SICOM SERVIZI TRIBUTARI SRL NOTIZIARIO FONDO PERDUTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SICOM SERVIZI TRIBUTARI SRL NOTIZIARIO FONDO PERDUTO"

Transcript

1 SICOM SERVIZI TRIBUTARI SRL CIRCOLARE APRILE 2021 A TUTTI I SIGNORI CLIENTI LORO SEDI NOTIZIARIO FONDO PERDUTO Contributo minimo per chi ha aperto la partita Iva nel dicembre 2019 Con il provvedimento n del 29 marzo 2021 l Agenzia delle entrate ha fornito un chiarimento per i soggetti che hanno attivato la partita Iva a partire dal 1 gennaio 2019 chiarendo che a tali soggetti, il contributo a fondo perduto spetta: a prescindere dalla circostanza che essi abbiano avuto un calo del 30% della media mensile del fatturato del 2020 rispetto alla corrispondente media del 2019: per la quantificazione del contributo la percentuale di calo indennizzabile è applicata al calo della media mensile di fatturato calcolata per i soli mesi successivi a quello di attivazione della partita Iva. PROROGA AL 15 APRILE DELL'INVIO COMUNICAZIONE OPZIONE UTILIZZO SUPERBONUS Prorogato ulteriormente dal 31 marzo al 15 aprile 2021 il termine per invio comunicazione telematica della opzione di utilizzo superbonus nonché per sostitutive e annullamenti Con provvedimento n del 30 marzo 2021 l Agenzia delle entrate stabilisce una ulteriore proroga dal 31 marzo al 15 aprile 2021 del termine per l invio delle comunicazioni delle opzioni del Superbonus (di cui all articolo 121, D.L. 34/2020). In particolare, si stabilisce che il termine di scadenza per l invio delle comunicazioni delle opzioni di cui al punto 4.1 del provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate prot. n dell 8 agosto 2020, per le detrazioni relative alle spese sostenute nell anno 2020, è ulteriormente prorogato al 15 aprile (Agenzia delle entrate, provvedimento n , 30/03/2021) DEDUCIBILITÀ MAXI CANONE Indeducibile la quota riferita al maxi canone Con l ordinanza n del 15 marzo scorso la Corte di Cassazione ha chiarito che in caso di scorporo del valore delle aree sottostanti ai fabbricati strumentali acquisiti con contratto di leasing finanziario nella valutazione della quota non deducibile non si debba tenere conto della parte riferibile al maxi canone, con una conseguente riduzione della ripresa fiscale da operare ai fini dell Ires. (Corte di Cassazione, sentenza n. 7183, 15/03/2021)

2 PRASSI CREDITI IVA TRIMESTRALI: IN SCADENZA LA RICHIESTA DI RIMBORSO O COMPENSAZIONE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2021 Ai fini della richiesta di rimborso o compensazione dei crediti iva relativi al primo trimestre 2021 è ancora necessario rifarsi al modello TR pubblicato dall Agenzia delle entrate con il provvedimento direttoriale n del 26 marzo 2020 che ha approvato il modello e le istruzioni da utilizzare per il periodo di imposta Sono state invece variate in data 22 marzo 2021 le specifiche tecniche del modello necessarie all adeguamento della percentuale del 6%, ora 6,4%, relativa alle cessioni di legno e legna da ardere, escluso quello tropicale. Le modalità di compilazione del modello Iva TR Il credito Iva che si forma nelle liquidazioni periodiche mensili o trimestrali può essere utilizzato, ordinariamente, solo in compensazione verticale (per abbattere il debito Iva delle liquidazioni successive). In alcune situazioni ben definite dal Legislatore, però, è possibile utilizzare in compensazione orizzontale il credito Iva emergente dalla liquidazione trimestrale ovvero richiederne il rimborso, previa presentazione telematica di un apposito modello denominato TR. Il termine ordinario per la presentazione telematica del modello Iva TR con riferimento al primo trimestre 2021 è fissato al 30 aprile Nulla è cambiato per quanto riguarda le modalità di utilizzo in compensazione orizzontale del credito Iva trimestrale. L utilizzo è infatti possibile: solo dopo la presentazione del modello Iva TR, se il credito Iva è di importo inferiore o pari a euro e solo a partire dal decimo giorno successivo a quello di presentazione telematica all Agenzia delle entrate del modello Iva TR se il credito Iva è di importo superiore a euro. Per coloro che intendono utilizzare in compensazione il credito Iva per importi superiori a euro annui (elevato a euro per le start up innovative) è obbligatorio presentare il modello Iva TR munito del visto di conformità o, in alternativa, recante la sottoscrizione da parte dell organo di controllo. In merito alla prestazione delle garanzie in caso di richiesta di rimborso del credito Iva trimestrale, si ricorda che: è possibile ottenere i rimborsi di importo superiore a euro senza prestazione della garanzia, presentando l istanza munita di visto di conformità o sottoscrizione alternativa da parte dell organo di controllo e una dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà attestante la sussistenza di determinati requisiti patrimoniali; è obbligatorio prestare la garanzia per i rimborsi superiori a euro solo nelle ipotesi di situazioni di rischio e cioè quando il rimborso è richiesto: a. da soggetti che esercitano un attività di impresa da meno di due anni ad esclusione delle imprese start up innovative di cui all articolo 25, D.L. 179/2012; 2

3 b. da soggetti ai quali, nei due anni precedenti la richiesta di rimborso, sono stati notificati avvisi di accertamento o di rettifica da cui risulti, per ciascun anno, una differenza tra gli importi accertati e quelli dell imposta dovuta o del credito dichiarato per importi significativi; c. da soggetti che presentano l istanza priva del visto di conformità o della sottoscrizione alternativa o non presentano la dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà; d. da soggetti passivi che richiedono il rimborso dell eccedenza detraibile risultante all atto della cessazione dell attività. Si ricorda inoltre che. Per la generalità dei contribuenti vi sono, infine, due ulteriori esimenti dall obbligo di presentazione della garanzia: se il rimborso è richiesto dai contribuenti che hanno aderito al regime di adempimento collaborativo previsto dagli articoli 3 e ss., D.Lgs. 128/2015; se il rimborso è richiesto dai contribuenti che hanno applicato gli Isa e, sulla base delle relative risultanze, sono esonerati dall apposizione del visto di conformità ovvero dalla prestazione della garanzia per i rimborsi di importo non superiore a euro annui, ai sensi dell articolo 9-bis, comma 11, lettera b), D.L. 50/2017. Quanto suddetto può riassumersi come segue: Compensazione fino a euro presentazione del modello TR dalla data di presentazione telematica del modello superiore a euro presentazione del modello TR con apposizione del visto di conformità (o sottoscrizione da parte organo di controllo) - dal 10 giorno successivo a quello di presentazione telematica del modello Rimborso sotto i euro senza prestazione di garanzia sopra i euro con prestazione di garanzia (o, in alternativa, apponendo sull istanza il visto di conformità o la sottoscrizione alternativa da parte dell organo di controllo in assenza di situazioni di rischio) Regole di utilizzo del credito Iva trimestrale In caso di utilizzo in compensazione orizzontale del credito Iva trimestrale, tale compensazione è ammessa già dalla data di presentazione del modello Iva TR sino all importo di euro (tale limite va inteso complessivamente per tutti e tre i trimestri); per la parte eccedente occorre attendere il 10 giorno successivo a quello di presentazione del modello. In particolare, con la presentazione del modello TR si può ottenere la possibilità di compensare o chiedere a rimborso i crediti scaturenti da ciascuno dei primi 3 trimestri dell anno (il credito relativo al quarto trimestre viene invece utilizzato in compensazione o chiesto a rimborso attraverso la presentazione della dichiarazione Iva annuale). Riassumendo: Modalità di La presentazione deve avvenire esclusivamente per via telematica 3

4 presentazione Termine di presentazione Utilizzo in compensazione del credito Iva da TR Visto di conformità Contribuenti ammessi al rimborso trimestrale La presentazione del modello TR deve avvenire entro l ultimo giorno del mese successivo quello di chiusura del trimestre: I trimestre entro 30 aprile 2021 II trimestre entro 31 luglio 2021 (in quanto il 31 luglio cade di sabato e il primo giorno lavorativo successivo in agosto, la scadenza slitta al 20 agosto 2021) III trimestre entro 2 novembre 2021 Il credito Iva trimestrale può essere utilizzato in compensazione nel modello F24: per crediti non superiori a euro (limite inteso complessivamente per tutti e 3 i trimestri) la compensazione può avvenire fin dal giorno di presentazione telematica del modello TR; per crediti superiori a euro la compensazione può avvenire solo a partire dal 10 giorno successivo quello di presentazione telematica del modello TR. La soglia di euro deve essere valutata considerando complessivamente tutti i crediti Iva trimestrali (ma non quello annuale) relativi a ciascun anno (quindi anche quelli di un precedente trimestre). La compensazione di crediti Iva trimestrali nel modello F24 deve essere effettuata obbligatoriamente utilizzando i canali Entratel/Fisconline Come detto precedentemente, per la compensazione del credito trimestrale oltre i euro è previsto l obbligo di apporre il visto di conformità. Inoltre con riferimento ai rimborsi del credito Iva trimestrale eccedenti l importo di euro, è possibile (per i casi diversi da quelli considerati a rischio e nei quali è obbligatorio rilasciare la garanzia) apporre il visto di conformità in alternativa al rilascio delle garanzie previste Le condizioni che consentono l utilizzo (compensazione o rimborso) del credito Iva trimestrale sono diverse da quelle che consentono il rimborso del credito Iva annuale. In particolare, ai sensi dell articolo 38-bis, comma 2, D.P.R. 633/1972, la presentazione del modello Iva TR è ammessa nelle seguenti fattispecie: aliquota media: quando vengono esercitate esclusivamente o prevalentemente attività che comportano l'effettuazione di operazioni soggette ad imposta con aliquote inferiori a quelle dell'imposta relativa agli acquisti e alle importazioni; operazioni non imponibili: quando vengono effettuate operazioni non imponibili di cui agli articoli 8, 8-bis e 9 per un ammontare superiore al 25% dell'ammontare complessivo di tutte le operazioni effettuate; beni ammortizzabili: quando vengono effettuati acquisti e/o importazioni di beni ammortizzabili per un ammontare superiore ai 2/3 del totale degli acquisti e/o importazioni di beni e servizi imponibili Iva; soggetti non residenti: dai soggetti non residenti e senza stabile organizzazione nel territorio dello Stato, identificati direttamente o che hanno nominato un rappresentante residente nel territorio dello Stato; operazioni non soggette: effettuazione di operazioni attive nei confronti di soggetti passivi non stabiliti in Italia per un importo superiore al 50% di tutte le operazioni effettuate, riferite alle seguenti attività: prestazioni di lavorazione relative a beni mobili materiali, prestazioni di trasporto di beni e relative prestazioni di intermediazione, prestazioni di servizi accessori ai trasporti di beni e relative prestazioni di intermediazione, prestazioni indicate nell articolo 19, comma 3, lettera a-bis), D.P.R. 633/1972 4

5 Il CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO DEL DECRETO SOSTEGNI L articolo 1 del Decreto Sostegni (D.L. 41/2021) ha introdotto un contributo a fondo perduto finalizzato alla generalità dei contribuenti (quindi non è limitato a specifiche categorie economiche, come avvenuto per i Decreti Ristori di fine 2020), a patto che il contribuente stesso abbia subito nel 2020 una contrazione di fatturato. La misura del contributo è variabile e dipende sia dalla dimensione del soggetto, quanto dalla contrazione di fatturato subita. Da notare che, a differenza dei precedenti contributi a fondo perduto, il presente può essere richiesto, alternativamente, in due forme diverse (tramite una opzione che deve essere espressa nella comunicazione con la quale viene invocato il contributo): 1) una erogazione che viene accreditata direttamente sul conto corrente del contribuente (deve essere intestato a tale soggetto, ovvero cointestato). In questo caso occorrerà indicare nell istanza l IBAN sul quale si richiede l accredito delle somme (l Agenzia raccomanda di verificare puntualmente tale dato, perché un errore può anche comportare il diniego del beneficio); 2) un credito d imposta che può essere utilizzato in compensazione tramite modello F24, successivamente alla comunicazione di riconoscimento del contributo. Soggetti interessati Il contributo a fondo perduto può essere richiesto dai soggetti titolari di partita Iva che svolgono attività di impresa o di lavoro autonomo o che sono titolari di reddito agrario, e che sono residenti o stabiliti in Italia. Non possono presentare istanza per il riconoscimento del contributo i soggetti che abbiano cessato la partita Iva prima del 23 marzo 2021 e i soggetti che hanno avviato l attività dal 24 marzo 2021; pertanto, occorreva avere una partita Iva attiva alla data di entrata in vigore del Decreto Sostegni. Requisiti Per beneficiare del contributo devono essere rispettati alcuni requisiti: il primo requisito è di tipo dimensionale: il soggetto deve aver conseguito, nell anno 2019, un ammontare di ricavi o compensi non superiore a 10 milioni di euro; se il soggetto svolge più attività, il limite dei 10 milioni di euro per l accesso al beneficio riguarda la somma dei ricavi/compensi riferiti a tutte le attività esercitate; il secondo requisito attiene il peggioramento della situazione 2020: per ottenere l erogazione del contributo a fondo perduto è necessario che sia presente uno tra i seguenti requisiti: 1) importo della media mensile del fatturato e dei corrispettivi relativa all anno 2020 inferiore almeno del 30% rispetto all importo della media mensile del fatturato e dei corrispettivi relativi all anno 2019; 2) attivazione della partita Iva a partire dal 1 gennaio 2019 (quindi chi ha attivato la partita Iva a partire dal 1 gennaio 2019 ha diritto al contributo indipendentemente dalla riduzione del fatturato). Per quanto riguarda la determinazione dei due importi della media mensile relativa agli anni 2019 e 2020, occorre dapprima calcolare l ammontare complessivo del fatturato e dei corrispettivi conseguito in ciascuno dei 2 anni. Successivamente al calcolo degli importi complessivi del fatturato e dei corrispettivi degli anni 2019 e 2020, si procede con la 5

6 determinazione delle medie mensili dei due anni. A tal fine, occorre dividere ciascuno dei due importi complessivi per il numero dei mesi in cui la partita Iva è stata attiva. Se la partita Iva è stata aperta tra il 1 gennaio 2019 ed il 31 dicembre 2020, il mese di apertura non si considera nel calcolo (né si considerano le operazioni effettuate in tale mese). Contributo spettante L ammontare del contributo è determinato applicando una diversa percentuale alla differenza tra l importo della media mensile del fatturato e dei corrispettivi dell anno 2020 e l analogo importo dell anno Le percentuali previste sono le seguenti: 60%, se i ricavi e i compensi dell anno 2019 sono inferiori o pari a euro; 50%, se i ricavi e i compensi dell anno 2019 superano i euro ma non l importo di euro; 40%, se i ricavi e i compensi dell anno 2019 superano i euro ma non l importo di di euro; 30%, se i ricavi e i compensi dell anno 2019 superano di euro ma non l importo di di euro; 20%, se i ricavi e i compensi dell anno 2019 superano di euro ma non l importo di di euro. Nel dettaglio, il calcolo del contributo deve essere effettuato nel seguente modo: se la differenza tra la media mensile del fatturato e dei corrispettivi dell anno 2020 e la media mensile dell anno 2019 è negativa ed è almeno del 30%, a tale importo (preso in valore assoluto) si applica la percentuale prevista in relazione alla fascia dei ricavi/compensi 2019, fermo restando il riconoscimento del contributo minimo se superiore; Esempio Persona fisica Fatturato 2019 = media mensile 2019 = Fatturato 2020 = media mensile 2020 = (riduzione di 3.500, pari al 47%) Contributo spettante = * 60% = Esempio Persona fisica Fatturato 2019 = media mensile 2019 = Fatturato 2020 = media mensile 2020 = (riduzione di 1.500, pari al 43%) Contributo spettante = * 60% = 900 contributo minimo di per i soggetti che hanno attivato la partita Iva a partire dal 1 gennaio 2019, se la differenza tra la media mensile del fatturato e dei corrispettivi dell anno 2020 e la media mensile dell anno 2019 è negativa ma inferiore al 30%, ovvero pari a zero o positiva, spetta l importo minimo del contributo. Al verificarsi dei requisiti richiesti, il contributo è comunque riconosciuto per un importo minimo di euro per le persone fisiche e di euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche. L importo massimo del contributo è pari a euro. 6

7 La comunicazione I contribuenti interessati possono richiedere il contributo a fondo perduto mediante la presentazione di una specifica istanza (che può essere presentata anche tramite un intermediario abilitato). Il modello e le relative istruzioni di compilazione sono stati approvati con il provvedimento del direttore dell Agenzia delle entrate del 23 marzo Le istanze per il contributo a fondo perduto possono essere predisposte e inviate all Agenzia delle entrate a partire dal giorno 30 marzo 2021 e non oltre il giorno 28 maggio L istanza viene presentata esclusivamente in via telematica. Se il richiedente si accorge di aver presentato un istanza per un contributo non spettante, può trasmettere in ogni momento anche oltre il 28 maggio 2021 un istanza di rinuncia totale al contributo. A seguito di tale rinuncia deve provvedere a restituire il contributo eventualmente ricevuto, con applicazione delle sanzioni. A seguito della presentazione dell istanza, l Agenzia effettua specifici controlli; qualora dai predetti controlli emerga che il contributo sia in tutto o in parte non spettante, l Agenzia delle entrate procede alle attività di recupero del contributo, irrogando la sanzione nella misura minima del 100% e massima del 200%. Per tale violazione è esclusa la possibilità della definizione agevolata. Nel medesimo caso, si applica inoltre la pena prevista dall articolo 316-ter, c.p. in materia di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, che prevede alternativamente la reclusione da 6 mesi a 3 anni, ovvero nel caso di contributo erogato di importo inferiore a euro, la sanzione amministrativa da euro a euro, con un massimo di 3 volte il contributo indebitamente percepito. LA DEFINIZIONE DELLE SOMME NON ANCORA NOTIFICATE DERIVANTI DAI CONTROLLI AUTOMATIZZATI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L articolo 5, commi da 1 a 11, D.L. 41/2021 prevede che i titolari di partita Iva che hanno una riduzione di almeno il 30% del volume di affari del periodo di imposta 2020 rispetto al volume di affari del periodo di imposta precedente, possono fruire di una definizione agevolata di quanto emergente dai controlli automatizzati delle dichiarazioni relativamente a: somme dovute relativamente al periodo di imposta 2017 ai sensi dell articolo 36-bis, D.P.R. 600/1973 e dell articolo 54-bis, D.P.R. 633/1972 elaborate ma non ancora notificate da parte dell Agenzia delle entrate in quanto oggetto di sospensione; somme dovute relativamente al periodo di imposta 2018 ai sensi dell articolo 36-bis, D.P.R. 600/1973 e dell articolo 54-bis, D.P.R. 633/1972 elaborate o da elaborare entro il 31 dicembre 2021 ma non ancora notificate da parte dell Agenzia delle entrate. Sarà l Agenzia delle entrate ad individuare i contribuenti (qualsiasi titolare di partita Iva ancora attiva) a cui verrà inviata via pec o con raccomandata con avviso di ricevimento la proposta di definizione con l importo ridotto da versare. Con uno o più provvedimenti direttoriali dell Agenzia delle entrate saranno definite le modalità con cui sarà data attuazione alla presente definizione agevolata. L individuazione delle somme che possono essere oggetto della definizione agevolata La definizione agevolata consiste nell abbattimento delle sanzioni e delle somme aggiuntive richieste con le comunicazioni di irregolarità: l Agenzia delle entrate selezionerà i contribuenti 7

8 potenzialmente interessati confrontando il volume di affari dalle dichiarazioni Iva presentate per il periodo di imposta 2020 ovvero, per i soggetti non tenuti alla presentazione della dichiarazione Iva annuale, considerando l ammontare dei ricavi e/o compensi risultante dalle dichiarazioni dei redditi relative al periodo di imposta 2020 (in questo secondo caso, pertanto, l eventuale proposta di definizione agevolata potrà essere spedita solo dopo la trasmissione telematica del modello Redditi). Gli avvisi di liquidazione L articolo 36-bis, D.P.R. 600/1973 prevede, ai fini delle imposte sul reddito, dei contributi, dei premi, e dei rimborsi dovuti, che l Amministrazione finanziaria controlli gli errori materiali (compresi il calcolo delle deduzioni, delle detrazioni e dei crediti di imposta), la rispondenza dei versamenti con la dichiarazione, correggendo eventuali differenze e liquidando gli eventuali imposte, premi e contributi dovuti. L articolo 54-bis, D.P.R. 633/1972 prevede, ai fini Iva, che l Amministrazione finanziaria controlli gli errori materiali e la rispondenza dei versamenti con la dichiarazione annuale e le liquidazioni periodiche, correggendo gli errori materiali commessi e liquidando l eventuale imposta dovuta. Si ritiene che, non essendo in possesso dell Agenzia delle entrate i dati necessari per individuare i soggetti interessati dalla riduzione del volume di affari fino al mese di maggio (il termine per la spedizione delle dichiarazioni Iva relativa al 2020 è fissato al 30 aprile 2021, mentre il termine per la spedizione del modello Redditi è fissato al 30 novembre 2021) le comunicazioni ai soggetti interessati saranno spedite nel secondo semestre dell anno in corso. NOVELLATE LE SCADENZE PER LE DEFINIZIONI IN ROTTAMAZIONE" E SALDO E STRALCIO E DEFINITO IL RECUPERO DI SOMME IN AVVISO BONARIO SENZA SANZIONI Rottamazione" e Saldo e stralcio In merito alle somme dovute ai fini della Rottamazione dei ruoli e del Saldo e stralcio, l articolo 4, comma 1, lettera b), Decreto Sostegni ha modificato la scadenza, da considerarsi tempestiva, per il versamento delle somme originariamente dovute. Si tratta di una nuova proroga che segue altre modifiche alle scadenze resesi necessarie come conseguenza delle difficoltà economiche e finanziarie legate al Covid-19. Per effetto delle proroghe contenute nel Decreto Sostegni si considerano quindi tempestivi i versamenti eseguiti: entro il 31 luglio 2021 per le rate originariamente in scadenza nel 2020 e entro il 30 novembre 2021 per le rate originariamente in scadenza il 28 febbraio, 31 marzo, maggio e luglio Il nuovo calendario delle scadenze sarà quindi il seguente: Rottamazione Definizione agevolata ex D.L. 148/2017 con versamento integrale delle scadenze di luglio, settembre e ottobre 2018 entro il 7 dicembre 2018 e rata termine originario termine aggiornato

9 automaticamente ammessi alla rottamazione ter * Rottamazione ter dei ruoli affidati all Agente della riscossione dal al 2017 con istanza presentata entro il 30 aprile Definizione agevolata ex D.L. 148/2017 con mancato versamento delle scadenze di luglio, settembre e ottobre 2018 entro il 7 dicembre che hanno presentato istanza entro il 30 aprile Rottamazione ter dei ruoli affidati all agente della riscossione dal 2000 al 2017 con istanza presentata entro il 31 luglio Definizione agevolata ex D.L. 148/2017 con mancato versamento delle scadenze di luglio, settembre e ottobre 2018 entro il 7 dicembre 2018 che hanno presentato istanza entro il 30 aprile Saldo e stralcio Carichi affidati all agente della riscossione dal 2000 al 2017 con istanza presentata entro il 30 aprile 2019 o entro il 31 luglio rata termine originario termine aggiornato N.B. Va segnalato che in quanto il 31 luglio 2021 cade di sabato e il primo giorno lavorativo successivo in agosto, tale scadenza dovrebbe ritenersi prorogata al 20 agosto 2021 Secondo le indicazioni dell Agenzia delle entrate alle scadenze su riportate si applica una tolleranza di 5 giorni. Il pagamento entro i nuovi termini non richiede il versamento di interessi e non comporta la perdita dei benefici della definizione agevolata. Il Decreto Sostegni è inoltre intervenuto (articolo 4, comma 4) prevedendo l annullamento automatico dei debiti esistenti al 23 marzo 2021 per importi fino a (compresi interessi e sanzioni) per i soggetti, diversi dalle persone fisiche, che hanno conseguito nel 2019 un reddito imponibile fino a euro e risultanti dai carichi affidati all agente della riscossione nel periodo 1 gennaio dicembre Rientrano nei ruoli annullati anche quelli originariamente gestiti in rottamazione o saldo e stralcio. Avvisi bonari senza sanzioni Il Decreto Sostegni introduce con l articolo 5 una nuova agevolazione ovvero la possibilità di sanare le irregolarità del 2017 e 2018 versando solo imposte ed interessi. Si tratta di avvisi che verranno inviati dall agenzia con riferimento agli anni 2017 e 2018, in seguito ai controlli ex articoli 36-bis, D.P.R. 600/1973 e 54-bis, D.P.R. 633/

10 Potranno usufruire dell agevolazione i soggetti titolari di partita Iva attiva alla data di entrata in vigore del Decreto Sostegni, che abbiano subito una riduzione del volume d affari pari o superiore al 30% dal 2019 al Non rientrano nella previsione le comunicazioni ex articolo 36-ter, D.P.R. 600/1973. La determinazione delle somme dovute sarà a intero carico dell Agenzia delle entrate, l Agenzia infatti determinerà automaticamente dal confronto delle dichiarazioni iva lo scostamento di fatturato e provvederà a notificare l avviso bonario con il solo addebito di imposte e interessi. Per la definitiva chiusura dei rapporti con l Agenzia delle entrate occorrerà il versamento integrale delle somme dovute anche effettuato con rateazione. In caso di mancato versamento l agevolazione decadrà e torneranno applicabili le sanzioni sugli importi dovuti. LE INDENNITÀ DEL DECRETO SOSTEGNI Con l articolo 10, D.L. 41/2021 (c.d. Decreto Sostegni ) vengono rinnovate indennità già previste in precedenza a favore di talune categorie di lavoratori che risultano maggiormente colpiti dalla pandemia in atto. In taluni casi (come per i collaboratori dello sport) con differenze significative che andremo a illustrare. Le indennità riconosciute dall Inps Nei commi da 1 a 9 del citato articolo 10, il Decreto Sostegni prevede il riconoscimento da parte dell Inps di un indennità pari a euro a lavoratori appartenenti alle categorie di seguito descritte ed in possesso di determinati requisiti. I soggetti interessati lavoratori dipendenti stagionali e lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali; lavoratori dipendenti a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali; lavoratori dipendenti stagionali e lavoratori in somministrazione appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali; lavoratori intermittenti; lavoratori autonomi occasionali; incaricati alle vendite a domicilio; lavoratori dello spettacolo. Quanto alle modalità e alle caratteristiche previste per l erogazione occorre evidenziare che: per quanti abbiano già beneficiato delle indennità previste dagli articoli 15 e 15-bis, Decreto Ristori (D.L. 137/2020), l indennità viene erogata dall Inps in via automatica; per quanto non abbiano in precedenza beneficiato dell indennità prevista dal Decreto Ristori, l erogazione della indennità pari a euro è subordinata alla verifica da parte dell Inps del possesso dei requisiti richiamati ai commi 2, 3, 5 e 6 dell articolo 10 del recente Decreto Sostegni. 10

11 In generale, salvo specifiche eccezioni, le condizioni che i lavoratori appartenenti alle singole categorie devono possedere per beneficiare dell indennità sono analoghe a quelle già previste da precedenti disposizioni istitutive di analoghe misure indennitarie. In particolare viene ribadito che non ha diritto alla indennità chi, alla data di presentazione della domanda, è titolare di un contratto di lavoro subordinato (ad eccezione del lavoro intermittente) e/o risulti titolare di pensione. L elemento innovativo di queste indennità è ovviamente riferito al termine di verifica dei requisiti specifici (ad esempio data di cessazione del rapporto lavorativo, di iscrizione in una gestione previdenziale o di maturazione di un numero minimo di giornate retribuite) che viene posticipato al 23 marzo 2021 (data di entrata in vigore del Decreto Rilancio). Ciò al fine di permettere l accesso al beneficio anche a coloro che hanno maturato i presupposti successivamente alla pubblicazione del precedente Decreto Ristori. Novità per gli iscritti alla gestione ex-enpals Per i lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo la soglia di reddito relativo al 2019 entro la quale è possibile beneficiare dell indennità è incrementata rispetto alla precedente - da a euro. Per i potenziali nuovi beneficiari, le domande per l indennità dovranno essere inoltrate all Inps entro il 30 aprile Quanto al divieto di cumulabilità, le indennità in commento sono generalmente non cumulabili tra loro ad eccezione dell assegno ordinario di invalidità di cui alla L. 222/1984. Le indennità riconosciute da Sport e Salute Spa ai collaboratori sportivi dilettantistici Nei commi da 10 a 15 del richiamato articolo 10 del Decreto Sostegni vengono invece rinnovati gli aiuti previsti per i collaboratori che operano in ambito sportivo dilettantistico e che percepiscono somme inquadrate nel regime dei compensi di cui all articolo 67, comma 1, lettera m, Tuir. Le novità immediate che si riscontrano per queste nuove indennità sono che: il bonus non è legato come in passato ad alcuna mensilità e, per ora, deve quindi considerarsi una tantum per l anno 2021; l importo non è fisso ma variabile e viene determinato in funzione dell ammontare dei compensi percepiti nell anno 2019 (saranno probabilmente la o le Certificazioni Uniche rilasciate nel corso del 2020 dai soggetti eroganti a comprovare il dato); la norma non prevede la possibilità di presentare nuove domande e ne deriva pertanto che gli aventi diritto al nuovo bonus, nel rispetto dei requisiti, sono soltanto coloro che abbiano beneficiato di almeno una delle precedenti indennità; la norma non fa specifico riferimento a contratti in essere a una certa data ma precisa che tutti i rapporti di collaborazione scaduti entro la data del 31 dicembre 2020 e non rinnovati si considerano cessati a causa dell emergenza epidemiologica e pertanto validi al fine di beneficiare del bonus Come evidenziato nella Relazione illustrativa del Decreto Sostegni l indennizzo viene quindi proporzionato all ammontare dei compensi percepiti nell anno di imposta precedente all emergenza da Covid-19 e ispirato a ragioni di equità al fine di discriminare i soggetti che fanno del lavoro 11

12 sportivo la propria fonte di reddito unica o primaria da coloro che esercitano il lavoro sportivo a latere di altra attività (ad esempio studenti). La misura dell indennità euro se gli importi percepiti nel 2019 sono superiori a euro; euro se gli importi percepiti nel 2019 sono compresi tra e euro; euro se gli importi nel 2019 sono inferiori a euro. Quanto ai requisiti richiesti, ricordiamo che il nuovo decreto come i precedenti riconosce il bonus in favore di lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione di cui all articolo 67, comma 1, lettera m), Tuir presso il CONI, il CIP, le associazioni e società sportive dilettantistiche regolarmente iscritte al Registro Coni: che abbiano cessato, ridotto, sospeso la loro attività in conseguenza dell emergenza epidemiologica da Covid-19; che non siano percettori di altri redditi da lavoro (autonomo, subordinato ed assimilato, pensioni di ogni genere e assegni ad esse equiparati, escluso l assegno ordinario di invalidità e, secondo quanto chiarito sulle FAQ di Sport e Salute in relazione alle precedenti indennità, esclusa anche la pensione di reversibilità in quanto di natura assistenziale); che non siano percettori del reddito di cittadinanza e del reddito di emergenza; che non siano beneficiari delle prestazioni previste dal decreto Cura Italia (articoli 19, 20, 21, 22, 27, 28, 29, 30, 38 e 44, D.L. 18/20 e successive modifiche e integrazioni), come prorogate e integrate dalla successiva legislazione emergenziale e dal nuovo decreto sostegni. Relativamente alla prima condizione sopra evidenziata si riportano di seguito le precisazioni fornite da Sport e Salute in una faq pubblicata con riferimento alla precedente indennità di novembre. Va a questo proposito osservato che, a parte il caso della cessazione che risulta disciplinato dal provvedimento normativo, nulla si precisa con riferimento alla sospensione e alla riduzione. Si ritiene, pertanto, che ai fini della fruizione del presente bonus 2021 sia necessario, al verificarsi delle restanti condizioni, verificare la sospensione e la riduzione con riferimento all intero anno A tal proposito si ritiene che la riduzione possa essere verificata confrontando le Certificazioni Uniche rilasciate per l anno 2019 e per l anno Faq 12) in quali casi si può ritenere che l attività sia ridotta/cessata/sospesa nel mese di novembre 2020? La tua attività di collaboratore sportivo deve essere cessata, interrotta o deve aver subito una riduzione nel mese di novembre 2020 a causa dell emergenza epidemiologica da Covid-19. Per cessazione si intende che il rapporto di collaborazione con la ASD/SSD sia terminato definitivamente a causa del Covid-19 nel mese di novembre 2020; Per sospensione si intende che il rapporto di collaborazione con la ASD/SSD si sia interrotto momentaneamente a causa del Covid-19 nel mese di novembre 2020; Per riduzione si intende una diminuzione delle ore lavorate/dei compensi percepiti dalla ASD/SSD per il mese di novembre Le indennità previste dal Decreto Cura Italia incompatibili con il presente bonus 12

13 norme speciali in materia di trattamento ordinario di integrazione salariale e assegno ordinario; trattamento ordinario di integrazione salariale per le aziende che si trovano già in Cassa integrazione straordinaria; trattamento di assegno ordinario per i datori di lavoro che hanno trattamenti di assegni di solidarietà in corso; nuove disposizioni per la Cassa integrazione in deroga; indennità professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa; indennità lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni speciali dell Ago; indennità lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali; indennità lavoratori del settore agricolo; indennità lavoratori dello spettacolo (gestione ex Enpals); Fondo per il reddito di ultima istanza a favore dei lavoratori danneggiati dal virus Covid-19; indennità per gli iscritti al fondo gestione Inps; indennità per i lavoratori domestici. Anche l indennità di disoccupazione Naspi è incompatibile con l erogazione del bonus, come precisato da Sport e Salute, perché essendo sostitutiva del reddito, è da considerarsi reddito assimilato a quello da lavoro dipendente. Come per le versioni precedenti, il bonus erogato da Sport e Salute non concorre alla formazione del reddito. Quanto alle modalità di erogazione Sport e Salute Spa provvederà, in linea con quanto fatto in precedenza, come segue: i soggetti che hanno già beneficiato del bonus per il 2020 (quindi, si ritiene di almeno una indennità relativamente ai mesi di marzo, aprile, maggio, giugno, novembre e dicembre 2020) riceveranno automaticamente senza necessità di presentare una nuova domanda l ammontare dell indennità, rapportato al compenso percepito nel 2019, già dichiarato all atto di presentazione della prima domanda e già verificato da Sport e Salute S.p.a. con i dati risultanti all Agenzia delle Entrate; l erogazione anche se automatica presuppone e richiede la permanenza dei requisiti e quindi come già comunicato da Sport e Salute S.pa. gli aventi diritto riceveranno una mail con il link per confermare con dichiarazione in autocertificazione ai sensi dell articolo 445/2000 il possesso dei requisiti, secondo una procedura già collaudata con le precedenti erogazioni automatiche, oppure per rinunciare, apponendo il flag nell apposita casella. La verifica della mail comunicata a Sport e Salute Si raccomanda intanto di verificare che la mail comunicata a Sport e Salute attraverso la piattaforma sia attiva e costantemente monitorata per non rischiare di perdere messaggi che spesso contengono termini ristretti entro i quali rispondere. In ogni caso Sport e Salute ha precisato che nel caso di mail non più attive sarà data ugualmente la possibilità di accedere alla piattaforma e ha pubblicato le informazioni necessarie per i passaggi da seguire (prenotazione, accesso e procedura per il recupero della password consultabili a questa pagina). 13

14 Aspetti da chiarire Con riferimento a questa disciplina riferita alle indennità 2021 riconosciute ai collaboratori sportivi, restano comunque da chiarire taluni aspetti dubbi che si spera vengano risolti al più presto. In primis, il riferimento ai compensi percepiti nel 2019 rischia di lasciare fuori tutti quei contratti avviati per la prima volta nel 2020, per quanto la disposizione poi faccia salvi anche i contratti scaduti a fine 2020 e non rinnovati. Non si comprenderebbe, infatti, la ratio di un diverso trattamento tra chi abbia un rapporto in essere fin dal 2019 e chi abbia invece intrapreso la collaborazione solo a partire dal Questi soggetti infatti potrebbero aver percepito indennità per il 2020 non avendo però percepito alcun compenso nel Ciò in quanto il bonus di marzo 2020 introdotto dal Decreto Cura Italia richiedeva la preesistenza del rapporto di collaborazione al 23 febbraio 2020 e pertanto contemplava non solo i rapporti instaurati nel 2019 ma anche i contratti stipulati tra il 1 gennaio e il 23 febbraio Il riferimento ai compensi percepiti nel 2019 era richiesto e utilizzato solo al fine di stabilire una priorità a favore di chi non aveva percepito importi superiori a euro e limitatamente al bonus di marzo. Segnaliamo, infine, che Sport e Salute ha attivato un canale Telegram al fine di fornire aggiornamenti e comunicazioni sull indennità in commento. LA DEDUZIONE FISCALE DEL COSTO DI COMPETENZA DEI CANONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA Per i contratti di locazione finanziaria stipulati dal 29 aprile 2012, ai sensi dell articolo 102, comma 7, D.P.R. 917/1986 la deducibilità dei canoni di locazione finanziaria è disallineata rispetto alla durata effettiva del contratto, per cui: se la durata effettiva del contratto è inferiore alla durata minima fiscale, l utilizzatore deve ripartire l importo complessivo dei canoni di locazione finanziaria lungo tale durata minima fiscale, riprendendo a tassazione l'eccedenza in tutti i periodi d'imposta di durata del contratto; se la durata effettiva è almeno pari a quella minima fiscale, l utilizzatore può dedurre quanto imputato a Conto economico. All atto di stipula di un contratto di locazione finanziaria le imprese devono, pertanto, sapere valutare correttamente l impatto fiscale conseguente alla durata del contratto. La contabilizzazione del contratto di locazione finanziaria Il contratto di locazione finanziaria (leasing) è un'operazione intercorrente tra una società di leasing (locatore o concedente) e un altro soggetto (locatario) con la quale il locatore si impegna a concedere in uso contro pagamento di un canone, al locatario un bene mobile o immobile, acquisito o costruito, con la facoltà del locatario di acquistarne la proprietà al termine del contratto. Le operazioni di leasing possono essere contabilizzate con 2 metodi differenti: metodo patrimoniale; metodo finanziario. Per le imprese che adottano i Principi contabili nazionali la contabilizzazione dei contratti di locazione finanziaria deve essere effettuata con il metodo patrimoniale. Al contrario, secondo i Principi contabili internazionali il leasing deve essere contabilizzato con il metodo finanziario. Quest ultimo metodo evidenzia maggiormente l aspetto sostanziale dell operazione di leasing. Per comprendere il funzionamento del metodo patrimoniale occorre tenere conto che il canone corrisposto periodicamente al locatore può essere scisso in 2 parti: 14

15 la prima rappresenta la quota capitale; la seconda è la quota interessi. Vediamo, quindi, in sintesi, le caratteristiche salienti di entrambi i metodi (sia per la società di leasing che per l utilizzatore), per poi proseguire con l analisi considerando la posizione del solo utilizzatore del bene nella modalità di contabilizzazione del contratto di leasing secondo il metodo patrimoniale. Società di leasing METODO PATRIMONIALE La società di leasing è, a tutti gli effetti, proprietaria del bene dato in leasing: esso, dunque, è rilevato tra le immobilizzazioni. Le norme del Codice civile prevedono che la società di leasing indichi in bilancio i beni dati in leasing in modo distinto rispetto alle restanti immobilizzazioni. La stessa società calcola le quote di ammortamento su tali beni, quote che confluiscono nel Conto economico. Impresa utilizzatrice L impresa utilizzatrice rileva nel Conto economico i costi sostenuti per canoni di locazione finanziaria di competenza del periodo METODO FINANZIARIO Società di leasing La società di leasing non iscrive il cespite oggetto di locazione finanziaria tra le immobilizzazioni. Essa rileva, invece, nello Stato patrimoniale, un credito per la quota capitale dei canoni ancora da percepire. Mano a mano che l impresa incassa i canoni riduce l importo del credito per la quota capitale. La quota interessi dei canoni di competenza dell esercizio viene portata tra i componenti positivi di reddito. Impresa utilizzatrice L impresa utilizzatrice rileva il bene ricevuto in leasing tra le immobilizzazioni e calcola su tale bene le relative quote di ammortamento. Contestualmente, rileva un debito per la quota capitale dei canoni da pagare: tale debito viene ridotto ogni qual volta si procede al pagamento dei canoni periodici per la quota capitale pagata. Nel Conto economico, tra i componenti negativi di reddito, viene rilevata la quota interessi dei canoni di competenza dell esercizio. Il metodo patrimoniale per l utilizzatore del bene I canoni di leasing oggetto delle fatture di acquisto ricevute (conseguenti alla stipula del contratto di locazione finanziaria) vanno imputati tra i costi per godimento beni di terzi nella voce B)8) di Conto economico. Alla fine di ogni esercizio occorre calcolare il risconto o rateo per adeguare l importo del costo rilevato durante l anno al costo di competenza calcolato, come detto, quale quota parte del totale dei costi (maxi canone + canoni) imputabile all esercizio in relazione alla durata del contratto medesimo. In particolare, se i canoni contabilizzati sono superiori a quelli di competenza si rileverà un risconto attivo, se i canoni contabilizzati sono inferiori a quelli di competenza si rileverà un rateo passivo. Terminato il leasing, nel caso avvenga il riscatto, il bene sarà iscritto tra le immobilizzazioni al prezzo di riscatto e inizierà il relativo ammortamento. Prima di procedere con la rilevazione delle scritture contabili va sottolineato che in origine era previsto l obbligo di iscrizione degli impegni legati al contratto di leasing tra i conti d ordine, ma la successiva previsione di tale informazione in nota integrativa ha fatto venir meno l obbligo di indicazione tra i conti d ordine. Dal punto di vista pratico le scritture contabili dei canoni di leasing riguardano il momento del pagamento del maxi-canone, della rilevazione dei canoni periodici di leasing e del risconto attivo 15

16 al termine di ogni esercizio e l eventuale iscrizione del bene tra le immobilizzazioni alla fine del contratto all atto di esercizio dell opzione per il riscatto. Esempio Ricevuta la fattura per il maxi canone alla sottoscrizione del contratto: 30 aprile 2021 Diversi a Debito vs fornitore società di leasing (sp) Canoni di leasing macchinari (ce) Iva a credito (sp) Ricevuta la fattura per la rata mensile del canone di leasing: 31 maggio 2021 Diversi a Debito vs fornitore società di leasing (sp) Canoni di leasing macchinari 950 (ce) Iva a credito (sp) 209 Rilevato il risconto attivo per la quota del maxi canone di competenza degli esercizi successivi: 31 dicembre 2021 Risconti attivi per canoni di leasing (sp) a Canoni di leasing macchinari (ce) , ,33 Al termine della durata quadriennale del contratto, viene riscattato il macchinario: 30 aprile 2025 Diversi a Debito vs fornitore società di leasing (sp) Macchinari (sp) Iva a credito (sp) La deduzione fiscale per l impresa utilizzatrice del costo del contratto di leasing I canoni di locazione finanziaria rappresentano per l utilizzatore, in via generale, un costo deducibile a condizione che il bene oggetto del contratto sia strumentale all attività svolta. Per i contratti di locazione finanziaria stipulati fino al 28 aprile 2012, la deduzione dei canoni era vincolata a stipula di contratti con durate degli stessi fissate dalla legge (la scelta dell impresa di stipulare contratti con durata inferiore da quella prevista normativamente causava la indeducibilità integrale dei canoni pagati). A decorrere dai contratti stipulati dal 29 aprile 2012 è stato introdotto un doppio binario tra la durata del contratto di leasing, che è libera scelta della contrattazione tra l impresa e la società di leasing, e il vincolo temporale per la deduzione fiscale dei canoni. Con una successiva modifica intervenuta per i contratti stipulati dal 1 gennaio 2014 vengono apportate ulteriori modifiche alla durata minima fiscale dei beni ammortizzabili, con esclusione 16

17 degli autoveicoli che mantengono l originaria disciplina (rimane in ogni caso ferma la libera scelta tra impresa e società di leasing della durata contrattuale). Vediamo in sintesi di riepilogare le modifiche intervenute a decorrere dal 29 aprile 2012, previste dall articolo 102, comma 7, D.P.R. 917/1986, tutt oggi in vigore: Beni immobili Beni strumentali mobili (diversi dagli autoveicoli) Autoveicoli a deducibilità limitata Contratti di leasing stipulati dal al durata fiscale pari ad un periodo non inferiore ai 2/3 del periodo di ammortamento* se la durata del contratto è compresa tra 11 e 18 anni durata fiscale pari ad un periodo non inferiore ai 2/3 del periodo di ammortamento* durata fiscale pari ad un periodo non inferiore al periodo di ammortamento* Contratti di leasing stipulati dal tutt oggi in vigore durata fiscale pari ad un periodo non inferiore a 12 anni durata fiscale pari a un periodo non inferiore alla metà del periodo di ammortamento* durata fiscale pari ad un periodo non inferiore al periodo di ammortamento* * Per periodo di ammortamento va inteso quello risultante dall applicazione dei coefficienti ministeriali di cui al D.M. 31 dicembre 1988 Vale la pena evidenziare che se la durata del contratto di leasing è pari o superiore alla durata minima fissata per la deducibilità fiscale dei canoni, questi potranno essere dedotti nella stessa misura in cui sono imputati a Conto economico. Se, invece, la durata del contratto è inferiore alla durata minima fissata, le imprese dovranno determinare un doppio binario: contabile, che segue la durata del contratto; fiscale, che segue il periodo di deduzione fiscale dei canoni previsto dalla normativa. I canoni ripresi a tassazione nel corso della durata effettiva del contratto (mediante variazioni in aumento) troveranno riconoscimento fiscale in corrispondenti variazioni in diminuzione fino al riassorbimento dei valori fiscali sospesi, dalla scadenza del contratto in poi. Esempio Una società di capitali ha stipulato un contratto di leasing per un macchinario in data 2 gennaio 2021, che presenta le seguenti condizioni: durata contrattuale giorni; coefficiente di ammortamento 10% durata minima fiscale anni 5; costo del concedente euro; interessi da corrispondere nell arco della durata contrattuale euro; prezzo di riscatto euro. In data 15 gennaio 2024 viene esercitata l opzione (riscatto) per l acquisto del macchinario. Esemplifichiamo nella tabella il disallineamento civilistico/fiscale nell ipotesi che la quota interessi sia la stessa in ciascuno dei 3 periodi di imposta (2021/2022/2023): 17

18 Anni Imputazione dei canoni a conto economico Deducibilità fiscale dei canoni Variazione fiscale Pertanto, per quanto riguarda la quota di competenza dei canoni di locazione finanziaria: nei periodi di imposta che vanno dal 2021 al 2023 andranno effettuate delle variazioni in aumento in sede di dichiarazione dei redditi per euro annui; nei periodi di imposta 2024 e 2025 andranno effettuate variazioni in diminuzione dell importo complessivo di euro annui. La quota interessi implicita compresa nei canoni di locazione finanziaria è, invece, deducibile nel rispetto dei limiti di cui all articolo 96, Tuir, facendo riferimento alla durata fiscale del contratto, nel caso esemplificato ai 5 anni. Dal 15 gennaio 2024 saranno deducibili le quote di ammortamento (da stanziare sulla base della vita utile residua dalla data del riscatto) derivanti dall iscrizione del macchinario nelle immobilizzazioni materiali per euro. IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA L attuale disciplina delle spese di rappresentanza è contenuta nell articolo 108, comma 2, Tuir che individua specifici criteri di qualificazione e limiti quantitativi di deducibilità fiscale delle stesse spese, rapportandole al volume dei ricavi dell impresa. Le disposizioni attuative della citata disposizione sono contenute nel D.M. 19 novembre 2008 che richiede: che il sostenimento della spesa abbia finalità promozionali o di pubbliche relazioni e risponda comunque a criteri di ragionevolezza e coerenza; che la spesa non sia collegata ad una controprestazione (criterio della gratuità). Sono individuate le seguenti tipologie di spesa: Omaggi (comma 4) Spese NON di rappresentanza (comma 5) Spese di rappresentanza inerenti (comma 1) ENTRO limiti comma 2 DEDUCIBILI OLTRE limiti comma 2 Spese di rappresentanza NON inerenti (NO requisiti comma 1) NON deducibili Gli oneri che costituiscono spese di rappresentanza ex lege (comma 1) 18

Crediti IVA trimestrali: scade il prossimo 30 aprile la richiesta di rimborso per il primo trimestre 2019

Crediti IVA trimestrali: scade il prossimo 30 aprile la richiesta di rimborso per il primo trimestre 2019 rimborso per il primo trimestre 2019 1 Crediti IVA trimestrali: scade il prossimo 30 aprile la richiesta di rimborso per il primo trimestre 2019 Il credito Iva che si forma nelle liquidazioni periodiche

Dettagli

Il Modello TR e le novità in tema di rimborsi

Il Modello TR e le novità in tema di rimborsi Stefano Carpaneto (Esperto Contabile in Torino) Il Modello TR e le novità in tema di rimborsi 1 Modello TR 2017 Novità In attesa dell approvazione del nuovo modello la novità del 2017 è determinata dalle

Dettagli

a Tutti i Clienti Loro sedi

a Tutti i Clienti Loro sedi a Tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: CREDITO IVA 2014 Compensazione e\o Rimborso I soggetti che presentano il Modello IVA 2015 a credito possono alternativamente: 1 utilizzare il credito IVA in detrazione

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI SETTTEMBRE 2019

SCADENZE DEL MESE DI SETTTEMBRE 2019 SCADENZE DEL MESE DI SETTTEMBRE 2019 ENTRO LUNEDI 2 SETTEMBRE (il 31 agosto cade di sabato) IMPOSTE 1. Versamento delle imposte: saldo e primo acconto Per le associazioni con esercizio sociale concluso

Dettagli

NUOVO LIMITE PER I RIMBORSI IVA SENZA GARANZIA

NUOVO LIMITE PER I RIMBORSI IVA SENZA GARANZIA NUOVO LIMITE PER I RIMBORSI IVA SENZA GARANZIA La richiesta a rimborso del credito emergente dalla dichiarazione IVA2017 per l anno 2016 possibile a partire dal 1 febbraio 2017 è disciplinata dall articolo

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA CLIENTELA

APPROFONDIMENTI PER LA CLIENTELA APPROFONDIMENTI PER LA CLIENTELA N. 13/2017 DL 24.4.2017 n. 50 conv. L. 21.6.2017 n. 96 Novità in materia di compensazioni 1 1 PREMESSA Il DL 24.4.2017 n. 50 (c.d. manovra correttiva ) è stato convertito

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2012

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2012 Circolare n 10 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2012 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 al 15 novembre 2012, con il commento dei

Dettagli

Mentre la prima modalità è sempre libera, la compensazione orizzontale è soggetta a particolari limitazioni e vincoli.

Mentre la prima modalità è sempre libera, la compensazione orizzontale è soggetta a particolari limitazioni e vincoli. CIRCOLARE N. 51 DEL 30 LUGLIO 2018 COMPENSAZIONI IN F24 LIMITI E REGOLE DI UTILIZZO Rif. normativi e di prassi: L. 388/2000 D.lgs. 241/1997 D.L. 50/2017 D.L. 78/2009 In sintesi Il corretto utilizzo in

Dettagli

COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL F AX INFORMATIVA N. 6/2015. Novità in materia di rimborsi IVA INDICE

COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL F AX INFORMATIVA N. 6/2015. Novità in materia di rimborsi IVA INDICE Como, 17.2.2015 INFORMATIVA N. 6/2015 Novità in materia di rimborsi IVA INDICE 1 Premessa... pag. 2 2 Ambito applicativo... pag. 2 3 Rimborsi di importo fino a 15.000,00 euro... pag. 2 4 Rimborsi di importo

Dettagli

S T U D I O G O R I N I S OC IETA T R A P R O F E S S IO N IST I A RE S P ONSA B IL ITA L I MIT A T A C O M ME R C IA L IST I R E V ISORI L E G A L I

S T U D I O G O R I N I S OC IETA T R A P R O F E S S IO N IST I A RE S P ONSA B IL ITA L I MIT A T A C O M ME R C IA L IST I R E V ISORI L E G A L I Como, 27.6.2017 INFORMATIVA N. 23/2017 D.L. 24.4.2017 N. 50 CONV. L. 21.6.2017 N. 96 NOVITA IN MATERIA DI COMPENSAZIONI INDICE 1 Premessa... pag. 2 2 Obbligo del visto di conformità o della sottoscrizione

Dettagli

1 Premessa Obbligo del visto di conformità o della sottoscrizione alternativa Crediti derivanti dalle imposte dirette...

1 Premessa Obbligo del visto di conformità o della sottoscrizione alternativa Crediti derivanti dalle imposte dirette... Circolare 17 del 27 giugno 2017 DL 24.4.2017 n. 50 conv. L. 21.6.2017 n. 96 Novità in materia di compensazioni 1 Premessa... 2 2 Obbligo del visto di conformità o della sottoscrizione alternativa... 2

Dettagli

GLI INCONTRI DEL CENTRO STUDI COMPENSAZIONI MODELLO F Data 20 febbraio 2018 RELATORE CdL Marta Giovannini

GLI INCONTRI DEL CENTRO STUDI COMPENSAZIONI MODELLO F Data 20 febbraio 2018 RELATORE CdL Marta Giovannini GLI INCONTRI DEL CENTRO STUDI COMPENSAZIONI MODELLO F24 2018 Data 20 febbraio 2018 RELATORE CdL Marta Giovannini ART.3 DECRETO 50/2017 (C.D. MANOVRA CORRETTIVA) Con l entrata in vigore dell art. 3 e quindi

Dettagli

Circolare N. 96 del 30 Giugno 2017

Circolare N. 96 del 30 Giugno 2017 Circolare N. 96 del 30 Giugno 2017 Ripasso sulle novità in materia di compensazioni introdotte in sede di conversione in legge del DL 50/2017 Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE al 15 NOVEMBRE 2018

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE al 15 NOVEMBRE 2018 Occhio alle scadenze Ai gentili Clienti Loro sedi PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE al 15 NOVEMBRE 2018 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 al 15 novembre 2018, con il commento dei

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO ee Circolare n. 1/2016

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO ee Circolare n. 1/2016 CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO ee Circolare n. 1/2016 18 Gennaio 2016 CIRCOLARE PER IL CLIENTE REGOLE PER IL CORRETTO UTILIZZO IN COMPENSAZIONE ORIZZONTALE DEI CREDITI FISCALI Dal 1 gennaio sono utilizzabili

Dettagli

CIRCOLARE MENSILE - APRILE 2017

CIRCOLARE MENSILE - APRILE 2017 Thiene, 7 aprile 2017 CIRCOLARE MENSILE - APRILE 2017 Indice Istanza per rimborso o compensazione iva trimestrale... 2 Proroga termini per istanza di rottamazione delle cartelle... 2 Nuove comunicazioni

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazio

Modello 730 Istruzioni per la compilazio 13. QUADRO F - Acconti, ritenute, eccedenze e altri dati Nel quadro F vanno indicati: i versamenti di acconto e i saldi relativi all IRPEF, alle addizionali regionale e comunale e alla cedolare secca sulle

Dettagli

STUDIO ADRIANI. Dottori Commercialisti Associati ADRIANA ADRIANI & DAMIANO ADRIANI. CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n. 29/2018

STUDIO ADRIANI. Dottori Commercialisti Associati ADRIANA ADRIANI & DAMIANO ADRIANI. CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n. 29/2018 1/6 OGGETTO RIMBORSO E/O COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE AGGIORNAMENTO 29 MARZO 2018 RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 30 e 38-BIS D.P.R. 26.10.1972 n. 633; Art. 8 D.P.R. 14.10.1999 n. 542; Art. 11

Dettagli

Circolare n.17 del Ripasso sulle novità in materia di compensazioni introdotte in sede di conversione in legge del DL 50/2017

Circolare n.17 del Ripasso sulle novità in materia di compensazioni introdotte in sede di conversione in legge del DL 50/2017 Circolare n.17 del 07.07.2017 Ripasso sulle novità in materia di compensazioni introdotte in sede di conversione in legge del DL 50/2017 Il DL 24.4.2017 n. 50 (c.d. manovra correttiva ) è stato convertito

Dettagli

Circolare N. 149 del 28 Settembre 2016

Circolare N. 149 del 28 Settembre 2016 Circolare N. 149 del 28 Settembre 2016 Collegato manovra: le novità del DL n. 193/2016 (DL n. 193 del 22.10.2016) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il DL n. 193 del 22.10.2016

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO 2012 AL 15 AGOSTO 2012

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO 2012 AL 15 AGOSTO 2012 Circolare n 7 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO 2012 AL 15 AGOSTO 2012 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2012 al 15 agosto 2012, con il commento

Dettagli

RIMBORSO IRAP ANNI PREGRESSI: AL VIA LA PROCEDURA DI RIMBORSO

RIMBORSO IRAP ANNI PREGRESSI: AL VIA LA PROCEDURA DI RIMBORSO Circolare N. 43 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 12 giugno 2009 RIMBORSO IRAP ANNI PREGRESSI: AL VIA LA PROCEDURA DI RIMBORSO Per effetto di quanto previsto dal DL 185/2008, a decorrere dall

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE al 15 NOVEMBRE 2018

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE al 15 NOVEMBRE 2018 PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE al 15 NOVEMBRE 2018 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 al 15 novembre 2018, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala ai Signori

Dettagli

Circolare di. clienti febbraio n. 3/2015

Circolare di. clienti febbraio n. 3/2015 2015 Circolare di del 7 Novembre 2014 aggiornamento ai News per i Clienti dello studio clienti febbraio 2015 - n. 3/2015 Novità in materie di compensazione crediti fiscali www. studioasa.info STUDIO COMMERCIALE

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI SAS STP I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI SAS STP I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA CIRCOLARE INFORMATIVA N. 19 Del 15 FEBBRAIO 2018 L utilizzo in compensazione del credito IVA 2017: regole e limitazioni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il "recupero" dell'eccedenza

Dettagli

Regole per il corretto utilizzo in compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Regole per il corretto utilizzo in compensazione orizzontale dei crediti fiscali crediti fiscali 1 Regole per il corretto utilizzo in compensazione orizzontale dei crediti fiscali Dal 1 gennaio sono utilizzabili i crediti fiscali che scaturiscono dalle dichiarazioni relative all anno

Dettagli

che scadono di sabato o di giorno festivo sono prorogati di diritto al primo giorno lavorativo successivo.

che scadono di sabato o di giorno festivo sono prorogati di diritto al primo giorno lavorativo successivo. Scadenzario Fiscale Aprile 2019 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Scadenze con data variabile Nel corso del mese scade: Tutti i termini di versamento

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI OTTOBRE 2018

SCADENZE DEL MESE DI OTTOBRE 2018 SCADENZE DEL MESE DI OTTOBRE 2018 ENTRO LUNEDI 1 OTTOBRE (il 30 settembre cade di domenica) IMPOSTE Versamento delle imposte: saldo e primo acconto Per le associazioni con esercizio sociale concluso il

Dettagli

DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. DICHIARAZIONI E COMUNICAZIONI.

DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. DICHIARAZIONI E COMUNICAZIONI. SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2014 Entro martedì 3 (il 31 maggio cade di sabato ed il 2 è festivo) DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. 1. Invio Modello EMens all INPS. Entro oggi gli enti associativi che abbiano

Dettagli

IRAP: nuove modalità di calcolo della base imponibile per le società di persone e le imprese individuali

IRAP: nuove modalità di calcolo della base imponibile per le società di persone e le imprese individuali IRAP: nuove modalità di calcolo della base imponibile per le società di persone e le imprese individuali di Sonia Cascarano Pubblicato il 17 novembre 2008 le risultanze di bilancio devono essere assunte

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI OTTOBRE 2017

SCADENZE DEL MESE DI OTTOBRE 2017 SCADENZE DEL MESE DI OTTOBRE 2017 Entro lunedì 2 Ottobre IMPOSTE E TARIFFE. LAVORO/COMMITTENTI COMUNICAZIONI 5 X MILLE 1. Versamento delle imposte: saldo e primo acconto. Per le associazioni con esercizio

Dettagli

Network for Value PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 LUGLIO AL 15 AGOSTO 2018

Network for Value PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 LUGLIO AL 15 AGOSTO 2018 PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 LUGLIO AL 15 AGOSTO 2018 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 al 15 agosto 2018, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala ai Signori clienti

Dettagli

La dichiarazione IVA 2012

La dichiarazione IVA 2012 La dichiarazione IVA 2012 di Roberto Fanelli (*) L ADEMPIMENTO Con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate sono stati approvati i modelli IVA per la presentazione della dichiarazione. Pratica

Dettagli

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA L UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2014-2015 Come noto, la compensazione c.d. orizzontale del credito IVA annuale o trimestrale, nel mod. F24, per importi superiori a 10.000 annui, può essere effettuata dal giorno

Dettagli

Oggetto: REGOLE PER IL CORRETTO UTILIZZO IN COMPENSAZIONE ORIZZONTALE DEI CREDITI FISCALI

Oggetto: REGOLE PER IL CORRETTO UTILIZZO IN COMPENSAZIONE ORIZZONTALE DEI CREDITI FISCALI Lecco, 11/01/2016 ALLA SPETTABILE CLIENTELA DELLO STUDIO CIRCOLARE N 03/2016 (elaborata il 11/01/2016) Oggetto: REGOLE PER IL CORRETTO UTILIZZO IN COMPENSAZIONE ORIZZONTALE DEI CREDITI FISCALI Dal 1 gennaio

Dettagli

Compensazione dei crediti fiscali: la guida all utilizzo

Compensazione dei crediti fiscali: la guida all utilizzo Compensazione dei crediti fiscali: la guida all utilizzo Guida alle regole applicative per la compensazione dei crediti fiscali: credito Iva annuale e trimestrale e crediti relativi alle imposte dirette.

Dettagli

Scadenze dal 16 al 30 settembre 2018

Scadenze dal 16 al 30 settembre 2018 Treviso, lì 14 settembre 2018 Ai Signori Clienti Loro Sedi Circolare N. 18/B / Scadenze / Settembre / 2018 Scadenze dal 16 al 30 settembre 2018 Approfondimento: Rimborso Iva assolta all estero. Circolare

Dettagli

Regime forfettario per i contribuenti minori: novità 2016

Regime forfettario per i contribuenti minori: novità 2016 Regime forfettario per i contribuenti minori: novità 2016 Il regime forfettario è il regime fiscale dedicato ai contribuenti di minori dimensioni. Ha un aliquota fiscale ridotta e sostitutiva dell Irpef

Dettagli

OGGETTO: Assegno periodico al coniuge: gli ultimi chiarimenti di prassi

OGGETTO: Assegno periodico al coniuge: gli ultimi chiarimenti di prassi Informativa per la clientela di studio Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Assegno periodico al coniuge: gli ultimi chiarimenti di prassi Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

REGOLE PER IL CORRETTO UTILIZZO IN COMPENSAZIONE ORIZZONTALE DEI CREDITI FISCALI

REGOLE PER IL CORRETTO UTILIZZO IN COMPENSAZIONE ORIZZONTALE DEI CREDITI FISCALI REGOLE PER IL CORRETTO UTILIZZO IN COMPENSAZIONE ORIZZONTALE DEI CREDITI FISCALI Dal 1 gennaio sono utilizzabili i crediti fiscali che scaturiscono dalle dichiarazioni relative all anno precedente. Le

Dettagli

Scadenzario Fiscale. Aprile 2016 Pag. 1

Scadenzario Fiscale. Aprile 2016 Pag. 1 Aprile 2016 Pag. 1 Approfondimento su: Modello EAS: l adempimento, obbligatorio per mantenere le agevolazioni fiscali, scade il 31 marzo Venerdì 15 Registrazione Iva Termine ultimo per l annotazione delle

Dettagli

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Napoli, 18 Gennaio 2017 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 1/2017 RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA La Legge di

Dettagli

Scadenzario Fiscale ottobre 2019

Scadenzario Fiscale ottobre 2019 Scadenzario Fiscale ottobre 2019 DATA Martedì 01 Martedì 15 Mercoledì 16 ADEMPIMENTI AFFITTI Versamento dell'imposta di registro sui contratti di locazione Soggetti Iva - Emissione delle fatture differite

Dettagli

Circolare n. 1-bis. del 10 gennaio Il regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali - Principali novità INDICE

Circolare n. 1-bis. del 10 gennaio Il regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali - Principali novità INDICE Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 1-bis del 10 gennaio 2008 Il regime fiscale dei contribuenti

Dettagli

Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 aprile 2013 al 15 maggio 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza.

Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 aprile 2013 al 15 maggio 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza. PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 APRILE 2013 AL 15 MAGGIO 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala ai Signori

Dettagli

NOVITÀ D.L. 119/2018

NOVITÀ D.L. 119/2018 Informativa ordinaria n. 2 / 2019 NOVITÀ D.L. 119/2018 Decreto fiscale collegato Sommario Premessa... 2 NOVITA IN MATERIA DI DEFINIZIONI FISCALI... 2 Definizione agevolata dei ruoli Rottamazione ter...

Dettagli

NEWSLETTER. n. 12/2018. Studio Arca. Argomenti trattati:

NEWSLETTER. n. 12/2018. Studio Arca. Argomenti trattati: Modena viale Vittorio Veneto, 2 41124 - Modena tel. 059.220201 fax 059.220613 studio@bggpartners.it Maranello via Verga, 12 41053 - Maranello (Mo) tel. 0536.940905 fax 0536.943012 studio@studioarca.it

Dettagli

Moratoria debiti e rilevazione in bilancio Seconda parte

Moratoria debiti e rilevazione in bilancio Seconda parte Moratoria debiti e rilevazione in bilancio Seconda parte a cura di Antonio Gigliotti Per leggere la prima parte Conseguenze contabili Per capire le conseguenze contabili portate dai provvedimenti in esame

Dettagli

4.2.9 QUADRO VL LIQUIDAZIONE DELL IMPOSTA ANNUALE. SEZIONE 2 - Credito anno precedente

4.2.9 QUADRO VL LIQUIDAZIONE DELL IMPOSTA ANNUALE. SEZIONE 2 - Credito anno precedente 4.2.9 QUADRO VL LIQUIDAZIONE DELL IMPOSTA ANNUALE Il quadro VL è composto di tre sezioni. Nel caso di compilazione di più moduli per effetto di contabilità separate (art. 36), le sezioni 2 e 3 del presente

Dettagli

In gazzetta il D.L. fiscale

In gazzetta il D.L. fiscale In gazzetta il D.L. fiscale 1 In gazzetta il D.L. fiscale È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 247 del 23 ottobre 2018, il D.L. 119/2018 Disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria

Dettagli

Termini di effettuazione del conguaglio:

Termini di effettuazione del conguaglio: Conguaglio fiscale In occasione della cessazione del rapporto di lavoro ovvero a fine anno, il sostituto deve operare il conguaglio fiscale secondo la disciplina prevista dai commi 3 e 4 dell art. 23 del

Dettagli

TURATI E ASSOCIATI PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 APRILE 2017 AL 15 MAGGIO 2017

TURATI E ASSOCIATI PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 APRILE 2017 AL 15 MAGGIO 2017 PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 APRILE 2017 AL 15 MAGGIO 2017 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 Aprile al 15 Maggio 2017, con il commento dei principali termini di prossima scadenza. Si

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2018

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2018 SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2018 ENTRO MARTEDÌ 5 GIUGNO MANIFESTAZIONI SPORTIVE A PAGAMENTO Compilazione prospetto biglietteria e abbonamenti Le associazioni sportive che percepiscono corrispettivi nella

Dettagli

Napoli, 21 dicembre 2016

Napoli, 21 dicembre 2016 Napoli, 21 dicembre 2016 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 11/2016 Il Parlamento ha convertito in legge il decreto 193/2016, collegato alla manovra di bilancio per il 2017. Durante

Dettagli

NOTIZIARIO 2015 / 1 LEGGE DI STABILITA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 NOTIZIARIO 2015/1 G E N N A I O 2 0 1 5 1 LEGGE DI STABILITA PRINCIPALI NOVITA

NOTIZIARIO 2015 / 1 LEGGE DI STABILITA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 NOTIZIARIO 2015/1 G E N N A I O 2 0 1 5 1 LEGGE DI STABILITA PRINCIPALI NOVITA NOTIZIARIO 2015 / 1 CERTIFICAZIONE UNICA 2015 1 2 CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Le informazioni contenute in questa nota informativa hanno carattere generale e meramente divulgativo e non costituiscono né

Dettagli

LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE OPERAZIONI DI LEASING SECONDO IL CODICE CIVILE POST-RIFORMA E I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI

LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE OPERAZIONI DI LEASING SECONDO IL CODICE CIVILE POST-RIFORMA E I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE OPERAZIONI DI LEASING SECONDO IL CODICE CIVILE POST-RIFORMA E I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI DISCIPLINA TRIBUTARIA DEL CONTRATTO DI LEASING La disciplina civilistica, nonostante

Dettagli

Scadenze dal 16 al 31 ottobre 2018

Scadenze dal 16 al 31 ottobre 2018 Treviso, lì 08 ottobre 2018 Ai Signori Clienti Loro Sedi Circolare N. 20/B / Scadenze / Ottobre / 2018 Scadenze dal 16 al 31 ottobre 2018 Approfondimento: Modello 770/2018 Allegato: Raccolta informazioni

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2012 AL 15 OTTOBRE 2012

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2012 AL 15 OTTOBRE 2012 Circolare n 9 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2012 AL 15 OTTOBRE 2012 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2012 al 15 2012, con il commento

Dettagli

IVA TR: il nuovo modello per il 2016 di Maria Benedetto - Dottore commercialista in Salerno

IVA TR: il nuovo modello per il 2016 di Maria Benedetto - Dottore commercialista in Salerno IVA TR: il nuovo modello per il 2016 di Maria Benedetto - Dottore commercialista in Salerno NOVITÀ " FISCO L Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo modello IVA TR 2016 che sostituisce di fatto il

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio Studio Mocarelli Dottore Commercialista Viale Verdi, 88/B 23807 Merate (LC) Telefono: +39 039 5982029 Fax: +39 039 5984636 News per i Clienti dello studio N.21 del 30 giugno 2017 Ai gentili clienti Loro

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 56/2011 10 2011 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2011 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 al 15 novembre 2011, con il commento dei termini di

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 20 DEL 1/12/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: PRONTO IL CODICE TRIBUTO PER L UTILIZZO DEL CREDITO DI IMPOSTA TREMONTI QUATER PAG. 2 IN SINTESI: Recentemente

Dettagli

che scadono di sabato o di giorno festivo sono prorogati di diritto al primo giorno lavorativo successivo.

che scadono di sabato o di giorno festivo sono prorogati di diritto al primo giorno lavorativo successivo. Scadenzario Fiscale Ottobre 2018 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Scadenze con data variabile Nel corso del mese scade: Tutti i termini di versamento

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI LUGLIO 2018

SCADENZE DEL MESE DI LUGLIO 2018 SCADENZE DEL MESE DI LUGLIO 2018 ENTRO LUNEDÌ 2 LUGLIO (il 30 giugno cade di sabato) IMPOSTE Versamento delle imposte: saldo e primo acconto Per le associazioni con esercizio sociale concluso il 31/12/2017

Dettagli

Scadenze dal 16 al 30 aprile 2019

Scadenze dal 16 al 30 aprile 2019 Treviso, lì 03.04.2019 Ai Signori Clienti Loro Sedi Circolare N. 08 / Scadenze / Aprile / 2019 Scadenze dal 16 al 30 aprile 2019 In evidenza - martedì 23 aprile - Versamento imposta di bollo su fatture

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI SAS STP I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI SAS STP I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA CIRCOLARE INFORMATIVA N. 33 Del 13 Marzo 2019 Regole per l utilizzo in compensazione del credito IVA 2018 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l'eccedenza di IVA detraibile del 2018,

Dettagli

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Febbraio Approfondimento su: Erogazioni liberali alle associazioni o società sportive dilettantistiche

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Febbraio Approfondimento su: Erogazioni liberali alle associazioni o società sportive dilettantistiche SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI Febbraio 2011 Approfondimento su: Erogazioni liberali alle associazioni o società sportive dilettantistiche Mar. 15 Fattura differita Scade oggi il termine per l emissione

Dettagli

TURATI E ASSOCIATI PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 APRILE 2019 AL 15 MAGGIO 2019

TURATI E ASSOCIATI PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 APRILE 2019 AL 15 MAGGIO 2019 PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 APRILE 2019 AL 15 MAGGIO 2019 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 Aprile al 15 Maggio 2019, con il commento dei principali termini di prossima scadenza. Si

Dettagli

Circolare n. 3. del 18 gennaio Legge Finanziaria 2008 (L n. 244) - Principali novità in materia di IRAP INDICE

Circolare n. 3. del 18 gennaio Legge Finanziaria 2008 (L n. 244) - Principali novità in materia di IRAP INDICE Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 3 del 18 gennaio 2008 Legge Finanziaria 2008 (L. 24.12.2007

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 10/2013

NOTA OPERATIVA N. 10/2013 NOTA OPERATIVA N. 10/2013 OGGETTO: La deducibilità dei canoni di leasing per le imprese che adottano i principi contabili nazionali dopo le modifiche introdotte dal D.L. 16/2012. Premessa L articolo 4-bis,

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 OTTOBRE 2010 AL 15 NOVEMBRE

PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 OTTOBRE 2010 AL 15 NOVEMBRE Circolare n 10 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 OTTOBRE 2010 AL 15 NOVEMBRE 2010 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 al 15 novembre 2010, con il commento

Dettagli

REGIME FORFETARIO CHI PUÒ ACCEDERVI?

REGIME FORFETARIO CHI PUÒ ACCEDERVI? REGIME FORFETARIO CHI PUÒ ACCEDERVI? Persone fisiche esercenti attività d impresa o lavoro autonomo che nell anno precedente presentano i seguenti requisiti: a) Ricavi conseguiti (compensi percepiti),

Dettagli

Principali scadenze dal 16 al 31 ottobre 2012

Principali scadenze dal 16 al 31 ottobre 2012 Principali scadenze dal 16 al 31 ottobre 2012 Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono al sabato o giorno festivo, così

Dettagli

ATTUAZIONE DEI TRIBUTI

ATTUAZIONE DEI TRIBUTI ATTUAZIONE DEI TRIBUTI OBBLIGHI IMPOSTI AL CONTRIBUENTE SEGUE INTERVENTO DELL AMMINISTRAZIONE LA DICHIARAZIONE ASPETTI GENERALI RIFERIMENTI NORMATIVI D.P.R. 22/12/1986, n. 917 T.U.I.R. Determinazione

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 390 21.12.2016 La polizza del professionista ed il rimborso IVA I chiarimenti della Ris. 112/E del 6.12.2016 A cura di Matilde Fiammelli Categoria:

Dettagli

IL LEASING. SOMMARIO: 1. Leasing 1.1. Generalità 1.2. Aspetti giuridici e fiscali 1.3. Aspetti contabili. 1. Leasing

IL LEASING. SOMMARIO: 1. Leasing 1.1. Generalità 1.2. Aspetti giuridici e fiscali 1.3. Aspetti contabili. 1. Leasing IL LEASING SOMMARIO: 1. Leasing 1.1. Generalità 1.2. Aspetti giuridici e fiscali 1.3. Aspetti contabili 1. Leasing 1.1. Generalità Il leasing 1 (locazione finanziaria) è un contratto mediante il quale

Dettagli

Principali scadenze dal 16 al 31 luglio 2012

Principali scadenze dal 16 al 31 luglio 2012 Principali scadenze dal 16 al 31 luglio 2012 Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono al sabato o giorno festivo, così

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 171 09.05.2017 Nuova compensazione crediti tributari A cura di Marco Baldin Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione A partire dalle

Dettagli

730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento

730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento 730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 4 10.03.2016 730: novità oneri detraibili e deducibili 2 I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate con la Circolare n 3/E del 2 marzo 2016

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI LUGLIO 2019

SCADENZE DEL MESE DI LUGLIO 2019 SCADENZE DEL MESE DI LUGLIO 2019 ENTRO LUNEDÌ 1 LUGLIO (il 30 giugno cade di domenica) IMPOSTE 1. Versamento delle imposte: saldo e primo acconto Per le associazioni con esercizio sociale concluso il 31/12/2018

Dettagli

I nuovi limiti alle compensazioni

I nuovi limiti alle compensazioni I nuovi limiti alle compensazioni di Roberta De Marchi Pubblicato il 7 giugno 2010 un importante novità della manovra d estate: in presenza di cartelle non pagate per oltre 1.500, sarà vietato usare i

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 39 28.10.2015 2 Leasing: aspetti contabili e fiscali Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Scritture contabili Continuiamo la nostra analisi

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013 Occhio alle scadenze Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 ottobre 2013, con il commento dei termini di

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N.protocollo: 34/2008 Data: 14 luglio 2008 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO AL 15 AGOSTO 2008 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 luglio 15 agosto 2008, con il commento dei

Dettagli

DEL FIUME & ASSOCIATI

DEL FIUME & ASSOCIATI Circolare n. 2 /14 Roma, Marzo 2014 A decorrere dal 1 gennaio 2014, con l approvazione della Legge 27 Dicembre 2013, n.147, (cosiddetta Legge di Stabilità 2014 ), sono state introdotte alcune novità di

Dettagli