INFORMATIVA PER LA PAZIENTE CANDIDATA ALL INTERVENTO CHIRURGICO PER NEOPLASIA MAMMARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMATIVA PER LA PAZIENTE CANDIDATA ALL INTERVENTO CHIRURGICO PER NEOPLASIA MAMMARIA"

Transcript

1 INF.DCH di 8 INFORMATIVA PER LA PAZIENTE CANDIDATA ALL INTERVENTO CHIRURGICO PER NEOPLASIA MAMMARIA Gentile Sig.ra, Lei è affetto/a da: NEOPLASIA (TUMORE) DELLA MAMMELLA DESTRA - SINISTRA Le informazioni contenute in questo modulo sono complementari a quelle fornite al momento della visita chirurgica. Possono aiutarla a comprendere meglio la natura della patologia di cui Lei è affetta/o e le Sue possibili modalità di trattamento. La preghiamo di leggere con attenzione quanto riportato, sperando sia comprensibile ed esaustivo anche per i non esperti in materia e di chiedere eventuali spiegazioni al Suo medico di riferimento prima e durante la Sua degenza. CHE COSA È/BENEFICI DEL TRATTAMENTO CHIRURGICO/PROCEDURA. La mammella è l organo deputato all allattamento ed è composta da un apparato ghiandolare esocrino (il latte è secreto all esterno attraverso il capezzolo) e da grasso, è rivestita dalla pelle e al suo vertice presenta una pigmentazione più o meno accentuata in corrispondenza della salienza del capezzolo. Il tumore alla mammella è quello più frequente nella donna e, a parte casi rarissimi, origina dall apparato ghiandolare. INDICAZIONI AL TRATTAMENTO CHIRURGICO. A tutt oggi la chirurgia rimane l approccio terapeutico iniziale per la maggior parte delle pazienti, ma è di solito associata ad altri trattamenti come l ormonoterapia, la chemioterapia, la terapia biologica e la radioterapia, da soli o in combinazione tra loro a seconda del caso specifico. La chirurgia è essenziale per ottenere un buon controllo locale della malattia e per fornire il materiale necessario per caratterizzarla, quantificarla e stabilirne il corretto successivo approccio terapeutico. I casi clinici maggiormente complessi saranno analizzati in prima istanza dal Gruppo Oncologico Multidisciplinare (GOM)di riferimento onde decidere la strategia terapeutica più idonea. Durante gli accertamenti clinici ai quali si è sottoposta, è stata riscontrata la presenza di una malattia tumorale localizzata nella sede sotto indicata:

2 INF.DCH di 8 PRIMA DELL INTERVENTO. Prima del ricovero Lei sarà contattata dal servizio infermieristico di pre-ospedalizzazione dell ospedale per eseguire tutte le indagini pre-operatorie necessarie (analisi del sangue, ECG, radiografia del torace, colloquio con l anestesista, ecc.). Qualora Lei lo desideri, in qualsiasi momento del percorso, può accedere ad un servizio psico-oncologico dedicato, presente e attivo presso la nostra struttura. Su indicazione del chirurgo o degli altri specialisti afferenti al team multidisciplinare, durante il periodo di attesa, potrà essere contattata dal personale infermieristico per effettuare ulteriori esami diagnostici: si tratta di esami preparatori per l intervento chirurgico e/o diagnostici di approfondimento (ecografia mammaria, reperimento di lesioni non palpabili, risonanza magnetica mammaria, esami di stadiazione, esami ematochimici aggiuntivi, ecc.). TECNICA OPERATORIA/MODALITÀ DI SVOLGIMENTO. LA TERAPIA CHIRURGICA DELLA MAMMELLA. Esistono fondamentalmente due tipi di trattamento chirurgico: - La chirurgia conservativa (75-80% dei casi) in questo caso il chirurgo rimuove il tumore con un area di tessuto sano circostante per non lasciare focolai neoplastici residui nella mammella. Nella maggior parte dei casi un semplice avvicinamento dei lembi ghiandolari è sufficiente ad ottenere un risultato estetico e funzionale più che accettabile. In alcuni casi, laddove siano necessarie ampie asportazioni ghiandolari o qualora il tessuto da rimuovere sia localizzato in zone mammarie sfavorevoli (quadranti inferiori, regione areolare), potranno essere proposti interventi oncoplastici, che al tempo stesso consentono demolizioni ampie senza determinare deformità poco accettabili. È importante ricordare che, in una quota minoritaria di casi, la chirurgia conservativa mammaria può richiedere interventi successivi (sino alla asportazione completa del seno) se l esame istopatologico dimostra che le cellule di malattia sono troppo vicine ai bordi del quadrante. - La chirurgia radicale (mastectomia) in questo caso il chirurgo rimuove l intera mammella (se possibile risparmiandone l involucro cutaneo, compreso il complesso areola/capezzolo). Quando possibile (in relazione alle caratteristiche della paziente, dello stadio di malattia e anche in relazione alle eventuali cure successive), e se la paziente lo desidera, prevede la ricostruzione immediata, al fine di evitare le conseguenze psicologiche dei trattamenti radicali. È importante ricordare che, nei casi in cui non possa prendersi in considerazione una ricostruzione immediata, questa, nella maggior parte dei casi, potrà essere programmata in tempi chirurgici differiti. La ricostruzione immediata (o differita) post-mastectomia può essere effettuata con: - Espansore dopo la demolizione è posizionata una protesi espandibile dietro il muscolo grande pettorale o, in casi selezionati, a sede sottocutanea, che periodicamente sarà gonfiata in ambulatorio con soluzione salina per creare lo spazio necessario all impianto della protesi definitiva in gel di silicone; questo avverrà con un secondo intervento chirurgico in anestesia generale a distanza solitamente di circa mesi dal primo. - Protesi definitiva in casi selezionati (la minor parte) il chirurgo oncoplastico potrà posizionare contestualmente alla mastectomia una protesi definitiva in gel di silicone in una tasca retromuscolare o sottocutanea, con l ausilio o meno di reti o matrici apposite. Si ricorda che posizionare la protesi definitiva contestualmente alla mastectomia non equivale a dover affrontare una sola chirurgia, dato che si rendono quasi sempre necessarie correzioni successive dal lato operato o per ottenere una simmetrizzazione dall altra parte. - Tessuti autologhi si possono utilizzare lembi muscolo-cutanei autologhi peduncolati o liberi (con tecnica microchirurgica) sfruttando il muscolo grande dorsale o quello retto addominale al fine di ricostruire la mammella asportata. Queste tecniche hanno il vantaggio di ottenere risultati ricostruttivi più stabili nel tempo, ma prevedono una chirurgia più lunga, complessa e gravata da possibili complicanze anche importanti. Questo tipo di trattamento deve essere riservato a centri specializzati, con elevata esperienza tecnica nel settore.

3 INF.DCH di 8 La scelta del tipo di trattamento chirurgico dipende dal tipo tumore, dalla sua estensione, dalla dimensione della mammella da trattare, dalla localizzazione del tumore, dall età della paziente e dalle sue condizioni generali. Il chirurgo non mancherà di tenere in forte considerazione i desideri e le esigenze delle singole pazienti e discuterà con loro tutte le opzioni di scelta. A volte, per raggiungere il miglior risultato possibile, è proposto un intervento si simmetrizzazione sull altro seno, contestuale all intervento demolitivo o realizzato in un secondo tempo chirurgico. Il tipo di chirurgia dipende da vari fattori. Non sempre un trattamento più radicale sottintende una malattia più grave, ma più spesso una malattia spazialmente più estesa (e l estensione, anche in rapporto al volume del seno, spesso non va di pari passo alla gravità!). LA TERAPIA CHIRURGICA ASCELLARE. Lo studio dei linfonodi ascellari rappresenta una fase molto importante dell inquadramento della malattia. È infatti indispensabile per determinarne lo stadio patologico, da cui dipende la scelta delle terapie successive. In passato tutte le donne affette da tumore del seno erano sottoposte all asportazione radicale dei linfonodi ascellari. Gli studi condotti negli ultimi decenni hanno dimostrato che tale procedura è inutile oltre che dannosa nei casi in cui non sia necessaria (linfedema, parestesie, dolore cronico, ecc.) per cui è effettuata solo in caso di documentato interessamento linfonodale alla diagnosi (ecografia ascellare preoperatoria associata a biopsia linfonodale). Ad oggi, la maggior parte delle pazienti con nuova diagnosi di neoplasia mammaria, non mostrano clinicamente o ecograficamente linfonodi malati. In questo caso il chirurgo rimuoverà soltanto i cosiddetti linfonodi sentinella, i primi che ricevono la linfa dalla mammella. In caso di presenza di malattia a carico del linfonodo sentinella sarà necessario, nella maggior parte dei casi, asportare gli altri linfonodi, per ottenere un più completo controllo locale della malattia e per arrivare ad un migliore inquadramento dello stadio della stessa. In questo caso sarà posizionato un drenaggio al termine dell intervento. Esso ha lo scopo di raccogliere e convogliare verso l esterno la linfa che continuerà a raggiungere l ascella. Condizioni patologiche riscontrate o insorte intra-operatoriamente possono condurre a variazioni del programma operatorio proposto a giudizio clinico. Infatti la valutazione intraoperatoria dell estensione di malattia, mammaria ed ascellare, può portare il chirurgo a dover aumentare l entità della resezione. Pertanto un intervento conservativo potrebbe in rari casi essere convertito in mastectomia totale o potrebbe essere necessario rimuovere completamente i linfonodi ascellari in maniera imprevista. Inoltre, sia in caso di intervento conservativo che radicale, la possibilità di conservare il complesso areola e capezzolo, potrebbe venir meno per ragioni oncologiche o tecniche (scarsa vascolarizzazione con elevato rischio di necrosi) con la conseguente necessità di rimuoverlo. DECORSO POST-OPERATORIO. Nella quasi totalità dei casi la durata del ricovero è estremamente breve (un giorno o due giorni) per gli interventi conservativi senza asportazione completa dei linfonodi ascellari. Nei casi invece in cui sia prevista una mastectomia, una ricostruzione mammaria o l asportazione completa dei linfonodi ascellari il ricovero avrà una durata di 3-4 giorni e saranno presenti drenaggi chirurgici. COSA FARE DOPO LA DIMISSIONE. Nella convinzione che un sereno ritorno a casa cominci già a partire dal giorno del ricovero, riteniamo utile fornirle alcune informazioni che potranno favorire la ripresa delle sue abitudini: - Per la maggior parte delle ferite chirurgiche è sufficiente che la paziente le mantenga asciutte. Sarà necessario cambiare la medicazione solo se sporca. In caso di dolore eccessivo, febbre, rossore o gonfiore della ferita sarà necessario avvertire quanto prima il personale sanitario. - Nella sede della ferita potrà avvertire una sensazione di disagio o tensione che è da considerarsi normale. L irritazione di alcune terminazioni sensitive durante l intervento potrà farle avvertire formicolio, intorpidimento o alterazione della sensibilità al torace, alla spalla o al braccio, che possono durare anche qualche mese e che in rari casi possono persistere per periodi più lunghi.

4 INF.DCH di 8 - Già dal giorno successivo all intervento consigliamo di indossare il reggiseno. Se si è sottoposta ad un intervento con ricostruzione oncoplastica (con o senza protesi) si consiglia di indossare un reggiseno contenitivo elasticizzato e con vestibilità regolabile (allacciatura anteriore e spalline regolabili, come quelli utilizzati per l attività sportiva). - Nel caso siano stati posizionati drenaggi, questi, a discrezione del chirurgo, potranno essere mantenuti in sede successivamente alla dimissione. Per la semplice gestione domiciliare Le saranno fornite tutte le informazioni necessarie dal personale infermieristico. Anche con i drenaggi potrà svolgere le Sue normali attività quotidiane, non sono dolorosi o pericolosi. Sarà opportuno anche col drenaggio in sede, che muova regolarmente il braccio e la spalla, in modo da non assumere atteggiamenti posturali scorretti che potrebbero impedirle la successiva ripresa della funzione motoria completa. - Per circa 3-4 settimane dall intervento (o per un periodo maggiore a discrezione del sanitario che La segue) dovrà evitare movimenti bruschi o attività che possano favorire traumi sul seno. Si sconsiglia la depilazione ascellare e l uso di deodoranti almeno per i primi due mesi successivi all intervento. Si consiglia di non guidare per 3-4 settimane poiché le manovre associate alla guida possono essere limitate dal dolore o dalle sequele chirurgiche, con conseguente riduzione della sicurezza propria e altrui. La cintura di sicurezza DEVE essere indossata. - Non appena possibile (circa 30 giorni dall intervento) Le sarà comunicato l esito dell esame istologico, dal quale dipende il prosieguo del percorso diagnostico-terapeutico. Eventuali trattamenti complementari saranno decisi dai professionisti del gruppo multidisciplinare e Le saranno illustrati personalmente. RISCHI E POSSIBILI COMPLICANZE. I soggetti maggiormente a rischio per l insorgenza di complicanze sono le pazienti obese, fumatrici, ipertese, diabetiche, cardiopatiche, vasculopatiche o immunodepresse. Condizioni patologiche riscontrate o insorte intra-operatoriamente possono condurre a variazioni del programma operatorio proposto. Nonostante l intervento sia eseguito nel pieno rispetto e conoscenza delle strategie e tecniche chirurgiche più attuali e nell osservanza delle attuali linee guida, possono verificarsi molteplici complicanze distinguibili in precoci e tardive. COMPLICANZE INTRA-OPERATORIE E POST-OPERATORIE IMMEDIATE: - Emorragie e/o ematomi, che possono richiedere un re-intervento chirurgico a scopo emostatico, o eventuali emotrasfusioni, con il relativo rischio infettivologico. - Lesioni nervose, che possono determinare parestesie o ipoestesie cutanee ma anche alterazioni maggiori come la scapola alata (per lesione del nervo toracico lungo) che necessiterebbero di trattamenti fisiatrici specifici per un corretto recupero funzionale. - Infezioni a carico della ferita precoci e/o tardive che potrebbero richiedere, sia pur raramente, la revisione chirurgica e comportare peggioramento estetico delle cicatrici. COMPLICANZE TARDIVE: - Raccolte fluide in sede di ferita chirurgica (linfatiche e/o purulente) che potrebbero richiedere un trattamento conservativo con punture evacuative ambulatoriali, eventuale trattamento antibiotico, con il posizionamento di un drenaggio (inserimento di un tubicino) evacuativo che potrà rimanere in sede per il tempo necessario a permettere l evacuazione del contenuto. In alcuni rari casi potrà essere proposto un nuovo intervento chirurgico che permetta di bonificare la zona. - Retrazioni cicatriziali con alterazione della conformazione mammaria e peggioramento dell esito estetico, che potrebbero richiedere interventi migliorativi successivi. Il trattamento radiante, qualora previsto, potrebbe aggravare tali situazioni. - Linfedema dell arto superiore (gonfiore cronico della mano, del braccio e dell avambraccio), che può verificarsi nel 6-10% dei casi con asportazione completa dei linfonodi ascellari ed in rarissimi casi nei quali tale procedura non è eseguita. Nel caso si realizzi è necessario un percorso fisiatrico specifico per cercare di ottenere il recupero funzionale

5 INF.DCH di 8 COMPLICANZE PRECOCI/TARDIVE SPECIFICHE PER GLI INTERVENTI RICOSTRUTTIVI. - Infezione del sito chirurgico, che potrà essere gestita in modo conservativo con terapia specifica o drenaggio percutaneo di eventuali raccolte ma che, in casi specifici, potrebbe rendere necessario un re-intervento per rimozione dell impianto (espansore o protesi definitiva), a volte senza la possibilità di posizionarne uno nuovo per l eccessiva contaminazione del campo. - Necrosi ischemica dei lembi cutanei di mastectomia, che potrebbe richiedere trattamenti chirurgici volti a rimuovere il tessuto non vitale e potrebbero rendere necessaria la rimozione anche definitiva dell impianto. - Contrattura capsulare periprotesica, attorno ad una protesi mammaria è prevedibile che si generi una cicatrice interna che il nostro organismo induce per isolare un corpo estraneo. Talvolta, seppur raramente, tale struttura può determinare retrazioni tenaci che possono generare dolore cronico, indurimento della protesi e sue anche poco accettabili deformazioni o dislocazioni; si potrebbero pertanto rendere necessari successivi episodi chirurgici anche a notevole distanza temporale dall intervento oncologico. - Necrosi ischemica del complesso areola-capezzolo, che trovandosi al vertice del lembo cutaneo di una mastectomia in cui si decida di conservarlo o di un peduncolo dermo-ghiandolare di una mastoplastica riduttiva, per primo soffre del cattivo apporto del sangue e dei nutrienti. Qualora si verifichi una necrosi parziale o completa del capezzolo il risultato cosmetico finale della mammella trattata (anche la mammella sana trattata solo per simmetrizzazione rispetto a quella affetta da malattia) sarà peggiore. COMPLICANZE GENERICHE. Come già indicato le complicanze generiche a carico di cuore, polmoni, reni, fegato, cervello, ecc. possono verificarsi, soprattutto in soggetti particolarmente anziani e/o con importanti malattie d organo (coronaropatie, insufficienza renale o epatica o respiratoria) o sistemiche (diabete, dismetabolismi, defedamento), così come in corso o dopo qualunque manovra anestesiologica, chirurgica, farmacologica. CONSEGUENZE DELL EVENTUALE RIFIUTO O RINUNCIA AL TRATTAMENTO CHIRURGICO/PROCEDURA. Il mancato intervento potrebbe determinare l aggravamento dei disturbi legati alla Sua patologia e soprattutto l evoluzione locale (ulcerazione, sanguinamento, necrosi) e la metastatizzazione (diffusione del tumore per via ematica e/o linfatica) ad altri organi fino alla morte. ALTERNATIVE TERAPEUTICHE. Le alternative terapeutiche variano in relazione alla situazione patologica di base. PROGNOSI E RISULTATO ATTESO. Il risultato clinico complessivo è influenzato da variabili anche indipendenti dalla corretta esecuzione tecnica dell intervento e, nonostante il miglioramento delle tecniche chirurgiche, non sempre risulta esattamente prevedibile l esito. In particolare esso è influenzato da numerosi fattori quali l età, il periodo intercorso dall inizio dei sintomi, il potenziale evolutivo della malattia. L entità del risultato, specie nel caso di mastectomia, potrebbe non essere quella attesa e concordata durante le visite precedenti e ciò perché il risultato sarà proporzionato sia alla qualità dei tessuti sia alla conformazione ed alle condizioni antecedenti all intervento. È possibile pertanto che si rendano necessari interventi ulteriori come ad esempio l opportunità, in alcuni casi, di praticare piccoli ritocchi per perfezionare il risultato finale (15%) (lipofilling). Infine, la qualità delle cicatrici chirurgiche può variare molto da una persona all altra e non è in nessun modo prevedibile.

6 INF.DCH di 8 INFORMAZIONI IMPORTANTI. Nel caso in cui Lei fosse d accordo ad eseguire l'intervento, sarà programmato il ricovero dopo l inserimento in una lista d attesa chirurgica che prevede un codice di priorità in base all urgenza clinica del Suo caso specifico. Successivamente sarà contattata/o dall ufficio ricoveri dell ospedale di riferimento per la data di pre-ospedalizzazione. ATTENZIONE: in tale occasione, dopo un eventuale incontro con il Suo medico di famiglia, dovrà portare: - copia della presente informativa firmata; - tutta la documentazione clinica inerente al caso; relazioni mediche, eventuale TC e/o esami radiografici, ecc.); - elenco dei farmaci da Lei eventualmente assunti con il relativo dosaggio; - copia dei principali referti medici o strumentali, che possono avere importanze ai fini del trattamento chirurgico (ad es. visita o esami cardiologici, RX torace, referti relativi a malattie croniche eventualmente presenti, ecc.). INFORMATIVA CONSEGNATA DAL DOTT. FASE DI ACCERTAMENTO CLINICO EFFETTUATO NEL CORSO DEL PRIMO COLLOQUIOINFORMATIVO. DATA: / / FIRMA DEL MEDICO: FIRMA DELLA/DELPAZIENTE: Si ribadisce che quanto esposto emerge dallo stato attuale dell arte e pertanto potrebbero verificarsi ulteriori indicazioni attualmente non descritte e che l informativa è congrua con le indicazioni di cui alla Legge 219 del

7 INF.DCH di 8 PIANIFICAZIONE CONDIVISA DELLE CURE PROPOSTE ALLA/AL SIG.RA/SIG. ULTERIORI INFORMAZIONI DI DETTAGLIO RISPETTO AL CASO CLINICO DA TRATTARE CHIRURGICAMENTE: CHIARIMENTI RICHIESTI DALLA/DAL PAZIENTE: INFORMAZIONI FORNITE DAL DOTT. IN FASE DI PRIMO COLLOQUIO INFORMATIVO DATA / / FIRMA DEL MEDICO FIRMA DELLA/DEL PAZIENTE FORMULA DI ADESIONE ALLA PROCEDURA CHIRURGICA PROPOSTA: Io sottoscritta/o sono stata/o informata/o in modo a me comprensibile dal Dott. sulla necessità di essere sottoposta/o all intervento chirurgico di:, sulla natura della patologia da cui sono affetta/o, delle metodiche diagnostiche necessarie alla migliore definizione della mia malattia, delle alternative terapeutiche, della modalità di effettuazione della procedura in oggetto, dei verosimili risultati attesi, nonché delle possibili complicanze, precoci e tardive comprese il decorso post-operatorio, le istruzioni da seguire ed i comportamenti da tenere dopo la dimissione, nonché delle possibili conseguenze in caso di ritardo o di rifiuto del trattamento chirurgico. Sono stata/o inoltre informata/o che condizioni di cui si prende atto solo in fase di esecuzione di intervento possono condurre a variazioni della tecnica operatoria proposta. Infine sono stata/o informata/o della possibilità che siano effettuate riprese fotografiche o video per scopi scientifici nel completo rispetto della mia privacy e di cui ho facoltà di acquisire copia. Dichiaro inoltre di essere a conoscenza della possibilità di revocare il presente atto di adesione (consenso) in qualsiasi momento. Nel caso in cui il paziente risulti capace di comprendere ma si trovi nella impossibilità di apporre la sua firma o nel caso di soggetto non vedente, saranno necessari due testimoni esterni al gruppo di lavoro (familiari o altri soggetti designati nel modulo della privacy). Ho avuto a disposizione tempo ed attenzione sufficienti per porre domande ed ottenere ulteriori chiarimenti, pertanto ACCONSENTO ALLA ESECUZIONE DELL INTERVENTO PROPOSTO: Firma del Paziente o del Legale Rappresentante o del Fiduciario: Firma del Primo Testimone: Firma del Secondo Testimone: Firma del Medico: Data e luogo: / /

8 INF.DCH di 8 PIANIFICAZIONE CONDIVISA DELLE CURE PROPOSTE ALLA/AL SIG.RA/SIG. ULTERIORI INFORMAZIONI DI DETTAGLIO RISPETTO AL CASO CLINICO DA TRATTARE CHIRURGICAMENTE: CHIARIMENTI RICHIESTI DALLA/DAL PAZIENTE: INFORMAZIONI FORNITE DAL DOTT. IN FASE DI PRIMO COLLOQUIO INFORMATIVO DATA / / FIRMA DEL MEDICO FIRMA DELLA/DEL PAZIENTE FORMULA DI ADESIONE ALLA PROCEDURA CHIRURGICA PROPOSTA: Io sottoscritta/o sono stata/o informata/o in modo a me comprensibile dal Dott. sulla necessità di essere sottoposta/o all intervento chirurgico di:, sulla natura della patologia da cui sono affetta/o, delle metodiche diagnostiche necessarie alla migliore definizione della mia malattia, delle alternative terapeutiche, della modalità di effettuazione della procedura in oggetto, dei verosimili risultati attesi, nonché delle possibili complicanze, precoci e tardive comprese il decorso post-operatorio, le istruzioni da seguire ed i comportamenti da tenere dopo la dimissione, nonché delle possibili conseguenze in caso di ritardo o di rifiuto del trattamento chirurgico. Sono stata/o inoltre informata/o che condizioni di cui si prende atto solo in fase di esecuzione di intervento possono condurre a variazioni della tecnica operatoria proposta. Infine sono stata/o informata/o della possibilità che siano effettuate riprese fotografiche o video per scopi scientifici nel completo rispetto della mia privacy e di cui ho facoltà di acquisire copia. Dichiaro inoltre di essere a conoscenza della possibilità di revocare il presente atto di adesione (consenso) in qualsiasi momento. Nel caso in cui il paziente risulti capace di comprendere ma si trovi nella impossibilità di apporre la sua firma o nel caso di soggetto non vedente, saranno necessari due testimoni esterni al gruppo di lavoro (familiari o altri soggetti designati nel modulo della privacy). Ho avuto a disposizione tempo ed attenzione sufficienti per porre domande ed ottenere ulteriori chiarimenti, pertanto NON ACCONSENTO ALLA ESECUZIONE DELL INTERVENTO PROPOSTO: Firma del Paziente o del Legale Rappresentante o del Fiduciario: Firma del Primo Testimone: Firma del Secondo Testimone: Firma del Medico: Data e luogo: / /

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita DICHIARAZIONE DI AVVENUTA INFORMAZIONE ED ESPRESSIONE DEL CONSENSO AD INTERVENTO CHIRURGICO

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita DICHIARAZIONE DI AVVENUTA INFORMAZIONE ED ESPRESSIONE DEL CONSENSO AD INTERVENTO CHIRURGICO Io sottoscritta nata a il, dichiaro di essere stata informata sia durante la prima visita che durante il ricovero, in modo chiaro ed a me comprensibile dal Prof/Dott che l affezione riscontratami è un

Dettagli

Il tumore al seno. Pianificazione. Cos è la pianificazione chirurgica?

Il tumore al seno. Pianificazione. Cos è la pianificazione chirurgica? www.daiuto.it www.underforty.it Il tumore al seno Pianificazione La pianificazione chirurgica richiede un ottimale conoscenza delle moderne tecniche di chirurgia oncoplastica e una comprovata esperienza

Dettagli

CHIRURGIA MAGGIORE IN WEEK SURGERY Stato dell arte e prospettive future

CHIRURGIA MAGGIORE IN WEEK SURGERY Stato dell arte e prospettive future CHIRURGIA MAGGIORE IN WEEK SURGERY Stato dell arte e prospettive future CHIRURGIA DELLA MAMMELLA IN WEEK SURGERY PIEVE DI CADORE (BL) Sala Consiliare Magnifica Comunità del Cadore 15 settembre 2017 La

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, nato/a a_ il dichiaro di essere stata informata/o, sia durante la prima visita che durante il ricovero, in modo chiaro ed a me comprensibile dal Prof/Dr. che, la patologia riscontratami

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, nato/a a _ il dichiaro di essere stata informata/o, sia durante la prima visita che durante il ricovero, in modo chiaro ed a me comprensibile dal Prof/Dr. che, la patologia riscontratami

Dettagli

La chirurgia conservativa e demolitiva

La chirurgia conservativa e demolitiva La chirurgia conservativa e demolitiva prof. Augusto Lombardi Facoltà di Medicina e Psicologia Dipartimento di Scienze Medico- Chirurgiche e Medicina Traslazionale Master di II livello in Senologia (Direttore

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritta/o nata/o il a dichiaro di essere stata/o informata/o sia durante la prima visita che durante il ricovero, in modo chiaro ed a me comprensibile dal Dott che l affezione riscontratami è un:

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, nato/a a il dichiaro di essere stata informata/o, sia durante la prima visita che durante il ricovero, in modo chiaro ed a me comprensibile dal Prof/Dr. che, per la patologia riscontratami:

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritta/o nata/o a il, dichiaro di essere stata/o informata/o sia durante la prima visita che durante il ricovero, in modo a me chiaro e comprensibile dal Dr che, per la patologia riscontratami:

Dettagli

Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per cisti e/o fistola sacro-coccigea

Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per cisti e/o fistola sacro-coccigea Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per cisti e/o fistola sacro-coccigea Il presente documento ha lo scopo di informarla e di fornirle, in maniera il più possibile semplice

Dettagli

Il tumore al seno La Chirurgia Demolitiva

Il tumore al seno La Chirurgia Demolitiva www.daiuto.it www.underforty.it Il tumore al seno La Chirurgia Demolitiva Il trattamento demolitivo del carcinoma mammario prevede l'asportazione del seno (mastectomia) in blocco con il tumore. Si tratta

Dettagli

Rif. Norma UNI EN ISO 9001

Rif. Norma UNI EN ISO 9001 IRCCS Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Sacro Cuore Don Calabria Ospedale Classificato e Presidio Ospedaliero Accreditato Regione Veneto Reparto di Chirurgia Plastica Primario: Dr. C.

Dettagli

DAY SURGERY DONNA & DONNE in gamba

DAY SURGERY DONNA & DONNE in gamba DAY SURGERY DONNA & DONNE in gamba Monselice (PD) 8 marzo 2014 Progressi nella tecnica e risultati Dott. Paolo Burelli Responsabile UOSD Senologia ULSS7 Conegliano (TV) Prime 10 neoplasie per incidenza

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO CHIRURGICO DI AMPUTAZIONE DEL PENE E LINFOADENECTOMIA INGUINALE

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO CHIRURGICO DI AMPUTAZIONE DEL PENE E LINFOADENECTOMIA INGUINALE CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO CHIRURGICO DI AMPUTAZIONE DEL PENE E LINFOADENECTOMIA INGUINALE PREMESSE L amputazione del pene è un intervento chirurgico demolitivo con la finalità di asportartazione

Dettagli

Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per appendicite

Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per appendicite Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per appendicite Il presente documento ha lo scopo di informarla e di fornirle, in maniera il più possibile semplice e comprensibile,

Dettagli

RUOLO DEL CHIRURGO ONCOPLASTICO

RUOLO DEL CHIRURGO ONCOPLASTICO XXII CONGRESSO AIRO Roma 17-20 novembre 2012 La radioterapia nelle forme avanzate e/o recidivate del carcinoma della mammella: quando e come. RUOLO DEL CHIRURGO ONCOPLASTICO Prof. Riccardo Masetti Direttore

Dettagli

Il tumore al seno La Chirurgia

Il tumore al seno La Chirurgia www.daiuto.it www.underforty.it Il tumore al seno La Chirurgia Il trattamento conservativo del carcinoma mammario prevede l'asportazione della lesione tumorale e la conservazione del seno. E un intervento

Dettagli

Altre patologie di rilievo :

Altre patologie di rilievo : In data da parte del personale della U.O.C. di Diagnostica per Immagini di qeusto Istituto, mi è stata consegnata copia del presente modulo al fine di consentire un attenta lettura e valutazione di quanto

Dettagli

Alberto Bortolami. Coordinamento Rete Oncologica del Veneto - ROV

Alberto Bortolami. Coordinamento Rete Oncologica del Veneto - ROV Alberto Bortolami Coordinamento Rete Oncologica del Veneto - ROV Obiettivi Rete Oncologica del Veneto (DGR n. 2067 del 19 novembre 2013) Definire e condividere i Percorsi Diagnostici Terapeutici (PDTA)

Dettagli

Ca Duttale in Situ (DCIS)

Ca Duttale in Situ (DCIS) Ca Duttale in Situ (DCIS) unicentrico ampia exeresi margini negativi +/- radioterapia margini positivi nota 3 allargamento / mastectomia multicentrico mastectomia+ biopsia del linfonodo sentinella Nota

Dettagli

Lo screening mammografico di pazienti portatrici di protesi l esperienza della UOS Senologia della Fondazione Ca Granda

Lo screening mammografico di pazienti portatrici di protesi l esperienza della UOS Senologia della Fondazione Ca Granda Lo screening mammografico di pazienti portatrici di protesi l esperienza della UOS Senologia della Fondazione Ca Granda M. Campoleoni*, MS. Sfondrini**, V. Carrera**, L. Bracchi* * UOSD Fisica Medica **

Dettagli

Consenso informato all intervento di DERMOABRASIONE

Consenso informato all intervento di DERMOABRASIONE Consenso informato all intervento di DERMOABRASIONE Il seguente prospetto informativo, redatto e firmato in duplice copia, è stato consegnato alla Sig.ra/al Sig in data dal Dott. Matteo Benedet, che ne

Dettagli

U.O. Ortopedia e Traumatologia Direttore: Dott. Carlo Ranalletta. Consenso informato. - Rimozione mezzi di sintesi -

U.O. Ortopedia e Traumatologia Direttore: Dott. Carlo Ranalletta. Consenso informato. - Rimozione mezzi di sintesi - U.O. Ortopedia e Traumatologia Direttore: Dott. Carlo Ranalletta Consenso informato - Rimozione mezzi di sintesi - Casa di Cura Privata Di Lorenzo S.p.a. Via Veneto n. 37, 67051 Avezzano (AQ) Unità Operativa

Dettagli

IL CANCRO DELLA MAMMELLA: COS E,, COME CONTROLLARLO SALERNO

IL CANCRO DELLA MAMMELLA: COS E,, COME CONTROLLARLO SALERNO IL CANCRO DELLA MAMMELLA: COS E,, COME CONTROLLARLO SALERNO La Tecnica del Linfonodo Sentinella DOTT. LUCA ROTUNNO Fino al 1998 la chirurgia dell ascella comprendeva: LA DISSEZIONE ASCELLARE LINFONODALE

Dettagli

Dr. Claudio Battaglia

Dr. Claudio Battaglia Dr. Claudio Battaglia Responsabile U.S.D. di Senologia ASL1 di Sanremo Struttura Certificata UNI EN ISO 9001/2008 RINA MODERNA CHIRURGIA DELLE STAZIONI LINFONODALI MODERNA CHIRURGIA DELLE STAZIONI LINFONODALI

Dettagli

La Stadiazione

La Stadiazione www.daiuto.it www.underforty.it Il tumore al seno La Stadiazione La stadiazione è un sistema attraverso il quale viene definita l'estensione del tumore al seno con la finalità di valutare la prognosi e

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita L espansore mammario inserito contestualmente o successivamente all intervento di mastectomia, dopo un periodo di tempo variabile da caso a caso deve essere rimosso e sostituito da una protesi mammaria.

Dettagli

PORTE DI ACCESSO ALLA BREAST UNIT: LO SCREENING MAMMOGRAFICO. PATRIZIA DA VICO SCREENING MAMMOGRAFICO Azienda AUSL di Parma

PORTE DI ACCESSO ALLA BREAST UNIT: LO SCREENING MAMMOGRAFICO. PATRIZIA DA VICO SCREENING MAMMOGRAFICO Azienda AUSL di Parma PORTE DI ACCESSO ALLA BREAST UNIT: LO SCREENING MAMMOGRAFICO PATRIZIA DA VICO SCREENING MAMMOGRAFICO Azienda AUSL di Parma PREVENZIONE SECONDARIA I programmi di screening della Regione Emilia-Romagna:

Dettagli

Requisiti delle Breast Unit: accreditamento nazionale

Requisiti delle Breast Unit: accreditamento nazionale Requisiti delle Breast Unit: accreditamento nazionale Dr. Corrado de Sanctis Breast Unit Città della salute e della scienza, Torino IL PERCORSO VERSO LE BREAST UNITS Ottobre 2006 RISOLUZIONE B6/0528/2006

Dettagli

Direttore Sanitario: Dr.ssa Silvia Campagnari MAMMOGRAFIA

Direttore Sanitario: Dr.ssa Silvia Campagnari MAMMOGRAFIA Direttore Sanitario: Dr.ssa Silvia Campagnari MAMMOGRAFIA INFORMAZIONI COS E E un indagine che utilizza radiazioni ionizzanti (Raggi X), a basso dosaggio, per la diagnosi della patologia mammaria. Poiché

Dettagli

Complesso conventuale S. Maria del Rifugio Cava dei Tirreni (SA) 28 settembre 1 Ottobre 2005

Complesso conventuale S. Maria del Rifugio Cava dei Tirreni (SA) 28 settembre 1 Ottobre 2005 Complesso conventuale S. Maria del Rifugio Cava dei Tirreni (SA) 28 settembre 1 Ottobre 2005 L Eco-Color-Doppler nella chirurgia del cancro della mammella Dott. Luca Rotunno Grazie agli studi che hanno

Dettagli

Approvato: dr. A. Capponi Direttore DSPO Rev. 2

Approvato: dr. A. Capponi Direttore DSPO Rev. 2 REGIONE PIEMONTE Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità - Novara SSVD SENOLOGIA Direttore: Dr. Giovanni Verna STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO...1 PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA...2

Dettagli

RUOLO DELLA CHIRURGIA

RUOLO DELLA CHIRURGIA Dr Graziano Meneghini Direttore Dipartimento Donna: Salute, Maternità ed Infanzia BREAST UNIT ULSS 5 Ovest Vicentino Montecchio Maggiore-Arzignano INTRODUZIONE Il trattamento delle recidive di carcinoma

Dettagli

Ortopedia e Traumatologia Direttore: Dott. Carlo Ranalletta. Consenso informato. -Chirurgia ortopedica-

Ortopedia e Traumatologia Direttore: Dott. Carlo Ranalletta. Consenso informato. -Chirurgia ortopedica- Ortopedia e Traumatologia Direttore: Dott. Carlo Ranalletta Consenso informato -Chirurgia ortopedica- Casa di Cura Privata Di Lorenzo S.p.a. Via Veneto n. 37, 67051 Avezzano (AQ) Unità Operativa di Ortopedia

Dettagli

INFORMAZIONI PER LA PAZIENTE AFFETTA DA NEOPLASIA MALIGNA DELLA MAMMELLA CANDIDATA AD INTERVENTO CHIRURGICO

INFORMAZIONI PER LA PAZIENTE AFFETTA DA NEOPLASIA MALIGNA DELLA MAMMELLA CANDIDATA AD INTERVENTO CHIRURGICO INFORMAZIONI PER LA PAZIENTE AFFETTA DA NEOPLASIA MALIGNA DELLA MAMMELLA CANDIDATA AD INTERVENTO CHIRURGICO BREAST UNIT UNITA INTERDIPARTIMENTALE DI PATOLOGIA MAMMARIA Responsabile: Prof. Marina Bortul

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI PACEMAKER (PM)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI PACEMAKER (PM) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI PACEMAKER (PM) FINALITÀ DELL INTERVENTO L'applicazione di uno stimolatore cardiaco, o pacemaker (PM), permette di correggere o prevenire

Dettagli

INDICAZIONI di CORRETTO PERCORSO SENOLOGICO IN FASE DIAGNOSTICA

INDICAZIONI di CORRETTO PERCORSO SENOLOGICO IN FASE DIAGNOSTICA INDICAZIONI di CORRETTO PERCORSO SENOLOGICO IN FASE DIAGNOSTICA CRITERI DI ACCESSO DEFINITI DALLA RER AI PERCORSI DI SCREENING E CLINICI PRESTAZIONI DI RIFERIMENTO SONO: -visita senologica -esame clinico

Dettagli

BREAST UNIT ASLTO4. Dott. Ovidio PAINO Responsabile Breast Unit ASLTO4

BREAST UNIT ASLTO4. Dott. Ovidio PAINO Responsabile Breast Unit ASLTO4 BREAST UNIT ASLTO4 Dott. Ovidio PAINO Responsabile Breast Unit ASLTO4 Istituzione Breast Unit ASLTO4 Presso il Dip. TO4 comprendente i territori di Ivrea, Cirie, Chivasso (popolazione target di screening:

Dettagli

a cura della dott.ssa E. Orlando

a cura della dott.ssa E. Orlando a cura della dott.ssa E. Orlando CHE COS E? Il Mammotome è uno strumento diagnostico, alternativo alla biopsia chirurgica, utilizzato per effettuare biopsie di lesioni non palpabili della mammella in maniera

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI ASPORTAZIONE DI CALAZIO APPROVATA DALLA SOCIETA OFTALMOLOGICA ITALIANA NELL ANNO 2003

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI ASPORTAZIONE DI CALAZIO APPROVATA DALLA SOCIETA OFTALMOLOGICA ITALIANA NELL ANNO 2003 SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI ASPORTAZIONE DI CALAZIO APPROVATA DALLA SOCIETA OFTALMOLOGICA ITALIANA NELL ANNO 2003 Gentile Signora, Signore, Lei soffre di un calazio palpebrale. Questa scheda contiene

Dettagli

Rif. Norma UNI EN ISO 9001

Rif. Norma UNI EN ISO 9001 IRCCS Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Sacro Cuore Don Calabria Ospedale Classificato e Presidio Ospedaliero Accreditato Regione Veneto Reparto di Chirurgia Plastica Primario: Dr. C.

Dettagli

UOC Radiologia ULSS 20 Direttore dott.ssa Francesca Fornasa IMAGING E APPROPRIATEZZA SENOLOGIA CLINICA

UOC Radiologia ULSS 20 Direttore dott.ssa Francesca Fornasa IMAGING E APPROPRIATEZZA SENOLOGIA CLINICA UOC Radiologia ULSS 20 Direttore dott.ssa Francesca Fornasa IMAGING E APPROPRIATEZZA SENOLOGIA CLINICA UOS SENOLOGIA dott.ssa Stella Laveneziana S.Bonifacio 2 febbraio 2013 DIAGNOSTICA SENOLOGICA CLINICA

Dettagli

LA MALATTIA DI DUPUYTREN

LA MALATTIA DI DUPUYTREN LA MALATTIA DI DUPUYTREN Descritta nel 1831 dal medico francese Dupuytren, la malattia è caratterizzata dall inspessimento patologico e dalla successiva retrazione dell aponevrosi palmare, una fascia che

Dettagli

Risonanza Magnetica. Agobiopsie percutanee imaging - guidate. Citologia, Core Biopsy, Core Biopsy Vacuum- Assisted

Risonanza Magnetica. Agobiopsie percutanee imaging - guidate. Citologia, Core Biopsy, Core Biopsy Vacuum- Assisted 1 Obiettivo: Diagnosi Metodiche di imaging I Livello Mammografia ed Ecografia Tomosintesi (ancora in fase sperimentale) II Livello Risonanza Magnetica Agobiopsie percutanee imaging - guidate Citologia,

Dettagli

Chirurgia delle patologie malformative mammarie

Chirurgia delle patologie malformative mammarie Chirurgia Plastica Ricostruttiva Chirurgia delle patologie malformative mammarie Da sempre il seno è considerato il principale simbolo di femminilità e un suo sviluppo proporzionato al resto del corpo,

Dettagli

U.O. Ortopedia e Traumatologia Direttore: Dott. Carlo Ranalletta. Consenso informato -chirurgia del piede-

U.O. Ortopedia e Traumatologia Direttore: Dott. Carlo Ranalletta. Consenso informato -chirurgia del piede- U.O. Ortopedia e Traumatologia Direttore: Dott. Carlo Ranalletta Consenso informato -chirurgia del piede- Casa di Cura Privata Di Lorenzo S.p.a. Via Veneto n. 37, 67051 Avezzano (AQ) Unità Operativa di

Dettagli

Intervento di exeresi transorale

Intervento di exeresi transorale Intervento di exeresi transorale Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA CONVEGNO: Anatomia del Colon e importanza della Linfadenectomia nei tumori del colon

RASSEGNA STAMPA CONVEGNO: Anatomia del Colon e importanza della Linfadenectomia nei tumori del colon RASSEGNA STAMPA CONVEGNO: Anatomia del Colon e importanza della Linfadenectomia nei tumori del colon giovedì 19 giugno 2014 20 Direttore: Angelo Santagostino Audipress n.d. 19-GIU-2014 da pag. 6 Audipress

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER INTERVENTO DI POSIZIONAMENTO CATETERE VENOSO CENTRALE QUALE ACCESSO VASCOLARE PER TRATTAMENTI EXTRACORPOREI

NOTA INFORMATIVA PER INTERVENTO DI POSIZIONAMENTO CATETERE VENOSO CENTRALE QUALE ACCESSO VASCOLARE PER TRATTAMENTI EXTRACORPOREI NOTA INFORMATIVA PER INTERVENTO DI POSIZIONAMENTO CATETERE VENOSO CENTRALE QUALE ACCESSO VASCOLARE PER TRATTAMENTI EXTRACORPOREI Gentile Signora/Illustre Signore, Lei ha già esaminato le ragioni per cui

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO E CONSENSO INFORMATO PER GASTROSCOPIA DIAGNOSTICA E TERAPEUTICA.

FOGLIO INFORMATIVO E CONSENSO INFORMATO PER GASTROSCOPIA DIAGNOSTICA E TERAPEUTICA. FOGLIO INFORMATIVO E CONSENSO INFORMATO PER GASTROSCOPIA DIAGNOSTICA E TERAPEUTICA. Gentile Paziente, La gastroscopia è un esame endoscopico che permette la visualizzazione della mucosa dell esofago, dello

Dettagli

LA RICOSTRUZIONE DEL SENO

LA RICOSTRUZIONE DEL SENO TEAM SENOLOGICO MULTIDISCIPLINARE CHIRURGIA SENOLOGICA E RICOSTRUTTIVA Dott. Cesare Magalotti cell. 338 9705529 Dott. Daniele Bordoni cell. 335 8450735 Dott. Sebastiano Di Priolo tel. 0721 792261 Dott.

Dettagli

Ospedale Sacro Cuore Negrar

Ospedale Sacro Cuore Negrar Reparto di Chirurgia Plastica Ospedale Sacro Cuore Negrar Primario: Dr. C. Cristofoli Rev 0 del 01.12.09 Rif. Norma UNI EN ISO 9001 INFORMAZIONI E CONSENSO RELATIVI ALL INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE MAMMARIA

Dettagli

Esistono fondamentalmente due tipi di cicatrici patologiche: il cheloide e la cicatrice ipertrofica.

Esistono fondamentalmente due tipi di cicatrici patologiche: il cheloide e la cicatrice ipertrofica. Le cicatrici Riduzione delle cicatrici/ Fonte Video: RAI UNO Fonte:www.chirurgia-plastica-estetica.it Che cos è una cicatrice? La cicatrice è il tessuto che colma le ferite e le perdite di sostanza dei

Dettagli

IMPIANTO DI DISPOSITIVO PER IL MONITORAGGIO CONTINUO ECG (MONITOR CARDIACO IMPIANTABILE)

IMPIANTO DI DISPOSITIVO PER IL MONITORAGGIO CONTINUO ECG (MONITOR CARDIACO IMPIANTABILE) MODELLO INFORMATIVO Informazioni relative all intervento di IMPIANTO DI DISPOSITIVO PER IL MONITORAGGIO CONTINUO ECG (MONITOR CARDIACO IMPIANTABILE) Io sottoscritto/a nato/a. il. dichiaro di essere stato/a

Dettagli

IL CARCINOMA DELLA MAMMELLA. Quadro clinico

IL CARCINOMA DELLA MAMMELLA. Quadro clinico IL CARCINOMA DELLA MAMMELLA Quadro clinico ANAMNESI: familiare e fisiologica Età della paziente Età al menarca ed alla menopausa N gravidanze Età alla prima gravidanza Allattamento Familiarità per carcinoma

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA di CHIRURGIA DELLA MAMMELLA IRCCS Ospedale San Raffaele

UNITÀ OPERATIVA di CHIRURGIA DELLA MAMMELLA IRCCS Ospedale San Raffaele UNITÀ OPERATIVA di CHIRURGIA DELLA MAMMELLA IRCCS Ospedale San Raffaele Opuscolo informativo: PRIMA E DOPO L INTERVENTO Primario: Dott. Oreste D. Gentilini Gentile Signora/e, di seguito troverà elencati

Dettagli

LO SCREENING DI CHIRURGIA BARIATRICA

LO SCREENING DI CHIRURGIA BARIATRICA PROVINCIA RELIGIOSA DI SAN PIETRO ORDINE OSPEDALIERO DI SAN GIOVANNI DI DIO FATEBENEFRATELLI Ospedale Buccheri La Ferla 90123 PALERMO Via Messina Marine, 197 Tel. 091 479201 - Fax 091 479337 - Email: ufficioalpi@fbfpa.it

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. La MAMMOGRAFIA

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. La MAMMOGRAFIA Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 La MAMMOGRAFIA INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV AL8-0 03/10/2011 INDICE Che cosa è la MAMMOGRAFIA? Perché sottoporsi alla MAMMOGRAFIA anche

Dettagli

Il fisiatra: il progetto riabilitativo Lia Zanetti

Il fisiatra: il progetto riabilitativo Lia Zanetti Il Fisiatra: il Progetto Riabilitativo Dott.ssa Lia Zanetti, Dott.ssa Irene Maghini UOC Riabilitazione Ortopedica Direttore UOC Riabilitazione Ortopedica Prof. S. Masiero Il fisiatra: il progetto riabilitativo

Dettagli

Informativa relativa agli interventi per emorroidi

Informativa relativa agli interventi per emorroidi Informativa relativa agli interventi per emorroidi Il presente documento ha lo scopo di informarla e di fornirle, in maniera il più possibile semplice e comprensibile, tutte le notizie circa la sua patologia

Dettagli

IL NODO (tumorale) AL SENO: QUANDO LA TERAPIA FARMACOLOGICA?

IL NODO (tumorale) AL SENO: QUANDO LA TERAPIA FARMACOLOGICA? IL NODO (tumorale) AL SENO: QUANDO LA TERAPIA FARMACOLOGICA? Dr. Giorgio Bonciarelli Oncologia Medica Azienda ULSS17 Monselice, 8 Marzo 2014 ALCUNI NUMERI IN EUROPA In ITALIA, nel 2013, sono stati stimati

Dettagli

Chirurgia Senologica

Chirurgia Senologica Area Chirurgica Chirurgia Senologica GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI TREVISO Azienda ULSS 2 Marca trevigiana tutti i diritti riservati Guida ai Servizi Chirurgia Senologica Ospedale di Treviso Area Chirurgica

Dettagli

GISMa 2018 I nuovi numeri del GISMa, i nuovi percorsi, le nuove analisi

GISMa 2018 I nuovi numeri del GISMa, i nuovi percorsi, le nuove analisi GISMa 2018 I nuovi numeri del GISMa, i nuovi percorsi, le nuove analisi Valutare la qualità del percorso senologico su una scala regionale Antonio Giampiero Russo Unità di Epidemiologia Agenzia per la

Dettagli

Il Ricovero. Unità Operativa di Chirurgia Plastica Senologica

Il Ricovero. Unità Operativa di Chirurgia Plastica Senologica IRCCS Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Sacro Cuore - Don Calabria Ospedale Classificato e Presidio Ospedaliero Accreditato - Regione Veneto Via Don A. Sempreboni, 5-37024 Negrar (Verona)

Dettagli

Informativa relativa agli interventi per Ascessi/Fistole Perianali

Informativa relativa agli interventi per Ascessi/Fistole Perianali Informativa relativa agli interventi per Ascessi/Fistole Perianali Il presente documento ha lo scopo di informarla e di fornirle, in maniera il più possibile semplice e comprensibile, tutte le notizie

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

CENTRO DI SENOLOGIA NVC: MODELLO ORGANIZZATIVO DI ASSISTENZA MULTIDISCIPLINARE

CENTRO DI SENOLOGIA NVC: MODELLO ORGANIZZATIVO DI ASSISTENZA MULTIDISCIPLINARE CENTRO DI SENOLOGIA NVC: MODELLO ORGANIZZATIVO DI ASSISTENZA MULTIDISCIPLINARE Un percorso diagnostico-terapeutico assistenziale personalizzato al servizio della donna, a zero tempi di attesa Prevenzione

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritta/o nata/o a il dichiaro di essere stata/o informata/o sia durante la prima visita che durante il ricovero, in modo a me chiaro e comprensibile dal Dr che, per la patologia riscontratami

Dettagli

INFORMATIVA SOCIALE PER LE PAZIENTI DEL REPARTO DI GINECOLOGIA ONCOLOGICA E DEL DAY HOSPITAL ONCOLOGICO. Scheda DONNE INFORMATE

INFORMATIVA SOCIALE PER LE PAZIENTI DEL REPARTO DI GINECOLOGIA ONCOLOGICA E DEL DAY HOSPITAL ONCOLOGICO. Scheda DONNE INFORMATE Pagina 1 di 5 DONNE INFORMATE Il Servizio Sociale ha predisposto la seguente informativa per le pazienti a cui sia stata comunicata una diagnosi di patologia oncologica, affinché possano trovare le informazioni

Dettagli

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITA OPERATIVA SEMPLICE DI ONCOLOGIA RICHIESTA/CONSENSO INFORMATO PER INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITA OPERATIVA SEMPLICE DI ONCOLOGIA RICHIESTA/CONSENSO INFORMATO PER INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITA OPERATIVA SEMPLICE DI ONCOLOGIA RICHIESTA/CONSENSO INFORMATO PER INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE Istruzioni per la compilazione Per la corretta esecuzione della manovra e per

Dettagli

VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA

VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA LA STRATEGIA CHIRURGICA VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA IMAGING MICROISTOLOGIA TUMORE EREDO FAMILIARE CLINICA

Dettagli

ULSS 3 SERENISSIMA ATTIVITA E ORGANIZZAZIONE CENTRI SENOLOGICI I E II LIVELLO

ULSS 3 SERENISSIMA ATTIVITA E ORGANIZZAZIONE CENTRI SENOLOGICI I E II LIVELLO ULSS 3 SERENISSIMA ATTIVITA E ORGANIZZAZIONE CENTRI SENOLOGICI I E II LIVELLO DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE n. 1273 del 23/06/2017 Approvazione documento di Organizzazione del Centro HUB di Senologia

Dettagli

Breast Cancer Unit. ESPERIENZA della ASL5 Spezzino

Breast Cancer Unit. ESPERIENZA della ASL5 Spezzino Breast Cancer Unit ESPERIENZA della ASL5 Spezzino Breast Cancer Unit ASL5 MODELLO ORGANIZZATIVO: prevede che la paziente, fin dal primo contatto, venga accolta e guidata lungo un percorso appropriato,

Dettagli

Storia naturale del tumore della mammella. diagnosi. +/-trattamento/i. preclinica. nascita del tumore. diagnosi. exitus. clinica

Storia naturale del tumore della mammella. diagnosi. +/-trattamento/i. preclinica. nascita del tumore. diagnosi. exitus. clinica Storia naturale del tumore della mammella diagnosi preclinica +/-trattamento/i? nascita del tumore diagnosi clinica exitus Trattamento carcinoma della mammella chirurgia radioterapia terapia medica MASSIMO

Dettagli

MODULO DI CONSENSO ALLA COLONSCOPIA

MODULO DI CONSENSO ALLA COLONSCOPIA Ospedale San Donato - Arezzo Servizio di Endoscopia Digestiva MODULO DI CONSENSO ALLA COLONSCOPIA Gentile Signore/a, attraverso l'opuscolo informativo che le è stato consegnato ha potuto conoscere le motivazioni,

Dettagli

TUMORE DEL PANCREAS INFORMARSI È LA PRIMA PREVENZIONE. in collaborazione con la dott.sa Brunella Di Biasi della Fondazione Poliambulanza di Brescia

TUMORE DEL PANCREAS INFORMARSI È LA PRIMA PREVENZIONE. in collaborazione con la dott.sa Brunella Di Biasi della Fondazione Poliambulanza di Brescia TUMORE DEL PANCREAS INFORMARSI È LA PRIMA PREVENZIONE in collaborazione con la dott.sa Brunella Di Biasi della Fondazione Poliambulanza di Brescia COS È IL TUMORE AL PANCREAS Il tumore del pancreas origina

Dettagli

Deviazioni del percorso multidisciplinare in fase diagnostica e terapeutica: esempi emblematici

Deviazioni del percorso multidisciplinare in fase diagnostica e terapeutica: esempi emblematici Breast Unit Interaziendale della Provincia di Parma Il Percorso Istituzionale dedicato alle Donne con Tumore al Seno 7 maggio 2019 Deviazioni del percorso multidisciplinare in fase diagnostica e terapeutica:

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Epidemiologia INCIDENZA neoplasia tipica e frequente, ma non esclusiva del sesso nei Paesi Occidentali in nei Paesi a bassa incidenza che hanno modificato il loro stile di vita

Dettagli

FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO

FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO Ft. Luiz Felipe Nevola Teixeira Fisioterapia durante il ricovero Multidisciplinarietà Valutazione Trattamento Multidisciplinarietà Ferita chirurgica Drenaggio

Dettagli

Esercizi dopo biopsia del linfonodo sentinella

Esercizi dopo biopsia del linfonodo sentinella Esercizi dopo biopsia del linfonodo sentinella Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

Chirurgia - tumori del fegato e delle vie biliari

Chirurgia - tumori del fegato e delle vie biliari Chirurgia - tumori del fegato e delle vie biliari La chirurgia del fegato e delle vie biliari comprende una notevole varietà di interventi, che vanno dalle più semplici e routinarie colecistectomie, con

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Questo intervento è possibile quando la mastectomia, a seconda della tecnica utilizzata, consenta di rispettare completamente od in parte la cute della mammella, evitando un ulteriore mutilazione estetica

Dettagli

U.O. di OSTETRICIA E GINECOLOGIA Direttore: Dott. G.S. Nucera

U.O. di OSTETRICIA E GINECOLOGIA Direttore: Dott. G.S. Nucera S.S.N. Regione Liguria PRESIDIO OSPEDALIERO DEL LEVANTE LIGURE DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE U.O. di OSTETRICIA E GINECOLOGIA Direttore: Dott. G.S. Nucera SCHEDA INFORMATIVA SULL INTERVENTO DI VULVECTOMIA

Dettagli

MODULO DI CONSENSO ALLA GASTROSCOPIA

MODULO DI CONSENSO ALLA GASTROSCOPIA Ospedale San Donato - Arezzo Servizio di Endoscopia Digestiva MODULO DI CONSENSO ALLA GASTROSCOPIA Gentile Signore/a, attraverso l'opuscolo informativo che le è stato consegnato ha potuto conoscere le

Dettagli

Novità e aggiornamenti dal Convegno GISMa e dalla letteratura: TRATTAMENTO

Novità e aggiornamenti dal Convegno GISMa e dalla letteratura: TRATTAMENTO M. Bortolini Novità e aggiornamenti dal Convegno GISMa e dalla letteratura: TRATTAMENTO Torino, 7 novembre 2013 Non esistono novità...radicali, ma: Ottimizzazione degli approcci terapeutici Tecnologie

Dettagli

Indicazioni e limiti delle mastectomie conservative. U.O.C. BREAST UNIT BERICA DIRETTORE DR. GRAZIANO MENEGHINI Arzignano-Montecchio Maggiore-Vicenza

Indicazioni e limiti delle mastectomie conservative. U.O.C. BREAST UNIT BERICA DIRETTORE DR. GRAZIANO MENEGHINI Arzignano-Montecchio Maggiore-Vicenza Indicazioni e limiti delle mastectomie conservative U.O.C. BREAST UNIT BERICA DIRETTORE DR. GRAZIANO MENEGHINI Arzignano-Montecchio Maggiore-Vicenza Mastectomie conservative: sempre più frequenti Mastectomie

Dettagli

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella Orientarsi N. 48 1 Supplemento d Informazione a Diario di Bordo Reg. Tribunale di Bologna n. 6759 del 31/12/1997 PERCORSO CLINICO-ASSISTENZIALE

Dettagli

Breast Unit Regionali

Breast Unit Regionali Motore Sanità Milano Breast Unit Regionali Prof. Gianni Amunni Direttore Istituto Toscano Tumori Percorso normativo 3-2-98 azione programmata per l oncologia (accoglienza, Dipartimenti, Gruppi Oncologici

Dettagli

Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per Laparocele

Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per Laparocele Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per Laparocele Il presente documento ha lo scopo di informarla e di fornirle, in maniera il più possibile semplice e comprensibile,

Dettagli

SIG DIRETTORE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA COSENZA

SIG DIRETTORE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA COSENZA REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Cosenza Dipartimento di Chirurgia Divisione di Chirurgia Generale F.Migliori (direttore f.f.:dott P.Verre) U.O. di Senologia Chirurgica Integrata (responsabile: dott.

Dettagli

Alle ore del ha inizio un incontro tra Medico e il sottoscritto/a, nato/a a il il/la quale dichiara:

Alle ore del ha inizio un incontro tra Medico e il sottoscritto/a, nato/a a il il/la quale dichiara: INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CONSENSO INFORMATO ALL ALL INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE MAMMARIA POST-MASTECTOMIA CON RIMOZIONE DELL ESPANSORE E SUA SOSTITUZIONE CON UNA PROTESI AL SILICONE Alle ore del ha

Dettagli

L intervento chirurgico di rimodellamento impiega tecniche simili, ma non uguali, a quelle della Mastopessi.

L intervento chirurgico di rimodellamento impiega tecniche simili, ma non uguali, a quelle della Mastopessi. 1/9 RIMODELLAMENTO DOPO QUADRANTECTOMIA MAMMARIA La quadrantectomia o resezione parziale della mammella può produrre una perdita di sostanza che frequentemente rischia di deformare permanentemente la mammella

Dettagli

Accettazione del paziente in U.O. di chirurgia

Accettazione del paziente in U.O. di chirurgia ACCOGLIENZA DEL PAZIENTE IN U.O. di CHIRURGIA Accettazione del paziente in U.O. di chirurgia Ricovero in emergenza ed urgenza Ricovero ordinario programmato Day Hospital Day Surgery Il ricovero in U.O.

Dettagli

intestinale per neoplasia E. Codognotto

intestinale per neoplasia E. Codognotto L occlusione Locclusione e la perforazione intestinale per neoplasia E. Codognotto Introduzione Il carcinoma del colon è la terza neoplasia per frequenza 20% nuove diagnosi: ca localmente avanzato P f

Dettagli

EPATOLOGIA E TRAPIANTO DI FEGATO

EPATOLOGIA E TRAPIANTO DI FEGATO CARTA DEGLI IMPEGNI DIPARTIMENTO DI MEDICINA SPECIALISTICA Direttore: Pierluigi Toniutto CARTA DEI SERVIZI EPATOLOGIA E TRAPIANTI DI FEGATO L Epatologia e Trapianti di Fegato assiste e cura i pazienti

Dettagli

D R. F A B R I Z I O D E B I A S I O

D R. F A B R I Z I O D E B I A S I O ASPORTAZIONE DI LESIONI CUTANEE Questo documento di consenso informato è stato preparato per informarla circa l intervento di asportazione di: i possibili risultati, i suoi rischi ed i trattamenti alternativi.

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA DI GASTROENTEROLOGIA

STRUTTURA COMPLESSA DI GASTROENTEROLOGIA FOGLIO INFORMATIVO E CONSENSO INFORMATO PER ECOENDOSCOPIA Gentile Paziente, L ecoendoscopia è una procedura diagnostica e terapeutica che impiega un approccio ecografico ed endoscopico combinato, nella

Dettagli