DKAMA P R MFSICA, e Q N S A G. Da Rapprcfcntarfi in Mantoua, eoa. INVFNfcTIA. M.DC.IX D FERDINANDO CARLO ^ ANNA ISABELLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DKAMA P R MFSICA, e Q N S A G. Da Rapprcfcntarfi in Mantoua, eoa. INVFNfcTIA. M.DC.IX D FERDINANDO CARLO ^ ANNA ISABELLA"

Transcript

1 I ( udwstmtu DKAMA P R MFSICA \ Da Rapprcfcntarf n Mantoua eoa Fgure d rlcuo nel Tearrnc :dclu Salla d Cattclìp da Scrudor de Sercnflm Padron e Q N S A G talle medcjme D FERDINANDO CARLO ET ANNA ISABELLA Ducl d Mantoua Monferrato l Croulla I INVFNfcTIA MDCIX Per FraoccfcoNcola ÌQtlccK\ndc \

2

3 ; > SERE NIS SIM E P c; A t T E 2 2 E 2 V h ftr ìd ÌT» : t I «( >» 1» V 1 VAnt déj pù fu rentcoflcquo fpegaraa à g AuguftUm afpcft dell AAVV SSs vnd penna che naca fu T«bro fù porrata dalla fama ad effet am mrata da Cgn del Mnco > quale do«uea U

4 t cndof eternare ahc Stampe non hab 1 >amo faputo douc meglo rcourarla " ;hc fotto le d loro Aqule Screnfllme >nde fpcramo non (ìa per cftefle tarpao lvolo nel Cclo della Glora dalle nguc de pù Crtc fc degnaranfl A A VV SS accettarla con quclbelgnffmo gradmcntpjchc è folto conapartrf dalla loro gcncrofa Cfemena«\ ch affdato alla mcdefma rmlmen :e r mplora ; Dcgnnf dunque AA 1 VV S S come duotamentc ne la fupplcamo d rceuere non folamente :jucfto Parto che non e noftro ma la >rama ancora che ferbamo d trbuta no(tr pu coftantrfpctt all fublu c ar mert dell AA YV; SS alle quaf :on fentmcnt d fngolarffma profondamente a nchnamo Der AA VVrSS " r ma fuml dr Strndor GUOpcrantv % A CHI

5 ì \ t I Ccot y Lettore y tfardl mento del Geno y <vn vr tuofo attentato y vnfget to mfrejq [enzet fafuta dell Auttore y che concetto fra fette Coll davna Pen erudta nella Poefa y ha truouato lna\ femento fu Mnco: fat dunque motuo compatmento y fe ncampera n qualch errore y l [afere efferfì fatta la prefent Stampa fena tafsftena del Comvofttore molto neceffara per le corre Auuert però rguard che non /correre cotejlo Dr ce vu flce I I

6 y Lfecca Sgrllò Armndo jsorel e amant deurlo s c B = s? 1 X ì B Affo Prmo Bofco C3pahné 0 ì Glafdftd Grotte Delzofa AtoSoconol / Atto Terz\ / V MACH INS Notte Stellata cpn Lunaà Sole nafcente Apollo n Machna I :U V V» J x u k «4 ATTO

7 Vn BOSCO flcllau con Luna > Po Sole Burllo falò [Egutem ò fperanze Lafcacem ò fofpctt Perche Tanma ma red (?cura> E mentre o gungo a Padorace mora O vo dolc /peranze Damorof dlett Incontrate l cor mo > Perche almeno gor poflà l defo gucrrer Panma ardta Spnge n feno dela morte Vnamante con pù forte Corre n bracco della vta Marte armato d terrore Forte efpun Inutta rocca Chd pù forza della bocca Datter rar co bac vn Core Ā Marte 4 Se

8 8 [4 r r o Se della notte ne Porror trafcorfo Benché aman re ramato De rddo adorato Le me famme amorofe T Cerca temprar col panto» Orche del cu veggo fpuntarje refe O quanto leto o quanto Vengo a mrar de la ma bella dor Pù del nafeente Sol vagh fplendor Qu forge l Sole Ven ò bella che fenza l tuo core Quefto petto pù vuer non s E fe vue è porten to damore Ven &e Ven o caracche 1 anma amante Afpcttando su glocch t fld Ma fe vede Tamato fcmbantc Se non more damoreé petà Ma JlVeo&c che mro? ecco appunto Quelle luc adorate (O goe forprate) Merce damco Cel m Veggo aflfunto Etneftafamorofo j Refto cos che fauellar non ofo P SCENA II Zj Clorf Eullo Orto n cno vn certo core Che non fd che fo prar ì perche vuol troppo amar «Vue n bracco a no dolore r ur Sofprato mo nume! Con ragon su laurora Lafc lozofc pume Che Tempre forge r fuolc La / Dea delle bellezze auant l Sole " CU

9 P M 1 O do Tac Etrllo> deh tac» Bur» Perche tacer mo bene Deggo le tue bellezze e le me pene / do Or non è tempo addo Vno / partu Buy Doue ruolg ò Glor laftgnt Le tue pante rugac? do Non fcorg me tmor Buy Io nò: Glor lafcamf oh Do? T part cuc r Buy Qual noutadeè quelu! Dmproufo fpaucnto X Gbe turba l mo contento do Lantca madre ma : { Ghegra gace nelletto or gdsè defta» feco m dela > Pù dmorar non deggo : l E«r Almenafcolta? / do Rtorna vnaltra volta / o t Buy Dunque vuo tù cho parta? r : _ : > do Part che parto ancho / Buy Non polfo do E ch te vèta Buy La tua bet che a me delr è mèta do Orsù me n vado addo Buy Dehnonmlafcarfolo do Ghe tormento EnrGhe duolo do Fara da me rtorno? Buy e quando Idolo mo? do Sùlneazo gjorlp Buy Tù fugg ò crudele do T lafco l mo core v ; 1 Chebramdpù n > E«r Ah fero dolore a 2 Ah dura partta ; V ì do Eurllo? Buy Mavta? do Dvnalma fedele Kamentad cù? Br:

10 V I \ X tur» Tu fagg ò crudele 9 T (T: C/oT lafcom mo core Che bram d pù Tartf S C E N A HI A «> / k Barlhfoh N t l Ouo Tantalo damore V Che fpanfee n vn ftantc > ; Mro appena! bel fembantc I /r E mel togle empo tmore Mqual nelfeno Tr le famme damor freddo Ibfpettd Cos dunque n vn petto Ratto fenven d gelofatlvélcno Gungo appena godere " j I ra d quel bel volto Che nel tmore nuuolto > M comanda tacere 9 Confonde le parole y PartOC mccclfla n sùj pù beho 1 fole ptn>> Serpe crude! de lanma fofo Vn non sò qual velcn E q uel pacer contann na > Chamor m (llla n fet > Serpe &c M nò quetac ò ma lngua gclofa]9 Ne con onte bugarde Oltraggar pu cole che d famma amoroò Non men d te tuttardc Ah che Tempre temer deue vt amante Se la madreòamor è vnaftroerrantt j f;: 1 SCE

11 V D 9 P I M 0 S C E N A IV Emlo Lfètta: X 7:/ TjrtartgolafIac; JlL Che ch è troppo éoùhettfa AdAmor non fa foggctta _ PercheI beho ancva rte bace 1 H«OLfctta qu; L/ Sono 3I voòto comando f D te appunto hòhrfogno ferurò vòlandò; part Vorre drgl cpr mo rad m vérgogno jtpmu tlur Io thò per trftarelht E fapra mo»to bene Ch Zìa d tua forcllal vagb artantc 9 [ Ond ella vlle n pene 9 I»/ Così" non To Tapeflì «r Or sd me lo confefl doranfhdpenlìero 9 Cò che taggrada pù Cò che tu vuo / Vo m burlate c vero? {osò lo sò ben o che fctc vo Ah nò pù non fon o tv Cos tù foflì mo Eur Altro paftor pù bello Sgnorcggal fuo affetto Lf Se VOI non folle quello Jprc «r D che dtell» tj Drc chcnelnopettò f Eur Parla Lf Non lo sò dre V % Eur Io la voglo fentre Lf Che nel mo petto Eur E po? t/ nfegnate m vo? Fuy à parte

12 ATTO l ur Chefìetna? L/l Che cmento «r La (bfpendc l tmore rfart Jf Vorre dre chè l mo core> e po m pcnt uy» La vo fn re ò nò t/ Va sù ve lo drò [Vuòtrouarevnafcufa» ) a parte Dre che nel nuo petto FolTe vero l fofpetto > 4!!lhe fìfte vo Tngrato» e le delufa < Etr TngannofontradtOj Lf E vo fate vna cofa Eur E quale: Lf Altro marto Se cerca letrouate vn altra fpofa t Euu Non poflb Lf Non volete «r dor è lanma ma Lf E Lfetta ch è? Ef/rEforella dclor> Lf O come lete Eur s s t voglo amar mapatte Lf Dceflc almeno a me Eur Mè caro l fofprar A parte Lf Per ch? E«r Per Glor > Lf E per Lfetta? Ohmè! Eur Tù non m da martre Lf Che c PdelTo che dr mfera mor Eur Se tùfe tu l mo Amor parte L/ Fortuna almenfufsoj K«r Ferto porto l cor à parte Lf Pecch? E«r Perc per Lfetta? oh Do Per tè non gunto cd? parte Lf Che dr gufto cos morr tù de O guarda che opnato Confolar m potrebbe Con le parole fue c no vuol &re Ingrato? quanto meglo farebbe Am

13 I V I M 0 ìf [Amarc tute cdue Horsancho non fot! bella? B c è ch dce pù d ma forèlla Per me non sò ntendere Qual (ìa la cagone r Chamor non può accendere Per molte pcrlonc Vnanma vn cor Sc legge per gl homn Io po m rmetto y Perche non predomn II Vn tanto dfetto Le Femnc ancor I We voglo con l tempo amar trecento cambar ogn dì quando m pento 11 V parte SCENA V CappanC<> Cler fola Redda tema fofpctto è rgor F Son le prone dvnalma coftante Vn che gode non s che lìa Amor Vn che pena conofee eh è Amante Tal o mfera amante Mentre poteade raderato bene Vagheggar l fcmbaàte Stolta da Tuo be ra Leme lucnuola Ma ch s non accogla Sdegno nel feno & a me pu non torn? Ah chl Cel cò non vogla Chl mo cor dfperato Dara fne a Cup gorn

14 ; r j : > VJ (f> ;»4 f V» Che ad vnaltnafedele è mglor forne» ««t _ t Pra d perder lamaate haupr A dfpcttp Del fofpetta tjruy La ma fé Tronfac E drrmtb A laltalto Ilroop Sarmerà A 4fÌP p< 1 Ol : H; Ma che pù tard p (jljrr r Cha tuo grane cofdpglp ; / Non procur! conforto ; Qnefto canddoijp nvl:: r; jr A lidolo n rhaffnr chabotj rr Cnofura farà (Chaddt! porto ÌJ "À Aff fa n quelle arene yààfedeté Attenderò Lfettaj Accò pofsal mo bene MefTaggerà AVA W A Wft fedel portarlo n frett ì 7 Ma gà gl rprt opprels Da vgle mportune M rchamano à lopbp Nel flenzocomune fc rpqjaf ÙPftRorljp Sa lor gradto yn mpppwo fepn9 Dorm ò cfìth E del tuo vago v sa lmagft : M ; Irua lucente a m Ì fognat aplpt j ;7 ; r SCENA vri c:(t! :: ì Vj L? < 5 w»/ fh A»JWy: 0(1 W! TIaforelU eftftdjofa IVI OgncofavuojfÌq;f% Tant

15 Ma K 0 15 Tant mpacc non gl voglo Qualchmbroglo gl faro» Non yo fargl la fcfaa ò quefto nò ztto eccola» qu St dormendo òcucagna d Eto hoda faccarcomc vtacagna> Che carta è quella s hò gran curoft D Veder che" cos è Vad à feder Qualche lettera farà non lo dfso E ho ndounata afte Voglo leggere td >(locor«) Che parole melate Vorrà daca ad Eucllo oh Do > Certo dolortnha le membra gelace Non sò» che cofa fìa " Tremo e vacllo Vh pouera Lfetta 1 Cha datone h rete Machlafàrafpct» ; A lvfodepoet Con la penna vò far la ma ìfeadcttdrlgud U LeU Veggo appunto che vene Eurllo da lontano u Seafaprò far bene afcohde Non la cedo del Turco a lo feruann dgtfoggu ydormò Glor: dormendo gm due parole Eyl\)[hò gunto due parole Non pù due fole fole E le non fan leftetto Voglo perder la tefta In man glela rmetto» gl tmettela lelerd Equmacondoadoflèruarlarefta SCENA VII Eurllo y dor che dorme «rt Vr qu m porta l pede J Le mura a vaghear del mo bel nume Che S

16 Laflb Son ; 1 j5 J T r 0 Che &rfalla amorofa : ( > Cnta d banca fede :< Sempre Talma Raggra al fuo bel numé; Ma che rmro ò Celo? mrando Cìoru che àómt Solo l mo Sol qu pofa mi Long long da me 1 ombra gelofa > O mo beo quanto fe vago v: Quanto fon tue forme belle t \ Quella tua lùcente mago Vnce l Solpaflà le Stelle O mo&c«qual foglo è q nello gl rmfd la Uìtéìa Oquantod Tua delra abanch ardor r» Cedono de la cartaanche < candor» La prenderc ma n tanto Rfueglar f potrìa C/p Adoratomobeneatesnua emendo Eur A me dunque snua/ l prtnd lauttm dt mah» Per mo lo prendo Soprafcrttononhd Ma s ella anco dormendo Afferma defèr mo gà mo farà che leggo ah Do Ugge lautera Amnta mo mo core? dello e dormo ancho ì Vta ò morte m dona l mo dolore? ; Amnta mo mo core Pù con mendace velo Non dfenda la fpeme ; ) :\ ov Il mo petto dal gelo < / mì ; :l Non fon fopett pù non fon pù terne \ j Lo vedono me lum / Quello foglo non mente r» n retta veder che f còhfùm Dllllato per gl occh l còr dolente» Shò damar vogpeflèrlblor > f I 4 ì ì Non m curo d penar d v

17 1 "P 1 Quella goa mefurduolo Shò damar &c Non vogl Echo mc penìer Bramo pangere da me ; Quando meco alcun non vé M fon car anco martr» Neafe O CMtfla Occh me che mrate forge Erllo anma ma ur Tac perfda era w Donna prua d fede c dhonewc > Cò A me perfda? Io prua DHoncfaderedfède? ; Tal rantempcftua Dm Eurllo adorato onde pcoce/ nre tanto ardfe ancora Lufnghera fallace «Sottol Ccl non dmora D te Donna pù falla» c pù "flda cff : Ved pur qucfto foglo Sa pur qoant 9 tù ha fcrttpj Con temeraro orgoglo In van penf negarm! tuo deltto Loffcfa émanfefta J d p caratcr tuo la rea é conunca» : Altro dunque non rela Sol cheurllofenfugga» eredaamnta C/o Fermat Io non tnteop Deh non partre afcolta? T 11 é ;>:vff ;nvt : ì O M pur Fempó fuggendo r Trconfùfjnfer mlafcaololtat " B qual fallo hò comedo/ Onde falfa m chama c rea mlappella ; \ A4 ChedAnta ChèdAfhnta fauella >? w I U Qual deltto é pafefe / 11 foglo n che roffec? V j Ne caratcr mc che vde mpreflb B qu "r v«

18 È qual fauolocomera Forfè l tropo adorart Chamar error fì pqote ì Con amoroc note w ; l r { 1 I Aglaffett ÌDì tart l n uo Forftf c atóroontunacc n Ondo ho peccato 3u r ) tm :» /> " Ah ben tntendo ngpato» r: «c Tù fperguro n coftantc r Quanto fda t fono \ Daltra bellezza amante > k 1 3 Al lafc n abbandono > s Perche fctro fegno ««rr D volata fedem glo rdego m» f > Toma torna n lbert J Omo cor troppo coftantc hf Che la fé non è ballante A placaftrdelt S C E N A Vl bsv rotf} ì\ : 1JU t Lf/TTHfucmBrata«c v V Sòchcrhòfattagl?off o : Nè fon pentkaaffè < ; I«cpbfccnzacnsècumc >mofta jì ; Clor ché taccaduto? Che pangendo t fta pafda c ftnorta? ro AhLfettabn mòrta! ; Quanto perdeotca tutto hó perduto > ì Lì/1 Dmm chaftatofnon far la vcrgogoofa) ForsEurl lo sfaccato n > c Tha fatto qualche cofa? I V 1 :jj Cò Non rnóuar le j pene rr A queftalma dolente < 41 Lr/Va ;}

19 Labamì " Lf Va va non fard nente n j > f r 1 E vn mal che paffa e sì rfulta n bene Pofso nulla qouart? > do Sa tù quel cho defo r oj I Lf D pur do Part c tac r Che pur troppo mafflgèm dolormo do Lafcam loa à pangere Non vè pec per me y : E fe vuo dare ata : ; ; v>«> A Palma ma tradta 1» Preparac compangere? Lamadelufafc &cv A LtJ dor amata forella;» > : t Noudìfperart pù : r r 1 ( Me ne ven compaflìonc ) JtpOf$é Troppo Palma flagella veder ma frtù Mal trattata cos fcozaragonc Lf Lfccta c qu per te > Cò E che potrelh fare j Lf Pregare!ufngare c cacar fuor Delle lagrme ancora Sn che copregh me Placarlo p«tdóva«o\ Cò Semplcétta che le V \\\ \ Lra dvn tradtorcrefee col panto Lf lofpeco Cò M n vano Lf Vedra Cò Che ve&3 Lf Quel cuore n humafó Pentrf4 cò Nonpuà>r r S Lf placarl >_ Cò Non ma Lf S s Io vedra Cò Nò Nò non vedrò X B 2 Vflo % j :\a >

20 Lofpero r 7 Lìf Cò Lofpero Tngann j a Que lum Trann Ùf Pctof Cò Sdecnof! v 2 Scanno > Cò Per mè : Uf Pcrtc Lf ChederatKxnercè / Cò A dor non g : Lf S s che farà Cò Lo fper mà n vano» 4 >ì V 4 j! [ Lf Non Tempre lontano f r Nandr cos fero C/o Tngann Lf I U r > 1 j f; >> ; n v ;j:j Cò OTpeofc fallace!r lo<j (nt Lf Tac fara contenta ; jj M " Cò CyTù mendace ;ììì l Segne l Ballo d Ttfr j x\ j \ I :ÌU I "l ì K <> xor; : flk " j l > ATTO

21 I A T T O SECONDO Garffflo / SCENA I dor fola R col dardo» or col canto Cerco dar tregua al mo dolor mortale > Ma qual Ceroa ferta Io porto n tanto FlTo Tempre nel cor lacuto ftrale ;? D fort grnoglf vn odorofo Ruolo Schera fècon4aifuolo Alle rapne ò Clor e n fen glaccogl Che foura lvrna de tuo mort amor # Dolente fpàrgera nemb d for Vaghe refe jchodorolè Corteggate vn sì bel gorno j; Ilmocrnc S vente a fare adorno : Vaghe rofp&c S C ENA IL Armìdot dor %4rm QE no n fapes vn gorno Dhauernamorarm Vorre precptarm: Ma appunto eceo vna Dama 9 B j j t A W IO r» j>!r I vt Come

22 a» T T 0 Come Armndo brama A Nhò vfte tante è tante : éuefta fola a >paga l cor amante Ggl alter che feucr C0ntro fl GcI la fonte ergete? Se dalfuolo Io vnuolo A Voftra forte antfpahgetc Gglalter &c EccoEurllo l crudcl LEmpo tranno Rtrofetta m mra Cl Per mafeherar lngànro ) I» >1 G occh verfo d me rdent aggra rm H pur vaga j hojrj C/c Jìrur fntò t Dfpertofa mmpaga Clv Lufjghcro malctta ou I w/?rwcedo CIdNon cedrò vogft) vcndettlìt Re flì fere non pofsvo bella Cò A rad belk j j Cl Arde po d> Bruga V Ch ( Che accende l fbfot > T 3 {oìfl;2 I=y LnfìamnaAoo :e«paftorella tutt bella ItlJ OUII l j Ferma lpè canga de fr at j3 Lafca l molo c Ggl 0 Roft Che pù vaghe c pjù ponpofc Le f l Ccl n te fbrtì : Paforella &c Cò Mra con che baldanza : t: Il Tradtorsauuanza Fanculletta nv tbs :ì f 30 Rtrolctta r ì I brama arrcfalrlpè! / fj \ cl mo Amor >«4cenduIfoce:: < l : 4 sa

23 > j vv > ; S E t C jo 3 0 u sa tua ro fa accefo eorc ) fptartd Sa tuo Gglo ntatta f jl Fanculla &c "O > ; ja do E d qual fé t vant y : Perfdo menttor tacpcardlr 1 ; u a Pù comparcf aut < : b r:v rt mlo perfdo o mendac do Tù che con fnt vtsta f:r > /l cj Tornlnouo a pcrruruar oua pactn / h v Ramcntat dfpreaz ;rro; oom <K o Onde à torto oftendeft 11 mo amor e la ma fede» r ócntj> :t no ut r E qual dura mercede: oon rroo T od # A me chè tadora» j a»: 4 ìà «ìk Crudcl porgert a um:»j3da»am Con ch parl che dc? r r r v ra cd CÉfc Con ch parlo m ched? f vs :V;>3Vj<Ta;:5 v/rw Sa ch on o che cred/ cv : u:tsf Cò Eurlloltradtore» /: bf mrnr/l rm E tù Cò dor tradra v V z bb O t jv v/frm Bella tù prend errqre> tnota;) Che o non mal d tradrc hebb l penffjr:> Cò tù Perche dunque féuero Con f barbar mod ; Da me nuolar le fuggrtuc patìte Confglo auto 9 frod pane Son forertero gnoto e ton amante Voll far proua ò Clor De tuo fedel ed anwrou ardor!>e;v r c/» Se d veder tu god ovo Dellarmafedelmerto ;o; okhowxv Farò fc vuo nel fenpale profonde \ [ Morò nel foco c fpraro ne Tonde? > vj e / o Onde ferro faromec morte r Per te fempre nconraro 4 t B 4 Cor

24 ; J» 4 T T 0 Corrago rarprezzerò < Ogn ftracìodem ìa fòrte o: r: 6 } wrmnò Nòdtenotìcheggo 1 Così rìgde proùc j l \ Che ben charo thaueggo v> Che lamor tuo non c ruolto àltroue Pur vn dolor m reft Cò Equa) dogla émuefta? rm II vuer fenza te Cò Che far pofso t yfrm Meco longnuolart Idolo mo» rmtù non mam fé Tnegh wjìvo; j C/o Tu comand non pregh»rm Alla fuga tapprefta : u C/o AhEurllo /#m Ah Glor C/o Ah vdrw Ah forte > C/o Pcrcefprezzo l perglo» m Ed ó la morte Verra meco? C/o Verrò rm Damm là dedra C/oPrcnd r ; j /tfrmodedragradu> > j C/o Torna dunque ma vta» Che voglo per far pago l tuo de frc prma che fuggaìholteco fuggre Vane SCENA : t! II Iv ormndòtfetta O! ; T?» j tlìausd r5jor> l ì Varda che grautà \y lov t >S 511 ocf \J Ha ragon ma forella Che vo fcte vn Tranno rwor ben tnteodo»io yò fegur Itngattoo à D pure l tuodefo» chedfoggrt O bella non prefumo ; 6 4 If C vuol altroché forno Sgnor Eurllo mo Vedete

25 # > = rul A SECO ns b 0 U Vedete fnalmente non mancano Psorl Che fapran dolcemente Compenlar n Amor Lfetca» c Clor Non canee cou1(10 V OuagPvccelH Qnt ì crollano r k (>Tt > ÙO Hj D volpl bell a/ro"? Lf Va lucdo Cgld Vn labro vermglo Gl può dare ogn d penae martell» m T t querel a torto O Lfetca rrzofa IN» Poché non fembr aglfocchme nook Lf Sjgor nò» non locredo Er cò poco fa dvn altro hnmoro Io fon trlla» èmauueto > j l Che no dte d core rm D n che 6r potre jìzf! j le ì all Per prouarr"! mo affetto Lf Afpetcate vorre ;S;0 VI V (Ma vo nov Io farete ) m Che cofa Lf Lo drò rm Vn baco L/ O quello nò Non v voglo pl bene J j A ztella d onor cò non conene rw; Non toffender LTctta Perche) vn baco nnocente ì Noncago aroflbr Lf Non ne faremo nente t % Se lo volete far fateloà Cler > > «/ l X» a À j»ì: sfo!vr j ìj JT Jv t A tu >:: ;fn d > rm Non tfdegnar ven qn Lf Ma {late con modeffa j;l )bod Kt V rodi!»rm Tanto faro Lf Gurate $ Guro sdf la ma fè> Lf Nò nò non mngannte La fede n vo non c ; ; ; > 7 : ) t«u 11 èòfìrjo > }

26 n 26 j r r 0 rn Dunque fon o nfedele? % : ; j j7» :> r»furo gufle querele or va pù mamà» : :» Che hauece fatto pace? r/ frmsemprc fdegno namoramorrjnuoua Oh Do che brutta nuoua aartt [/ > Ma come f dfefe fn D quel nome damna! V Agguntou nel foglo t Forfè yfù palcfe o: ; che là man non rncontra? / : < ; > :» t Vv m Or qu fon ne Tmbroglo «Ma per yfdr or la rfpofta hòpront <» s L fopett non hanno 1 Sufffenzan Ampre»; v qoj nl E f feopre alfn femprc lugando D ttlu \ > ;» c Il carattere fteflb >» j t b ><; O Ha fcopcrto lerrore ech 1 hàmpfe >wn v : dunque àvoftr ped rìt ; V domandoperdono dor è nnocente edocolpeuolfono = \A) 4rm Sorg Lfettaccr«sv v vf? Che non percò tfdeguo»#v ì/1 Fùdamor vndfegno > > ; ; Per far chodando lefoff fno{bìo Uy x A ; Aìu Amo ancone vuo altro L/ lomcoulolp ;K Arm Tamo L fetta s MàClorèlTdolmo jf u» T l Che pur troppo odèndete l mo defo r / 2 Godocheh)an\tù ; bl nol Ma dor fe m chama? / 1 bìf Nonmelodteptt ~ Queftoc troppo far guerraalla ma brama V rro Contcntf d quefto parm o T Lj/ Perora lo farò ma voglo l reftov : jh d; ; TTvvVv SCE

27 «orthf E I ) S CO TtOyQ ; ì > j I > l S C E K A av m T» ì ùè é J:~r/tt V ; 1 Lffetta fodttnrhouu::} j:zr\!ìù ì:t v A?:>bcnjì rv xuz Panataa(ndmeglo (? D quel cho m cròdcuo»;!c> Se n vece de Uó buffe atnor rccao : t><l M con dor non SÒ!: m» nr?;ix ofo Come la paflcrò ; Jkjhl n l 3 V Le femnc fdn fempre pà rabbofe M fe m d» vedremd belle ctìfe >) p d2 lo non voglo( ftae d fotto> n / b vn Non voglo botte ogn momeacd»>m Con vnhuomo o m còncentoqrr: j Ma conc Sgnór nò» tìjb!37o: > :McruoJtcròV dtcròv ]v v «orhf Che fare pazza affé a njj om c> òt Farm battere la pellet n cl Sam dal par 6 n olol oórv j? SanvbrelcE ;r bbsaì :jì:j Se ben grande è pdd l Sn ador troppo hò foflcrto» Dquì auandeloècerto Se m tnge ò la feotto > Io non voglo ftar d fotto part ; "All S c E NA y V j; d shm lov t T TN amanttvhc V Dal fuoenobancjtc fffcuatdo Che veleno mortale cfer tìo!c Quel

28 Non «g /t r T 0 Quel tmor che Io rende codardo «Vn Amante &c Qu maggro dntorno Afpettando l mo ben e g rtappré bo A volger feco l pede 0ue va ceco deìr folo m guda Che precpzo è qucfto ( Per ferbar allamante ntatta fede ; t Sono alla madre nfda d \ In f dubj pergl > Chemconfghatror /che m confgl/ f Se non feguo deurllo l pede ci core Qual rea d lefa fé m fgrda Amore Ssmo ben ss r «l Che Tempre tua farò rf > Scorrel dedn non può Quel lacco cha mo pede Amore ordì Nò Nò mo ben nò nò < temo la tua /e H Se vùo folontè La codanzachè tua perre non può M ( f / /V rt? S C E N A VI V T7 Eurlo foto ì V vntendo VIntendb Aftr Trann Vo m ferbate n vta Per ferbarm a le penc M negate la morte Percho vua a gf affann Vntendo sì v ntendo Adx Trann/ <«««W» > r r V? > V lto

29 < Non S C C 0 Mo cor tù Te roftcfoe la vendetta A canta crudeltà A tc folo safpctca T lafeo o lbere jf Vanne cole t Che thà tradto v > 4 nlj r t Mfero cor n ; A ) Legga Pofìda nl Ne le tue paghe >V V Il Tuo rgor Sgrda loquace = I r f Quclocchoarccro»?; / u t Che rferì v j Ch s che Tempa c c arrofìfea > Nel propro error r: j j v Vanneacole a lot cj Che th tradto t ; 11 U Merocor» rrn; / do Eccom ò mo dletto /: A tu cenn vbbdente Ogn dmoraer e unto ardfe ancora Vn nfda fìrena vnempa Aletto o: > Cò Mfcra me che fento f j / sporte Qyal ftabl delo ; j Incollante lo rende al par del Ycnto # t l EurUlomp m t «1 /<f L o Fugg che cant tuo j / ;=» > l Eurllo pù hoftenttf l dìs h Edagtar non puo lalma nnoceota a t le C/o Tù vanegg o mo core f " E«r Turn tradll ngrata! b» > n \ C/o Voluble èl tuo amere ; Et«t Mercè che Glor h la fua Cangatàv a Io

30 T T V do lo pù che?«ìajtadoro# K fhrml dolgo de Pamor che t porta docrudel pertèm moro ; fnr Tanto t fdegnaró qatttojnaf> dosent fnrnon ha dfefe do5on tua Eur Dtè m rdo > doaimen EnrChe almen palcè l t pur troppo Pngantto «doecco m vccdo é v ; t j u A fttrferma do Morr vogj% f f «r Lafca dosara c(wcn«or: " f nr Vu do Cbf; vu oh Do L r ChMl vuerfenza tè mc pù torrento EurO come entro»ltno fcno à part : f JV Con lo sdegno e Pamór lcoc «lutla Ss vuche appeno > La memora del fallo reoflagtlla doed ancor rea m «ham > Ancor nel tuo fofpetto n: Af Fprfcnato delr? Sed veder tù bram < flc / r!j Qua feno meefkr: j j trkr ujl! Con quel fertopttgaprfnl:p lt0f r! Vedra chvn Polo oggetto otu )a x:j M cvj St nel core fcolpto \ Sapra fé thò tradto e fc! IrtO Idolatro nrkafcs3pheptb dpcd3 ;T O q (lan to me ndace \ 2 T móftrl ve lé CloO guanto crudele T > t E»r D me pù verace a jnlrìdo noè rè CI0D1 te pù nfedele f jj jnon ìe fur A mnta lo s nle lonq non doamnta che dce» :ìn cfn A;? pq j fwr Chè amante felccj! fn» 1 11 ìì ìt 1 V dod dor non g 5 nan: c l Mr pucpnatau» " j«r I % v JS Cò la I ;;r j:jj n

31 S E C O C/oNe pur per pcnfero EnrTuo core l chamaft "J \ 1 1!; CZoNon ma non è vero > EarLa carta non tace o U \ j? v jjp /! CZoSonfalfe querele 1 hut tul «>\v EurLnchoflro c loquace CZoLnchoftro è fedele»?» A E attera ma fè f! f k FarGà che con ardre Cedere ancor non vuo Vedam ch s mentre lt Isd # Prend legg e rfpobd 3 Famm veder fé puo h (lr Chnnocente tù Te che ceco Io fono E fe tù m confond ; o c perdono v r E Chr prende la Carta e Ue SCENA VII 1 01 > hfetta 9 e fudett I Ancor non è fnta Quefta mufca e ancora vè contraftì EfrOrchedW mraft ìfr/èe#r U CA>Rcftouordmcécfa lo fon tradta «Qìctateu n buonora Che fcrue pù grdar Ve lhò pur detto Che Lfetta rh latto J f Anz v dd ancora yerfch Ma non lo dte le Lamorofa cagon perche o fe MrChe parl? lo non tntendo» Ha w JA( "f o: IV 1

32 A ful : t Ha tù quel foglo mpreflb / IO laa A «L;/Oh fate 1 nuoo addeflb f 1 1 G vdffì d sì V 1 IJ <ovl /> «rdunquc Io m rendo» r:u ;l ìl I <v f Cò Mra Eurllo lnganno ryj E pur troppo eudente r Altra mano è qu rea J t La ma nnocente :;ì a StrGà non pù t condanno rrp Ov Adòrato mo ben eh Charo sì v«dc «rlo conferma Lfetta Eurllo l crede LfGov non t dfso > Chhara fetto n manera j v Che f ara placato auant fera? / Or chc andata n obo frrt! Ogn rabba amorofa ut M doureftì donar ben qualche cofa? 4 T rngrazo Lfetta M Te tù cara e la mercede afpetta «r dor quefocch me S rbellano al core E n te che non vorre leggo errore Non fon quefe tue note? Cò " te le fcrff alfhora /r D pù toflo ad Amnéa Or come p noe atteftar che fan tue lo LìjlSgnof s còs é «rtù lafcot >» CloMa come?ah malgna Torella yerfxaf Mr Ah perfda fanculla C" Ef/Or quefa s ch"è bella Fate così per non m dar pù nulla f» CoNonreflarampunra EttrFuggla maprefenza T Vu v ììiìa L/ Vo mhaùcte tradta Ztto non occorre altro Harò pazenza C/prAncor pù 7

33 SECO KD 0 f«r Tanto a dìrc L/Tuttdue contro mè?meguo è fggrc CcEurllo EarAnmana à 2 GofcaI noftro corc C/oSuanìJa gelofìa tt)fuggìi tmore Il pacer non è pacere Sel dolor mao non hd Cor che pangere non s Non fapr ne men godere C/oIl dolor non é d olore Sel pacer h per mercè Non plo rdere la fé Se non pange aftìctol core C/oHor che dunque safpetca Alla fuga fé vuo mouamol pede E«r Alla Fuga? C/a E ma fede Qund veder potra fe fa perfetta EarAlla foga? C/oTùreft? EarEqual penferd fuggr t confgla? C/oPronta voler tuo lalma sappgla» «rtù fcherz C/oIodcol vero EurE doue e quando ma Tefpof vn tal defo? C/oTntendo s ben mo Per proua del mo amor detto Phaura Eur Glor tù t fognafl CloO che tù vaneggart Eurlo non tamo f poco Che co pergl tuo braml dletto O no drt ò fo goco Torna dunque ma vta al patro tetto C/oIl tuo voler mè norma parto E«r«Scguel mo cor la tua berorma Son delr damore 2 Sempre cò che della f fnge vn core

34 ne?4 j T r 0 SCENA VIIL SurU ftu èa ma Glor > C)ftantc (O fortunat amor) Dunque amarm comene E la bet chadoro j Metta» che nuoue pene Sempre vadano : mftc mc content E fe per le non moto AcCufo per codard Umc cormetltù fc vurl mocofc La Tua vjta farà morr damorc v > > ; Ic Gà chamor non vuol dcffterc Dauuentarmufenoardor» È mpoffble l reflìfterc n A > ìnceudo del mo cor Gà che vn Nume vuol combattere Contro vn petto nerme e fral E mpoffble l rbattere Tutt 1 colp del fuo llral Se fda è la ma Glor Fate cheterna Ha Stelle la fede ma» E fé vnte Pamore vtìté cor t Non m tradr Fortuna! j ft 1 ) < r\ A I N \ Doue apr d la Tomba erg la Cuna» La fperanza da vta al mo core E à anma amante j ::»v ; D fede Coftante u nò;! tn Fromcttel faor o n > Il fòfpecco maccrefcc FamorC;» «ch EfentOchedce Eurllo felce ì o : Da pace al tuo qorv La/peranza &e«segue l Ballode Satr» dtìl4tl9 fecqnd(kp AT :

35 H ATTO TERZO Luogo Delcofo con Font SCENA PRIM A ttnndofolo» :»«rt n / 51 fa pur rdere O folle amor 4 1 m jì ol /> Con tanto arrdere Avncecoerror :tófa&6 Per fuggr eò mo bene Loraappuntèopportuna r < Alìln ò Fortuna» A vn amante delo tutto óonuene 1 j M quale oh Do / Serano ardmento è quello I >? fv Che mnacca al t" po core r a c ; rrt «X Perglo manfcftoé V \a Nel mar de la fpeme mn Ondegga l penlìerg: vv E folle nocchero Ì lm Le calme anche teme Ondegga l penfero NclaatSee# t:f t Vrtatìralòaue n porto pauenta Crudelgìducnta p franger la Naue jv Crudelglducnta Vnauraj SCÈNA seconda; J ì V s Lf» TIVondì bel goutue X) Veramen te lete vomodparqlaj Vh che vergogna óbò C a V

36 b» 3 T r 0 Vh che vergógna obò) rm Edn che t manca OLrctta ma bella? "t d L/ Auant ma Torcla Mencdccfte tante MaolcTopporta Vofapete l perche fon voftro amante Io fon n gabba Come It l Grllo C vuol Eurllo /: Patenza> e rabba Io fono n Gabba Son ne la rete IO Comevnvcccllor v ; t Eurllo bello sfl; a/à t Volofapcte oufyhm Son nella rete Arm» Tamo ancor o non poco >> ; 01 au? Lf Vo lo dte da fcherzo Io non parlo da goco / vjjm I ; 1 Lf Arder per vo m Tento Ma n far lamor n terzo c vn gran tormento Io tntendo vorcft Eflcre grata t fola gl occh mep Lf Quello gudo vorre > V Am E cos tù vorreft Cho d Cler tradflì l fdo amore Lf A le non mancherebbe altro Pafìore Arm» Tù fe tropjò fanculla Lj Còpn v fembr nulla Perche tra vnanno folo o m dò vanto D crcfccre altretanto E allhor vedrete po Cho fpero a vn tempo fteflb» Corrfponder d vo con dccfeppreflò vrw Cara fcmplct A r 1

37 Mhauera» t ì T B z o 37 Choftcndc pur dletta Jun: Ma po fcn fugge n frcttt»»c ;> Nel crefqcr delpctd ; r Jb m \ì Cara fcmplct u v X/ Orsù meglè cho parta Veggo dor che vene Eurllo tradtor voghm bene part Arm Ecco ah lalb che gunge Per nuolarf meco l mo bel Sole I >ì f M mancan le parole Ed vn varo defo lalma m punge SCENA III Cò ArmndOfCkr Elofa tù che dngann G Contro me Tempre larmalk Non tentar non contrat Chhd fuggrt hò pront vann Arm Felcfìm content 0 j ; /IH j > M prepara vn fdo Amore eh ljlj Ma la tema del mo Core nu 4 Prefagfcc ognòr tormeùt Cò E perche temer tanto Vna goa f vera? l Arm Perche la dolce forte r M rafcmbra vnncanto vna Chmefl ro Cò None chmeraò ncanto La fpemc che tallctta v Gà del nofro gore l tempo è gunto In quella notte appunto J preflb d te fpofa dletta J Arm E ch reflìfcr puote Allaflalto damor n quella Notte Cò Sapp Eurllo adorat» C a 1 # l r V : 1 O t? f VX r «=5 é T Che

38 (0 I 8 T r Ó VA Che gcnufìefsa la ma madre auanty > Conlìngulcccoopartt 1 La (e che t gura gl hòaletatò > >/ Ella pctofa al fne ha condefcefo A nofr caft amor > S che Tore vcne Son gàper render pagh 4 noftr toh >4r»E come d Cel e eome D Fortuna f bella Potrò gamra non afferrar le chonc < C/oMtù tacò ma vta? n y Che penf che pauenc ForflafèI fuanta / E grncend amorof n te fon fpcnt? rmah dor Idolo mo Se tù fapefì n quale Ferapugna mortale u Srtroua]lcormo I_> v Drefjchà ragone Sofpcfo è l mo f>enfero ut hndj Moffr le goe e d goderdtfpero? 4 wtv còjnfelce cne Tenta» Al horchecredo! ìm Farcon le noaze me let t mo gorn 1 m Vacllante t vedo Eìlcorchemdonaftce Ntort4 Quello dunque è Pattjo / n Quefla4eramQr mo dunque è laproua ì Quando apprefbal dletto U rnoua sl Cos la fede vn amator? j ; /tfrmbellaacólta C/oNoo pù ah ld Che vuo dr gd mè noto Mejp nl Chn te gamma non fù r 1 </f Necoflante l defo ne l cor dnoto < rwtngann Cò Ah Menzognero I Tùmnganaft Ioftolta " Troppo

39 ì ì : T D X Troppo fl tarda penetrare l vero» Ma al fn pur vna volta AdfeoprrtJo vengo Tu fpou non m vuo nò re fe degno Ccl vo chognor vedete Le me pene è l mo martre Quelle flelle chaccendete Fac fon del mo morre Ce $c Ia fdfgeno ymrc(ì(er pò non pòflb spart S s ceda ragone Se l rfpctto rpugna amor mè fprone Clon tù pang n vano Se mproufa dolcezza ToHc ad altr la vta o Or non t fembr Arano Che almanonauezza Nel foucrebo gor rclh fopha Le tue rare bellezze e l mo dcmcrto Sol m rendon così rdfpefo c mefto M sal fn la goa è vera Ecco ò bella le l mo core Ne tardar che fembran lorc Ann nter ad vn che fpera Cfopunque ò caro fe mo /5rwSon tuo ma vta = Cò Godra /4rmGodremoj à 2(0 quanto» fembra dolce < 11 gor che/egue l panto SC E N A A n (vt y la l uyl A e«>» f IV «rg odra godremo Eurllo 1 ) Eurllo dor jy J E puo fentre» v Cnn

40 t = T Z ;0r Sùlcfponde4AucT o» /u Eurllo apr 4 la luce» I tuo lum dolent) < Eur Quella è la va che l anoe conduce Al Regno de torment Cò Burllo Eur E ch retubentrauaro Che Pombra fe del mo rualc vccfo Cò Non fon ombra ne ventò Ne fpran qu dauerno negrfat «r Ancor ancor non Tento D Cerbero latrat TfTone e Macera Fure pallde elajgu Con la Face e con glanguj Tormentano«Joel cor I (/ crv I I > 4 A A Cha Clor g4 dona ; Pouero pouerqcorc Oa fermate Fure Tpctate» 1 : JìoQ lacerate ì vl Quel cor colante Che non errò ;Md J o l tormentate T t : Queftombra errante : ; j ; Che glngannò I Cò Sì voglo fecondar la Tua folla» \4pattt Eurllo Anmà ma ata ata Cerbero g m sbrana Per man dalettohonaf retto ferta M «r pouè la paga 0 dor Oh Do dor qu more Cò La paga che rpvccdeènmezwàl core E«r Cel che farpofso/ J Cò Lafca che mora Glor r Eurlo mo Nò Nò vu ò no ; bene a: E lafca

41 V J T : A r 7 0 : ttr E lafca le me pene La morte tua per vltmo conforto Che bramo d morr fc ben fon motto do Vuurò fe mamera f 1 Jt j! [ì r: Sìsìvuurò E«r Sepromett ClO S Eur Sorg o morrò h é l : C/o Acorrete ò Pallor tu Che la vta d dor Nè la mortejdeurllo e gà fnta Paftor ata ata SCENA V : EurllOf CloTtf fyffìtdo ì ; j t? J h: QOn gà tcco ò mo core» > 0 Che pronto a tuo comand Sempre sù vann fuo m porta Amore In wevo rmrando amb gl manh Cò Che mro ò Cel e quale Improufo fpauento Aggaccando le membra l cor tnafale : Ah cheurllo è à fpcnto Ecco la tua bell onìbra Ecco corpo fenzalma // 1 < \ Tù fe lo fprto fuo queftè la falma Arm Scfeoperto Coftu che qu rmro Enrllo c al certo = Eur» Ma doue ot quepè Tetcrea mole Ouc saggra l Sole j > Queftè l Bofeo del fonte [Jorna n f r T E quello è l Rno y ) Eurllo non è morto eccom vuo Cò Èurllo?edoue a ch volger m debbo oh Do Sl2tC

42 A 5ctc dde»nece vn folo Ch d vo due fa mo Dhc per petà non maccrcfcetc l duolo Hm Che mrate occh me à parte Glor col nuouo Amante Amenduefìete re Amendue cadercte à me dauante Fermat futno af:oita Le dfefe d dor Collante c le ne fuo fedel amor Cò Eccom a ped co SUngnocebU Ecco fonnnoccntc Ne lmagnc tua mrar Io puo Lo fpcccho c qu prefentc Ne anche sò ch d vo c l mo teforo» Se vn folo furllo n due fembant adoroj» Eur Dunque tanto lmle LVffgc me nel d lu volto è mpreflà Cò gl occh altrusembra vnmagò llelsl Eur Ma tù folle Paftor perche lì audace Fomentall loganno? rm Son reo gà m condanno > Ma vedendo Tuanco ogn delre ( Prouo pena ballante al mo fallre ; SCENA VI Lfetta tfudett vogrcltcr ancho oà \j Ma che veggo due Eùrll Son due EurlH affé n v Allegrezza cor mo sa Vn ì: per Glor farà laltro per me l Sent come L fetta» Snganna anchella atantafomglanza I r 3>

43 ; Aè Tut Mattcfta quefterror la tua coftaoz Lf A che goco gochamo Ch d voè 1 vero Eurllo > o non Io so Ór f che c accordamo Clorfdegl ch Vuo Chcpcrmclaltrdt)OÌmpjglerd : /rms da fne a gl" erforo Armnctt» Foraftero Paftor ma non g vhc Il volto a tuo (le J t# j Ingannò la tua Cler Fda fempre però le propr) amor v > Lletta ancor saccefe A Del mo fembanre ancella :» Per Eurllo m prefe oun?n 1 oa Vna forre f bella vyl Secondana l defo / V r h n / te? # Ora del fallo mo chedo perdono dor fa tua che d LfcttacUbnor ; Lìf Sgnor s fon contenta Mentre ha d Eurllo 1 Volto» OI Del nome po non me ne curo molto è «r dor mo ben tauoro 1 Cl tdolatro etna peme «r Io langufcò C/o JooorO tur Sda bando alle pene Cò S da bando" al tormentò [) 2 Bur EccoM cor t prefento do Ecco lalma t dono A I 1 a a tur Orcfc Non pù cara oh Do noo pù # Cò Non pù caro oh Do non pù» Che le crcfcc l mo gore ì Sara forza d morre In f dolce (brunta Eny Nonjjùcara y ohdooonpw do Non ptu caro 7 tur

44 Kur TùlavcadEurllo C/o Tu gl affett d Cad «r Tùdepenerme» C/o Tà dellanpa ma Bur VMé C/o >pgqc «r Refpro t a a Oh Do non pl Lf HDr vachepùsafpetta t»1 La mano ancora no c Arnga Atnor maw l QMàh rm S prend ma Inetta Con la deara l mo core > \ V \ con l cor queap dorato gro» Oue n charo za&o Sta del mo nomempredb Armndoa te fard Tempre dappref «r Che afcolto! n vna gemma > Sta fcoìpto l tup nome Gllopotg Lfctta a me lo porg L/ Eccolo E«r O come del tutto vntorme A queftaltro cho tcngo Sol nel nome è dforme J C V V:n 1 j: t f Ora a comprcndej: vej Che tù Te l mo Germano ltn rcl Che fùdal patro Tuo rapao nfante CE C r Lo conferma f fcmban ce km svf LatteAa queao Annello Dunque amato Fratello n fcn taceoigo E gnocch per la goa o panto o fcos Cjo O forte nafpettata ; Lf tmprouf content Fclcffm euent Se quando men credea a tc rcno TtffffL lòzzc fortunate / O leto gorno \» y «r

45 O Aldolccrìfo ; 48 TTOTEIZO tur A f let fponfal» Cò DAmore a ghftral > s thbrl nolal eìtì1lupfw j rm Cff che vuon pù famme nue fol cor j L/ Caro ftral amato ftralaj Che fè paga n qqfto fen I Non fò g per me fata j 1 Se m refe l bel feren? Caro ftfal&c do D Cupdo al dolce mpero j Ogn cor conuen ecceda» \ Dvnhtlvfo I Anche ApoUc cade n preda D Cup&c: Ma qua fccndon dal Cel let fpcndor? / Qufcende apollo[opra àpna Hubtr j : jfpollo Gran forza aamorc pr Se lungo lanfrfo H D Dafne al bel vfo j Fe preda l mo core Gran forza>&c Pcrvoòbclle 11 Gclfeftegga E con bengne Stelle j Sù la feconda Gregga j : > t 1 1 Spande con lelot «: y D mlle Prat Eascaftlmenc bcnsìcònfàce De Tardcnte mocrn leterna face Folt Bofeh opache felue Fefteggate vn f bel gorno Echeggate con le Belue vo Aure qudntorno> Bofeh &f Segue l Bàllo<jdePa Il Fne del Dràma m

PROVINCIA DI VERONA RENDICONTO ESERCIZIO 2012 ELENCO DEI RESIDUI ATTIVI E PASSIVI DISTINTI PER ANNO DI PROVENIENZA

PROVINCIA DI VERONA RENDICONTO ESERCIZIO 2012 ELENCO DEI RESIDUI ATTIVI E PASSIVI DISTINTI PER ANNO DI PROVENIENZA PROVINCIA DI VERONA RENDICONTO ESERCIZIO 2012 ELENCO DEI RESIDUI ATTIVI E PASSIVI DISTINTI PER ANNO DI PROVENIENZA 1 2 RIEPILOGO GENERALE RESIDUI ATTIVI CONSERVATI 3 4 Pgm. CPA0099R ***-----------------------------------------------------------***

Dettagli

ID_PRATIC C A OGN N OM OME

ID_PRATIC C A OGN N OM OME 1 1188866 MV 2171 86,20 1 2 1190598 AV 2171 82,10 1 3 1188568 BC 2171 79,80 1 4 1191133 NP 2171 79,40 1 5 1192227 PR 2171 78,70 1 6 1188924 SA 2171 77,90 1 7 1175747 MG 2171 77,60 1 8 1191497 ZF 2171 76,80

Dettagli

A.A. 2016/17 Graduatoria corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza

A.A. 2016/17 Graduatoria corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza 1 12/03/1997 I.M. 33,03 Idoneo ammesso/a 2 11/06/1997 B.F. 33,01 Idoneo ammesso/a 3 02/02/1998 T.A. 32,75 Idoneo ammesso/a 4 09/04/1997 B.M. 32,75 Idoneo ammesso/a 5 05/03/1998 M.S. 32,74 Idoneo ammesso/a

Dettagli

graduatoria FASCIA 1 estrazione al 28/06/2018

graduatoria FASCIA 1 estrazione al 28/06/2018 graduatoria FASCIA 1 estrazione al 28/06/2018 Nome POSIZIONE ESITO STRUTTURA BC 1 AMMESSO STACCIABURATTA (nido 7.30/16.30) BC 2 AMMESSO STACCIABURATTA (nido 7.30-13.30) AC 3 AMMESSO LA GIRANDOLA (7.30-16.30)

Dettagli

ALL. 1 - GRADUATORIA DEFINITIVA

ALL. 1 - GRADUATORIA DEFINITIVA ALLEGATO 1 GRADUATORIA ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE (VOUCHER) A PARZIALE COPERTURA DEL COSTO DI FREQUENZA ATTIVITA' ESTIVE 2019 (ALLEGATO 1) N. INIZIALI GENITORE INIZIALI FIGLIO/A NUMERO PROT.

Dettagli

A.A. 2016/17 Graduatoria corso di laurea in Scienze e tecniche di psicologia cognitiva

A.A. 2016/17 Graduatoria corso di laurea in Scienze e tecniche di psicologia cognitiva 1 29/04/1997 V.G. 53,70 Idoneo ammesso/a * 2 27/12/1997 B.A. 53,69 Idoneo ammesso/a * 3 18/07/1997 P.S. 51,70 Idoneo ammesso/a * 4 12/05/1989 C.F. 51,69 Idoneo ammesso/a * 5 27/01/1997 P.S. 51,36 Idoneo

Dettagli

ALLE ORE I CANDIDATI DOVRANNO PRESENTARSI NELL'AULA INDICATA MUNITI DI DOCUMENTO DI IDENTITA'

ALLE ORE I CANDIDATI DOVRANNO PRESENTARSI NELL'AULA INDICATA MUNITI DI DOCUMENTO DI IDENTITA' TEST DI INGRESSO 10 APRILE 2015 DISLOCAZIONE AULE (Test valido per: Giurisprudenza; Interfacce e Tecnologie della Comunicazione; Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva; Servizio Sociale; Sociologia;

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA SETTORE SCUOLE

CITTÀ DI IMOLA SETTORE SCUOLE DOPO SC. ARCA 4.586,13 1) 11741 O.L. 2002 MENSA 5 GIORNI 135,95 6,7975 482,62 705,58 01/09/2014 2) 11908 D.M. 2002 MENSA 3 GIORNI 30,95 2,5792 61,90 160,63 01/11/2014 3) 11937 C.N. 2002 MENSA 5 GIORNI

Dettagli

AF 1 RITIRATO 26,1 26 2A AL 1 18,2 RITIRATO 25,7 26 3A AL 1 30,2 30 2A AL 0 RITIRATO 23,7 24 5A

AF 1 RITIRATO 26,1 26 2A AL 1 18,2 RITIRATO 25,7 26 3A AL 1 30,2 30 2A AL 0 RITIRATO 23,7 24 5A 1 10538950 AB 1 18 22,1 22 2A 2 10425074 AB 0 3 10561116 AB 0 RITIRATO 4 10498984 AC 0 5 10574752 AF 1 RITIRATO 26,1 26 2A 6 10568818 AL 1 7 10503657 AL 1 18,2 RITIRATO 25,7 26 3A 8 10521184 AL 0 9 10539026

Dettagli

Elenco candidati preselezione - Comune di Padova-4

Elenco candidati preselezione - Comune di Padova-4 CONCORSO PUBBLICO, PER ESAMI, A TEMPO INDETERMINATO PER N. 28 POSTI DI EDUCATORE ASILO NIDO DI CUI N. 4 PART-TIME, CATEGORIA C ELENCO CANDIDATI CHE DEVONO SOSTENERE LA PRESELEZIONE IL GIORNO 1 AGOSTO 2019

Dettagli

Test ammissione CdL in Economia aziendale ed Economia e commercio GRADUATORIA GENERALE

Test ammissione CdL in Economia aziendale ed Economia e commercio GRADUATORIA GENERALE GRADUATORIA INIZIALI COG E 741 BM 24/10/1997 1 83,125 29,00 37,50 737 RG 14/11/1997 2 81,250 24,00 41,00 471 AN 14/01/1998 3 80,625 25,00 39,50 893 GF 27/09/1997 4 80,000 23,50 40,50 579 DL 22/03/1997

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D'ORO AL VALOR MILITARE PER ATTIVITA' PARTIGIANA

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D'ORO AL VALOR MILITARE PER ATTIVITA' PARTIGIANA Inf.Com. Campanella 1 T.L. Domanda/ricev.N.21171 19/01/2015 Fratelli e Stradario - 65 2 S.A. Domanda/ricev.N.21208 21/06/2015 Fratelli e Stradario - 65 3 R.E. Domanda/ricev.N.21009 17/07/2015 Fratelli

Dettagli

Indirizzi: Amministrazione & Controllo e Marketing & Organizzazione (sia in presenza sia on-line)

Indirizzi: Amministrazione & Controllo e Marketing & Organizzazione (sia in presenza sia on-line) Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali Esiti della prova di verifica della preparazione iniziale A.A. 2018/2019

Dettagli

Risultati simulazione test di accesso per l ammissione al corso di Laurea in Economia

Risultati simulazione test di accesso per l ammissione al corso di Laurea in Economia per Area del Sapere 82720AE 52,00 83738DS 50,00 80966MM 49,00 83737PA 47,75 82866GG 47,50 80724CG 46,75 82972PG 46,75 82612SS 45,00 83377SS 45,00 82722GG 44,75 83739GV 44,75 82318LG 44,25 83361LD 44,25

Dettagli

Risultati simulazione test di accesso per l ammissione al corso di Laurea in Professioni Sanitarie

Risultati simulazione test di accesso per l ammissione al corso di Laurea in Professioni Sanitarie 81032GV 42,00 80207OG 39,75 82663RA 39,25 81026IF 38,75 80173GN 38,50 82400LS 38,50 83014FG 38,50 82402TR 38,25 81024CF 37,75 80329DG 37,50 82335GA 37,50 83099LG 37,50 82462GM 37,50 80360BS 37,25 82626DP

Dettagli

Risultati simulazione test di accesso per l ammissione ai corsi di Laurea Triennale in Ingegneria

Risultati simulazione test di accesso per l ammissione ai corsi di Laurea Triennale in Ingegneria per Area del Sapere I 80262EG 50,50 8,75 3,75 18,75 15,50 3,75 80275LM 39,75 8,50 6,25 1 1 4,00 83803RF 34,25 8,00 13,25 9,50 3,50 82832VA 30,25 80264LN 25,75 80259ZA 25,00 9,25 7,75 1 3,25 8,50 1 5,25

Dettagli

GEORGE FREDERIC HANDEL Allor ch io dissi addio

GEORGE FREDERIC HANDEL Allor ch io dissi addio GEORGE FREDERIC HANDEL Allor ch io dissi addio Cantata per soprano e basso continuo HWV80 Edited by Luigi Cataldi 1 1 c 2000 Luigi Cataldi (luicatal@interfree.it). Non-commercial copying welcome. This

Dettagli

PRIMARIA: TRASFERIMENTI INTERPROVINCIALI

PRIMARIA: TRASFERIMENTI INTERPROVINCIALI AG AN - COMUNE 8 8 109 EH - SOST. MINORATI PSICOFISICI 2 2 192 IL - LINGUA INGLESE 1 1 201,5 ZJ - CORSI DI ISTR. PER ADULTI 1 1 115 AL AN - COMUNE 3 27 EH - SOST. MINORATI PSICOFISICI 1 89 AN AN - COMUNE

Dettagli

A.A. 2018/19 Graduatoria corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza Sessione estiva Ai/Alle candidati/e idonei/e ammessi/e è richiesta l'immatricolazione entro le ore 12.00 del 7 settembre

Dettagli

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so 1 T R I BU N A L E D I T R E V IS O BA N D O P E R L A C E S S IO N E C O M P E TI TI V A D EL C O M P E N D I O A Z I E N D A LE D E L C O N C O R D A T O PR EV E N T I V O F 5 Sr l i n l i q u i da z

Dettagli

REGIONE CODICE PROVINCIA MESE PRESENTAZIONE NUMERO DOMANDE ACCOLTE

REGIONE CODICE PROVINCIA MESE PRESENTAZIONE NUMERO DOMANDE ACCOLTE REGIONE CODICE PROVINCIA MESE PRESENTAZIONE NUMERO DOMANDE ACCOLTE ABRUZZO AQ mar-19 3.190 ABRUZZO AQ apr-19 608 ABRUZZO AQ mag-19 0 ABRUZZO CH mar-19 3.441 ABRUZZO CH apr-19 672 ABRUZZO CH mag-19 0 ABRUZZO

Dettagli

Ministero dell'istruzione dell'università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per il personale scolastico Ufficio V

Ministero dell'istruzione dell'università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per il personale scolastico Ufficio V ALLEGATO "1" - a nota prot. n 8887 del 23/11/2012 Personale ATA - Stima cessazioni beneficiari triennio aa.ss. 13/14-14/15-1^ posizione economica (seq. contr.le 25/07/08) Abruzzo AQ AA 15 AT 7 CS 52 AQ

Dettagli

Esiti della prova di verifica della preparazione iniziale A.A. 2018/2019 Corsi di Studi in Amministrazione e Organizzazione - Scienze Politiche

Esiti della prova di verifica della preparazione iniziale A.A. 2018/2019 Corsi di Studi in Amministrazione e Organizzazione - Scienze Politiche Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche Dipartimento di Scienze Sociali e delle Istituzioni Esiti della prova di verifica della preparazione iniziale A.A.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA AT DLLA RPULCA X LGLATURA. 0/0 Anne 0 DG D LGG prett dl Mtr del Ter (GRA) d rt cl Mtr del lnc e dell Prre c (RMTA) lnc d preve dell tt per l'nn fnr 96 e blnc plurnle per l trn 96-9 PRTAT ALLA PRDA L 0

Dettagli

A.A. 2015/2016 Graduatoria ammessi al corso di laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva sessione estiva

A.A. 2015/2016 Graduatoria ammessi al corso di laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva sessione estiva 1 S.A. 08/07/1996 30,00 46,40 76,40 Idoneo ammesso (*) 2 F.N. 19/07/1996 26,25 45,53 71,78 Idoneo ammesso 3 M.F. 24/05/1982 27,75 43,79 71,54 Idoneo ammesso 4 P.E.M 29/08/1989 21,00 49,01 70,01 Idoneo

Dettagli

PROSPETTO DEI DATI SINTETICI RISULTANTI AL SISTEMA ALLA DATA DI EFFETTUAZIONE D C: TRASFERIMEN TI PROVINCIALI A: TRASFERIMENT LITA' IN ENTRATA DA

PROSPETTO DEI DATI SINTETICI RISULTANTI AL SISTEMA ALLA DATA DI EFFETTUAZIONE D C: TRASFERIMEN TI PROVINCIALI A: TRASFERIMENT LITA' IN ENTRATA DA PROSPETTO DEI DATI SINTETICI RISULTANTI AL SISTEMA ALLA DATA DI EFFETTUAZIONE D SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO DI RIFERIMENTO : 2017/18 PROVINCIA TIPO POSTO B: A: TRASFERIMENT DISPONIBI I PROVINCIALI

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

CITTA' DI ALGHERO PROVINCIA DI SASSARI - SETTORE V - QUALITA' DELLA VITA II AMBITO POLITICHE DI AFFIANCAMENTO E DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE

CITTA' DI ALGHERO PROVINCIA DI SASSARI - SETTORE V - QUALITA' DELLA VITA II AMBITO POLITICHE DI AFFIANCAMENTO E DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE 1 A.N. 01/01/1958 11 2 A.F. 07/05/1966 13 3 A.C. 07/10/1941 17 4 A.S. 05/12/1987 11 5 A.A. 14/03/1978 11 6 A.T. 22/12/1959 11 7 A.D. 18/09/1983 10 8 A.C. 17/06/1941 17 9 A.M. 11/05/1975 11 10 B.A. 15/08/1972

Dettagli

2 CONTRIBUTI PER INDIGENTI

2 CONTRIBUTI PER INDIGENTI 2 CONTRIBUTI PER INDIGENTI Delibera Consiglio Comunale n. 19 del 29/03/2000 e regolamento comunale A.M. 590,11 A.F. 140,00 A.R. 1.410,00 A.B. 25,00 A.A. 20,00 A.M. 2.851,70 AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D'ORO AL VALOR MILITARE PER ATTIVITA' PARTIGIANA

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D'ORO AL VALOR MILITARE PER ATTIVITA' PARTIGIANA Inf.Com. Campanella 1 P.L. Domanda/ricev.N.22080 08/07/2016 Fratelli e Stradario - 95 2 G.G. Domanda/ricev.N.22157 16/05/2016 Fratelli e Stradario - 65 3 B.A. Domanda/ricev.N.22162 23/11/2016 Fratelli

Dettagli

NR COMUNE COGNOME E NOME DATA PR. TOT 116 Anagni MIV 18/03/16 16, Anagni LM 31/03/16 16,5 118 Anagni DPG 06/04/16 16,5 119 Anagni IM 11/04/16

NR COMUNE COGNOME E NOME DATA PR. TOT 116 Anagni MIV 18/03/16 16, Anagni LM 31/03/16 16,5 118 Anagni DPG 06/04/16 16,5 119 Anagni IM 11/04/16 NR COMUNE COGNOME E NOME DATA PR. TOT 116 Anagni MIV 18/03/16 16,75 117 Anagni LM 31/03/16 16,5 118 Anagni DPG 06/04/16 16,5 119 Anagni IM 11/04/16 16,5 120 Alatri RN 01/04/16 16,25 121 Alatri MA 21/03/16

Dettagli

A.A. 2018/19 Graduatoria corso di laurea in Economia e Management

A.A. 2018/19 Graduatoria corso di laurea in Economia e Management A.A. 2018/19 Graduatoria corso di laurea in Economia e Management Ai/Alle candidati/e idonei/e ammessi/e è richiesta l'immatricolazione entro le ore 12.00 del 17 settembre completando la procedura all'indirizzo:

Dettagli

ATTIVITA' DI CARATTERE SOCIO SANITARIO ASSISTENZIALE PERSONE FISICHE ALBO DEI BENEFICIARI 2016

ATTIVITA' DI CARATTERE SOCIO SANITARIO ASSISTENZIALE PERSONE FISICHE ALBO DEI BENEFICIARI 2016 ATTIVITA' DI CARATTERE SOCIO SANITARIO ASSISTENZIALE PERSONE FISICHE N. NOMINATIVO FINALITA' DEL BENEFICIO DURATA IMPORTO ATTO DI EROGAZIONE 1 A.S. Borsa di studio una tantum 100 S.S. n. 215/16 2 A.S.

Dettagli

E P E R LA R E D A Z I O N E D E L P E P ( P i a n o d i e m e rg e n z a

E P E R LA R E D A Z I O N E D E L P E P ( P i a n o d i e m e rg e n z a AU TOR ITÀ PORT UA L E A P P A LTO P E R L ' A F F I DA M E N TO D E L LA R EV I S I O N E D E L R I S P ( R a p p o r t o i n t e g r a t o d i s i c u re z z a p o r t u a l e ) E P E R LA R E D A Z

Dettagli

UNIONE NAZIONALE INCREMENTO RAZZE EQUINE U.N.I.R.E.

UNIONE NAZIONALE INCREMENTO RAZZE EQUINE U.N.I.R.E. T A B E L L A. t t i p r e v i i n e e ll p e e l in i te r e ll'a g r ic ltu r e e lle F r e te p e r l' n n n n z i r i 9 7 5 A E. CT CUTV UE AZALE CREET RAZZE EUE U...R.E. EERCZ FAZAR 97 TABELLA Anne

Dettagli

gestion e ripresen tate nuovo Regola mento IPT tutela venditor e nuovo Regola mento IPT succes sione ereditar ia agevol azioni disabil i

gestion e ripresen tate nuovo Regola mento IPT tutela venditor e nuovo Regola mento IPT succes sione ereditar ia agevol azioni disabil i Provincia % maggiora zione tasso interesse modico valore 2688 cc.nuo vo tutela venditor e nuovo gestion e ripresen tate nuovo agevol azioni disabil i succes sione ereditar ia atti societ ari veicoli ecocompati

Dettagli

A.A. 2014/2015 Graduatoria ammessi al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza.

A.A. 2014/2015 Graduatoria ammessi al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza. 1 O.N. RLCNCL94T15L424H 15/12/1994 85,14 Idoneo Ammesso 2 L.L. LNELCU95A18D542E 18/01/1995 78,15 Idoneo Ammesso 3 M.P. MNNPTR95M02C351E 02/08/1995 75,83 Idoneo Ammesso 4 M.S. MNSSRA95L49G535D 09/07/1995

Dettagli

Ingegneria dell'informazione e delle Comunicazioni 14 maggio lunedì 21 maggio 2018.

Ingegneria dell'informazione e delle Comunicazioni 14 maggio lunedì 21 maggio 2018. A.A. 2018/2019 Graduatoria per l'ammissione al corso di laurea in Ingegneria dell'informazione e delle Comunicazioni I/le candidati/e in posizione utile nelle graduatorie di ammissione dovranno confermare

Dettagli

Test di ammissione corso di laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari

Test di ammissione corso di laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari Test di ammissione corso di laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari 9 settembre 2016 - convocazione ore 9.30 Polo Scientifico e Tecnologico Fabio Ferrari Via Sommarive, 5 - Povo Aula A101 A.G. 09/10/1997

Dettagli

œ œ Œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ œ J œ œ Œ œ Œ œ w

œ œ Œ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ œ J œ œ Œ œ Œ œ w c Lirido The irth of Flora From La Flora: Act sc 9-10 Marco da Gagliao - colgio - co - do, o stu-po - re, o va-ghez - za. Ec - cogem - ma -to_il suol, fio - c [6] [6] j ri - to_il mo - do. Ve - i -te_aschie

Dettagli

A.A. 2018/2019 Graduatoria corso di laurea in Studi Internazionali Sessione primaverile Ai candidati idonei ammessi spostati d'ufficio non è richiesta alcuna ulteriore conferma del posto. Ai/Alle candidati/e

Dettagli

A.A. 2018/19 Graduatoria corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Sessione estiva di agosto

A.A. 2018/19 Graduatoria corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Sessione estiva di agosto I/le idonei/e ammessi/e nella graduatoria del corso di laurea indicato come seconda scelta dovranno procedere con disponibili con i/le che hanno ottenuto un punteggio superiore alla soglia, l ammissione

Dettagli

TT R. D D LL NZ T R D L D R T R D LL D L V L V T 8 0 T R N BL L N, n.n d ll. d d ll nz 8 n r t d n :42 T http: hdl.h ndl.n t 202 dp

TT R. D D LL NZ T R D L D R T R D LL D L V L V T 8 0 T R N BL L N, n.n d ll. d d ll nz 8 n r t d n :42 T http: hdl.h ndl.n t 202 dp TT R. D D LL NZ T R D L D R T R D LL D L V L V T 8 0 T R N BL L N, n.n d ll. d d ll nz 8 n r t d n 20 0 0 0 :42 T http: hdl.h ndl.n t 202 dp. 0 0 464828 880 RL P LL f r n ll nd r zz, n ll v d t r d h,

Dettagli

RELAZIONE TRA CONVENZIONI DI SEGRETERIA E COMUNI

RELAZIONE TRA CONVENZIONI DI SEGRETERIA E COMUNI RELAZIONE TRA IONI DI SEGRETERIA E Quadro riepilogativo delle convenzioni di segreteria aggregati per regione. La tabella successiva ed i grafici 1 e 2 rappresentano il peso numerico delle convenzioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA EAT DELLA EPUBBLCA X LEGLATUA DEG D LEGGE 02/20 Ae 7 preett dl tr del Ter (GA) d ccert cl tr del Blc e dell Prgre Ecc (TA) (V tpt Cer 206) dfct c l t d vr preett dl tr del ter (Gr) d ccert c l tr del blc

Dettagli

GRADUATORIE TEST PRESELETTIVO CORSO DI SPECIALIZZAZIONE SOSTEGNO - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

GRADUATORIE TEST PRESELETTIVO CORSO DI SPECIALIZZAZIONE SOSTEGNO - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 1 R.L. 22/11/1982 26,5 AMMESSO 2 B.R. 12/05/1988 26 AMMESSO 3 A.N. 03/08/1985 26 AMMESSO 4 C.R. 28/02/1975 25,5 AMMESSO 5 B.M. 07/09/1974 25 AMMESSO 6 A.F. 24/03/1988 25 AMMESSO 7 S.A. 02/07/1983 25 AMMESSO

Dettagli

L istogramma e il grafico a torta mettono a confronto il numero delle inabilità parziali di ciascuna regione nel periodo di riferimento

L istogramma e il grafico a torta mettono a confronto il numero delle inabilità parziali di ciascuna regione nel periodo di riferimento L istogramma e il grafico a torta mettono a confronto il numero delle inabilità parziali di ciascuna regione nel periodo di riferimento -. Risultati raccolta fondi per venditore REGIONE NUMERO INABILI

Dettagli

A.A. 2015/2016 Scorrimento graduatoria ammessi al corso di laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva sessione estiva

A.A. 2015/2016 Scorrimento graduatoria ammessi al corso di laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva sessione estiva A.A. 2015/2016 Scorrimento graduatoria ammessi al corso di laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva sessione estiva I candidati idonei ammessi in graduatoria dovranno completare la procedura

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

Combattimento di Tancredi et Clorinda

Combattimento di Tancredi et Clorinda Trqut Tss (1544 1595) Clrd ' f '' Tncr d f ' Tst c g' B. c. TAn- LA- vl l' r pr Cmbtmnt Tncr t Clrd Libr ttv d dgli Tncr Cu Mnvr (1567 1643) Cl rd un h m s LA- 7 16 24 vr l pr. v d'n trr sp 3 2. 3 2 S

Dettagli

È VENUTA. La tua gloria ha il colore delle piaghe, la tua croce di vittoria ci rivestirà. Kyrie eleison, Christe eleison, Kyrie eleison, eleison.

È VENUTA. La tua gloria ha il colore delle piaghe, la tua croce di vittoria ci rivestirà. Kyrie eleison, Christe eleison, Kyrie eleison, eleison. È VENUA l A trofa Gv 17 l; Gv 13; Le 2325; M 1515 2 A trofa Gv 17 l; Gv 1349; Sal 107 14 3 A trofagv 17;Gv 131; Le 2219M 1422; Gv 12 4 A trofa Gv 17 l; Gv 17 l526 "La tua glora" dr Antfona dngreo; Gv 133132;

Dettagli

A.A. 2018/2019 Graduatoria corso di laurea in Studi internazionali Sessione primaverile entro le ore del 14 maggio 14 maggio 18 maggio

A.A. 2018/2019 Graduatoria corso di laurea in Studi internazionali Sessione primaverile entro le ore del 14 maggio 14 maggio 18 maggio A.A. 2018/2019 Graduatoria corso di laurea in Studi internazionali Sessione primaverile Ai/Alle candidati/e idonei/e ammessi/e è richiesta la conferma del posto entro le ore 12.00 del 14 maggio https://www.esse3.unitn.it/auth/studente/immatricolazione/immatricolazionestarttipodomimm.do

Dettagli

Polizia di Stato Questur a di Tr ento

Polizia di Stato Questur a di Tr ento Polizia di Stato Questur a di Tr ento Elenco dei passaporti emessi a seguito di istanze presentate presso gli sportelli URP della Questura di Trento e presso i Commissariati della Polizia di Stato di Rovereto

Dettagli

entro le ore del 7 settembre I/le candidati/e che non dovessero rispettare la scadenza saranno considerati rinunciatari/e.

entro le ore del 7 settembre I/le candidati/e che non dovessero rispettare la scadenza saranno considerati rinunciatari/e. 1 M.A. 08/05/1998 85,38 45,38 33,00 Idoneo/a ammesso/a 2 B.A. 19/07/1998 74,88 34,88 29,50 Idoneo/a ammesso/a 3 R.P. 08/07/1998 73,00 33,00 26,50 Idoneo/a ammesso/a 4 D.S.G. 19/03/1998 71,88 31,88 27,00

Dettagli

Particol arità su veicoli storici (P) / Dichiara zione uso non professi onale (X) gestion e riprese ntate nuovo Regola mento IPT

Particol arità su veicoli storici (P) / Dichiara zione uso non professi onale (X) gestion e riprese ntate nuovo Regola mento IPT vlr Rgl mnt tutl vndt r nu Rgl mnt gstn rprs ntt nu Rgl mnt g dsb l succ ssn rdt r tt sc tr vcl ccmp tbl bblg dcu mnt fscl snt Prtcl rtà su vcl strc Dchr us nn prfss nl crtr dcrrnz vrzn trffr AG 30 lgl

Dettagli

I NUMERI DELLA VIGILANZA PRIVATA

I NUMERI DELLA VIGILANZA PRIVATA I NUMERI DELLA VIGILANZA PRIVATA Anno 2012 Osservatorio ASSIV sulla sicurezza sussidiaria e complementare Nota metodologica I numeri elaborati dall OSSERVATORIO ASSIV su dati Inps si riferiscono alle che

Dettagli

ALLEGATO 1 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLA PREVISIONE DI SPESA PER LE STRUTTURE DIURNE CSE_SFA ANNO 2017

ALLEGATO 1 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLA PREVISIONE DI SPESA PER LE STRUTTURE DIURNE CSE_SFA ANNO 2017 ALLEGATO 1 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLA PREVISIONE DI SPESA PER LE STRUTTURE DIURNE CSE_SFA ANNO 2017 CSE PICCOLI CSE-SFA FUORI AMBITO CSE ACCREDITATI SFA ACCREDITATI totale gg frequenza spesa in gg frequenza

Dettagli

Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco"

Formula Bonus-Malus l'abito non fa (più) il monaco Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco" Limiti e criticità dell'attuale formula Giovanni Sammartini Coordinatore Commissione Danni Roma, 7 giugno 2013 2000-2011: com'è cambiata la distribuzione

Dettagli

SOSTEGNO AGLI ALUNNI CON DISABILITÀ (D.M. 30 settembre 2011) A.A. 2018/2019

SOSTEGNO AGLI ALUNNI CON DISABILITÀ (D.M. 30 settembre 2011) A.A. 2018/2019 ELENCO AMMESSI TEST PRELIMINARE CORSI DI SPECIALIZZAZIONE PER LE ATTIVITÀ DI SOSTEGNO AGLI ALUNNI CON DISABILITÀ (D.M. 30 settembre 2011) A.A. 2018/2019 TUTTI I CANDIDATI SONO AMMESSI CON RISERVA IN ATTESA

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE POLIZZA FURTO DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE POLIZZA FURTO DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE POLIZZA FURTO DELLA BICICLETTA Corso Garibaldi, 24/A - 40064 Ozzano Emilia (Bo) - Tel. 051 790305 - fax 051 790305 Iscrizione RUI n. B000385123 - P. IVA 03120451202 info@gavanellibroker.it

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SEATO DELLA REPBBLCA X LECSLATRA 236 Allegto AlS DSEGO D LEGGE presetto dl iistro del Tesoro (CARL) di cocerto col iistro del Bilcio e dell Progrmmzioe Ecoomic (CRO POCO) (V Stmpto Cmer 4923) pprovto dll

Dettagli

Inno a S. Luigi Orione

Inno a S. Luigi Orione Inno a S. Luigi Orione Testo e musica di. D'acunto rm.. Do Soprano 4 Contralto 4 O Tri ni tà be a ta lu Tenore 4 Basso 4 O Tri ni tà be a ta lu Organo 4 4 O Tri ni tà be a ta lu S. 9. ce sa pienza a mo

Dettagli

AU TO R I TÀ PORT UA L E D I V E N E Z I A

AU TO R I TÀ PORT UA L E D I V E N E Z I A AUTORITÀ PORT UA LE D I VEN E Z IA A P PA LTO D E I LAVO R I P E R LA CO ST R U Z I O N E D E L LA DA R S E N A N O R D E D E L M A R G I N AM E N TO S U D T E R M I N A L A U TO ST RA D E D E L MA R E

Dettagli

ASSEGNI DI CURA, PRONTE LE GRADUATORIE

ASSEGNI DI CURA, PRONTE LE GRADUATORIE Ambito Territoriale Sociale di Gioia del Colle, Casamassima, Turi e Sammichele di Bari Ufficio di Piano ASSEGNI DI CURA, PRONTE LE GRADUATORIE Si rende noto che con Determinazione n. 278 del 22.03.2013

Dettagli

La procedura per l'immatricolazione è disponibile all'indirizzo:

La procedura per l'immatricolazione è disponibile all'indirizzo: 1 M.S. 21/06/1996 57 Idoneo ammesso 2 L.V. 09/06/1996 57 Idoneo iscritto d'ufficio dal percorso Letterature, lingue e traduzione 3 M.A. 27/04/1996 Idoneo iscritto d'ufficio dal percorso Letterature, lingue

Dettagli

NN H R D T F N L N H N. T N D D TR D TT. NT N L N P D V 6 0 n r t d n : T P bl D n, l d t z d th tr t. r pd l

NN H R D T F N L N H N. T N D D TR D TT. NT N L N P D V 6 0 n r t d n : T P bl D n, l d t z d   th tr t. r pd l NN H R D T F N L N H N. T N D D TR D TT. NT N L N P D V 6 0 n r t d n 20 0 08 20: T P bl D n, l d t z d http:.h th tr t. r pd l PR PR T L TT R R Â p r ht 60 b d P d v t p t n t l Pr nt d n t l T p. rt

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Tabella 1 Frequenze pianificate per le reti nazionali e locali nell Area Tecnica 1 (Piemonte occidentale) nazionale 1 36 nazionale 2 40 nazionale 3 46 nazionale 4 32 nazionale 5 42 nazionale 6 47 nazionale

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA AT DLLA RPUBBLCA l LGLATURA ( 4/ tr) A TA D ARA AL Blnc d rvn dll tt r l'nn fnnr 9 blnc lrnnl r l trnn 9-94 rntt dl ntr dl Tr (ADRATTA) d cncrt cl ntr dl Blnc dll Prrn cnc (LA ALFA) CUCATA ALLA PRDA L

Dettagli

Laudate Dominum If. - r: .. ~ r p L 1...J. r --r L_L:~r -""-, voce sola Soprano 0 Tenore .,., -~-==== - - " z",.

Laudate Dominum If. - r: .. ~ r p L 1...J. r --r L_L:~r --, voce sola Soprano 0 Tenore .,., -~-==== - -  z,. Laudate Dominum voce sola Sopano 0 Tenoe Ff,3 \f'2 o=j, c,, '"', ' f',; ; «N() 0 TENORE Y' 7 La\1 da te lau da te BASSO CONTNUO \ i z", 7 T "", j " _, u_ T tf " o, 'T ==== 11 lit,, 1 ""'" f'" Do 1111 nun

Dettagli

A.A. 2019/2020 Graduatoria per l'ammissione al corso di laurea in Ingegneria per l'ambiente e il territorio

A.A. 2019/2020 Graduatoria per l'ammissione al corso di laurea in Ingegneria per l'ambiente e il territorio D.A. 06/09/2000 44,00 24,00 Idoneo/a ammesso/a CAL.M. 29/12/2000 41,25 28,00 Idoneo/a ammesso/a B.M.E. 25/12/2000 40,50 25,00 Idoneo/a ammesso/a M.S. 07/01/2000 40,25 28,00 Idoneo/a ammesso/a O.G. 15/05/1999

Dettagli

Ogni amante è guerrier Libro ottavo de madrigali

Ogni amante è guerrier Libro ottavo de madrigali 4 Ottvi Rinuccini (1562 1621) Tnr I c ' Tnr II c g' 10 16 3 O- 3 B. c. 3 O- 3 3 3 t, t nch' 3 3 22 3 d, f n g. g s pr v, sl Ogni t r Libr ttv d mdg r; Qul fi f O nl t, pr v c tà, n cl t, t r ch'l dur g

Dettagli

2 CONTRIBUTI PER INDIGENTI

2 CONTRIBUTI PER INDIGENTI 2 CONTRIBUTI PER INDIGENTI A.R. 1.250,00 A.M. 700,00 B.B. 230,00 B.A. 2.549,66 B.M. 283,63 C.M. 230,00 C.R. 800,00 C.M. 600,00 C.C. 496,00 COMUNE DI BENTIVOGLIO 1.458,05 COMUNITA' IL SORRISO 1.080,00 C.R.

Dettagli

Cü^ 3 O Q) SfflS S-ga «3^ IP 3 2. (O Q C/) i: 3. o o CD CQ. -:oo (D CD (D _ 03 O

Cü^ 3 O Q) SfflS S-ga «3^ IP 3 2. (O Q C/) i: 3. o o CD CQ. -:oo (D CD (D _ 03 O ü^ /) f D) ( Q -: _ 5 f i: SfflS S-g «^ P 2. 0 i: l'si S S 5* ír D) 0 i" -S

Dettagli

AUTORITÀ PORT UA L E D I VEN E Z I A

AUTORITÀ PORT UA L E D I VEN E Z I A AUTORITÀ PORTUALE D I EN E Z l A A P PA LTO D E I LAO R I P E R LA COST R U Z I O N E D E L LA DA R S E N A N O R D E D E L M A R G I N AM E N TO S U D - T E R M I N A L A U TOST RA D E D E L MAR E E P

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SAT DLLA RPUBBLA X LSLATURA. 25/2 Ann 6 DS D L prn dl nr dl Tr (RA) d nr l nr dl Bln dll Prgrzn n (RTA) (V. Sp r n. 47) Apprv dll r d dp nll d dl 2 nvbr 6 Tr dl Prdn dll r d dp ll Prdnz l 22 nvbr 6 Bln

Dettagli

constructino i a democrauc developmental state h polen~o~s ond cho~enges ed~ed b~ omano ed~gheji SOU~fl c[l,~c~. ~ ~ ~

constructino i a democrauc developmental state h polen~o~s ond cho~enges ed~ed b~ omano ed~gheji SOU~fl c[l,~c~. ~ ~ ~ nstrun i a demrau deelpmental state h SOU [L,. pns nd henes eded b man edheji ts4a r p t,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA AT DLLA RBBLA X LGLATRA. 47/ A DG D LGG prntt l ntr l Tr (ARL) nt l ntr l Bln ll rgrmmn nm (R ) (V. tmpt mr n. ) pprvt ll mr ptt nll t l nvmbr 99 Trm l rnt ll mr ptt ll rn l 6 nvmbr 99 Bln prvn ll tt pr

Dettagli

Rappresentatione di anima, et di corpo. j œ œ. œ œ œ œ œ. œ œ.

Rappresentatione di anima, et di corpo. j œ œ. œ œ œ œ œ. œ œ. ATTO I - Sa Prima 1. Il Tmpo Il tm - po, il tm - po fug - g, la vi - ta si di - strug - Rapprstatio di aima, t di orpo Nuovamt posta i Musia dal Sig. Emilio dl Cavallir, pr ritar Catado. Data i lu da Allssadro

Dettagli

IL VALORE DEI COMPRENSORI LAPIDEI ITALIANI PER L ECONOMIA NAZIONALE.

IL VALORE DEI COMPRENSORI LAPIDEI ITALIANI PER L ECONOMIA NAZIONALE. IL VALORE DEI COMPRENSORI LAPIDEI ITALIANI PER L ECONOMIA NAZIONALE. IL SALDO COMMERCIALE A cura di: Manuela Gussoni Ufficio studi IMM 21 maggio 2014 In un contesto di sostanziale stazionarietà dell export

Dettagli

Comando Generale dell Arma dei Carabinieri II Reparto - SM - Ufficio Operazioni

Comando Generale dell Arma dei Carabinieri II Reparto - SM - Ufficio Operazioni Comando Generale dell Arma dei Carabinieri II Reparto - SM - Ufficio Operazioni ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE Comandi Interregionali Comando Interregionale PASTRENGO Comando Interregionale VITTORIO VENETO

Dettagli

AUTOR ITÀ PORT UA LE D I VE N E Z I A

AUTOR ITÀ PORT UA LE D I VE N E Z I A I «_,]; AUTOR ITÀ PORT UA LE IL PR ES ID EN TE D EL L 'A U TORI TA ' POR TUA L E D I ENEZ IA IS TO I l C o d i c e d e l l a N a v i g a z i o n e e d i l R e l a t i vo R e g o l a m e n t o d i e s e

Dettagli

Divisione di Polizia Amministrativa Sociale e dell Immigrazione

Divisione di Polizia Amministrativa Sociale e dell Immigrazione Divisione di Polizia Amministrativa Sociale e dell Immigrazione Polizia di Stato ELENCO PORTO D ARMI E NULLA OSTA PRONTI DA RITIRARE COMMISSARIATO CC DI RESIDENZA NR. PROTOCOLLO AIELLO D.S. AIELLO D.S.

Dettagli

TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO

TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO TRO D PRMO LVLLO OBO PAO D STD PRORAMM D CORS ARA CARATTRZZAT SAM D AMMSSO D OBO 1 secine di n brn per be sl be e pinfrte be e rches scelt del cndidt. 2 secine di de stdi scelt del cndidt tti di metdi:

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. Biblioteca di Area Scienze Politiche

Università degli Studi di Napoli Federico II. Biblioteca di Area Scienze Politiche Università degli Studi di Napoli Federico II Biblioteca di Area Scienze Politiche Università degli Studi di Napoli Federico II Biblioteca di Area Scienze Politiche c uriosando in Bibl i oteca Spunti tematici

Dettagli

9001 TRASPORTO PUBBLICO

9001 TRASPORTO PUBBLICO 9001 TRASPORTO PUBBLICO Legge regionale n. 30/98 art. 9 c. 2 SRM - RETI E MOBILITA' SPA 23.209,73 23.209,73 Pagina 1 di 24 9002 CONTRIBUTI PER INDIGENTI Delibera Consiglio Comunale n. 19 del 29/03/2000

Dettagli

GIORNALE. not ANIC o IT ALIA NO FILIPPO PARLATORE FIRENZE. PER CUIt\ DELLl SEZIONE notlnicl DEI COXGRESSI SCIENTIFICI ITALUM. 18\..

GIORNALE. not ANIC o IT ALIA NO FILIPPO PARLATORE FIRENZE. PER CUIt\ DELLl SEZIONE notlnicl DEI COXGRESSI SCIENTIFICI ITALUM. 18\.. GIORNALE not ANIC o IT ALIA NO COMPILATO PER CUIt\ DELLl SEZIONE notlnicl DEI COXGRESSI SCIENTIFICI ITALUM D A FILIPPO PARLATORE P rore sore di Botanica e di Fisiologia vegetale c Direllore dcll'crhlrill

Dettagli

Aderenti al Fapi Fondo formazione PMI a Novembre 2013

Aderenti al Fapi Fondo formazione PMI a Novembre 2013 Aderenti al Fapi Fondo formazione PMI a Novembre 2013 Periodo di competenza settembre 2013 Periodo di presentazione Uniemens ottobre 2013 Data di scarico 19 novembre 2013 Dinamica Figura 1 - Andamento

Dettagli

Corso di estimo D. Esercitazione 1

Corso di estimo D. Esercitazione 1 Corso di estimo D ESERCITAZIONE PROGETTUALE STIMA DEL COSTI E DEI TEMPI Esercitazione 1 Obiettivo: rendere esecutivo ed appaltabile un progetto già elaborato dallo studente in corsi di progettazione/ tecnologia

Dettagli

Un rap d'educazione... all'alimentazione canto per voce e pianoforte

Un rap d'educazione... all'alimentazione canto per voce e pianoforte U rap d'educazioe... all'alimetazioe cato per voce e piaoforte Voce Piaof. Allegro q = 144 4 4 4 Tutti Que - sto è il o-stro.. Scrivi che ti cato 201/14 Classe IV B - Scuola Primaria Paritaria M. di Caossa

Dettagli

Il decreto sulle «Liberalizzazioni» Vittorio Verdone Direttore Auto, Distribuzione, Consumatori e Servizi Informatici Milano, 16 luglio 2012

Il decreto sulle «Liberalizzazioni» Vittorio Verdone Direttore Auto, Distribuzione, Consumatori e Servizi Informatici Milano, 16 luglio 2012 Il decreto sulle «Liberalizzazioni» Vittorio Verdone Direttore Auto, Distribuzione, Consumatori e Servizi Informatici Milano, 16 luglio 2012 Contenimento delle speculazioni sulle lesioni fisiche lievissime

Dettagli

Servizio Politiche attive per il lavoro Servizio Formazione professionale

Servizio Politiche attive per il lavoro Servizio Formazione professionale Graduatoria provinciale integrata Bando di avviamento a selezione, riservato a lavoratori disabili, c/o Azienda ULSS 12 veneziana per n. 12 posti di Coadiutore amministrativo cat. B, a tempo indeterminato

Dettagli

Colorno,, 12 Ottobre Matteo Beghelli, Area studi e ricerche Unioncamere Emilia-Romagna

Colorno,, 12 Ottobre Matteo Beghelli, Area studi e ricerche Unioncamere Emilia-Romagna ,, 12 Ottobre 2008 Matteo Beghelli, Area studi e ricerche Unioncamere Emilia-Romagna Il metodo seguito: Abbiamo una grande quantità dati economici Ma una bassa qualità dell informazione economica Questa

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE FINANZIARIA AL 31 DICEMBRE 213 PAGINA BIANCA 3/58 Indice Organi Sociali... 6 Consiglio di Amministrazione... 6 Collegio Sindacale... 6 Società di Revisione... 6 Specialist... 6 Nomad... 6 Struttura

Dettagli

ALBO BENEFICIARI DI PROVVIDENZE ECONOMICHE ANNO 2014

ALBO BENEFICIARI DI PROVVIDENZE ECONOMICHE ANNO 2014 Comune di Dicomano ALBO BENEFICIARI DI PROVVIDENZE ECONOMICHE ANNO 2014 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 35 del 23/04/2015 RIEPILOGO GENERALE ANNO 2014 SETTORE IMPORTI EROGATI PERSONE

Dettagli

Quattro canti natalizi per coro misto a cappella

Quattro canti natalizi per coro misto a cappella A R O Z C C A N T E Quattro canti natalizi er coro misto a caella 2013 Il messaggio di Gabriele La mezzanotte alin scoccò Gli uccelli eran uggiti agando sotto il cielo da un canto oolare basco sorano contralto

Dettagli

Le componenti dello sviluppo nei comuni delle Terre Verdiane

Le componenti dello sviluppo nei comuni delle Terre Verdiane Prime considerazioni in merito a: Le componenti dello sviluppo nei comuni delle, 6 marzo 2009 Matteo Beghelli, Area studi e ricerche Unioncamere Emilia-Romagna Il metodo seguito: Abbiamo una grande quantità

Dettagli

L V D br pr vv t ff tt d ll. D l h, h n ll r n n, n n n p r t h l pr t t, l p d ll v lt, bl t r r t t lv lt p r ² lt d t nt, f p ll n l nt r r d l l b

L V D br pr vv t ff tt d ll. D l h, h n ll r n n, n n n p r t h l pr t t, l p d ll v lt, bl t r r t t lv lt p r ² lt d t nt, f p ll n l nt r r d l l b 8 L V D d xtr t t r n t l br d nt t d nt b 24, n tr t pr rt n xt rn p t j r b. L n. 2. L r.... n h l lt r r. v nn, d p r ² n rv n v r b n pl r n l d P l r n n n h h n p t. L d r z n d l. B n, n n r lt

Dettagli