DELLA PROVINCIA DI TORINO Corso Dante, Torino P. I.V.A.: Internet:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELLA PROVINCIA DI TORINO Corso Dante, 14-10134 Torino P. I.V.A.: 00499000016. Internet:"

Transcript

1 AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI TORINO Corso Dante, Torino P. I.V.A.: Internet: Tav: Revisione: C Codice Intervento - EPM: [2010_004] File: [C doc] [N. PROG.] PROGRAMMA CASA ALLOGGI ENTRO IL 2012: Regione Piemonte, D.C.R. n / D.D. 15/01/ PC2SOV86 Proventi vendite ATC L. 560/93 PI0284 COMUNE DI IVREA LOCALITÀ TORRE BALFREDO AMBITO DI TRASFORMAZIONE URBANISTICA E AMBIENTALE AT2 INTERVENTO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA NUOVA COSTRUZIONE DI 24 ALLOGGI Studio Fattibilita Preliminare Definitivo Esecutivo Scala: ---- RESPONSABILITA DEL PROCEDIMENTO RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO RESPONSABILE DEI LAVORI: Arch. Marco BURONZO C.F. BRN MCL 55P24L219F Ordine Provincia di Torino n PROJECT MANAGER AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI TORINO Arch. Antonio GULLI ATC Projet.to s.r.l. Società di Ingegneria C.so Dante n Torino P.I Tel Fax DIRETTORE TECNICO PROGETTO IMPIANTI: Ing. Sebastiano CIAVARELLA C.F.: CVRSST65A08L219F Ordine Provincia di Torino n. 6444W PROGETTO ARCHITETTONICO: PROGETTO STRUTTURE: Arch. Laura EINAUDI C. F.: NDELRA72C51H727T Ordine Provincia di Torino n Ing. Antonino SARACENO C.F. SRCNNN78M19H224M Ordine Provincia di Reggio Calabria n. A2606 COORDINATORE PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE: Arch. Benedetto BAVARO C.F.: BVRBDT73C26A662U Ordine Provincia di Torino n COLLABORATORI: Arch. Gian Piero AUTINO Ing. Aldo BOETTI Arch. Claudia CUTOLO Dott. in Arch Jr. Daniela D ELIA Arch. Alessandro EPATTI Dott. in Arch. Monica GIROTTO INDAGINI ACUSTICHE: INDAGINI GEOLOGICHE: Ing. Roberto IADAROLA Ing. Bruna MASCHIO Ing. Lucia MORCIANO Geom. Giovanna MULAS Geom. Elisabetta PANETTA Arch. Claudia PERA Ing. Franco BERTELLINO Dott. Giuseppe BIOLATTI Direzione Lavori RILIEVO FRAZIONAMENTO: Geom. Pier MUSSO Codice Atc Projet: 10_010 Elaborato di: Variante Dettaglio Redatto da: Data Firma Verifica N. Descrizione sintetica delle modifiche Data Emissione Redazione ing. R. Iadarola Dicembre 2010 ing. S. CIAVARELLA 1 Progettista Progettista/P.M. Responsabile Procedimento Visti: Proprietà: Atc Projet.to ATC Arch. Marco BURONZO Firma Firma Firma Data: DICEMBRE 2010 Approvazioni: Numero Data Impresa: Commissione Tecnica Consultiva Consiglio di Amministrazione Modello: TESTALINO N Revisione: 0 Data Emissione: 19/11/2007 Allegato IO 07-DSPT-01/2 Revisioni 2 3 4

2 Pagina 1 di 21 SOMMARIO 1. VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI FULMINAZIONE CONTENUTO DEL DOCUMENTO NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE DATI INIZIALI Densità annua di fulmini a terra Dati relativi alla struttura Dati relativi alle linee elettriche esterne Definizione e caratteristiche delle zone CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE VALUTAZIONE DEI RISCHI Rischio R1: perdita di vite umane Calcolo del rischio R Analisi del rischio R SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE CONCLUSIONI APPENDICI DIMENSIONAMENTO IMPIANTO: tabelle e verifiche...8

3 Pagina 2 di VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI FULMINAZIONE 1.1 CONTENUTO DEL DOCUMENTO Questo documento contiene : - la relazione sulla valutazione dei rischi dovuti al fulmine ai sensi del DLgs 81/08, art. 29; - la scelta delle misure di protezione da adottare ove necessarie come richiesto dal DLgs 81/08, art NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO Questo documento è stato elaborato con riferimento alle seguenti norme CEI: - CEI 81-10/1 (EN ): "Protezione contro i fulmini. Parte 1: Principi Generali" Aprile 2006; Variante V1 (Settembre 2008); - CEI 81-10/2 (EN ): "Protezione contro i fulmini. Parte 2: Valutazione del rischio" Aprile 2006; Variante V1 (Settembre 2008); - CEI 81-10/3 (EN ): "Protezione contro i fulmini. Parte 3: Danno materiale alle strutture e pericolo per le persone" Aprile 2006; Variante V1 (Settembre 2008); - CEI 81-10/4 (EN ): "Protezione contro i fulmini. Parte 4: Impianti elettrici ed elettronici nelle strutture" Aprile 2006; Variante V1 (Settembre 2008); - CEI 81-3 : "Valori medi del numero dei fulmini a terra per anno e per chilometro quadrato dei Comuni d'italia, in ordine alfabetico." Maggio INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE L 'individuazione della struttura da proteggere è essenziale per definire le dimensioni e le caratteristiche da utilizzare per la valutazione dell'area di raccolta. La struttura che si vuole proteggere coincide con un intero edificio a sé stante, fisicamente separato da altre costruzioni. Pertanto, ai sensi dell'art. A della Norma CEI EN , le dimensioni e le caratteristiche della struttura da considerare sono quelle dell'edificio stesso.

4 1.4 DATI INIZIALI Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Torino Pagina 3 di Densità annua di fulmini a terra Come rilevabile dalla Norma CEI 81-3, la densità annua di fulmini a terra per kilometro quadrato nel comune di IVREA in cui è ubicata la struttura vale : N t = 4,0 fulmini/km² anno Dati relativi alla struttura Le dimensioni massime della struttura sono: A (m): 60 B (m): 8 H (m): 9,8 H (m): 11,3 La destinazione d'uso prevalente della struttura è: civile abitazione In relazione anche alla sua destinazione d uso, la struttura può essere soggetta a : - perdita di vite umane - perdita economica In accordo con la Norma CEI EN per valutare la necessità della protezione contro il fulmine, deve pertanto essere calcolato : - rischio R1; Le valutazioni di natura economica, volte ad accertare la convenienza dell adozione delle misure di protezione, non sono state condotte perché espressamente non richieste dal Committente. L edificio ha struttura portante metallica o in cemento armato con ferri d armatura continui Dati relativi alle linee elettriche esterne La struttura è servita dalle seguenti linee elettriche: - di energia: Energia - di segnale: Telefonia Le caratteristiche delle linee elettriche sono riportate nell'appendice Caratteristiche delle linee elettriche Definizione e caratteristiche delle zone Tenuto conto di: - compartimenti antincendio esistenti e/o che sarebbe opportuno realizzare; - eventuali locali già protetti (e/o che sarebbe opportuno proteggere specificamente) contro il LEMP (impulso elettromagnetico); - i tipi di superficie del suolo all'esterno della struttura, i tipi di pavimentazione interni ad essa e l'eventuale presenza di persone; - le altre caratteristiche della struttura e, in particolare il lay-out degli impianti interni e le misure di protezione esistenti; sono state definite le seguenti zone: Z1: Struttura Le caratteristiche delle zone, i valori medi delle perdite, i tipi di rischio presenti e le relative

5 componenti sono riportate nell'appendice Caratteristiche delle Zone. 1.5 CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA Pagina 4 di 21 STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE L'area di raccolta Ad dei fulmini diretti sulla struttura è stata valutata analiticamente come indicato nella Norma CEI EN , art.a.2. L'area di raccolta Am dei fulmini a terra vicino alla struttura, che ne possono danneggiare gli impianti interni per sovratensioni indotte, è stata valutata analiticamente come indicato nella Norma CEI EN , art.a.3. Le aree di raccolta Al e Ai di ciascuna linea elettrica esterna sono state valutate analiticamente come indicato nella Norma CEI EN , art.a.4. I valori delle aree di raccolta (A) e i relativi numeri di eventi pericolosi all anno (N) sono riportati nell'appendice Aree di raccolta e numero annuo di eventi pericolosi. I valori delle probabilità di danno (P) per il calcolo delle varie componenti di rischio considerate sono riportate nell'appendice Valori delle probabilità P per la struttura non protetta. 1.6 VALUTAZIONE DEI RISCHI Rischio R1: perdita di vite umane Calcolo del rischio R1 I valori delle componenti ed il valore del rischio R1 sono di seguito indicati. Z1: Struttura RB: 7,19E-06 Totale: 7,19E Analisi del rischio R1 Il rischio complessivo R1 = 7,19E-06 è inferiore a quello tollerato RT = 1E SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE Poiché il rischio complessivo R1 = 7,19E-06 è inferiore a quello tollerato RT = 1E-05, non occorre adottare alcuna misura di protezione per ridurlo.

6 1.8 CONCLUSIONI Pagina 5 di 21 Rischi che non superano il valore tollerabile: R1 SECONDO LA NORMA CEI EN LA STRUTTURA E' PROTETTA CONTRO LE FULMINAZIONI. In forza della legge 1/3/1968 n.186 che individua nelle Norme CEI la regola dell'arte, si può ritenere assolto ogni obbligo giuridico, anche specifico, che richieda la protezione contro le scariche atmosferiche. Data 11/02/2011 Timbro e firma

7 1.9 APPENDICI Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Torino Pagina 6 di 21 APPENDICE - Caratteristiche della struttura Dimensioni: A (m): 60 B (m): 8 H (m): 9,8 H (m): 11,3 Coefficiente di posizione: in area con oggetti di altezza uguale o inferiore (Cd = 0,5) Schermo esterno alla struttura: assente Densità di fulmini a terra (fulmini/km² anno) Nt = 4 APPENDICE - Caratteristiche delle linee elettriche Caratteristiche della linea: Energia La linea ha caratteristiche uniformi lungo l intero percorso. Tipo di linea: energia - interrata Lunghezza (m) Lc = 1000 Resistività (ohm x m) ρ = 500 Coefficiente di posizione (Cd): in area con oggetti di altezza uguale o inferiore Coefficiente ambientale (Ce): urbano (h > 20 m) Caratteristiche della linea: Telefonia La linea ha caratteristiche uniformi lungo l intero percorso. Tipo di linea: segnale - interrata Lunghezza (m) Lc = 1000 Resistività (ohm x m) ρ = 500 Coefficiente di posizione (Cd): in area con oggetti di altezza uguale o inferiore Coefficiente ambientale (Ce): urbano (h > 20 m) APPENDICE - Caratteristiche delle zone Caratteristiche della zona: Struttura Tipo di zona: interna Tipo di pavimentazione: ceramica (ru = 0,001) Rischio di incendio: ordinario (rf = 0,01) Pericoli particolari: medio rischio di panico (h = 5) Protezioni antincendio: nessuna (rp = 1) Schermatura di zona: assente Protezioni contro le tensioni di contatto: nessuna Valori medi delle perdite per la zona: Struttura Perdita per tensioni di contatto (relativa a R1) Lt = 0,01 Perdita per danno fisico (relativa a R1) Lf = 0,01 Perdita per danno fisico (relativa a R4) Lf = 0,1 Perdita per avaria di impianti interni (relativa a R4) Lo = 0,0001 Rischi e componenti di rischio presenti nella zona: Struttura Rischio 1: Rb Ru Rv Rischio 4: Rb Rc Rm Rv Rw Rz

8 APPENDICE - Aree di raccolta e numero annuo di eventi pericolosi. Pagina 7 di 21 Struttura Area di raccolta per fulminazione diretta della struttura Ad = 7,19E-03 km² Area di raccolta per fulminazione indiretta della struttura Am = 2,31E-01 km² Numero di eventi pericolosi per fulminazione diretta della struttura Nd = 1,44E-02 Numero di eventi pericolosi per fulminazione indiretta della struttura Nm = 9,10E-01 Linee elettriche Area di raccolta per fulminazione diretta (Al) e indiretta (Ai) delle linee: Energia Al = 0, km² Ai = 0, km² Telefonia Al = 0, km² Ai = 0, km² Numero di eventi pericolosi per fulminazione diretta (Nl) e indiretta (Ni) delle linee: Energia Nl = 0, Ni = 0, Telefonia Nl = 0, Ni = 0, APPENDICE - Valori delle probabilità P per la struttura non protetta Zona Z1: Struttura Pa = 1,00E+00 Pb = 1,0 Pc = 1,00E+00 Pm = 1,00E+00

9 Pagina 8 di DIMENSIONAMENTO IMPIANTO: tabelle e verifiche Il presente documento riporta in formato tabellare i risultati dei dimensionamenti delle linee principali dell impianto elettrico in esame e dei test di verifica. A seguire: QCA: Quadro consegna alloggio e cantina privata QAV: Avanquadro d alloggio e cantina privata QA: Quadro d appartamento QCS: Quadro consegna scala QGS: Quadro generale utenze di scala QCU: Quadro consegna utenze comuni QGU: Quadro generale utenze comuni QEC: Quadro sezionamento esterno Centrale Termica QSC: Quadro di servizio Centrale Termica QCA: Quadro Comando e Automazione Centrale Termica

10 Pagina 9 di 21 Quadro: Quadro Consegna Alloggio Q0 C.d.t. % Max ammessa: 4 % Icc di barratura: 5,53 [ka] Tensione: 230 [V] Lunghezza Lunghezza C.d.t. % C.d.t. Icc P.d.I. I 2 t I b I n I z I f 1,45 I z I b I n I z I f 1.45I z Q ,18 5SJ35327WM Monofase L1+N , SI L0 1(2x6)+(1PE6) 20 > , Monofase L1+N 0, ,9 0,03 4, SI

11 Quadro: Avanquadro Alloggio + Cantina Q0 Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Torino Pagina 10 di 21 C.d.t. % Max ammessa: 4 % Icc di barratura: 1,38 [ka] Tensione: 230 [V] Lunghezza Lunghezza C.d.t. % C.d.t. Icc P.d.I. I 2 t I b I n I z I f 1,45 I z I b I n I z I f 1.45I z Q SY SM23226 Monofase L1+N 0,03 - A 6 1,38 0,03 4, SI L0 1(2x4)+(1PE4) 25 > ,2 --- Monofase L1+N 0, ,31 0,03 4, SI L1 1(2x2,5)+(1PE2,5) 20 > ,31 5SY SM23226 Monofase L1+N 0,03 - A 6 1,31 0,03 4, , SI

12 Pagina 11 di 21 Quadro: Quadro Alloggio Privato Q0 C.d.t. % Max ammessa: 4 % Icc di barratura: 0,57 [ka] Tensione: 230 [V] Lunghezza Lunghezza C.d.t. % C.d.t. Icc P.d.I. I 2 t I b I n I z I f 1,45 I z I b I n I z I f 1.45I z Q ,29 5SY SM23226 Monofase L1+N 0,03 - A 6 0,57 0,03 4, SI L0 1(2x2,5)+(1PE2,5) 30 > ,94 5SY35137 Monofase L1+N 0,03 6 0,55 0,03 4, , SI L1 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,33 5SJ35107WM Monofase L1+N 0,03 6 0,55 0,03 4, , SI

13 Pagina 12 di 21 Quadro: Quadro Consegna Scala Q0 C.d.t. % Max ammessa: 4 % Icc di barratura: 8,77 [ka] Tensione: 400 [V] Lunghezza Lunghezza C.d.t. % C.d.t. Icc P.d.I. I 2 t I b I n I z I f 1,45 I z I b I n I z I f 1.45I z Q ,06 5SY44327 Quadripolare , SI L0 1(4x10)+(1PE10) 30 > , Quadripolare 0, ,14 0,03 4, SI

14 Pagina 13 di 21 Quadro: Quadro Generale Scala Q0 C.d.t. % Max ammessa: 4 % Icc di barratura: 2,95 [ka] Tensione: 400 [V] Lunghezza Lunghezza C.d.t. % C.d.t. Icc P.d.I. I 2 t I b I n I z I f 1,45 I z I b I n I z I f 1.45I z Q ,52 5TE8314 Quadripolare 0, ,95 0,03 4, SI L ,53 5SY SM23226 Monofase L3+N 0,03 - A 30 1,62 0,03 4, , ,7 --- SI L1 1(3G2,5) 25 > ,16 5SY SM21216 Monofase L2+N 0,01 - A 15 1,62 0,01 4, , SI L2 1(5G10) 25 > ,81 5SY SM23426 Quadripolare 0,03 - A 15 2,92 0,03 4, SI L3 1(3G2,5) 25 > ,17 5SY SM21216 Monofase L3+N 0,01 - A 15 1,62 0,01 4, , SI L4 1(3G2,5) 25 > ,33 5SY SM21216 Monofase L1+N 0,01 - A 15 1,62 0,01 4, , SI L5 1(3G2,5) 10 > ,71 5SY SM21216 Monofase L2+N 0,01 - A 15 1,62 0,01 4, , SI L ,52 5SY SM23226 Monofase L3+N 0,03 - A 20 1,62 0,03 4, SI L ,52 5SY SM23226 Monofase L3+N 0,03 - A 20 1,62 0,03 4, SI

15 Quadro: Quadro Consegna Utenze Comuni Q0 Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Torino Pagina 14 di 21 C.d.t. % Max ammessa: 4 % Icc di barratura: 8,9 [ka] Tensione: 400 [V] Lunghezza Lunghezza C.d.t. % C.d.t. Icc P.d.I. I 2 t I b I n I z I f 1,45 I z I b I n I z I f 1.45I z Q ,05 5SY44327 Quadripolare 0, ,9 0, SI L0 4(1x6)+(1PE6) 40 > , Quadripolare 0, ,26 0,03 4, SI

16 Quadro: Quadro Generale Utenze Comuni Q0 Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Torino Pagina 15 di 21 C.d.t. % Max ammessa: 4 % Icc di barratura: 1,63 [ka] Tensione: 400 [V] Lunghezza Lunghezza C.d.t. % C.d.t. Icc P.d.I. I 2 t I b I n I z I f 1,45 I z I b I n I z I f 1.45I z Q ,95 5TE8314 Quadripolare 0, ,63 0,03 4, SI L0 1(5G6) 20 > ,3 5SY44327 Quadripolare 0, ,62 0,03 4, SI L ,95 5SY SM23226 Monofase L3+N 0,03 - A 15 0,86 0,03 4, , SI L2 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,98 5SY SM23226 Monofase L2+N 0,03 - A 15 0,86 0,03 4, , SI L ,96 5SY SM23426 Quadripolare 0,03 - A 6 1,62 0,03 4, , SI L3.1 1(2x2,5)+(1PE2,5) 30 > ,51 5SY65107 Monofase L1+N 0, ,78 0,03 4, , SI L3.2 1(2x2,5)+(1PE2,5) 20 > ,15 5SY65107 Monofase L3+N 0, ,78 0,03 4, , SI L3.3 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,55 5SY65107 Monofase L2+N 0, ,78 0,03 4, , SI L4 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,25 5SY SM23226 Monofase L3+N 0,03 - A 6 0,86 0,03 4, , SI

17 Quadro: Quadro Generale Utenze Comuni Q0 Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Torino Pagina 16 di 21 C.d.t. % Max ammessa: 4 % Icc di barratura: 1,63 [ka] Tensione: 400 [V] Lunghezza Lunghezza C.d.t. % C.d.t. Icc P.d.I. I 2 t I b I n I z I f 1,45 I z I b I n I z I f 1.45I z L5 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,25 5SY SM23226 Monofase L2+N 0,03 - A 6 0,86 0,03 4, , SI L6 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,57 5SY SM23226 Monofase L3+N 0,03 - A 6 0,86 0,03 4, , SI

18 Pagina 17 di 21 Quadro: Quadro Esterno C.T. Q0 C.d.t. % Max ammessa: 4 % Icc di barratura: 1,12 [ka] Tensione: 400 [V] Lunghezza Lunghezza C.d.t. % C.d.t. Icc P.d.I. I 2 t I b I n I z I f 1,45 I z I b I n I z I f 1.45I z Q ,3 5TE8314 Quadripolare 0, ,12 0,03 4, SI L0 1(5G4) 2 > , Quadripolare 0, ,12 0,03 4, SI

19 Pagina 18 di 21 Quadro: Quadro Servizio C.T. Q0 C.d.t. % Max ammessa: 4 % Icc di barratura: 1,07 [ka] Tensione: 400 [V] Lunghezza Lunghezza C.d.t. % C.d.t. Icc P.d.I. I 2 t I b I n I z I f 1,45 I z I b I n I z I f 1.45I z Q ,36 5TE8314 Quadripolare 0, ,07 0,03 4, SI L0 1(5G4) 5 > ,51 5SY SM23426 Quadripolare 0,03 - A 6 1,07 0,03 4, SI L1 1(3G2,5) 5 > ,36 5SY SM23226 Monofase L2+N 0,03 - A 20 0,55 0,03 4, , SI

20 Quadro: Quadro di comando e automazione C.T. Q0 - Generale Quadro Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Torino Pagina 19 di 21 C.d.t. % Max ammessa: 4 % Icc di barratura: 0,94 [ka] Tensione: 400 [V] Lunghezza Lunghezza C.d.t. % C.d.t. Icc P.d.I. I 2 t I b I n I z I f 1,45 I z I b I n I z I f 1.45I z Q0 - Generale Quadro ,53 5SY34327 Quadripolare 0,03 6 0,94 0,03 4, SI L ,53 5SY SM23226 Monofase L1+N 0,03 - A 15 0,48 0,03 4, , SI L21 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,62 5SY SM23226 Monofase L2+N 0,03 - A 15 0,48 0,03 4, , SI L3 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,82 5SY SM26226 Monofase L3+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, , SI L4 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,53 5SY SM26226 Monofase L1+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, SI L5 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,86 5SY SM26226 Monofase L1+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, , SI L6 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,53 5SY SM26226 Monofase L2+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, SI L7 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,62 5SY SM26226 Monofase L2+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, , SI L8 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,62 5SY SM26226 Monofase L2+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, , SI

21 Quadro: Quadro di comando e automazione C.T. Q0 - Generale Quadro Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Torino Pagina 20 di 21 C.d.t. % Max ammessa: 4 % Icc di barratura: 0,94 [ka] Tensione: 400 [V] Lunghezza Lunghezza C.d.t. % C.d.t. Icc P.d.I. I 2 t I b I n I z I f 1,45 I z I b I n I z I f 1.45I z L9 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,62 5SY SM26226 Monofase L2+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, , SI L10 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,72 5SY SM26226 Monofase L3+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, , SI L11 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,72 5SY SM26226 Monofase L1+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, , SI L12e 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,56 5SY SM26226 Monofase L2+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, , SI L13 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,62 5SY SM26226 Monofase L2+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, , SI L14 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,6 5SY SM26226 Monofase L3+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, , SI L15 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,56 5SY SM26226 Monofase L2+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, , SI L16 1(2x1,5)+(1PE1,5) ,56 5SY SM26226 Monofase L1+N 0,3 - A 6 0,48 0,03 4, , SI

22 Pagina 21 di 21

SOMMARIO 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

SOMMARIO 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE 1 Rif. ELSA/8293/1079 SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra. 4.2 Dati

Dettagli

4. DATI INIZIALI 4 6. VALUTAZIONE DEI RISCHI Analisi del rischio R Analisi del rischio R CONCLUSIONI 7 9.

4. DATI INIZIALI 4 6. VALUTAZIONE DEI RISCHI Analisi del rischio R Analisi del rischio R CONCLUSIONI 7 9. 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 3 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 3 4. DATI INIZIALI 4 4.1 Densità annua di fulmini a terra 4 4.2 Dati relativi alla struttura

Dettagli

SOMMARIO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

SOMMARIO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra. 4.2 Dati relativi alla struttura.

Dettagli

SOMMARIO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

SOMMARIO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra. 4.2 Dati relativi alla struttura.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore:

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore: RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione Dati del progettista / installatore: Ragione sociale: DOTT. ING. ORIANA ANDALORO Indirizzo: VIA TORRECAMPAGNA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore:

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore: RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione Dati del progettista / installatore: Ragione sociale: Studio Tecnico geom. Luigi CARELLI Indirizzo:

Dettagli

SOMMARIO 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

SOMMARIO 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra 4.2 Dati relativi alla struttura

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione. Committente:

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione. Committente: RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione Committente: Committente: Comune di Orbassano Descrizione struttura: Comune di Orbassano Indirizzo:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore:

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore: RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione Dati del progettista / installatore: Committente: Committente: COMUNE DI POGGIO A CAIANO Descrizione

Dettagli

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA TORRE ALLEGRA A CENTRO POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O OASI DEL SIMETO.

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA TORRE ALLEGRA A CENTRO POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O OASI DEL SIMETO. Indice 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 2 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE... 2 4. DATI INIZIALI... 3 4.1 Densità annua di fulmini a terra... 3 4.2 Dati relativi alla

Dettagli

Servizi Integrati di Ingegneria e Architettura

Servizi Integrati di Ingegneria e Architettura Dati del progettista / installatore: Ragione sociale: CMA S.r.l. Indirizzo: Viale Gramsci, 24 Città: Firenze CAP: 50132 Provincia: FI Partita Iva: 04798620482 Codice Fiscale: 04798620482 Committente: Committente:

Dettagli

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA TORRE ALLEGRA A CENTRO POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O OASI DEL SIMETO.

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA TORRE ALLEGRA A CENTRO POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O OASI DEL SIMETO. Indice 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 2 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE... 2 4. DATI INIZIALI... 3 4.1 Densità annua di fulmini a terra... 3 4.2 Dati relativi alla

Dettagli

BIO Engineering Verifica scariche atmosferiche

BIO Engineering Verifica scariche atmosferiche SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra. 4.2 Dati relativi alla struttura.

Dettagli

SOMMARIO. Pagina 1 di 13

SOMMARIO. Pagina 1 di 13 SOMMARIO 1 CONTENUTO DEL DOCUMENTO... 2 2 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 2 3 INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE... 2 4 DATI INIZIALI... 3 4.1 Densità annua di fulmini a terra... 3 4.2 Dati

Dettagli

5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE Committente: Committente: Fondazione "Clinical Industrial Research Park" Descrizione struttura: INCUBATORE IMPRESE DI BIOTECNOLOGIE Indirizzo: ex scalo ferrioviario Vallino - Torino Comune: TORINO Provincia:

Dettagli

R VRF. COMUNE DI ARZACHENA Provincia di Olbia Tempio. Realizzazione della Nuova Caserma dei Carabinieri

R VRF. COMUNE DI ARZACHENA Provincia di Olbia Tempio. Realizzazione della Nuova Caserma dei Carabinieri REPV BBLICA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche per il Lazio, l Abruzzo e la Sardegna Sede Coordinata di Cagliari ITA LI ANA COMUNE DI ARZACHENA

Dettagli

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE SCARICHE ATMOSFERICHE

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE SCARICHE ATMOSFERICHE COMUNE DI LENOLA (PROVINCIA DI LATINA) AREA TECNICA - URBANISTICA - SERVIZIO LL. PP. PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO PER L'INNALZAMENTO DEL LIVELLO DI SICUREZZA E LA RIQUALIFICAZIONE DELL'EDIFICIO SCOLASTICO

Dettagli

SOMMARIO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

SOMMARIO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra. 4.2 Dati relativi alla struttura.

Dettagli

SOMMARIO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

SOMMARIO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra 4.2 Dati relativi alla struttura

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Committente:

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Committente: RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Committente: Committente: COMUNE DI ROGENO Descrizione struttura: SCUOLA PRIMARIA Indirizzo: Via

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE LEGGE 457/78 7 Biennio Ex Programma di intervento n

PROGRAMMA REGIONALE LEGGE 457/78 7 Biennio Ex Programma di intervento n Tav: Revisione: AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI TORINO Corso Dante, 14-10134 Torino P. I.V.A.: 00499000016 C0327002 1 Internet: http:// www.atc.torino.it E-mail: costruzioni@atc.torino.it

Dettagli

E04 RELAZIONE DI VERIFICA SCARICHE ATMOSFERICHE

E04 RELAZIONE DI VERIFICA SCARICHE ATMOSFERICHE E04 RELAZIONE DI VERIFICA SCARICHE ATMOSFERICHE RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione SOMMARIO CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE

Dettagli

EIER03. Comune di Latina PROGETTO ESECUTIVO DISCIPLINA. PROGETTO ESECUTIVO Straordinaria manutenzione presso la scuola di via Pasubio

EIER03. Comune di Latina PROGETTO ESECUTIVO DISCIPLINA. PROGETTO ESECUTIVO Straordinaria manutenzione presso la scuola di via Pasubio COMMITTENTE Comune di Latina COMMESSA PROGETTO ESECUTIVO Straordinaria manutenzione presso la scuola di via Pasubio FASE PROGETTUALE DOCUMENTO SPECIFICO PROGETTO ESECUTIVO DISCIPLINA PROGETTAZIONE Ing.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Committente: Committente: Amministrazione Comunale di Selargius Descrizione struttura: IMPIANTO

Dettagli

RISCHIO DI FULMINAZIONE CAPANNONE STANDARD

RISCHIO DI FULMINAZIONE CAPANNONE STANDARD Progetto Preliminare RISCHIO DI FULMINAZIONE CAPANNONE STANDARD CALCOLO DELLA PROBABILITA DI FULMINAZIONE Relazione tecnica Valutazione del rischio dovuto al fulmine Pag 1 di 9 SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione Dati del progettista / installatore: Ragione sociale: Studio associato di Ingegneria NORDEST Indirizzo:

Dettagli

SOMMARIO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

SOMMARIO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra 4.2 Dati relativi alla struttura

Dettagli

3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra 4.2 Dati relativi alla struttura

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore:

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore: RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Dati del progettista / installatore: Ragione sociale: Studio Tecnico Ing. Stefano Rolt Indirizzo:

Dettagli

INVASO LENTINI. "Casa di Guardia" RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione

INVASO LENTINI. Casa di Guardia RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione "Casa di Guardia" INVASO LENTINI Descrizione struttura: casa di guardia diga Lentini Comune: Lentini

Dettagli

RELAZIO E TEC ICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione

RELAZIO E TEC ICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione RELAZIO E TEC ICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione Dati del Progettista: Dott.Ing.Verlingieri Ivan Via apoli n.191 82100 Benevento Committente: Committente:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione NORMA CEI 81-10/1/2/3/4 (EN 62305/ )

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione NORMA CEI 81-10/1/2/3/4 (EN 62305/ ) RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini NORMA CEI 81-10/1/2/3/4 (EN 62305/1-2-3-4) Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE

Dettagli

Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione

Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione Dati del progettista: Professionista: Ing. Lorenzo Cappia Ragione sociale: Studio Tecnico K Indirizzo:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Committente:

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Committente: RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Committente: Committente: Comune di Colico Descrizione struttura: Campus Scolastico - Scuola secondaria

Dettagli

COMUNE DI SOVICILLE PALAZZETTO DELLO SPORT in loc. S.Rocco a Pilli. Protezione contro i fulmini

COMUNE DI SOVICILLE PALAZZETTO DELLO SPORT in loc. S.Rocco a Pilli. Protezione contro i fulmini COMUNE DI SOVICILLE PALAZZETTO DELLO SPORT in loc. S.Rocco a Pilli Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione RELAZIONE TECNICA Siena, luglio 2013 Ing.Roberto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore:

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore: RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Dati del progettista / installatore: Ragione sociale: Studio tecnico Cesana Per. Ind. Marco Indirizzo:

Dettagli

CAPANNONE STANDARD CALCOLO PROBABILITA FULMINAZIONE

CAPANNONE STANDARD CALCOLO PROBABILITA FULMINAZIONE CAPANNONE STANDARD CALCOLO PROBABILITA FULMINAZIONE Relazione tecnica Valutazione del rischio dovuto al fulmine Pag 1 di 9 SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Dott.Ing. UBERTO FORGIA Via Martiri della Libertà n. 127 SAN MAURO T.SE (TO) 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 1 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 1

Dott.Ing. UBERTO FORGIA Via Martiri della Libertà n. 127 SAN MAURO T.SE (TO) 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 1 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 1 SOMMARIO pag. 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 1 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 1 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 2 4. DATI INIZIALI 2 4.1 Densità annua di fulmini a terra 2 4.2 Dati relativi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Dati del progettista / installatore: Ragione sociale: STUDIO DAL CASON Indirizzo: VIA SAN ROCCO

Dettagli

1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO DATI INIZIALI DENSITÀ ANNUA DI FULMINI A TERRA...

1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO DATI INIZIALI DENSITÀ ANNUA DI FULMINI A TERRA... INDICE 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO... 4 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 4 4. DATI INIZIALI... 6 4.1 DENSITÀ ANNUA DI FULMINI A TERRA... 6 4.2 DATI RELATIVI ALLA STRUTTURA... 6 4.3 DATI RELATIVI ALLE

Dettagli

PROVINCIA DI TRENTO Codice fiscale e Partita IVA C.A.P Piazza Municipio nº 7 DIREZIONE SERVIZI TECNICI

PROVINCIA DI TRENTO Codice fiscale e Partita IVA C.A.P Piazza Municipio nº 7  DIREZIONE SERVIZI TECNICI COMUNE DI PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO Codice fiscale e Partita IVA 00339190225 C.A.P. 38057 - Piazza Municipio nº 7 www.comune.pergine.tn.it DIREZIONE SERVIZI TECNICI 38057 Pergine Valsugana

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore:

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore: RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Dati del progettista / installatore: Ragione sociale: TETRA ingegneria S.r.l. Indirizzo: Via Tommaseo,

Dettagli

INTERVENTO DI AMPLIAMENTO STABILIMENTO MEDICI ERMETE & FIGLI S.R.L. RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini

INTERVENTO DI AMPLIAMENTO STABILIMENTO MEDICI ERMETE & FIGLI S.R.L. RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Dati del progettista / installatore: Ragione sociale: Costoli Per. Ind. Fabrizio Indirizzo: Via

Dettagli

RELAZIONE SCARICHE ATMOSFERICHE

RELAZIONE SCARICHE ATMOSFERICHE PROGETTO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE SCARICHE ATMOSFERICHE Arch. Margherita Finamore Arch. Eros Giraldi Data RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure

Dettagli

RELAZIONE TECNICA di verifica Protezione contro i fulmini ai sensi Norma CEI EN Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione

RELAZIONE TECNICA di verifica Protezione contro i fulmini ai sensi Norma CEI EN Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione RELAZIONE TECNICA di verifica Protezione contro i fulmini ai sensi Norma CEI EN 62305-2 Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Progettisti incaricati: via Meuccio Ruini, 6-42124 reggio

Dettagli

SOMMARIO 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

SOMMARIO 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra 4.2 Dati relativi alla struttura

Dettagli

CONTENUTO DEL DOCUMENTO

CONTENUTO DEL DOCUMENTO INDICE 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO... 2 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 2 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE... 3 4. DATI INIZIALI... 3 DENSITA ANNUA DI FULMINI A TERRA... 3 DATI RELATIVI

Dettagli

Committente: COMUNE DI CESATE Città Metropolitana di Milano. Oggetto: Riqualificazione scuola primaria "Villaggio INA" IMPIANTO ELETTRICO.

Committente: COMUNE DI CESATE Città Metropolitana di Milano. Oggetto: Riqualificazione scuola primaria Villaggio INA IMPIANTO ELETTRICO. 0 Rev.: 2016-12-16 Data: Emissione Descrizione: Committente: COMUNE DI CESATE Città Metropolitana di Milano Oggetto: Riqualificazione scuola primaria "Villaggio INA" IMPIANTO ELETTRICO Luogo: Via Papa

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Committente:

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Committente: RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Committente: Committente: Loretelli Daniela Descrizione struttura: Ampliamento capannone Indirizzo:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore:

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore: RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Dati del progettista / installatore: Ragione sociale: arch. Carlo Lufrano Indirizzo: Via R. De

Dettagli

4.2 Dati relativi alla struttura Dati relativi alla linee esterne Definizione e caratteristiche delle zone...

4.2 Dati relativi alla struttura Dati relativi alla linee esterne Definizione e caratteristiche delle zone... INDICE 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO... 3 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE... 3 4. DATI INIZIALI... 4 4.1 Densità annua di fulmini a terra... 4 4.2 Dati relativi

Dettagli

SOMMARIO 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

SOMMARIO 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra 4.2 Dati relativi alla struttura

Dettagli

Vigili del Fuoco Distaccamento dei Vigili del Fuoco di Macerata Feltria - Verifica di protezione dalle scariche atmosferiche INDICE

Vigili del Fuoco Distaccamento dei Vigili del Fuoco di Macerata Feltria - Verifica di protezione dalle scariche atmosferiche INDICE INDICE 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO... 2 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 2 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE... 2 4. DATI INIZIALI... 2 4.1 Densità annua di fulmini a terra... 2 4.2 Dati

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione SOMMARIO

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione SOMMARIO RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio scelta delle misure di protezione Dati del progettista 1 installatore: Ragione sociale: GABAGLIO VENANZIO Indirizzo: VIA S.MARTIN0,3

Dettagli

Comune di ASCOLI PICENO " Provincia di ASCOLI PICENO "

Comune di ASCOLI PICENO  Provincia di ASCOLI PICENO Comune di ASCOLI PICENO " Provincia di ASCOLI PICENO " PROGETTO : INTERVENTO DI RISTRUTTURAZIONE DELLA PALESTRA DI ATLETICA PESANTE A. MARUCCI ASCOLI PICENO ( Primo Stralcio funzionale) ELABORATO : RELAZIONE

Dettagli

5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra 4.2 Dati relativi alla struttura

Dettagli

CONTENUTO RELAZIONE TECNICA

CONTENUTO RELAZIONE TECNICA CONTENUTO RELAZIONE TECNICA Questo documento contiene una relazione PRELIMINARE sulla valutazione dei rischi dovuti al fulmine con riferimento all impianto elettrico e una relazione DEFINITIVA. Infatti

Dettagli

Relazione Rischio Fulmini 23/02/2018

Relazione Rischio Fulmini 23/02/2018 24 Relazione Rischio Fulmini 23/02/2018 RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Dati del progettista / installatore: Committente: Committente:

Dettagli

Community EST006. RELAZIONE SPECIALISTICA PARAFULMINE - VALORE DI Ng

Community EST006. RELAZIONE SPECIALISTICA PARAFULMINE - VALORE DI Ng Community EST006 RELAZIONE SPECIALISTICA PARAFULMINE - VALORE DI Ng RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Dati del progettista: ing.

Dettagli

- CEI EN "Protezione contro i fulmini. Parte 3: Danno materiale alle strutture e pericolo per le persone" Febbraio 2013;

- CEI EN Protezione contro i fulmini. Parte 3: Danno materiale alle strutture e pericolo per le persone Febbraio 2013; 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO Questo documento contiene: - la relazione sulla valutazione dei rischi dovuti al fulmine; - la scelta delle misure di protezione da adottare ove necessarie. 2. NORME TECNICHE

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO EDIFICIO SCOLASTICO CON ANNESSO CENTRO SOCIALE - PIAZZA DEL MUNICIPIO

PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO EDIFICIO SCOLASTICO CON ANNESSO CENTRO SOCIALE - PIAZZA DEL MUNICIPIO COMUNE DI SIROLO Piazza Giovanni da Sirolo n. 1-60020 Sirolo (AN) Tel. 071.933.05.72-071.933.05.91 - Fax 071.933.10.36 PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO EDIFICIO SCOLASTICO CON ANNESSO

Dettagli

DELLA PROVINCIA DI TORINO Corso Dante, Torino P. I.V.A.: Internet:

DELLA PROVINCIA DI TORINO Corso Dante, Torino P. I.V.A.: Internet: Emissione Redazione Revisioni Direzione Lavori AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI TORINO Corso Dante, 14-10134 Torino P. I.V.A.: 00499000016 Internet: http:// www.atc.torino.it E-mail:

Dettagli

PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. Realizzazione 1 Lotto ex Scuola di Ghiaie Via Principe Umberto Bonate Sopra (BG)

PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. Realizzazione 1 Lotto ex Scuola di Ghiaie Via Principe Umberto Bonate Sopra (BG) Via Milano, 12/B 24040 Bonate Sopra (BG) TEL 035/6010028 FAX 035/992035 Web: www.cs-progetti.it @mail: studio@cs-progetti.it - per. ind. Claudio Boschini - per. ind. Simone Plebani - PROTEZIONE CONTRO

Dettagli

Redattore Telefono Fax

Redattore Telefono Fax SALVATRONDA 08.09.2010 Redattore Telefono Fax e-mail Indice SALVATRONDA Copertina progetto 1 Indice 2 Locale 1 Lampade (planimetria) 3 Risultati illuminotecnici 4 Rendering 3D 5 Superfici locale Superficie

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione

RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Committente: COMUNE DI VILLORBA Descrizione struttura: NUOVI IMPIANTI SPORTIVI - 2 STRALCIO Indirizzo:

Dettagli

Oggetto: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA ALLA CABINA DI TRASFORMAZIONE ELETTRICA MT/BT PRESSO COMPLESSO SANTE ZENNARO A IMOLA.

Oggetto: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA ALLA CABINA DI TRASFORMAZIONE ELETTRICA MT/BT PRESSO COMPLESSO SANTE ZENNARO A IMOLA. Oggetto: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA ALLA CABINA DI TRASFORMAZIONE ELETTRICA MT/BT PRESSO COMPLESSO SANTE ZENNARO A IMOLA. Committente: Benicomuni s.r.l. Via Poiano, 11 40026 Imola (Bo) tel. 0542

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore:

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Dati del progettista / installatore: RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Dati del progettista / installatore: Ragione sociale: EPI s.r.l. Indirizzo: Via di Tegulaia, 3/C

Dettagli

E.R.S.U! COMUNE DI SASSARI

E.R.S.U! COMUNE DI SASSARI E.R.S.U! COMUNE DI SASSARI REGIONE SARDEGNA progetto RECUPERO FUNZIONALE ED ARCHITETTONICO DEGLI IMMOBILI DELLA EX FONDAZIONE! BRIGATA SASSARI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI NUOVA CASA DELLO STUDENTE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Progettista :

RELAZIONE TECNICA. Protezione contro i fulmini. Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione. Progettista : RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Progettista : Ing. Gianluca Acciaresi Via G. Flaiani n. 88A 63900 Fermo Committente: Committente:

Dettagli

SOMMARIO 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

SOMMARIO 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra 4.2 Dati relativi alla struttura

Dettagli

Studio Tecnico Salina

Studio Tecnico Salina INDICE OGGETTO E SCOPO 3 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3 INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 3 DATI INIZIALI 4 DENSITÀ ANNUA DI FULMINI A TERRA 4 DATI RELATIVI ALLA STRUTTURA 4 DATI RELATIVI ALLE

Dettagli

STUDIO TECNICO MARZOCCA Ing. Battisti Ing. Coacci Ing. Malatesta

STUDIO TECNICO MARZOCCA Ing. Battisti Ing. Coacci Ing. Malatesta INDICE 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO... 2 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 2 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE... 2 4. DATI INIZIALI... 3 4.1 Densità annua di fulmini a terra... 3 4.2 Dati

Dettagli

Comune di Portovenere, Prot. n del in arrivo, Cat. 10 Cl. 10

Comune di Portovenere, Prot. n del in arrivo, Cat. 10 Cl. 10 SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra 4.2 Dati relativi alla struttura

Dettagli

PROGETTO RELAZIONE DI VERIFICA SCARICHE ATMOSFERICHE E 7/1

PROGETTO RELAZIONE DI VERIFICA SCARICHE ATMOSFERICHE E 7/1 PROGETTO RELAZIONE DI VERIFICA SCARICHE ATMOSFERICHE E 7/1 RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione TERRAZZA E GRADONATE DIPARTIMENTO DI

Dettagli

Capitolo I. CONTENUTO DEL DOCUMENTO Capitolo II. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 3

Capitolo I. CONTENUTO DEL DOCUMENTO Capitolo II. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 3 SOMMAR IIO PROTEZ IIONE CONTRO II FULM IIN II Capitolo I. CONTENUTO DEL DOCUMENTO... 2 Capitolo II. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 3 Capitolo III. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE... 4 Capitolo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione

RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione RELAZIONE TECNICA Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Committente: PROVINCIA DI MODENA Descrizione struttura: Meucci di Carpi - Ampliamento 2015 Indirizzo:

Dettagli

COMUNE DI CASTELCOVATI Via Chiari n Castelcovati (Bs) Telefono: Fax:

COMUNE DI CASTELCOVATI Via Chiari n Castelcovati (Bs) Telefono: Fax: COMUNE DI CASTELCOVATI Via Chiari n. 60-25030 - Castelcovati (Bs) Telefono: 030 7080319 Fax: 030 7080304 e-mail: tecnico@comune.castelcovati.bs.it PRESTAZIONI DI PROGETTAZIONE DEFINITIVA, ESECUTIVA, COORDINAMENTO

Dettagli

SANTE ZENNARO EDIFICIO "P" - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Pirandello 12 - Imola

SANTE ZENNARO EDIFICIO P - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Pirandello 12 - Imola Z:\04-Area sviluppo-progettazione\progetti\elenco\14_043_sto_palazzo Calderini_riordino locali\0 - Beni culturali\logo BC_BMP.bmp Z:\04-Area sviluppo-progettazione\progetti\elenco\14_043_sto_palazzo Calderini_riordino

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SCARICHE ATMOSFERICHE

RELAZIONE TECNICA SCARICHE ATMOSFERICHE RELAZIONE TECNICA SCARICHE ATMOSFERICHE Protezione contro i fulmini Valutazione del rischio e scelta delle misure di protezione Committente: Committente: Dolce&Gabbana srl Descrizione struttura: Capannone

Dettagli

SOMMARIO 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE

SOMMARIO 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra 4.2 Dati relativi alla struttura

Dettagli

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Provincia di Udine COMUNE DI PREMARIACCO. Progetto CUP: E16J

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Provincia di Udine COMUNE DI PREMARIACCO. Progetto CUP: E16J Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Provincia di Udine COMUNE DI PREMARIACCO Progetto CUP: E16J16000690006 Lavori di ristrutturazione, ampliamento e adeguamento alle norme di sicurezza della scuola

Dettagli

SOMMARIO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

SOMMARIO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE Studio bottani Relazione di calcolo SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a

Dettagli

CESANA BRIANZA (LC) Oggetto: Ampliamento insediamento produttivo Società Eusider Spa Via Del Brughetto, 1 Cesana Brianza (LC) Documento n.

CESANA BRIANZA (LC) Oggetto: Ampliamento insediamento produttivo Società Eusider Spa Via Del Brughetto, 1 Cesana Brianza (LC) Documento n. p.i. ALESSANDRO CATALANO n 612 Collegio dei Periti di Bergamo 24050 LURANO (BG) Via Manzoni, 5 cod. fisc. CTLLSN57B28L245I p. IVA 02095430167 e-mail: studiotecnicocatalano@virgilio.it COMUNE DI CESANA

Dettagli

AREA A6 LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA. Protezione contro i fulmini

AREA A6 LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA. Protezione contro i fulmini COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari AREA A6 LAVORI PUBBLICI LAVORI DI ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA DELLA SCUOLA ELEMENTARE VIA LEONARDO DA VINCI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Protezione

Dettagli

Relazione di verifica protezione contro il rischio di fulminazione CEI Sommario

Relazione di verifica protezione contro il rischio di fulminazione CEI Sommario Sommario 1 CONTENUTO DEL DOCUMENTO... 3 2 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 3 3 INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE... 3 4 PALAZZINA UFFICI... 4 4.1 Densità annua di fulmini a terra... 4 4.2 Dati

Dettagli

Verifica Rischio di Fulminazione

Verifica Rischio di Fulminazione Progetto esecutivo REALIZZAZIONE DI UN CAMPO POLIVALENTE COPERTO PER ATTIVITA SPORTIVE DI SQUADRA Barletta (BAT) Verifica Rischio di Fulminazione Dicembre 2016 IL PROGETTISTA Planing Engineering Srl Viale

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE F.E.S.R. 2007/2013 D.G.R. 29/03/2010 N.96. COMUNE DI TORINO Ambito di Via Parenzo: Via Val della Torre Corso Cicinnato

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE F.E.S.R. 2007/2013 D.G.R. 29/03/2010 N.96. COMUNE DI TORINO Ambito di Via Parenzo: Via Val della Torre Corso Cicinnato AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI TORINO Corso Dante, 14-10134 Torino P. I.V.A.: 00499000016 Internet: http:// www.atc.torino.it E-mail: costruzioni@atc.torino.it Codice Intervento -

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO E SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE

RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO E SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO E SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE N PROGETTO : PR 05-14 N DOCUMENTO : DR 02 DATA: 24 gennaio 2014 VERSIONE: Preliminare CLIENTE:

Dettagli

Coordinate in formato decimale (WGS84)

Coordinate in formato decimale (WGS84) Coordinate in formato decimale (WGS84) Indirizzo: Viale Pacem in Terris, 36, 24039 Sotto il Monte Giovanni XXIII BG, Italia Latitudine: 45.706877 Longitudine: 9.499079 TNE srl - Strada dei Ronchi, 29-10133

Dettagli

AUTOGRILL S.p.a. TECHNICAL PROJECT MANAGER: Andrea Ferri CODICE COMMESSA:... PROGETTO: MONTE ALTO NORD FASE: DEFINITIVO ELABORATO DA: DF CONCEDENTE:

AUTOGRILL S.p.a. TECHNICAL PROJECT MANAGER: Andrea Ferri CODICE COMMESSA:... PROGETTO: MONTE ALTO NORD FASE: DEFINITIVO ELABORATO DA: DF CONCEDENTE: NOME FILE: Relazione protezione scariche atmosferiche AUTOGRILL S.p.a Centro Direzionale Milano Fiori Palazzo Z strada 5 20089 Rozzano - MI TECHNICAL PROJECT MANAGER: Andrea Ferri CONCEDENTE: PROGETTO:

Dettagli

Engineering 2K S.p.A.

Engineering 2K S.p.A. PROGETTO: NUOVO INSEDIAMENTO LOGISTICO IN Comune di CASTEL SAN GIOVANNI Provincia di PIACENZA 12 11 10 09 08 07 06 05 04 03 02 01 00 REV - - - 30-08-16 EMISSIONE PER DM 37.08 - - - DATA OGGETTO REVISIONE

Dettagli

INDICE ART 1 CONTENUTO DEL DOCUMENTO... 3 ART 2 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 3 ART 3 INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE...

INDICE ART 1 CONTENUTO DEL DOCUMENTO... 3 ART 2 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 3 ART 3 INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE... 1 INDICE ART 1 CONTENUTO DEL DOCUMENTO... 3 ART 2 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO... 3 ART 3 INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE... 3 ART 4 DATI INIZIALI... 4 4.1 Densità annua di fulmini a terra...

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA FULMINE. Cliente Soc. IPER ORIO S.p.A. STAZIONE DI SERVIZIO CARBURANTI Via Portico Orio al Serio (BG)

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA FULMINE. Cliente Soc. IPER ORIO S.p.A. STAZIONE DI SERVIZIO CARBURANTI Via Portico Orio al Serio (BG) VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA FULMINE Cliente Soc. IPER ORIO S.p.A. STAZIONE DI SERVIZIO CARBURANTI Via Portico Orio al Serio (BG) Committente PROTEKNO S.r.l. Via Pavia n.10 MUGGIO (MB) Milano, 19 giugno

Dettagli

5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

5. CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE SOMMARIO 1. CONTENUTO DEL DOCUMENTO 2. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 3. INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE 4. DATI INIZIALI 4.1 Densità annua di fulmini a terra 4.2 Dati relativi alla struttura

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO Scariche atmosferiche

PROGETTO ESECUTIVO Scariche atmosferiche BANDO PER LA RIQUALIFICAZIONE URBANA E LA SICUREZZA DELLE PERIFERIE, DI CUI AL D.P.C.M. DEL 25/05/2016 - PROGETTO PER LA RIQUALIFICAZIONE URBANA E LA SICUREZZA DELLE PERIFERIE. FRAZIONE SAN FELICE: UN

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO E VERIFICA CONTRO I FULMINI

RELAZIONE DI CALCOLO E VERIFICA CONTRO I FULMINI Data Progetto PROGETTO ESECUTIVO REALIZZAZIONE CASERMA DEI VIGILI DEL FUOCO DI FONDO E CENTRO DISTRETTUALE COMUNE DI FONDO - PROVINCIA DI TRENTO Committente piazza San Giovanni 9, 38013 Fondo (TN) Tel.

Dettagli

CAMPUS UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE PROGETTO DEFINITIVO / CAFFETTERIA

CAMPUS UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE PROGETTO DEFINITIVO / CAFFETTERIA FONDAZIONE GIOVANNI ARVEDI E LUCIANA BUSCHINI REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI CREMONA PROVINCIA DI CREMONA UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE FONDAZIONE CARIPLO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA VALORIZZAZIONE

Dettagli

Funzione Commessa Tipo Rev. 00 Numero Progressivo

Funzione Commessa Tipo Rev. 00 Numero Progressivo Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/06/2015 Pag. 1 di 15

Dettagli