DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2011

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2011"

Transcript

1 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 987 unità. Alla fine di marzo risultano iscritte imprese delle quali attive. Le cancellazioni, al netto dei provvedimenti d ufficio, sono state , a fronte di nuove iscrizioni. Il tasso di crescita che ne consegue - calcolato sullo stock iniziale delle imprese registrate - è leggermente positivo (+0,1%) ed è determinato da un tasso di natalità del 2,2% e di mortalità del 2,1%. A livello territoriale, il tasso di crescita maggiore è quello di Milano (+0,5%) seguito da Monza Brianza (+0,3%). Bergamo, Brescia e Lecco presentano variazioni prossime allo zero, mentre Cremona, Pavia e Mantova, con Varese e Como, sono in leggera diminuzione rispettivamente con un tasso di crescita di -0,3% e -0,2%. Tale diminuzione è invece più marcata nelle province di Sondrio (-1,0%) e Lodi (-1,5%). Brescia, Lodi, Monza e Pavia presentano la più alta natalità relativa (+2,3%) e sono anche le uniche circoscrizioni superiori alla media regionale che è del 2,2%. Sondrio, con l 1,6%, è la provincia nella quale la natalità risulta più bassa, seguita da Mantova (2,0%), Lecco e Milano (2,1%). Cremona, con tutte le altre province lombarde, si attesta al livello medio regionale del 2,2%. Tav. 1 - Natalità e mortalità aziendale - 1 trimestre 2011 Lombardia e province lombarde Cessazioni al netto dei provvedimenti d ufficio - Tassi % Provincia Attive Iscritte Cessate Saldo Cremona ,3 2,2 2,6 Bergamo ,0 2,2 2,3 Brescia ,0 2,3 2,2 Como ,2 2,2 2,4 Lecco ,0 2,1 2,1 Lodi ,5 2,3 3,7 Mantova ,3 2,0 2,2 Milano ,5 2,1 1,6 Monza e Brianza ,3 2,3 2,0 Pavia ,3 2,3 2,6 Sondrio ,0 1,6 2,6 Varese ,2 2,2 2,4 Totale ,1 2,2 2,1 Il maggior turnover imprenditoriale, cioè la maggior vivacità demografica in rapporto allo stock di imprese esistenti, nel primo trimestre 2011, lo si riscontra a Lodi (6,0%), seguita da Pavia (4,9%), Cremona (4,8%), Como e Varese (4,6%). Solo Milano (3,7%) presenta una percentuale di movimentazione imprenditoriale al di sotto di quella media lombarda (4,2%). Come visto, la provincia di Cremona è caratterizzata da un tasso di crescita negativo in controtendenza con la media regionale, la natalità è in linea con quella media lombarda, mentre la mortalità ne è superiore. Il saldo negativo di 101 imprese è determinato dalle 688 nuove iscrizioni e dalle 789 cessazioni. Al 30 marzo 2011, alla Camera di

2 commercio di Cremona risultano registrate imprese, delle quali sono quelle attive. Considerando le imprese registrate in base alla loro natura giuridica, nel primo trimestre 2011 si ha un saldo positivo solo per le società di capitali con un tasso di crescita del +0,1%. Sono le ditte individuali, che costituiscono più del 60% del totale delle imprese attive, a registrare naturalmente il maggior ricambio imprenditoriale, segnando i più alti tassi sia di natalità (2,8%) che di mortalità (3,3%). Tav. 2 - Natalità e mortalità aziendale per forma giuridica - 1 trimestre 2011 Provincia di Cremona Cessazioni al netto dei provvedimenti d ufficio - Tassi % Forma giuridica Società di capitali ,1 1,7 1,6 Società di persone ,3 1,2 1,5 Imprese individuali ,5 2,8 3,3 Altre forme ,7 2,2 1,5 Totale ,3 2,2 2,6 Riguardo all attività economica esercitata, anche nel presente trimestre, è ragguardevole il numero delle imprese non classificate. Si tratta cioè di imprese, tipicamente società, che vengono iscritte, ma alle quali non è ancora stato attribuito alcun codice di attività economica esercitata. Queste sono infatti 193, pari al 28% del totale delle nuove i- scrizioni. Con il successivo perfezionamento della loro posizione, tali imprese si distribuiranno nei prossimi trimestri nelle varie sezioni di attività, alterando i dati di stock, ma ovviamente senza però costituire più alcuna nuova iscrizione. Pertanto nell analisi della dinamica imprenditoriale per settore economico occorre tener ben presente questa sottostima delle nuove registrazioni che infatti rende negativi i saldi demografici di quasi tutti i settori economici principali. Ciò è evidenziato dalla tavola n. 3 che esclude le attività numericamente poco significative, i cui dati comunque vengono riportati nell allegato statistico. Tav. 3 - Natalità e mortalità aziendale per sezione di attività economica 1 trimestre 2011 Provincia di Cremona Cessazioni al netto dei provvedimenti d ufficio Attività A Agricoltura, silvicoltura e pesca C Attività manifatturiere F Costruzioni G Commercio ingrosso e dettaglio; riparazioni H Trasporto e magazzinaggio I Servizi di alloggio e ristorazione J Servizi di informazione e comunicazione K Attività finanziarie e assicurative L Attività immobiliari M Attività professionali, scientifiche e tecniche N Noleggio, agenzie viaggio e servizi alle imprese S Altre attività di servizi NC Imprese non classificate TOTALE Considerando l intero stock presente in archivio, le imprese registrate ma non classificate in base all attività economica esercitata, ammontano a 744 unità e costituiscono quindi il 2,6% del totale.

3 Tra i settori d attività più consistenti, i servizi alle imprese e quelli di informazione e comunicazione presentano il più elevato ricambio aziendale e sono anche gli unici settori, assieme alle costruzioni, ad esprimere un tasso di mortalità al di sopra della media provinciale. Tav. 4 - Natalità e mortalità aziendale per sezione di attività economica - 1 trimestre 2011 Provincia di Cremona Tassi % calcolati sulla consistenza delle imprese registrate a inizio trimestre Tasso di ricambio A Agricoltura, silvicoltura e pesca -1,3 1,3 2,6 3,9 C Attività manifatturiere -0,8 1,3 2,2 3,5 F Costruzioni -0,3 2,6 2,9 5,5 G Commercio ingrosso e dettaglio; riparazioni -1,2 1,6 2,8 4,4 H Trasporto e magazzinaggio -1,3 0,5 1,7 2,2 I Servizi di alloggio e ristorazione -1,0 1,7 2,6 4,3 J Servizi di informazione e comunicazione +1,7 4,3 2,6 6,9 K Attività finanziarie e assicurative -1,7 1,2 2,9 4,1 L Attività immobiliari -0,7 0,5 1,3 1,8 M Attività professionali, scientifiche e tecniche -0,4 1,8 2,1 3,9 N Noleggio, agenzie viaggio e servizi alle imprese +1,3 3,6 2,3 5,9 S Altre attività di servizi -1,2 1,2 2,4 3,6 NC Imprese non classificate +20,7 24,3 3,7 28,0 TOTALE -0,3 2,2 2,6 4,8 Soprattutto a causa dei motivi già evidenziati legati alla non attribuzione del codice statistico d attività, la natalità relativa è al di sotto della media complessiva in molti dei principali settori d attività. E più alta solo nei servizi di informazione e comunicazione (4,3%), nei servizi alle imprese (3,6%) e nelle costruzioni (2,6%) ed è invece minima nelle attività immobiliari e nei trasporti (0,5). Relativamente alla consistenza delle imprese registrate, si ha un elevata mortalità nelle attività finanziarie e assicurative, nelle costruzioni (2,9%) e nel commercio all ingrosso e al dettaglio (2,8%). Molto al di sotto della media provinciale è invece il tasso di mortalità nelle attività immobiliari (1,3%) e nel trasporto e magazzinaggio (1,7%). Per cercare di individuare l effettivo significato economico dei movimenti demografici del vari settori, si sono rapportati i valori della natimortalità già presentati, alla loro consistenza sul totale delle imprese iscritte 1. Si è così potuto osservare che, nel presente trimestre, come d altronde succede ormai da diversi trimestri, hanno manifestato una natalità ben più bassa rispetto alla loro effettiva incidenza, i settori tradizionali dell industria manifatturiera e dell agricoltura, insieme alle attività immobiliari. Al contrario, il settore edile ha visto una quota delle nuove iscrizioni superare abbondantemente quella degli stessi rispetto al totale, affiancato in questo dai servizi di informazione e comunicazione e dai servizi alle imprese. Sul versante delle cessazioni, le costruzioni ed il commercio hanno mostrato una mortalità più alta rispetto alla loro effettiva incidenza, mentre il contrario avviene per le attività immobiliari e manifatturiere. Imprese artigiane Nel primo trimestre del 2011 le anagrafi camerali lombarde riprendono la tendenza alla diminuzione protrattasi per tutto il 2009 ed i primi mesi del Lo stock di fine periodo è costituito da imprese registrate, in larghissima maggioranza attive. 1 Il procedimento operativamente seguito è consistito nel calcolare, per ogni settore economico, la differenza tra le quote percentuali delle iscrizioni (o cessazioni) e delle consistenze delle imprese registrate.

4 Le iscrizioni nel periodo considerato sono state contro cessazioni, al netto dei provvedimenti d ufficio. Il tasso di crescita regionale (-0,4%) è determinato da un tasso di natalità del 2,6% e di mortalità del 3,0%. Tav. 5 - Natalità e mortalità aziendale nell artigianato - 1 trimestre 2011 Lombardia e province lombarde Cessazioni al netto dei provvedimenti d ufficio - Tassi % Provincia Regi- strate Cremona ,6 2,6 3,2 Bergamo ,3 2,6 2,9 Brescia ,2 2,8 3,0 Como ,6 2,6 3,2 Lecco ,4 2,5 2,9 Lodi ,6 2,8 3,4 Mantova ,8 2,1 2,9 Milano ,2 2,6 2,8 Monza Brianza ,5 2,5 3,0 Pavia ,8 2,7 3,5 Sondrio ,3 1,5 2,8 Varese ,6 2,8 3,4 Totale ,4 2,6 3,0 Tutte le province lombarde presentano un tasso di crescita negativo. Sondrio è caratterizzato dal tasso più basso (-1,3%), seguito da Pavia e Mantova (-0,8%) e da Cremona, Como, Lodi e Varese (-0,6%). Il maggior tasso di natalità (2,8%) si registra a Brescia, Lodi e Varese, quello minore a Sondrio (1,5%); l incidenza delle cancellazioni è invece più alta a Pavia (3,5%) e Lodi e Varese (3,4%), e più bassa a Sondrio e Milano (2,8%). A Cremona i primi tre mesi del 2011 hanno fatto registrare un leggero calo ed al 30 marzo 2011 si contano imprese artigiane registrate, quasi tutte attive, risultato delle 267 iscrizioni e delle 325 cessazioni avvenute nel periodo. Lo stock complessivo pertanto diminuisce di 58 aziende. Il tasso di crescita che descrive tale situazione risulta pari a -0,6%, con il 2,6% di natalità e il 3,2% di mortalità. Tav. 6 - Natalità e mortalità aziendale nell artigianato per forma giuridica - 1 trimestre 2011 Provincia di Cremona Cessazioni al netto dei provvedimenti d ufficio Tassi % Forma Regi- giuridica strate Società di capitali ,6 2,6 Società di persone ,3 1,3 1,6 Imprese individuali ,7 3,0 3,6 Cooperative ,0 25,0 Consorzi Totale ,6 2,6 3,2 Considerando la forma giuridica delle imprese artigiane, essendo caratterizzate per lo più dalla piccolissima dimensione, è evidente la preponderanza delle ditte individuali e delle società di persone, che costituiscono la quasi totalità (97%) delle aziende artigiane cremonesi. Nel periodo in esame si individuano contrazioni demografiche per le società di persone (-0,3%) e per le imprese individuali (-0,7%) mentre le società di capitali e le altre forme si trovano in una situazione di perfetta stabilità. Nell artigianato è del tutto ininfluente il fenomeno delle imprese non classificate per attività economica esercitata e quasi il 70% del totale è costituito da imprese attive

5 nelle attività manifatturiere e nelle costruzioni. Nel primo trimestre 2011 quest ultima sezione d attività, come risulta dalla tavola 7 che riporta solo le attività più numerose dell artigianato cremonese (per il dato completo si rimanda all allegato statistico), è quella caratterizzata dal più alto numero sia di nuove iscrizioni (145) che di cancellazioni (156), responsabili rispettivamente del 54 e del 48% del totale. Tav. 7 - Natalità e mortalità nell artigianato per sezione di attività - 1 trimestre 2011 Provincia di Cremona Cessazioni al netto dei provvedimenti d ufficio Attive Iscritte Cessate Saldo C Attività manifatturiere F Costruzioni G Commercio ingrosso e dettaglio; riparazioni H Trasporto e magazzinaggio I Servizi di alloggio e ristorazione M Attività professionali, scientifiche e tecniche N Noleggio, agenzie viaggio e servizi alle imprese S Altre attività di servizi TOTALE Il tasso di crescita più alto si trova attualmente nei servizi alle imprese (+4,0%), che presentano anche il tasso maggiore di natalità (6,6%). A seguire una natalità elevata caratterizza il settore dei pubblici esercizi (4,9%) e delle attività professionali, scientifiche e tecniche (4,4%). Il maggior turnover imprenditoriale si riscontra attualmente nei pubblici esercizi e nei servizi alle imprese. Tav. 8 Tassi di natalità e mortalità nell artigianato per sezione d attività - 1 trimestre 2011 Provincia di Cremona Tassi % Tasso di crescita Tasso di natalità Tasso di mortalità C Attività manifatturiere -1,0 2,2 3,3 F Costruzioni -0,2 3,1 3,4 G Commercio ingrosso e dettaglio; riparazioni -1,6 0,2 1,8 H Trasporto e magazzinaggio -2,2 0,6 2,8 I Servizi di alloggio e ristorazione +0,4 4,9 4,4 M Attività professionali, scientifiche e tecniche +1,9 4,4 2,5 N Noleggio, agenzie viaggio e servizi alle imprese +4,0 6,6 2,7 S Altre attività di servizi -0,7 1,8 2,5 TOTALE -0,6 2,6 3,2

6 - ALLEGATO STATISTICO - Natalità e mortalità aziendale per sezione di attività economica 1 trimestre 2011 Provincia di Cremona - Cessazioni al netto dei provvedimenti d ufficio Attività A Agricoltura, silvicoltura e pesca B Estrazione di minerali da cave e miniere C Attività manifatturiere D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore E Fornitura di acqua F Costruzioni G Commercio ingrosso e dettaglio; riparazioni H Trasporto e magazzinaggio I Servizi di alloggio e ristorazione J Informazione e comunicazione K Attività finanziarie e assicurative L Attività immobiliari M Attività professionali, scientifiche e tecniche N Noleggio, agenzie viaggio e servizi alle imprese P Istruzione Q Sanità e Assistenza sociale R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento S Altre attività di servizi NC Imprese non classificate TOTALE Natalità e mortalità aziendale per sezione di attività economica 1 trimestre 2011 Provincia di Cremona Tassi % calcolati sulla consistenza delle imprese registrate a inizio trimestre Tasso di ricambio A Agricoltura, silvicoltura e pesca -1,3 1,3 2,6 3,9 B Estrazione di minerali da cave e miniere C Attività manifatturiere -0,8 1,3 2,2 3,5 D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore -2,9-2,9 2,9 E Fornitura di acqua -2,5-2,5 2,5 F Costruzioni -0,3 2,6 2,9 5,5 G Commercio ingrosso e dettaglio; riparazioni -1,2 1,6 2,8 4,4 H Trasporto e magazzinaggio -1,3 0,5 1,7 2,2 I Servizi di alloggio e ristorazione -1,0 1,7 2,6 4,3 J Informazione e comunicazione +1,7 4,3 2,6 6,9 K Attività finanziarie e assicurative -1,7 1,2 2,9 4,1 L Attività immobiliari -0,7 0,5 1,3 1,8 M Attività professionali, scientifiche e tecniche -0,4 1,8 2,1 3,9 N Noleggio, agenzie viaggio e servizi alle imprese +1,3 3,6 2,3 5,9 P Istruzione -3,3-3,3 3,3 Q Sanità e Assistenza sociale -1,4-1,4 1,4 R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento -1,6 0,9 2,5 3,5 S Altre attività di servizi -1,2 1,2 2,4 3,6 NC Imprese non classificate +20,7 24,3 3,7 28,0 TOTALE -0,3 2,2 2,6 4,8

7 Natalità e mortalità aziendale nell artigianato per sezione di attività - 1 trimestre 2011 Provincia di Cremona Cessazioni al netto dei provvedimenti d ufficio Attività A Agricoltura, silvicoltura e pesca B Estrazione di minerali da cave e miniere C Attività manifatturiere E Fornitura di acqua F Costruzioni G Commercio ingrosso e dettaglio; riparazioni H Trasporto e magazzinaggio I Servizi di alloggio e ristorazione J Informazione e comunicazione K Attività finanziarie e assicurative L Attività immobiliari M Attività professionali, scientifiche e tecniche N Noleggio, agenzie viaggio e servizi alle imprese P Istruzione Q Sanità e Assistenza sociale R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento S Altre attività di servizi NC Imprese non classificate TOTALE Natalità e mortalità aziendale nell artigianato per sezione di attività - 1 trimestre 2011 Provincia di Cremona Tassi % calcolati sulla consistenza delle imprese registrate a inizio trimestre A Agricoltura, silvicoltura e pesca -6,1 0,9 7,0 B Estrazione di minerali da cave e miniere C Attività manifatturiere -1,0 2,2 3,3 E Fornitura di acqua F Costruzioni -0,2 3,1 3,4 G Commercio ingrosso e dettaglio; riparazioni -1,6 0,2 1,8 H Trasporto e magazzinaggio -2,2 0,6 2,8 I Servizi di alloggio e ristorazione +0,4 4,9 4,4 J Informazione e comunicazione +9,7 12,9 3,2 K Attività finanziarie e assicurative L Attività immobiliari -100,0-100,0 M Attività professionali, scientifiche e tecniche +1,9 4,4 2,5 N Noleggio, agenzie viaggio e servizi alle imprese +4,0 6,6 2,7 P Istruzione Q Sanità e Assistenza sociale R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento -5,3 1,8 7,0 S Altre attività di servizi -0,7 1,8 2,5 NC Imprese non classificate +100,0 100,0 - TOTALE -0,6 2,6 3,2

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 3 trimestre 2010

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 3 trimestre 2010 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 3 trimestre 2010 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2010 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 4.448 unità. Alla fine di settembre

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 4.839 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 4 trimestre 2008

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 4 trimestre 2008 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 4 trimestre 2008 Imprese nel complesso In Lombardia, nel quarto trimestre del 2008 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 1.857 unità. Alla fine di dicembre

Dettagli

NATALITA : 5,6% FORMA GIURIDICA SALDO 2016 BILANCIO DEI SETTORI: Tasso di crescita MORTALITA :5,5% IMPRESE REGISTRATE AL 31/12/2016

NATALITA : 5,6% FORMA GIURIDICA SALDO 2016 BILANCIO DEI SETTORI: Tasso di crescita MORTALITA :5,5% IMPRESE REGISTRATE AL 31/12/2016 IMPRESE REGISTRATE AL 31/12/216 119.242 DI CUI ARTIGIANE 34.862 SALDO 216 11 NATALITA : 5,6% MORTALITA :5,5% FORMA GIURIDICA crescita 2,4 % SOCIETA DI CAPITALI -,8% IMPRESE INDIVIDUALI BILANCIO DEI SETTORI:

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI Anno 2013

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI Anno 2013 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI Anno 2013 Imprese nel complesso In Lombardia, nel 2013 le anagrafi camerali hanno registrato un saldo positivo di 6.850 unità ed alla fine di dicembre risultano iscritte

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

LE IMPRESE LIGURI NEL 2 TRIMESTRE 2015

LE IMPRESE LIGURI NEL 2 TRIMESTRE 2015 LE IMPRESE LIGURI NEL 2 TRIMESTRE 215 Resta positivo il bilancio anagrafico delle imprese, in frenata i fallimenti. Tra aprile e giugno in Liguria il saldo tra iscrizioni e cessazioni di imprese resta

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011 IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011 LA DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE I dati relativi al primo trimestre 2011, indicano, per quanto riguarda le sedi di impresa nella provincia

Dettagli

LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2014

LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2014 LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2014 Imprese, 384 in più tra luglio e settembre (+0,2% ): 22 nuove iscrizioni al giorno contro 18 chiusure. Continua la corsa dei fallimenti: in Liguria +66,7%, seconda

Dettagli

LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2016

LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2016 LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 216 34 imprese in più nel trimestre estivo, artigianato ancora in sofferenza. Nel 3 trimestre 216 in Liguria si sono iscritte al Registro delle Imprese 1.76 imprese, 42

Dettagli

LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PARMA NEL I TRIMESTRE 2016

LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PARMA NEL I TRIMESTRE 2016 LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PARMA NEL I TRIMESTRE Al 31.3. le imprese registrate presso la Camera di Commercio di Parma sono 46.041, di cui 41.149 attive. Rispetto al 31.12. la consistenza delle imprese

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41121 Modena Tel. 059 208806 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

Imprenditoria giovanile

Imprenditoria giovanile Imprenditoria giovanile Nel 2014 si registrano, nella provincia di Brindisi, 860 iscrizioni di imprese giovanili 1 a fronte di 428 cessazioni (al netto delle cancellazioni d ufficio), con un saldo positivo

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Imprese Artigiane

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Imprese Artigiane DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Imprese Artigiane (2 trimestre 2009) Aumenta il numero delle imprese artigiane registrate negli archivi lombardi nel secondo trimestre 2009. E di +257 unità il saldo risultante

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2015

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2015 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2015 Imprese nel complesso Alla fine di marzo 2015, lo stock complessivo delle imprese iscritte nell anagrafe camerale della provincia di Cremona risulta

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ CESENA. Primo trimestre 2016

LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ CESENA. Primo trimestre 2016 LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ CESENA Primo trimestre 2016 SITUAZIONE AL 31 MARZO 2016 Commento ai dati e tavole statistiche a cura dell Ufficio Statistica e Studi LE IMRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Imprese Artigiane

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Imprese Artigiane 2007 II III IV 2008 II III IV 2009 II III IV 2010 II III IV II III IV II Numero attive variazione % DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Imprese Artigiane (estre ) Nel secondo trimestre del risulta positivo

Dettagli

LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA. Anno 2016

LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA. Anno 2016 LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA Anno SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE Tavole statistiche a cura dell Ufficio Statistica e Studi CONSISTENZA DELLE IMPRESE ATTIVE Anno 2015 Anno FORLÌ-CESENA EMILIA-ROMAGNA

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Imprese nel complesso (3 trimestre 2011)

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Imprese nel complesso (3 trimestre 2011) DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Imprese nel complesso (3 trimestre 2011) Le anagrafi delle imprese lombarde registrano un saldo positivo nel terzo trimestre 2011 pari a 3.276 unità, con un tasso di crescita

Dettagli

STATISTICHE IN BREVE. Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anni La struttura delle imprese e dell occupazione

STATISTICHE IN BREVE. Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anni La struttura delle imprese e dell occupazione STATISTICHE IN BREVE Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anni 2007-2010 La struttura delle imprese e dell occupazione Nel 2010, secondo l ATECO 2007, le imprese attive nell industria e nei

Dettagli

Di cui Cessazioni Settori Ateco Iscrizioni

Di cui Cessazioni Settori Ateco Iscrizioni Sedi di Impresa 30 GIUGNO 2015 IMPRESE REGISTRATE, ATTIVE, ISCRITTE, CESSATE, CESSATE NON D'UFFICIO COMUNE DI CASTELBOLOGNESE 30 GIUGNO 2015 (1 +2 TRIMESTRE) Comp.% Registrate A Agricoltura, silvicoltura

Dettagli

Camera di Commercio di Caserta. Osservatorio economico provinciale Dinamica imprenditoriale. II trimestre 2015

Camera di Commercio di Caserta. Osservatorio economico provinciale Dinamica imprenditoriale. II trimestre 2015 Camera di Commercio di Caserta Osservatorio economico provinciale Dinamica imprenditoriale 1 II trimestre 2015 Osservatorio economico provinciale Dinamica imprenditoriale II trimestre 2015 2 Camera di

Dettagli

Imprese Roma Capitale

Imprese Roma Capitale 500.000 400.000 Stock di Unità Locali registrate di imprese 421.115 432.125 300.000 Unità Locali registrate +2,6% vs 2015 Unità Locali attive +5,1% vs 2015 200.000 100.000 0 500.000 400.000 300.000 2015

Dettagli

Camera di Commercio di Caserta. Osservatorio economico provinciale Dinamica imprenditoriale. III trimestre 2014 e Gennaio-Settembre 2014

Camera di Commercio di Caserta. Osservatorio economico provinciale Dinamica imprenditoriale. III trimestre 2014 e Gennaio-Settembre 2014 Camera di Commercio di Caserta Osservatorio economico provinciale Dinamica imprenditoriale 1 III trimestre e Osservatorio economico provinciale Dinamica imprenditoriale III trimestre e 2 Camera di Commercio

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI FAENZA. a cura del Servizio Statistica

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI FAENZA. a cura del Servizio Statistica IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI FAENZA a cura del Servizio Statistica SISTEMA IMPRENDITORIALE- 30 GIUGNO ANNO 2015 IMPRESE E UNITA' LOCALI ATTIVE Dati Registro Imprese COM= PREN= PROVIN= Indicatori

Dettagli

Imprenditoria femminile

Imprenditoria femminile Imprenditoria femminile Alla data del 31 dicembre 2012 le imprese femminili 1 annotate al registro imprese della Camera di Commercio di Brindisi sono 8.868 (di cui 7.802 attive) in lieve contrazione rispetto

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 2.536 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (2 trimestre 2011)

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (2 trimestre 2011) Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (2 trimestre 2011) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Luglio 2011 (*) I dati e le informazioni contenute nelle Note di sintesi costituiscono un

Dettagli

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (Media 2016)

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (Media 2016) Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (Media 2016) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Febbraio 2017 (*) I dati e le informazioni contenute nelle Note di sintesi costituiscono un contributo

Dettagli

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole FOCUS ECONOMIA 2016 N. 1 L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole Ufficio Studi e Progetti Speciali - CCIAA Sondrio 1 Le imprese femminili 1 in provincia di Sondrio Le imprese femminili

Dettagli

Provincia di Barletta Andria Trani

Provincia di Barletta Andria Trani Provincia di Barletta Andria Trani IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NELLA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI III TRIMESTRE 2011 A cura di Settore Sviluppo Produttivo, Agricoltura e Aziende agricole Servizio

Dettagli

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (Media 2015)

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (Media 2015) Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (Media 2015) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Febbraio 2016 (*) I dati e le informazioni contenute nelle Note di sintesi costituiscono un contributo

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 2 trimestre 2014

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 2 trimestre 2014 I I I I I Numero attive variazione % DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE estre Alla chiusura del secondo trimestre del le imprese registrate negli archivi anagrafici delle Camere di Commercio lombarde sono

Dettagli

Imprenditoria femminile (dati al 30 giugno 2013)

Imprenditoria femminile (dati al 30 giugno 2013) Imprenditoria femminile (dati al 30 giugno 2013) Alla data del 30 giugno 2013 le imprese femminili 1 annotate al registro imprese della Camera di Commercio di Brindisi sono 8.858 (di cui 7.768 attive)

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 2 trimestre 2017

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 2 trimestre 2017 II III IV II III IV II III IV II III IV II III IV II Numero attive variazione % DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE estre Nel secondo trimestre del le imprese che si sono iscritte alle anagrafi camerali

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Friuli-Venezia Giulia. Nel periodo 2015-2019 il valore aggiunto regionale

Dettagli

Provincia di Barletta Andria Trani

Provincia di Barletta Andria Trani Provincia di Barletta Andria Trani IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NELLA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI II TRIMESTRE 2011 A cura di Settore Sviluppo Produttivo, Agricoltura e Aziende agricole Servizio Promozione

Dettagli

Il sistema produttivo della provincia di Roma

Il sistema produttivo della provincia di Roma Ufficio Studi Il sistema produttivo della provincia di Roma 1 trimestre 2014 Il sistema produttivo della provincia di Roma - n. 1/2014 Il report è realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (III trimestre 2016)

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (III trimestre 2016) Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (III trimestre 2016) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Ottobre 2016 (*) I dati e le informazioni contenute nelle Note di sintesi costituiscono

Dettagli

Liguria. Il Valore aggiunto è espresso in milioni di euro; l Occupazione in migliaia di ULA; la Produttività in migliaia di euro.

Liguria. Il Valore aggiunto è espresso in milioni di euro; l Occupazione in migliaia di ULA; la Produttività in migliaia di euro. Liguria La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Liguria. Nel periodo di previsione il valore aggiunto regionale aumenta del 6,7%, passando

Dettagli

Gli stranieri nell economia bresciana

Gli stranieri nell economia bresciana Gli stranieri nell economia bresciana Rapporto elaborato a cura dell Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Brescia su dati Istat, Infocamere, Movimprese. Brescia, novembre 2014 La popolazione

Dettagli

Regione Sardegna. Agevolazioni alle imprese artigiane. DIREZIONE COMMERCIALE AGEVOLAZIONI, STUDI E RELAZIONI ISTITUZIONALI Cagliari, 10 dicembre 2009

Regione Sardegna. Agevolazioni alle imprese artigiane. DIREZIONE COMMERCIALE AGEVOLAZIONI, STUDI E RELAZIONI ISTITUZIONALI Cagliari, 10 dicembre 2009 Regione Sardegna. Agevolazioni alle imprese artigiane DIREZIONE COMMERCIALE AGEVOLAZIONI, STUDI E RELAZIONI ISTITUZIONALI Cagliari, 10 dicembre 2009 IL NUMERO DELLE IMPRESE ARTIGIANE REGIONE SARDEGNA:

Dettagli

L imprenditoria femminile in provincia di Brescia

L imprenditoria femminile in provincia di Brescia L imprenditoria femminile in provincia di Brescia Rapporto elaborato a cura dell Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Brescia su dati Istat, Infocamere, Movimprese. Brescia, marzo 2015

Dettagli

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE Anno 2016 Regione Marche P.F. Performance e Sistema Statistico La struttura delle imprese La dimensione delle imprese La densità imprenditoriale La dinamica demografica

Dettagli

LO STOCK E LA DINAMICA DELLE

LO STOCK E LA DINAMICA DELLE Ragioneria Generale I Direzione Sistemi informativi di pianificazione e controllo finanziario U.O. Statistica LO STOCK E LA DINAMICA DELLE IMPRESE A ROMA CAPITALE Il sistema produttivo delle imprese nei

Dettagli

GLI STRANIERI NELL ECONOMIA DELLA BRIANZA. A cura del Servizio Studi, statistica e prezzi

GLI STRANIERI NELL ECONOMIA DELLA BRIANZA. A cura del Servizio Studi, statistica e prezzi GLI STRANIERI NELL ECONOMIA DELLA BRIANZA A cura del Servizio Studi, statistica e prezzi Monza, ottobre 2014 Uno sguardo alla popolazione Andamento della popolazione in Brianza Popolazione di cui stranieri

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI FAENZA. a cura del Servizio Statistica

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI FAENZA. a cura del Servizio Statistica IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI a cura del Servizio Statistica Note Salvo diversa indicazione, i dati si riferiscono al dicembre Tasso di natalità: rapporto tra il numero delle iscrizioni nell'anno

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 1 trimestre 2017

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 1 trimestre 2017 II III IV II III IV II III IV II III IV II III IV Numero attive variazione % DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE estre Il primo trimestre dell anno è tradizionalmente caratterizzato da un picco di cessazioni,

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Anno 2015

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Anno 2015 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Anno Le imprese che si sono iscritte alle anagrafi camerali lombarde nel corso del sono 59.130, in leggera crescita rispetto all anno precedente (+0,3%) e in numero superiore

Dettagli

ARSEL Liguria. Agenzia Regionale per i Servizi Educativi e per il Lavoro. Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*)

ARSEL Liguria. Agenzia Regionale per i Servizi Educativi e per il Lavoro. Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) ARSEL Liguria Agenzia Regionale per i Servizi Educativi e per il Lavoro Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (1 trimestre 2014) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Aprile 2014 (*) I

Dettagli

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 30 novembre 2016

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 30 novembre 2016 Ufficio Studi SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 30 novembre 2016 SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 30 novembre 2016 Il report è stato realizzato dall Ufficio Studi della Camera di Commercio di

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE. a cura del Servizio Statistica

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE. a cura del Servizio Statistica IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI a cura del Servizio Statistica Note Salvo diversa indicazione, i dati si riferiscono al dicembre Tasso di natalità: rapporto tra il numero delle iscrizioni nell'anno

Dettagli

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016 Ufficio Studi SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016 SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016 Il report è stato realizzato dall Ufficio Studi della Camera di Commercio di Roma.

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 1 trimestre 2015

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 1 trimestre 2015 II III IV II III IV II III IV II III IV Numero attive variazione % DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE estre Il primo trimestre del registra un saldo pari a -3.035 tra imprese che si sono iscritte alle anagrafi

Dettagli

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE Dati disponibili a luglio 2016 Regione Marche P.F. Sistema Informativo Statistico La struttura delle imprese La dimensione delle imprese La densità imprenditoriale La dinamica

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI CASOLA VALSENIO. a cura del Servizio Statistica

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI CASOLA VALSENIO. a cura del Servizio Statistica IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI a cura del Servizio Statistica Note Salvo diversa indicazione, i dati si riferiscono al dicembre Tasso di natalità: rapporto tra il numero delle iscrizioni nell'anno

Dettagli

LA DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE (dati al I trimestre 2013)

LA DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE (dati al I trimestre 2013) LA DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE (dati al I trimestre ) Nel primo trimestre dell anno il bilancio della nati-mortalità delle imprese provinciali registra -286 unità e un tasso di crescita pari a -0,77%, in

Dettagli

Manifatturiero. I dati congiunturali

Manifatturiero. I dati congiunturali Manifatturiero. I dati congiunturali Andamento della produzione industriale rispetto al trimestre precedente e delle previsioni per il trimestre successivo. Provincia di Reggio Emilia. (differenza tra

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 3 trimestre 2016

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 3 trimestre 2016 II III IV II III IV II III IV II III IV II III IV II III Numero attive variazione % DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE estre Nel terzo trimestre del sono 10.556 le imprese che si sono iscritte alle anagrafi

Dettagli

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015 Ufficio Studi SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015 SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015 Il report è realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Roma.

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

LE IMPRESE IN CAMPANIA ANNO 2012

LE IMPRESE IN CAMPANIA ANNO 2012 GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA AREA GENERALE DI COORDINAMENTO RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA SETTORE ANALISI, PROGETTAZIONE E GESTIONE SISTEMI INFORMATIVI SERVIZIO

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 3 trimestre 2017

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 3 trimestre 2017 II III IV II III IV II III IV II III IV II III IV II III Numero attive variazione % DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE estre Sono 10.168 le imprese che si sono iscritte ai registri delle Camere di Commercio

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI SAVONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI SAVONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2017 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Settembre 2017 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2017 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Settembre 2017 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Settembre 2016 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

Nota di commento ai dati sul movimento anagrafico delle imprese. al

Nota di commento ai dati sul movimento anagrafico delle imprese. al Nota di commento ai dati sul movimento anagrafico delle imprese al 31.12.2016 Fonte: Infocamere - Movimprese Movimprese è l'analisi statistica trimestrale della nati-mortalità delle imprese condotta da

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 maggio 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI ALFONSINE. a cura del Servizio Statistica

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI ALFONSINE. a cura del Servizio Statistica IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI a cura del Servizio Statistica SISTEMA IMPRENDITORIALE- ANNO IMPRESE E UNITA' LOCALI ATTIVE Dati Registro Imprese COM= Indicatori ALFON= SINE PREN= PROVIN= SORIO

Dettagli

STRUTTURA E INCIDENZA DEL SETTORE ARTIGIANO NELL ECONOMIA REGIONALE DELL EMILIA-ROMAGNA

STRUTTURA E INCIDENZA DEL SETTORE ARTIGIANO NELL ECONOMIA REGIONALE DELL EMILIA-ROMAGNA STRUTTURA E INCIDENZA DEL SETTORE ARTIGIANO NELL ECONOMIA REGIONALE DELL EMILIA-ROMAGNA Con 128.994 unità l Emilia-Romagna è la terza regione italiana per numero di artigiane insediate nel proprio territorio.

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: marzo 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

ALLEGATO STATISTICO LECCO

ALLEGATO STATISTICO LECCO Nota informativa N. 1 del 14 febbraio 2011 Analisi congiunturale 4 trimestre 2010 industria, artigianato e commercio ALLEGATO STATISTICO LECCO 1 Provincia di Lecco. Produzione industriale. Variazioni tendenziali

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI RAVENNA. a cura del Servizio Statistica

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI RAVENNA. a cura del Servizio Statistica IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI a cura del Servizio Statistica Note Salvo diversa indicazione, i dati si riferiscono al 3 dicembre Tasso di natalità: rapporto tra il numero delle iscrizioni nell'anno

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 2 trimestre 2015

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE 2 trimestre 2015 II III IV II III IV II III IV II III IV II Numero attive variazione % DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE estre Il secondo trimestre del registra un saldo positivo pari a 5.256 tra imprese che si sono iscritte

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 216 Saldi positivi per giovani e stranieri, in calo le donne Nel 216 il saldo tra iscrizioni e cessazioni di imprese giovanili

Dettagli

Il sistema imprenditoriale I Trimestre 2017

Il sistema imprenditoriale I Trimestre 2017 Il primo trimestre del 2017 ha confermato il trend di crescita della base imprenditoriale della provincia di Reggio Calabria. Rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, infatti, si contano 589

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PESCARA. Attribuzione seggi alle categorie economiche

RINNOVO DEL CONSIGLIO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PESCARA. Attribuzione seggi alle categorie economiche RINNOVO DEL CONSIGLIO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PESCARA Attribuzione seggi alle categorie economiche Contenuti del regolamento sulla composizione dei consigli camerali - D.M. 155/2011 Individuazione

Dettagli

Le imprese attive consistenza, caratteri e dinamiche al 30 giugno 2016

Le imprese attive consistenza, caratteri e dinamiche al 30 giugno 2016 Le imprese attive consistenza, caratteri e dinamiche al 30 giugno 2016 Alla fine di giugno 2016 sono 81.334 le imprese attive in Umbria, il 76,5% (62.257) delle quali localizzate nella provincia di Perugia

Dettagli

Lazio i. Tabella 1. Quadro economico e del mercato del lavoro. Variazione 1 percentuale

Lazio i. Tabella 1. Quadro economico e del mercato del lavoro. Variazione 1 percentuale Lazio i La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Lazio. Nel periodo di previsione il valore aggiunto regionale aumenterà del 4,2%, passando

Dettagli

POPOLAZIONE. Tabella 1 - Distretto di Corte d Appello di Brescia. N di Comuni BRESCIA (BS) Breno, Salò 204

POPOLAZIONE. Tabella 1 - Distretto di Corte d Appello di Brescia. N di Comuni BRESCIA (BS) Breno, Salò 204 POPOLAZIONE Circondari Tabella 1 - Distretto di Corte d Appello di Brescia Codice Tribunale/Circondario Sezioni distaccate N di Comuni BRESCIA (BS) 040300 Breno, Salò 204 BERGAMO (BG) 040200 Clusone, Grumello

Dettagli

1.1 Le imprese nel periodo 2009/2011

1.1 Le imprese nel periodo 2009/2011 1.1 Le imprese nel periodo 2009/2011 L analisi dell andamento demografico delle imprese nel periodo 2009/2011 presenta, a livello nazionale, un quadro di sostanziale staticità: al 31 dicembre 2011 lo stock

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Anno 2014

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Anno 2014 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE LOMBARDE Anno Nel si è arrestata la contrazione del tessuto imprenditoriale lombardo che aveva caratterizzato il biennio precedente: il numero di imprese nei registri camerali

Dettagli

Primi risultati del IX Censimento dell industria e servizi anno 2011

Primi risultati del IX Censimento dell industria e servizi anno 2011 COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Primi risultati del IX Censimento dell industria e servizi anno 2011 Edizione 1/ST/st/07.10.2013

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Marzo 2016 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Toscana REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Toscana REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: marzo 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: marzo 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

Le imprese straniere in Umbria consistenza, caratteri e dinamiche al 31 dicembre 2015

Le imprese straniere in Umbria consistenza, caratteri e dinamiche al 31 dicembre 2015 Le imprese straniere in Umbria consistenza, caratteri e dinamiche al 31 dicembre 2015 Unioncamere Umbria www.umbria.camcom.it segreteria@umbria.camcom.it LE IMPRESE STRANIERE IN UMBRIA Il quadro nazionale

Dettagli

Fare impresa a Catania e in Sicilia. Il contesto di riferimento

Fare impresa a Catania e in Sicilia. Il contesto di riferimento Fare impresa a Catania e in Sicilia Il contesto di riferimento 1 Come effettuare quest analisi? 1. Individuazione e significatività del contesto di riferimento 2. Individuazione di un sistema di indicatori

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VIBO VALENTIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VIBO VALENTIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

Imprenditoria giovanile IV trimestre e consuntivo 2013

Imprenditoria giovanile IV trimestre e consuntivo 2013 Imprenditoria giovanile IV trimestre e consuntivo 3 Natalità e mortalità delle imprese under-35 registrate presso le Camere di Commercio nelle C.C.I.A.A. di Campobasso e Isernia Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

Le imprese femminili 1 in Piemonte

Le imprese femminili 1 in Piemonte Le imprese femminili 1 in Piemonte A fine 2015 le imprese femminili registrate in Italia hanno raggiunto 1.312.451 unità, il 21,7% delle imprese complessivamente censite presso i Registri delle Camere

Dettagli

Imprenditoria giovanile I trimestre 2016

Imprenditoria giovanile I trimestre 2016 Imprentoria giovanile I trimestre 2016 Natalità e mortalità delle imprese under-35 registrate presso la Camera Commercio del Molise Ufficio Stu e Ricerche Giugno 2016 Imprentoria giovanile I trimestre

Dettagli

Imprese. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2015

Imprese. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2015 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 1 marzo 2016 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2015 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI CERVIA. a cura del Servizio Statistica

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI CERVIA. a cura del Servizio Statistica IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI a cura del Servizio Statistica Note Salvo diversa indicazione, i dati si riferiscono al dicembre Tasso di natalità: rapporto tra il numero delle iscrizioni nell'anno

Dettagli

L'imprenditoria femminile in provincia di Brescia anno 2016

L'imprenditoria femminile in provincia di Brescia anno 2016 L'imprenditoria femminile in provincia di Brescia anno 2016 Rapporto elaborato a cura dell Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Brescia su dati Infocamere. Brescia, marzo 2017 LE IMPRESE

Dettagli

OSSERVATORIO ECONOMICO PROVINCIALE

OSSERVATORIO ECONOMICO PROVINCIALE Nota informativa n. 2 del 19 febbraio 2016 Il Registro di Lecco: iscrizioni, cessazioni e stock di imprese lecchesi, lombarde e italiane nel 2015 A cura dell U.O. Studi, Programmazione, Statistica e Osservatori

Dettagli

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere 2 TRIMESTRE 215: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere Nel secondo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili, femminili e straniere ( * ) risultano

Dettagli

Puglia i. Tabella 1. Quadro economico e del mercato del lavoro. Variazione 1 percentuale

Puglia i. Tabella 1. Quadro economico e del mercato del lavoro. Variazione 1 percentuale Puglia i La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Puglia. Nel periodo di previsione il valore aggiunto regionale aumenterà del 6,2%, passando

Dettagli