Oggetto: CHIARIMENTI SULLE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: CHIARIMENTI SULLE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO"

Transcript

1 Legnano, 14 gennaio 2015 Alle imprese assistite Oggetto: CHIARIMENTI SULLE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO Come noto, con il D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni, l obbligo di comunicare i dati delle dichiarazioni d intento è stato trasferito in capo all esportatore abituale che è quindi tenuto ad inviare: all Agenzia delle Entrate, telematicamente, i dati delle dichiarazioni d intento emesse; al fornitore / Dogana la dichiarazione d intento unitamente alla ricevuta di avvenuta presentazione della stessa, rilasciata dall Agenzia delle Entrate. Per contro il fornitore può effettuare cessioni / prestazioni senza IVA solo dopo aver: ricevuto la dichiarazione d intento e la relativa ricevuta di presentazione all Agenzia delle Entrate, consegnategli dall esportatore abituale; riscontrato telematicamente l avvenuta presentazione della dichiarazione d intento all Agenzia delle Entrate da parte dell esportatore abituale. Il fornitore dovrà inoltre riepilogare nella dichiarazione IVA annuale le dichiarazioni d intento ricevute. Con il Provvedimento , l Agenzia delle Entrate: ha approvato il nuovo Mod. DI per la dichiarazione d intento, le connesse istruzioni e le specifiche tecniche per l invio telematico. Nello specifico detto modello ripropone la dichiarazione d intento di cui al DM , implementata con la richiesta di informazioni in merito alla tipologia del plafond utilizzato dall esportatore abituale e alle operazioni che hanno concorso alla formazione dello stesso; ha disposto che le nuove modalità, nel rispetto dei principi contenuti nello Statuto del contribuente, sono obbligatorie a decorrere dal , fermo restando che: le stesse possono essere applicate dal , giorno di pubblicazione sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate del software Dichiarazione d intento nonché della funzione per il controllo, da parte del fornitore, dell avvenuta presentazione telematica del Mod. DI all Agenzia delle Entrate da parte dell esportatore abituale; per le dichiarazioni inviate con le vecchie modalità entro l , ma con effetti successivi a detta data, sarà necessario provvedere all invio telematico dei dati secondo le nuove modalità. I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Con la Circolare n. 31/E , l Agenzia delle Entrate ha specificato alcuni aspetti relativi ai nuovi adempimenti previsti in capo all esportatore abituale e al fornitore di quest ultimo, al regime sanzionatorio applicabile in caso di errato / omesso assolvimento degli stessi, nonché alla decorrenza della nuova disciplina, con particolare riferimento alla validità delle dichiarazioni d intento inviate dall esportatore abituale al fornitore in base alla normativa previgente relative (anche) ad operazioni che verranno effettuate dopo l In particolare l Agenzia precisa che:

2 la verifica di avvenuta presentazione della dichiarazione d intento all Agenzia delle Entrate da parte dell esportatore abituale effettuata dal fornitore prima della cessione / prestazione senza IVA: attualmente può essere eseguita dal sito Internet dell Agenzia delle Entrate, tramite una funzione a libero accesso, inserendo il codice fiscale dell esportatore abituale e quello del cedente / prestatore, nonché il numero di protocollo della ricevuta telematica che l esportatore abituale ha inviato al fornitore; a regime potrà essere effettuata anche (in alternativa alla modalità di cui al punto precedente) consultando il proprio cassetto fiscale; la sanzione dal 100% al 200% dell imposta di cui all art. 7, comma 4-bis, D.Lgs. n. 471/97, in base alla nuova disciplina risulta ora applicabile qualora: il cedente o prestatore effettui operazioni nei confronti dell esportatore abituale prima di aver ricevuto da parte di questi la dichiarazione d intento ed averne riscontrato l avvenuta presentazione all Agenzia delle entrate ; le nuove disposizioni non fanno venir meno gli altri adempimenti previsti in capo all esportatore abituale e al fornitore ed in particolare: permane l obbligo di tenuta dell apposito registro delle dichiarazioni d intento; il fornitore deve continuare ad indicare nelle fatture emesse oltre al regime di non imponibilità IVA, gli estremi della relativa dichiarazione d intento; fino all l esportatore abituale può inviare la dichiarazione d intento al fornitore in applicazione della previgente normativa, fermo restando che: a decorrere dal può applicare le nuove disposizioni, essendo disponibili il software per l invio telematico all Agenzia delle Entrate del Mod. DI e la funzione di controllo telematico delle ricevute di avvenuta presentazione; se la dichiarazione d intento inviata al fornitore con le vecchie modalità è relativa (anche) ad operazioni che verranno effettuate dal , l esportatore abituale dovrà provvedere da tale data all invio del relativo Mod. DI ed il fornitore dovrà verificare l avvenuta presentazione dello stesso prima di effettuare le cessioni / prestazioni senza IVA. Tali regole sono applicabili, di fatto, alle dichiarazioni d intento rilasciate dagli esportatori abituali a fine 2014 / inizio 2015 con validità annuale ( ). Nella citata Circolare n. 31/E l Agenzia precisa infatti che eventuali dichiarazioni d intento inviate nel corso del 2014 o dopo il 1 gennaio 2015, laddove riferite ad operazioni effettuate successivamente all 11 febbraio 2015, dovranno essere effettuate secondo le modalità indicate dalla nuova disciplina. In altre parole, la dichiarazione d intento inviata con le vecchie modalità (al fornitore) copre le operazioni effettuate fino all , per le quali il fornitore non deve verificare l avvenuta presentazione, prima di emettere la fattura. Decorso tale termine, ossia a decorrere dal , il fornitore potrà fatturare operazioni senza IVA solo se la relativa dichiarazione d intento risulta presentata telematicamente all Agenzia delle Entrate dall esportatore abituale. IL NUOVO MODELLO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DATI DEL DICHIARANTE /RAPPRESENTANTE Le prime due Sezioni del Mod. DI : Dati del dichiarante; Dati relativi al rappresentante firmatario della dichiarazione; sono riservate all indicazione dei consueti dati identificativi del soggetto tenuto alla presentazione della dichiarazione e dell eventuale rappresentante. In particolare si segnala che l esposizione dei dati del dichiarante non è differenziata tra persone fisiche e soggetti diversi.

3 RECAPITI Compilando la Sezione Recapiti è possibile indicare il numero di telefono e/o l indirizzo di posta elettronica del dichiarante ovvero del rappresentante firmatario per eventuali richieste di chiarimento in merito ai dati indicati nella dichiarazione d intento. INTEGRATIVA Nel caso in cui sia necessario presentare una nuova dichiarazione d intento per correggere e/o integrare una dichiarazione precedentemente inviata, va compilata la Sezione Integrativa nella quale va: barrato l apposito campo; indicato il numero di protocollo attribuito alla dichiarazione da correggere / integrare. Si evidenzia che le istruzioni per la compilazione del modello specificano che le rettifiche / integrazioni di una dichiarazione d intento Integrativa non possono riguardare i dati relativi al plafond indicati nel quadro A. DICHIARAZIONE Nella Sezione Dichiarazione l esportatore abituale è tenuto ad indicare: per quale tipologia di operazioni, ACQUISTI ovvero IMPORTAZIONI, intende avvalersi della facoltà di effettuare acquisti senza applicazione dell IVA. Con riferimento alle importazioni, le istruzioni rammentano che, come precisato nella RM , n , la dichiarazione d intento deve essere presentata in Dogana per ogni singola operazione specificando il relativo importo; l anno nel quale detti acquisti / importazioni saranno effettuati; la tipologia del bene ovvero del servizio che si intende acquistare / importare. Nella seconda parte della Sezione è necessario indicare la validità della dichiarazione, ossia se la stessa si riferisca: ad una sola operazione, di cui si deve indicare il relativo ammontare; più operazioni, fino a concorrenza dell ammontare da indicare nel corrispondente campo; più operazioni che saranno effettuate nell arco temporale indicato. DESTINATARIO DELLA DICHIARAZIONE Nella presente Sezione è necessario: barrare il campo Dogana nel caso in cui la dichiarazione d intento si riferisca ad un importazione e quindi la stessa debba essere inviata alla Dogana; indicare i dati identificativi (codice fiscale, partita IVA, cognome e nome ovvero denominazione / ragione sociale) del fornitore al quale l esportatore abituale invierà la dichiarazione d intento dopo aver trasmesso i relativi dati all Agenzia delle Entrate.

4 QUADRO A - PLAFOND Il quadro A Plafond è costituito da 3 Sezioni: 1. Tipo ; 2. Operazioni che concorrono alla formazione del plafond ; 3. Impegno alla presentazione telematica. Nella Sezione Tipo va indicata la tipologia di plafond utilizzato dall esportatore abituale (fisso o mobile). Nella successiva Sezione Operazioni che concorrono alla formazione del plafond, se al momento dell invio della dichiarazione d intento: la dichiarazione IVA annuale è stata già presentata è sufficiente barrare la relativa casella senza compilare i restanti campi della Sezione; la dichiarazione IVA annuale non è stata ancora presentata, va indicata la tipologia delle operazioni che hanno concorso alla formazione del plafond barrando la relativa casella: esportazioni; cessioni intraue; cessioni verso San Marino; operazioni assimilate alle cessioni all esportazione; In presenza di operazioni straordinarie che abbiano concorso, anche parzialmente, alla formazione del plafond disponibile, va barrata la casella 6. Come di consueto, se l esportatore abituale non effettua direttamente l invio telematico della dichiarazione d intendo ed affida tale adempimento ad un intermediario abilitato, la Sezione Impegno alla trasmissione telematica va compilata con il codice fiscale e la firma dell intermediario nonché la data in cui lo stesso assume l impegno di effettuare la trasmissione della dichiarazione. STAMPA DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA INVIARE AL FORNITORE Si evidenzia che le istruzioni per la compilazione del modello precisano che l esportatore abituale può stampare (ed inviare) al proprio fornitore solo la prima parte della dichiarazione d intento, ossia il Mod. DI privo del quadro A. La nostra struttura è a disposizione per qualsiasi chiarimento a riguardo di quanto sopra, evidenziando che i partner di riferimento per il caso di specie è : tel. 0331/ E gradita l occasione per porgere i nostri più Cordiali Saluti. SBC Consulting Srl

5 1) Il presente servizio è rivolto esclusivamente alla clientela delle strutture SBC (SBC Consulting s.r.l.), 2) E' espressamente vietata la trasmissione, riproduzione, distribuzione, elaborazione e/o divulgazione, anche parziale, della presente comunicazione e/o della documentazione ad essa allegata e/o collegata, in assenza di preventiva autorizzazione scritta della s.r.l. S.B.C., che ne detengono tutti i diritti; 3) La s.r.l. S.B.C. Consulting, non risponde di eventuali involontari errori e/o omissioni nel contenuto delle circolari o di un errato impiego delle indicazioni in esse contenute, a maggior ragione qualora ciò consegua ad arbitrarie interpretazioni analogiche, estensive o riduttive delle informazioni rese, e, pertanto, invitano i destinatari a verificare sempre e quindi in ogni caso la fattispecie applicativa, consultando i professionisti indicati in calce oppure soggetti di propria fiducia, esponendo la propria specifica situazione ai fini di una corretta individuazione dell ambito di applicazione; 4) Le modalità di erogazione del servizio di informazione gratuita attraverso posta elettronica, fax o comunque ogni altro mezzo di trasmissione o comunicazione, offerto dalla struttura SBC (SBC Consulting s.r.l.), alla propria clientela e/o ai soggetti da esse SBC (SBC Consulting s.r.l.), ritenuti d'interesse, prevedono l'insindacabile facoltà d'esclusione dal novero dei destinatari del servizio, del soggetto che non abbia provveduto a conferire incarico consultivo alla struttura SBC (SBC Consulting s.r.l.), per tre adempimenti consecutivi; 5) Informazione ai sensi del decreto legislativo 196/2003: il Vs. indirizzo è utilizzato esclusivamente per questo servizio informativo. Esso non sarà comunicato o diffuso a terzi. Qualora desideraste essere eliminati dall'elenco, inviate una con la dicitura "cancellazione dall'elenco" all'indirizzo (per i clienti SBC - SBC Consulting s.r.l. e diversamente ci legittimerete a proseguire nel servizio.

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 04 DEL 20/01/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LE NUOVE DICHIARAZIONI DI INTENTO: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E LA COMPILAZIONE DEL MOD.

Dettagli

OGGETTO: NUOVO REGIME FORFETARIO 2016.

OGGETTO: NUOVO REGIME FORFETARIO 2016. Alle imprese assistite OGGETTO: NUOVO REGIME FORFETARIO 2016. Elenco degli elementi principali: - Attivo dal 01/01/2016 - Soggetti che possono accedervi: persone fisiche, esercenti attività d impresa,

Dettagli

OGGETTO: I CONTI, LE CAUSALI ED IL PIANO DEI CONTI I CONTI E LE CAUSALI

OGGETTO: I CONTI, LE CAUSALI ED IL PIANO DEI CONTI I CONTI E LE CAUSALI Alle imprese assistite OGGETTO: I CONTI, LE CAUSALI ED IL PIANO DEI CONTI I CONTI E LE CAUSALI I conti sono serie ordinate di scritture inerenti un certo oggetto con la finalità di fornire informazioni

Dettagli

Dichiarazione di intento: approvato il modello e chiarito il regime transitorio

Dichiarazione di intento: approvato il modello e chiarito il regime transitorio Dichiarazione di intento: approvato il modello e chiarito il regime transitorio Con il provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 12 dicembre 2014 (prot. 159674/2014) ( Provvedimento )

Dettagli

La Dichiarazione d intento

La Dichiarazione d intento La Dichiarazione d intento Alessandra Cannavò Settore Fisco e Diritto d Impresa Questo materiale è predisposto da Assolombarda per i propri associati. Ogni altra forma di utilizzo o riproduzione non è

Dettagli

Legnano, 16/06/2017 Comunicazioni Int. ML/SC/af rif.: lavoro Alle imprese assistite

Legnano, 16/06/2017 Comunicazioni Int. ML/SC/af rif.: lavoro Alle imprese assistite Legnano, 16/06/2017 Comunicazioni Int. ML/SC/af rif.: lavoro Alle imprese assistite Oggetto: L. 81/2017 Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e "misure volte a favorire l'articolazione

Dettagli

DICHIARAZIONE D INTENTO

DICHIARAZIONE D INTENTO MOD. DI DI ACQUISTARE O IMPORTARE BENI E SERVIZI SENZA APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 D.lgs. n.196/2003) Con questa informativa l

Dettagli

La nuova disciplina delle prestazioni occasionali

La nuova disciplina delle prestazioni occasionali Legnano, 26/06/2017 Alle imprese assistite La nuova disciplina delle prestazioni occasionali Con il D.L. 17 marzo 2017, n. 25, convertito in legge dalla L. 20 aprile 2017, n. 49, il governo ha determinato

Dettagli

Dichiarazione di intento nuove modalità di trasmissione (Art. 20 D.Lgs. n. 175/2014, Provvedimento Agenzia Entrate )

Dichiarazione di intento nuove modalità di trasmissione (Art. 20 D.Lgs. n. 175/2014, Provvedimento Agenzia Entrate ) Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott.ssa Sofia Bertolo Dott.

Dettagli

Circolare per il Cliente 15 marzo 2017

Circolare per il Cliente 15 marzo 2017 Legnano, 15/03/2017 Alle imprese assistite Circolare per il Cliente 15 marzo 2017 IN BREVE Il versamento del saldo IVA annuale Dal 16 marzo la compensazione orizzontale del credito IVA 2016 Per le compensazioni

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 83 01.03.2017 Dichiarazione d intento: al via da oggi il nuovo modello Categoria: Iva Sottocategoria: Varie Ultimo giorno ieri per presentare

Dettagli

Novità in materia di dichiarazioni d intento

Novità in materia di dichiarazioni d intento Circolare 6 del 23 febbraio 2017 Novità in materia di dichiarazioni d intento 1 Premessa... 2 2 Nuovo modello di dichiarazione d intento... 2 2.1 Struttura... 3 2.2 Decorrenza... 3 3 Validità del vecchio

Dettagli

Circolare n. 10/2017. Novità in materia di dichiarazioni d intento

Circolare n. 10/2017. Novità in materia di dichiarazioni d intento Novità in materia di dichiarazioni d intento 1 PREMESSA L art. 20 del DLgs. 21.11.2014 n. 175 ha modificato l art. 1 co. 1 lett. c) del DL 29.12.83 n. 746, conv. L. 27.2.84 n. 17, in relazione agli obblighi

Dettagli

Oggetto: DECRETO COMPETITIVITA - PRINCIPALI NOVITA IN AMBITO SOCIETARIO

Oggetto: DECRETO COMPETITIVITA - PRINCIPALI NOVITA IN AMBITO SOCIETARIO Legnano, 13 Ottobre 2014 Alle imprese assistite Oggetto: DECRETO COMPETITIVITA - PRINCIPALI NOVITA IN AMBITO SOCIETARIO Come noto, il DL 91/2014 ha introdotto numerose novità in materia di diritto societario.

Dettagli

- NUOVO MODELLO PER L INVIO TELEMATICO DELLE LETTERE DI INTENTO

- NUOVO MODELLO PER L INVIO TELEMATICO DELLE LETTERE DI INTENTO Modena viale Vittorio Veneto, 2 41124 - Modena tel. 059.220201 fax 059.220613 studio@bggpartners.it Maranello via Verga, 12 41053 - Maranello (Mo) tel. 0536.940905 fax 0536.943012 studio@studioarca.it

Dettagli

Le nuove modalità di utilizzo delle dichiarazioni d intento dall

Le nuove modalità di utilizzo delle dichiarazioni d intento dall Ai gentili clienti Loro sedi Le nuove modalità di utilizzo delle dichiarazioni d intento dall 1.3.2017 Premessa L art. 20 del D.Lgs. n. 175/2014 (decreto semplificazioni fiscali) ha stabilito che - a partire

Dettagli

OGGETTO: Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n Errata compilazione della dichiarazione d intento - Sanzione

OGGETTO: Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n Errata compilazione della dichiarazione d intento - Sanzione Divisione Contribuenti Risposta n. 126 OGGETTO: Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n.212 - Errata compilazione della dichiarazione d intento - Sanzione Con l interpello specificato

Dettagli

STUDIO ADRIANI. Dottori Commercialisti Associati ADRIANA ADRIANI & DAMIANO ADRIANI. CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n. 37/2019 DICHIARAZIONE D INTENTO

STUDIO ADRIANI. Dottori Commercialisti Associati ADRIANA ADRIANI & DAMIANO ADRIANI. CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n. 37/2019 DICHIARAZIONE D INTENTO CIRCOLARE n. 37/2019 1/5 OGGETTO DICHIARAZIONE D INTENTO AGGIORNAMENTO 22 MARZO 2019 RIFERIMENTI NORMATIVI Art.1, comma 1, lettera c), D.L. 29.12.83 n. 746 Conv. in L. 27.2.84 n. 17; D.L. 2.3.2012 n. 16

Dettagli

Oggetto: LA GESTIONE DELLE LETTERE DI INTENTO

Oggetto: LA GESTIONE DELLE LETTERE DI INTENTO Lecco, 11/01/2016 ALLA SPETTABILE CLIENTELA DELLO STUDIO CIRCOLARE N 02/2016 (elaborata il 11/01/2016) Oggetto: LA GESTIONE DELLE LETTERE DI INTENTO Già dal periodo di imposta 2015 sono cambiate le regole

Dettagli

NOVITA IVA Diapositive a cura di: Maurizio Roberto Barone

NOVITA IVA Diapositive a cura di: Maurizio Roberto Barone NOVITA IVA 2015 Diapositive a cura di: Maurizio Roberto Barone 1 PROGRAMMA Novità IVA 2015 D.lgs. 175/2014 Dichiarazioni d intento Black list Modelli Intrastat Sanzioni statistiche 2 NOVITA IVA 2015-DICHIARAZIONI

Dettagli

Oggetto: Sportivi dilettanti: regime speciale per la tassazione dei compensi (Come funziona il

Oggetto: Sportivi dilettanti: regime speciale per la tassazione dei compensi (Come funziona il Legnano, 06 Marzo 2015 Alle imprese assistite Oggetto: Sportivi dilettanti: regime speciale per la tassazione dei compensi (Come funziona il meccanismo di tassazione agevolato) Rientrano tra i redditi

Dettagli

STUDIO ADRIANI. Dottori Commercialisti Associati ADRIANA ADRIANI & DAMIANO ADRIANI. CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n.26/2018 DICHIARAZIONE D INTENTO

STUDIO ADRIANI. Dottori Commercialisti Associati ADRIANA ADRIANI & DAMIANO ADRIANI. CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n.26/2018 DICHIARAZIONE D INTENTO 1/5 OGGETTO DICHIARAZIONE D INTENTO AGGIORNAMENTO 20 MARZO 2018 RIFERIMENTI NORMATIVI Art.1, comma 1, lettera c), D.L. 29.12.83 n. 746 Conv. in L. 27.2.84 n. 17; D.L. 2.3.2012 n. 16 Conv. in L.26.04.2012

Dettagli

Nuove lettere d intento e la gestione di quelle emesse nel periodo transitorio

Nuove lettere d intento e la gestione di quelle emesse nel periodo transitorio CIRCOLARE A.F. N.42 del 22 Marzo 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Nuove lettere d intento e la gestione di quelle emesse nel periodo transitorio Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

NOVITA IVA a cura di Maurizio Barone

NOVITA IVA a cura di Maurizio Barone NOVITA IVA 2015 a cura di Maurizio Barone ART. 20 DICHIARAZIONI D INTENTO Il D.Lgs. 21 novembre 2014, n. 175, c.d. Decreto Semplificazioni, ha previsto una serie di semplificazioni fiscali. La prima novità

Dettagli

Ai gentili Clienti dello Studio

Ai gentili Clienti dello Studio INFORMATIVA N. 14 / 2016 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: DICHIARAZIONE DI INTENTO NOVITA 2017 Riferimenti Legislativi: Risoluzione n. 120/E del 22/12/2016 Ag. delle Entrate Provvedimento del 02/12/2016

Dettagli

OGGETTO: Dal 2015 è l esportatore abituale a inviare le lettere d intento

OGGETTO: Dal 2015 è l esportatore abituale a inviare le lettere d intento Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Dal 2015 è l esportatore abituale a inviare le lettere d intento Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo, intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

DAL 1 MARZO 2017 NUOVO MODELLO PER L INVIO TELEMATICO DELLE LETTERE DI INTENTO

DAL 1 MARZO 2017 NUOVO MODELLO PER L INVIO TELEMATICO DELLE LETTERE DI INTENTO DOT T ORE COMMERCIALIST A REV ISORE LEGALE CONSULENT E T ECNICO DEL GIUDICE Circolare n. 02/2017 DAL 1 MARZO 2017 NUOVO MODELLO PER L INVIO TELEMATICO DELLE LETTERE DI INTENTO VIALE MONT E NERO, 80-20135

Dettagli

DAL 1 MARZO 2017 NUOVO MODELLO PER L INVIO TELEMATICO DELLE LETTERE DI INTENTO

DAL 1 MARZO 2017 NUOVO MODELLO PER L INVIO TELEMATICO DELLE LETTERE DI INTENTO DAL 1 MARZO 2017 NUOVO MODELLO PER L INVIO TELEMATICO DELLE LETTERE DI INTENTO La procedura Come è noto l articolo 20, D.Lgs. 175/2014 (Decreto Semplificazioni) ha riscritto la procedura attraverso la

Dettagli

Circolare per il Cliente

Circolare per il Cliente Legnano, 19/06/2017 Alle imprese assistite Circolare per il Cliente E stato approvato dall'aula di Palazzo Madama, nella seduta del 15 giugno, il disegno di legge di conversione del D.L. 24 aprile 2017,

Dettagli

LE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E LA COMPILAZIONE DEL MOD. DI

LE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E LA COMPILAZIONE DEL MOD. DI CIRCOLARE N. 08 DEL 05/03/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO: I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E LA COMPILAZIONE DEL MOD. DI

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO ee Circolare n. 3/2016

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO ee Circolare n. 3/2016 CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO ee Circolare n. 3/2016 18 Gennaio 2016 CIRCOLARE PER IL CLIENTE LA GESTIONE DELLE LETTERE DI INTENTO Già dal periodo di imposta 2015 sono cambiate le regole per gli esportatori

Dettagli

Oggetto: la gestione delle lettere di intento

Oggetto: la gestione delle lettere di intento Circolare n. 2/2016 Oggetto: la gestione delle lettere di intento Già dal periodo di imposta 2015 sono cambiate le regole per gli esportatori abituali che intendono acquistare beni o servizi senza dovere

Dettagli

CIRCOLARE n. 04 del 26/01/2015 LE NUOVE REGOLE SULLE LETTERE DI INTENTO EMESSE DAGLI ESPORTATORI ABITUALI

CIRCOLARE n. 04 del 26/01/2015 LE NUOVE REGOLE SULLE LETTERE DI INTENTO EMESSE DAGLI ESPORTATORI ABITUALI CIRCOLARE n. 04 del 26/01/2015 LE NUOVE REGOLE SULLE LETTERE DI INTENTO EMESSE DAGLI ESPORTATORI ABITUALI (Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175 c.d. decreto semplificazioni ) I PROVVEDIMENTI ATTUATIVI

Dettagli

Oggetto: LA NUOVA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO DISPOSIZIONI A REGIME. Circ. 01/A/150102. Loro sedi

Oggetto: LA NUOVA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO DISPOSIZIONI A REGIME. Circ. 01/A/150102. Loro sedi Circ. 01/A/150102 San Fior, 02/01/2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LA NUOVA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO DISPOSIZIONI A REGIME Il provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

PREGIATISSIMI CLIENTI LORO SEDI Alla c.a. dell Amministrazione. Oggetto: invertiti gli adempimenti delle dichiarazioni d intento.

PREGIATISSIMI CLIENTI LORO SEDI Alla c.a. dell Amministrazione. Oggetto: invertiti gli adempimenti delle dichiarazioni d intento. PREGIATISSIMI CLIENTI LORO SEDI Alla c.a. dell Amministrazione CIRCOLARE FLASH N. 19 Oggetto: invertiti gli adempimenti delle dichiarazioni d intento. Come noto, ai sensi dell art. 8, DPR n. 633/72, agli

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA DELLE LETTERE D'INTENTO

NUOVA DISCIPLINA DELLE LETTERE D'INTENTO Premessa NUOVA DISCIPLINA DELLE LETTERE D'INTENTO Con il decreto semplificazioni (D.lgs. 175/2014) è entrata in vigore nel 2015 la nuova disciplina delle lettere d'intento. Si prevede che sia in capo all'esportatore

Dettagli

Dichiarazioni di intento: obbligo di invio telematico delle dichiarazioni ricevute Modalità - termini

Dichiarazioni di intento: obbligo di invio telematico delle dichiarazioni ricevute Modalità - termini ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 26 APRILE 2005 Dichiarazioni di intento: obbligo di invio telematico delle dichiarazioni

Dettagli

GLI ACQUISTI DI BENI DA OPERATORI ECONOMICI SAMMARINESI

GLI ACQUISTI DI BENI DA OPERATORI ECONOMICI SAMMARINESI Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale TA n. 73 18 ottobre 2013 GLI ACQUISTI DI BENI DA OPERATORI ECONOMICI SAMMARINESI ABSTRACT Gli acquisti di beni provenienti dalla Repubblica di San Marino sono

Dettagli

- Art. 32-bis, DL n. 83/ DM Provvedimento Agenzia Entrate

- Art. 32-bis, DL n. 83/ DM Provvedimento Agenzia Entrate - Art. 32-bis, DL n. 83/2012 - DM 11.10.2012 - Provvedimento Agenzia Entrate 21.11.2012 - Circolari Agenzia Entrate 26.11.2012, n. 44/E e 15.2.2013, n. 1/E Sintesi Per i soggetti che hanno scelto di adottare

Dettagli

STUDIO BOIDI & PARTNERS

STUDIO BOIDI & PARTNERS & PARTNERS commercialisti revisori contabili Dott. ALDO BOIDI DOTT. PROF. MARIO BOIDI DOTT. MASSIMO BOIDI DOTT. FABIO PASQUINI Dott. VALTER RUFFA Dott. CAROLA ALBERTI Dott. GIULIANA BARONIO Dott. MARCO

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 11 del 21 Novembre 2011

STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 11 del 21 Novembre 2011 STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 11 del 21 Novembre 2011 A TUTTE LE IMPRESE CHE DETENGONO INTERNAMENTE LE SCRITTURE CONTABILI I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI SPESOMETRO Come preannunciato in precedenti

Dettagli

CONTABILITÀ E BILANCIO PROCEDURE CONCORSUALI OPERAZIONI STRAORDINARIE CONSULENZA RISORSE UMANE STRATEGIA AZIENDALE. Circolare N 12/2017

CONTABILITÀ E BILANCIO PROCEDURE CONCORSUALI OPERAZIONI STRAORDINARIE CONSULENZA RISORSE UMANE STRATEGIA AZIENDALE. Circolare N 12/2017 Dott. Roberto Marcianesi Commercialista - Revisore Contabile Consulente Tecnico del Giudice Dott.ssa Marina Valente Consulente del Lavoro Dott. Salvatore Gentile Commercialista - Revisore Contabile Consulente

Dettagli

ESPORTATORE ABITUALE Lo status di esportatore abituale lo si acquisisce quando la % derivante dal rapporto tra l ammontare dei corrispettivi delle

ESPORTATORE ABITUALE Lo status di esportatore abituale lo si acquisisce quando la % derivante dal rapporto tra l ammontare dei corrispettivi delle INTRO I soggetti che effettuano ricorrenti operazioni non imponibili (quali esportazioni, operazioni assimilate, cessioni intracomunitarie ) maturano una costante posizione di credito IVA verso l Erario

Dettagli

IL PLAFOND IVA PREMESSA ESPORTATORI ABITUALI DICHIARAZIONE DI INTENTO

IL PLAFOND IVA PREMESSA ESPORTATORI ABITUALI DICHIARAZIONE DI INTENTO IL PLAFOND IVA PREMESSA Le imprese che effettuano operazioni internazionali, con Paesi sia UE sia extra UE, in presenza di determinate condizioni, possono acquistare/importare beni e servizi senza applicazione

Dettagli

NORMATIVA A REGIME SOGGETTI OBBLIGATI

NORMATIVA A REGIME SOGGETTI OBBLIGATI Prot. n. F03/RNS Bologna, 4 gennaio 2011 Oggetto: COMUNICAZIONE OPERAZIONI RILEVANTI IVA DI IMPORTO NON INFERIORE A 3.000 EURO NORMATIVA A REGIME SEMPLIFICAZIONI PER GLI ANNI 2010 E 2011 Provvedimento

Dettagli

MOD. 730-4 - INTEGRATIVO

MOD. 730-4 - INTEGRATIVO MOD. 730-4 INTEGRATIVO ASPETTI GENERALI Come riportato nel paragrafo precedente, la normativa relativa all assistenza fiscale prestata dai CAF o al professionista abilitato prevede che venga rilasciato

Dettagli

Oggetto: Il Rent to buy: le istruzioni dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: Il Rent to buy: le istruzioni dell Agenzia delle Entrate Legnano, 16 Marzo 2015 Alle imprese assistite Oggetto: Il Rent to buy: le istruzioni dell Agenzia delle Entrate L articolo 23 del D.L. 12 settembre 2014, n. 133 (convertito con la legge 11 novembre 2014,

Dettagli

Circolare per il Cliente 16 ottobre 2017

Circolare per il Cliente 16 ottobre 2017 Legnano, 16/10/2017 Alle imprese assistite Circolare per il Cliente 16 ottobre 2017 IN BREVE Spesometro: omessa comunicazione sanabile con il ravvedimento operoso Rimborso IVA del terzo trimestre 2016:

Dettagli

Oggetto: Novità in materia di dichiarazioni di intento

Oggetto: Novità in materia di dichiarazioni di intento Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Elisabetta Macchioni Dott.ssa Sara Saccani Reggio Emilia, lì 26/01/2015

Dettagli

IVA: possibilità di emettere la fattura con IVA nei confronti di esportatori abituali che hanno inviato la dichiarazione d intento

IVA: possibilità di emettere la fattura con IVA nei confronti di esportatori abituali che hanno inviato la dichiarazione d intento CIRCOLARE N. 20 DEL 17 SETTEMBRE 2018 IMPOSIZIONE INDIRETTA IVA: possibilità di emettere la fattura con IVA nei confronti di esportatori abituali che hanno inviato la dichiarazione d intento www.assonime.it

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 159674/2014 Approvazione del modello per la dichiarazione d intento di acquistare o importare beni e servizi senza applicazione dell imposta sul valore aggiunto, delle relative istruzioni e delle

Dettagli

ESTEROMETRO CORSO DI FORMAZIONE L IVA NEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI. Relatore: Simone Del Nevo Studio Del Nevo

ESTEROMETRO CORSO DI FORMAZIONE L IVA NEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI. Relatore: Simone Del Nevo Studio Del Nevo CORSO DI FORMAZIONE L IVA NEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI ESTEROMETRO Mercoledì 8 Maggio 2019 Giovedì 16 Maggio 2019 Relatore: Simone Del Nevo Studio Del Nevo TRASMISSIONE TELEMATICA DEI DATI DELLE OPERAZIONI

Dettagli

IL REGIME DEGLI ESPORTATORI ABITUALI

IL REGIME DEGLI ESPORTATORI ABITUALI 1 IL REGIME DEGLI ESPORTATORI ABITUALI 2 RIFERIMENTI NORMATIVI Ai sensi dell art. 8, comma 1, lett. c) del DPR n. 633/72, sono fatturate in regime di non imponibilità «le cessioni, anche tramite commissionari,

Dettagli

STUDIO PACCIANI - CANEPA

STUDIO PACCIANI - CANEPA STUDIO PACCIANI - CANEPA Via Brigata Liguria 1/18 16121 Genova Tel. (010) 542631 - Fax (010) 542666 E-mail address: studiopc@studiopacciani.com Circolare n. 10/2013 del 11 Ottobre 2013 MODELLO COMUNICAZIONE

Dettagli

STUDIO ADRIANI. Dottori Commercialisti Associati ADRIANA ADRIANI & DAMIANO ADRIANI. CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n. 59/2018

STUDIO ADRIANI. Dottori Commercialisti Associati ADRIANA ADRIANI & DAMIANO ADRIANI. CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n. 59/2018 CIRCOLARE n. 59/2018 1/7 OGGETTO COMUNICAZIONE DELLE LIQUIDAZIONI PERIODICHE IVA REGIME SANZIONATORIO RAVVEDIMENTO OPEROSO AGGIORNAMENTO 16 OTTOBRE 2018 RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 21 bis, DL 31 dicembre

Dettagli

Circolare N. 19 del 9 Febbraio 2017

Circolare N. 19 del 9 Febbraio 2017 Circolare N. 19 del 9 Febbraio 2017 S La trasmissione dei dati relativi agli stampati fiscali entro il prossimo 28.02.2017 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, come di consueto,

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 28 del 7 ottobre 2010 Novità in materia di

Dettagli

DICHIARAZIONE D INTENTO DI ACQUISTARE O IMPORTARE BENI E SERVIZI SENZA APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

DICHIARAZIONE D INTENTO DI ACQUISTARE O IMPORTARE BENI E SERVIZI SENZA APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO genzia ntrate PUBBLICATO NEL SITO INTERNET AG ENTRATE IL 11.12.2015 MOD. DI DICHIARAZIONE D INTENTO DI ACQUISTARE O IMPORTARE BENI E SERVIZI SENZA APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO Informativa

Dettagli

Circolare n. 07/201. Spett. li CLIENTI LORO SEDI

Circolare n. 07/201. Spett. li CLIENTI LORO SEDI Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott.ssa Sofia Bertolo Dott.

Dettagli

IL PLAFOND IVA. Diapositive a cura di: Maurizio Roberto Barone

IL PLAFOND IVA. Diapositive a cura di: Maurizio Roberto Barone IL PLAFOND IVA Diapositive a cura di: Maurizio Roberto Barone 1 PLAFOND ASPETTI ESAMINATI Concetti generali. Lo status di esportatore abituale; Le operazioni che creano plafond; Le operazioni che non formano

Dettagli

Ai gentili Clienti dello Studio

Ai gentili Clienti dello Studio INFORMATIVA N. 9 / 2017 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: COMUNICAZIONE LIQUIDAZIONI PERIODICHE IVA Riferimenti Legislativi: Art. 21-bis, D.L. n. 78/2010 Art. 4 comma 2, D.L. n. 193/2016 Provv.

Dettagli

In linea generale sono tenuti alla presentazione della comunicazione tutti i titolari di partita IVA.

In linea generale sono tenuti alla presentazione della comunicazione tutti i titolari di partita IVA. INFORMATIVA N. 2 / 2016 Ai gentili Clienti dello Studio COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 29.02.2015 Verifica, predisposizione e invio telematico. DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ; Verifica e predisposizione

Dettagli

Fiscalità 2015: Novità del decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015

Fiscalità 2015: Novità del decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 Fiscalità 2015: Novità del decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 In collaborazione con Novità del decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali

Dettagli

IVA trasmissione telematica dei dati delle operazioni transfrontaliere

IVA trasmissione telematica dei dati delle operazioni transfrontaliere IVA trasmissione telematica dei dati delle operazioni transfrontaliere 1 Decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127 Articolo 1 - Fatturazione elettronica e trasmissione telematica delle fatture o dei relativi

Dettagli

Invio dei dati per gli stampati fiscali entro il prossimo

Invio dei dati per gli stampati fiscali entro il prossimo CIRCOLARE A.F. N. 24 del 13 Febbraio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Invio dei dati per gli stampati fiscali entro il prossimo 02.03.2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che,

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 129 27.04.2016 Regime forfettario e cessioni IntraUE Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Regime forfettario A cura di Pasquale Pirone Il

Dettagli

Esterometro e ultimo Spesometro - presentazione entro il 30 aprile Inserire intestazione dello Studio. Studio Ferrari & Genoni

Esterometro e ultimo Spesometro - presentazione entro il 30 aprile Inserire intestazione dello Studio. Studio Ferrari & Genoni Inserire intestazione dello Studio Studio Ferrari & Genoni Dottori Commercialisti Tel 0331 683290 683750 fax 0331 380680 Via Orru 1 21052 - BUSTO ARSIZIO VA Esterometro e ultimo Spesometro - presentazione

Dettagli

Oggetto: LA GESTIONE DELLE LETTERE DI INTENTO DAL 2015

Oggetto: LA GESTIONE DELLE LETTERE DI INTENTO DAL 2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Circolare n 1/2015 del 15/01/2015 Oggetto: LA GESTIONE DELLE LETTERE DI INTENTO DAL 2015 Il Decreto legislativo sulle Semplificazioni fiscali del 21/11/2014 (D.lgs n.175) entrato

Dettagli

IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 047 19 FEBBRAIO 2013 IVA IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 32-bis, DL n. 83/2012 DM 11.10.2012 Provvedimento Agenzia Entrate 21.11.2012

Dettagli

Come regolarizzare lo splafonamento Iva

Come regolarizzare lo splafonamento Iva Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 87 24.03.2014 Come regolarizzare lo splafonamento Iva L utilizzo del plafond in maniera eccedente rispetto all ammontare disponibile, va regolarizzato

Dettagli

GLI ENTI NON COMMERCIALI E LA PRESENTAZIONE DEL MOD. EAS PER LE VARIAZIONI INTERVENUTE NEL 2012

GLI ENTI NON COMMERCIALI E LA PRESENTAZIONE DEL MOD. EAS PER LE VARIAZIONI INTERVENUTE NEL 2012 INFORMATIVA N. 078 21 MARZO 2013 ADEMPIMENTI GLI ENTI NON COMMERCIALI E LA PRESENTAZIONE DEL MOD. EAS PER LE VARIAZIONI INTERVENUTE NEL 2012 Art. 30, DL n. 185/2008 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010,

Dettagli

Circolare 30. del 27 settembre 2017

Circolare 30. del 27 settembre 2017 Circolare 30 del 27 settembre 2017 Comunicazione dei dati delle fatture riferite al primo semestre 2017 Differimento al 5.10.2017 e ulteriori chiarimenti 1 Premessa... 2 2 Termini per l invio della comunicazione...

Dettagli

LE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO. Modalità di utilizzo dal 01/03/2017. Vademecum pratico

LE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO. Modalità di utilizzo dal 01/03/2017. Vademecum pratico Circolare n. 1/2017 LE NUOVE DICHIARAZIONI D INTENTO Modalità di utilizzo dal 01/03/2017 Vademecum pratico Il presente documento è a cura dei seguenti membri della dell UGDCEC Torino: Stefano BATTAGLIA

Dettagli

La fatturazione elettronica tra soggetti privati

La fatturazione elettronica tra soggetti privati La fatturazione elettronica tra soggetti privati Perugia, 18 settembre 2018 Giannaede Ferracani Area Politiche Fiscali 1 Riferimenti normativi DISPOSIZIONI NORMATIVE Articolo 1, comma 909, Legge del 27

Dettagli

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Dichiarazione d intento

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Dichiarazione d intento ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Dichiarazione d intento Allegato A CONTENUTO E CARATTERISTICHE TECNICHE DEI DATI DEL MODELLO DICHIARAZIONE D INTENTO DA TRASMETTERE ALLA AGENZIA

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: MODELLI INTRASTAT - NUOVI CHIARIMENTI DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Premessa Di seguito, a completamento delle nostre precedenti

Dettagli

La versione del modulo IVA 2015 rende disponibili i seguenti quadri:

La versione del modulo IVA 2015 rende disponibili i seguenti quadri: IVA 2015 Note di rilascio Versione 2.1.0 Data 29 Gennaio 2015 Compatibilità 2.0.0 e successive In sintesi CONTENUTO DELLA VERSIONE... 1 QUADRI... 1 CONVERSIONE DATI DA ANNO PRECEDENTE... 2 IMPORTAZIONE

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 47 11.03.2016 CU 2016: rettifiche e sanzioni In caso di dati omessi o errati si ha tempo fino a lunedì 14 marzo per reinoltrare

Dettagli

La Comunicazione telematica delle dichiarazioni di intento

La Comunicazione telematica delle dichiarazioni di intento ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 3 14 GENNAIO 2014 La Comunicazione telematica delle dichiarazioni di intento Copyright 2014

Dettagli

Comunicazione dei dati delle fatture riferite al primo semestre Differimento al e ulteriori chiarimenti

Comunicazione dei dati delle fatture riferite al primo semestre Differimento al e ulteriori chiarimenti Verona, 27 Settembre 2017 CIRCOLARE TEMATICA Comunicazione dei dati delle fatture riferite al primo semestre 2017 - Differimento al 5.10.2017 e ulteriori chiarimenti DISCLAIMER: La presente circolare ha

Dettagli

Comunicazione dei dati delle fatture - Termini di presentazione e semplificazioni

Comunicazione dei dati delle fatture - Termini di presentazione e semplificazioni Verona, 21 Febbraio 2018 CIRCOLARE TEMATICA Comunicazione dei dati delle fatture - Termini di presentazione e semplificazioni DISCLAIMER: La presente circolare ha il solo scopo di fornire informazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. dispone: Prot. 19388/2015 Modificazioni delle istruzioni, del modello di dichiarazione d intento di acquistare o importare beni e servizi senza applicazione dell imposta sul valore aggiunto e delle relative specifiche

Dettagli

Circolare n. 13 del 15/03/2019. Le operazioni oggetto di comunicazione

Circolare n. 13 del 15/03/2019. Le operazioni oggetto di comunicazione AI CLIENTI LORO SEDI Circolare n. 13 del 15/03/2019 La presente circolare è volta a fornire chiarimenti e informazioni operative in merito al nuovo adempimento del c.d. spesometro estero/esterometro. L

Dettagli

d intento al cambio di regime :

d intento al cambio di regime : fonte: : Il sole 24 Ore, sabato 7 febbraio 2015 _ Lettere d intento al cambio di regime : La lettera d intento compilata sul vecchio modello e ricevuta dal fornitore del bene o dal prestatore di servizio,

Dettagli

Anno 2014 N.RF082. La Nuova Redazione Fiscale COMUNICAZIONE DELLA SEDE TELEMATICA ENTRO IL 31 MARZO

Anno 2014 N.RF082. La Nuova Redazione Fiscale COMUNICAZIONE DELLA SEDE TELEMATICA ENTRO IL 31 MARZO Anno 2014 N.RF082 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 6 OGGETTO 730-4 COMUNICAZIONE DELLA SEDE TELEMATICA ENTRO IL 31 MARZO RIFERIMENTI ART. 16, CO. 1, LETT. A) E 4-BIS,

Dettagli

Circolare del 12 febbraio 2019

Circolare del 12 febbraio 2019 Circolare del 12 febbraio 2019 APPROFONDIMENTI Lo spesometro estero 1 APPROFONDIMENTI PROVVEDIMENTO AGENZIA ENTRATE 30.04.2018 Lo spesometro estero Come noto, il comma 909 dell art. 1, Finanziaria 2018,

Dettagli

CIRCOLARE n. 6/2015 1. Oggetto: nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate

CIRCOLARE n. 6/2015 1. Oggetto: nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate CIRCOLARE n. 6/2015 1 Milano, 19 febbraio 2015 Oggetto: nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate Premessa Il DLgs. 21.11.2014 n. 175 ha previsto la precompilazione

Dettagli

Fiscal News N. 50. IVA per cassa: modalità dichiarative. La circolare di aggiornamento professionale 13.02.2015

Fiscal News N. 50. IVA per cassa: modalità dichiarative. La circolare di aggiornamento professionale 13.02.2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 50 13.02.2015 IVA per cassa: modalità dichiarative I soggetti che hanno aderito al regime dell IVA per cassa a decorrere dall 1.12.2012 per il

Dettagli

Sartoris Team di Diego Genta sas Via Roma 79 Pessinetto (TO) Tel 0123/

Sartoris Team di Diego Genta sas Via Roma 79 Pessinetto (TO) Tel 0123/ Sartoris Team di Diego Genta sas Via Roma 79 Pessinetto (TO) Tel 0123/50.41.50 e-mail imprese@sartoris-team.com Ai gentili clienti e Loro Sedi Fatturazione elettronica: al via dal 2019 senza nessuna proroga

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 37 26.02.2016 CU 2016: compilazione del frontespizio Categoria: Previdenza e Lavoro Sottocategoria: Varie Una sezione da non

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DEGLI ACQUISTI DA SAN MARINO

LA COMUNICAZIONE DEGLI ACQUISTI DA SAN MARINO Periodico quindicinale FE n. 16 11 settembre 2013 LA COMUNICAZIONE DEGLI ACQUISTI DA SAN MARINO ABSTRACT Con Provvedimento 2.8.2013, l Agenzia delle Entrate ha definito le modalità tecniche ed i termini

Dettagli

Comunicazione dei dati delle fatture riferite al primo semestre Differimento al e ulteriori chiarimenti

Comunicazione dei dati delle fatture riferite al primo semestre Differimento al e ulteriori chiarimenti DOTTORI COMMERCIALISTI DR. BRUNA FLOREANI DR. PIETROBERNARDO MEUCCI DR. GAETANO MAZZA DR. GABRIELE TREMOLADA Circolare n. 24/2017 del 26 settembre 2017 Comunicazione dei dati delle fatture riferite al

Dettagli

DICHIARAZIONE IVA 2018 ANNO 2017

DICHIARAZIONE IVA 2018 ANNO 2017 Circolare n. 4 Verona, 29 gennaio 2018 Ai Signori Clienti Loro Sedi DICHIARAZIONE IVA 2018 AN 2017 A partire dal 1 febbraio 2018 ed entro il 30 aprile 2018 dovrà essere predisposta ed inviata in via telematica,

Dettagli