Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti"

Transcript

1

2 P Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti RESENTAZIONE Lavorare per incrementare i servizi sul territorio e rendere maggiormente fruibili quelli già esistenti. Con questo spirito è stata realizzata la Guida ai Servizi Sociali della Provincia di Rieti, la seconda di una serie di pubblicazioni che riguardano tutte le province del Lazio, con un volume a parte dedicato al Comune di Roma. Una bussola per orientare i cittadini e la rete dei servizi sociali del Lazio, ma anche uno strumento per orientare le nostre scelte, imparando a conoscere e ad apprezzare le eccellenze, quindi capire gli aspetti più critici del nostro sistema. Per incrementare i servizi sociali abbiamo investito molte risorse in questi anni, riallineando la nostra programmazione alle esigenze del territorio e offrendo, in questo modo, un miglioramento effettivo delle prestazioni. Con questa serie di guide facciamo un ulteriore passo avanti: lo scopo è quello di realizzare una rete sociale integrata con quella dei servizi sanitari vicina ai cittadini più bisognosi e a tutti coloro che garantiscono loro cure e assistenza. Il Presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo

3

4 P Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti REFAZIONE Cari concittadini, sono lieta di presentarvi la Guida ai servizi sociali della Provincia di Rieti. La pubblicazione è un utile strumento per conoscere le strutture e i servizi sociali presenti nel nostro territorio. L'evoluzione delle politiche sociali nella nostra Regione, il progressivo ridimensionamento delle risorse disponibili nonché la necessità di garantire ai cittadini livelli di welfare qualificati, impongono di prestare particolare attenzione alla progettazione e alla organizzazione territoriale dei servizi sociali e socio sanitari. Punti di forza della programmazione regionale sono, da una parte, la promozione e la salvaguardia di una migliore qualità della vita e, dall altra, la garanzia di un livello uniforme di servizi e prestazioni ritenuti essenziali. La Guida ha l obiettivo di fornire le informazioni sul sistema integrato di servizi e di migliorare la fruibilità delle prestazioni, soprattutto da parte dei cittadini con maggiori e diversi bisogni. Ritengo l accessibilità dei servizi nei contesti sociali il percorso necessario per rendere esigibili i diritti di tutti i cittadini. L informazione e la garanzia di accesso ai servizi sono indispensabili per quantificare e qualificare i bisogni del territorio, rendono i cittadini consapevoli dei loro diritti, li aiutano a definire il loro bisogno. Lo stato sociale è un investimento, è la solidarietà, è il presupposto indispensabile per una migliore società. L Assessore alle Politiche sociali Anna Salome Coppotelli

5

6 I Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti NTRODUZIONE La Guida nasce dalla volontà di fornire all utente uno strumento agile e di facile consultazione, in modo da favorire l accesso al sistema, sempre più articolato e differenziato, dei servizi sociali. È composta da due sezioni: - la prima illustra le differenti tipologie di strutture e servizi distribuiti sul territorio, a cui i cittadini possono accedere; - la seconda elenca tutti i servizi e le strutture, suddivise in ordine alfabetico, presenti in ciascun distretto di appartenenza, con i relativi indirizzi e recapiti di riferimento. Il panorama che emerge da una prima analisi delle strutture e dei servizi sociali esistenti è variegato, con organizzazioni sia pubbliche che private realizzate per fornire consulenza, aiuto e assistenza alle persone bisognose. In questo contesto, la Guida, descrivendo la grande molteplicità delle forme di assistenza presenti nella provincia di Rieti, vuole essere uno strumento di informazione e di supporto per tutti coloro che hanno necessità di ricorrere ai servizi socio-assistenziali e si colloca in un percorso mirato che l amministrazione regionale ha intrapreso per garantire un welfare sempre più adeguato ai fabbisogni reali dell individuo e delle famiglie. Il Direttore della Direzione Servizi Sociali della Regione Lazio Miriam Cipriani

7 Hanno collaborato: D.ssa Miriam Cipriani, Dott. Francesco Bucci, D.ssa Antonella Polenta, D.ssa Barbara Vitiello. I dati sono stati forniti al Sistema Informativo dei Servizi Sociali (SISS) dai responsabil dei Servizi Sociali territoriali. La guida ai Servizi e alle Strutture sarà disponibile sul portale sociale della Regione Lazio all indirizzo dove saranno pubblicati gli aggiornamenti relativi alla chiusura o all apertura di strutture e servizi.

8 Indice Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Parte prima: le tipologie di strutture e servizi Adulti con disabilità Casa famiglia per adulti con disabilità...11 Comunità alloggio per adulti con disabilità...11 Struttura semiresidenziale per adulti con disabilità...11 Affido di disabili a famiglie/persone...12 Centro diurno per adulti con disabilità...12 Formazione, orientamento, inserimento e integrazione lavorativa...12 Servizi per la vacanza...12 Anziani Casa famiglia per anziani...13 Comunità alloggio per anziani...13 Casa di riposo...13 Casa albergo...14 Struttura semiresidenziale per anziani...14 Assistenza leggera...14 Attività culturali e di socializzazione...14 Centro diurno per anziani...14 Servizi per la vacanza...15 Telesoccorso/ teleassistenza...15 Donne in difficoltà Casa famiglia per donne in difficoltà...16 Comunità alloggio per donne in difficoltà...16 Comunità di pronta accoglienza per donne in difficoltà...17 Assistenza e sostegno a donne vittime di violenza...17 Famiglia, Minori e Giovani Casa famiglia per minori...18 Gruppo appartamento per minori...18 Comunità educativa di pronta accoglienza...18 Strutture a ciclo residenziale di accoglienza temporanea in semiautonomia per adolescenti e per giovani, ospiti di strutture residenziali o presso famiglie affidatarie...19 Asilo nido...19 Assistente familiare per bambini di età inferiore ai tre anni...19 Assistenza a bambini ospedalizzati...20 Assistenza economica a sostegno delle responsabilità familiari...20

9 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Attività educativa di strada...20 Attività culturali e di socializzazione...20 Centro diurno per minori...20 Informazione e sostegno alla famiglia e alla genitorialità...20 Integrazione scolastica per alunni disabili...21 Interventi di tutela dei minori in rapporto con l'autorità giudiziaria...21 Interventi in favore di alunni in situazioni di disagio...21 Interventi per l inserimento lavorativo...22 Ludoteca/laboratorio...22 Minimo vitale per minori...22 Servizi per la vacanza...22 Servizi socio-educativi per la prima infanzia...22 Sostegno economico a famiglie affidatarie di minori...22 Sostegno economico alle famiglie per consentire la permanenza di persone non autosufficienti nel proprio domicilio o presso il nucleo familiare...23 Sportello per la famiglia...23 Tutela dei minori stranieri non accompagnati...23 Migranti e Nomadi Struttura di prima accoglienza per immigrati extracomunitari...24 Attività culturali e di socializzazione...24 Centro servizi immigrati...24 Integrazione scolastica minori immigrati...24 Integrazione sociale immigrati...24 Interventi in favore dei laziali emigrati all estero e dei loro familiari.24 Servizi e interventi sociali in favore dei nomadi...24 Persone affette da patologie invalidanti Assistenza e sostegno a persone affette da patologie invalidanti...25 Centro diurno per l assistenza e il sostegno a persone affette da patologie invalidanti (Alzheimer, Parkinson, ecc.)...25 Persone con disagio economico Assistenza economica...26 Persone con problematiche psico-sociali Casa famiglia...27 Comunità alloggio...27 Comunità di pronta accoglienza...27 Struttura semiresidenziale...28 Centro diurno...28 Interventi per l'inserimento lavorativo...28

10 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Prevenzione, assistenza e promozione del reinserimento sociale in favore di persone con problematiche psico-sociali...29 Altri Servizi e interventi Assistenza alloggiativa...30 Assistenza a persone vittime della tratta e dello sfruttamento della prostituzione...30 Assistenza domiciliare...30 Attività culturali e di socializzazione...30 Interventi per l'inserimento lavorativo...30 Mensa sociale...31 Rette...31 Segretariato sociale...31 Servizio di accoglienza notturna...31 Servizio di pronto intervento sociale per le situazioni di emergenza personale e familiari...32 Servizio sociale professionale...32 Struttura a ciclo residenziale di accoglienza temporanea di familiari e pazienti, minori o adulti, in cura per patologie oncoematologiche presso strutture sanitarie regionali...32 Trasporto sociale...33 Unità di strada...33 Altre strutture residenziali e semiresidenziali...33 Altri servizi/interventi...33 Parte seconda: le strutture e i servizi della provincia di Rieti DISTRETTO RIETI DISTRETTO RIETI DISTRETTO RIETI DISTRETTO RIETI DISTRETTO RIETI Comuni e Distretti...123

11

12 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Adulti con disabilità Strutture Casa famiglia per adulti con disabilità Struttura che offre un sostegno a persone adulte con disabilità attraverso la loro inclusione in un ambiente protetto, che rispetti le esigenze di ogni utente, supporti e favorisca sia iniziative di tipo autonomo che attività comuni e garantisca agli ospiti un esperienza di vita simile a quella esistente in ambito familiare, affettivamente ricca e in grado di consentire legami duraturi. Assicura il soddisfacimento di bisogni primari ed assistenziali delle persone con disabilità, e interventi di mantenimento o sviluppo di specifiche abilità individuali, finalizzati allo svolgimento autonomo delle basilari attività della vita quotidiana. Promuove la fruizione di tutti i servizi presenti sul territorio e garantisce prestazioni di carattere socio-sanitario assimilabili alle forme di assistenza resa a domicilio. Dispone di un massimo di 8 posti. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art.5 comma 1 lett. a e art.7 comma 1 lett. a; D.G.R. 1305/2004 paragrafo II.B.1. Comunità alloggio per adulti con disabilità Struttura a carattere comunitario, che ha lo scopo di migliorare la qualità della vita di persone adulte con disabilità, affiancandole nelle attività quotidiane e promuovendo la partecipazione alla realtà sociale, culturale, formativa, lavorativa e ricreativa. La struttura offre prestazioni alberghiere (alloggio, vitto, assistenza notturna e diurna), azioni ricreative e di laboratorio formativo e prestazioni sanitarie concordate con i servizi territoriali. La gestione della struttura e l organizzazione delle attività si basano sulla partecipazione attiva degli ospiti alla vita comunitaria e sul loro coinvolgimento nel lavoro di gruppo. Dispone da un minimo di 7 fino a un massimo di 20 posti per adulti organizzati in gruppi da 10 ospiti. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 7 comma 1 lett. b; D.G.R. 1305/2004 paragrafo II.B.2. Struttura semiresidenziale per adulti con disabilità Struttura caratterizzata da ospitalità di tipo diurno e finalizzata all inclusione sociale delle persone con disabilità e al sostegno alla famiglia nel suo impegno di accudimento e di assistenza. Dispone di 30 posti per adulti con disabilità organizzati in gruppi da 6 ospiti ed è prevista la presenza di 2 operatori socio-sanitari per ogni struttura, 1 responsabile, 1 educatore professionale ogni 3 utenti e artigiani esperti per le attività ricreative. È attiva 7 ore al giorno, almeno 5 giorni a settimana per non meno di 10 mesi l anno. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 10 comma 1; D.G.R. 1305/2004 paragrafo II.B.3. 11

13 Servizi Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Affido di disabili a famiglie/persone Affidamenti e inserimenti di disabili presso persone e nuclei familiari. Normativa di riferimento: L. 104/1992 art. 8 comma 1 lett. h. Centro diurno per adulti con disabilità Servizio polivalente, di sostegno, socializzazione e recupero. È teso a offrire una risposta qualificata ai bisogni di autonomia e di inclusione sociale, attraverso la partecipazione alle varie attività ed alla vita di gruppo delle persone adulte con disabilità; e un sostegno alle loro famiglie nel loro compito di accudimento. I gruppi sono organizzati in laboratori composti al massimo da 10 utenti. Il servizio offre attività di riabilitazione, di promozione dell autonomia e dell integrazione. È prevista la presenza di 1 responsabile e di 1 educatore professionale in ogni laboratorio attivato. La presenza degli operatori socio-sanitari (almeno 2 per ogni laboratorio) è stabilita anche in base alle indicazioni espresse dall ASL che ha in carico l utente. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 1 e art. 4; D.G.R. 1304/2004 paragrafo I.B.4.4.b. Formazione, orientamento, inserimento e integrazione lavorativa Interventi volti a favorire l inserimento, la permanenza e l integrazione dei disabili nel mondo del lavoro. Normativa di riferimento: L. 104/1992 art. 8 lett. f, art. 17; L.R. 38/1996 art. 31; L.R. 19/2003. Servizi per la vacanza Servizio, residenziale o non residenziale, teso a offrire un periodo temporaneo di villeggiatura, di svago e di riposo con la finalità di sostenere i destinatari del servizio nel loro percorso di socializzazione, di riabilitazione fisica e psichica. Nei servizi per la vacanza sono previsti gruppi formati da un massimo di 16 persone con disabilità. È prevista la presenza di 1 responsabile, 1 operatore incaricato di svolgere i compiti di accompagnatore del gruppo dalla partenza al rientro, e almeno 1 operatore socio-sanitario ogni 4 utenti. Il Servizio garantisce le prestazioni sanitarie, dove necessario, a carico dell ASL competente. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 1 comma 1 lett. b; D.G.R. 1304/2004 paragrafo I.B.2.2.c. 12

14 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Anziani Strutture Casa famiglia per anziani Struttura che presta servizi socio-assistenziali finalizzati al mantenimento ed al recupero dei livelli di autonomia delle persone anziane, sulla base di un piano personalizzato. È organizzata in modo che ogni anziano possa considerarsi abitante della casa e non soltanto ospite. Assicura il soddisfacimento dei bisogni primari ed assistenziali degli anziani, nonché interventi finalizzati allo svolgimento autonomo delle basilari attività della vita quotidiana. Dispone di un massimo di 6 posti per anziani autosufficienti o parzialmente non autosufficienti e garantisce un assistenza diurna e notturna per l intero arco dell anno. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art.5 comma 1 lett. a e art.8 comma 1 lett. a; D.G.R. 1305/2004 paragrafo III.B.1. Comunità alloggio per anziani Struttura a carattere comunitario che presta servizi socio-assistenziali finalizzati al mantenimento ed al recupero dei livelli di autonomia delle persone anziane ed al sostegno della famiglia, sulla base di un piano personalizzato. Vengono assicurate prestazioni alberghiere ed azioni di sostegno per lo svolgimento delle normali attività della vita quotidiana. Dispone da un minimo di 7 fino ad un massimo di 12 posti per anziani autosufficienti o parzialmente non autosufficienti, ed è prevista la presenza, ogni 6 ospiti, di almeno 1 operatore socio-sanitario ad ogni turno di lavoro, 1 responsabile, 1 educatore professionale e 1 assistente sociale con presenza programmata. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 8 comma 1 lett. b; D.G.R. 1305/2004 paragrafo III.B.2. Casa di riposo Struttura a prevalente accoglienza alberghiera in grado di assicurare servizi specifici a carattere socio-assistenziale e interventi culturali e ricreativi, al fine di promuovere la partecipazione dell anziano alla vita sociale del territorio. Dispone di un numero massimo di 80 posti per anziani autosufficienti o parzialmente non autosufficienti. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 8 lett. c; D.G.R. 1305/2004, paragrafo III.B.3. 13

15 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Casa albergo Struttura consistente in un complesso di mini appartamenti autonomi, ubicati in zone urbanizzate e forniti di adeguate infrastrutture e servizi sociali. Vengono assicurati anche interventi culturali e ricreativi e interventi finalizzati a gestire l utilizzo di tutti i servizi del territorio, tra i quali i servizi a carattere socio-assistenziale e socio-sanitario. Ospita persone autosufficienti che vivono da sole o in coppia, che non necessitano di particolare assistenza e che scelgono di vivere una vita autonoma. È destinata ad accogliere un massimo di 80 anziani. Gli alloggi sono composti da: una camera da letto, una zona soggiorno-pranzo, una zona cucina e un servizio igienico. La struttura è dotata di un centro-servizi finalizzato a garantire il soddisfacimento di esigenze quotidiane degli ospiti. È prevista la presenza di 1 responsabile della struttura, personale addetto alla reception, almeno 1 operatore socio-sanitario ogni 20 anziani, personale addetto ai servizi amministrativi e personale addetto ai servizi generali. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 8 lett. d; D.G.R. 1305/2004 paragrafo III.B.4. Struttura semiresidenziale per anziani Struttura che offre ospitalità di tipo diurno ad anziani autosufficienti o parzialmente non autosufficienti, finalizzata all inclusione sociale degli ospiti. Dispone di 30 posti per anziani organizzati in gruppi di lavoro, per facilitare la socializzazione e i momenti aggregativi e ricreativi. È garantita la somministrazione dei pasti. È prevista la presenza di almeno 1 operatore socio-sanitario ogni 6 ospiti, 1 responsabile, 1 educatore professionale e presenze programmate di figure sanitarie. È attiva 7 ore giornaliere per almeno 5 giorni alla settimana per non meno di 10 mesi l anno. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 10 comma 1; D.G.R. 1305/2004 paragrafo III.B.5. Servizi Assistenza leggera Servizio a domicilio volto a fornire agli anziani soli compagnia, accompagnamento e disbrigo di piccole pratiche quotidiane. Attività culturali e di socializzazione Attività ludico-ricreative, sociali, educative, culturali, sportive e di socializzazione. Centro diurno per anziani Il servizio, gestito dagli stessi utenti, si rivolge ad anziani autosufficienti o parzialmente non autosufficienti che abbiano compiuto i 55 anni d età e siano residenti o domiciliati nel Comune. Offre attività di tipo ricreativo e 14

16 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti culturale, ludico-motorio, formativo-informativo e sociale. Le attività da svolgere sono approvate dall Assemblea degli iscritti e gestite dal Comitato di gestione. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 1 comma 1 lett. b e art. 4; D.G.R. 1304/2004 paragrafo I.B.4.4.c. Servizi per la vacanza Servizio, residenziale o non residenziale, teso ad offrire un periodo temporaneo di villeggiatura, di svago e di riposo con la finalità di sostenere i destinatari del servizio nel loro percorso di socializzazione, di riabilitazione fisica e psichica. È destinato ad anziani autosufficienti o parzialmente non autosufficienti (massimo 50 anziani). È prevista la presenza di 1 responsabile e 1 operatore ogni 25 anziani che ha il compito di svolgere una costante azione di supporto del gruppo e accompagnarlo dalla partenza al rientro. Il Servizio garantisce le prestazioni sanitarie, dove necessario, a carico dell ASL competente. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 1 comma 1 lett. b; D.G.R. 1304/2004 paragrafo I.B.2.2.b. Telesoccorso/ teleassistenza Attività integrativa dell assistenza domiciliare e attività di controllo, rivolte a favore di persone anziane non autosufficienti o inabili che vivono isolate. Normativa di riferimento: L.R. 38/1996 art

17 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Donne in difficoltà Strutture Casa famiglia per donne in difficoltà Struttura organizzata sul modello familiare, destinata ad accogliere donne in difficoltà per le quali la permanenza nel nucleo familiare sia temporaneamente o permanentemente impossibile. È rivolta a donne in situazioni di disagio psico-sociale (che abbiano subito violenza fisica e psicologica o che siano vittime della tratta e dello sfruttamento sessuale), anche con figli minori, che necessitano di sostegno nel percorso di autonomia e di inserimento, o di preparazione all inserimento, ed al reinserimento sociale. Assicura il soddisfacimento di bisogni primari ed assistenziali ed il sostegno necessario per recuperare le capacità di cogliere le opportunità offerte in ambito sociale, sia dal punto di vista relazionale che per quanto riguarda l inserimento lavorativo. Dispone di un massimo di 8 posti, compresi i minori, ed è prevista la presenza di 1 responsabile della struttura, 1 operatore socio-sanitario e 1 operatore con formazione nell area materno-infantile ad ogni turno di lavoro. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art.5 comma 1 lett. a e art.9 comma 1 lett. d; D.G.R. 1305/2004 paragrafo V.B.1. Comunità alloggio per donne in difficoltà Struttura a carattere comunitario, caratterizzata da flessibilità organizzativa e finalizzata al miglioramento della qualità della vita delle donne in difficoltà attraverso interventi di sostegno e di sviluppo di abilità individuali, che consentano lo svolgimento autonomo delle basilari attività della vita quotidiana e promuovano la partecipazione alla realtà sociale, culturale, formativa, lavorativa e ricreativa dell ambiente di riferimento. Si rivolge a donne in situazione di disagio psico-sociale (che abbiano subito violenza fisica e psicologica o che siano vittime della tratta e dello sfruttamento sessuale), anche con figli minori, che necessitano di sostegno nel percorso di autonomia e di inserimento o di preparazione all inserimento ed al reinserimento sociale. Vengono assicurate prestazioni alberghiere ed azioni di sostegno per lo svolgimento delle normali attività della vita quotidiana. Dispone di 20 posti, organizzati in gruppi omogenei di 10 unità, ed è prevista la presenza di 1 responsabile della struttura, la presenza di almeno 1 operatore socio-sanitario ogni 5 ospiti ad ogni turno di lavoro, 1 operatore con formazione materno-infantile. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 9 comma 1 lett. d; D.G.R. 1305/2004 paragrafo V.B.2. 16

18 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Comunità di pronta accoglienza per donne in difficoltà Struttura a carattere comunitario destinata esclusivamente a situazioni di emergenza per donne in difficoltà che necessitano di accoglienza. Offre ospitalità per un massimo di 3 mesi con interventi realizzati con l attiva partecipazione degli ospiti. È destinata a donne gestanti o madri con figli, in situazioni di disagio psico-sociale, che abbiano subito violenza fisica o psicologica o che siano vittime della tratta e dello sfruttamento sessuale, nel caso che si renda necessario il distacco dal luogo in cui è avvenuta la violenza e l inserimento in una comunità. La struttura assicura il soddisfacimento dei bisogni primari (vitto, alloggio, sostegno per la risoluzione di situazioni critiche e di emergenza, prestazioni sociali e sanitarie e di eventuale mediazione culturale, concordate e programmate con i servizi sociali territoriali). Ospita da 7 a 20 utenti, divisi in gruppi di massimo 10 persone. È prevista, inoltre, la presenza di 1 responsabile della struttura, minimo 1 operatore socio-sanitario ogni 5 ospiti, nonché operatori con formazione nell area materno infantile. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 9 lett. d; D.G.R. 1305/2004 paragrafo V.B.3. Servizi Assistenza e sostegno a donne vittime di violenza Assistenza, sostegno, consulenza e orientamento in favore di donne vittime di violenze e abusi sessuali, fisici o psicologici. 17

19 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Famiglia, Minori e Giovani Strutture Casa famiglia per minori Struttura organizzata sul modello familiare, destinata ad accogliere minori la cui permanenza nel nucleo familiare sia temporaneamente o permanentemente impossibile, con il proposito di sostenere il loro processo evolutivo mediante un organizzazione della vita quotidiana di tipo familiare, che permetta relazioni stabili e affettivamente significative. È gestita nel rispetto delle esigenze di ciascun minore residente, sia con l impegno dei responsabili della struttura sia con l aiuto di 2 educatori professionali (di entrambi i sessi). Dispone di un massimo di 8 posti, di cui 2 riservati alle situazioni di emergenza. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art.5 comma 1 lett. a, art.6 comma 1 lett. a; D.G.R. 1305/2004 paragrafo I.B.1. Gruppo appartamento per minori Struttura a carattere comunitario destinata ad accogliere minori, (prevalentemente adolescenti sottoposti a misure dell Autorità giudiziaria), privi di supporto familiare, che necessitano di un azione specifica di sostegno e di recupero, anche funzionale all inserimento o al reinserimento scolastico e sociale. Dispone di un massimo di 10 posti, di cui 2 per l emergenza, ed è prevista la presenza di 1 responsabile della struttura e di 1 educatore professionale ogni 5 minori. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 6 lett. b; D.G.R. 1305/2004 paragrafo I.B.2. Comunità educativa di pronta accoglienza Struttura caratterizzata dalla continua disponibilità e temporaneità dell accoglienza di un piccolo gruppo di minori (massimo 10), con educatori che, a turno, assumono la funzione di adulto di riferimento. È una struttura disponibile 24 ore su 24 in ragione dell emergenza. La permanenza degli ospiti non supera i 30 giorni. Le ammissioni dei minori avvengono su segnalazione dei servizi territoriali, delle forze dell ordine, dei servizi di pronto intervento sociale e dell Autorità giudiziaria. La struttura assicura agli ospiti il soddisfacimento di bisogni primari (vitto, alloggio, sostegno per la risoluzione di situazioni critiche e di emergenza, prestazioni sociali e sanitarie concordate e programmate con i servizi sociali territoriali). È prevista, inoltre, la presenza di 1 educatore professionale ogni 5 minori. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 6 lett. c; D.G.R. 1305/2004 paragrafo I.B.3. 18

20 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Strutture a ciclo residenziale di accoglienza temporanea in semiautonomia per adolescenti e per giovani, ospiti di strutture residenziali o presso famiglie affidatarie Struttura destinata a minori di età inferiore ai sedici anni, anche con disabilità, che non possono rimanere o ritornare nella famiglia di origine e giovani maggiorenni che già erano ospiti di strutture residenziali o di famiglie affidatarie. La struttura si propone di ospitare tali giovani per tutto il periodo necessario al raggiungimento di obiettivi di autonomia, di inclusione sociale e lavorativa, prevenendo eventuali forme di disagio e di emarginazione. La struttura può ospitare massimo sei persone. Qualora sia inserito un minore, tutti gli ospiti devono essere dello stesso sesso. L ammissione avviene da parte del Servizio sociale di riferimento (in caso di minori, è richiesta l autorizzazione dell esercente la patria potestà o dell Autorità giudiziaria minorile). La struttura offre ospitalità e interventi di carattere socio-educativo previsti dal progetto personalizzato di autonomia, che deve essere predisposto per ogni ospite. È prevista la presenza del Responsabile della struttura e del servizio e dell Educatore professionale. La presenza degli operatori nella struttura è determinata in base a quanto previsto dai singoli progetti personalizzati di autonomia. Normativa di riferimento: D.G.R. 498/2006 paragrafi 1.1, 3.1, 3.3, 3.5. Servizi Asilo nido Accoglie i bambini fino a 3 anni di età, concorrendo efficacemente con le famiglie alla loro educazione e formazione. Oltre all asilo nido esistono anche gli asili nido aziendali, i micro-nidi e i micro-nidi aziendali. Per asilo nido aziendale si intende il servizio di interesse pubblico presso il luogo di lavoro che accoglie i bambini fino a 3 anni di età. L asilo nido aziendale ha una ricettività compresa tra i 20 e i 60 posti. Il micro-nido è destinato alla cura e all accoglienza dei bambini dai 3 ai 36 mesi e può presentarsi come unità aggregata alle scuole materne, o ad altre strutture idonee esistenti o come nuclei decentrati di asili nido. Il micro-nido aziendale ha una ricettività compresa tra i 6 ed i 19 bambini. Normativa di riferimento: L.R. 59/1980 e successive modifiche; D.G.R. 2699/1998. Assistente familiare per bambini di età inferiore ai tre anni Il servizio ha lo scopo di permettere la sorveglianza dei bambini di età inferiore ai tre anni, attraverso l affidamento alle assistenti familiari nelle abitazioni di queste ultime o dei familiari oppure in ambienti extradomestici. Normativa di riferimento: L.R. 43/1995; D.G.R. 875 del 5/7/02. 19

21 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Assistenza a bambini ospedalizzati Interventi diretti alla tutela dei diritti del bambino malato ed ospedalizzato. Normativa di riferimento: L. 285/1997 art. 4 comma 1 lett. l. Assistenza economica a sostegno delle responsabilità familiari Assegni di cura e altri interventi a sostegno della maternità e della paternità responsabile, prestiti sull onore (consistenti in finanziamenti a tasso zero secondo piani di restituzione concordati con il destinatario del prestito), in alternativa a contributi assistenziali in denaro, per nuclei monoparentali, per coppie giovani con figli, per gestanti in difficoltà, per famiglie che hanno a carico soggetti non autosufficienti con problemi di grave e temporanea difficoltà economica, per famiglie di recente immigrazione che presentino gravi difficoltà di inserimento sociale. Normativa di riferimento: L. 328/00 art. 16 comma 3 lett. a, comma 4. Attività educativa di strada Attività di ascolto, informazione e orientamento ed educazione, rivolte a minori in situazioni di disagio e svolta negli ambiti di vita degli interessati. Attività culturali e di socializzazione Attività ludico-ricreative, sociali, educative, culturali, sportive e di socializzazione. Centro diurno per minori Servizio polivalente, di sostegno, socializzazione, aggregazione o recupero di tipo aperto, a diverso grado di intensità assistenziale in relazione ai bisogni dell utenza. A seconda della sua tipologia, espleta attività di aggregazione culturale, ricreativa, sportiva e di terapia occupazionale, finalizzate all integrazione sociale. Si rivolge a giovani e adolescenti, anche con disabilità, e particolarmente, ma non esclusivamente, ai soggetti a rischio di emarginazione. Il servizio è teso ad offrire attività di tipo ricreativo e culturale, ludico-motorio, formativoinformativo e sociale a soggetti in età evolutiva. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 1 e art. 4; D.G.R. 1304/2004 paragrafo I.B.4.4.a. Informazione e sostegno alla famiglia e alla genitorialità Sostegno al minore ed ai componenti della famiglia finalizzato alla prevenzione di situazioni di crisi e di rischio psico-sociale. Informazione e sostegno alle scelte di maternità e paternità, nonché informazioni relative all accesso ai servizi di assistenza alla famiglia e alla maternità. Include anche la mediazione familiare e la consulenza per famiglie e minori per il superamento delle difficoltà relazionali. Normativa di riferimento: L. 285/1997 art. 4 comma 1 lett. b, c, i; L. 328/2000 art. 16 comma 3 lett. c. 20

22 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Integrazione scolastica per alunni disabili Attività volte ad assicurare ad alunni disabili l integrazione scolastica e il diritto all'educazione ed all'istruzione, attraverso l assistenza specialistica, sia all interno che all esterno della scuola, e i servizi di trasporto. Normativa di riferimento: L. 104/1992 art. 8 comma 1 lett. d, m, art ; Nota Ministeriale Miur 30/11/2001 Prot. n Interventi di tutela dei minori in rapporto con l'autorità giudiziaria Interventi che assicurano il reperimento precoce dei casi di abbandono morale e materiale, di condotta pregiudizievole dei genitori, di maltrattamento, di disadattamento e di ogni altra situazione che leda i diritti e gli interessi dei soggetti in età evolutiva, interventi di prevenzione e di assistenza nei casi di abuso o di sfruttamento sessuale, di abbandono, di maltrattamento e di violenza sui minori. Gli interventi previsti riguardano anche l adozione di provvedimenti urgenti, la segnalazione di casi e la collaborazione con la magistratura minorile, l assunzione dell esercizio della tutela del minore disposto dalla magistratura, la promozione e l attuazione dell affidamento familiare, la vigilanza sull andamento dell affido, il mantenimento di rapporti con l autorità giudiziaria competente, la consulenza e il sostegno psicologico al minore, alla famiglia di origine ed alla famiglia affidataria, la vigilanza degli adempimenti all obbligo (anche da parte di istituti pubblici e privati) di segnalare casi di minori in situazioni di abbandono, la collaborazione con l'autorità giudiziaria per quanto riguarda i casi penali di imputati minorenni e, per questi ultimi, l organizzazione di interventi di prevenzione e assistenza. Gli interventi comprendono anche l autorizzazione al matrimonio di minorenni, l autorizzazione all'interruzione volontaria della gravidanza di minorenni, l affidamento dei figli in caso di separazione dei coniugi, di divorzio, di dichiarazione di nullità del matrimonio, l assunzione di decisioni relative all esercizio della potestà parentale, le pronunce di decadenza o di reintegrazione della potestà genitoriale, le determinazioni nei casi di condotta del genitore pregiudizievole ai figli e all attuazione di ogni altra decisione nel settore della potestà genitoriale, nonché l attuazione delle misure e delle attività volte alla dichiarazione dello stato di adottabilità (anche internazionale), dell affidamento preadottivo e dell adozione. Normativa di riferimento: L.R. 38/1996 art. 32, art. 33; L. 184/1983; L. 149/2001; art. 403 c.c.; D.P.R. 448/1998; L. 476/98. Interventi in favore di alunni in situazioni di disagio Attività dirette a rimuovere le condizioni sociali che impediscono l'assolvimento dell'obbligo scolastico, determinano lo scarso rendimento e l'emarginazione o favoriscono la dispersione e l abbandono, ivi comprese le provvidenze economiche correlate alle condizioni delle famiglie. 21

23 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Interventi per l inserimento lavorativo Attività di orientamento lavorativo e qualificazione professionale degli adolescenti in difficoltà. Normativa di riferimento: L.R. 38/1996 art. 31 comma 2 lett. c. Ludoteca/laboratorio Spazio polifunzionale protetto destinato ai minori di età compresa fra i 3 ed i 17 anni, dove vengono svolte attività ludico-ricreative, educative e culturali, individuali e di gruppo con lo scopo di favorire la socializzazione, la capacità creativa ed espressiva, l educazione all autonomia ed alla libertà di scelta dei minori. Normativa di riferimento: L.R. 18/2002. Minimo vitale per minori Erogazione di un minimo vitale a favore di minori in stato di bisogno, inseriti in famiglie o affidati ad uno solo dei genitori, anche se separati. Normativa di riferimento: L. 285/1997 art. 4 comma 1 lett. a. Servizi per la vacanza Servizio, residenziale o non residenziale, teso a offrire un periodo temporaneo di villeggiatura, di svago e di riposo, con la finalità di sostenere i destinatari del servizio nel loro percorso di socializzazione, di riabilitazione fisica e psichica. È destinato a soggetti in età evolutiva (minori, anche con disabilità, per un numero massimo di 50). È prevista la presenza di 1 responsabile, 1 educatore professionale ogni 10 minori di età compresa tra 3 e 6 anni e 1 educatore professionale per ogni 15 minori delle altre fasce d età. A seconda delle attività promosse, sono inoltre presenti animatori culturali e sportivi. Il servizio garantisce le prestazioni sanitarie, dove necessario, a carico dell ASL competente. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 1 comma 1 lett. b; D.G.R. 1304/2004 paragrafo I.B.2.2.a. Servizi socio-educativi per la prima infanzia Servizi per bambini con età fino a tre anni volti ad assicurare attività educative, ludico-ricreative, culturali e di aggregazione sociale. I servizi non sono sostitutivi degli asili nido. Sostegno economico a famiglie affidatarie di minori Contributo percepito dalla famiglia affidataria: le variazioni del contributo, che è svincolato dal reddito, sono determinate dall entità dell impegno richiesto dalla famiglia affidataria e dalle decisioni delle singole Amministrazioni comunali. Normativa di riferimento: D.G.R. 361/

24 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Sostegno economico alle famiglie per consentire la permanenza di persone non autosufficienti nel proprio domicilio o presso il nucleo familiare Contributi economici volti a favorire la permanenza di persone non autosufficienti nella propria abitazione: in particolare, titoli validi per l acquisto di servizi (dai soggetti pubblici e dai soggetti privati convenzionati o accreditati, erogatori di prestazioni sociali), contributi economici al nucleo familiare dell assistito per le prestazioni sociali effettuate direttamente dalla famiglia. Normativa di riferimento L.R. 32/2001 art. 7 comma 2; L.R. 38/1996 art. 21 comma 1 lett. c; L. 328/2000 art 22 comma 2 lett. b. Sportello per la famiglia Servizio che offre attività di supporto ai nuclei familiari, sia per agevolare la conoscenza delle norme e dei provvedimenti nazionali, regionali e locali in materia di politiche familiari, sia per favorire l accesso ai servizi. Normativa di riferimento: L.R. 32/2001 art. 9. Tutela dei minori stranieri non accompagnati Assistenza e sostegno dei minori stranieri non accompagnati, ossia quei minori stranieri che si trovano in Italia privi di assistenza e rappresentanza da parte dei genitori o di altri adulti per loro legalmente responsabili in base alle leggi vigenti nell ordinamento italiano. Normativa di riferimento: D.Lgs. 286/1998 art. 33; D.P.C.M. 535/

25 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Migranti e Nomadi Strutture Struttura di prima accoglienza per immigrati extracomunitari Struttura rivolta alla prima accoglienza degli immigrati extracomunitari, idonea ad offrire un alloggio temporaneo, con o senza annesso servizio di mensa, per coloro che versano in stato di indigenza. Normativa di riferimento: D.Lgs. 286/1998 art. 40; L.R. 10/2008 art. 20. Servizi Attività culturali e di socializzazione Attività ludico-ricreative, sociali, educative, culturali, sportive e di socializzazione. Normativa di riferimento: L.R. 10/2008 art.11. Centro servizi immigrati Attività di informazione, orientamento e assistenza. Normativa di riferimento: D.G.R. 63/2003. Integrazione scolastica minori immigrati Attività volte a favorire l integrazione scolastica ed il diritto allo studio dei minori immigrati. Normativa di riferimento: L.R. 17/1990 art. 4 comma 2 lett. f, g. Integrazione sociale immigrati Servizi e interventi volti a favorire l inserimento e l integrazione sociale degli immigrati. Normativa di riferimento: L. 40/1998 art. 40; D.Lgs.286/1998 art. 42 comma 1. Interventi in favore dei laziali emigrati all estero e dei loro familiari Attività volte a favorire l inserimento e l integrazione sociale dei cittadini del Lazio emigrati all estero e dei loro familiari. Normativa di riferimento: L.R. 23/2003 art. 3. Servizi e interventi sociali in favore dei nomadi Attività di assistenza e di sostegno alle persone nomadi volte a favorirne l inserimento e l integrazione sociale. 24

26 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Persone affette da patologie invalidanti Servizi Assistenza e sostegno a persone affette da patologie invalidanti Servizi di assistenza, sostegno, recupero e mantenimento dell autonomia delle persone affette da patologie invalidanti e di sollievo per le famiglie. Centro diurno per l assistenza e il sostegno a persone affette da patologie invalidanti (Alzheimer, Parkinson, ecc.) Servizi di assistenza, sostegno, recupero e mantenimento dell autonomia delle persone affette da patologie invalidanti e di sollievo per le famiglie. 25

27 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Persone con disagio economico Servizi Assistenza economica Interventi finanziari di contrasto alla povertà e di sostegno al reddito di persone bisognose, che possono avere carattere sia di continuità, sia di straordinarietà e temporaneità. Reddito di ultima istanza destinato ai nuclei familiari a rischio di esclusione sociale, i cui componenti non siano beneficiari di ammortizzatori sociali destinati a soggetti privi di lavoro. Normativa di riferimento: L.R. 38/1996 art. 21; L. 328/2000 art. 22 comma 2 lett. a; L.R. 11/ 2004 art

28 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Persone con problematiche psico-sociali Strutture Casa famiglia La struttura si rivolge a persone con problematiche psico-sociali che necessitano di sostegno nel percorso di autonomia e di inserimento, o di preparazione all inserimento, e al reinserimento sociale (persone adulte con disagio psichico o ex detenuti, soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale cui è permesso frequentare tale struttura, senza fissa dimora, quali soggetti a rischio di emarginazione e disadattamento sociale). Dispone di un massimo di 8 posti e, a motivo dell eterogeneità delle problematiche che determinano il bisogno di assistenza, ogni casa famiglia è composta da persone che abbiano forti compatibilità, in modo da favorire la creazione di un clima familiare. È prevista, inoltre, la presenza di 1 responsabile della struttura e 1 operatore socio-sanitario in ogni struttura. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art.5 comma 1 lett. a e art.9 comma 1 lett. a; D.G.R. 1305/2004 paragrafo IV.B.1. Comunità alloggio La struttura si rivolge a persone con problematiche psico-sociali che necessitano di sostegno nel percorso di autonomia e di inserimento o di reinserimento sociale (persone adulte con disagio psichico, ex detenuti, soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale cui è permesso frequentare tale struttura, senza fissa dimora, quali soggetti a rischio di emarginazione e disadattamento sociale). È organizzata in gruppi di convivenza e dispone di 20 posti per soggetti con problematiche psicosociali, suddivisi in gruppi omogenei di 10 soggetti, ed è prevista la presenza di almeno 1 operatore socio-assistenziale ogni 5 ospiti. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 9 comma 1 lett. b; D.G.R. 1305/2004 paragrafo IV.B.2. Comunità di pronta accoglienza Struttura a carattere comunitario destinata esclusivamente a situazioni di emergenza per persone, italiane o straniere, che necessitano di accoglienza. Offre ospitalità per un massimo di 3 mesi con interventi realizzati con l attiva partecipazione degli ospiti. È indirizzata a persone adulte con disagio psichico, ex detenuti, soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà, cui è permesso risiedere in tale struttura, senza fissa dimora, adulti ex pazienti psichiatrici, ex dipendenti da alcool o droga. Offre una risposta specifica a tali situazioni di criticità attraverso l ospitalità ed il sostegno temporaneo; se gli obiettivi previsti nel 27

29 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti piano personalizzato non sono raggiunti entro i 3 mesi successivi all ammissione, essi sono riconsiderati all interno di un nuovo progetto di riabilitazione sociale da parte del Servizio sociale di riferimento, anche allo scopo di fornire un sostegno attraverso una differente tipologia di servizio. Ospita da 7 a 20 utenti, divisi in gruppi di massimo 10 persone che abbiano esigenze compatibili, al fine di favorire il reciproco sostegno nel percorso di soluzione delle criticità. È prevista, inoltre, la presenza di 1 responsabile e almeno 1 operatore socio-sanitario ogni 5 ospiti. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 9 lett. c; D.G.R. 1305/2004 paragrafo IV.B.3. Struttura semiresidenziale Struttura caratterizzata da ospitalità di tipo diurno per persone con problematiche psico-sociali che necessitano di sostegno nel percorso di autonomia, di inserimento o di preparazione al reinserimento sociale, offrendo un contesto in grado di favorire la crescita personale, anche attraverso la partecipazione alla vita di gruppo e l interazione con gli operatori. Dispone di 30 posti per adulti organizzati in gruppi omogenei da 10 ospiti ed è prevista la presenza di almeno 2 operatori socio-sanitari per ogni struttura e 1 responsabile della struttura. È attiva 7 ore giornaliere per almeno 5 giorni alla settimana per non meno di 10 mesi l anno. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 10 comma 1; D.G.R. 1305/2004 paragrafo IV.B.4. Servizi Centro diurno Servizio polivalente, di sostegno, di socializzazione, di aggregazione o di recupero di tipo aperto, a diverso grado di intensità assistenziale in relazione ai bisogni dell utenza. Il servizio si rivolge a persone con problematiche psico-sociali: persone adulte con disagio psichico, ex detenuti, soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale cui è permesso frequentare tale servizio, senza fissa dimora, quali soggetti a rischio di emarginazione e disadattamento sociale. Il servizio è teso ad offrire attività di tipo ricreativo e culturale, di riabilitazione, di assistenza nell espletamento delle normali attività quotidiane. È prevista la presenza di 1 responsabile e di 1 educatore professionale in ogni laboratorio. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 1 e art. 4; D.G.R. 1304/2004 paragrafo I.B.4.4.d. Interventi per l'inserimento lavorativo Interventi volti a favorire l'inserimento, la permanenza e l integrazione nel mondo del lavoro di adulti in condizione di disagio. Normativa di riferimento: L.R. 38/1996 art

30 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Prevenzione, assistenza e promozione del reinserimento sociale in favore di persone con problematiche psico-sociali Interventi di prevenzione, assistenza e promozione del reinserimento sociale. 29

31 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Altri Servizi e interventi Servizi Assistenza alloggiativa Interventi per far fronte ad esigenze abitative di persone o nuclei familiari in stato di bisogno. Normativa di riferimento: L.R. 38/1996 art. 24; L. 431/1998 art. 11 comma 3 comma 8; D.M. 7 giugno Assistenza a persone vittime della tratta e dello sfruttamento della prostituzione Iniziative di tutela e di sostegno a persone vittime della tratta e dello sfruttamento della prostituzione. Normativa di riferimento: L. 228/2003 art. 13; D.P.R. 237/2005; L.269/1998. Assistenza domiciliare L'assistenza domiciliare è costituita da un insieme di prestazioni rese a domicilio. I destinatari del servizio sono persone anziane, con disabilità e non autosufficienti, e nuclei familiari con componenti a rischio di emarginazione ed isolamento sociale. Il servizio è finalizzato a favorire la permanenza dei destinatari del servizio nel proprio ambiente, ad elevarne la qualità della vita, al fine di evitare il fenomeno dell'isolamento e dell'emarginazione sociale. Le prestazioni socio-assistenziali consistono prevalentemente nelle attività di aiuto alla persona, di governo della casa, di supporto nel favorire la vita e la rete di relazioni. L'assistenza domiciliare socio-assistenziale può essere integrata con l'assistenza domiciliare sanitaria. Normativa di riferimento: L.328/2000 art. 22 comma 4 lett. c; L.R. 38/96 art. 22; L.R. 80/88 art. 2. Attività culturali e di socializzazione Attività ludico-ricreative, sociali, educative, culturali, sportive e di socializzazione. Interventi per l'inserimento lavorativo Interventi volti a favorire l'inserimento, la permanenza e l integrazione nel mondo del lavoro. Normativa di riferimento: L.R. 38/1996 art

32 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Mensa sociale Servizio teso a soddisfare i bisogni primari di vita quotidiana dei cittadini italiani, degli stranieri, sia quelli provenienti dai Paesi europei che quelli non appartenenti all Unione Europea e apolidi, residenti e non residenti, che temporaneamente non possono provvedere personalmente al proprio sostentamento. Il servizio fornisce pasti giornalieri (massimo 300 pasti al giorno) per tutti i giorni dell anno. È prevista la presenza di 1 responsabile referente del servizio, 1 collaboratore che affianca il responsabile e cura la gestione delle attività quotidiane, 1 responsabile della cucina o della somministrazione dei pasti. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 1 e art. 4; D.G.R. 1304/2004 paragrafo I.B.1.4.a. Rette Interventi economici volti a garantire ad utenti bisognosi la copertura delle rette per la fruizione di strutture e servizi. Segretariato sociale Il servizio risponde alle esigenze primarie dei cittadini, aiuta ad avere informazioni complete in merito ai diritti, alle prestazioni, alle modalità di accesso ai servizi; a conoscere le risorse sociali disponibili nel territorio in cui vivono, che possono risultare utili per affrontare esigenze personali e familiari nelle diverse fasi della vita. Il cittadino rivolgendosi al segretariato sociale, oltre ad avere informazione e orientamento nel sistema di offerta pubblica, solidaristica e di auto-aiuto presente nel welfare locale, potrà avere informazioni anche su soggetti privati che erogano servizi a pagamento, sulle tariffe praticate e sulle caratteristiche dei servizi erogati. Normativa di riferimento: L. 328/2000 art. 22 comma 4 lett. a. Servizio di accoglienza notturna Servizio teso a soddisfare temporaneamente (6 mesi) i bisogni primari di vita delle persone che versano in particolari gravi condizioni di disagio economico, familiare e sociale. Offre vitto e alloggio notturno a categorie di persone (italiani e stranieri, residenti e non, soggetti con disagio psichico o con dipendenze da alcool e droga, donne in difficoltà, anziani soli, famiglie mono-genitoriali, persone senza fissa dimora) che temporaneamente non riescono a provvedervi personalmente, per sé o anche per i figli minori. Il servizio di accoglienza notturna offre ospitalità per l intero anno solare in collegamento con i servizi sociali territoriali. È prevista la presenza di 1 responsabile referente del servizio, 1 collaboratore che affianca il responsabile e cura la gestione delle attività quotidiane, 1 responsabile della cucina e/o della somministrazione dei pasti. Normativa di riferimento: L.R. 41/2003 art. 1 e art. 4; D.G.R. 1304/2004 paragrafo I.B.1.4.b. 31

33 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Servizio di pronto intervento sociale per le situazioni di emergenza personale e familiari Servizio teso ad assicurare prestazioni tempestive, nell arco delle 24 ore e per un periodo non superiore alle 48 ore, a persone che, per improvvise ed imprevedibili situazioni contingenti, personali o familiari, si trovino in condizioni di incapacità o non siano in grado di trovare autonomamente una soluzione alle criticità accorse in quanto privi di mezzi necessari al soddisfacimento dei bisogni primari di vita. Esso si raccorda con il servizio di emergenza sanitaria, interviene accanto alla Protezione Civile, ai Vigili del Fuoco, alla Polizia Municipale e prevede l integrazione con il privato sociale. Il servizio assicura la fase di primo intervento, predisponendo in seguito le azioni necessarie all attivazione delle risorse di competenza da parte dei servizi territoriali attraverso una centrale telefonica e la partecipazione di unità mobili su strada per intervenire in caso di situazioni di disagio estremo. Il servizio è rivolto a tutte le persone presenti nel distretto che ne facciano richiesta direttamente o su segnalazione (persone anziane, senza fissa dimora, soggette a dipendenza da droghe e alcool, donne in difficoltà, minori e qualsiasi altra categoria di adulti in momentanea difficoltà). Il funzionamento del servizio è garantito 24 ore su 24 tutti i giorni dell anno. È prevista la presenza di 1 responsabile di servizio, almeno 2 operatori telefonici impegnati nel front office, 2 operatori impegnati nel back office e 2 operatori (1 con la qualifica di educatore professionale e 1 di operatore socio-sanitario) impegnati sulle unità mobili. Normativa di riferimento: L. 328/2000 art. 22 comma 4 lett. b; D.G.R. 1304/2004 paragrafo I.B.3. Servizio sociale professionale Servizio finalizzato alla lettura e codificazione della domanda, alla presa in carico della persona, della famiglia e/o del gruppo sociale, all attivazione ed integrazione dei servizi e delle risorse in rete, all accompagnamento e all aiuto nel processo di promozione ed emancipazione. È destinato a tutti i cittadini, i gruppi e le Associazioni che necessitino di un intervento sociale. Normativa di riferimento: L. 328/2000 art. 22 comma 4 lett. a. Struttura a ciclo residenziale di accoglienza temporanea di familiari e pazienti, minori o adulti, in cura per patologie oncoematologiche presso strutture sanitarie regionali Struttura destinata ad offrire, per un arco di tempo limitato, ospitalità a pazienti, adulti o minori, affetti da patologie oncoematologiche che dopo essere stati dimessi devono continuare a ricevere cure presso le strutture sanitarie regionali accompagnati da un loro familiare, nonchè ai familiari di pazienti minori ricoverati presso le strutture sanitarie regionali. La struttura assicura agli ospiti l alloggio, il soddisfacimento dei bisogni primari ed eventuali interventi di carattere socio-assistenziale. Le strutture accolgono da un minimo di dieci a un massimo di venticinque ospiti, i quali sono coinvolti direttamente nella gestione della struttura. 32

34 Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti Il personale previsto comprende il Responsabile della struttura e del servizio, l operatore socio-sanitario, l educatore professionale in presenza di minori ed il mediatore culturale (presenza programmata). Normativa di riferimento: D.G.R. 652/2007 paragrafi 1.1, 1.4, 3.4, 3.5. Trasporto sociale Servizi volti a consentire gli spostamenti di persone a ridotta mobilità non in grado di utilizzare i normali servizi pubblici di trasporto. Unità di strada Servizio di ascolto, informazione, orientamento e primo intervento nei confronti di persone in condizioni di isolamento e di emarginazione. Altre strutture residenziali e semiresidenziali Strutture residenziali o semiresidenziali diverse da quelle riportate in precedenza. Altri servizi/interventi Servizi/interventi diversi da quelli riportati in precedenza. 33

35

36 DISTRETTO RIETI 1 C omuni di appartenenza: Ascrea Belmonte in Sabina Cantalice Castel di Tora Cittaducale Collalto Sabino Colle di Tora Collegiove Colli sul Velino Contigliano Greccio Labro Leonessa Longone Sabino Monte San Giovanni in Sabina Montenero Sabino Morro Reatino Nespolo Paganico Sabino Poggio Bustone Rieti Rivodutri Rocca Sinibalda Torricella in Sabina Turania 35

37 Distretto RI/1 Adulti con disabilità Casa famiglia Cantalice "Villa dei Cedri" Unitalsi - Sottosezione di Rieti Via Primo Maggio 134 Tel.: Cap: Privato Comunità alloggio per adulti con disabilità Torricella in Sabina "Villa Belvedere" Via Salaria per Roma Km 64,00 snc Tel.: Cap: Rieti ARFH onlus Via Belvedere 1 Tel.: Cap: Privato Centro diurno per adulti con disabilità 36

38 Distretto RI/1 Anziani Rieti Istituto divino amore "Casa per ferie" Via della Molina 14 Tel.: Cap: Privato Casa albergo Casa famiglia Colli sul Velino "Villa Silvana" Colle Rapina snc Tel.: Cap: Privato Contigliano "La Luna" Via Montisola 69 Tel.: Cap: Privato Greccio Villa sorriso Via Limiti sud 86 Tel.: Cap: Privato "Vivere insieme" Via Collerelle snc Cap: Privato Labro Residence Villa Maria Vocabolo Valle Avanzana 63 Tel.: Cap: Privato Rieti Casa Famiglia Suore Benedettine Via Garibaldi 74 Tel.: Cap: Privato Vita Nova "Villa dei Pini" Via Romagna (Fraz. Vazia) 1 Tel.: Cap: Privato 37

39 Distretto RI/1 Comunità alloggio per anziani Cantalice "Vivere Insieme" Via Garibaldi 111 Tel.: Cap: Privato Colli sul Velino Comunità alloggio pensione Località Colle Fuzio 19 Tel.: Cap: Privato Contigliano "Villa Mara" Via della Repubblica 9 Tel.: Cap: Privato "Casa Viola" Via San Lorenzo 1/3 Tel.: Cap: Privato "Casa del Nonno" Via della Repubblica 9 Tel.: Cap: Privato Greccio "Associazione Onlus Vita Nova 3" Via Capolimiti 81 Tel.: Cap: Privato Pia Unione Missionarie Catechiste di Bambin Gesù Redentore Via Dionigi 14 Tel.: Cap: Privato "Villa del Sole" Via Collemare 3 Tel.: Cap: Privato Poggio Bustone Istituto Suore Missionarie Cappuccine Via Coenere 5 Tel.: Cap: Privato Rieti "Santa Lucia" Via Belvedere 1 Tel.: Cap: Privato "Villa Celeste" Via Salaria per Roma Km 85,500 snc Tel.: Cap: Privato Villa Olimpo Via Cavone 35 (Poggio Fidoni) Tel.: Cap: Privato Torricella in Sabina "Villa delle rose" Località Colle Oddo 1 Tel.: Cap: Privato 38

40 Distretto RI/1 Casa di riposo Contigliano Casa di Riposo per Anziani "A.L.C.I.M." Via Campo Boario 2 Tel.: Cap: Privato Poggio Bustone Casa della Letizia Francescana Località Borgo San Pietro 2 Tel.: Cap: Privato Rieti "Pietro Manni" Via Garibaldi 104 Tel.: Cap: Casa S.Lucia Istituto Suore Clarisse Apostoliche P.zza Beata Colomba 11 Tel.: Cap: Privato Centro diurno per anziani Belmonte in Sabina Via Collecatino snc Tel.: Castel di Tora Largo Armando Massimi s.n.c. Tel.: Cittaducale Via Garibaldi 65 Cap: Centro S. Rufina Via Don Minozzi snc fraz. S. Rufina Cap: Centro sociale anziani Pendenza Via S. Rocco fraz. Pendenza snc Cap: Collalto Sabino "Collalto Piazza Vittorio Emanuele II snc Tel.: Cap: "Ricetto" Via Roma snc frazione Ricetto Tel.: Cap: "San Lorenzo" Via Roma snc frazione San Lorenzo Tel.: Cap: Collegiove Via Roma 23 Tel.:

41 Distretto RI/1 Colli sul Velino Via Dante Alighieri 41/A Tel.: Cap: Contigliano "Cinque Monti" Piazza Fiume 1 Tel.: Cap: Centro di promozione sociale Porta d'arce Via Nuova 9 Tel.: Cap: Greccio Centro sociale anziani Via Limiti Nord 17 Cap: Labro Centro diurno per anziani Via Garibaldi snc Tel.: Cap: Leonessa Centro diurno sociale per anziani Vicolo Santa Lucia s.n.c. Tel.: Cap: Montenero Sabino Centro di solidarietà sociale Via Porta Riella 1 Tel.: Morro Reatino "Giovanni XXIII" Località San Valentino snc Tel.: Cap: Paganico Sabino Centro sociale diurno Via San Giorgio snc Tel.: Poggio Bustone Piazza San Felice Tel.: Cap: Rieti Centro sociale anziani "ex Piaggio" Viale Maraini 75 Tel.: Cap: Villa Reatina Via Mitrotti snc Tel.: Cap: Rocca Sinibalda Centro diurno Roccasinibalba Via della Chiesa snc Tel.: Cap:

42 Distretto RI/1 Servizi per la vacanza Ascrea Piazza Mareri 1 Tel.: Belmonte in Sabina Piazza Roma 27 Tel.: Cantalice Piazza della Repubblica 1 Tel.: Cap: Castel di Tora Via Don Sabino Gentili 11 Tel.: Cittaducale Corso Mazzini 111 Tel.: Cap: Colle di Tora Via Colle della Madonna 7 Tel.: Colli sul Velino Via Cesare Battisti 32 Tel.: Cap: Contigliano Via L. Solidati Tiburzi Tel.: Cap: Greccio Via Limiti Nord 17 Tel.: Cap: Leonessa Piazza VII Aprile 1944 s.n.c. Tel.: Cap: Monte San Giovanni in Sabina Viale Regina Margherita 2 Tel.: Montenero Sabino Piazza del Municipio 2 Tel.: Paganico Sabino Cure termali Via San Giorgio 1 Tel.: Poggio Bustone Via Francescana 9 Tel.: Cap: Rivodutri Piazza del Municipio 9 Tel.: Cap:

43 Distretto RI/1 Rocca Sinibalda Piazza della Vittoria 15 Tel.: Cap: Turania Via Porta Romana s.n.c. Tel.: Torricella in Sabina Via Roma 58 Tel.: Cap: Telesoccorso/teleassistenza V Comunità Montana sede di Rieti Via Manzoni 10 Tel.: Cap:

44 Distretto RI/1 Donne in difficoltà Assistenza e sostegno a donne vittime di violenza Provincia di Rieti sede di Rieti Oasi Riscoprirsi donna Via Trebbiani 13 Tel.: Cap:

45 Distretto RI/1 Famiglia, Minori e Giovani Comunità educativa di pronta accoglienza Rieti Centro residenziale di pronta accoglienza il Nespolo Via Cerenaro 4 (Lisciano) Tel.: Cap: Asilo nido Cantalice Servizio di assistenza familiare Loc. S. Liberato 10 Tel.: Cap: Cittaducale Pupepupi Asilo nido baby parking centro estivo Via Leonardo Da Vinci 20 Tel.: Cap: Privato Rieti Asilo nido V.Ciancarelli Viale Maraini 102 Tel.: Cap: Asilo nido A. Sabin Via Fratelli Tizi snc Tel.: Cap:

46 Distretto RI/1 Assistenza economica a sostegno delle responsabilità familiari Cittaducale C.so Mazzini 111 Tel.: Cap: Leonessa Piazza VII Aprile 1944 Tel.: Cap: Centro diurno per minori Cittaducale V.le D.M. D'Aquilio 3 Tel.: Cap: Rieti "Il Club" Fraz. Villa Reatina Cap: Leonessa Vicolo Santa Lucia s.n.c. Tel.: Cap: Informazione e sostegno alla famiglia e alla genitorialità Labro Via Garibaldi 11 Tel.: Cap: Monte San Giovanni in Sabina V.le Regina Margherita 2 Tel.: Integrazione scolastica per alunni disabili Leonessa P.zza 7 aprile 1944 snc Tel.: Cap: Poggio Bustone Via Francescana 9 Tel.: Cap:

47 Distretto RI/1 Interventi di tutela dei minori in rapporto con l'autorità giudiziaria Cantalice Piazza della Repubblica 1 Tel.: Cap: Cittaducale Corso Mazzini 111 Tel.: Cap: Interventi in favore di alunni in situazioni di disagio Morro Reatino Servizio educativo per minori handicappati gravi Via Roma 18 Tel.: Cap:

48 Intervento per l'inserimento lavorativo Rieti Interventi per l'inserimento lavorativo per minori, adulti e con disabilità Viale Matteucci 82 Tel.: Cap: Distretto RI/1 Colle di Tora Via Colle della Madonna 7 Tel.: Ludoteca/laboratorio Servizi per la vacanza Belmonte in Sabina Corso di nuoto Piazza Roma 27 Tel.: Cittaducale Corso Mazzini 111 Tel.: Cap: Cantalice Corsi estivi extrascolastici per minori Piazza della Repubblica 1 Tel.: Cap: Castel di Tora Servizio vacanza estiva per minori Via Don Sabino Gentili 11 Tel.: Colle di Tora Soggiorno marino via Colle della Madonna 7 Tel.: Contigliano Settimane Verdi Via Molino della Salce 54 (sede Bimbopoli) Tel.: Cap:

49 Distretto RI/1 Morro Reatino Centro estivo ricreativo per minori Via Roma 18 Tel.: Cap: Rieti Vacanze marine per minori Viale Matteucci 82 Tel.: Cap: Servizi socio-educativi per la prima infanzia Cittaducale V.le D.M. D'Aquilio 3 Tel.: Cap: Greccio Via Limiti Nord 17 Tel.: Cap: Montenero Sabino P.zza del municipio 2 Tel.: V Comunità Montana sede di Rieti Via Manzoni 10 Tel.: Cap: Sostegno economico alle famiglie per consentire la permanenza di persone non autosufficienti nel proprio domicilio o presso il nucleo familiare Rieti Viale Matteucci 82 Tel.: Cap: Sportello per la famiglia Ascrea Piazza Mareri Tel.: Belmonte in Sabina Piazza Roma 27 Tel.: Cantalice Piazza della Repubblica 1 Tel.: Cap: 02014

50 Distretto RI/1 Castel di Tora Via Don Sabino Gentili 11 Tel.: Collalto Sabino Piazza G. Marconi 1 Tel.: Cap: Colle di Tora Via Colle della Madonna 7 Tel.: Collegiove Via Roma 25 Tel.: Colli sul Velino Via Cesare Battisti 32 Tel.: Cap: Contigliano Via L. Solidati Tiburzi Tel.: Cap: Greccio Via Limiti Nord 17 Tel.: Cap: Labro Via Garibaldi 11 Tel.: Cap: Leonessa Piazza VII Aprile 1944 Tel.: Cap: Longone Sabino Via Roma 28 Tel.: Monte San Giovanni in Sabina Via Regina Margherita 2 Tel.: Montenero Sabino Piazza Del Municipio 2 Tel.: Morro Reatino Via Roma 18 Tel.: Cap: Nespolo Via Roma 156 Tel.: Paganico Sabino Via San Giorgio 1 Tel.: Poggio Bustone Via Francescana 9 Tel.: Cap:

51 Distretto RI/1 Rieti Viale Matteucci 82 Tel.: Cap: Rocca Sinibalda Piazza della vittoria 15 Tel.: Cap: Torricella in Sabina Via Roma 58 Tel.: Cap: Turania Via Porta Romana s.n.c. Tel.:

52 Distretto RI/1 Migranti e Nomadi Centro servizi immigrati Rieti Viale Matteucci 82 Tel.: Cap: Provincia di Rieti sede di Rieti Via Salaria 3 Tel.: Cap: Integrazione sociale immigrati Provincia di Rieti sede di Rieti Via Salaria 3 Tel.: Cap: Contigliano Via L. Solidati Tiburzi Tel.: Cap: Cittaducale Corso Mazzini 111 Tel.: Cap: Struttura di prima accoglienza per migranti Contigliano Centro di accoglienza di Collebaccaro Via L. Solidati Tiburzi Tel.: Cap: Rieti Casa Dublino Via F. Sabino 7 (3 piano) Tel.: Cap: Privato 51

53 Distretto RI/1 Persone affette da patologie invalidanti Assistenza e sostegno a persone affette da patologie invalidanti Cantalice Centro diurno per malati di Alzheimer Via Garibaldi 1 Tel.: Cap: Centro diurno Greccio Centro socio riabilitativo " S. Rigliani" per portatori di handicap per adulti Via Oreste Leonardi 10 Tel.: Cap:

54 Distretto RI/1 Persone con disagio economico Assistenza economica Cantalice Piazza della Repubblica 1 Tel.: Cap: Cittaducale C.so Mazzini 111 Tel.: Cap: Leonessa Piazza VII Aprile 1944 Tel.: Cap: Provincia di Rieti sede di Rieti Via Salaria 3 Tel.: Cap: Rieti V.le Matteucci 82 Tel.: Cap: V.le Matteucci 82 Tel.: Cap: Monte San Giovanni in Sabina Via Regina Margherita 2 Tel.:

55 Distretto RI/1 Persone con problematiche psico-sociali Casa famiglia Cantalice Via Andrea Costa s.n.c Tel.: Cap: Colli sul Velino Via Dante Alighieri 41 Tel.: Cap: Monte San Giovanni in Sabina Via Don Giovanni Gentili 4 Tel.: Rieti Via Salaria Via Salaria per L'Aquila 3 Tel.: Cap: Via Pollastrini Via Pollastrini 116 Tel.: Cap: Via Comotti Via Comotti 43 Tel.: Cap: Via dell'ospedale Via dell'ospedale Vecchio 3 Tel.: Cap: Comunità alloggio Greccio Via Spinacceto 108 Tel.: Cap: Privato Rieti Associazione Comunità Emmanuel Onlus Via Cese 12 Tel.: Cap: Privato Comunità "Mondo X" Via Santa Maria della foresta snc Tel.: Cap: Privato 54

56 Distretto RI/1 Rieti Centro Hope Via F. Sabino 7 (1 piano) Tel.: Cap: Privato Comunità di pronta accoglienza Prevenzione, assistenza e promozione del reinserimento sociale in favore di persone con problematiche psico-sociali Cittaducale C.so Mazzini 111 Tel.: Cap: Leonessa Piazza VII Aprile 1944 Tel.: Cap:

57 Distretto RI/1 Altri Servizi e interventi Rieti V.le Matteucci 82 Tel.: Cap: Assistenza alloggiativa Assistenza domiciliare Ascrea Piazza Mareri 1 Tel.: Belmonte in Sabina Piazza Roma 27 Tel.: Cantalice Piazza della Repubblica 1 Tel.: Cap: Castel di Tora Via Don Sabino Gentili 11 Tel.: Cittaducale Corso Mazzini 111 Tel.: Cap: Collalto Sabino Piazza G. Marconi 1 Tel.: Cap: Colle di Tora Via Colle della Madonna 7 Tel.: Collegiove Via Roma 25 Tel.: Colli sul Velino Via Cesare Battisti 32 Tel.: Cap: 02010

58 Distretto RI/1 Contigliano Via L. Solidati Tiburzi Tel.: Cap: Greccio Via Limiti Nord 17 Tel.: Cap: Labro Via Garibaldi 11 Tel.: Cap: Leonessa Piazza VII Aprile 1944 Tel.: Cap: Via G.B. Bucarini 75 Cap: Longone Sabino Via Roma 28 Tel.: Morro Reatino Via Roma 18 Tel.: Cap: Monte San Giovanni in Sabina Via Regina Margherita 2 Tel.: Montenero Sabino Piazza del Municipio 2 Tel.: Morro Reatino Via Roma 18 Tel.: Cap: Nespolo Via Roma 156 Tel.: Paganico Sabino Via San Giorgio 1 Tel.: Poggio Bustone Via Francescana 9 Tel.: Cap: Rieti Viale Matteucci 82 Tel.: Cap: Rivodutri Piazza del Municipio 9 Tel.: Cap: Rocca Sinibalda Piazza della Vittoria 15 Tel.: Cap:

59 Distretto RI/1 Torricella in Sabina Via Roma 58 Tel.: Cap: Turania Via Porta Romana snc Tel.: Attività culturali e di socializzazione Cantalice Festa dell'anziano Piazza della Repubblica 1 Tel.: Cap: Vitattiva Via Dante Alighieri snc Tel.: Cap: Cittaducale Attività ricreative e sportive per portatori di handicap C.so Mazzini 111 Tel.: Cap: Colli sul Velino Attività di ginnastica dolce per anziani Via Dante Alighieri 41/A Tel.: Cap: Contigliano Ginnastica dolce per anziani Via L. Solidati Tiburzi Tel.: Cap: Centro giovanile P.zza degli eroi snc Tel.: Cap: Leonessa Giornata dell'anziano Piazza VII Aprile 1944 Tel.: Cap: Morro Reatino Ginnastica dolce Località San Valentino snc Tel.: Cap: Interventi per l'inserimento lavorativo Cantalice Piazza della Repubblica 1 Tel.: Cap: Cittaducale C.so Mazzini 111 Tel.: Cap: 02015

60 Distretto RI/1 Contigliano Via L. Solidati Tiburzi Tel.: Cap: Leonessa Piazza VII Aprile 1944 Tel.: Cap: Montenero Sabino P.zza del Municipio 2 Tel.: Rieti V.le Matteucci 82 Tel.: Cap: V Comunità Montana sede di Rieti Via Manzoni 10 Tel.: Cap: Rette Cittaducale C.so Mazzini 111 Tel.: Cap: Contigliano Via L. Solidati Tiburzi Tel.: Cap: Leonessa Piazza VII Aprile 1944 Tel.: Cap: Rieti V.le Matteucci 82 Tel.: Cap:

61 Distretto RI/1 Segretariato sociale Ascrea Piazza Mareri Tel.: Belmonte in Sabina Piazza Roma 27 Tel.: Castel di Tora Via Don Sabino Gentili 11 Tel.: Cantalice Piazza della Repubblica 1 Tel.: Cap: Cittaducale Corso Mazzini 111 Tel.: Cap: Collalto Sabino Piazza G. Marconi 1 Tel.: Cap: Colle di Tora Via Colle della Madonna 7 Tel.: Collegiove Via Roma 25 Tel.: Colli sul Velino Via Cesare Battisti 32 Tel.: Cap: Contigliano Via L. Solidati Tiburzi Tel.: Cap: Greccio Via Limiti Nord 17 Tel.: Cap: Labro Via Garibaldi 11 Tel.: Cap: Leonessa Piazza VII Aprile 1944 Tel.: Cap: Longone Sabino Via Roma 28 Tel.: Morro Reatino Via Roma 18 Tel.: Cap:

62 Distretto RI/1 Monte San Giovanni in Sabina Via Regina Margherita 2 Tel.: Montenero Sabino Piazza Del Municipio 2 Tel.: Nespolo Via Roma 156 Tel.: Paganico Sabino Via San Giorgio 1 Tel.: Poggio Bustone Via Francescana 9 Tel.: Cap: Rieti Viale Matteucci 82 Tel.: Cap: Rivodutri Piazza del Municipio 9 Tel.: Cap: Rocca Sinibalda Piazza della Vittoria 15 Tel.: Cap: Torricella in Sabina Via Roma 58 Tel.: Cap: Turania Via Porta Romana s.n.c. Tel.: Servizio di pronto intervento sociale per le situazioni di emergenza personale e familiari Cantalice Piazza della Repubblica 1 Tel.: Cap: Rieti Viale Matteucci 82 Tel.: Cap: Contigliano Via L. Solidati Tiburzi Tel.: Cap:

63 Distretto RI/1 Servizio sociale professionale Cantalice Piazza della Repubblica 1 Tel.: Cap: Colli sul Velino Via Cesare Battisti 32 Tel.: Cap: Contigliano Via L. Solidati Tiburzi Tel.: Cap: Greccio Via Limiti Nord 17 Tel.: Cap: Labro Via Garibaldi 11 Tel.: Cap: Leonessa Piazza VII Aprile 1944 Tel.: Cap: Monte San Giovanni in Sabina Via Regina Margherita 2 Tel.: Montenero Sabino Piazza del Municipio 2 Tel.: Morro Reatino Via Roma 18 Tel.: Cap: Poggio Bustone Via Francescana 9 Tel.: Cap: Rieti Viale Matteucci 82 Tel.: Cap: Rivodutri Piazza del Municipio 9 Tel.: Cap: Trasporto sociale Colli sul Velino Via Cesare Battisti 32 Tel.: Cap: Torricella in Sabina Via Roma 58 Tel.: Cap:

64 Distretto RI/1 Altri servizi/interventi Provincia di Rieti Assistenza alla comunicazione a favore dei non udenti sede di Rieti Via Pescheria 13 Tel.: Cap: Assistenza agli ipovedenti sede di Rieti V.le Morroni 20 Tel.: Cap: Iter badanti sede di Rieti Via Salaria 3 Tel.: Cap: Cantalice Progetto "Oltremare" Piazza della Repubblica 1 Tel.: Cap: Cittaducale Servizio di volontariato nei pressi delle scuole Corso Mazzini 111 Tel.: Cap: Colle di Tora Servizio trasporto piscina Via Colle della Madonna 7 Tel.: Collegiove Servizio Podologo Via Roma 25 Tel.: Monte San Giovanni in Sabina Acquisto medicinali per soggetto con disabilità V.le Regina Margherita 2 Tel.:

65

66 Distretto RI/2 DISTRETTO RIETI 2 C omuni di appartenenza: Cantalupo in Sabina Casperia Collevecchio Configni Cottanello Forano Magliano Sabina Mompeo Montasola Montebuono Montopoli di Sabina Poggio Catino Poggio Mirteto Roccantica Salisano Selci Stimigliano Tarano Torri in Sabina Vacone 65

67 Distretto RI/2 Adulti con disabilità Poggio Mirteto "Il Sicomoro" Piazza Mario Dottori 14 Tel.: Cap: Privato Casa famiglia per adulti con disabilità Formazione, orientamento, inserimento e integrazione lavorativa Torri in Sabina Piazza Roma 6 Tel.: Cap:

68 Distretto RI/2 Anziani Forano Casa famiglia Benessere Via Sabina Nord (già Via cupa) 15 Tel.: Cap: Privato Casa famiglia Casa di riposo Magliano Sabina Casa alloggio comunale Piazza Principessa di Piemonte 1 Tel.: Cap: Montopoli di Sabina "Istituto delle suore figlie della divina provvidenza" Via Piedimonte 1 (Fraz. Bocchignano) Tel.: Cap: Privato Coop. Sociale O.N.L.U.S. Agorà San C. Borromeo Piazza Nicolò 13 Tel.: Cap: Privato Poggio Catino Casa di riposo "S. Antonio" Via Ameraldo de felice snc Tel.: Roccantica Villa Serena snc Via Ciciliano 1 Tel.: Privato Salisano Casa di riposo comunale Via Umberto I 52/54 Tel.: Torri in Sabina Hotel Cirene Srl Località Sant'Egidio 26 Tel.: Cap: Privato

69 Distretto RI/2 Opera pia ospedale San Giovanni Battista Piazza Roma 6 Tel.: Cap: Privato Comunità alloggio per anziani Poggio Mirteto "Villa Monica" Via D. Eusebi 10 Tel.: Cap: Privato Tarano Contrada Benedetti 74 Privato Assistenza leggera Salisano Servizio trasporto e accompagnamento anziani nelle strutture sanitarie Via Umberto I 52 Tel.: Centro diurno per anziani Cantalupo in Sabina "Centro sociale anziani Cantalupo" Viale Verdi 6 Tel.: Casperia Centro sociale anziani "A.Masci" Via Roma 11 Tel.: Cap: Collevecchio Centro ricreativo anziani di Collevecchio C.so Umberto I 2 Tel.: Cap: Forano Centro sociale anziani di Forano e Gavignano Viale G. Marconi 15 Tel.: Cap: 02044

70 Distretto RI/2 Magliano Sabina P.zza Pricipessa di Piemonte snc Tel.: Cap: Mompeo Centro diurno polivalente Voc. Madonna del Mattone snc Tel.: Montebuono Circolo ricreativo anziani Via Sala snc Tel.: Privato Montopoli di Sabina Via XII Ottobre 48 Tel.: Cap: Poggio Catino Piazza Indipendenza Tel.: Poggio Mirteto Via G. Mameli snc Tel.: Cap: Salisano Via Umberto I 52 Tel.: Selci Centro sociale anziani Selci Piazza del Popolo snc Tel.: Stimigliano Centro comunale anziani Piazza Vittorio Emanuele 3 Tel.: Cap: Tarano Centro anziani del Comune di Tarano Via Regina Margherita 5 Tel.: Torri in Sabina Centro Capelli D'Argento Corso Foronovo 72 Tel.: Cap: P.zza U. Volpi snc Fraz. Castel S. Pietro Cap:

71 Distretto RI/2 Servizi per la vacanza IV Comunità Montana "Soggiorno marino per anziani residenti nel comprensorio comunitario" sede di Poggio Mirteto V.le Giuseppe de Vito 8/a Tel.: Cap: Cantalupo in Sabina "Vacanze estive marine" Viale Verdi 6 Tel.: Collevecchio "Soggiorno estivo marino" Via A. Segoni 24 Tel.: Cap: Magliano Sabina "Soggiorni marini per anziani" Via del lavatoio 3 Tel.: Cap: Montopoli di Sabina "Soggiorno estivi per anziani" Piazza Comunale 2 Tel.: Cap: Poggio Mirteto "Soggiorno estivi per anziani" Piazza Martiri della libertà 40 Tel.: Cap: Selci Soggiorno estivo marino Piazza del Popolo snc Tel.: Stimigliano "Soggiorno estivo anziani" Piazza Roma 6 Tel.: Cap: Tarano "Soggiorno marino anziani" Via Regina Margherita 5 Tel.: Unione Comuni Bassa Sabina sede di Poggio Mirteto Via Riosole Tel.: Cap: Telesoccorso/teleassistenza

72 Distretto RI/2 Famiglia, Minori e Giovani Asilo nido Forano "Il Melograno" Via Poggio Mirteto 25 Tel.: Cap: Magliano Sabina "Baby Parking-Peater Pan" Viadotto S. Maria 11 Tel.: Cap: Privato Poggio Mirteto "Le piccole pesti" Via Brodolini 2 Tel.: Cap: Privato Torri in Sabina "I Figghioli" Via Porta Romana snc Tel.: Cap: Assistenza economica a sostegno delle responsabilità familiari Forano Assistenza economica minori nati dopo il matrimonio Via del Paesaggio 1 Tel.: Cap: Centro diurno per minori Cantalupo in Sabina "Asso giovani" Piazza Garibaldi 41 Tel.: Salisano "Centro giovanile comunale" Viale Prof. Costantini 10 Tel.:

73 Distretto RI/2 Montopoli di Sabina "Il piccolo principe sull'arcobaleno" Via del Borgo 23 Fraz. Bocchignano Tel.: Cap: Torri in Sabina Corso Foronovo 72 Tel.: Cap: Integrazione scolastica per alunni disabili Magliano Sabina P.zza G. Garibaldi 4 Tel.: Cap: Torri in Sabina Piazza Roma 6 Tel.: Cap: Roccantica Via del Nobili 3 Tel.: Interventi di tutela dei minori in rapporto con l'autorità giudiziaria Forano Via del Paesaggio 1 Tel.: Cap: Poggio Mirteto Piazza Martiri della libertà 40 Tel.: Cap: Torri in Sabina Piazza Roma 6 Tel.: Cap:

74 Distretto RI/2 Interventi in favore di alunni in situazioni di disagio Forano Via del Paesaggio 1 Tel.: Cap: Selci P.zza del Popolo snc Tel.: Ludoteca/laboratorio Poggio Mirteto "Spazio baby le piccole pesti" Piazza del Mercato 2 Cap: "Manine e Piedini" Via G. Mameli 54 Tel.: Cap: Privato "Le piccole pesti" Via Ruffilli snc Poggio Mirteto Scalo Cap: Privato Servizi per la vacanza Collevecchio "Centro estivo minori" Via A. Segoni 24 Tel.: Cap: Magliano Sabina "Centro estivo per minori" Piazza Garibaldi 4 Tel.: Cap: Montebuono Centro estivo minori Via del Municipio 1 Tel.: Poggio Catino Centro estivo piscina Tevere Piazza Capizzucchi 1 Tel.: Salisano Servizio trasporto minori e corsi estivi c/o piscina comunale Via Umberto I 52 Tel.: Selci Centri estivi ricreativi Piazza del Popolo 1 Tel.:

75 Distretto RI/2 Stimigliano "Servizio corsi estivi minori" Piazza Roma 6 Tel.: Cap: Servizi socio-educativi per la prima infanzia Magliano Sabina Spazio Famiglia Insieme Via Principe di Piemonte snc Tel.: Cap: Poggio Mirteto Spazio baby manine e piedini Via G. Mameli 54 Tel.: Cap: Privato Sportello per la famiglia Collevecchio Via A. Segoni 24 Tel.: Cap: Stimigliano Piazza Roma 6 Tel.: Cap: Magliano Sabina Piazza Garibaldi 4 Tel.: Cap:

76 Distretto RI/2 Migranti e Nomadi Centro servizi immigrati Forano Via del Paesaggio 1 Tel.: Cap: Tarano Via Regina Margherita 5 Tel.: Integrazione sociale immigrati Poggio Mirteto Servizio Interventi distrettuali in favore degli immigrati Piazza Martiri della Libertà 40 Tel.: Cap:

77 Distretto RI/2 Persone con disagio economico Assistenza economica Casperia Piazza del Municipio 5 Tel.: Cap: Cottanello Via Umberto I 5 Tel.: Cap: Forano Via del Paesaggio 1 Tel.: Cap: Poggio Mirteto Piazza Martiri della libertà 40 Tel.: Cap: Roccantica Via del Nobili 3 Tel.: Selci P.zza del Popolo 1 Tel.: Tarano Via Regina Margherita 5 Tel.: Torri in Sabina Piazza Roma 6 Tel.: Cap: Unione Comuni Bassa Sabina sede di Poggio Mirteto Via Riosole Tel.: Cap: Unione Comuni Valle del Tevere Sede di Magliano Sabina P.zza G. Garibaldi 4 Tel.: Cap:

78 Distretto RI/2 Persone con problematiche psico-sociali Prevenzione, assistenza e promozione del reinserimento sociale in favore di persone con problematiche psico-sociali IV Comunità Montana Tirocini formativi piano per la realizzazione e prevenzione dalle tossicodipendenze sede di Poggio Mirteto V.le Giuseppe de Vito 8/A Tel.: Cap:

79 Distretto RI/2 Altri Servizi e interventi Assistenza domiciliare Cantalupo in Sabina Viale Verdi 6 Tel.: Casperia Piazza del Municipio 5 Tel.: Cap: Collevecchio Via A. Segoni 24 Tel.: Cap: Configni Piazza Vittorio Emanuele 1 Tel.: Cottanello Via Umberto I 5 Tel.: Cap: Cottanello Via Umberto I 5 Tel.: Cap: Forano Via del Passeggio 1 Tel.: Cap: Magliano Sabina Piazza Garibaldi 4 Tel.: Cap: Mompeo Viale Regillo 21 Tel.: Montasola Via Piana 3 Tel.: Montebuono Via del Municipio 1 Tel.: Montopoli di Sabina Piazza Comunale 2 Tel.: Cap:

80 Distretto RI/2 Poggio Catino Piazza Capizucchi 1 Tel.: Poggio Mirteto Piazza Martiri della libertà 40 Tel.: Cap: Roccantica Via dei Nobili 3 Tel.: Salisano Piazza Vittorio Emanuele III 1 Tel.: Stimigliano Piazza Roma 6 Tel.: Cap: Tarano Via Regina Margherita 5 Tel.: Torri in Sabina Piazza Roma 6 Tel.: Cap: Vacone Via del Pago 23 Tel.: Selci Piazza del Popolo 1 Tel.: Poggio Mirteto Piazza Martiri della libertà 40 Tel.: Cap: Attività culturali e di socializzazione Interventi per l'inserimento lavorativo Tarano Via Regina Margherita 5 Tel.: Magliano Sabina P.zza G. Garibaldi 4 Tel.: Cap:

81 Distretto RI/2 Forano Via del Paesaggio 1 Tel.: Cap: Unione Comuni Valle del Tevere Sede di Magliano Sabina P.zza G. Garibaldi 4 Tel.: Cap: Mensa sociale Poggio Catino Piazza S.Antonio Tel.: Salisano Via Umberto T. 52/54 Tel.: Rette Unione Comuni Valle del Tevere Sede di Magliano Sabina P.zza G. Garibaldi 4 Tel.: Cap: Segretariato sociale Cantalupo in Sabina Viale Verdi 6 Tel.: Casperia Piazza del Municipio 5 Tel.: Cap: Collevecchio Via A. Segoni 24 Tel.: Cap: Configni Piazza Vittorio Emanuele 1 Tel.: Cottanello Via Umberto I 5 Tel.: Cap: Forano Via del Passeggio 1 Tel.: Cap: 02044

82 Distretto RI/2 Magliano Sabina Piazza Garibaldi 4 Tel.: Cap: Mompeo Viale Regillo 21 Tel.: Montebuono Via del Municipio 1 Tel.: Montasola Piazza San Pietro 1 Tel.: Montopoli di Sabina Piazza Comunale 2 Tel.: Cap: Poggio Catino Piazza Capizucchi 1 Tel.: Poggio Mirteto Piazza Martiri della libertà 40 Tel.: Cap: Roccantica Via dei Nobili 3 Tel.: Salisano Piazza Vittorio Emanuele III 1 Tel.: Selci Piazza del Popolo snc Tel.: Stimigliano Piazza Roma 6 Tel.: Cap: Tarano Via Regina Margherita 5 Tel.: Torri in Sabina Piazza Roma 6 Tel.: Cap: Vacone Via del Pago 23 Tel.:

83 Distretto RI/2 Servizi per la vacanza IV Comunità Montana sede di Poggio Mirteto V.le Giuseppe de Vito 8/a Tel.: Cap: Servizio di pronto intervento sociale per le situazioni di emergenza personale e familiari Cantalupo in Sabina Viale Verdi 6 Tel.: Casperia Piazza del Municipio 5 Tel.: Cap: Collevecchio Via A. Segoni 24 Tel.: Cap: Configni Piazza Vittorio Emanuele 1 Tel.: Cottanello Via Umberto I 5 Tel.: Cap: Forano Via del Passeggio 1 Tel.: Cap: Magliano Sabina Piazza Garibaldi 4 Tel.: Cap: Montasola Piazza San Pietro 1 Tel.: Mompeo Viale Regillo 21 Tel.: Montebuono Via del Municipio 1 Tel.: Montopoli di Sabina Piazza Comunale 2 Tel.: Cap: 02034

84 Distretto RI/2 Poggio Catino Piazza Capizucchi 1 Tel.: Poggio Mirteto Piazza Martiri della libertà 40 Tel.: Cap: Roccantica Via dei Nobili 3 Tel.: Salisano Piazza Vittorio Emanuele III 1 Tel.: Stimigliano Piazza Roma 6 Tel.: Cap: Selci Piazza del Popolo snc Tel.: Tarano Via Regina Margherita 5 Tel.: Torri in Sabina Piazza Roma 6 Tel.: Cap: Vacone Via del Pago 23 Tel.: Servizio sociale professionale Casperia Piazza del Municipio 5 Tel.: Cap: Cantalupo in Sabina Viale Verdi 6 Tel.: Collevecchio Via A. Segoni 24 Tel.: Cap: Configni Piazza Vittorio Emanuele 1 Tel.: Cottanello Via Umberto I 5 Tel.: Cap:

85 Distretto RI/2 Forano Via del Passeggio 1 Tel.: Cap: Magliano Sabina Piazza Garibaldi 4 Tel.: Cap: Mompeo Viale Regillo 21 Tel.: Montasola Piazza San Pietro 1 Tel.: Montebuono Via del Municipio 1 Tel.: Montopoli di Sabina Piazza Comunale 2 Tel.: Cap: Poggio Catino Piazza Capizucchi 1 Tel.: Poggio Mirteto Piazza Martiri della libertà 40 Tel.: Cap: Roccantica Via dei Nobili 3 Tel.: Salisano Piazza Vittorio Emanuele III 1 Tel.: Selci Piazza del Popolo snc Tel.: Stimigliano Piazza Roma 6 Tel.: Cap: Tarano Via Regina Margherita 5 Tel.: Vacone Via del Pago 23 Tel.:

86 Distretto RI/2 Unione Comuni Bassa Sabina sede di Poggio Mirteto Via Riosole Tel.: Cap: Trasporto sociale Unione Comuni Val d'aia sede di Cottanello Servizio di Analisi cliniche domiciliari Via Lucia Rinaldi 1 Tel.: Altri servizi/interventi 85

87

88 Distretto RI/3 DISTRETTO RIETI 3 C omuni di appartenenza: Casaprota Castelnuovo di Farfa Fara in Sabina Frasso Sabino Monteleone Sabino Orvinio Poggio Moiano Poggio Nativo Poggio San Lorenzo Pozzaglia Sabina Scandriglia Toffia 87

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

Regione Lazio. Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio. (Aggiornata al 30 giugno 2011)

Regione Lazio. Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio. (Aggiornata al 30 giugno 2011) Regione Lazio Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio (Aggiornata al 30 giugno 2011) Sommario Famiglia, Minori e giovani... 4 Servizi residenziali e semiresidenziali... 5 Servizi all'infanzia...

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE DISCIPLINA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA RIORDINO E PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 1994 N. 42 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 51 del 25/05/2002 INDICE Art. 1 - oggetto pag. 2 Art. 2 - finalità

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art.

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. 9, Preambolo IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE Visto

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali

Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali Palermo 31 maggio 2013 Rita Costanzo LIVEAS Il concetto di livelli essenziali di assistenza è stato introdotto dalla legge n. 328/2000,

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano, Galliate, Romentino,

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

DGR. n. 11496 del 17.3.2010

DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL' UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "CENTRO RICREATIVO DIURNO PER MINORI". ((PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER

Dettagli

2.1.2 Servizi sociali

2.1.2 Servizi sociali 2.1.2 Servizi sociali Roma Capitale, nell ambito delle proprie competenze, assicura alle persone e alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali con livelli quantitativi e qualitativi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 LUGLIO 2006 N.19

LEGGE REGIONALE 10 LUGLIO 2006 N.19 LEGGE REGIONALE 10 LUGLIO 2006 N.19 Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Art. 9 (Piano Regionale delle politiche sociali)

Dettagli

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE 42 CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 220/I0093427 P.G. NELLA SEDUTA DEL 20/12/2004 A RIFERIMENTI NORMATIVI L. 285/1997, art. 4 La L. 285/1997

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 REGOLAMENTO CONSORTILE PER L INSERIMENTO DI MINORI NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 1 S O M M A R I O ART. 1 - OGGETTO...3 ART. 2 - FINALITÀ...3 ART.

Dettagli

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso SCHEDA SOCIALE Allegato C alla Delib.G.R. n. 48/46 del 11.12.2012 (In base alla normativa vigente qualunque dichiarazione mendace comporta sanzioni penali, nonché l esclusione dal finanziamento del progetto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ********** Allegato sub A alla deliberazione C.C. n. 70 del 26 maggio 2003 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI NEL CAMPO DEI SERVIZI SOCIALI Premessa

Dettagli

OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Sport; lo Statuto della Regione Lazio; la L.R. 6 agosto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

Piano di Zona 2010-2012

Piano di Zona 2010-2012 AREA IMMIGRATI CODICE - I - COD. AZIONE PAG I - 01 Centri di accoglienza FAMIGLIA AMICA e VIVERE LA VITA per richiedenti Asilo Politico 235 I - 02 SENTIERI DI SPERANZA - Servizio di pronta accoglienza

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso Allegato C alla Delib.G.R. n. 34/30 del 18.10.2010 SCHEDA SOCIALE (In base alla normativa vigente qualunque dichiarazione mendace comporta sanzioni penali, nonché l esclusione dal finanziamento del progetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI

C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI SETTORE VIII SERVIZI SOCIALI, POLITICHE GIOVANILI E SPORT PROGETTO DOPOSCUOLA PINOCCHIO 1 PREMESSA Nell'ambito del programma degli interventi e servizi socio-assistenziali,

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

***************************************

*************************************** CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CREMONA E L ISTITUTO FIGLIE DEL SACRO CUORE DI GESU DI CREMONA PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO SACRO CUORE DI VIA G. DA CREMONA N. 19 IN CREMONA PER L ANNO SCOLASTICO 2014/2015.

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

Criteri per la formazione delle graduatorie per l accesso agli asili nido comunali.

Criteri per la formazione delle graduatorie per l accesso agli asili nido comunali. Settore Servizi educativi Criteri per la formazione delle graduatorie per l accesso agli asili nido comunali. I bambini sono accolti al nido, compatibilmente con le disponibilità dei posti, tenendo conto

Dettagli

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di:

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di: Comune Capofila Aalatri PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000 Comuni di: Acuto, Alatri, Anagni, Collepardo, Filettino, Fiuggi, Guarcino, Paliano, Piglio, Serrone, Sgurgola, Torre Cajetani,Trevi nel Lazio,

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI ENTE D AMBITO SOCIALE N. 34 VESTINA REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI 1 Articolo 1 DEFINIZIONI 1. Ai fini del presente regolamento per Piano Sociale di zona si intende quel provvedimento

Dettagli

Finanziamenti a sostegno delle persone con disabilita' e delle loro famiglie. Approvazione criteri di ripartizione e di assegnazione. Anno 2011.

Finanziamenti a sostegno delle persone con disabilita' e delle loro famiglie. Approvazione criteri di ripartizione e di assegnazione. Anno 2011. REGIONE PIEMONTE BU41 13/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 1-2646 Finanziamenti a sostegno delle persone con disabilita' e delle loro famiglie. Approvazione criteri di ripartizione

Dettagli

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia.

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia. Nuovo testo della Legge n. 184 del 1983 Diritto del minore ad una famiglia come modificata dalla legge del 28/3/2001 n. 149 TITOLO I Principi generali Art. 1 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere

Dettagli

Art. 2 (Soggetti destinatari)

Art. 2 (Soggetti destinatari) Testo vigente LEGGE REGIONALE 6 novembre 2002, n. 20 Disciplina in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture e dei servizi sociali a ciclo residenziale e semiresidenziale ( B.U. 14 novembre

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

Città di CERNUSCO SUL NAVIGLIO REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA

Città di CERNUSCO SUL NAVIGLIO REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA Approvati dall Assemblea Distrettuale dei Sindaci deliberazione n. 3 del 9.2.2011 Premessa L accreditamento può essere richiesto

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE Delibera Consiglio Comunale n. 51 del 10.06.2015 1 REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE ART. 1 DEFINIZIONE Il Tempo per le famiglie rientra nella tipologia

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

accogliamo... verso nuove storie ALBATROS Cooperativa Sociale PLANO Comunità di Pronto Intervento per minori

accogliamo... verso nuove storie ALBATROS Cooperativa Sociale PLANO Comunità di Pronto Intervento per minori ALBATROS Cooperativa Sociale accogliamo... verso nuove storie PLANO Comunità di Pronto Intervento per minori La Cooperativa Albatros progetta e gestisce, in proprio o in collaborazione con le Amministrazioni

Dettagli

CITTA DI CHIVASSO Provincia di Torino

CITTA DI CHIVASSO Provincia di Torino CITTA DI CHIVASSO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER EMERGENZA ALIMENTARE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 03 del 02/03/2015 entrato in vigore il giorno 19/04/2015 Servizi Refezione

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

INDICE. Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale

INDICE. Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale INDICE Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale Cod. Clas. AREA WELFARE D'ACCESSO A1 A1 Segretariato Sociale A2 D1 Servizio Sociale Professionale

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI AREA WELFARE SETTORE SERVIZIO SOCIALE E SOCIO-SANITARIO LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA TERRITORIALE RIVOLTA A MINORI E AD ADULTI IN SITUAZIONE DI DISAGIO, NON AFFETTI DA HANDICAP CERTIFICATO

Dettagli

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus Centro di Accoglienza di Cittiglio Centro Polifunzionale di Gavirate Fondazione FELICITA MORANDI Associazione IL PASSO onlus Luglio 2012 FONDAZIONE FELICITA MORANDI Servizi e interventi a favore dei minori

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT Pag.1 Pag.2 Sommario COS È IL SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE SAAT... 3 DESTINATARI DEL SERVIZIO... 3 I SERVIZI OFFERTI...

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino. Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica

Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino. Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica A cura di Settore Servizi al Cittadino Assistente Sociale Dott.ssa

Dettagli

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi edizione anno 2011/2012 Presentazione della Cooperativa Sociale A.S.A.R. A.S.A.R Coop. Sociale Via Principe Nicola, 123 Catania Tel / Fax 095-533980 Cell. 3389273899

Dettagli

PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO

PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO (Approvato con deliberazione C.C. n.64 del 26.11.1999) Art. 1 Rete integrata di Servizi per Anziani Il presente regolamento disciplina l'organizzazione e l'attività di una

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE AFFETTE DA PATOLOGIE ONCOLOGICHE E

ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE AFFETTE DA PATOLOGIE ONCOLOGICHE E ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE AFFETTE DA PATOLOGIE ONCOLOGICHE E PATOLOGIE COMPLESSE, GRAVEMENTE INVALIDANTI E/O PROGRESSIVE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi

Dettagli

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI Descrizione Gli anziani non autosufficienti che non possono essere più assistiti nel proprio ambiente di vita e familiare e che non necessitano di un ricovero

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI Messina COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 Società Cooperativa Sociale AZIONE SOCIALE P.zza S.Giovanni, 15

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI SETTEMBRE 2008 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento di cui si sono dotati i Comuni del Distretto 5, secondo quanto previsto dalla

Dettagli

1.OGGETTO 2.FINALITA 3. DESTINATARI

1.OGGETTO 2.FINALITA 3. DESTINATARI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA I SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE DI SEREGNO E IL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DELL ASLMI3 DISTRETTO DI SEREGNO PER L EROGAZIONE

Dettagli

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori Investire nei bambini in Italia: strumenti dell'ue e opportunità di finanziamento Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

IL SERVIZIO DOMICILIARE

IL SERVIZIO DOMICILIARE CASA ALBERGO PER ANZIANI Sistema qualità certificato COMUNE DI LENDINARA IL SERVIZIO DOMICILIARE Questo opuscolo riporta brevemente le principali informazioni per aiutarvi a capire meglio il servizio domiciliare,

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI DOMANDA DI ADEONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MIRI Per aderire a Isperantzia Onlus Federazione Sarda Comunità per Minori è necessario seguire le indicazioni di seguito riportate: completare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE Art. 1 (Istituzione del servizio) Il Comune di Fossalto promuove il benessere dei propri cittadini, con il fine di inserire ed integrare socialmente

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

L. 162/98 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344 274 13.463.

L. 162/98 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344 274 13.463. L. 162/98 Anno di presentazione Piani presentati Piani finanziati Piani esclusi Costo annuale 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344

Dettagli