di candidatura collegati al piano di invetimento le manioni previte per ciacuno dei nuovi occupati

4 066 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n 9 del h Coerenza del progetto con il Piano di viluppo di uno dei Ditretti Produttivi regionali pugliei formalmente riconociuti dalla Regione Puglia alla data di candidatura (riportare i riferimenti del Ditretto Produttivo e gli obiettivi del relativo Piano Strategico) 4 Piano dei coti Per ciacuna delle tipologie di invetimenti previti fornire la decrizione tecnica, funzionale e i preventivi di offerta che riportino valutazioni di congruenza economica e di mercato mediante indicatori di calcolo oggettivi tali da conentirne il ricontro: a) trumentazione e apparecchiature HW, di nuovo acquito, utilizzate per la realizzazione delle attività previte dal progetto: b) licenze d uo di Sw per itemi operativi e piattaforme applicative di nuovo acquito: c) acquito o viluppo oftware i cui diritti di proprietà iano del oggetto beneficiario: d) ervizi di conulenza pecialitica u pecifiche problematiche direttamente afferenti il progetto di invetimento preentato: e) Tabelle di intei: N Denominazione e Rag ociale Strumentazione e apparecchiature HW (ammortamento) licenze d uo di Sw per itemi operativi e piattaforme applicative acquito o viluppo oftware Conulenza pecialitica Totale r

5 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n 9 del trumentazione e apparecchiature HW N Denominazion e e Rag trumentazione e apparecchiature HW ragione ociale, ede, PIVA) Coto d acqui to (euro) Durata utilizzo (mei) Tao ammortame nto (%) Coto totale Ammortame nto (euro) - licenze d uo di Sw per itemi operativi e piattaforme applicative N Denominazion e e Rag licenze d uo di Sw per itemi operativi e piattaforme applicative ragione ociale, ede, PIVA) - acquito o viluppo oftware N Denominazion e e Rag Acquito o viluppo oftware ragione ociale, ede, PIVA)

6 068 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n 9 del conulenze pecialitiche N Denominazion e e Rag Conulenze pecialitiche ragione ociale, ede, PIVA)

Informativa per il trattamento dei dati personali. Art. 13 D.lgs n. 196 ("Codice Privacy") e art. 13 Regolamento UE n.

Informativa per il trattamento dei dati personali. Art. 13 D.lgs n. 196 (Codice Privacy) e art. 13 Regolamento UE n. Scuola "Suore Agotiniane" Scuola Primaria Piazza Cavour, 12 52027 San Giovanni Valdarno (AR) tel. 055/9129898 fax 055/9129898 e-mail: egreteria@cuolauoreagotiniane.it Informativa per il trattamento dei

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA'

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA' DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA' Il sottoscritto (cognome e nome) nato a in data residente in Via... n.. Fraz. c.a.p.. Comune. Prov. codice fiscale personale. nella qualità di: - legale

Dettagli

LOGISTICA TERRITORIALE. DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo

LOGISTICA TERRITORIALE. DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Coro di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt2010 DOCENTE prof. ing. Agotino Nuzzolo Matrici O/D Merci Interprovinciali Zone di traffico In generale i livelli adottabili ono tre: Livello

Dettagli

AIUTI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO PER LE PMI DELLA BASILICATA

AIUTI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO PER LE PMI DELLA BASILICATA AIUTI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO PER LE PMI DELLA BASILICATA Finalità L obiettivo del presente Avviso è sostenere programmi di ricerca afferenti alle seguenti tipologie di progetto: ricerca

Dettagli

Informativa Richiedenti impiego

Informativa Richiedenti impiego CERTIFICATO N. 7259/0 CERTIFICATO N. 0295L/0 UNI EN ISO 9001:2008 BS OHSAS 18001:2007 Informativa Richiedenti impiego Chi iamo e coa facciamo dei tuoi dati peronali? La EDMA RETI GAS S.r.l., con ede in

Dettagli

Modalità e criteri di attuazione dell Asse 2 - Sviluppo innovativo delle imprese POR

Modalità e criteri di attuazione dell Asse 2 - Sviluppo innovativo delle imprese POR Modalità e criteri di attuazione dell Asse 2 - Sviluppo innovativo delle imprese POR 2007-2013 SOSTEGNO A PROGETTI E SERVIZI PER LA CREAZIONE DI RETI DI IMPRESE, PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E ORGANIZZATIVA

Dettagli

AIUTI ALLA DIFFUSIONE DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE NELLE RETI DI PMI

AIUTI ALLA DIFFUSIONE DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE NELLE RETI DI PMI 6599 ALLEGATO N a UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE Ministero Sviluppo Economico REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione REGIONE PUGLIA Programma Operativo

Dettagli

livinglabs.regione.puglia.it

livinglabs.regione.puglia.it livinglabs.regione.puglia.it Apulian ICT Living Labs Marco Di Ciano InnovaPuglia S.p.A. Bari, 30 maggio 2013 Agenda Apulian ICT Living Labs o Dal modello ai progetti di sperimentazione Implementazione

Dettagli

Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Scienze Economico-Aziendali Corso di Economia Aziendale - Teoria del Controllo

Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Scienze Economico-Aziendali Corso di Economia Aziendale - Teoria del Controllo Univerità degli Studi di Pavia Dipartimento di Scienze Economico-Aziendali Coro di Economia Aziendale - Teoria del Controllo Giuy Grammatico Martina Nee INDICE 1. EVOLUZIONE NEL TEMPO 2. DEFINIZIONE DI

Dettagli

Novità nella norma per la protezione contro i fulmini, CEI EN (CEI 81-10): 2013 Parte 1: Principi generali

Novità nella norma per la protezione contro i fulmini, CEI EN (CEI 81-10): 2013 Parte 1: Principi generali Novità nella norma per la protezione contro i fulmini, CEI EN 62305 (CEI 81-10): 2013 Parte 1: Principi generali 16.01.2013 / 8024_I_1 CEI EN 62305-1 Introduzione Interconneione tra le varie parti della

Dettagli

Working Papers. Economia Aziendale Online. www.economiaaziendale.it DOI: 10.4485/ea2038-5498.003.0018. Vol. 3, 2/2012: 249-268

Working Papers. Economia Aziendale Online. www.economiaaziendale.it DOI: 10.4485/ea2038-5498.003.0018. Vol. 3, 2/2012: 249-268 Economia Aziendale Online ol. 3, 2/2012: 249-268 www.economiaaziendale.it DOI: 10.4485/ea2038-5498.003.0018 Garoui Nareddine (correponding author), Jarboui Ani Higher Intitute of Buine Adminitration (ISAAS),

Dettagli

http://www.tudiodicarlo.org Contratto di mandato profeionale Tra le parti , con ede in (), via n. e capitale ociale di Euro (), icritta nel Regitro delle Impree di

Dettagli

AIUTI ALLA DIFFUSIONE DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE NELLE PMI SCHEDA CONOSCITIVA MODULO 5

AIUTI ALLA DIFFUSIONE DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE NELLE PMI SCHEDA CONOSCITIVA MODULO 5 22085 ALLEGATO N. 6 UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione REGIONE PUGLIA Programma Operativo

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE I SEMESTRE 2017

CORSI DI FORMAZIONE I SEMESTRE 2017 CORSI DI FORMAZIONE I SEMESTRE 2017 Getione dei procei aziendali NORMATIVA AMBIENTALE E GESTIONE DEI RIFIUTI: Buone prai ed ipezioni ABC DELL EFFICIENZA ENERGETICA: Analii dei coti e oluzioni per ridurli

Dettagli

DEA. Aggregazione funzionale di U.O. che mantengono la propria autonomia e responsabilità clinicoassistenziale, ma che riconoscono la propria

DEA. Aggregazione funzionale di U.O. che mantengono la propria autonomia e responsabilità clinicoassistenziale, ma che riconoscono la propria LA RETE DELL EMERGENZA PEDIATRICA: MODELLI ED INTEGRAZIONE Il DEA pediatrico Antonino Reale U.O. Pronto Soccoro ed Emergenza - DEA Opedale Pediatrico Bambino Geù reale@opbg.net DEA Aggregazione funzionale

Dettagli

Modello M14 SAL TECNICO FINALE

Modello M14 SAL TECNICO FINALE ALLEGATO N. 10 UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE PO FESR PUGLIA 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ASTI CARLA Indirizzo VIA VIVAIO,1-20122 MILANO Telefono 02/77402440 Fax 02/77402256 E-mail c.ati@cittametropilitana.milano.it

Dettagli

Controllori PID. Fondamenti di Automatica Prof. Silvia Strada

Controllori PID. Fondamenti di Automatica Prof. Silvia Strada Controllori Fondamenti di Automatica rof. Silvia Strada efinizione controllori (ad azione roporzionale, ntegrale e erivativa) ono caratterizzati (idealmente) dalla legge di controllo: u ( t ) e( t ) e(

Dettagli

Lucia Dina Federica Laurenzio A. A. 2017/2018

Lucia Dina Federica Laurenzio A. A. 2017/2018 Univerità degli Studi di Pavia Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali. Coro di Teoria del Controllo ETICA D IMPRESA Come il Codice etico condiziona il comportamento nelle/delle aziende Lucia Dina

Dettagli

ALLEGATO II Proposta progettuale

ALLEGATO II Proposta progettuale REGIONE ABRUZZO Dipartimento Sviluppo Economico, Politiche del Lavoro, Istruzione, Ricerca e Università Servizio Ricerca e Innovazione Industriale Servizio Formazione ed Orientamento Professionale Servizio

Dettagli

Informativa Soci, Amministratori, Procuratori

Informativa Soci, Amministratori, Procuratori CERTIFICATO N. 7259/0 CERTIFICATO N. 0295L/0 UNI EN ISO 9001:2008 BS OHSAS 18001:2007 Informativa Soci, Amminitratori, Procuratori Chi iamo e coa facciamo dei tuoi dati peronali? La EDMA RETI GAS S.r.l.,

Dettagli

ACCORDI REGIONALI DI INSEDIAMENTO E SVILUPPO DELLE IMPRESE 2 BANDO

ACCORDI REGIONALI DI INSEDIAMENTO E SVILUPPO DELLE IMPRESE 2 BANDO ACCORDI REGIONALI DI INSEDIAMENTO E SVILUPPO DELLE IMPRESE 2 BANDO Attrazione di investimenti in settori avanzati di Industria 4.0 Legge regionale 14/2014 1 UNA RAGIONE IN PIÙ PER INVESTIRE IN EMILIA-ROMAGNA

Dettagli

POR MARCHE FESR 2014-2020 ASSE 3 - OS. 8 - AZIONE 8.1

POR MARCHE FESR 2014-2020 ASSE 3 - OS. 8 - AZIONE 8.1 POR MARCHE FESR 2014-2020 ASSE 3 - OS. 8 - AZIONE 8.1 Bando di Accesso SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI COLLEZIONI INNOVATIVE NEI SETTORI DEL MADE IN ITALY Annualità 2016 Di cosa si

Dettagli

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo La Dott.a Brunella Caroleo Definizioni Manutenzione: È il controllo cotante degli impianti e l inieme dei lavori di riparazione e otituzione neceari ad aicurare il funzionamento regolare e a mantenere

Dettagli

Oli sintetici per ingranaggi a prestazioni elevate e per alte temperature basato su KlüberComp Lube Technology

Oli sintetici per ingranaggi a prestazioni elevate e per alte temperature basato su KlüberComp Lube Technology Oli intetici per ingranaggi a pretazioni elevate e per alte temperature baato u KlüberComp Lube Technology Vantaggi per la Votra applicazione I votri vantaggi in intei Elevata protezione anti-cuffing Eccellente

Dettagli

Esercizi svolti di geometria delle aree Alibrandi U., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. ESERCIZIO n.7

Esercizi svolti di geometria delle aree Alibrandi U., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. ESERCIZIO n.7 ESERCZO n.7 Data la ezione cava riportata in Figura, determinare: a) gli ai principali centrali di inerzia; b) l ellie principale centrale di inerzia; c) il nocciolo centrale di inerzia. cm cm A#7 . Determinazione

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli coro di Terminali per i Traporti e la Logitica ELEMENTI DI TEORIA DELLE CODE Umberto Crialli crialli@ing.uniroma.it INTRODUZIONE Simulazione dei terminali In generale, un terminale è cotituito da un inieme

Dettagli

Differenza tra microeconomia (analisi dei comportamenti individuali) e macroeconomia (analisi dei comportamenti aggregati).

Differenza tra microeconomia (analisi dei comportamenti individuali) e macroeconomia (analisi dei comportamenti aggregati). Capitolo 2 Domana e offerta pagina 1 CAPITOLO 2 DOMANDA E OFFERTA Differenza tra microeconomia (analii ei comportamenti iniviuali) e macroeconomia (analii ei comportamenti aggregati). La prima i fona ui

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali. Gennaio Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate

Entrate Tributarie Internazionali. Gennaio Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Entrate Triburie Internazionali Gennaio 2012 Ufficio 3 - Conuntivazione, previione ed analii delle entrate Numero 37 Marzo 2012 SOMMARIO Premea... 3... 3 Impo ul valore aggiunto... 4 Analii per Paee...

Dettagli

ALLEGATO 6 FORMULARIO PER IL PROGETTO DI RICERCA E SVILUPPO

ALLEGATO 6 FORMULARIO PER IL PROGETTO DI RICERCA E SVILUPPO ASSE I RICERCA, INNOVAZONE E SVILUPPO TECNOLOGICO del PO FESR 2014-2020- Azione 1B.1.2.1 ALLEGATO 6 FORMULARIO PER IL PROGETTO DI RICERCA E SVILUPPO AVVISO PUBBLICO Sostegno alla creazione e sviluppo dei

Dettagli

Verso una nuova mappa di pericolosità sismica per l Italia

Verso una nuova mappa di pericolosità sismica per l Italia 32 Convegno Annuale GNGTS Vero una nuova mappa di pericoloità imica per l Italia Carlo Meletti http://ingvcp.wordpre.com/ Triete, 19 novembre 2013 La miione (1) Il CPS promuove un coordinamento centralizzato

Dettagli

Azienda Energetica Valtellina Valchiavenna S.p.A. Servizio - Elettrico. Guida per la connessione degli impianti di produzione alla rete AEVV

Azienda Energetica Valtellina Valchiavenna S.p.A. Servizio - Elettrico. Guida per la connessione degli impianti di produzione alla rete AEVV alla rete EVV Pag. 1 di 5 LLEGTO B.2 DICHIRZIONE DI CONFORMIT DELL IMPINTO DI PRODUZIONE E SISTEM DI PROTEZIONE DI INTERFCCI I SENSI DELL NORMTIV VIGENTE La eguente dichiarazione deve eere compilata e

Dettagli

Controllo di Azionamenti Elettrici. Lezione n 3. Caratteristiche e predisposizione dei regolatori PID

Controllo di Azionamenti Elettrici. Lezione n 3. Caratteristiche e predisposizione dei regolatori PID Controllo di Azionamenti Elettrici Lezione n 3 Coro di Laurea in Ingegneria dell Automazione Facoltà di Ingegneria Univerità degli Studi di alermo Caratteritiche e predipoizione dei regolatori ID 1 Introduzione

Dettagli

green innovation factory

green innovation factory 011 it 80-85 % 10 Min. Chi iamo green innovation factory riduzione delle emiioni di CO per energia elettrica e termica è il tempo tra una cora e l'altra di traporto pubblico dalla tazione FS IL PROGETTO

Dettagli

RAPPORTI STATISTICI. , d= Differenze relative. Es. frequenze relative e percentuali. Prof.ssa D Addosio Viviana. Cap. 5: Rapporti statistici

RAPPORTI STATISTICI. , d= Differenze relative. Es. frequenze relative e percentuali. Prof.ssa D Addosio Viviana. Cap. 5: Rapporti statistici RAPPORTI TATITICI I rapporti tatitici ervono ad effettuare confronti tra dati che ovviamente devono eere omogenei tra loro. Il confronto i può fare attravero le differenze tra grandezze epree nella tea

Dettagli

Resistenza a sforzo normale e flessione (elementi monodimensionali) [ ]

Resistenza a sforzo normale e flessione (elementi monodimensionali) [ ] 41 1. Calcolo dell armatura longitudinale delle travi in funzione delle azioni riultanti dall analii; 2. Calcolo dell armatura a taglio delle travi in funzione del taglio dovuto ai momenti reitenti delle

Dettagli

osservatorio imprese artigiane interventi fondo sostegno al reddito 1 semestre 1998-1999

osservatorio imprese artigiane interventi fondo sostegno al reddito 1 semestre 1998-1999 oervatorio impree artigiane interventi fondo otegno al reddito 1 emetre 1998-1999 Indice Premea pag. 4 Fondo Sotegno al Reddito Accordi di openione Interventi impree Indennità di mobilità Incentivi all

Dettagli

Cenni di Analisi benefici-costi sociale Esempio di applicazione. prof. ing. Agostino Nuzzolo - Corso di Logistica Territoriale

Cenni di Analisi benefici-costi sociale Esempio di applicazione. prof. ing. Agostino Nuzzolo - Corso di Logistica Territoriale Cenni di Analii benefici-coti ociale Eempio di applicazione 1 Analii Economica Analii benefici - coti Nell ottica della collettività, i coniderano per ogni anno: le componenti di coto di cotruzione e di

Dettagli

Linee di intervento - PON cultura e sviluppo Asse II

Linee di intervento - PON cultura e sviluppo Asse II Linee di intervento - PON cultura e sviluppo 2014-2020 Asse II Nuove Imprese dell industria culturale Per la nascita di nuove imprese di micro, piccola e media dimensione della filiera culturale e creativa

Dettagli

BANDO IN ATTUAZIONE DELL ART. 6 LR

BANDO IN ATTUAZIONE DELL ART. 6 LR BANDO IN ATTUAZIONE DELL ART. 6 LR 14 /2014 ACCORDI REGIONALI DI INSEDIAMENTO E SVILUPPO DELLE IMPRESE (ARIS) APPENDICE 5 (ALLA SEZ. 2 DELL ALLEGATO 1 DEL BANDO) -SCHEDA DESCRITTIVA- INVESTIMENTI PER LA

Dettagli

APPENDICE 4 (ALLA SEZ. 2 DELL ALLEGATO 1 DEL BANDO) -SCHEDA DESCRITTIVA-

APPENDICE 4 (ALLA SEZ. 2 DELL ALLEGATO 1 DEL BANDO) -SCHEDA DESCRITTIVA- BANDO IN ATTUAZIONE DELL ART. 6 LR 14 /2014 ACCORDI REGIONALI DI INSEDIAMENTO E SVILUPPO DELLE IMPRESE (ARIS) APPENDICE 4 (ALLA SEZ. 2 DELL ALLEGATO 1 DEL BANDO) -SCHEDA DESCRITTIVA- Aiuti alla formazione

Dettagli

SOSTEGNO ALLE ATTIVITÀ DI R&S PER LO SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE SOSTENIBILI, DI NUOVI PRODOTTI E SERVIZI

SOSTEGNO ALLE ATTIVITÀ DI R&S PER LO SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE SOSTENIBILI, DI NUOVI PRODOTTI E SERVIZI POR PUGLIA FESR FSE 2014-2020 ASSE PRIORITARIO I Ricerca, sviluppo tecnologico, innovazione Azione 1.6 Interventi per il rafforzamento del sistema innovativo regionale e nazionale e incremento della collaborazione

Dettagli

LAVORO A TEMPO PARZIALE (artt.4-12 D.Lgs.81/2015)

LAVORO A TEMPO PARZIALE (artt.4-12 D.Lgs.81/2015) LAVORO A TEMPO PARZIALE (artt.4-12 D.Lg.81/2015) Valeria Petrizzelli Aemblea Generale 26 giugno 2012 DISCIPLINA Gli artt. da 4 a 12 del D.Lg. 81/2015 otituicono integralmente, a decorrere dal 25 giugno

Dettagli

PO FESR Asse VI. Linea 6.1, azione 6.1.9

PO FESR Asse VI. Linea 6.1, azione 6.1.9 UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. Investiamo nel vostro futuro REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE ALLEGATO A La domanda sarà generata, previo accreditamento,

Dettagli

Avviso Pubblico per il Sostegno a progetti di Innovazione delle Grandi Imprese e delle PMI nelle aree di specializzazione S3

Avviso Pubblico per il Sostegno a progetti di Innovazione delle Grandi Imprese e delle PMI nelle aree di specializzazione S3 REGIONE ABRUZZO Dipartimento Sviluppo Economico, Politiche del Lavoro, Istruzione, Ricerca e Università Servizio Ricerca e Innovazione Industriale POR FESR Abruzzo 2014-2020 ASSE I Ricerca Sviluppo Tecnologico

Dettagli

ALLEGATO n SCHEDA Unità (ARTT. 10 E 11 DELL'AVVISO )

ALLEGATO n SCHEDA Unità (ARTT. 10 E 11 DELL'AVVISO ) ALLEGATO n. 12 - SCHEDA Unità (ARTT. 10 E 11 DELL'AVVISO ) SOGGETTO RICHIEDENTE DENOMINAZIONE FORMA GIURIDICA PARTITA IVA CODICE FISCALE ATTIVITÀ ECONOMICA RELATIVA ALLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONE (DESCRIVERE

Dettagli

ALLEGATO F - Programma di R&S

ALLEGATO F - Programma di R&S BANDO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DELLE BIOTECNOLOGIE CAMPANE IN ATTUAZIONE DELLE AZIONI A VALERE SULL OBIETTIVO OPERATIV0 2.1 DEL POR CAMPANIA 2007/2013 ALLEGATO F - Programma di R&S 1 1. Titolo del

Dettagli

Controlli Automatici LB Scenari di Controllo

Controlli Automatici LB Scenari di Controllo Prof. Carlo Roi DEIS-Univerità di Bologna Tel. 51 2932 Email: croi@dei.unibo.it UR: www-lar.dei.unibo.it/~croi 1. come vincoli ulla funzione d'anello 2. Scenari di controllo 3. inee guida per il progetto

Dettagli

Programmazione unitaria 2014-2020. Strategia 2 Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese

Programmazione unitaria 2014-2020. Strategia 2 Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese Programmazione unitaria 2014-2020 Strategia 2 Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese Programma di intervento 3 Competitività delle imprese PROMOZONE NE MERCAT ESTER DELLE

Dettagli

DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI

DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI PROVINCIA DI GENOVA DIREIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI UFFICIO ENERGIA E RUMORE OGGETTO: Rilievi fonometrici in corripondenza dei giardini pubblici di via Ungaretti e confronto con corripondenti

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI RICONOSCIMENTI/CONTRIBUTI PER MERITI SPORTIVI DESTINATI AD ATLETI CHE SI SONO DISTINTI PER MERITI SPORTIVI E DI STUDIO

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI RICONOSCIMENTI/CONTRIBUTI PER MERITI SPORTIVI DESTINATI AD ATLETI CHE SI SONO DISTINTI PER MERITI SPORTIVI E DI STUDIO CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI RICONOSCIMENTI/CONTRIBUTI PER MERITI SPORTIVI DESTINATI AD ATLETI CHE SI SONO DISTINTI PER MERITI SPORTIVI E DI STUDIO ANNO SCOLASTICO-SPORTIVO 2017/18 Art. 1 Il Comune di

Dettagli

Misure di microtremori Allegato 3

Misure di microtremori Allegato 3 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Provincia di Udine Comune di Premariacco STUDIO GEOLOGICO TECNICO RELATIVO ALLA VARIANTE GENERALE n 4 AL PRGC VIGENTE Miure di microtremori Allegato 3 Dr. Maurizio

Dettagli

Allegato 3 - Format di Progetto

Allegato 3 - Format di Progetto Allegato 3 Allegato 3 - Format di Progetto Titolo del Progetto: Proponente: 1/8 Allegato 3 DATI PROGETTO - Titolo del Progetto: - Proponente: (Denominazione del Soggetto Promotore dei tirocini e Capofila

Dettagli

Allegato 2 - Formulario

Allegato 2 - Formulario Allegato 2 - Formulario Il/la sottoscritto/a, nato/a a...il... C.F., in qualità di legale rappresentante della impresa sotto indicata, in relazione alla domanda di ammissione alle agevolazioni previste

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI RICONOSCIMENTI/CONTRIBUTI PER MERITI SPORTIVI DESTINATI AD ATLETI CHE SI SONO DISTINTI PER MERITI SPORTIVI E DI STUDIO

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI RICONOSCIMENTI/CONTRIBUTI PER MERITI SPORTIVI DESTINATI AD ATLETI CHE SI SONO DISTINTI PER MERITI SPORTIVI E DI STUDIO CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI RICONOSCIMENTI/CONTRIBUTI PER MERITI SPORTIVI DESTINATI AD ATLETI CHE SI SONO DISTINTI PER MERITI SPORTIVI E DI STUDIO ANNO SCOLASTICO-SPORTIVO 2015/16 Art. 1 Il Comune di

Dettagli

Avviso Pubblico per il Sostegno a progetti di Innovazione delle Grandi Imprese e delle PMI nelle aree di specializzazione S3

Avviso Pubblico per il Sostegno a progetti di Innovazione delle Grandi Imprese e delle PMI nelle aree di specializzazione S3 REGIONE ABRUZZO Dipartimento Sviluppo Economico, Politiche del Lavoro, Istruzione, Ricerca e Università Servizio Ricerca e Innovazione Industriale POR FESR Abruzzo 2014-2020 ASSE I Ricerca Sviluppo Tecnologico

Dettagli

Capitolo 2. Domanda e offerta. Soluzioni dei Problemi

Capitolo 2. Domanda e offerta. Soluzioni dei Problemi Capitolo 2 Domana e offerta Soluzioni ei roblemi 2.1 a) uano il prezzo elle noccioline aumenta, la quantità omanata i birra i riuce per qualunque livello i prezzo (la omana i pota vero initra). Birra e

Dettagli

Come: sfruttare un database digitale di dati di bilanci aziendali - AIDA (Analisi Informatizzata Delle Imprese)

Come: sfruttare un database digitale di dati di bilanci aziendali - AIDA (Analisi Informatizzata Delle Imprese) Ottenere time di variabili economiche a livello locale per l Emilia- Romagna; in particolare: a livello di SLL per il ettore manifatturiero (interee per i ditretti indutriali della regione) Come: fruttare

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA MAGISTRALE in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA MAGISTRALE in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni UNIVERSITÀ degli STUDI di CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA MAGISTRALE in Scienze delle Pubbliche Amminitrazioni LM-3 Scienze delle pubbliche am m initrazioni- C O O R T E 217218 approvato

Dettagli

Quadro di riferimento per la redazione e lo svolgimento della seconda prova scritta dell esame di Stato ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO

Quadro di riferimento per la redazione e lo svolgimento della seconda prova scritta dell esame di Stato ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Quadro di riferimento per la redazione e lo svolgimento della seconda prova scritta dell esame di Stato ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO CODICE ITEC INDIRIZZO: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA ARTICOLAZIONE:

Dettagli

2. METODO DEGLI SPOSTAMENTI O EQUAZIONE DELLA LINEA ELASTICA, PER LA SOLUZIONE DI TRAVI IPERSTATICHE

2. METODO DEGLI SPOSTAMENTI O EQUAZIONE DELLA LINEA ELASTICA, PER LA SOLUZIONE DI TRAVI IPERSTATICHE METODO DEGLI SPOSTAMENTI CORSO DI PROGETTAZIONE STRUTTURALE B a.a. 00/0 Prof. G. Salerno Appunti elaborati da Arch. C. Provenzano. STRUTTURE IPERSTATICHE Una truttura i dice ipertatica o taticamente indeterminata

Dettagli

INDAGINI DINAMICHE SULLA ATTRAZIONE XXXXXXXXXX PARCO XXXXXXXXX

INDAGINI DINAMICHE SULLA ATTRAZIONE XXXXXXXXXX PARCO XXXXXXXXX INDAGINI DINAMICHE SULLA ATTRAZIONE XXXXXXXXXX PARCO XXXXXXXXX PROVA n. 243/AA 25 giugno 2004 Committente: Gardaland S.p.A. Relatore: ing. Roberto Bruon Attrazione Fuga da Atlantide RIF.: C/03-RW/05/016/AA-243_04

Dettagli

LE POLITICHE DELLA REGIONE TOSCANA A SOSTEGNO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

LE POLITICHE DELLA REGIONE TOSCANA A SOSTEGNO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LE POLITICHE DELLA REGIONE TOSCANA A SOSTEGNO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Stefano Ciuoffo Assessore alle Attività produttive, al credito, al turismo, al commercio Regione Toscana Pisa, 11

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA ASSESSORATI ATTIVITA PRODUTTIVE

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA ASSESSORATI ATTIVITA PRODUTTIVE UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA ASSESSORATI ATTIVITA PRODUTTIVE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO CULTURA, PUBBLICA

Dettagli

CONTROLLO DIGITALE LAUREA TRIENNALE IN ING. INFORMATICA E DELL AUTOMAZIONE A.A. 2017/2018 LAUREA MAGISTRALE IN ING. ELETTRICA A.A.

CONTROLLO DIGITALE LAUREA TRIENNALE IN ING. INFORMATICA E DELL AUTOMAZIONE A.A. 2017/2018 LAUREA MAGISTRALE IN ING. ELETTRICA A.A. LAUREA TRIENNALE IN ING. INFORMATICA E DELL AUTOMAZIONE A.A. 7/8 LAUREA MAGISTRALE IN ING. ELETTRICA A.A. 7/8 APPELLO 9//8 Sia aegnata la eguente equazione alle differenze: y(k).3679y(k ) +.3679y(k ) =.3679u(k

Dettagli

S.I.V.V. S.R.L. SOCIETA PER LO SVILUPPO E L INNOVAZIONE DEL VERCELLESE E DELLA VALSESIA

S.I.V.V. S.R.L. SOCIETA PER LO SVILUPPO E L INNOVAZIONE DEL VERCELLESE E DELLA VALSESIA LEAN 2.0 COMPETENZE PER L INNOVAZIONE DI IMPRESA Rilevazione dati aziendali e fabbisogni formativi DENOMINAZIONE AZIENDA DATI GENERALI DELL AZIENDA SEDE AZIENDA CONTRATTO DI LAVORO APPLICATO N TOTALE DI

Dettagli

POR FESR 2014/2020 Asse 3 - Competitività ed attrattività del sistema produttivo- AZIONE 3.5.2

POR FESR 2014/2020 Asse 3 - Competitività ed attrattività del sistema produttivo- AZIONE 3.5.2 POR FESR 2014/2020 Asse 3 - Competitività ed attrattività del sistema produttivo- AZIONE 3.5.2 BANDO SOSTEGNO DI PROGETTI RIVOLTI ALL INNOVAZIONE, LA DIGITALIZZAZIONE E L INFORMAZIONE DELLE ATTIVITA PROFESSIONALI

Dettagli

REGIONE PUGLIA Programma Operativo Puglia FESR 2007-2013 Asse VI Competitività dei sistemi produttivi e occupazione

REGIONE PUGLIA Programma Operativo Puglia FESR 2007-2013 Asse VI Competitività dei sistemi produttivi e occupazione REGIONE PUGLIA Programma Operativo Puglia FESR 2007-2013 Asse VI Competitività dei sistemi produttivi e occupazione Azione 6.3.3. Interventi di sostegno ai processi di internazionalizzazione delle P.M.I.

Dettagli

POR CAMPANIA FESR 2014/2020

POR CAMPANIA FESR 2014/2020 POR CAMPANIA FESR 2014/2020 Asse Prioritario 1 Ricerca e Innovazione Obiettivo Specifico 1.1 Incremento dell attività di innovazione delle imprese Azione 1.1.2 - Sostegno per l acquisto di servizi per

Dettagli

ACCORDI REGIONALI DI INSEDIAMENTO E SVILUPPO DELLE IMPRESE 3 BANDO Attrazione di investimenti ad alto impatto tecnologico e occupazionale Legge

ACCORDI REGIONALI DI INSEDIAMENTO E SVILUPPO DELLE IMPRESE 3 BANDO Attrazione di investimenti ad alto impatto tecnologico e occupazionale Legge ACCORDI REGIONALI DI INSEDIAMENTO E SVILUPPO DELLE IMPRESE 3 BANDO Attrazione di investimenti ad alto impatto tecnologico e occupazionale Legge regionale 14/2014 1 UNA RAGIONE IN PIÙ PER INVESTIRE IN EMILIA-ROMAGNA

Dettagli

Lezione 9. Schemi di controllo avanzati parte prima. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 9 1

Lezione 9. Schemi di controllo avanzati parte prima. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 9 1 Lezione 9. Schemi di controllo avanzati parte prima F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 9 Schema. Regolatori in anello aperto Controllo multivariabile:. Regolatori di diaccoppiamento 3. Controllo

Dettagli

GESTIONE DEI MATERIALI. Generalità

GESTIONE DEI MATERIALI. Generalità GESTIONE DEI MATERIALI Generalità Compiti della getione dei materiali ono l ordine, il ricevimento, lo toccaggio e l alimentazione delle operazioni. L obbiettivo, quindi, che ci i prefigge con la getione

Dettagli

Condizioni Generali per la fornitura di prodotti e sistemi Siemens DF/PD

Condizioni Generali per la fornitura di prodotti e sistemi Siemens DF/PD Condizioni Generali per la fornitura di prodotti e itemi Siemen DF/PD Le preenti Condizioni Generali per la fornitura di prodotti e itemi Siemen (di eguito, Condizioni Generali ) regolano ogni quotazione/offerta

Dettagli

green innovation factory formule di insediamento

green innovation factory formule di insediamento formule di inediamento 2013 it La filoofia green innovation factory Progetto Manifattura è un centro di innovazione indutriale che opera prioritariamente nei ettori dell'edilizia ecootenibile, dell'energia

Dettagli

Asse 1 POR FESR ATTIVITA I.1.1 Creazione di Tecnopoli

Asse 1 POR FESR ATTIVITA I.1.1 Creazione di Tecnopoli Asse 1 POR FESR 2007-2013 ATTIVITA I.1.1 Creazione di Tecnopoli RELAZIONE TECNICA sugli investimenti in attrezzature e le attività di ricerca realizzate modello vers. 10/12/2010 da utilizzare in occasione

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI UNITÀ DI RICERCA 3^ scadenza

BANDO PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI UNITÀ DI RICERCA 3^ scadenza 1 BANDO PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI UNITÀ DI RICERCA 3^ scadenza Beneficiari (art. 9) I beneficiari sono: le imprese gli organismi di ricerca le amministrazioni pubbliche e gli organismi di diritto

Dettagli

Alessandro Scopelliti

Alessandro Scopelliti Aleandro Scopelliti Univerità di Reggio Calabria Univerity of Warwick aleandro.copelliti@unirc.it Robert Barro, viluppando un ragionamento inizialmente propoto da David Ricardo, otiene ulla bae della teoria

Dettagli

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO 1. IL TUO PROFILO 2. RICERCA A CATALOGO SEMPLICE 3. RICERCA A CATALOGO AVANZATA 4. I RISULTATI DELLA RICERCA 5. PROMOZIONI IN CORSO E OFFERTE IN ESCLUSIVA

Dettagli

Alla Regione Autonoma FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale attività produttive, turismo e cooperazione Servizio industria e artigianato

Alla Regione Autonoma FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale attività produttive, turismo e cooperazione Servizio industria e artigianato Alla Regione Autonoma FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale attività produttive, turismo e cooperazione Servizio industria e artigianato Domanda di contributo sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

Settore Pianificazione Territoriale Servizio Commercio Attività Produttive e Sviluppo Economico

Settore Pianificazione Territoriale Servizio Commercio Attività Produttive e Sviluppo Economico Settore Pianificazione Territoriale Servizio Commercio Attività Produttive e Sviluppo Economico BANDO PUBBLICO DEL COMUNE DI FERRARA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

Dettagli

REGIONE PUGLIA Programma Operativo Puglia FESR 2007-2013 Asse VI Competitività dei sistemi produttivi e occupazione

REGIONE PUGLIA Programma Operativo Puglia FESR 2007-2013 Asse VI Competitività dei sistemi produttivi e occupazione REGIONE PUGLIA Programma Operativo Puglia FESR 2007-2013 Asse VI Competitività dei sistemi produttivi e occupazione Azione 6.3.3. Interventi di sostegno ai processi di internazionalizzazione delle P.M.I.

Dettagli

1 I prodotti finanziari di riferimento

1 I prodotti finanziari di riferimento UN MODELLO PER L ANALISI DELLO STILE DI GESTIONE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO Domenico Vitocco 1+, Claudio Converano 1 1 Dipartimento di Economia e Territorio, Univerità di Caino, Via Mazzaroppi, I-03043

Dettagli

SPIE VISIVE E VETRI La viione diretta dei procei produttivi nelle indutrie farmaceutiche, chimiche ed alimentari conente di eguire le varie fai del pr

SPIE VISIVE E VETRI La viione diretta dei procei produttivi nelle indutrie farmaceutiche, chimiche ed alimentari conente di eguire le varie fai del pr SPIE VISIVE E VETRI La viione diretta dei procei produttivi nelle indutrie farmaceutiche, chimiche ed alimentari conente di eguire le varie fai del proceo in atto e di intervenire tempetivamente per apportare

Dettagli

Esercitazione di Controlli Automatici 1 n 2. a.a. 2006/07

Esercitazione di Controlli Automatici 1 n 2. a.a. 2006/07 6 marzo 007 Eercitazione di Controlli Automatici n a.a. 006/07 Riferendoi al itema di controllo della temperatura in un locale di piccole dimenioni dicuo nella eercitazione precedente, e di eguito riportato:.

Dettagli

Univerità degli Studi di Genova DISEG DIPARIMENO DI INGEGNERIA SRUURALE E GEOECNICA 84 dell Italia nordoccidentale. Le luci dei ponti ad arcata ingola

Univerità degli Studi di Genova DISEG DIPARIMENO DI INGEGNERIA SRUURALE E GEOECNICA 84 dell Italia nordoccidentale. Le luci dei ponti ad arcata ingola Univerità degli Studi di Genova DISEG DIPARIMENO DI INGEGNERIA SRUURALE E GEOECNICA 83 LE IPOLOGIE COSRUIVE 1 Introduzione Una caratteritica del itema ferroviario italiano è che è tato in gran parte cotruito

Dettagli

La libera circolazione delle persone e il mercato dell alloggio. Riassunto

La libera circolazione delle persone e il mercato dell alloggio. Riassunto La libera circolazione delle perone e il mercato dell alloggio Riaunto Luglio 2009 tudio u incarico dell Ufficio federale delle abitazioni Autori: ilvio Graf Armin Jan Daniel ager Contatto: ilvio.graf@zhaw.ch

Dettagli

MODULO PER ACQUISIZIONE DI APPARECCHIATURE INFORMATICHE (HW E SW) *

MODULO PER ACQUISIZIONE DI APPARECCHIATURE INFORMATICHE (HW E SW) * MODULO PER ACQUISIZIONE DI APPARECCHIATURE INFORMATICHE (HW E SW) * DATI DEL RICHIEDENTE 1. STRUTTURA ( Ospedale, Distretto, ecc.) 2. DIPARTIMENTO 3. UNITA OPERATIVA/ SERVIZIO 4. LOCALE DI INSERIMENTO

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 37 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 37 del 17433 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2018, n. 245 POR Puglia FESR 2014/2020. Ae III - Azione 3.4. Interventi di otegno alle impree delle filiere culturali, turitiche creative e dello

Dettagli

TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE INVESTITO PER I SERVIZI INFRASTRUTTURALI DEI SETTORI ELETTRICO E GAS PER IL PERIODO 2016-2021 (TIWACC 2016-2021)

Dettagli

Bando per lo sviluppo delle Rete a Banda UltraLarga in Regione Puglia Aprile 2014

Bando per lo sviluppo delle Rete a Banda UltraLarga in Regione Puglia Aprile 2014 Bando per lo sviluppo delle Rete a Banda UltraLarga in Regione Puglia Aprile 2014 Inquadramento dell intervento nell aiuto di stato BUL Il Progetto Strategico del MISE definisce le modalità di impiego

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO RICERCA INDUSTRIALE E INNOVAZIONE 10 marzo 2014, n. 65

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO RICERCA INDUSTRIALE E INNOVAZIONE 10 marzo 2014, n. 65 9842 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO RICERCA INDUSTRIALE E INNOVAZIONE 10 marzo 2014, n. 65 P.O. FESR 2007 2013 Asse I Linea di Intervento 1.4 Azione 1.4.2 A. D. n. 339 del 11/10/2013 Bando Living

Dettagli

LEGGE 46/82 ART. 14 (FONDO ROTATIVO PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA)

LEGGE 46/82 ART. 14 (FONDO ROTATIVO PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA) LEGGE 46/82 ART. 14 (FONDO ROTATIVO PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA) BANDO TEMATICO PER L INNOVAZIONE DI PRODOTTO NEI SETTORI DI ALTA E MEDIO/ALTA TECNOLOGIA DA PARTE DI PICCOLE IMPRESE O DI IMPRESE IN FASE

Dettagli

FORMULARIO AVVISO PUBBLICO SUPPORTO ALLA GESTIONE DEI BENI CONFISCATI ASSE II - OBIETTIVO SPECIFICO 11 AZIONE DEL P.O.R. CAMPANIA FSE

FORMULARIO AVVISO PUBBLICO SUPPORTO ALLA GESTIONE DEI BENI CONFISCATI ASSE II - OBIETTIVO SPECIFICO 11 AZIONE DEL P.O.R. CAMPANIA FSE Allegato 2 FORMULARIO AVVISO PUBBLICO SUPPORTO ALLA GESTIONE DEI BENI CONFISCATI ASSE II - OBIETTIVO SPECIFICO 11 AZIONE 9.6.4 DEL P.O.R. CAMPANIA FSE 2014-2020 TITOLO DEL PROGETTO 1 SEZIONE 1 - Dati anagrafici

Dettagli

PIANO DI SVILUPPO. Presentazione del soggetto proponente; (Forma e composizione societaria, oggetto sociale, breve storia, campo di attività)

PIANO DI SVILUPPO. Presentazione del soggetto proponente; (Forma e composizione societaria, oggetto sociale, breve storia, campo di attività) PIANO DI SVILUPPO Allegato 3 INDICE RAGIONATO DEGLI ARGOMENTI (Nel caso di programma presentato congiuntamente ciascuno dei punti nel seguito indicati deve essere descritto per ciascuno dei soggetti richiedenti

Dettagli

PROGRAMMA CORSI FIGURE DELLA SICUREZZA GESTIONE DELLE EMERGENZE NORME VOLONTARIE NORME OBBLIGATORIE RISCHI SPECIFICI IMPEGNO SOCIALE

PROGRAMMA CORSI FIGURE DELLA SICUREZZA GESTIONE DELLE EMERGENZE NORME VOLONTARIE NORME OBBLIGATORIE RISCHI SPECIFICI IMPEGNO SOCIALE La formazione che crea valore PROGRAMMA CORI FIGURE DELLA ICUREZZA GETIONE DELLE EMERGENZE NORME VOLONTARIE NORME OBBLIGATORIE RICHI PECIFICI IMPEGNO OCIALE EMINARI GRATUITI 24-25-26- AUTODROMO NAZIONALE

Dettagli

Requisiti dei fornitori di Servizi:

Requisiti dei fornitori di Servizi: INTRODUZIONE La Regione Marche con DDPF n. 25/IRE del 10/04/2015 ha approvato il bando avente ad oggetto : POR MARCHE FESR 2014-2020 - Asse 1 Azione 2.2 Voucher per favorire la partecipazione ai Programmi

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Brevetti + Marzo 2012

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Brevetti + Marzo 2012 Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Brevetti + Marzo 2012 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Le nuove traiettorie di sviluppo dell Unione Europea indicano tra gli

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO. Sezione 1: Anagrafica del progetto

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO. Sezione 1: Anagrafica del progetto Allegato 4 REGIONE TOSCANA PAR FAS 2007 2013 LINEA DI AZIONE 1.4A BANDO PER LA COSTIITUZIONE E SVILUPPO DELLE RETI TRA IMPRESE SCHEDA TECNICA DI PROGETTO AVVERTENZA AI FINI DELLA COMPILAZIONE: La presente

Dettagli