PROGETTO DELLE STRUTTURE COSTRUZIONE CAPANNONE IN ACCIAIO RELAZIONE TECNICA SULLE STRUTTURE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DELLE STRUTTURE COSTRUZIONE CAPANNONE IN ACCIAIO RELAZIONE TECNICA SULLE STRUTTURE"

Transcript

1 COMUNE DI SOLIERA PROVINCIA DI MODENA PROGETTO DELLE STRUTTURE COSTRUZIONE CAPANNONE IN ACCIAIO DITTA: AZ. AGR. LUGLI CELESTE RELAZIONE TECNICA SULLE STRUTTURE (ai sensi della D.G.R. n. 7/2) ASOLO lì, 7/9/22 IL PROGETTISTA DELLE STRUTTURE DOCUMENTO FIRMATO DIGITALMENTE Ing. Federico Onisto I N G E G N E R E F E D E R I C O O N I S T O VIA DA PONTE 2/E ASOLO (TV) TEL N 982 ORDINE DI TREVISO P.IVA 26

2 COMUNE DI SOLIERA PROVINCIA DI MODENA La presente relazione riguarda l intervento di costruzione di tre nuovi capannoni agricoli con struttura in acciaio. Si espongono i le informazioni richieste dalla D.G.R. n. 7/2: Il progetto prevede la costruzione di tre capannoni ad uso agricolo, indicati con i numeri 9 e 7 le nuove stalle e col numero 8 l essicatoio fieno, disposti su un singolo piano fuori terra, con struttura portante a telaio in acciaio. I fabbricati si colloca in un contesto edilizio rurale senza particolari vincoli geologici, morfologici ed idrogeologici del sito oggetto di intervento e non si sono riscontrate particolari problematiche nelle soluzioni tecniche costruttive adottate. I fabbricati presentano una pianta di forma rettangolare delle dimensioni (asseasse) di m 7,x2, (Fabbr 9),,x, (Fabbr 7) e,x,77 (Fabbr 8) e un altezza minima, misurata al filo interno delle colonne, dalla quota di progetto del pavimento finito fino all imposta delle travi di m 6,. I fabbricati sono stati cautelativamente classificati come non regolari in pianta e non regolari in altezza ; I fabbricati rispettano le limitazioni previste per la distanza tra costruzioni contigue, l altezza massima degli edifici e le limitazioni di altezza in funzione della larghezza stradale. I fabbricati sono composti da sottostrutture modulari a telaio poste ad interasse regolare lungo lo sviluppo longitudinale degli stessi; tali telai sono strutture bidimensionali costituite da elementi, travi e colonne, in acciaio laminato con sezione a doppio T, uniti rigidamente fra loro tramite giunzioni saldate o bullonate. Le strutture sono state progettate e verificate in base al D.M. del 7 gennaio 28 Aggiornamento delle Norme tecniche per le costruzioni. Delle varie tipologie costruttive strutturali realizzabili, nei presenti fabbricati si sono adottate le seguenti: Struttura a telaio piano, con colonne in acciaio con profili HEA e IPE; ai vincoli esterni è assegnata una percentuale di svincolo alle azioni flettenti della quantità riportata negli elaborati di calcolo allegati; Coperture del tipo a due falde formate da un orditura secondaria in profili tipo Omega e completata da pannelli tipo sandwich fissati con viti autofilettanti; I N G E G N E R E F E D E R I C O O N I S T O VIA DA PONTE 2/E ASOLO (TV) TEL N 982 ORDINE DI TREVISO P.IVA 26

3 Collegamenti fra gli elementi dei telai eseguiti tramite flange saldate alle travi unite da bulloni ad alta resistenza; Collegamenti al piede delle colonne costituiti da flange saldate alle quali sono collegati i tirafondi filettati in acciaio annegati nelle strutture di sostegno; Saldature di Iª CLASSE del tipo a T e a completa penetrazione con sezione resistente della saldatura coincidente alla sezione resistente del profilo unito; Controventature di falda realizzate da tiranti in tondo di acciaio dotati di tenditore; Controventamento di parete affidato alle colonne del portale, verificate a pressoflessione deviata; Eventuali canne fumarie e scarichi sono disposti in modo tale da non intaccare la struttura portante del fabbricato. La Vita nominale (VN) della costruzione, così come definita al 2.. delle NTC, durata alla quale si è fatto riferimento in sede progettuale nel dimensionare le strutture, i particolari costruttivi e la scelta dei materiali per garantire il mantenimento della resistenza e della funzionalità, data la categoria dell intervento che rientra nella tipologia 2 come da Tab 2..I, è stata definita pari a VN anni. Definita poi una Classe d uso di tipo II e coefficiente d uso CU =, si ottiene un periodo di riferimento per l azione sismica VR = anni. L'analisi delle forze sismiche è stata condotta in conformità a quanto stabiliscono le NTC28 adottando la zonizzazione allegata alle stesse. In base alle coordinate geografiche del sito e alla categoria del suolo, si sono ricavati, per interpolazione dalla griglia di punti, i valori di ag, Fo e TC * necessari per la determinazione delle azioni sismiche. L'analisi dei carichi è stata condotta in conformità a quanto stabiliscono le NTC28 vigenti ed in particolare a quanto contenuto nel capitolo - "AZIONI SULLE COSTRUZIONI. Si allegano in seguito le verifiche preliminari effettuate per il predimensionamento della struttura. I N G E G N E R E F E D E R I C O O N I S T O VIA DA PONTE 2/E ASOLO (TV) TEL N 982 ORDINE DI TREVISO P.IVA 26

4 PERICOLOSITA' SISMICA DI BASE DEFINIZIONE DEI PARAMETRI SISMICI - a g, F, T * C PER IL SITO DI INTERVENTO con riferimento ai dati di Tabella - "Tabella Parametri Spettrali" allegata alle NTC28 Numero Coordinate Distanza SLD - Tr = anni-pvr=6% SLV - Tr =7 anni-pvr=% ID Lon - Est Lat - Nord dal sito a g / F o * T C a g / F o * T C ID 6,968,779,6,82 2,6,267,8 2,87,272 ID 86,88867,766,98,76 2,2,267,62 2,27,276 ID 87,989,7798,8,727 2,2,267,8 2,86,272 ID 6,8866,76,2, 2,6,2662,7 2,89,27 Sito di riferimento,926,79 /,67 2,7,267,7 2,78,279 Latitudine - Nord,82 Valori ottenuti per interpolazione secondo la formula [] - Allegato A - N.T.C. 28 9, RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELL'UBICAZIONE DEI PUNTI DI RIFERIMENTO DELLA GRIGLIA E DEL SITO DI COSTRUZIONE,8,78,76,7 ID 6 ID 6 Sito di riferimento,72 ID 86 ID 87,7,68,66,6,8,8,9,9,, Longitudine - Est PARAMETRI ADOTTATI PER LA DEFINIZIONE DEL SISMA Commessa Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) Vita nominale V N = anni Classe d'uso II Vita di riferimento V R = anni Coefficiente d'uso C U =, Coeff. di amplificazione topografica S T =, Zona sismica Categoria suolo Depositi di terreni a grana grossa mediamente addensati o terreni a grana fina mediamente consistenti con profondità del substrato superiori a m, caratterizzati da un miglioramento delle proprietà meccaniche con la profondità e da valori di velocità equivalente compresi tra 8 m/s e 6 m/s. C

5 VERIFICA PROFILI IN ACCIAIO Descrizione : Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) Arcarecci di falda Caratteristiche sezione: Omega 8xx 2/ S27 JR GL2h Lamellare spigolati FALSO P p = 8, dan/m b = mm h = 8 mm A eff = 9,8 cm 2 t = 2, mm c = mm W Y,eff = 6, cm γ = 7.8 dan/m J Y,eff = 99,6 cm in acciaio tipo Classe di servizio 2 W Z,eff = 2,9 cm Kmod,def =, J Z,eff = 22, cm Km =,7 E = 2.. dan/cm² Kh =, F y = 2.7 dan/cm² F m,d = dan/cm² β = 2, % =,,97 Schema statico: L Netta = cm L App = cm L Calc = cm a = cm VERO i = 2, cm = N 2 + resto sul colmo 2, cm Analisi dei carichi: Peso proprio Pannelli Sandwich Coibentaz. + Imperm. Coppi o tegole Accidentale 7 dan/m² G k, = 7 dan/m² γ G =, dan/m² G k,2 = dan/m² γ G2 =, dan/m² Q k, = 2 dan/m² γ Q =, dan/m² Q k,2 max = dan/m² γ M =, 2 dan/m² Q k,2 min = -8 dan/m² C P Max =, F d Esercizio = G k,2 +Q,k = 2 dan/m² F dl i = 279 dan/m C P Min = -,9 F d Limite =γ G G k, +γ G2 G k,2 + γ q Q k,+ γ q ψ,v Q k,2 = Verifica SLU - Fd nella combinazione più gravosa F dl Y = 27 dan/m ψ,vento =,6 F dl Z = 2 dan/m ψ 2,Vento = σ m,y-z,d M Y, Ed = F dl Y L 2 / 8 = 27 ² / 8 = 87 danm 8,9 dan/cm² M Z, Ed = F dl Z L 2 / 8 = 2 ² / 8 = 62 danm 66, dan/cm² M y,r = fy Wy / γ =.6,6 danm Vs =.9 dan M z,r = fy Wz / γ = 67,2 danm Vr = 8.8 dan M y,s / M y,r + M z,s / M z,r =,99 < Vs / Vr =,66 < Verifica SLE - Fd nella combinazione più gravosa asse y'-y' asse x'-x' totale,99 < W sbalzo=, cm = L / #DIV/! W inst = /8 F dl L /EJ=,26,9,28 cm = L /.8 W acc = /8 F dl L /E J=,,, cm = L / W fin = W inst + W acc =,69,6,79 cm = L / 279 Verifica ancoraggio arcarecci Verifica pendini Ø2 6 dan,89 < V S,Z = VERIFICA SENZA SBALZI dan 22 dan/m² Coefficienti Giunzione a taglio con 2Ø2-8,8 AR V R,Z = 67 dan,2 <

6 ANALISI DEI CARICHI e COEFFICIENTI DI CALCOLO - ª parte Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) ANALISI AZIONE DEL CARICO SISMICO (ANALISI LINEARE STATICA NTC28) V N = anni C LASSE USO =II C U =, Periodo di riferimento V R = anni Suolo C Cat. topografica T Superficie pianeggiante, pendii e rilievi isolati con inclinazione media i S T =, Zona sismica = Coordinate Est/Nord del sito di riferimento E=,926 N=,79 Stato limite di danno - SLD Stato limite di salvaguardia della vita - SLV Periodo di riferimento T R = anni con prob. di superamento P VR = 6% Periodo di riferimento T R = 7 anni con prob. di superamento P VR = % a g =,6 g F o = 2,6 T * C =,267 a g =,7 g F o = 2,72 T * C =,272 T B =, T C =, T D =,82 T B =,6 T C =,9 T D = 2,2 S S =,7 C C =,6 S =,7 S S =,7 C C =,6 S =,7 d g =, cm V g =,78 cm/s ANALISI DEL SISMA - Lineare statica ( 7...2) COEFFICIENTI DI COMBINAZIONE DEI CARICHI ACCIDENTALI CON L'AZIONE SISMICA Periodo del modo vibrare principale T =2 d /2 =,878 s ψ 2, neve =, ψ 2, vento =, ψ 2, acc =, T < T C x 2, =,97 s T < T D = 2,2 s Effetto delle non linearità geometriche sull'analisi sismica θ = P d r /(V h) =,2 <, L'effetto è trascurabile Spettro di progetto SLD Masse e forze Incremento per eccentricità accidentale % Masse e forze Spettro di progetto SLV S Vert (T) =, W v - SLD = 8 dan/m F O - SLD F O - SLV W v - SLV = 8 dan/m S Vert (T) =, S Orizz (T) =,67 E v - SLD = dan/m 2 dan 2 E v - SLV = dan/m S Orizz (T) =,97 Struttura intelaiata NON dissipativa Struttura regolare in pianta : No Struttura regolare in altezza : Si q CD"B" = K R =, Fattori di struttura q ND ND =, q vert =, vert,6 SPETTRI DI PROGETTO PER LA COMPONENTE ORIZZONTALE DEL SISMA,,,,2,,, 2 2,, SLC SLV SLD SLO

7 ANALISI DEI CARICHI e COEFFICIENTI DI CALCOLO - 2ª parte Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) ANALISI AZIONE DEL CARICO NEVE - NTC28 Zona = Mediterranea Q slm = 28 m Carico al suolo q sk = dan/m² µ =,8 Aree in cui non è presente una significativa rimozione di neve sulla costruzione prodotta dal vento, a causa del terreno, altre costruzioni o alberi. Coefficiente di esposizione C E =, Coefficiente termico C t =, Carico sulla copertura q sk = µ q sk C E C t = 2 dan/m² 2 Zona I Alpina Aosta, Belluno, Bergamo, Biella, Bolzano, Brescia, Como, Cuneo, Lecco, Pordenone, Sondrio, Torino, Trento, Udine, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Vicenza Zona I Mediterranea Alessandria, Ancona, Asti, Bologna, Cremona, Forlì-Cesena, Lodi, Milano, Modena, Monza Brianza, Novara, Parma, Pavia, Pesaro e Urbino, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Treviso, Varese Zona II Zona III Arezzo, Ascoli Piceno, Avellino, Bari, Barletta-Andria-Trani, Benevento, Campobasso, Chieti, Fermo, Ferrara, Firenze, Foggia, Frosinone, Genova, Gorizia, Imperia, Isernia, L Aquila, La Spezia, Lucca, Macerata, Mantova, Massa Carrara, Padova, Perugia, Pescara, Pistoia, Prato, Rieti, Rovigo, Savona, Teramo, Trieste, Venezia, Verona Agrigento, Brindisi, Cagliari, Caltanissetta, Carbonia-Iglesias, Caserta, Catania, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Enna, Grosseto, Latina, Lecce, Livorno, Matera, Medio Campidano, Messina, Napoli, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Palermo, Pisa, Potenza, Ragusa, Reggio Calabria, Roma, Salerno, Sassari, Siena, Siracusa, Taranto, Terni, Trapani, Vibo Valentia, Viterbo Carico della neve sul territorio nazionale

8 ANALISI DEI CARICHI e COEFFICIENTI DI CALCOLO - ª parte Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) ANALISI AZIONE DEL CARICO VENTO - NTC28 Zona = 2 V b =V b C a = 2 m/s a = 7 m k s =, Q slm = 28 m V r =V b C r = 2 m/s = 9 km/h ρ =,2 Kg/m³ Pressione cinetica di riferimento q r = ½ ρ v r ² = 9, dan/m² Classe D - Aree prive di ostacoli (aperta campagna, aeroporti, aree agricole, pascoli, zone paludose o sabbiose, superfici innevate o ghiacciate, mare, laghi,...) Coefficiente di esposizione C e = 2,2 Coefficiente di pressione C p = Vedi tabella - Valle d'aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino, Friuli (tranne Trieste), Veneto 2 - Emila Romagna - Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria (tranne Reggio Calabria) - Sicilia e Reggio Calabria - Sardegna Est CATEGORIE DI ESPOSIZIONE PER CLASSE DI RUGOSITA', DISTANZA DAL MARE E QUOTA s.l.m.m. Coefficiente dinamico C d = Coefficiente topografico C t = 6 - Sardegna Ovest 7 - Liguria Classe di rugosità = D 8 - Trieste Categoria di esposizione = II 9 - Isole e mare aperto Carico medio sulle superfici verticali Q vento =q r C e C p C d = 87, dan/m² C p Valutazione pressioni interne (..8.) - Caso Struttura chiusa o avente aperture distribuite in maniera circa uniforme. S Carico del vento sul territorio nazionale Grado di bloccaggio Φ = Spazio al di sotto della tettoia completamente ostruito TABELLA 2..I Valori dei coefficienti di combinazione COEFFICIENTI DI FORMA PER IL CARICO VENTO Categoria/Azione variabile ψ,j ψ,j ψ 2,j Asta N Sezione Tipo α C pi pi C pe Categoria A - Ambienti ad uso residenziale Categoria B - Uffici Categoria C - Ambienti suscettibili di affollamento Categoria D - Ambienti ad uso commerciale Categoria E - Aree per immagazzinamento, uso commerciale e uso industriale, biblioteche, archivi, magazzini e ambienti ad uso industriale Categoria F - Rimesse, parcheggi ed aree per il traffico di veicoli (per autoveicoli di peso kn) Categoria G - Rimesse, parcheggi ed aree per il traffico di veicoli (per autoveicoli di peso > kn) Categoria H - Coperture accessibili per sola manutenzione Vento Neve (a quota m s.l.m.) Neve (a quota > m s.l.m.) Variazioni termiche,7,, HEA2 Colonna 9,,,7,7,, 2 IPE Trave,,,,7,7,6 IPE Trave -,,,,7,7,6 HEA2 Colonna 9, -,,8,,9,8 2 L7X7 Tirante,,,,7,7,6 6 IPE27 Sbalzo,,,,7,, 7 IPE27 Sbalzo -,,,,,,,,,,6,2,,,,,,2,,,,,7,,2,,,,6,,,,,

9 GEOMETRIA TELAIO e CONDIZIONI DI CARICO Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) GEOMETRIA STRUTTURA Nodo X - cm Y - cm Vincolo Asta N Sezione Tipo Nodo iniziale Nodo finale α pend % Svincolo i Svincolo f XYR HEA2 Colonna 2 9,,, IPE Trave 2, 2,%,,. 8 IPE Trave -, -2,%,, 2. XYR HEA2 Colonna 9,,, L7X7 Tirante 2,,%,, IPE27 Sbalzo 6 2, 2,%,, IPE27 Sbalzo 7 -, -2,%,, RAPPRESENTAZIONE GRAFICA NODI E ASTE CONDIZIONI DI CARICO CARATTERISTICHE COMUNI ASTE K semincastro = % CONDIZIONI DI CARICO DESCRIZIONE COEFFICIENTI PARZIALI E = 2.. dan/cm² Altri carichi permanenti Carico Colmo G = dan/m Pp secondarie γ G =, γ M =, γ M =, 8 dan/m dan G 2 = 7 dan/m Permanenti γ G2 =, uniformemente distribuiti sulle colonne FALSO Q = 7 dan/m i max G = dan/m Permanenti γ G =, Neve al suolo o Accidentale γ Q =, Q 2 = 7 dan/m Vento / C p γ Q2 =, max =, m Q = dan γ Q =, E V =W V S V = dan/m Sisma Verticale γ E =, SCHEMA TELAIO E DEFORMATA

10 COMBINAZIONI DI CARICO SLU e SLE Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) Famiglia SLU Famiglia SLE rara Nome Pesi Permanenti Pesi Permanenti strutturali portati Neve Vento X Vento Y Nome strutturali portati Neve Vento X Vento Y SLU SLER SLU2, SLER2 SLU, SLER SLU, SLER, SLU,,9 SLER, SLU6,,9 SLER6 SLU7,9 SLER7,6 SLU8,9 SLER8,6 SLU9,7 SLER7,6 SLU,7,9 SLER8,6 SLU,7,9 SLER9, SLU2,7, SLER2,,6 SLU,7, SLER2,,6 SLU, SLU,, SLU6,, SLU7,, SLU8,,,9 SLU9,,,9 SLU2,,9 SLU2,,9 SLU22,,7 SLU2,,7,9 Famiglia SLE frequente SLU2,,7,9 Pesi Permanenti Nome SLU2,,7, strutturali portati Neve Vento X Vento Y SLU26,,7, SLEF SLU27, SLEF2,2 SLU28,, SLEF,2 SLU29,, SLEF,2 SLU,, SLU,,,9 SLU2,,,9 SLU,,9 SLU,,9 SLU,,7 SLU6,,7,9 SLU7,,7,9 SLU8,,7, SLU9,,7, Famiglia SLE quasi permanente SLU,, Pesi Permanenti Nome SLU,,, strutturali portati Neve Vento X Vento Y SLU2,,, SLE SLU,,, SLU,,,,9 SLU,,,,9 SLU6,,,9 SLU7,,,9 SLU8,,,7 SLU9,,,7,9 SLU,,,7,9 SLU,,,7, SLU2,,,7,

11 COMBINAZIONI DI CARICO SLD e SLV Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) Famiglia SLD Nome Eccentricità Eccentricità Pesi Permanenti Sisma X Sisma Y Sisma Z Y per sisma X per sisma strutturali portati Neve Vento X Vento Y SLV SLV SLV X SLV Y SLV SLD - -, -, SLD2 - -, -, SLD -, -, SLD -, -, SLD -, - -, SLD6 -, -, - SLD7 -, -, SLD8 -,, - SLD9, - -, SLD, -, - SLD, -, SLD2,, - SLD -, -, SLD -, -, SLD, -, SLD6, -, Famiglia SLV Nome Eccentricità Eccentricità Pesi Permanenti Sisma X Sisma Y Sisma Z strutturali portati Neve Vento X Vento Y Y per sisma X per sisma SLV SLV SLV X SLV Y SLV SLV - -, -, SLV2 - -, -, SLV -, -, SLV -, -, SLV -, - -, SLV6 -, -, - SLV7 -, -, SLV8 -,, - SLV9, - -, SLV, -, - SLV, -, SLV2,, - SLV -, -, SLV -, -, SLV, -, SLV6, -,

12 MODELLO F.E.M. Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO)

13 VERIFICA ASTE Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) RIEPILOGO ASTE I dettagli di verifica di tutte le aste sono riportati alle pagg. seguenti ASTA l=62 cm Colonna HEA2 S27 JR Classe Sez. 2 W el y = 67 cm³ J y = 7.76 cm P p = 6 dan/m M y,rd = danm sezione iniziale baffo h=,9< ad x=,9< ad x=l-6,27< sezione finale baffo h=8,9< f = L / 698 M y,ed T= =.8 danm Instabilità,62< l,y = 2, L l,z =, L λ max = 2 ASTA 2 l=.7 cm Trave IPE S27 JR Classe Sez. W el y = 7 cm³ J y =.77 cm P p = 9 dan/m M y,rd = 8.67 danm sezione iniziale baffo h=6,9< ad x=8,276< ad x=l-2,82< sezione finale baffo h=2,9< f = L / 88 M y,ed T= = 9.9 danm Instabilità,99< l,y =, L l,z =,2 L λ max = 78 ASTA l=.7 cm Trave IPE S27 JR Classe Sez. W el y = 7 cm³ J y =.77 cm P p = 9 dan/m M y,rd = 8.67 danm sezione iniziale baffo h=2,9< ad x=2,8< ad x=l-8,7< sezione finale baffo h=6,278< f = L / 8 M y,ed T= =.76 danm Instabilità,892< l,y =, L l,z =,2 L λ max = 78 ASTA l=62 cm Colonna HEA2 S27 JR Classe Sez. 2 W el y = 67 cm³ J y = 7.76 cm P p = 6 dan/m M y,rd = danm sezione iniziale baffo h=,97< ad x=,97< ad x=l-6,6< sezione finale baffo h=8,< f = L / 96 M y,ed T= = danm Instabilità,92< l,y = 2, L l,z =, L λ max = 2 ASTA l=2. cm Tirante HEA2 S27 JR Classe Sez. W el y = 7 cm³ J y = 8 cm P p = 6 dan/m M y,rd = 82 danm sezione iniziale baffo h=,79< ad x=,79< ad x=l-,79< sezione finale baffo h=,79< f = L / M y,ed T= = danm Instabilità,< l,y =, L l,z =, L λ max = 99 ASTA 6 l=2 cm Sbalzo IPE27 S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 6 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,< ad x=,< ad x=l-,99< sezione finale baffo h=,99< f = L / 22 M y,ed T= = danm Instabilità,9< l,y =, L l,z =,6 L λ max = 8 ASTA 7 l=2 cm Sbalzo IPE27 S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 6 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,872< ad x=,872< ad x=l-,< sezione finale baffo h=,< f = L / 2 M y,ed T= = danm Instabilità,888< l,y =, L l,z =,6 L λ max = 8 ASTA 8 l= cm HEA2 S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 6 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,< ad x=,< ad x=l-,< sezione finale baffo h=,< #DIV/! M y,ed T= = danm Instabilità #DIV/! l,y =, L l,z = #DIV/! λ max = #DIV/! ASTA 9 l= cm HEA2 S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 6 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,< ad x=,< ad x=l-,< sezione finale baffo h=,< #DIV/! M y,ed T= = danm Instabilità #DIV/! l,y =, L l,z = #DIV/! λ max = #DIV/! ASTA l= cm HEA2 S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 6 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,< ad x=,< ad x=l-,< sezione finale baffo h=,< #DIV/! M y,ed T= = danm Instabilità #DIV/! l,y =, L l,z = #DIV/! λ max = #DIV/! ASTA l= cm HEA2 S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 6 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,< ad x=,< ad x=l-,< sezione finale baffo h=,< #DIV/! M y,ed T= = danm Instabilità #DIV/! l,y =, L l,z = #DIV/! λ max = #DIV/! ASTA 2 l= cm HEA2 S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 6 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,< ad x=,< ad x=l-,< sezione finale baffo h=,< #DIV/! M y,ed T= = danm Instabilità #DIV/! l,y =, L l,z = #DIV/! λ max = #DIV/!

14 VERIFICHE SLD/SLE - TRASCURABILITA IMPERFEZIONI E DEFORMAZIONI Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) VERIFICA SLE VERIFICA SLD ASTA η Max =,7 cm = L / 892 NODO η B,SLD =, cm < 6,8 cm ASTA 2 η Max =,27 cm = L / 92 NODO 2 η B,SLD =,8 cm < 6,8 cm ASTA η Max =,27 cm = L / 92 NODO η B,SLD =,7 cm < 6,8 cm ASTA η Max =,7 cm = L / 892 NODO η B,SLD =, cm < 6,8 cm ASTA η Max =, cm = L /> NODO η B,SLD =,92 cm < 6,8 cm ASTA 6 η Max =, cm = L / 97 NODO 6 η B,SLD =,2 cm < 6,8 cm ASTA 7 η Max =, cm = L / 97 NODO 7 η B,SLD =,9 cm < 6,8 cm ASTA 8 η Max = NODO 8 η B,SLD =, cm < 6,8 cm ASTA 9 η Max = NODO 9 η B,SLD =, cm < 6,8 cm ASTA η Max = NODO η B,SLD =, cm < 6,8 cm ASTA η Max = NODO η B,SLD =, cm < 6,8 cm ASTA 2 η Max = NODO 2 η B,SLD =, cm < 6,8 cm EFFETTO DELLE DEFORMAZIONI ( NTC28) EFFETTO DELLE IMPERFEZIONI ( NTC28) α cr = N cr / N Ed = π² E J/L o ² /N ed =, H ed >, Q Ed.78 > 99 SISMA Fattore di struttura q =, η B,SLD =,8 cm Sd =F O/cos β=.9 dan β = 7, Incremento per eccentricità Periodo di vibrazione - oscillatore semplice S O (T) =,9 sezione Ø 28 A= 6, cm² - Classe sez. accidentale % T = 2 π m/k =,2 s F O =.79 dan F O sisma = dan S27 JR R d = 6.9 dan S d / R d =,7< VENTO Superficie di influenza*,9 m² VERO F O vento =.6 dan Verifica sulla colonna Passi controventati CARROPONTE Ton R max = 2.29 dan F O carroponte = dan 2 F O = 7.6 dan Superficie di influenza 66,8 m² S d =F O/cos β=.98 dan β = 26,6 VERIFICA CONTROVENTATURA DI PARETE - Vedi verifica controcollonne allegata VERIFICA CONTROVENTI DI FALDA Giunzione a taglio Resistenza giunzione Ø 28 8,8 R U,Rd = 8.6 dan Schema a pendolo inverso incastrato al piede VERIFICA GIUNZIONE #DIV/! sezione Ø 2 S27 JR A=, cm² Classe sez. Verifica tra le colonne R d = 2.96 cm S d / R d =,69< Passi controventati - Giunzione a taglio Resistenza giunzione Ø 2 8,8 VERIFICA GIUNZIONE R U,Rd = 2.8 dan,97< F O

15 DETTAGLIO DEI CARICHI NELLE COMINAZIONI PIU' GRAVOSE Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) Asta N I carichi concentrati si intendono applicati all'estremità finale dell'asta CARICHI SULLE ASTE E SUI NODI Combinazioni SLU - [ γ G G k +γ Q Q +γ Q2 ψ,2 Q 2 ] SLU2 - [ γ G G k +γ Q2 Q 2 +γ Q ψ, Q ] Distribuiti Perpendicolari Concentrati Concentrati Distribuiti Perpendicolari Concentrati Concentrati Lunghezza Peso proprio Verticali all'asta Orizzontali Verticali Verticali all'asta Orizzontali Verticali Sezione Tipo cm dan/m dan/m dan/m dan dan dan/m dan/m dan dan 62 HEA2 6 Colonna IPE 9 Trave IPE 9 Trave HEA2 6 Colonna L7X7 Tirante 6 2 IPE27 6 Sbalzo IPE27 6 Sbalzo. 68 Asta N CARICHI SULLE ASTE E SUI NODI Combinazioni SLV - [ E+G k +ψ 2, Q +ψ 2,2 Q 2 ] - Sismica SLE - [ G k +ψ 2, Q +ψ 2,2 Q 2 ] - Quasi Permanente Distribuiti Perpendicolari Concentrati Concentrati Distribuiti Perpendicolari Concentrati Concentrati Lunghezza Peso proprio Verticali all'asta Orizzontali Verticali Verticali all'asta Orizzontali Verticali Sezione Tipo cm dan/m dan/m dan/m dan dan dan/m dan/m dan dan 62 HEA2 6 Colonna IPE 9 Trave IPE 9 Trave HEA2 6 Colonna L7X7 Tirante 6 2 IPE27 6 Sbalzo IPE27 6 Sbalzo , 2,2 2, 2,2 TAGLIANTE TOTALE.78 SLD - [ E+G k +ψ, Q ] F d,sld = 8 dan/m

16 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA CARICHI E DEFORMATA Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) CARICHI DISTRIBUITI PERPENDICOLARI ALLE ASTE NELLA COMBINAZIONE SLU - Valori in dan/m REAZIONI VINCOLARI NELLA COMBINAZIONE SLU - Valori in dan e danm

17 VERIFICA SUGLI SPOSTAMENTI MASSIMI DI INTERPIANO Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) Nodo X - cm DETTAGLI DEGLI SPOSTAMENTI DEI NODI ALLO S.L.D. ( NTC28) Y - cm Vincolo X - cm Y - cm α - gradi d r max - cm d r amm - cm r max r amm XYR,,,, < 6,8 2 62,8,2 -,97,8 < 6,8. 8,7,9,8,7 < 6,8 2. XYR,,,, < 6, ,92,2-2,,92 < 6, ,2 -, -,8,2 < 6, ,9 2,68 -,6,9 < 6,8 Tamponamenti progettati in modo da non subire danni a seguito di spostamenti di interpiano. IDENTIFICAZIONE DEI NODI

18 VERIFICA SUGLI SPOSTAMENTI MASSIMI DI INTERPIANO Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) DIAGRAMMA DELLO SFORZO NORMALE NELLA COMBINAZIONE SLU - Valori in dan DIAGRAMMA DEL TAGLIO NELLA COMBINAZIONE SLU - Valori in dan

19 VERIFICA SUGLI SPOSTAMENTI MASSIMI DI INTERPIANO Lugli Celeste Az Agr - Stalla 9 - Soliera (MO) DIAGRAMMA DEL MOMENTO FLETTENTE NELLA COMBINAZIONE SLU - Valori in danm DEFORMATA AMPLIFICATA NELLA COMBINAZIONE SLU

20 PERICOLOSITA' SISMICA DI BASE DEFINIZIONE DEI PARAMETRI SISMICI - a g, F, T * C PER IL SITO DI INTERVENTO con riferimento ai dati di Tabella - "Tabella Parametri Spettrali" allegata alle NTC28 Numero Coordinate Distanza SLD - Tr = anni-pvr=6% SLV - Tr =7 anni-pvr=% ID Lon - Est Lat - Nord dal sito a g / F o * T C a g / F o * T C ID 6,968,779,6,82 2,6,267,8 2,87,272 ID 86,88867,766,98,76 2,2,267,62 2,27,276 ID 87,989,7798,8,727 2,2,267,8 2,86,272 ID 6,8866,76,2, 2,6,2662,7 2,89,27 Sito di riferimento,926,79 /,67 2,7,267,7 2,78,279 Latitudine - Nord,82 Valori ottenuti per interpolazione secondo la formula [] - Allegato A - N.T.C. 28 9, RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELL'UBICAZIONE DEI PUNTI DI RIFERIMENTO DELLA GRIGLIA E DEL SITO DI COSTRUZIONE,8,78,76,7 ID 6 ID 6 Sito di riferimento,72 ID 86 ID 87,7,68,66,6,8,8,9,9,, Longitudine - Est PARAMETRI ADOTTATI PER LA DEFINIZIONE DEL SISMA Commessa Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) Vita nominale V N = anni Classe d'uso II Vita di riferimento V R = anni Coefficiente d'uso C U =, Coeff. di amplificazione topografica S T =, Zona sismica Categoria suolo Depositi di terreni a grana grossa mediamente addensati o terreni a grana fina mediamente consistenti con profondità del substrato superiori a m, caratterizzati da un miglioramento delle proprietà meccaniche con la profondità e da valori di velocità equivalente compresi tra 8 m/s e 6 m/s. C

21 VERIFICA PROFILI IN ACCIAIO Descrizione : Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) Arcarecci di falda Caratteristiche sezione: Omega 8xx 2/ S27 JR GL2h Lamellare spigolati FALSO P p = 8, dan/m b = mm h = 8 mm A eff = 9,8 cm 2 t = 2, mm c = mm W Y,eff = 6, cm γ = 7.8 dan/m J Y,eff = 99,6 cm in acciaio tipo Classe di servizio 2 W Z,eff = 2,9 cm Kmod,def =, J Z,eff = 22, cm Km =,7 E = 2.. dan/cm² Kh =, F y = 2.7 dan/cm² F m,d = dan/cm² β = 2, % =,,97 Schema statico: L Netta = 6 cm L App = cm L Calc = 6 cm a = cm VERO i = 22, cm = N 6 + resto sul colmo 9, cm Analisi dei carichi: Peso proprio Pannelli Sandwich Coibentaz. + Imperm. Coppi o tegole Accidentale 7 dan/m² G k, = 7 dan/m² γ G =, dan/m² G k,2 = dan/m² γ G2 =, dan/m² Q k, = 2 dan/m² γ Q =, dan/m² Q k,2 max = dan/m² γ M =, 2 dan/m² Q k,2 min = -86 dan/m² C P Max =, F d Esercizio = G k,2 +Q,k = 2 dan/m² F dl i = 27 dan/m C P Min = -,9 F d Limite =γ G G k, +γ G2 G k,2 + γ q Q k,+ γ q ψ,v Q k,2 = Verifica SLU - Fd nella combinazione più gravosa F dl Y = 268 dan/m ψ,vento =,6 F dl Z = dan/m ψ 2,Vento = σ m,y-z,d M Y, Ed = F dl Y L 2 / 8 = 268,6² / 8 = 88 danm 8, dan/cm² M Z, Ed = F dl Z L 2 / 8 =,6² / 8 = 62 danm 6,7 dan/cm² M y,r = fy Wy / γ =.6,6 danm Vs =.8 dan M z,r = fy Wz / γ = 67,2 danm Vr = 8.8 dan M y,s / M y,r + M z,s / M z,r =,99 < Vs / Vr =,6 < Verifica SLE - Fd nella combinazione più gravosa asse y'-y' asse x'-x' totale,99 < W sbalzo=, cm = L / #DIV/! W inst = /8 F dl L /EJ=,27,,28 cm = L /.78 W acc = /8 F dl L /E J=,6,2, cm = L / 26 W fin = W inst + W acc =,7,62,8 cm = L / 276 Verifica ancoraggio arcarecci Verifica pendini Ø 29 dan,8 < V S,Z = VERIFICA SENZA SBALZI 28 dan 22 dan/m² Coefficienti Giunzione a taglio con 2Ø2-8,8 AR V R,Z = 67 dan,2 <

22 ANALISI DEI CARICHI e COEFFICIENTI DI CALCOLO - ª parte Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) ANALISI AZIONE DEL CARICO SISMICO (ANALISI LINEARE STATICA NTC28) V N = anni C LASSE USO =II C U =, Periodo di riferimento V R = anni Suolo C Cat. topografica T Superficie pianeggiante, pendii e rilievi isolati con inclinazione media i S T =, Zona sismica = Coordinate Est/Nord del sito di riferimento E=,926 N=,79 Stato limite di danno - SLD Stato limite di salvaguardia della vita - SLV Periodo di riferimento T R = anni con prob. di superamento P VR = 6% Periodo di riferimento T R = 7 anni con prob. di superamento P VR = % a g =,6 g F o = 2,6 T * C =,267 a g =,7 g F o = 2,72 T * C =,272 T B =, T C =, T D =,82 T B =,6 T C =,9 T D = 2,2 S S =,7 C C =,6 S =,7 S S =,7 C C =,6 S =,7 d g =, cm V g =,78 cm/s ANALISI DEL SISMA - Lineare statica ( 7...2) COEFFICIENTI DI COMBINAZIONE DEI CARICHI ACCIDENTALI CON L'AZIONE SISMICA Periodo del modo vibrare principale T =2 d /2 =,678 s ψ 2, neve =, ψ 2, vento =, ψ 2, acc =, T < T C x 2, =,97 s T < T D = 2,2 s Effetto delle non linearità geometriche sull'analisi sismica θ = P d r /(V h) =, <, L'effetto è trascurabile Spettro di progetto SLD Masse e forze Incremento per eccentricità accidentale % Masse e forze Spettro di progetto SLV S Vert (T) =, W v - SLD = 92 dan/m F O - SLD F O - SLV W v - SLV = 88 dan/m S Vert (T) =,2 S Orizz (T) =,87 E v - SLD = 6 dan/m 62 dan 67 E v - SLV = 6 dan/m S Orizz (T) =,2 Struttura intelaiata NON dissipativa Struttura regolare in pianta : No Struttura regolare in altezza : Si q CD"B" = K R =, Fattori di struttura q ND ND =, q vert =, vert,6 SPETTRI DI PROGETTO PER LA COMPONENTE ORIZZONTALE DEL SISMA,,,,2,,, 2 2,, SLC SLV SLD SLO

23 ANALISI DEI CARICHI e COEFFICIENTI DI CALCOLO - 2ª parte Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) ANALISI AZIONE DEL CARICO NEVE - NTC28 Zona = Mediterranea Q slm = 28 m Carico al suolo q sk = dan/m² µ =,8 Aree in cui non è presente una significativa rimozione di neve sulla costruzione prodotta dal vento, a causa del terreno, altre costruzioni o alberi. Coefficiente di esposizione C E =, Coefficiente termico C t =, Carico sulla copertura q sk = µ q sk C E C t = 2 dan/m² 2 Zona I Alpina Aosta, Belluno, Bergamo, Biella, Bolzano, Brescia, Como, Cuneo, Lecco, Pordenone, Sondrio, Torino, Trento, Udine, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Vicenza Zona I Mediterranea Alessandria, Ancona, Asti, Bologna, Cremona, Forlì-Cesena, Lodi, Milano, Modena, Monza Brianza, Novara, Parma, Pavia, Pesaro e Urbino, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Treviso, Varese Zona II Zona III Arezzo, Ascoli Piceno, Avellino, Bari, Barletta-Andria-Trani, Benevento, Campobasso, Chieti, Fermo, Ferrara, Firenze, Foggia, Frosinone, Genova, Gorizia, Imperia, Isernia, L Aquila, La Spezia, Lucca, Macerata, Mantova, Massa Carrara, Padova, Perugia, Pescara, Pistoia, Prato, Rieti, Rovigo, Savona, Teramo, Trieste, Venezia, Verona Agrigento, Brindisi, Cagliari, Caltanissetta, Carbonia-Iglesias, Caserta, Catania, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Enna, Grosseto, Latina, Lecce, Livorno, Matera, Medio Campidano, Messina, Napoli, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Palermo, Pisa, Potenza, Ragusa, Reggio Calabria, Roma, Salerno, Sassari, Siena, Siracusa, Taranto, Terni, Trapani, Vibo Valentia, Viterbo Carico della neve sul territorio nazionale

24 ANALISI DEI CARICHI e COEFFICIENTI DI CALCOLO - ª parte Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) ANALISI AZIONE DEL CARICO VENTO - NTC28 Zona = 2 V b =V b C a = 2 m/s a = 7 m k s =, Q slm = 28 m V r =V b C r = 2 m/s = 9 km/h ρ =,2 Kg/m³ Pressione cinetica di riferimento q r = ½ ρ v r ² = 9, dan/m² Classe D - Aree prive di ostacoli (aperta campagna, aeroporti, aree agricole, pascoli, zone paludose o sabbiose, superfici innevate o ghiacciate, mare, laghi,...) Coefficiente di esposizione C e = 2, Coefficiente di pressione C p = Vedi tabella - Valle d'aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino, Friuli (tranne Trieste), Veneto 2 - Emila Romagna - Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria (tranne Reggio Calabria) - Sicilia e Reggio Calabria - Sardegna Est CATEGORIE DI ESPOSIZIONE PER CLASSE DI RUGOSITA', DISTANZA DAL MARE E QUOTA s.l.m.m. Coefficiente dinamico C d = Coefficiente topografico C t = 6 - Sardegna Ovest 7 - Liguria Classe di rugosità = D 8 - Trieste Categoria di esposizione = II 9 - Isole e mare aperto Carico medio sulle superfici verticali Q vento =q r C e C p C d = 89,96 dan/m² C p Valutazione pressioni interne (..8.) - Caso Struttura chiusa o avente aperture distribuite in maniera circa uniforme. S Carico del vento sul territorio nazionale Grado di bloccaggio Φ = Spazio al di sotto della tettoia completamente ostruito TABELLA 2..I Valori dei coefficienti di combinazione COEFFICIENTI DI FORMA PER IL CARICO VENTO Categoria/Azione variabile ψ,j ψ,j ψ 2,j Asta N Sezione Tipo α C pi pi C pe Categoria A - Ambienti ad uso residenziale Categoria B - Uffici Categoria C - Ambienti suscettibili di affollamento Categoria D - Ambienti ad uso commerciale Categoria E - Aree per immagazzinamento, uso commerciale e uso industriale, biblioteche, archivi, magazzini e ambienti ad uso industriale Categoria F - Rimesse, parcheggi ed aree per il traffico di veicoli (per autoveicoli di peso kn) Categoria G - Rimesse, parcheggi ed aree per il traffico di veicoli (per autoveicoli di peso > kn) Categoria H - Coperture accessibili per sola manutenzione Vento Neve (a quota m s.l.m.) Neve (a quota > m s.l.m.) Variazioni termiche,7,, HEA Colonna 9,,,7,7,, 2 IPE Trave,,,,7,7,6 IPE Trave -,,,,7,7,6 HEA Colonna 9, -,,6,,9,8 2 L8X8 Tirante,,,,7,7,6 6 IPE27 Sbalzo,,,,7,, 7 IPE27 Sbalzo -,,,,,,,,,,6,2,,,,,,2,,,,,7,,2,,,,6,,,,,

25 GEOMETRIA TELAIO e CONDIZIONI DI CARICO Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) GEOMETRIA STRUTTURA Nodo X - cm Y - cm Vincolo Asta N Sezione Tipo Nodo iniziale Nodo finale α pend % Svincolo i Svincolo f XYR HEA Colonna 2 9,,, IPE Trave 2, 2,%,,. 92 IPE Trave -, -2,%,,. XYR HEA Colonna 9,,, L8X8 Tirante 2,,%,, IPE27 Sbalzo 6 2, 2,%,, IPE27 Sbalzo 7 -, -2,%,, RAPPRESENTAZIONE GRAFICA NODI E ASTE CONDIZIONI DI CARICO CARATTERISTICHE COMUNI ASTE K semincastro = 2 % CONDIZIONI DI CARICO DESCRIZIONE COEFFICIENTI PARZIALI E = 2.. dan/cm² Altri carichi permanenti Carico Colmo G = dan/m Pp secondarie γ G =, γ M =, γ M =, 8 dan/m dan G 2 = 76 dan/m Permanenti γ G2 =, uniformemente distribuiti sulle colonne FALSO Q = 79 dan/m i max G = dan/m Permanenti γ G =, Neve al suolo o Accidentale γ Q =, Q 2 = dan/m Vento / C p γ Q2 =, max =,6 m Q = dan γ Q =, E V =W V S V = 6 dan/m Sisma Verticale γ E =, SCHEMA TELAIO E DEFORMATA

26 COMBINAZIONI DI CARICO SLU e SLE Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) Famiglia SLU Famiglia SLE rara Nome Pesi Permanenti Pesi Permanenti strutturali portati Neve Vento X Vento Y Nome strutturali portati Neve Vento X Vento Y SLU SLER SLU2, SLER2 SLU, SLER SLU, SLER, SLU,,9 SLER, SLU6,,9 SLER6 SLU7,9 SLER7,6 SLU8,9 SLER8,6 SLU9,7 SLER7,6 SLU,7,9 SLER8,6 SLU,7,9 SLER9, SLU2,7, SLER2,,6 SLU,7, SLER2,,6 SLU, SLU,, SLU6,, SLU7,, SLU8,,,9 SLU9,,,9 SLU2,,9 SLU2,,9 SLU22,,7 SLU2,,7,9 Famiglia SLE frequente SLU2,,7,9 Pesi Permanenti Nome SLU2,,7, strutturali portati Neve Vento X Vento Y SLU26,,7, SLEF SLU27, SLEF2,2 SLU28,, SLEF,2 SLU29,, SLEF,2 SLU,, SLU,,,9 SLU2,,,9 SLU,,9 SLU,,9 SLU,,7 SLU6,,7,9 SLU7,,7,9 SLU8,,7, SLU9,,7, Famiglia SLE quasi permanente SLU,, Pesi Permanenti Nome SLU,,, strutturali portati Neve Vento X Vento Y SLU2,,, SLE SLU,,, SLU,,,,9 SLU,,,,9 SLU6,,,9 SLU7,,,9 SLU8,,,7 SLU9,,,7,9 SLU,,,7,9 SLU,,,7, SLU2,,,7,

27 COMBINAZIONI DI CARICO SLD e SLV Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) Famiglia SLD Nome Eccentricità Eccentricità Pesi Permanenti Sisma X Sisma Y Sisma Z Y per sisma X per sisma strutturali portati Neve Vento X Vento Y SLV SLV SLV X SLV Y SLV SLD - -, -, SLD2 - -, -, SLD -, -, SLD -, -, SLD -, - -, SLD6 -, -, - SLD7 -, -, SLD8 -,, - SLD9, - -, SLD, -, - SLD, -, SLD2,, - SLD -, -, SLD -, -, SLD, -, SLD6, -, Famiglia SLV Nome Eccentricità Eccentricità Pesi Permanenti Sisma X Sisma Y Sisma Z strutturali portati Neve Vento X Vento Y Y per sisma X per sisma SLV SLV SLV X SLV Y SLV SLV - -, -, SLV2 - -, -, SLV -, -, SLV -, -, SLV -, - -, SLV6 -, -, - SLV7 -, -, SLV8 -,, - SLV9, - -, SLV, -, - SLV, -, SLV2,, - SLV -, -, SLV -, -, SLV, -, SLV6, -,

28 MODELLO F.E.M. Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO)

29 VERIFICA ASTE Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) RIEPILOGO ASTE I dettagli di verifica di tutte le aste sono riportati alle pagg. seguenti ASTA l=62 cm Colonna HEA S27 JR Classe Sez. W el y =.26 cm³ J y = 8.26 cm P p = 88 dan/m M y,rd =. danm sezione iniziale baffo h=,9< ad x=,9< ad x=l-9,2< sezione finale baffo h=2,86< f = L / 9 M y,ed T= = 27 danm Instabilità,99< l,y = 2, L l,z =, L λ max = 98 ASTA 2 l=. cm Trave IPE S27 JR Classe Sez. W el y =. cm³ J y =.7 cm P p = 78 dan/m M y,rd = danm sezione iniziale baffo h=9,92< ad x=2,< ad x=l-7,8< sezione finale baffo h=,2< f = L / 6 M y,ed T= = 8.77 danm Instabilità,969< l,y =, L l,z =,2 L λ max = 8 ASTA l=. cm Trave IPE S27 JR Classe Sez. W el y =. cm³ J y =.7 cm P p = 78 dan/m M y,rd = danm sezione iniziale baffo h=,2< ad x=7,8< ad x=l-2,< sezione finale baffo h=9,92< f = L / 829 M y,ed T= =.27 danm Instabilità,< l,y =, L l,z =,2 L λ max = 8 ASTA l=62 cm Colonna HEA S27 JR Classe Sez. W el y =.26 cm³ J y = 8.26 cm P p = 88 dan/m M y,rd =. danm sezione iniziale baffo h=,89< ad x=,9< ad x=l-9,8< sezione finale baffo h=2,9< f = L / 72 M y,ed T= = danm Instabilità,79< l,y = 2, L l,z =, L λ max = 98 ASTA l=. cm Tirante HEA S27 JR Classe Sez. W el y = 2 cm³ J y = cm P p = 88 dan/m M y,rd = 2 danm sezione iniziale baffo h=,669< ad x=,669< ad x=l-,669< sezione finale baffo h=,669< f = L / 26 M y,ed T= = danm Instabilità,< l,y =, L l,z =, L λ max = 2 ASTA 6 l=2 cm Sbalzo IPE27 S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 6 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,< ad x=,< ad x=l-,9< sezione finale baffo h=,9< f = L / 2 M y,ed T= = danm Instabilità,96< l,y =, L l,z =,6 L λ max = 8 ASTA 7 l=2 cm Sbalzo IPE27 S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 6 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,896< ad x=,896< ad x=l-,< sezione finale baffo h=,< f = L / 26 M y,ed T= = danm Instabilità,9< l,y =, L l,z =,6 L λ max = 8 ASTA 8 l= cm HEA S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 88 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,< ad x=,< ad x=l-,< sezione finale baffo h=,< #DIV/! M y,ed T= = danm Instabilità #DIV/! l,y =, L l,z = #DIV/! λ max = #DIV/! ASTA 9 l= cm HEA S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 88 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,< ad x=,< ad x=l-,< sezione finale baffo h=,< #DIV/! M y,ed T= = danm Instabilità #DIV/! l,y =, L l,z = #DIV/! λ max = #DIV/! ASTA l= cm HEA S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 88 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,< ad x=,< ad x=l-,< sezione finale baffo h=,< #DIV/! M y,ed T= = danm Instabilità #DIV/! l,y =, L l,z = #DIV/! λ max = #DIV/! ASTA l= cm HEA S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 88 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,< ad x=,< ad x=l-,< sezione finale baffo h=,< #DIV/! M y,ed T= = danm Instabilità #DIV/! l,y =, L l,z = #DIV/! λ max = #DIV/! ASTA 2 l= cm HEA S27 JR Classe Sez. W el y = 29 cm³ J y =.79 cm P p = 88 dan/m M y,rd =.26 danm sezione iniziale baffo h=,< ad x=,< ad x=l-,< sezione finale baffo h=,< #DIV/! M y,ed T= = danm Instabilità #DIV/! l,y =, L l,z = #DIV/! λ max = #DIV/!

30 VERIFICHE SLD/SLE - TRASCURABILITA IMPERFEZIONI E DEFORMAZIONI Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) VERIFICA SLE VERIFICA SLD ASTA η Max =, cm = L / 228 NODO η B,SLD =, cm < 7,29 cm ASTA 2 η Max =,6 cm = L / 2727 NODO 2 η B,SLD =, cm < 7,29 cm ASTA η Max =,6 cm = L / 2727 NODO η B,SLD =,6 cm < 7,29 cm ASTA η Max =, cm = L / 228 NODO η B,SLD =, cm < 7,29 cm ASTA η Max =, cm = L /> NODO η B,SLD =,7 cm < 7,29 cm ASTA 6 η Max =, cm = L / 99 NODO 6 η B,SLD =,7 cm < 7,29 cm ASTA 7 η Max =, cm = L / 99 NODO 7 η B,SLD =, cm < 7,29 cm ASTA 8 η Max = NODO 8 η B,SLD =, cm < 7,29 cm ASTA 9 η Max = NODO 9 η B,SLD =, cm < 7,29 cm ASTA η Max = NODO η B,SLD =, cm < 7,29 cm ASTA η Max = NODO η B,SLD =, cm < 7,29 cm ASTA 2 η Max = NODO 2 η B,SLD =, cm < 7,29 cm EFFETTO DELLE DEFORMAZIONI ( NTC28) EFFETTO DELLE IMPERFEZIONI ( NTC28) α cr = N cr / N Ed = π² E J/L o ² /N ed = 2, H ed >, Q Ed 2.9 >.6 SISMA Fattore di struttura q =, η B,SLD =,8 cm Sd =F O/cos β=.29 dan β = 6,7 Incremento per eccentricità Periodo di vibrazione - oscillatore semplice S O (T) =,9 sezione Ø 2 A=,2 cm² - Classe sez. accidentale % T = 2 π m/k =,269 s F O =.8 dan F O sisma =.9 dan S27 JR R d =.82 dan S d / R d =,9< VENTO Superficie di influenza* 27, m² VERO F O vento =.2 dan Verifica sulla colonna Passi controventati CARROPONTE Ton R max = dan F O carroponte = dan 2 F O = 9.6 dan Superficie di influenza 88,6 m² S d =F O/cos β= 2.6 dan β = 2,7 VERIFICA CONTROVENTATURA DI PARETE - Vedi verifica controcollonne allegata VERIFICA CONTROVENTI DI FALDA Giunzione a taglio Resistenza giunzione Ø 27 8,8 Schema a pendolo inverso incastrato al piede VERIFICA GIUNZIONE R U,Rd =.69 dan,927< sezione Ø 2 S27 JR A=, cm² Classe sez. Verifica tra le colonne R d = 2.96 cm S d / R d =,9< Passi controventati - Giunzione a taglio Resistenza giunzione Ø 2 8,8 VERIFICA GIUNZIONE R U,Rd = 2.6 dan,98< F O

31 DETTAGLIO DEI CARICHI NELLE COMINAZIONI PIU' GRAVOSE Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) Asta N I carichi concentrati si intendono applicati all'estremità finale dell'asta CARICHI SULLE ASTE E SUI NODI Combinazioni SLU - [ γ G G k +γ Q Q +γ Q2 ψ,2 Q 2 ] SLU2 - [ γ G G k +γ Q2 Q 2 +γ Q ψ, Q ] Distribuiti Perpendicolari Concentrati Concentrati Distribuiti Perpendicolari Concentrati Concentrati Lunghezza Peso proprio Verticali all'asta Orizzontali Verticali Verticali all'asta Orizzontali Verticali Sezione Tipo cm dan/m dan/m dan/m dan dan dan/m dan/m dan dan 62 HEA 88 Colonna IPE 78 Trave IPE 78 Trave HEA 88 Colonna L8X8 9 Tirante 6 2 IPE27 6 Sbalzo IPE27 6 Sbalzo.9 69 Asta N CARICHI SULLE ASTE E SUI NODI Combinazioni SLV - [ E+G k +ψ 2, Q +ψ 2,2 Q 2 ] - Sismica SLE - [ G k +ψ 2, Q +ψ 2,2 Q 2 ] - Quasi Permanente Distribuiti Perpendicolari Concentrati Concentrati Distribuiti Perpendicolari Concentrati Concentrati Lunghezza Peso proprio Verticali all'asta Orizzontali Verticali Verticali all'asta Orizzontali Verticali Sezione Tipo cm dan/m dan/m dan/m dan dan dan/m dan/m dan dan 62 HEA 88 Colonna IPE 78 Trave IPE 78 Trave HEA 88 Colonna L8X8 9 Tirante 6 2 IPE27 6 Sbalzo IPE27 6 Sbalzo , 2,2 2, 2,2 TAGLIANTE TOTALE 2.9 SLD - [ E+G k +ψ, Q ] F d,sld = 7 dan/m

32 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA CARICHI E DEFORMATA Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) CARICHI DISTRIBUITI PERPENDICOLARI ALLE ASTE NELLA COMBINAZIONE SLU - Valori in dan/m REAZIONI VINCOLARI NELLA COMBINAZIONE SLU - Valori in dan e danm

33 VERIFICA SUGLI SPOSTAMENTI MASSIMI DI INTERPIANO Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) Nodo X - cm DETTAGLI DEGLI SPOSTAMENTI DEI NODI ALLO S.L.D. ( NTC28) Y - cm Vincolo X - cm Y - cm α - gradi d r max - cm d r amm - cm r max r amm XYR,,,, < 7, ,,2 -,, < 7,29. 92,6 2,8,7,6 < 7,29. XYR,,,, < 7,29. 62,7,2 -,266,7 < 7,29 6-7,7 -,29 -,29,7 < 7, , 2, -,6, < 7,29 Tamponamenti progettati in modo da non subire danni a seguito di spostamenti di interpiano. IDENTIFICAZIONE DEI NODI

34 VERIFICA SUGLI SPOSTAMENTI MASSIMI DI INTERPIANO Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) DIAGRAMMA DELLO SFORZO NORMALE NELLA COMBINAZIONE SLU - Valori in dan DIAGRAMMA DEL TAGLIO NELLA COMBINAZIONE SLU - Valori in dan

35 VERIFICA SUGLI SPOSTAMENTI MASSIMI DI INTERPIANO Lugli Celeste Az Agr - Stalla 7 - Soliera (MO) DIAGRAMMA DEL MOMENTO FLETTENTE NELLA COMBINAZIONE SLU - Valori in danm DEFORMATA AMPLIFICATA NELLA COMBINAZIONE SLU

36 PERICOLOSITA' SISMICA DI BASE DEFINIZIONE DEI PARAMETRI SISMICI - a g, F, T * C PER IL SITO DI INTERVENTO con riferimento ai dati di Tabella - "Tabella Parametri Spettrali" allegata alle NTC28 Numero Coordinate Distanza SLD - Tr = anni-pvr=6% SLV - Tr =7 anni-pvr=% ID Lon - Est Lat - Nord dal sito a g / F o * T C a g / F o * T C ID 6,968,779,6,82 2,6,267,8 2,87,272 ID 86,88867,766,98,76 2,2,267,62 2,27,276 ID 87,989,7798,8,727 2,2,267,8 2,86,272 ID 6,8866,76,2, 2,6,2662,7 2,89,27 Sito di riferimento,926,79 /,67 2,7,267,7 2,78,279 Latitudine - Nord,82 Valori ottenuti per interpolazione secondo la formula [] - Allegato A - N.T.C. 28 9, RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELL'UBICAZIONE DEI PUNTI DI RIFERIMENTO DELLA GRIGLIA E DEL SITO DI COSTRUZIONE,8,78,76,7 ID 6 ID 6 Sito di riferimento,72 ID 86 ID 87,7,68,66,6,8,8,9,9,, Longitudine - Est PARAMETRI ADOTTATI PER LA DEFINIZIONE DEL SISMA Commessa Lugli Celeste Az Agr - Essicatoio 8 - Soliera (MO) Vita nominale V N = anni Classe d'uso II Vita di riferimento V R = anni Coefficiente d'uso C U =, Coeff. di amplificazione topografica S T =, Zona sismica Categoria suolo Depositi di terreni a grana grossa mediamente addensati o terreni a grana fina mediamente consistenti con profondità del substrato superiori a m, caratterizzati da un miglioramento delle proprietà meccaniche con la profondità e da valori di velocità equivalente compresi tra 8 m/s e 6 m/s. C

37 VERIFICA PROFILI IN ACCIAIO Descrizione : Lugli Celeste Az Agr - Essicatoio 8 - Soliera (MO) Arcarecci di falda Caratteristiche sezione: Omega 8xx 2/ S27 JR GL2h Lamellare spigolati FALSO P p = 8, dan/m b = mm h = 8 mm A eff = 9,8 cm 2 t = 2, mm c = mm W Y,eff = 6, cm γ = 7.8 dan/m J Y,eff = 99,6 cm in acciaio tipo Classe di servizio 2 W Z,eff = 2,9 cm Kmod,def =, J Z,eff = 22, cm Km =,7 E = 2.. dan/cm² Kh =, F y = 2.7 dan/cm² F m,d = dan/cm² β = 2, % =,,97 Schema statico: L Netta = cm L App = - cm L Calc = 87 cm a = cm VERO i = 2, cm = N 9 + resto sul colmo,8 cm Analisi dei carichi: Peso proprio Pannelli Sandwich Coibentaz. + Imperm. Coppi o tegole Accidentale 6 dan/m² G k, = 6 dan/m² γ G =, dan/m² G k,2 = dan/m² γ G2 =, dan/m² Q k, = 2 dan/m² γ Q =, dan/m² Q k,2 max = dan/m² γ M =, 2 dan/m² Q k,2 min = -8 dan/m² C P Max =, F d Esercizio = G k,2 +Q,k = dan/m² F dl i = 29 dan/m C P Min = -,9 F d Limite =γ G G k, +γ G2 G k,2 + γ q Q k,+ γ q ψ,v Q k,2 = Verifica SLU - Fd nella combinazione più gravosa F dl Y = 288 dan/m ψ,vento =,6 F dl Z = dan/m ψ 2,Vento = σ m,y-z,d M Y, Ed = F dl Y L 2 / 8 = 288,87² / 8 = 82 danm 8, dan/cm² M Z, Ed = F dl Z L 2 / 8 =,87² / 8 = 6 danm 6,2 dan/cm² M y,r = fy Wy / γ =.6,6 danm Vs =.2 dan M z,r = fy Wz / γ = 67,2 danm Vr = 8.8 dan M y,s / M y,r + M z,s / M z,r =,986 < Vs / Vr =,7 < Verifica SLE - Fd nella combinazione più gravosa asse y'-y' asse x'-x' totale,986 < W sbalzo=, cm = L / #DIV/! W inst = /8 F dl L /EJ=,2,8,2 cm = L /.9 W acc = /8 F dl L /E J=,6,8, cm = L / 8 W fin = W inst + W acc =,9,7,69 cm = L / 288 Verifica ancoraggio arcarecci Verifica pendini Ø2 9 dan,6 < V S,Z = VERIFICA SENZA SBALZI 6 dan 222 dan/m² Coefficienti Giunzione a taglio con 2Ø2-8,8 AR V R,Z = 67 dan,2 <

38 ANALISI DEI CARICHI e COEFFICIENTI DI CALCOLO - ª parte Lugli Celeste Az Agr - Essicatoio 8 - Soliera (MO) ANALISI AZIONE DEL CARICO SISMICO (ANALISI LINEARE STATICA NTC28) V N = anni C LASSE USO =II C U =, Periodo di riferimento V R = anni Suolo C Cat. topografica T Superficie pianeggiante, pendii e rilievi isolati con inclinazione media i S T =, Zona sismica = Coordinate Est/Nord del sito di riferimento E=,926 N=,79 Stato limite di danno - SLD Stato limite di salvaguardia della vita - SLV Periodo di riferimento T R = anni con prob. di superamento P VR = 6% Periodo di riferimento T R = 7 anni con prob. di superamento P VR = % a g =,6 g F o = 2,6 T * C =,267 a g =,7 g F o = 2,72 T * C =,272 T B =, T C =, T D =,82 T B =,6 T C =,9 T D = 2,2 S S =,7 C C =,6 S =,7 S S =,7 C C =,6 S =,7 d g =, cm V g =,78 cm/s ANALISI DEL SISMA - Lineare statica ( 7...2) COEFFICIENTI DI COMBINAZIONE DEI CARICHI ACCIDENTALI CON L'AZIONE SISMICA Periodo del modo vibrare principale T =2 d /2 =,88 s ψ 2, neve =, ψ 2, vento =, ψ 2, acc =, T < T C x 2, =,97 s T < T D = 2,2 s Effetto delle non linearità geometriche sull'analisi sismica θ = P d r /(V h) =, <, L'effetto è trascurabile Spettro di progetto SLD Masse e forze Incremento per eccentricità accidentale % Masse e forze Spettro di progetto SLV S Vert (T) =, W v - SLD = dan/m F O - SLD F O - SLV W v - SLV = dan/m S Vert (T) =, S Orizz (T) =,72 E v - SLD = dan/m 2 dan 29 E v - SLV = dan/m S Orizz (T) =,2 Struttura intelaiata NON dissipativa Struttura regolare in pianta : No Struttura regolare in altezza : Si q CD"B" = K R =, Fattori di struttura q ND ND =, q vert =, vert,6 SPETTRI DI PROGETTO PER LA COMPONENTE ORIZZONTALE DEL SISMA,,,,2,,, 2 2,, SLC SLV SLD SLO

39 ANALISI DEI CARICHI e COEFFICIENTI DI CALCOLO - 2ª parte Lugli Celeste Az Agr - Essicatoio 8 - Soliera (MO) ANALISI AZIONE DEL CARICO NEVE - NTC28 Zona = Mediterranea Q slm = 28 m Carico al suolo q sk = dan/m² µ =,8 Aree in cui non è presente una significativa rimozione di neve sulla costruzione prodotta dal vento, a causa del terreno, altre costruzioni o alberi. Coefficiente di esposizione C E =, Coefficiente termico C t =, Carico sulla copertura q sk = µ q sk C E C t = 2 dan/m² 2 Zona I Alpina Aosta, Belluno, Bergamo, Biella, Bolzano, Brescia, Como, Cuneo, Lecco, Pordenone, Sondrio, Torino, Trento, Udine, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Vicenza Zona I Mediterranea Alessandria, Ancona, Asti, Bologna, Cremona, Forlì-Cesena, Lodi, Milano, Modena, Monza Brianza, Novara, Parma, Pavia, Pesaro e Urbino, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Treviso, Varese Zona II Zona III Arezzo, Ascoli Piceno, Avellino, Bari, Barletta-Andria-Trani, Benevento, Campobasso, Chieti, Fermo, Ferrara, Firenze, Foggia, Frosinone, Genova, Gorizia, Imperia, Isernia, L Aquila, La Spezia, Lucca, Macerata, Mantova, Massa Carrara, Padova, Perugia, Pescara, Pistoia, Prato, Rieti, Rovigo, Savona, Teramo, Trieste, Venezia, Verona Agrigento, Brindisi, Cagliari, Caltanissetta, Carbonia-Iglesias, Caserta, Catania, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Enna, Grosseto, Latina, Lecce, Livorno, Matera, Medio Campidano, Messina, Napoli, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Palermo, Pisa, Potenza, Ragusa, Reggio Calabria, Roma, Salerno, Sassari, Siena, Siracusa, Taranto, Terni, Trapani, Vibo Valentia, Viterbo Carico della neve sul territorio nazionale

Recapito Articolazione cinque giorni. Allegato Z

Recapito Articolazione cinque giorni. Allegato Z Recapito Articolazione cinque giorni Allegato Z e nuovo assetto Allegato Z: e nuovo assetto 2 in CALABRIA CALABRIA Catanzaro 247-13 -14-27 220 4 CALABRIA CALABRIA Cosenza 490-14 -37-51 439 6 CALABRIA CALABRIA

Dettagli

Popolazione di 15 anni e oltre per sesso, classe di età, regione e provincia - Anno 2012 (dati in migliaia)

Popolazione di 15 anni e oltre per sesso, classe di età, regione e provincia - Anno 2012 (dati in migliaia) Popolazione di 15 anni e oltre per sesso, classe di età, regione e provincia - Anno 2012 (dati in migliaia) Maschi Femmine Maschi e femmine 15-24 25-54 55 e oltre 15-24 25-54 55 e oltre 15-24 25-54 55

Dettagli

CCIAA MACERATA - Imprese attive partecipate prevalentemente da Stranieri Regioni e Province italiane - Serie trimestrale

CCIAA MACERATA - Imprese attive partecipate prevalentemente da Stranieri Regioni e Province italiane - Serie trimestrale CCIAA MACERATA - Imprese attive partecipate prevalentemente da Stranieri Regioni e Province italiane - Serie trimestrale Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia-Romagna Friuli-Venezia Giulia Lazio

Dettagli

Abruzzo. Basilicata. Calabria. Campania. Emilia-Romagna. Friuli-Venezia Giulia. Lazio. Liguria. Lombardia. Marche

Abruzzo. Basilicata. Calabria. Campania. Emilia-Romagna. Friuli-Venezia Giulia. Lazio. Liguria. Lombardia. Marche CCIAA MACERATA - Quota percentuale delle Imprese attive partecipate prevalentemente da Stranieri sul totale delle Imprese attive nel territorio - Regioni e Province italiane - Serie trimestrale Regione

Dettagli

FASI - Federazione Italiana Arrampicata Sportiva - 01 Dati provinciali assoluti 2001

FASI - Federazione Italiana Arrampicata Sportiva - 01 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 12 581 123 12 5 2 7 574 581 60 47 12 59 4 123 8 8 131 VERCELLI 0 7 0 0 0 0 0 7 7 0 0 0 0 0 0 0 0 0 BIELLA 1 27 7 1 0 0 0 27 27 5 2 0 2 0 7 0 0 7 VERBANIA 0 41 2 0 1 0 1 40 41 0 2 0 2 0

Dettagli

FIPT - Federazione Italiana Palla Tamburello - 09 Dati provinciali assoluti 2001

FIPT - Federazione Italiana Palla Tamburello - 09 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 5 39 5 5 31 8 39 4 0 1 5 2 2 7 VERCELLI 0 28 3 0 24 4 28 2 1 0 3 1 1 4 BIELLA 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 VERBANIA 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 NOVARA 1 90 11 1 67 23 90 10 0 1 11 1 1 12

Dettagli

FID - Federazione Italiana Dama - 05 Dati provinciali assoluti 1999

FID - Federazione Italiana Dama - 05 Dati provinciali assoluti 1999 PIEMONTE TORINO 1 72 7 1 47 0 47 25 72 4 3 7 4 4 11 VERCELLI 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 BIELLA 1 21 4 1 12 0 12 9 21 4 0 4 1 1 5 VERBANIA 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 NOVARA 1 27 5 1 22 0 22 5 27 4

Dettagli

FITAV - Federazione Italiana Tiro a Volo - 41 Dati provinciali assoluti 2001

FITAV - Federazione Italiana Tiro a Volo - 41 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 16 732 149 16 712 20 732 120 7 22 149 2 2 151 VERCELLI 2 121 17 2 117 4 121 14 0 3 17 1 1 18 BIELLA 1 42 8 1 40 2 42 7 0 1 8 1 1 9 VERBANIA 1 7 8 1 7 0 7 7 0 1 8 1 1 9 NOVARA 5 246 44 5

Dettagli

FISI - Federazione Italiana Sport Invernali - 35 Dati provinciali assoluti 2001

FISI - Federazione Italiana Sport Invernali - 35 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 67 6091 1236 67 19 86 644 199 843 3744 1504 5248 6091 617 139 414 553 66 1236 10 10 1246 VERCELLI 9 596 208 9 11 20 32 9 41 412 143 555 596 101 28 69 97 10 208 10 10 218 BIELLA 17 1112

Dettagli

Osservatorio sul Reddito di Cittadinanza

Osservatorio sul Reddito di Cittadinanza Osservatorio sul Reddito di Cittadinanza Elaborazione CGIL su Dati INPS del 19/09/2019 1 Reddito di cittadinanza: numero assegni ogni 1000 abitanti 100,00 90,00 80,00 70,00 60,00 RdC/1000ab 86,22 50,00

Dettagli

CCIAA MACERATA - Variazione tendenziale* delle Imprese attive partecipate prevalentemente da Stranieri Regioni e Province italiane - Serie trimestrale

CCIAA MACERATA - Variazione tendenziale* delle Imprese attive partecipate prevalentemente da Stranieri Regioni e Province italiane - Serie trimestrale CCIAA MACERATA - Variazione tendenziale* delle Imprese attive partecipate prevalentemente da Stranieri Regioni e Province italiane - Serie trimestrale Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia-Romagna

Dettagli

TABELLA 1: IMPOSTE SUI REDDITI DELLE PERSONE FISICHE

TABELLA 1: IMPOSTE SUI REDDITI DELLE PERSONE FISICHE TABELLA 1: IMPOSTE SUI REDDITI DELLE PERSONE FISICHE 2006-2016 TIPOLOGIA 2016 2006 % ADDIZIONALI REGIONALI 11.948.278 7.466.951 4.481.327 60,02% ADDIZIONALI COMUNALI 4.749.799 1.684.910 3.064.889 181,90%

Dettagli

Articolazione cinque giorni. Allegato C Consistenze

Articolazione cinque giorni. Allegato C Consistenze Articolazione cinque giorni Allegato C Consistenze Allegato C: Consistenze CMP 1 CMP sede consistenze consistenze lug-2010 a tendere PESCARA 256 230 LAMEZIA TERME 235 214 NAPOLI 702 678 BOLOGNA 958 920

Dettagli

FIPSAS - Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subaquee - 26 Dati provinciali assoluti 2001

FIPSAS - Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subaquee - 26 Dati provinciali assoluti 2001 sportive tesserati operatori sportive adulti omaggio tesserati societari di gara operatori federali altri generale PIEMONTE TORINO 101 7760 673 101 6974 734 52 7760 477 150 46 673 6 6 679 VERCELLI 59 3401

Dettagli

APPENDICE STATISTICA

APPENDICE STATISTICA APPENDICE STATISTICA Tavola A1 - Statistiche sulla distribuzione del premio... 10 Tavola A2 - ibuzione del premio... 10 Tavola A3 - per classe di età... 11 Tavola A4 - per classe di età... 11 Tavola A5

Dettagli

AZIONI SULLE STRUTTURE AZIONE DELLA NEVE. DISCLAIMER 4 ottobre 2011 AzioniNVRev0 Pagina 1 di 6

AZIONI SULLE STRUTTURE AZIONE DELLA NEVE. DISCLAIMER 4 ottobre 2011 AzioniNVRev0 Pagina 1 di 6 AZIONI SULLE STRUTTURE Gentile Professionista, nel presente documento sono riportati i valori approssimati (per eccesso) delle azioni da neve e da vento utilizzabili per il dimensionamento di strutture

Dettagli

Morosità / Altra causa TOTALE

Morosità / Altra causa TOTALE Situazione regionale Tab. 1 Regioni Piemonte 3 2 138 64 4.769 2.131 7.107 6,70 5.032-8,36 1.731-2,20 Valle d'aosta 0 0 21 6 92 90 209 4,50 458 2,92 62-15,07 Lombardia 0 1 189 495 4.263 9.089 14.037-8,77

Dettagli

Articolazione cinque giorni Allegato C Consistenze

Articolazione cinque giorni Allegato C Consistenze Articolazione cinque giorni Allegato C Consistenze Allegato C: Consistenze CMP 2 CMP AS IS sede consistenze consistenze lug-2010 a tendere PESCARA 256 230 LAMEZIA TERME 235 214 NAPOLI 702 678 BOLOGNA 958

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Attribuzione funzioni aggiuntive al personale A.TA. a.s. 2001/02

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Attribuzione funzioni aggiuntive al personale A.TA. a.s. 2001/02 Chieti 3 86 118 204 86 157 272 515 29 33 62 784 1.156.000.000 L' Aquila 2 82 94 176 82 134 227 443 22 30 52 673 991.600.000 Pescara 2 66 91 157 66 102 169 337 20 22 42 538 806.400.000 Teramo 1 66 85 151

Dettagli

Morosità / Altra causa. Regioni. Finita locazione. Necessità locatore TOTALE

Morosità / Altra causa. Regioni. Finita locazione. Necessità locatore TOTALE Situazione regionale Tab. 1 Regioni Necessità locatore Finita locazione causa TOTALE Piemonte 0 3 172 216 3.385 3.144 6.920 65,79 13.519 55,84 4.992 143,63 Valle d'aosta 0 0 1 1 68 76 146-4,58 335-19,47

Dettagli

AeCI - Aereo Club d'italia - 01 Dati provinciali assoluti 2001

AeCI - Aereo Club d'italia - 01 Dati provinciali assoluti 2001 territoriali (altri altri nuclei motore / diporto modell. (amatori) aggregati tesserati nuclei) vela o sportivo PIEMONTE TORINO 1 247 26 1 5 6 245 0 0 0 2 247 26 1093 1366 0 VERCELLI 1 150 15 1 0 1 89

Dettagli

segue 2015 Province e Regioni

segue 2015 Province e Regioni ESPORTAZIONI (valori assoluti in migliaia di euro) delle italiane 2016 2016 Torino 4.955.184 5.355.571 Perugia 641.629 714.548 Vercelli 444.448 531.100 Terni 276.224 269.552 Novara 1.136.612 1.199.391

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE: DSGA

PROFILO PROFESSIONALE: DSGA Personale A.T.A. Determinazione contingente per: Mobilità professionale biennio 2009/10 e 2010/11 PROFILO PROFESSIONALE: DSGA Provincia Posti x mobilità professionale per il biennio 2009/10-2010/11 Chieti

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELL'IMMIGRAZIONE DIV. II DPCM 30.11.2010 - Domande e quote di conversione: da permesso di soggiorno CE per soggiornanti lungo periodo

Dettagli

DATI NAZIONALI TOTALE NORD CENTRO SUD ESTERO B + D + UK ABITANTI X 1 ISCRITTO AL PRC

DATI NAZIONALI TOTALE NORD CENTRO SUD ESTERO B + D + UK ABITANTI X 1 ISCRITTO AL PRC DATI NAZIONALI 13.677 2.254 1.324 1.921 52 49 1.881 12.317 10.844 9.056 12.993 10.884 32.306 37.566 NORD CENTRO SUD ESTERO B + D + UK TOTALE 2011 2012 ABITANTI X 1 ISCRITTO AL PRC DATI NAZIONALI REGIONI

Dettagli

Provvedimenti di sfratto emessi. Variazione % rispetto al periodo precedente. Variazione % rispetto al periodo precedente. Sfratti eseguiti (**)

Provvedimenti di sfratto emessi. Variazione % rispetto al periodo precedente. Variazione % rispetto al periodo precedente. Sfratti eseguiti (**) % Alessandria 0 0 19 14 236 369 638 14,13 595 31,06 186 22,37 Asti 0 0 9 0 342 0 351 15,84 587 19,80 143 8,33 Biella 0 0 8 5 222 49 284 12,70 0 161 49,07 Cuneo 0 0 4 33 114 448 599-14,79 772-24,39 388-2,76

Dettagli

Variazione % rispetto al periodo precedente. Variazione % rispetto al periodo. Sfratti eseguiti (**) Richieste di esecuzione (*) Variazione % Province

Variazione % rispetto al periodo precedente. Variazione % rispetto al periodo. Sfratti eseguiti (**) Richieste di esecuzione (*) Variazione % Province Tab. 1 Necessità locatore Finita locazione Richieste di esecuzione (*) causa TOTALE Alessandria 0 0 18 12 229 365 624-2,19 627 5,38 143-23,12 Asti 0 0 0 0 299 0 299-14,81 685 16,70 194 35,66 Biella 0 0

Dettagli

DATI STATISTICI Dati provvisori aggiornati al 4 settembre 2019

DATI STATISTICI Dati provvisori aggiornati al 4 settembre 2019 DATI STATISTICI Dati provvisori aggiornati al 4 settembre 2019 Tavola 1 - richiedenti Rdc/PdC per esito domanda e regione Accolte In lavorazione Respinte/Cancellate Totale Regione e Valori assoluti % Valori

Dettagli

PROVINCE CLASSI DI SCOPPIO DIESEL TOTALE REGIONI POTENZA N. CV N. CV N. CV

PROVINCE CLASSI DI SCOPPIO DIESEL TOTALE REGIONI POTENZA N. CV N. CV N. CV TAV.20 - Altre macchine agricole operatrici e motori vari nazionali ed estere secondo la classe di potenza ed il ciclo motore Province - Regioni - Ripartizioni - Situazione al 31 XII 2002 PROVINCE CLASSI

Dettagli

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 31 Maggio 2007

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 31 Maggio 2007 Comunicazioni inviate dai contribuenti al 31 Maggio 2007 Si precisa che dal mese di Marzo 2002 le comunicazioni conteggiate sono comprensive di quelle inviate dai Centri Di Servizio non più competenti.

Dettagli

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 30 Giugno 2007

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 30 Giugno 2007 Comunicazioni inviate dai contribuenti al 30 Giugno 2007 Si precisa che dal mese di Marzo 2002 le conteggiate sono comprensive di quelle inviate dai Centri Di Servizio non più competenti. IL DIRETTORE

Dettagli

nota (*) la provincia attualmente rientra nel parametro di 1000 alunni in media ogni istituto del I ciclo pag. 1 di 5

nota (*) la provincia attualmente rientra nel parametro di 1000 alunni in media ogni istituto del I ciclo pag. 1 di 5 studio medio le istituti.xls istituzioni calcolo ottimale (circoli didattici, montagna gli alunni ) al in Abruzzo Chieti 39.057 56 39 17 30 Abruzzo L' Aquila 39.084 45 39 6 13 Abruzzo Pescara 32.239 39

Dettagli

Valle D'Aosta Aosta Totale

Valle D'Aosta Aosta Totale Statistica furti e rinvenimenti mezzi - 2004 Piemonte Alessandria 39 32 29 52 34 32 17 14 Asti 4 8 5 16 3 4 5 25 Biella 5 9 0 3 3 4 4 3 Cuneo 4 13 15 20 5 8 2 8 Novara 19 29 31 21 8 7 20 11 Torino 243

Dettagli

Interscambio commerciale italiano in valore per REGIONE e PROVINCIA

Interscambio commerciale italiano in valore per REGIONE e PROVINCIA Interscambio commerciale italiano in valore per REGIONE e PROVINCIA Calzature & Parti di calzature ANNO 2017 (12 mesi) Dati territoriali trimestrali riferiti al gruppo CB152-Calzature della classificazione

Dettagli

CICLOMOTORI RUBATI CICLOMOTORI RINVENUTI REGIONI PROVINCIE

CICLOMOTORI RUBATI CICLOMOTORI RINVENUTI REGIONI PROVINCIE Piemonte Alessandria 159 102 125 117 85 124 60 40 35 26 27 36 Asti 112 81 75 59 41 45 31 23 42 24 10 13 Biella 87 63 56 65 42 41 13 13 19 21 22 9 Cuneo 150 110 131 134 69 52 19 26 31 35 31 17 Novara 177

Dettagli

Valle D'Aosta Aosta Totale

Valle D'Aosta Aosta Totale Piemonte Alessandria 878 557 963 681 549 622 578 369 813 518 486 399 Asti 828 525 670 470 312 372 594 400 551 351 253 285 Biella 116 107 161 82 86 102 66 59 105 59 54 45 Cuneo 643 549 561 491 374 425 370

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale dell Immigrazione

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale dell Immigrazione MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale dell Immigrazione D.P.C.M. 3 dicembre 2008 Ripartizione territoriale delle quote d ingresso Circolare 7/2009 Allegato 1 Liguria

Dettagli

Valle D'Aosta Aosta Totale

Valle D'Aosta Aosta Totale Piemonte Alessandria 32 25 34 37 28 44 15 4 12 10 16 23 Asti 23 25 15 20 20 22 7 8 11 10 3 8 Biella 15 23 15 8 8 17 0 6 2 1 5 1 Cuneo 33 37 50 44 19 17 9 8 15 14 3 5 Novara 35 36 43 37 16 30 5 8 9 13 6

Dettagli

Tabella di dettaglio assunzioni docenti I grado 2012/2013

Tabella di dettaglio assunzioni docenti I grado 2012/2013 Tabella di dettaglio assunzioni docenti I grado 2012/2013 Regione Provincia Classe di Assunzioni concorso previste Abruzzo Chieti A028 3 Abruzzo Chieti A030 2 Abruzzo Chieti A032 0 Abruzzo Chieti A033

Dettagli

2010 MEDIA* 2010 CLASSIFICA

2010 MEDIA* 2010 CLASSIFICA Regioni, Province e Comuni Capoluogo di Provincia: il rating OSSERVATORIO DONNE NELLA PA R OMA, FORUM PA I Comuni Capoluogo: confronto / Tabella 1 i Comuni Capoluogo ELEZIONI COMUNE DONNE MEDIA* DONNE

Dettagli

Campagna Solleciti REDITA 2011 Suddivisione per Sede INPS

Campagna Solleciti REDITA 2011 Suddivisione per Sede INPS Campagna Solleciti REDITA 2011 Suddivisione per Sede INPS Cod. Sede INPS Totale per Sede Provincia Regione 0100 7.177 AGRIGENTO SICILIA 0101 2.186 AGRIGENTO SICILIA 0200 6.206 ALESSANDRIA PIEMONTE 0300

Dettagli

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 31 Ottobre 2006

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 31 Ottobre 2006 Comunicazioni inviate dai contribuenti al 31 Ottobre 2006 Si precisa che dal mese di Marzo 2002 le comunicazioni conteggiate sono comprensive di quelle inviate dai Centri Di Servizio non più competenti.

Dettagli

Serie storica delle rimesse dall Italia. (Dati in miliardi di euro e incidenza sul PIL) 5,67 5,44 5,36 5,19 5,14

Serie storica delle rimesse dall Italia. (Dati in miliardi di euro e incidenza sul PIL) 5,67 5,44 5,36 5,19 5,14 Serie storica delle rimesse dall Italia. (Dati in miliardi di euro e incidenza sul PIL) 7,88 7,18 7,07 5,67 5,44 5,36 5,19 5,14 6,20 0,41% 0,45% 0,42% 0,35% 0,33% 0,32% 0,30% 0,29% 0,35% 2010 2011 2012

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

Interscambio commerciale italiano in valore per REGIONE e PROVINCIA

Interscambio commerciale italiano in valore per REGIONE e PROVINCIA Interscambio commerciale italiano in valore per REGIONE e PROVINCIA Calzature & Parti di calzature ANNO 2016 (12 mesi) Fonte: COEWEB ISTAT (elaborazione Assocalzaturifici del 03/04/2017) Dati territoriali

Dettagli

Atlante italiano del clima e dei cambiamenti climatici. Tabelle climatiche per aree geografiche

Atlante italiano del clima e dei cambiamenti climatici. Tabelle climatiche per aree geografiche per aree geografiche Torino -2,2-1,8 1,3 3,9 8,5 12,0 14,7 14,2 11,1 7,0 1,6-1,5 5,7 Vercelli -1,9-1,2 2,1 5,2 9,9 13,5 15,9 15,7 12,2 7,9 2,4-1,1 6,7 Novara -0,9 0,2 4,0 7,4 12,2 15,9 18,4 18,0 14,3 9,6

Dettagli

Vittorio Degli Esposti, Nicoletta Zamboni, Ida Zanetti, Filippo Zanni

Vittorio Degli Esposti, Nicoletta Zamboni, Ida Zanetti, Filippo Zanni MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione il Coordinamento e gli Affari Economici Servizio per lo Sviluppo e il Potenziamento delle Attività di Ricerca

Dettagli

DITRIBUZIONE SU TERRITORIO ADERENTI AL FONDO PENSIONE FON.TE.

DITRIBUZIONE SU TERRITORIO ADERENTI AL FONDO PENSIONE FON.TE. DITRIBUZIONE SU TERRITORIO ADERENTI AL FONDO PENSIONE FON.TE. Aggiornamento al 15/10/2016 INDICE DISTRIBUZIONE ADERENTI AREA NAZIONALE... 2 DISTRIBUZIONE AREA CENTRO... 3 DISTRIBUZIONE LAZIO... 5 DISTRIBUZIONE

Dettagli

Scuola secondaria. Scuola elementare di I grado

Scuola secondaria. Scuola elementare di I grado Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 30.404 nomine per l'a.s. 2001/02 Personale docente materna elementare secondaria di I grado secondaria di II grado Sostegno contingente

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo CHIETI 55 71 98 87 - - - - 46 4 361 L'AQUILA 28 34 57 70 - - - - 25 6 220 PESCARA 43 22 76 84 - - - - 39 2 266 TERAMO 54 21 70 88 - - - - 33-266 ABRUZZO 180 148 301 329 - - - - 143 12 1.113 MATERA 28 33

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo CHIETI 55 71 98 87 - - - - 46 4 361 L'AQUILA 28 34 57 70 - - - - 25 6 220 PESCARA 43 22 76 84 - - - - 39 2 266 TERAMO 54 21 70 88 - - - - 33-266 ABRUZZO 180 148 301 329 - - - - 143 12 1.113 MATERA 28 33

Dettagli

FIB - Federazione Italiana Bocce - 07 Dati provinciali assoluti 2001

FIB - Federazione Italiana Bocce - 07 Dati provinciali assoluti 2001 FIB - Federazione Italiana Bocce - 07 Dati provinciali assoluti 2001 PROVINCIA Società Società Società Tesserati Tesserati Tesserati Tesserati Tesserati Tesserati società generale operatori sportive sportive

Dettagli

Disponibilità e contingente ATA per profilo professionale e area geografica a.s. 2008/09. Pag. 1 di 8

Disponibilità e contingente ATA per profilo professionale e area geografica a.s. 2008/09. Pag. 1 di 8 Collaboratore Scolastico Assistente Amministrativo Assistente Tecnico Collaboratore Scolastico Tecnico Cuoco (Addetto Aziende Agrarie) Disponibilità Contingente Disponibilità Contingente Disponibilità

Dettagli

Fonte: Direzione Risorse Umane e Organizzazione Data di pubblicazione: 19 aprile 2011

Fonte: Direzione Risorse Umane e Organizzazione Data di pubblicazione: 19 aprile 2011 Fonte: Direzione Risorse Umane e Organizzazione Data di pubblicazione: 19 aprile 2011 DATI RELATIVI ALLE ASSENZE E PRESENZE PER IL MESE DI MARZO 2011 DIREZIONE CENTRALE AMMINISTRAZIONE E FINANZA 55 1201

Dettagli

Direzione Affari Economi e Centro Studi. SETTORE COSTRUZIONI: VALORE AGGIUNTO Dati provinciali

Direzione Affari Economi e Centro Studi. SETTORE COSTRUZIONI: VALORE AGGIUNTO Dati provinciali Direzione Affari Economi e Centro Studi SETTORE COSTRUZIONI: VALORE AGGIUNTO Dati provinciali 16 settembre 2014 L Istat ha diffuso, nell ambito dei conti economici territoriali, i dati relativi al valore

Dettagli

1^ prova 2^ prova 3^ prova 4^ prova Totale di tutte le prove previste in CN Media Quorum Integrale Quorum Intero C.I. UNDER C.I. UNDER

1^ prova 2^ prova 3^ prova 4^ prova Totale di tutte le prove previste in CN Media Quorum Integrale Quorum Intero C.I. UNDER C.I. UNDER 1^ prova 2^ prova 3^ prova 4^ prova Totale di tutte le prove previste in CN Media Quorum Integrale Quorum Intero C.I. UNDER 18 2016 C.I. UNDER 14 2016 Campioni Provinciali 2017 Totali aventi diritto Ammessi

Dettagli

CCIAA MACERATA - Imprese Artigiane attive Regioni e Province italiane - Serie trimestrale

CCIAA MACERATA - Imprese Artigiane attive Regioni e Province italiane - Serie trimestrale CCIAA MACERATA - Imprese Artigiane attive Regioni e Province italiane - Serie trimestrale Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia-Romagna Friuli-Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche 2015 2016

Dettagli

Abruzzo. Basilicata. Calabria. Campania. Emilia-Romagna. Friuli-Venezia Giulia. Lazio. Liguria. Lombardia. Marche

Abruzzo. Basilicata. Calabria. Campania. Emilia-Romagna. Friuli-Venezia Giulia. Lazio. Liguria. Lombardia. Marche CCIAA MACERATA - Quota percentuale delle Imprese Artigiane attive sul totale delle Imprese attive nel territorio Regioni e Province italiane - Serie trimestrale Regione Abruzzo Basilicata Calabria Campania

Dettagli

Immissioni in ruolo docenti e ATA: modificato il contingente di assunzioni dei DSGA Scuola

Immissioni in ruolo docenti e ATA: modificato il contingente di assunzioni dei DSGA Scuola Immissioni in ruolo docenti e ATA: modificato il contingente di assunzioni dei DSGA 16-07-2008 Scuola Il Ministero ha comunicato oggi che sono stati autorizzati dal Ministero dell Economia solo 450 posti

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di nomine per l'a.s. 2006/07 Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di nomine per l'a.s. 2006/07 Personale docente ed educativo Provincia/regione Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 20.000 nomine per l'a.s. 2006/07 Personale docente ed educativo Contingente su posto normale Contingente su scuole

Dettagli

DI IMPRESE INDIVIDUALI

DI IMPRESE INDIVIDUALI A seguito dell attuazione della legge 28 gennaio 2009 n. 2 - di conversione del decreto-legge 29 novembre 2008 n. 185, in cui si prevede l abolizione del libro soci per le società a responsabilità limitata

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2019: aggiornamento al 31/07/2019 DATI INAIL PER PROVINCIA

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2019: aggiornamento al 31/07/2019 DATI INAIL PER PROVINCIA OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2019: aggiornamento al 31/07/2019 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2019: aggiornamento al 31/08/2019 DATI INAIL PER PROVINCIA

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2019: aggiornamento al 31/08/2019 DATI INAIL PER PROVINCIA OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2019: aggiornamento al 31/08/2019 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di

Dettagli

Posti disponibili Scuola dell'infanzia Situazione al 4 luglio 2005 Tipologia di Descrizione

Posti disponibili Scuola dell'infanzia Situazione al 4 luglio 2005 Tipologia di Descrizione Totale Abruzzo 257 Basilicata Matera AN comune 16 Basilicata Matera DH per minorati dell'udito 1 Basilicata Matera EH per minorati psicofisici 3 Basilicata Potenza AN comune 55 Basilicata Potenza CH per

Dettagli

Per altri motivi. Da altri Comuni. Dall'estero

Per altri motivi. Da altri Comuni. Dall'estero Tavola 1 - Popolazione residente e movimento anagrafico per regione e ripartizione - Anno 2002 REGIONI Nati vivi Movimento Da altri Comuni Iscritti Dall'estero Movimento migratorio Cancellati Per altri

Dettagli

attività gratuita per un sindacato associazioni in ecologiche, per i diritti civili, di altro tipo

attività gratuita per un sindacato associazioni in ecologiche, per i diritti civili, di altro tipo Misura per 100 persone con le stesse caratteristiche Tempo e frequenza 2015 2016 persone di 14 anni e più per attività sociale svolta negli ultimi 12 mesi attività attività attività riunioni in riunioni

Dettagli

REVISIONI CENTRI AUTORIZZATI. Andamento ultimi 10 anni e stime 2015

REVISIONI CENTRI AUTORIZZATI. Andamento ultimi 10 anni e stime 2015 CENTRI AUTORIZZATI Andamento ultimi 10 anni e stime 2015 (stime) *I dati sulle revisioni degli autoveicoli, motoveicoli e ciclomotori della regione Sicilia per il 2010 non sono disponibili perché non sono

Dettagli

Numero di Sportelli Bancari in Italia negli anni *

Numero di Sportelli Bancari in Italia negli anni * Numero di Bancari in Italia negli anni 1998-2009 * Analisi statistica a cura di: Dipartimento Ricerche - Tidona Comunicazione Data di pubblicazione: Marzo 2010 Per gli aggiornamenti visitare la pagina:

Dettagli

DATI RELATIVI ALLE ASSENZE E PRESENZE PER IL MESE DI DICEMBRE Tot. perc. Tot. perc. Struttura

DATI RELATIVI ALLE ASSENZE E PRESENZE PER IL MESE DI DICEMBRE Tot. perc. Tot. perc. Struttura DATI RELATIVI ALLE ASSENZE E PRESENZE PER IL MESE DI DICEMBRE 2014 Struttura presenza DIPENDENTI DISTACCATI 20 400 1 0,25 99,75 DIREZIONE CENTRALE PER L'EDUCAZIONE STRADALE, LA MOBILITA' E IL TURISMO DIREZIONE

Dettagli

Relazioni con i media tel ,

Relazioni con i media tel , Relazioni i media tel. 02.8515.5224, 335 6413321 www.milomb.camcom.it Lombardia e Italia, boom della ristorazione etnica, +40% in 5 anni 23 mila imprese in Italia, 6.503 in Lombardia A Milano il 40% della

Dettagli

DOCUMENTO PER LA PREPARAZIONE DEL SITO E DEL NEGOZIO ELETTRONICO CONSIP PC6 Portatili Lotto2

DOCUMENTO PER LA PREPARAZIONE DEL SITO E DEL NEGOZIO ELETTRONICO CONSIP PC6 Portatili Lotto2 DOCUMENTO PER LA PREPARAZIONE DEL SITO E DEL NEGOZIO ELETTRONICO CONSIP PC6 Portatili Lotto2 Nome Cognome Alessio POZZI +39 0226593357 +39 3486506109 alessio.pozzi@fujitsu-siemens.com PIEMONTE VAL D AOSTA

Dettagli

IMPRESE DEL SETTORE ANIMALI DOMESTICI IN LOMBARDIA

IMPRESE DEL SETTORE ANIMALI DOMESTICI IN LOMBARDIA IMPRESE DEL SETTORE ANIMALI DOMESTICI IN Provincia Produzion di prodotti pr l'alimntazion dgli da Imprs dl sttor attiv in Lombardia Imprs di Commrcio piccoli Srvizi di cura pr da % su tot 2015 2011 Variazion

Dettagli

Arrivi e presenze negli esercizi ricettivi per residenza dei clienti, provincia e regione - Anno 2002 (a)

Arrivi e presenze negli esercizi ricettivi per residenza dei clienti, provincia e regione - Anno 2002 (a) Tavola 2.16 - Arrivi e presenze negli esercizi ricettivi per residenza dei clienti, provincia e regione - Anno 2002 (a) Torino 713.289 2.289.268 336.758 1.031.454 1.050.047 3.320.722 Vercelli 44.074 226.099

Dettagli

Costruzioni: 136 mila imprese in Lombardia, 276 mila addetti e 30 miliardi di fatturato Perse 2 mila imprese in un anno e 13 mila in 5

Costruzioni: 136 mila imprese in Lombardia, 276 mila addetti e 30 miliardi di fatturato Perse 2 mila imprese in un anno e 13 mila in 5 Costruzioni: 136 mila imprese in Lombardia, 276 mila addetti e 30 miliardi di fatturato Perse 2 mila imprese in un anno e 13 mila in 5 Milano, 22 settembre 2016. 136 mila imprese, 276 mila addetti e 30

Dettagli

REFERENDUM 3 GIUGNO disciplina della caccia (dati ufficiali)

REFERENDUM 3 GIUGNO disciplina della caccia (dati ufficiali) 2 - disciplina della caccia (dati ufficiali) totali totali PIEMONTE ALESSANDRIA 180.555 201.896 382.451 90.503 96.679 187.182 48,9 157.420 90,1 17.263 9,9 174.683 12.499 6,7 8.093 4,3 ASTI 84.851 92.997

Dettagli

Articolazione cinque giorni Allegato S Reimpieghi Recapito

Articolazione cinque giorni Allegato S Reimpieghi Recapito Articolazione cinque giorni Allegato S Reimpieghi Recapito Allegato S: REIMPIEGHI RECAPITO ( e ) 2 n n per tot + CALABRIA CALABRIA Catanzaro 3 1 4 1 5 CALABRIA CALABRIA Cosenza 3 3 6 1 7 CALABRIA CALABRIA

Dettagli

DETTAGLIO SPESE CAPITOLO 1804 P. G. 06 ES. FIN % Personale non direttivo. % Personale direttivo totale %

DETTAGLIO SPESE CAPITOLO 1804 P. G. 06 ES. FIN % Personale non direttivo. % Personale direttivo totale % totale AGRIGENTO 300 71.552,00 41.617,00 - - - 53.400,00 1.137,00 4.464,00 66.246,00 2.440,00 215,00-6.597,00 247.668,00 3 - - - - - - - 7.553,00 4.535,00 1.884,00 1.726,00-4.451,00 20.149,00 267.817,00

Dettagli

A.T.A. Posti, personale, disponibilità, soprannumero e contingente. Riepilogo nazionale

A.T.A. Posti, personale, disponibilità, soprannumero e contingente. Riepilogo nazionale A.T.A. Posti, personale, disponibilità, soprannumero e contingente Riepilogo nazionale Anno scolastico 2007/08 Titolari Posti Profilo professionale (dati noti al o.d. 14 giugno 2007/08 2007) Disponibilità

Dettagli

Cigs Cigd Anni Andamento nei Settori e nelle Province Lavoratori in Cigs - Cigd Confronto Settori/Regioni-Province

Cigs Cigd Anni Andamento nei Settori e nelle Province Lavoratori in Cigs - Cigd Confronto Settori/Regioni-Province Anni 2008 2009 Andamento nei Settori e nelle Province Lavoratori in Confronto Settori/RegioniProvince 20082009 A Cura dell Dipartimento Settori Produttivi, Industria Agricoltura Artigianato Tabella Riepilogativa

Dettagli

QUESTURA QUESTURA COMP. POLFER LOMBARDIA III REP. MOBILE MILANO QUESTURA IV REP. MOBILE COMP. POLFER CAMPANIA QUESTURA QUESTURA QUESTURA QUESTURA II

QUESTURA QUESTURA COMP. POLFER LOMBARDIA III REP. MOBILE MILANO QUESTURA IV REP. MOBILE COMP. POLFER CAMPANIA QUESTURA QUESTURA QUESTURA QUESTURA II QUESTURE COMP. POLFER MARCHE/UMBRIA/ABRUZZO 9 REP. MOBILE BARI COMP. POLFER LOMBARDIA III REP. MOBILE MILANO IV REP. MOBILE COMP. POLFER CAMPANIA II REP. MOBILE PADOVA COMP. POLFER CALABRIA IST. SUPERIORE

Dettagli

Nord ovest Nord est Centro Sud Isole

Nord ovest Nord est Centro Sud Isole APPENDICE 1 LE STATISTICHE Tab. 1 - Cittadini italiani residenti nel Regno Unito per regione italiana di provenienza (21.03.2003) La rilevazione degli italiani all'estero al 21 marzo 2003: caratteristiche

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 50.000 nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 50.000 nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 50.000 nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo Contingente su posto normale Contingente su scuole speciali Provincia/regione

Dettagli

Rilevazione 2017 MUSEI, MONUMENTI E AREE ARCHEOLOGICHE

Rilevazione 2017 MUSEI, MONUMENTI E AREE ARCHEOLOGICHE Paganti Non Paganti MUSEI TORINO 2-2 796638 414674 1211312-1211312 7964958,00 PIEMONTE 2-2 796638 414674 1211312-1211312 7964958,00 BRESCIA 1 1 2-6727 6727 4791 11518 0,00 MANTOVA 2-2 168716 171601 340317-340317

Dettagli

Proposte di nomina FASE B ( al 2 Settembre)

Proposte di nomina FASE B ( al 2 Settembre) ABRUZZO L' Aquila Comune A013 2 2 ABRUZZO L' Aquila Comune A059 1 1 ABRUZZO L' Aquila Comune AN77 1 1 ABRUZZO Chieti Sostegno AD00 11 11 ABRUZZO Chieti Sostegno ADAA 7 7 ABRUZZO Chieti Comune A007 1 1

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Agenzia delle Entrate DIREZIONE CENTRALE ACCERTAMENTO Risoluzione del 24/09/2004 n. 124 Oggetto: Istituzione dei codici Ufficio/Ente per il versamento tramite modello "F 23" delle spese di giustizia prenotate

Dettagli

La domanda di lavoro delle imprese nel II trimestre 2013 aprile-giugno

La domanda di lavoro delle imprese nel II trimestre 2013 aprile-giugno ALIA ITA MONITORAGGIO TRIMESTRALE DI UNIONCAMERE DEI FABBISOGNI PROFESSIONALI DELLE IMPRESE ITALIANE A LIVELLO PROVINCIALE Dati provinciali La domanda di lavoro delle imprese nel II trimestre 2013 aprile-giugno

Dettagli

Province: soglie per n. di abitanti (tab. suddivisione per Regioni)

Province: soglie per n. di abitanti (tab. suddivisione per Regioni) Province: soglie per n. di abitanti (tab. suddivisione per Regioni) In neretto i capoluogo di Regione Provincia Residenti Superficie (kmq) Numero. Comuni 1 Roma (Lazio) 4.194.068 5.352 121 2 Milano (Lombardia)

Dettagli

SCHEDA CRITERIO B.3.3 ENERGIA PRODOTTA NEL SITO PER USI ELETTRICI. nella categoria

SCHEDA CRITERIO B.3.3 ENERGIA PRODOTTA NEL SITO PER USI ELETTRICI. nella categoria SCHEDA CRITERIO ENERGIA PRODOTTA NEL SITO PER USI ELETTRICI Edifici per uffici Edifici scolastici Edifici industriali Edifici commerciali Edifici ricettivi AREA DI VALUTAZIONE B. Consumo di risorse CATEGORIA

Dettagli

Zone sismiche e pericolosità in Italia

Zone sismiche e pericolosità in Italia Quanto varia la pericolosità sismica della normativa italiana entro i confini amministrativi dei comuni e nelle varie regioni italiane? Che relazione esiste fra la pericolosità e la zona sismica alla quale

Dettagli

Variazione del Numero di Banche in Italia

Variazione del Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE del Numero di Banche in Italia Anni: 2000-2014 Analisi statistica Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - - info@tidonacomunicazione.com

Dettagli

Imprenditoria Giovanile tra 2011 e 2017: uno studio delle principali caratteristiche delle imprese

Imprenditoria Giovanile tra 2011 e 2017: uno studio delle principali caratteristiche delle imprese Imprenditoria Giovanile tra 2011 e 2017: uno studio delle principali caratteristiche delle imprese Graf. 1 - Composizione settoriale delle imprese giovanili al 30 giugno 2017 Confronto con la composizione

Dettagli

speciale revisioni revisioni

speciale revisioni revisioni speciale revisioni 2 0 1 2 revisioni speciale CENTRI AUTORIZZATI Andamento ultimi 10 anni e stime 2013 (stime) * I dati sulle revisioni degli autoveicoli, motoveicoli e ciclomotori della regione Sicilia

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 8.000 nomine per l'a.s. 2009/10 Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 8.000 nomine per l'a.s. 2009/10 Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 8.000 nomine per l'a.s. 2009/10 Personale docente ed educativo Scuola dell'infanzia su posto normale Scuola primaria Scuola secondaria

Dettagli

SCHEMA DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE: PROGRAMMA ANNUALE DI ATTUAZIONE 2002 (Art. 32 della legge 144/99) ALLEGATO TECNICO

SCHEMA DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE: PROGRAMMA ANNUALE DI ATTUAZIONE 2002 (Art. 32 della legge 144/99) ALLEGATO TECNICO SCHEMA DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE: PROGRAMMA ANNUALE DI ATTUAZIONE 22 (Art. 32 della legge 144/99) ALLEGATO TECNICO 1 DATI DI BASE PER LA DETERMINAZIONE DELLE QUOTE DI RIPARTIZIONE REGIONALE

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 23/ novembre 2009

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 23/ novembre 2009 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 23/2009 3 novembre 2009 L imprenditoria femminile artigiana sul territorio 6 Osservatorio Confartigianato Donne Impresa In questa nota proponiamo le tabelle

Dettagli

Imprese nei settori sociali

Imprese nei settori sociali Imprs ni sttori sociali n Assist sanitari a Srvizi assistn social rsidnzi al Assistn social rsidnzi al S 94 Attività organizz ioni associativ Attività famigli conviv nz com datori lavoro 6 5 un 5 Rgion

Dettagli

Regione PSN - POSTI DISPONIBILI SU INFANZIA DOPO MOBILITA' Ambiti Posti Comuni su ambito Docenti traferiti su ambito Posti comuni liberi su ambito dopo chiamata diretta Posti Sostegno su ambito Docenti

Dettagli