ARTIGIANATO ED EDILIZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARTIGIANATO ED EDILIZIA"

Transcript

1 RAPPORTO CUNEO 2007 ARTIGIANATO ED EDILIZIA CONSISTENZA IMPRESE ARTIGIANE ATTIVE: agricoltura industria costruzioni commercio trasporti servizi non class. e alberghi 1,37% 28,15% 44,25% 7,30% 6,67% 11,95% 0,31% CONSISTENZA IMPRESE EDILI ATTIVE: (di cui artigiane) Andamento della consistenza delle imprese artigiane ed edili 2001/ imprese artigiane imprese edili

2

3 Premessa L ufficio studi camerale, come di consueto, dedica uno specifico capitolo al settore artigiano. La normativa di riferimento per il settore artigiano è la legge-quadro del 1985 (n.443) e la legge regionale del Le leggi definiscono l imprenditore artigiano come colui che esercita personalmente, professionalmente e in qualità di titolare l impresa artigiana, svolgendo in misura prevalente il proprio lavoro, anche manuale, nel processo produttivo. È artigiana l impresa che, esercitata dall imprenditore artigiano nei limiti dimensionali previsti, ha per scopo prevalente lo svolgimento di un attività di produzione di beni, anche semilavorati, o di prestazioni di servizi, escluse le attività agricole e le attività di prestazione di servizi commerciali. La qualifica di impresa artigiana è riconosciuta dalla Commissione Provinciale per l artigianato, operante presso la Camera di Commercio, alle imprese individuali o costitute in forma societaria, con esclusione delle s.p.a. e delle s.a.p.a. L analisi delle imprese artigiane attive, qui di seguito presentata, è stata effettuata tramite l elaborazione di dati estrapolati dal Sistema Stock View della banca dati camerale Infocamere. In questo capitolo viene anche approfondito il settore edile, attraverso la valutazione della consistenza imprenditoriale del comparto e la rilevazione statistica dell attività edilizia effettuata dall ufficio Statistica dell ente camerale presso i Comuni della provincia. Consistenza delle imprese artigiane attive (grafici 13.1/13.2/ tabelle 13.1/13.2/13.3/13.4/13.5/13.6) Il numero delle imprese artigiane attive al era di imprese, pari al 28,04% della consistenza imprenditoriale totale. Prendendo in esame il periodo compreso tra il 2000 e il 2006, l artigianato ha registrato un trend positivo, con un incremento di aziende, corrispondente ad una variazione del 5,41% nel periodo. Prendendo in esame la consistenza delle aziende artigiane attive per ciascun settore di attività, si evidenzia il comparto delle costruzioni, che registra in assoluto il maggior numero di imprese attive, pari al 44,25% della totalità delle aziende artigiane attive, con un aumento del 2,92% rispetto all anno precedente. Il comparto delle attività manifatturiere, che conta il 28% delle imprese artigiane ha subito invece una lieve flessione (- 0,35%). Le attività di riparazione auto e moto (1.471) e di trasporto (1.342) registrano rispettivamente un decremento del 2,71% e del 5,23%. 197

4 Osservando la natura giuridica delle imprese artigiane attive in provincia di Cuneo emerge che nel 2006 le società di capitale sono aumentate del 16,20% rispetto al 2005 pur rappresentando un numero limitato di aziende (416). Decisamente più significativa la consistenza delle società di persone (4.500), che nell ultimo anno hanno registrato una lieve diminuzione (- 0,22%). La quasi totalità delle imprese artigiane è tuttavia costituita in forma di ditta individuale (15.185), con un incremento dello 0,50%. Questi dati evidenziano che anche per il settore artigiano si è ormai avviata una tendenza delle imprese a ristrutturarsi, a consolidarsi e a dar vita ad imprese maggiori. Tendenza favorita anche dall evoluzione normativa che ha aperto alle s.r.l. a socio unico la possibilità di conseguire la qualifica artigiana. È questa una forma societaria che nei vari settori, anche a livello nazionale, ha registrato ampi consensi, con un aumento del 22,5% nell ultimo anno. Rivolgendo lo sguardo all ambito regionale è la provincia di Torino a presentare il maggior numero di imprese artigiane attive. Torino si contraddistingue con un 48,99%, seguita da Cuneo (14,92%) e da Alessandria (9,96%). Se questo dato viene rapportato alla consistenza del registro imprese allora si evidenzia che la provincia a maggior caratterizzazione artigiana è la provincia di Verbano Cusio Ossola con il 39,84%. La provincia di Cuneo con il 28,04% si attesta al di sotto della media piemontese del 32,63%. In tutte le province piemontesi la maggior parte delle imprese artigiane sono ditte individuali, seguite da società di persone, e da società di capitale; i consorzi e le cooperative rappresentano una percentuale decisamente bassa. L Artigiancassa (tabelle 13.7/13.8) I dati di questo paragrafo vengono riportati al fine di evidenziare la funzione di sostegno svolta dall Artigiancassa attraverso gli sportelli di tutte le altre banche, a sostegno del settore artigiano, grazie ai servizi di credito e di leasing agevolato. Artigiancassa si configura come Banca di riferimento del settore artigiano nel suo complesso, offrendo oltre alle tradizionali attività, servizi finanziari relativi al credito a medio e lungo termine, al risparmio gestito ed ai prodotti assicurativi-previdenziali, utilizzando sia la rete dei propri promotori finanziari sia il sostegno degli organismi e delle associazioni artigianali locali. Nel 2006 le imprese artigiane cuneesi hanno presentato domande di agevolazione, e a queste domande è corrisposto un importo totale richiesto pari a migliaia di euro con un conseguente importo medio finanziato di euro. Gli importi richiesti dalla nostra provincia corrispondono al 27,57% del totale piemontese. Si tratta di un dato di grande rilevanza, se si 198

5 considera che la provincia di Torino incide per il 38,34% Alle domande di agevolazione presentate sono corrisposte domande ammesse dall Artigiancassa. Il confronto con il dato regionale evidenzia come a fronte di un incidenza del 28,93% di domande richieste dalle nostre imprese, corrisponde una percentuale del 28,97% di domande ammesse. Questi finanziamenti hanno consentito agli artigiani della nostra provincia di realizzare investimenti pari a migliaia di euro e di creare 216 nuovi posti di lavoro. Gli investimenti cuneesi realizzati rappresentano il 27,9% degli investimenti totali effettuati dalle imprese artigiane piemontesi. Il marchio Piemonte Eccellenza Artigiana (grafico tabella 13.9) Il Marchio Piemonte eccellenza artigiana, appositamente predisposto e approvato dalla Giunta Regionale identifica le imprese che hanno ottenuto il riconoscimento di Eccellenza, ne certifica la perizia e la professionalità e dà al pubblico garanzie di qualità. La Regione con l attribuzione di questo riconoscimento ha inteso salvaguardare e rilanciare lavorazioni artigianali di antico prestigio e, nel contempo, offrire opportunità professionali che, pur nel rispetto della tradizione, possano cogliere ed esprimere la capacità di reinterpretare il passato attraverso le tendenze culturali ed estetiche del presente. L utilizzo del marchio è riservato esclusivamente alle imprese che hanno ottenuto il riconoscimento di Eccellenza Artigiana, secondo quanto disposto dalla L.R. 21/97 e dal relativo regolamento. L attività istituzionale messa in campo ha sinora permesso a imprese piemontesi di fregiarsi del marchio Piemonte Eccellenza artigiana, di cui del settore manifatturiero e 681 del comparto alimentare. Sono gli artigiani del legno e del restauro ligneo, che lavorano la ceramica, il vetro, il tessile-abbigliamento, le imprese del distretto orafo e della gioielleria griffata, della stampa d arte, le aziende che fabbricano strumenti musicali, che lavorano i metalli comuni, fino alle diverse espressioni delle imprese alimentari e delle altre attività dell artigianato artistico. Per quanto riguarda la provincia di Cuneo, le imprese del settore manifatturiero che possiedono il marchio Piemonte eccellenza artigiana rappresentano il 26,36% della totalità dell imprese che hanno ottenuto questo riconoscimento nel Piemonte, mentre nel settore alimentare la Granda si contraddistingue con un 34,36%. 199

6 Edilizia (grafico tabelle 13.10/13.11/13.12/13.13) Le imprese edili del cuneese al 31 dicembre 2006 hanno raggiunto le unità, pari al 14,27% dell archivio camerale. La maggiore incidenza del comparto edile si rileva nelle province di Verbano Cusio Ossola e di Novara, con percentuali superiori al 19%; la media regionale è invece di 16,16%. Nell arco temporale 2001/2006 la variazione della consistenza delle imprese edili della provincia di Cuneo è risultata in continua ascesa e si è attestata su un incremento di 352 unità, superando le imprese attive nel 2006, pari a + 18,23% nei confronti del Molto positivo pure l andamento delle imprese artigiane, che in questo comparto rappresentano l 86,97%, salite complessivamente del 17,25%, corrispondente a unità in più. In questo paragrafo le dinamiche della consistenza imprenditoriale vengono affiancate dai dati delle concessioni rilasciate dai Comuni della provincia, relative sia all edilizia residenziale sia a quella non residenziale. Nel 2006 l attività edilizia residenziale ha mostrato un forte rialzo, sia del numero sia che della volumetria delle concessioni rilasciate. Analogamente anche l edilizia non residenziale ha registrato un generale incremento, più significativo per la volumetria delle licenze concesse. Nel rapporto con il 2005, le concessioni edilizie dei fabbricati residenziali sono cresciute di oltre il 67% (da 751 a 1.256), mentre i volumi sono passati da poco più di metri cubi a quasi metri cubi, pari a + 63,61%. Riguardo ai fabbricati non residenziali le concessioni sono salite di oltre il 54% nel numero e di ben il 102,48% nella volumetria. Altro dato di rilievo riguarda l aumento del numero delle abitazioni nei fabbricati residenziali, in rialzo di quasi l 83% nei confronti del Sono dati estremamente positivi, indicatori di un mercato oltremodo vivace e dinamico, che spiega la tendenza in costante ascesa delle imprese nello specifico settore. 200

7 Grafico 13.1 Evoluzione imprese artigiane attive, serie storica Grafico Composizione delle imprese artigianali attive per settore economico, anni 2006 e valori percentuali Imprese non classificate 100% 80% Amministrazione Pubblica, Istruzione, Sanità e altri servizi pubblici, sociali e personali, servizi domestici Attività finanziarie, immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni 60% 40% 20% Riparazione di autoveicoli, motocicli, di beni personali e per la casa, commercio all'ingrosso, al dettaglio Costruzioni Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Attività manifatturiere 0% Estrazione di minerali Agricoltura, caccia, silvicoltura e pesca Grafico Composizione delle imprese artigiane piemontesi attive distinte per natura giuridica - anno 2006 valori percentuali Piemonte Vercelli Verbano Torino Novara Cuneo Biella imprese individuali società di persone società di capitali cooperative consorzi altre forme Asti Alessandria 0% 20% 40% 60% 80% 100% 201

8 Grafico Numero di imprese che hanno conseguito il Marchio "Piemonte Eccellenza Artigiana" - anno Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbano Cusio Ossola Vercelli settore manifatturiero settore alimentare Grafico Rilevazione statistica attività edilizia - numero di concessioni anni 2005/ gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic fabbricati residenziali 06 fabbricati residenziali 05 abitazioni in fabbricati residenziali 06 abitazioni in fabbricati residenziali 05 fabbricati non residenziali 06 fabbricati non residenziali

9 Tab SERIE STORICA - CONSISTENZA DELLE IMPRESE ATTIVE ARTIGIANE IN PROVINCIA DI CUNEO Imprese attive artigiane Fonte: Registro Imprese - banca dati Stock View - Camera di commercio di Cuneo serie storica Tab CONSISTENZA DELLE IMPRESE ATTIVE ARTIGIANE IN PROVINCIA DI CUNEO PER SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA Settori Agricoltura, caccia, silvicoltura e pesca Estrazione di minerali Attività manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Riparazione di autoveicoli, motocicli, di beni personali e per la casa, commercio all'ingrosso, al dettaglio Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni Attività finanziarie, immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione Pubblica, Istruzione, Sanità e altri servizi pubblici, sociali e personali, servizi domestici Imprese non classificate totale var. % 2006/ ,43% ,69% ,35% ,00% ,92% ,71% ,23% ,84% ,05% ,07% ,56% Fonte: Registro Imprese - banca dati Stock View - Camera di commercio di Cuneo Tab CONSISTENZA DELLE IMPRESE ATTIVE ARTIGIANE IN PROVINCIA DI CUNEO PER FORMA GIURIDICA Classi di natura giuridica Imprese individuali Società di persone Società di capitali Società cooperative Consorzi Altre forme var. % 2006/ ,50% ,22% ,20% ,45% ,14% ,33% totale Fonte: Registro Imprese - banca dati Stock View - Camera di commercio di Cuneo ,56% 203

10 Tab CONSISTENZA DELLE IMPRESE ATTIVE ARTIGIANE NELLE PROVINCE PIEMONTESI province consistenza totale imprese attive anno 2006 var. % 2006/2005 inc. % imprese artigiane attive (2006) sul totale imprese attive Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbano Cusio Ossola Vercelli ,34% 30,54% ,50% 28,28% ,18% 36,95% ,56% 28,04% ,27% 38,01% ,88% 33,43% ,42% 39,84% ,36% 35,81% Piemonte Fonte: Registro Imprese - banca dati Stock View - Camera di commercio di Cuneo ,83% 32,63% Tab CONSISTENZA DELLE IMPRESE ATTIVE ARTIGIANE NELLE PROVINCE PIEMONTESI PER FORMA GIURIDICA province Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbano Cusio Ossola Vercelli imprese individuali società di persone società di capitali cooperative consorzi altre forme Piemonte Fonte: Registro Imprese - banca dati Stock View - Camera di commercio di Cuneo province Tab CONSISTENZA DELLE IMPRESE ATTIVE ARTIGIANE NELLE PROVINCE PIEMONTESI DISTINTA PER ATTIVITA' ECONOMICA agricoltura industrie manifatturiere e produzione energia costruzioni commercio trasporti e comunicazioni servizi non classificate Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbano Cusio Ossola Vercelli Piemonte Fonte: Registro Imprese - banca dati Stock View - Camera di commercio di Cuneo 204

11 Tab FINANZIAMENTI ARTIGIANI AGEVOLATI - OPERAZIONI PRESENTATE - ANNO 2006 (importi in migliaia di euro) tipologia Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbano Cusio Ossola Vercelli Piemonte credito leasing totale numero importo numero importo numero importo importo medio finanziamenti 54,21 58,58 48,59 52,53 57,72 56,59 64,10 50,54 55,11 Fonte: Artigiancassa - Cassa per il credito alle imprese artigiane s.p.a. - elaborazione ufficio Studi - Camera di commercio di Cuneo Tab FINANZIAMENTI ARTIGIANI AGEVOLATI - OPERAZIONI AMMESSE AL CONTRIBUTO - ANNO 2006 (importi in migliaia di euro) tipologia Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbano Cusio Ossola Vercelli Piemonte finanziamenti numero importo importo medio finanziamenti 52,35 50,27 51,17 49,60 53,78 55,30 52,15 53,02 52,41 investimenti realizzati nuovi posti di lavoro numero numero Fonte: Artigiancassa - Cassa per il credito alle imprese artigiane s.p.a. - elaborazione ufficio Studi - Camera di commercio di Cuneo 205

12 Tabella IMPRESE IN POSSESSO DEL MARCHIO PIEMONTE ECCELLENZA ARTIGIANA, SUDDIVISE PER SETTORE E PER PROVINCIA - ANNO 2006 SETTORE MANIFATTURIERO Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbano Cusio Ossola Vercelli altre attività artistiche tipiche ceramiche metalli comuni orafo legno legno-tapezziere in stoffa restauro ligneo stampa legatoria restauro strumenti musicali tessile abbigliamento vetro TOTALE Fonte: Regione Piemonte - elaborazione ufficio Studi - Camera di commercio di Cuneo totale Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbano Cusio Ossola Vercelli caseario cioccolato caramelle torrone distillati liquori birra prodotti di torrefazione SETTORE ALIMENTARE totale gastronomia e prodotti sottovetro panificazione pasta fresca pasticceria fresca e secca gelato salumi TOTALE Fonte: Regione Piemonte - elaborazione ufficio Studi - Camera di commercio di Cuneo 206

13 Tab SERIE STORICA - CONSISTENZA DELLE IMPRESE ATTIVE DEL SETTORE EDILE IN PROVINCIA DI CUNEO Costruzioni di cui artigiane analisi per forma giuridica serie storica imprese individuali società di persone società di capitali altre forme giuridiche Fonte: Registro Imprese, banca dati Stock View - Camera di commercio di Cuneo Tab CONSISTENZA DELLE IMPRESE ATTIVE NEL SETTORE EDILE NELLE PROVINCE PIEMONTESI var. % 2006/05 Alessandria ,47% Asti ,60% Biella ,30% Cuneo ,56% Novara ,95% Torino ,54% Verbano Cusio Ossola ,61% Vercelli ,92% Piemonte ,63% Fonte: Registro Imprese, banca dati Stock View - Camera di commercio di Cuneo inc. % imprese edili attive (2006) sul totale imprese attive 14,82% 14,86% 18,45% 14,27% 19,32% 16,22% 19,62% 18,66% 16,16% Tab NUMERO DELLE NUOVE COSTRUZIONI NEL 2005 Province e regioni Edifici per abitazioni Uffici Negozi e laboratori Centri commerciali Capannoni Industrie Piemonte Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbano-Cusio-Ossola Vercelli ITALIA Fonte: Ministero dell'economia e delle Finanze - Agenzia del Territorio - elaborazione ufficio Studi - Camera di commercio di Cuneo 207

14 208 Tab RILEVAZIONE STATISTICA ATTIVITA' EDILIZIA - CONCESSIONI RILASCIATE Tipologia Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Totale annuo numero (anno 2006) numero (anno 2005) Fabbricati residenziali (*) var. % volume 2005/ ,67% 51,72% 45,00% -1,45% 19,35% 39,29% 39,06% 42,86% 53,42% 56,60% 93,48% 120,69% 67,24% volume mc (anno 2006) volume mc (anno 2005) var. % volume 2005/ ,25% 18,36% 46,99% 39,38% 25,63% 30,31% 46,99% 35,57% 50,32% 24,83% 44,64% 363,92% 63,61% Abitazioni nei fabbricati residenziali anno anno var.% 2005/ ,14% 42,47% 12,43% 82,79% 41,74% 44,61% 42,41% 12,79% 59,39% 65,03% 156,04% 516,85% 82,99% numero (anno 2006) numero (anno 2005) Fabbricati non residenziali (**) var.% numero 2005/ ,28% 90,48% 3,03% -3,13% 33,33% 63,64% 22,86% 0,00% 2,86% -19,51% 84,21% 134,78% 54,32% volume mc (anno 2006) volume mc (anno 2005) var.% volume 2005/ ,79% 3,70% 60,01% 68,04% 51,71% 129,28% 225,38% -0,96% 318,05% -71,91% 367,28% 145,60% 102,48% (*): Per "fabbricato residenziale" si intende il fabbricato, o parte di esso, destinato esclusivamente o prevalentemente ad abitazioni per famiglie. (**): Per "fabbricato non residenziale" si intende il fabbricato, o parte di esso, destinato esclusivamente o prevalentemente a uso diverso da quello residenziale. Fonte: Ufficio Statistica Camera di commercio di Cuneo - elaborazione Ufficio Studi.

15 RAPPORTO CUNEO 2007 COMMERCIO INTERNO IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIO: (17,04% su totale) Commercio Intermediari Commercio Commercio autoveicoli del commercio ingrosso al dettaglio Andamento della consistenza delle imprese settore commercio 2000/ imprese commercio

Indagine congiunturale sull industria manifatturiera della provincia di Biella 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA INDUSTRIA 4 TRIMESTRE 2015

Indagine congiunturale sull industria manifatturiera della provincia di Biella 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA INDUSTRIA 4 TRIMESTRE 2015 Indagine sull industria manifatturiera della provincia di Biella 4 trimestre 2015 A cura dell Ufficio Studi CONGIUNTURA INDUSTRIA 4 TRIMESTRE 2015 NEL BIELLESE LA PRODUZIONE INDUSTRIALE REGISTRA UNA FLESSIONE

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN PIEMONTE: ALCUNI DATI SULLA CRISI

IL MERCATO DEL LAVORO IN PIEMONTE: ALCUNI DATI SULLA CRISI IL MERCATO DEL LAVORO IN PIEMONTE: ALCUNI DATI SULLA CRISI Sommario 1. Gli avviamenti al lavoro...5 2. Le cessazioni dei rapporti di lavoro... 13 3. Le trasformazioni dei rapporti di lavoro... 19 4. La

Dettagli

8. COMMERCIO E SERVIZI

8. COMMERCIO E SERVIZI 8. COMMERCIO E SERVIZI 8.1 Struttura e dinamica dei servizi Nel corso del 2009 è stata adottata una nuova classificazione delle attività economiche (ATECO 2007) che entra ancora più nel dettaglio dei vari

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Settembre 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 54 DEL 13 SETTEMBRE 2013

COMUNICATO STAMPA N. 54 DEL 13 SETTEMBRE 2013 COMUNICATO STAMPA N. 54 DEL 13 SETTEMBRE 2013 LA CULTURA FA BENE ANCHE NEL VCO 28 musei, 26 biblioteche, 8 Parchi, 42 tra monumenti architetture, molti eventi di rilievo tra teatro rassegne letterarie

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: marzo 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: marzo 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Marzo 2016 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Toscana REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Toscana REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 987 unità. Alla fine di marzo risultano

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VIBO VALENTIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VIBO VALENTIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

Le imprese cooperative in provincia di Biella

Le imprese cooperative in provincia di Biella Le imprese cooperative in provincia di Biella DATI STRUTTURALI 2000/2005 Coop attive in Italia 73.000 72.000 71.000 70.000 70.140 72.253 71.929 71.586 70.527 69.000 68.000 67.490 67.000 66.000 65.000 2000

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: marzo 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

7. ARTIGIANATO. Tab. 7.1 Iscrizioni, cancellazioni, saldo e consistenza a fine anno Albo Imprese Artigiane di Mantova dal 2000 al 2008

7. ARTIGIANATO. Tab. 7.1 Iscrizioni, cancellazioni, saldo e consistenza a fine anno Albo Imprese Artigiane di Mantova dal 2000 al 2008 7. ARTIGIANATO 7. Trend Anagrafico Le imprese iscritte all Albo delle Imprese Artigiane, nel corso del 2008, sono state.2 a fronte di.20 cessazioni, con un saldo positivo pari ad una sola unità. Dopo il

Dettagli

Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese

Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese 30 Gennaio 2009 Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese Novembre 2008 L Istituto nazionale di statistica comunica i risultati della rilevazione sull occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41121 Modena Tel. 059 208806 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole FOCUS ECONOMIA 2016 N. 1 L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole Ufficio Studi e Progetti Speciali - CCIAA Sondrio 1 Le imprese femminili 1 in provincia di Sondrio Le imprese femminili

Dettagli

Le imprese femminili 1 in Piemonte

Le imprese femminili 1 in Piemonte Le imprese femminili 1 in Piemonte A fine 2016 le imprese femminili registrate in Italia hanno raggiunto quota 1.321.862 unità, pari al 21,8% delle imprese complessivamente registrate presso i Registri

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011 IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011 LA DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE I dati relativi al primo trimestre 2011, indicano, per quanto riguarda le sedi di impresa nella provincia

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 3 trimestre 2010

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 3 trimestre 2010 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 3 trimestre 2010 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2010 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 4.448 unità. Alla fine di settembre

Dettagli

CONTABILITÀ NAZIONALE - DATI TERRITORIALI

CONTABILITÀ NAZIONALE - DATI TERRITORIALI 8 CONTABILITÀ NAZIONALE - DATI TERRITORIALI Nel 2005, in termini reali, il PIL ha avuto una crescita, a livello nazionale, pari allo zero (rispetto all'anno precedente), La staticità del PIL a livello

Dettagli

SMAIL. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro IMPRESE E OCCUPAZIONE IN BASILICATA

SMAIL. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro IMPRESE E OCCUPAZIONE IN BASILICATA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro IMPRESE E OCCUPAZIONE IN BASILICATA Maggio 2012 AVVERTENZE Il presente report contiene una selezione dei principali risultati dell'attività

Dettagli

Le imprese straniere 1 in Piemonte

Le imprese straniere 1 in Piemonte Le imprese straniere 1 in Piemonte A fine 2015 le imprese straniere registrate in Italia hanno raggiunto le 550.717 unità, il 9,1% delle imprese complessivamente censite presso i Registri delle Camere

Dettagli

ANDAMENTO DELLA CONGIUNTURA IN PIEMONTE: I RISULTATI A CONSUNTIVO PER IL IV TRIMESTRE E L ANNO Marzo 2016

ANDAMENTO DELLA CONGIUNTURA IN PIEMONTE: I RISULTATI A CONSUNTIVO PER IL IV TRIMESTRE E L ANNO Marzo 2016 ANDAMENTO DELLA CONGIUNTURA IN PIEMONTE: I RISULTATI A CONSUNTIVO PER IL IV TRIMESTRE E L ANNO 2015 1 Marzo 2016 La produzione industriale e il clima di fiducia delle imprese in Italia La produzione industriale

Dettagli

FALLIMENTI DICHIARATI IN PROVINCIA DI TORINO - ANNO 1989 distinti per rami di attività economica e qualità dei falliti

FALLIMENTI DICHIARATI IN PROVINCIA DI TORINO - ANNO 1989 distinti per rami di attività economica e qualità dei falliti FALLIMENTI DICHIARATI IN PROVINCIA DI TORINO - ANNO 1989 0 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 2 2 0 1 1 0 0 1 2 0 0 1 0 8 3 3 7 8 3 5 5 10 0 1 3 5 2 52 4 3 6 2 3 4 1 6 1 1 2 7 1 37 5

Dettagli

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione rilasciato il 7 settembre 21 Studi e Analisi presenta elaborazioni e indagini prodotte dal Centro Studi nei suoi ambiti d interesse Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione luglio 21 a cura di

Dettagli

E ELLE - INDICATORI STATISTICI DELL'ECONOMIA e DEL LAVORO

E ELLE - INDICATORI STATISTICI DELL'ECONOMIA e DEL LAVORO Al 31/12/2013 l edilizia conta 11.084 imprese, pari al 16,5% del totale delle aziende modenesi, in calo del -1,1% rispetto al 2012. Il settore si distingue per la presenza di una alta percentuale di imprese

Dettagli

L economia della Valle d Aosta

L economia della Valle d Aosta L economia della Valle d Aosta L economia della Valle d Aosta è in graduale recupero L economia della Valle d Aosta è in graduale recupero Il miglioramento però ha interessato solo parte dell economia

Dettagli

Tab. 13.1 - Sedi e sportelli bancari per gruppi istituzionali di banche: provincia di Cuneo, Piemonte, Italia. Anno 2014 (a)

Tab. 13.1 - Sedi e sportelli bancari per gruppi istituzionali di banche: provincia di Cuneo, Piemonte, Italia. Anno 2014 (a) Capitolo 13 Credito Tab. 13.1 - Sedi e sportelli bancari per gruppi istituzionali di banche: provincia di Cuneo, Piemonte, Italia. Anno 2014 (a) Cuneo Piemonte Italia Sedi Sportelli bancari Banche S.p.a.

Dettagli

GLI INDICATORI DI CRISI IN FRIULI VENEZIA GIULIA CIG: DATI INPS E ERGONET MARZO 2010

GLI INDICATORI DI CRISI IN FRIULI VENEZIA GIULIA CIG: DATI INPS E ERGONET MARZO 2010 GLI INDICATORI DI CRISI IN FRIULI VENEZIA GIULIA CIG: DATI INPS E ERGONET MARZO 2010 maggio 2010 La presente scheda è stata curata da Roberta Molaro, esperta dell Agenzia regionale del lavoro della Regione

Dettagli

Imprenditoria giovanile

Imprenditoria giovanile Imprenditoria giovanile Nel 2014 si registrano, nella provincia di Brindisi, 860 iscrizioni di imprese giovanili 1 a fronte di 428 cessazioni (al netto delle cancellazioni d ufficio), con un saldo positivo

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 4.839 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

3.14 PIEMONTE e VALLE D AOSTA

3.14 PIEMONTE e VALLE D AOSTA 3.14 PIEMONTE e VALLE D AOSTA Il Piemonte, dopo un 2004 in crescita su tutti i settori registra nel 2005 un ulteriore incremento del numero di NTN su tre dei quattro settori, mentre la Val d Aosta dopo

Dettagli

I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 2015

I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 2015 I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 215 I dati utilizzati nella presente pubblicazione sono stati elaborati dall Ufficio Statistica della Camera di Commercio di Bologna sugli estratti delle

Dettagli

l Economia di Genere nella provincia di Udine

l Economia di Genere nella provincia di Udine l Economia di Genere nella provincia di Udine marzo 2016 Via Morpurgo 4-33100 Udine - tel. +39 0432 273 200 / 219 - fax +39 0432 509469 - statistica@ud.camcom.it Le differenze di genere nel mercato del

Dettagli

Il ricorso alla cassa integrazione guadagni in provincia di Brindisi al 30 settembre 2011

Il ricorso alla cassa integrazione guadagni in provincia di Brindisi al 30 settembre 2011 Il ricorso alla cassa integrazione guadagni in provincia di Brindisi al 30 settembre Alla data del 30 settembre il ricorso allo strumento della Cassa Integrazione Guadagni (CIG), in provincia di Brindisi,

Dettagli

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2013

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2013 Proviinciia Massa Carrara Settore Formazione Professionale e Politiche del Lavoro Servizio Politiche del Lavoro Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2013 22 Novembrre 2013 1/15 Indice

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Il processo di sviluppo dei cosiddetti Paesi industrializzati tende a promuovere in misura sempre maggiore comportamenti di consumo energivori; in un tale contesto, l Italia

Dettagli

E consentita la riproduzione di testi, tabelle e grafici citando gli estremi della pubblicazione

E consentita la riproduzione di testi, tabelle e grafici citando gli estremi della pubblicazione IMPRESE E IMPRENDITORI STRANIERI A VERONA EDIZIONE 2016 A cura del Servizio Studi e Ricerca della Camera di Commercio di Verona La pubblicazione è stata chiusa il 7 settembre 2016 ed è disponibile sul

Dettagli

E consentita la riproduzione di testi, tabelle e grafici citando gli estremi della pubblicazione

E consentita la riproduzione di testi, tabelle e grafici citando gli estremi della pubblicazione A cura del Servizio Studi e Ricerca della CCIAA di Verona La pubblicazione è stata chiusa il 14 agosto 2014 ed è disponibile sul sito www.vr.camcom.it E consentita la riproduzione di testi, tabelle e grafici

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE FRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D'AOSTA. Torino, 10 marzo 2010

INDAGINE CONGIUNTURALE FRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D'AOSTA. Torino, 10 marzo 2010 INDAGINE CONGIUNTURALE FRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D'AOSTA Torino, 10 marzo 2010 L indagine congiunturale dell ANCE Piemonte, avviata a giugno del 2002 e svolta con cadenza semestrale,

Dettagli

Aggiornato il sistema informativo SMAIL Emilia-Romagna sul mercato del lavoro

Aggiornato il sistema informativo SMAIL Emilia-Romagna sul mercato del lavoro Aggiornato il sistema informativo SMAIL Emilia-Romagna sul mercato del lavoro Nei tre anni della crisi (2008-2010), l occupazione del settore privato in regione è scesa dell 1,3%. Più colpite l industria

Dettagli

INDICI ISTAT DEL COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE DICEMBRE 2014 E MEDIA 2014

INDICI ISTAT DEL COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE DICEMBRE 2014 E MEDIA 2014 Direzione Affari Economici e Centro Studi INDICI ISTAT DEL COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE DICEMBRE E MEDIA Dicembre L'indice Istat del costo di costruzione di un fabbricato residenziale

Dettagli

4. Lavoro e previdenza

4. Lavoro e previdenza 4. Lavoro e previdenza L economia dell area pratese è strettamente legata all andamento del settore tessile/abbigliamento, come dimostra il fatto che le aziende di questo settore costituiscono il circa

Dettagli

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2011

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2011 Proviinciia Massa Carrara Settore Formazione Professionale e Politiche del Lavoro Servizio Politiche del Lavoro Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2011 Rev.. 03 08 novembrre 2011

Dettagli

NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA. La cassa integrazione nel Lazio nel mese di aprile 2011

NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA. La cassa integrazione nel Lazio nel mese di aprile 2011 NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA La cassa integrazione nel Lazio nel mese di aprile 2011 A cura di Giaime Gabrielli Giugno 2011 o Analisi e Finanza di Sviluppo Lazio 2 Si riduce nel periodo gennaio-aprile

Dettagli

NOTA SULL ANDAMENTO MENSILE DELLE RICHIESTE DI CASSA INTEGRAZIONE LUGLIO 2018

NOTA SULL ANDAMENTO MENSILE DELLE RICHIESTE DI CASSA INTEGRAZIONE LUGLIO 2018 NOTA SULL ANDAMENTO MENSILE DELLE RICHIESTE DI CASSA INTEGRAZIONE LUGLIO 218 Torino, 25 agosto 214 - a cura di Oscar Bianco Cisl Piemonte le seguenti analisi sono basate sui dati delle ore autorizzate

Dettagli

REPORT ILLUSTRATIVO CONSISTENZA E STRUTTURA DELLE ATTIVITA ECONOMICHE REGISTRATE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI BRESSO. Dati aggiornati al Maggio 2007

REPORT ILLUSTRATIVO CONSISTENZA E STRUTTURA DELLE ATTIVITA ECONOMICHE REGISTRATE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI BRESSO. Dati aggiornati al Maggio 2007 CONSISTENZA E STRUTTURA DELLE ATTIVITA ECONOMICHE REGISTRATE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI BRESSO Dati aggiornati al Maggio 2007 REPORT ILLUSTRATIVO A cura dell U.O. Economia ed Attività Produttiva Servizio

Dettagli

Occupazione in Piemonte. Un anno in cifre

Occupazione in Piemonte. Un anno in cifre Un anno in cifre Gli occupati sono stimati nel 2014 in 1.773.000 2.000 in più rispetto all anno precedente Industria 2013 2014 436 436 125 130 Servizi 2013 2014 513 511 648 644 Donne Uomini Agricoltura

Dettagli

Rapporto Economia Provinciale Edilizia

Rapporto Economia Provinciale Edilizia Rapporto Economia Provinciale 2008 121 Edilizia Edilizia 123 Dati di stock Al 31 dicembre 2008 le imprese attive iscritte al Registro Imprese alla Sezione Ateco F- Costruzioni sono 3.106, con un aumento

Dettagli

2. Individuazione dei settori. 3. Fonti.

2. Individuazione dei settori. 3. Fonti. D.P.R. 21 settembre 1995, n. 472. Regolamento di attuazione dell art. 10 della L. 29 dicembre 1993, n. 580, concernente i criteri generali per la ripartizione dei consiglieri delle camere di commercio,

Dettagli

10. COSTRUZIONI. I NUMERI DELLE COSTRUZIONI AL 31/12/2015 Imprese attive di cui artigiane Localizzazioni

10. COSTRUZIONI. I NUMERI DELLE COSTRUZIONI AL 31/12/2015 Imprese attive di cui artigiane Localizzazioni 1. COSTRUZIONI I NUMERI DELLE COSTRUZIONI AL 31/12/215 Imprese attive 1.769 di cui artigiane 8.115 Localizzazioni 11.769 dati Registro Imprese Al 31/12/215 l edilizia conta 1.769 imprese, pari al 16,2%

Dettagli

CONGIUNTURA COOPERATIVE

CONGIUNTURA COOPERATIVE CONGIUNTURA COOPERATIVE INDAGINE SULLE IMPRESE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BIELLA 2 semestre 2010 A CURA DELL UFFICIO STUDI in collaborazione con 2 Semestre 2010 STRUTTURA: in continuo aumento le imprese

Dettagli

2. CENTRO PER L IMPIEGO DI BOLOGNA. Comune di riferimento: Bologna

2. CENTRO PER L IMPIEGO DI BOLOGNA. Comune di riferimento: Bologna 2. CENTRO PER L IMPIEGO DI BOLOGNA Comune di riferimento: Bologna Le persone in cerca di lavoro 1 al 31/12/2008 sono 19.953 (il 42,6% del totale provinciale) di cui 10.490 donne (52,6%) e 9.463 uomini

Dettagli

Nota sul mercato del lavoro Ore autorizzate di CIG (Milano, Monza Brianza, Lodi), Cigo (aziende associate), disoccupazione (Italia, altri paesi).

Nota sul mercato del lavoro Ore autorizzate di CIG (Milano, Monza Brianza, Lodi), Cigo (aziende associate), disoccupazione (Italia, altri paesi). Nota sul mercato del lavoro Ore autorizzate di CIG (Milano, Monza Brianza, Lodi), Cigo (aziende associate), disoccupazione (Italia, altri paesi). In sintesi Le ore di Cassa Integrazione Guadagni autorizzate

Dettagli

Le imprese cooperative in provincia di Biella

Le imprese cooperative in provincia di Biella Le imprese cooperative in provincia di Biella DATI STRUTTURALI Anno 2006 Cooperative attive in provincia di Biella 165 160 2005 2006 +7,3% 161 155 150 147 148 149 150 145 142 140 135 130 2001 2002 2003

Dettagli

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (2 trimestre 2011)

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (2 trimestre 2011) Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (2 trimestre 2011) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Luglio 2011 (*) I dati e le informazioni contenute nelle Note di sintesi costituiscono un

Dettagli

IL PASSO LENTO DELLA RIPRESA ITALIANA

IL PASSO LENTO DELLA RIPRESA ITALIANA LE DINAMICHE ECONOMICHE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA Presentazione a cura di Corrado Martone Area Studi e Ricerche - Istituto G. Tagliacarne IL PASSO LENTO DELLA RIPRESA ITALIANA I condizionamenti esogeni

Dettagli

NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA. La cassa integrazione nel Lazio nel mese di maggio 2011

NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA. La cassa integrazione nel Lazio nel mese di maggio 2011 NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA La cassa integrazione nel Lazio nel mese di maggio 2011 A cura di Giaime Gabrielli Giugno 2011 o Analisi e Finanza di Sviluppo Lazio 2 Si riduce nel periodo gennaio-maggio

Dettagli

STRUTTURA E CONGIUNTURA DEL SETTORE COMMERCIALE IN PROVINCIA DI BIELLA

STRUTTURA E CONGIUNTURA DEL SETTORE COMMERCIALE IN PROVINCIA DI BIELLA STRUTTURA E CONGIUNTURA DEL SETTORE COMMERCIALE IN PROVINCIA DI BIELLA Presentazione realizzata dell Ufficio Studi della C.C.I.A.A. di Biella L ufficio Studi della CCIAA di Biella ha preparato questo lavoro

Dettagli

(immagini di pubblico dominio e tratte da Wikipedia enciclopedia libera)

(immagini di pubblico dominio e tratte da Wikipedia enciclopedia libera) (immagini di pubblico dominio e tratte da Wikipedia enciclopedia libera) 1 2 Gli anni della crisi 2008 28 aprile 2015 3 ANDAMENTO DEL PIL IN ITALIA 2008 AI PREZZI DI MERCATO Prodotto Interno Lordo Valori

Dettagli

Elena Porta. Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte

Elena Porta. Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte Elena Porta Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte Indagini monografiche La trilogia delle Geografie: filone di analisi territoriali realizzato in collaborazione con la Regione Piemonte, che comprende

Dettagli

LA CRISI È CAMBIAMENTO:

LA CRISI È CAMBIAMENTO: LA CRISI È CAMBIAMENTO: LE TRASFORMAZIONI DELL EDILIZIA NEL NORDEST IL CASO VENETO LUCA ROMANO Sala Convegni Cassa di Risparmio del Veneto 06 giugno 2016 IL PATRIMONIO EDILIZIO 1/2 Il patrimonio edilizio

Dettagli

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro I Trimestre 2011

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro I Trimestre 2011 Proviinciia Massa Carrara Settore Formazione Professionale e Politiche del Lavoro Servizio Politiche del Lavoro Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro I Trimestre 2011 Gaabrriieellee Leevii 7 Luglliio

Dettagli

Le imprese delle donne: l economia al femminile in provincia di Chieti

Le imprese delle donne: l economia al femminile in provincia di Chieti Le imprese delle donne: l economia al femminile in provincia di Chieti Presentazione a cura di Paola Sabella - Presidente Comitato provinciale per la promozione dell imprenditorialità femminile Il Comitato

Dettagli

Puglia i. Tabella 1. Quadro economico e del mercato del lavoro. Variazione 1 percentuale

Puglia i. Tabella 1. Quadro economico e del mercato del lavoro. Variazione 1 percentuale Puglia i La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Puglia. Nel periodo di previsione il valore aggiunto regionale aumenterà del 6,2%, passando

Dettagli

ESPORTAZIONI NEL VERBANO CUSIO OSSOLA: LE VENDITE ALL'ESTERO DIMINUISCONO DEL 34% NEL 2009

ESPORTAZIONI NEL VERBANO CUSIO OSSOLA: LE VENDITE ALL'ESTERO DIMINUISCONO DEL 34% NEL 2009 1 ESPORTAZIONI NEL VERBANO CUSIO OSSOLA: LE VENDITE ALL'ESTERO DIMINUISCONO DEL 34% NEL 2009 Premessa In questo rapporto si intende esaminare la dinamica del commercio estero nella provincia del Verbano

Dettagli

DISTRIBUZIONE % DELLA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE PER NAZIONALITÀ

DISTRIBUZIONE % DELLA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE PER NAZIONALITÀ DISTRIBUZIONE % DELLA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE PER NAZIONALITÀ - 31.12.2007 Asia 8,6% Americhe 25,8% Europa 46,5% Africa 19,2% Fonte: Istat 2 MERCATO DEL LAVORO Nel secondo trimestre 2008 l'offerta

Dettagli

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione Rilasciato il 19 giugno 212 Studi e Analisi presenta elaborazioni e indagini prodotte dal Centro Studi nei suoi ambiti d interesse Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione maggio 212 a cura di

Dettagli

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Emilia-Romagna Direzione Centrale Studi e Ricerche 1 3 aprile 217 Resta negativo il trend dei prestiti alle imprese, accelerano quelli alle famiglie Continua a deludere l

Dettagli

La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2013

La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2013 La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2013 febbraio 2014 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ Per legge di riferimento pag. 1 Per Centro per l Impiego

Dettagli

SCHEDA CANDIDATURA GIOVANI da restituire compilata all ATI Bottega Scuola Piemonte tramite (fax al n o mail

SCHEDA CANDIDATURA GIOVANI da restituire compilata all ATI Bottega Scuola Piemonte tramite (fax al n o mail SCHEDA CANDIDATURA GIOVANI da restituire compilata all ATI Bottega Scuola Piemonte tramite (fax al n 0115199701 o mail bottegascuola@ecipapiemonte.it) Cognome e Nome:. Nato a:.. Prov. il Codice fiscale:

Dettagli

Nati-mortalità delle imprese della provincia di Torino nel 2013

Nati-mortalità delle imprese della provincia di Torino nel 2013 Nati-mortalità delle imprese della provincia di Torino nel 2013 1 Alessandro Barberis Presidente Camera di commercio di Torino 2 Barbara Barazza Responsabile Settore studi, statistica e documentazione

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Campania

Bollettino Mezzogiorno Campania Bollettino Mezzogiorno 01 2017 Campania INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil in Campania 1.2 Occupazione e disoccupazione in Campania LE IMPRESE 2.1 Struttura e

Dettagli

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere 2 TRIMESTRE 215: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere Nel secondo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili, femminili e straniere ( * ) risultano

Dettagli

Nota di commento ai dati sul movimento anagrafico delle imprese. al

Nota di commento ai dati sul movimento anagrafico delle imprese. al Nota di commento ai dati sul movimento anagrafico delle imprese al 31.12.2016 Fonte: Infocamere - Movimprese Movimprese è l'analisi statistica trimestrale della nati-mortalità delle imprese condotta da

Dettagli

Abruzzo. Cresa traccia il bilancio del 2014: Pil in flessione ma ci sono timidi segnali di ripresa

Abruzzo. Cresa traccia il bilancio del 2014: Pil in flessione ma ci sono timidi segnali di ripresa Abruzzo. Cresa traccia il bilancio del 2014: Pil in flessione ma ci sono timidi segnali di ripresa - 16 giugno 2015 In un contesto nazionale ancora negativo, per il 2014 le stime disponibili ed elaborate

Dettagli

L IMPRESA FEMMINILE IN LIGURIA

L IMPRESA FEMMINILE IN LIGURIA L IMPRESA FEMMINILE IN LIGURIA L imprenditoria femminile in Liguria conta 36.170 imprese a fine 2014 e il suo peso sull intero tessuto imprenditoriale è pari al 22,1%, superiore di mezzo punto percentuale

Dettagli

LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ CESENA. Primo trimestre 2016

LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ CESENA. Primo trimestre 2016 LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ CESENA Primo trimestre 2016 SITUAZIONE AL 31 MARZO 2016 Commento ai dati e tavole statistiche a cura dell Ufficio Statistica e Studi LE IMRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ

Dettagli

> 55 anni 9,9% < 18 anni 0% 30-44 41%

> 55 anni 9,9% < 18 anni 0% 30-44 41% Le qualifiche maggiormente richieste nel 2013 Fonte: Excelsior, SIL (per gli avviamenti i dati sono provvisori, future estrazioni potranno differire a causa del completamento delle operazioni di caricamento

Dettagli

LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2016

LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2016 LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 216 34 imprese in più nel trimestre estivo, artigianato ancora in sofferenza. Nel 3 trimestre 216 in Liguria si sono iscritte al Registro delle Imprese 1.76 imprese, 42

Dettagli

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio La formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro è regolamentata dall Accordo Stato Regioni del 22/12/2011, questo stabilisce

Dettagli

RISCHIO BASSO (6 ore)

RISCHIO BASSO (6 ore) Pagina1 RISCHIO BASSO (6 ore) Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali non assimilabili alle precedenti (carrozzerie, riparazione veicoli lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri,

Dettagli

La cooperazione in provincia di Pisa

La cooperazione in provincia di Pisa La cooperazione in provincia di Pisa Anno 2015 Pisa, 18 aprile 2016. Le cooperative attive in Toscana alla fine del 2015 erano 3.835: a livello merceologico, il settore più consistente è quello delle costruzioni

Dettagli

Popolazione, offerta di lavoro, valore aggiunto, consumi e demografia delle imprese a L Aquila

Popolazione, offerta di lavoro, valore aggiunto, consumi e demografia delle imprese a L Aquila Popolazione, offerta di lavoro, valore aggiunto, consumi e demografia delle imprese a L Aquila Aprile 2016 UFFICIO STUDI 1 1. La popolazione residente nella regione Abruzzo attualmente supera 1,3 milioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Bollettino di statistica II trimestre 2015 (aprile-giugno 2015)

COMUNICATO STAMPA Bollettino di statistica II trimestre 2015 (aprile-giugno 2015) 21 Luglio 2015 COMUNICATO STAMPA Bollettino di statistica II trimestre 2015 (aprile-giugno 2015) L Ufficio Informatica, Tecnologia, Dati e Statistica comunica la sintesi dei principali aggiornamenti dei

Dettagli

Capitolo 3 - Mercato del lavoro

Capitolo 3 - Mercato del lavoro 3 - MERCATO DEL LAVORO 3.1. Forze di lavoro Come ogni anno in questo capitolo vengono forniti i principali indicatori aggregati riguardanti il fronte occupazionale desunti dalle rilevazioni Istat sulle

Dettagli

INDICE GENERALE (SENZA TABACCHI) DEI PREZZI AL CONSUMO - (Base 1995=100) GENOVA SAVONA LA SPEZIA ITALIA

INDICE GENERALE (SENZA TABACCHI) DEI PREZZI AL CONSUMO - (Base 1995=100) GENOVA SAVONA LA SPEZIA ITALIA 13 COMMERCIO INTERNO INDICE GENERALE (SENZA TABACCHI) DEI PREZZI AL CONSUMO - (Base 1995=100) 135,0 130,0 125,0 120,0 115,0 110,0 105,0 Fonte: Istat 100,0 1996 1997 1998 2002 2003 GENOVA SAVONA LA SPEZIA

Dettagli

L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA novembre 2014 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273223 273224 - fax +39 0432 512408 - email: unioncamerefvg@ud.camcom.it Le differenze di genere

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia i

Friuli-Venezia Giulia i Friuli-Venezia Giulia i La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Friuli-Venezia Giulia. Nel periodo di previsione il valore aggiunto regionale

Dettagli

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2015 ooo A cura dell Ufficio Prezzi Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag. 5 I prezzi del GPL nel I semestre 2015 - Sintesi

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad ottobre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.814,5 miliardi di euro (cfr. Tabella 1)

Dettagli

7. Centro per l Impiego San Lazzaro di Savena. Comuni di riferimento:

7. Centro per l Impiego San Lazzaro di Savena. Comuni di riferimento: 7. Centro per l Impiego San Lazzaro di Savena Comuni di riferimento: San Lazzaro di Savena, Castenaso, Loiano, Monghidoro, Monterenzio, Ozzano e Pianoro Al 31 dicembre le persone in cerca di lavoro 1 iscritte

Dettagli

4. CENTRO PER L IMPIEGO DI MINERBIO. Comuni di riferimento:

4. CENTRO PER L IMPIEGO DI MINERBIO. Comuni di riferimento: 4. CENTRO PER L IMPIEGO DI MINERBIO Comuni di riferimento: Minerbio, Argelato, Baricella, Bentivoglio, Budrio, Castel Maggiore, Galliera, Granarolo Emilia, Malalbergo, Molinella, San Giorgio di Piano,

Dettagli

Fondazione Nord Est Marzo 2012

Fondazione Nord Est Marzo 2012 C10. LE ASSUNZIONI PREVISTE PER LIVELLO DI ISTRUZIONE Il Progetto Excelsior ha rilievo con riferimento alla previsione delle variazioni occupazionali a breve termine presso le imprese. Sono esclusi dal

Dettagli

La Bottega scuola in Piemonte

La Bottega scuola in Piemonte La Bottega scuola in Piemonte Bilancio e prospettive di un percorso di Eccellenza Gian Paolo Minazzi Regione Piemonte Direzione Attività produttive gianpaolo.minazzi@regione.piemonte.it Firenze, 28 Aprile

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI MODENA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI MODENA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2012 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale 0. Analisi

Dettagli

Cassa integrazione guadagni

Cassa integrazione guadagni Cassa integrazione guadagni 2007 Servizio statistica giugno 2008 Servizio statistica REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Piazza Unità d Italia, 1 34100 Trieste telefono: 040 3773593 fax: 040 3773578

Dettagli