REGIONE LOMBARDIA PROVA 02

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE LOMBARDIA PROVA 02"

Transcript

1 SI SI REGIONE LOMARIA oncorso pubblico, per esami, per l assunzione a tempo indeterminato e a tempo pieno, presso il onsiglio regionale della Lombardia, di n. 13 unità di personale nella categoria, parametro tabellare iniziale 1, profilo professionale 1.a - «istruttore direttivo amministrativo» Incollare sulla scheda delle risposte il codice a barre sottostante: odice questionario PROVA 02 r r Sr r r r exi Sr r r r r elexi Sr r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r exi Sr r r r r i Sr r r r r r r r QUESTIONARIO ON TUTTE LE RISPOSTE ESATTE NELL'ALTERNATIVA A pag. 1

2 Indicare quale delle seguenti potestà è un'esplicazione dell'autonomia di indirizzo politico delle Regioni. A La potestà di dirigere la propria azione legislativa secondo un indirizzo politico diverso da quello del Parlamento nazionale La potestà di dirigere la propria azione legislativa secondo un indirizzo politico diverso da quello delle altre Regioni, ma non dal Parlamento nazionale La potestà di avere propri organi elettivi, le cui decisioni devono comunque essere politicamente in linea con quelle del Parlamento nazionale La potestà di avere propri organi giurisdizionali, chiamati, tuttavia, a dare attuazione alle leggi della Repubblica Quale delle seguenti è una materia di legislazione concorrente tra Stato e Regioni? A Porti e aeroporti civili Ordine pubblico e sicurezza ittadinanza e stato civile Protezione dei confini nazionali In base alla ostituzione Italiana, un impiegato privato eletto come membro del Parlamento, può conseguire una promozione? A Sì, ma solo per anzianità Sì, in ogni caso No, mai Sì, ma solo per meriti di servizio Secondo l art. 13 della ostituzione italiana, può l'autorità di pubblica sicurezza emettere provvedimenti restrittivi della libertà personale? A Sì, ma tali provvedimenti sono provvisori, devono essere convalidati dall'autorità giudiziaria e possono essere adottati soltanto in casi eccezionali di necessità e urgenza Sì, ma soltanto se il magistrato delega tale potere all'autorità di pubblica sicurezza No, in nessun caso Sì, ma solo in caso di pericolo pubblico L art. 27 della ostituzione italiana prevede espressamente che: A le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità la responsabilità penale può essere collettiva o personale a seconda del tipo di reato commesso l imputato è considerato colpevole solo dopo la sentenza di condanna di primo grado e mai con la semplice iscrizione nel registro degli indagati le pene tendono alla moralizzazione del condannato Ai sensi dell'art. 54 del decreto legislativo 118/2011, l'ordinativo di incasso deve contenere la codifica SIOPE? A Sì, deve contenerla No, è sufficiente l'indicazione del debitore e l'ammontare della somma da riscuotere Sì, in alternativa alla causale Può contenerla se occorre evitare ambiguità r r Sr r r r exi Sr r r r r elexi Sr r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r exi Sr r r r r i Sr r r r r r r r QUESTIONARIO ON TUTTE LE RISPOSTE ESATTE NELL'ALTERNATIVA A pag. 2

3 In base al d.lgs. 118/2011, si definisce "Ente strumentale partecipato dalla Regione" l'ente: A nel quale la Regione ha una partecipazione, in assenza delle condizioni che lo qualificherebbero come Ente strumentale controllato nel quale la Regione ha il possesso, diretto o indiretto, della maggioranza dei voti esercitabili nell'ente nel quale la Regione ha una partecipazione superiore al 75% costituito dalla Regione per lo svolgimento dei suoi fini istituzionali o ammessi dalla legge Quale tra i seguenti rapporti NON figura tra quelli che vengono presentati a corredo del Programma Regionale di Sviluppo, ai sensi dell'art. 6 della legge della Regione Lombardia 34/1978? A La relazione quinquennale sull avanzamento del Programma Regionale di Sviluppo Il rapporto sulla situazione economica, sociale e territoriale della Regione Il rapporto sullo stato di attuazione del Programma Regionale di Sviluppo vigente Il rapporto sullo stato di utilizzo dei fondi strutturali erogati dall'unione Europea In base alla legge della Regione Lombardia 34/1978, formano impegno di spesa le somme dovute dalla Regione in base a un contratto a un creditore determinato, purché la relativa obbligazione venga a scadenza: A entro il termine dell'esercizio entro il termine della legislatura non oltre diciotto mesi dalla stipula non oltre diciotto mesi da quando è sorta Ai sensi della legge della Regione Lombardia 34/1978, tutte le somme iscritte negli stanziamenti di competenza e non impegnate entro il termine dell'esercizio costituiscono: A economie di spesa economie di scala diseconomie di spesa residui passivi impropri r r Sr r r r exi Sr r r r r elexi Sr r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r exi Sr r r r r i Sr r r r r r r r Ai sensi della Legge Regione Lombardia 34/1978, la Giunta regionale: A contestualmente al bilancio annuale e pluriennale della Regione, presenta al onsiglio regionale, per l approvazione, il progetto di legge finanziaria e i progetti di legge collegati con rilievo economico finanziario dopo l approvazione del bilancio annuale della Regione, presenta al onsiglio regionale, per l approvazione, il progetto di legge finanziaria e i progetti di legge collegati con rilievo economico finanziario dopo l approvazione del bilancio pluriennale della Regione, presenta al onsiglio regionale, per l approvazione, il progetto di legge finanziaria e i progetti di legge collegati con rilievo economico finanziario non ha obbligo di presentare al onsiglio regionale il progetto di legge finanziaria e i progetti di legge collegati con rilievo economico finanziario QUESTIONARIO ON TUTTE LE RISPOSTE ESATTE NELL'ALTERNATIVA A pag. 3

4 Indicare, in base allo Statuto della Regione Lombardia, l affermazione corretta. A iascun onsiglio provinciale può esercitare l iniziativa legislativa Un onsiglio provinciale può esercitare l iniziativa legislativa solo se ha una popolazione complessiva di almeno venticinquemila elettori I onsigli provinciali possono esercitare l iniziativa legislativa in numero non inferiore a cinque I onsigli provinciali non possono esercitare l iniziativa legislativa sulle materie indicate dall articolo 50 comma 2 dello statuto In base allo Statuto della Regione Lombardia, esiste il vincolo di mandato per il consigliere regionale? A No, non esiste Sì, esiste Sì, ma solo per il primo anno Sì, ma solo per determinate materie In base all'art. 61 dello Statuto della Regione Lombardia, il difensore regionale è tenuto a riferire periodicamente sulla sua attività: A al onsiglio regionale al onsiglio delle autonomie al Presidente della Regione al Ministro dell Interno In base all'art. 28 dello Statuto della Regione Lombardia, alla nomina dei rappresentanti della Regione in Enti dipendenti dalla Regione provvede: A la Giunta regionale Il Presidente della Regione il onsiglio regionale il Presidente del onsiglio regionale In base all'art. 50 dello Statuto della Regione Lombardia, le persone che risiedono in Lombardia possono rivolgere petizioni al onsiglio regionale per richiederne l'intervento su questioni di interesse: A generale pubblico particolare pubblico, generale e particolare In base al Trattato sul funzionamento dell Unione Europea (UE), art. 167, il Parlamento europeo e il onsiglio, deliberando secondo la procedura legislativa ordinaria per adottare azioni di incentivazione volte alla conservazione del patrimonio culturale di importanza europea, devono previamente consultarsi con: A il omitato delle Regioni la ommissione europea l Eurostat la anca europea per la ricostruzione e lo sviluppo r r Sr r r r exi Sr r r r r elexi Sr r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r exi Sr r r r r i Sr r r r r r r r QUESTIONARIO ON TUTTE LE RISPOSTE ESATTE NELL'ALTERNATIVA A pag. 4

5 ome prevede l'art. 20 del Trattato sul funzionamento dell'unione Europea, la cittadinanza dell'unione Europea: A è attribuita a chiunque abbia la cittadinanza di uno Stato membro si sostituisce a quella del Paese di origine verrà istituita successivamente al raggiungimento dell'unità politica tra i Paesi membri è attribuita a chiunque abbia la cittadinanza di uno Stato membro, nonché ai cittadini degli Stati legati all'ue da rapporti di associazione La orte di giustizia dell Unione Europea, se riconosce che uno Stato membro non si è conformato alla sentenza resa nell'ambito di un ricorso per inadempimento, può: A condannare lo Stato al pagamento di una somma forfettaria o di una penalità imporre allo Stato di sospendere l'applicazione della misura interna illegittima sospendere lo Stato dalla partecipazione alle sedute del Parlamento europeo espellere lo Stato dall'unione Europea In base al d.lgs. 196/2003 e s.m.i., la diffusione di dati personali, trattati per l'esecuzione di un compito connesso all'esercizio di pubblici poteri, a soggetti che intendono trattarli per altre finalità: A è ammessa unicamente qualora la base giuridica sia una legge o, nei casi previsti dalla legge, un regolamento, oppure se sia necessaria è ammessa unicamente quando la base giuridica è il consenso dell'interessato è ammessa unicamente qualora la base giuridica sia una legge, un regolamento o una sentenza è vietata A norma della legge 241/1990, il diritto di accesso ai documenti amministrativi si esercita mediante: A l'esame e l'estrazione di copia dei documenti amministrativi la pubblicazione dei documenti amministrativi la sola consultazione dei documenti amministrativi la richiesta al TAR In base alla legge 241/1990, nella comunicazione di avvio del procedimento amministrativo si deve indicare: A le modalità con le quali è possibile prendere visione degli atti la documentazione prodotta dalla Pubblica Amministrazione la data entro la quale presumibilmente avrà inizio il procedimento i soggetti controinteressati he cosa si intende per "accesso civico", di cui all'articolo 5, comma 1, del d.lgs. 33/2013? A Il diritto di chiunque di richiedere alle Amministrazioni Pubbliche dati, documenti e informazioni nei casi in cui sia stata omessa la pubblicazione Il diritto di opporsi all'accoglimento di un'istanza di acceso agli atti di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241 r r Sr r r r exi Sr r r r r elexi Sr r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r exi Sr r r r r i Sr r r r r r r r Il diritto di chi abbia una specifica legittimazione soggettiva ad accedere, previa dimostrazione di un interesse diretto, concreto e attuale, a dati, documenti e informazioni detenute dalla Pubblica Amministrazione Nessuna delle altre alternative è corretta QUESTIONARIO ON TUTTE LE RISPOSTE ESATTE NELL'ALTERNATIVA A pag. 5

6 Secondo la legge 241/1990, esiste la possibilità per il soggetto interessato di promuovere, nel caso di diniego e di differimento dell'accesso di atti della Pubblica Amministrazione, l'intervento: A del giudice amministrativo del giudice ordinario del responsabile del procedimento, mediante ricorso gerarchico della Giunta regionale, competente per il territorio della sede della Pubblica Amministrazione silente Il GPR (Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali) prevede che, in caso di cancellazione dei dati, sia un diritto dell'interessato conoscere dal titolare i destinatari cui erano stati trasmessi i suoi dati personali? A Sì, e a loro il titolare del trattamento deve anche comunicare la cancellazione No, tuttavia sussiste l'obbligo del titolare del trattamento di dare comunicazione della cancellazione ai destinatari cui erano stati trasmessi i dati personali Sì, e il titolare deve curare che la cancellazione sia fatta anche da ciascuno di questi destinatari Sì, ma solo se i destinatari cui erano stati trasmessi i dati personali sono meno di In base all'art. 21-quinquies della legge 241/1990, il provvedimento amministrativo a efficacia durevole può essere revocato: A dall'organo che lo ha emanato ovvero da altro organo previsto dalla legge se manca degli elementi essenziali da qualsiasi Pubblica Amministrazione dalla orte dei conti Ai sensi dell'art. 154 del d.lgs. 196/2003 e s.m.i., il Garante: A non è competente per il controllo dei trattamenti effettuati dalle autorità giudiziarie nell'ambito delle loro funzioni è sempre competente per il controllo dei trattamenti effettuati dalle autorità giudiziarie nell'ambito delle loro funzioni è in alcuni casi competente per il controllo dei trattamenti effettuati dalle autorità giudiziarie nell'ambito delle loro funzioni non è competente per il controllo dei trattamenti effettuati dalle autorità pubbliche nell'ambito delle loro funzioni In base all'art. 5 della legge 241/1990, se il irigente di un unità organizzativa non ha ancora provveduto ad assegnare la responsabilità dell istruttoria del procedimento amministrativo: A è considerato responsabile del procedimento il funzionario preposto all unità organizzativa determinata a norma del comma 1 dell'articolo 4 è considerata responsabile del procedimento l unità organizzativa determinata a norma del comma 1 dell'articolo 4 r r Sr r r r exi Sr r r r r elexi Sr r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r exi Sr r r r r i Sr r r r r r r r è considerata responsabile del procedimento la Pubblica Amministrazione al cui interno esiste l unità organizzativa determinata a norma del comma 1 dell'articolo 4 non sussiste responsabilità del procedimento QUESTIONARIO ON TUTTE LE RISPOSTE ESATTE NELL'ALTERNATIVA A pag. 6

7 In base alla legge 241/1990, in caso di inerzia da parte di un funzionario della P.A. nell'emanare un provvedimento, il soggetto titolare del potere sostitutivo: A comunica senza indugio, ai fini della valutazione dell'avvio del procedimento disciplinare, il nominativo del responsabile, secondo le disposizioni del proprio ordinamento e dei contratti collettivi nazionali di lavoro valuta, in base alle circostanze, se comunicare il nominativo del responsabile all'organo di controllo della P.A. comunica alla fine dell anno solare il nominativo del responsabile all'organo di controllo della P.A. comunica senza indugio il nominativo del responsabile al proprio dirigente generale, fatte salve diverse disposizioni previste dai contratti collettivi nazionali di lavoro Ai sensi dell'art. 3 del d.lgs. 50/2016, le attività che consistono nella prestazione di supporto alle attività di committenza, come per esempio la consulenza sullo svolgimento o sulla progettazione delle procedure di appalto, sono dette: A attività di committenza ausiliarie attività di soggetti aggregatori attività di centralizzazione delle committenze attività di joint venture Secondo quanto stabilito dall'art. 102 del d.lgs. 50/2016, salvo quanto disposto dall'articolo 1669 del odice ivile, in caso di vizi dell'opera, l'appaltatore è responsabile se la denuncia viene fatta dopo che il certificato di collaudo ha assunto carattere definitivo? A No, non più Sì, è comunque responsabile per dieci anni da quando il certificato di collaudo è diventato definitivo Sì, è sempre responsabile Sì, è responsabile finché l'opera esiste o si deve considerare esaurita Secondo quanto riportato nel d.lgs. 50/2016, articolo 23, quale delle seguenti affermazioni riguardo il progetto definitivo è FALSA? A Non influisce sul cronoprogramma Individua compiutamente i lavori da realizzare eve assicurare accessibilità e adattabilità secondo quanto previsto dalle disposizioni vigenti in materia di barriere architettoniche Rappresenta, de facto, il secondo livello di progettazione Ai sensi dell'articolo 32, comma 7, del d.lgs. 50/2016, in tema di fasi delle procedure di affidamento, quando diventa efficace l'aggiudicazione dei contratti pubblici? A opo la verifica del possesso da parte dell'aggiudicatario dei prescritti requisiti Quando l'aggiudicazione viene comunicata all'aggiudicatario r r Sr r r r exi Sr r r r r elexi Sr r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r exi Sr r r r r i Sr r r r r r r r Trascorsi 30 giorni dal momento in cui l'aggiudicazione viene comunicata all'aggiudicatario Trascorsi 30 giorni dalla verifica del possesso da parte dell'aggiudicatario dei prescritti requisiti salvo opposizione dell'aggiudicatario QUESTIONARIO ON TUTTE LE RISPOSTE ESATTE NELL'ALTERNATIVA A pag. 7

8 Ai sensi dell'articolo 27, comma 1-bis, del d.lgs. 50/2016, in tema di procedure di approvazione dei progetti relativi ai lavori, nel caso di appalto conseguente al ritiro di un precedente appalto, basato su progetti per i quali risultino scaduti i pareri, le autorizzazioni e le intese acquisiti, ma non siano intervenute variazioni nel progetto e in materia di regolamentazione ambientale, paesaggistica e antisismica né in materia di disciplina urbanistica, restano confermati i citati predetti pareri, le autorizzazioni e le intese già resi dalle diverse Amministrazioni? A Sì, per un periodo comunque non superiore a cinque anni No, mai Sì, per un periodo comunque non superiore a tre anni Sì, per un periodo comunque non superiore a sei anni Ai sensi dell'art. 14-bis, comma 2, lett. b) del d.lgs. 82/2005, la programmazione e il coordinamento delle attività delle Amministrazioni per l'uso delle tecnologie, dell'informazione e della comunicazione spettano: A all'agenzia per l'italia igitale all'autorità Garante per la protezione dei dati personali alla Presidenza del onsiglio dei Ministri al responsabile per la gestione dei flussi documentali Il responsabile per la transizione digitale previsto dall'art. 17 del d.lgs. 82/2005: A è il responsabile di un unico ufficio dirigenziale generale, interno a una Pubblica Amministrazione è il responsabile di un ufficio interno ad AgI è obbligatoriamente un incaricato esterno a una Pubblica Amministrazione, dotato di adeguate competenze tecnologiche nessuna delle altre alternative è corretta A norma del d.lgs. 82/2005, la Pubblica Amministrazione titolare del procedimento realizza il fascicolo informatico garantendo la possibilità che sia direttamente consultato e alimentato da tutte le Amministrazioni coinvolte nel procedimento e dagli interessati? A Sì, deve garantirlo No, non ha questo obbligo Ha questo obbligo solo verso le altre Amministrazioni interessate Sì, tuttavia gli interessati hanno solo il diritto di consultare il fascicolo, non quello di alimentarlo Ai sensi dell'art. 1, comma 1, lett. d) del d.lgs. 82/2005, si intende per "carta nazionale dei servizi" il documento rilasciato: A su supporto informatico per consentire l'accesso, per via telematica, ai servizi erogati dalle Pubbliche Amministrazioni r r Sr r r r exi Sr r r r r elexi Sr r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r exi Sr r r r r i Sr r r r r r r r su qualunque supporto per consentire l'accesso, per via telematica, ai servizi erogati dalle Pubbliche Amministrazioni su supporto analogico per consentire l'accesso, per via telematica, ai servizi erogati dalle Pubbliche Amministrazioni su supporto informatico per consentire l'accesso, per via cartacea, ai servizi erogati dalle Pubbliche Amministrazioni QUESTIONARIO ON TUTTE LE RISPOSTE ESATTE NELL'ALTERNATIVA A pag. 8

9 Ai sensi dell articolo 55-bis del d.lgs. 165/2001, per le infrazioni di minore gravità, per le quali è prevista l'irrogazione della sanzione del rimprovero verbale: A il procedimento disciplinare è di competenza del responsabile della struttura presso cui presta servizio il dipendente non si applica la disciplina stabilita dal contratto collettivo ciascuna amministrazione individua l'ufficio competente a decidere per il procedimento disciplinare si applica la disciplina stabilita da ciascuna amministrazione A norma del d.lgs. 165/2001, se per la definizione di una controversia di lavoro alle dipendenze di una P.A. è necessario risolvere in via pregiudiziale una questione concernente l'interpretazione delle clausole di un contratto collettivo nazionale, il giudice: A coinvolge l'aran, affinché promuova tra le organizzazioni sindacali firmatarie del contratto un accordo sull'interpretazione autentica ovvero sulla modifica della clausola controversa chiede all'aran l'interpretazione autentica ovvero la modifica della clausola controversa chiede all'aran la sola interpretazione autentica della clausola controversa decide sulla questione con sentenza e impartisce distinti provvedimenti per l'ulteriore istruzione o per la prosecuzione della causa Ai sensi dell'art. 16 del d.lgs. 165/2001, i dirigenti degli uffici dirigenziali generali: A promuovono e resistono alle liti formulano pareri, su richiesta del onsiglio di Stato decidono sui ricorsi straordinari, avverso i provvedimenti delle articolazioni periferiche dell'amministrazione sottoscrivono i ricorsi giurisdizionali, avverso gli atti della propria Amministrazione Ai sensi del d.lgs. 165/2001, il prestatore di lavoro pubblico, per obiettive esigenze di servizio, può essere adibito a mansioni superiori nel caso di sostituzione di altro dipendente assente con diritto alla conservazione del posto, per la durata dell'assenza, con esclusione dell'assenza per: A ferie grave infortunio mandato parlamentare mandato sindacale Ai sensi dell'art. 18, comma 3, del d.lgs. 81/2008, gli obblighi relativi agli interventi strutturali e di manutenzione necessari per assicurare la sicurezza dei locali e degli edifici assegnati in uso a Pubbliche Amministrazioni sono a carico: A dell'amministrazione tenuta, per effetto di norme o convenzioni, alla loro fornitura e manutenzione del datore di lavoro, o dei dirigenti a esso assimilabili in base alle funzioni svolte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del Ministero delle Infrastrutture r r Sr r r r exi Sr r r r r elexi Sr r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r exi Sr r r r r i Sr r r r r r r r QUESTIONARIO ON TUTTE LE RISPOSTE ESATTE NELL'ALTERNATIVA A pag. 9

10 A norma del d.lgs. 81/2008, la valutazione dei rischi e l'elaborazione del documento afferente i rischi connessi all'attività: A sono realizzate dal datore di lavoro previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza sono realizzate dal datore di lavoro previa consultazione dei rappresentanti sindacali dei lavoratori sono realizzate autonomamente dal datore di lavoro sono delegabili dal datore di lavoro a soggetti specificamente indicati dalla legge In base al d.lgs. 81/2008, cosa si intende per "addestramento"? A Il complesso delle attività dirette a fare apprendere ai lavoratori l'uso corretto di attrezzature, macchine, impianti, sostanze, dispositivi, anche di protezione individuale, e le procedure di lavoro Un insieme di soluzioni organizzative finalizzate a promuovere la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro attraverso la riduzione dei rischi Un processo attraverso il quale trasferire ai lavoratori le conoscenze e procedure utili all'acquisizione di competenze per lo svolgimento in sicurezza dei rispettivi compiti in azienda e alla gestione dei rischi Un modello organizzativo e gestionale per la definizione e l'attuazione di una politica aziendale per la salute e sicurezza dei lavoratori Ai sensi dell'art. 314 c.p., il reato di peculato viene integrato se il pubblico ufficiale si appropria: A della cosa mobile altrui esclusivamente di cosa mobile della Pubblica Amministrazione esclusivamente di cosa mobile del privato esclusivamente del denaro della Pubblica Amministrazione Se una persona offre del denaro a un pubblico ufficiale perché compia un atto del suo ufficio, ma questi rifiuta l'offerta, è applicabile l'art. 115 del odice Penale che prevede la non punibilità del reo, se il reato non è commesso, e l'applicazione di una misura di sicurezza? A No, poiché la fattispecie di istigazione alla corruzione si perfeziona con la semplice offerta Sì, perché se l'accordo non viene concluso il reato non si consuma, ma può essere valutata la pericolosità sociale dell'agente No, poiché se il delitto non è stato commesso non è possibile nemmeno applicare la misura di sicurezza Sì, ma trattandosi di delitto contro la P.A. la misura viene aggravata Secondo quanto previsto dall'articolo 323-bis del odice Penale, per i reati contro la Pubblica Amministrazione commessi dai Pubblici ufficiali è prevista un'attenuante? A Sì, se il fatto è di particolare tenuità Sì, se il danno prodotto alla Pubblica Amministrazione è irrilevante Sì, ma solo per i reati colposi No, in nessun caso r r Sr r r r exi Sr r r r r elexi Sr r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r exi Sr r r r r i Sr r r r r r r r QUESTIONARIO ON TUTTE LE RISPOSTE ESATTE NELL'ALTERNATIVA A pag. 10

11 RISERVA RISERVA Ai sensi del odice Penale, il consulente tecnico del Pubblico Ministero che accetta denaro dall'imputato per modificarne il parere: A commette il reato di corruzione in atti giudiziari commette il reato di truffa non commette alcun reato essendo cessata la sua carica commette il reato di peculato olui che minaccia un incaricato di pubblico servizio per costringerlo a fare un atto contrario ai propri doveri è punito: A con la reclusione da sei mesi a cinque anni con l'arresto da sei mesi a cinque anni con la reclusione da tre mesi a due anni con l'arresto da tre mesi a due anni RISERVA Quesito di riserva L articolo 126 della ostituzione italiana stabilisce che la rimozione del Presidente della Giunta regionale sia disposta a seguito di: A compimento di gravi violazioni di legge attentato alla ostituzione mancato compimento di atti dovuti compimento di atti contrari allo Statuto regionale Quesito di riserva In base all'art. 9 della legge 241/1990, possono intervenire nel procedimento amministrativo: A tutti i portatori di interessi diffusi costituiti in associazioni o comitati, cui possa derivare un pregiudizio dal provvedimento tutti i portatori di interessi diffusi costituiti in associazioni o comitati tutti i portatori di interessi diffusi tutti Quesito di riserva Ai sensi del d.lgs. 165/2001 e s.m.i., con riferimento alla responsabilità dirigenziale, il mancato raggiungimento degli obiettivi, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle Pubbliche Amministrazioni, comporta per il dirigente: A l'impossibilità di rinnovo dello stesso incarico dirigenziale il licenziamento disciplinare senza fruizione del preavviso il licenziamento per giustificato motivo con fruizione del preavviso il rinnovo automatico dello stesso incarico dirigenziale r r Sr r r r exi Sr r r r r elexi Sr r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r exi Sr r r r r i Sr r r r r r r r QUESTIONARIO ON TUTTE LE RISPOSTE ESATTE NELL'ALTERNATIVA A pag. 11

12 r r Sr r r r exi Sr r r r r elexi Sr r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r r exi Sr r r r r i Sr r r r r r r r QUESTIONARIO ON TUTTE LE RISPOSTE ESATTE NELL'ALTERNATIVA A pag. 12

NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA. i Srl. Selexi Srl. Selexi Srl. Selexi Srl.

NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA. i Srl. Selexi Srl. Selexi Srl. Selexi Srl. SI SI ezione pubblica, per titoli ed esami, per la copertura di n. 13 posti a tempo indeterminato del profilo professionale di Istruttore dei servizi amministrativi-contabili - ategoria - Posizione economica

Dettagli

CITTA DI ALBA Provincia di Cuneo

CITTA DI ALBA Provincia di Cuneo CITTA DI ALBA Provincia di Cuneo TRACCIA N.1 Quesiti Vero o Falso (barrare la casella ritenuta esatta: una sola risposta) Punteggio: 0,50 1 Il Presidente della Repubblica approva le leggi, su proposta

Dettagli

I SOGGETTI DEL SISTEMA AZIENDALE DELLA PREVENZIONE TITOLO I ART. 2 COMMA 1 LETTERA C D.LGS. 81/08 RAAM SRL 1

I SOGGETTI DEL SISTEMA AZIENDALE DELLA PREVENZIONE TITOLO I ART. 2 COMMA 1 LETTERA C D.LGS. 81/08 RAAM SRL 1 I SOGGETTI DEL SISTEMA AZIENDALE DELLA PREVENZIONE TITOLO I ART. 2 COMMA 1 LETTERA C D.LGS. 81/08 1 I SOGGETTI DEL SISTEMA AZIENDALE DELLA PREVENZIONE L AZIENDA è il complesso della struttura organizzata

Dettagli

QUESTIONARIO. Regione Veneto

QUESTIONARIO. Regione Veneto 8832-D1 QUESTIONARIO Regione Veneto Concorso pubblico per soli esami per la copertura a tempo pieno ed indeterminato di n. 2 posti di Specialista economico, cat. D, pos. D1 NON STRAPPARE l involucro di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri IL SEGRETARIO GENERALE VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni; VISTO l articolo 8 del decreto-legge 23 ottobre 1996, n. 543, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 dicembre

Dettagli

1 Ai sensi dell art. 3 della L. 241/1990 e s.m.i. (successive modifiche e integrazioni), la motivazione del provvedimento deve indicare:

1 Ai sensi dell art. 3 della L. 241/1990 e s.m.i. (successive modifiche e integrazioni), la motivazione del provvedimento deve indicare: PROV 1 1 i sensi dell art. 3 della L. 241/1990 e s.m.i. (successive modifiche e integrazioni), la motivazione del provvedimento deve indicare: I presupposti di fatto e le ragioni giuridiche che hanno determinato

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche

Consiglio Nazionale delle Ricerche Conferimento dell incarico di Responsabile dell Unità Biblioteca della Direzione Centrale Servizi per la Ricerca Delega di competenze e relative funzioni inerenti le attività della Struttura. Provvedimento

Dettagli

MODALITA PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO CIVICO

MODALITA PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO CIVICO Allegato 5 MODALITA PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO CIVICO Che cos'è l accesso civico - L'accesso civico semplice è il diritto di chiunque di richiedere i documenti, le informazioni o i dati che

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Decreto Legislativo N.231/2001 SISTEMA DISCIPLINARE

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Decreto Legislativo N.231/2001 SISTEMA DISCIPLINARE Allegato B Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Decreto Legislativo N.231/2001 SISTEMA DISCIPLINARE Registro delle Versioni e delle Revisioni Versione Data Descrizione modifiche 1.1 09.01.2015

Dettagli

DOMANDE GRUPPO C. (le risposte corrette sono evidenziate)

DOMANDE GRUPPO C. (le risposte corrette sono evidenziate) DOMANDE GRUPPO C (le risposte corrette sono evidenziate) 1- L'ASTA PUBBLICA: a) è un sistema di affidamento degli appalti b) è un criterio di aggiudicazione c) è una modalità di analisi di mercato d) è

Dettagli

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il quale il

Dettagli

Oggetto Codice disciplinare per il personale delle aree destinatario dei precedenti Ccnl del comparto Enti pubblici non economici.

Oggetto Codice disciplinare per il personale delle aree destinatario dei precedenti Ccnl del comparto Enti pubblici non economici. Direzione generale Direzione centrale risorse umane Circolare n. 12 Roma, 23 febbraio 2018 Al Dirigente Generale Vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture Centrali e Territoriali e p.c. a: Organi Istituzionali

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 18 novembre 1988, n. 37

LEGGE PROVINCIALE 18 novembre 1988, n. 37 LEGGE PROVINCIALE 18 novembre 1988, n. 37 Istituzione del Centro servizi culturali S. Chiara (b.u. 29 novembre 1988, n. 54) Art. 1 Finalità e compiti 1. Allo scopo di realizzare la gestione coordinata

Dettagli

RICHIESTA DI ACCESSO GENERALIZZATO

RICHIESTA DI ACCESSO GENERALIZZATO RICHIESTA DI ACCESSO GENERALIZZATO Al Dirigente del Settore Ufficio di ( che detiene i dati, le informazioni o documenti) Ufficio Relazioni con il pubblico Ufficio di (come indicato dall Ente nella sezione

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013, n. 33

DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013, n. 33 Art. 5 Accesso civico a dati e documenti. DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013, n. 33 1. L'obbligo previsto dalla normativa vigente in capo alle pubbliche amministrazioni di pubblicare documenti, informazioni

Dettagli

LEZIONE N.4 IL LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ED IL PERSONALE DIPENDENTE DEGLI ENTI LOCALI. D.LGS N.

LEZIONE N.4 IL LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ED IL PERSONALE DIPENDENTE DEGLI ENTI LOCALI. D.LGS N. Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE N.4 IL LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ED IL PERSONALE DIPENDENTE DEGLI ENTI LOCALI. D.LGS N.165/2001 QUESITI A RISPOSTA

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n. 5528 del 27/05/2015 VISTA la legge 23 agosto 1988, n.400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio e successive modificazioni e integrazioni; VISTO

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche

Consiglio Nazionale delle Ricerche Conferimento dell incarico di Responsabile dell Unità Comunicazione e relazioni con il pubblico afferente alla Direzione Centrale Servizi per la Ricerca Delega di competenze e relative funzioni inerenti

Dettagli

Regolamentazione del diritto di Accesso Civico. approvato dal Consiglio di Istituto in data 12 dicembre 2016

Regolamentazione del diritto di Accesso Civico. approvato dal Consiglio di Istituto in data 12 dicembre 2016 Regolamentazione del diritto di Accesso Civico approvato dal Consiglio di Istituto in data 12 dicembre 2016 Art.1 Principi 1. L accesso civico è il diritto di chiunque di richiedere i documenti, le informazioni

Dettagli

(2) Con riferimento al presente provvedimento è stata emanata la seguente istruzione:

(2) Con riferimento al presente provvedimento è stata emanata la seguente istruzione: L. 11-8-2003 n. 228 Misure contro la tratta di persone. Pubblicata nella Gazz. Uff. 23 agosto 2003, n. 195. L. 11 agosto 2003, n. 228 (1). Misure contro la tratta di persone (2). (1) Pubblicata nella Gazz.

Dettagli

L. 18 agosto 2000, n. 248 (1). Nuove norme di tutela del diritto di autore (2).

L. 18 agosto 2000, n. 248 (1). Nuove norme di tutela del diritto di autore (2). L. 18 agosto 2000, n. 248 (1). Nuove norme di tutela del diritto di autore (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 4 settembre 2000, n. 206. (2) Con riferimento al presente provvedimento sono state emanate

Dettagli

Codice sanzionatorio t 2 i s.c.a r.l.

Codice sanzionatorio t 2 i s.c.a r.l. Codice sanzionatorio t 2 i s.c.a r.l. Rev. 00 del 08/09/2016 Ufficializzato da CDA con delibera n 14 del 01/12/2016 Indice 1. Obiettivo e campo di applicazione... 3 2. Principi generali... 3 3. Sistema

Dettagli

OGGETTO: NOVITA IN MATERIA DI ACCESSO CIVICO E ACCESSO AI DOCUMENTI INDICAZIONI OPERATIVE

OGGETTO: NOVITA IN MATERIA DI ACCESSO CIVICO E ACCESSO AI DOCUMENTI INDICAZIONI OPERATIVE OGGETTO: NOVITA IN MATERIA DI ACCESSO CIVICO E ACCESSO AI DOCUMENTI INDICAZIONI OPERATIVE Il D. lgs. 97/2016 Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità

Dettagli

MODULISTICA PROPOSTE

MODULISTICA PROPOSTE MODULISTICA PROPOSTE Mod. 1 RICHIESTA DI ACCESSO CIVICO RICHIESTA DI ACCESSO CIVICO (art. 5, c. 1, D. Lgs. n. 33/2013 e Regolamento del Comune di Cadorago approvato con deliberazione G.C. N. 6 DEL 12.01.2017)

Dettagli

Il/la sottoscritto/a cognome*.nome* nato/a* (prov. ) il residente in* (prov. ) via n. cell. tel. fax... CHIEDE

Il/la sottoscritto/a cognome*.nome* nato/a* (prov. ) il residente in* (prov. ) via n.  cell. tel. fax... CHIEDE MODULISTICA FAC-SIMILE MOD.1 RICHIESTA DI ACCESSO CIVICO RICHIESTA DI ACCESSO CIVICO Il/la sottoscritto/a cognome*.nome* nato/a* (prov. ) il residente in* (prov. ) via n. e-mail cell. tel. fax Considerata

Dettagli

C O D I C E DISCIPLINARE - SANZIONATORIO

C O D I C E DISCIPLINARE - SANZIONATORIO AZIENDA SPECIALE SERVIZI SANITARI VERGIATE Via G. Di Vittorio, 2 21029 Vergiate (Va) Tel. 0331-946093 P. IVA 02021020124 C.C.I.A.A. 172230/1996 VA C O D I C E DISCIPLINARE - SANZIONATORIO Il presente codice

Dettagli

Legge sul procedimento amministrativo

Legge sul procedimento amministrativo Legge sul procedimento amministrativo LEGGE 7 agosto 1990, n. 241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 7 marzo 2005, n. 82. Codice dell'amministrazione digitale. Vigente al:

DECRETO LEGISLATIVO 7 marzo 2005, n. 82. Codice dell'amministrazione digitale. Vigente al: DECRETO LEGISLATIVO 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell'amministrazione digitale. Vigente al: 19 1 2015 Capo II DOCUMENTO INFORMATICO E FIRME ELETTRONICHE; ((TRASFERIMENTI)), LIBRI E SCRITTURE Sezione I Documento

Dettagli

Disegno di legge. Integrazioni e modifiche alle disposizioni sul rapporto tra procedimento penale e procedimento disciplinare

Disegno di legge. Integrazioni e modifiche alle disposizioni sul rapporto tra procedimento penale e procedimento disciplinare Disegno di legge Integrazioni e modifiche alle disposizioni sul rapporto tra procedimento penale e procedimento disciplinare Art.1 (Modifiche all art. 32-quinquies codice penale) 1. All articolo 32-quinquies

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2014, n. 39 Attuazione della direttiva 2011/93/UE relativa alla lotta contro l'abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile, che sostituisce la decisione

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA *****

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA ***** COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA ***** REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DEL DIFENSORE CIVICO Art. 1. Elezione e durata in carica 1 Il Consiglio Comunale, dopo la sua elezione ed entro 60 giorni da quella del Sindaco,

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE ART. 1 LEGGE 190/2012

SISTEMA DISCIPLINARE ART. 1 LEGGE 190/2012 SISTEMA DISCIPLINARE ART. 1 LEGGE 190/2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 30.01.2018 1 INDICE I principali riferimenti normativi nel... 3 Misure nei confronti di quadri, impiegati e

Dettagli

CONCORSO DSGA DI MARIANI PROSERPIO (1) Capitolo 1, Capitolo 5 (parr ) Capitolo 1, Capitolo 5 (parr )

CONCORSO DSGA DI MARIANI PROSERPIO (1) Capitolo 1, Capitolo 5 (parr ) Capitolo 1, Capitolo 5 (parr ) Confronto fra il Programma d'esame per l'accesso al profilo professionale di DSGA (allegato B Decreto Ministeriali 863 del 18 dicembre 2018), l indice del manuale e dell eserciziario EDISES MATERIE DI

Dettagli

Quadro sinottico degli articoli del c.p., del c.p.p., delle disp. att. c.p.p. e del c.c. modificati dalla legge anticorruzione

Quadro sinottico degli articoli del c.p., del c.p.p., delle disp. att. c.p.p. e del c.c. modificati dalla legge anticorruzione Quadro sinottico degli articoli del c.p., del c.p.p., delle disp. att. c.p.p. e del c.c. modificati dalla legge anticorruzione (In carattere corsivo le modifiche approvate) C O D I C E P E N A L E Art.

Dettagli

Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 38 del

Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 38 del 51 - escluse quelle relative agli organi di controllo contabile e quelle avanzate dalla persona direttamente interessata - devono contenere, a pena di inammissibilità, un numero pari di nominativi di entrambi

Dettagli

DICHIARA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA

DICHIARA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA Dichiarazione annuale resa ai sensi dell art. 20 del D.Lgs. 8 aprile 2013 n. 39 IL SOTTOSCRITTO TOSCANO Alessandro NATO A CAPUA (Prov. CE) IL 26 giugno 1964 RESIDENTE A (CAP 00181) ROMA (Prov. RM) IN VIA

Dettagli

Regolamento per l esercizio del diritto all accesso civico semplice e generalizzato ex art. 5 D.Lgs 33/2013 e modulistica allegata.

Regolamento per l esercizio del diritto all accesso civico semplice e generalizzato ex art. 5 D.Lgs 33/2013 e modulistica allegata. Regolamento per l esercizio del diritto all accesso civico semplice e generalizzato ex art. 5 D.Lgs 33/2013 e modulistica allegata. Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le modalità di esercizio

Dettagli

Documento di indirizzo DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Documento di indirizzo DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI 1 IL Documento di indirizzo 2 RIFERIMENTI NORMATIVI: Legge regionale 6 agosto 2007, n. 19 Nuove disposizioni in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi

Dettagli

AZIENDA SPECIALE SERVIZI di AGRATE BRIANZA

AZIENDA SPECIALE SERVIZI di AGRATE BRIANZA AZIENDA SPECIALE SERVIZI di AGRATE BRIANZA REGOLAMENTO In materia di accesso civico, semplice e generalizzato APPROVATO DAL C.D.A. NELLA SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2017 DELIBERA NR. 6 Indice Art. 1 Definizioni

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE n Art. 1.

DISEGNO DI LEGGE n Art. 1. DISEGNO DI LEGGE n. 2501 Art. 1. 1. All'articolo 5 del regio decreto legge 20 luglio 1934, n. 1404, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 maggio 1935, n. 835, e successive modificazioni, il secondo

Dettagli

MODELLO DI DICHIARAZIONE. Il sottoscritto... nato a.. il. (si prega di barrare le caselle che seguono)

MODELLO DI DICHIARAZIONE. Il sottoscritto... nato a.. il. (si prega di barrare le caselle che seguono) MODELLO DI DICHIARAZIONE Il sottoscritto... nato a.. il. codice fiscale.., in qualità di Titolare dell impresa individuale Direttore tecnico dell impresa individuale Socio della società in nome collettivo

Dettagli

Requisiti soggettivi personale docente Insegnante di teoria Istruttore di vela - Accettazione incarico DICHIARA

Requisiti soggettivi personale docente Insegnante di teoria Istruttore di vela - Accettazione incarico DICHIARA DICHIARAZIONE MOD. 14C1 Requisiti soggettivi personale docente Insegnante di teoria Istruttore di vela - Accettazione incarico Città metropolitana di Milano Settore Sviluppo economico e sociale, trasporti

Dettagli

COMUNE DI FORTE DEI MARMI QUESTIONARIO 3

COMUNE DI FORTE DEI MARMI QUESTIONARIO 3 CFM1214 COMUNE DI FORTE DEI MARMI PROVA SCRITTA CONCORSO ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO QUESTIONARIO 3 NON APRIRE l involucro che racchiude il questionario prima che venga dato il segnale di inizio

Dettagli

LEGGE 3 maggio 1985, n Disciplina dell'attivita' di agente e rappresentante di commercio. Vigente al:

LEGGE 3 maggio 1985, n Disciplina dell'attivita' di agente e rappresentante di commercio. Vigente al: LEGGE 3 maggio 1985, n. 204 Disciplina dell'attivita' di agente e rappresentante di commercio. Vigente al: 27-5-2013 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE

Dettagli

Questa sezione è dedicata alle informazioni relative alla disciplina ed alle modalità di esercizio dell istituto dell accesso civico.

Questa sezione è dedicata alle informazioni relative alla disciplina ed alle modalità di esercizio dell istituto dell accesso civico. L ACCESSO CIVICO. ( Cosa è? L istituto dell accesso civico, introdotto dall art.5 del decreto legislativo 14 marzo 2013 n. 33, riguarda gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 5 novembre 2010, n. 226

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 5 novembre 2010, n. 226 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 5 novembre 2010, n. 226 Regolamento recante attuazione della previsione dell'articolo 74, comma 3, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, in

Dettagli

Legge 3 maggio 1985, n. 204: Disciplina dell'attività di agente e rappresentante di commercio.

Legge 3 maggio 1985, n. 204: Disciplina dell'attività di agente e rappresentante di commercio. Legge 3 maggio 1985, n. 204: Disciplina dell'attività di agente e rappresentante di commercio. (Pubblicato nella G.U. 22 maggio 1985, n. 119) Art. 1 Agli effetti della presente legge, l'attività di agente

Dettagli

Istituzione del Garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale.

Istituzione del Garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale. Normativa comparata REGIONE PIEMONTE Istituzione del Garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale. Pubblicata nel B.U. Piemonte 7 dicembre 2009, n. 48, suppl.

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 240 del 12 Ottobre 2002

Gazzetta Ufficiale N. 240 del 12 Ottobre 2002 Page 1 of 5 LEGGE 9 ottobre 2002, n. 222 Gazzetta Ufficiale N. 240 del 12 Ottobre 2002 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 9 settembre 2002, n. 195, recante disposizioni urgenti

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO TITOLARE DEL POTERE SOSTITUTIVO EX ART. 2 LEGGE 241/1990 E S.M.I. Copia L anno 2013 addì 3 del mese di Settembre alle ore 18.00 nell

Dettagli

Bozza Disegno di legge Introduzione del reato di omicidio sul lavoro e del reato di lesioni personali sul lavoro gravi o gravissime

Bozza Disegno di legge Introduzione del reato di omicidio sul lavoro e del reato di lesioni personali sul lavoro gravi o gravissime Bozza Disegno di legge Introduzione del reato di omicidio sul lavoro e del reato di lesioni personali sul lavoro gravi o gravissime ART. 1 (Omicidio sul lavoro) 1. Dopo l'articolo 589-ter del codice penale,

Dettagli

ART. 1 LEGGE 190/2012 Approvato in data

ART. 1 LEGGE 190/2012 Approvato in data ART. 1 LEGGE 190/2012 Approvato in data 1 INDICE... 3... 4... 5... 5... 6... 6 2 L inosservanza del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (Piano) e del Codice Etico e di Comportamento (Codice

Dettagli

ATTESTAZIONE. Io sottoscritt. nat a il residente a. in n. Codice fiscale Partita IVA

ATTESTAZIONE. Io sottoscritt. nat a il residente a. in n. Codice fiscale Partita IVA ATTESTAZIONE Io sottoscritt nat a il residente a in n. Codice fiscale Partita IVA consapevole del fatto che in presenza di dichiarazione mendace opererà la decadenza di diritto dalla carica eventualmente

Dettagli

Legge costituzionale 11 marzo 1953, n. 1 NORME INTEGRATIVE DELLA COSTITUZIONE CONCERNENTI LA CORTE COSTITUZIONALE

Legge costituzionale 11 marzo 1953, n. 1 NORME INTEGRATIVE DELLA COSTITUZIONE CONCERNENTI LA CORTE COSTITUZIONALE Legge costituzionale 11 marzo 1953, n. 1 NORME INTEGRATIVE DELLA COSTITUZIONE CONCERNENTI LA CORTE COSTITUZIONALE (Gazzetta Ufficiale 14 marzo 1953, n. 62) ---------------------------------------------------------------

Dettagli

LEGGE 5 GIUGNO 1989, N Artt. 1-4 (...) (2) Art. 5

LEGGE 5 GIUGNO 1989, N Artt. 1-4 (...) (2) Art. 5 LEGGE 5 GIUGNO 1989, N. 219 Nuove norme in tema di reati ministeriali e di reati previsti dall'articolo 90 della Costituzione (1) CAPO I Norme in materia di reati ministeriali Artt. 1-4 (...) (2) CAPO

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 21 del 22/01/2019

Delibera della Giunta Regionale n. 21 del 22/01/2019 Delibera della Giunta Regionale n. 21 del 22/01/2019 Dipartimento 50 - GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Direzione Generale 14 - Direzione generale per le risorse umane U.O.D. 2 - Ufficio disciplinare ed

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 3 MAGGIO 1985, n. 204 (GU n. 119 del 22/05/1985) DISCIPLINA DELL'ATTIVITÀ DI AGENTE E RAPPRESENTANTE DI COMMERCIO. 005 AGENZIA (CONTRATTO DI) - 010 POTERI DI RAPPRESENTANZA DELL'AGENTE - IN GENERE

Dettagli

INDICE SISTEMATICO. L. 23 agosto 1988, n Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

INDICE SISTEMATICO. L. 23 agosto 1988, n Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri. VII INDICE SISTEMATICO1 INDICE SISTEMATICO PARTE PRIMA Fonti Costituzione della Repubblica Italiana, approvata dall Assemblea Costituente il 22-12-1947, promulgata dal Capo provvisorio dello Stato il 27-12-1947

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERA 14 dicembre 2016 Regolamento disciplinante i procedimenti relativi all'accesso civico ai dati, alle informazioni ed ai documenti detenuti dalla COVIP.

Dettagli

TRASPARENZA DELLE INFORMAZIONI, TRATTAMENTO DEI DATI E RELATIVE RESPONSABILITA. Avv. Michele Calleri Avv. Serena Patrisso

TRASPARENZA DELLE INFORMAZIONI, TRATTAMENTO DEI DATI E RELATIVE RESPONSABILITA. Avv. Michele Calleri Avv. Serena Patrisso TRASPARENZA DELLE INFORMAZIONI, TRATTAMENTO DEI DATI E RELATIVE RESPONSABILITA Avv. Michele Calleri Avv. Serena Patrisso 1 Le fonti Decreto legislativo 14.03.2013, n. 33: «Riordino della disciplina riguardante

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO CIVICO C.D. SEMPLICE E GENERALIZZATO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO CIVICO C.D. SEMPLICE E GENERALIZZATO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO CIVICO C.D. SEMPLICE E GENERALIZZATO Approvato con determina del Liquidatore in data 28/03/2019 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Definizioni Ai fini del presente Regolamento

Dettagli

La riforma della legge n. 241/1990

La riforma della legge n. 241/1990 La riforma della legge n. 241/1990 Prof. Rosanna Summa La legge 241/1990 La legge 241/1990 ha profondamente rinnovato il rapporto tra i cittadini e la pubblica amministrazione. Gli interventi più importanti

Dettagli

ORGANI GIURISDIZIONALI DELL UNIONE EUROPEA

ORGANI GIURISDIZIONALI DELL UNIONE EUROPEA ORGANI GIURISDIZIONALI DELL UNIONE EUROPEA TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA TITOLO III DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE ISTITUZIONI Articolo 13 1. L'Unione dispone di un quadro istituzionale che mira a promuoverne

Dettagli

INDICE. Schemi. Prefazione... p. XV

INDICE. Schemi. Prefazione... p. XV Prefazione... Schemi p. XV 1 La nozione di procedimento amministrativo... 3 2A I principi generali del procedimento amministrativo (art. 1)... 4 2B I principi sovranazionali... 5 2C I principi della C.E.D.U....

Dettagli

Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle P.A.

Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle P.A. Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle P.A. Decreto Legislativo 14 marzo 2013 n.33 (53 artt.) Approvazione definitiva

Dettagli

CITTA DI A L B A TRACCIA N.3. Quesiti Vero o Falso (barrare la casella ritenuta esatta: una sola risposta) Punteggio: 0,50

CITTA DI A L B A TRACCIA N.3. Quesiti Vero o Falso (barrare la casella ritenuta esatta: una sola risposta) Punteggio: 0,50 CITTA DI A L B A TRACCIA N.3 Quesiti Vero o Falso (barrare la casella ritenuta esatta: una sola risposta) Punteggio: 0,50 1 2 In via generale, negli atti amministrativi l autenticazione della firma è sempre

Dettagli

SETTORE AFFARI GENERALI

SETTORE AFFARI GENERALI SETTORE AFFARI GENERALI UFFICIO SEGRETERIA PROCEDIMENTI ANNO 2016 1) Accesso agli atti protocollo e documenti Amministrativi da parte dei cittadini ex L 24190 È il poterediritto degli interessati di richiedere,

Dettagli

Art. 3, comma 1, lett. d) D.Lgs. 39/2013)

Art. 3, comma 1, lett. d) D.Lgs. 39/2013) ALLEGATO 5 AL PIANO ANTICORRUZIONE DI JTACA S.R.L. INCARICHI DI AMMINISTRATORE E DIRIGENZIALI DEFINIZIONE DI AMMISTRATORE (Art. 1, comma 2 lett. l) D.Lgs. 39/2013) per «incarichi di amministratore di enti

Dettagli

(3) Con riferimento al presente provvedimento sono state emanate le seguenti istruzioni:

(3) Con riferimento al presente provvedimento sono state emanate le seguenti istruzioni: L. 3-5-1985 n. 204 Disciplina dell'attività di agente e rappresentante di commercio. Pubblicata nella Gazz. Uff. 22 maggio 1985, n. 119. L. 3 maggio 1985, n. 204 (1). Disciplina dell'attività di agente

Dettagli

AVVERTENZE: RISPOSTA ERRATA/NESSUN RISPOSTA

AVVERTENZE: RISPOSTA ERRATA/NESSUN RISPOSTA PROVA 1 TRACCIA B AVVERTENZE: DURATA DELLA PROVA: RISPOSTA ESATTA: RISPOSTA ERRATA/NESSUN RISPOSTA 45 MINUTI 1 PUNTO O PUNTI 1) Le determinazioni dei Responsabili di Servizio che comportino un impegno

Dettagli

Art. 18. Obblighi del datore di lavoro e del dirigente

Art. 18. Obblighi del datore di lavoro e del dirigente Pagina 1 di 6 Leggi d'italia D.Lgs. 9-4-2008 n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Pubblicato nella

Dettagli

Tema Articolo Commento Incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione conseguente alla condanna penale

Tema Articolo Commento Incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione conseguente alla condanna penale Www.carelladarcangelo.com L. n. 190/12 - Le modifiche al codice penale. Tema Articolo Commento Incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione conseguente alla condanna penale Estinzione del

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DEL REGISTRO. Massimo Ippoliti Consiglio Nazionale delle Ricerche

IMPLEMENTAZIONE DEL REGISTRO. Massimo Ippoliti Consiglio Nazionale delle Ricerche IMPLEMENTAZIONE DEL REGISTRO Massimo Ippoliti Consiglio Nazionale delle Ricerche Articolo 5 Principi applicabili al trattamento di dati personali 2. Il titolare del trattamento è competente per il rispetto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Emanato con D.R. n. 5108 del 27.12.2017 In vigore dal 11.01.2018 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO INDICE Articolo 1. Oggetto e definizione Articolo

Dettagli

CITTA DI ALBA Provincia di Cuneo

CITTA DI ALBA Provincia di Cuneo CITTA DI ALBA Provincia di Cuneo TRACCIA N.2 Quesiti Vero o Falso (barrare la casella ritenuta esatta: una sola risposta) Punteggio: 0,50 1 Di norma, una legge dello Stato entra in vigore quindici giorni

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 PITAGORA S.P.A.

SISTEMA DISCIPLINARE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 PITAGORA S.P.A. SISTEMA DISCIPLINARE relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 adottato da PITAGORA S.P.A. Allegato del Modello Organizzativo 231/2001 Aggiornamento approvato con Delibera

Dettagli

1. L obbligo di motivare i provvedimenti amministrativi non sussiste per:

1. L obbligo di motivare i provvedimenti amministrativi non sussiste per: 1. L obbligo di motivare i provvedimenti amministrativi non sussiste per: Gli atti vincolati Gli atti di accoglimento di una istanza I soli atti a contenuto generale I soli atti normativi E Gli atti a

Dettagli

MIISTERO DELLO SVILUPPO ECOOMICO

MIISTERO DELLO SVILUPPO ECOOMICO MIISTERO DELLO SVILUPPO ECOOMICO DECRETO 10 aprile 2013, n. 60 Regolamento recante determinazione dei requisiti di professionalita' ed onorabilita' dei commissari giudiziali e straordinari delle procedure

Dettagli

Comune di Cicciano (Provincia di Napoli) DISCIPLINARE RELATIVO ALLA PUBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO PRETORIO INFORMATICO

Comune di Cicciano (Provincia di Napoli) DISCIPLINARE RELATIVO ALLA PUBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO PRETORIO INFORMATICO Comune di Cicciano (Provincia di Napoli) DISCIPLINARE RELATIVO ALLA PUBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato con deliberazione n. 37 in data 11.04.2011 Articolo 1 Oggetto del disciplinare

Dettagli

PARTE SPECIALE N IMPIEGO DI CITTADINI TERZI IL CUI SOGGIORNO E IRREGOLARE

PARTE SPECIALE N IMPIEGO DI CITTADINI TERZI IL CUI SOGGIORNO E IRREGOLARE PARTE SPECIALE N IMPIEGO DI CITTADINI TERZI IL CUI SOGGIORNO E IRREGOLARE PARTE SPECIALE N IMPIEGO DI CITTADINI TERZI IL CUI SOGGIORNO E IEEGOLARE 1. Le fattispecie dei delitti di impiego di cittadini

Dettagli

REGIONE TOSCANA DICHIARA

REGIONE TOSCANA DICHIARA REGIONE TOSCANA DICHIARAZIONE DI ASSENZA DI CAUSE DI INCONFERIBILITA E INCOMPATIBILITA (Art.20 comma 2 D.Lgs. n.39/2013 - soggetta a pubblicazione ex D.Lgs. n.33/2013) Il/La sottoscritto/a nato/a a in

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA Allegato B DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA (Art. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Allegata alla candidatura per la nomina a Presidente dell ente strumentale di gestione (completare

Dettagli

Link alla sottosezione Altri contenuti/anticorruzione

Link alla sottosezione Altri contenuti/anticorruzione I Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza (PTPCT) Link alla sottosezione Altri contenuti/anticorruzione Disposizioni generali Atti generali Segretariato generale (competente

Dettagli

REGIONE TOSCANA DICHIARAZIONE DI ASSENZA DI CAUSE DI INCONFERIBILITA E INCOMPATIBILITA

REGIONE TOSCANA DICHIARAZIONE DI ASSENZA DI CAUSE DI INCONFERIBILITA E INCOMPATIBILITA REGIONE TOSCANA DICHIARAZIONE DI ASSENZA DI CAUSE DI INCONFERIBILITA E INCOMPATIBILITA (Art. 20 comma 2 D.Lgs. n.39/2013 ) Il/La sottoscritto/a nato/a il in relazione all incarico di Direttore/Direttore

Dettagli

Analisi della legge 15/2009 e del D.Lgs 150/2009

Analisi della legge 15/2009 e del D.Lgs 150/2009 Analisi della legge 15/2009 e del D.Lgs 150/2009 Delega al Governo finalizzata all ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e alla efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni

Dettagli

Sussiste in capo alla pubblica amministrazione un obbligo di motivazione dei provvedimenti amministrativi?

Sussiste in capo alla pubblica amministrazione un obbligo di motivazione dei provvedimenti amministrativi? PROV N. 2 1 Quali principi debbono caratterizzare le procedure concorsuali secondo il D.Lgs 165/2001? Numero limitato di partecipanti per garantire l'economia della procedura Rappresentanza sia di maggioranza

Dettagli

DIPARTIMENTO AVVOCATURA

DIPARTIMENTO AVVOCATURA Allegato 5 del 09 agosto 2018, con cui è stato approvato il nuovo organigramma del DIPARTIMENTO AVVOCATURA CODICE: DPAV1035 Il Dipartimento Avvocatura è la struttura organizzativa di supporto all Avvocato

Dettagli

Comunità della Valle di Cembra

Comunità della Valle di Cembra Comunità della Valle di Cembra PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 164 del Comitato esecutivo della Comunità OGGETTO: Nomina del Responsabile del servizio per la tenuta del protocollo informatico,

Dettagli

Testo con le modifiche del disegno di legge costituzionale proposto dal Governo. Testo attuale TITOLO IV LA MAGISTRATURA TITOLO IV LA GIUSTIZIA

Testo con le modifiche del disegno di legge costituzionale proposto dal Governo. Testo attuale TITOLO IV LA MAGISTRATURA TITOLO IV LA GIUSTIZIA Testo attuale Testo con le modifiche del disegno di legge costituzionale proposto dal Governo TITOLO IV LA MAGISTRATURA Sezione I Ordinamento giurisdizionale TITOLO IV LA GIUSTIZIA Sezione I Gli organi

Dettagli

Sede Staccata in Via Sbano, s.c., Foggia, tel Sede Associata in Via Roma, s.c., Accadia (Fg), tel.

Sede Staccata in Via Sbano, s.c., Foggia, tel Sede Associata in Via Roma, s.c., Accadia (Fg), tel. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Liceo Scientifico Statale G. Marconi Via Danimarca,25-71122 FOGGIA Tel. 0881 636571 / 330399 PEC: fgps040004@pec.istruzione.it - C.F. 80031370713

Dettagli

XIV COMMISSIONE PERMANENTE

XIV COMMISSIONE PERMANENTE Giovedì 31 marzo 2016 105 Commissione XIV XIV COMMISSIONE PERMANENTE (Politiche dell Unione europea) S O M M A R I O AUDIZIONI INFORMALI: Audizione del presidente della Società Italiana degli Autori ed

Dettagli

L.R. 30/1999, art. 25, c. 11 e art. 38 B.U.R. 3/11/2004, n. 44. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 ottobre 2004, n. 0329/Pres.

L.R. 30/1999, art. 25, c. 11 e art. 38 B.U.R. 3/11/2004, n. 44. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 ottobre 2004, n. 0329/Pres. L.R. 30/1999, art. 25, c. 11 e art. 38 B.U.R. 3/11/2004, n. 44 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 ottobre 2004, n. 0329/Pres. Regolamento recante procedure e criteri per il funzionamento del Comitato

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. nato/a a il

Il/La sottoscritto/a. nato/a a il Alla Regione Toscana D. G. della Presidenza Settore Affari giuridici e legislativi per le materie ambientali e del territorio Piazza dell Unità Italiana, 1 50123 Firenze Oggetto: dichiarazione di cui all

Dettagli