ANNO LIX - N maggio 2021 Weberstr. 10 AZA 8004 ZURIGO POST CH AG TEL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO LIX - N maggio 2021 Weberstr. 10 AZA 8004 ZURIGO POST CH AG TEL"

Transcript

1 Corriere ANNO LIX - N maggio 2021 Weberstr. 10 AZA 8004 ZURIGO POST CH AG TEL dell italianità in continuità con il Corriere degli Italiani per l italianità L EREDITÀ: COSA CAMBIA in svizzera 2 di Paola Fuso Dopo un processo iniziato nel 2012, il diritto delle successioni in Svizzera cambierà totalmente volto a partire dal 1 gennaio Il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno approvato il nuovo diritto successorio il 18 dicembre 2020 e il termine di referendum è scaduto inutilizzato il 10 aprile Ecco che cosa succede adesso e che cosa cambia dopo il 31 dicembre Gli addetti alle 7 pulizie sono invisibili Sono giunta in Svizzera per lavoro. Inizialmente ero impiegata nelle pulizie speciali, poi sono passata alle pulizie in abitazioni private. Il mio lavoro mi piace e ho anche spirito di adattamento. Mi dà invece fastidio che la nostra professione goda di così poca considerazione. La testimonianza di Teresa Bras -il suo senso del dovere le è quasi costato la salute nel suo lavoro di governante- e l invito a pretendere un trattamento equo. La vitamina D 8 di Giorgio Marini In periodo pandemico, è diventata la vitamina più popolare di tutte perché ci renderebbe più resistenti all attacco del SARS-CoV-2, attenuandone i danni. Di sicuro è un alleata preziosa per il nostro benessere, come spiega, tra le varie fonti scientifiche, l Associazione Italiana sulla Ricerca sul Cancro (Airc). Non fissa solo il calcio nelle ossa fondamentale per prevenire il rachitismo nei bambini e l osteoporosi negli anziani ma agisce anche come un ormone che regola vari organi e sistemi e ha un azione modulante nei confronti dell infiammazione e del sistema immunitario. Conosciamola meglio: come si forma e in che modo ci può aiutare? Sottoporsi a test specifici è davvero necessario? Il Volo celebra Morricone di Christian Repetti 12 Il loro unico concerto nel 2021, all Arena di Verona in attesa del tour mondiale de Il Volo, che prenderà il via a New York il 18 marzo 2022-, Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble lo dedicano a Ennio Morricone. Lo abbiamo conosciuto dieci anni fa, nel 2011, mentre stavamo registrando il nostro primo disco, racconta Ginoble. Il mio primo ricordo delle sue musiche è legato a Nuovo Cinema Paradiso. Solitamente sono poco emotivo, ma ho pianto, rivela Barone. E Boschetto spiega: Il Maestro Morricone è patrimonio del nostro Paese e noi ogni anno, con un evento diverso, cerchiamo di far vedere l Italia nel mondo. All omaggio partecipa anche il Maestro Andrea Morricone, figlio del grande compositore scomparso quasi un anno fa, il 6 luglio Covid e società Se Ticino fa rima con vaccino di Alberto Costa Sarà per la voglia di tornare a far la spesa in Italia o per imboccare senza problemi la strada per la Malpensa visto che l aeroporto di Agno continua a non offrire voli, fatto sta che questa volta il Ticino sta in testa alla classifica dei cantoni per numero di abitanti vaccinati. I dati vengono aggiornati quotidianamente sul sito della Confederazione ( e da giorni la mappa con le varie Ambiente Un mare di plastica di Christian Repetti tonalità di verde (il colore del via libera, non a caso) spiccano per intensità molto simile Basilea Campagna e Sciaffusa (entrambi di poco sopra il 47% della popolazione) subito seguiti proprio dal Ticino con il suo rispettabilissimo 46,45%. Sorprendentemente sbiaditi e molte posizioni più indietro, ultimi in classifica, il Turgovia a 37,37% e Zurigo con un imbarazzante 34,45% (...) CONTINUA A PAGINA 3 Più di 150 milioni di tonnellate. È la quantità della plastica presente attualmente nei nostri mari, secondo quanto riportato dal WWF. Uccelli, pesci, balene, tartarughe: un milione e mezzo di animali, ogni anno, sono vittime di rifiuti di plastica scaricati negli oceani. Un problema che è destinato a peggiorare. Attualmente sono prodotte 396 milioni di tonnellate di plastica in dodici mesi, 53 kg per ogni abitante del pianeta. Solo poco più del 20% è stato riciclato o incenerito. Il resto, in gran parte, termina la propria vita tra le onde. Si tratta, tuttavia, di un materiale concepito e realizzato proprio a lunga conservazione : significa che non scompare mai, ma si frammenta solo in pezzi più piccoli. (...) CONTINUA A PAGINA 4 EDITORIALE Non sono solo canzonette di Rossana Cacace Dopo 31 anni, una canzone italiana vince l Eurovision Song Contest. È successo sabato 22 maggio sul palco dell Ahoy Arena di Rotterdam, che ha visto il trionfo dei Maneskin con il brano Zitti e buoni. Quello con cui hanno vinto il Festival di Sanremo Al secondo posto della 65esima edizione della kermesse si è classificata la francese Barbara Pravi, con Voilà, e il friburghese Gjon s Tears è arrivato terzo con Tout l univers. Rock n roll never die, Il rock and roll non morirà mai : con queste parole Damiano, il frontman della band romana composta anche da Victoria De Angelis (basso), Thomas Raggi (chitarra) e Ethan Torchio (batteria) - ha commentato a caldo la vittoria. I Maneskin che hanno cominciato suonando per strada nel centro di Roma sono i terzi artisti italiani a vincere la gara europea dopo Gigliola Cinquetti nel 1964 e Toto Cutugno nel Sembra quasi incredibile: un brano in lingua italiana conquista l Europa e, grazie alla vittoria dei Maneskin, l Eurovision Song Contest 2022 si terrà in Italia. Una notizia che un po ci consola della scomparsa il 18 maggio scorso- di Franco Battiato. L autore di Povera Patria -e di mille testi memorabili- che cantava non cambierà, non cambierà Sì che cambierà, vedrai che cambierà Si può sperare Che il mondo torni a quote più normali Che possa contemplare il cielo e i fiori. Il Maestro della musica, che è riuscito addirittura a riempire i muri in Spagna (nazione che da sempre ama il cantautore siciliano): in varie città iberiche alcuni anonimi, per omaggiarlo, accanto alle scritte che inneggiavano al mito del dittatore Francisco Franco (Viva Franco ), hanno aggiunto il cognome Battiato. Chissà se, di fronte a tutto questo, gli italiani cominceranno a volersi più bene. Il cambiamento può cominciare anche dalla musica.

2 2 PRIMO PIANO Come cambia il diritto delle successioni in Svizzera, dal 1 gennaio 2023 di Paola Fuso Dopo un processo iniziato nel 2012, il diritto delle successioni in Svizzera cambierà totalmente volto a partire dal 1 gennaio Il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno approvato il nuovo diritto successorio il 18 dicembre 2020 e il termine di referendum è scaduto inutilizzato il 10 aprile Le motivazioni che si sono dipanate in nove anni di mozioni e discussioni risiedono nei mutamenti intervenuti nella stessa società, e se lo scopo della legge è dare inquadramento ad atti e fatti giuridici che ormai si ripetono con continuità, è indubbio che alcune norme del Codice civile svizzero andavano modificate. La Legge, infatti, risale al 1907 e da allora il ruolo della donna nella società è profondamente cambiato. Sebbene la famiglia rappresentata nel Codice sia ancora una realtà molto diffusa, una parte importante della popolazione vive oggi altre forme familiari. Allo stesso tempo anche la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell uomo si è evoluta in vari settori del diritto di famiglia, così che la protezione della vita privata e familiare non si limita più esclusivamente alle coppie sposate e ai loro figli. Con queste premesse e affinché il diritto successorio svizzero possa tener conto delle esigenze odierne e di forme di convivenza più moderne come le famiglie allargate e il concubinato, è stato previsto un più ampio margine di manovra per il testatore rispetto alle porzioni imposte dalla legge. Diritto successorio fino al 31 dicembre 2022 Ad oggi i superstiti ereditano secondo una successione stabilita dalla legge. Quest ultima prevede al primo posto il coniuge superstite o il partner registrato superstite e i discendenti come i figli, i nipoti e i pronipoti. Se non vi sono coniugi né figli, l eredità è devoluta ai genitori e/o ai loro discendenti. Se non vi sono genitori né discendenti, ereditano i nonni e/o i loro discendenti. Se non vi è nessun parente fra quelli summenzionati, l intero patrimonio spetta al Cantone o al Comune. I concubini non ereditano nulla alla morte del partner e non sono di conseguenza eredi legali. Anche nel testamento possono essere favoriti solo in misura limitata poiché le cosiddette porzioni legittime (quote minime secondo il diritto successorio) dei discendenti, dei genitori o del coniuge superstite devono essere rispettate. Diritto successorio dal 1 gennaio 2023 La struttura di base, cioè la divisione legale delle quote ereditarie, continua a rimanere in vigore in modo invariato. I conviventi non coniugati (concubinato) continuano a non essere considerati ai fini della successione legale. La logica conseguenza di queste riflessioni è stata la modifica degli articoli 462 (quota ereditaria legale del coniuge superstite), 470 capoverso 1 (limiti della porzione disponibile) e 471 CC (porzione legittima). Passando ai contenuti, la revisione si è focalizzata sulla riduzione delle porzioni legittime previste per legge e sull abolizione del diritto alla porzione legittima del coniuge durante una procedura di divorzio. Si pensi alla successione dei legittimari cioè a quei familiari (coniuge, figli e genitori) che hanno diritto a una quota dell eredità che non può essere sottratta mediante una disposizione testamentaria (testamento). Dal 1 gennaio 2023 avranno diritto alla porzione legittima il coniuge, il partner registrato (per le coppie omosessuali) e i propri discendenti. Poiché lo sviluppo demografico ha implicato che, in caso di decesso, non si desideri quasi mai lasciare il proprio patrimonio alla generazione dei genitori, è stato stabilito che se non ci sono discendenti superstiti del testatore (caso di figli premorti al genitore), al loro posto ereditano i genitori (genero o nuora) o in sostituzione i fratelli e le sorelle. Dunque, scompare la quota legittima dei genitori del defunto. Dal 1 gennaio 2023 subiranno una consistente modifica anche le porzioni dei discendenti: le quote legittime dei figli verranno ridotte alla metà così da avere una quota maggiore di patrimonio di cui poter disporre liberamente. Rimane invece immutata la porzione legittima del coniuge e del partner registrato. In futuro, chi vuole disporre della propria successione in via testamentaria secondo i propri desideri sarà limitato in minor misura dalle legittime beneficando in misura maggiore il partner di fatto o i suoi figli. Interessante è la situazione del coniuge che rimane vedovo/a durante la procedura di divorzio. I coniugi divorziati con una relativa sentenza cresciuta in giudicato, non hanno più alcun diritto all eredità reciproca. Questo vale anche per le unioni domestiche registrate. Il coniuge superstite, come anche il partner registrato superstite, attualmente conserva il diritto all eredità e alla porzione legittima anche qualora l altro coniuge muoia durante una procedura di divorzio ancora in corso. Questo vale anche per le unioni domestiche registrate. Con la revisione si prevede che il coniuge o il partner registrato perderà il suo diritto alla porzione legittima già nel momento in cui viene avviata la procedura di divorzio. Fino a quando il divorzio non sarà sancito con una sentenza passata in giudicato, il coniuge superstite, come anche il partner registrato superstite ha ancora diritto alla quota ereditaria legale, a condizione che il testatore non abbia previsto di escluderla con un testamento. Corriere dell italianità Settimanale di lingua italiana in Svizzera EDITORE Associazione Corriere degli Italiani Svizzera COMITATO DIRETTIVO Paola Fuso (presidente) Roberto Crugnola (vice presidente) Manuela Andaloro, Franco Narducci, Alberto Ferrara COMITATO D'ONORE Alberto Costa (Presidente) Alex Berner, Mario Botta, Marina Carobbio, Franco Cavalli, Maria-Cristina Cedrini DIREZIONE REDAZIONE Rossana Cacace COMITATO DI REDAZIONE Stefania De Toma, Paola Fuso, Franco Narducci, Alessandro Sandrini, Antonio Spadacini SEGRETERIA / AMMINISTRAZIONE Daniela Vitti Weberstrasse 10, 8004 Zürich Tel IBAN CH COLLABORATORI Maria-Vittoria Alfonsi, Moreno Bernasconi, Jacopo Buranelli, Rosanna Chirichella, Alberto Costa, Marina D Enza, Samantha Ianniciello ABBONAMENTO annuale CHF DIRETTORE MARKETING Antonio Campanile Tel SOCIAL MEDIA MANAGER Samantha Iannicello DIGITAL ENGAGEMENT Cristina Penco STAMPA Theiler Druck AG Verenastrasse Wollerau Gli articoli impegnano la responsabilità degli autori. Il Corriere degli italiani per l italianità bene icia del contributo erogato dal Dipartimento editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la stampa italiana diffusa all estero. emergenza sicurezza In Piemonte precipita la Funivia Stresa- Mottarone. Una gita si trasforma in tragedia di Redazione Doveva essere una domenica di svago, di sorrisi e panorami mozzafiato, simbolo di un ritorno alla normalità dopo più di un anno di pandemia. È diventata, invece, una tragedia per 15 persone, in gita sulla funivia del Mottarone in Piemonte. La cabina sulla quale viaggiavano, che dal versante piemontese del lago Maggiore sale fino ai metri del monte Mottarone, è precipitata al suolo. Nel punto più alto del percorso. Tredici persone hanno perso la vita sul colpo, tra cui un bimbo di due anni, mentre un altro di nove è deceduto all ospedale infantile Regina Margherita di Torino, dove nel momento in cui scriviamo- è ricoverato in prognosi riservata l unico superstite, un piccolo di cinque anni. I soccorritori parlano di un urto tremendo e alcuni escursionisti, che salivano a piedi verso la vetta, hanno riferito di aver sentito un boato pazzesco. A bordo della struttura mobile c erano quattro famiglie -due residenti in Lombardia, una in Emilia-Romagna e una in Calabria-, in quanto la capienza della struttura mobile -normalmente di 35 persone- è stata ridotta per le misure anti-covid. L incidente è avvenuto a pochi metri dell arrivo, in corrispondenza dell ultimo pilone. Accartocciata dopo un volo di una ventina di metri, la funivia si è schiantata al suolo e ha iniziato a rotolare verso valle, finendo la sua corsa contro alcuni alberi. Secondo una prima ricostruzione ha ceduto il cavo di traino. Gli altri sono intatti, ma è presto per dire quello che è accaduto dal punto di vista tecnico. Bisognerà capire perché non sono scattati i dispositivi di sicurezza, che dovrebbero tenere la cabina ancorata, ha dichiarato il tenente colonnello Giorgio Santacroce, comandante del Nucleo operativo dei carabinieri di Verbania. La procura di Verbania ha aperto una inchiesta sull incidente e il ministero delle Infrastrutture ha istituito una commissione ispettiva. L area è stata posto sotto sequestro, tutto sarà oggetto di verifica, ha spiegato il procuratore di Verbania, Olimpia Bossi, che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo plurimo. È stato devastante, queste le prime parole della sindaca di Stresa, Marcella Severino, sul luogo del disastro. La funivia, di proprietà del Comune di Stresa, ma gestita da una società privata - inaugurata nel 1970 per sostituire il vecchio trenino andato in pensione nel era rimasta bloccata per due anni dopo una revisione nel 2014, durante la quale era stata oggetto di importanti interventi di riqualificazione. Le ultime verifiche specifiche sui cavi sono state eseguite a fine 2020, come conferma la società di Vipiteno che si occupa della manutenzione straordinaria. La sostituzione dei cavi era prevista per il Mentre si indaga per capire cosa sia successo - serviranno molte perizie e consulenze- questa triste vicenda sembra lanciare un monito: oltre a riaprire, bisogna impegnarsi sul come riaprire. Cioè in sicurezza.

3 PRIMO PIANO 3 Covid e società Se Ticino fa rima con vaccino sua insaputa, era diventato immune. Così mentre nel secolo della Rivoluzione Francese il vaiolo provocava la morte di quasi il 10 per cento della popolazione, a partire dal 1979 (dato OMS) questa piaga è scomparsa dal nostro pianeta. Stessa storia per tetano e difterite, per la rabbia e per la poliomielite. Ogni volta si corrono dei rischi, certo, e lo stiamo vedendo anche con il Covid19, ma l esperienza storica è tutta a favore del fatto che ne vale la pena. Il secondo tipo di risposta è invece di tipo culturale e sociale e qui torniamo al pensiero di Recalcati. La vita umana non può essere una monade chiusa su sé stessa, ma è fatta per stare insieme. E la condizione per stare insieme, in questa drammatica congiuntura, è solo quella della vaccinazione. L angoscia della perdita di controllo si può vincere solo collettivamente: una delle lezioni più significative impartite dal magistero tremendo del Covid consiste nell averci mostrato che la salvezza o è collettiva o è impossibile e che, di conseguenza, o la libertà viene vissuta come solidarietà oppure resta una dichiarazione solo retorica. Che in Ticino lo abbiano capito prima che a Zurigo allora? Che anche il senso della solidarietà collettiva sia una componente importante dell italianità? Mi rendo conto della provocazione, ma a volte ci si può concedere di pensare a voce alta di Alberto Costa SEGUE DALLA PRIMA PAGINA (...) Lascio ad altri meglio informati la spiegazione di questa sorprendente discrepanza, ma se devo pensare alla mia modesta rete di conoscenze trovo in quei cantoni anche una quota rilevante di persone contrarie alla vaccinazione, in maniera altrettanto sorprendente. D altra parte, anche nel campo della prevenzione dei tumori il Ticino si è da anni dotato di un programma di screening del tumore al seno con mammografia biennale gratuita dopo i 50 anni mentre niente di simile esiste oltre Gottardo, fatta eccezione per i cantoni francofoni. Ci furono anni di dibattito anche molto duro su questo argomento con gli zurighesi convinti del fatto che siamo ormai capaci di curare il cancro al seno e che quindi è inutile spendere soldi per lo screening preventivo e noi e i romandi che rispondevamo che un conto è togliere un tumore di piccole dimensioni trovato alla mammografia e un altro conto è sopravvivere lo stesso ma dopo anni di cure con chirurgia, radioterapia e chemioterapia. A Zurigo sono tutti no vax? Non credo proprio, ma certo vi è in generale una diversa visione della medicina, una grande fiducia nella tecnologia, nell industria farmaceutica, nella diagnostica super invasiva e molto minor interesse per la prevenzione. Questa è una generalizzazione ovviamente perché ci sono sicuramente anche in quel cantone degli eminenti studiosi con una visione più olistica (cioè comprensiva della complessa relazione mente/corpo). Tuttavia, il dato sulle vaccinazioni fa pensare, così come fa pensare il 35% del cantone Friburgo, patria di tanti centri di medicina complementare e anche alternativa, di appassionati di omeopatia e quindi spesso ostili al concetto stesso di vaccinazione. D altra parte, come spiegato al solito molto bene da Massimo Recalcati qualche settimana fa, farsi iniettare nel proprio corpo una sostanza estranea, seppure incaricata di difenderlo dal male, non è affatto scontato che sia visto da tutti come un beneficio e non solo per una valutazione razionale sugli eventuali effetti collaterali che il vaccino potrebbe, sia pure in minime percentuali, determinare. Da eccellente psicoterapeuta qual è Recalcati ci ricorda che esiste una componente psicologica nel rifiuto a farsi vaccinare che non bisogna sottovalutare. Non molto diversa dalla paura di volare in aereo, dalla claustrofobia, dal ricevere un anestesia generale o dal dover attraversare in auto un lungo tunnel. In tutti questi casi l angoscia nasce dal sentimento di non poter governare la situazione nella quale ci si trova inclusi quasi forzatamente. Anche chi è convinto, come chi scrive, che il vaccino anti covid sia una necessità sanitaria oggettiva che potrà debellare il virus, salvare vite umane e consentire la ripresa della nostra vita sociale, deve però tener conto delle ansie, delle resistenze, dei dubbi e delle paure di chi non si sente di andare a cuor leggero al centro vaccinale più vicino appena ricevuto l invito a presentarsi. Non i fanatici no vax urlanti che ne fanno una questione ideologica e che liquidano la questione come il solito complotto delle multinazionali farmaceutiche che prima creano per errore il virus in laboratorio e poi fanno i miliardi vendendo il vaccino come antidoto. A questi signori risponda la politica. La medicina deve saper rispondere a chi ha una genuina paura di volare una paura dell ignoto che in molti casi è assolutamente comprensibile. Penso che le risposte possano essere di due tipi. La prima è storica. E qui va assolutamente citato (e letto) il bellissimo articolo di Corrado Augias su La Repubblica del 23 dicembre scorso: la storia dei vaccini racchiude una delle più straordinarie avventure dell ingegno umano, vale a dire la lotta, e la vittoria, contro un nemico invisibile, capriccioso, mortale. Nella seconda metà del Settecento il medico inglese Edoardo Jenner di Bristol sentì una giovane contadina vantarsi con un amica di essere sfuggita al rischio di avere il volto butterato dal vaiolo dato che aveva già avuto il vaiolo delle vacche (da qui la parola vaccino). Questa particolare immunità non era un segreto nelle campagne inglesi ed europee. Jenner però volle andare in fondo organizzando un esperimento crudele, rischioso, oggi impensabile. Prese un bambino di otto anni, James Phipps, e ne fece la sua cavia. Gli praticò due graffi superficiali sul braccio per poi inoculare nelle scalfitture un fluido prelevato dalle pustole vaiolose presenti nella mammella di una vacca. Poi espose il piccolo James al contagio con casi di vaiolo umano e non successe niente. Il povero James, a Riceviamo e pubblichiamo Un quesito sul certificato vaccinale Il Canton Zurigo rilascia un attestato di vaccinazione Covid avvenuta (Impfnachweis) nella sola lingua tedesca. Per la precisione: a Berna, viene inserita una frase aggiuntiva in inglese che attesta la ricezione delle due dosi; nel cantone di Argovia, tutto il documento è redatto in tedesco e in inglese. Ho telefonato e scritto alla Gesundheitsdirektion, all UniSpital. Risposta: non c è una possibilità di ricevere da parte ufficiale un documento scritto in inglese o in italiano. Bisogna attendere il Pass svizzero, probabilmente fine giugno. Questo potrebbe costituire un problema alla frontiera o in Italia per chi vi si deve recare prima che ci sia il Pass ufficiale della Confederazione. Domanda: c è la possibilità di farsi tradurre l Impfnachweis in italiano da parte del Consolato, del COMITES o di un notaio riconosciuto dalle autorità italiane? O farsi fare un timbro da parte del Consolato (anche pagando)? Cosa consigliare ai connazionali e alle connazionali che si recano ora /a inizio giugno in Italia? Credo che il problema interessi diverse persone: emigrati ed emigrate, ma anche turiste e turisti. Dario Mordasini Il centro di vaccinazione a Bellinzona

4 4 DOSSIER ambiente Un mare di plastica di Christian Repetti SEGUE DALLA PRIMA PAGINA (...) Se non si interromperà lo sversamento dei rifiuti di plastica, entro il 2050 negli oceani ci saranno più materiali di questo genere che fauna marina. Lenze, reti da pesca, buste, bottiglie, flaconi, e molto molto altro: i grandi pezzi di plastica feriscono, strangolano e causano spesso la morte di animali come tartarughe marine e uccelli marini. MICRO-PLASTICHE CHE FANNO MACRO-DANNI Per microplastiche come segnalato, tra le varie fonti, anche da Rizzoli Education s intendono le particelle intenzionalmente aggiunte a vari prodotti d uso comune come i cosmetici o quelle che si formano per effetto abrasivo, ad esempio nell utilizzo degli pneumatici o nel lavaggio dei tessuti. Sono le cosiddette microplastiche primarie. Le secondarie rappresentano il 70-80% delle microplastiche complessive presenti negli oceani e sono prodotte dalla degradazione degli oggetti di plastica più grandi, come buste di plastica, bottiglie o reti da pesca. La conoscenza di questi materiali, comunque, è in continuo divenire. Ma sappiamo già che, nell ambito della marine litter, i rifiuti marini, la loro quantità è in aumento. Nel 2017 l Onu ha dichiarato che ci sono 51 mila miliardi di particelle di microplastica nei mari, 500 volte più numerose di tutte le stelle della nostra galassia. Sono tuttora in corso diversi studi per tracciare un quadro più esauriente e valutarne i possibili effetti negli ecosistemi. MINACCE PER I MICRORGANI- SMI MARINI Anche se delle microplastiche sappiamo ancora molto poco, le loro conseguenze nocive e, in certi casi, letali, sono già oggettive ed evidenti. Si tratta di piccole particelle di materiale plastico, generalmente inferiori ai 5 millimetri. Quelle disperse negli oceani hanno un impatto estremamente negativo sulla vita dei piccoli organismi marini, dal momento che mettono a rischio il ciclo vitale di tutte le specie e la loro funzione regolatrice dell ecosistema globale. È il risultato della recente ricerca Plastics, (bio)polymers and their apparent biogeochemical cycle: an infrared spectroscopy study on foraminifera, pubblicata dalla rivista Enviromental Pollution e firmata da Giovanni Battista De Giudici, Carla Buosi e Daniela Medas, specialisti del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell Università di Cagliari con alcuni ricercatori di altri atenei. Lo studio si è focalizzato sugli effetti delle microplastiche di produzione industriale (che contengono il plasticizzante DEHP) sui gusci e il citoplasma dei foraminiferi, organismi marini unicellulari, presenti ovunque nel mare. Rappresentano, inoltre, uno degli ingressi verso la catena alimentare. Un effetto positivo della presenza in mare di molte specie dei foraminiferi è determinato dal loro guscio di carbonato di calcio che aiuta nel riassorbire la CO2 atmosferica. Ebbene, i risultati della ricerca dimostrano che le microplastiche sono presenti pure nel guscio e nella cellula dei foraminiferi analizzati. Studiando lo spettro composizionale delle cellule è stato dimostrato per la prima volta che la presenza delle plastiche induce uno stress cellulare in questi microrganismi. Inoltre il plasticizzante DEHP viene incorporato nella cellula e nel guscio. «Queste osservazioni inducono a pensare che l inquinamento chimico combinato con l acidificazione delle acque possa portare alla scomparsa dei foraminiferi entro il 2100», ha spiegato De Giudici. «Un eventualità da scongiurare, perché i foraminiferi sono una componente fondamentale dell ecosistema e la loro biodiversità e abbondanza sono elementi essenziali per la resilienza ambientale rispetto ai Global Changes». S.O.S. TARTARUGHE L inquinamento della plastica negli oceani costituisce la più grande minaccia per la sopravvivenza delle tartarughe marine: è stato calcolato che una su due presenta questo materiale nello stomaco. Se ingerito, esso può comportare anche l assunzione di virus, batteri e contaminanti tossici. In ogni caso provoca occlusioni, può soffocare, causare strangolamento. Intrappolare. Scene orribili, vero? Ma la descrizione di ricercatori e associazioni animaliste, per quanto forte, aiuta a farci rendere davvero conto degli effetti quasi sempre mortali sulle creature degli abissi. Il Mediterraneo, con la sua elevata biodiversità, è uno degli ecosistemi più minacciati al mondo dalle microplastiche. Si è calcolato che, in tutto il suo bacino, ogni anno, perdono la vita oltre 40 mila tartarughe marine per questa forma di inquinamento. Sui fondali del Mare Nostrum sono stati rilevati livelli di microplastiche più elevati mai registrati, fino a 1,9 milioni di frammenti su una superficie di un solo metro quadrato. PERICOLI ANCHE PER NOI Consideriamo infine che questa plastica raggiunge anche noi: attraverso la catena alimentare ingeriamo in media cinque grammi di plastica a settimana, l equivalente di una carta di credito. Particelle del materiale sono state trovate negli alimenti e nelle bevande, compresi birra, miele e acqua del rubinetto e a questo punto non vi stupirà anche nelle feci umane. Gli effetti sulla salute degli esseri umani sono a loro volta oggetto di approfondimenti. Basti pensare, comunque, che la plastica contiene degli additivi, come agenti stabilizzatori o ignifughi, e altre possibili sostanze chimiche tossiche che possono essere dannosi per qualunque creatura li ingerisca. LE AZIONI DELL UE Su quali soluzioni sta lavorando l Unione Europea? Già nel 2015 il Parlamento UE ha votato a favore di una restrizione dei sacchetti di plastica nel continente. A settembre 2018 gli eurodeputati hanno approvato una strategia contro le plastiche che mira ad aumentare i tassi di riciclaggio dei rifiuti di plastica nell UE. Inoltre è stato richiesto alla Commissione di introdurre in tutta Europa il divieto di aggiungere intenzionalmente microplastiche nei prodotti cosmetici e nei detergenti entro il 2020 e di muoversi a favore di misure che minimizzino il rilascio delle microplastiche dai tessuti, dagli pneumatici, dalle pitture e dai mozziconi di sigaretta. Nella primavera 2019 il Parlamento ha approvato il divieto in tutta l Europa per certi prodotti di plastica usa-egetta (come piatti, posate, cannucce e bastoncini cotonati) trovati in abbondanza nei mari e per cui sono già disponibili delle alternative non di plastica. Gli eurodeputati hanno aggiunto anche le plastiche ossi-degradabili alla lista dei materiali da proibire, ovvero plastiche comuni che si rompono facilmente in piccolissimi pezzi a causa degli additivi contenuti e contribuiscono così all inquinamento delle microplastiche negli oceani. Sarebbe al vaglio una nuova legge dell UE contro le microplastiche, per regolamentare ulteriormente l attuale assetto e dare nuovi giri di vite all inquinamento. SOLUZIONI SOSTENIBILI Attraverso la Plastics Strategy, l Associazione europea dell Industria della Plastica, la Commissione Europea limita la presenza di quelle microplastiche intenzionalmente aggiunte in molti prodotti industriali. Nel documento Plastics 2030 Voluntary Committment PlasticsEurope, ha formalizzato la propria strategia di supporto alle istituzioni europee, finalizzata a costruire uno sviluppo sostenibile di lungo termine attraverso appositi programmi ed iniziative a sostegno dell ambiente quali l Operation Clean Sweep, per ridurre la dispersione dei granuli e le attività promosse a livello globale per prevenire il marine litter (endplasticwaste. org). Obiettivi che l associazione si è posta sono, inoltre, il riutilizzo, da qui al 2030, del 60% della plastica proveniente dal riciclo dei rifiuti di imballaggio, il riciclo, recupero e riutilizzo, entro il 2040, di tutti gli imballaggi in plastica. Ricerca, istituzioni, reti di mobilitazioni, ma anche cittadinanza attiva e impegno civico: ognuno di noi, coinvolto a vario titolo, deve fare la sua parte per risolvere un problema sempre più allarmante. Non c è più tempo per rimandare.

5 DOSSIER 5 SostenibilitÀ Tutte le bugie sul mondo degli animali Graziano Ciocca di Christian Repetti Le fake news non riguardano solo gli esseri umani. Ci sono pure Bufale bestiali: così s intitola un recente e arguto libro (ma anche molto istruttivo) firmato da Graziano Ciocca e pubblicato da De Agostini, dal sottotitolo Perché gli animali non sono quelli che crediamo. Illustrato dal colorista, scrittore e disegnatore di fumetti Lorenzo De Felici, il nuovo libro di Ciocca (vincitore del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica nella categoria under 35, nel 2015, con il suo primo volume, I tori odiano il rosso) è dedicato in particolare ai ragazzi, ma si rivela una lettura molto interessante anche per gli adulti. Potrebbe essere affrontato insieme dagli uni e dagli altri, a livello trasversale tra le generazioni. È qualcosa che unisce, insomma, dispensando conoscenze e competenze a tutti in modo leggero e godibile. S impara (sor)ridendo, riuscendo a scoprire le verità nascoste del regno animale e guardando con più stupore, e più rispetto, le creature che ci circondano, tra scorpioni in Europa e lemming della Groenlandia, cavalli di nome Hans ed elefanti sdentati, doti prodigiose affibbiate a caso e naturalisti fanatici. A lanciarci e guidarci in un avventura «pazza e divertente» è, per l appunto, il biologo e divulgatore scientifico Graziano Ciocca. Da piccolo racconta di sé passava il tempo osservando millepiedi, chiocciole e insetti vari nelle scatole dei formaggini (prima di liberarli). Oggi è presidente dell associazione culturale G.Eco, si occupa di diffusione della cultura scientifica nelle scuole e con il grande pubblico, e partecipa a manifestazioni e festival scientifici in tutta Italia. Tanta scienza, con un tocco di magia: lo «sconfinato amore per gli animali e una super-pedanteria», infatti, sono quelli che l esperto considera i suoi «superpoteri». I PESCI ROSSI È vero che il lupo ulula alla luna? E che gli struzzi nascondono la testa sotto la sabbia? Gli elefanti hanno sul serio paura dei topi? La risposta, per questi quesiti, è solo una, ed è no. Di qualsiasi animale si tratti, avverte Ciocca, stiamo pur certi che esiste almeno una frottola al suo riguardo. «Che sia colpa dei cartoni animati, di un antico filosofo greco o di un manipolo di marinai perditempo», avverte l autore di Bufale bestiali, «per fortuna la scienza e l osservazione della natura ci vengono in soccorso e ci aiutano a svelare la verità nascosta dietro alle bufale e a guardare con stupore e rispetto le creature che ci circondano». Ma com è che spesso nascono le false credenze? Si osserva un fenomeno naturale e si cerca di interpretarlo secondo lo schema delle proprie conoscenze, traendone delle conclusioni, molte volte giuste, ma anche, altrettanto spesso, errate. «Facciamo un esempio: i pesci rossi sono animali che possono vivere in un acquario, piuttosto piccolo, per anni. Dato di fatto. Ci domandiamo come facciano a sopportarlo e abbiamo due strade: dedurre che la specie Carassius auratus, cioè il nostro amico pesce rosso, sia estremamente resistente, oppure ipotizzare che è smemorato e si dimentica di stare in un acquario». Abbiamo osservato il fatto, ma rischiamo di dedurre la conseguenza sbagliata: i pesci rossi dopo 5 secondi dimenticano tutto, perciò sono a loro agio anche in spazi angusti, tanto non se lo ricordano. Invece non è così che funziona. Prosegue infatti Ciocca: «In un esperimento, alcuni esemplari hanno dimostrato di ricordare esperienze vissute 11 mesi prima, altro che 5 secondi. Dunque, i pesci rossi ricordano eccome: possono essere addestrati, aspettano l ora dei pasti se è regolare e si nascondano nei loro acquari quando un estraneo si avvicina, perché non lo riconoscono». DAGLI STRUZZI ALLE ZANZARE Tutti conosciamo la leggenda che lo struzzo si va infilare con la testa sotto la sabbia quando ha paura, ma molti ignorano che «papà struzzo è super premuroso o che la femmina quella che cova le uova di tutte le altre quando arriva un predatore sa riconoscere le proprie e offre in pasto quella di un altra compagna». Vi serve qualche altro esempio? Ebbene, non è vero che le zanzare sono attratte dalla luce, una credenza diffusa che, afferma Ciocca, nella lista delle menzogne più menzogne di tutte, deve essere messa in testa. Come mai? «La zanzara è uno degli animali più letali per l uomo perché vettore di malattie gravi, è quello su cui sono state fatte più ricerche per eliminare il più possibile gli effetti sulla salute di questi insetti». Esserini da 10 milligrammi di peso ciascuno causano circa 750 mila morti ogni anno nel mondo. Spiega il biologo: «Le zanzare non sono attratte dalla luce, ma dall odore che noi emettiamo e dall anidride carbonica che immettiamo nell aria con il nostro respiro, l odore del nostro sebo e dalla comunità microbica che vive sulla nostra pelle». Le zanzare in generale, che sono notturne, e anche la zanzara tigre, aggiunge Ciocca, «hanno un olfatto molto sviluppato e le trappole luminose non solo non servono a nulla, ma sono dannose per l ecosistema perché uccidono tutti gli altri insetti che veramente sono attratti dalla luce». Sapevate che molti esseri come i lepidotteri utilizzano come sistema di navigazione notturno la triangolazione con le stelle e con la Luna? «Essendoci un corpo celeste molto distante, luminoso, se un insetto come una falena, ad esempio, mantiene l angolo costante con la Luna, allora andrà sempre dritto, visto che il nostro satellite naturale si trova a 380 mila chilometri di distanza da noi», chiarisce l esperto. «Se però l insetto scambia un lampione per la Luna, allora farà una spirale intorno al lampione e alcuni insetti sono erroneamente attratti dalla luce artificiale perché la scambiano per quella della Luna e la inseguono per mantenere la loro traiettoria di viaggio». Quindi è vero che molti insetti sono attratti dalla luce, ma nel caso delle zanzare, queste si affidano alle loro antenne, al loro olfatto. PERCHÉ ABBOCCHIAMO? All origine delle bufale c è anche un altro meccanismo fallace: crediamo a buona parte di ciò che ci viene detto, specialmente se non abbiamo ancora un opinione in merito. Pensiamo, per esempio, al dilagare delle fake news tramite la viralità dei social network. L idea di fondo è: «Se tutti lo dicono, allora può darsi che sia vero. Selezioniamo le nozioni che ci arrivano, ma lo facciamo seguendo criteri soggettivi». Inoltre «tutto ciò che è controverso genera polarizzazione, cioè si rischia di andare incontro a gruppi opposti che la pensano in maniera differente e su questo bisogna agire». Il biologo riferisce che «alcuni ricercatori della Sapienza esperti di data science insegnano che all interno di uno stesso gruppo le persone estremizzano sempre più le credenze. In particolare, i social alimentano questa innata predisposizione del nostro cervello: noi siamo fatti per cercare il consenso dei nostri simili ed escludiamo sempre di più chi la pensa diver- samente». Dunque, se vogliamo che arrivi e si diffonda una informazione corretta, l obiettivo non deve essere tentare a tutti i costi di dimostrare il contrario - saremmo identificati subito come i nemici - ma «cercare di intercettare chi non ha un opinione in merito». Insomma, bisogna parlare a questo gruppo grigio e fornire a queste persone un informazione corretta usando un linguaggio pop, accattivante, facilmente comprensibile ma con contenuti rigorosi. Esattamente quello che fa Ciocca. Il rimedio è solo uno: «agire su una corretta divulgazione scientifica».

6 6 MONDO BIELORUSSIA Lukashenko e la repressione dell opposizione: il dirottamento del Boeing e l arresto di Raman Pratasevich Alexander Grigoryevich Lukashenko The Presidential Press and Information Office di Paola Fuso La notizia di qualche giorno fa riguarda il dirottamento di un aereo Boeing 737 della compagnia Ryanair. Il che desterebbe già molta preoccupazione se a commettere il reato fossero stati dei terroristi, ma, in questo caso, la realtà supera di gran lunga la fantasia. A compiere l azione, con la scusa di quello che ormai si ritiene un finto attacco bomba, è stato Alexander Grigoryevich Lukashenko, Presidente della Bielorussia dal E l operazione, eseguita da aerei militari bielorussi Mig-29, è stata ordinata per arrestare l oppositore al regime Raman Pratasevich, ventiseienne fondatore di Nexta -un canale comunicativo via Telegram che ha organizzato le manifestazioni contro la rielezione di Lukashenko-, che rischia quindici anni di carcere per aver lasciato la Bielorussia dopo essere stato accusato di estremismo. Ora, i dati importanti sono due. Uno che non desta scalpore, l altro che preoccupa molto. Il primo attiene alla personalità di Alexander Lukashenko in carica da quasi 27 anni e indicato dagli operatori internazionali e dai giornalisti come l ultimo dittatore d Europa. La deriva antidemocratica del Presidente si è accentuata dall agosto del 2020, quando Lukashenko vince l ennesima elezione: con l 80,23% dei voti batte la rivale Svetlana Tikhanovskaya, che si ferma ad appena il 9,9% dei voti. A seguito di quelle che sono state definite dall Unione Europea delle elezioni farsa, la Bielorussia è diventata una fucina di oppositori cui il governo ha risposto con migliaia di arresti, censura dei media cartacei e digitali e violenze come strumento di tortura. Il secondo riguarda il dirottamento del 23 maggio Il Boeing 737 partito da Atene e diretto a Vilnius in Lituania, è stato dirottato verso l aeroporto bielorusso di Minsk per neutralizzare l unico vero pericolo a bordo: Raman Pratasevich che infatti è stato arrestato. Ed è questo il vero nodo da risolvere. Chiaramente il fatto che in Bielorussia la democrazia sia un concetto sopravvalutato è cosa risaputa e l Europa, fino ad oggi, si è limitata a condannare le azioni di Lukashenko e a osservare le evoluzioni drammatiche di questa parte del mondo così vicina all UE e così lontana dai suoi ideali. Ma quanto è successo il 23 maggio 2021 non può rimanere senza conseguenze. A parte la condanna di Svetlana Tikhanovskaya, vi sono state la richiesta di spiegazioni immediate del Presidente del Parlamento europeo David Sassoli e le parole di Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, che ha parlato di conseguenze per la violazione delle regole del trasporto aereo. Ed il punto è proprio questo. La Bielorussia ha aderito alla Convenzione di Chicago del 1944 che afferma il principio della sovranità nazionale assoluta ed esclusiva di ciascuno Stato contraente sullo spazio aereo sovrastante il proprio territorio. ma non ha aderito alla Convenzione dell Aja del 16 dicembre 1970 per la repressione della cattura illecita di aeromobili. In pratica è come se di una norma ci si fosse impegnati a rispettare il principio sapendo che, anche se quel principio non è rispettato, non vi è alcuna conseguenza. Per intenderci, la Bielorussia ha accettato la regola secondo cui il sorvolo dello spazio aereo di una nazione estera o l atterraggio sul suo territorio da parte di aeromobili militari o di Stato è possibile solo previa autorizzazione da parte dello Stato sorvolato. Ed ha pure accettato che, nello svolgimento di attività aeree militari, ciascuno Stato deve tenere in debita considerazione la sicurezza del traffico aereo impegnandosi, allo stesso tempo, a non utilizzare l aviazione civile per scopi contrari ai principi etici alla base della Convenzione. Ma la mancata firma della Convenzione dell Aja esenta il Paese dalle sanzioni applicate in caso di sequestro di un aereo. Charles Michel, Presidente del Consiglio Europeo, ha già annunciato che sarà discussa l attuazione di sanzioni contro la Bielorussia, vedremo quali, quando e in che misura. D altro canto, non si può essere dittatori per quasi un trentennio se non si può contare su una indifferenza pressoché generalizzata della violazione dei diritti umani da parte dei Paesi cosiddetti civili.

7 MERCATO DEL LAVORO 7 Settore delle pulizie. «Io non ci sto! E tu?» «Di fronte a un ingiustizia le donne dovrebbero dire: basta!» Teresa Bras è originaria del Portogallo e vive in Svizzera da sei anni. Il suo senso del dovere le è quasi costato la salute nel suo lavoro di governante. Ora la 55enne vuole incoraggiare altre donne a difendere i propri diritti. Sono giunta in Svizzera per lavoro. Inizialmente ero impiegata nelle pulizie speciali, poi sono passata alle pulizie in abitazioni private. Il mio lavoro mi piace e ho anche spirito di adattamento. Mi dà invece fastidio che la nostra professione goda di così poca considerazione. Gli addetti alle pulizie sono pressoché invisibili: la gente passa e non saluta nemmeno. Inoltre, in questo settore gli uomini spesso guadagnano di più pur svolgendo lo stesso identico lavoro. La donna può perfino lavorare di più, ma guadagna comunque di meno. In generale gli stipendi non sono equi! Il mio caso lo conferma: Syna nelle tue vicinanze come famiglia monoparentale con due figlie, il mio stipendio a tempo pieno non bastava per vivere. Non è giusto: dovrei potermi guadagnare da vivere quanto un uomo! Sempre disponibile Nel mio ultimo impiego lavoravo per una famiglia che era anche titolare di un impresa e proprietaria di un take-away. Facevo le pulizie, mi occupavo della casa e dei pasti. Di per sé il lavoro mi piaceva: in un abitazione privata si fanno tante cose diverse. Ma spesso, troppo spesso, dovevo lavorare anche ore. E dovevo essere sempre a disposizione sette giorni su sette, a qualsiasi ora del giorno e della notte. Per molto tempo l ho accettato dopotutto, dovevo tirare grandi due figlie. Ma ad un certo punto non ce l ho «È importante reagire subito. Se ci ribellassimo tutte, più nessuno ci arrecherebbe questi torti» Teresa Bras più fatta. Quando dicevo di no, i miei datori di lavoro cercavano di farmi cambiare idea dicendomi: «Ma come, Teresa, tu che sei così volenterosa!» Mi sentivo un automa. Il sostegno di Syna Allora ho cercato aiuto presso Syna. Avevo aderito al sindacato appena giunta in Svizzera, perché volevo conoscere i miei diritti e cosa fare per difenderli. Posso chiamare Syna per qualsiasi cosa e le mie domande ottengono sempre una risposta. Dicevo: mi sono rivolta al mio segretariato regionale a Zurigo. Mi hanno spiegato che lavorare così tanto è addirittura vietato dalla legge sul lavoro! Syna ha scritto una lettera ai miei datori di lavoro spiegando la situazione. Hanno iniziato a rispettare il tempo di lavoro legale ma mi hanno anche licenziata. Ho accettato il licenziamento perché non avrei potuto continuare a lavorare in quella casa. Mi sarei sicuramente ammalata. Accantonare ogni timore Grazie a quell esperienza ho imparato che è meglio non avere un lavoro che averne uno che ti distrugge. Anche se ti ammali non puoi lavorare, ma magari per molto più tempo. Nessun impiego vale tanto! È importante reagire subito. Voglio assolutamente trasmettere questo messaggio alle altre donne nella mia situazione. Le donne dovrebbero opporsi alle ingiustizie, non dovrebbero accettare qualunque cosa. Ho molte amiche che mi piangono sulla spalla; sopportano di tutto pur di preservare il lavoro. Io le incoraggio a non avere paura: se ci ribellassimo tutte, più nessuno ci arrecherebbe questi torti. Lottare per la parità Noi donne dobbiamo lottare per ciò che ci spetta di diritto. Non valiamo meno degli altri, nemmeno degli uomini! Ma per farlo, le donne devono cambiare mentalità: possono essere altrettanto forti e ottenere qualcosa unendo le forze. Le donne devono anche imparare a difendere i loro diritti. E Syna è l interlocutore giusto per sostenere questa lotta. Patricia Schoch Collaboratrice Comunicazione «Io non ci sto! E tu?» In giugno stiamo preparando una settimana d azione per le donne nel settore dei servizi. Sul nostro sito web presentiamo sei donne che esprimono ciò che pensano. Che, anche nelle circostanze più difficili, hanno alzato la testa e hanno affrontano i loro datori di lavoro. Informazioni: ch/io-non-ci-sto Con i suoi membri, Syna è la seconda forza sindacale svizzera. Siamo un organizzazione interprofessionale indipendente da ogni partito politico, attiva sul piano nazionale nelle branche e nei mestieri dell artigianato, dell industria e dei servizi. Democrazia, etica sociale cristiana e leale partenariato sociale sono la base della nostra attività. Da Syna chiunque è benvenuto.

8 8 SCIENZA E SALUTE VITAMINA D Un alleato prezioso, ma senza esagerare di Giorgio Marini Non fissa solo il calcio nelle ossa fondamentale per prevenire il rachitismo nei bambini e l osteoporosi negli anziani ma agisce anche come un ormone che regola vari organi e sistemi e ha un azione modulante nei confronti dell infiammazione e del sistema immunitario. Stiamo parlando della vitamina D, un alleata preziosa per il nostro benessere, come spiega, tra le varie fonti scientifiche, l Associazione Italiana sulla Ricerca sul Cancro (Airc). Una sua carenza può essere associata a diversi tipi di malattie come il diabete l infarto, l Alzheimer, l asma o la sclerosi multipla. Analisi di laboratorio hanno dimostrato che la vitamina D può svolgere attività potenzialmente in grado di prevenire o rallentare lo sviluppo del cancro: frena la crescita delle cellule, ne favorisce la differenziazione e la morte programmata e riduce la formazione di nuovi vasi. Già i primi studi epidemiologici avevano osservato un minor rischio di tumori diversi da quelli della pelle nelle popolazioni più esposte al sole rispetto a quelle che vivono in Paesi con minore irradiazione solare. Non solo. Quelle ricerche avevano sottolineato un ruolo protettivo della vitamina D. Successivamente sono stati indagati in modo diretto i livelli di vitamina del sangue. E, in quel caso, sono emersi risultati incerti. COME SI FORMA Da uno studio europeo EPIC alla cui realizzazione hanno partecipato diversi ricercatori sostenuti da Airc è venuto fuori che le persone con i più alti livelli di questa vitamina nel sangue hanno un rischio di cancro al colon inferiore di circa il 40 per cento rispetto a chi invece ne è carente. Per contro, secondo quanto è stato ottenuto da altre indagini, per esempio la Women s Health Initiative americana, l assunzione di supplementi a base di vitamina D non sembra conferire alcun effetto protettivo. È dunque ipotizzabile che elevati livelli di questa vitamina nel sangue non siano direttamente responsabili del minore rischio, ma rispecchino abitudini più sane che hanno il merito di proteggere l individuo dal cancro. Al momento, comunque, la ricerca sta andando avanti per chiarire questi fenomeni. Intanto quello che sappiamo è legato alla formazione della vitamina D: un terzo del fabbisogno giornaliero a essa legato proviene da quello che mangiamo. I cibi in cui se ne trova di più sono i pesci grassi (come salmone, sgombro e aringa), il tuorlo d uovo e il fegato, oltre a quelli che presentano un integrazione a livello industriale, come molti cereali per la prima colazione. Il resto si forma nella pelle a partire da un grasso simile al colesterolo che viene trasformato per effetto dell esposizione ai raggi UVB. Dopoché è stata prodotta nella cute o assorbita a livello intestinale, la vitamina D passa nel sangue. Qui una proteina specifica la trasporta fino al fegato e al rene, dove viene attivata. L ESPOSIZIONE AL SOLE La stagione in corso è delicata rispetto a questo nutriente essenziale. Di recente Sandro Giannini, docente di Medicina interna all Università di Padova e presidente del Gruppo Italiano Bone Interdisciplinary Specialists (Gibis), ha spiegato: «La primavera è il momento in cui la vitamina D è per tutti più bassa, perché siamo più distanti dall ultima esposizione al sole utile, tra agosto e settembre. Da lì in avanti, infatti, il pieno di carburante di questa vitamina, fatto in estate, si esaurisce. È quindi proprio questo il periodo in cui la carenza è più evidente. E visto che c è una relazione tra vitamina D è sistema immune è il momento di prestare attenzione. E, se è necessario, integrare anche per armare il sistema immunitario». Ha aggiunto Giannini: «La storia della vitamina D è ovviamente centrata sullo scheletro. Infatti, il problema principale di salute che la vitamina D è in grado di gestire al meglio è proprio la fragilità ossea. Ma ormai ci sono una serie di altre novità scientifiche solide, relative ad altre funzioni. Una, ad esempio, che in questa fase pandemica è particolarmente importante, riguarda la stimolazione del sistema immunitario». Ha proseguito l esperto: «Questa vitamina è coinvolta in un meccanismo che permette al sistema immune di essere più pronto ad affrontare infezioni, in particolare di tipo virale, come il Covid». Nel Belpaese, negli ultimi due anni, «è diminuito il consumo di vitamina D come terapia. E questo non sempre in maniera appropriata», ha spiegato ancora Giannini. «Nel 2019, nell ottica di una riduzione della spesa farmaceutica, l Agenzia italiana del farmaco, ha emanato una nota per limitare l impiego della vitamina D. E già allora avevamo sollevato qualche preoccupazione, in particolare sulla necessità di fare attenzione all appropriatezza della terapia». A marzo 2020, sempre rispetto al monitoraggio dell Aifa, è stato valutato l impatto economico e il contenimento dei costi ottenuto dalla riduzione dell utilizzo del nutriente, senza però alcun accenno agli effetti negativi, per esempio con riferimento alla popolazione anziana. Il Covid, come indicato, ha riportato la questione alla ribalta. Il presidente Gibis ha dunque lanciato un appello: «È sicuramente giusto guardare al risparmio e a un utilizzo più appropriato possibile della vitamina D, che ha avuto sicuramente risvolti di inappropriatezza in passato. Ma è necessario anche considerare il beneficio che possiamo avere mancato, di questi tempi, con una contrazione così elevata dell utilizzo». TEST SEMPRE NECESSARI? Uno studio pubblicato sulla rivista specializzata Bmc Health Services Research ha evidenziato che in Svizzera, soprattutto nei mesi invernali, il 60% della popolazione soffre di una carenza di vitamina D. L Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) ha suggerito a tutte le persone di assumere regolarmente questa vitamina, ma senza sottoporsi a test specifici. Nel Paese elvetico, infatti, in base a un indagine commissionata dallo Swiss Medical Board, sarebbero effettuate troppe analisi di laboratorio per verificare un eventuale mancanza di tale sostanza. L Institut für Hausarztmedizin und Community Care di Lucerna (Iham&Cc), in collaborazione con l assicurazione malattia Swica, ha analizzato i dati di assicurati nell anno 2015 e di altri nel 2018, diffusi alla fine del In questo lasso di tempo il tasso di assicurati che si sono sottoposti al test è passato dal 14% al 20%, con un aumento di quasi il 50%. Estesi a tutta la Svizzera, i costi per le analisi dei livelli di vitamina D nel sangue definiti «esorbitanti» dagli autori della ricerca hanno raggiunto circa 90 milioni di franchi nel Anche in altri Paesi europei si osservano tendenze analoghe, determinando «un eccesso di cure mediche e un assistenza inadeguata». Inoltre, un recente report dell Università di Zurigo ha dimostrato che gli integratori di vitamina D non hanno un effetto significativo sulla riduzione delle fratture ossee e nemmeno sulle funzioni delle gambe e della memoria. In conclusione, dunque, sarebbe limitare i test alle categorie a rischio, come le persone in età avanzata e in sovrappeso o quelle che hanno la pelle scura, per le quali la carenza di vitamina D può risultare più pronunciata. Dipendenze Alcol: gli svizzeri bevono più della media, gli effetti della pandemia inquietano tità ingurgitata, ma tra coloro che lo hanno fatto la maggioranza l ha incrementata. Bere è anche diventato un vizio più frequente. A rigor di logica il coronavirus ha modificato i luoghi dove la gente si è data all alcol: da un lato bar e ristoranti sono stati colpiti pesantemente dalle chiusure imposte dalle autorità, dall altro negozi al dettaglio e shop online hanno visto le loro vendite crescere in modo significativo. (ats) Il consumo di alcol degli svizzeri è superiore alla media e il 4,3% degli adulti ha sviluppato una dipendenza. Lo porta a galla l ultimo studio dell Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), secondo cui inoltre la pandemia potrebbe cambiare le abitudini di molte persone riguardo al bere. Stando tale rapporto, la Svizzera ha un tasso di consumo di alcolici più elevato della media dei 52 Paesi presi in considerazione per la ricerca, fra i quali ci sono Stati membri dell OCSE, dell Ue e del G20. La ricerca ha preso in considerazione persone dai 15 anni in su. La graduatoria è guidata dalla Repubblica Ceca. Nella Confederazione si bevono 11,5 litri di alcol puro a testa ogni anno, il che corrisponde a 2,4 bottiglie di vino o a 4,4 litri di birra pro capite per settimana. Un buon terzo degli adulti (35,6%) beve in modo abbondante almeno una volta al mese, ovvero più dell 80% di una bottiglia di vino o un litro e mezzo di birra. Lo studio riferisce inoltre che il 4,3% degli svizzeri è dipendente dall alcol. Tale consumo eccessivo è uno dei principali fattori di rischio che può portare a una morte prematura, così come provocare diverse patologie, fra cui cancro e cirrosi epatica. Su scala globale, sulla base dell esperienza delle passate crisi, l OC- SE suggerisce che a medio termine potrebbe esserci un aumento del consumo problematico di alcol. Ciò è, infatti, abbastanza comune dopo eventi traumatici e per ridurre lo stress. E il Covid-19, avverte l organizzazione guidata dal messicano Angel Gurria, ha senza dubbio scosso persone e comunità di tutto il mondo, gettando le basi per future ripercussioni fisiche e psicologiche. Per gli esperti la pandemia ha anche evidenziato i problemi associati al consumo nocivo di alcol, in particolare in ambito famigliare. Nel complesso, buona parte delle persone non ha cambiato la quan- Le prospettive indicano che l aspettativa di vita potrebbe scendere di quasi un anno nel 2050 a causa di malattie o lesioni legate all abuso di alcol. Pur non esistendo un livello riconosciuto scientificamente come privo di rischi per la salute, l OCSE parla di eccesso nocivo quando si supera un drink al giorno per le donne e uno e mezzo per gli uomini. Tali problemi di salute provocherebbero poi ingenti spese mediche, in media intorno al 2,4% dei costi sanitari totali. Senza dimenticare che andrebbero a influenzare negativamente la produttività della forza lavoro. Gli esperti ritengono quindi che sia necessario un mix di misure politiche per combattere il fenomeno. Andrebbero incluse campagne di comunicazione, interventi a livello di prezzi, ma anche approcci diretti nei confronti di chi consuma grandi quantità di alcolici.

9 IDEE 9 In cerca di pace. Testimonianza di un italiana dal centro di Israele La mia vera Israele Non sono solita scrivere di politica - italiana soprattutto - e non sento di potermi permettere di criticare le scelte e i voti dei cittadini di un paese in cui non vivo più da tempo e di cui non conosco più la realtà quotidiana. Ma in questi giorni Facebook è pieno di critiche e giudizi verso Israele, espressi anche da ebrei, non ebrei, arabi e chiunque pensa di conoscere la realtà dei fatti perché ha visto due minuti di telegiornale. Le rivolte e i pogrom non rispettano la realtà israeliana. Esattamente come in Italia, dove non tutti sono razzisti, anche qui esistono dei gruppi (per fortuna minoranze) di estremisti: la cosiddetta generazione TikTok. Si tratta di giovanissimi criminali, cresciuti senza un appropriata educazione, situati da entrambe le parti. Loro non rappresentano Israele. Israele significa che nella mia unità militare la metà erano Drusi. Israele significa che a seguito di un brutto incidente, mi hanno dovuto operare di urgenza ed il medico era un chirurgo arabo. Israele significa che l infermiere che più amavo era russo e quella che meno sopportavo era ebrea. Il mio fisioterapista è un ebreo religioso mentre io sono la paziente magra, laica ed indosso dei pantaloncini corti. Una ragazza delle mia stanza d ospedale era una beduina e la sua famiglia quanto cibo che portava per entrambe!!! Spiderman (il tipo caduto dal quinto piano) era un palestinese, cittadino della Cisgiordania. Medici ed infermieri non hanno etnia e religione: sono medici ed infermieri. Venivano, mi aiutavano a fare la pipì, a mangiare, a farmi la doccia. Mi prendevano in braccio per mettermi seduta e cambiarmi le lenzuola. Mi facevano le iniezioni tutti i giorni. Israele significa che sia nel mio corso come insegnante di nuoto, che nei miei studi da infermiera veterinaria, un terzo degli studenti sono arabi. Perché se hai una passione a nessuno importa da dove vieni! Israele è il mio vicino di casa omosessuale e invalido che ha il ragazzo arabo. Israele però è anche correre al riparo quando suona la sirena anti missili: immaginatevi di star lavorando, o al bar o dove vi pare e improvvisamente sentire la sirena. Hai dai 15 ai 90 secondi per prendere i tuoi bambini ed il cane e riuscire ad entrare in un bunker. Se sei a casa magari hai la fortuna di averne uno, o di avere il sottoscala se vivi in un palazzo con più piani. Io vivo in una casa privata. Vado in corridoio e spero che l Iron dome funzioni. Sono troppo giovane per morire, penso. E se avessi dei bambini? Come potrei spiegare che cosa sta succedendo? Al mio cane ed ai gatti dico: venite, venite è l ora della festa e li abbraccio fortemente. Vedo la mia coniglietta correre terrorizzata sotto il divano e spero che non muoia d infarto (sono molto delicati). Sentiamo i boom, le finestre tremano. Altri boom. Il telefono che squilla per sapere se sto bene e poi guardiamo le news per vedere se ci sono feriti. In passato non avevo paura, pensavo che sarebbero bastati gli antimissile, poi vivo nel centro del paese e per questo posso considerarmi come una privilegiata. Ma il numero di missili è talmente elevato che il sistema difensivo non riesce a neutralizzarli tutti: alcuni cadono persino nelle vicinanze. Potrebbero cadere ovunque ed anche su di me: su quella ragazza che parla con accento italiano e che salva gli animali dalla strada. Così mi conoscono nel quartiere: La ragazza dal cuore d oro che si sveglia ogni tre ore per allattare i cuccioli orfani di gatto, quella vegana che un altro po non ucciderebbe neanche uno scarafaggio. Quella gentile, quella simpatica che quando esce in pigiama sembra avere 15 anni. Quella che a volte ha la stampella poverina. Allora io mi chiedo: ma che avrei fatto di male? Ma che hanno fatto di male i cittadini del Sud che vivono così da anni? Non sono poi diversi da me. Come fanno in troppi a credere che Israele e gli Israeliani vogliono una guerra, la leva militare, le tasse altissime, i morti, i feriti, la paura, ecc.? Nessuno vuole la guerra, ma tutti vogliamo che al sud del paese una persona viva una vita normale, con la sicurezza di andare al lavoro lasciando i bambini a scuola. Ci si augura anche che il problema non torni ogni 3 anni. Gli amici nel sud del paese mi dicono: tranquilla siamo abituati. Ma come si fa ad abituarsi ad una cosa del genere? Israele ha il diritto e l obbligo di difendere i propri cittadini, indifferentemente se sono arabi o ebrei, drusi, cristiani o beduini. Anche loro stanno nei bunker in fin dei conti. Anche loro hanno paura. Non è ebrei contro arabi. Non è Israele contro i palestinesi: è Israele contro il terrorismo. Alcuni da migliaia di chilometri di distanza, Italia compresa, alimentano solo l odio con la disinformazione e con concetti estranei all attuale situazione. Anche a costoro auguro Shalom. Der neue Webshop von Möbel Ferrari begeistert seine Kunden Der Onlineshop ist nicht nur eine neue Homepage, sondern eine komplett neu gestaltetes virtuelles Geschäft von Möbel Ferrari, dass nun «state of the art» ist. Auf erhalten die Besucher einen umfassenden Einblick in die neuen Trends für günstiges Wohnen. Alle Produkte sind abgebildet und mit Detail beschrieben, so dass Online-Shopping wirklich Spass macht. Mit dem Einkaufskorb fährt der Besucher durch Schlafen, Wohnen und Essen. Selbst ein virtueller Rundgang ist nun möglich, falls man einfach nur durch die Verkaufsflächen «klicken» möchte. Mit diesem neuen Webshop ist Möbel-Ferrari auf dem neusten Stand der Technik. Die Kunden profitieren von Live-Chat-Funktion und können ausserhalb der Ladenöffnungszeiten zu den vertrauten Konditionen online bestellen. Wer auf der Suche nach einem Qualitäts- und Designmöbel zu einem «Spezialpreis» ist wird auch im Webshop unter der Rubrik Outlet seine Schnäppchen finden. Wer eine persönliche Beratung wünscht oder sich vertieft informieren will, ist natürlich in unserem Hauptgeschäft in Hinwil jederzeit herzlich willkommen, betont der Geschäftsführer Rene Ferrari. Er ist überzeugt, dass das neue Outfit des Webshops die Kunden begeistern werden und sie von den besten Preisen und Serviceleistungen von Möbel Ferrari profitieren werden. Die Ausstellung ist von Montag bis Freitag von 09:00 20:00 Uhr und am Samstag von 09:00 18:00 Uhr durchgehend geöffnet. Gratis Parkplätze stehen zur Verfügung.

10 10 PREVIDENZA L ESPERTO RISPONDE INPS: Apertura Campagna REDEST 2021 relativa all anno reddito 2020 Secondo pilastro e tassazione fiscale Buongiorno, sono una lavoratrice frontaliera, il prossimo 31 luglio terminerò l attività lavorativa in Svizzera, raggiungendo l età di 64 anni per il pensionamento di vecchiaia. Mi sono già rivolta ai vostri uffici per la presentazione della domanda di pensione AVS, vi scrivo per avere alcuni chiarimenti in merito alla prestazione del secondo pilastro, che intendo percepire sotto forma di capitale. In particolare, vorrei sapere a quale regime fiscale sarò sottoposta, visto che ho sentito diverse spiegazioni, ma alcune in contrasto tra di loro. Mi potete aiutare? È meglio chiedere il versamento in Italia o in Svizzera? Vi ringrazio anticipatamente. Antonella R., Varese L articolo 76 della legge 431 del 1991 stabilisce che l imposta del 5% sia applicata dagli istituti di credito italiani quali sostituti d imposta. L agenzia delle entrate prosegue segnalando che la norma in esame tuttavia, non fa riferimento al trattamento fiscale da applicare nel caso in cui l accredito non avvenga su conto in Italia, affermando che in tale ipotesi, in assenza di un sostituto d imposta residente in Italia, che operi la ritenuta a titolo d imposta, la disposizione di cui alla legge n. 413 del 1991 non può trovare applicazione. In caso di versamento al di fuori dell Italia, la risoluzione dell Agenzia stabilisce che la stessa prestazione deve essere assoggettata a tassazione separata ai sensi dell articolo 17, comma 1, lettera a), secondo periodo, del TUIR. La tassazione separata prevede una aliquota minima di tassazione pari al 23%, di gran lunga superiore all imposizione del 5% applicata con versamento su conto bancario in Italia. A nostro avviso questa interpretazione è censurabile per diversi motivi, primo fra tutti è la disparità di trattamento fiscale applicato per una medesima prestazione, che violerebbe l articolo 53 della costituzione italiana. Dobbiamo di conseguenza concludere la risposta evidenziando, purtroppo ancora una volta, che l Agenzia ha preso la sua strada che sembra perseguire più obiettivi di gettito, piuttosto che di equilibrio e correttezza fiscale. I nostri uffici restano a tua completa disposizione per ulteriori chiarimenti e per aiutarti nella richiesta della prestazione. Saluti, Roberto Crugnola Coordinatore Inas Cisl Svizzera L INPS (Istituto Nazionale di Previdenza Sociale) nel corso del mese di giugno 2021 invierà i modelli cartacei REDEST ai pensionati residenti all estero che rientrano nella Campagna reddituale dell anno in corso. Il formulario deve essere compilato e trasmesso all INPS attraverso i canali telematici a cui ha accesso anche il Patronato INAS. L errata compilazione dei formulari o la mancata comunicazione dei dati potrebbe avere delle conseguenze sulla pensione in pagamento, con la sospensione delle prestazioni a sostegno del reddito e, per questo, invitiamo i pensionati a contattare i nostri uffici. Si ricorda che l accertamento reddituale è effettuato dall Inps ogni anno, così come avviene per i pensionati residenti in Italia. L ordinamento pensionistico italiano, infatti, prevede la concessione sia di prestazioni a carattere assistenziale sia di benefici economici sui trattamenti pensionistici (l integrazione al minimo, la maggiorazione sociale, la quattordicesima mensilità e i trattamenti di famiglia), il cui riconoscimento è subordinato all importo dei redditi del titolare di pensione italiana e del coniuge, poiché componente del nucleo familiare. Cara Antonella, in via preliminare ti informo che, stante le vigenti disposizioni, è opportuno chiedere il versamento del secondo pilastro su conto bancario italiano, al fine di evitare inutili salassi fiscali. Di seguito cerco di spiegare brevemente il perché. La problematica della tassazione del secondo pilastro per i lavoratori frontalieri la possiamo parificare al Duomo di Milano: non finisce mai regolarmente vengono diramate circolari, risoluzioni da parte dell Agenzia delle Entrate, che vanno a incrinare le certezze date dalle precedenti disposizioni. L ultima delle quali, in ordine di tempo, è la risoluzione numero 3 del 27 gennaio 2020 dell Agenzia delle Entrate. La risoluzione sopra citata analizza, a nostro avviso in maniera censurabile, il comma 1-bis dell articolo 76, legge 431 del 1991 come modificato dall articolo 55-quinquies del Dl. 50 del 2017, che ha introdotto anche per le somme corrisposte in Italia da parte delle assicurazioni della previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti l invalidità svizzera (LPP), la ritenuta d imposta del 5%, parificandole in tal senso alle prestazioni corrisposte dall assicurazione invalidità, vecchiaia e superstiti Svizzera (AVS) Bireggstrasse 2 Regione Bellinzona c/o OCST via Campagna 5, 6512 Giubiasco Samedan Chesa Ruppanner, Quadratscha

11 LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 11 Chiose Umbria, Paradiso di Dante di Redazione L Associazione Operatori del Parco del Monte Cucco ha ideato e realizzato un progetto finalizzato a creare una rete di tutti i Comuni Umbri che siano attinenti e nominati nella Divina Commedia o abbiano caratteristiche ed opere riferibili al Sommo Poeta, per le celebrazioni del 700 anno della sua morte. L obiettivo è creare un Itinerario Regionale che valorizzi e promuova quanto presente nei diversi territori umbri sul tema Dante e le iniziative collegate. In tal senso l Umbria è la prima regione italiana a presentare un progetto unitario del Patrimonio culturale Dantesco presente nel suo territorio. Hanno aderito ad oggi 28 Comuni. Nell ottica di una visione di sviluppo futuro, per valorizzare sempre di più l aspetto culturale e, visto il trend crescente del turismo lento, si mira a creare negli anni un Cammino di Dante in Umbria collegabile a quello di Ravenna-Firenze e del Casentino. Il progetto prevede una novità: che i cammini siano strutturati in cerchi per permettere ai turisti di assaporare ciascun territorio con più tranquillità e con il giusto tempo. Il progetto è realizzato in collaborazione con Identità Terra (agenzia di comunicazione e servizi e Tour Operator) che sta creando pacchetti che coinvolgano le strutture ricettive, aziende artigianali e produttori locali oltre che i servizi al turismo. L obiettivo è creare un nuovo prodotto tematico regionale ESPERIENZIALE che offra vacanze personalizzate con un vasto ventaglio di servizi. Umbria Paradiso di Dante mira a diventare una nuova proposta da inviare agli Istituti Culturali Italiani all estero, ai Centri Studi di Dante, le Camere di Commercio estero, vista la grande importanza che il Ministero degli esteri e il Ministero della Cultura, stanno riconoscendo alle iniziative su Dante con i Portali ad hoc. La Regione dell Umbria ha concesso il patrocinio sull iniziativa, che è stata presentata in conferenza stampa il 18 maggio a cui erano presenti: il Dott. Paolo Piacentini, esperto di Cammini, Ministero della Cultura, l AU di Sviluppumbria Dott.sa Michela Sciurpa, il Dott. Carlo Cipiciani, Direttore Uff. Risorse, Programmazione, Turismo, Cultura della Regione Umbria, il Presidente del Cammino di Dante Ravenna- Firenze, il presidente Cammino di Dante in Casentino ed i Sindaci dei Comuni partecipanti. Il Sommo Poeta nel mondo Dante, terzine from the world di Redazione Venti poeti leggono la Divina Commedia in coreano, giapponese, inglese, turco, ucraino, estone, portoghese e altre lingue. La Casa della Poesia di Como propone Dante, terzine from the world, una rassegna dedicata ai versi del Sommo Poeta declamati in tanti fra i diversi idiomi del mondo. A farsi portavoce della manifestazione multilinguistica, partita lo scorso 29 marzo e in programma fino ad agosto, venti esponenti della poesia e della letteratura internazionali: un inno al dialogo interculturale e un omaggio al valore universale del pensiero e dell opera dell Alighieri. Ogni lunedì, alle ore 18.00, sul sito e sulla pagina Facebook dell associazione, potremmo assistere alle inedite letture dantesche, ognuna con un protagonista differente e sullo sfondo di luoghi anch essi sempre mutevoli. Il 17 maggio c è stato l appuntamento con la poetessa e pittrice colombiana Marisol Bohórquez Godoy, che ha vestito personalmente i panni di Francesca, mentre il 24 maggio è stata la volta del poeta e sociologo turco Tuğrul Tanyol (24 maggio), docente presso l Università Yeditepe di Istanbul. Il 31 maggio l appuntamento è con il medico e ricercatore portoghese Maria do Sameiro Barroso. Il progetto Dante, terzine from the world è a cura di Laura Garavaglia, poetessa, traduttrice, presidente del festival internazionale di poesia Europa in versi. Alla fine della rassegna tutti i video, con i contributi aggiuntivi di Roberto Galaverni, critico letterario del Corriere della Sera, e della stessa Garavaglia, saranno montati in un documentario che verrà proiettato durante l undicesima edizione del festival, prevista il prossimo ottobre. LA RECENSIONE Il giocatore occulto di Moreno Macchi Arturo Pérez- Reverte Il giocatore occulto (romanzo) Tropea «Sulle scacchiere il caso non esiste» Bisogna sempre sapere dopo quante frustate fermarsi se non si vuole uccidere inutilmente un testimone. È una regola d oro che il commissario Rogelio Tizón conosce assai bene e fa scrupolosamente osservare al suo boia. Purtroppo, invece, di frustate ne hanno ricevute a iosa le ragazze trovate morte nei pressi dei crateri provocati dalle bombe delle navi napoleoniche che assediano e bombardano Cadice. Corre infatti l anno 1811 e imperversa la Guerra d indipendenza spagnola. Così, tra un esplosione e una partita a scacchi nel suo caffè preferito, il commissario riflette e analizza indizi con il discreto aiuto del suo amico, il professor Hipólito Barrul. E mentre gli omicidi occupano Tizòn, il capitano di marina francese Simon Desfosseux è alle prese con complicatissimi calcoli balistici, mentre Gregorio Fumagal imbalsama animali, alleva piccioni viaggiatori, si tinge capelli e basette e traccia su una mappa di Cadice strane e complicate linee simili a un intricata ragnatela. Lolita Palma invece gestisce una compagnia di trasporti marittimi, cura con grazia, applicazione e passione un imponente erbario e decide di partecipare all armamento di una nave corsara con la quale si potrebbero effettuare scorrerie assai lucrose ai danni delle navi francesi e inglesi, che le propone il suo socio Don Emilio Sánchez, Assisteremo così anche ad alcuni abbordaggi e a qualche atto di pirateria che movimenteranno temporaneamente la cadenza del racconto. Ma non mancheranno ovviamente l inevitabile duello all alba, l audace tradimento, le losche manovre e le solenni ubriacature nelle taverne malfamate del porto, le scaramucce e le ritirate, gli attacchi e le rese, le incursioni a sorpresa e le disperate fughe, i rischiosi sopralluoghi tipici di ogni assedio, nonché un accenno di storia d amore. Tutti questi ingredienti giocano a rimpiattino e alimentano le varie parti dei capitoli del romanzo che inseguono ora l uno ora l altro personaggio. E di personaggi ce ne sono davvero molti, ma la tecnica narrativa è tale che il lettore riesce sempre molto rapidamente a risituarli sulla scacchiera delle azioni. Il ritmo lento e solenne, lo stile e il linguaggio sostenuti, il vocabolario ricco ed elegante e ci fanno sentire un po come coinvolti in uno di quei grandi romanzi d avventura del XIX secolo che hanno fatto la fortuna di Dumas, Wilkie Collins o Dickens, ma con qualcosa di molto contemporaneo. Infatti, imbastire abilissimi cocktail di pseudo-poliziesco e di romanzo storico conditi da sapienti digressioni su vari temi cari all epoca trattata è sempre stata una specialità di Arturo Pérez-Reverte di cui ricordiamo con piacere - tra gli altri - gli ottimi La tavola fiamminga, Il maestro di scherma e La carta sferica.

12 12 CULTURA Il Volo. L intervista Noi, il Maestro Morricone e l Italia nel mondo film resi capolavori anche grazie alle colonne sonore firmate dal Maestro con una sorpresa: un suo inedito facendolo conoscere, così, anche ai più giovani. Durante la serata in Arena, a Verona, non mancheranno brani della carriera del trio, a cui è affidata anche la conduzione, nonché molti aneddoti della loro carriera. Il tributo a Morricone sarà anche al centro del prossimo impegno discografico di Barone, Boschetto e Ginoble, con pubblicazione mondiale per Sony Music già registrato in studio con La sinfonietta. nire un nodo in gola. Cantandolo oggi vogliamo riportare al passato gli spettatori facendo rivedere anche immagini del film. Finalmente si canta, dopo un anno e mezzo non ne potevamo davvero più». Ignazio Boschetto: «La musica che appartiene alla nostra cultura non ha barriere, non ha confini. Grazie a questa stessa musica siamo arrivati nel cuore e nelle case di molte persone ovunque. Il Maestro Morricone è patrimonio del nostro Paese. L Arena di Verona è uno dei simboli dell Italia, come il Colosseo a Roma o Venezia. La speranza è l ultima a morire, recita il detto. Quando pensavamo di non riuscire a tornare a esibirci dal vivo, ecco il nostro concerto, che sarà l unico per noi nel 2021 (in vista del tour mondiale de Il Volo, che prenderà il via a New York il 18 marzo 2022, ndr). Siamo orgogliosi. Ogni anno, con un evento diverso, stiamo cercando di far vedere l Italia nel mondo». IL MAESTRO DELLE COLONNE SONORE Il Volo di Julian Hargreaves di Christian Repetti Un esclusivo concerto-evento in onore del Maestro Ennio Morricone con protagonista il famoso trio italiano Il Volo. Sarà trasmesso in diretta in prima serata su Rai 1, sabato 5 giugno all Arena di Verona. Con una partecipazione speciale: quella del Maestro Andrea Morricone, figlio del grande compositore scomparso quasi un anno fa, il 6 luglio Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble, che da oltre un decennio portano nel mondo il bel canto e la grande musica italiana, ripercorreranno alcune musiche leggendarie accompagnato dall orchestra diretta dal Maestro Marcello Rota. Un viaggio emozionante, dentro l arte e la musica di uno dei geni indimenticabili del Novecento, che sarà trasmesso negli Stati Uniti dal network Pbs. Da sempre Il Volo è legato al maestro, con il quale ha condiviso il palco nel 2011 in piazza del Popolo a Roma, esibendosi con il brano E più ti penso su un medley dei temi musicali composti da Ennio Morricone per i film C era una volta in America e Malèna. Anche nei numerosi concerti internazionali, il trio italiano ha spesso presentato E più ti penso, e ha dedicato al maestro Morricone l intenso Your Love sul palco del 71esimo Festival di Sanremo. In vista del concerto-evento del 5 giugno, la ricerca delle melodie di Morricone è stato un lavoro complesso e la scelta è stata difficile, hanno detto i tre, raccontando di essere stati aiutati dalla famiglia del compositore. Obiettivo del Volo sarà quello di cantare le sue melodie e far rivivere le immagini dei Gianluca Ginoble: «Crediamo di aver avuto, in questi anni, una crescita personale e di aver raggiunto anche una maturità artistica che cerchiamo di dimostrare in ogni occasione. Dopo dodici anni di carriera, con questo progetto, possiamo dire di essere soddisfatti del lavoro che stiamo facendo. Non è solo musica, Ennio Morricone è cultura. Lo abbiamo conosciuto dieci anni fa, nel 2011, mentre stavamo registrando il nostro primo disco. Lui girava per i corridoi e noi gli facemmo ascoltare la nostra versione di E più ti penso. Avevamo anni, eravamo bambini, c era quell ingenuità per cui non sentivamo nemmeno il peso di quello che stavamo facendo. Arrivammo in sala prove, c era il maestro e la sua orchestra, la Sinfonietta. Ricordo che l attacco era molto difficile perché parte con una nota sola al violoncello. Io dovevo cominciare con E più ti penso. Il maestro dà l attacco e io non parto. Panico totale. A un certo punto mi giro verso il maestro e gli dico: Me lo dai tu l attacco?. Il primo violino sbianca. Tutti quanti rimangono a bocca aperta. Morricone si gira con la bacchetta e dice: Nun te preoccupa ragazzì, ci penso io. Questo episodio simpatico fa capire come il maestro si sia sempre comportato con noi quasi come se fosse uno di famiglia». Piero Barone: «Il mio primo ricordo delle musiche di Ennio Morricone è legato a Nuovo Cinema Paradiso. Solitamente sono poco emotivo, ma ricordo di aver pianto, sul finale. Essendo siciliano, mi ha fatto ve- Ennio Morricone ( ) è considerato uno dei massimi autori della musica cinematografica, alla quale ha dato il suo notevole contributo nell arco di 40 anni con oltre 400 colonne sonore originali. Arrangiatore, compositore, esecutore e direttore, si è cimentato in diversi generi elaborando un linguaggio efficace sul piano drammaturgico e contemporaneamente originale e innovativo. Un rapporto, quello tra la musica e il cinema, che ha contrassegnato il suo lungo percorso a partire dagli anni Sessanta. In onore dello strumento che aveva studiato da giovane, la tromba, Morricone scrisse uno dei brani più suggestivi della colonna sonora di Per un pugno di dollari di Sergio Leone (1964), inaugurando un felice connubio tra la sua arte e il western all italiana sul grande schermo. Numerosi i premi che gli sono stati assegnati, come il Leone d oro alla carriera in occasione della 52 Mostra del cinema di Venezia (1997), l Oscar alla carriera (2007), l Oscar alla miglior colonna sonora per le musiche del film The Hateful Eight di Quentin Tarantino (2016), 3 Golden Globes e, tra il 1988 e il 2013, 9 David di Donatello. Nel 2016 gli è stata inoltre attribuita una stella nella celebre Hollywood Walk of Fame. Nel 2017 Morricone è stato insignito del titolo di Cavaliere di Gran Croce dell Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Mostre. Lugano Il senso del tempo di Redazione Il futuro ci tormenta, il passato ci trattiene. È per questo che il presente ci sfugge. (Gustave Flaubert) La Galleria Negrini di Lugano dal 21 maggio ospita Past/ Present, mostra con cui Michela Negrini riunisce diverse opere che indagano la questione di tempo ed esistenza. La mostra collettiva nasce da una riflessione sul tempo congelato che viviamo a causa della pandemia. Con il Covid la nostra percezione del tempo è cambiata. Lo spazio della vita quotidiana ha subito enormi limitazioni. Abituati a guardare al futuro, oggi viviamo nell incertezza. Prigionieri del presente, la vita è diventata sopravvivenza, senza proiezione, se non quella individuale. Dopo anni di progresso, viviamo i limiti del presente e l impossibilità di immaginare il futuro. La mostra esplora, attraverso il lavoro di quattro artisti le italiane Elisabetta Benassi e Liliana Moro, il francese Melik Ohanian e l americano Namsal Siedlecki - le molte implicazioni dell esperienza del tempo, della sua essenza e della sua percezione. Attraverso il recupero e la trasformazione di materiali e di simboli, Elisabetta Benassi osserva criticamente l eredità culturale, politica e artistica dei nostri tempi. In mostra Atlas Shrugged, un lavoro del 2018 che si inserisce nell esplorazione di un mondo in cui l idea di comunità è sparita e in cui regna l individuo sovrano. In questo momento storico di sospensione temporale e privo di proiezione collettiva, questo lavoro ci propone una possibilità immaginaria di sottrarsi al caos del mondo reale, con i suoi limiti e conflitti, con le sue contraddizioni tra salvezza individuale e catastrofe collettiva. In mostra anche opere inedite di Liliana Moro: grandi sculture in ceramica bianca candida, a forma di melagrana. Simbolo primitivo del ciclo morte-vita, del continuum su cui si basa la nostra esistenza, il frutto ne rappresenta l energia vitale. Per queste composizioni, l artista ha utilizzato la ceramica, partendo dall origine del materiale, cioè la terra, il fango ed i minerali che la compongono. Da sempre, la ricerca artistica di Melik Ohanian indaga il mondo dell immagine e il suo potere allegorico e la dimensione spaziale e quella temporale possono essere identificate quali nodi centrali di tutta la sua poetica. In mostra nuove opere della serie Tomorrow Was. Queste fotografie non si propongono di cogliere un istante preciso, ma di speculare in un modo riflessivo su di una narrativa personale dello spettatore. In mostra anche opere della serie Portrait of Duration - Cesium Series, un lavoro che presenta i passaggi dallo stato solido a quello liquido del Cesio 133, elemento il cui decadimento radioattivo è stato usato a partire dal 1967 per stabilire la durata del secondo universale negli orologi atomici. Ohanian investiga così l osservazione e la rappresentazione della misura del tempo, e in particolare della sua unità di riferimento: il secondo. Gli ex voto hanno rappresentano fin dal paleolitico un elemento di legame col divino, cui l uomo s irivolge alla ricerca di forza e conforto. Questa antica forma di preghiera, in cui predominante è la presenza di figure umane, è portata in mostra grazie al lavoro di Namsal Siedlecki: una scultura in argento nata da alcune scansioni 3d che l artista ha realizzato in Francia nel 2019, a Clermont Ferrand, nei cui pozzi votivi negli anni 60 sono stati ritrovati una serie di reperti archeologici risalenti al 50 a.c.. Ex-voto scolpiti in legno di faggio e gettati in acqua come offerta a una divinità dei Galli, Maponos. Gettate invece nella Fontana di Trevi sono le monete d argento usate per realizzare questa scultura. Nella fontana, ogni anno vengono gettati circa 2 milioni di euro di monetine. L artista, affascinato da questo insieme di desideri, ne ha comprato circa 500 kg. Siedlecki si sofferma sull idea che in oltre 2000 anni l umanità continua a ripetere il rituale di gettare qualcosa in acqua cercando un aiuto soprannaturale. Questi due desideri di due epoche distanti, entrambi legati all acqua, qui si uniscono in un unico desiderio potenziato all interno del liquido di una vasca galvanica. Past / Present Una mostra di Elisabetta Benassi (Italia), Liliana Moro (Italia), Melik Ohanian (Francia), Namsal Siedlecki (Italy/ USA) Galleria Michela Negrini, Lugano 21 maggio 10 settembre 2021 Liliana Moro Still life 2020 dettaglio

13 CULTURA 13 Lucio Fontana e Beato Angelico a confronto Il genio italiano è un genio di reazione di Ilaria Fuso Nella storia dell arte italiana, nulla come i concorsi per la realizzazione delle porte degli edifici religiosi, rappresentano la molla più significativa per la nascita di qualcosa di nuovo. Nel 1401 venne bandito a Firenze il concorso per la porta nord del Battistero: quella competizione -alla quale parteciparono molti valenti artisti e che si risolse in un confronto tra Filippo Brunelleschi e Lorenzo Ghiberti- indica un punto di rottura verso la precedente tradizione gotica e segna la data di inizio del Rinascimento. Al travagliato concorso, indetto nel 1950 dalla Veneranda Fabbrica del Duomo per la quinta porta del Duomo di Milano, Lucio Fontana era stato invitato per chiara fama, e nonostante i molteplici impegni di quel periodo, aderì al progetto con convinzione ed entusiasmo. Il suo modello per la nuova porta, il cui tema Origini e vicende della cattedrale era stato suggerito dal cardinal Schuster, spiccava per originalità inventiva e compositiva: i vari episodi non apparivano rinchiusi in precisi riquadri, ma fluivano in una narrazione libera e movimentata, a dare come l impressione di una storia in progressione, più che un susseguirsi di singoli ed isolati episodi. Le figure del bozzetto emergono dallo spazio come grumi di materia, quasi pronte a rituffarsi nella materia stessa, una volta trascorsa la loro fugace epifania. La commissione giudicante fu ben impressionata da questo lavoro ma, forse intimorita da una sintesi formale così estrema, chiese a Fontana di riequilibrare l insieme, riproponendo un nuovo bozzetto. Dissero che la rappresentazione del concetto spaziale risultava poco chiara. L artista se ne andò sbattendo la porta. All alba del giorno dopo, Fontana Fontana, concetto spaziale Firenze, BeatoAngelico comparve in giacca e cravatta fuori dalla Triennale con 18 metri di tubo di cristallo con neon bianco e si mise a modellarlo febbrilmente: prendeva forma così una delle più imponenti meditazioni artistiche sullo Spazio dai tempi della prospettiva. Iniziò tutto con le opere pittoriche caratterizzate da costellazioni di buchi effettuati sulla superficie della tela. Questa serie per Fontana inizia nel 1949 e, in principio presentava vortici di buchi; dal 1950 in poi, i vortici lasciano spazio a buchi organizzati in base a sequenze ritmiche più regolari. I Buchi avevano un origine prettamente spaziale e nascevano nel momento più vivo e profondo di questa ricerca; il loro significato va ben oltre l essere elementi puramente grafici sulla tela: si tratta di vere e proprie aperture verso uno spazio ulteriore. E lo spazio ulteriore si annuncerà con una ferita: un taglio. Si qualificano con questo nome le opere pittoriche di Lucio Fontana che presentano uno o più tagli, netti e regolari, operati con l intento di oltrepassare la superficie della tela di supporto. I Tagli all inizio si presentano in fitte sequenze, poi tendono a ridursi a pochi o ad essere addirittura unici e netti, dove una garza nera ne chiude sul retro la luce. Si ritrova il titolo Concetto spaziale e Attesa che può variare al singolare o al plurale in base alla quantità di tagli realizzati dall autore. Il taglio è una ferita, un apertura che annuncia una dimensione ulteriore: quella dell attesa. Questo sostantivo deriva dal verbo latino attendere, col significato di volgersi a ed è composto da ad- e tendere. Attendere non è un sinonimo vero proprio di aspettare, perché quest ultimo verbo deriva dal latino exspĕctare «aspettare», incrociato con aspĕctare «guardare attentamente». Si tratta di due azioni strettamente legate, ma non uguali: una è conseguenza dell altra. Prima di un evento, di una rivelazione o di un inizio, c è un vero e proprio protendersi fisico verso qualcosa, per poi predisporsi con attenzione all imminenza scrutando attentamente tutt intorno in attesa di un segno. Quel tempo, tra il tendere verso qualcosa e l inizio di tutto, è l attesa. Come scriveva il poeta Clemente Rebora: Dall immagine tesa vigilo l istante con imminenza di attesa e non aspetto nessuno: nell ombra accesa spio il campanello che impercettibile spande un polline di suono e non aspetto nessuno: fra quattro mura stupefatte di spazio più che un deserto non aspetto nessuno. Attesa per Fontana non è andare oltre la materia, dato che l artista non prescinde dalla tela, ma è un ad-tendere verso un oltre che racchiude il significato assoluto di spazio. Ma l attesa è anche una dimensione temporale, come ricordano i versi di Rebora: è quel momento in cui, rivolto il viso verso un altrove, si riempie un vuoto di significato. In altre parole, l attesa è il tempo e lo spazio della creazione artistica. Non si può ora fare a meno di pensare ad una delle opere forse meno conosciute del Beato Angelico: il Cristo crocifisso tra i santi Niccolò e Francesco, un dipinto su tavola sagomata realizzato all incirca nel 1430 per la Compagnia di San Niccolò di Bari. Della tavola si ha notizia solo dal 23 ottobre 1564, e bisogna attendere il 1909 per l attribuzione all Angelico. Datata intorno al 1430 per l influsso masaccesco e le affinità con l Incoronazione della Vergine del Louvre, nel 1611 l opera fu ridotta nelle dimensioni e all inizio del Novecento il san Francesco fu sostituito da una copia (l originale è ora al Philadelphia Museum of Art). La presenza dei due santi sembra però curiosamente superflua: il fulcro narrativo di tutta la rappresentazione è in quel lampo scarlatto che segna il lato sinistro del costato di Cristo, quel taglio da cui sgorga copioso un fiotto di sangue misto ad acqua e che è una prova: attesta l assoluta umanità del corpo di Gesù e ne conferma anche l identità all incredulo discepolo Tommaso, dopo la Resurrezione. Nel Vangelo di Giovanni si legge infatti: «Poi disse a Tommaso: «Metti qua il tuo dito e guarda le mie mani; stendi la tua mano, e mettila nel mio costato; e non essere più incredulo ma credente!». Per Lucio Fontana il taglio rappresentava un apertura che ad-tendeva verso un Oltre, proprio come il taglio che il Beato Angelico sceglie di raffigurare come chiave di lettura simbolica del suo Cristo in croce: allude ad un Attesa che si svilupperà con pienezza soltanto con la Resurrezione. Lucio Fontana In mostra L Uomo e la Natura. Un rapporto complicato Marco Sorgato di Redazione Ha aperto allo Scalo Lambrate di Milano, Disintegration-IO, la prima personale di Marco Sorgato, artista giovane ed eclettico che spazia dalla musica underground ai tatuaggi, fino ad arrivare all arte con una serie di opere, circa una cinquantina, che si compongono di tre serie: De-Composizioni, Diario della Sopraffazione, Dead Chips. Al centro di tutte c è una profonda ricerca antropologica che riflette sul tentativo di sopraffazione da parte dell uomo nei confronti della natura. La scrittura è il medium prescelto da Marco Sorgato per operare questa sopraffazione in piccola scala. Le piante, simbolo della Natura, sono invece l apparente parte lesa. L artista agisce su di esse scrivendo con una bomboletta spray, con un gesto veloce e invasivo che simboleggia la brutalità del gesto dell uomo contemporaneo. Secondo Sorgato la natura è un sistema complesso, da cui l uomo non può sentirsi estraneo e la sua reazione non può che annullare l intervento umano facendolo rientrare nei suoi cicli vitali. Per questo la scritta sulla pianta è destinata a scomparire: la chioma, crescendo, modifica il messaggio, poi lo distorce fino a renderlo irriconoscibile. Con il ricambio di foglie, infine, perde gli ultimi segni dell intervento umano. Da una foglia persa nasce un germoglio e l intervento dell uomo viene quindi dimenticato e decomposto. Questo difficile tempo di Pandemia, ha portato Marco Sorgato a una riflessione profonda. Più l uomo toglie alla natura, più toglie a sé stesso perché è parte in un equilibrio che non si può ignorare. L uomo è fatto da una rete di infinite relazioni, di cui può percepire solo la proiezione semplicistica dei suoi sensi. Si tratta di una lotta tra Finito contro Infinito, impregnata di contraddittorietà. La mostra è articolata in tre serie di opere. Le De-Composizioni sono le installazioni più estetiche, dove l artista interviene direttamente con segni grafici sulle foglie secche e/o stabilizzate dopo le operazioni di sopraffazione con bombolette ed inchiostri. Il Diario della Sopraffazione invece utilizza teche entomologiche per fissare la caduta delle foglie dopo la propria azione-sopraffazione. Infine, in Dead Chips, le foglie raccolte ed essiccate al termine della manipolazione artistica, sono confezionate all interno di pacchetti di patatine. Questa dicotomia mette in evidenza il contrasto tra la natura priva di vita e le chips come icona pop. Sorgato ci invita a riflettere sulle conseguenze estreme che possono procurare le nostre azioni più banali e consuete. L esposizione, organizzata dall Associazione Formidabile, è curata da Nicolas Ballario e vede la direzione artistica di Umberto Cofini. È la seconda mostra ospitata nei suggestivi spazi di Scalo Lambrate, progetto di rigenerazione urbana nato dalla collaborazione tra Associazione Formidabile, Municipio 3 e FS Sistemi Urbani proprietari dell asset. Un deposito inutilizzato da anni, all interno dello scalo ferroviario di Lambrate, restaurato rispettando i principi di sostenibilità ambientale e messo a disposizione della comunità attraverso una serie di attività e servizi. Disintegration-IO di Marco Sorgato a cura di Nicolas Ballario Scalo Lambrate, Via Pietro Andrea Saccardo, 12 Milano Dal 20 maggio al 13 giugno Aperta tutti i giorni dalle ore 10:30 alle 19:00, ingresso libero senza prenotazione

14 14 SOCIETÀ INIZIATIVE In Ticino nasce un Osservatorio sulla criminalità organizzata spazio alle prospettive delle autorità attive nella lotta alla criminalità organizzata. Il centro ha sede nel Campus Ovest dell USI a Lugano e offre a studenti e ricercatori la possibilità di consultare il proprio archivio, che contempla una raccolta dagli anni Settanta degli atti giudiziari delle inchieste legate al Ticino, e dal 2010 degli atti giudiziari delle inchieste riguardanti il resto della Svizzera. Le vicende repertoriate fino ad ora sono quasi un centinaio, per un totale di oltre 400 nomi. Ogni dossier è composto da atti giudiziari, articoli di stampa, servizi televisivi e radiofonici, fotografie e altro materiale. È disponibile sia in versione digitale, sia in forma cartacea. Una simile banca dati consente approfondimenti scientifici sulle dimensioni e le caratteristiche del fenomeno e la costruzione di progetti di ricerca nel contesto nazionale e internazionale. L Osservatorio punta anche a organizzare diverse attività di carattere formativo e divulgativo destinate, da una parte, a individuare le questioni problematiche di carattere sostanziale e processuale, offrendo al contempo possibili soluzioni in una prospettiva di riforma normativa e, d altra parte, a promuovere nella popolazione, e soprattutto nei giovani, la conoscenza del tema e l educazione alla legalità. Il primo di questi appuntamenti è fissato per il 16 settembre prossimo, nel quadro dei festeggiamenti per il 25esimo dell USI, con un convegno intitolato Tracce della criminalità organizzata in Ticino tra passato e presente in cui interverranno come relatori Alessandra Cerreti della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano e Roy Garré, Presidente della Corte dei reclami penali del Tribunale penale federale. Era il dicembre del 2019 quando il Dipartimento federale di giustizia e polizia lanciava l allarme: anche in Svizzera, come in molti altri Paesi, le organizzazioni criminali d oltre confine operano da tempo e nei più svariati ambiti. Le mafie italiane rappresentano attualmente una minaccia considerevole per la Svizzera. Si tratta di un fenomeno tanto radicato quanto discreto. La ndrangheta si è garantita la sua ascesa nel panorama criminale proprio grazie a caratteristiche come l ermeticità della struttura e la capacità di mimetizzarsi perfettamente nel tessuto sociale. Per gli inquirenti il compito è più che mai arduo, e tra l opinione pubblica quello delle mafie è ancora percepito - a torto come un problema lontano dalla nostra realtà. Di qui l idea di creare il primo Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata (O-TiCO), presentato in conferenza stampa lo scorso 12 maggio. Dopo il saluto del Rettore dell USI Boas Erez e l introduzione della responsabile accademica dell Osservatorio, Annamaria Astrologo, sono intervenuti Nicoletta della Valle (capo dell Ufficio federale di polizia), Thomas Ferrari (capo della Polizia giudiziaria del Canton Ticino), Sergio Mastroianni (Procuratore federale) e Norman Gobbi (Consigliere di Stato e capo del Dipartimento delle istituzioni del Canton Ticino). Il centro di competenze, sviluppato in collaborazione con la Radiotelevisione svizzera (RSI), è attivo dal 1 gennaio scorso all interno dell Istituto di diritto dell USI (IDUSI, diretto da Federica De Rossa). Annamaria Astrologo è la responsabile accademica dell Osservatorio, il giornalista Francesco Lepori il responsabile operativo. Durante la conferenza stampa sono state presentate le attività dell Osservatorio dalla ricchezza dell archivio, alle potenzialità per la ricerca, all organizzazione di eventi divulgativi dando ampio Alimentazione Cresce la domanda dei sostituti della carne, ma restano un prodotto di nicchia (ats) Famiglie giovani, benestanti e residenti nella Svizzera tedesca. È questo in grandi linee l identikit tipo di chi apprezza i sostituti della carne, la cui domanda, negli ultimi cinque anni, è in costante aumento nella Confederazione. Nonostante ciò, tale mercato resta di nicchia, svela uno studio dell Ufficio federale dell agricoltura (UFAG). Lo scorso anno, riferisce un comunicato, il commercio al dettaglio elvetico ha realizzato un giro d affari di 117 milioni di franchi vendendo preparati a base di soia e ad altri prodotti ricchi di proteine. Rispetto al 2016 (60 milioni), il fatturato è quindi praticamente raddoppiato, con il tasso di crescita annuo che si è attestato al 18,4%. Se paragonato a quello della carne però, quello dei sostituti resta un mercato limitato, con una quota che si ferma al 2,3% nel commercio al dettaglio. Secondo la ricerca confezionata dall UFAG, a essere particolarmente richiesti sono i burger a base vegetale, che rappresentano un sesto del totale venduto. Se si considera tutto l assortimento, la categoria comprendente prodotti classici come il tofu (a base di soia) o il seitan (proteine del frumento) vanta il fatturato più elevato (22,2 milioni). L acquisto di alternative alla carne da parte delle economie domestiche private è però fortemente influenzato da caratteristiche sociodemografiche. La domanda delle famiglie che hanno fino a due figli, svizzero-tedesche, il cui capofamiglia è di età inferiore a 50 anni nonché di quelle con un buon reddito e che risiedono in città è decisamente superiore. Al contrario, è particolarmente bassa nelle aree rurali, nella Svizzera occidentale e nei nuclei meno abbienti. Anche per l agricoltura, fa infine notare l UFAG, il mercato dei sostituti della carne offre un grande potenziale, in particolare per quanto riguarda la produzione di materie prime vegetali. Tuttavia, al momento questo non viene sfruttato, in quanto praticamente tutte le proteine vegetali necessarie vengono importate.

15 GASTRONOMIA 15 Viaggi nel gusto Luoghi e sapori inconfondibili della Liguria getto alberghiero-residenziale Windsor saranno pronte e disponibili per la vendita entro l anno, mentre è programmata per la primavera 2022 l apertura dell albergo che porterà rinnovato lustro al territorio, catalizzando l attenzione di sofisticati viaggiatori svizzeri, europei e d oltreoceano. La spiaggia privata, il ristorante e il bar, unitamente alle camere fronte mare, ad eccezione delle pochissime con una romantica vista sul borgo, sono tutti elementi che faranno dell Hotel Windsor un nuovo punto di interesse sulla mappa turistica del Ponente ligure, grazie a un mix di ospitalità italiana e respiro internazionale. Il progetto di interior design nasce dallo studio e dall accostamento di estetiche moderne con forme e oggetti legati alla storia della Liguria: è forte il riferimento agli anni d oro del turismo ligure del XX secolo tanto quanto quello alle atmosfere dalla spensierata eleganza estiva. Nell attesa di tornare a passeggiare sul bagnasciuga ligure, o di poter frequentare hotel, ristorante e spiaggia targati Windsor che puntano a diventare un indirizzo di riferimento per i viaggiatori così come per la raffinata platea di villeggianti e frequentatori abituali dei dintorni di Alassio vi proponiamo due ricette che racchiudono un sé tutti i profumi e i sapori di Liguria. Le ricette sono degli Chef Francesco Di Marco e Tymur Isayev di Quore Italiano. di Gilda Ciaruffoli Il profumo del mare e quello del basilico. L estate che si avvicina sa di Liguria, con i suoi deliziosi borghi bagnati dalle onde, i suoi pescatori, quell atmosfera di mondana convivialità che rende ogni serata frizzante e piacevole. C è in particolare una località da sempre meta irrinunciabile per le vacanze estive dei turisti provenienti dal Canton Ticino. Si tratta di Laigueglia, in provincia di Savona, a due passi da Alassio e Albenga, famosa per i suoi dolcissimi baci (biscotti preparati con le mandorle, le nocciole e la crema di cioccolato), i suoi incantevoli carruggi, le casette colorate da storico borgo marinaro e lo Sbarco dei Saraceni, manifestazione estiva durante la quale si rievoca un episodio storico avvenuto a metà 500. Trascorrere una vacanza da sogno in un atmosfera d altri tempi qui è quasi inevitabile, grazie anche alla possibilità di soggiornare in dimore dal fascino antico, come per esempio lo storico hotel Windsor. La struttura ha vissuto una totale riqualificazione all insegna della sostenibilità e, nonostante gli inevitabili rallentamenti del 2020, oggi i lavori sono al rush finale e il cantiere si avvia alla chiusura. A breve l immobile potrà essere svelato nella sua ritrovata bellezza e, di pari passo, le aree limitrofe, compresa la passeggiata sul lungomare, torneranno disponibili per la comunità e per i numerosi frequentatori di uno dei Borghi più Belli d Italia, arricchito di un ulteriore nota di eccellenza. Il progetto di ristrutturazione è sviluppato su due fronti: la creazione di un nuovo boutique hotel di lusso e la realizzazione di 5 residenze private, situate ai piani alti. La struttura gode di una posizione impagabile, con affaccio diretto sul golfo e domina un panorama che si estende dal promontorio di Capo Mele alla Riserva naturale dell Isola Gallinara, scheggia di Liguria primordiale e rigogliosa che emerge a poco più di 1 km dalla costa, meta perfetta per un escursione naturalistica e per gli appassionati di scuba diving. Insomma, Laigueglia è un luogo magico, affascinante, con un grande potenziale da esprimere in termini di scoperta tanto delle bellezze naturali e del patrimonio storico, quanto dello stile di vita e delle abitudini di un borgo affacciato sul Mediterraneo, dove l autenticità non ha ceduto il passo alle dinamiche dello sviluppo turistico, come commenta Alessandro Sironi, amministratore di AS Hospitality, azienda di hotel management che, assieme alla società Windsor, hanno lavorato al progetto per cambiare il volto di questo angolo di paradiso della riviera ligure. Le 5 residenze private del nuovo pro- Le ricette liguri in queste pagine sono state realizzate nelle cucine di Quore Italiano, format che fa della pasta fresca e della pizza il quore della propria offerta una licenza poetica (la Q iniziale al posto della C ) che vuole evidenziare la vocazione alla ricerca della Qualità in ogni suo aspetto: dalla proposta gastronomica agli interni del locale fino al servizio curato. Presente a Milano dal 2015 con quattro locali, il format ha aperto il 2021 inaugurando la quinta location in via Vincenzo Capelli 2, a pochi passi da Piazza Gae Aulenti, fulcro del fermento economico milanese. La tradizione regionale italiana e la stagionalità delle materie prime sono alla base del menù di Quore Italiano, l estrema attenzione alla qualità dei piatti si riflette anche nella scelta dei fornitori, accuratamente selezionati tra le eccellenze del Bel Paese. La ricetta La ricetta TESTAROLI DI PONTREMOLI BACCALÀ ALLA LIGURE Ingredienti: (per 4 persone) 140 g testaroli di Pontremoli 60 g di pesto genovese 30 g di ricotta fuscella basilico fresco olio evo Pesto di basilico: 250 g di basilico fresco 2 spicchi d aglio 300 ml di olio evo 120 g di pecorino fiore sardo gratt. 60 g di pinoli 60 g di spinaci freschi 100 g di ricotta fresca fuscella Esecuzione: Preparazione pesto genovese: in un frullatore a bicchiere mettere l aglio, i pinoli, il basilico, con olio a filo. Iniziare a frullare ad impulsi per evitare il riscaldamento delle lame, aggiungere gli spinaci e continuare a frullare con olio a filo. Una volta ottenuto il composto aggiungere il pecorino, continuando a mescolare, fino ad ottenere un composto omogeneo. Preparazione piatto: cuocere i testaroli precedentemente tagliati a lembi di circa 3 cm per 6/7 cm con l aiuto di una rotella, in acqua bollente per circa 1 minuto e scolare bene. In una boule mettere il pesto, aggiungere la ricotta e girare bene con un cucchiaio. Aggiungere i testaroli e mescolare con delicatezza così da evitare la rottura degli stessi. Impiattare e servire con del basilico spezzettato e un filo d olio evo. Ingredienti: (per 4 persone) 1 kg baccalà pulito 2 g aglio 60 ml vino bianco 200 g di patate gialle 10 g basilico 100 g di farina di riso 70 g cipolla gialla 100 g olive taggiasche 50 g di pinoli tostati 2 foglie di alloro sale/pepe 500 g di salsa pomodoro cotto Esecuzione: Preparazione: pulire il baccalà da ogni lisca o spina. Prendere il trancio di baccalà e porzionarlo lasciando la pelle. Ricavarne circa 15 pezzi (cubi) da 70 g, infarinarli nella farina di riso da tutti i lati. Preparare una padella antiaderente con l olio di semi, scottare il baccalà dalla parte della pelle e successivamente su tutti i lati. Dopo la doratura mettere i cubetti in una teglia. In un altra padella grande aggiungere l olio, l aglio, l alloro e le cipolle tagliate a julienne, rosolare, aggiungere le patate tagliate a cubi di circa 3 cm e lasciare rosolare. Successivamente posizionare il baccalà dalla parte della pelle sul fondo della padella, lasciare rosolare per qualche minuto, sfumare con il vino bianco, lasciare evaporare l alcol, aggiungere il pomodoro, il basilico spezzettato a mano, le olive taggiasche. Terminare la cottura a fuoco basso per 10 min, regolare di sale e pepe. Tostare i pinoli in una padella antiaderente ed aggiungerli al baccalà. Servire su una fetta di pane abbrustolito in padella. Laura La Monaca

16 16 TV

17 MISSIONE 17 Missione Cattolica di Lingua Italiana Unità Pastorale Zimmerberg RESTRIZIONI COVID E ATTIVITÀ DELLA MISSIONE A seguito degli ultimi aggiornamenti sulle restrizioni e le normative in merito alla situazione relative alla Pandemia in corso, in ambito religioso è previsto che le celebrazioni dal 1 giugno potranno essere autorizzate con un massimo di 100 partecipanti (permanendo l obbligo di mascherina), con la possibilità di cantare durante la Messa. Se queste direttive verranno confermate, le parrocchie di Horgen e Wädenswil smetteranno molto probabilmente il collegamento in live streaming nelle sale. Per quanto riguarda le altre attività, in alcune parrocchie sono permessi gli incontri dei pensionati in presenza di massimo 15 persone, con obbligo di mascherina e mantenendo la dovuta distanza; riprendono anche gli incontri del venerdì (Incontri Biblici, Agorà e Cineforum) sempre nel rispetto delle norme (distanziamento e mascherina). Per poter rimanere aggiornati sullo svolgimento degli appuntamenti è possibile consultare il calendario sul sito della Missione, dove verrà sempre indicata la possibilità di andamento degli eventi. TANTI AUGURI ANNEMARIE MATTIOLI Nel mese di maggio ha compiuto 70 anni Annemarie Mattioli, che per più di 40 anni ha ricoperto il ruolo di organista ufficiale della chiesa di Horgen e che anche ora, in meritata pensione, continua a mettersi a disposizione per la comunità; durante tutti questi anni ha sempre animato anche le celebrazioni della comunità italiana ed ha aiutato e sostenuto anche in passato il coro della Missione. Rinnoviamo i nostri più sinceri auguri, ci auspichiamo che la nostra collaborazione rimanga sempre preziosa. ROSARIO IN ONORE DELLA MA- DONNA Come già a maggio del 2020 anche quest anno a Thalwil è stato recitato un santo Rosario multilingue. Poiché lo scorso anno fu accolto positivamente dalla Comunità cattolica, la Via Crucis nel Tempo Quaresimale ed il santo Rosario nel mese di maggio (Maiandacht) sono stati introdotti stabilmente nel programma annuale della Missione e della Parrocchia SS. Felix und Regula di Thalwil. Il 7 maggio scorso è stato recitato il santo Rosario in cinque lingue: tedesco, italiano, francese, inglese e spagnolo. I 5 Misteri Gloriosi sono stati recitati a turno in una lingua delle 5 già citate. Alle dieci Ave Maria seguiva poi un brano della Sacra Scrittura, il Padre Nostro e il Gloria. Allo stesso tempo, a completare l atmosfera di preghiera, veniva proiettata su uno schermo un immagine sacra, opera del pittore fiammingo Rogier van der Weyden ( ). I Misteri Gloriosi erano intervallati da strofe del canto Ave Maria di Lourdes ed il Magnificat è stato accompagnato dall organista Andreas Schönenberger. Tutto sommato è stata una bella cerimonia poiché ognuno poteva recitare nella propria lingua madre. La partecipazione è stata abbastanza numerosa. Arrivederci al INCONTRO INFORMATIVO SUL- LA RISTRUTTURAZIONE DELLA CHIESA DI THALWIL Il 28 novembre 2019 l assemblea parrocchiale di Thalwil ha approvato il progetto di ristrutturazione della chiesa parrocchiale. Il prossimo 1 giugno si terrà alle ore 20:00 all interno della chiesa stessa un incontro, dove gli architetti M. Šik e T. Schnellmann presenteranno nel dettaglio la riprogettazione interna della struttura. Sarà mostrato l intero progetto, il design interno e la ristrutturazione dell edificio. La partecipazione è a numero chiuso (se verranno confermati gli allentamenti, il numero di partecipanti potrà essere al massimo 100), è possibile registrarsi chiamando presso le segreterie di Thalwil (scrivendo alla mail felix. o chiamando il numero ) e di Rüschlikon (nelle stesse modalità, kath-tharue.ch ). VIAGGIO CULTURALE IN SICILIA A causa della pandemia da Covid19 il viaggio in Uzbekistan, rimandato due volte, è stato definitivamente annullato. In cambio la Missione progetta, dal 12 settembre 2021, un viaggio culturale in Sicilia. Per poter presentare il programma ci sarà una prima serata informativa il giorno 2 giugno 2021 nella sala Parrocchiale di Horgen, Burghaldenstrasse 7, alle ore Coloro che hanno interesse per questo viaggio sono invitati alla serata Info. Il viaggio si farà in aereo da Zurigo Kloten (andata/ritorno) ed il tour in Sicilia in pullman. A presto. SCRIGNO DEI TESORI NASCOSTI PROGETTO MADAGASCAR BOKY MÀMIKO (ovvero: Libro, Amore mio) Questo il significato del titolo dato a questo progetto a lunga scadenza in Madagascar. Questo progetto è già stato presentato, tempo fa, da Rossana Galli D Amico, fondatrice e presidente dell Associazione ONG (Organizzazione No Profit) che porta avanti il progetto di supporto finanziario per giovani malgasce/i per lo studio e l apprendimento scolastico. Sabato 10 aprile in inglese e giovedì scorso, 22 aprile in italiano, Rossana ha presentato in videoconferenza il Rapporto Annuale per il I dettagli hanno evidenziato quanto il Gruppo ha fatto e quanto sta facendo per aiutare scolari e studenti non solo finanziariamente bensì anche nell organizzazione didattica (libri, insegnanti ecc.) nelle zone in cui opera. Lo scopo di Boky Màmiko é quello di offrire la possibilità a bambine e bambini malgasci (dalle scuole elementari agli studi superiori) di poter frequentare i corsi scolastici che la povertà del Paese non può offrire. Manca materiale didattico (libri, ecc.), personale insegnante (a volte improvvisato perché non c è altro) e altro ancora. A tale scopo Boky Màmiko cerca sostenitori/donatori che aderiscano al progetto con liberi versamenti finanziari. Alcuni esempi: Variante 1: 60 euro salario mensile di un insegnante Variante 2: 150 euro acquisto di 10 libri per la biblioteca Variante 3: 360 euro colazione per 3 mesi per 150 bambini Variante 4: 720 euro stipendio annuale di un insegnante Con 120 Franchi all anno si contribuisce alla pianificazione delle attività. Nel mio piccolo esorto ad essere generosi tutti coloro che hanno a cuore l istruzione di bambine e bambini Malgasci. Ideale sarebbe un impegno di donazione annuale scegliendo una (o più) delle varianti sopra elencate. Siate lungimiranti e, soprattutto, generosi. Grazie per la vostra adesione. Le donazioni possono essere indirizzate direttamente a: Boky Mamiko, 8802 Kilchberg (ZH), Svizzera Numero di conto corrente: IBAN: CH Oppure alla Missione Cattolica Italiana, Horgen. Vi invitiamo a partecipare ad una serata informativa venerdì, 11 giugno alle ore nel centro parrocchiale di Wädenswil, dove verranno presentati tutti i progetti caritativi che la Missione sostiene. ANNIVERSARI DÌ MATRIMONI La Santa Messa dedicata alla benedizione e al rinnovo delle promesse matrimoniali è fissata per sabato, 4 Settembre 2021 alle ore a Kilchberg. Tutte le coppie che festeggiano un anniversario e desiderano partecipare alla celebrazione possono prenotarsi presso la segreteria della Missione al numero Se sarà di nuovo permesso, ci sarà un aperitivo dopo la messa. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. (Mt 28,16-20) Tutta la Trinità abita nell anima che ama nella verità, cioè nel custodire la sua parola. (B. ELISABETTA DELLA TRINITÀ) Missione Cattolica di Lingua Italiana Unità Pastorale Zimmerberg Comunità Adliswil, Horgen, Hirzel, Kilchberg, Oberrieden, Langnau a. Albis, Richterswil, Thalwil, Wädenswil Sede Burghaldenstrasse Horgen Tel Segreteria a Horgen Lu Ve: Servizi sociali INAS-CISL - Sede di Horgen Su appuntamento presso MCLI Rocco Minelli: Giuseppe Versamento: Servizio Consolare Kilchberg: Schützenmattstr. 25 (Centro parrocchiale) Patronato ACLI e Corrispondente Consolare, Tutti i venerdì, ore Cell Vita di ComunitÀ Battesimi e Matrimoni: Si celebrano durante le Sante Messe a Kilchberg il 1 sabato del mese ore 17.00; ad Adliswil, la 2a domenica del mese ore 18.00; a Richterswil, l ultimo sabato del mese ore 18.00; a Thalwil, 1a domenica del mese ore ed a Wädenswil, 3a domenica del mese ore Oppure il 2 sabato del mese a Horgen ore Matrimoni: Il prossimo corso prematrimoniale è fissato dal 6 giugno al 4 luglio Confessioni individuali: Su richiesta. Visita degli ammalati in ospedali, case di riposo e unzione degli infermi: Purtroppo, già da un paio di anni, per motivi di privacy, non riceviamo più informazioni sugli ammalati in ospedale. Per eventuali visite vi preghiamo di chiamare in segreteria oppure di rivolgervi direttamente al missionario. Visite in famiglia, benedizioni e colloqui: Su richiesta. Collette obbligatorie: Il 2 maggio sono stati raccolti Fr per gli studenti di Teologia di Zurigo, il 9 maggio Fr per la Caritas e il 16 maggio Fr per la stampa cattolica in Svizzera. I NOSTRI CARI DEFUNTI Pellegrino Venezia Nato a Taurano (AV) il 15 Giugno 1948 Deceduto a Thalwil il 30 Aprile 2021 L eterno riposo dona a lui o Signore! GIUGNO Sabato Kilchberg S. Messa Domenica Horgen + Youtube S. Messa Wädenswil + Youtube S. Messa Insieme Corpus Domini Thalwil S. Messa Regionalgottesdienst Sabato Langnau S. Messa Insieme Domenica Horgen + Youtube S. Messa Wädenswil + Youtube S. Messa Adliswil S. Messa Domenica Horgen + Youtube S. Messa Wädenswil Prima Comunione (Gruppo 1) Wädenswil Prima Comunione (Gruppo 2) Thalwil S. Messa Sabato Horgen Prima Comunione (Gruppo 1) Horgen Prima Comunione (Gruppo 2) CALENDARIO LITURGICO Au - Cappella Bruder Klaus S. Messa per Bambini Richterswil S. Messa Domenica Horgen Prima Comunione (Gruppo 1) Horgen Prima Comunione (Gruppo 2) Wädenswil + Youtube S. Messa Adliswil S. Messa Mercoledì Horgen S. Messa Madonna del Carmine ATTIVITÀ DELLA MISSIONE NEL MESE DI MAGGIO martedì ore Thalwil Serata Informativa Ristrutturazione Chiesa mercoledì ore Kilchberg Incontro Pensionati mercoledì ore Horgen Serata Informativa Pellegrinaggio venerdì ore Horgen Serata Biblica Vangelo di Giovanni domenica ore Horgen Corso Prematrimoniale Serata informativa con Buffet freddo lunedì ore Wädenswil Incontro Pensionati Balli di Gruppo lunedì ore Horgen Incontro Pensionati lunedì ore Horgen Corso Prematrimoniale Questioni giuridiche venerdì ore Wädenswil Presentazione dei progetti caritativi domenica ore Horgen Corso Prematrimoniale Dio della Comunicazione lunedì ore Wädenswil Incontro Pensionati Balli di Gruppo lunedì ore Horgen Corso Prematrimoniale Liturgia del Matrimonio venerdì ore Horgen Consiglio Pastorale domenica ore Horgen Corso Prematrimoniale Aspetti psicologici lunedì ore Wädenswil Incontro Pensionati Balli di Gruppo lunedì ore Horgen Corso Prematrimoniale Bibbia e Matrimonio martedì ore Horgen Kirchgemeindeversammlung venerdì ore Thalwil Cineforum I ragazzi del Coro domenica ore Horgen Corso Prematrimoniale Risolvere conflitti lunedì ore Wädenswil Incontro Pensionati lunedì ore Rüschlikon Incontro Pensionati lunedì ore Horgen Corso Prematrimoniale Risvolti medici mercoledì ore Horgen S. Messa Madonna del Carmine

18 18 CORRIERE DEI PICCOLI Pilotare un aereo non è come andare in bicicletta Nel 2020 i voli aerei sono diminuiti del 65,9% rispetto al 2019, il che ha significato che moltissimi piloti sono stati congedati o messi a riposo per 12 mesi, con effetti negativi sulla loro lucidità e preparazione. Qualche esempio? Un pilota in fase di atterraggio è scivolato con il suo aereo in un fossato, un altro si è dimenticato di attivare il sistema antighiaccio necessario per controllare il volo a basse temperature, molti hanno volato ad altitudini sbagliate. Le compagnie aeree sono corse ai ripari: per recuperare la sicurezza stanno sottoponendo i piloti a rigide sessioni di esercitazioni, simulazioni ed esami. L ESEMPIO di MARIA Quando Maria va a trovare la cugina, incinta di Giovanni Battista, viene immediatamente riconosciuta per la sua grandezza. La presenza di Maria riempie lo spazio e le persone circostanti di Spirito santo, la madre di Gesù è l esempio per eccellenza di come ogni cristiano dovrebbe accettare e accogliere con gioia tutto ciò che Dio ci pone davanti. La 500 miglia di Indianapolis Il 30 maggio di 110 anni fa venne organizzata la prima edizione della celeberrima corsa automobilistica statunitense. Il circuito è un ovale lungo circa 4 km: la prima edizione è stata vinta dal pilota americano Harroun, mentre l ultima, svoltasi nel 2020, dal pilota giapponese Sato. Questa ultima edizione è stata la numero 104, in quanto durante i due conflitti mondiali la gara è stata sospesa. Le qualifiche sono aperte a chiunque sia in grado di mettere in pista un auto con specifiche caratteristiche (telaio Dallara, motori Chevrolet e Honda, gomme Firestone), e sia in grado di raggiungere determinate velocità al giro. sudoku cruciverba Soluzioni numero scorso

19 SPORT 19 La Palestra dell autostima Krav maga, il diritto alla difesa Fellus Gabrielle Federica Santeusanio di Maria Moreni La rinascita personale parte dall alzare la testa e lo sguardo, dal cambio di voce e postura, dalla gestione della rabbia e della paura. Sono solo alcuni aspetti che insegna a fare Gabrielle Fellus ne La palestra dell autostima. Sette passi per conquistare il rispetto che meriti, edito da Sonzogno. Un invito dedicato in particolare a chi subisce soprusi, bullismo, aggressioni o violenza verbale. Fellus è l unica donna in Italia ad aver raggiunto il livello Expert (Ikmf) di Krav Maga -sistema di autodifesa e combattimento nato in Israele nei primi decenni del Novecento- come istruttrice in area civile. Ha seguito corsi di formazione nelle aree della Security, della Vip Protection e del Law Enforcement. Si è specializzata nell insegnamento alle donne, bambini e persone diversamente abili. Ha creato un metodo, gestito dalla sua associazione, I Respect, grazie al quale ha supportato donne vittime di violenza, minori con problemi di bullismo, dipendenze e disturbi alimentari, collaborando con importanti strutture ospedaliere tra cui il Centro ascolto e soccorso donna dell ospedale Santi Paolo e Carlo e dell ospedale Fatebenefratelli-Sacco di Milano, dove ha aperto la prima palestra di autostima e autodifesa. Oltre ai corsi che tiene nella sua palestra a Milano, l istruttrice si occupa di formazione nelle scuole, per i docenti, per gli operatori sanitari, nelle aziende. Infine, ha creato, di recente, il progetto I Respect online, con videolezioni di supporto rivolte a persone di tutte le età. Il Metodo Fellus, spiegato nel testo edito da Sonzogno, guida i lettori verso un vero e proprio percorso di trasformazione personale che, attraverso esercizi mirati e efficaci, aiuta a padroneggiare il linguaggio del corpo, a controllare lo spazio, lo sguardo e la voce, a gestire emozioni disturbanti che paralizzano e mandano in cortocircuito. Il datore di lavoro mette continuamente in dubbio le vostre capacità e vi rifila i compiti meno gratificanti? La frecciata di un presunto amico vi rende insicuri? Da tempo sopportate in silenzio i maltrattamenti (verbali, mentali o fisici) del vostro partner o di un compagno di scuola? È importante partire da un dato di fatto: non siete soli, non siete gli unici. Chiunque, in un modo o nell altro, si è trovato a subire commenti, ingiustizie o soprusi che a lungo andare hanno incrinato l autostima e la fiducia in sé. Ciò che insegna l esperta non è picchiare, ma contrastare e prevenire i soprusi attraverso le tecniche proprie delle discipline di combattimento. Ne La palestra dell autostima sono racchiusi punti focali di quello che ha imparato a sua volta in addestramento. La difesa parte dalla testa, dalla consapevolezza del proprio valore e dalla capacità di riconoscere una situazione, di reagire a un aggressione, che può essere fisica o verbale. Certo, ci sono delle differenze di ruoli e contesti tra una aggressione in strada e in un locale, il bullismo a scuola, il mobbing sul posto di lavoro, la violenza privata e domestica. Ma il primo passo è sempre e comunque uno: imparare a voler reagire, a voler difendersi, senza mai scendere al livello di chi attacca, anche se la tentazione è forte, ricordandosi che è proprio quel genere di persone che per prime hanno dei problemi e per questo agiscono in quel modo. Alla base di tutto, comunque, c è la visione che abbiamo di noi stessi: ciò che insegna Fellus è recuperare la propria autostima, riprendere la propria forza, senza attivare violenza, facendo acquisire la consapevolezza che attorno al proprio corpo c è il nostro spazio vitale che nessuno deve invadere. E che si ha diritto al rispetto. «Non basta essere corretti per venire ricambiati con la stessa moneta: il rispetto si deve conquistare, ma alcuni credono che chi è più arrendevole non se lo meriti», spiega l autrice nel suo libro. «E spesso, purtroppo, sotto sotto chi è remissivo perché vittima di traumi passati ritiene davvero di non meritarselo, e nell atteggiamento sprezzante degli altri trova una conferma alla propria insicurezza. È il classico cane che si morde la coda. Quello che voglio insegnare io, invece, è che tutti abbiamo diritto al rispetto. Anzi, ancora di più, diritto alla difesa. Mettiamocelo bene in testa». Diritto alla difesa, prosegue ancora Fellus, significa «imparare a non arrendersi, a ribellarsi contro chi ha deciso di manipolarci, usarci, maltrattarci. Vuol dire anche avere il coraggio di denunciare chi si permette di offenderci o arriva addirittura ad attaccarci fisicamente». Ci si protegge e si contrattacca con una combinazione di colpi, soprattutto psicologici. Lo stesso principio vale per un aggressione non fisica: se qualcuno ci manca di rispetto, in modo subdolo o palese, è nostro diritto rispondere. Che si tratti di schiaffi, pugni, insulti o molestie, il meccanismo è lo stesso: cambiano solo i modi e l intensità, ma bisogna sempre reagire, per se stessi e per i propri cari. «Non è certo vostra la colpa se venite aggredite, ma avete la responsabilità di imparare a reagire e risolvere la situazione. Forse non lo sapete ancora, ma avete una grandissima forza interiore, che vi indicherà la strada per difendervi e ottenere il rispetto che meritate», sottolinea ancora Fellus. Un altro importante passo è saper distinguere con quali persone si sta bene, chi ci apprezza, piuttosto che chi ci sottovaluta o addirittura ci sminuisce. Le simulazioni che fa l istruttrice di krav maga nelle sue lezioni si riferiscono a situazioni reali, per cui si impara a usare le giuste parole di fronte a un attacco verbale, che magari si è già ripetuto nel tempo. A spiazzare l avversario, diventando imprevedibili ai suoi occhi. E a spezzare, così, la catena, il circolo vizioso in cui si è finiti da tempo. Il metodo Fellus insegna anche come usare ironia e autoironia, prendendosi in giro da soli quando serve, senza ingigantire un difetto facendolo diventare un incubo, ma cominciando a piacersi per ciò che si è, accettarsi o anche migliorarci, se lo riteniamo. Infine, è un allenamento alla resilienza, un termine oggi molto abusato e utilizzato anche in contesti impropri, ma in questo ambito azzeccatissimo: significa assorbire i traumi senza spezzarsi, proprio come i metalli che hanno questa caratteristica, affrontare momenti difficili senza perdere la capacità di guardare avanti, trovare la forza di reagire e ricostruirsi malgrado quello che ci è successo, adattarsi al cambiamento. Ed è allora che l autostima può risplendere nei nostri occhi. La vera arma vincente. Krav Maga (Women s_self_defense) presso l EKMT Krav Maga

20 20 ZIBALDONE riflessioni Contro la pandemia una maratona mondiale di Rosari di Albino Michelin A mali estremi, estremi rimedi. Così viene pensata l iniziativa su scala continentale dei rosari recitati ogni sera del mese di maggio 2021, alle ore 18, promossa dal dicastero Nuova Evangelizzazione, Presidente Rino Fisichella, supportata da vari gruppi come L Immacolata vincerà, e sostenuta da papa Bergoglio. Ogni sera un santuario diverso: dal Vietnam al Sudafrica, alla Norvegia e al Sudamerica. 31 Santuari quanti sono i giorni che compongono il mese di maggio. Iniziativa divulgata attraverso i canali di radio vaticana e, quindi, accessibile a tutti i possessori di uno smartphone. In ogni santuario uno scopo in successione, per i famigliari dei defunti virus, per i disoccupati, per i senza tetto, per il corpo sanitario, per i migranti, per gli anziani eccetera. Un significato planetario e intergenerazionale. Scopo: che il Signore fermi la pandemia e permetta la ripresa delle attività lavorative e sociali. Diciamo subito che la pratica della preghiera è fondamentale in tutte le religioni, sia pure con formule e modalità diverse. I cattolici con il rosario di 150 avemarie, gli ebrei con i 150 salmi, i musulmani con una corona di 90 grani, gli induisti con l antichissimo mantra meditativo. Nessuno si sogna di mettere in discussione l importanza della preghiera. Anche agli atei nei momenti di emergenza sfugge l invocazione: Oh Dio-mamma. Questa maratona ha un nobile intendimento, ma non poteva evitare anche delle osservazioni da parte di molti credenti. Oltre a chi la definisce un assurdo, un intervento significativo è quello del teologo Vito Mancuso, al quale si deve essere grati perché ha tempo e coraggio di pensare per chi tempo e modo di pensare non ne ha. Egli scrive: pregare perché Dio intervenga a fermare la pandemia è spiazzante, è mercanteggiare con il Creatore. Diamo qui subito voce a questa obiezione. Spiazzamento e mercanteggio in quanto ci riporterebbe a una mentalità preistorica (nessun si offenda) o infantile. Il bambino dà a Topolino e Paperino dei modi di parlare, agire e interagire a misura di bambino. Per un bambino Dio è come babbo natale, un anziano dalla barba bianca e fluente, che porta nella bisaccia regalini ai bravi e carboncini ai cattivi. Questa immagine riferita all infanzia della nostra civiltà si chiama concetto antropomorfico di Dio. Cioè dare alla divinità suprema della qualità e comportamenti umani. Quindi per i filosofi greci Dio era il primo motore, residente nell iperuranio, con messaggeri (angeli) guardiani nei singoli pianeti. Giove dio del sole, Marte dio della guerra, Venere dea dell amore, Saturno, dio dell agricoltura e di seguito. Residuato rimasto ancora oggi, allorché molti si appassionano a leggere il loro destino nell astrologia e nei segni zodiacali. L immagine del Dio antropomorfico è stata presente per lungo tempo nel cattolicesimo, ma in parte come prassi è presente nelle anime semplici pure oggi. Dio quasi come chauffeur dell universo, condottiero della quadriga di questo mondo, che apre le cateratte del cielo per la pioggia e le chiude per il sole ed esige processioni in caso di inondazioni, di siccità, invasioni di cavallette. Insomma, un dio mitologico. È arrivata da qualche secolo la scienza che ha demitizzato tutto, ha fatto un grande servizio alla religione e alla divinità, ha liquidato un certo dio. Un dio è morto. Ma c è ancora qualcuno che lo risuscita e quindi, con terrorismo psicologico, continua a sostenere che Dio manda terremoti, guerre, pestilenze e quant altro. Cose tutte che vanno imputate alla noncuranza e alla colpa dell uomo. Sembra comunque che certi profeti di chiesa ne abbiano bisogno come del pane. C è stato anche recentemente, in occasione del terremoto dell Umbria e dell attuale pandemia chi è tornato al linguaggio del dio mitologico. Con radio Maria anche M. Camisasca, vescovo di Reggio Emilia, il quale predicò che Dio si serve del male per convertirci, cui però il filosofo su citato rispose: intervento immorale e disumano questa strumentalizzazione della sofferenza umana. Se consideriamo le pesti del passato, quella nera del , con oltre 20 milioni di morti, o quella spagnola del con 50 milioni di infetti, la peste se n è andata per esaurimento, nascita, vita, crescita, morte del virus. Anche la famosa peste di Milano del 1630, durante la quale il Cardinal Federico ha dovuto interrompere la processione perché con quell assembramento sacro la pestilenza si è prolungata per un anno. Surreale, certo, la visione di papa Francesco che il 27 marzo del 2020, nella piazza di S. Pietro deserta, va a baciare il crocefisso di S. Marcello, pregato dai romani nella peste del 1522, cessata solo l anno seguente. È qui però che dobbiamo innestare il significato, l importanza, la necessità della preghiera: se non serve a fermare la peste, allora domanda di fondo, a che serve la nostra maratona del rosario 2021? Serve molto e per diversi motivi. Anzitutto per riscoprire tutti insieme, uomini dei vari continenti, il senso della vita. Che significa capacità di interiorizzazione, di ascolto, di sostegno, di solidarietà reciproca universale, far riemergere la nostra spiritualità minacciata dallo stress, il non senso degli scontri, delle concorrenze, perché siamo tutti nella stessa barca. E anche l esistenza di un essere superiore, a cui potremmo pure rivolgerci come Giobbe talvolta aggressivo, un altra volta appassionato. O come Gesù, che lo chiamava padre, da cui non è stato liberato, ma accompagnato nella morte sulla Croce, e ci ha fatto capire che Dio è per un altra dimensione. Che la preghiera non ha solo valore personale ma anche sociale, che dà luce allo spirito, riposo al cuore, forza alla volontà. Che non cambia la realtà alla nostra misura, ma cambia la nostra misura di fronte alla realtà. La preghiera insegna -con un saggio del che Dio non ha mani, non ha piedi, non ha occhi. Ma ha le nostre mani perché nel 2000 e oltre impariamo a vincere la pandemia usando le mani non per saccheggiare il creato ed esaurirlo ai nostri interessi, per agglomerati abitativi, cementificazione, inquinamento, costruzione di armi e ordigni di morte. I nostri piedi sono quelli di Dio, non per andare a colonizzare, a invadere, a saccheggiare territori altrui, ma per portare cibo, acqua, medicine. I nostri occhi non servono soltanto per vedere, ma per guardare, penetrare, intuire, empatizzare con i bisogni altrui, solidarizzare, per estrarre dal creato anticorpi che servano alla nostra sopravvivenza gioiosa, perché questo virus o uno prossimo potrebbe sempre abitare fra di noi. Non è possibile abolire la preghiera, ma aggiustarne il tiro: non per mercanteggiare e ricevere miracoli da Dio, ma per compierli noi stessi perché ne abbiamo dentro di noi, anche se ignorate le potenziali capacità. Emigrazione vissuta e descritta di Antonio Spadacini Sono d obbligo alcune premesse, tenendo conto che quando si parla di numeri statistici sono sempre approssimativi. Ogni persona residente in Svizzera, ma che non possiede la nazionalità, è definita straniera. Esistono diversi permessi di residenza e di lavoro. Su abitanti, sono svizzeri, inclusi i italiani con doppia nazionalità. Dei stranieri, sono italiani con unica nazionalità. A questi vanno aggiunti frontalieri. La storia riferisce ciò che accade in un determinato tempo. Non tutto può essere registrato e chi scrive riporta ciò che è di suo interesse. I giornalisti, politici, sociologi ecc. vivono scrivendo sui fenomeni migratori, guadagnando su quanto tramandano, pur non condividendo la vita di tante professioni di lavoro, eccezion fatta della propria. La stragrande maggioranza degli emigrati non lascia appunti scritti, ma fa un tutt uno del lavoro con gesti, sguardi, sospiri e risate e tristezze che nessuno può registrare. Il lavoro degli addetti alla carta stampata e ai mass media è visibile e riconoscibile nei libri o nelle informazioni radio e televisive. Riscontriamo i gesti degli emigrati semplici e coerenti, in emigrazione, li riscontriamo in gruppi da loro costituiti per aiutarsi reciprocamente, comitati che aiutano i loro figli nella scuola e nell apprendimento della lingua locale, associazione a difesa dei loro diritti sociali e culturali in vista di un dialogo costruttivo per tutti. Spesso questi ultimi sono dei poeti, nel significato profondo del termine che significa fare ma non perché vengono conosciuti dai testi delle poesie che scrivono diversamente da sociologi, storici e politici che diventano famosi per i libri che scrivono sul lavoro che equivale a fare. Ci troviamo di fronte a gesti degli emigrati e degli autoctoni che condividono il territorio elvetico con diritti e mansioni differenti e procaccianti introiti di entità discrepanti. Nell animo di ognuno sono racchiusi sogni, sentimenti, desideri e paure inspiegabili ma veri. L interiorità d anima o lontananza di un tempo perduto, incerto o che permetta di vivere un esistenza indivisa nella solidarietà umana. Anche questa precisazione -riguardante gli emigrati e coloro che vivono descrivendo l emigrazione- è riduttiva e semplicistica, perché non tiene conto del tempo storico, che è quello lineare che si snoda tra passato presente e futuro, e di quello ordinario sul quale vengono collocate le nostre azioni e gesti. Se descrivo una situazione di emigrazione, ad esempio, avvenuta nel 2010, ritenendola di attualità nel 2021, devo ammettere che, pur essendo vera, non è valida e giusta, sebbene lettori e auditore mi prestino fede cieca, dimenticando di mettere in atto le loco capacità critiche e rischiando di lasciarsi indottrinare ed io di essere un dogmatico che impone le mie visioni, ritenendo che la realtà si debba adeguare ad esse. Convinzioni, sogni, fantasie, sono aspetti positivi in una persona, ma non possono creare o ignorare l obiettività delle cose. Vedo sintetizzate molto bene queste realtà nelle varie loro sfumature nei versi della poetessa Erika Burkart; versi che la poetessa deve aver scritto appartata in un antica abbazia della campagna argoviese: Questa notte, dal sogno, ho preso una stella. // Ma dove nasconderla/quando si sfalda il sonno/ e l uccello del mattino/con becco d acciaio/m incide il volto?// Basso è il cielo,/ cade neve sui campi./si disfano/nelle zolle i fiocchi/come i nostri pensieri/in disperse parole.// Il silenzio e l assenza/ di ogni rumore. Resta/il battito del cuore/che oscilla/su sigillate fonti. Di fronte ai valori profondi racchiusi in queste parole poetiche, mi verrebbe di definire il tempo che ogni emigrato impiega per sentirsi a casa propria nel luogo dove vive e lavora, fraternizzando con chi proviene da altre nazioni, l apprendistato per metter su famiglia. Così, l autrice trova l ispirazione e innumerevoli segni nella natura. Segni che rinviano a ulteriori realtà: unità di sentimenti nell individuo, rapporti tra generazioni ed etnie, attraverso nuove forme di dialogo, nonostante l esperienza del distacco e della solitudine, a conferma che l amore si trova fuori dalle scelte economiche, politiche e dai luoghi e simboli religiosi.

I.C. «ANTONIO GRAMSCI» ALBANO LAZIALE loc. PAVONA (RM) la nonna bambina che racconta la Shoah

I.C. «ANTONIO GRAMSCI» ALBANO LAZIALE loc. PAVONA (RM) la nonna bambina che racconta la Shoah I.C. «ANTONIO GRAMSCI» ALBANO LAZIALE loc. PAVONA (RM) la nonna bambina che racconta la Shoah CLASSI PRIMA e SECONDA sez. C Pavona, 13 febbraio 2018 Carissima nonna Susanne, è ormai da qualche anno, prima

Dettagli

Il signor Rigoni DAL MEDICO

Il signor Rigoni DAL MEDICO 5 DAL MEDICO Per i giornali, Aristide Rigoni è l uomo più strano degli ultimi cinquant anni, dal giorno della sua nascita. È un uomo alto, forte, con due gambe lunghe e con una grossa bocca. Un uomo strano,

Dettagli

il quaderno dei Diritti Umani

il quaderno dei Diritti Umani il quaderno dei Diritti Umani il quaderno dei Diritti Umani Questo è il quaderno di: Nome e Cognome Classe Scuola Anno scolastico Ringraziamo Maria Grazia Scalas per le bellissime illustrazioni. UN GIORNO

Dettagli

Le norme UNI in versione facile da leggere

Le norme UNI in versione facile da leggere Le norme UNI in versione facile da leggere Prima bozza a cura di Anffas Onlus Pag. 1 a 14 Alcune informazioni sulle norme UNI Cosa sono le norme UNI? Le norme UNI sono delle regole che dicono come fare

Dettagli

VIVERE SENZA LA CHIMICA

VIVERE SENZA LA CHIMICA VIVERE SENZA LA CHIMICA Lavoro realizzato dalla classe 2 A della Scuola Secondaria di I grado A. Manzoni Besnate (VA) Premio Nazionale Federchimica Giovani - codice iscrizione B00297 Oggi chiedere all

Dettagli

La biodiversità è la varietà di forme di vita presenti sul nostro pianeta. È alla base del nostro benessere e della nostra economia.

La biodiversità è la varietà di forme di vita presenti sul nostro pianeta. È alla base del nostro benessere e della nostra economia. NATURA E BIODIVERSITÀ Perché ti riguarda? La biodiversità è la varietà di forme di vita presenti sul nostro pianeta. È alla base del nostro benessere e della nostra economia. Dipendiamo dalla natura, che

Dettagli

Lombardia, una regione allo specchio Panorama d Italia 2017

Lombardia, una regione allo specchio Panorama d Italia 2017 INSIGHT 3 4 6 8 ATTENZIONE ALL AMBIENTE Molto Abbastanza Così così Poco Per niente VALE LA PENA CHE MI COMPORTI NEL RISPETTO DELL'AMBIENTE ANCHE SE GLI ALTRI NON FANNO LO STESSO 52 29 11 5 2 4,2/5

Dettagli

DAY HOSPITAL/6: viaggio nel reparto di Oncologia Medica 1

DAY HOSPITAL/6: viaggio nel reparto di Oncologia Medica 1 DAY HOSPITAL/6: viaggio nel reparto di Oncologia Medica 1 LECCO È venerdì e come ogni settimana torna l appuntamento con il mondo della sanità e, in particolare, con l Ospedale Manzoni di Lecco, che anche

Dettagli

IL FILM. Regia di Jean-Michel Cousteau, Jean Jacques Mantello Con la partecipazione di Arnold Schwarzenegger Matinèe per le scuole dal 17 maggio

IL FILM. Regia di Jean-Michel Cousteau, Jean Jacques Mantello Con la partecipazione di Arnold Schwarzenegger Matinèe per le scuole dal 17 maggio IL FILM Regia di Jean-Michel Cousteau, Jean Jacques Mantello Con la partecipazione di Arnold Schwarzenegger Matinèe per le scuole dal 17 maggio Jean-Michel Cousteau, figlio dello storico regista e oceanografo

Dettagli

DAL 22 al 28 Febbraio 2014

DAL 22 al 28 Febbraio 2014 DAL 22 al 28 Febbraio 2014 Acquario In amore tutto sarà più facile ma per qualcuno prima di impegnarsi ci vorrà un po di tempo. Nelle prossime settimane riuscirete a superare le vostre incertezze. Ci saranno

Dettagli

Trascrizione del videomessaggio inviato al Congresso dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti

Trascrizione del videomessaggio inviato al Congresso dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti Trascrizione del videomessaggio inviato al Congresso dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti Buongiorno a tutti, grazie per l invito che mi avete rivolto, purtroppo non riesco

Dettagli

ABBIAMO DECISO DI PARTECIPARE AL CONCORSO MA COME?

ABBIAMO DECISO DI PARTECIPARE AL CONCORSO MA COME? ABBIAMO DECISO DI PARTECIPARE AL CONCORSO MA COME? La classe 2 E dell I.C. di Frascati riflette e si interroga Certo che quest anno la Redazione GNE è stata proprio esigente! CI VUOLE UN PIANO: u u u Primo

Dettagli

Movimento naturale nella media decennale Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2016

Movimento naturale nella media decennale Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2016 Movimento naturale nella media decennale I dati del movimento naturale della popolazione forniscono informazioni preziose riguardo le nascite, i decessi, i matrimoni, i divorzi, i riconoscimenti di paternità,

Dettagli

FFS, Sargans Il signor Danuser, datore di lavoro

FFS, Sargans Il signor Danuser, datore di lavoro FFS, Sargans Il signor Danuser, datore di lavoro Il signor S. lavorava dall ottobre 1999 nel gruppo addetto alle linee di contatto di Sargans. Era responsabile dei trasporti e capo montatore, ovvero l

Dettagli

COME PREPARARSI ALLA PROSSIMA VISITA MEDICA

COME PREPARARSI ALLA PROSSIMA VISITA MEDICA COME PREPARARSI ALLA PROSSIMA VISITA MEDICA Io & IL MIO ONCOLOGO Guida per le donne con tumore al seno metastatico CON IL PATROCINIO DI www.europadonna.it www.andosonlusnazionale.it www.komen.it www.salutedonnaonlus.it

Dettagli

La dimensione del fenomeno della violenza di genere Giorgio Alleva

La dimensione del fenomeno della violenza di genere Giorgio Alleva La dimensione del fenomeno della violenza di genere Giorgio Alleva Presidente dell Istituto Nazionale di Statistica Femminicidi 149 donne vittime di omicidi volontari nel 2016 Quanti sono stati femminicidi?

Dettagli

Pubblicato per. da Mondadori Libri S.p.A. Proprietà letteraria riservata 2018 Mondadori Libri S.p.A., Milano ISBN

Pubblicato per. da Mondadori Libri S.p.A. Proprietà letteraria riservata 2018 Mondadori Libri S.p.A., Milano ISBN Pubblicato per da Mondadori Libri S.p.A. Proprietà letteraria riservata 2018 Mondadori Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-09823-6 Prima edizione: febbraio 2018 Realizzazione editoriale: Studio Editoriale

Dettagli

Codice civile svizzero

Codice civile svizzero Codice civile svizzero (Diritto successorio) Disegno Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale del 29 agosto 2018 1, decreta: I 1. Il Codice

Dettagli

In I A, di questo percorso, ci vogliamo tenere in mente

In I A, di questo percorso, ci vogliamo tenere in mente In I A, di questo percorso, ci vogliamo tenere in mente la bellezza di descrivere l oggetto che ci rappresenta e scoprire cosa significa per l altro il suo oggetto. x che è stato bello! Ho capito più cose

Dettagli

RISULTATI DEL QUESTIONARIO PROPOSTO ALLA POPOLAZIONE DEI 5 QUARTIERI DEL COMUNE DI FIRENZE SUL TEMA DEGLI STILI DI VITA E DELLE FALSE CREDENZE.

RISULTATI DEL QUESTIONARIO PROPOSTO ALLA POPOLAZIONE DEI 5 QUARTIERI DEL COMUNE DI FIRENZE SUL TEMA DEGLI STILI DI VITA E DELLE FALSE CREDENZE. RISULTATI DEL QUESTIONARIO PROPOSTO ALLA POPOLAZIONE DEI 5 QUARTIERI DEL COMUNE DI FIRENZE SUL TEMA DEGLI STILI DI VITA E DELLE FALSE CREDENZE. Il sondaggio ha avuto la finalità di verificare le conoscenze

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Giovedì, 02 Giugno La Repubblica. Il Secolo XIX - Ed. Levante

RASSEGNA STAMPA. Giovedì, 02 Giugno La Repubblica. Il Secolo XIX - Ed. Levante RASSEGNA STAMPA Giovedì, 02 Giugno 2016 La Repubblica 1 Il Pm fa dietrofront Tra i vaccini e l autismo non c è rapporto 2 Antocancro universale i primi test Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 Vaccini anti tumori.

Dettagli

Chiesa gremita e un lungo applauso per l ultimo saluto a Fedele Balossi

Chiesa gremita e un lungo applauso per l ultimo saluto a Fedele Balossi imparare da te. 1 Chiesa gremita e un lungo applauso per l ultimo saluto a Fedele Balossi Un pezzo della nostra storia di Alpini che se ne va. Fedele ha avuto l ardire di obbedire CARENNO Un lungo applauso,

Dettagli

Lo psicologo può fare divulgazione scientifica?

Lo psicologo può fare divulgazione scientifica? Lo psicologo può fare divulgazione scientifica? Lo psicologo è un esperto di comunicazione. Perché non valorizziamo queste competenze nella divulgazione scientifica? Chimici, fisici, biologi, matematici

Dettagli

Porre fine alla povertà ovunque, in tutte le sue forme

Porre fine alla povertà ovunque, in tutte le sue forme obiettivo 1 Porre fine alla povertà ovunque, in tutte le sue forme Programmi di protezione sociale efficaci Eliminare la povertà estrema per tutti Tutti hanno accesso ai servizi di base obiettivo 2 Fame

Dettagli

I. Prova di valutazione della competenza comunicativa (30 punti) Leggi attentamente il testo proposto, segui le indicazioni: Scoperti 35 discendenti

I. Prova di valutazione della competenza comunicativa (30 punti) Leggi attentamente il testo proposto, segui le indicazioni: Scoperti 35 discendenti I. Prova di valutazione della competenza comunicativa ( punti) Leggi attentamente il testo proposto, segui le indicazioni: Scoperti discendenti di Leonardo da Vinci Ci sono discendenti di Leonardo da Vinci

Dettagli

GRANDE INCHIESTA EUROPEA

GRANDE INCHIESTA EUROPEA GRANDE INCHIESTA EUROPEA INCHIESTA REALIZZATA dal 3 al 14 Ottobre 2019 IL DOLORE PER LA PERDITA DI UN ANIMALE COME QUELLO PER LA PERDITA DI UN ESSERE UMANO? PER IL 93% DEI PROPRIETARI ITALIANI È SÌ! E

Dettagli

DAL 15 al 21 Febbraio 2014

DAL 15 al 21 Febbraio 2014 DAL 15 al 21 Febbraio 2014 Acquario Potreste provare delle forti emozioni. Se una storia è finita male oppure si è interrotta, a breve potrete recuperare. Se avete conosciuto da poco una persona, dovreste

Dettagli

IL TERZO SETTORE E GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO SOSTENIBILE

IL TERZO SETTORE E GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO SOSTENIBILE IL TERZO SETTORE E GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO SOSTENIBILE 1 - SCONFIGGERE LA POVERTA La principale sfida è mettere fine entro il 2030 alla povertà estrema, in modo che nessuno viva con meno di 1,25 dollari

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso settembre - dicembre 2010 ESAME FINALE LIVELLO 1 A Nome: Cognome: CI Numero tessera: 1 A PROVA DI ASCOLTO N. 1 Ascolta il dialogo e rispondi alle seguenti

Dettagli

Firenze, una città allo specchio Panorama d Italia 2018

Firenze, una città allo specchio Panorama d Italia 2018 INSIGHT 2 3 4 5 6 7 8 RICCHEZZA REALE / PERCEPITA 1 FIORENTINO SU 5 SI AUTODEFINISCE POVERO. TALE % E PIU ALTA TRA LE DONNE. A DICHIARARSI BENESTANTI SONO INVECE SOPRATTUTTO GLI UOMINI. Q: Considerando

Dettagli

Indice. Prefazione Salute dalla natura... LA CHIAVE DELLA SALUTE

Indice. Prefazione Salute dalla natura... LA CHIAVE DELLA SALUTE Indice Prefazione Salute dalla natura....................................... XI LA CHIAVE DELLA SALUTE La nuova vitamina dei miracoli?... 2 Fonte di salute e benessere... 2 Vitamina o ormone?... 3 Molte

Dettagli

STORIE... A LIETO FINE

STORIE... A LIETO FINE Aprile-maggio-giugno STORIE... A LIETO FINE DIO GIONA PENTECOSTE SPIRITO D AMORE GIOIA CHIESA Parole chiave Geremia, chi è questa tua nuova amica? Ma chi è Dio? un uomo che sa tutte le cose è uno che

Dettagli

www.prevenzioneover50.it Come concepire e promuovere un invecchiamento in salute L aspettativa di vita continua ad aumentare in tutta Europa e nel resto del mondo. Con l invecchiamento aumenta il rischio

Dettagli

DAL 21 AL 27 SETTEMBRE. Acquario

DAL 21 AL 27 SETTEMBRE. Acquario DAL 21 AL 27 SETTEMBRE Acquario In amore bisogna essere prudenti, meglio osservare come vanno le cose per evitare ripensamenti. Se vivete una storia con una persona già impegnata, è inutile cercare di

Dettagli

LE ARANCE DI MICHELE. dai 9 anni VICHI DE MARCHI

LE ARANCE DI MICHELE. dai 9 anni VICHI DE MARCHI dai 9 anni LE ARANCE DI MICHELE VICHI DE MARCHI Illustrazioni di Vanna Vinci Serie Arancio n 134 Pagine: 208 Codice: 978-88-566-1303-2 Anno di pubblicazione: 2011 L AUTORE Roberto Denti è rimasto, anche

Dettagli

IX GIORNATA MONDIALE BPCO V CONFERENZA NAZIONALE BPCO In memoria di Mariadelaide Franchi

IX GIORNATA MONDIALE BPCO V CONFERENZA NAZIONALE BPCO In memoria di Mariadelaide Franchi IX GIORNATA MONDIALE BPCO V CONFERENZA NAZIONALE BPCO In memoria di Mariadelaide Franchi www.pazientibpco.it Francesco Tempesta Presidente Associazione Italiana Pazienti BPCO Onlus I Diritti del Paziente

Dettagli

Dieta Prevenzione Cancro

Dieta Prevenzione Cancro Dieta Prevenzione Cancro 1 / 6 2 / 6 3 / 6 Dieta Prevenzione Cancro Secondo l Airc, l Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, tre tumori su dieci sono causati da una cattiva alimentazione. Che

Dettagli

Lombardia, una regione allo specchio Panorama d Italia 2018

Lombardia, una regione allo specchio Panorama d Italia 2018 INSIGHT 2 4 5 6 7 BAROMETRO ITALIA I LOMBARDI TENDONO A VALUTARE IL CONTESTO GENERALE PIU POSITIVAMENTE RISPETTO ALL ITALIANO MEDIO, SOPRATTUTTO RIGUARDO SERVIZI SANITARI, QUALITA DELLA VITA E IMMIGRAZIONE.

Dettagli

La violenza maschilesulle donne è un problema diffuso.. È un problema della donne?

La violenza maschilesulle donne è un problema diffuso.. È un problema della donne? La violenza maschilesulle donne è un problema diffuso.. È un problema della donne? La violenza sulle donne è un problema sommerso e spesso impunito e la pena basta?... esperienza consolidata con buoni

Dettagli

Non ConGelateci il Sorriso quinta edizione(2012) Gli alunni commentano l esperienza vissuta

Non ConGelateci il Sorriso quinta edizione(2012) Gli alunni commentano l esperienza vissuta Domanda 1. n ConGelateci il Sorriso quinta edizione(12) Gli alunni commentano l esperienza vissuta Ti è piaciuta l'attività teatrale sul tema del bullismo? 96,7% 3,3% E' stata un'esperienza interessante

Dettagli

Dal 5 all 11 Luglio 2014

Dal 5 all 11 Luglio 2014 Dal 5 all 11 Luglio 2014 Acquario È arrivato il momento di concentrarsi su chi vi interessa. Chi la pensa diversamente da voi e chi vive l amore diversamente da voi, deve essere allontanato. Chi ha vissuto

Dettagli

I. Prova di valutazione della competenza comunicativa (30 punti) Leggi attentamente il testo proposto, segui le indicazioni:

I. Prova di valutazione della competenza comunicativa (30 punti) Leggi attentamente il testo proposto, segui le indicazioni: I. Prova di valutazione della competenza comunicativa ( punti) Leggi attentamente il testo proposto, segui le indicazioni: Il progetto Erasmus L Italia ha festeggiato i anni del progetto europeo Erasmus,

Dettagli

Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari. Alice

Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari. Alice Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari Alice Stefano Ferrari ha preparato un documentario che s intitola A braccia aperte pubblicato nel 2009 che parla di un ragazzo, Christian che è alla ricerca di

Dettagli

Indagine conoscitiva DONNE ITALIANE E MENOPAUSA

Indagine conoscitiva DONNE ITALIANE E MENOPAUSA Indagine conoscitiva DONNE ITALIANE E MENOPAUSA Sintesi dei risultati di ricerca A cura di: Milano, 30 giugno 2014 SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA O.N.Da, che da anni si occupa di studiare le principali

Dettagli

ITALIA VI CONFERENZA DEGLI STATI PARTE DELLA CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE CONTRO LA CORRUZIONE

ITALIA VI CONFERENZA DEGLI STATI PARTE DELLA CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE CONTRO LA CORRUZIONE Ministero della Giustizia ITALIA VI CONFERENZA DEGLI STATI PARTE DELLA CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE CONTRO LA CORRUZIONE San Pietroburgo, 2-6 Novembre 2015 Intervento del Capo Delegazione della Repubblica

Dettagli

ha tanto da fare qui come ha avuto tanto da fare là, Perché voi lo state facendo nella vostra dimensione,

ha tanto da fare qui come ha avuto tanto da fare là, Perché voi lo state facendo nella vostra dimensione, ha tanto da fare qui come ha avuto tanto da fare là, io dirigo il traffico da qui; non sapete quanto è meraviglioso saper aiutare da qui. Perché voi lo state facendo nella vostra dimensione, dove vivo

Dettagli

Saranno un'inchiesta della magistratura e una di una commissione

Saranno un'inchiesta della magistratura e una di una commissione PISA: PRECIPITA DURANTE UNA FASE ADDESTRATIVA AEREO MILITARE C130 DECEDUTI I CINQUE MILITARI A BORDO Pisa, 23 novembre 2009 (EFFETTOTRE.COM) Saranno un'inchiesta della magistratura e una di una commissione

Dettagli

L epoca della longevità

L epoca della longevità L epoca della longevità Aumentano gli anziani e diminuiscono i giovani: questa affermazione apparentemente banale riassume nella sostanza il processo di invecchiamento della popolazione, uno dei maggiori

Dettagli

Un viaggio che parte da te.

Un viaggio che parte da te. 2-appunti100x160 2.indd 2 Un viaggio che parte da te. 17/11/17 16:25 NOTE Messico Mille splendidi sorrisi Querétaro, Scuola El Girasol Silvia Musini, 23 anni, di Parma, facoltà di Scienze politiche e sociali,

Dettagli

Vasco Rossi - Brava. La Canzone. 2. I seguenti titoli di giornale si riferiscono ad un cantante. Sapete dire di chi si tratta?

Vasco Rossi - Brava. La Canzone. 2. I seguenti titoli di giornale si riferiscono ad un cantante. Sapete dire di chi si tratta? Vasco Rossi - Brava La Canzone 1. Quali cantanti italiani conoscete? 2. I seguenti titoli di giornale si riferiscono ad un cantante. Sapete dire di chi si tratta? Grande talento, ironico, con i suoi contrasti

Dettagli

Lettori: Diffusione: Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 19-GEN-2013 da pag. 20

Lettori: Diffusione: Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 19-GEN-2013 da pag. 20 Lettori: 1.179.000 Diffusione: 266.088 Dir. Resp.: Roberto Napoletano 19-GEN-2013 da pag. 20 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. da pag. 25 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag.

Dettagli

Le generazioni dei diritti umani

Le generazioni dei diritti umani DIRITTI UMANI I diritti umani Sono i diritti che spettano ad ogni essere umano in quanto tale CARATTERISTICHE: Sono diritti ASSOLUTI perché si fanno valere nei confronti di tutti Sono INDISPONIBILI perché

Dettagli

La maschera del cuore

La maschera del cuore La maschera del cuore Francesco De Filippi LA MASCHERA DEL CUORE romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Francesco De Filippi Tutti i diritti riservati Al mio prof Renato Lo Schiavo che ha permesso

Dettagli

Si può essere felici anche con una diagnosi di DSD. (Differenza dello Sviluppo Sessuale)

Si può essere felici anche con una diagnosi di DSD. (Differenza dello Sviluppo Sessuale) Si può essere felici anche con una diagnosi di DSD (Differenza dello Sviluppo Sessuale) I genitori di bambini con una Differenza dello Sviluppo Sessuale corrono il rischio, a volte, di vedere la DSD come

Dettagli

CAMBIO DI PARADIGMA IL NUOVO APPROCCIO DELLE RICERCHE «EMOZIONALI»

CAMBIO DI PARADIGMA IL NUOVO APPROCCIO DELLE RICERCHE «EMOZIONALI» INSIGHT IL NUOVO APPROCCIO DELLE RICERCHE «EMOZIONALI» ABBIAMO INTERVISTATO GLI ITALIANI DELLE 10 TAPPE DI PANORAMA D ITALIA SUL PANEL PROPRIETARIO DI INTHERA GRUPPO MONDADORI 35.000 ISCRITTI PROFILATI

Dettagli

1. Unità di apprendimento I.R.C.: ATTRATTI DAL LEGNO

1. Unità di apprendimento I.R.C.: ATTRATTI DAL LEGNO 1. Unità di apprendimento I.R.C.: ATTRATTI DAL LEGNO SEZIONE: tutte PERIODO: ottobre - novembre BAMBINI COINVOLTI: tutti i bambini cuccioli, mezzani e grandi della Scuola dell Infanzia OSSERVAZIONE: i

Dettagli

Io ho trovato il progetto molto interessante specialmente le simmetrie e i numeri in natura perché non avevo mai pensato né osservato che un animale

Io ho trovato il progetto molto interessante specialmente le simmetrie e i numeri in natura perché non avevo mai pensato né osservato che un animale Rinnova mente è un attività che associa due materie, matematica e scienze, con un approccio matematico-ambientale. Abbiamo parlato di simmetria nel mondo della natura, di strisce, tassellazioni, spirali,

Dettagli

Prima della lettura. Non si dimentica il primo amore, dice Ginevra. Sei d accordo con questa affermazione?

Prima della lettura. Non si dimentica il primo amore, dice Ginevra. Sei d accordo con questa affermazione? Prima della lettura Non si dimentica il primo amore, dice Ginevra. Sei d accordo con questa affermazione? Episodio 3 È arrivato il primo piatto: un classico di Milano, il risotto con lo zafferano e come

Dettagli

Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere. A modo mio. Le notizie più importanti di marzo 2015 Una notizia importante

Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere. A modo mio. Le notizie più importanti di marzo 2015 Una notizia importante Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere A modo mio Le notizie più importanti di marzo 2015 Una notizia importante La nuova legge sul lavoro In Italia ci sono nuove regole sul lavoro Le

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 18 Agosto 2009

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 18 Agosto 2009 NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 18 Agosto 29 Dagli ultimi Comunicati emessi dal Ministero del Lavoro delle Politiche Sociali dello Stato no, dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)

Dettagli

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 24 Agosto 2009

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 24 Agosto 2009 NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 24 Agosto 29 Dagli ultimi Comunicati emessi dal Ministero del Lavoro delle Politiche Sociali dello Stato no, dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)

Dettagli

PIANO DIDATTICO SUSTAIN

PIANO DIDATTICO SUSTAIN PIANO DIDATTICO SUSTAIN Titolo dell Unità Nome, Scuola e Paese dell insegnante Gruppo target Obiettivi RISPETTO Beyza AYDIN Doğa Koleji, Turchia beyzaydin@hotmail.com 5 anni, asilo Rispetto reciproco e

Dettagli

IL PROBLEMA NON E' IL DENARO

IL PROBLEMA NON E' IL DENARO IL PROBLEMA NON E' IL DENARO Il lavoro che hai cominciato a fare nei giorni scorsi, dovrebbe aver evidenziato come il primo, necessario e fondamentale passo verso la piena libertà economica sia la consapevolezza.

Dettagli

Lo sviluppo della nostra società industriale, negli ultimi decenni, ha generato un

Lo sviluppo della nostra società industriale, negli ultimi decenni, ha generato un di Camilla Calvano e Mariachiara Calli Lo sviluppo della nostra società industriale, negli ultimi decenni, ha generato un aumento nella richiesta di beni e nella produzione delle merci più diverse che

Dettagli

Seconda Università di Q.P.F. QUESTIONARIO SUI PROBLEMI FAMILIARI

Seconda Università di Q.P.F. QUESTIONARIO SUI PROBLEMI FAMILIARI Reparto di Valutazione dei Servizi Sanitari Istituto Superiore di Sanità Roma Napoli Istituto di Psichiatria Facoltà di Medicina Seconda Università di Q.P.F. QUESTIONARIO SUI PROBLEMI FAMILIARI Questo

Dettagli

MISSIONE TERRA - GLOBAL GOAL PROTOCOL

MISSIONE TERRA - GLOBAL GOAL PROTOCOL MISSIONE TERRA - GLOBAL GOAL PROTOCOL Siamo 40 alunni di classe quarta e in quest anno scolastico abbiamo deciso, guidati dalle nostre maestre Monica e Roberta, di metterci alla prova partecipando alla

Dettagli

Introduzione... 1 Per cominciare... 1 Amo la vita, non solo la mia... 2 Un bambino cresciuto senza carne... 3

Introduzione... 1 Per cominciare... 1 Amo la vita, non solo la mia... 2 Un bambino cresciuto senza carne... 3 Sommario Introduzione... 1 Per cominciare.... 1 Amo la vita, non solo la mia... 2 Un bambino cresciuto senza carne.... 3 Parte I PERCHÉ ESSERE VEGETARIANI... 7 1 Non sai cosa ti perdi... 9 2 I motivi di

Dettagli

INTRODUZIONE INAUGURAZIONE. Giuseppe Di Mauro

INTRODUZIONE INAUGURAZIONE. Giuseppe Di Mauro INTRODUZIONE INAUGURAZIONE Giuseppe Di Mauro Ma è altrettanto vero che molti cambiamenti non coincidono con un radicale, indispensabile e indifferibile cambiamento del ruolo del Pediatra Si è assistito,

Dettagli

Secondo i dati dei registri tumori, il cancro della mammella provoca un quarto di tutti i tumori maligni delle donne.

Secondo i dati dei registri tumori, il cancro della mammella provoca un quarto di tutti i tumori maligni delle donne. RAPPORTO NAZIONALE PASSI 2009 LO SCREENING MAMMOGRAFICO NEL 2009 Secondo i dati dei registri tumori, il cancro della mammella provoca un quarto di tutti i tumori maligni delle donne. L Istituto superiore

Dettagli

Scienze - Triennio Scuola Primaria. cl. II - La materia - L acqua - Le stagioni

Scienze - Triennio Scuola Primaria. cl. II - La materia - L acqua - Le stagioni Scienze - Triennio Scuola Primaria Indicatori Osservazione, analisi e descrizione 1. Osservare, descrivere, classificare elementi della realtà circostante. 2. Riconoscere i diversi elementi di un ecosistema

Dettagli

per gentile concessione dell'autore

per gentile concessione dell'autore Lettera aperta ai Giudici della Corte Costituzionale di Carmelo Musumeci per gentile concessione dell'autore "Non è consentito avere in cella più di tre libri" ( Voce dal regime di tortura del 41 bis).

Dettagli

L Europa vista dal Ticino. Campagne e voto referendario

L Europa vista dal Ticino. Campagne e voto referendario L Europa vista dal Ticino. Campagne e voto referendario Oscar Mazzoleni, Paola Ferragutti, Mauro Stanga, Andrea Pilotti Osservatorio della vita politica (Ustat) Domanda principale Perché i votanti ticinesi

Dettagli

Disoccupazione. Piem 9.3% Nord 7.6% Italia 11,7%

Disoccupazione. Piem 9.3% Nord 7.6% Italia 11,7% PIL Disoccupazione Dispersione Anziani over 65 Piem +0,8 Nordest +1,2 Italia +0,9 Piem 9.3% Nord 7.6% Italia 11,7% 2014 12,7% 2015 12.6% 2016 10,4% 1980 15,7% 2015 25,8% Mentre i segnali positivi si consolidano

Dettagli

LA COSTITUZIONE: QUALI VALORI PER I GIOVANI DI OGGI

LA COSTITUZIONE: QUALI VALORI PER I GIOVANI DI OGGI Samuele Giuliani Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet Liceo Scientifico B. Pascal LA COSTITUZIONE: QUALI VALORI PER I GIOVANI DI OGGI «L'Assemblea ha pensato e redatto la Costituzione come un patto

Dettagli

FARMACI BIOSIMILARI IN ONCOLOGIA

FARMACI BIOSIMILARI IN ONCOLOGIA FARMACI BIOSIMILARI IN ONCOLOGIA Opuscolo per cittadini e pazienti Ottobre 2018 Associazione Italiana di Oncologia Medica Associazione Italiana di Oncologia Medica In questo opuscolo troverà informazioni,

Dettagli

Nadia Tortoreto Silvana Rabuffetti OLTRE IL PENSIERO

Nadia Tortoreto Silvana Rabuffetti OLTRE IL PENSIERO Oltre il pensiero Nadia Tortoreto Silvana Rabuffetti OLTRE IL PENSIERO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Nadia Tortoreto Silvana Rabuffetti Tutti i diritti riservati Questo libro è dedicato

Dettagli

Nome e cognome... Classe Data. Esercitazione di Diritto per il triennio della scuola secondaria di secondo grado LE SUCCESSIONI

Nome e cognome... Classe Data. Esercitazione di Diritto per il triennio della scuola secondaria di secondo grado LE SUCCESSIONI Nome e cognome... Classe Data Esercitazione di Diritto per il triennio della scuola secondaria di secondo grado LE SUCCESSIONI di Anna Arnaboldi ESERCIZIO N. 1 Indica se le seguenti proposizioni sono vere

Dettagli

Evento finale Roma, 12 maggio 2014

Evento finale Roma, 12 maggio 2014 FERMO IMMAGINE - FRATELLI A CONFRONTO PERCORSI CULTURALI SULLA VITA DELLE PERSONE CON DISABILITÀ E DEI LORO FRATELLI E SORELLE Evento finale Roma, 12 maggio 2014 Intervento di Anna, Debora e Giulia Enderle

Dettagli

Mese del benessere psicologico, ma di chi?

Mese del benessere psicologico, ma di chi? Mese del benessere psicologico, ma di chi? Si scrive Mese del benessere psicologico si legge Mese dello stress per psicologi. Sì, perché questa iniziativa, che potrebbe essere tanto utile alla promozione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 8 di Forlì

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 8 di Forlì ISTITUTO COMPRENSIVO N. 8 di Forlì Scuola secondaria di primo grado SAN MARTINO IN STRADA classe 3^O Aquilino Alice Bazzocchi Filippo Corzani Cristian Maltoni Valentina Nappo Manuela Prestia Thomas Associazione

Dettagli

Codice Deontologico: a prova di bomba?

Codice Deontologico: a prova di bomba? Codice Deontologico: a prova di bomba? Il nostro Codice Deontologico, soprattutto per temi come il consenso informato o il segreto professionale, è uno strumento fondamentale per il nostro lavoro quotidiano.

Dettagli

rassegna stampa MODULO RASSEGNA STAMPA 7 Marzo 2017 IL CITTADINO IL GIORNO

rassegna stampa MODULO RASSEGNA STAMPA 7 Marzo 2017 IL CITTADINO IL GIORNO Pagina 1 di 5 rassegna stampa 7 Marzo 2017 IL CITTADINO Concorsone, nasce la versione 2.0 E adesso quando andremo a vaccinarci? Il pronto soccorso di Lodi è un eccellenza IL GIORNO Pagina 2 di 5 Dopo l

Dettagli

RASSEGNA STAMPA

RASSEGNA STAMPA RASSEGNA STAMPA 16-10-2017 1. CORRIERE DELLA SERA «La tua forza mi ha spinto oltre il cancro» Marco scrive a Fede, lei saluta via Twitter 2. GIORNALE Le pressioni dei giudici per approvare le leggi su

Dettagli

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 01 Settembre 2009

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 01 Settembre 2009 NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 1 Settembre 29 Dagli ultimi Comunicati emessi dal Ministero del Lavoro delle Politiche Sociali dello Stato no, dall Organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Impara a comunicare in Italiano. Semplicemente Farsene una ragione

Impara a comunicare in Italiano. Semplicemente Farsene una ragione http://italianosemplicemente.com/ Impara a comunicare in Italiano. Semplicemente Farsene una ragione Buonasera e benvenuti a tutti su Italiano Semplicemente, il sito per imparare l italiano con divertimento.

Dettagli

LABORATORI PER L INFANZIA

LABORATORI PER L INFANZIA LABORATORI PER L INFANZIA ESPERIENZE PER I PIÙ PICCOLI ph. Michele Solca SCUOLA INFANZIA ECOLOGI, BIOLOGI E PROFESSIONISTI DEL SETTORE UNITI PER DIFFONDERE CULTURA, SCIENZA E SALVAGUARDIA DEL MARE E FAVORIRE

Dettagli

Umbria, una regione allo specchio Panorama d Italia 2017

Umbria, una regione allo specchio Panorama d Italia 2017 INSIGHT 3 4 6 8 ATTENZIONE ALL AMBIENTE Molto Abbastanza Così così Poco Per niente GLI EFFETTI DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO NON SONO TROPPO LONTANI NEL TEMPO PER PREOCCUPARMI 38 37 16 7 2 4,0/5 FACCIO

Dettagli

Bambini vegani dalla nascita Una Mamma ci Racconta la sua Esperienza

Bambini vegani dalla nascita Una Mamma ci Racconta la sua Esperienza Bambini vegani dalla nascita Una Mamma ci Racconta la sua Esperienza Sono Giorgia ho 38 anni, mamma di Ian quasi sette anni e Noah quattro anni. Abitiamo in provincia di Milano e abbiamo una gatta, Zoe.

Dettagli

Salve a tutti, comincia oggi la nostra avventura alla scoperta del cielo. Ci avviamo alla scoperta delle stelle.

Salve a tutti, comincia oggi la nostra avventura alla scoperta del cielo. Ci avviamo alla scoperta delle stelle. 1 Salve a tutti, comincia oggi la nostra avventura alla scoperta del cielo. Ci avviamo alla scoperta delle stelle. Si, proprio le stelle che si vedono ogni volta che fa buio, se è sereno, come puntolini

Dettagli

Meningite Cosa c è da sapere.

Meningite Cosa c è da sapere. Meningite Cosa c è da sapere www.salute.gov.it Ecco dieci cose da sapere sulla meningite in Italia, soprattutto sulla forma più aggressiva, quella di natura batterica, e sulle vaccinazioni disponibili

Dettagli

RASSEGNA STAMPA

RASSEGNA STAMPA RASSEGNA STAMPA 15-10-2018 1. LA STAMPA.IT Promiscuità sessuale e scarsa igiene: ecco perché nell 800 i tumori uterini erano così diffusi 2. IL SOLE 24ORE SANITÀ L'Italia dei vaccini, babele di anagrafi

Dettagli

E stata pubblicata la nuova raccolta di poesie di A. Cozzitorto dal titolo Adesso... Ti racconto.

E stata pubblicata la nuova raccolta di poesie di A. Cozzitorto dal titolo Adesso... Ti racconto. E stata pubblicata la nuova raccolta di poesie di A. Cozzitorto dal titolo Adesso... Ti racconto. L autore nella introduzione al volume scrive: Sulla strada del mio andare ho incontrato moltissime persone.

Dettagli