Tutolo, sottoprodotto del mais per uso energetico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutolo, sottoprodotto del mais per uso energetico"

Transcript

1 CARATTERISTICHE QUALI-QUANTITATIVE DAL CAMPO ALLA TRINCEA Tutolo, sottoprodotto del mais per uso energetico di M. Blandino, M. Calcagno, C. Ferrero, C. Fabbri, C. Vanzetti, A. Reyneri Il mais è la coltura di maggiore interesse come fonte di biomassa per impieghi energetici nel Nord Italia. Per questo con l aumento degli impianti a biogas nel settore agrozootecnico è fortemente cresciuta l attenzione alla raccolta e alla valorizzazione dei sottoprodotti, nell ottica di aumentare il reddito ottenibile dalla maiscoltura a beneficio delle aziende agricole. In particolare, il recupero del solo tutolo, senza brattee o parti di stocco, fornisce un materiale suscettibile di diversi utilizzi che, a differenza degli altri sottoprodotti, non compromette in modo significativo né il reintegro della sostanza organica nel terreno né il sistema produttivo del mais da granella. Finora l impiego del tutolo era vincolato all uso delle ormai obsolete spannocchiatrici. Viceversa, Capac (Consorzio agricolo piemontese per agroforniture e cereali), in collaborazione con un azienda esperta nella progettazione e costruzione di macchine agri- Nella filiera produttiva del mais da granella il tutolo è un sottoprodotto che ha mostrato caratteristiche molto interessanti per il suo reimpiego nella digestione anaerobica: alti livelli di emicellulose e cellulosa, bassi tenori in ceneri e lignina, potenziale energetico di 250 Nm 3 CH 4 /t s.v. cole e con il contributo della Regione Piemonte (progetto Enercob), ha realizzato e messo a punto un attrezzatura idonea alla raccolta e allo sminuzzamento dei tutoli simultaneamente alla mietitrebbiatura della granella di mais (vedi approfondimento a pag. 14). Grazie ai positivi risultati ottenuti, nel 2013 la raccolta dei tutoli ha raggiunto dimensioni importanti, dell ordine di qualche migliaio di ettari, favorendo così lo sviluppo di una filiera locale volta alla loro valorizzazione in impianti di digestione anaerobica, consentendo al contempo anche un miglioramento della sostenibilità ambientale del settore. Il recupero del tutolo rappresenta, quindi, una strategia alternativa che permette di sfruttare e valorizzare la coltura del mais senza penalizzarne gli impieghi tradizionali. In questo articolo sono riassunte le principali informazioni agronomiche e produttive del tutolo in relazione alla produzione di granella, nonché considerazioni sulle modalità di conservazione. Produzione di tutoli in campo Ai fini di un impiego ottimale dei tutoli e per una corretta valutazione del valore economico occorre poter effettuare previsioni attendibili sul livello di produzione di sostanza secca a scala aziendale e territoriale. Per questo sono stati parametrizzati la produzione e l umidità dei tutoli (incognita) a quelli della granella (conosciuta e ordinariamente misurata). In tabella 1 sono riportati il valore medio, minimo e massimo dei para- 11

2 BIOGAS TABELLA 1 - Parametri produttivi medi di tutolo e granella da campioni sperimentali di mais (campagna 2012) Parametro Media Minimo Massimo Peso medio spiga tal quale ( Peso medio tutolo tal quale ( Produzione granella (14% umidità) (t/ha) 15,1 7,8 19,1 Produzione tutoli tal quale (t/ha) 3,0 1,8 4,1 Produzione tutoli s.s. (t/ha) 1,9 1,3 2,4 Lunghezza tutolo (cm) Rapporto tutolo tal quale/granella ( 1 ) (%) 18,7 12,2 35,2 Rapporto tutolo secco/granella ( 2 ) (%) 11,6 6,7 25,6 Umidità granella (%) 24,6 17,6 42,5 Umidità tutolo (%) 41,8 21,1 63,9 TABELLA 2 - Parametri produttivi medi di tutolo e granella da raccolta in pieno campo (campagna 2012) Parametro Media Produzione granella (13% umidità) (t/ha) 11,6 Produzione tutoli tal quale (t/ha) 1,64 Rapporto tutolo tal quale/granella ( 1 ) (%) 14,1 Umidità granella (%) 24,3 Dati riferiti alla trebbiatura utilizzando il prototipo munito di kit per la raccolta e la trinciatura dei tutoli di campi aziendali raccolti nel 2012 nei principali areali maidicoli piemontesi. ( 1 ) Rapporto percentuale tra la produzione in tutolo tal quale e la produzione di granella espressa al 13% di umidità. La produzione di tutolo trinciato è risultata mediamente pari a 1,6 t/ha tal quale, a fronte di una produzione di granella media di 11,6 t/ha. Dati riferiti a campioni prelevati a mano in campi aziendali e sperimentali realizzati in Piemonte. I dati misurati si riferiscono a prelievi manuali di spighe in campo e successiva sgranatura in laboratorio e non a trebbiature meccaniche. ( 1 ) Rapporto percentuale tra la produzione in tutolo tal quale e la produzione di granella espressa al 14% di umidità. ( 2 ) Rapporto percentuale tra la produzione in tutolo secco e la produzione di granella espressa al 14% di umidità. In media il tutolo rappresenta il 15% del peso di una spiga di mais alla raccolta; pertanto, a fronte di una produzione media di circa 15 t/ha di granella, è attesa una raccolta potenziale di 3 t/ha di tutolo (42% di umidità). La conservazione del tutolo può essere effettuata mediante insilamento nelle trincee aziendali, in miscela a strati sovrapposti con trinciato di mais o sorgo metri produttivi di granella e tutoli valutati su campioni prelevati manualmente in parcelle sperimentali, rappresentativi di differenti condizioni ambientali e agronomiche, monitorate nel corso di tutta la campagna di raccolta In media il tutolo rappresenta il 15% del peso di una spiga di mais alla raccolta. Pertanto, a fronte di una produzione media di circa 15 t/ha di granella, è attesa una raccolta potenziale di 3 t/ha di tutolo (al 42% di umidità, rispetto a un umidità media della granella alla raccolta del 24,6%). Dalle prove condotte nel 2012 in pieno campo utilizzando la mietitrebbiatrice dotata di kit (tabella 2), la produzione di tutolo trinciato è risultata mediamente pari a circa 1,6 t/ha tal quale, a fronte di una produzione di granella media di 11,6 t/ha. La relazione tra umidità della granella e umidità del tutolo, se si escludono i pochi casi di raccolte effettuate con umidità della granella superiori al 34% o inferiori al 19%, assume un andamento lineare (grafico 1) ed è pertanto possibile risalire all umidità del tutolo misurando quella della granella alla raccolta con un accettabile accuratezza. Composizione e potere metanigeno I tutoli raccolti nelle diverse condizioni sono stati sottoposti ad analisi chimiche al fine di valutare la loro composizione e, in definitiva, il loro potere metanigeno (tabella 3). Le frazioni fibrose rappresentano complessivamente oltre l 85% della sostanza secca del tutolo: più in dettaglio le emicellulose, frazione fibrosa facilmente utilizzabile dai microrganismi, sono circa il 40%; le cellulose, utilizzabili in digestione anaerobica ma con tempi più lunghi, sono il 29% circa; infine, la lignina, rappresenta circa il 16%. Il contenuto proteico è di poco superiore al 3% e i lipidi sono praticamente assenti. Il contenuto in ceneri è ridotto così come quello in potassio se confrontato con prodotti di tessuto vegetale attivo e fotosintetizzante. Il potenziale metanigeno (BMP, acronimo inglese di Biochemical methane potential) è stato misurato nei laboratori del Crpa di Reggio Emilia: mediamente la resa in biogas dei tutoli freschi è risultata pari a 481 ± 39 Nm 3 /t s.v. (solidi volatili) con una percentuale di metano del 52 ± 0,7%, che si traduce in una resa di 250 ± 20 Nm 3 /t s.v. Rapportando la produzione in metano al contenuto di solidi volatili si deduce che la resa in metano è pari a 146 ± 8 Nm 3 /t t.q., equivalente a un rapporto con silomais standard (SMeq) pari a 1,32 ± 0,08 t/t. Rispetto alla produzione di granella, la produzione areica e la composizione dei tutoli di mais è meno influenzata dalle tecniche agronomiche adottate (epoca di semina e raccolta, concimazioni, trattamenti di difesa). Tra le condizioni agronomiche che possono condizionare maggiormente la produzione in tutoli ci sono l investimento colturale o il manifestarsi di condizioni di stress nutrizionali. Confrontando ambienti di coltivazione, ibridi e percorsi agronomici, si è evidenziato che la composizione del tutolo è assai più stabile di quella degli insilati di mais integrale e in genere di 12 supplemento a L Informatore Agrario 43/2013

3 GRAFICO 1 - Relazione tra umidità della granella alla raccolta e umidità del tutolo Umidità tutolo (%) Umidità granella (%) La relazione tra umidità della granella e umidità del tutolo assume un andamento lineare ed è pertanto possibile risalire all umidità del tutolo misurando quella della granella alla raccolta con un accettabile accuratezza. TABELLA 3 - Composizione media e potenziale metanigeno del tutolo di mais confrontato con silomais Parametro Tutolo Fresco Silomais Sostanza secca (%) 60,87 ± 5,48 31,89 ± 0,41 NDF g s.s.) 85,93 ± 3,86 40,24 ± 10,8 ADF g s.s.) 45,48 ± 2,05 25,08 ± 0,64 ADL g s.s.) 16,59 ± 5,36 4,97 ± 1,83 Azoto totale g s.s.) 0,56 ± 0,11 1,24 ± 0,01 Proteine totali g s.s.) 3,37 ± 0,68 7,44 ± 0,058 Ceneri g s.s.) 2,44 ± 0,94 5,13 ± 0,60 Lipidi g s.s.) 0,68 ± 0,25 3,86 ± 1,11 Carbonio organico (mg/kg s.s.) ± ± P (mg/kg s.s.) 7.273,64 ± 1.620, ,50 ± 414,83 K (mg/kg s.s.) 735,51 ± 245, ,52 ± 256,15 Mg (mg/kg s.s.) 496,11 ± 134,99 Fe (mg/kg s.s.) 119,37 ± 29,80 Si g s.s.) 0,58 ± 0,6 ph 5,31 ± 0,77 3,74 ± 0,02 BMP (Nm 3 CH 4 /t s.v.) 250 ± ± 18 I valori riportati si riferiscono alla media di 27 campioni ± la deviazione standard. I dati di silomais si riferiscono a campioni insilati relativi alla campagna 2012 prelevati presso la Cooperativa Speranza e analizzati dallo stesso laboratorio. Le emicellulose, frazione fibrosa facilmente utilizzabile dai microrganismi, sono circa il 40% della sostanza secca del tutolo. altri prodotti impiegati per alimentare i digestori anaerobici, costituiti da importanti frazioni di parti vegetative (foglie, stocchi) soggette a processi rapidi di senescenza, e questo facilita il suo inserimento nella razione. Conservazione L impiego dei tutoli di mais per uso energetico nei biodigestori non può prescindere dagli aspetti di conservazione, essendo la raccolta concentrata nel periodo autunnale in un arco di tempo di circa giorni, mentre l utilizzo potenziale è distribuito nel corso dell anno. Per la conservazione del tutolo trinciato, che proviene dal campo con un umidità compresa tra 25 e 60%, l insilamento è la migliore soluzione. Le analisi effettuate su campioni di tutoli soggetti a diversi sistemi di conservazione in trincea, in silobag e in rotoballe fasciate con materiale plastico hanno verificato che i tutoli mantengono le loro caratteristiche nutritive pressoché inalterate. In media, le diverse modalità di conservazione hanno determinato un abbassamento del ph di circa un punto (da 5,3 a 4,2) in seguito all attacco dei carboidrati fermentescibili a opera dei batteri lattici. Le variazioni a carico delle componenti fibrose sono risultate minime, così come quelle relative a proteine e lipidi. L insilamento del tutolo nelle trincee aziendali può essere effettuato miscelando a strati sovrapposti il trinciato di mais di secondo raccolto. Presso la Cooperativa Speranza (Candiolo, Torino) è stata realizzata una trincea co-insilando tutoli e trinciato di mais (300 t di prodotto complessivo). Tutte le operazioni di compattamento e copertura sono state effettuate con la tradizionale organizzazione del cantiere di insilamento. Con il desilamento della trincea è stato possibile campionare, in funzione dello spessore dello strato, il tutolo trinciato in purezza o in miscela con il silomais a circa il 50%. In miscela con il silomais i tutoli presentano, come atteso, un minor ph e maggiori contenuti di acido lattico e acetico rispetto al campione prelevato nello strato di tutoli in purezza (tabella 4). Conclusioni Il campionamento e l analisi di tutoli prelevati in diversi contesti ambientali e colturali mettono in evidenza come questo sottoprodotto della coltivazione del mais da granella risulti poco influenzato in termini produttivi e di composizione dalle condizioni di coltivazione. Il tutolo, costituito essenzialmente da emicellulose e cellulosa, con basse percentuali di lignina e ceneri, si conferma quindi un materiale dotato di un ottimo potenziale energetico (circa 250 ± 20 Nm 3 CH 4 /t s.v.), con vantaggi nel caso di impiego in impianti di digestione anaerobica connessi al modesto tenore in azoto e alla riduzione dei volumi del digestato dovuto all elevato tenore in sostanza secca. Il prodotto conferito all azienda utilizzatrice può essere impiegato con diverse modalità: fresco durante il periodo della raccolta, insilato con trinciati di cereali disponibili nel periodo della raccolta o insilato in purezza. continua a pag

4 BIOGAS RACCOLTA E SMINUZZAMENTO DEI TUTOLI Lo sviluppo progettuale e l applicazione del sistema di raccolta dei tutoli sono avvenuti su una mietitrebbiatrice di serie dotata di battitore a rotore assiale e senza scuotipaglia. Questi gli elementi implementati: modifiche interne alla mietitrebbiatrice per separare i tutoli dagli altri residui di raccolta e trebbiatura; un kit di nuova concezione applicato alla parte posteriore della mietitrebbiatrice e formato essenzialmente da: un frantumatore regolabile per lo sminuzzamento dei tutoli; un cassone di stivaggio dei tutoli durante la raccolta, dotato di capacità tale da non richiedere svuotamenti più frequenti di quelli necessari per la granella; un sistema di scarico dei tutoli nei mezzi di trasporto. La potenza e il movimento degli organi del kit (dispositivo di sminuzzamento, coclee, sistemi pneumatici) derivano dal motore di serie della mietitrebbiatrice attraverso trasmissioni a cinghie e un impianto idraulico indipendente. La mietitrebbiatrice equipaggiata con il kit è conforme alle norme italiane di circolazione su strada e di sicurezza europee. La sagoma e i pesi della macchina non ne compromettono la maneggevolezza rispetto al modello di serie. Grazie al cassone di stivaggio dei tutoli durante la raccolta non necessita della presenza di rimorchi trainati o affiancati alla mietitrebbiatrice. Le prove hanno dimostrato che l operatività della mietitrebbiatrice non è stata penalizzata in modo significativo dalla raccolta simultanea di tutoli e granella. Lo svuotamento del cassone contenente i tutoli richiede tempi superiori del 25-30% rispetto a quelli di scarico della granella, tuttavia la possibilità di svuotamento contemporaneo dei due prodotti consente di ottimizzare i tempi di fermata connessi a queste operazioni. Misure effettuate durante la raccolta e il trasporto hanno per- messo di verificare una densità media dei tutoli freschi sminuzzati pari a 200 kg/m 3. Il trasporto dei tutoli dopo la raccolta è avvenuto normalmente in due fasi: su carri agricoli dal campo a un deposito temporaneo prossimo alla zona di raccolta; da quest ultimo al luogo di utilizzo su autoarticolati di grande volume (95 m 3 ) dotati di pavimento mobile per agevolarne lo scarico. La ridotta pezzatura dei tutoli sminuzzati durante la raccolta ne ha consentito l utilizzo diretto, senza necessità di ulteriori trattamenti di macinazione. Le misurazioni effettuate hanno evidenziato che circa il 21% del materiale raccolto ha una pezzatura inferiore a 5,5 mm, il 28% tra 5,5 e 10 mm, il 46% tra 10 e 20 mm; la frazione più grossolana, comunque inferiore ai 30 mm, rappresenta il 4%. La presenza di brattee sfilacciate con lunghezza superiore a 30 mm sono risultate mediamente intorno all 1% in peso. Le produzioni di tutoli riscontrate in campo con l utilizzo del kit sono state mediamente pari a 1,6 t/ha e variabili da poco più di 1 t/ha a quasi 2 t/ha, a seconda delle situazioni colturali e dell efficienza del sistema di raccolta (perdite di campo medie del 20%). La messa a punto dell attrezzatura è il risultato di un compromesso tra la quantità di tutoli raccolti e la presenza di «impurità» costituite soprattutto da brattee. Il sistema di raccolta e sminuzzamento dei tutoli è stato realizzato da Agricinque di Racca (Marene in provicnia di Cuneo) con la collaborazione di Capac. Foto A Mietitrebbiatrice in campo. Nella parte posteriore della macchina è visibile il kit per la raccolta dei tutoli Foto B Scarico simultaneo di tutoli (a destra) e di granella (a sinistra) Foto C La possibilità di scarico contemporaneo della granella e dei tutoli consente di ridurre i tempi morti della mietitrebbiatura B A C 14 supplemento a L Informatore Agrario 43/2013

5 segue da pag. 13 A seconda delle quantità di prodotto che l azienda ritiene opportuno ritirare e della dimensione impiantistica che ne permette l utilizzo, le tre modalità di gestione possono essere applicate con diversa intensità singolarmente o in contemporanea. L elevato contenuto in fibre e il basso contenuto in proteine e lipidi, inoltre, permette una buona capacità di conservazione sia in miscela con silomais sia in purezza. Infine, da un punto di vista della fertilità dei terreni agrari nel medio-lungo periodo, è importante sottolineare che l asporto del solo tutolo, a differenza di quanto avviene imballando gli stocchi, permette un ritorno importante di residui, tale da sostenere nel medio e lungo periodo il mantenimento della quota fondamentale di sostanza organica nel suolo. Inoltre, l apporto della sostanza organica recalcitrante derivante dal digestato prodotto con il tutolo può migliorare significativamente l arricchimento dei terreni. TABELLA 4 - Conservazione dei tutoli a strati alternati al trinciato di mais in trincea Tutoli in trincea ( 1 )ph lattico acetico propionico In definitiva, la filiera di recupero del tutolo di mais per l uso in impianti di digestione anaerobica, analizzata nel progetto di ricerca, ha messo in evidenza ottime performance produttive sotto l aspetto del recupero di sostanza organica e della riduzione dell utilizzazione di terreni agricoli, garantendo al contempo un integrazione di reddito per i cerealicoltori. D altra parte, le possibili alternative di utilizzazione del butirrico Strato in purezza 4,6 0,11 0,36 <0,01 <0,01 Strato in miscela 4,1 1,23 1,35 0,27 0,04 Significatività *** *** *** *** *** Parametri contrassegnati dall asterisco indicano differenze statisticamente significative (* < 0,05; ** < 0,01; *** < 0,001; n.s. non significativo). ( 1 ) I dati riportati si riferiscono all insilamento di tutoli in trincea di silomais. Il confronto è operato tra un campione prelevato dal fronte della trincea su uno strato di tutoli in purezza (10-15 cm di altezza), rispetto a campioni prelevati da strati di tutoli di ridotto spessore e miscelati al silomais. In miscela con il silomais i tutoli presentano un minor ph e maggiore contenuto in acido lattico e acetico rispetto al campione prelevato nello strato di tutoli in purezza. BIOGAS tutolo hanno impatti ambientali e costi energetico-economici che possono differire notevolmente e pertanto la messa a punto del modello organizzativo è fondamentale per garantire il successo della filiera. Massimo Blandino Matteo Calcagno, Amedeo Reyneri Dipartimento di scienze agrarie, forestali e alimentari Università di Torino Carlo Ferrero Capac, Consorzio agricolo piemontese per agroforniture e cereali soc. coop. agr. Claudio Fabbri Crpa, Reggio Emilia Carlo Vanzetti Cooperativa agricola Speranza Progetto di ricerca Enercob - Iniziativa svolta e finanziata nell ambito del Programma di sviluppo rurale FEASR Sfide «Health Check» della Regione Piemonte. Per commenti all articolo, chiarimenti o suggerimenti scrivi a: 15

Qualità delle biomasse di sorgo e triticale e rese in biogas

Qualità delle biomasse di sorgo e triticale e rese in biogas Incontro tecnico Sorgo e triticale da biomassa Qualità e rese energetiche Mercoledì 18 marzo 2015 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 Reggio Emilia di sorgo e triticale e rese in biogas Claudio

Dettagli

Ottimizzare l uso del Digestato in Campo: l approccio integrato utilizzando le analisi del terreno

Ottimizzare l uso del Digestato in Campo: l approccio integrato utilizzando le analisi del terreno Mirko Bracchitta PIONEER HI-BRED ITALIA Key Energy - Rimini 7 Novembre 2013 Ottimizzare l uso del Digestato in Campo: l approccio integrato utilizzando le analisi del terreno Digestato: una risorsa rinnovabile

Dettagli

Biogas, potenziale energetico dei cereali autunno-vernini

Biogas, potenziale energetico dei cereali autunno-vernini TESTATE DAL CRPA 19 VARIETÀ DI TRITICALE, 5 DI FRUMENTO E 5 DI ORZO IBRIDO Biogas, potenziale energetico dei cereali autunno-vernini NELLE PROVE, condotte nel 2013 e 2014, l orzo ibrido raccolto nello

Dettagli

il sorgo da biomassa e la barbabietola metanigena: il loro impiego nella digestione anaerobica

il sorgo da biomassa e la barbabietola metanigena: il loro impiego nella digestione anaerobica il sorgo da biomassa e la barbabietola metanigena: il loro impiego nella digestione anaerobica Prof. R. Giovanardi Dott. M. Sandonà Conselve (PD) 9 ottobre 2012 PREMESSA La veloce evoluzione del comparto

Dettagli

LA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO

LA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO LA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO COME COLTURA DEDICATA PER IL BIOGAS M. Caliceti G. Ciuffreda L. Rossi G. Bellettato Attualità della ricerca nel settore delle energie rinnovabili Ancona 17 dicembre 2010 Chi

Dettagli

VALORIZZAZIONE DEI COPRODOTTI FOGLIE E COLLETTI DELLA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS IN FERMENTATORI ANAEROBICI

VALORIZZAZIONE DEI COPRODOTTI FOGLIE E COLLETTI DELLA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS IN FERMENTATORI ANAEROBICI VALORIZZAZIONE DEI COPRODOTTI FOGLIE E COLLETTI DELLA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS IN FERMENTATORI ANAEROBICI Marco Silvagni Coordinatore Agricolo Eridania Sadam Minerva Nicola

Dettagli

Colture energetiche: prospettive produttive e utilizzo agronomico del digestato. Verona, 5 Febbraio 2009

Colture energetiche: prospettive produttive e utilizzo agronomico del digestato. Verona, 5 Febbraio 2009 Colture energetiche: prospettive produttive e utilizzo agronomico del digestato Verona, 5 Febbraio 2009 Biogas: 5 anni di sperimentazione in Italia MAIS Dal 2005 abbiamo iniziato la sperimentazione in

Dettagli

Gino Magni Bracchitta Mirko Pioneer hi-bred Italia. Le buone conoscenze agronomiche per un biogas fatto bene

Gino Magni Bracchitta Mirko Pioneer hi-bred Italia. Le buone conoscenze agronomiche per un biogas fatto bene Gino Magni Bracchitta Mirko Pioneer hi-bred Italia Le buone conoscenze agronomiche per un biogas fatto bene Biogas in Italia: un settore ancora in crescita 700 600 500 400 300 200 100 0 Numero impianti

Dettagli

BIOGAS DA COPRODOTTI DELLA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO E DA BIETOLA METANIGENA

BIOGAS DA COPRODOTTI DELLA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO E DA BIETOLA METANIGENA BIOGAS DA COPRODOTTI DELLA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO E DA BIETOLA METANIGENA Giuseppe Ciuffreda Sviluppo ed evoluzione della filiera del biogas/biometano La valorizzazione dei energetica di sottoprodotti

Dettagli

Pretrattare la biomassa migliora la digestione

Pretrattare la biomassa migliora la digestione BIOGAS I VANTAGGI DELLA CAVITAZIONE CONTROLLATA Pretrattare la biomassa migliora la digestione di Claudio Fabbri, Sergio Piccinini Il processo di digestione anaerobica consiste, come noto, in primo luogo

Dettagli

Tecniche di insilamento ottimali e sottoprodotti

Tecniche di insilamento ottimali e sottoprodotti 11 INFOBiogas Palaexpo, Verona 11 marzo 2015 Tecniche di insilamento ottimali e sottoprodotti Giorgio Borreani Dip. di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DISAFA) Università degli Studi di Torino

Dettagli

Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali - CRPA SpA

Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali - CRPA SpA Milano 21 giugno 2012 Sezione AMBIENTE ed ENERGIA il CRPA per le imprese Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali - CRPA SpA CCRPA Lab in sintesi Un ramo aziendale di CRPA dedicato alle imprese

Dettagli

Valutazione delle rese energetiche dei sottoprodotti: utilizzo di analisi e BMP Claudio Fabbri

Valutazione delle rese energetiche dei sottoprodotti: utilizzo di analisi e BMP Claudio Fabbri WORKSHOP SINERGIE Esperienze Condivise Mercoledì 16 marzo 2016 Valutazione delle rese energetiche dei sottoprodotti: utilizzo di analisi e BMP Claudio Fabbri Potenziale metanigeno effettivo Il potenziale

Dettagli

Le proposte di assistenza tecnica per la valorizzazione del allevamento della Piemontese

Le proposte di assistenza tecnica per la valorizzazione del allevamento della Piemontese L allevamento semibrado della razza Piemontese: un allevamento ecosostenibile Asti, 14 novembre 215 Le proposte di assistenza tecnica per la valorizzazione del allevamento della Piemontese Daniele Giaccone

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Piano di concimazione

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Piano di concimazione ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Piano di concimazione 22 maggio 2012 Introduzione Piano di concimazione N, P 2 O 5 e K 2 O Quanto sarà presentato è stato sviluppato basandosi sulle linee guida previste dal

Dettagli

IL SORGO DI KWS 1) IL SORGO CRESCE: COLTURA SOSTENIBILE PER COLTIVAZIONI A BASSO INPUT COLTURALE

IL SORGO DI KWS 1) IL SORGO CRESCE: COLTURA SOSTENIBILE PER COLTIVAZIONI A BASSO INPUT COLTURALE IL SORGO DI KWS 1) IL SORGO CRESCE: COLTURA SOSTENIBILE PER COLTIVAZIONI A BASSO INPUT COLTURALE Come produrre la massima energia per ettaro Come produrre un buon sorgo Gli ibridi KWS per il 2014 COME

Dettagli

Un po di sorgo per interrompere la monosuccessione di mais negli allevamenti zootecnici

Un po di sorgo per interrompere la monosuccessione di mais negli allevamenti zootecnici Parte la difesa integrata obbligatoria (Direttiva CE 128/09): La sperimentazione a supporto delle aziende agricole 19-02 02-20142014 Un po di sorgo per interrompere la monosuccessione di mais negli allevamenti

Dettagli

BIOGAS: OPPORTUNITA PER IL MAIS ITALIANO

BIOGAS: OPPORTUNITA PER IL MAIS ITALIANO BIOGAS: OPPORTUNITA PER IL MAIS ITALIANO Dott. Agr. Ivan Furlanetto San Donà di Piave, 26 Gennaio 2017 Che cos è il Biogas? Il biogas è una miscela di gas prodotti dalla fermentazione batterica in anaerobiosi

Dettagli

LE BIOMASSE UTILI ALLA PRODUZIONE DI BIOMETANO

LE BIOMASSE UTILI ALLA PRODUZIONE DI BIOMETANO LE BIOMASSE UTILI ALLA PRODUZIONE DI BIOMETANO Giovanni Fecondo, Paola Tano, Sabina Bucciarelli, Donato Civitella, Elvio Di Paolo Co.T.Ir (Consorzio Tecniche Irrigue) Pescara 26 Giugno 2012 BIOMETANO Il

Dettagli

Esperienze sulla conservazione delle Energy Beet

Esperienze sulla conservazione delle Energy Beet Esperienze sulla conservazione delle Energy Beet G. Ciuffreda ENERGY BEET, SORGO E TRITICALE - NUOVE COLTURE COMPLEMENTARI AL MAIS PER MIGLIORARE LE RESE IN BIOGAS Conselve kws - 9 ottobre 2012 CHI È BETA

Dettagli

Dal tutolo nel digestore rese in metano molto buone

Dal tutolo nel digestore rese in metano molto buone RILIEVI EFFETTUATI IN DUE IMPIANTI DI BIOGAS NEL TORINESE Dal nel digestore rese in metano molto buone di C. Fabbri, M. Soldano, C. Vanzetti, A. Oddenino La Cooperativa agricola Speranza di Candiolo (Torino)

Dettagli

Valore fertilizzante del digestato da fermentatori anaerobici

Valore fertilizzante del digestato da fermentatori anaerobici Valore fertilizzante del digestato da fermentatori anaerobici Marco Negri, Tommaso Maggiore Dipartimento di Produzione Vegetale Sez. Agronomia Università degli Studi di Milano ANIMALI EFFLUENTE = DIGESTATO

Dettagli

Giornata dimostrativa La fertirrigazione con il digestato Azienda Sperimentale Tadini, Gariga di Podenzano (PC), 27 luglio 2010

Giornata dimostrativa La fertirrigazione con il digestato Azienda Sperimentale Tadini, Gariga di Podenzano (PC), 27 luglio 2010 Giornata dimostrativa La fertirrigazione con il digestato Azienda Sperimentale Tadini, Gariga di Podenzano (PC), 27 luglio 2010 IL DIGESTATO Caratteristiche e norme per l'uso agronomico Lorella Rossi Centro

Dettagli

Erbai di foraggere e cereali autunno-vernini: tecniche di raccolta e insilamento

Erbai di foraggere e cereali autunno-vernini: tecniche di raccolta e insilamento Obbiettivo qualità dei foraggi e insilati - Padova 26 febbraio 2014 Erbai di foraggere e cereali autunno-vernini: tecniche di raccolta e insilamento Giorgio Borreani ed Ernesto Tabacco Dip. di Scienze

Dettagli

Produzione di biometano: i vantaggi dell inserimento del sorgo in avvicendamento con il mais

Produzione di biometano: i vantaggi dell inserimento del sorgo in avvicendamento con il mais SEMINARI PSR DIABROTICA: La gestione integrata Produzione di biometano: i vantaggi dell inserimento del sorgo in avvicendamento con il mais Romano Giovanardi, Marco Sandonà Veneto Agricoltura -Corte Benedettina

Dettagli

Digestato: criteri di valutazione

Digestato: criteri di valutazione Università Degli Studi di Milano http://users.unimi.it/ricicla Digestato: criteri di valutazione Fabrizio Adani Fabrizio.adani@unimi.it Giuliana D Imporzano Giuliana.dimporzano@unimi.it Il processo di

Dettagli

Biogas: i parametri tecnico economici per lo studio di fattibilità

Biogas: i parametri tecnico economici per lo studio di fattibilità CORSO SULLE FILIERE AGRI-ENERGETICHE FILIERA BIOGAS C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Biogas: i parametri tecnico economici per lo studio di fattibilità Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali

Dettagli

Biomassa, come si calcola il suo valore economico

Biomassa, come si calcola il suo valore economico RISULTATI OTTENUTI DALLA SEZIONE AMBIENTE ED ENERGIA DEL CRPA LAB Biomassa, come si calcola il suo valore economico di C. Fabbri, M. Soldano, G. Moscatelli, S. Piccinini La digestione anaerobica è una

Dettagli

SINTESI SETTORE MAIS

SINTESI SETTORE MAIS Risultati dei progetti di ricerca nell ambito del settore cerealicolo: Progetto Rete Qualità Cereali plus - RQC+ SINTESI SETTORE MAIS A cura di : Carlotta Balconi, Sabrina Locatelli - CREA- MAC Unità di

Dettagli

Caratteristiche del digestato per l'equiparazione ai concimi chimici

Caratteristiche del digestato per l'equiparazione ai concimi chimici Convegno DIGESTATO: DA SOTTOPRODOTTO A RISORSA E OPPORTUNITA digestato per Paolo Mantovi, Giuseppe Bonazzi Centro Ricerche Produzioni Animali Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A. Il digestato,

Dettagli

Giuseppe Ciuffreda L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile Seminario - Bologna 6 luglio

Giuseppe Ciuffreda L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile Seminario - Bologna 6 luglio Alcune valide alternative al mais per la produzione del biogas: il sorgo e i coprodotti della barbabietola da zucchero Giuseppe Ciuffreda L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile Seminario

Dettagli

PROGRAMMA COLTIVAZIONE IBRIDI PRECOCISSIMI

PROGRAMMA COLTIVAZIONE IBRIDI PRECOCISSIMI PROGRAMMA COLTIVAZIONE IBRIDI PRECOCISSIMI E possibile coltivare mais nella stessa annata in cui si programma una «bonifica dalla presenza della diabrotica»? Proponiamo due programmi che rendono possibile

Dettagli

LA PRODUZIONE DI BIOGAS DAGLI SCARTI DELLA GDO: PRIME VALUTAZIONI RIFERITE ALLA REALTÀ PIEMONTESE. P. Balsari D. Cuk

LA PRODUZIONE DI BIOGAS DAGLI SCARTI DELLA GDO: PRIME VALUTAZIONI RIFERITE ALLA REALTÀ PIEMONTESE. P. Balsari D. Cuk LA PRODUZIONE DI BIOGAS DAGLI SCARTI DELLA GDO: PRIME VALUTAZIONI RIFERITE ALLA REALTÀ PIEMONTESE P. Balsari D. Cuk paolo.balsari@unito.it LA POLITICA AMBIENTALE ED ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA Direttiva

Dettagli

Emissioni di gas e odori e produzione di biogas da letame suino

Emissioni di gas e odori e produzione di biogas da letame suino Convegno Opportunità economica per una suinicoltura innovativa e sostenibile Tecnopolo di Reggio Emilia (RE), 25 novembre 2015 Laura Valli, Centro Ricerche Produzioni Animali CRPA, Reggio Emilia Centro

Dettagli

Filiere agro-energetiche aziendali: casi concreti e indirizzi progettuali

Filiere agro-energetiche aziendali: casi concreti e indirizzi progettuali Filiere agro-energetiche aziendali: casi concreti e indirizzi progettuali Impianto a Biomassa Impianto a Biomassa Si intende per biomassa "la frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di

Dettagli

Il sorgo nella razione di vacche da latte: Esperienze pratiche negli allevamenti del Veneto

Il sorgo nella razione di vacche da latte: Esperienze pratiche negli allevamenti del Veneto Il sorgo nella razione di vacche da latte: Esperienze pratiche negli allevamenti del Veneto Paolo Paparella Associazione Provinciale Allevatori di Padova Approccio Multisettoriale Strutturali Superficie,

Dettagli

DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS

DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS CONVEGNO DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS Nuove diete per il biogas: più valore dagli usi innovativi della biomassa e del digestato 5 marzo 2014 Bioenergy Italy, Cremona Lorella ROSSI Centro Ricerche

Dettagli

Caratteristiche, trattamenti ed uso dei digestati provenienti da impianti anaerobici

Caratteristiche, trattamenti ed uso dei digestati provenienti da impianti anaerobici Prof. Giovanni GIGLIOTTI Laboratorio di Chimica delle Biomasse di Uso Agrario Dip. Ingegneria Civile e Ambientale UNIPG Caratteristiche, trattamenti ed uso dei digestati provenienti da impianti anaerobici

Dettagli

EFFETTI INDOTTI DALLA CONCIMAZIONE ORGANICA CON VENUS (CONCIME ORGANO-MINERALE NK 12-15) SULLO SVILUPPO DEL MAIS

EFFETTI INDOTTI DALLA CONCIMAZIONE ORGANICA CON VENUS (CONCIME ORGANO-MINERALE NK 12-15) SULLO SVILUPPO DEL MAIS EFFETTI INDOTTI DALLA CONCIMAZIONE ORGANICA CON VENUS (CONCIME ORGANO-MINERALE NK 12-15) SULLO SVILUPPO DEL MAIS OBIETTIVO DELLA PROVA Valutazione dell effetto di diverse dosi del concime organo-minerale

Dettagli

Lactosan Gmbh & Co.KG. Ricerca & Sviluppo di Additivi per Insilati

Lactosan Gmbh & Co.KG. Ricerca & Sviluppo di Additivi per Insilati Lactosan Gmbh & Co.KG Ricerca & Sviluppo di Additivi per Insilati 1 Additivi per Insilati Soluzioni specifiche per l ottenimento di insilati di qualità da varie tipologie di foraggio Alimentazione Produzione

Dettagli

VALUTAZIONE DI TECNICHE DI COLTIVAZIONE CONSERVATIVE E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI CEREALI.

VALUTAZIONE DI TECNICHE DI COLTIVAZIONE CONSERVATIVE E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI CEREALI. VALUTAZIONE DI TECNICHE DI COLTIVAZIONE CONSERVATIVE E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI CEREALI. A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO DELLA PROVA L obiettivo della prova

Dettagli

La valorizzazione energetica e fertilizzante delle frazioni solide da liquami bovini

La valorizzazione energetica e fertilizzante delle frazioni solide da liquami bovini Seminario finale del progetto Agri-multitasking PSR 2007-2013 Misura 124 Fiera di Gonzaga, 10 settembre 2014 La valorizzazione energetica e fertilizzante delle frazioni solide da liquami bovini Bonazzi

Dettagli

AGRICULTURA. Il mondo vegetale alimenta l uomo. l arte alimenta l uomo

AGRICULTURA. Il mondo vegetale alimenta l uomo. l arte alimenta l uomo NUTRImentum l arte alimenta l uomo 23 aprile 2013 Marco Fabbri Presidente Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali di Milano AGRICULTURA Il mondo vegetale alimenta l uomo La pianta, un sistema

Dettagli

Filiera cipolla bianca di Pompei Individuazione del fabbisogno di azoto in funzione del biotipo e della destinazione commerciale.

Filiera cipolla bianca di Pompei Individuazione del fabbisogno di azoto in funzione del biotipo e della destinazione commerciale. Attività 2013-2014 del Centro Orticolo Campano Area Tematica Messa a punto di tecniche colturali ecosostenibili Filiera cipolla bianca di Pompei 2.2.1. Individuazione del fabbisogno di azoto in funzione

Dettagli

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Potere metanigeno: fattori determinanti Genetica Digeribilità della fibra Contenuto di amido Stress

Dettagli

LCA (Life Cycle Assessment Analisi LCA in allevamenti suinicoli da ingrasso

LCA (Life Cycle Assessment Analisi LCA in allevamenti suinicoli da ingrasso Allevamento suinicolo sostenibile Seminario tecnico LCA (Life Cycle Assessment Analisi LCA in allevamenti suinicoli da ingrasso Laura Valli, Stefano Pignedoli (CRPA Spa) LCA Tipologia di allevamenti Azienda

Dettagli

LA DIGESTIONE ANAEROBICA NEL TRATTAMENTO DELLA FORSU

LA DIGESTIONE ANAEROBICA NEL TRATTAMENTO DELLA FORSU LA DIGESTIONE ANAEROBICA NEL TRATTAMENTO DELLA FORSU Ing. Vita Tedesco Area tecnica ATO-R Torino, 27 aprile 2010 COS E LA DIGESTIONE ANAEROBICA È un processo biologico attraverso il quale in assenza di

Dettagli

LA DIGESTIONE ANAEROBICA A SUPPORTO DI UNA GESTIONE MIGLIORE DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI

LA DIGESTIONE ANAEROBICA A SUPPORTO DI UNA GESTIONE MIGLIORE DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI LA DIGESTIONE ANAEROBICA A SUPPORTO DI UNA GESTIONE MIGLIORE DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI Silvia Silvestri Fondazione Edmund Mach Unità Biomasse ed energie rinnovabili 1 STUDIO DI MASSIMA PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

LA VALORIZZAZIONE DEL SOLIDO SEPARATO DI LIQUAMI BOVINI NELLA DIGESTIONE ANAEROBICA

LA VALORIZZAZIONE DEL SOLIDO SEPARATO DI LIQUAMI BOVINI NELLA DIGESTIONE ANAEROBICA LA VALORIZZAZIONE DEL SOLIDO SEPARATO DI LIQUAMI BOVINI NELLA DIGESTIONE ANAEROBICA L ESPERIENZA DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA PO DI LOMBARDIA Flavio Sommariva Specialista SATA ARAL Settore Agronomia

Dettagli

MAIS. Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura.

MAIS. Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. MAIS Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA VARIETALE E MATERIALE DI MOLTIPLICAZIONE Non è

Dettagli

Effetto della cavitazione idrodinamica su sottoprodotti agroindustriali utilizzabili in digestione anaerobica

Effetto della cavitazione idrodinamica su sottoprodotti agroindustriali utilizzabili in digestione anaerobica CONVEGNO La ricerca applicata nel campo della valorizzazione dei rifiuti ed i sistemi di gestione integrata, alla luce degli obiettivi strategici europei cavitazione idrodinamica agroindustriali utilizzabili

Dettagli

Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte

Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte Caratteristiche agronomiche ed igienico-sanitarie del digerito derivante dalla co-digestione di reflui zootecnici, prodotti e sotto-prodotti agricoli per la produzione di biogas Ricerca finanziata dalla

Dettagli

SOLE. atmosfera. foglia. chioma. superficie terrestre. R g. PAR a. A netta. PAR i. A lorda

SOLE. atmosfera. foglia. chioma. superficie terrestre. R g. PAR a. A netta. PAR i. A lorda atmosfera superficie terrestre chioma foglia PULVISCOLO, NUBI RADIAZIONE ULTRAVIOLETTA, INFRAROSSA RIFLESSA TRASPIRAZIONE, CALORE PERDITE DI EFFICIENZA (altri pigmenti) SOLE S -latitudine -stagione -ora

Dettagli

Sistemi foraggeri dinamici e cantieri di raccolta e conservazione Borreani G., Comino L., Tabacco E.

Sistemi foraggeri dinamici e cantieri di raccolta e conservazione Borreani G., Comino L., Tabacco E. Sistemi foraggeri dinamici e cantieri di raccolta e conservazione Borreani G., Comino L., Tabacco E. Dip. Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DISAFA) Università degli Studi di Torino Prezzo ( /t)

Dettagli

Tecniche colturali biologiche a confronto. Le tecniche a confronto

Tecniche colturali biologiche a confronto. Le tecniche a confronto Tecniche colturali biologiche a confronto Le tecniche a confronto 1 Obiettivi sostenibilità agronomica dei sistemi colturali erbacei biologici sostenibilità aziende biologiche senza allevamento qualità

Dettagli

Gli alimenti per animali: classificazione. Il pastone di mais. Nel mais il primo aminoacido limitante e 1. Treonina 2. Lisina 3. Metionina 4.

Gli alimenti per animali: classificazione. Il pastone di mais. Nel mais il primo aminoacido limitante e 1. Treonina 2. Lisina 3. Metionina 4. Gli alimenti per animali: classificazione Il pastone di mais Nel mais il primo aminoacido limitante e 1. Treonina 2. Lisina 3. Metionina 4. Leucina Una miscela delle seguenti sostanze e sottoposta ad una

Dettagli

Agricoltura sostenibile: Tutela ed uso dell acqua in agricoltura

Agricoltura sostenibile: Tutela ed uso dell acqua in agricoltura Agricoltura sostenibile: Tutela ed uso dell acqua in agricoltura Salvaguardia e valorizzazione del prato stabile irriguo in area Parmigiano- Reggiano attraverso l'ottimizzazione della risorsa idrica e

Dettagli

Varietà di sorgo a confronto per la produzione di biogas

Varietà di sorgo a confronto per la produzione di biogas INSERTO ENERGIA RINNOVABILE PROVE IN PRIMO E SECONDO RACCOLTO CONDOTTE IN PROVINCIA DI PARMA E FERRARA Varietà di sorgo a confronto per la produzione di biogas NELLE PROVE, condotte nel 2014, in primo

Dettagli

LA FILIERA AGRO-ENERGETICA DA COLTURE DEDICATE: ANALISI TERMO-ECONOMICA DI SISTEMI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA. Mirko Morini, Ph.D.

LA FILIERA AGRO-ENERGETICA DA COLTURE DEDICATE: ANALISI TERMO-ECONOMICA DI SISTEMI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA. Mirko Morini, Ph.D. Biomasse: prospettive di uso energetico in Emilia-Romagna e sistemi di calcolo e monitoraggio su GIS 25 Novembre 2010, Bologna LA FILIERA AGRO-ENERGETICA DA COLTURE DEDICATE: ANALISI TERMO-ECONOMICA DI

Dettagli

Strippaggio a caldo di effluenti e digestato

Strippaggio a caldo di effluenti e digestato Tavolo tecnico biogas: trattamenti digestato Sala Auditorium del Comune di Medicina (BO) 10 giugno 2010 Strippaggio a caldo di effluenti e digestato Claudio Fabbri, Giuseppe Moscatelli Lo strippaggio:

Dettagli

LA COLTIVAZIONE DEL MAIS PER LE FILIERE AVANZATE

LA COLTIVAZIONE DEL MAIS PER LE FILIERE AVANZATE Università degli Studi di Torino Dip. Agroselviter LA COLTIVAZIONE DEL MAIS PER LE FILIERE AVANZATE LA FILIERA DEL MAIS: Sicurezza,Qualità, Tecnica Mogliano Veneto (TV) 25.11.2011 Maiscoltura Turbolenze

Dettagli

Le prove sono state condotte in quattro ambienti di

Le prove sono state condotte in quattro ambienti di PROGRAMMA DI SPERIMENTAZIONE INTERREGIONALE CEREALI (PROGETTO SIC) Gli ibridi di mais per produrre trinciato integrale Vengono riportati i risultati degli ibridi commerciali, o di imminente diffusione

Dettagli

CATALOGO CEREALI A PAGLIA.

CATALOGO CEREALI A PAGLIA. CATALOGO CEREALI A PAGLIA www.agrinordest.it GRANO DURO OLIVER MIMMO Miglioramento produttivo rispetto agli standard, l alta qualità della granella e il ciclo equilibrato ne fanno una delle novità più

Dettagli

Nitrati e irrigazione

Nitrati e irrigazione Lisciviazione (kg ha -1 N-NO3) Irrigazioni (m 3 ha -1 ) Nitrati e irrigazione L irrigazione può diventare una pratica colturale in grado di influenzare negativamente l ambiente mediante il movimento dell'acqua

Dettagli

1000+ Il Biogas.

1000+ Il Biogas. Il Biogas www.biogas.it Cosa sono le biomasse? Per biomasse si intende un insieme di materiali d'origine vegetale, scarti da attività agricole, allevamento o industria del legno riutilizzati in apposite

Dettagli

Esperienze nella distribuzione del digestato

Esperienze nella distribuzione del digestato Aspetti tecnici nella distribuzione del digestato Esperienze nella distribuzione del digestato Servizio & Qualità srl A cura di Giuliano Oldani 348-6059001 Aderente Unima info@servizioqualita.com Per una

Dettagli

La crescita. FRI dipende: dalla superficie fogliare dall architettura fogliare

La crescita. FRI dipende: dalla superficie fogliare dall architettura fogliare La crescita Il tasso di crescita dipende da due processi: Intercettazione della radiazione solare da parte delle foglie Efficienza nella trasformazione della radiazione intercettata in biomassa Data una

Dettagli

Impiego di tecniche di gestione del suolo a basso impatto ambientale

Impiego di tecniche di gestione del suolo a basso impatto ambientale Convegno DIFESA DEL SUOLO Santo Stefano di Sessanio (AQ) Impiego di tecniche di gestione del suolo a basso impatto ambientale Giovanni Fecondo AGRICOLTURA CONSERVATIVA L agricoltura conservativa rappresenta

Dettagli

Sorgo da combustione in prova per una centrale in Lombardia

Sorgo da combustione in prova per una centrale in Lombardia BIOMASSE 20 VARIETÀ TESTATE IN 23 AZIENDE TRA PAVIA E ALESSANDRIA Sorgo da combustione in prova per una centrale in Lombardia LE PROVE, condotte su terreni limoso-sabbiosi e limoso-argillosi, hanno evidenziato

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Piano di concimazione. Marcello Chiodini Andrea Giussani

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Piano di concimazione. Marcello Chiodini Andrea Giussani ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Piano di concimazione Marcello Chiodini Andrea Giussani Introduzione Piano di concimazione N, P 2 O 5 e K 2 O Quanto sarà presentato è stato sviluppato basandosi sulle linee

Dettagli

Gli obiettivi del progetto In questo progetto sono stati dichiarati i seguenti obiettivi:

Gli obiettivi del progetto In questo progetto sono stati dichiarati i seguenti obiettivi: Sperimentazione applicativa sulla propagazione e coltivazione di Arundo donax L. quale biomassa no-food ad elevata resa e a basso impatto ambientale per produrre biogas: prove su cloni selezionati prove

Dettagli

Le colture dedicate per la produzione di energia

Le colture dedicate per la produzione di energia Convegno Le agroenergie per uno sviluppo sostenibile Reggio Emilia - 25 Maggio 21 Le colture dedicate per la produzione di energia Prof. Enrico Bonari Scuola Superiore Sant Anna - Pisa CRIBE Centro Interuniversitario

Dettagli

IL TRITICALE KWS DA BIOMASSA E ZOOTECNIA

IL TRITICALE KWS DA BIOMASSA E ZOOTECNIA IL TRITICALE KWS DA BIOMASSA E ZOOTECNIA 1. Come produrre un buon triticale 2. Utilizzo del triticale per biogas e nell alimentazione animale 2. Le varietà per il 2014-15 3. 2014: lancio dei primi frumenti

Dettagli

Prof. Vincenzo Chiofalo. Consorzio di Ricerca Filiera Carni, Messina

Prof. Vincenzo Chiofalo. Consorzio di Ricerca Filiera Carni, Messina Miglioramento quali-quantitativo della produzione di biomasse vegetali in asciutto ed in irriguo finalizzate sia all alimentazione animale che a fini energetici per l aumento della competitività Prof.

Dettagli

La digeribilità dei sottoprodotti

La digeribilità dei sottoprodotti Corso di Formazione Piacenza, 8 marzo 2012 La digeribilità dei sottoprodotti Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it La digeribilità dei sottoprodotti Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it Convegno

Dettagli

Soia: possibile fonte proteica come trinciato integrale

Soia: possibile fonte proteica come trinciato integrale SPECIALE SOIA INDICAZIONI SULL UTILIZZO DELLA PIANTA INTERA DA INSILATO Soia: possibile fonte proteica Prime esperienze aziendali hanno mostrato che la soia può essere raccolta e conservata mediante insilamento.

Dettagli

Colture erbacee annuali e poliennali da energia

Colture erbacee annuali e poliennali da energia Le colture agroenergetiche: un opportunità per l agricoltura? Uta, 24 ottobre 2012 Colture erbacee annuali e poliennali da energia Adriana Virdis, Giulio F. Manca Dipartimento per la Ricerca nelle Produzioni

Dettagli

Potenzialità produttive del sorgo da fibra nel Meridione

Potenzialità produttive del sorgo da fibra nel Meridione Potenzialità produttive del sorgo da fibra nel Meridione Mastrorilli M. 180 Pioggia 150 ETo mm 120 90 deficit idrico 60 30 0 Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic EIMA 2012 Bologna, 7-11 Novembre

Dettagli

Naltre matrici: azoto contenuto nelle altre matrici caricate al digestore. per tenere conto delle emissioni in atmosfera nella fase di stoccaggio.

Naltre matrici: azoto contenuto nelle altre matrici caricate al digestore. per tenere conto delle emissioni in atmosfera nella fase di stoccaggio. A LLEGATO IX CARATTERISTICHE DEI DIGESTATI DISCIPLINATI DAL PRESENTE DECRETO E CONDIZIONI PER IL LORO UTILIZZO Il digestato disciplinato dal presente decreto può essere oggetto di utilizzo agronomico rispettando

Dettagli

VEICOLI A BIOMETANO, LA SFIDA DEL FUTURO

VEICOLI A BIOMETANO, LA SFIDA DEL FUTURO VEICOLI A BIOMETANO, LA SFIDA DEL FUTURO IL BIOMETANO : COS E Il termine Biometano si riferisce a un biogas che ha subito un processo di raffinazione per arrivare ad una concentrazione di metano del 95%

Dettagli

Separazione solido-liquido per gestire l azoto e produrre energia

Separazione solido-liquido per gestire l azoto e produrre energia PROVE SU LIQUAME PER FINI FERTILIZZANTI ED ENERGETICI Separazione solido-liquido per gestire l azoto e produrre energia di C. Fabbri, P. Mantovi, S. Piccinini, F. Verzellesi Tra le tecniche di trattamento

Dettagli

Seminario «Parte la difesa integrata obbligatoria (Direttiva CE 128/09) : la sperimentazione a servizio delle aziende agricole»

Seminario «Parte la difesa integrata obbligatoria (Direttiva CE 128/09) : la sperimentazione a servizio delle aziende agricole» Seminario «Parte la difesa integrata obbligatoria (Direttiva CE 128/09) : la sperimentazione a servizio delle aziende agricole» Corte Benedettina, 19 febbraio 2014 Valutazione nutrizionale di insilati

Dettagli

CREMONA - 5 NOVEMBRE 2008 VALUTAZIONE DEI FORAGGI LOMBARDI ANALISI CHIMICHE E NIR

CREMONA - 5 NOVEMBRE 2008 VALUTAZIONE DEI FORAGGI LOMBARDI ANALISI CHIMICHE E NIR Laboratorio Agroalimentare CREMONA - 5 NOVEMBRE 2008 VALUTAZIONE DEI FORAGGI LOMBARDI ANALISI CHIMICHE E NIR Dott. Nicoletta Rizzi LE ANALISI CHIMICHE Accreditate Sinal Umidità Proteine Sostanze grasse

Dettagli

IL DIGESTATO E IL SUO VALORE AGRONOMICO

IL DIGESTATO E IL SUO VALORE AGRONOMICO Bondeno e agroenergia: opportunità a confronto Bondeno, 10 ottobre 2009 Un progetto per lo sviluppo delle filiere agro-energetiche aziendali in Emilia-Romagna IL DIGESTATO E IL SUO VALORE AGRONOMICO Paolo

Dettagli

Tra le tecniche di trattamento

Tra le tecniche di trattamento PROVE SU LIQUAME PER FINI FERTILIZZANTI ED ENERGETICI Separazione solido-liquido per gestire l azoto e produrre energia di C. Fabbri, P. Mantovi, S. Piccinini, F. Verzellesi Tra le tecniche di trattamento

Dettagli

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee >PISELLO PROTEICO

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee >PISELLO PROTEICO CAPITOLO DELLE NORME GENERALI Scelta dell'ambiente di coltivazione e vocazionalità Mantenimento dell'agroecosistema naturale Scelta varietale e materiale di moltiplicazione Sistemazione e preparazione

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE AGRONOMICA E TEST DI FITOTOSSICITA DI BIOCHAR OTTENUTI DA GASSIFICAZIONE PIROLITICA DA DIFFERENTI BIOMASSE VEGETALI

CARATTERIZZAZIONE AGRONOMICA E TEST DI FITOTOSSICITA DI BIOCHAR OTTENUTI DA GASSIFICAZIONE PIROLITICA DA DIFFERENTI BIOMASSE VEGETALI CARATTERIZZAZIONE AGRONOMICA E TEST DI FITOTOSSICITA DI BIOCHAR OTTENUTI DA GASSIFICAZIONE PIROLITICA DA DIFFERENTI BIOMASSE VEGETALI Valagussa Massimo; Pozzi Alessandro; Tosca Alberto IL CARBONE CARATTERIZZATO

Dettagli

Seminari Tematici Eima Energy Colture erbacee oleaginose

Seminari Tematici Eima Energy Colture erbacee oleaginose Seminari Tematici Eima Energy Colture erbacee oleaginose -Meccanizzazione della raccolta Dr. Agr. Alberto Assirelli Bologna 08/11/2012 Unità di Ricerca per l Ingegneria Agraria Via delle Pascolare, 16-00016

Dettagli

Silomais e sorgo, conoscere per scegliere nel segno della massima redditività agronomica

Silomais e sorgo, conoscere per scegliere nel segno della massima redditività agronomica Obbiettivo qualità dei foraggi e insilati - Padova 26 febbraio 2014 Silomais e sorgo, conoscere per scegliere nel segno della massima redditività agronomica Giorgio Borreani ed Ernesto Tabacco Dip. di

Dettagli

IL SERVIZIO AGROMETEOROLOGICO DELL ASSAM A SUPPORTO DELLE SCELTE AZIENDALI

IL SERVIZIO AGROMETEOROLOGICO DELL ASSAM A SUPPORTO DELLE SCELTE AZIENDALI IL SERVIZIO AGROMETEOROLOGICO DELL ASSAM A SUPPORTO DELLE SCELTE AZIENDALI SEMINARIO: RISCHIO MICOTOSSINE NELLA FILIERA CEREALICOLA MARCHIGIANA Osimo (AN) 12 aprile 2013 Dott. Agr.. Angela Sanchioni Centro

Dettagli

Risultati prova varietale spinacio. Federico Capone

Risultati prova varietale spinacio. Federico Capone Risultati prova varietale spinacio Federico Capone federico_capone@yahoo.it La sperimentazione è compresa fra le attività del progetto "Filiera ortive" del CRITA L obbiettivo è quello di valutare alcuni

Dettagli

L uso del compost nei sistemi agrari estensivi: primi risultati sperimentali

L uso del compost nei sistemi agrari estensivi: primi risultati sperimentali Agenzia Regionale per la Ricerca in Agricoltura COMPOST E AGRICOLTURA - Olmedo 4 novembre 2016 L uso del compost nei sistemi agrari estensivi: primi risultati sperimentali Lorenzo Salis - Maria Sitzia

Dettagli

SORGO. Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura.

SORGO. Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SORGO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA VARIETALE E MATERIALE DI MOLTIPLICAZIONE Non

Dettagli

Alimenti: criteri di valutazione

Alimenti: criteri di valutazione Analisi alimenti Alimenti: criteri di valutazione Caratteristiche chimico-nutrizionali Caratteristiche qualitative e di conservazione Appetibilita Disponibilita Facilita di conservazione Costo Impiego

Dettagli

COMBI MAIS IDROTECHNOLOGIES COME PRODURRE 20 T DI GRANELLA DI QUALITÀ, IN MODO SOSTENIBILE

COMBI MAIS IDROTECHNOLOGIES COME PRODURRE 20 T DI GRANELLA DI QUALITÀ, IN MODO SOSTENIBILE COMBI MAIS IDROTECHNOLOGIES COME PRODURRE 20 T DI GRANELLA DI QUALITÀ, IN MODO SOSTENIBILE Innovagri, sponsored by Consorzio Agrario di Cremona, Netafim & Syngenta Cos è Combi Mais Idrotecnologies Combi

Dettagli

Risultati della prova agronomica epoche di semina delle proteiche da granella

Risultati della prova agronomica epoche di semina delle proteiche da granella Risultati della prova agronomica epoche di semina delle proteiche da granella 2006-2007 Il programma di ricerca ha realizzato, anche per questo secondo anno di sperimentazione, una prova di tecnica colturale

Dettagli

Valorizzazione dei materiali derivanti dal trattamento del digestato: applicazioni tecniche e normativa di riferimento

Valorizzazione dei materiali derivanti dal trattamento del digestato: applicazioni tecniche e normativa di riferimento Valorizzazione dei materiali derivanti dal trattamento del digestato: applicazioni tecniche e normativa di riferimento Padova, 30 marzo 2011 Dr. Lucio Bergamin Agenda Inquadramento normativo: il D.Lgs.

Dettagli

PARTE PRIMA. Elementi e caratteristiche dei piccoli impianti

PARTE PRIMA. Elementi e caratteristiche dei piccoli impianti Dipartimento di Economia e Ingegneria agrarie Marco Arruzza Alessandro Ragazzoni Convenienza economica e fattibilità tecnica di piccoli impianti: alcuni casi di studio PARTE PRIMA Elementi e caratteristiche

Dettagli

Risultati della prova agronomica epoche di semina delle proteiche da granella

Risultati della prova agronomica epoche di semina delle proteiche da granella Risultati della prova agronomica epoche di delle proteiche da granella 2005-2006 Il programma di attività, realizzato Azienda Agraria Sperimentale M. Marani di Ravenna, per l annata agraria 2005/2006 è

Dettagli