Torino, Ottobre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Torino, Ottobre 2011"

Transcript

1 per i progetti di gestione degli invasi e per l esecuzione delle operazioni: contenuti ed esperienze di applicazione Servizio tutela e gestione delle risorse idriche, vigilanza sui servizi idrici e gestione delle siccità Direzione generale agenzia regionale del distretto idrografico della Sardegna Presidenza della Regione Torino, Ottobre 2011

2 Sommario Iter di approvazione delle Linee Guida della Regione Sardegna; Contenuti delle Linee Guida; Esperienze di gestione: svaso del bacino artificiale Benzone sul fiume Taloro (Sardegna centrale)

3 Gli invasi artificiali in Sardegna 58 sbarramenti di competenza del Registro Italiano Dighe (Dighe di altezza superiore a 15 metri o che determinano un volume di invaso superiore al di metri cubi)

4 Gli invasi artificiali in Sardegna Censiti 465 sbarramenti di competenza regionale

5 Iter di approvazione delle linee guida Costituzione di un gruppo di lavoro (DGR n. 28/39 del 26 luglio 2007); Approvazione delle linee guida (DGR n. 13/12 del ); Costituzione della struttura tecnica per l istruttoria dei Progetti (Determinazione dei DG dell ambiente e dei lavori pubblici del 4 giugno 2008).

6 Struttura tecnica per l istruttoria dei progetti di gestione Costituita da funzionari di: - Servizio tutela e gestione delle risorse idriche, vigilanza sui servizi idrici e gestione delle siccità - Servizio Infrastrutture L approvazione dei Progetti di gestione avviene con determinazione congiunta dei direttori dei due Servizi

7 Contenuti delle linee guida Classificazione degli invasi e sbarramenti ai fini della predisposizione dei Progetti di Gestione; Norme da applicare agli sbarramenti non soggetti al DM 30 giugno 2004; Procedura di approvazione dei Progetti di Gestione; Contenuti dei Progetti di Gestione; Norme per l esecuzione delle operazioni di svaso, sghiaiamento e sfangamento e per il monitoraggio ambientale; Limiti relativi a solidi sospesi e ossigeno disciolto da rispettare durante le operazioni.

8 Contenuti richiesti dalle linee guida per i progetti di gestione Sostanzialmente quelli del DM 30 giugno 2004 Esplicitati i livelli di approfondimento richiesti nelle descrizioni, elaborazioni e cartografie; Esplicitato il numero di campioni di sedimento da analizzare in funzione delle dimensioni del bacino; Esplicitati i parametri da analizzare nelle matrici acqua e sedimento; Esplicitate le modalità del monitoraggio e i parametri da rilevare prima, durante e dopo le operazioni;

9 Monitoraggi da effettuarsi prima, immediatamente dopo e dopo sei mesi dalle operazioni monitoraggio dei macroinvertebrati nel corso d acqua a valle del bacino nonché a monte dello stesso; analisi della fauna ittica nell invaso e nel corpo idrico a valle dello stesso; rilevamento della struttura dell alveo (sezioni trasversali e granulometria) in almeno 3 sezioni fluviali a valle della diga.

10 Monitoraggi durante le operazioni Le attività di controllo dovranno essere avviate almeno due ore prima dell inizio dello svaso e si concluderanno almeno sei ore dopo la fine delle operazioni I principali parametri da monitorare nel corpo idrico a valle dello sbarramento sono: Portate scaricate solidi sospesi (SST) ossigeno disciolto (DO) I SST e il DO devono essere monitorati in una sezione a distanza compresa tra i 200 e i 500 m a valle dello sbarramento.

11 Limiti da rispettare durante le operazioni

12 Progetti di gestione presentati Invaso Gestore Stato Progetto di gestione operazioni effettuate/previste Bau Mela Enel produzione S.p.A. Richieste integrazioni al progetto di gestione Effettuato disinterrimento straordinario con mezzi meccanici monitoraggio e salvaguardia della fauna ittica Bau Mandara Enel produzione S.p.A. Richieste integrazioni al progetto di gestione Effettuato disinterrimento straordinario con mezzi meccanici Benzone Enel produzione S.p.A. Richieste integrazioni al progetto di gestione Effettuato svaso per esecuzione di manutenzioni urgenti prescritte dal RID Leni Ente acque della Sardegna (ENAS) Richieste integrazioni al progetto di gestione Previste operazioni di svaso per esecuzione di manutenzioni

13 Esperienze di gestione Invaso Benzone, fiume Taloro (ENEL produzione S.p.A.)

14 Esperienze di gestione Invaso Benzone

15 Esperienze di gestione Invaso Benzone

16 Svaso del bacino Benzone volume utile dell invaso m 3 svaso quasi totale del bacino per l esecuzione di interventi di manutenzione alla paratoia dello scarico di fondo; scaricati circa m 3 tramite lo scarico superficie, lo scarico di fondo e l opera di presa; garantito un volume residuo del bacino di circa m 3 Durata delle operazioni dal 26/11 al 30/ Effettuati i monitoraggi prescritti prima, durante, dopo un mese e dopo 6 mesi dall intervento.

17 Prima dell apertura degli scarichi di fondo Dopo l apertura

18 Monitoraggio torbidità/solidi sospesi e ossigeno disciolto Misure un continuo con sonda multiparametrica; Misure con coni Imhoff Campionamenti per la misura dei SST in laboratorio;

19 Torbidità/Solidi sospesi totali

20 % di saturazione in ossigeno (DO%)

21

22 Monitoraggi pre e post operazioni Fauna ittica I.B.E. Struttura dell alveo

23 Monitoraggi pre e post operazioni

24 Monitoraggi pre e post operazioni

25 Link alla pagina informativa sul procedimento Grazie per l attenzione Mario Lorrai Servizio Tutela e gestione delle risorse idriche, vigilanza sui servizi idrici e gestione delle siccità Direzione generale agenzia regionale del distretto idrografico della Sardegna Presidenza della Regione via Roma Cagliari tel

26 Invaso Bau Mela (ENEL produzione S.p.A.)

27 Invaso Bau Mela (ENEL produzione S.p.A.)

28 Invaso Bau Mela (ENEL produzione S.p.A.)

29 Invaso Bau Mandara (ENEL produzione S.p.A.)

30 Invaso Benzone (ENEL produzione S.p.A.)

31 Invaso Leni (ENAS)

32 Invaso Leni (ENAS)

L.R. 11/2015, art. 14 B.U.R. 18/1/2017, n. 3 D.lgs. 152/2006, art DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 gennaio 2017, n. 05/Pres.

L.R. 11/2015, art. 14 B.U.R. 18/1/2017, n. 3 D.lgs. 152/2006, art DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 gennaio 2017, n. 05/Pres. L.R. 11/2015, art. 14 B.U.R. 18/1/2017, n. 3 D.lgs. 152/2006, art. 114 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 gennaio 2017, n. 05/Pres. Regolamento per la procedura di approvazione dei progetti di gestione

Dettagli

ARPAV. Direttore Generale Nicola Dell Acqua. Direttore Tecnico Carlo Terrabujo. Direttore Dipartimento Provinciale di Belluno Rodolfo Bassan

ARPAV. Direttore Generale Nicola Dell Acqua. Direttore Tecnico Carlo Terrabujo. Direttore Dipartimento Provinciale di Belluno Rodolfo Bassan 1 Interventi di manutenzione straordinaria paratoie scarico di superficie laterale diga di Valle di Cadore Relazione sul monitoraggio effettuato da ARPAV dal 26 giugno al 14 luglio 2017 Luglio 2017 2 ARPAV

Dettagli

Redatto da: Ufficio Monitoraggio dello Stato e Supporto Operativo

Redatto da: Ufficio Monitoraggio dello Stato e Supporto Operativo 1 INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PARATOIE SCARICO DI SUPERFICIE LATERALE DIGA DI VALLE DI CADORE RELAZIONE SUL MONITORAGGIO EFFETTUATO DA ARPAV DALL 8 SETTEMBRE ALL 8 NOVEMBRE 2017 Novembre 2017

Dettagli

Diga di Saretto Comune di Acceglio. La gestione di un invaso. ENEL Produzione ing. Barettini San Damiano Macra 18 ottobre 2014

Diga di Saretto Comune di Acceglio. La gestione di un invaso. ENEL Produzione ing. Barettini San Damiano Macra 18 ottobre 2014 Diga di Saretto Comune di Acceglio La gestione di un invaso ENEL Produzione ing. Barettini San Damiano Macra 18 ottobre 2014 Asta del T. Maira Produzione idroelettrica Profilo idraulico Asta del T. Maira

Dettagli

ENEL GREEN POWER S.p.A. Convegno dighe ed invasi Sghiaiamento Rio Freddo

ENEL GREEN POWER S.p.A. Convegno dighe ed invasi Sghiaiamento Rio Freddo ENEL GREEN POWER S.p.A Convegno dighe ed invasi Sghiaiamento Rio Freddo Sghiaiamento invaso di Rio Freddo M. Fumagalli Dati caratteristici diga Diga a volta centrale a doppia curvatura impostata su due

Dettagli

MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI SUPERFICIALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI. Monitoraggio gestione invasi: proposte ed esperienze

MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI SUPERFICIALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI. Monitoraggio gestione invasi: proposte ed esperienze Giornate di Studio Piani di monitoraggio ambientale: strategie, indicatori, criticità 10-11 dicembre 2014 Bologna MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI SUPERFICIALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI Monitoraggio

Dettagli

Progetto di Piano di gestione del rischio di alluvioni Repertorio delle grandi dighe

Progetto di Piano di gestione del rischio di alluvioni Repertorio delle grandi dighe PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLA SARDEGNA Progetto di Piano di gestione del rischio di alluvioni Repertorio delle grandi dighe Allegato n.11 alla Deliberazione del Comitato Istituzionale

Dettagli

Gestione Invasi in Emilia-Romagna

Gestione Invasi in Emilia-Romagna Gestione Invasi in Emilia-Romagna Sandra Monducci Camilla Iuzzolino Giornate di Studio PIANI DI MONITORAGGIO AMBIENTALE Strategie, Indicatori, Criticità Bologna 10-11 Dicembre 2014 Centro Italiano Studi

Dettagli

PROGETTO ORDINARIO USO DELL ACQUA E SALVAGUARDIA AMBIENTALE E DELLA BIODIVERSITÀ NEI BACINI DI ADDA, MERA, POSCHIAVINO E INN AZIONE 3

PROGETTO ORDINARIO USO DELL ACQUA E SALVAGUARDIA AMBIENTALE E DELLA BIODIVERSITÀ NEI BACINI DI ADDA, MERA, POSCHIAVINO E INN AZIONE 3 I T A L I A PROGRAMMA DI COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA ITALIA S V I Z Z E R A 2007-2013 SVIZZERA PROGETTO ORDINARIO USO DELL ACQUA E SALVAGUARDIA AMBIENTALE E DELLA BIODIVERSITÀ NEI BACINI DI ADDA, MERA,

Dettagli

La DGR 138/2006 L esperienza della Regione del Veneto

La DGR 138/2006 L esperienza della Regione del Veneto Convegno Esperienze di gestione ottimale dei sedimenti per gli invasi idroelettrici 31 Maggio 2012 Venezia La DGR 138/2006 L esperienza della Regione del Veneto Tiziano Pinato Barbara De Fanti L oggetto

Dettagli

Art. 61. Competenze delle regioni

Art. 61. Competenze delle regioni Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (artt. 61, 114 e 133) Norme in materia ambientale [Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 88 del 14-04-2006] Art. 61 Competenze delle

Dettagli

Lucca, Autorità di Bacino del fiume Serchio

Lucca, Autorità di Bacino del fiume Serchio Sperimentazione sugli effetti dei rilasci dagli sbarramenti Enel Lucca, Autorità di Bacino del fiume Serchio 30.04.2009 2 Presentazione Mario Lagorio URS Italia S.p.A. Società multinazionale di consulenza

Dettagli

Monitoraggio, controllo e valutazioni ambientali sulle risorse idriche dei bacini idrografici di Salto e Turano

Monitoraggio, controllo e valutazioni ambientali sulle risorse idriche dei bacini idrografici di Salto e Turano Riserva Naturale Monte Navegna e Monte Cervia Lega Navale Italiana Delegazione del Turano I LAGHI COME RISORSA PER LO SVILUPPO DELLE VALLI DEL SALTO E DEL TURANO Condividiamo le conoscenze per elaborare

Dettagli

L Autorità di vigilanza e controllo sulle Grandi Dighe : Modifiche dell assetto istituzionale

L Autorità di vigilanza e controllo sulle Grandi Dighe : Modifiche dell assetto istituzionale Torino, Giornata mondiale dell acqua 20-3-2009 Associazione Idrotecnica Italiana Incontro di studio La sicurezza dei serbatoi artificiali e dei territori La sicurezza idraulica delle dighe e dei territori

Dettagli

DIRETTIVA 2000/60/CE ARPA VENETO PIANO DI MONITORAGGIO

DIRETTIVA 2000/60/CE ARPA VENETO PIANO DI MONITORAGGIO DIRETTIVA 2000/60/CE ARPA VENETO PIANO DI MONITORAGGIO 2010 2012 Francesca Ragusa Settore Acque - Direzione Tecnica - ARPAV UDINE, 26 aprile 2010 RETICOLO IDROGRAFICO DI RIFERIMENTO Vengono considerati

Dettagli

Bologna, 11 dicembre Clara Bravi, Regione Lombardia - Pietro Genoni, ARPA Lombardia

Bologna, 11 dicembre Clara Bravi, Regione Lombardia - Pietro Genoni, ARPA Lombardia 1 Il progetto di gestione - obiettivi Pianificazione ed attuazione delle operazioni di gestione del materiale sedimentato nell invaso (svaso, sfangamento, spurgo). Assicurare il mantenimento e ripristino

Dettagli

Ing. Andrea Di Grazia Autorità di Bacino del Fiume Serchio

Ing. Andrea Di Grazia Autorità di Bacino del Fiume Serchio Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) III INCONTRO PUBBLICO Criticità e alternative di intervento per la Macroarea 2 Basso Corso

Dettagli

ENEL PRODUZIONE ESPERIENZE DI GESTIONE E SPUNTI DI RIFLESSIONE

ENEL PRODUZIONE ESPERIENZE DI GESTIONE E SPUNTI DI RIFLESSIONE ENEL PRODUZIONE ESPERIENZE DI GESTIONE E SPUNTI DI RIFLESSIONE F.Fornari - Responsabile ICI SNO G. Barettini - Responsabile UB CN/EAS M. Sciolla Responsabile UB CN ENEL Idroelettrico in Piemonte 19 8 1

Dettagli

PROGETTAZIONE COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEGLI SBARRAMENTI DI COMPETENZA REGIONALE. Applicazione normativa D.P.R. 1363/ Legge 584/94, art.

PROGETTAZIONE COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEGLI SBARRAMENTI DI COMPETENZA REGIONALE. Applicazione normativa D.P.R. 1363/ Legge 584/94, art. giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA_(pag.01_pag.08) alla Dgr n. 1722 del 16 giugno 2009 pag. 1/22 PROGETTAZIONE COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEGLI SBARRAMENTI DI COMPETENZA REGIONALE Applicazione normativa

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI DI GESTIONE DEGLI INVASI E PER L ESECUZIONE DELLE OPERAZIONI

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI DI GESTIONE DEGLI INVASI E PER L ESECUZIONE DELLE OPERAZIONI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 13/12 del 4.3.2008 LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI DI GESTIONE DEGLI INVASI E PER L ESECUZIONE DELLE OPERAZIONI Decreto Legislativo

Dettagli

Torrente Tavollo 117

Torrente Tavollo 117 117 Torrente Tavollo Torrente Tavollo TIl monitoraggio del torrente Tavollo, nell arco del 2003, porta alla definizione di uno Stato Ecologico del Corso d Acqua (SECA) di classe 4 nella stazione Tavollo

Dettagli

Piano di Laminazione statica preventivo dell invaso della diga di Maccheronis sul rio Posada in Comune di Torpè (Direttiva P.C.M.

Piano di Laminazione statica preventivo dell invaso della diga di Maccheronis sul rio Posada in Comune di Torpè (Direttiva P.C.M. Allegato C alla Delib.G.R. n. 63/13 del 25.11.2016 Piano di Laminazione statica preventivo dell invaso della diga di Maccheronis sul rio Posada in Comune di Torpè (Direttiva P.C.M. 27/02/2004) ART. 1 (Disposizioni

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 Oggetto: Utilizzo per uso idroelettrico delle acque del bacino artificiale del Fiume Liscia ai sensi dell art. 166 del D. Lgs 152/2006. Richiedente: Consorzio

Dettagli

Verso il 2015: stato e prospettive nella gestione dell acqua in Emilia-Romagna

Verso il 2015: stato e prospettive nella gestione dell acqua in Emilia-Romagna Verso il 2015: stato e prospettive nella gestione dell acqua in Emilia-Romagna WORKSHOP Settore Industriale e Produzione Energia Bologna, 26 giugno 2014 Arch. Sandra Monducci DG Ambiente, difesa del suolo

Dettagli

Invaso Trinità (TP): prima classificazione dello stato ecologico in base al DM n. 260/2010.

Invaso Trinità (TP): prima classificazione dello stato ecologico in base al DM n. 260/2010. Invaso Trinità (TP): prima classificazione dello stato ecologico in base al DM n. 260/. Il recente Regolamento recante i criteri tecnici per la classificazione dello stato dei corpi idrici superficiali,

Dettagli

Carta dei servizi. Acqua

Carta dei servizi. Acqua Carta dei servizi Acqua L acqua rappresenta una delle risorse più importanti della Lombardia ed il suo impiego riguarda gli usi potabili, industriali, agricoli, idroelettrici e ricreativi. La Lombardia

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 DELIBERAZIONE 7 gennaio 2019, n. 14

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 DELIBERAZIONE 7 gennaio 2019, n. 14 16.1.2019 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 DELIBERAZIONE 7 gennaio 2019, n. 14 Approvazione del Disciplinare tecnico amministrativo per la predisposizione, approvazione ed attuazione

Dettagli

Gli invasi Artificiali e la gestione. Angelo Felli

Gli invasi Artificiali e la gestione. Angelo Felli Gli invasi Artificiali e la gestione Angelo Felli ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale Ing. Angelo Felli 11 Febbraio 2013 1 Parte prima: Ing. Paola Galliani Invasi artificiali,

Dettagli

SINTESI ATTIVITA 1 E 2 ANNO

SINTESI ATTIVITA 1 E 2 ANNO DIPARTIMENTO POLITICHE DELL AMBIENTE ING. LUIGI GUGLIUZZI DIREZIONE ESECUTIVA DEL CONTRATTO ING. LAURA CUNDARI MONITORAGGIO QUALI-QUANTITATIVO DEI CORPI IDRICI SUPERFICIALI E SOTTERRANEI DELLA REGIONE

Dettagli

Visto il decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 152, e successive modifiche ed integrazioni;

Visto il decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 152, e successive modifiche ed integrazioni; Decreto del Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio 30 giugno 2004 Criteri per la redazione del progetto di gestione degli invasi, ai sensi dell articolo 40, comma 2, del decreto legislativo

Dettagli

COMITATO ISTITUZIONALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA SARDEGNA

COMITATO ISTITUZIONALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA SARDEGNA Direzione generale agenzia regionale del distretto idrografico della Sardegna COMITATO ISTITUZIONALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 2 DEL 8 AGOSTO 217 Programmazione risorse idriche

Dettagli

Einführung - Introduzione

Einführung - Introduzione Einführung - Introduzione Invasi: Sedimenti e progetto di gestione Stauanlagen: Ablagerungen und Führungsprojekt Prad am Stilfserjoch - Prato allo Stelvio Ing. Arturo Magno Finalità del progetto di gestione

Dettagli

50 MILIONI PER LE DIGHE

50 MILIONI PER LE DIGHE DIREZIONE GENERALE DEI LAVORI PUBBLICI Fondo di Sviluppo e Coesione 2014-2020. Patto per lo Sviluppo della Regione Sardegna Linea d Azione 2.2.1 50 MILIONI PER LE DIGHE Deliberazione della Giunta Regionale

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 Oggetto: Misure di salvaguardia a tutela del bacino idrografico del fiume Tirso e dell invaso dell Omodeo - definizione di valori limite di emissione per le sostanze

Dettagli

Cristina Borlandelli *, Erika Lorenzi, Pietro Genoni

Cristina Borlandelli *, Erika Lorenzi, Pietro Genoni Biologia Ambientale, 31: 281-288 (2017) Ruolo di supporto tecnico-scientifico di ARPA Lombardia nella redazione e applicazione delle Direttive regionali per i Progetti di Gestione degli invasi Cristina

Dettagli

Azione 5: Progettazione di interventi di miglioramento degli habitat fluviali. Relatore: Ing. Massimo Sartorelli

Azione 5: Progettazione di interventi di miglioramento degli habitat fluviali. Relatore: Ing. Massimo Sartorelli Azione 5: Progettazione di interventi di miglioramento degli habitat fluviali Relatore: Ing. Massimo Sartorelli Sondrio, 15 marzo 2012 RIPRISTINO DELL ECOCOMPATIBILIT ECOCOMPATIBILITÀ DEL TRATTO FINALE

Dettagli

RASSEGNA STAMPA ANBI VENETO TESTATE:

RASSEGNA STAMPA ANBI VENETO TESTATE: RASSEGNA STAMPA ANBI VENETO TESTATE: 7 LUGLIO 2017 UFFICIO COMUNICAZIONE ANBI VENETO comunicazione@anbiveneto.it OGGI NOTIZIE SU: Consorzio/Pag. 1 2 3 4 5 6 Veronese Adige Po Delta del Po Alta Pianura

Dettagli

Il ruolo della Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE nel raggiungimento del Buono Stato Ambientale dell ambiente marino

Il ruolo della Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE nel raggiungimento del Buono Stato Ambientale dell ambiente marino Il ruolo della Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE nel raggiungimento del Buono Stato Ambientale dell ambiente marino M.C. Mignuoli¹, C. Vendetti¹, M. Barile¹, G. Scanu² 1 Assistenza tecnico-specialistica

Dettagli

Il Sistema Idrico della Sardegna

Il Sistema Idrico della Sardegna Corso di Gestione delle Risorse Idriche Il Sistema Idrico della Sardegna Riccardo Zucca Introduzione SASSARI NUORO Clima mediterraneo: - estati: calde e poco piovose - inverni : miti e piovosi con sporadiche

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 99 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 99 del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 99 del 30-8-2016 43989 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 4 agosto 2016, n. 1268 Acque superficiali destinate alla produzione di acqua potabile. Conformità

Dettagli

Fiume Marecchia e torrente Ausa

Fiume Marecchia e torrente Ausa Fiume Marecchia e torrente Ausa Fiume Marecchia Lo Stato Ecologico del Corso d Acqua (SECA) è risultato nel 2003 di classe 3 per le prime due stazioni a monte (Marecchia 1 e 2) e di classe 4 nelle stazioni

Dettagli

Caratterizzazione ecologica dei principali bacini artificiali dell Alto Adige

Caratterizzazione ecologica dei principali bacini artificiali dell Alto Adige Abteilung 29. Landesagentur für Umwelt Amt 29.9 Biologisches Labor Ripartizione 29. Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.9 Laboratorio biologico Laboratorio biologico - A.p.p.A Bolzano - Caratterizzazione

Dettagli

Le derivazioni: effetti sull ambiente

Le derivazioni: effetti sull ambiente Implementazione della direttiva quadro sulle acque. II Approfondimento tecnico: l uso idroelettrico delle acque nel distretto del fiume Serchio Lucca 30 aprile 2009 Le derivazioni: effetti sull ambiente

Dettagli

Diga di Poverella (lago del Savuto)

Diga di Poverella (lago del Savuto) Diga di Poverella (lago del Savuto) PIANO OPERATIVO SPECIFICO SVASO ANNO 2013 PERIODO DI SVASO E ATTIVITA Lo svaso è stato programmato per una durata di circa 30 giorni nel periodo 15 ottobre 15 dicembre

Dettagli

ARPA Sezione di Rimini

ARPA Sezione di Rimini Livello di Inquinamento da Macrodescrittori Il L.I.M. risulta di Livello 3 (punteggio complessivo 180) e pur risultando superiore rispetto ai valori degli ultimi due anni, si può comunque considerare in

Dettagli

Piano di Tutela delle Acque aprile Primo Forum di partecipazione pubblica

Piano di Tutela delle Acque aprile Primo Forum di partecipazione pubblica Piano di Tutela delle Acque 2016 8 aprile 2016 - Primo Forum di partecipazione pubblica Daniela Gerbaz, Sara Isabel, Silvia Piovano, Valeria Roatta, Luciana Vicquéry Ruolo centrale delle comunità biologiche

Dettagli

Individuazione cartografica e caratteristiche tecniche delle opere multisettoriali da trasferire all Enas in prima applicazione della L.R.

Individuazione cartografica e caratteristiche tecniche delle opere multisettoriali da trasferire all Enas in prima applicazione della L.R. REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEI LAVORI PUBBLICI Ente acque della Sardegna Individuazione cartografica e caratteristiche tecniche delle opere multisettoriali da trasferire all Enas in prima

Dettagli

10 IL BACINO DEL TORRENTE TAVOLLO

10 IL BACINO DEL TORRENTE TAVOLLO 10 IL BACINO DEL TORRENTE TAVOLLO Pagina 94 10.1 GENERALITÀ Il bacino del torrente Tavollo è incuneato fra quelli del Ventena e del Foglia. Il bacino del torrente Tavollo ha una superficie complessiva

Dettagli

FORMAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE DELLE ACQUE ai sensi della Direttiva 2000/60/CE 1 Forum divulgativo 31/03/2009

FORMAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE DELLE ACQUE ai sensi della Direttiva 2000/60/CE 1 Forum divulgativo 31/03/2009 FORMAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE DELLE ACQUE ai sensi della Direttiva 2000/60/CE 1 Forum divulgativo 31/03/2009 Autorità di bacino Pilota del Fiume Serchio Prof. Raffaello Nardi Segretario Generale Autorità

Dettagli

Una grande opera in chiave di prevenzione per il controllo delle piene nel territorio varesino:

Una grande opera in chiave di prevenzione per il controllo delle piene nel territorio varesino: Una grande opera in chiave di prevenzione per il controllo delle piene nel territorio varesino: la diga del Fiume Olona MACROSETTORE SICUREZZA E PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI VARESE Dirigente: Dott.

Dettagli

Le analisi chimiche dell acqua del fiume Padrongianus Scienze Integrate Chimica

Le analisi chimiche dell acqua del fiume Padrongianus Scienze Integrate Chimica Le analisi chimiche dell acqua del fiume Padrongianus Scienze Integrate Chimica Nell ambito del Progetto relativo all esame dell ecosistema costituito dal Parco Fluviale del Padrongianus sono stati coinvolti

Dettagli

OPERAZIONI DI SVASO DI SERBATOI IN PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

OPERAZIONI DI SVASO DI SERBATOI IN PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO I. s. per la programmazione di Protezione Civile Servizio Utilizzazione delle acque pubbliche Dott. Ing. Andrea RUBIN PEDRAZZO Dott. Ing. Marco TOMASINI OPERAZIONI DI SVASO DI SERBATOI IN PROVINCIA AUTONOMA

Dettagli

Progetto INHABIT Lo stato dell implementazione della WFD in Sardegna quadro conoscitivo e necessità di approfondimento

Progetto INHABIT Lo stato dell implementazione della WFD in Sardegna quadro conoscitivo e necessità di approfondimento Presidenza Direzione generale agenzia regionale del distretto idrografico della Sardegna Servizio tutela e gestione delle risorse idriche, vigilanza sui servizi idrici e gestione delle siccità Progetto

Dettagli

MPAs facing pollution in the Mediterranean: thinking beyond boundaries - 28 Nov / 1st Dec Izola, Slovenia

MPAs facing pollution in the Mediterranean: thinking beyond boundaries - 28 Nov / 1st Dec Izola, Slovenia Alessandro Cadeddu Regione Autonoma della Sardegna - Direzione generale agenzia regionale del distretto idrografico della Sardegna - Servizio tutela e gestione delle risorse idriche, vigilanza sui servizi

Dettagli

Visto il Decreto Legislativo 2 Gennaio 2018, n. 1 Codice della protezione civile pubblicato sulla G.U. n. 17 del 22/01/2018 ed in particolare:

Visto il Decreto Legislativo 2 Gennaio 2018, n. 1 Codice della protezione civile pubblicato sulla G.U. n. 17 del 22/01/2018 ed in particolare: REGIONE PIEMONTE BU12 22/03/2018 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2018, n. 25-6549 Approvazione delle modalita' funzionali ed organizzative per il supporto tecnico alle componenti istituzionali

Dettagli

DOCUMENTI DI PROTEZIONE CIVILE (DPC) PIANO DI EMERGENZA (PED)

DOCUMENTI DI PROTEZIONE CIVILE (DPC) PIANO DI EMERGENZA (PED) Regione Molise I Dipartimento della Presidenza della Giunta Regionale Servizio di Protezione Civile Ing. Sergio Di Pilla Campobasso, 14 marzo 2017 La pianificazione d emergenza in materia di dighe si compone

Dettagli

ALLEGATO AL PUNTO 50 a, b

ALLEGATO AL PUNTO 50 a, b Tratta AV / AC Milano Verona Lotto Funzionale Brescia - Verona R ID_ VIP: 2854 Procedura di VIA Speciale (ex artt. 166,167 comma 5 e 183 del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii.) Progetto Definitivo opere in variante

Dettagli

Convegno pubblico ENERGIA DALL ACQUA IN MONT AGNA: costi e benefici

Convegno pubblico ENERGIA DALL ACQUA IN MONT AGNA: costi e benefici ENERGIA IDROELETTRICA Convegno pubblico SALTO IDRAULICO PORTATA D ACQUA prelievo di acque ad alte quote; grandi volumi di acqua accumulati in posizioni strategiche ; sfruttamento dei salti idraulici con

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE. N in data

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE. N in data ASSESSORATO OPERE PUBBLICHE, TERRITORIO ED EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE, RISORSE IDRICHE E TERRITORIO OPERE IDRAULICHE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE N. 3114 in data 31-05-2019

Dettagli

Progetto HyMoCARES Gestione dei sedimenti e servizi ecosistemici. Stefano Tettamanti Provincia Autonoma di Trento Servizio Bacini montani

Progetto HyMoCARES Gestione dei sedimenti e servizi ecosistemici. Stefano Tettamanti Provincia Autonoma di Trento Servizio Bacini montani Progetto HyMoCARES Gestione dei sedimenti e servizi ecosistemici Stefano Tettamanti Provincia Autonoma di Trento Servizio Bacini montani Nuove strategie di uso plurimo degli invasi e riqualificazione e

Dettagli

PROGETTO ORDINARIO USO DELL ACQUA E SALVAGUARDIA AMBIENTALE E DELLA BIODIVERSITÀ NEI BACINI DI ADDA, MERA, POSCHIAVINO E INN

PROGETTO ORDINARIO USO DELL ACQUA E SALVAGUARDIA AMBIENTALE E DELLA BIODIVERSITÀ NEI BACINI DI ADDA, MERA, POSCHIAVINO E INN PROGRAMMA DI COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA ITALIA I T A L I A S V I Z Z E R A 2007-2013 SVIZZERA PROGETTO ORDINARIO USO DELL ACQUA E SALVAGUARDIA AMBIENTALE E DELLA BIODIVERSITÀ NEI BACINI DI ADDA, MERA,

Dettagli

INDICE. Bacino dei fiumi della pianura tra Livenza e Piave I

INDICE. Bacino dei fiumi della pianura tra Livenza e Piave I Bacino dei fiumi della pianura tra Livenza e Piave I INDICE 4 - RETI DI MONITORAGGIO ISTITUITE AI FINI DELL ARTICOLO 8 E DELL ALLEGATO V DELLA DIRETTIVA 2000/60/CE E STATO DELLE ACQUE SUPERFICIALI, DELLE

Dettagli

I fiumi. La scienza che si occupa di studiare le acque di superficie si chiama idrologia

I fiumi. La scienza che si occupa di studiare le acque di superficie si chiama idrologia I fiumi La scienza che si occupa di studiare le acque di superficie si chiama idrologia I corsi d acqua rappresentano la fase terrestre del ciclo dell acqua I corsi d acqua sono masse d acqua che fluiscono

Dettagli

SERBATOI ARTIFICIALI DEL SISTEMA IDRICO MULTISETTORIALE DELLA SARDEGNA INDICATORI DI STATO PER IL MONITORAGGIO E IL PREALLARME DELLA SICCITÀ

SERBATOI ARTIFICIALI DEL SISTEMA IDRICO MULTISETTORIALE DELLA SARDEGNA INDICATORI DI STATO PER IL MONITORAGGIO E IL PREALLARME DELLA SICCITÀ DIREZIONE GENERALE AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA SERBATOI ARTIFICIALI DEL SISTEMA IDRICO MULTISETTORIALE DELLA SARDEGNA INDICATORI DI STATO PER IL MONITORAGGIO E IL PREALLARME

Dettagli

SERBATOI ARTIFICIALI DEL SISTEMA IDRICO MULTISETTORIALE DELLA SARDEGNA INDICATORI DI STATO PER IL MONITORAGGIO E IL PREALLARME DELLA SICCITÀ

SERBATOI ARTIFICIALI DEL SISTEMA IDRICO MULTISETTORIALE DELLA SARDEGNA INDICATORI DI STATO PER IL MONITORAGGIO E IL PREALLARME DELLA SICCITÀ DIREZIONE GENERALE AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA SERBATOI ARTIFICIALI DEL SISTEMA IDRICO MULTISETTORIALE DELLA SARDEGNA INDICATORI DI STATO PER IL MONITORAGGIO E IL PREALLARME

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI CORSI D ACQUA INTERESSATI DA IMPIANTI IDROELETTRICI

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI CORSI D ACQUA INTERESSATI DA IMPIANTI IDROELETTRICI Dipartimento Provinciale di Belluno Via F. Tomea, 5 32100 Belluno Italy Tel. +39 0437 935511 Fax +39 0437 30340 e-mail: dapbl@arpa.veneto.it PEC: dapbl@pec.arpav.it LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 39/32 DEL

DELIBERAZIONE N. 39/32 DEL Oggetto: Verifica della capacità di laminazione per l invaso della diga di Is Barrocus sul Fiume Fluminimannu in Comune di Isili (Direttiva P.C.M. 27/2/2004). Il Vicepresidente della Regione, d'intesa

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE DELLE ACQUE CICLO 2015-2021 (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo 152/06, L. 13/09) ELENCO ELABORATI ALLA RELAZIONE GENERALE Tav.1. Inquadramento territoriale Tav.2. Aggiornamento

Dettagli

Acqua Aspetti qualitativi della risorsa acqua: applicazione in Italia della Direttiva WFD 2000/60CE.

Acqua Aspetti qualitativi della risorsa acqua: applicazione in Italia della Direttiva WFD 2000/60CE. Aspetti qualitativi della risorsa acqua: applicazione in Italia della Direttiva WFD 2000/60CE. In questi ultimi 30 anni la normativa italiana sulla risorsa idrica ha subito una progressiva evoluzione passando

Dettagli

Determinazione n. DN3 /42 del 10/03/2008 IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO

Determinazione n. DN3 /42 del 10/03/2008 IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO Determinazione n. DN3 /42 del 10/03/2008 REGIONE ABRUZZO DIREZIONE PARCHI TERRITORIO AMBIENTE ENERGIA SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI OGGETTO: Rettifica Determinazione Dirigenziale n. DN3/05 del 17.01.2008 IL

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 Oggetto: Attività di cui alla deliberazione n. 1 del 21.01.2016 del Comitato Istituzionale dell Autorità di Bacino: Programmazione risorse idriche annualità 2018

Dettagli

La gestione della diga del Brugneto Evento alluvionale del

La gestione della diga del Brugneto Evento alluvionale del La gestione della diga del Brugneto Evento alluvionale del 14-09-2015 Cerignale (PC) Contratto fiume Trebbia Ing. Marco De Giovanni (Gruppo Iren) GRANDI DIGHE Una diga è uno sbarramento permanente su un

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 39/33 DEL

DELIBERAZIONE N. 39/33 DEL Oggetto: Verifica della capacità di laminazione per l invaso della diga di Genna Is Abis sul Fiume Cixerri nei Comuni di Uta e Villaspeciosa (Direttiva P.C.M. 27/2/2004). Il Vicepresidente della Regione,

Dettagli

USO DELL ACQUA E SALVAGUARDIA AMBIENTALE E DELLA BIODIVERSITÀ NEI BACINI DI ADDA, MERA, POSCHIAVINO E INN

USO DELL ACQUA E SALVAGUARDIA AMBIENTALE E DELLA BIODIVERSITÀ NEI BACINI DI ADDA, MERA, POSCHIAVINO E INN USO DELL ACQUA E SALVAGUARDIA AMBIENTALE E DELLA BIODIVERSITÀ NEI BACINI DI ADDA, MERA, POSCHIAVINO E INN PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Sondrio, 15 marzo 2012 Dr. Gaetano Gentili LO STRUMENTO AREA DI PROGETTO:

Dettagli

IMPIANTI IDROELETTRICI RAPPORTO ANNUALE SULL ATTIVITA ISTRUTTORIA E DI MONITORAGGIO DEL DIPARTIMENTO PROVINCIALE ARPAV DI BELLUNO

IMPIANTI IDROELETTRICI RAPPORTO ANNUALE SULL ATTIVITA ISTRUTTORIA E DI MONITORAGGIO DEL DIPARTIMENTO PROVINCIALE ARPAV DI BELLUNO IMPIANTI IDROELETTRICI RAPPORTO ANNUALE SULL ATTIVITA ISTRUTTORIA E DI MONITORAGGIO DEL DIPARTIMENTO PROVINCIALE ARPAV DI BELLUNO 2017 Realizzato a cura di: A.R.P.A.V. Dipartimento Provinciale di Belluno

Dettagli

Verifica della capacità di laminazione dell invaso di Pedra e Othoni sul Fiume Cedrino in Comune di Dorgali (Direttiva P.C.M.

Verifica della capacità di laminazione dell invaso di Pedra e Othoni sul Fiume Cedrino in Comune di Dorgali (Direttiva P.C.M. Allegato C alla Delib.G.R. n. 30/12 del 20.6.2017 Tavolo Tecnico di cui all articolo 50 Piani di laminazione delle Norme di Attuazione del PAI, integrate con la deliberazione del Comitato Istituzionale

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/11 DEL

DELIBERAZIONE N. 30/11 DEL Oggetto: Approvazione per i successivi adempimenti del Piano speditivo di Laminazione Statica preventivo dell invaso della diga di Monteleone Roccadoria sul fiume Temo in Comune di Monteleone Roccadoria

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 ottobre 2016

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 ottobre 2016 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 ottobre 2016 Approvazione del secondo Piano di gestione delle acque del distretto idrografico della Sardegna. (17A00641) (GU n.25 del 31-1-2017) IL

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 36/10 DEL

DELIBERAZIONE N. 36/10 DEL Oggetto: Diga Sant Antonio sul Rio Gutturu Mannu nei Comuni di Uta e Assemini (archivio nazionale dighe n. 702). Art. 30 R.D. 1775/33. Dismissione della diga. L Assessore dei Lavori Pubblici riferisce

Dettagli

Le Competenze della Provincia di Lucca in Materia di Produzione di ENERGIA Idroelettrica e le scelte strategiche per un uso sostenibile della risorsa

Le Competenze della Provincia di Lucca in Materia di Produzione di ENERGIA Idroelettrica e le scelte strategiche per un uso sostenibile della risorsa Argomenti trattati Riferimenti normativi Classificazione Impianti Idroelettrici Sicurezza degli Invasi Sicurezza Idraulica/Statica La Gestione della Risorsa/ La Gestione dell Invaso Produzione Idroelettrica

Dettagli

E presente il Segretario Generale dell Autorità di Bacino Ing. Maurizio Cittadini.

E presente il Segretario Generale dell Autorità di Bacino Ing. Maurizio Cittadini. COMITATO ISTITUZIONAE DEIBERAZIONE N. 2 DE 07.05.2014 Oggetto: Utilizzo per uso idroelettrico delle acque del bacino artificiale del Fiume iscia ai sensi dell art. 166 del D. gs 152/2006. Richiedente:

Dettagli

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ADEGUAMENTO

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ADEGUAMENTO LINEE GUIDA PER I PIANI DI ADEGUAMENTO Valido per il CRITERIO n. 1 e 2 (da consegnare entro il 7 agosto 2006) 1. DESCRIZIONE DELLA DERIVAZIONE IN ATTO 1.1 Inquadramento geografico della derivazione in

Dettagli

SEGRETERIA DELLA GIUNTA REGISTRO SEDUTE DEL 20/06/2017

SEGRETERIA DELLA GIUNTA REGISTRO SEDUTE DEL 20/06/2017 Assessorato proponente: PRESIDENZA 1 30601 PIANO DI AZIONE COESIONE (PAC), MODIFICA E AGGIORNAMENTO DELLE SCHEDE PILASTRO II E III AFFERENTI ALLA PROGETTAZIONE DI SVILUPPO LOCALE (PISL) ED AL SETTORE DELLE

Dettagli

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI Copertura: regionale Periodicità: annuale www. arpa.veneto.it Rapporto di sintesi sugli andamenti dei principali parametri oceanografici e meteo-marini delle

Dettagli

Monitoraggio Laguna di Orbetello Relazione mensile su dati rilevati dalle centraline di Laguna Levante e Laguna Ponente.

Monitoraggio Laguna di Orbetello Relazione mensile su dati rilevati dalle centraline di Laguna Levante e Laguna Ponente. Report ARPAT Monitoraggio Laguna di Orbetello Relazione mensile su dati rilevati dalle centraline di Laguna Levante e Laguna Ponente. Agosto 2014 Dipartimento provinciale ARPAT di Grosseto 1 Introduzione

Dettagli

Verifica della capacità di Laminazione dell invaso di Genna Is Abis sul Fiume Cixerri nei Comuni di Uta e Villaspeciosa (Direttiva P.C.M.

Verifica della capacità di Laminazione dell invaso di Genna Is Abis sul Fiume Cixerri nei Comuni di Uta e Villaspeciosa (Direttiva P.C.M. Allegato alla Delib.G.R. n. 39/33 del 31.7.2018 Tavolo Tecnico di cui all articolo 50 Piani di laminazione delle Norme di Attuazione del PAI, integrate con la deliberazione del Comitato Istituzionale n.

Dettagli

Torrente Ventena Stato Ecologico del Corso d Acqua SECA SECA SECA Indice Biotico Esteso IBE Livello di Inquinamento da Macrodescrittori LIM LIM COD

Torrente Ventena Stato Ecologico del Corso d Acqua SECA SECA SECA Indice Biotico Esteso IBE Livello di Inquinamento da Macrodescrittori LIM LIM COD Torrente Ventena Torrente Ventena Nel 2003, il monitoraggio del torrente Ventena ha denotato per la stazione 1 un passaggio dello Stato Ecologico del Corso d Acqua (SECA) da una classe 5 ad una classe

Dettagli

IL FIUME: solo acqua che scorre?????

IL FIUME: solo acqua che scorre????? RIFLESSIONI SULLA QUALITA AMBIENTALE DEI FIUMI MISA E NEVOLA CONTRATTO DIFIUME Senigallia 20 marzo 2017 IL FIUME: solo acqua che scorre????? Il FIUME è ACQUA in movimento.....ma la CORRENTE che alimenta

Dettagli

INDICE. Bacino del Livenza I

INDICE. Bacino del Livenza I Bacino del Livenza I INDICE 4 - RETI DI MONITORAGGIO ISTITUITE AI FINI DELL ARTICOLO 8 E DELL ALLEGATO V DELLA DIRETTIVA 2000/60/CE E STATO DELLE ACQUE SUPERFICIALI, DELLE ACQUE SOTTERRANEE E DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza

COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza.. N. 116 REGISTRO DELIBERAZIONI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE... OGGETTO: ISTITUZIONE DI AREA DI PESCA REGOLAMENTATA NEL TORRENTE ARDA L

Dettagli

Indicatore Trofico Fiumi

Indicatore Trofico Fiumi Indicatore Trofico Fiumi 2010-2017 Contesto di riferimento Il territorio regionale del Lazio contiene un ampia e diversificata varietà di ambienti fluviali, che spaziano dai territori degli apparati vulcanici

Dettagli

6 METODOLOGIA qualità chimico-fisica

6 METODOLOGIA qualità chimico-fisica 6 METODOLOGIA Si è ritenuto opportuno considerare e valutare in maniera non dettagliata anche l intero bacino, soprattutto tramite dati esistenti, per ottenere un quadro generale e andare, così, oltre

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 DEL

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 DEL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 DEL 08.08.2017 Oggetto: Rimodulazione della Deliberazione del Comitato Istituzionale n. 1 del 17.05.2017. Richiesta integrazioni volumi irrigui Consorzio di Bonifica

Dettagli

D.L. 6 dicembre 2011, n. 201

D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 Decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con legge 22 dicembre 2011, n. 214 (c.d. Decreto Monti - art. 43) Disposizioni urgenti per la crescita, l equità e il consolidamento dei conti pubblici

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI ASPETTI ECOLOGICI E NORMATIVA PER IL CONTROLLO E MONITORAGGIO DELLE ACQUE CORRENTI: CONFRONTO TRA

Dettagli

7 IL BACINO DEL FIUME MARANO

7 IL BACINO DEL FIUME MARANO 7 IL BACINO DEL FIUME MARANO Pagina 61 7.1 GENERALITÀ Il bacino del torrente Marano sfocia nel Mare Adriatico al confine fra i comuni di Rimini e Riccione, ed è compreso fra i bacini del Melo, del Conca

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELLE ACQUE DESTINATE ALLA VITA DEI PESCI (art. 85 D. Lgs. 152/2006 e s.m.i.) ANNO 2017

MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELLE ACQUE DESTINATE ALLA VITA DEI PESCI (art. 85 D. Lgs. 152/2006 e s.m.i.) ANNO 2017 SINTESI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELLE ACQUE DESTINATE ALLA TA DEI PESCI (art. 85 D. Lgs. 152/2006 e s.m.i.) ANNO 2017 Il individua, tra le acque superficiali a specifica destinazione funzionale, le

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLE PRIME RETI DI MONITORAGGIO IN FRIULI VENEZIA GIULIA

PROGETTAZIONE DELLE PRIME RETI DI MONITORAGGIO IN FRIULI VENEZIA GIULIA PROGETTAZIONE DELLE PRIME RETI DI MONITORAGGIO IN FRIULI VENEZIA GIULIA Prima rete di monitoraggio: punto di partenza per la progettazione futura Giornate di Studio PIANI DI MONITORAGGIO AMBIENTALE Strategie,

Dettagli

Individuazione cartografica e caratteristiche tecniche delle opere multisettoriali da trasferire all Enas in prima applicazione della L.R.

Individuazione cartografica e caratteristiche tecniche delle opere multisettoriali da trasferire all Enas in prima applicazione della L.R. REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEI LAVORI PUBBLICI Ente acque della Sardegna Individuazione cartografica e caratteristiche tecniche delle opere multisettoriali da trasferire all Enas in prima

Dettagli