ISTITUTO COMPRENSIVO PESCARA 3 PTOF. Piano Triennale dell'offerta Formativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO PESCARA 3 PTOF. Piano Triennale dell'offerta Formativa"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO PESCARA 3 PTOF Piano Triennale dell'offerta Formativa Viale Regina Elena, 135 Tel Web:

2 Il Piano Triennale dell Offerta Formativa della scuola è stato elaborato dal collegio dei docenti nella seduta del 01/12/2021 sulla base dell atto di indirizzo del dirigente prot del 27/11/2020 ed è stato approvato dal Consiglio di Istituto nella seduta del 22/12/2021 con delibera n. 5 Anno scolastico di predisposizione: 2021/22 Periodo di riferimento: 2019/ /22 1

3 Indice INDICE SEZIONI PTOF LA SCUOLA E IL SUO CONTESTO Analisi del contesto e dei bisogni del territorio Caratteristiche principali della scuola Ricognizione attrezzature e infrastrutture materiali Risorse professionali LE SCELTE STRATEGICHE Priorità desunte dal RAV Obiettivi formativi prioritari (art. 1, comma 7 L. 107/15) Piano di miglioramento Principali elementi di innovazione Traguardi attesi in uscita Insegnamenti e quadri orario Curricolo di Istituto Iniziative di ampliamento curricolare Attività previste in relazione al PNSD Valutazione degli apprendimenti Azioni della Scuola per l'inclusione scolastica Piano per la didattica digitale integrata 2

4 Indice ORGANIZZAZIONE Modello organizzativo Organizzazione Uffici e modalità di rapporto con l'utenza Reti e Convenzioni attivate Piano di formazione del personale docente Piano di formazione del personale ATA 3

5 LA SCUOLA E IL SUO CONTESTO LA SCUOLA E IL SUO CONTESTO ANALISI DEL CONTESTO E DEI BISOGNI DEL TERRITORIO Popolazione scolastica Le Scuole dell'istituto Scolastico sono ubicate nel centro città. La Scuola Primaria "L. Illuminati" (con annessa Scuola dell'infanzia) e la Scuola Secondaria di 1 Grado "Mazzini" sono collocate in una zona centrale della città. La Scuola Primaria "E. Codignola" (con annessa Scuola dell'infanzia) è ubicata un po più a Nord rispetto alle precedenti. Tutte le sedi sono facilmente raggiungibili e risultano ben collegate con il servizio di trasporto urbano ed extraurbano. Sono presenti nel territorio diverse Istituzioni e Associazioni che offrono un valido supporto alla realizzazione di progetti. La Scuola inoltre collabora con altri Istituti del territorio per i progetti di continuità e orientamento L'Istituto accoglie alunni provenienti non solo dal proprio bacino di utenza, ma anche dalle altre zone della città e dall'area metropolitana. L'incidenza di alunni con cittadinanza non italiana è bassa anche se negli ultimi anni va gradualmente aumentando. L' attenzione e la partecipazione delle famiglie riguardo all offerta formativa e alle proposte progettuali della scuola sono costanti. Le famiglie, inoltre, si mostrano disponibili a collaborare alla realizzazione dei progetti condivisi mediante il contributo volontario o la fornitura di materiale didattico e tecnologico per integrare le risorse finanziarie della Scuola. Risorse economiche e materiali Sono stati eseguiti in tutti gli edifici scolastici alcuni interventi per l'adeguamento alle norme di sicurezza. Nell'anno scolastico 2020/2021 alcuni spazi delle scuole primarie, "L.Illuminati" e "E.Codignola", sono stati ampliati con lavori strutturali per adeguare le aule alla normativa anti - Covid. Per il periodo dell'emergenza, alcuni spazi sono stati rimodulati per nuove 4

6 LA SCUOLA E IL SUO CONTESTO funzioni. L'Istituto ha ricercato e ottenuto finanziamenti per incrementare le dotazioni tecnologiche, candidandosi con specifici progetti ai seguenti avvisi europei: PAR-FSC REGIONE ABRUZZO - Intervento per il potenziamento degli ambienti di apprendimento e delle dotazioni tecnologiche, di laboratori per lo sviluppo delle competenze di base degli istituti secondari di Primo Grado, con il progetto "Digital-Mente: Innovazione didattica e digitale per lo sviluppo delle competenze" (attivo); PON-FESR- REACT EU avviso del 20/07/ Realizzazione di reti locali, cablate e wireless nelle scuole (attivo) PON-FESR- REACT EU avviso del 6/9/ Digital board: trasformazione digitale nella didattica e nell organizzazione (attivo) A supporto dell'offerta formativa la scuola ha ottenuto finanziamenti partecipando agli avvisi: PON-FSE- "Scuola al centro" per l'inclusione sociale e lotta al disagio nonché per garantire l'apertura della scuola oltre l'orario scolastico soprattutto nelle aree a rischio e in quelle periferiche, con il progetto "Una scuola di tutti/e". PON e POC FSE e FDR - Avviso 9707 del 27/04/2021 con il progetto Cooperare per apprendere. I progetti saranno avviati nell'a.s. 2021/2022. CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELLA SCUOLA (ISTITUTO PRINCIPALE) Ordine scuola Codice Indirizzo ISTITUTO COMPRENSIVO PEIC83300G VIA REGINA ELENA, 135 PESCARA PESCARA Telefono

7 LA SCUOLA E IL SUO CONTESTO Pec Sito WEB E. CODIGNOLA (PLESSO) Ordine scuola Codice Indirizzo SCUOLA DELL'INFANZIA PEAA83301C VIA MILITE IGNOTO N. 28 LOC. PESCARA PESCARA L. ILLUMINATI (PLESSO) Ordine scuola Codice Indirizzo SCUOLA DELL'INFANZIA PEAA83302D VIA REGINA ELENA N. 135 LOC. PESCARA PESCARA E.CODIGNOLA (PLESSO) Ordine scuola Codice Indirizzo SCUOLA PRIMARIA PEEE83301N VIA MILITE IGNOTO N.28 LOC. PESCARA PESCARA Numero Classi 15 Totale Alunni 307 L.ILLUMINATI (PLESSO) Ordine scuola Codice Indirizzo SCUOLA PRIMARIA PEEE83302P VIA REGINA ELENA N. 135 LOC. PESCARA PESCARA 6

8 LA SCUOLA E IL SUO CONTESTO Numero Classi 10 Totale Alunni 169 S.M. G.MAZZINI - PESCARA (PLESSO) Ordine scuola Codice Indirizzo SCUOLA SECONDARIA I GRADO PEMM83301L VIA REGINA MARGHERITA, PESCARA Numero Classi 11 Totale Alunni 224 Approfondimento Nell'anno scolastico 2020/2021 alcuni spazi delle scuole primarie, "L.Illuminati" e "E.Codignola", sono stati ampliati con lavori strutturali per adeguare le aule alla normativa anti - Covid. Alcuni spazi sono stati rimodulati per nuove funzioni. Dall'anno scolastico 2020/2021 è in vigore, in tutti i plessi dell'istituto, la cosiddetta settimana corta con il seguente orario delle lezioni: - per la Scuola Secondaria di 1 Grado (30 ore settimanali): da lunedì a venerdì dalle ore 8.00 alle ore 14.00; -per la Scuola Primaria (27 ore settimanali): dal lunedì al giovedì dalle ore 8.15 alle ore 13.45, il venerdì dalle ore 8.15 alle ore e con chiusura dell Istituto nella giornata del sabato. Nel plesso di scuola Primaria "L. Illuminati" è attiva dall'anno scolastico 2020/2021 una classe a "tempo pieno" (40h settimanali) con il seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.15 alle ore Il servizio mensa è gestito da una cooperativa esterna che eroga i pasti nella mensa e, in un plesso anche all'interno dell'aula didattica per alcune sezioni della scuola dell'infanzia con operazioni di sanificazione dell'ambiente prima e dopo i pasti. I due Plessi di Scuola Primaria offrono, a carico dei genitori, i servizi di pre-scuola e 7

9 LA SCUOLA E IL SUO CONTESTO post-scuola, gestiti da una cooperativa esterna. Nell'anno scolastico 2020/2021 il servizio è stato sospeso per garantire il rispetto delle norme anti-covid. Nell'anno scolastico 2021/2022 il servizio è stato riattivato nel rispetto della normativa di prevenzione anti-covid vigente. RICOGNIZIONE ATTREZZATURE E INFRASTRUTTURE MATERIALI Laboratori Con collegamento ad Internet 2 Disegno 1 Informatica 2 Musica 1 Biblioteche Classica 2 Aule Magna 3 Strutture sportive Palestra 2 Servizi Mensa Attrezzature multimediali PC e Tablet presenti nei Laboratori 59 LIM e SmartTV (dotazioni multimediali) presenti nei laboratori 2 Approfondimento 8

10 LA SCUOLA E IL SUO CONTESTO Le biblioteche sono in fase di riorganizzazione per creare spazi fruibili di lettura. Nell'anno scolastico 2020/2021 alcuni spazi delle scuole primarie, "L.Illuminati" e "E.Codignola", sono stati ampliati con lavori strutturali per adeguare le aule alla normativa anti - Covid. Per il periodo dell'emergenza, alcuni spazi sono stati rimodulati per nuove funzioni. Le aule laboratorio sono state ridimensionate relativamente al numero delle postazioni per garantire il distanziamento previsto dalla normativa anti-covid. Gli acquisti effettuati con i fondi europei PON-FSE hanno implementato la dotazione tecnologica dell'istituto. Nell'anno scolastico 2020/2021 alcuni device sono stati offerti in comodato d'uso alle famiglie aventi diritto che ne hanno fatto richiesta per consentire a tutti gli alunni di partecipare alla DDI. Terminata l'emergenza sanitaria, tutti i dispositivi digitali saranno utilizzati per allestire i nuovi laboratori di informatica nei due plessi di scuola primaria. Nell'anno scolastico 2020/2021 nel plesso di Scuola Secondaria "Mazzini" è stata installata la rete LAN in due aule dedicate a laboratorio di informatica, uno nell'ala nord e uno nell'ala sud dello stabile. Nell'anno scolastico 2021/2022 con i fondi europei, reperiti attraverso la partecipazione ai PON, la scuola sta procedendo all'acquisto di lavagne "touch screen" per completare la dotazione di tutte le aule didattiche di tutti i plessi. RISORSE PROFESSIONALI Docenti Personale ATA Approfondimento Nell'anno scolastico 2020/2021 l'istituto ha utilizzato alcune risorse dell'organico dell'autonomia per attivare una classe a tempo pieno nel plesso 9

11 LA SCUOLA E IL SUO CONTESTO di scuola Primaria "L. Illuminati". Nell Istituto l'organico è stabile. Nell'anno scolastico diversi docenti collocati in pensione sono stati sostituiti da nuove immissioni in ruolo, questo ha determinato un positivo rinnovamento del corpo docente sia nella scuola Primaria sia nella scuola secondaria di 1 Grado. Nell'anno scolastico 2021/2022, grazie alle risorse legate all emergenza epidemiologica da Covid-19, nel nostro Istituto sono stati assunti a tempo determinato (fino al 30 dicembre) 3 collaboratori scolastici e una docente di Scuola dell'infanzia. 10

12 LE SCELTE STRATEGICHE LE SCELTE STRATEGICHE PRIORITÀ DESUNTE DAL RAV Aspetti Generali Le azioni che la nostra Istituzione scolastica si propone di mettere in atto per perseguire l obiettivo più alto che è quello del miglioramento continuo dell apprendimento di ciascun alunno sono le seguenti: -rispettare le priorità individuate nel R.A.V. e gli obiettivi di processo sviluppati nel piano di miglioramento (P.D.M.); -proporre agli studenti percorsi coerenti con il contesto sociale in cui la scuola opera; -individuare gli aspetti irrinunciabili del servizio formativo ed esplicitare gli standard di processo; -articolare l Offerta Formativa tenendo conto della normativa e delle indicazioni Nazionali 2012 e, al tempo stesso, proporre azioni formative adeguate ad una scuola innovativa e inclusiva, aperta e flessibile nel territorio anche in orario extracurricolare; -far sì che le scelte curricolari, le attività di recupero/sostegno e i progetti di ampliamento dell'offerta formativa siano efficaci, facilitino il processo di insegnamento/apprendimento, siano mirate all acquisizione delle competenze di Italiano, Matematica e Inglese riportate nei quadri di riferimento delle prove Invalsi e nelle Indicazioni Nazionali e favoriscano lo sviluppo di altre competenze di cittadinanza quali quelle artistiche ( con particolare riferimento alla musica) quelle motorie, quelle digitali; -privilegiare un organizzazione flessibile dell insegnamento basata sulla personalizzazione e l inclusione, ai fini dell attuazione della normativa sui Bisogni Educativi Speciali anche in relazione alla valorizzazione delle eccellenze; 11

13 LE SCELTE STRATEGICHE -privilegiare, nell ambito curricolare e in quello dell ampliamento dell Offerta Formativa, la progettazione per competenze, che favorisca la metodologia laboratoriale e l utilizzo di tecniche didattiche innovative; -superare una visione individualistica dell'insegnamento a favore di un accrescimento del livello di cooperazione e di progettazione di team, con trasparenza e rendicontabilità dei procedimenti; -prevedere forme di documentazione, pubblicizzazione e valorizzazione delle buone pratiche, messe in atto da singoli o gruppi di docenti e dei prodotti/risultati degli studenti; -prevedere interventi educativi adeguati per informare gli studenti sulle regole della vita scolastica e per assicurare un sereno svolgimento delle relazioni; -promuovere azioni di orientamento formativo in una prospettiva di continuità verticale dell apprendimento; -curare costantemente la formazione dei docenti PRIORITÀ E TRAGUARDI Risultati Nelle Prove Standardizzate Nazionali Priorità Partendo dall'evidenza che la media dei risultati delle prove standardizzate è superiore alla media nazionale, il nostro Istituto intende ulteriormente innalzare il punteggio delle prove INVALSI di matematica, nelle classi quinte della scuola primaria, al fine di equipararlo a quello degli istituti con caratteristiche di popolazione scolastica analoghe per innalzare l'effetto scuola. Traguardi Passaggio da " effetto scuola" leggermente negativo ad "effetto scuola" pari alla media nelle prove INVALSI di matematica. Priorità Partendo dall'evidenza che i risultati delle prove standardizzate è superiore alla media nazionale, il nostro Istituto intende ulteriormente innalzare il punteggio, nelle classi terze della scuola secondaria di 1 Grado nelle prove INVALSI di italiano, al fine di equipararlo a quello degli istituti con caratteristiche di popolazione scolastica 12

14 LE SCELTE STRATEGICHE analoghe per innalzare "l'effetto scuola" pari alla media Nazionale. Traguardi Passaggio da " effetto scuola" leggermente negativo ad "effetto scuola" pari alla media nazionale nelle prove INVALSI di italiano. Competenze Chiave Europee Priorità Adottare in tutto l Istituto una progettazione per competenze. Traguardi Avviare la Formazione di Istituto sulle Competenze partendo dai docenti della Scuola Primaria al fine di fornire a tutti gli strumenti per l applicazione di metodologie didattiche innovative. Priorità Stimolare la consapevolezza sui temi della cittadinanza attiva. Traguardi Sperimentare il curricolo di Educazione Civica. OBIETTIVI FORMATIVI PRIORITARI (ART. 1, COMMA 7 L. 107/15) ASPETTI GENERALI Gli aspetti generali della vision e della mission che determinano la scelta degli obiettivi formativi ai sensi del comma 7 Legge 107/15 consistono in: Una scuola di qualità, attenta al processo di apprendimentoinsegnamento, centrata sui bisogni dello studente e nel contempo improntata al rispetto delle regole, delle persone e delle cose; Una scuola impegnata nella trasmissione di valori umani e sociali come la democrazia, la legalità, la tolleranza, il rispetto di sé e degli altri; Una scuola che sviluppi la sua capacità di essere inclusiva e che sappia arricchirsi attraverso la diversità e l interculturalità; Una scuola efficiente, attiva e presente nel territorio, una scuola educante, dove ogni operatore è chiamato a dare il proprio contributo 13

15 LE SCELTE STRATEGICHE con un impegno puntuale e preciso e con il buon esempio L istituto ritiene che tali esigenze formative siano coerenti con le priorità definite nel RAV, poiché, in continuità con le esperienze fin qui maturate, il corpo docente esercita costantemente le seguenti azioni: elabora i dati relativi alle indagini di valutazione degli studenti proposte dal MIUR mediante le prove nazionali INVALSI; opera il monitoraggio costante, interno e/o esterno, delle attività progettuali proposte nell istituto; favorisce i corsi di formazione e percorsi progettuali di approfondimento dei sistemi e strumenti di valutazione didattica; attraverso i Dipartimenti si impegna nella definizione di criteri e modalità di verifica coerenti ed omogenei; segue i processi di valutazione ed autovalutazione anche attraverso il monitoraggio del RAV; realizza il Piano di miglioramento della scuola. OBIETTIVI FORMATIVI INDIVIDUATI DALLA SCUOLA 1 ) valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano nonché alla lingua inglese e ad altre lingue dell'unione europea, anche mediante l'utilizzo della metodologia Content language integrated learning 2 ) potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche 3 ) potenziamento delle competenze nella pratica e nella cultura musicali, nell'arte e nella storia dell'arte, nel cinema, nelle tecniche e nei media di produzione e di diffusione delle immagini e dei suoni, anche mediante il coinvolgimento dei musei e degli altri istituti pubblici e privati operanti in tali settori 4 ) sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica 14

16 LE SCELTE STRATEGICHE attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell'assunzione di responsabilità nonché della solidarietà e della cura dei beni comuni e della consapevolezza dei diritti e dei doveri; potenziamento delle conoscenze in materia giuridica ed economico-finanziaria e di educazione all'autoimprenditorialità 5 ) sviluppo di comportamenti responsabili ispirati alla conoscenza e al rispetto della legalità, della sostenibilità ambientale, dei beni paesaggistici, del patrimonio e delle attività culturali 6 ) potenziamento delle discipline motorie e sviluppo di comportamenti ispirati a uno stile di vita sano, con particolare riferimento all'alimentazione, all'educazione fisica e allo sport, e attenzione alla tutela del diritto allo studio degli studenti praticanti attività sportiva agonistica 7 ) sviluppo delle competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all'utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro 8 ) potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio 9 ) apertura pomeridiana delle scuole e riduzione del numero di alunni e di studenti per classe o per articolazioni di gruppi di classi, anche con potenziamento del tempo scolastico o rimodulazione del monte orario rispetto a quanto indicato dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 89 PIANO DI MIGLIORAMENTO POTENZIAMO LA MATEMATICA NELLA SCUOLA PRIMARIA Descrizione Percorso Dopo un'attenta ed approfondita analisi dei risultati delle prove INVALSI di matematica item per item e, dopo aver messo in luce i punti di debolezza insiti nelle percentuali più alte di risposte errate, i docenti, ricalibrando la programmazione didattica, progetteranno dei percorsi per migliorare gli aspetti della disciplina 15

17 LE SCELTE STRATEGICHE laddove risulteranno carenti. "OBIETTIVI DI PROCESSO COLLEGATI AL PERCORSO" "OBIETTIVI DI PROCESSO" CURRICOLO, PROGETTAZIONE E VALUTAZIONE "Obiettivo:" Aggiornare la programmazione didattica al fine di elevare i risultati "Effetto scuola" di matematica nelle classi quinte della scuola primaria "PRIORITÀ COLLEGATE ALL OBIETTIVO"» "Priorità" [Risultati nelle prove standardizzate nazionali] Partendo dall'evidenza che la media dei risultati delle prove standardizzate è superiore alla media nazionale, il nostro Istituto intende ulteriormente innalzare il punteggio delle prove INVALSI di matematica, nelle classi quinte della scuola primaria, al fine di equipararlo a quello degli istituti con caratteristiche di popolazione scolastica analoghe per innalzare l'effetto scuola. ATTIVITÀ PREVISTA NEL PERCORSO: INCONTRO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO CON I DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA ED ILLUSTRAZIONE DATI PROVE INVALSI - ANALISI DEGLI ITEM DI MATEMATICA NEGLI INCONTRI DI PROGRAMMAZIONE Tempistica prevista per la conclusione dell'attività Destinatari Soggetti Interni/Esterni Coinvolti 01/02/2019 Docenti Docenti Responsabile Insegnanti di matematica scuola primaria Risultati Attesi l docenti di matematica della scuola Primaria hanno preso atto degli ambiti in cui gli alunni hanno mostrato alcune incertezze ed avviano l'aggiornamento della programmazione didattica. 16

18 LE SCELTE STRATEGICHE ATTIVITÀ PREVISTA NEL PERCORSO: AGGIORNAMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA IN RELAZIONE AI NUCLEI TEMATICI DA SEGUIRE CON MAGGIORE ATTENZIONE E ATTUAZIONE, NELLE CLASSI, DELLA PROGRAMMAZIONE REVISIONATA. Tempistica prevista per la conclusione dell'attività Destinatari Soggetti Interni/Esterni Coinvolti 01/04/2019 Docenti Docenti Studenti Studenti Responsabile Insegnanti di matematica Scuola primaria Risultati Attesi La programmazione didattica viene aggiornata e gli insegnanti iniziano ad applicarla nelle classi. ATTIVITÀ PREVISTA NEL PERCORSO: PROVE COMUNI DI VERIFICA E ANALISI DEI RISULTATI CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA VALUTAZIONE DEL GRUPPO DI ITEMS CHE HANNO CONCORSO A COLLOCARE LE CLASSI IN UNA POSIZIONE LEGGERMENTE NEGATIVA NELL'AMBITO DELL' EFFETTO SCUOLA Tempistica prevista per la conclusione dell'attività Destinatari Soggetti Interni/Esterni Coinvolti 01/06/2019 Docenti Docenti Studenti Studenti Responsabile Insegnanti di matematica Scuola Primaria Risultati Attesi Miglioramento dei risultati degli alunni in relazione ai punti di debolezza individuati 17

19 LE SCELTE STRATEGICHE attraverso l'analisi degli Items. POTENZIAMO L' ITALIANO NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO Descrizione Percorso Dopo un'attenta ed approfondita analisi dei risultati delle prove INVALSI di italiano item per item e, dopo aver messo in luce i punti di debolezza insiti nelle percentuali più alte di risposte errate, i docenti, ricalibrando la programmazione didattica, progetteranno dei percorsi per migliorare gli aspetti della disciplina laddove risulteranno carenti. "OBIETTIVI DI PROCESSO COLLEGATI AL PERCORSO" "OBIETTIVI DI PROCESSO" CURRICOLO, PROGETTAZIONE E VALUTAZIONE "Obiettivo:" Aggiornare la programmazione didattica di italiano al fine di elevare i risultati Effetto Scuola nelle classi terze della scuola secondaria di 1 Grado "PRIORITÀ COLLEGATE ALL OBIETTIVO"» "Priorità" [Risultati nelle prove standardizzate nazionali] Partendo dall'evidenza che i risultati delle prove standardizzate è superiore alla media nazionale, il nostro Istituto intende ulteriormente innalzare il punteggio, nelle classi terze della scuola secondaria di 1 Grado nelle prove INVALSI di italiano, al fine di equipararlo a quello degli istituti con caratteristiche di popolazione scolastica analoghe per innalzare "l'effetto scuola" pari alla media Nazionale. ATTIVITÀ PREVISTA NEL PERCORSO: INCONTRO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO CON I DOCENTI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO ED ILLUSTRAZIONE DATI PROVE INVALSI - ANALISI DEGLI ITEMS DI ITALIANO NEGLI INCONTRI DI DIPARTIMENTO 18

20 LE SCELTE STRATEGICHE Tempistica prevista per la conclusione dell'attività Destinatari Soggetti Interni/Esterni Coinvolti 01/02/2019 Docenti Docenti Responsabile Docenti di Lettere Scuola Secondaria di 1 Grado Risultati Attesi l docenti di italiano della scuola Secondaria di 1 Grado hanno preso atto degli ambiti in cui gli alunni hanno mostrato alcune incertezze ed avviano l'aggiornamento della programmazione didattica. ATTIVITÀ PREVISTA NEL PERCORSO: AGGIORNAMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO IN RELAZIONE AI NUCLEI TEMATICI DA SEGUIRE CON MAGGIORE ATTENZIONE E ATTUAZIONE NELLE CLASSI DELLA PROGRAMMAZIONE REVISIONATA. Tempistica prevista per la conclusione dell'attività Destinatari Soggetti Interni/Esterni Coinvolti 01/04/2019 Docenti Docenti Studenti Studenti Responsabile Docenti di Lettere Scuola Secondaria di 1 Grado Risultati Attesi La programmazione didattica viene aggiornata e i docenti di lettere iniziano ad applicarla nelle classi. ATTIVITÀ PREVISTA NEL PERCORSO: PROVE COMUNI DI VERIFICA E ANALISI DEI RISULTATI CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA VALUTAZIONE DEL GRUPPO DI ITEM CHE HANNO CONCORSO A COLLOCARE LE CLASSI IN UNA POSIZIONE 19

21 LE SCELTE STRATEGICHE LEGGERMENTE NEGATIVA NELL'AMBITO DELL' EFFETTO SCUOLA RISPETTO ALLA MEDIA NAZIONALE Tempistica prevista per la conclusione dell'attività Destinatari Soggetti Interni/Esterni Coinvolti 01/06/2019 Docenti Docenti Studenti Studenti Responsabile Docenti di Lettere della Scuola Secondaria di 1 Grado Risultati Attesi Miglioramento dei risultati degli alunni in relazione ai punti di debolezza individuati attraverso l'analisi degli Items. PROGETTARE PER COMPETENZE Descrizione Percorso Il percorso mira a completare, nel corso del triennio 2019/2022, la formazione già effettuata da un gruppo di docenti, per fornire a tutti gli strumenti per utilizzare tecniche didattiche innovative nella progettazione per competenze. Il Percorso sarà avviato nella Scuola Primaria e prevede unità formative che si svilupperanno in attività tecnico-professionali per un totale di 25 ore, come deliberato dal Collegio dei Docenti. Le attività prevedono una quota oraria in presenza e una quota oraria di sperimentazione in classe. Per il Corso l'istituto utilizzerà i Fondi destinati alla Formazione. "OBIETTIVI DI PROCESSO COLLEGATI AL PERCORSO" "OBIETTIVI DI PROCESSO" CURRICOLO, PROGETTAZIONE E VALUTAZIONE "Obiettivo:" Utilizzare nei processi di insegnamento-apprendimento metodologie didattiche innovative per promuovere le competenze 20

22 LE SCELTE STRATEGICHE "PRIORITÀ COLLEGATE ALL OBIETTIVO"» "Priorità" [Competenze chiave europee] Adottare in tutto l Istituto una progettazione per competenze. ATTIVITÀ PREVISTA NEL PERCORSO: CORSO DI FORMAZIONE TEORICA CON ESPERTO Tempistica prevista per la conclusione dell'attività Destinatari Soggetti Interni/Esterni Coinvolti 01/10/2019 Docenti Docenti Responsabile Tutti i docenti della Scuola Primaria Risultati Attesi Maggiore consapevolezza da parte dei docenti in merito alla didattica per competenze e all'organizzazione dei compiti di realtà. ATTIVITÀ PREVISTA NEL PERCORSO: PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA' Tempistica prevista per la conclusione dell'attività Destinatari Soggetti Interni/Esterni Coinvolti 01/12/2019 Docenti Docenti Studenti Studenti Responsabile Tutti i docenti della Scuola Primaria Risultati Attesi Progettazione collegiale di percorsi con l'uso delle metodologie didattiche apprese nell'ambito della formazione. 21

23 LE SCELTE STRATEGICHE ATTIVITÀ PREVISTA NEL PERCORSO: SPERIMENTAZIONE IN CLASSE Tempistica prevista per la conclusione dell'attività Destinatari Soggetti Interni/Esterni Coinvolti 01/05/2020 Docenti Docenti Studenti Studenti Responsabile Tutti i docenti della scuola Primaria. Risultati Attesi I docenti della scuola Primaria, implementano l'utilizzo, nelle classi, delle metodologie didattiche innovative. PRINCIPALI ELEMENTI DI INNOVAZIONE SINTESI DELLE PRINCIPALI CARATTERISTICHE INNOVATIVE Rappresentano elementi innovativi del modello organizzativo e didattico: lavorare insieme nei processi didattici, in quelli gestionali e nei progetti con obiettivi comuni e condivisi, con comunità di pratiche; diffondere una conoscenza condivisa fra tutti i membri dell organizzazione non solo sui materiali didattici, ma su esperienze di buone prassi; creare una comunità orientata agli obiettivi; adottare metodologie di apprendimento, attraverso esperienze di confronto e condivisione che accrescono la partecipazione dello studente, e portano la classe a un livello comunicativo molto più elevato; utilizzare il coding e il pensiero computazionale; utilizzare una piattaforma interattiva per l'apprendimento come la piattaforma Google Classroom e l applicazione GSuite dell istituto 22

24 LE SCELTE STRATEGICHE come spazio virtuale per la condivisione e l archiviazione dei materiali per le lezioni in modalità sincrona e asincrona; potenziare il fabbisogno di attrezzature e infrastrutture materiali attraverso la partecipazione a bandi PON FESR; implementare l utilizzo delle dotazioni tecnologiche e dei software didattici; attivare corsi di formazione ed autoaggiornamento per la diffusione dell'innovazione metodologico didattica; sviluppare e migliorare le competenze digitali di alunni e personale, attraverso il Piano Nazionale per la Scuola Digitale. AREE DI INNOVAZIONE RETI E COLLABORAZIONI ESTERNE L istituto Comprensivo Pescara 3 partecipa a tutte le iniziative formative promosse dalla rete di Ambito 9 di Pescara, per gli anni scolastici , , Tra le scuole dell ambito 9 è stata individuata come scuola polo per il triennio il Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci di Pescara. Il piano di formazione nazionale per il personale della scuola rivolge il 40% delle risorse finanziarie a iniziative formative su tematiche che rivestono carattere prioritario a livello nazionale. Le priorità formative ministeriali rilevate sono: a) Educazione civica con particolare riguardo alla conoscenza della Costituzione e alla Cultura della sostenibilità (Legge 92/2019); b) Discipline scientifico- tecnologiche (STEM); c) Contrasto alla dispersione e all insuccesso formativo; d) Situazione di disagio e 23

25 LE SCELTE STRATEGICHE inclusione (D.Lgs. 66/2017 e 96/2019); e) Realizzazione del sistema educativo integrato dalla nascita fino a 6 anni (D.Lgs. 65/2017). Il 60% delle risorse finanziarie disponibili è stato assegnato, invece, dalla scuola polo, direttamente ad ogni istituto scolastico per le esigenze di formazione autonomamente deliberate. A tal riguardo, nell anno scolastico l istituto ha organizzato un unità formativa di 25 ore Valutare per competenze e nuove linee guida a cui hanno partecipato tutti i docenti della Scuola Primaria. Nell anno scolastico l Istituto ha organizzato un unità formativa di 11 ore L insegnamento dell Educazione Civica e le competenze di Cittadinanza, a cui hanno partecipato i docenti della Scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado che insegnano Italiano e Storia. Ciascun percorso formativo è stato strutturato in modo da alternare momenti di lezioni con formatori esperti in modalità e- learning, a momenti di workshop, attività laboratoriali e approfondimento personale. 24

26 TRAGUARDI ATTESI IN USCITA INFANZIA ISTITUTO/PLESSI CODICE SCUOLA E. CODIGNOLA PEAA83301C L. ILLUMINATI PEAA83302D Competenze di base attese al termine della scuola dell infanzia in termini di identità, autonomia, competenza, cittadinanza.: - Il bambino: - riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d'animo propri e altrui; - ha un positivo rapporto con la propria corporeità, ha maturato una sufficiente fiducia in sé, è progressivamente consapevole delle proprie risorse e dei propri limiti, quando occorre sa chiedere aiuto; - manifesta curiosità e voglia di sperimentare, interagisce con le cose, l'ambiente e le persone, percependone le reazioni ed i cambiamenti; - condivide esperienze e giochi, utilizza materiali e risorse comuni, affronta gradualmente i conflitti e ha iniziato a riconoscere le regole del comportamento nei contesti privati e pubblici; - ha sviluppato l'attitudine a porre e a porsi domande di senso su questioni etiche e morali; - coglie diversi punti di vista, riflette e negozia significati, utilizza gli errori come fonte 25

27 di conoscenza; PRIMARIA ISTITUTO/PLESSI E.CODIGNOLA CODICE SCUOLA PEEE83301N L.ILLUMINATI PEEE83302P Profilo delle competenze al termine del primo ciclo di istruzione: - Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola, lo studio personale, le esperienze educative vissute in famiglia e nella comunità, è in grado di iniziare ad affrontare in autonomia e con responsabilità, le situazioni di vita tipiche della propria età, riflettendo ed esprimendo la propria personalità in tutte le sue dimensioni. Ha consapevolezza delle proprie potenzialità e dei propri limiti, utilizza gli strumenti di conoscenza per comprendere se stesso e gli altri, per riconoscere ed apprezzare le diverse identità, le tradizioni culturali e religiose, in un'ottica di dialogo e di rispetto reciproco. Interpreta i sistemi simbolici e culturali della società, orienta le proprie scelte in modo consapevole, rispetta le regole condivise, collabora con gli altri per la costruzione del bene comune esprimendo le proprie personali opinioni e sensibilità. Si impegna per portare a compimento il lavoro iniziato da solo o insieme ad altri. SECONDARIA I GRADO 26

28 ISTITUTO/PLESSI S.M. G.MAZZINI - PESCARA CODICE SCUOLA PEMM83301L Profilo delle competenze al termine del primo ciclo di istruzione: - Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola, lo studio personale, le esperienze educative vissute in famiglia e nella comunità, è in grado di iniziare ad affrontare in autonomia e con responsabilità, le situazioni di vita tipiche della propria età, riflettendo ed esprimendo la propria personalità in tutte le sue dimensioni. Ha consapevolezza delle proprie potenzialità e dei propri limiti, utilizza gli strumenti di conoscenza per comprendere se stesso e gli altri, per riconoscere ed apprezzare le diverse identità, le tradizioni culturali e religiose, in un'ottica di dialogo e di rispetto reciproco. Interpreta i sistemi simbolici e culturali della società, orienta le proprie scelte in modo consapevole, rispetta le regole condivise, collabora con gli altri per la costruzione del bene comune esprimendo le proprie personali opinioni e sensibilità. Si impegna per portare a compimento il lavoro iniziato da solo o insieme ad altri. Approfondimento Per la Scuola dell'infanzia, viene adottato il "Documento di rilevazione dei traguardi di sviluppo delle competenze in uscita" che si allega. Al termine della Scuola Primaria e al termine del primo ciclo di istruzione (Scuola Secondaria di 1 Grado) le competenze degli studenti si rilevano attraverso i modelli ministeriali di certificazione delle competenze. Per le classi iniziali e intermedie della Scuola Primaria e Secondaria di 1 Grado la 27

29 scuola ha adottato, in via sperimentale, per la rilevazione delle competenze, il modello ufficiale di certificazione delle stesse. ALLEGATI: SCHEDA RILEVAZIONE TRAGUARDI DI SVILUPPO COMPETENZE INFANZIA.pdf INSEGNAMENTI E QUADRI ORARIO E. CODIGNOLA PEAA83301C SCUOLA DELL'INFANZIA QUADRO ORARIO 40 Ore Settimanali L. ILLUMINATI PEAA83302D SCUOLA DELL'INFANZIA QUADRO ORARIO 40 Ore Settimanali E.CODIGNOLA PEEE83301N SCUOLA PRIMARIA TEMPO SCUOLA 27 ORE SETTIMANALI L.ILLUMINATI PEEE83302P SCUOLA PRIMARIA TEMPO SCUOLA 28

30 27 ORE SETTIMANALI TEMPO PIENO PER 40 ORE SETTIMANALI S.M. G.MAZZINI - PESCARA PEMM83301L SCUOLA SECONDARIA I GRADO TEMPO SCUOLA TEMPO ORDINARIO SETTIMANALE ANNUALE Italiano, Storia, Geografia Matematica E Scienze Tecnologia 2 66 Inglese 3 99 Seconda Lingua Comunitaria 2 66 Arte E Immagine 2 66 Scienze Motoria E Sportive 2 66 Musica 2 66 Religione Cattolica 1 33 Approfondimento Di Discipline A Scelta Delle Scuole 1 33 Monte ore previsto per anno di corso per l'insegnamento trasversale di educazione civica La Legge n.92 del 20 agosto 2019 prevede l introduzione dell'insegnamento scolastico dell'educazione civica che sarà trasversale alle altre discipline per un totale minimo di 33 ore 29

31 annue. Il collegio dei Docenti del 22/09/2021, con delibera n. 14, ha stabilito le discipline da coinvolgere all'insegnamento di educazione civica per il totale di 33 ore annue. Per la Scuola Primaria le discipline coinvolte sono: Italiano (6h); Storia (4h); Geografia (4h); Arte (2h); Tecnologia (7h); Musica(2h); Scienze (6h); Educazione Fisica (2h). Per la Scuola Secondaria di 1 Grado le discipline coinvolte sono: Italiano(4h); Storia(4h); Geografia (4h); Inglese (2h); Tecnologia (4h); Arte e Immagine (2h); Musica (2h); Scienze Motorie (3h); Scienze (6h). ALLEGATI: PROPOSTA INSEGNAMENTO DI EDUCAZIONE CIVICA.pdf Approfondimento Dall anno scolastico 2020/2021 è entrata in vigore, in tutti i plessi dell'istituto, la cosiddetta settimana corta con chiusura dell'istituto nella giornata del sabato. Orario delle lezioni: Scuola Secondaria di 1 Grado (30 ore settimanali): da lunedì a venerdì dalle ore 8.00 alle ore 14.00; Scuola Primaria (27 ore settimanali): dal lunedì al giovedì dalle ore 8.15 alle ore 13.45, il venerdì dalle 8.15 alle In una classe del plesso L. Illuminati si è istituito il tempo scuola di 40h con orario dal lunedì al venerdì dalle ore 8.15 alle ore Il Collegio dei Docenti, nella seduta del 20/10/2021 ha approvato i progetti di ampliamento dell'offerta formativa per l'anno scolastico 2021/22 con delibera n.20. L'Istituto si riserva di integrare le proposte progettuali già approvate con ulteriori 30

32 iniziative provenienti dal territorio durante il corso dell'anno. CURRICOLO DI ISTITUTO NOME SCUOLA (ISTITUTO PRINCIPALE) ISTITUTO COMPRENSIVO CURRICOLO DI SCUOLA La scuola dell infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado costituiscono il primo segmento del percorso scolastico e contribuiscono in modo determinante all elevazione culturale, sociale ed economica del Paese e ne rappresentano un fattore decisivo di sviluppo e di innovazione (Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione). L'Offerta Formativa dell'istituto Comprensivo Pescara 3 è orientata alla promozione e allo sviluppo delle competenze. L'impianto progettuale è strutturato in percorsi disciplinari che si integrano con attività di potenziamento e ampliamento sia in orario curricolare che in orario pomeridiano. L'Istituto Comprensivo Pescara 3 offre un curricolo che si sviluppa a partire dai tre anni della scuola dell'infanzia fino alla conclusione del 1 Ciclo di Istruzione, nell'ottica del Curricolo Verticale. Nell anno scolastico 2018/19, nell ambito dei dipartimenti disciplinari, si è elaborato il Curricolo Verticale di Istituto, uniformando tutti i percorsi in unico documento comune per tre ordini di scuola. ALLEGATO: CURRICOLO DI ISTITUTO PDF.PDF CURRICOLO DELL'INSEGNAMENTO TRASVERSALE DI EDUCAZIONE CIVICA In ottemperanza alla Legge 20 agosto 2019, n. 92, concernente Introduzione dell insegnamento scolastico dell educazione civica, le cui Linee guida sono state esplicitate con Decreto Ministeriale del , la scuola, per gli anni scolastici 31

33 2020/2021, 2021/2022 e 2022/2023 ha definito, in prima attuazione, il curricolo di educazione civica, indicando traguardi di competenza, risultati di apprendimento e obiettivi specifici di apprendimento, coerentemente con le Indicazioni nazionali, con il documento Indicazioni Nazionali e Nuovi Scenari e le succitate Linee guida. Nell'anno scolastico il Collegio dei docenti ha deliberato l'integrazione del Curricolo verticale di Educazione Civica riferito ai tre ordini di Scuole. In sede di programmazione e durante i dipartimenti i docenti hanno elaborato una rubrica di valutazione sull'educazione civica con riferimento ai livelli di competenza raggiunti, ai giudizi descrittivi e alla votazione in decimi. Si allega il documento ALLEGATO: CURRICOLO VERTICALE ED CIVICA.PDF EVENTUALI ASPETTI QUALIFICANTI DEL CURRICOLO Curricolo verticale Il curricolo verticale si realizza in un percorso costruito per gli alunni, al fine di offrire occasioni di apprendimento attivo, secondo una didattica che stimoli i diversi tipi di intelligenza, attento alla dimensione interattiva e affettiva oltre che disciplinare; un percorso in cui l alunno possa imparare attraverso il fare e l interazione con i compagni. E stata curata la continuità tra gli ordini, sottolineando l importanza di evidenziare quanto si è svolto nell ordine scolastico precedente per costruire un effettivo percorso che permetta di realizzare un itinerario progressivo e continuo, come viene sottolineato nel documento normativo relativo alle Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione. Il lavoro collettivo di tutti i docenti dell Istituto Comprensivo ha permesso di indicare, per ogni ambito disciplinare, gli elementi di raccordo tra gli ordini, in modo tale da rendere più fluido il passaggio degli alunni dalla scuola primaria a quella secondaria, passaggio che spesso presenta notevoli criticità e difficoltà, oltre a permettere di poter lavorare su una base condivisa rispettando così i criteri di progressività e di continuità. Approfondimento Le linee guida del 23 giugno 2020, in applicazione della Legge 20 agosto 2019 n, 92, recante "Introduzione dell'insegnamento scolastico dell'educazione civica" implicano 32

34 ai sensi dell'art 3, una revisione dei curricoli d'istituto per adeguarli alle nuove disposizioni. Nell'anno scolastico il Collegio dei docenti ha deliberato l'integrazione del Curricolo verticale di Educazione Civica riferito ai tre ordini di Scuole, indicando i traguardi di competenza e gli obiettivi specifici di apprendimento. In sede di programmazione e durante i dipartimenti i docenti hanno elaborato una rubrica di valutazione sull'educazione civica con riferimento ai livelli di competenza raggiunti, ai giudizi descrittivi e alla votazione in decimi. Nell'anno scolastico 2021/2022 la scuola si pone come obiettivo l'integrazione del curricolo di educazione civica all'interno del curricolo di Istituto. INIZIATIVE DI AMPLIAMENTO CURRICOLARE PON FSE- E FDR - "APPRENDIMENTO E SOCIALITÀ" - PRIMARIA - SECONDARIA DI 1 GRADO L Istituto Comprensivo Pescara 3 partecipa alle azioni FSE e FDR PON promosse dal MIUR. Nell anno scolastico 2021/22 si svilupperà il progetto con cui l Istituto ha chiesto e ottenuto la candidatura Cooperare per apprendere. Le attività sono organizzate in 8 moduli formativi, quattro per la scuola Primaria e quattro per la scuola Secondaria di 1 G. a libera adesione e gratuiti, ai quali si accede secondo criteri specifici, come da indicazioni del bando ministeriale e deliberati dagli Organi Collegiali. MODULI SCUOLA PRIMARIA: - Competenza alfabetica funzionale (potenziamento lingua italiana) "ItalianaMENTE" - Competenza multilinguistica (potenziamento lingue straniere) "Easy English" - Competenza in Scienze, Tecnologie, Ingegneria e Matematica (STEM) "Numerandia" - Cittadinanza in materia di cittadinanza (ed alla sostenibilità ambientale) "Il mondo siamo NOI" MODULI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO - Competenza multilinguistica (potenziamento lingue straniere) "English for me" - Competenza multilinguistica (potenziamento lingue classiche) "Carpe Diem" - Competenza in Scienze, Tecnologie, Ingegneria e Matematica (STEM) "Tutti pazzi per la matematica" - Cittadinanza in materia di cittadinanza (debate) "Debate a scuola". Obiettivi formativi e competenze attese SCUOLA PRIMARIA: Valorizzazione e potenziamento delle competenze della lingua 33

35 italiana. Potenziamento delle competenze logico-matematiche. Valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, con particolare riferimento alla lingua inglese e ad altre lingue dell'unione europea, anche mediante l'utilizzo della metodologia Content language integrated learning. Sviluppare le competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture; mantenere la scuola aperta in orario pomeridiano. DESTINATARI Classi aperte parallele RISORSE PROFESSIONALI Docenti interni e/o esperti esterni Risorse Materiali Necessarie: Laboratori: Aule: Strutture sportive: Informatica Musica Magna Aula generica Palestra POTENZIAMENTO E RECUPERO "MAT-ITA" - PRIMARIA Il Progetto MAT-ITA è rivolto a tutte le classi della Scuola Primaria per l'intero anno scolastico. Propone percorsi mirati al recupero e al potenziamento delle competenze di italiano e matematica. Le attività sono realizzate per piccoli gruppi della stessa classe o di classi aperte in base alle fasce di livello individuate. Il progetto, gratuito, si sviluppa in orario curricolare con utilizzo delle ore di compresenza. Il Progetto prevede anche l utilizzo di parte del monte ore di compresenza per interventi di recupero rivolto ad alunni stranieri neo arrivati in Italia e per attività di supporto al docente in orario frontale per consentire la personalizzazione e il sostegno didattico in presenza di alunni con BES. Obiettivi formativi e competenze attese Valorizzazione e potenziamento delle competenze nella lingua italiana. Potenziamento delle competenze logico-matematiche. Sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica. Potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio. Promozione dell'inclusività attraverso lavori di gruppo e 34

36 attività laboratoriali. DESTINATARI RISORSE PROFESSIONALI Gruppi classe Interno Classi aperte parallele Altro Risorse Materiali Necessarie: Biblioteche: Aule: Classica Aula generica "MUSICA" INFANZIA -PRIMARIA - SECONDARIA DI 1 G. L offerta formativa del curricolo di MUSICA dell Istituto Comprensivo Pescara 3 è ampia e articolata. Le attività sono mirate ad una qualificata azione di prima alfabetizzazione musicale grazie alla valorizzazione di specifiche professionalità di docenti curricolari interni che promuovono e sostengono l'apprendimento pratico della musica. A partire dalla scuola dell Infanzia, viene sviluppato in orario curricolare il Progetto " NOTE E FANTASIA IN UN MONDO D ALLEGRIA " per le sezioni dei cinque anni che prevede un percorso espressivo di educazione alla musica e con la musica, in cui fondere parola, voce, suono e movimento. La particolare attenzione per la valenza formativa della musica si concretizza nell azione dei due progetti pomeridiani: DIAMO VOCE ALLA MUSICA di studio del pianoforte per gli studenti delle classi seconde e terze della scuola Secondaria di 1 Grado che hanno già frequentato il corso di pianoforte nelle precedenti annualità e per gli studenti delle classi prime e gli alunni delle classi quinte che ne fanno richiesta. CERCASI COMPOSITORE! COMPONIAMO INSIEME rivolto agli alunni delle classi quinte e a tutti gli studenti della Scuola Secondaria di 1 Grado, a libera adesione. Al termine del percorso gli allievi saranno stimolati alla composizione corale di un brano musicale dedicato alla scuola con la partecipazione di tutti i componenti del progetto. Obiettivi formativi e competenze attese Stimolare ed educare la sensibilità e la creatività degli alunni, partendo da solidi riferimenti culturali; sviluppare le capacità esecutive e interpretative sostenute da 35

37 un'ampia cultura musicale tecnico-teorica; cogliere i valori estetici della scrittura musicale di base ed espressione musicale; conoscere ed analizzare gli elementi strutturali del linguaggio musicale sotto gli aspetti della composizione, l'improvvisazione e lo sviluppo del pensiero musicale individuale e di gruppo. Potenziamento delle competenze nella pratica e nella cultura musicali; Promozione dell inclusività attraverso lavori di gruppo e attività laboratoriali; valorizzazione della scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l'interazione con le famiglie; apertura pomeridiana della scuola; valorizzazione di percorsi formativi individualizzati. DESTINATARI RISORSE PROFESSIONALI Gruppi classe Interno Classi aperte verticali Classi aperte parallele Risorse Materiali Necessarie: Laboratori: Aule: Musica Concerti Magna Aula generica SCUOLA ATTIVA KIDS" - PRIMARIA SCUOLA ATTIVA KIDS" è il progetto promosso e realizzato dal Ministero dell'istruzione e Sport e salute S.p.A. e prevede la collaborazione con le Federazioni Sportive Nazionali (FSN), il Comitato Italiano Paralimpico (CIP) per favorire l'inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali e costituisce l'evoluzione di "SPORT DI CLASSE" realizzato negli scorsi anni scolastici. Rivolto a tutte le classi della scuola Primaria ha l'obiettivo di valorizzare l'educazione fisica e sportiva per le sue valenze formative, per la promozione di corretti e sani stili di vita e per favorire l'inclusione sociale. Per le classi quarte e quinte gli insegnanti di Educazione Fisica saranno affiancati da un Tutor per 1 h a settimana. Per gli insegnanti delle classi prima seconda e terza... 36

38 Obiettivi formativi e competenze attese Potenziamento delle discipline motorie e sviluppo di comportamenti ispirati a uno stile di vita sano in continuità, con particolare riferimento all'alimentazione, all'educazione fisica e allo sport; sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell'assunzione di responsabilità nonché' della solidarietà e della cura dei beni comuni e della consapevolezza dei diritti e dei doveri. Gruppi classe DESTINATARI RISORSE PROFESSIONALI Docente interno-tutor MIUR di Educazione Fisica esterno Risorse Materiali Necessarie: Strutture sportive: Palestra Approfondimento Dall'anno scolastico 2016/2017, l'istituto ha deliberato due ore di educazione fisica all'interno del monte ore settimanale per tutte le classi della scuola Primaria. "ACCOGLIENZA" INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI 1 GRADO Nel primo periodo scolastico, i docenti dei tre ordini di scuola, riuniti per dipartimenti verticali, progettano le attività di accoglienza. Il periodo dell'accoglienza prevede, come deliberato dal Consiglio di Istituto, un orario flessibile ridotto nella prima settimana scolastica per i tre ordini di scuola. Le attività di accoglienza per le classi iniziali intendono facilitare il nuovo ingresso (Infanzia) o il passaggio tra i diversi ordini di scuola (Primaria/Secondaria di 1 Grado ) aiutando i bambini in entrata nella Scuola dell'infanzia (3 anni e anticipatari) e bambini e ragazzi (Primaria e Secondaria di 1 Grado), a conoscersi e ad inserirsi serenamente nella nuova realtà scolastica; in generale l'istituto, con questo Progetto rivolto a tutti gli alunni, si propone l'obiettivo di offrire un ventaglio di attività, privilegiando quelle laboratoriali, per iniziare l'anno scolastico con gioia e motivazione, nell'ottica dello stare bene a scuola. Obiettivi formativi e competenze attese Sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica. 37

39 Potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio. Promozione dell'inclusività attraverso lavori di gruppo e attività laboratoriali. Sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica. DESTINATARI RISORSE PROFESSIONALI Gruppi classe Interno Risorse Materiali Necessarie: Aule: Magna Aula generica Approfondimento Nell'ottica della continuità, nel primo periodo scolastico, prima dell'inizio delle lezioni, durante gli adempimenti di inizio anno, sono previsti incontri tra i docenti dei diversi ordini di scuola delle classi "ponte" (5 anni in uscita Scuola Infanzia e docenti assegnati alle classi prime Scuola Primaria; insegnanti ex classi quinte Scuola Primaria e docenti assegnati alle classi prime della Scuola Secondaria di 1 Grado) per scambio di informazioni utili per l'accoglienza; i docenti della Scuola Primaria delle ex classi quinte, partecipano al primo Consiglio di classe delle prime della Scuola Secondaria di 1 Grado. CONTINUITA'/ ORIENTAMENTO il Progetto intende garantire, con l'individuazione e l'elaborazione di strumenti e strategie adatti, la continuità educativa al fine di promuovere un percorso scolastico armonico rispondente ai bisogni formativi degli alunni. Punto fondamentale di uno "star bene a scuola" è sicuramente la certezza di entrare in una struttura accogliente e attenta ai bisogni di alunni e genitori, con docenti motivati e capaci di rimuovere con la propria azione il disagio e le ansie dovute all'ingresso alla scuola dell'infanzia o al passaggio ad altro ordine di scuola: primaria o secondaria di primo e secondo grado. Il Progetto Continuità nasce dalla convinzione condivisa che la continuità didattica sia uno dei pilastri del processo educativo e vuole offrire una pluralità di esperienze per garantire un percorso formativo organico e completo. Il progetto costituisce il filo conduttore che unisce i diversi ordini di scuola e collega il graduale progredire e 38

40 svilupparsi dello studente che si prepara a diventare futuro cittadino consapevole delle proprie scelte.. Fondamentale è la collaborazione tra i docenti dei vari ordini di scuola, al fine di costruire attività-ponte, quindi esperienze didattiche interdisciplinari e laboratoriali su tematiche concordate attraverso attività comuni che coinvolgono diverse discipline o aree tematiche. Nel Progetto, nella parte relativa all'orientamento, sono coinvolti anche tutti gli Istituti di Scuola Secondaria di II Grado della città. Obiettivi formativi e competenze attese Valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano; potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche; potenziamento delle competenze nella pratica e nella cultura musicali; sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica; sviluppo delle competenze digitali degli studenti; potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio; promozione dell inclusività attraverso lavori di gruppo e attività laboratoriali; organizzazione di ambienti e spazi di apprendimento che favoriscano l apprendimento attivo per perseguire il fine ultimo del pieno raggiungimento delle competenze; realizzazione di attività che coinvolgano in continuità alunni e classi di ordini /gradi di scuola successivi e precedenti. Gruppi classe DESTINATARI RISORSE PROFESSIONALI Docenti interni ed esterni (Altri Istituti) Classi aperte parallele Altro Risorse Materiali Necessarie: Laboratori: Aule: Con collegamento ad Internet Informatica Multimediale Musica Magna Aula generica Approfondimento 39

41 Nell'anno scolastico 2020/2021 le attività di continuità/orientamento sono state sospese per l'emergenza covid. L'Istituto prevede di riorganizzare le iniziative inerenti alla continuità/orientamento da svolgersi preferibilmente in presenza, nel rispetto della normativa anti-covid, salvo diverse disposizioni da parte delle autorità sanitarie. Le giornate dedicate all'open day, nel periodo dicembre/gennaio, se possibile, saranno organizzate in presenza con piccoli gruppi di genitori interessati, in alternativa si proporrà una visita virtuale in modalità remota. Le modalità organizzative saranno definite sulla base dell'andamento epidemiologico del territorio. ED ALLA SOSTENIBILITA PRIMARIA ILLUMINATI Il progetto ApiAmo coinvolge gli alunni delle classi terze e delle classi quinte del plesso di scuola Primaria L. Illuminati. Le insegnanti, utilizzando come filo conduttore le api e la loro società, accompagneranno i bambini ad una riflessione generale sul ruolo che ciascuno ricopre per il buon funzionamento della società e del mondo, sullo spirito collaborativo che è necessario sviluppare nei bambini e sul senso profondo del concetto di solidarietà. Attraverso il gioco, utilizzando una molteplicità di canali comunicativi diversi (visivi, artistici, narrativi) gli alunni saranno stimolati a riflettere sulla società in generale, sugli equilibri dell ecosistema e sul tema della biodiversità. Il progetto prevede la partecipazione ad attività laboratoriali proposte dall associazione Soroptimist- Il Bosso. Obiettivi formativi e competenze attese Valorizzazione e potenziamento delle competenze nella lingua italiana; potenziamento delle competenze logico-matematiche-tecnologiche; valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, con particolare riferimento alla lingua inglese e ad altre lingue dell'unione europea, anche mediante l'utilizzo della metodologia Content language integrated learning; potenziamento delle competenze nella pratica e nella cultura musicali; potenziamento delle discipline motorie e sviluppo di comportamenti ispirati a uno stile di vita sano in continuità, con particolare riferimento all'alimentazione, all'educazione fisica e allo sport; sviluppo delle competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all'utilizzo critico e 40

42 consapevole dei social network e dei media; promozione dell inclusività attraverso lavori di gruppo e attività laboratoriali; potenziamento delle competenze artistiche; potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio; valorizzazione della scuola intesa come comunità attiva aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l'interazione con le famiglie; sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture. DESTINATARI RISORSE PROFESSIONALI Classi aperte verticali Interno Classi aperte parallele Risorse Materiali Necessarie: Aule: Strutture sportive: Aula generica Parco Florida. Cortile della scuola TUTTI PAZZI PER L INVALSI SECONDARIA DI 1 GRADO Il progetto pomeridiano di potenziamento delle capacità di ragionamento logicomatematico e di preparazione alla prova Invalsi coinvolge gli alunni delle classi terze della Scuola Secondaria di 1 Grado. Lo sviluppo dell attività laboratoriale prevede l interazione classe-docente e si articola nell analisi e risoluzione di quesiti logicomatematici estrapolati dalle prove Invalsi degli anni passati, con l utilizzo della LIM. Obiettivi formativi e competenze attese Potenziamento delle competenze logico-matematiche-tecnologiche; promozione dell inclusività attraverso lavori di gruppo e attività laboratoriali; apertura della scuola in orario pomeridiano. DESTINATARI RISORSE PROFESSIONALI Classi aperte parallele Interno Risorse Materiali Necessarie: 41

43 Laboratori: Aule: Informatica Aula generica LINGUA INGLESE - INFANZIA Grazie alla competenza di risorse interne, per la scuola dell Infanzia si propongono i progetti LE AVVENTURE DI HOCUS AND LOTUS per il plesso di via M. Ignoto e il progetto LA LINGUA INGLESE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA per il plesso di via R. Elena. I progetti di L2 prevedono la narrazione di semplici storie in inglese, con imput figurativo teatro-narrativo in L2 con l esperienza diretta-minimusical con la ripetizione uditiva e attività complementari con giochi di vario genere. Obiettivi formativi e competenze attese Valorizzare e potenziare le competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano nonché alla lingua inglese e ad altre lingue dell'unione europea; Promozione di attività che potenzino il raggiungimento dei traguardi di sviluppo delle competenze nell ambito dei seguenti campi di esperienza: Il sé e l altro; il corpo e il movimento; immagini, suoni colori; I discorsi e le parole; La conoscenza del mondo; Potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio; sviluppare le competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture; mantenere la scuola aperta in orario pomeridiano. DESTINATARI RISORSE PROFESSIONALI Gruppi classe Interno Risorse Materiali Necessarie: Aule: Magna Aula generica "SCUOLA ATTIVA JUNIOR" - SECONDARIA DI 1 G SCUOLA ATTIVA JUNIOR" è il progetto promosso e realizzato dal Ministero dell'istruzione e Sport e salute S.p.A. e prevede la collaborazione con le Federazioni Sportive Nazionali (FSN). Le finalità del percorso sono quelle di promuovere la pratica sportiva attraverso un approccio multidisciplinare, al fine di incoraggiare le 42

44 studentesse e gli studenti, in base alle proprie attitudini motorie ad una scelta consapevole dell'attività sportiva e quella di supportare le famiglie attraverso un'offerta formativa pomeridiana per i propri ragazzi. Il progetto infatti prevede un percorso sportivo per tutte le classi da svolgere in orario curricolare e pomeridiano. Obiettivi formativi e competenze attese Potenziamento delle discipline motorie e sviluppo di comportamenti ispirati a uno stile di vita sano in continuità, con particolare riferimento all'alimentazione, all'educazione fisica e allo sport; sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell'assunzione di responsabilità nonché' della solidarietà e della cura dei beni comuni e della consapevolezza dei diritti e dei doveri. Suole aperte il pomeriggio. RISORSE PROFESSIONALI Insegnate curricolare di Educazione Fisica/Esperto FSN Risorse Materiali Necessarie: Strutture sportive: Palestra Approfondimento Dall'anno scolastico 2016/2017, l'istituto ha deliberato due ore di educazione fisica all'interno del monte ore settimanale per tutte le classi della scuola Primaria. SPORT "GIOCHIAMO INSIEME A SITTING VOLLEY" SECONDARIA Giochiamo insieme a sitting volley è un progetto pomeridiano che coinvolge gli alunni della scuola secondaria di 1 Grado, a libera adesione. Il sitting volley è uno sport delle Paralimpiadi che si connota per la forte valenza inclusiva. Le insegnanti di educazione Fisica della scuola Secondaria di 1 Grado saranno affiancate da un Tecnico Federale a partire dal mese di dicembre fino al mese di maggio con lezioni a cadenza bisettimanale. Obiettivi formativi e competenze attese Potenziamento delle discipline motorie e sviluppo di comportamenti ispirati a uno stile di vita sano in continuità, con particolare riferimento all'alimentazione, all'educazione fisica e allo sport. Promozione dell inclusività attraverso lavori di gruppo 43

45 e attività laboratoriali. Valorizzazione della scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l'interazione con le famiglie; sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture. DESTINATARI Classi aperte verticali RISORSE PROFESSIONALI Docenti interni/ esperto esterno Risorse Materiali Necessarie: Strutture sportive: Palestra ATTIVITÀ PREVISTE IN RELAZIONE AL PNSD STRUMENTI ATTIVITÀ Canone di connettività: il diritto a Internet parte a scuola ACCESSO Riorganizzazione degli spazi di apprendimento per la configurazione di setting di apprendimento moderni ed efficaci, tenuto conto anche delle innovazioni didattiche. Allestimento di spazi con sedute e tavoli di lavoro o con soli tavoli con disposizione a isole che permettano la costruzione di diversi setting per le diverse metodologie e azioni didattiche. Destinatari tutte le le classi dell' istituto e personale scolastico. risultati attesi 44

46 STRUMENTI ATTIVITÀ Realizzazione di uno spazio polifunzionale per lavori a classi parallele, seminari, lavori a gruppi, attività di debate e di didattica laboratoriale cooperativa attraverso le tecnologie. Flessibilità delle aule tradizionali attraverso l utilizzo di laboratori mobili per la costituzione di setting che favoriscano la realizzazione delle attività per esplorare, presentare, negoziare, collaborare, creare, condividere. Utilizzo nelle classi dei software specifici per studenti con BES (in alfabetizzazione, DSA richiedenti strumenti compensativi, semplificati e differenziati) per disabilità medio gravi in un ottica di inclusione. Fibra e banda ultra-larga alla porta di ogni scuola Integrare l attuale dorsale WIFI dell istituto con una nuova dorsale LAN per destinarla prevalentemente ad attività didattiche degli studenti. Principali azioni/fasi: Cablaggio di tutte le aule che non sono raggiunte dalla rete; Introduzione di efficaci strumenti di gestione e monitoraggio della rete e della sicurezza attraverso Firewall; Implementazione di politiche di rete e di gestione PC centralizzate, firewall con filtro contenuti e filtro a livello applicativo; Gestione delle priorità per traffico utile all 45

47 STRUMENTI ATTIVITÀ attività di amministrazione e didattica- log del traffico effettuato- separazione dei dati sensibili. Obiettivi Rispondere efficacemente alla digitalizzazione organizzativa e amministrativa della scuola potenziando l attuale utilizzo del registro elettronico e il sistema di comunicazione all interno e verso l esterno della scuola. Promuovere la dematerializzazione tanto degli atti ufficiali (verbali, comunicazioni, ) quanto della quotidianità in aula (verifiche, test, questionari di soddisfazione, ). Utilizzare soluzioni cloud per la didattica al fine di fruire sistematicamente e dinamicamente dei contenuti digitali e multimediali. Favorire l accesso a tutti i protagonisti dell azione formativa per rendere sistematico l uso di nuovi paradigmi didattici che pongano al centro la persona con i propri stili di apprendimento e nel rispetto del tempo di apprendimento del singolo. Destinatari: tutta la comunità scolastica Risultati attesi: Copertura di tutte le aule e degli ambienti dell istituto (complessivamente per l'89%) Cablaggio interno di tutti gli spazi delle scuole 46

48 STRUMENTI ATTIVITÀ (LAN/W-Lan) In linea con l azione di semplificazione e dematerializzazione amministrativa l istituto prevede di spostare in ambito digitale tutta la documentazione dell attività scolastica. Verrà completato il percorso della dematerializzazione amministrativa attraverso la piena attivazione della Segreteria Digitale. Nell ottica di un raccordo tra digitalizzazione amministrativa e didattica il registro elettronico, già in dotazione dell istituto, verrà arricchito con ulteriori moduli che permettano un migliore interfacciamento con gli elementi di documentazione istituzionale e di comunicazione. Destinatari: famiglie, studenti, docenti e personale Amministrativo. Obiettivi risultati attesi Completare la digitalizzazione dell amministrazione scolastica e della didattica e diminuire i processi che utilizzano solo la carta; Potenziare i servizi digitali. SPAZI E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO Linee guida per politiche attive di BYOD (Bring 47

49 STRUMENTI ATTIVITÀ Your Own Device) Integrare i dispositivi digitali in dotazione all'istituto con: device e tecnologie per la didattica; strumenti di gestione e monitoraggio della rete e della sicurezza attraverso soluzioni di Firewall; implementazione di politiche di rete e di gestione PC centralizzate, firewall con filtro contenuti e filtro a livello applicativo; gestione delle priorità per traffico utile all attività di amministrazione e didattica, del log del traffico effettuato, della separazione dei dati sensibili. destinatari: Alunni e docenti dell'istituto Obiettivi risultati attesi Potenziare l infrastruttura della scuola con soluzioni sostenibili e inclusive. Riorganizzare alcuni laboratori esistenti per favorire strategie di apprendimento cooperativo e la condivisione delle risorse e degli elaborati. Trasformare, all occorrenza, le aule in laboratori digitali attraverso laboratori mobili e politiche di BYOD/BYOT. Promuovere l' inclusività. Piano per l apprendimento pratico (Sinergie - Edilizia Scolastica Innovativa) Il progetto prevede l utilizzo di tre aule dell Istituto Scolastico che si affacciano su un atrio inteso come piazza (Agorà). Il sistema è da intendersi 48

50 STRUMENTI ATTIVITÀ come un unico laboratorio multifunzionale in cui si coinvolgeranno le diverse classi al fine di incoraggiare la creatività, la manualità, l uso critico e il pensiero computazionale emersi in ciascuna aula; un sistema di interscambio, dialogo attivo ed esperenziale. Un vero e proprio incubatore del fare e realizzare le idee, apprendendo e nel contempo sperimentando e verificando la realtà onde poterne dedurre la teoria e realizzare nuovi contenuti digitali. Tutti gli stili di apprendimento sono coinvolti in un processo di innovazione e inclusione. Le parole chiave di questo Laboratorio sono: alfabetizzazione informatica, coding, robotica, STEM, realtà virtuale, BYOD, thinkering, collaborazione, inclusione, creazione di contenuti. Il tutto è supportato da arredi innovativi: in particolare troviamo pouf analogici e digitali che stimolano l apprendimento grazie al movimento. Come diceva Margherita Hack: Nella vita non c è nulla da temere, solo da capire. destinatari: alunni obiettivi e risultati attesi Utilizzare le tecnologie digitali per esplorare, scambiare e presentare le informazioni in modo personale e con senso critico; vere accesso a idee ed esperienze provenienti da persone, comunità e culture diverse; Acquisire i primi elementi di coding; Saper lavorare in gruppo, inteso anche come insieme di persone che lavorano a un idea 49

51 STRUMENTI ATTIVITÀ senza necessariamente essere nello stesso luogo; Acquisire una visione globale di ciò che viene insegnato al di là della specificità delle diverse discipline anche attraverso attività di CLIL; Favorire la consapevolezza che la conoscenza è un processo in divenire che si sviluppa nel corso degli studi: deve essere approfondito e strutturato anno dopo anno; Costruire un repository di materiali (riassunti, mappe, eserciziari, prove di ingresso, prove di verifica, ecc) che siano a disposizione di tutti i docenti e gli studenti per agevolare l apprendimento e per per facilitare gli alunni con disabilità o disagio e favorire l inclusione degli alunni stranieri; Potenziare negli alunni con DSA e con BES le conoscenze informatiche per utilizzare gli strumenti compensativi con maggiore consapevolezza, aumentare la motivazione allo studio e l'autostima, riducendo i disagi relazionali ed emozionali. COMPETENZE E CONTENUTI ATTIVITÀ Portare il pensiero computazionale a tutta la scuola primaria COMPETENZE DEGLI STUDENTI Il pensiero computazionale è un processo mentale volto alla risoluzione di problemi. Si avvale di metodi e strumenti intellettuali. Caratteristico della disciplina informatica, investe tutte le sfere del sapere. Le attività legate al 50

52 COMPETENZE E CONTENUTI ATTIVITÀ coding e alla robotica educativa hanno una forte valenza cognitiva, metacognitiva e conducono il bambino all'acquisizione di competenze trasversali. Il progetto è mirato ad intraprendere un percorso didattico dedicato allo sviluppo del pensiero computazionale e alla robotica educativa. Le attività saranno pertanto legate all'utilizzo ludico del kit di robotica Dash & Dot di proprietà dell'istituto e di programmazione visuale con Scratch. destinatari: alunni di tutte le classi della scuola primaria obiettivi e risultati attesi : Sviluppare il pensiero logico e computazionale. Acquisire la capacità di risolvere problemi in modo creativo e funzionale. Sviluppare la capacità di collaborare e di cooperare con gli altri per raggiungere traguardi comuni. Promuovere comportamenti adeguati alla situazione vissuta. Accettare e condividere regole in situazioni di lavoro e di gioco. Creare un ambiente di apprendimento significativo e motivante, in cui gli alunni possano sperimentare in maniera divertente un approccio innovativo ai vari campi del sapere, mettendo in gioco i processi logici e le strategie di problem solving tipiche del coding. 51

53 COMPETENZE E CONTENUTI ATTIVITÀ Standard minimi e interoperabilità degli ambienti on line per la didattica Sviluppare e potenziare il pensiero computazionale attraverso le attività, percorsi formativi per lo sviluppo, da parte degli studenti, del pensiero computazionale e del coding e della robotica educativa, metodologie efficaci non soltanto per gli studenti, ma anche e soprattutto per i docenti; esse inoltre possono contribuire, in ragione dell'impostazione ludicolaboratoriale, a colmare il gap generalmente CONTENUTI DIGITALI esistente tra le conoscenze-competenze digitali degli alunni con quelle del corpo docente ovvero tra scuola ed extra scuola e al contempo unire studenti e docenti nella riconversione della scuola in un nuovo ambiente stimolante ed innovativo. destinatari: alunni dell'istituto e docenti risultati attesi sviluppo delle competenze digitali degli studenti Standard minimi e interoperabilità degli ambienti on line per la didattica L emergenza sanitaria, ha comportato l adozione 52

54 COMPETENZE E CONTENUTI ATTIVITÀ di provvedimenti normativi che hanno riconosciuto la possibilità di svolgere a distanza le attività didattiche delle scuole di ogni grado, su tutto il territorio nazionale, anche l'istituto Comprensivo Pescara 3 si è dotato della piattaforma G suite Workspace, per consentire a docenti ed alunni, durante il periodo di chiusura della scuola per l'emergenza COVID, di proseguire il percorso formativo creando ambienti di apprendimento a distanza senza interrompere i flussi di lavoro esistenti. Sperando in un miglioramento della situazione epidemiologica, la piattaforma continuerà ad essere utilizzata per supportare la didattica in presenza. L'istituto inoltre si doterà di una piattaforma web per la formazione a distanza. La piattaforma open-source Moodle per l e learning consente un ampliamento dell attività didattica al di fuori dello spazio-scuola e del tempo-scuola tradizionali. Le classi virtuali su Moodle si dimostrano utili sotto vari punti di vista poichè supportano lo studente nell'attività di studio, diventano un repository del percorso didattico curricolare, consentono l erogazione di test on-line e la raccolta di compiti digitalizzati degli studenti. destinatari: studenti e docenti risultati attesi: 53

55 COMPETENZE E CONTENUTI ATTIVITÀ Diffusione dell utilizzo della piattaforma Moodle Uso della piattaforma G Suite per integrare la didattica in presenza FORMAZIONE E ACCOMPAGNAMENTO ATTIVITÀ Accordi territoriali Il progetto di robotica educativa si realizza nell'ambito di una rete regionale appositamente costituita partendo dalla convinzione che la scuola rappresenti per ogni studente il motore sociale che consente di realizzare le proprie a spirazioni e, allo stesso tempo, può e deve assumere sul territorio un ruolo trainante nell'accrescimento e nello sviluppo delle competenze tecnico scientifiche dei futuri cittadini. ACCOMPAGNAMENTO Scuola capofila della rete è l'i.i.s. "A. Volta" di Pescara che da anni si distingue per l'importante apporto fornito, in ambito regionale e nazionale, allo studio della robotica e alla formazione dei docenti di ogni ordine di scuola. destinatari: alunni di ogni ordine e grado e docenti. Risultati attesi: suscitare negli studenti un atteggiamento nuovo e attivo verso 54

56 FORMAZIONE E ACCOMPAGNAMENTO ATTIVITÀ le nuove tecnologie favorire il lavoro di gruppo e lo sviluppo di competenze acquisite in ambienti di apprendimento di tipo collaborativo; sviluppare, lo spirito di imprenditorialità e la sensibilità verso i problemi etici e sociali attraverso processi di problem solving. Rafforzare la formazione iniziale sull innovazione didattica I docenti hanno frequentato numerosi corsi di formazione on line per ottimizzare l'utilizzo della piattaforma G suite, attivata per la didattica a distanza. Il team per l'innovazione digitale e l' animatore digitale hanno avuto modo di formarsi presso l IIS.A.Volta di Pescara in numerosi webinar del FUTURELAB. FORMAZIONE DEL PERSONALE La formazione del personale della scuola in materia di competenze digitali mira a garantire una efficace e piena correlazione tra l' innovazione didattica e organizzativa e le tecnologie digitali. In questo ambito il Piano costituisce lo strumento principale per attuare tutte le azioni del Piano Nazionale Scuola Digitale sulla base dei principi in esso contenuti. Obiettivo fondamentale è quello di rafforzare la preparazione del personale docente all utilizzo del digitale, usando il linguaggio della didattica e promuovendo con convinzione la didattica attiva. destinatari docenti dell'istituto 55

57 FORMAZIONE E ACCOMPAGNAMENTO ATTIVITÀ Risultati attesi Rafforzare la preparazione del personale in materia di competenza digitale raggiungendo tutti gli attori della comunità scolastica; Promuovere il legame tra innovazione didattica e tecnologie digitali; Promuovere azioni sistematiche e continue nel tempo per la formazione sull innovazione didattica e la didattica laboratoriale; Rafforzare la preparazione del personale in materia di competenza digitale raggiungendo tutti gli attori della comunità scolastica; Promuovere il legame tra innovazione didattica e tecnologie digitali; Promuovere azioni sistematiche e continue nel tempo per la formazione sull innovazione didattica e la didattica laboratoriale. VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI ORDINE SCUOLA: SCUOLA DELL'INFANZIA NOME SCUOLA: E. CODIGNOLA - PEAA83301C L. ILLUMINATI - PEAA83302D Criteri di osservazione/valutazione del team docente: Il team docente effettua le osservazioni/valutazioni utilizzando "Documento di Rilevazione dei Traguardi di Sviluppo delle Competenze in uscita" elaborata per ogni singolo alunno. Nel Documento sono riportati i Traguardi delle Indicazioni Nazionali del 2012, che sono valutati collegialmente secondo il seguente criterio: RAGGIUNTO/ 56

58 RAGGIUNTO IN PARTE. Si allega Documento. ALLEGATI: VALUTAZIONE TRAGUARDI COMPETENZE INFANZIA.pdf Criteri di valutazione delle capacità relazionali: Le capacità relazionali sono valutate, per ogni singolo alunno, all'interno del campo di esperienza "Il sè e l'altro" nel "Documento di rilevazione deitraguardi di sviluppo delle Competenze in uscita", con la seguente valutazione: TRAGUARDO RAGGIUNTO; TRAGUARDO RAGGIUNTO IN PARTE. ORDINE SCUOLA: SCUOLA SECONDARIA I GRADO NOME SCUOLA: S.M. G.MAZZINI - PESCARA - PEMM83301L Criteri di valutazione comuni: L Istituto ha elaborato CRITERI COMUNI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI. I docenti valutano ciascuna disciplina secondo 4 DESCRITTORI DI VOTO E DI LIVELLO di apprendimento riportati nel Documento di Valutazione. Tali descrittori sono adottati anche per la Scuola Primaria. Per ciascuna disciplina di insegnamento vengono valutati gli Obiettivi di Apprendimento, al termine della Classe Terza, desunti dalle Indicazioni Nazionali In allegato i Criteri di valutazione degli apprendimenti e i descrittori di livello. ALLEGATI: Criteri di valutazione degli apprendimenti con descrittori scuola Secondaria di 1 Grado pdf.pdf Criteri di valutazione dell'insegnamento trasversale di educazione civica: In sede di dipartimenti i docenti hanno elaborato una rubrica di valutazione sull'educazione civica con riferimento ai livelli di competenza raggiunti, ai giudizi descrittivi e alla votazione in decimi. Per la scuola Secondaria di 1 Grado sarà il docente coordinatore di classe a formulare la proposta di valutazione acquisendo elementi conoscitivi dai docenti del Consiglio coinvolti. La valutazione intermedia e finale sarà espressa con il voto in decimi. ALLEGATI: rubrica valutazione ED CIVICA sc secondaria 1 Grado.pdf Criteri di valutazione del comportamento: Sono stati elaborati CRITERI DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO che si basano su due valutazioni distinte: una per il COMPORTAMENTO SOCIALE, UNA PER IL COMPORTAMENTO LAVORATIVO. Alle due valutazioni, si applica il 57

59 GIUDIZIO SINTETICO (adottato anche per la Scuola Primaria): OTTIMO-DISTINTO- BUONO SUFFICIENTE-INADEGUATO, a cui corrisponde un giudizio discorsivo diversificato per la Scuola Primaria e per la Scuola Secondaria di 1 Grado. Ogni giudizio ha 4 DESCRITTORI DI LIVELLO del comportamento. Tali descrittori sono adottati anche per la Scuola Secondaria di 1 Grado. Tutti i suddetti criteri di valutazione del comportamento (giudizio sintetico/giudizio discorsivo/descrittori) sono riportati nel documento di valutazione. In allegato i Criteri di valutazione del Comportamento e i descrittori di livello. ALLEGATI: Criteri di valutazione del comportamento con descrittori Scuola Secondaria di 1 Grado.pdf Criteri per l ammissione/non ammissione alla classe successiva: CRITERI DI AMMISSIONE in presenze di una o più insufficienze 1. Compiuto progresso in presenza di una o più insufficienze 2. Possibilità dell alunno (riconosciuta dal c.d.c. dopo attenta valutazione del percorso compiuto dallo stesso) di completare il raggiungimento degli obiettivi formativi e di contenuto propri delle discipline dell anno in corso nell anno scolastico successivo. Il consiglio reputa l alunno in grado di affrontare gli insegnamenti della classe successiva. 3. Recupero in seguito all attivazione di specifiche strategie per il miglioramento dei livelli di apprendimento 4. Insufficienza/e in discipline non di base 5. Frequenza regolare CRITERI DI NON AMMISSIONE in presenze di una o più insufficienze 1. Mancato progresso rispetto alla situazione di partenza 2. Impossibilità dell alunno (riconosciuta dal c.d.c. dopo attenta valutazione del percorso compiuto dallo stesso) di completare il raggiungimento degli obiettivi formativi e di contenuto propri delle discipline dell anno in corso nell anno scolastico successivo. Il consiglio non reputa l alunno in grado di affrontare gli insegnamenti della classe successiva 3. Mancato recupero nonostante l attivazione di specifiche strategie per il miglioramento dei livelli di apprendimento 4. Insufficienza/e in discipline di base 5. Assenze reiterate Criteri per l ammissione/non ammissione all esame di Stato: Si adottano gli stessi criteri per l'ammissione /non ammissione alla classe 58

60 successiva. DOCUMENTO ESAMI CONCLUSIVI DEL 1 CICLO DI ISTRUZIONE: L'Istituto ha elaborato un documento contenente: - le tipologie delle prove scritte; - i criteri di valutazione delle prove scritte e orali e le voci (indicatori) per la compilazione dei giudizi; - le modalità di conduzione del colloquio orale; - i criteri di attribuzione della lode. Si allega Documento. ALLEGATI: DOCUMENTO ESAMI CONCLUSIVI 1 CICLO DI ISTRUZIONE.pdf INTEGRAZIONE VALUTAZIONE a.s.2019/2020: Per l'anno scolastico 2019/2020, in seguito all'attivazione della DAD e nel rispetto dell Ordinanza Ministeriale N.11 del 16/05, il Collegio ha approvato i criteri per la valutazione degli apprendimenti, per la valutazione del comportamento e per la valutazione delle competenze che andranno ad INTEGRARE in modo circolare e trasversale quelli già in uso (delibera n. 35 del 22 /05/2020). I criteri di valutazione integrati saranno ripresi e utilizzati in caso di DDI nell'anno scolastico Si allega il documento. ALLEGATI: INTEGRAZIONE VALUTAZIONE SECONDARIA 1 G.pdf ORDINE SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA NOME SCUOLA: E.CODIGNOLA - PEEE83301N L.ILLUMINATI - PEEE83302P Criteri di valutazione comuni: Fino all'anno scolastico 2019/2020, l Istituto ha adottato CRITERI COMUNI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI. I docenti hanno valutato ciascuna disciplina secondo 4 DESCRITTORI DI VOTO E DI LIVELLO di apprendimento riportati nel Documento di Valutazione. Tali descrittori sono stati adottati anche per la Scuola Secondaria di 1 Grado. Criteri di valutazione dell'insegnamento trasversale di educazione civica: In sede di programmazione i docenti hanno elaborato una rubrica di valutazione sull'educazione civica con riferimento ai livelli di competenza raggiunti, ai giudizi 59

61 descrittivi e alla votazione in decimi. Per la scuola primaria sarà il docente coordinatore di classe a formulare la proposta di valutazione acquisendo elementi conoscitivi dai docenti del team coinvolti. La valutazione intermedia e finale sarà espressa da un giudizio descrittivo. Si allega il documento ALLEGATI: RUBRICA VALUTATIVA ED CIVICA SC PRIMARIA.pdf Criteri di valutazione del comportamento: Sono stati elaborati CRITERI DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO che si basano su due valutazioni distinte: una per il COMPORTAMENTO SOCIALE ed una per IL COMPORTAMENTO LAVORATIVO. Alle due valutazioni, si applica il GIUDIZIO SINTETICO (adottato anche per la Scuola Secondaria di 1 Grado): OTTIMO-DISTINTO-BUONO SUFFICIENTE-INADEGUATO a cui corrisponde un giudizio discorsivo diversificato per la Scuola Primaria e per la Scuola Secondaria di 1 Grado. Ogni giudizio ha 4 DESCRITTORI DI LIVELLO del comportamento. Tali descrittori sono adottati anche per la Scuola Secondaria di 1 Grado. Tutti i suddetti criteri di valutazione del comportamento (giudizio sintetico/giudizio discorsivo/descrittori) sono riportati nel documento di valutazione. In allegato i Criteri di valutazione del Comportamento e i descrittori di livello. ALLEGATI: Criteri di valutazione del comportamento con descrittori Scuola Primaria.pdf INTEGRAZIONE VALUTAZIONE a.s. 2019/2020: Per l'anno scolastico 2019/2020, in seguito all'attivazione della DAD e nel rispetto dell Ordinanza Ministeriale N.11 del 16/05, il Collegio ha approvato i criteri per la valutazione degli apprendimenti, per la valutazione del comportamento e per la valutazione delle competenze che andranno ad INTEGRARE in modo circolare e trasversale quelli già in uso (delibera n. 35 del 22 /05/2020). I criteri di valutazione integrati saranno ripresi e utilizzati in caso di DDI nell'anno scolastico Si allega il documento. ALLEGATI: INTEGRAZIONE VALUTAZIONE PRIMARIA.pdf CRITERI PER LA PREDISOSIZIONE DELLE PROVE COMUNI DI ISTITUTO: Nell'anno scolastico 2021/22, all'interno dei dipartimenti/programmazioni, sono state delineati i criteri per la predisposizione delle prove comuni. Ciascun team docente, sulla base dei criteri comuni stabiliti, strutturerà prove di verifica calibrate al proprio contesto classe di riferimento. 60

62 ALLEGATI: CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE PROVE COMUNI D.pdf Nuovi criteri di valutazione - Scuola Primaria - : A decorrere dall anno scolastico 2020/2021, ai sensi dell ordinanza ministeriale N 172 DEL 4 DICEMBRE 2021 e linee guida, la valutazione periodica e finale degli apprendimenti è espressa per ciascuna delle discipline di studio previste dalle Indicazioni Nazionali, compreso l insegnamento trasversale di educazione civica, attraverso un giudizio descrittivo riportato nel documento di valutazione. I giudizi descrittivi sono correlati a differenti livelli di apprendimento (avanzato, intermedio, base, in via di prima acquisizione). In sede di programmazione è stata definita la nuova scheda di valutazione per l anno scolastico Nel documento, comune alle cinque classi della scuola Primaria, sono stati rimodulati almeno due obiettivi di apprendimento, desunti dalle Indicazioni Nazionali, per ciascun nucleo tematico per ogni disciplina. Nell'anno scolastico 2021/2022, in sede di dipartimento per classi parallele, i docenti predisporranno una nuova scheda di valutazione scegliendo obiettivi calibrati per ciascuna classe. ALLEGATI: SCHEDA_VALUT_PRIMARIA.pdf AZIONI DELLA SCUOLA PER L'INCLUSIONE SCOLASTICA ANALISI DEL CONTESTO PER REALIZZARE L'INCLUSIONE SCOLASTICA Inclusione La nostra scuola si propone di essere inclusiva in quanto accoglie e valorizza le diversità della popolazione scolastica predisponendo percorsi e strategie che favoriscono il successo formativo di ciascuno. L'Istituto favorisce l'inclusione attraverso l'elaborazione del PAI, a cura del GLI,inteso come momento di riflessione di tutta la comunità educante per realizzare la cultura dell inclusione, lo sfondo ed il fondamento sul quale sviluppare una didattica attenta ai bisogni di ciascuno. Tutti i docenti delle classi interessate partecipano alla produzione del PEI e dei PDP, 61

63 privilegiando una didattica inclusiva che tenga conto delle reali potenzialita' e dei bisogni degli alunni con BES. Tali pratiche comprendono il potenziamento dell'area socio-affettiva e relazionale, senza trascurare gli obiettivi di apprendimento individuati nell'ambito della programmazione di classe. L'efficacia didattica del PAI, del PEI e dei PDP viene verificata, monitorata e valutata dal Collegio dei Docenti, dai Gruppi H Operativi e dal Gruppo di Lavoro per l'inclusione. I docenti predispongono i Piani Didattici Personalizzati per tutti gli alunni con BES, privilegiando attivita' laboratoriali, l'utilizzo di strumenti tecnologici e di linguaggi artistico-espressivi. Per gli alunni stranieri appena arrivati la Scuola prevede un Protocollo di Accoglienza e successivamente l'attivazione del progetto di recupero per la scuola primaria e/o l'elaborazione dei PDP. La scuola adotta una didattica interculturale basata sulla valorizzazione delle diversita', grazie all'impianto progettuale del PTOF approvato a inizio anno scolastico dal Collegio dei Docenti. E' stata potenziata la dotazione tecnologica, anche con dispositivi mobili e ausili speciali, per perfezionare la didattica inclusiva a beneficio degli alunni con disabilita' e con BES/DSA. Recupero e potenziamento Gli interventi di recupero, consolidamento e potenziamento rientrano nella normale prassi didattica; nella Scuola Primaria sono stati formalizzati mediante due progetti: "Mat-ita", per interventi di recupero-potenziamento e sviluppo delle competenze di italiano e matematica, e "Progetto di recupero per gli alunni stranieri". Si sono utilizzate le compresenze per poter lavorare con piccoli gruppi di alunni o con interventi individualizzati per gli alunni con Bisogni Educativi Speciali. Per tutti gli ordini di scuola, sono stati predisposti i PDP, oltre che per gli alunni con certificazione di disturbo evolutivo specifico, anche per quelli senza diagnosi, individuati come alunni con BES dai Consigli di Classe/Team Docenti. Particolarmente efficaci per la promozione dell'inclusivita' sono state le scelte progettuali del PTOF, soprattutto quelle che hanno privilegiato il potenziamento dei linguaggi espressivi, dello sport, della musica e della tecnologia. L'organico dell'autonomia e' stato utilizzato al meglio per rendere maggiormente efficaci i progetti inclusivi. La flessibilità organizzativa e didattica ha permesso di realizzare percorsi didattici su misura per gli alunni con particolari esigenze. La qualità e l'efficacia degli interventi educativi messi in atto è 62

64 monitorata da schede di rilevazione che mostrano il grado di inclusività raggiunto dalla scuola. L Istituto cercherà di migliorare il proprio livello di inclusione coordinando tutti i progetti per gli alunni con BES in una strategia che accresca la capacità della Scuola di rispondere ai bisogni delle diversità. Sarà quindi fondamentale promuovere una cultura dell accoglienza e adottare pratiche inclusive, attraverso una più stretta collaborazione fra tutte le componenti della comunità educante, per favorire l acquisizione, da parte di tutti, di un ruolo attivo e consapevole. La scuola si propone di attivare iniziative per accrescere il coinvolgimento delle famiglie sui temi della genitorialità e della psicopedagogia dell età evolutiva. Inoltre, nel prossimo triennio l Istituto si impegnerà ad offrire maggiori opportunità di aggiornamento/formazione riguardo al tema dell inclusione. Nell'anno scolastico 2020/2021, in seguito all'emergenza sanitaria, la scuola ha attivato per gli alunni fragili, in base a quanto disposto dall'ordinanza n. 134 del 09/10/2020, la didattica a distanza attraverso l'utilizzo della piattaforma istituzionale Meet. Composizione del gruppo di lavoro per l'inclusione (GLI): Dirigente scolastico Docenti curricolari Docenti di sostegno Famiglie Assistente all'autonomia e alla comunicazione Referente dell'inclusione /funzione strumentale DEFINIZIONE DEI PROGETTI INDIVIDUALI Processo di definizione dei Piani Educativi Individualizzati (PEI): Il PEI è il progetto di vita dell alunno con disabilità in età scolare e perché tale, individua strumenti e strategie per ottimizzare il percorso di vita e d inclusione attraverso la definizione di obiettivi minimi o differenziati e l individualizzazione di metodi, 63

65 valutazioni e strumenti didattici. Il Piano è sottoposto a tutti gli eventuali cambiamenti che si rendono opportuni durante il corso dell anno scolastico, anche sull insorgere di nuove esigenze. Il Piano educativo individualizzato è redatto all inizio di ogni anno scolastico dal Glho ed è sottoposto a verifiche ed aggiornamenti periodici. Sarà programmata con particolare cura l accoglienza, progettando, in accordo con gli insegnanti dell ordine di scuola di provenienza, percorsi che coinvolgano anche la famiglia. Di primaria importanza sarà l organizzazione del quadro orario, per consentire la definizione di un percorso didattico individualizzato che integri il più possibile le risorse di tutti gli insegnanti che operano nell equipe, a sostegno del processo di inclusione. L attività didattica sarà impostata secondo un modello articolato e flessibile predisponendo l orario in modo da definire, attraverso le varie figure specialistiche e la compresenza degli insegnanti, una copertura adeguata che garantisca l organizzazione e lo sviluppo dell esperienza scolastica in funzione dell inclusione. Il PEI contiene: il Profilo Dinamico Funzionale che analizza, partendo dalla diagnosi funzionale, le potenzialità dell'alunno e le possibilità di sviluppo futuro in termini di funzionalità; la programmazione individualizzata con descrizione di obiettivi, contenuti, attività previste, metodologia/e, strategie didattiche, risorse (umane e materiali), tempi, verifiche (i materiali di verifica, le modalità di verifica) e valutazione; l organizzazione scolastica cioè l orario della classe e gli interventi scolastici programmati per lo studente. Soggetti coinvolti nella definizione dei PEI: Il PEI è elaborato con la necessaria partecipazione delle famiglie e di tutti i professionisti esterni assegnati alla persona disabile e alla classe. Nell ambito del PEI, nell ottica di una scuola pienamente inclusiva, la progettazione e l azione educativa è esercitata dai docenti curricolari, unitamente al docente di sostegno e con il supporto dell unità di valutazione multidisciplinare. Tutte queste figure, in sede di Glho, programmano le strategie didattico educative per il successo formativo dell alunno. MODALITÀ DI COINVOLGIMENTO DELLE FAMIGLIE Ruolo della famiglia: La famiglia in quanto fonte di informazioni preziose, nonché luogo in cui avviene la continuità fra educazione formale ed informale, costituisce un punto di riferimento essenziale per la corretta inclusione scolastica di tutti gli alunni. Con riferimento agli alunni con BES, la famiglia interviene come soggetto portatore di interessi ma anche 64

66 come risorsa educativa e come preziosa fonte d informazioni, con funzioni necessariamente distinte da quelle dei soggetti che rivestono un ruolo professionale. I genitori degli alunni con bisogni educativi speciali partecipano al processo di inclusione scolastica e al progetto di vita degli alunni, prendendo parte agli incontri integrati per la stesura, il monitoraggio e la verifica del PEI e del PDP, fornendo alla scuola eventuali osservazioni su esperienze sviluppate dallo studente anche autonomamente o attraverso percorsi extrascolastici. Modalità di rapporto scuola-famiglia: Coinvolgimento in progetti di inclusione Coinvolgimento in attività di promozione della comunità educante Partecipazione al GLI RISORSE PROFESSIONALI INTERNE COINVOLTE Docenti di sostegno Partecipazione a GLI Docenti di sostegno Rapporti con famiglie Docenti di sostegno Attività individualizzate e di piccolo gruppo Docenti di sostegno Attività laboratoriali integrate (classi aperte, laboratori, ecc.) Docenti di sostegno Partecipazione alla programmazione educativa e didattica Docenti curriculari (Coordinatori di classe e simili) Docenti curriculari (Coordinatori di classe Partecipazione a GLI Rapporti con famiglie 65

67 RISORSE PROFESSIONALI INTERNE COINVOLTE e simili) Docenti curriculari (Coordinatori di classe e simili) Assistenti alla comunicazione Progetti didattico-educativi a prevalente tematica inclusiva Attività individualizzate e di piccolo gruppo Assistenti alla comunicazione Attività laboratoriali integrate (classi aperte, laboratori protetti, ecc.) Personale ATA Assistenza alunni disabili RAPPORTI CON SOGGETTI ESTERNI Unità di valutazione multidisciplinare Analisi del profilo di funzionamento per la definizione del Progetto individuale Unità di valutazione multidisciplinare Unità di valutazione multidisciplinare Associazioni di riferimento Associazioni di riferimento Associazioni di riferimento Rapporti con GLIR/GIT/Scuole polo Procedure condivise di intervento sulla disabilità Procedure condivise di intervento su disagio e simili Procedure condivise di intervento per il Progetto individuale Progetti territoriali integrati Progetti integrati a livello di singola scuola Accordi di programma/protocolli di intesa formalizzati sulla 66

68 RAPPORTI CON SOGGETTI ESTERNI per l inclusione territoriale Rapporti con GLIR/GIT/Scuole polo per l inclusione territoriale Rapporti con GLIR/GIT/Scuole polo per l inclusione territoriale Rapporti con GLIR/GIT/Scuole polo per l inclusione territoriale Rapporti con GLIR/GIT/Scuole polo per l inclusione territoriale Rapporti con GLIR/GIT/Scuole polo per l inclusione territoriale Rapporti con privato sociale e volontariato Rapporti con privato sociale e volontariato disabilità Accordi di programma/protocolli di intesa formalizzati su disagio e simili Procedure condivise di intervento sulla disabilità Procedure condivise di intervento su disagio e simili Progetti territoriali integrati Progetti integrati a livello di singola scuola Progetti territoriali integrati Progetti integrati a livello di singola scuola VALUTAZIONE, CONTINUITÀ E ORIENTAMENTO Criteri e modalità per la valutazione Il concetto di valutazione inclusiva esprime una valutazione progettata per promuovere l apprendimento e sostenere i processi di inclusione di tutti gli alunni e in particolare di 67

69 quelli più vulnerabili; è una valutazione formativa, sviluppata nell ottica della cultura dell inclusione, della personalizzazione e individualizzazione degli apprendimenti/insegnamenti e della valorizzazione delle differenze, mirata quindi al superamento di un approccio specialistico verso gli allievi con Bisogni Educativi Speciali nelle loro varie espressioni. Una valutazione che misuri, come previsto dalle normative, i progressi, il raggiungimento degli obiettivi e i traguardi di competenza fissati, ma tenendo ben presente il contesto educativo (strutturale, didattico e relazionale) in cui l alunno è inserito e dal quale dipende il possibile dispiegamento delle sue potenzialità, Si sottolinea come la valutazione degli studenti con disabilità certificata è effettuata sulla base del PEI e in relazione alle discipline previste e alle eventuali attività aggiuntive programmate. La valutazione degli studenti appartenenti alle altre tipologie di BES è effettuata sulla base del PDP in relazione sia agli strumenti compensativi che alle misure dispensative adottate, anche in via temporanea ed elaborati in collaborazione con la famiglia. Nella predisposizione dei PEI e dei PDP il team docenti e i Consigli di classe avranno cura di valutare gli apprendimenti degli alunni con Bisogni Educativi Speciali a partire dalla situazione personale, dal progresso rispetto alla situazione di partenza, dall impegno profuso e dalla partecipazione all attività didattica. Le strategie di valutazione coerenti con prassi inclusive si basano su: - Attenta analisi della situazione di partenza; - Costanti osservazioni e verifiche in itinere per determinare anche i successivi passi da compiere nella programmazione didattica; - Condivisione di criteri di valutazione definiti; - Adattamento di indicatori specifici per rilevare progressi nell apprendimento disciplinare e comportamentale; - Verifiche equipollenti, personalizzate, differenziate; - Simulazione di verifiche; - Eventuale sostituzione della prova scritta con quella orale. Le attività sincrone e asincrone svolte a distanza, in seguito ad un eventuale sospensione delle attività in presenza, verranno valutate secondo i criteri deliberati dal Collegio dei Docenti delibera n. delibera n. 35 del 22 /05/2020. Continuità e strategie di orientamento formativo e lavorativo: Nell Istituto si attueranno progetti di raccordo Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado. L esperienza scolastica ricopre un arco di tempo fondamentale per l apprendimento e per la costruzione dell identità degli alunni, tempo nel quale si pongono le basi e si sviluppano le competenze indispensabili per continuare ad apprendere a scuola e lungo l intero arco della vita. Garantire unitarietà alle esperienze e continuità alle proposte educative e didattiche è la finalità che il nostro Istituto si prefigge di perseguire nell ambito delle attività curricolari e progettuali che connotano l esperienza scolastica. Il momento di passaggio 68

70 tra diversi ordini di scuola costituisce per tutti gli alunni, e in particolare per quelli con Bisogni Educativi Speciali, un momento particolarmente delicato che rischia di innescare timori, ansia e senso di inadeguatezza. Particolare attenzione, pertanto, l Istituto dedica alle fasi di accoglienza, continuità e di orientamento attraverso colloqui con gli insegnanti dei tre ordini di scuola e attivazione di gruppi di lavoro per la continuità degli allievi in situazione di disabilità costituiti da insegnanti, genitori e operatori sociosanitari. Si cura il passaggio di informazioni tra ordini di scuola diversi, tali da permettere a chi accoglie lo studente con Bisogni Educativi Speciali di conoscere il suo pregresso scolastico, non solo in termini di risultati di apprendimento, ma anche in termini di modalità relazionali e motivazione allo studio. Si progetta un attività didattica comune fra ultima sezione della scuola dell infanzia e scuola primaria. Vengono programmate giornate dedicate ad attività di accoglienza tra le classi ponte e progetti integrati di continuità tra alunni dei tre ordini di scuola per favorirne il successo scolastico. Inoltre sono previsti attività di orientamento per gli allievi in uscita, attraverso la visita alle scuole di ordine superiore. Nell'anno scolastico , in seguito all'emergenza sanitaria, sono state previste attività di continuità e orientamento da svolgere tramite la piattaforma istituzionale G-suite. Sono stati programmati incontri a distanza tra gli alunni delle classi prime della Scuola Secondaria di 1 Grado e gli alunni delle classi quinte di Scuola Primaria. r Per le classi in uscita della Scuola Secondaria di 1 Grado sono stati organizzati "Open Day" virtuali e laboratori didattici on- line dagli Istituti delle Scuole Secondarie di 2 Grado della città per orientare la scelta futura. PIANO PER LA DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA La didattica a distanza nell'anno scolastico 2019/2020 si è rivelata vitale per assicurare il servizio scolastico anche nel periodo del "lockdown". Il Collegio Docenti dell'istituto Comprensivo Pescara 3, per l'anno scolastico 2020/2021, ha delineato il Piano Scolastico per la Didattica Digitale Integrata (DDI) seguendo le indicazioni contenute nel D.M. 7 agosto 2020, n. 89, Adozione delle Linee guida sulla Didattica Digitale Integrata, di cui al Decreto del Ministro dell Istruzione 26 giugno 2020, n. 39 (delibera del Collegio dei Docenti n.13 del 09/11/2020). Nell anno scolastico 2021/2022, alla luce delle nuove normative ministeriali 69

71 Piano scuola (D.L n. 257 del 6 agosto 2021); Indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico del 12 luglio 2021 (verbale n.34); Decreto Legge 6 agosto 2021 n. 111; nota ministeriale n del 13 agosto 2021 il Collegio Docenti, con delibera n.15 del 22/09/2021, ridefinisce e aggiorna il Regolamento per la Didattica Digitale Integrata che sostituisce il documento precedente. Si allega il documento. ALLEGATI: Piano_Didattica_Digitale_Integrata_aggiornamento.pdf 70

Circolare n. 15 Randazzo, 13 settembre 2019

Circolare n. 15 Randazzo, 13 settembre 2019 Circolare n. 15 Randazzo, 13 settembre 2019 OGGETTO: SCELTE STRATEGICHE DELLA SCUOLA AL PERSONALE DOCENTE SITO Per permettere agli insegnanti di elaborare i documenti necessari per l aggiornamento del

Dettagli

Il Piano Triennale dell Offerta Formativa della scuola LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PARITARIO CITTADELLA DELLA FORMAZIONE

Il Piano Triennale dell Offerta Formativa della scuola LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PARITARIO CITTADELLA DELLA FORMAZIONE Il Piano Triennale dell Offerta Formativa della scuola LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PARITARIO CITTADELLA DELLA FORMAZIONE elaborato dal collegio dei docenti nella seduta del 28/11/2018 sulla base dell atto

Dettagli

CONOSCIAMO IL NOSTRO PTOF TRIENNIO

CONOSCIAMO IL NOSTRO PTOF TRIENNIO CONOSCIAMO IL NOSTRO PTOF TRIENNIO 2019-22 Promuovere INNOVAZIONE e TERRITORIO Educare alla BELLEZZA Coltivare la CREATIVITÀ Risvegliare la CURIOSITÀ GARANTIRE A TUTTI Stesse CONDIZIONI DI PARTENZA Certezza

Dettagli

OBIETTIVI PRIORITARI (COMMA 7)

OBIETTIVI PRIORITARI (COMMA 7) OBIETTIVI PRIORITARI (COMMA 7) Il comma 7 elenca ben 17 obiettivi prioritari, sulla base dei quali, il DS ha disposto le linee di indirizzo in base a cui il Collegio, previo lavoro dipartimentale, elabora

Dettagli

PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA NOME SCUOLA TRIENNIO DI RIFERIMENTO

PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA NOME SCUOLA TRIENNIO DI RIFERIMENTO PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO DI RIFERIMENTO Il Piano Triennale dell Offerta Formativa della scuola. è stato elaborato dal collegio dei docenti nella seduta del gg/mm/aaaa sulla base dell

Dettagli

DAL POF TRIENNALE AL FABBISOGNO DEI POSTI PER IL POTENZIAMENTODELL OFFERTA FORMATIVA

DAL POF TRIENNALE AL FABBISOGNO DEI POSTI PER IL POTENZIAMENTODELL OFFERTA FORMATIVA OBIETTIVI PRIORITARI ATTIVITA PREVISTE FIGURE 1. RISORSE ECONOMICHE 2. N. POSTI POTENZIAMENTO O.F. 3. FABBISOGNO DI INFRASTRUTTURE 4. FABBISOGNO ATTREZZATURE MATERIALI INSERITO NEL RAV COME OBIETTIVO SUL

Dettagli

INDICE SEZIONI PTOF PTOF / /22 I.C. ISOLA DEL G. S. -COLLEDARA L'OFFERTA FORMATIVA

INDICE SEZIONI PTOF PTOF / /22 I.C. ISOLA DEL G. S. -COLLEDARA L'OFFERTA FORMATIVA INDICE SEZIONI PTOF 1. 1. Traguardi attesi in uscita 1. 2. Insegnamenti e quadri orario 1. 3. Curricolo di Istituto 1. 4. Iniziative di ampliamento curricolare 1. 5. Attività previste in relazione al PNSD

Dettagli

A. FABBISOGNO ORGANICO DOCENTI NEL TRIENNIO

A. FABBISOGNO ORGANICO DOCENTI NEL TRIENNIO A. FABBISOGNO ORGANICO DOCENTI NEL TRIENNIO SCUOLA DELL INFANZIA Per la scuola dell infanzia si prevede la stabilizzazione degli iscritti a circa 150 unità, con possibile lieve flessione nell anno scolastico

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Istituto Comprensivo "ETTORE MAJOR C.F. 90049480586 C.M. RMIC8BG00X protocollo gener - protocollo generale Prot. 0003206/U del 16/11/2018 14:04:28 AI DOCENTI Al D.S.G.A. AL PERSONALE ATA e, p.c., AL CONSIGLIO

Dettagli

MODULO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI

MODULO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI MODULO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Rev. 0 del 28/09/2017 1 NOTE GENERALI 1.0 Riferimenti Progetto pluriennale in corso, già attivato nel precedente Anno Scolastico Nuovo progetto, da attivare nel

Dettagli

INDICE SEZIONI PTOF LE SCELTE STRATEGICHE PTOF / /22 SCUOLA ELEM.PARIT. BEATA P.E. CERIOLI LE SCELTE STRATEGICHE

INDICE SEZIONI PTOF LE SCELTE STRATEGICHE PTOF / /22 SCUOLA ELEM.PARIT. BEATA P.E. CERIOLI LE SCELTE STRATEGICHE INDICE SEZIONI PTOF 1. 1. Priorità desunte dal RAV 1. 2. Obiettivi formativi prioritari (art. 1, comma 7 L. 107/15) 1. 3. Piano di miglioramento 1. 4. Principali elementi di innovazione 1 PRIORITÀ DESUNTE

Dettagli

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE LA RENDICONTAZIONE SOCIALE Damiano Previtali MIUR, Dirigente SNV Premessa 1: Scuola in chiaro La struttura del PTOF Rendicontazione sociale Premessa 2: cosa rendicontare? Il framework Input output Input

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI PROGETTAZIONE ATTIVITA DI POTENZIAMENTO- a.s. 2018/2019

SCHEDA DI SINTESI PROGETTAZIONE ATTIVITA DI POTENZIAMENTO- a.s. 2018/2019 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Infanzia, Primaria e S.S.1 Via R. Viviani n 2 Maddaloni, CE tel. 0823/ 435949 fax 0823/ 402625 C.F. 93086020612 PEC: ceic8av00r@pec.istruzione.it e-mail:ceic8av00r@istruzione.it

Dettagli

L. 13 luglio 2015 n Una prima lettura relativa ai principali adempimenti previsti per l a.s. 2015/2016

L. 13 luglio 2015 n Una prima lettura relativa ai principali adempimenti previsti per l a.s. 2015/2016 L. 13 luglio 2015 n. 107 LA BUONA SCUOLA Una prima lettura relativa ai principali adempimenti previsti per l a.s. 2015/2016 Finalità «dare piena attuazione all autonomia delle istituzioni scolastiche»

Dettagli

INDICE SEZIONI PTOF LE SCELTE STRATEGICHE PTOF / /22 I.C. L.DA VINCI CASTELFRANCO LE SCELTE STRATEGICHE

INDICE SEZIONI PTOF LE SCELTE STRATEGICHE PTOF / /22 I.C. L.DA VINCI CASTELFRANCO LE SCELTE STRATEGICHE INDICE SEZIONI PTOF 1. 1. Priorità desunte dal RAV 1. 2. Obiettivi formativi prioritari (art. 1, comma 7 L. 107/15) 1. 3. Piano di miglioramento 1. 4. Principali elementi di innovazione 1 PRIORITÀ DESUNTE

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA

DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA Via delle Palme, 13 97100 RAGUSA tel./fax 0932/228158 Cod. Mecc.RGEE011005 C.F. 92020890882 e-mail:rgee011005@istruzione.it - pec: rgee011005@pec.istruzione.it

Dettagli

INDICE SEZIONI PTOF LE SCELTE STRATEGICHE PTOF / /22 IC PASIANO"CARD.C.COSTANTINI" LE SCELTE STRATEGICHE

INDICE SEZIONI PTOF LE SCELTE STRATEGICHE PTOF / /22 IC PASIANOCARD.C.COSTANTINI LE SCELTE STRATEGICHE INDICE SEZIONI PTOF 1. 1. Priorità desunte dal RAV 1. 2. Obiettivi formativi prioritari (art. 1, comma 7 L. 107/15) 1. 3. Piano di miglioramento 1. 4. Principali elementi di innovazione 1 PRIORITÀ DESUNTE

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Aldo Moro Via Europa - 20011 Corbetta (MI) tel. 0297271739 - tel/fax. 0297271776 e-mail uffici: miic85600b@istruzione.it

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, E

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, E Istituto Comprensivo G. Vasari via Emilia 10 52100 AREZZO - Internet: www.icarezzo.it email: dirigente@icarezzo.it - amministrazione: aric813003@istruzione.it - segreteria@icarezzo.it Presidenza: telefax

Dettagli

PIANO TRIENNALE D INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE

PIANO TRIENNALE D INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PIANO TRIENNALE D INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE 2016-2019 a cura dell animatore digitale docente : Francesca Scarpulla Finalità ruolo animatore In sintesi dal PNSD favorire il processo di digitalizzazione

Dettagli

INDICE SEZIONI PTOF LE SCELTE STRATEGICHE PTOF / /22 ITI RIGHI DI NAPOLI LE SCELTE STRATEGICHE

INDICE SEZIONI PTOF LE SCELTE STRATEGICHE PTOF / /22 ITI RIGHI DI NAPOLI LE SCELTE STRATEGICHE INDICE SEZIONI PTOF 1. 1. desunte dal RAV 1. 2. Obiettivi formativi prioritari (art. 1, comma 7 L. 107/15) 1. 3. Piano di miglioramento 1. 4. Principali elementi di innovazione 1 PRIORITÀ DESUNTE DAL RAV

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DOCENTI PER L ANNO SCOLASTICO

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DOCENTI PER L ANNO SCOLASTICO SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DOCENTI PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16 Ai fini di quanto previsto dall art.1cc.126 129 della L.13.07.2015,n.107 AMBITO A: punti 40/100 ASPETTI CHE COMPONGONO

Dettagli

Incontro con le famiglie degli alunni di classe quinta

Incontro con le famiglie degli alunni di classe quinta IC n. 6 Cosmè Tura Iscrizioni scuola secondaria di I grado Incontro con le famiglie degli alunni di classe quinta 11 gennaio 2017 Scelte culturali e didattico educative dell Istituto percorso formativo

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s.2017/2018 ANAGRAFICA Istituzione Scolastica Nome: Istituto Comprensivo U.Chimenti - V.Selvaggi - San MarcoArgentano ( CS ) Codice Meccanografico: CSIC8AE00X Responsabile del

Dettagli

Prot Castano Primo, 12 settembre 2016.

Prot Castano Primo, 12 settembre 2016. Prot. 5308 Castano Primo, 12 settembre 2016. ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL COLLEGIO DEI DOCENTI per l attuazione del P.O.F. 2016-17 relativo al P.T.O.F. Triennio 2016-2019 ( ai sensi dell

Dettagli

AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA PTOF 2016/2019 Misure per l a.s. 2016/2017

AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA PTOF 2016/2019 Misure per l a.s. 2016/2017 Con riferimento al RAV /PDM / LEGGE 107/2015 art.1c7 AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA PTOF 2016/2019 Misure per l a.s. 2016/2017 QUOTA LOCALE DEL CURRICOLO MOF FONDI AREA A RISCHIO AVVISI DM 663/2016 a) Valorizzazione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO E. MAJORANA

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO E. MAJORANA ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO E. MAJORANA Via Tre Monti - 98057 MILAZZO (ME) - Tel 090 9221775 - Fax 0909282030 www.itimajorana.gov.it - e-mail: metf020001@istruzione.it C.F. 92013510836 - codice meccanografico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MICHELI-BOLOGNESI - LIVORNO PIANO D INTERVENTO TRIENNALE PER IL PNSD

ISTITUTO COMPRENSIVO MICHELI-BOLOGNESI - LIVORNO PIANO D INTERVENTO TRIENNALE PER IL PNSD ISTITUTO COMPRENSIVO MICHELI-BOLOGNESI - LIVORNO PIANO D INTERVENTO TRIENNALE PER IL PNSD Riferimenti normativi La legge 13 luglio 2015, n. 107, ha previsto l adozione del Piano nazionale per la scuola

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA Prot. 6894/A22 Rosolini 19/10/2018 ATTO D INDIRIZZO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il DPR 275/1999, Regolamento recante norme in materia di

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO PROT. 5220/N DEL 25/10/2017 al COLLEGIO DEI DOCENTI e p.c. al CONSIGLIO D'ISTITUTO ai GENITORI agli ALUNNI al PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO. Prot. n. Sorbolo, 2 dicembre 2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO. Prot. n. Sorbolo, 2 dicembre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Prot. n. Sorbolo, 2 dicembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI ATTUAZIONE DEL PNSD PER IL PTOF

PIANO TRIENNALE DI ATTUAZIONE DEL PNSD PER IL PTOF PIANO TRIENNALE DI ATTUAZIONE DEL PNSD PER IL PTOF Premessa Il Piano Nazionale per la Scuola Digitale (PNSD) è un documento pensato per guidare le scuole in un percorso di innovazione e digitalizzazione,

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO A.S. 2017/18

PIANO DI MIGLIORAMENTO A.S. 2017/18 ISTITUTO COMPRENSIVO MATTIA DE MARE DI SAN CIPRIANO D AVERSA Via Schipa, 1 - Tel 081. 892.2216 - Fax 081 816776 - Codice meccanografico CEIC899001 Codice Fiscale 900550618 e-mail: ceic899001@istruzione.it

Dettagli

Atto di indirizzo al Collegio dei Docenti per la revisione del Piano di Formazione del Personale Scolastico Triennio 2016/2019

Atto di indirizzo al Collegio dei Docenti per la revisione del Piano di Formazione del Personale Scolastico Triennio 2016/2019 Istituto comprensivo n. 15 Elio Vittorini Via Comunale SS. Annunziata 98168 Messina tel./fax 090 356387 c.f. 97062170838 - www.icvittorinimessina.gov.it e-mail: meic822001@istruzione.it - pec: meic822001@pec.istruzione.it

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Aldo Moro Via Europa - 20011 Corbetta (MI) tel. 0297271739 - tel/fax. 0297271776 e-mail uffici: miic85600b@istruzione.it

Dettagli

RISORSE PROFESSIONALI:

RISORSE PROFESSIONALI: RISORSE PROFESSIONALI: Quantità e qualità del personale della scuola (conoscenze e competenze disponibili) Dal RAV: - La percentuale di docenti a tempo indeterminato in servizio nei tre ordini di scuola

Dettagli

INDICE SEZIONI PTOF LE SCELTE STRATEGICHE PTOF / /22 MADDALENA DI CANOSSA LE SCELTE STRATEGICHE

INDICE SEZIONI PTOF LE SCELTE STRATEGICHE PTOF / /22 MADDALENA DI CANOSSA LE SCELTE STRATEGICHE INDICE SEZIONI PTOF 1. 1. desunte dal RAV 1. 2. Obiettivi formativi prioritari (art. 1, comma 7 L. 107/15) 1. 3. Piano di miglioramento 1. 4. Principali elementi di innovazione 1 PRIORITÀ DESUNTE DAL RAV

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE -PNSD

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE -PNSD PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE -PNSD Come previsto dalla Legge 107/2015 di riforma del sistema dell Istruzione all art. 1 comma 56, il MIUR, con D.M. n. 851 del 27.10.2015 ha adottato il Piano Nazionale

Dettagli

Via Piccinini s.n RAGUSA Codice Meccanografico RGEE Codice Fiscale Codice univoco d Ufficio UF9VXW

Via Piccinini s.n RAGUSA Codice Meccanografico RGEE Codice Fiscale Codice univoco d Ufficio UF9VXW Via Piccinini s.n. 97100 RAGUSA Codice Meccanografico RGEE009005 Codice Fiscale 92020930886 Codice univoco d Ufficio UF9VXW Dirigenza 0932 252060 Segreteria 0932 604022 Fax 0932 604022 P.E.O. rgee009005@istruzione.it

Dettagli

Prot. n. 3775/A19 Parma, 20 novembre 2015

Prot. n. 3775/A19 Parma, 20 novembre 2015 ALLEGATO N. 1 ISTITUTO COMPRENSIVO A.TOSCANINI Via Cuneo, 3/a- 43100 PARMA - Tel. 0521 781870 - Fax 0521 786278 e-mail: pric825008@istruzione.it http://ictoscaniniparma.it Prot. n. 3775/A19 Parma, 20 novembre

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Binasco Piazza V Aprile, 0/A 008 BINASCO (MI) TEL-FA: 090555 Cod Mecc MIIC8FE006 - Cod Fisc 807054 e-mail: MIIC8FE006@istruzioneit

Dettagli

Olimpiadi della Lingua italiana. Biblioteca e lettura Un mondo di libri. Certificazione linguistica Cambridge

Olimpiadi della Lingua italiana. Biblioteca e lettura Un mondo di libri. Certificazione linguistica Cambridge OBIETTIVI FORMATIVI PROGETTO/I DESTINATARI TEMPI Olimpiadi della Lingua italiana Classi quinte Scuola Primaria Classi terze Scuola Lettura Un libro per amico Scuola Primaria a) valorizzazione e potenziamento

Dettagli

LA DIRIGENTE SCOLASTICA 0' VISTO Il Piano Triennale dell Offerta Formativa 2016/2019

LA DIRIGENTE SCOLASTICA 0' VISTO Il Piano Triennale dell Offerta Formativa 2016/2019 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE E. DE AMICIS Via D. SAVINO 59/A - 74122 TALSANO TARANTO Tel. 099.7311080

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO (aggiornato al 30/06/2016)

PIANO DI MIGLIORAMENTO (aggiornato al 30/06/2016) Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Binasco Piazza V Aprile, 0/A 008 BINASCO (MI) TEL-FA: 090555 Cod. Mecc. MIIC8FE006 - Cod. Fisc. 807054 e-mail:

Dettagli

PIANO TRIENNALE D INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE

PIANO TRIENNALE D INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PIANO TRIENNALE D INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE La legge 107 prevede che dall anno 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti con il Piano Nazionale

Dettagli

PIANO NAZIONALE DELLA SCUOLA DIGITALE

PIANO NAZIONALE DELLA SCUOLA DIGITALE ALLEGATO N. 7 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE 89812 PIZZO CALABRO (VV) TEL. 0963/534988 FAX 0963/534988 A.S. 2016 2017 A.S. 2017 2018 A.S. 2018 2019 PIANO NAZIONALE DELLA SCUOLA DIGITALE PROGETTO TRIENNALE

Dettagli

Atto di Indirizzo al Collegio dei Docenti per la predisposizione del POF Triennale aa.ss. 2019/2022

Atto di Indirizzo al Collegio dei Docenti per la predisposizione del POF Triennale aa.ss. 2019/2022 Prot. n. 4959 1.1.d Como, 19.09.2018 Alla cortese attenzione Personale docente IC Como Borgovico Commissione PTOF e progettazione Funzione Strumentale Atto di Indirizzo al Collegio dei Docenti per la predisposizione

Dettagli

Presentazione della legge 107/2015 La buona scuola. Incontro con i genitori dell Istituto Comprensivo Giusti-D Assisi 06 ottobre 2015

Presentazione della legge 107/2015 La buona scuola. Incontro con i genitori dell Istituto Comprensivo Giusti-D Assisi 06 ottobre 2015 Presentazione della legge 107/2015 Incontro con i genitori dell Istituto Comprensivo Giusti-D Assisi 0 Finalità e modalità di realizzazione della legge: i temi principali 1. Attuazione dell autonomia delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI RIVALTA. Piano di Miglioramento. (PdM)

ISTITUTO COMPRENSIVO DI RIVALTA. Piano di Miglioramento. (PdM) ISTITUTO COMPRENSIVO DI RIVALTA Piano di Miglioramento (PdM) Allegato N. 1 al PTOF 1 Sommario Tabella 1 - Relazione tra obiettivi di processo e priorità strategiche... 3 Tabella 2 - Calcolo della necessità

Dettagli

Sintesi del piano di miglioramento 2016/2017

Sintesi del piano di miglioramento 2016/2017 Sintesi del piano di miglioramento 2016/2017 Area di processo Obiettivi di processo Azioni Collegamento ad un quadro di riferimento innovativo Appendice A e B Curricolo, progettazione e valutazione Promuovere

Dettagli

Istituto Comprensivo di Vallelonga

Istituto Comprensivo di Vallelonga Ex art. 1 c58, legge 107/2015 Istituto Comprensivo di Vallelonga Progetto triennale per il Piano Nazionale Scuola Digitale redatto a cura dell animatore digitale 1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Infanzia

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD

Progetto per l attuazione del PNSD All. n. 4 Progetto per l attuazione del PNSD 2016-2019 La legge 107 prevede che dal 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti con il Piano Nazionale Scuola

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2019/ / /22

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2019/ / /22 ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2019/20 2020/21 2021/22 Al Collegio dei Docenti E.p.c. Al Consiglio d istituto Al Direttore

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD La legge 107 prevede che tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti con il Piano Nazionale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A Corso Cavour 6/A 15057 Tortona (AL) Tel. 0131 861901 E-mail: alic83400n@istruzione.it - Pec:alic83400n@pec.istruzione.it Sito Web: http://comprensivotortonaa.edu Codice Fiscale

Dettagli

Offerta Formativa. Scuola secondaria di 1 grado. Anno scolastico 2018/19. Incontro con i genitori degli alunni delle primarie

Offerta Formativa. Scuola secondaria di 1 grado. Anno scolastico 2018/19. Incontro con i genitori degli alunni delle primarie Offerta Formativa Scuola secondaria di 1 grado Anno scolastico 2018/19 Incontro con i genitori degli alunni delle primarie Venerdì 12 Gennaio 2018 ore 17.30 Presso la Scuola Secondaria di 1 grado "Curtatone

Dettagli

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE. Premessa

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE. Premessa PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE Premessa La legge 107 prevede che dal 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti con il Piano Nazionale

Dettagli

2 ISTITUTO COMPRENSIVO E. MORANTE

2 ISTITUTO COMPRENSIVO E. MORANTE 2 ISTITUTO COMPRENSIVO E. MORANTE Via G.Boccaccio c.a.p. 80048 SANT ANASTASIA (NA)Tel. 081/8930713-8930727 - 8930716 Fax. 081/8930711 cod.fisc.94202990639 cod.mecc.naic8ak00g E mail: naic8ak00g@istruzione.itwww.istitutocomprensivoelsamorante.it

Dettagli

AZIONI COERENTI CON IL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE

AZIONI COERENTI CON IL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE AZIONI COERENTI CON IL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE Premessa La legge 107 prevede che dall anno 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti con il Piano

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE L.107/2015 DPR 275/99 IL DIRIGENTE SCOLASTICO. VISTO il D.P.R. n.

ATTO D INDIRIZZO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE L.107/2015 DPR 275/99 IL DIRIGENTE SCOLASTICO. VISTO il D.P.R. n. ATTO D INDIRIZZO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE 2019-2022 L.107/2015 DPR 275/99 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO il D.P.R. n.297/94 ; VISTO il D.P.R. n. 275/99; VISTO il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89;

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S Modulo di presentazione di:

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S Modulo di presentazione di: Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo statale G. D. Petteni Via Buratti, 2 24124 BERGAMO tel 035/342094 Fax 035/361280 - CF 95118590165 email bgic81600a@istruzione.it

Dettagli

Atto d indirizzo del Dirigente Scolastico per l aggiornamento e predisposizione del Piano

Atto d indirizzo del Dirigente Scolastico per l aggiornamento e predisposizione del Piano Atto d indirizzo del Dirigente Scolastico per l aggiornamento e predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa ex art. 1 comma 14, legge 107/2015. IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge n.

Dettagli

Sintesi del piano di miglioramento 2017/2018

Sintesi del piano di miglioramento 2017/2018 Sintesi del piano di miglioramento 2017/2018 Area di processo Obiettivi di processo Azioni Collegamento ad un quadro di riferimento innovativo Appendice A e B Curricolo, progettazione e valutazione Promuovere

Dettagli

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PNSD. Allegato al PTOF a cura della docente Angela Donatiello

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PNSD. Allegato al PTOF a cura della docente Angela Donatiello PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PNSD Premessa Allegato al PTOF 2016-2019 a cura della docente Angela Donatiello La legge 107/2015 prevede che a partire dall anno 2016 tutte le

Dettagli

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Piazza Capri - ROMA

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Piazza Capri - ROMA PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Piazza Capri - ROMA Premessa La legge 107 prevede che dal 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti con il Piano

Dettagli

B2) Curricolo d Istituto saperi di cittadinanza

B2) Curricolo d Istituto saperi di cittadinanza IL PIANO DI MIGLIORAMENTO (gli obiettivi formativi prioritari, traguardi e obiettivi, le azioni e le fasi previste, scelte conseguenti alle previsioni di cui alla legge 107/15) d) Sviluppo competenze in

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE Triennio Introduzione

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE Triennio Introduzione PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE Triennio 2016-2019 Introduzione La pubblicazione del Piano per la Formazione dei Docenti 2016/2019 da parte del MIUR nel mese di ottobre 2016 ha avviato un processo di riorganizzazione

Dettagli

TRIENNIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO Giovanni XXIII Monte San Biagio- Lenola (LT)

TRIENNIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO Giovanni XXIII Monte San Biagio- Lenola (LT) I Monte San Biagio- Lenola (LT) TRIENNIO 2016-19 1. Premessa L azione #28 del Piano Nazionale Scuola Digitale prevede la nomina di un docente ad animatore digitale ossia un docente che deve elaborare progetti

Dettagli

Offerta Formativa Scuola secondaria di 1 grado. Venerdì 13 Gennaio 2017 ore 17.00

Offerta Formativa Scuola secondaria di 1 grado. Venerdì 13 Gennaio 2017 ore 17.00 Offerta Formativa Scuola secondaria di 1 grado Anno scolastico 2017/18 Incontro con i genitori degli alunni delle Scuole primarie Venerdì 13 Gennaio 2017 ore 17.00 presso la Scuola secondaria di I Curtatone

Dettagli

ALLEGATO 2 al PTOF 2016/19 PIANO DI ATTUAZIONE DEL PNSD NEL PTOF 2016/19

ALLEGATO 2 al PTOF 2016/19 PIANO DI ATTUAZIONE DEL PNSD NEL PTOF 2016/19 ALLEGATO 2 al PTOF 2016/19 PIANO DI ATTUAZIONE DEL PNSD NEL PTOF 2016/19 Come previsto dalla Legge 107/2015 di riforma del sistema dell Istruzione all art. 1 comma 56, il MIUR, con D.M. n. 851 del 27/10/2015,

Dettagli

Istituto Comprensivo Teodoro Croci

Istituto Comprensivo Teodoro Croci Istituto Comprensivo Teodoro Croci Incontro con i genitori delle future classi prime Scuola Primaria don Milani 30 novembre 2018 L Istituto Teodoro Croci L Istituto Comprensivo Teodoro Croci nasce il 1

Dettagli

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE La legge 107 prevede che dall anno 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti con il Piano Nazionale

Dettagli

Prot. n Fossano, li 29 settembre 2015 Pos. 94-C/4 AL COLLEGIO DEI DOCENTI

Prot. n Fossano, li 29 settembre 2015 Pos. 94-C/4 AL COLLEGIO DEI DOCENTI Prot. n. 3276 Fossano, li 29 settembre 2015 Pos. 94-C/4 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELL AD - PNSD PER IL PTOF. Animatore Digitale (AD): Ins. Maria Teresa Bracchetti

PIANO TRIENNALE DELL AD - PNSD PER IL PTOF. Animatore Digitale (AD): Ins. Maria Teresa Bracchetti PIANO TRIENNALE DELL AD - PNSD PER IL PTOF 2016/2019 Animatore Digitale (AD): Ins. Maria Teresa Bracchetti Premessa Come previsto dalla Legge 107/2015 di riforma del sistema dell Istruzione all art. 1

Dettagli

Formazione docenti a.s. 2015/16. Camilla Fiadino

Formazione docenti a.s. 2015/16. Camilla Fiadino Formazione docenti a.s. 2015/16 Camilla Fiadino PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA PTOF 2016/17 2017/19 2018/19 I CONTENUTI DEL PIANO ART. 1 COMMI 12-14 Offerta formativa Programmazione FORMAZIONE

Dettagli

Prot. n. 8387/C1 Saponara,

Prot. n. 8387/C1 Saponara, . Prot. n. 8387/C1 Saponara, 28.12.2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI ALBO SITO WEB ATTI OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX

Dettagli

Piano Nazionale Scuola Digitale PER IL PTOF

Piano Nazionale Scuola Digitale PER IL PTOF MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria - Via Broli, 4-24060 CASAZZA (BG) Tel 035/810016

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE SILVANO FEDI ENRICO FERMI

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE SILVANO FEDI ENRICO FERMI Prot. n. 4180/C24 Pistoia, 5 novembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER

Dettagli

1. realizzazione di attività volte allo sviluppo delle competenze digitali degli studenti;

1. realizzazione di attività volte allo sviluppo delle competenze digitali degli studenti; Premessa Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD), valido fino al 2020 adottato con Decreto Ministeriale n. 851 del 27 ottobre 2015 è una delle linee di azione della legge 107, Riforma del sistema nazionale

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S Modulo di presentazione di:

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S Modulo di presentazione di: Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo statale G. D. Petteni Via Buratti, 2 24124 BERGAMO tel 035/342094 Fax 035/361280 - CF 95118590165 email bgic81600a@istruzione.it

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE AGGIORNATA DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, E

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE AGGIORNATA DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, E Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo di Borgo Virgilio via Amendola-1 46030 Borgo Virgilio MN C.M. : MNIC81000E C.F.: C.F. 93034870209 CUU: UFYGQQ Tel: +39 0376

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Triennio di riferimento 2019/2022 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SETTIMO VITTONE Scuole dell'infanzia: Scuole primarie: Scuola secondaria di I grado Baio Dora Borgofranco d Ivrea Carema

Dettagli

RAV. a.s aggiornato a.s

RAV. a.s aggiornato a.s RAV C a.s. 2014 2015 aggiornato a.s. 2015-2016 MIGLIORARE I PROCESSI PER MIGLIORARE GLI ESITI. PRIORITÀ OBIETTIVI DI PROCESSO TRAGUARDI DI LUNGO PERIODO Obiettivi generali che la scuola si prefigge di

Dettagli

DAL RAV AL PdM. Priorità Motivazione della scelta Traguardi Obiettivi di processo Motivazione della scelta

DAL RAV AL PdM. Priorità Motivazione della scelta Traguardi Obiettivi di processo Motivazione della scelta DAL RAV AL PdM Nell anno 2014/15 è stato elaborato il Rapporto di Autovalutazione (RAV), in cui, sulla base delle criticità del nostro Istituto, sono state delineate priorità, traguardi e obiettivi di

Dettagli

Attuazione del Piano Nazionale Scuola Digitale nel PTOF

Attuazione del Piano Nazionale Scuola Digitale nel PTOF ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIGNOLA - Scuol@2.0 Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad indirizzo musicale Via Cristoforo Colombo, 1-85010 PIGNOLA (PZ). Dirigenza 0971620305 - DSGA 0971620301

Dettagli

Pubblicata in G.U. il 15 luglio 2015

Pubblicata in G.U. il 15 luglio 2015 Pubblicata in G.U. il 15 luglio 2015 I CONTENUTI DEL PIANO Offerta formativa Programmazione FORMAZIONE docenti e ATA Organico docente e ATA Fabbisogno RISORSE Attrezzature Materiali commi12-14 Infrastrutture

Dettagli

PIANO TRIENNALE SCUOLA DIGITALE IC SAN POLO DI PIAVE - TV

PIANO TRIENNALE SCUOLA DIGITALE IC SAN POLO DI PIAVE - TV PIANO TRIENNALE SCUOLA DIGITALE IC SAN POLO DI PIAVE - TV Formazione Realizzare docenti Rilevazione dei bisogni formativi. Anagrafe competenze Coinvolgimento dei docenti; interna l innovazione Apertura

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento ISTITUTO CANOSSIANO Scuola Primaria Paritaria Parificata Ordine di scuola: ISTITUTO CANOSSIANO Scuola Primaria C.M. PD1E006001 Piano di Miglioramento approvato dal Collegio dei Docenti il 23 settembre

Dettagli

INDICE SEZIONI PTOF LE SCELTE STRATEGICHE PTOF / /22 DON LORENZO MILANI LE SCELTE STRATEGICHE

INDICE SEZIONI PTOF LE SCELTE STRATEGICHE PTOF / /22 DON LORENZO MILANI LE SCELTE STRATEGICHE INDICE SEZIONI PTOF 1. 1. Priorità desunte dal RAV 1. 2. Obiettivi formativi prioritari (art. 1, comma 7 L. 107/15) 1. 3. Piano di miglioramento 1. 4. Principali elementi di innovazione 1 PRIORITÀ DESUNTE

Dettagli

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PTOF A cura della docente Eleonora Monti

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PTOF A cura della docente Eleonora Monti PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PTOF A cura della docente Eleonora Monti L A nimatore D igitale è un docente che insieme al D irigente Scolastico e al D irettore dei S ervizi

Dettagli

Istituto Comprensivo Leonardo Da Vinci

Istituto Comprensivo Leonardo Da Vinci MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Leonardo Da Vinci Cod. Mec.RMIC898002 - C.F. 94032550587 - Via Douhet n. 6-00012

Dettagli

SCUOLA DIGITALE: PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO A. S / 2019

SCUOLA DIGITALE: PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO A. S / 2019 SCUOLA DIGITALE: PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO A. S. 2016 / 2019 Azioni coerenti con il PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019 PREMESSA L animatore digitale individuato in ogni scuola è formato

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Premessa Come previsto dall art, 1 comma 56 della Legge 107/2015 di riforma del sistema di istruzione, il M.I.U.R., con il D.M. n. 851

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO A. BELVEDERE 80127 Napoli Vico Acitillo, 40 tel 081/7142041 081/5601562 namm005005@istruzione.it PIANO TRIENNALE

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S Modulo di presentazione di:

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S Modulo di presentazione di: Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo statale G. D. Petteni Via Buratti, 2 24124 BERGAMO tel 035/342094 Fax 035/361280 - CF 95118590165 email bgic81600a@istruzione.it

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S.

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo statale G. D. Petteni Via Buratti, 2 24124 BERGAMO tel 035/342094 Fax 035/361280 - CF 95118590165 email bgic81600a@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MONTECORVINO PUGLIANO Cod. Mecc. SAIC86200P AUTONOMIA 114 C. F

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MONTECORVINO PUGLIANO Cod. Mecc. SAIC86200P AUTONOMIA 114 C. F Prot. n. 403/A23 C/21 Montecorvino Pugliano, 10/02/2016 Alla RSU Al sito Web Oggetto : Richiesta Organico Autonomia PTOF 2016/2019 - Informativa preventiva alla RSU Vista la L.107/2015 Visto la Nota MIUR

Dettagli

PNSD Piano Nazionale Scuola Digitale IC G. BARONE di Baranello

PNSD Piano Nazionale Scuola Digitale IC G. BARONE di Baranello PNSD Piano Nazionale Scuola Digitale IC G. BARONE di Baranello Animatore digitale: Antonietta Brunetti Team dell innovazione: Tamara d Abruzzo - Marianicola D Alessandro - Lucia Maio Perniola Lorella Premessa

Dettagli