TARIFFA ISPEZIONE PROGRAMMATA, CAMPIONAMENTI ED ANALISI DOVUTE ALLA SEZIONE DI BOLOGNA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI CALCOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TARIFFA ISPEZIONE PROGRAMMATA, CAMPIONAMENTI ED ANALISI DOVUTE ALLA SEZIONE DI BOLOGNA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI CALCOLO"

Transcript

1 TARIFFA ISPEZIONE PROGRAMMATA, CAMPIONAMENTI ED ANALISI DOVUTE ALLA SEZIONE DI BOLOGNA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI CALCOLO INTRODUZIONE La compilazione del seguente modulo deve essere effettuata facendo riferimento a quanto stabilito dal Decreto Ministeriale del 24/04/2008, dalla Delibera di Giunta della Regione Emilia Romagna n del 17/11/2008 e dalla Delibera di Giunta della Regione Emilia Romagna n. 155 del 16/02/2009. Al fine di ottenere l importo corretto della tariffa complessiva è necessario che vengano compilate tutte le celle del foglio Dati Ditta, seguendo le istruzioni riportate per le singole voci. Il modulo di calcolo e le relative istruzioni non si applicano al settore ALLEVAMENTI per il quale è prevista, dalla Delibera di Giunta della Regione Emilia Romagna n del 17/11/2008, una tariffa fissa per le ispezioni programmate di euro A) CAMPO DI APPLICAZIONE DEL FILE Il modulo di calcolo permette di calcolare la tariffa dovuta all ente di controllo per l attività prevista nel corso dell anno. B) STRUTTURA DEL MODULO DI CALCOLO Il modulo di calcolo è un file Excel strutturato in una serie di fogli: Dati Ditta; Campionamento Analisi Aria; Campionamento Analisi Acque; Campionamento Analisi Rifiuti; Importo tariffa Ispez-Analisi; C aria; C acqua; C rifiuti; Formule calcolo. Di questi, solo Dati Ditta e, se sono previsti campionamenti da parte dell autorità di controllo, i fogli Campionamento Analisi Aria", "Campionamento Analisi Acque" e "Campionamento Analisi Rifiuti", richiedono la compilazione da parte del Gestore, mentre tutti gli altri sono fogli che forniscono risultati o sono fogli di servizio per i calcoli e non possono essere modificati, ma solo visualizzati. La compilazione di Dati Ditta e dei fogli Campionamento Analisi Aria", "Campionamento Analisi Acque" e "Campionamento Analisi Rifiuti" determina il calcolo automatico dell importo dovuto all ente di controllo, che compare nel foglio Importo tariffa Ispez-Analisi. Per poter visualizzare correttamente l importo da pagare, è necessario compilare tutte le celle del foglio Dati Ditta ; in caso contrario l'importo complessivo rilevabile nel foglio 'Importo Tariffa Ispez-Analisi', non risulterà corretto. La compilazione dei fogli Campionamento Analisi Aria", "Campionamento Analisi Acque" e "Campionamento Analisi Rifiuti" deve essere effettuata solo se sono previsti campionamenti da parte dell autorità di controllo; a tal proposito si farà riferimento alle indicazioni che sono fornite nella comunicazione che la Sezione ARPAEE di Bologna trasmette via mail alle Aziende oggetto dell ispezione programmata per l anno solare corrente. A seguire si illustra nel dettaglio la struttura del foglio Dati Ditta, che è costituito da alcune sezioni ben distinte tra loro. 1

2 DATI DITTA Viene richiesto l inserimento dei dati generali dell Azienda, in particolare: ragione sociale; indirizzo dell impianto in oggetto; nome e recapiti del referente per il calcolo delle tariffe; nome e recapiti del compilatore del modulo tariffe. a) EMISSIONI IN ARIA (C Aria ) In questa sezione deve essere indicato il numero di punti di emissione in atmosfera significativi presenti in Azienda, suddivisi in classi a seconda del numero di inquinanti da monitorare associato a ciascuno di essi. I punti da considerare significativi sono quelli inseriti nel Piano di Monitoraggio (cioè i punti per i quali sono prescritti controlli di portata e/o di concentrazione di inquinanti).non sono da considerare gli inquinanti individuati nel Piano di Monitoraggio come parametri conoscitivi. La portata dell emissione è stata conteggiata come parametro da monitorare essendo ad essa associato un limite. Utilizzare il valore "0" per le voci non applicabili all'azienda. b) SCARICHI IDRICI (C Acqua ) In questa sezione deve essere indicato il numero di scarichi idrici significativi presenti in Azienda, suddivisi in classi a seconda del numero di inquinanti da monitorare associato a ciascuno di essi. Sono considerati significativi gli scarichi inseriti nel Piano di Monitoraggio (cioè gli scarichi per i quali sono prescritti controlli di concentrazione di inquinanti). Non sono invece da considerare significativi gli scarichi di acque meteoriche di dilavamento dei piazzali per i quali il Piano di Monitoraggio prevede unicamente il controllo di parametri conoscitivi. Gli scarichi parziali non devono essere conteggiati come punti significativi in questa sezione, ma devono essere conteggiati ai fini della tariffazione del controllo/campionamento, se previsto, nel foglio "Campionamento Analisi Acque". Non sono da considerare gli inquinanti individuati nel Piano di Monitoraggio come parametri conoscitivi nonché la portata dello scarico non essendo ad essa associato un limite. Sono da considerare temperatura, colore ed odore qualora previsti. Utilizzare il valore "0" per le voci non applicabili all'azienda. c) RIFIUTI (C RP - C RnP ) Questa sezione è suddivisa in due parti distinte: - la prima riguarda tutte le Aziende e richiede di indicare se la Ditta gestisce rifiuti di propria produzione in regime di deposito temporaneo compilando la relativa cella con sì in caso affermativo, con no in caso contrario; - la seconda parte riguarda esclusivamente le Aziende che effettuano la gestione di rifiuti come attività principale (ricadenti nella categoria 5 dell Allegato VIII alla Parte II al D.Lgs. 152/06 e s.m.i.) e le Aziende che recuperano rifiuti ritirati da terzi in regime di comunicazione (ai sensi dell art. 216 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. ex art. 33 del D.Lgs. 22/97): per tali Ditte si richiede di indicare la quantità media giornaliera di rifiuti (distinta per rifiuti pericolosi e non pericolosi) gestiti dall impianto con operazioni di recupero e/o smaltimento. A tal fine, devono essere presi in considerazione, in maniera distinta, i quantitativi massimi annui di rifiuti pericolosi e di rifiuti non pericolosi che la Ditta è autorizzata a gestire in base a quanto prescritto in AIA. Nello specifico, per i centri di stoccaggio (per i quali è indicata in AIA la capacità massima istantanea), per le discariche (per le quali si riporta in AIA la volumetria complessiva) e per le Aziende che recuperano rifiuti ritirati da terzi in regime di comunicazione (per le quali è indicata in AIA la capacità massima autorizzata) per il calcolo della quantità media giornaliera di rifiuti gestiti, si prendono a riferimento le quantità di rifiuti gestiti riportati nell ultima dichiarazione MUD o report presentati, divisi per il numero medio di giorni anno di funzionamento dell impianto stabilito in 240. Utilizzare il valore "0" per le voci non applicabili all'azienda. 2

3 d) ULTERIORI COMPONENTI AMBIENTALI DA CONSIDERARE (C CA C RI C EM C Od C ST C RA ) In questa sezione vengono prese in considerazione altre sei componenti ambientali: - C CA clima acustico; - C RI tutela quantitativa della risorsa idrica; - C EM campi elettromagnetici; - C Od odori; - C ST sicurezza del territorio; - C RA ripristino ambientale. Nel caso in cui le componenti ambientali aggiuntive siano di interesse dell Azienda, nella relativa cella deve essere indicato sì, in caso contrario deve essere indicato no. La componente C CA clima acustico deve essere sempre considerata, in quanto nei Piani di Monitoraggio è prescritto il rispetto dei valori limite di zona e sono prescritti degli autocontrolli. Le altre componenti sono da considerarsi unicamente se sono presenti specifiche prescrizioni a riguardo nella sezione D dell Allegato I (compreso il Piano di Monitoraggio). e) COMPLESSITA DELL IMPIANTO Indicare la complessità dell impianto (A/M/B) riportata in AIA nella sezione finanziaria B. Tale dato deve essere sempre indicato, in caso contrario, l'importo totale rilevabile nel foglio 'Importo Tariffa Ispez-Analisi', non risulterà corretto. CAMPIONAMENTO ANALISI ARIA In questa sezione è presente una tabella in cui vengono riportate le singole voci tariffate (campionamento e parametri), i metodi analitici seguiti da ARPAEE, nonché le relative tariffe. Il Gestore dovrà compilare unicamente la colonna "N CONTROLLI", indicando il numero complessivo di campionamenti e parametri previsti sul totale dei punti di controllo comunicati annualmente da ARPAEE (vedere esempio riportato). Per le prestazioni di campionamento ed analisi non ricomprese nell'allegato V del Decreto Ministeriale del 24/04/2008, ma previste in AIA, in tabella sono indicate le tariffe fissate nel vigente Tariffario Generale di ARPAEE approvato con DGR 30 luglio 2004, n Non sono soggetti a tariffazione gli inquinanti che sono individuati nel piano di monitoraggio come parametri conoscitivi. La portata dell emissione deve essere conteggiata come parametro da monitorare essendo ad essa associato un limite. Utilizzare il valore "0" per le voci non applicabili all'azienda. E necessario considerare la voce Campionamento media complessità inferiore a tre ore per ogni campionamento comunicato da Arpaee; nel caso in cui sia previsto il parametro PCDD PCDF dovrà essere conteggiato anche la voce campionamento PCDD PCDF. CAMPIONAMENTO ANALISI ACQUE In questa sezione è presente una tabella in cui vengono riportate le singole voci tariffate (campionamento e parametri), i metodi analitici seguiti da ARPAE, nonché le relative tariffe. Il Gestore dovrà compilare unicamente la colonna "N CONTROLLI", indicando il numero complessivo di campionamenti e parametri previsti sul totale dei punti di controllo comunicati annualmente da ARPAE (vedere esempio riportato). Per le prestazioni di campionamento ed analisi non ricomprese nell'allegato V del Decreto Ministeriale del 24/04/2008, ma previste in AIA, in tabella sono indicate le tariffe fissate nel vigente Tariffario Generale di ARPAE approvato con DGR 30 luglio 2004, n

4 Relativamente ai campionamenti di acque sotterranee da piezometro, acque superficiali, percolato, in assenza di indicazioni nel Decreto Ministeriale sopra citato si applica il Tariffario ARPAE che prevede (art.4) tariffa piena per il primo campione eseguito, e per i campioni successivi, qualora effettuati contestualmente, una tariffa pari al 20% di quella piena. Per il calcolo tariffario, il Gestore si dovrà attenere alle indicazioni fornite in proposito da ARPAE nella comunicazione annuale sopra citata. Nel caso di campionamento di acque reflue industriali occorre considerare sempre 170 per ogni campionamento previsto. Non sono soggetti a tariffazione gli inquinanti che sono individuati nel piano di monitoraggio come parametri conoscitivi nonché la portata dello scarico non essendo ad essa associato un limite. Sono da tariffare temperatura, colore ed odore qualora previsti. Utilizzare il valore "0" per le voci non applicabili all'azienda. Negli scarichi di acque reflue industriali qualora in autorizzazione compaia il parametro OLII MINERALI occorre considerare nella tabella in questione il parametro IDROCARBURI TOTALI. Il parametro TENSIOATTIVI TOTALI si fattura sommando la quota prevista per TENSIOATTIVI ANIONICI e TENSIOATTIVI NON IONICI (ovvero 48 euro). Qualora in autorizzazione compaia il parametro COMPOSTI ORGANICI AROMATICI occorre considerare nella tabella in questione il parametro SOLVENTI ORGANICI AROMATICI. Per quanto riguarda i metalli occorre conteggiare separatamente Cromo III, Cromo VI e Mercurio. Gli altri metalli andranno raggruppati e conteggiati sulla base del numero complessivo. CAMPIONAMENTO ANALISI RIFIUTI In questa sezione è presente una tabella in cui vengono riportate le singole voci tariffate (campionamento e parametri), i metodi analitici seguiti da ARPAE, nonché le relative tariffe. Il Gestore dovrà compilare unicamente la colonna "N CONTROLLI", indicando il numero complessivo di campionamenti e parametri previsti sul totale dei punti di controllo comunicati annualmente da ARPAE (vedere esempio riportato). Per le prestazioni di campionamento ed analisi non ricomprese nell'allegato V del Decreto Ministeriale del 24/04/2008, ma previste in AIA, in tabella sono indicate le tariffe fissate nel vigente Tariffario Generale di ARPAE approvato con DGR 30 luglio 2004, n Non sono soggetti a tariffazione gli inquinanti che sono individuati nel piano di monitoraggio come parametri conoscitivi. Utilizzare il valore "0" per le voci non applicabili all'azienda. Per quanto riguarda il parametro DOC si farà riferimento alla tariffa prevista per la voce TOC ( 25) nell'allegato V del Decreto Ministeriale del 24/04/2008. Una volta terminata la compilazione del foglio Dati Ditta, e, se sono previsti campionamenti e analisi da parte dell autorità di controllo, dei fogli Campionamento Analisi Aria", "Campionamento Analisi Acque" e "Campionamento Analisi Rifiuti" il modulo di calcolo restituisce automaticamente, all interno del foglio Importo tariffa Ispez-Analisi, il valore dell importo tariffario da pagare per l Ispezione Programmata, Campionamenti ed Analisi. Per eventuali richieste di chiarimento o di precisazioni si forniscono i seguenti riferimenti: 051/396211, 0542/26761, Manuela Aloisi e Tiziano Turrini 4

5 ESEMPIO COMPILAZIONE MODULO DI CALCOLO Di seguito si riporta un esempio di compilazione del Modulo di Calcolo per un Azienda la cui AIA prevede: 2 fonti di emissione in atmosfera con 3 inquinanti; 4 fonti di emissione in atmosfera con 6 inquinanti; 6 fonti di emissione in atmosfera con 7 inquinanti; 1 fonte di emissione in atmosfera con 13 inquinanti; 1 fonte di emissione in atmosfera con 17 inquinanti; 1 scarico di acque meteoriche di dilavamento dei piazzali con tutti parametri conoscitivi ; 1 scarico di acque reflue industriali con 6 inquinanti; 1 scarico di acque reflue industriali con 12 inquinanti; 1 scarico di acque reflue industriali con 21 inquinanti; la gestione dei rifiuti di propria produzione in deposito temporaneo; la gestione di rifiuti pericolosi e non come attività principale; la prescrizione solo sulla componente ambientale Clima Acustico; una media complessità dell impianto. Per l anno solare corrente ARPAE ha comunicato all Azienda l esecuzione dei seguenti campionamenti/parametri e analisi: 3 emissioni in atmosfera e relativi parametri; 1 scarico di acque reflue industriali e relativi parametri; 5 rifiuti e relativi parametri. Il modulo di calcolo restituisce automaticamente, all interno del foglio Importo tariffa Ispez-Analisi, il valore dell importo tariffario da pagare per l Ispezione Programmata, Campionamenti ed Analisi che nel caso specifico risulta essere pari ad euro 8.799,00. CALCOLO TARIFFA ISPEZIONE PROGRAMMATA, CAMPIONAMENTI ED ANALISI ARPAE - SEZIONE DI BOLOGNA Ragione sociale: ROSSI MARIO S.R.L. Indirizzo impianto: via BIANCHI n 25 città BOLOGNA CAP Referente per calcolo tariffe: NERI LUIGI tel: fax: Compilatore modulo tariffe: VERDI LUCA tel: (campo obbligatorio) (campo obbligatorio) N.B.: la compilazione del seguente modulo deve essere effettuata facendo riferimento a quanto stabilito dal Decreto Ministeriale del 24/04/2008, dalla Delibera di Giunta della Regione Emilia Romagna n del 17/11/2008 e dalla Delibera di Giunta della Regione Emilia Romagna n. 155 del 16/02/2009. È necessario che vengano compilate tutte le celle, seguendo le istruzioni riportate per le singole voci. 5

6 COMPILARE ESCLUSIVAMENTE IL PRESENTE FOGLIO "Dati Ditta" E, NEL CASO SIANO PREVISTI CAMPIONAMENTI DA PARTE DELL'AUTORITA' DI CONTROLLO, ANCHE IL FOGLIO "Campionamento Analisi Aria", IL FOGLIO "Campionamento Analisi Scarichi" E IL FOGLIO"Campionamento Analisi Rifiuti"; i restanti fogli del presente file non sono accessibili al compilatore. LA TARIFFA COMPLESSIVA E' RIPORTATA NEL FOGLIO "IMPORTO TARIFFA ISPEZ-ANALISI". a) EMISSIONI IN ARIA (C Aria) Fonti di emissione in atmosfera da cui non deriva alcun inquinante: n 0 Fonti di emissione in atmosfera da cui derivano 1 4 inquinanti: n 2 Fonti di emissione in atmosfera da cui derivano 5 10 inquinanti: n 10 Fonti di emissione in atmosfera da cui derivano inquinanti: n 2 Fonti di emissione in atmosfera da cui derivano 18 o più inquinanti: n 0 Come stabilito dalla DGR 1913 del 17/12/2008, sono considerati significativi i punti di emissione ricompresi nel piano di monitoraggio e controllo riportato in AIA. Utilizzare il valore "0" per le voci non applicabili all'azienda. b) SCARICHI IDRICI (C Acqua) Scarichi idrici da cui non deriva alcun inquinante: n 1 Scarichi idrici da cui derivano 1 4 inquinanti: n 0 Scarichi idrici da cui derivano 5 7 inquinanti: n 1 Scarichi idrici da cui derivano 8 12 inquinanti: n 1 Scarichi idrici da cui derivano inquinanti: n 0 Scarichi idrici da cui derivano 16 o più inquinanti: n 1 Come stabilito dalla DGR 1913 del 17/12/2008, sono considerati significativi gli scarichi idrici ricompresi nel piano di monitoraggio e controllo riportato in AIA. Utilizzare il valore "0" per le voci non applicabili all'azienda. c) RIFIUTI (C RP - C RnP) Per tutte le Aziende: Vengono gestiti rifiuti di propria produzione in deposito temporaneo? (sì/no) Per i gestori rifiuti (categoria 5 dell'allegato I al D.Lgs. 59/05) e per le Aziende dotate di comunicazione per il recupero rifiuti da art. 216 del D.Lgs. 152/06 (ex art. 33 del D.Lgs. 22/97) (*): Quantità media giornaliera di rifiuti pericolosi in ingresso e in uscita dall'impianto (**) sottoposti, nello stesso impianto, ad operazioni R o D: Quantità media giornaliera di rifiuti NON pericolosi in ingresso e in uscita dall'impianto (**) sottoposti, nello stesso impianto, ad operazioni R o D: si ton/gg 30,0 ton/gg 300,0 (*) nel caso in cui l'azienda in oggetto non svolga attività di gestione rifiuti (né in regime ordinario, né in regime di comunicazione, compilare le celle col valore "0". (**) per il calcolo fare riferimento alle ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE al punto c) d) ULTERIORI COMPONENTI AMBIENTALI DA CONSIDERARE (C CA - C RI - C EM - C Od - C ST - C RA) 6

7 C CA - la componente ambientale "clima acustico" è regolamentata nelle condizioni di esercizio fissate dall'aia? (sì/no) C RI - la componente ambientale "tutela quantitativa della risorsa idrica" è regolamentata nelle condizioni di esercizio fissate dall'aia? (sì/no) C EM - la componente ambientale "campi elettromagnetici" è regolamentata nelle condizioni di esercizio fissate dall'aia? (sì/no) C Od - la componente ambientale "odori" è regolamentata nelle condizioni di esercizio fissate dall'aia? (sì/no) C ST - la componente ambientale "sicurezza del territorio" è regolamentata nelle condizioni di esercizio fissate dall'aia? (sì/no) C RA - la componente ambientale "ripristino ambientale" è regolamentata nelle condizioni di esercizio fissate dall'aia? (sì/no) si no no no no no Come stabilito dalla DGR 1913 del 17/12/2008, il Gestore dovrà assegnare il valore "sì" solo alle voci che sono state regolamentate nelle condizioni di esercizio fissate dall'aia. e) COMPLESSITA' DELL'IMPIANTO IN BASE ALLA DGR 667/2005 Indicare la complessità dell'impianto in base alle seguenti tipologie: Bassa/Media/Alta (B/M/A) m La complessità dell'impianto (B/M/A), riportata in AIA nella Sezione Finanziaria B, deve essere sempre indicata. In caso contrario, l'importo totale rilevabile nel foglio 'Importo Tariffa Ispez-Analisi', non risulterà corretto. T A ARIA - Tariffe relative alle attività di prelievo e analisi delle emissioni in atmosfera (*) SINGOLE VOCI TARIFFATE METODO TARIFFA SINGOLA N CONTROLLI (**) SOMMA PARZIALE Campionamento media complessità inferiore a 3 ore ,00 Campionamento PCDD-PCDF UNI EN Portata Temperatura Umidità UNI ,00 Polveri Totali UNI EN ,00 PM10 EPA201 + UNI EN Metalli (1 metallo) UNI EN Metalli (2 metalli) UNI EN Metalli inceneritore UNI EN ,00 Mercurio UNI EN ,00 Analisi PCDD-PCDF UNI EN Analisi PCB UNI EN Analisi IPA ISTISAN 97/ Benzene UNI EN Ossigeno Analizzatore automatico 35 - Metano UNI EN Monossido di Carbonio Analizzatore automatico 35 - Biossido di Carbonio Analizzatore automatico 35-7

8 Ammoniaca UNICHIM Potenz COV totali come Carbonio UNI EN ,00 COV NON metanici come Carb. UNI EN COV Composti Organici Volatili UNI EN Ossidi di Azoto ISTISAN 98/ ,00 Ossidi di Zolfo ISTISAN 98/ Cloro e suoi composti UNI EN Fluoro e suoi composti UNI Acido Cianidrico NIOSH IRSA Acido Nitrico ISTISAN 98/ Acido Solforico ISTISAN 98/ Acidi Organici NIOSH Acido Solfidrico DPR 322/71 App.8 (UV-VIS) 20 - Ammine NIOSH Fenoli NIOSH Aldeidi EPA TO Ftalati NIOSH Amianto UNI ISO Silice libera cristallina UNI Sostanze Alcaline NIOSH Altra determinazione (specificare) - - Altra determinazione (specificare) - - TOTALE 948,00 (*) Per le prestazioni di campionamento ed analisi non ricomprese nell'allegato V del Decreto Ministeriale del 24/04/2008, ma previste in AIA, in tabella sono indicate le tariffe fissate nel vigente Tariffario Generale di ARPAE approvato con DGR 30 luglio 2004, n (**) Compilare solo la colonna "N CONTROLLI", indicando il numero complessivo di campionamenti e parametri previsti sul totale dei punti di controllo (vedere esempio riportato nelle ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE). T A ACQUE - Tariffe relative alle attività di prelievo e analisi delle acque reflue industriali, acque sotterranee, acque superficiali, percolati (*) SINGOLE VOCI TARIFFATE METODO TARIFFA SINGOLA N CONTROLLI (**) SOMMA PARZIALE Campionamento scarico di acque reflue industriali APAT-IRSA CNR 29/2003 n ,00 Campionamento acque sotterranee da piezometro - 1 piezometro 15 - Campionamento acque sotterranee da piezometro - dal 2 piezometro 3-8

9 Campionamento acque superficiali - 1 punto 15 - Campionamento acque superficiali - dal 2 punto 3 - Campionamento percolato discariche - 1 campione 15 - Campionamento percolato discariche - dal 2 campione 3 - Aldeidi APAT-IRSA CNR 29/2003 n.5010 A (determinazione spettrofotometrica con MBTH) 45 - Azoto ammoniacale (NH4) Azoto nitrico (N) APAT-IRSA CNR 29/2003 n.4030 A1 (metodo all'indofenolo) APAT-IRSA CNR 29/2003 n.4020 (cromatografia ionica) , ,00 Azoto nitroso (N) APAT-IRSA CNR 29/2003 n ,00 Azoto totale (N) KIT LANGE LCK BOD5 (O2) APAT-IRSA CNR 29/2003 n.5120 metodo diretto A /con diluizione senza inoculo B ,00 Un Metallo APAT-IRSA CNR 29/2003 n.3020 (ICP-OES) 9 - Due Metalli 20 - Tre Metalli 30 - Quattro Metalli 40 - Cinque Metalli 50 - Sei Metalli 54 - Sette Metalli 61 - Otto Metalli 72 - Nove Metalli ,00 Dieci Metalli 90 - Undici Metalli 96 - Dodici Metalli Tredici Metalli Quattordici Metalli Quindici Metalli Sedici Metalli Diciassette Metalli Cianuri totali (CN) KIT LANGE LCK ,00 Cloruri APAT-IRSA CNR 29/2003 n ,00 Cloro attivo libero KIT LANGE LCK COD (O2) APAT-IRSA CNR 29/2003 n ,00 9

10 Colore APAT-IRSA CNR 29/2003 n Composti Organici Alogenati (compreso CVM) APAT-IRSA CNR 29/2003 n Conducibilità APAT-IRSA CNR 29/2003 n STANDARD METHODS 2510 B (20th ed.) Cromo III 4 - Cromo VI APAT-IRSA CNR 29/2003 n.3150/c 9 1 9,00 Escherichia Coli APAT-IRSA CNR 29/2003 n Fenoli GC/MS (SPME) ,00 Floruri APAT 29/ Fosforo Totale APAT-IRSA CNR 29/2003 n ,00 Grassi e Olii Animali e Vegetali APAT-IRSA CNR 29/2003 n.5160 A1 (analisi gravimetrica) 20 - Idrocarburi totali APAT-IRSA CNR 29/2003 n.5160 A2(gravimetrico) ISO (GC-MS) SPME ,00 IPA GC-MS (SPME) 80 - Materiali Grossolani APAT-IRSA CNR 29/2003 n Materiali Sedimentabili APAT-IRSA CNR 29/2003 n Mercurio (Hg) APAT-IRSA CNR 29/2003 n.3200 A ,00 N-esano 45 - Nonilfenolo APAT-IRSA CNR 29/2003 n Odore APAT-IRSA CNR 29/2003 n Olii Minerali APAT IRSA CNR Q29/ A1 (metodo gravimetrico) 20 - Ossidabilità secondo Kubel UNI EN ISO 8467/ Ossigeno Disciolto APAT-IRSA CNR 29/2003 n.4120 A1/A2/A Pentaclorobenzene GC-MS (SPME) 60 - Pesticidi Fosforati M/P/AS/001/FE 60 - Pesticidi Totali (escluso i Fosforati) M/P/AS/001/FE 85 - Fitofarmaci M/P/AS/001/FE PCB GC-MS (SPME) ph APAT IRSA CNR 29/ Rapporti Istisan 07/31ISS.BCA.023.REV.00 (metodo potenziometrico accreditato) 4 1 4,00 SAGGIO DI TOSSICITA' ACUTA APAT-IRSA CNR 29/ B 75 - Solfati (SO4) APAT-IRSA CNR 29/2003 n ,00 10

11 Solfiti (SO3) APAT-IRSA CNR 29/2003 n.4150 A (iodometrica) 9 - Solfuri (S--) APAT-IRSA CNR 29/2003 n Solidi Sospesi Totali APAT IRSA CNR 29/ B 9 1 9,00 Solventi Organici Aromatici UNI GC-ME (SPME) ,00 Solventi Organici Azotati GC-MS SPME ,00 Solventi Clorurati APAT-IRSA CNR 29/2003 n ,00 Temperatura APAT-IRSA CNR 29/2003 n Tensioattivi Anionici APAT-IRSA CNR 29/2003 n ,00 Tensioattivi non Ionici KIT LANGE LCK ,00 TOC (Carbonio Organico Totale) KIT LANGE LCK Altra determinazione (specificare) - - TOTALE 721,00 (*) Per le prestazioni di campionamento ed analisi non ricomprese nell'allegato V del Decreto Ministeriale del 24/04/2008, ma previste in AIA, in tabella sono indicate le tariffe fissate nel vigente Tariffario Generale di ARPAE approvato con DGR 30 luglio 2004, n (**) Compilare solo la colonna "N CONTROLLI", indicando il numero complessivo di campionamenti e parametri previsti sul totale dei punti di controllo (vedere esempio riportato nelle ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE). T A RIFIUTI - Tariffe relative alle attività di prelievo e analisi dei rifiuti (*) SINGOLE VOCI TARIFFATE METODO TARIFFA SINGOLA N CONTROLLI (**) SOMMA PARZIALE Campionamento medio composito di terreno/rifiuti/compost Un Metallo Due Metalli Tre Metalli Quattro Metalli Cinque Metalli Sei Metalli Sette Metalli Otto Metalli Nove Metalli ,

12 Dieci Metalli Undici Metalli ,00 Mercurio (Hg) APAT 29/ A1 DOC KIT LANGE ,00 Cianuri totali (CN) KIT LANGE ,00 Cloruri APAT-IRSA CNR 29/2003 n ,00 Floruri APAT 29/2003 n ,00 Pesticidi Totali Fosforati M/P/AS/001/FE ,00 Pesticidi Totali non fosforati M/P/AS/001/FE ,00 Solfati (SO4) APAT 29/2003 n ,00 Solventi Organici Aromatici UNI GC/MS SPME ,00 Solventi Organici Azotati GC-MS SPME METODO INTERNO ,00 Solventi Organici Clorurati APAT 29/2003 n ,00 TOTALE 4.730,00 (*) Per le prestazioni di campionamento ed analisi non ricomprese nell'allegato V del Decreto Ministeriale del 24/04/2008, ma previste in AIA, in tabella sono indicate le tariffe fissate nel vigente Tariffario Generale di ARPAE approvato con DGR 30 luglio 2004, n Per quanto riguarda il parametro DOC si farà riferimento alla tariffa prevista per la voce TOC ( 25) nell'allegato V del Decreto Ministeriale del 24/04/2008. (**) Compilare solo la colonna "N CONTROLLI", indicando il numero complessivo di campionamenti e parametri previsti sul totale dei punti di controllo (vedere esempio riportato nelle ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE). IMPORTO TARIFFA ISPEZIONE PROGRAMMATA, CAMPIONAMENTI ED ANALISI ARPAE Tc 2.400,00 TA - ARIA 948,00 TA - ACQUE 721,00 TA - RIFIUTI 4.730,00 Importo Tariffa Ispezione Programmata, Campionamenti ed Analisi = Tc + TA (ARIA) + TA (ACQUE)+ TA (RIFIUTI) 8.799,00 12

TARIFFE ISTRUTTORIE IPPC DOVUTE ALLA PROVINCIA DI MODENA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL FILE DI CALCOLO

TARIFFE ISTRUTTORIE IPPC DOVUTE ALLA PROVINCIA DI MODENA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL FILE DI CALCOLO TARIFFE ISTRUTTORIE IPPC DOVUTE ALLA PROVINCIA DI MODENA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL FILE DI CALCOLO La normativa IPPC di cui al D.Lgs. 59/05 e alla L.R. 21/04 prevede il pagamento di tariffe per la conduzione

Dettagli

Metodi e apparecchiature

Metodi e apparecchiature Metodi e apparecchiature Matrici gassose Temperatura media Velocità media Tenore volumetrico di ossigeno Umidità Monossido di carbonio Ammoniaca Ossidi di azoto Ossidi di zolfo Protossido d azoto Ammine

Dettagli

10. IPPC pag Ispezioni ambientali

10. IPPC pag Ispezioni ambientali Agenzia Regionale per la Protezione e Prevenzione Ambientale del Veneto 47 10. IPPC pag. 47 10.1 Ispezioni ambientali 10.1.00.01 10.1.00.02 Controllo impianto di allevamento intensivo di pollame o di suini,

Dettagli

MODULO MOD 01.1 LISTINO PREZZI

MODULO MOD 01.1 LISTINO PREZZI Pag. 1 di 11 Matrice acque di scarico parametro Metodo prezzo #*aldeidi APAT CNR IRSA 5010 A Man 29 2003 16,50 *aldeidi (come HCHO) MtdI 18 Rev. 00 2016 20,00 Anioni preparativa 6,60 #*azoto ammoniacale

Dettagli

SCHEDA S5-1. Punto di prelievo: pozzetto fiscale (B) ** limite di quantificazione

SCHEDA S5-1. Punto di prelievo: pozzetto fiscale (B) ** limite di quantificazione SCHEDA S5-1 ph APAT CNR IRSA 2060 Colore APAT CNR IRSA 2020 Man 29 Odore APAT CNR IRSA 2050 Man 29 Materiali grossolani APAT CNR-IRSA 2090C Solidi sospesi totali APAT CNR IRSA 2090B APAT CNR IRSA 5120

Dettagli

MODULO MOD 01.6 LISTA METODI DI PROVA

MODULO MOD 01.6 LISTA METODI DI PROVA Pag. 1 di 11 Matrice acque di scarico parametro Metodo UM #*aldeidi APAT CNR IRSA 5010 A Man 29 2003 Anioni preparativa *azoto ammoniacale APAT CNR IRSA 4030 A2 Man 29 2003 *azoto ammoniacale MtdI 1 Rev.

Dettagli

ambientale acque ACQUE POTABILI, REFLUE, PER USO INDUSTRIALE, PER USO IRRIGUO Area V Certificazione di Prodotto - Laboratorio Chimico Merceologico

ambientale acque ACQUE POTABILI, REFLUE, PER USO INDUSTRIALE, PER USO IRRIGUO Area V Certificazione di Prodotto - Laboratorio Chimico Merceologico QU01 Acque Alcalinità APAT CNR IRSA 2010 QU02 Acque Aldeidi QU03 Acque Anidride carbonica libera QU04 Acque Azoto ammoniacale APAT CNR IRSA 4030 A2 QU05 Acque Azoto nitrico APAT CNR IRSA 4040 A1 QU06 Acque

Dettagli

LISTINO PREZZI Tel Fax

LISTINO PREZZI Tel Fax Rizziconi 27/01/2011 Page 1 of 7 Pacchetti 10SA01 - Acque di scarico in acque superficiali 70,00 10SF01 - Acque di scarico in rete fognaria 70,00 10SS01 - Acque di scarico sul suolo 70,00 110 - Analisi

Dettagli

$!#%! "!#&'' ! "!# ' *!#! "!# ') ' ' "+!% "!"' &,, &"*$* "&!*&"!*

$!#%! !#&'' ! !# ' *!#! !# ') ' ' +!% !' &,, &*$* &!*&!* ! "!# $!#%! "!#&'' ( )' ''') %&' ' *!#! "!# ') ' ' "+!% "!"' &,, &"*$* "&!*&"!* !"#!$ %! %$!& ' ()&) ))('*) + )!%,%$ %$,' )( ' +) )+ ## -%* %$ )!"#!!$%&%&' %() ***+,'-&('&&%&&&''./&% *.) *01 * *2/,23&

Dettagli

Rapporto di Prova N. 200\2017

Rapporto di Prova N. 200\2017 Via Viglieri, 7 17052 Borghetto S.Spirito (SV) Albenga 07/02/2017 Numero campione: 200 Data ricevimento: 10/01/17 Data inizio prove: 10/01/17 Data termine prove: 07/02/17 Categoria Merceologica: Acque

Dettagli

RISULTATI ANALITICI SUL CAMPIONE. ph Unità di ph 7,46 5,5-9,5 APAT CNR IRSA 2060 MAN Non perc dopo dil 1:20. Non causa di molestia

RISULTATI ANALITICI SUL CAMPIONE. ph Unità di ph 7,46 5,5-9,5 APAT CNR IRSA 2060 MAN Non perc dopo dil 1:20. Non causa di molestia Rapporto di prova n 6395 Richiedente: Produttore: Ciclo di lavorazione: Etichetta campione Punto di prelievo: Verifica conformità per lo scarico in corpo idrico superficiale. Acque di scarico destinate

Dettagli

Tariffa relativa alla esecuzione di prelievi ed analisi TARIFFARIO PRELIEVI ED ANALISI ARIA

Tariffa relativa alla esecuzione di prelievi ed analisi TARIFFARIO PRELIEVI ED ANALISI ARIA A LLEGATO V (articolo 3, comma 2)5 Tariffa relativa alla esecuzione di prelievi ed analisi La tariffa T A per le attività indicate al comma 2 dell articolo 3, è pari alla somma degli importi di cui alle

Dettagli

Possono essere eseguite prove di laboratorio e pilota di soil remediation e per ogni altra attività di bonifica e messa in sicurezza.

Possono essere eseguite prove di laboratorio e pilota di soil remediation e per ogni altra attività di bonifica e messa in sicurezza. CE.R.I.S. svolge attività di analisi dei terreni ai fini agronomici utilizzando metodi ufficiali SISS (Società Italiana Scienza del Suolo), ma anche a fini ambientali con metodi ISPRA. In particolare possono

Dettagli

Barilla G. e R. Fratelli S.p.A. ALLEGATO C PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DELL IMPIANTO ARIA MATRICI AMBIENTALI

Barilla G. e R. Fratelli S.p.A. ALLEGATO C PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DELL IMPIANTO ARIA MATRICI AMBIENTALI Barilla G. e R. Fratelli S.p.A. ALLEGATO C PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DELL IMPIANTO ARIA MATRICI AMBIENTALI Parametroro E5E 5 E5E 66 E56 E 15 v E 16 E 17 E 18 E 19 E 20 E 21 Continuo discontinuo

Dettagli

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda N 1 di 7 PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 1 Acque di scarico Cromo VI MI 143 rev 2 2010 Fosforo MI 122 rev 4 2010 Idrocarburi totali Richiesta biochimica di ossigeno (BOD5) Richiesta chimica di

Dettagli

BIODEPUR SRL. Via Fiorentina, 359 Loc. Canapale Pistoia REPORT SEMESTRALE PERIODO DI ATTIVITA GENNAIO 2017-GIUGNO 2017

BIODEPUR SRL. Via Fiorentina, 359 Loc. Canapale Pistoia REPORT SEMESTRALE PERIODO DI ATTIVITA GENNAIO 2017-GIUGNO 2017 BIODEPUR SRL Via Fiorentina, 359 Loc. Canapale Pistoia REPORT SEMESTRALE PERIODO DI ATTIVITA GENNAIO 2017-GIUGNO 2017 (nel rispetto delle prescrizioni dell Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DELL IMPIANTO

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DELL IMPIANTO ALLEGATO C REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale per l Ambiente e l Ecosistema Unità Operativa Dirigenziale Autorizzazioni

Dettagli

SCHEDA OFFERTA 1. Prelievi e preparazione dei campioni:

SCHEDA OFFERTA 1. Prelievi e preparazione dei campioni: SCHEDA OFFERTA 1 PREZZI UNITARI PER OGNI PRELIEVO, PREPARAZIONE DEL CAMPIONE ED OGNI SINGOLA ANALISI (riferiti alle prestazioni richieste nella Scheda offerta 2) 1. A - Prelievi e preparazione dei campioni/metriali

Dettagli

Titolo: Raccomandazioni per la conservazione di campioni

Titolo: Raccomandazioni per la conservazione di campioni Sigla documento: Acidità e Alcalinità Vol. 500 ml Polietilene, vetro Refrigerazione (4 C) Aldeidi (Composti carbonilici) Vol. 500 ml Vetro scuro Refrigerazione (4 C) Anidride carbonica (Biossido di carbonio)

Dettagli

SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE IN PUBBLICA FOGNATURA 1.

SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE IN PUBBLICA FOGNATURA 1. SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE ASMILABILI ALLE DOMESTICHE IN PUBBLICA FOGNATURA 1. TIZIE GENERALI Ditta Sede legale ( ) via n Titolare / legale rappresentante 2. DATI

Dettagli

BIODEPUR SRL. Via Fiorentina, 359 Loc. Canapale Pistoia REPORT SEMESTRALE PERIODO DI ATTIVITA LUGLIO 2016-DICEMBRE 2016

BIODEPUR SRL. Via Fiorentina, 359 Loc. Canapale Pistoia REPORT SEMESTRALE PERIODO DI ATTIVITA LUGLIO 2016-DICEMBRE 2016 BIODEPUR SRL Via Fiorentina, 359 Loc. Canapale Pistoia REPORT SEMESTRALE PERIODO DI ATTIVITA LUGLIO 2016-DICEMBRE 2016 (nel rispetto delle prescrizioni dell Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata

Dettagli

SISTEMA GESTIONE AMBIENTALE

SISTEMA GESTIONE AMBIENTALE PGA 01.05/B Rev. 02 del 26/07/2016 SCHEDA DI CONFORMITÁ ANALISI ANNUALE ACQUE DI RUSCELLAMENTO - PGA 01.05/B - DATA 19/12/2016 CEIFICATO DI ANALISI N. 0104/BAAA11 DEL 04/01/2017 FEB MAR APR MAG GIU LUG

Dettagli

Alla Provincia di Ancona Settore IV Area Ambiente U.O. Acque PEC

Alla Provincia di Ancona Settore IV Area Ambiente U.O. Acque PEC Alla Provincia di Ancona Settore IV Area Ambiente U.O. Acque PEC ecologia@cert.provincia.ancona.it Al Sindaco del Comune di Castelfidardo PEC comune.castelfidardo@emarche.it Al Responsabile di Acquambiente

Dettagli

SCHEDA E MODALITA DI GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI E PIANO DI MONITORAGGIO

SCHEDA E MODALITA DI GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI E PIANO DI MONITORAGGIO SCHEDA E MODALITA DI GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI E PIANO DI MONITORAGGIO E.1 Quadro di sintesi delle variazioni delle modalità di gestione ambientale 2 E.2 Piano di monitoraggio 3 E.2.1 Aria 4 E.2.2

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO ESTERNO

PIANO DI MONITORAGGIO ESTERNO PIANO DI MONITORAGGIO ESTERNO REV. 01 Emiss in atmosfera-lab esterno emissione E1-Camino vasca 1 Pretrattamento Metodo di Campionamento Taratura Tecniche Analitiche Taratura Strumentazioni per Tecniche

Dettagli

ALLEGATO A LIMITI DI ACCETTABILITA. scarichi di acque reflue industriali in collettore CORDAR VALSESIA per autorizzazioni rilasciate ante DPR 59/2013

ALLEGATO A LIMITI DI ACCETTABILITA. scarichi di acque reflue industriali in collettore CORDAR VALSESIA per autorizzazioni rilasciate ante DPR 59/2013 ALLEGATO A LIMITI DI ACCETTABILITA 1 ph 5,5 9,5 4,5 10,5 5,5 9,5 5,5 9,5 4,5 10,5 4,5 10,5 2 Temperatura C 30 40 40 40 40 40 non perc. non perc. non perc. con non perc. con non perc. con non perc. con

Dettagli

Nuova Autorizzazione allo scarico in pubblica fognatura di acque reflue provenienti da insediamenti produttivi, ai sensi del D. Lgs. n. 152/2006.

Nuova Autorizzazione allo scarico in pubblica fognatura di acque reflue provenienti da insediamenti produttivi, ai sensi del D. Lgs. n. 152/2006. ISTANZA NUOVA AUTORIZZAZIONE NON AUA Scarico delle Acque Reflue in Pubblica Fognatura [] Esente bollo in quanto ente pubblico [] Bollo assolto in forma virtuale [] Bollo assolto in forma non virtuale Marca

Dettagli

Piano di Monitoraggio e Controllo delle acque sotterranee

Piano di Monitoraggio e Controllo delle acque sotterranee REGIONE LAZIO PROVINCIA DI LATINA COMUNE DI LATINA COMPLESSO IMPIANTISTICO INTEGRATO PER IL TRATTAMENTO, RECUPERO E VALORIZZAZIONE DI RIFIUTI NON PERICOLOSI - DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI Località

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER IL SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO E PERCOLATO

ACCORDO QUADRO PER IL SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO E PERCOLATO ACCORDO QUADRO PER IL SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO E PERCOLATO DELLA DISCARICA DI SANT'ORSOLA E DI ALTRI IMPIANTI DELLA VALLE UMBRA SERVIZI S.P.A. CIG 7342585CD0

Dettagli

La scelta del metodo di campionamento ed analisi nelle emissioni convogliate. Il ruolo di Arpav

La scelta del metodo di campionamento ed analisi nelle emissioni convogliate. Il ruolo di Arpav La scelta del metodo di campionamento ed analisi nelle emissioni convogliate. Il ruolo di Arpav Antonio Uguaglianza Arpav Dap PADOVA auguaglianza@arpa.veneto.it I Il ruolo di Arpav: Consulenza tecnica

Dettagli

Scarico delle Acque Reflue in Pubblica Fognatura

Scarico delle Acque Reflue in Pubblica Fognatura ISTANZA DI ASSIMILAZIONE AD ACQUE REFLUE DOMESTICHE Scarico delle Acque Reflue in Pubblica Fognatura [] Esente bollo in quanto ente pubblico [] Bollo assolto in forma virtuale [] Bollo assolto in forma

Dettagli

Calcolo delle spese istruttorie secondo le modalità proposte dal D.M. 24 aprile 2008, come adeguato ed integrato dalle D.G.R. 1913/2008 e 155/2009.

Calcolo delle spese istruttorie secondo le modalità proposte dal D.M. 24 aprile 2008, come adeguato ed integrato dalle D.G.R. 1913/2008 e 155/2009. Calcolo delle spese istruttorie secondo le modalità proposte dal D.M. 24 aprile 2008, come adeguato ed integrato dalle D.G.R. 1913/2008 e 155/2009. Ai sensi dell art. 2, comma 4 del D.M. 24 aprile 2008,

Dettagli

BIODEPUR SRL. Via Fiorentina, 359 Loc. Canapale Pistoia REPORT SEMESTRALE PERIODO DI ATTIVITA GENNAIO 2016-GIUGNO 2016

BIODEPUR SRL. Via Fiorentina, 359 Loc. Canapale Pistoia REPORT SEMESTRALE PERIODO DI ATTIVITA GENNAIO 2016-GIUGNO 2016 BIODEPUR SRL Via Fiorentina, 359 Loc. Canapale Pistoia REPORT SEMESTRALE PERIODO DI ATTIVITA GENNAIO 2016-GIUGNO 2016 (nel rispetto delle prescrizioni dell Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata

Dettagli

AZOTO AMMONIACALE AZOTO NITRICO. Pag. 1 di 8

AZOTO AMMONIACALE AZOTO NITRICO. Pag. 1 di 8 Pag. 1 di 8 ELENCO PROVE E METODI MATRICE: ACQUE PARAMETRO METODO MATRICE ALCALINITA' TOTALE APAT CNR IRSA 2010B MAN 29 03 Acque naturali e di ALDEIDI (COMPOSTI CARBONILICI) TOTALI APAT CNR IRSA 5010A

Dettagli

I N D I C E 1 PREMESSA 2 2 ACQUE SOTTERRANEE 3 4 ACQUE METEORICHE DI RUSCELLAMENTO 5 5 QUALITA DELL ARIA 6 6 PARAMETRI METEOCLIMATICI 7

I N D I C E 1 PREMESSA 2 2 ACQUE SOTTERRANEE 3 4 ACQUE METEORICHE DI RUSCELLAMENTO 5 5 QUALITA DELL ARIA 6 6 PARAMETRI METEOCLIMATICI 7 I N D I C E 1 PREMESSA 2 2 ACQUE SOTTERRANEE 3 3 ACQUE METEORICHE D INFILTRAZIONE (PERCOLATO) 4 4 ACQUE METEORICHE DI RUSCELLAMENTO 5 5 QUALITA DELL ARIA 6 6 PARAMETRI METEOCLIMATICI 7 7 MORFOLOGIA DELLA

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N DEL 30/01/2019

RAPPORTO DI PROVA N DEL 30/01/2019 Rimini, lì 30/01/2019 RAPPORTO DI PROVA N 1900679-002 DEL 30/01/2019 Studio: 1900679 Data di ricevimento: 17/01/2019 Campionamento effettuato da: Tecnico CSA in accordo a APAT CNR IRSA 1030 Manuale 29

Dettagli

DISCARICA DI MATTIE RELAZIONE TECNICA QUADRIMESTRALE QUADRIMESTRE Premessa. Relazione Fase Operativa

DISCARICA DI MATTIE RELAZIONE TECNICA QUADRIMESTRALE QUADRIMESTRE Premessa. Relazione Fase Operativa Comune di Mattie Comune di Susa DISCARICA DI MATTIE RELAZIONE TECNICA QUADRIMESTRALE QUADRIMESTRE 2-2018 Premessa Relazione Fase Operativa I tecnici Ing. geol. Giuseppe BIOLATTI Ing. Giuseppina FERRANTE

Dettagli

BIODEPUR SRL. Via Fiorentina, 359 Loc. Canapale Pistoia REPORT SEMESTRALE PERIODO DI ATTIVITA LUGLIO 2017-DICEMBRE 2017

BIODEPUR SRL. Via Fiorentina, 359 Loc. Canapale Pistoia REPORT SEMESTRALE PERIODO DI ATTIVITA LUGLIO 2017-DICEMBRE 2017 BIODEPUR SRL Via Fiorentina, 359 Loc. Canapale Pistoia REPORT SEMESTRALE PERIODO DI ATTIVITA LUGLIO 2017-DICEMBRE 2017 (nel rispetto delle prescrizioni dell Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N DEL 22/06/2018

RAPPORTO DI PROVA N DEL 22/06/2018 Rimini, lì 22/06/2018 RAPPORTO DI PROVA N 1807110-001 DEL 22/06/2018 Studio: 1807110 Data di ricevimento: 08/06/2018 Campionamento effettuato da: Tecnico CSA in accordo a APAT CNR IRSA 1030 Manuale 29

Dettagli

10. IPPC pag. 45. 10.1 Ispezioni ambientali

10. IPPC pag. 45. 10.1 Ispezioni ambientali Agenzia Regionale per la Protezione e Prevenzione Ambientale del Veneto 45 10. IPPC pag. 45 10.1 Ispezioni ambientali 10.1.00.01 10.1.00.02 Controllo impianto di allevamento intensivo di pollame o di suini,

Dettagli

Autorizzazioni Settoriali Emissioni in atmosfera DPR n 203/88 s.m.i.

Autorizzazioni Settoriali Emissioni in atmosfera DPR n 203/88 s.m.i. 31/05/2006 1 Efrem Coltelli Autorizzazioni Settoriali Emissioni in atmosfera DPR n 203/88 s.m.i. Decreto di Autorizzazione Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato n 006/98 del 03/02/1998

Dettagli

Allegato A-sub-1 Tabella A-ter QUADRO RIASSUNTIVO DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA AUTORIZZATE. Durata Impianto di. Alt. m.

Allegato A-sub-1 Tabella A-ter QUADRO RIASSUNTIVO DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA AUTORIZZATE. Durata Impianto di. Alt. m. Tabella A-ter QUADRO RIASSUNTIVO DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA AUTORIZZATE Sigla E1 E2 E3 E4 Origine Trattamento chimico-fisico Trattamento chimico-fisico Trattamento aerobico + equalizzazione Ispessitori

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANNUALE SULLO STATO D AVANZAMENTO DELLE ATTIVITA SVOLTE PRESSO LA DISCARICA

RELAZIONE TECNICA ANNUALE SULLO STATO D AVANZAMENTO DELLE ATTIVITA SVOLTE PRESSO LA DISCARICA RELAZIONE TECNICA ANNUALE SULLO STATO D AVANZAMENTO DELLE ATTIVITA SVOLTE PRESSO LA DISCARICA 01/03/02 01/09/02 01/03/03 01/09/03 01/03/04 01/09/04 01/03/05 01/09/05 01/03/06 01/09/06 01/03/07 01/09/07

Dettagli

Discarica per rifiuti non pericolosi Borgo Montello - Latina (LT) Ind.Eco s.r.l. Piano di Monitoraggio e Controllo

Discarica per rifiuti non pericolosi Borgo Montello - Latina (LT) Ind.Eco s.r.l. Piano di Monitoraggio e Controllo Discarica per rifiuti non pericolosi Borgo Montello - Latina (LT) Ind.Eco s.r.l. Piano di Monitoraggio e Controllo Descrizione sintetica del PMeC Il Piano di Monitoraggio e Controllo ha la finalità principale

Dettagli

MODELLO AUT (da presentare al S.U.A.P. del comune nell ambito della procedura A.U.A. D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59)

MODELLO AUT (da presentare al S.U.A.P. del comune nell ambito della procedura A.U.A. D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59) (1) SEZIONE RISERVATA ALL ENTE Pratica n. / MODELLO AUT (da presentare al S.U.A.P. del comune nell ambito della procedura A.U.A. D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59) SCARICO DI ACQUE REFLUE IN PUBBLICA FOGNATURA

Dettagli

A LLEGATO II (articolo 2, comma 3) GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 108

A LLEGATO II (articolo 2, comma 3) GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 108 A LLEGATO II (articolo 2, comma 3)2 Determinazione della tariffa per le istruttorie connesse a riesame con valenza di rinnovo di autorizzazione integrata ambientale (art. 29-octies, comma 3, del decreto

Dettagli

PROVINCIA DI COMO PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE

PROVINCIA DI COMO PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE Fasc. n. 16.05/2006-43 N 19155 di protocollo N 175/A/ECO del 19 maggio 2016 PROVINCIA DI COMO PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE Ditta: SO.GE.IM.E. Srl con sede legale in Comune di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANNUALE SULLO STATO D AVANZAMENTO DELLE ATTIVITA SVOLTE PRESSO LA DISCARICA

RELAZIONE TECNICA ANNUALE SULLO STATO D AVANZAMENTO DELLE ATTIVITA SVOLTE PRESSO LA DISCARICA RELAZIONE TECNICA ANNUALE SULLO STATO D AVANZAMENTO DELLE ATTIVITA SVOLTE PRESSO LA DISCARICA 01/03/02 01/09/02 01/03/03 01/09/03 01/03/04 01/09/04 01/03/05 01/09/05 01/03/06 01/09/06 01/03/07 01/09/07

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO. Impianto per la produzione di biometano mediante trattamento anaerobico di FORSU

PROGETTO DEFINITIVO. Impianto per la produzione di biometano mediante trattamento anaerobico di FORSU REGIONE BASILICATA PROVINCIA DI MATERA COMUNE DI MATERA Impianto per la produzione di biometano mediante trattamento anaerobico di FORSU Piano di monitoraggio e controllo SS 96 km 97+230, 70025 Grumo Appula

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PARTE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE. Allegato 3 Tabelle

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PARTE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE. Allegato 3 Tabelle REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PARTE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 3 Tabelle - assimilabilità secondo l articolo 101 comma 7 del D.Lgs.152/06 - parametri di assimilabitità degli

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANNUALE SULLO STATO D AVANZAMENTO DELLE ATTIVITA SVOLTE PRESSO LA DISCARICA

RELAZIONE TECNICA ANNUALE SULLO STATO D AVANZAMENTO DELLE ATTIVITA SVOLTE PRESSO LA DISCARICA RELAZIONE TECNICA ANNUALE SULLO STATO D AVANZAMENTO DELLE ATTIVITA SVOLTE PRESSO LA DISCARICA 01/03/02 01/09/02 01/03/03 01/09/03 01/03/04 01/09/04 01/03/05 01/09/05 01/03/06 01/09/06 01/03/07 01/09/07

Dettagli

ANALISI AMBIENTALE INIZIALE

ANALISI AMBIENTALE INIZIALE 3 1 / 11 AAI3 0 01/06/16 SEZIONE 3 3 2 / 11 INDICE SEZIONE 3: 3.1 GESTIONE AMBIENTALE ATTUALE 3.2 3.3 BILANCIO DI MASSA 3 3 / 11 3.1 GESTIONE AMBIENTALE ATTUALE ORGANIZZAZIONE E PERSONALE L organigramma

Dettagli

A LLEGATO I (articolo 2, comma 2) GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 108

A LLEGATO I (articolo 2, comma 2) GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 108 A LLEGATO I (articolo 2, comma 2)1 Determinazione della tariffa per le istruttorie connesse a rilascio di una nuova AIA, nonché all aggiornamento di una AIA in esito a richiesta di modifica sostanziale

Dettagli

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda N 1 di 7 PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 1 Acque destinate al consumo umano Escherichia coli water and wastewater ed 21st 2005, 9223 A + 9223 B (2004) 2 Acque destinate al consumo umano, sotterranee

Dettagli

SCARICHI IDRICI - INDUSTRIALI E ASSIMILATI AI DOMESTICI

SCARICHI IDRICI - INDUSTRIALI E ASSIMILATI AI DOMESTICI ALLEGATO D SCARICHI IDRICI - INDUSTRIALI E ASSIMILATI AI DOMESTICI NOTE PER LA COMPILAZIONE: Inserire il codice identificativo dello scarico/degli scarichi in corrispondenza del relativo recapito. Sigla

Dettagli

LISTA METODI DI PROVA

LISTA METODI DI PROVA Pagina 1 di 7 Aldeidi mg/l acque APAT CNR IRSA 5010 A Man. 29 2003 Alluminio mg/l acque EPA 3015 A 2007 + EPA 6010 C 2007 Ammine aromatiche mg/l acque EPA 3535 A 2007 + EPA 8270 D 2007 Antimonio mg/l acque

Dettagli

SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE SERVIZIO RIFIUTI AUTORIZZAZIONE N. 7 / 2018

SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE SERVIZIO RIFIUTI AUTORIZZAZIONE N. 7 / 2018 Provincia di Como SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE SERVIZIO RIFIUTI AUTORIZZAZIONE N. 7 / 2018 OGGETTO: DITTA: S.A.L.A.R.S. SPA CON SEDE LEGALE E IMPIANTO IN COMUNE DI COMO IN VIA S. FRANCESCO 5. ESITO DELL'ISTRUTTORIA

Dettagli

Analisi Acque Potabili ed Industriali Analisi Chimiche Merceologiche Analisi Chimico Agrarie Analisi Emissioni Gassose Analisi Igienico Ambientali Ana

Analisi Acque Potabili ed Industriali Analisi Chimiche Merceologiche Analisi Chimico Agrarie Analisi Emissioni Gassose Analisi Igienico Ambientali Ana Analisi Acque Potabili ed Industriali Analisi Chimiche Merceologiche Analisi Chimico Agrarie Analisi Emissioni Gassose Analisi Igienico Ambientali Analisi Rifiuti Urbani ed Industriali Consulenze Controllo

Dettagli

1. rifiuti da trattare

1. rifiuti da trattare 1. rifiuti da trattare GESTORE ARPA LAZIO Denominazione Codice CER Ubicazione Stoccaggio (rif. Tav. c11) fase di utilizzo (rif rel C6) quantità U.M. metodo di misura frequenza autocontrollo modalità di

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N DEL 22/01/2018

RAPPORTO DI PROVA N DEL 22/01/2018 Rimini, lì 22/01/2018 RAPPORTO DI PROVA N 1800246-002 DEL 22/01/2018 Studio: 1800246 Data di ricevimento: 11/01/2018 Campionamento effettuato da: Tecnico CSA in accordo APAT CNR IRSA 1030 e 6010 Man29/03

Dettagli

Umidità UNI ISO 1442:2010. Carne e prodotti a base di carne conservati N. di iodio LC/MP/N Rev.11 UNI EN ISO :2004

Umidità UNI ISO 1442:2010. Carne e prodotti a base di carne conservati N. di iodio LC/MP/N Rev.11 UNI EN ISO :2004 DENOMINAZIONE DELLA PROVA METODO DI PROVA MATRICE Umidità UNI ISO 1442:2010 Carne e prodotti della carne Cloruri (come NaCl) LC/MP/N.6 2012 Rev.10 Carne e prodotti a base di carne conservati Attività dell

Dettagli

VIA SAN VINCENZO, CORINALDO (AN) ASA S.R.L AZIENDA SERVIZI AMBIENTALI. Periodo di riferimento: Giugno Data relazione: 5 Settembre 2017

VIA SAN VINCENZO, CORINALDO (AN) ASA S.R.L AZIENDA SERVIZI AMBIENTALI. Periodo di riferimento: Giugno Data relazione: 5 Settembre 2017 REPORT MENSILE DELLE ATTIVITA DI MONITRORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA, DEL BIOGAS E DEL PERCOLATO PRESSO L'IMPIANTO DI SMALTIMENTO RIFIUTI DI CORINALDO (AN) ASA S.R.L AZIENDA SERVIZI AMBIENTALI VIA SAN

Dettagli

Dipartimento di Avellino

Dipartimento di Avellino Dipartimento di Avellino Avellino, 19/09/2018 Oggetto: Relazione di sopralluogo e prelievo impianto di depurazione acque meteoriche di prima pioggia, nel Comune di Avellino alla Via Pianodardine n. 2 della

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 pag. 1 di 5 UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque di scarico Cromo VI (=/>0,03 mg/l) MI 143 rev 5 2013 Acque naturali Durezza (=/>20 mg/l CaCO3) APAT CNR IRSA 2040

Dettagli

Ri.Plastic SpA PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO. STUDIO CHIMICO dott. Domenico LUCARELLI. dott. Domenico Lucarelli

Ri.Plastic SpA PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO. STUDIO CHIMICO dott. Domenico LUCARELLI. dott. Domenico Lucarelli Ri.Plastic SpA PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO STUDIO CHIMICO dott. Domenico LUCARELLI Via L. Pirandello n. 45/D 86100 CAMPOBASSO dott. Domenico Lucarelli Tel 0874411424 Fax 08741861568 Cell 3408307352

Dettagli

ALLEGATO E Rev. 01 (Aggiornamento AIA rilasciata con Atto Dirigenziale 8130/2012) ECOSAVONA S.r.l. Piano di monitoraggio.

ALLEGATO E Rev. 01 (Aggiornamento AIA rilasciata con Atto Dirigenziale 8130/2012) ECOSAVONA S.r.l. Piano di monitoraggio. ALLEGATO E Rev. 01 (Aggiornamento AIA rilasciata con Atto Dirigenziale 8130/2012) ECOSAVONA S.r.l. Piano di monitoraggio Pagina 1 di 14 Indice 1 FINALITÀ DEL MONITORAGGIO...3 2 TIPOLOGIA DEL MONITORAGGIO...3

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEGLI AUTOCONTROLLI DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE URBANE

LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEGLI AUTOCONTROLLI DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE URBANE LINEE GIDA PER LA DEFINIZIONE DEGLI ATOCONTROLLI DEGLI IMPIANTI DI DEPRAZIONE DI ACQE REFLE RBANE LG 40.04/SCE Ed. 1 rev. 0 05.09.18 Pag.1 di 13 LINEE GIDA PER LA DEFINIZIONE DEGLI ATOCONTROLLI DEGLI IMPIANTI

Dettagli

SCHEDE TECNICHE DI AZIONE

SCHEDE TECNICHE DI AZIONE Allegato 3 SCHEDE TECNICHE DI AZIONE SEZIONE A): AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO 1 1. RIDUZIONE e/o TRATTAMENTO EMISSIONI IN ATMOSFERA INVESTIMENTI AMMISSIBILI Riduzione e/o trattamento emissioni in atmosfera

Dettagli

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda N 1 di 7 PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 1 Acque destinate al consumo umano Escherichia coli water and wastewater ed 21st 2005 9223 A + 9223 2 Acque destinate al consumo umano, sotterranee atteri

Dettagli

REGIONE CAMPANIA COMUNE DI BASELICE. Provincia di Benevento LAVORI DI BONIFICA E MESSA IN SICUREZZA DELLA DISCARICA COMUNALE IN CONTRADA SERRE

REGIONE CAMPANIA COMUNE DI BASELICE. Provincia di Benevento LAVORI DI BONIFICA E MESSA IN SICUREZZA DELLA DISCARICA COMUNALE IN CONTRADA SERRE REGIONE CAMPANIA COMUNE DI BASELICE Provincia di Benevento LAVORI DI BONIFICA E MESSA IN SICUREZZA DELLA DISCARICA COMUNALE IN CONTRADA SERRE PROGETTO ESECUTIVO (Art. 33 D.P.R. 207/2010) PIANO DI MONITORAGGIO

Dettagli

ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l'energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-AMB-2017-14 del 03/01/2017 Oggetto Prima modifica non

Dettagli

VIA SAN VINCENZO, CORINALDO (AN) ASA S.R.L AZIENDA SERVIZI AMBIENTALI. Periodo di riferimento: Aprile Data relazione: 14 Giugno 2018

VIA SAN VINCENZO, CORINALDO (AN) ASA S.R.L AZIENDA SERVIZI AMBIENTALI. Periodo di riferimento: Aprile Data relazione: 14 Giugno 2018 REPORT MENSILE DELLE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA, DEL BIOGAS, DEL PERCOLATO, DELLE ACQUE E DEI SEDIMENTI PRESSO L'IMPIANTO DI SMALTIMENTO RIFIUTI DI CORINALDO (AN) ASA S.R.L AZIENDA

Dettagli

ALLEGATO BAT PMC ditta ESSETRE

ALLEGATO BAT PMC ditta ESSETRE ALLEGATO BAT PMC ditta ESSETRE 3 ELABORATO MTD/BAT LA DITTA È TENUTA AD ATTUARE QUANTO INDICATO NELLA PROPOSTA DI BAT DEPOSITATA IN FASE DI RICHIESTA DELL'AIA, DA CUI E' SCATURITO IL PARERE ARPAT LA DITTA

Dettagli

Discarica Cà Di Capri Relazione annuale 2005 RELAZIONE ANNUALE ANNO 2005 RELATIVO ALLA

Discarica Cà Di Capri Relazione annuale 2005 RELAZIONE ANNUALE ANNO 2005 RELATIVO ALLA RELAZIONE ANNUALE ANNO 2005 RELATIVO ALLA DISCARICA SITA IN LOCALITÀ CÀ DI CAPRI, DESTINATA AD ACCOGLIERE I RIFIUTI DERIVANTI DALL'ATTIVITÀ DI RECUPERO DI ROTTAMI FERROSI DITTA ROTAMFER S.p.A. INDICE...

Dettagli

Il Committente: (nome, cognome, indirizzo) - Direttore dei Lavori; - Incaricato da D.L; - Impresa esecutrice (incaricato); - Proprietario -

Il Committente: (nome, cognome, indirizzo) - Direttore dei Lavori; - Incaricato da D.L; - Impresa esecutrice (incaricato); - Proprietario - DATA // Spett.le SIDERCEM s.r.l. Via Libero Grassi, 5 Area ind.calderaro C.P. 287 93100 Caltanissetta Il Committente: (nome, cognome, indirizzo) in qualità di: - Direttore dei Lavori; - Incaricato da D.L;

Dettagli

Chiarimenti in merito all applicazione della Dgr del 7 agosto 2009 ( tariffario regionale )

Chiarimenti in merito all applicazione della Dgr del 7 agosto 2009 ( tariffario regionale ) Chiarimenti in merito all applicazione della Dgr 10124 del 7 agosto 2009 ( tariffario regionale ) Il presente documento ha lo scopo di fornire ulteriori indicazioni ai fini della determinazione della tariffa

Dettagli

IMPIANTO DI CA ZECCONE (Località Cà Zeccone Comune di Pavullo)

IMPIANTO DI CA ZECCONE (Località Cà Zeccone Comune di Pavullo) IMPIANTO DI CA ZECCONE (Località Cà Zeccone Comune di Pavullo) Discarica per rifiuti speciali non pericolosi Impianto non soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale Gestore: Comune di Pavullo. La

Dettagli

Il sistema dei controlli e il monitoraggio relativi all inceneritore HERA - Ferrara Ing. Paola Magri

Il sistema dei controlli e il monitoraggio relativi all inceneritore HERA - Ferrara Ing. Paola Magri Servizio Risorse Idriche e Tutela Ambientale Il sistema dei controlli e il monitoraggio relativi all inceneritore HERA - Ing. Paola Magri Qualità dell aria e dintorni: Recenti indagini di approfondimento

Dettagli

Spett.le ARPAC Corso Giannone, 50

Spett.le ARPAC Corso Giannone, 50 Barilla The Itahan Food Company Since1877 Stabilimento di MARCIANISE (CE) Barilla G.e R. Fratelli S.p.A, Spett.le Giunta Regionale della Campania Settore Provinciale Ecologia, Tutela dell'ambiente, Disinquinamento

Dettagli

I parametri di qualità chimica e microbiologica per la caratterizzazione delle acque

I parametri di qualità chimica e microbiologica per la caratterizzazione delle acque Parte 3. I parametri di qualità chimica e microbiologica per la caratterizzazione delle acque Corso di Competitività e Sostenibilità A.A. 2014/2015 Massimo Raboni. PhD mraboni@liuc.it Parametri chimici

Dettagli

RAMOGNINA AMBIENTE S.R.L.

RAMOGNINA AMBIENTE S.R.L. ALLEGATO E RAMOGNINA AMBIENTE S.R.L. Piano di monitoraggio Pagina 1 di 15 Indice 1 FINALITÀ DEL MONITORAGGIO...3 2 TIPOLOGIA DEL MONITORAGGIO...3 3 CONSUMO IDRICO...3 4 CONSUMO COMBUSTIBILI...4 5 BILANCIO

Dettagli

COMUNE DI TEANO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI TEANO PROVINCIA DI CASERTA DR. MARCELLO MONACO CHIMICO Autorizzazioni Ambientali Sicurezza e igiene del lavoro Haccp Emissioni in atmosfera Amianto Consulente ADR Via Vittorio Emanuele II, cond. Antinea - 81055 - Santa Maria Capua

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO Il Piano di Monitoraggio e Controllo (PMeC) proposto da Gesteco S.p.A. nell ambito dell ampliamento della discarica sita in Cividale del Friuli, loc. Mus è del tutto analogo

Dettagli

BARBAGIA AMBIENTE SRL NUORO

BARBAGIA AMBIENTE SRL NUORO RAPPORTO DI PROVA N /BAAA DEL //07 CAMPIONE DI PERCOLATO PRELEVATO DAL DR LINO BRUNDU IL 0/0/7 (ORE 08,0) NELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI SITA IN LOCALITA CORONAS BENTOSAS AGRO DI BOLOTANA (NU)

Dettagli

ALLEGATO BAT E PMC DITTA TRE MONTI S.A.S

ALLEGATO BAT E PMC DITTA TRE MONTI S.A.S ALLEGATO BAT E PMC DITTA TRE MONTI S.A.S 3 ELABORATO MTD/BAT LA DITTA È TENUTA AD ATTUARE QUANTO INDICATO NELLA PROPOSTA DI BAT DEPOSITATA IN FASE DI RINNOVO DELL'AIA, DA CUI E' SCATURITO IL PARERE ARPAT,

Dettagli

BARBAGIA AMBIENTE SRL NUORO

BARBAGIA AMBIENTE SRL NUORO RAPPORTO DI PROVA N 09/BAAA DEL /09/07 CAMPIONE DI PERCOLATO PRELEVATO DAL DR LINO BRUNDU IL 9/08/7 (ORE 08,) NELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI SITA IN LOCALITA CORONAS BENTOSAS AGRO DI BOLOTANA

Dettagli

Consorzio Industriale Provinciale Via Michele Coppino, Sassari (SS) Discarica Barrabò - Porto Torres (SS)

Consorzio Industriale Provinciale Via Michele Coppino, Sassari (SS) Discarica Barrabò - Porto Torres (SS) 200/sca Campione: Acqua piezometro n.1 ph 7,28 - APAT 2060/2003 Conducibilità elettrica us/cm a 20 C 3610 - APAT 2030/2003 Ossidabilità mg/l O 2 2,88 - UNI EN ISO 8467:1997 Azoto ammoniacale mg/l NH 4

Dettagli

TABELLA 4.1 VALORI LIMITI DI EMISSIONE IN ACQUE SUPERFICIALI E IN FOGNATURA (TABELLA 3, DLGS 152/99)

TABELLA 4.1 VALORI LIMITI DI EMISSIONE IN ACQUE SUPERFICIALI E IN FOGNATURA (TABELLA 3, DLGS 152/99) TABELLA 4.1 VALORI LIMITI DI EMISSIONE IN ACQUE SUPERFICIALI E IN FOGNATURA (TABELLA 3, DLGS 152/99) SCARICO IN SCARICO IN NUMERO UNITÀ DI SOSTANZE ACQUE PUBBLICA PARAMETRO MISURA SUPERFICIALI FOGNATURA

Dettagli

SERVIZIO di campionamento ed analisi riguardanti aria, acque, sedimenti, suolo e percolato c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A.

SERVIZIO di campionamento ed analisi riguardanti aria, acque, sedimenti, suolo e percolato c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. SERVIZIO di campionamento ed analisi riguardanti aria, acque, sedimenti, suolo e percolato c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. ALLEGATO D al capitolato d'oneri TEMPISTICHE DI ESECUZIONE DELLE

Dettagli

MODALITA DI GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI E PIANO DI MONITORAGGIO

MODALITA DI GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI E PIANO DI MONITORAGGIO MODALITA DI GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI E PIANO DI MONITORAGGIO Dati identificativi dell impianto Impianto GESTIONE RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Localizzazione Gestore Provincia di ROMA Comune

Dettagli

ALLEGATO 3: Stato di applicazione delle BAT, piani di monitoraggio, indicatori di performance ambientale Capitolo 2, Tabelle paragrafo 2.

ALLEGATO 3: Stato di applicazione delle BAT, piani di monitoraggio, indicatori di performance ambientale Capitolo 2, Tabelle paragrafo 2. Tratto dal volume: Autorizzazione Integrata Ambientale Proposte per ottimizzarne l'applicazione negli impianti di trattamento acque reflue e rifiuti liquidi Maggioli Editore - Luglio 2018 - ISBN 978-88-916-2925-8

Dettagli

SCHEDA E MODALITA DI GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI E PIANO DI MONITORAGGIO

SCHEDA E MODALITA DI GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI E PIANO DI MONITORAGGIO SCHEDA E MODALITA DI GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI E PIA DI MONITORAGGIO E.1 Quadro di sintesi delle variazioni delle modalità di gestione ambientale 2 E.2 Piano di monitoraggio 3 E.2.1 Aria 4 E.2.2

Dettagli

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda N 1 di 5 PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 1 Acqua Carica microbica A 36 C e A 22 C UNI EN ISO 6222:2001 Escherichia coli e coliformi ISO 9308-1:2000/COR.1: 2007 (escluso cap 8.4) Legionella spp,

Dettagli

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda N 1 di 5 PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 1 Acque di scarico Carica microbica a 22 C e 36 C APAT CNR IRSA 7050 Man 29 2003 2 Acque di scarico, acque potabili e di falda, acque superficiali,eluati

Dettagli

Caratteristiche del progetto

Caratteristiche del progetto Caratteristiche del progetto Localizzazione e inquadramento generale Il presente progetto riguarda la richiesta di rinnovo di autorizzazione allo scarico ai sensi della L.R. n.60/2001 e s.m.i. di un impianto

Dettagli